Sei sulla pagina 1di 4

Materiale

 didattico  del    Corso:  

  Protocollo per la promozione della salute e la prevenzione


di disagi psicologici perinatali
 

 
Dott.ssa Vera Blasutti
Progetto
Perinatalità Psicologa psicoterapeuta

UN FIGLIO:
dal sogno alla realtà…evitando bruschi risvegli

Ricordate la scena del film L’ultimo bacio in cui Accorsi viene indottrinato dal già padre
Pasotti sull’incubo che è diventare genitore?

Ebbene queste sono le parole con cui Pasotti descrive l’esperienza:

“Ogni due ore ti svegli che piange, perché va allattato, cambiato, riaddormentato.

E quanto lo culli?

Dai dieci ai quaranta minuti. Se poi ha l’aria nello stomaco ci puoi mettere anche
un’ora. Poi quando sei riuscito a riaddormentarlo ha di nuovo fame e devi ri-iniziare
tutto da capo! E questa è la situazione! Oh, non lo dico per spaventarti! È che devi
essere ben cosciente che fra sei mesi ti ritrovi vecchio di un botto! E quando ti

Proprietà  Intellettuale  della  Dott.ssa  Vera  Blasutti  


Materiale  didattico  del    Corso:  

  Protocollo per la promozione della salute e la prevenzione


di disagi psicologici perinatali
 

 
chiederai se c’è un modo per uscirne…e te lo chiederai…la risposta sarà no! Non ci
sono vie d’uscita a parte la fuga!”.

Non si può negare che la nascita di un figlio sia un’esperienza che sconvolge tutte le
abitudini personali e di coppia.

Ci si può arrivare totalmente preparati? Personalmente non credo. E’ un’esperienza


che porta con sé una quota di imprevisto e imprevedibile.

Dalle fattezze del bambino alle sue modalità comportamentali.

Tuttavia arrivarci totalmente impreparati è deleterio.

E allora cosa ci può rendere almeno un pò preparati a diventare genitori?

1) Sentire un desiderio di maternità/paternità e sviscerarlo

Molti raccontano di aver sempre avuto il desiderio di avere un figlio. Altri di aver
sentito ad un certo punto che questo desiderio, prima sconosciuto, iniziava a prendere
spazio nella mente.

E’ bene però differenziare tra un desiderio infantile e immaturo da uno ponderato e


consapevole.

Come si immagina questo bimbo/a?

Come si immagina se stessi in relazione a questa nuova esperienza? Quali sono le


risorse personali su cui si può contare e quali i limiti? C’è una rete sociale di sostegno
(amici, nonni,…) su cui fare affidamento?

Alcune persone restano su un piano di immaginazione molto romantico ed edulcorato,


immaginano un bambino bellissimo che arriva e riempie di gioia la propria vita. Ma
non vanno oltre. E si trovano impreparati alla prima difficoltà.

Non entrare nei dettagli dell’immaginazione, nella concretezza della quotidianità può
essere fuorviante.

Il bambino bellissimo sarà anche quello che fa i propri bisogni più volte al giorno,
quello che piangerà, quello che non capiremo nel primo periodo, quello che non
dormirà…

Una mamma racconta: “Mio marito adora il bambino, ma solo se mangia e dorme. Per
lui è un cicciobello. Guai però se piange e fa la cacca.”

Proprietà  Intellettuale  della  Dott.ssa  Vera  Blasutti  


Materiale  didattico  del    Corso:  

  Protocollo per la promozione della salute e la prevenzione


di disagi psicologici perinatali
 

 
2) Sapere cosa significa accudire e non pensare solo a sè

Non si tratta a mio avviso di aver personalmente accudito dei bambini, quanto
piuttosto di aver avuto modo di conoscere il mondo infantile attraverso amici, parenti,
film, letture, insomma aver fatto dei pensieri su chi è un neonato e aver captato quali
possono essere le sue necessità, aver sperimentato la differenza tra pensare solo a sé
e pensare anche a qualcun altro, mettendolo al primo posto.

L’esperienza, personale o per interposta persona (esperienza vicaria), aumenta la


nostra autoefficacia e ci permette di sentirci all’altezza nelle situazioni nuove,
piuttosto che cadere in pensieri autosvalutanti e ansiogeni (“Ce la farò? Sarò
capace?”).

Capiamoci bene: ogni mamma e ogni papà avrà dei momenti in cui non si sentirà
capace o penserà di non farcela, ma si tratta di momenti. Se invece queste modalità si
protraggono nel tempo, siamo di fronte a un problema.

Passare da un’esperienza di profonda libertà a una di accudimento, come ad esempio


succede a chi, da single, in breve tempo si trova a “metter su famiglia”, mette a dura
prova la capacità di adattamento.

I passaggi da individuo a coppia e poi a coppia genitoriale dovrebbero essere graduali,


per permetterci di adattarci ma anche di valutare se la situazione ha le caratteristiche
adatte a fare ulteriori progetti.

Più la coppia è stabile e più riuscirà a reggere i momenti difficili.

3) Valorizzare le proprie capacità e compensare i propri limiti.

Nessuno è nato genitore perfetto e nessuno, nonostante libri, corsi per genitori,
esperienza pluriennale, lo diventa.

Ma ciascuno di noi può dare molto. Mamma e papà fin da subito possono rendere le
proprie differenze nell’affrontare quest’esperienza un vantaggio anziché un problema.

In internet ho guardato dei video interessanti realizzati da Alberto Pellai e Barbara


Tamborini, I PAPA’ VENGONO DA MARTE LE MAMME DA VENERE (Ed. Erickson).

Ci fanno capire quante differenze intercorrano tra il modo di pensare maschile e quello
femminile.

Proprietà  Intellettuale  della  Dott.ssa  Vera  Blasutti  


Materiale  didattico  del    Corso:  

  Protocollo per la promozione della salute e la prevenzione


di disagi psicologici perinatali
 

 
La mamma ha ovviamente un rapporto privilegiato col nascituro: lo sente muoversi
dentro di sé, sente che ha il singhiozzo, si rende conto delle trasformazioni.

Il papà fa più fatica e può sentirsi anche escluso da questo legame stretto e unico che
c’è tra la mamma e il bambino.

Può anche capitare che il papà non se la senta di toccare la pancia della compagna,
per paura di farle male o per paura dell’emotività che questo può scatenare.

La mamma legge i manuali, il papà scherza con il bambino dentro il pancione.

La mamma sogna la cameretta rosa, il papà costruisce la culla di legno con le proprie
mani.

Essere diversi non è un problema. Le aspettative però devono tenere conto di queste
differenze.

Quindi…

avere fiducia in sé, nel proprio partner, nel contesto in cui si vive è un buon punto di
partenza.

Se tutto questo manca, datevi ancora un po’ di tempo e lavorate su voi stessi.

Non c’è solo l’orologio biologico, ma anche il tempo psicologico.

LIBRI CONSIGLIATI

• Gianni Biondillo e Severino Colombo, Manuale di sopravvivenza del padre


contemporaneo, ed. Guanda
• Alberto Pellai e Barbara Tamborini, I papà vengono da Marte, le mamme da Venere,
ed. De Agostini
• Alberto Pellai, Nella pancia del papà. Padre e figlio: una relazione emotiva, ed.
Franco Angeli

Dott.ssa Vera Blasutti

Psicologa-psicoterapeuta

Via Paruta, 52 – Padova (PD)


 
Cell: 328 7051329

Mail: verablasutti@yahoo.it

Proprietà  Intellettuale  della  Dott.ssa  Vera  Blasutti  

Potrebbero piacerti anche