Sei sulla pagina 1di 9

ICF

CLASSIFICAZIONE
INTERNAZIONALE
DEL FUNZIONAMENTO
INTERNATIONAL
CLASSIFICATION OF
DELLA DISABILITÀ E
FUNCTIONING, DISABILITY AND
HEALTH
DELLA SALUTE

______________________________________________
COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ – A. S. 2010-2011
2011
ICF – CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

PREMESSA
Nella scuola inclusiva trovano posto in modo ordinario tutte le diversità ed è su questo presupposto
che le differenze e le difficoltà vengono trattate con una didattica plurale capace di valorizzare le prime
superando l’indifferenza verso di esse e di affrontare con tenacia e competenza le seconde,
trasformandole da ostacolo per l’allievo a obiettivo per gli insegnanti mediante un uso creativo
dell’intervento didattico. La Convenzione Delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con Disabilità
cita: “… i bambini con disabilità dovrebbero poter godere pienamente di tutti diritti umani e delle libertà fondamentali in
condizioni di uguaglianza rispetto agli altri bambini…” Sembra necessario operare una riflessione sulla”cultura
dell’handicappato” e sull’utilizzo della terminologia che ancora oggi sembra confusa e caotica in materia
di disabilità. Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) bisogna distinguere:

• Menomazione o deficit => l’esteriorizzazione di uno stato patologico (perdita, anomalia ecc.);

• Disabilità => conseguenza della menomazione, incapacità di svolgere un’attività in modo


“normale”;

• Handicap => impatto del deficit sull’ambiente, conseguenze culturali, sociali, economiche che
derivano dalla menomazione o dalla disabilità.

ICD E ICF
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha tra le sue finalità l’identificazione e la classificazione
delle malattie. L’ICD (International Classification of Disease) è la classificazione delle patologie in base
alle proprie caratteristiche anatomo-fisiologiche-eziologiche dei disturbi. Nel 1975 l’OMS decise di
affiancare a questa classificazione un’appendice riguardante le conseguenze delle malattie classificate
nell’ICD ed emanò l’ICDH (classificazione internazionale delle menomazioni, delle disabilità e degli
handicap). Le due classificazioni sono complementari e si riferiscono alla sequenza: EZIOLOGICA-
PATOLOGICA- MANIFESTAZIONE CLINICA.

L’ICD e l’ICDH sono state in uso fino al 1999. Successivamente l’OMS si rese conto che tale sequenza
non risultava esaustiva in quanto la persona ammalata, oltre a subire la manifestazione della malattia
subiva l’impossibilità a svolgere il proprio ruolo sociale e a mantenere le normali relazioni con gli altri.
Una sequenza in grado di rivelare tale situazione deve tener conto anche delle conseguenze delle
malattie nel sociale. L’ICDH-10 (decima rivisione) è stato il primo tentativo di fornire dei parametri per
identificare le diverse forme di handicap.

A CURA DELLA COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ, 74° CIRCOLO DIDATTICO. ROMA, A. S. 2010-2011 2
2011
ICF – CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

Nel 2001 viene pubblicato un secondo documento dell’OMS che già dal titolo indicava una svolta
significativa: ICF, Intrnational Classification of Functioning, Disability and Health (Classificazione
Internazionale del Funzionamento delle Disabilità e della Salute). Rispetto alla prima classificazione
dell’OMS che identificava determinati gruppi di persone come disabili, imponendo una separazione
chiara tra salute e disabilità e focalizzando l’attenzione sulla dimensione patologica della persona, l’ICF
afferma che tutti possono avere disabilità, evitando così la categorizzazione delle persone a favore di un
approccio multidimensionale e multiprospettico. L‟attuale classificazione non è più dunque una
classificazione delle “conseguenze delle malattie” come nella precedente versione del 1980, ma è
diventata una rassegna delle “componenti della salute”. Viene in questo modo superato il modello
riferito ad una minoranza di persone, la cui disabilità, ponendo fine allo stato di salute, le emarginava in
un contesto di vita completamente separato da quello delle persone senza disabilità. Il modello attuale
ha carattere universale e inclusivo poiché considera la disabilità non più un problema di pochi, ma
propone modalità per valutarne l’impatto sociale e fisico sul funzionamento di qualunque persona al
mondo. ICF intende descrivere ciò che una persona malata o in qualunque condizione di salute può fare
e ciò che non può fare. La chiave infatti non è più la disabilità, ma la salute e le capacità residue. In altre
parole si può dire che mentre prima quando incominciava la disabilità, la salute finiva e quindi una
persona disabile si veniva a trovare automaticamente in una “categoria separata” (letteralmente
etichettata disabile), oggi con l’ICF, abbiamo uno strumento che rovescia radicalmente questo metodo
di pensare, misurando le “capacità sociali”. Uno strumento molto più versatile, con un ventaglio assai
più ampio di applicazioni possibili, che non aveva la classificazione tradizionale. Insomma si tratta di
una “rivoluzione culturale che passa dall’enfatizzazione della disabilità a quella della salute delle
persone”.

A COSA SERVE L’ICF


Grazie a questo strumento è possibile descrivere:

1. il funzionamento, cioè gli aspetti che vengono considerati “positivi” di una persona, ovvero
ciò che quella persona è in grado di fare;

2. la disabilità, cioè gli aspetti “negativi” del funzionamento, ciò che una persona ha difficoltà a
fare;

3. la presenza o l’assenza di menomazioni riguardanti le funzioni e/o le strutture corporee;

A CURA DELLA COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ, 74° CIRCOLO DIDATTICO. ROMA, A. S. 2010-2011 3
2011
ICF – CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

4. i fattori contestuali, vale a dire l’influenza positiva o negativa che l’ambiente in cui vive la
persona può avere sul funzionamento stesso della persona.

La descrizione di questi aspetti si realizza attraverso il processo di selezione delle specifiche categorie
che meglio descrivono la salute, gli aspetti collegati alla salute e il contesto della persona.

LA NUOVA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L’ICF


La Diagnosi Funzionale dovrebbe essere la base indispensabile per la definizione di un Piano Educativo
Individualizzato, un progetto di vita che esplora la situazione globale dell’alunno. Oggi la Diagnosi
Funzionale risente di un’impostazione prevalentemente clinico-medica e molto spesso fornisce pochi
aiuti concreti agli insegnanti impegnati a definire una programmazione individualizzata per questo si
potrebbe dire che è poco “funzionale.”

L’ICF risponde a pieno alle nostre necessità conoscitive della realtà globale dell’alunno. Infatti, questa
nuova Diagnosi Funzionale si lega direttamente ai processi d’integrazione scolastica, di apprendimento
e socializzazione, non si esprime solo in termini tecnico- sanitari e cerca di attivare una collaborazione a
più largo raggio coinvolgendo direttamente gli insegnanti e la famiglia. In questo modo la Diagnosi è
realmente “funzionale” perché è d’immediata utilità per l’insegnante e riesce a guidarlo direttamente
nella scelta di obiettivi appropriati e di metodi di lavoro efficaci sulla base delle caratteristiche peculiari
dell’alunno in difficoltà.

SCOPI DELL’ICF
L’ICF è una classificazione con diversi scopi e può essere utilizzata in discipline e settori diversi.

I suoi scopi principali possono essere così sintetizzati:

• Fornire una base scientifica per la comprensione e lo studio della salute, delle condizioni,
conseguenze a cause determinanti ad essa correlate;

• Stabilire un linguaggio comune per la descrizione della salute e delle condizioni ad esse correlate
allo scopo di migliorare la comunicazione fra i diversi utilizzatori, tra cui gli operatori sanitari, i
ricercatori, gli esponenti politici e la popolazione, incluse le persone con disabilità;

• Rendere possibile il confronto in periodi diversi fra dati raccolti in Stati, discipline sanitarie;

A CURA DELLA COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ, 74° CIRCOLO DIDATTICO. ROMA, A. S. 2010-2011 4
2011
ICF – CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

• Fornire uno schema di codifica sistematico per i sistemi informativi sanitari.

Questi scopi sono interrelati fa loro.

STRUTTURA DELL’ICF
Le informazioni fornite dall’ICF sono una descrizione delle situazioni che riguardano il funzionamento
umano e le sue restrizioni, la classificazione serve da modello di riferimento per l’organizzazione di
queste informazioni, strutturandole in modo significativo. L’ICF organizza le informazioni in due parti:

• Parte 1 si occupa di Funzionamento e Disabilità;

• Parte 2 riguarda i Fattori Contestuali.

Ogni parte è composta da due componenti:

1. Componenti del Funzionamento e della Disabilità

La componente del Corpo comprende due classificazioni una per le funzioni dei sistemi corporei e per le
strutture corporee.

La componente di Attività e Partecipazione comprende la gamma completa dei domini che indicano
gli aspetti del funzionamento da una prospettiva sia individuale sia sociale. Area che interessa la scuola
esecuzione di un compito e di un’azione.

2. Componenti dei Fattori Contestuali

La prima componente dei Fattori Contestuali è rappresenta non solo dall’intero contesto ambientale
ma anche dallo stile di vita, da alcune caratteristiche personali (età sesso colore della pelle religione
lingua cultura) di individuo è da un elenco di Fattori Ambientali. I Fattori Ambientali hanno un
impatto su tutte le componenti del funzionamento e della disabilità e sono organizzati in un ordine che
va dall’ambiente più vicino alla persona a quello più generale. Inoltre viene sottolineato che anche gli
atteggiamenti se pur non tangibili possono avere un impatto molto forte sul funzionamento della
persona. I fattori ambientali sono codificati dal punto di vista della persona della quale viene descritta
la persona: il marciapiede può essere considerato come barriera per una persona in carrozzina mentre
può essere visto come facilitatore per un non vedente. Anche i Fattori Personali sono una

A CURA DELLA COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ, 74° CIRCOLO DIDATTICO. ROMA, A. S. 2010-2011 5
2011
ICF – CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

componente dei Fattori Contestuali e sono correlati all’individuo quale l’età il sesso la classe sociale,
l’istruzione l’esperienze passate e gli attuali eventi di vita, il carattere e gli schemi comportamentali
qualità psicologiche e altro. Non sono classificati ma sono importanti caratteristiche di base che
possono causare delle differenze considerevoli nell’esperienza vissuta della disabilità. Per esempio una
persona di nazionalità cinese che vive in Italia può incontrare delle difficoltà nell’ambito della
comunicazione; oppure le caratteristiche di personalità o di appartenenza sociale possono condizionare
le modalità che una persona utilizza per tornare a livelli di perfomance precedenti ad una lesione o ad
un incidente. Nell’elaborazione del PEI l’ICF suggerisce di tener conto delle componenti classificate
(funzioni e strutture corporee, attività e partecipazione, fattori ambientali e fattori personali) questo per
avere un punto di riferimento per una valutazione e un accertamento delle disabilità che faccia emergere
l’insieme delle disabilità e delle potenzialità dell’alunno secondo una modalità univoca e condivisa.

A CURA DELLA COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ, 74° CIRCOLO DIDATTICO. ROMA, A. S. 2010-2011 6
2011
ICF – CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

QUALI SONO GLI UTILIZZI DELL’ICF


Gli ambiti in cui può essere utilizzato l’ICF sono:

• Sanitario

• Sociale

• Ricerca

• Statistico

Ci sono vari utilizzi dello strumento a seconda dell’ambito in cui viene utilizzato.

USO DELL’ICF
L’ICF offre delle definizioni operative dei domini della salute e di quelli ad essa correlati contrapposte
alle definizioni correnti di salute. Queste definizioni descrivono gli attributi essenziali di ciascun
dominio (ad esempio qualità, proprietà e rapporti) contengono informazioni su ciò che viene incluso o
escluso a ciascun dominio.

L’ICF adopera un sistema alfanumerico nel quale le lettere b (body), s (structure), d (domain), e
(environment) denotano:

b = le Funzioni Corporee

s = le Strutture Corporee

d = le Attività e la Partecipazione

e = i Fattori Ambientali

Queste lettere sono seguite da un codice numerico che inizia con il numero del capitolo (una cifra),
seguito dal secondo livello (due cifre) e dal terzo e quarto livello (una cifra ciascuno). I codici dell’ICF
sono completi esclusivamente in presenza di un qualificatore che indica l’estensione di un livello di
salute (ad esempio gravità del problema). I qualificatori sono codificati come uno, due o più numeri
dopo il punto (o separatore). L’uso di un codice dovrebbe essere sempre accompagnato da almeno un
qualificatore. Senza qualificatori i codici non hanno alcun significato intrinseco. Tutte le componenti
classificate nell’ICF sono quantificate usando la stessa scala. Avere un problema può significare una
menomazione, una limitazione, una restrizione o una barriera, a seconda del costrutto.

A CURA DELLA COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ, 74° CIRCOLO DIDATTICO. ROMA, A. S. 2010-2011 7
2011
ICF – CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

Di seguito vengono riportati i diversi qualificatori, dove per: xxx sta per il dominio o le componenti di
riferimento.

• xxx.0 = nessun problema (assente trascurabile) misurato in percentuale tra 0 e 4;

• xxx.1 = problema lieve (leggero piccolo) misurato in percentuale tra 5 e 24;

• xxx.2 = problema medio (moderato discreto) misurato in percentuale tra 25 e 49;

• xxx.3 = problema grave (notevole estremo) misurato in percentuale tra 50 e 95;

• xxx.4 = problema completo (totale) misurato in percentuale tra 96 e 100;

• xxx.8 = non specificato;

• xxx.9 = non applicabilie.

L’ICF-C&Y PER I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI


Direttamente derivata dall’ICF, l’OMS ha pubblicato di recente, per la prima volta, la versione riferita
all’infanzia e all’adolescenza, ICF C&Y (Children and Youth), che fornisce strumenti di valutazione più
adeguati alla fascia d’età 0-20 anni, età nella quale la presenza di una disabilità incide in modo molto
diverso che nell’età adulta. In questo periodo di crescita, è ancor più necessario valutare adeguatamente
tutti gli elementi che determinano il ritardo nello sviluppo e considerare, di conseguenza, con
particolare attenzione, il contesto in cui vive il soggetto che quanto più è piccolo di età tanto più
diventano fondamentali le interazioni che si stabiliscono con le persone che agiscono intorno a lui.

Per tali ragioni è stata ritenuta indispensabile una classificazione formulata sulla base di profili
funzionali e non su mere etichette diagnostiche, capace di riassumere molteplici ed essenziali aspetti del
funzionamento e dell’ambiente riguardanti la crescita e lo sviluppo dei bambini e gli adolescenti, nelle
più diverse condizioni di salute e in qualunque Paese.

In particolare appare essere uno strumento funzionale alla pianificazione degli interventi educativo-
riabilitativi e tale da garantire la comunicazione tra insegnanti e specialisti per favorire un ambiente
senza barriere e in cui tutti i loro diritti siano riconosciuti e rispettati.

Lo sforzo rivolto a promuovere la salute, lo sviluppo e il benessere dei bambini e degli adolescenti ha
implicato la costruzione di una struttura concettuale e di un linguaggio comune e condiviso che vanno
oltre i parametri nazionali adottati da ciascun Paese per classificare le stesse disabilità, ponendo pertanto

A CURA DELLA COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ, 74° CIRCOLO DIDATTICO. ROMA, A. S. 2010-2011 8
2011
ICF – CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

il bambino e l’adolescente al centro di una riflessione rilevante sotto tutti i punti di vista, e tale da offrire
risposte e soluzioni più omogenee agli stessi problemi. Tutto ciò riveste un grande interesse verso le
finalità del presente lavoro soprattutto per comprendere se e come questi innovativi elementi culturali
possono sostenere ulteriormente e su basi scientifiche il dialogo interno alla pluralità dei soggetti
coinvolti nella stesura di DF, PDF e PEI.

L’ICF CY si pone come obiettivo la piena partecipazione alle attività di gioco da parte dei bambini
disabili. Il gioco viene valorizzato nella sua funzione di supporto all’apprendimento ed è per questo
viene incluso con grande importanza in quanto come disse Piaget “gli esseri umani apprendono la realtà
agendo su di essa attraverso l’esperienza perché il gioco favorisce l’attività mentale.”

Il gioco è senz’altro un bisogno istintivo del bambino e dell’uomo. Non è possibile obbligare al gioco,
ma non si può crescere senza giocare.

A CURA DELLA COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ, 74° CIRCOLO DIDATTICO. ROMA, A. S. 2010-2011 9

Potrebbero piacerti anche