Sei sulla pagina 1di 4

La coniugazione perifrastica passiva

La perifrastica passiva è costituita dal gerundivo più il verbo sum. Esprime il concetto di dovere e
necessità, che in italiano è reso con il verbo «dovere» seguito dall’infinito o con espressioni
impersonali del tipo di «bisogna», «è necessario».

Come la perifrastica attiva, anche quella passiva è un costrutto assente nell’italiano, che ha perduto
il gerundivo, e pertanto deve essere tradotta utilizzando delle strutture linguistiche del tutto diverse.
Operativamente:
Ricorriamo al verbo dovere (coniugato nel tempo e nel modo in cui in latino è coniugato il verbo
sum) + l’infinito passivo del verbo che in latino è al gerundivo:

Marcus laudandus est Marco deve essere lodato

Marcus laudandus erat Marco doveva essere lodato

Cum Marcus laudandus esset… Dovendo Marco essere lodato…

La perifrastica passiva può presentare due costruzioni, personale e impersonale.

Costruzione personale

1. Si forma con verbi transitivi.

2. Il gerundivo concorda in caso, genere e numero con il soggetto; il verbo sum concorda in
numero e persona con il soggetto.

3. La persona dalla quale l’azione deve essere compiuta, se espressa, è in dativo (dativo
d’agente) oppure – se nella frase è presente un altro complemento in dativo – in ablativo preceduto
dalle preposizioni a o ab.

Esempio:

Hominibus vitia fugienda sunt

dativo d’agente soggetto gerundivo + sum

Dagli uomini i vizi sono da fuggire

La frase in italiano potrà essere resa in più modi:

I vizi devono essere fuggiti dagli Questa è la traduzione più “letterale”, che mantiene in
uomini. italiano le funzioni sintattiche del latino: in particolare, vitia.
Gli uomini devono fuggire i vizi. Quello che in latino è espresso col dativo d’agente in italiano
diviene il soggetto della frase mentre quello che era il
soggetto del gerundivo diviene complemento oggetto.

Bisogna che gli uomini fuggano i Il verbo di dovere è reso impersonalmente. Le funzioni
vizi. logiche all’interno della proposizione soggettiva sono le
stesse della traduzione precedente.

ES:
Sapientibus mors aut plane neglegenda, aut etiam optanda est. (Cic.)
“La morte deve essere o del tutto trascurata, o addirittura desiderata dai saggi.”

dativo d’agente soggetto gerundivo + sum

Attenzione!
• Come per tutti i costrutti perifrastici formati col verbo sum, tale verbo può essere omesso
(ELLISSI).
• Possiamo ovviamente trovare la perifrastica passiva anche in costrutti dipendenti: il verbo sum
assume il tempo e il modo richiesto dalla particolare subordinata.
• Nelle subordinate infinitive il gerundivo si trova ovviamente all’accusativo, concordato col
soggetto:
Reliquam partem exercitus Caesar non putat expectandam esse. (Caes.)
“Cesare non ritiene che la restante parte dell’esercito debba essere aspettata”.
Il dativo d’agente, se coincide col soggetto della frase reggente, è espresso da un pronome
riflessivo:

Caesar arbitrabatur sibi accipiendas non esse pacis condiciones. (Caes.)


“Cesare riteneva che le condizioni di pace non dovessero essere accettate da lui.”
Sicuramente è meglio in questo caso volgere la frase all’attivo:
“Cesare riteneva di non dover accettare le condizioni di pace.”

ESERCIZI

1. Ptolomaeus inter praecipua crudelitatis indicia [esempi] referendus est. (Val. Max.)

2. Voluptates sapientiae non sunt cum epularum et ludorum voluptatibus comparandae. (Cic.)

3. Hoc iam neque leviter ferendum est neque neglegenter defendendum. (Cic.)

4. Libertas patriae vitae amici anteponenda est. (Cic.)

5. Magis occultae inimicitiae timendae sunt quam apertae. (Cic.)

6. Gaius Gabius in Atrebatium fines sibi iter faciendum sciebat. (da Caes.)

7. Cavendus vobis dolus est. (Sall.)

8. Vitanda tibi semper erit omnis avaritiae suspicio. (Cic.)


Costruzione impersonale

1. Si forma con verbi intransitivi o usati intransitivamente.

2. Manca il soggetto: il gerundivo è espresso al neutro singolare, seguito dal verbo sum alla
terza persona. singolare.

Per tradurre dobbiamo usare la forma impersonale del verbo “dovere”, o una forma impersonale
analoga nel significato, come “bisogna” o “è necessario”, seguita dall’infinito del verbo che in
latino è al gerundivo:

Esempio senza dativo d’agente:

Pro libertate pugnandum est. La frase potrà essere resa soltanto impersonalmente:

Si deve combattere per la libertà.


Bisogna …

ES. Tamquam contra morbum contra senectutem pugnandum est. (da Cic.)

Non è frequente, ma…:


3. La persona dalla quale l’azione deve essere compiuta, se espressa, è in dativo d’agente oppure
in ablativo preceduto da a o ab (come nella costruzione personale).

Esempio con dativo d’agente:

Vobis pro libertate pugnandum erit

dativo d’agente complemento di Gerundivo + sum


interesse/vantaggio

Da parte vostra per la libertà sarà da combattere

La frase in italiano potrà essere resa come segue:

– Voi dovete combattere per la libertà.


– Bisogna che voi combattiate per la libertà.

ES: Militibus cavendum erat.

Il verbo caveo significa “stare attenti, guardarsi da…”. La traduzione letterale diventa problematica,
in quanto la forma impersonale italiana non è passiva, e dunque non sopporta una determinazione di
agente: la frase italiana “si doveva stare attenti da parte dei soldati” è insostenibile. Dunque in
questo caso la resa all’attivo diventa obbligatoria: “I soldati dovevano stare attenti.”

ESERCIZI

1. Adversus Hannibalem legionesque eius tuis equitibus ac peditibus pugnandum tibi est. (Liv.)
2. Scipionis de virtute, quia multi dixerunt, mihi praetereundum puto. (Sall.)
3. Caesar rei frumentariae prospiciendum sibi existimavit. (Caes.)
4. His rebus adductus, Caesar non exspectandum sibi statuit. (Caes.)

Materiali tratti da [con integrazioni e adattamenti]:


http://www.loescher.it/mediaclassica/latino/lingua/PerifrasticheL.asp
http://www2.classics.unibo.it/Didattica/Programs/20092010/BNanni/040_%20Lezione%2036%20perifrastica%20passiva.pdf

Potrebbero piacerti anche