Sei sulla pagina 1di 11

“I

Quale è la carta scelta ?


Non
l’ho
Vista !

Routine Completa
Presentata ed eseguita esattamente come
JOE KARSON
Copyrights
Versione elettronica Americana copyright 2006 Lybrary.com – http://www.lybrary.com
Libera traduzione e adattamento in lingua italiana copyright 2006 Giogan & Terry
(Giordano Gaetano) giordano.gaetano@gmail.com
Tutti i diritti sono riservati

Usi permessi
Questo libro elettronico è per uso personale e casalingo. Il noleggio o la visione pubblica
di questo libro elettronico sono strettamente proibiti. Qualsiasi altro uso di questo libro
elettronico, inclusa la riproduzione per propositi diversi da quelli sopra specificati, la
modifica, la distribuzione o la ripubblicazione, senza il consenso scritto dei detentori del
copyright sono proibiti. Abbiamo delle condizioni speciali per le librerie. Per piacere
contattateci per i dettagli.

Disclaimer
Abbiamo fatto i nostri migliori sforzi per preparare questo libro in formato elettronico.
Comunque non possiamo garantire l’accuratezza, l’applicazione e la completezza del suo
contenuto. Le informazioni contenute in questo libro elettronico sono soltanto per fini
educativi. Quindi, se volete applicare le idee contenute in esso, vi prendete la piena
responsabilità delle vostre azioni.

Infrazione dei diritti di proprietà


Per piacere aiutateci ad identificare i criminali. Alla fine, il produrre copie illegali,
accrescerà i prezzi dei libri elettronici ai danni del consumatore finale o renderà la loro
produzione impossibile. Se vi imbattete in attività sospette, per piacere, contattateci ai
seguenti indirizzi di posta elettronica:
per l’America : crime@lybrary.com
per l’Italia: giordano.gaetano@gmail.com
Ricompenseremo ogni informazione che porterà alla scoperta dell’attività di copie illegali
con il 50% della somma per i danni che riceveremo in seguito all’azione legale.

Feedback
Vi preghiamo di riportare errori e correzioni di errori a giordano.gaetano@gmail.com
Apprezziamo molto la vostra collaborazione nel portarci a conoscenza di errori o nel
comunicarci altri commenti che vogliate condividere con noi.

Provenienza
Prima edizione Americana 1948, Joe Karson, Sprinfield Mass. USA
Caro amico prestigiatore,
È un grande piacere per me presentare il “gioco di carte più veloce del mondo”. Sono stati
il vostro entusiasmo e le vostre numerose richieste che mi hanno convinto a fare questo.
“Il gioco di carte più veloce del mondo”, ha prodotto più risultati comici nel mio numero
piuttosto che qualsiasi altro trucco comico che io abbia mai avuto in programma. Spero
sinceramente che accada la stessa cosa anche a te.
Milburne Christofer,tempo fa, mi suggerì ridendo l’idea di usare un compare. Idea che ho
utilizzato per lungo tempo. Poi, dopo aver visto alcuni prestigiatori mettersi in situazioni
imbarazzanti, spesso non per colpa loro e comprendendo quanto ciò risultasse divertente
dalla parte del pubblico, ho deciso di mettere da parte la routine con il compare e con delle
situazioni pianificate, coinvolgendo realmente uno spettatore e non usando assistenti.
Per quanto possa sembrare strano, il pubblico colto si delizia vedendo il prestigiatore in
difficoltà e ancor di più vedendolo trarsi fuori da queste difficoltà.
Naturalmente questa routine piace moltissimo anche ai colleghi prestigiatori proprio per il
suo contenuto satirico.
Bene! Vi auguro buona fortuna! Ne avrete bisogno! Forse le prime volte che presenterete
questo trucco non sarà un grande successo ma provando e riprovando e imparando dai
propri errori diverrà un capolavoro.
Un milione di grazie per il vostro interesse e grazie per aver letto fino a questo punto.
Questo dimostra due cose: primo che siete molto educati e secondo che sapete leggere...
Essendo questo un nuovo libro, voltiamo pagina e mettiamoci al lavoro.
Cordialmente vostro
Joe Karson

Cpyright 1948
Pubblicato da Karson Xclusives
Springfield Mass.
Il gioco di carte più veloce del mondo
di Joe Karson
Effetto:

Il prestigiatore afferma che sta per eseguire il gioco di carte più veloce del mondo.
Uno spettatore viene invitato accanto al prestigiatore per scegliere una carta. Le carte
vengono sventagliate e allo spettatore viene mostrato come egli debba prendere la carta
dal mazzo. In seguito a questo, o per un cattivo timing da parte dell’esecutore, oppure
grazie all’esitazione dello spettatore, si verificano un certo grado di confusione e difficoltà
nello scegliere la carta.

Infine la carta viene presa e rimessa nel mazzo. L’esecutore mescola le carte e le mette
dietro la sua schiena. Un istante dopo estrae una carta. Con aria trionfante l’esecutore
domanda allo spettatore il nome della carta scelta.... visibilmente imbarazzato lo spettatore
afferma di non averla guardata...

Ora anche l’esecutore sembra imbarazzato e compie un altro tentativo di far scegliere la
carta creando una situazione comica. Infine un’altra carta viene scelta. L’esecutore
mescola le carte di nuovo e questa volta le fa anche mescolare a qualcun altro del
pubblico.

Ancora una volta, mettendo le carte dietro la schiena, l’esecutore, in un istante, tira fuori
una carta e, di nuovo, domanda quale sia il nome della carta scelta. Lo spettatore un po’
confuso, mostra la carta ancora tra le sue mani poiché non l’aveva rimessa nel mazzo...

Il prestigiatore, mostrando segni d’irritazione, spiega al meravigliato spettatore che in un


trucco con le carte le regole sono molto semplici :Tutto ciò che è necessario, egli afferma,
è che lo spettatore guardi la carta e poi la rimetta nel mazzo. Questo è tutto!

Un altro tentativo viene fatto, facendo scegliere una carta e facendola riporre nel mazzo.
Le carte vengono di nuovo mescolate e messe dietro la schiena. A questo punto il
prestigiatore, con una fioritura, di nuovo produce una carta. Egli domanda ancora allo
spettatore quale fosse la carta scelta. Il prestigiatore più o meno scioccato, apprende
dallo spettatore che egli ha dimenticato la carta!

Essendo determinato ad eseguire il gioco di carte più veloce del mondo, che ora sta
diventando uno dei più lunghi ed estenuanti e probabilmente, gettando in convulsioni il
pubblico, il prestigiatore fa di nuovo scegliere e rimettere una carta nel mazzo.

Egli ora, in maniera visibile, estrae una carta dal mazzo e domanda allo spettatore di
nominare la carta scelta
Finalmente la carta viene nominata... ma questa volta il prestigiatore ha sbagliato! Fra le
mani non ha la carta giusta. Ciò comunque viene facilmente corretto, perché la carta,
magicamente, si trasforma nella carta scelta e sia prestigiatore che lo spettatore
raccolgono il meritato applauso !!!

Occorrente:
L’unico attrezzo necessario per questa routine comica è un mazzo di carte. L’unica mossa
che viene utilizzata è un “ top change” o un “bottom change” . (Chiamate anche “filatura da
sopra” e “filatura da sotto” il mazzo –n.d.t.)

Un altro requisito è la giusta scelta della persona che vi assista in questo trucco. Noi non
raccomandiamo un compare o qualcuno che sia d’accordo con voi. Questo perché egli
sicuramente renderà apparente la sua recitazione in alcune parti del gioco. L’uso di uno
spettatore volontario, invece, darà al trucco quella genuinità e quella sorpresa che sono
necessarie per la sua buona riuscita.

Comunque, è necessario effettuare la scelta dello spettatore oculatamente. Prima di


eseguire questo trucco, io analizzo le persone del pubblico più vicine a me. È consigliabile
scegliere una giovane donna per questo trucco, piuttosto che un uomo, poiché le donne
sono meno inclini ad “eruttare” quello che hanno nella loro mente proprio in un momento
precario del trucco. Cercate di scegliere qualcuno la cui personalità vi sia congeniale ed
usate buon giudizio nel soppesare le sue qualità ed il suo carattere.

Sicuramente sarete in grado di distinguere una persona dall’attitudine calma da una che
abbia un temperamento nervoso ed irritabile. E’ buona regola, comunque, essere preparati
a guidare e dirigere la persona che sceglierete . Questo perché, non importa quanto “buon
giudizio” abbiate, capiteranno delle occasioni in cui sceglierete la persona sbagliata e vi
potreste trovare in difficoltà.

Se una persona di questo tipo dovesse venire accanto a voi , dovreste essere preparati a
trattarla nel modo giusto. Non voglio certamente dire che dovreste scegliere una persona
stupida per questo trucco, piuttosto una persona di media intelligenza. Ella non dovrà
essere assolutamente insultata ne trattata male, poiché già l’esecuzione del trucco in se,
la farà sentire a volte a disagio.

Esecuzione:
Prima di tutto, dovete far in modo che qualcuno venga accanto a voi per aiutarvi in questo
gioco. Molti esecutori, trovano difficile scegliere uno spettatore senza ricorrere a qualche
piccolo espediente.
Eccovi un piccolo segreto utile quando dovrete scegliere un assistente durante il vostro
spettacolo. Se non avete fatto niente o detto niente che insulti il vostro pubblico fino a
questo punto dello spettacolo, gli spettatori avranno acquistato fiducia in voi e non si
preoccuperanno di trovarsi in situazioni imbarazzanti se dovessero assistervi in un gioco.
Nel chiedere che qualcuno venga accanto a voi, non pregate il pubblico per questo. La
vostra espressione dovrà essere neutra con un leggero sorriso e dovrete rivolgere l’invito,
più o meno parlando direttamente alla persona che volete venga ad assistervi.

Semplicemente stendete la vostra mano verso questa persona e domandatele se essa


voglia venire a scegliere una carta.

In questa maniera, non avrete la sorpresa di vedere venire accanto il tipo di persona che
non desiderate. La spettatrice si metterà alla vostra sinistra ed entrambi guarderete il
pubblico. Ora chiedete alla spettatrice di stendere la sua mano destra palma in su e, con
la mano sinistra estrarre una qualsiasi carta dal mazzo e metterla sul palmo della sua
mano destra, coprendola successivamente con la sua mano sinistra. A titolo di esempio,
estraete una carta per lei, deponetela sulla sua mano destra e fate poggiare la sua mano
sinistra su questa carta. Non date nessuna indicazione che debba guardare la carta ma,
d’altro canto, insistete che nessuno deve vedere la carta. Ora che tutto è chiaro, mettete la
carta nel mazzo e sventagliatelo di nuovo, tenendo le carte nella vostra mano destra e
porgendole verso la giovane donna.

Il successo di questo trucco, dipende essenzialmente da due cose: la vostra costante


“parlantina” è il timing dei vostri movimenti.

Mentre tenete il ventaglio di carte verso la spettatrice per farle scegliere una carta,
guardate verso il pubblico, più o meno verso sinistra, mentre state parlando. Con l’angolo
degli occhi sarete in grado di vedere la mano della spettatrice avvicinarsi per prendere la
carta. Prima che ella abbia il tempo di farlo, mentre parlate, spostate il ventaglio di carte in
avanti verso il pubblico. In questo modo avrete fatto rimanere la spettatrice, in maniera
apparentemente inconsapevole da parte vostra, con la mano sospesa a mezz’aria per
qualche istante. Ciò provocherà ilarità tra il pubblico.

Appena noterete che ella ha abbassato di nuovo la mano, riportate le carte verso il suo
corpo dicendole che può prendere una carta da qualunque punto del mazzo desideri.
Ancora una volta, quando notate che la spettatrice sta per raggiungere le carte con la sua
mano, giratevi verso il pubblico, osservando nel contempo quanto sia meraviglioso il fatto
che la spettatrice possa scegliere una carta qualunque.

Fate questo diverse volte, creando una situazione comica ma, mi raccomando, non
esagerate.
Infine, lasciatele prendere la carta, dicendole che nessuno deve vederla e fatela coprire
con la sua altra mano. Controllatela con il vostro sguardo. Non dovete lasciarle guardare
la carta. Non dovete dare nessun indicazione che la carta debba essere guardata.

Squadrate il mazzo, fate sollevare alla vostra assistente la mano che copre la carta e,
immediatamente, prendete la carta ancora faccia in giù e mettetela nel mazzo,
cominciando a mescolare. Ponete le carte dietro la schiena e tirate fuori una carta
qualsiasi tenendola davanti a voi con il dorso rivolto verso di voi e la spettatrice.

Ora non chiedetele quale sia il nome della carta ma dite: “Quale era il nome della carta
che lei ha appena tenuto nelle sue mani ?” (Ora la situazione si fa più divertente...) In
generale l’assistente mormora soltanto che non ha guardato la carta. Con lo sguardo
assente e senza espressione, guardate verso il pubblico e ripetete: “Non l’ha guardata!”.
Ora fate una pausa.

Raramente, ma qualche volta, la spettatrice dice: “Ma lei non mi ha detto di guardare la
carta…” oppure “Non mi ha dato il tempo di guardare la carta”. La vostra risposta e: “Le
avevo detto di non lasciar vedere la carta a nessun altro” (Notate l’ enfasi alla parola altro
nella vostra enunciazione).

Questa volta spiegate alla vostra assistente che, naturalmente, deve guardarla ma non
mostrarla a nessun altro. Di nuovo ripetete lo stesso procedimento per far scegliere una
carta, portando le carte davanti a voi con una scusa proprio nel mentre la spettatrice sta
per afferrarla. Infine lasciatele scegliere una carta, fategliela guardare ma non fatela
rimettere nel mazzo!

Ora mescolate le carte e invitate anche qualcun altro del pubblico a mescolarle. Ritornate
alla vostra assistente, senza guardarla, riprendete il vostro posto accanto a lei e ripetete le
stesse azioni precedenti, mettendo le carte dietro la schiena, estraendo una carta,
mostrandola al pubblico e, senza guardare l’assistente, domandando il nome della sua
carta.

A questo punto ella dirà il nome della carta che ha in mano oppure dirà: “La carta è ancora
nelle mie mani”. Nel primo caso mostrate la carta differente in mano vostra, guardatela e
dite: “Devo avere sbagliato. Mi domando se la sua carta sia ancora nel mazzo”. Poi non
riuscendo a trovare la carta nel mazzo, giratevi verso di lei per dirglielo e... in quel
momento (apparentemente) notate che la carta è ancora in suo possesso. A questo punto
spiegate: “ Non l’ ha rimessa nel mazzo!”. Poi giratevi verso il pubblico e con un sorriso
imbarazzato esclamate: “ Non l’ha rimessa nel mazzo !”. Pausa...

Nel secondo caso, nel quale la ragazza vi dica immediatamente che ha ancora la carta in
mano, voi semplicemente vi girate verso il pubblico e ripetendo il fatto esclamate: “Non
l’ha rimessa nel mazzo!”. Pausa...
A questo punto, spiegate alla giovane donna che per fare un trucco di carte bisogna
guardare la carta e poi rimetterla nel mazzo. Di nuovo chiedete alla ragazza di stendere la
sua mano e prendere una carta. Ripetete ancora la precedente azione di spostare le carte
dalla sua portata proprio nel momento in cui sta per prenderne una.

In seguito, dopo che ha finalmente preso la carta, insistete che la debba guardare e la
debba rimettere nel mazzo. Facendo seguire l’azione alle parole, tagliate le carte e fatele
rimettere la sua carta sulla metà inferiore del mazzo. Dopo che ha fatto ciò, adocchiate la
carta di fondo della metà superiore in una maniera esagerata e ovvia. (Come nel trucco da
bambini in cui si vuole ritrovare una carta scelta n.d.t.) Ora mettete questa metà sull’altra,
ma conservate un break con il mignolo tra le due metà e accennate un debole tentativo di
sorriso mentre il vostro pubblico ride. Approfittando di questo momento di ilarità, dite alla
ragazza sottovoce, girandovi verso di lei: “Stiamo andando benissimo, per piacere dica
che ha dimenticato la carta. Non ci stiamo divertendo ?” Il pubblico penserà che vi siate
solo girati per guardare la ragazza o che abbiate solo detto qualche cosa senza
importanza. Difficilmente assocerà quello che segue con quello che è accaduto.

Ora giratevi verso la ragazza e ripetete lo stesso procedimento di portare le carte dietro la
schiena. Tagliate le carte alla separazione lasciando la carta scelta in cima ed estraete
una carta qualsiasi dal mazzo portandola avanti a voi. Ora chiedete alla spettatrice quale
sia la carta che ha scelto. Vi si presentano ora due possibilità:

1) La ragazza non sta al gioco e nomina la sua carta . In questo caso eseguite uno
scambio della carta indifferente con la carta scelta ( top change o filatura – potete trovarlo
in qualsiasi libro che tratti trucchi con le carte ad es. “Card College” di Giobbi - n.d.t.) e
mostrate che avete ritrovato la sua carta, portando a conclusione il gioco

2) La ragazza sta al gioco e dice che ha dimenticato la carta (cosa molto più probabile). In
tal caso guardate il pubblico e ripetete laconicamente: “Ha dimenticato la carta!”. Ciò farà
sbellicare di risate il pubblico.

Ripartite daccapo, facendo scegliere un’ultima volta una carta. Fatela rimettere nel mazzo.
Tenete una separazione con il mignolo e, portando le carte dietro la schiena, ripetete ciò
che avete fatto prima, portando la carta scelta in cima e prendendo una carta qualsiasi dal
mazzo. Fate ora nominare realmente la carta scelta e mostrate che... questa volta avete
sbagliato!

Approfittate delle risate del pubblico per eseguire lo scambio, facendo così trasformare la
carta in quella scelta. (Cosa molto facile nelle condizioni che si sono create, anche per un
manipolatore non esperto - n.d.t.) Mostratela alla ragazza e al pubblico in maniera
trionfante, portando così a conclusione quello che doveva essere “il gioco di carte più
veloce del mondo”!
Discorso
- Le azioni sono tra parentesi -

Signore e signori, vorrei presentarvi il gioco di carte più veloce del mondo. Questo trucco
meraviglioso è stato inventato da uno dei più grandi manipolatori dei nostri giorni. Dopo
che ho inventato questo trucco… ( pausa ) ho pensato che il resto del mondo avrebbe
dovuto vederlo. Ho venduto i diritti di esecuzione ad un prestigiatore oltre oceano.
Naturalmente egli ha eseguito questo trucco dinanzi a moltitudini,guadagnandosi trionfi e
onori.

Tutto ciò che è necessario per eseguire questo trucco e fare scegliere una carta e farla
rimettere nel mazzo. Il resto lo faccio io.

Ora vorrei che qualcuno venisse qui ad assistermi. Una giovane donna… che dire della
signora qui ? (dirigete la vostra attenzione alla persona che avete adocchiato prima.) Per
cortesia vorrebbe venire accanto a me e prendere una carta ? (stendete la vostra mano
verso di lei e aspettate).

Vuole per cortesia stendere la sua mano destra palma in alto e,con la sinistra prendere
una carta qualsiasi dal mazzo? La faccia scivolare sulla sua mano e la copra subito con la
mano sinistra. Per piacere non faccia vedere a nessuno la carta. Questo è molto
importante. Lei può prendere una carta da qualunque parte del mazzo, dalla cima, dal
centro o dal fondo, per me non fa nessuna differenza (proseguite in questo modo mentre
continuate a sottrarre il ventaglio di carte dalla giovane nel momento in cui stende la
mano per prendere la carta).

(Dopo che la carta è stata scelta) Ora, per piacere, sollevi la sua mano sinistra e, guardi…
io prendo la sua carta, la metto nel mazzo, non verso la cima o il fondo ma verso il centro.
Ora metto le carte dietro la schiena e in un secondo, non più, non meno, riesco a trovare
la carta che lei ha preso. (Tenete la carta che avete portato avanti faccia in giù, o faccia al
pubblico senza guardarla) E ora vuole, per piacere, nominare la carta che aveva un istante
fa tra le mani ?

(La giovane donna dice che non ha guardato la carta). Non ha guardato la carta ? (giratevi
verso il pubblico). Non ha guardato la carta!... Come forse lei sa c’è una cosa molto
necessaria nei trucchi di carte, tutto quello che lei deve fare è guardare la carta e in questo
modo quando io la ritroverò e lei saprà quale era. Questo è molto semplice.

(Di nuovo fate riprendere una carta, nello stesso modo di prima. Portate avanti questa
commedia esattamente con lo stesso discorso fino al punto in cui il mazzo viene
mescolato da un membro del pubblico. Poi ritornate accanto alla spettatrice, ignorando il
fatto che la ragazza non ha rimesso la carta nel mazzo).

Producete una carta da dietro la vostra schiena e, ancora una volta, domandate qual sia il
nome della carta, senza guardare la giovane donna.
(Questa volta ella vi dirà che non l’ha rimessa nel mazzo). Non la ha rimessa nel mazzo ?
(rivolgetevi al pubblico e dite) Non la ha rimessa nel mazzo! (pausa). Prima non l’ha
guardata e ora non l’ha rimessa nel mazzo. Questo è un gioco di carte molto semplice,
tutto quello che lei deve fare è prelevare una carta , guardarla e rimetterla nel mazzo. Se
non la rimette nel mazzo come faccio io a tirarla fuori dal mazzo?

(Di nuovo, fate riscegliere una carta. Questa volta fatela rimette nel mazzo ed eseguite la
sbirciata esagerata. Mentre il pubblico sorride giratevi verso la ragazza e chiedetele di dire
che ha dimenticato la carta. Continuate sulla falsariga precedente.)

(A questo punto, domandate il nome della carta e la ragazza dirà che l’ha dimenticata).
Bene, che ne pensate ? Prima non l’ha guardata, poi non l’ha rimessa nel mazzo, e ora mi
dice che l’ha dimenticata! (Non correte a questo punto, rimanete fermi per parecchi
secondi in modo da lasciar ridere il pubblico).

Ora accelerando il tempo del gioco, fate scegliere una carta e fatela rimettere nel mazzo.
Squadrate le carte e, prendendo una separazione alla carta scelta con il mignolo sinistro,
portatele dietro la schiena in modo da tagliarle alla carta scelta (portandola in cima). Ora
prendete una carta qualsiasi portandola avanti a voi. Fate nominare la carta scelta e
producete quella sbagliata (preparandovi per lo scambio – filatura . Durante il tempo in cui
il pubblico ride eseguite lo scambio ).

Bene! Il fatto è che il gioco io l’ho eseguito correttamente le prime volte ma lei non ha
capito come fosse semplice questo trucco di carte. Ora, lei dice che questa è la carta
sbagliata ed io sono tentato di arrendermi. Ma ... proviamo qualcosa di diverso. Vuole
soffiare su questa carta ? (Girate la carta e mostrate che si è trasformata nella carta
scelta. Fate infine in modo che il pubblico rivolga un grosso applauso alla vostra assistente
pregandola di accomodarsi al suo posto).

FINE

Potrebbero piacerti anche