Sei sulla pagina 1di 107

VOLUME

MODULO D 2 • VENTI
• LE REGIONI ITALIANE
CAPITOLO 0

RAPPRESENTARE
LA TERRA
1. Parole per capire
Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove:
planisfero .................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

parallelo .................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

meridiano ................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

equatore .................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

meridiano di Greenwich ................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

latitudine ................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

longitudine ............................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

fuso orario ................................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

n Se vuoi, puoi scriverle su una rubrica, che diventerà il tuo glossario personale
per le parole o le espressioni più difficili.

108
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

2. Cose da sapere
A. Le idee importanti

l I planisferi sono delle carte dove è disegnata tutta la Terra


l Sulla Terra si disegnano delle linee: i paralleli e i meridiani
l Sulla Terra si disegnano anche altre linee: i fusi orari

n I planisferi sono delle carte dove è disegnata tutta la Terra

Guarda queste due figure.


A

Artide
B

60° 60°

40° 40°

20° 20°

160° 140° 120° 100° 80° 60° 20° 0° 20° 40° 60° 80° 100° 120° 140° 160°
0° 0°
180° 40° 180°

20° 20°

40° 40°

60° 60°

80° 80°

Antartide

Sono due carte speciali, perché tutta la Terra, che è una sfera (una palla), è dise-
gnata su un foglio piatto. Queste carte si chiamano planisferi, e ci servono per ve-
dere una stessa cosa (ad esempio, i venti, le piogge, le correnti del mare) in tutto il
mondo. Sono quindi carte molto importanti, anche se non sono mai perfette, per-
ché non si può disegnare perfettamente una sfera su un foglio piatto. Lo vedi bene
se sbucci un’arancia e metti la buccia su un foglio: non riesci a fare un’arancia per-
fettamente piatta!

109
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n Sulla Terra si disegnano delle linee: i paralleli e i meridiani

Guarda queste due figure.

A Polo Nord (90°) B

h
wic
rd
no

reen
di G
i dia no
20° parallelo nord

( 0 °) m er
ove
st
90°
80 est
sud

70
E q u a to r e 0 ° 60
0
5
40
0
0 3
0° 10 2

Polo Sud (90°) 180°


180°
90°

90°
90°

80
70
60
90° 0° 10 20 30 40
50

A sinistra, sulla superficie della Terra sono disegnati dei cerchi paralleli, che van-
no da est a ovest. Il parallelo più grande e importante è l’Equatore, che «taglia» in
due metà uguali la superficie della Terra. Se una nave, una città o qualsiasi altro
punto si trova sull’Equatore, si dice che ha latitudine 0º (zero gradi). Gli altri
paralleli sono cerchi più piccoli, fino ad arrivare al Polo Nord o al Polo Sud, che
hanno latitudine 90º. Infatti, di solito si disegnano 180 paralleli: 90 a nord dell’E-
quatore e altri 90 a sud dell’Equatore. La latitudine di una nave, di una città o di
qualsiasi altro punto ti dice quanto quel punto è lontano dall’Equatore. Ad esem-
pio, Roma ha latitudine 42º N (quarantadue gradi Nord). Buenos Aires ha latitu-
dine 35º S (trentacinque gradi Sud).
A destra, sulla superficie della Terra sono disegnati degli altri cerchi, che vanno da
nord a sud. Si chiamano meridiani. Il meridiano più importante si chiama meridia-
no di Greenwich (perché passa dalla città di Greenwich, vicino a Londra) e ha
longitudine 0º (zero gradi). Gli altri meridiani sono cerchi che «tagliano» anche
loro la superficie della Terra e sono lunghi come il meridiano di Greenwich. Di so-
lito si disegnano 360 meridiani: 180 a est del meridiano di Greenwich e 180 a
ovest. La longitudine di una nave, una città o qualsiasi altro punto ti dice quanto
quel punto è lontano dal meridiano di Greenwich. Ad esempio, Roma ha longitu-
dine 12º E (dodici gradi Est), Buenos Aires, in Argentina, ha longitudine 58º W
(cinquantotto gradi Ovest).
Sapere la latitudine e la longitudine è molto importante soprattutto per le navi in
mezzo al mare: così si può sapere sempre dove sono esattamente.

110
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n Sulla Terra si disegnano anche altre linee: i fusi orari

Guarda queste figure. A )


ot

(
4
h2
o d

a z

Ac

B
-3

-5 +8

-9 +3 +11 +12
-7 -6 +9
-8 +6
+7 +10
-9
-10 -4 +4
-5 +1 +2 +6 +8
-8 -7 +5
+8
-6
+2 +5 +9
+3 +5,30
-10 0
+1
+3
-5 +11
-4 -3
+9,30

+2 +8 +10 -11
-3

+12
+12
+12
-12

-12

-11 -10 -9 -8 -7 -6 -5 -4 -3 -2 -1 0 +1 +2 +3 +4 +5 +6 +7 +8 +9 +10 +11

In alto, vedi sulla superficie della Terra delle linee, che la dividono in 24 parti da
nord a sud: sono i fusi orari. Qui sopra, vedi i fusi orari sul planisfero (la carta di
tutta la Terra). Anche qui gli uomini hanno scelto come fuso orario più importan-
te quello dove c’è il meridiano di Greenwich: si chiama fuso orario zero. Se sul
fuso orario zero sono le 12.00, nel fuso più a est sono le 13.00, in quello più a ovest
sono le 11.00. I fusi orari servono per sapere che ora è in un posto e, se fai un lun-
go viaggio, servono anche per mettere a posto il tuo orologio, perché l’ora non è
sempre uguale in tutta la Terra. Se viaggi verso est, devi spostare avanti le lancette
del tuo orologio di tante ore quanti sono i fusi orari tra il posto da cui parti e quel-
lo in cui arrivi. Se viaggi verso ovest, devi spostare le lancette indietro. Ad esem-
pio, se parti da Roma (che si trova nel fuso + 1) e vai a New York (che si trova nel
fuso – 5), devi spostare le lancette dell’orologio indietro di 6 ore.

111
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

B. Esercizi
l Completa
Usa queste parole.
latitudine, longitudine, parallelo, equatore, meridiano di Greenwich, indietro, avanti

Per trovare una nave in mezzo al mare, il capitano deve dire la ..................................

............................................ e la ................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . in cui si trova. La latitudine


dice qual è la distanza di un punto dall’ ............................................................... , che è il
............. .................................................. più importante. La longitudine dice qual è la distanza
di un punto dal .................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Se viaggi verso ovest, devi spostare
l’orologio .................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Se viaggi verso est, lo devi spostare
............. .................................................. .

l Che ore sono?


Se a Roma (nel fuso orario + 1) sono le 8.00, a Tokio (nel fuso orario + 9) sono le
............. ................. .
Se a Tokio (nel fuso orario + 9) sono le 24.00, a Milano (nel fuso orario + 1) sono
le .............................. .
Se a New York (nel fuso orario – 5) sono le 12.00, a Londra (nel fuso orario 0)
sono le .............................. .
Se in California (nel fuso orario – 8) sono le 15.00, in Francia (nel fuso orario + 1)
sono le .............................. .

Ora rileggi ogni idea importante e cerca di spiegarla a un tuo compagno.


Ricorda di usare le parole che hai imparato.

112
VOLUME
MODULO D 2 • VENTI
• LE REGIONI ITALIANE
CAPITOLO 1

LA CAMPAGNA

1. Parole per capire


Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove:
casa rurale ................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

azienda agricola.................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

agricoltura moderna ........................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . .


............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

agricoltura arretrata .......................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

coltivazione ............................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

zuccherificio ............................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

oleificio ...................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

prato permanente ................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . .


............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

frutteto ....................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

vigneto ...................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

oliveto ......................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

allevamento ............................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

stalla ........................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

n Se vuoi, puoi scriverle su una rubrica, che diventerà il tuo glossario personale
per le parole o le espressioni più difficili.

113
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

2. Cose da sapere
A. Le idee importanti

l In campagna ci sono: case rurali, campi coltivati, prati, frutteti, stalle


l Le case rurali: com’erano nel passato e come sono oggi
l I campi sono coltivati a cereali e a piante usate nell’industria
l I prati sono terreni dove si semina l’erba per il bestiame
l I frutteti sono terreni con gli alberi da frutto; i vigneti sono terreni con le viti;
gli oliveti sono terreni con gli olivi
l Le stalle servono per allevare e far crescere gli animali
l Come usare pochi veleni in campagna

n In campagna ci sono: case rurali, campi coltivati, prati, frutteti, stalle

La campagna è un ambiente di pianura o di collina che l’uomo ha trasformato. Ad


esempio, l’uomo ha tagliato i boschi o ha asciugato le paludi per fare posto a:
– case rurali
– campi coltivati
– prati (e pascoli)
– frutteti, vigneti e oliveti
– stalle e depositi dove mettere il cibo per gli animali

Infatti, in campagna si coltivano piante che servono come cibo per l’uomo e per
gli animali.

114
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n Le case rurali: com’erano nel passato e come sono oggi

Le case rurali sono le case di campagna, con i campi coltivati attorno.


Quelle più grandi e più moderne si chiamano anche aziende agricole (o agrarie).

Una volta nelle case rurali vivevano i contadini, che coltivavano tante piante (gra-
no o mais, vite o olivo, frutta e verdura) e allevavano pochi animali per avere car-
ne, latte e uova. La casa del contadino, la stalla e i depositi per mettere il grano e
l’erba erano intorno a un cortile. I campi coltivati erano intorno a queste costru-
zioni e di solito non erano molto grandi. L’agricoltura e l’allevamento erano più
poveri di oggi: si dice che erano più arretrati.
Oggi, invece, i contadini sono diventati agricoltori: non allevano più gli animali ma
coltivano terreni molto grandi, con grandi macchine, e concimi chimici. Di solito
coltivano poche piante (per esempio, il grano e la barbabietola, o la vite e l’olivo).
Le stalle, quindi, in molte aziende non ci sono più. Se ci sono, sono molto grandi e
moderne, con tante mucche, o tanti vitelli, o tanti maiali. In questo caso i contadini
sono diventati allevatori. L’agricoltura e l’allevamento usano più macchine di una
volta: si dice che sono più moderni.

115
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n I campi sono coltivati a cereali e a piante usate nell’industria

I campi sono coltivati soprattutto a 4 cereali:

– il frumento
(grano)

– il riso

– l’orzo

– il mais

Il grano viene macinato: si ha così farina, che si usa per fare il pane, la pasta o la
pizza.
Il riso, invece, non viene macinato, ma si mangia cotto a chicchi interi.
L’orzo viene usato per fare la birra.
Il mais viene rotto o macinato. È usato soprattutto come cibo per gli animali: suini
(maiali), polli, ma anche bovini (mucche e vitelli).
Le piante usate nell’industria (piante o colture industriali) sono:
– la barbabietola da zucchero – il girasole

– la soia e la colza – il lino, il cotone e la canapa

La barbabietola da zucchero è una radice ricca di zucchero. Ad agosto o settem-


bre viene portata negli zuccherifici, che sono le industrie dove si fa lo zucchero.
Il girasole, la soia e la colza sono piante che hanno semi ricchi di olio. Vengono
portati negli oleifici, che sono le industrie dove si fa l’olio, e servono per fare l’olio
di semi.
Il lino, il cotone e la canapa sono piante ricche di fibra tessile (materiale che può
diventare il filo, con cui si fa la stoffa). Vengono portate nei cotonifici, che sono le
industrie dove si fanno le stoffe.

116
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n I prati sono terreni dove si semina l’erba per il bestiame

In campagna i prati sono quei terreni dove l’uomo semina l’erba per gli animali.

Ci sono due tipi di prati:


– i prati permanenti; qui l’uo-
mo semina sempre soltanto
l’erba, e quindi questi terreni
sono sempre verdi;
– i prati non permanenti; qui
l’uomo semina prima il grano
e poi l’erba, quando ha ta-
gliato il grano; questi terreni
quindi non sono sempre ver-
di.
Prato con l’erba tagliata

I prati dove l’uomo porta gli ani-


mali a pascolare (mangiare l’er-
ba) si chiamano pascoli.

Mucche al pascolo in Tirolo

n I frutteti sono terreni con gli alberi da frutto;


i vigneti sono terreni con le viti; gli oliveti sono terreni con gli olivi

In campagna i frutteti sono quei terreni dove l’uomo coltiva gli alberi da frutto
(mele, pere, pesche, albicocche, arance, mandarini...).
I vigneti sono i terreni in cui l’uomo coltiva la vite.
Gli oliveti sono quelli in cui si coltiva l’olivo.
Vigneti e oliveti sono molto importanti in Europa.
I vigneti si trovano sia nei Paesi mediterranei sia nell’Europa continentale (fino
alla Germania e alla Francia,
non più a nord perché fa trop-
po freddo). Gli oliveti si trova-
no solo nei Paesi mediterranei
(fino all’Italia centrale e alla
Francia meridionale, non più a
nord).

Come vedi, nei frutteti gli alberi


sono in fila. Tra un albero e l’al-
tro ci sono circa 4 metri, tra una
fila di alberi e l’altra ci sono 5
metri, per lasciare passare il
trattore.

117
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Anche nei vigneti le viti sono in fila. Negli oliveti le piante sono piuttosto
Tra una fila l’altra ci sono 2 o 3 metri. lontane, perché l’olivo può diventare
molto alto (fino a 20 metri).

n Le stalle servono per allevare gli animali

Le stalle sono delle costruzioni dove si allevano soprattutto gli animali più grandi
(le mucche e i vitelli). Qualche volta anche le pecore e le capre.

Stalla per mucche da latte

Le stalle hanno vicino altre costruzioni, dove viene tenuto il cibo per gli animali
(l’erba, il mais, il mangime).
Questi edifici oggi sono moderni, in cemento e mattoni, e si chiamano sili.
Le stalle per le mucche hanno sempre una stanza per la mungitura (dove si mun-
gono le mucche, cioè si prende il loro latte).

118
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n Come usare pochi veleni in campagna

Trattore che sparge pesticidi

Oggi in campagna si usano molti veleni (pesticidi): contro gli insetti che mangiano
i cereali o la frutta; contro i funghi che distruggono i raccolti; contro le erbe catti-
ve (infestanti) che non lasciano crescere le piante coltivate. I veleni però fanno
male anche all’uomo. In alcuni Paesi si cerca allora di usare alcuni insetti utili con-
tro gli insetti dannosi. Per esempio, si usa un tipo di vespa (insetto utile) per ucci-
dere la mosca bianca, che mangia le foglie delle piante coltivate (insetto dannoso).
In questo modo, si possono usare meno pesticidi e anche il cibo che l’uomo man-
gia è meno «avvelenato».

B. Esercizi
l Sottolinea le tre risposte giuste. Poi scrivi sotto la frase completa.
La campagna è un ambiente:
a) trasformato dall’uomo b) con molte città
c) di montagna d) di pianura e collina
e) con case rurali, campi coltivati, frutteti e stalle
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

In campagna si coltivano:
a) cereali b) alberi da frutto, viti e olivi
c) olio e vino d) piante usate nelle industrie
e) pini e abeti
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

I cereali più coltivati sono:


a) il grano b) il cotone
c) il mais d) l’orzo e il riso
e) la barbabietola da zucchero
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Le piante industriali più coltivate sono:


a) la barbabietola da zucchero b) il girasole, la soia e la colza
c) il grano e il mais d) il lino, il cotone e la canapa
e) l’erba
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

119
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Vicino a una stalla di mucche ci sono:


a) i prati e i pascoli b) gli oliveti
c) la stanza per mungere le mucche d) i boschi
e) la casa rurale
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

l Metti la freccia giusta


– frumento e mais sono frutteti
– barbabietola, girasole e cotone sono cereali
– i terreni coltivati con alberi da frutto sono piante industriali
– gli olivi sono piante del Mediterraneo
– i terreni con le viti sono oliveti
– i fabbricati dove si allevano le mucche sono vigneti
– le case in campagna sono prati
– i terreni dove si coltiva l’erba sono case rurali
– i terreni con gli olivi sono stalle
– i posti dove si tiene l’erba o il mais sono sili

l Completa
Usa queste parole:
cortile, piccoli campi coltivati, case rurali, stalla, grandi campi coltivati, agricoltori,
poche coltivazioni, sili, grandi stalle

Le case in campagna si chiamano: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . In campagna le case non


sono tutte uguali. Quelle più vecchie di solito hanno un .................................................. in
mezzo. Intorno hanno una piccola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . per pochi animali e i de-
positi per l’erba e il grano. Intorno a tutti questi fabbricati ci sono poi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
..................................... .
Quelle più moderne hanno invece la casa degli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e un po’ più
lontano un deposito per le macchine che si usano in campagna. Vicino hanno
............. ........................................................... . Quando sono aziende per l’allevamento, hanno
............. ..................................... e ................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . per tenere il cibo per gli animali.

l Perché le case in campagna oggi sono diverse da tanti anni fa?


Completa con queste parole:
tante persone / poche persone; con le braccia / con le macchine;
avere le cose necessarie per vivere / vendere e guadagnare

Tanti anni fa nella casa in campagna vivevano ................................................. . Oggi nella


casa in campagna vivono ................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Prima si lavorava . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Oggi si lavora ....................................... . . . . . . . . . . . Prima si cercava di ................................................. .
Oggi si cerca di ...................................... . . . . . . . . . . . .

Ora rileggi ogni idea importante e cerca di spiegarla a un tuo compagno.


Ricorda di usare le parole che hai imparato.

120
VOLUME
MODULO D 2 • VENTI
• LE REGIONI ITALIANE
CAPITOLO 2

LA CITTÀ

1. Parole per capire


Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove:
città .. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

città industriale ..................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

pianta della città ................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

centro storico ......................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

monumento ............................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

periferia ..................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

quartiere .................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

quartiere (o zona) residenziale ... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

asse di scorrimento (o tangenziale o anello autostradale) ........................................................

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

n Se vuoi, puoi scriverle su una rubrica, che diventerà il tuo glossario personale
per le parole o le espressioni più difficili.

121
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

2. Cose da sapere
A. Le idee importanti
l In città ci sono: le case dove si abita, i posti dove si lavora, le strade e i monu-
menti
l Le città hanno un centro storico più antico, con i monumenti
l Intorno al centro storico c’è la città industriale
l Oltre la città industriale c’è la periferia moderna
l Il problema dell’inquinamento luminoso

n In città ci sono: le case dove si abita,


i posti dove si lavora, le strade e i monumenti

Come vedi nella foto, la città è un ambiente costruito dall’uomo, dove vivono mol-
te o moltissime persone.
Le città hanno:
– molte case dove la gente abita (case di abitazione);
– molte strade piccole e grandi, e la ferrovia; spesso hanno anche l’aeroporto e, se
sono sul mare, il porto (hanno quindi molte vie di comunicazione);
– molti edifici dove la gente lavora o studia (uffici, negozi, scuole);
– dei monumenti, che sono edifici molto importanti, come le chiese o il comune.
Di solito i monumenti sono anche edifici belli.

n Le città hanno un centro storico più antico, con i monumenti

In Europa di solito le città hanno due parti:


– il centro storico, che è la zona più antica, con
i monumenti più famosi;
– la periferia, intorno al centro storico, che
comprende la città industriale e i quartieri
più nuovi

Le città che erano già importanti in epoca roma-


na (come Roma,Verona o Torino) nel centro sto-
rico hanno ancora qualche monumento romano. Anfiteatro romano di Verona

122
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Le città che erano importanti nel Medioevo (fra il Mille e il Millequattrocento),


nel centro hanno ancora qualche parte delle mura medievali. Hanno le strade
strette e alcuni monumenti di quell’epoca, come la chiesa più importante (la catte-
drale) e il Palazzo del Comune, come vedi qui sotto:

A B

Cattedrale di Reims Palazzo Vecchio a Firenze

n Intorno al centro storico c’è la città industriale

Intorno al centro storico c’è la città industriale, che è stata costruita quando le in-
dustrie sono diventate molto importanti e tanta gente è andata a lavorare nelle
fabbriche. In Europa, questo è successo fra il 1850 e l’inizio del Novecento. Nella
città industriale ci sono: i quartieri borghesi più vicini al centro, con case belle e
strade piuttosto grandi (i viali); le fabbriche e i quartieri operai più in periferia,
con case più povere, spesso tutte uguali o molto simili, come vedi qui sotto:

A B

Case a schiera in un quartiere operaio Fabbrica di fine Ottocento in Lombardia


di Belfast (Irlanda)

Molti edifici della città industriale sono ancora oggi molto importanti: la stazione
ferroviaria, il grande ospedale, i giardini pubblici, lo stadio. Le fabbriche di quei
tempi, invece, di solito non funzionano più. Al posto delle vecchie fabbriche ci sono
nuove industrie (impianti più moderni) abbastanza lontane dal centro della città.

123
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n Oltre la città industriale c’è la periferia moderna

Oltre la città industriale c’è la zona più esterna e più nuova delle città: si chiama
quindi periferia moderna. Questa parte della città è stata costruita dopo il 1950,
quando era finita la seconda guerra mondiale e le industrie avevano bisogno di
tanti lavoratori, che spesso erano immigrati (cioè venivano da altri paesi o anche
da altre regioni dello stesso paese).
La pianta (carta) delle città quindi cambia: diventa più grande e non ha più una
forma precisa, perché si costruiscono case e strade un po’ dappertutto.
Le case di abitazione che vengono costruite in questi anni sono soprattutto alti
palazzi in cemento armato con i balconi sulle facciate (per far posto a tante fami-
glie), più raramente villette con un piccolo giardino davanti.
Di solito le periferie delle grandi città non sono molto belle e i palazzi in cemento
armato sono piuttosto grigi e tristi. Ci sono però anche zone residenziali che han-
no palazzi più belli, con giardini e parchi intorno.
Infine, si costruiscono nuove strade, la metropolitana (una ferrovia sottoterra che
collega i vari quartieri) e grandi strade con molte corsie (assi di scorrimento, o
tangenziali, o anelli autostradali) che girano intorno alla città e portano ai vari
quartieri più esterni, alle zone industriali o ai grandi supermercati.

A B

Anello autostradale che circonda Madrid Palazzi in periferia a Milano

n Il problema dell’inquinamento luminoso

Le città di notte sono molto illuminate. Le luci delle città, però, non ci lasciano ve-
dere bene le stelle del cielo e disturbano anche gli animali e le piante. Per questo
si parla di inquinamento luminoso. Bisognerebbe accendere meno luci e tenerle
accese per meno ore.

124
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

B. Esercizi
l Sottolinea le tre risposte giuste. Poi scrivi sotto la frase completa.
La città è un ambiente:
a) costruito dall’uomo
b) con molti abitanti
c) con case rurali e campi coltivati
d) con molte case di abitazione
e) con molte vie di comunicazione
f) con molti contadini
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Nel centro storico ci sono:


a) le grandi strade
b) i monumenti più importanti
c) i grandi supermercati
d) case di abitazione
e) negozi e uffici
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Nella città industriale ci sono:


a) le case borghesi e le case operaie
b) le strade piuttosto grandi
c) la cattedrale e il Palazzo del Comune
d) lo stadio
e) i grandi assi di scorrimento (tangenziali, anelli autostradali)
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Nella periferia moderna ci sono:


a) la stazione ferroviaria
b) il grande ospedale
c) grandi palazzi grigi in cemento armato
d) quartieri residenziali nel verde
e) molte strade e gli assi di scorrimento veloce
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

l Metti la freccia giusta


– il centro storico è la parte più nuova della città
– la città industriale è la parte della città fuori del centro storico
– la periferia è la parte più antica della città
– la cattedrale è il Palazzo più importante nella città me-
dievale
– il Palazzo del Comune è la chiesa più importante della città
– l’asse di scorrimento è un edificio importante e bello
– la zona residenziale è un edificio dove si producono delle cose
da vendere
– il monumento è una strada con molte corsie
– la fabbrica è una parte della città
– il quartiere è una zona bella, con molto verde

125
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

l Completa
Usa queste parole:
edifici, centro storico, città industriale, periferia moderna, operaie, borghesi, palazzi, monumenti

Le città che vediamo oggi hanno un cuore più antico, il .................................................

................................... , con i ....................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . principali. Intorno a questa parte


c’è la ................................................. , che si è sviluppata tra il 1850 e l’inizio del Novecento,
con le case ............................................... . . . . . . . . . , più belle, e le case ...................................................... ,
più povere. In questa parte ci sono anche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . importanti
come la stazione, l’ospedale, lo stadio.
Infine, oltre a questa parte c’è ancora la . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . , dove ci sono
quartieri di grandi ............................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . grigi e zone residenziali, più belle.

l Perché dopo il 1950 si sviluppa la periferia moderna?


Trova le 4 risposte giuste.
– le fabbriche hanno bisogno di tanti lavoratori
– tante persone vanno a vivere in città
– c’è bisogno di nuove strade e collegamenti
– c’è bisogno di case per i nuovi abitanti
– il centro storico è brutto

Adesso scrivi le risposte giuste nei cerchi

.............................................................. ..............................................................
.............................................................. ..............................................................
.............................................................. ..............................................................

la periferia
moderna
si sviluppa
..............................................................
perché: ..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................

Ora rileggi ogni idea importante e cerca di spiegarla a un tuo compagno.


Ricorda di usare le parole che hai imparato.

126
VOLUME
MODULO D 2 • VENTI
• LE REGIONI ITALIANE
CAPITOLO 3

L’INDUSTRIA
E I SERVIZI
1. Parole per capire
Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove:
economia .................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

industria .................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

fabbrica ...................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

laboratorio ............................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

artigiano .................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

impianto di base ................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

materie prime ........................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

operaio ....................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

servizi .......................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

merce ........................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

commerciante ........................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

impiegato .................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

operaio ....................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

rifiuti ............................................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

raccolta differenziata dei rifiuti ... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

n Se vuoi, puoi scriverle su una rubrica, che diventerà il tuo glossario personale
per le parole o le espressioni più difficili.

127
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

2. Cose da sapere
A. Le idee importanti
l L’industria produce la merce nelle fabbriche o nei laboratori artigiani
l Gli impianti di base sono industrie che producono le materie prime per le altre
industrie
l I servizi sono le attività che servono alle persone o alle aziende
l Qualche esempio di servizi: i negozi e i centri commerciali
l Altri due servizi: la scuola e lo sport
l L’importanza della raccolta differenziata dei rifiuti

n L’industria produce la merce nelle fabbriche o nei laboratori artigiani

L’industria è molto importante in Europa: produce tutte le cose (merci) che usia-
mo sempre (le scarpe, i vestiti, le auto, i mobili...) e dà lavoro a molte persone, che
sono soprattutto gli operai, i tecnici e gli impiegati. Gli operai sono le persone che
lavorano con le macchine. L’industria è il settore secondario dell’economia (quel-
lo primario è l’agricoltura).
Oggi l’industria ha:
– fabbriche
– laboratori artigiani
– impianti di base (di questi parliamo dopo)

Le fabbriche sono degli edifici (che si chiamano capannoni) dove ci sono le mac-
chine per lavorare e si producono gli oggetti in serie (tutti uguali, perché sono fat-
ti nello stesso modo e con gli stessi tempi).
I laboratori artigiani sono degli edifici (dei capannoni) più piccoli delle fabbriche,
dove si fanno oggetti su misura e più particolari. Non possono avere più di 15 operai.

Guarda le due immagini.

A B

Una fabbrica di pantaloni Un laboratorio artigiano

Nella fabbrica ogni operaio fa sempre la stessa lavorazione; nel laboratorio arti-
giano il lavoro non è sempre uguale, ma è più vario.

128
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n Gli impianti di base sono industrie che producono


le materie prime per le altre industrie

Gli impianti di base sono delle industrie particolari: trasformano alcuni elementi
naturali, come il petrolio, il metano, il ferro o il carbone in materie prime per le al-
tre industrie (questi materiali si chiamano anche semilavorati).
Ad esempio:
– una raffineria di petrolio trasforma il petrolio in benzina o nafta, che servono
anche per fare la plastica;
– un impianto siderurgico tra-
sforma il ferro in lamiere (per
l’industria dell’automobile);
– un cementificio trasforma un
tipo di terra (l’argilla) in ce-
mento (per l’industria che co-
struisce le case)

Gli impianti di base sono molto


grandi, come vedi nell’immagi-
ne, e sembrano delle piccole cit-
tà. Non si fermano mai, né di
giorno né di notte.

Raffineria di petrolio in Sardegna

n I servizi sono le attività che servono alle persone o alle aziende

Anche i servizi sono molto importanti in Europa e danno lavoro a molte persone.
Nei servizi lavorano soprattutto i commercianti (le persone che comprano e ven-
dono), gli impiegati (che trovi nelle banche, alle poste, nelle ferrovie, negli ospeda-
li, nella scuola) e le persone che lavorano nel turismo (ad esempio, albergatori,
cuochi, camerieri). Quello dei servizi è il settore terziario dell’economia, che è cre-
sciuto moltissimo negli ultimi anni: oggi in Europa lavorano più persone nel setto-
re terziario che in quello dell’industria.

n Qualche esempio di servizi: i negozi e i centri commerciali

In Europa, in tutte le città e anche nei piccoli


paesi ci sono i negozi, che sono posti dove i
commercianti vendono un certo tipo di ogget-
ti (merci). Ad esempio, vestiti, scarpe, giochi e
giocattoli.
Il negozio ha almeno una vetrina dove si pos-
sono vedere le merci (gli oggetti) in vendita. I
negozi più grandi hanno tante vetrine. Sopra
la vetrina (o sul vetro) c’è l’insegna, che è una
scritta che dice il nome del negozio o il tipo di
negozio (ad esempio, Panetteria).
Dentro al negozio ci sono scaffali alle pareti o
banchi, dove si mettono gli oggetti, per farli
vedere alle persone che comprano (i clienti).

Negozio di abbigliamento visto dall’interno

129
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

A B

Centro commerciale visto dall’alto Centro commerciale visto dall’interno

Nelle città più grandi (in periferia) ci sono anche i centri commerciali, che hanno
tanti negozi in uno stesso edificio.
Il centro commerciale è vicino a una grande via di comunicazione. Ha tanti negozi
e dei grandi parcheggi per le auto. All’interno può avere diversi piani collegati
da scale mobili.

n Altri due servizi: la scuola e lo sport

La scuola è un altro tipo di servizio: offre ai bambini e ai ragazzi le aule (le classi),
le palestre, i laboratori dove imparare e gli insegnanti che insegnano cose nuove.
La scuola media inferiore offre questo servizio gratis ai ragazzi fra gli 11 e i 14
anni (è lo Stato italiano che paga). In ogni quartiere della città c’è una scuola me-
dia.
Il palazzo dello sport è invece un posto dove si fanno spettacoli (partite di basket,
pallavolo, concerti). In genere si trova in periferia e ha un ampio parcheggio.

n L’importanza della raccolta differenziata dei rifiuti

In tutto il mondo si producono sempre più rifiuti (le cose che si buttano via). Oggi
in Italia il 74% dei rifiuti viene portato nelle discariche (dei grandi terreni dove i
camion buttano i rifiuti) e il 7% viene bruciato. Però, questi due sistemi non sono
buoni. Quando piove, infatti, l’acqua che attraversa le discariche si inquina (si
sporca) e porta poi quei veleni nei fiumi e nel mare. E quando si bruciano i rifiuti,
si producono dei fumi velenosi.
Non bisognerebbe quindi buttare tanti rifiuti nelle discariche, ma riciclarli (tra-
sformarli in cose che possiamo usare di nuovo).
Per esempio, le bucce della frutta possono essere trasformate in terra, la carta e la
plastica vecchie possono essere trasformate in nuova carta e nuova plastica.
Per fare questo, è importante però non buttare tutti i rifiuti nello stesso cassonetto
della spazzatura. La carta deve essere buttata nel cassonetto per la carta; le cose di
plastica in quello per la plastica; le lattine e il vetro in quello solo per loro e i rifiu-
ti della cucina in quello per il materiale organico. Questo si chiama: fare la raccol-
ta differenziata dei rifiuti.

130
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

B. Esercizi
l Segna la risposta giusta
a) L’industria è il settore primario dell’economia Vf
c) Nell’industria lavorano gli operai Vf
d) I servizi sono il settore terziario dell’economia Vf
e) Nei servizi lavorano poche persone Vf

l Metti le frecce giuste


in fabbrica: si producono oggetti in serie (tutti uguali)
lavorano più di 15 operai
si producono oggetti su misura
lavorano meno di 15 operai
nel laboratorio artigiano: l’operaio fa sempre le stesse operazioni
l’operaio fa un lavoro un po’ più vario
si aggiustano gli oggetti
nei negozi: lavorano i commercianti
si può comprare di tutto
si può comprare un tipo certo di merci
nei centri commerciali: si arriva in treno
si arriva facilmente da una grande strada

l Completa
Usa queste parole:
industria, servizi, l’aeroporto, la scuola elementare, la scuola media, l’ufficio postale, i negozi, il gran-
de ospedale, i centri commerciali.

I ......... .................................... sono un settore dell’economia che è diventato molto impor-


tante. Oggi nei servizi lavorano ancora più persone che nell’ ............................................. .
Molti servizi si trovano un po’ dappertutto, in ogni quartiere della città e in ogni
paese: ad esempio .............................. . . . . . . . . . . . . . . . , ............................................. , ............................................. ,
............. ................................ ; altri servizi invece si trovano solo nelle grandi città: ad esem-
pio .... ......................................... , .................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

l Chi lavora nell’industria? Chi lavora nei servizi?


l’operaio, il commerciante, il guidatore dell’auto- riere, il pizzaiolo, l’ingegnere (la persona che
bus, il professore, il falegname di un laboratorio progetta le macchine), il dottore, il fotografo
artigiano; il taxista, il cuoco, il muratore, il came-
Metti le persone nei cerchi giusti

industria servizi

.............................................................. ..............................................................

.............................................................. ..............................................................

.............................................................. ..............................................................

Ora rileggi ogni idea importante e cerca di spiegarla a un tuo compagno.


Ricorda di usare le parole che hai imparato.

131
VOLUME
MODULO D 2 • VENTI
• LE REGIONI ITALIANE
CAPITOLO 4

I TRASPORTI

1. Parole per capire


Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove:
vie di comunicazione ......................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . .
............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

mezzi di trasporto ............................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

autostrada ................................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

ferrovia ...................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

carreggiata ............................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

binario ........................................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

linea ad alta velocità .......................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

fiume navigabile ................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

diga .. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

chiatta ......................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

porto commerciale .............................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . .


.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

aeroporto .................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

gas di scarico .......................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

n Se vuoi, puoi scriverle su una rubrica, che diventerà il tuo glossario personale
per le parole o le espressioni più difficili.

132
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

2. Cose da sapere
A. Le idee importanti

l Le vie di comunicazione collegano i centri abitati


l Le strade e le autostrade sono diverse in pianura e in montagna
l Anche le ferrovie cambiano in pianura e in montagna
l I fiumi navigabili hanno spesso sbarramenti fatti dall’uomo (dighe e conche)
l I porti commerciali e gli aeroporti sono spazi attrezzati per le navi e gli aerei
l I gas di scarico inquinano l’aria

n Le vie di comunicazione collegano i centri abitati

Incrocio di strade e autostrade in pianura

Come vedi nella foto, spesso il territorio in cui viviamo ha molte vie di comunica-
zione, che servono per spostare facilmente le persone e le cose da un posto all’al-
tro su auto, camion, navi o aerei (che si chiamano mezzi di trasporto).
Le vie di comunicazione più importanti sulla terraferma sono: le strade, le auto-
strade e le ferrovie. Dove ci sono grandi pianure (come in Francia o in Germania)
anche i fiumi e i canali sono spesso delle vie di comunicazione, perché sono navi-
gabili e perché trasportare le merci sull’acqua costa poco.
Sempre sulla terraferma ci sono i porti, dove arrivano e partono i mezzi di tra-
sporto via mare, come le navi, e gli aeroporti, dove arrivano e partono i mezzi di
trasporto che viaggiano nell’aria, come gli aerei.

133
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n Le strade e le autostrade sono diverse in pianura e in montagna

Le strade e le autostrade sono una specie di «nastri» d’asfalto dove passano auto,
moto, autobus, camion (che si chiamano «mezzi di trasporto su gomma», perché
hanno le ruote con pneumatici di gomma).
Le strade sono più piccole delle autostrade e passano per i paesi e le città: non si
può quindi viaggiare molto veloci. Le autostrade, invece, sono strade più grandi,
che non entrano nei paesi e nelle città. Hanno due parti separate (che si chiamano
carreggiate): una per chi viaggia in una direzione, una per chi viaggia nell’altra.
Ogni carreggiata ha due o tre corsie: così si può viaggiare molto velocemente.
Le strade e le autostrade in pianura sono spesso dei lunghi nastri d’asfalto diritti, co-
me puoi vedere nell’immagine a sinistra. In montagna, invece, come vedi nell’imma-
gine a destra, hanno tante curve, gallerie e viadotti (una specie di lunghi ponti). Que-
sto succede perché le strade e le autostrade si devono adattare al territorio.

A B

Strada di pianura Autostrada in montagna

n Anche le ferrovie cambiano in pianura e in montagna

Le ferrovie sono «strade ferrate» con binari di ferro su cui passano i treni. Oggi in
Europa ci sono poche ferrovie con un solo binario, dove può passare un treno per
volta, e moltissime ferrovie a doppio binario, dove possono passare molti treni. Si
costruiscono anche molte linee ad alta velocità, per i treni più veloci.
In pianura, le ferrovie corrono spesso diritte. In collina e in montagna hanno invece
grandi curve, salgono molto dolcemente e spesso entrano nelle gallerie, perché i tre-
ni non possono muoversi dove ci sono forti salite, discese ripide e curve strette. An-
che le ferrovie quindi, come le strade e le autostrade, devono adattarsi al territorio.

A B

Linea a doppio binario in pianura Linea a binario singolo in montagna

134
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n I fiumi navigabili hanno spesso sbarramenti fatti dall’uomo

Dove ci sono grandi pianure, spesso anche i fiumi sono grandi, lenti e si può navi-
gare sulle loro acque. Allora ci sono grandi navi dal fondo piatto (che si chiamano
chiatte) che trasportano le merci pesanti, come il legname, la sabbia o il carbone, e
il trasporto costa poco. Per poter trasportare più facilmente le merci, spesso gli
uomini costruiscono canali tra un fiume e l’altro. Se in qualche punto ci sono dei
«salti» dell’acqua (dislivelli) che farebbero rovesciare le navi, gli uomini costrui-
scono degli sbarramenti con delle conche (una specie di ascensore per le navi)

2a porta
1a porta (aperta) bacino (chiusa)

chiatta in entrata

2a porta 2a porta
1a porta (chiusa) (chiusa) (aperta)

2 3

n I porti commerciali e gli aeroporti sono spazi attrezzati per le navi e gli aerei

I porti commerciali ser-


vono alle navi per cari-
care e scaricare le mer-
ci. Per fare questo, le
onde del mare non de-
molo
vono essere forti. Co-
esterno me vedi nella figura a
molo sinistra, i porti hanno
esterno quindi una diga che
B A C I N O
entrata uscita «sbarra» il mare aper-
diga to e due moli esterni
che partono dalla riva
e arrivano quasi fino
alla diga: c’è quindi so-
mare aperto
lo un passaggio per
l’entrata e uno per l’u-
Schema di un porto scita delle navi.
Gli aeroporti servono
invece agli aerei per caricare e scaricare le merci e le persone. Hanno molte parti: le
piste di volo dove gli aerei arrivano e partono, i piazzali di sosta dove caricano e sca-
ricano, la torre di controllo dove i controllori danno gli ordini ai piloti, per fare atter-
rare o partire gli aerei senza incidenti. Ci sono poi gli hangar, dove si controllano gli
aerei, l’aerostazione, dove si imbarcano e sbarcano i passeggeri, e i grandi parcheggi
esterni.

135
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n I gas di scarico inquinano l’aria

I gas di scarico delle automobili e delle moto, oltre che dei camion, fanno molto
male alla salute: quando li respiriamo insieme all’aria, fanno male ai bronchi, ai
polmoni e alla circolazione del sangue. Fra i gas di scarico ci sono le polveri sottili,
che sono molto piccole e proprio per questo arrivano più facilmente ai polmoni.
Oggi i costruttori di automobili cercano di costruire auto che lasciano nell’aria
(emettono) meno gas di scarico, ma questo non basta ancora per risolvere il pro-
blema. La vera soluzione sarebbe quella di costruire auto con il motore a idroge-
no: queste auto, infatti, non emettono nell’aria gas di scarico. Per ora però costano
ancora troppo care e non possono essere comprate da tutti al posto delle automo-
bili con il motore a benzina o diesel.

B. Esercizi
l Sottolinea le tre risposte giuste. Poi scrivi sotto la frase completa.
Le vie di comunicazione più importanti sono:
a) strade e autostrade b) automobili e moto c) ferrovie
d) porti commerciali e aeroporti e) treni e aerei
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Le strade, le autostrade e le ferrovie:


a) si adattano al territorio
b) sono uguali in pianura e in montagna
c) in montagna hanno più curve che in pianura
d) hanno sempre molte gallerie
e) in pianura hanno lunghi tratti diritti
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Nelle grandi pianure i fiumi sono spesso:


a) navigabili b) grandi c) piccoli
d) lenti e) veloci
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Negli aeroporti ci sono:


a) due moli b) le piste di volo c) i piazzali di sosta
d) due corsie e) la torre di controllo
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

l Metti la freccia giusta


– la strada è una strada speciale per il traffico veloce
– l’autostrada è un nastro d’asfalto con due o più corsie
– la ferrovia è uno sbarramento del fiume
– la chiatta è una grande nave con il fondo piatto
– la diga è un lungo ponte, che si appoggia su tanti pilastri
– la conca è una vasca vicino alla diga
– il porto commerciale è un’area dove arrivano e partono gli aerei
– l’aeroporto è una parte del mare dove le navi caricano e scari-
cano
– i gas di scarico sono gas che le auto,le moto e i camion lasciano nell’aria
– il viadotto è una strada ferrata

136
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

l Completa
Usa queste parole:
strade, navi, autostrade, chiatte, aerei, ferrovie, fiumi, territorio, montagna, pianura

Le principali vie di comunicazione sono: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . , . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,


............. ................................ , che collegano le diverse città. Sono anche molto importanti i
porti e gli aeroporti, per trasportare le merci con le ............................................. e con gli
............. ................................ Quando i .... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . sono navigabili, anch’essi sono
usati per trasportare merci pesanti. Il trasporto meno caro è anzi proprio quello sui
fiumi, attraverso grandi navi dal fondo piatto che si chiamano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le vie di comunicazione si adattano comunque al ........................................................... : in
............. ................................ le strade, le autostrade e le ferrovie hanno lunghi tratti diritti,
in ............................................. hanno curve, viadotti e gallerie.

l Perché sulle autostrade si viaggia più velocemente che sulle strade?


Trova le 4 risposte giuste.
– le autostrade sono sempre in pianura
– le autostrade non entrano nei paesi e nelle città
– le autostrade hanno due carreggiate separate
– le autostrade hanno viadotti e gallerie per superate gli ostacoli naturali
– le autostrade sono vicine alle ferrovie
– le autostrade non hanno semafori o attraversamenti per chi è a piedi

Adesso scrivi le risposte giuste nei cerchi.

..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................

in autostrada
si viaggia
velocemente
perché:
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................

Ora rileggi ogni idea importante e cerca di spiegarla a un tuo compagno.


Ricorda di usare le parole che hai imparato.

137
VOLUME
MODULO D 2 • VENTI
• LE REGIONI ITALIANE
CAPITOLO 5

LA POPOLAZIONE

1. Parole per capire


Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove:
popolazione ............................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

luogo di provenienza ......................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . .


............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

immigrato ................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

immigrato extracomunitario ........ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

censimento ............................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

giovani ........................................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

adulti ........................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

professione .............................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

disoccupato ............................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

popolazione attiva .............................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

popolazione non attiva .................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . .

.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

n Se vuoi, puoi scriverle su una rubrica, che diventerà il tuo glossario personale
per le parole o le espressioni più difficili.

138
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

2. Cose da sapere
A. Le idee importanti

l La popolazione è formata da tutte le persone che vivono in un posto


l Le persone si distinguono per l’età: ci sono giovani, adulti e anziani
l Le persone si distinguono anche per il lavoro (o professione) che fanno
l In Europa la popolazione invecchia
l Le persone che non lavorano sono la popolazione non attiva
l Le persone si distinguono infine per il luogo di provenienza
l Una vita poco sana qualche volta fa ammalare

n La popolazione è formata da tutte le persone che vivono in un luogo

La popolazione è formata da tutte le persone che vivono in un paese, una città o


uno stato. Le persone sono diverse fra di loro per tanti motivi. Ad esempio, si di-
stinguono per il sesso: ci sono infatti maschi e femmine. Si distinguono anche per
l’età: ci sono infatti giovani, adulti e anziani. Si distinguono poi per il tipo di lavoro
che fanno o perché lavorano o non lavorano. Infine, si distinguono in base al pae-
se da cui provengono: ci sono infatti persone che sono nate nel paese dove abitano
e persone che sono nate lontano, in altri paesi, e si chiamano immigrati.
Per avere una specie di fotografia della popolazione di uno stato si fa il censimen-
to della popolazione. Ogni famiglia deve rispondere a tante domande (ad esem-
pio, il capofamiglia deve dire dove abita, quanti figli ha, da dove viene, eccetera)
che servono per conoscere le principali caratteristiche della popolazione.
In Italia, il censimento si fa ogni 10 anni.

n Le persone si distinguono per l’età: ci sono giovani, adulti e anziani

La popolazione di un paese è formata da persone di tutte le età. Ci sono giovani,


adulti e anziani.

139
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

I giovani sono i bambini e i ragazzi fino a 18 anni. Come vedi nelle immagini qui
sotto, in questi anni essi crescono, vanno a scuola e imparano le cose che serviran-
no quando saranno adulti. A diciotto anni i giovani diventano maggiorenni, ed en-
trano così nel gruppo degli adulti. Possono votare, guidare l’automobile, avere un
conto in banca, possono decidere da soli tutto quello che vogliono fare e, se sba-
gliano, devono pagare di persona.

A B

Bambini appena nati nei lettini Ragazzi di scuola media

Gli adulti sono tutte le persone che hanno dai 18 ai 60 anni: in questi anni le per-
sone finiscono di studiare, lavorano e, in genere, si fanno una loro famiglia. Nelle
immagini qui sotto vedi dei ragazzi nel giorno della laurea, quando finiscono di
studiare all’università, e due persone nel giorno del matrimonio.

A B

Ragazze e ragazzi laureati Matrimonio

Gli anziani sono invece le persone che


hanno più di 60 anni e, di solito, non la-
vorano più.

Anziani in un parco

140
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n In Europa la popolazione invecchia

In Europa oggi ci sono meno giovani di tanti anni fa, perché negli ultimi anni sono
nati meno bambini. Invece gli anziani sono sempre di più, perché le persone oggi
vivono più a lungo per tanti motivi: perché mangiano meglio, vivono in case più
pulite e sane e hanno più medicine per curarsi di tanti anni fa. Oggi le donne vivo-
no, in media, 82 anni e gli uomini 76. Sempre in Europa, la famiglia è cambiata: gli
adulti si sposano meno e più tardi, molti adulti vivono insieme (convivono) senza
sposarsi. Molte donne che hanno una famiglia lavorano anche fuori casa e gli uo-
mini aiutano a crescere i figli: si dice allora che i compiti (ruoli) nella famiglia
sono cambiati e sono meno rigidi di tanti anni fa, cioè le donne possono fare cose
che prima facevano quasi solo gli uomini e viceversa.

n Le persone si distinguono anche per il lavoro (o professione) che fanno

Le persone si distinguono anche per il tipo di lavoro che fanno. Le persone lavo-
rano in tre grandi campi (o settori di attività):
il settore primario, che il settore secondario, che il settore terziario, che
vuol dire l’agricoltura e vuol dire l’industria e l’ar- vuol dire tutte le attività
l’allevamento tigianato che non producono cose
concrete, ma dei servizi
che sono comunque mol-
to importanti. Ad esem-
pio, il commercio, i tra-
sporti, le scuole, gli ospe-
dali

Agricoltori che raccolgono Operaio in una fabbrica Disegnatrice di uno studio


la frutta meccanica grafico

Oggi, nell’Unione Eurpea, moltissime persone lavorano nel settore terziario, mol-
te nell’industria e pochissime nell’agricoltura.
Infine, ci sono persone che non trovano o hanno perso il lavoro e sono disoccupa-
te. In Italia, soprattutto nel sud, i disoccupati sono ancora tanti.

n Le persone che non lavorano sono la popolazione non attiva

Non tutte le persone lavorano e sono pagate. Anzi, molte persone, per diversi mo-
tivi, non lavorano o lavorano senza essere pagate. Queste persone si chiamano:
popolazione non attiva.
I bambini e i ragazzi fino ai 14 anni non lavorano, perché devono crescere e anda-
re a scuola. Molti ragazzi anche dopo i 14 anni non lavorano, perché vanno ancora
a scuola.
Molte donne non lavorano fuori casa ma solo in casa e non vengono pagate: sono
le casalinghe.

141
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Alcune persone non lavorano, perché non trovano o hanno perso il lavoro: sono i
disoccupati.
Infine, gli anziani non lavorano più, perché sono troppo vecchi: molti di loro sono in
pensione, cioè vengono pagati per il lavoro che hanno fatto quando erano giovani.

n Le persone si distinguono infine per il luogo di provenienza

Molte persone sono nate nel paese in cui vivono. Molte altre persone, invece, sono
nate in un paese ma vivono in un altro paese: sono gli immigrati. Gli immigrati
che vengono da paesi fuori dell’Unione Europea si chiamano immigrati extraco-
munitari. Nell’Unione Europea ci sono tanti immigrati extracomunitari in Gran
Bretagna, in Germania, in Francia e adesso anche in Italia e in Spagna. In Italia, la
maggior parte degli immigrati extracomunitari viene dal Marocco, dall’Albania,
dalle Filippine, dalla Romania e dalla Cina. Molti vengono nei paesi europei per
lavorare, altri per studiare, altri per raggiungere la famiglia, altri per fuggire dalla
guerra o dalla povertà. Spesso nei paesi europei fanno i lavori più faticosi e che
durano poco tempo (non stabili), come la raccolta della frutta e della verdura, o le
colf e le badanti per gli anziani, o i venditori ambulanti per le strade.

A B

Raccoglitori di pomodori di origine africana Venditrice ambulante di origine cinese

n Una vita poco sana qualche volta fa ammalare

Qualche volta tutti ci ammaliamo; soprattutto d’inverno, molti di noi prendono


l’influenza, che è portata da un virus e passa (si trasmette) facilmente da una per-
sona all’altra.
Ci sono malattie che sono portate da virus o da batteri; altre malattie sono tra-
smesse dai genitori; altre ancora vengono quando si diventa vecchi e il corpo di-
venta debole. Le malattie però diventano più gravi se facciamo una vita poco
sana: ad esempio, se fumiamo è più facile che abbiamo problemi a respirare o ad-
dirittura un cancro ai polmoni. Se beviamo troppi alcolici (vino e liquori) è più fa-
cile che abbiamo problemi al fegato; se mangiamo troppo o cibi troppo grassi è
più facile che diventiamo troppo grassi (obesi) e abbiamo problemi a muoverci e
a respirare.

142
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

B. Esercizi
l Sottolinea le tre risposte giuste, poi scrivi sotto la frase completa
Per uno stato è importante sapere:
a) l’età delle persone
b) il colore dei capelli degli abitanti
c) l’altezza degli abitanti
d) la professione delle persone
e) la provenienza degli abitanti
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

E poi è anche importante sapere:


a) la ricchezza delle persone
b) la religione degli abitanti
c) i vestiti degli abitanti
d) la lingua degli abitanti
e) i cibi che mangiano le persone
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Nell’Unione Europea oggi ci sono:


a) meno bambini di un tempo
b) meno ragazzi di un tempo
c) lo stesso numero di bambini di tempo
d) più anziani di un tempo
e) meno anziano di un tempo
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Il censimento serve a sapere:


a) quante persone vivono in uno stato
b) quante persone vivono in una città
c) le caratteristiche più importanti della popolazione di uno stato
e) che cosa pensano le persone
f) che cosa vogliono le persone
g) l’età, il sesso, la religione, la provenienza, il lavoro delle persone
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

l Metti le frecce giuste


– il settore primario comprende l’agricoltura e l’allevamento
– il settore secondario comprende l’industria
– il settore terziario sono persone che non hanno un lavoro
– i disoccupati comprende tutti i servizi
– i giovani hanno fra i 18 e i 60 anni circa
– gli adulti sono persone nate in un altro paese
– gli anziani hanno meno di 18 anni
– la popolazione non attiva non lavora o non viene pagata
– gli immigrati hanno più di 60 anni
– fumare fa male ai polmoni

143
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

l Completa
Usa queste parole:
anziani, matrimoni, convivenze, bambini, uomini, donne, ruoli, primario, secondario, terziario

Oggi nei Paesi della Comunità europea nascono meno ............................................. , ma ci


sono molti ............................................. . Ci sono sempre meno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e sem-
pre più ............................................. . I ...... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . degli uomini e delle donne sono
cambiati in confronto a trenta o quaranta anni fa. Infatti, oggi le . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
spesso lavorano fuori casa e studiano molti anni; mentre gli .............................................

spesso aiutano nei lavori in casa e aiutano anche a crescere i figli. Moltissime perso-
ne lavorano nel settore ..................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . , che comprende i servizi, molte lavora-
no nel settore ........................................ . . . . . , che vuol dire l’industria, pochissime lavorano
nel settore ............................................. .

l Trova i «perché» giusti


Perché nei paesi dell’Unione Europea nascono meno bambini?
a) perché le famiglie hanno pochi soldi
b) perché non ci sono molti asili per i bambini
c) perché le mamme e i papà lavorano fuori casa
d) perché molte persone si sposano tardi
e) perché le persone non vogliono passare molto tempo con i bambini
f) perché i bambini non piacciono
Perché nei paesi dell’Unione Europea ci sono molti anziani?
a) perché le persone vivono più a lungo
b) perché ci sono molte medicine per curare le malattie
c) perché si mangia di più e meglio di tanti anni fa
d) perché si lavora molto
Perché nei paesi dell’Unione Europea poche persone lavorano nell’agricoltura?
a) perché le macchine fanno molti lavori
b) perché poche persone riescono a lavorare molta terra
c) perché non si guadagna molto
d) perché molti lavori durano pochi giorni (come raccogliere la frutta o la verdura)
e) perché vivere in campagna fa male

Adesso scrivi le risposte giuste nei cerchi

.............................................................. ..............................................................

.............................................................. ..............................................................

.............................................................. ..............................................................
poche persone
lavorano
nell'agricoltura
..............................................................
perché:
..............................................................
.............................................................. ..............................................................
.............................................................. ..............................................................

Ora rileggi ogni idea importante e cerca di spiegarla a un tuo compagno.


Ricorda di usare le parole che hai imparato.

144
VOLUME
MODULO D 2 • VENTI
• LE REGIONI ITALIANE
CAPITOLO 6

LA SPAGNA

Cose da sapere
A. Le idee importanti
l Quadro fisico
l La Spagna ha quasi 40 milioni di abitanti che vivono soprattutto nelle città e
sulle coste
l L’economia spagnola è in forte sviluppo
l La capitale è Madrid
l La Spagna è formata da tre parti
l Uno degli spettacoli più famosi in Spagna è la corrida

Golfo di
C O

Biscaglia
F R A N C I A
N T I

brici
Canta P Pico de Aneto
nti 3404 ANDORRA
Mo I
R
A T L A

E N
Meseta E I
M o
n Eb
t
Duero i ro
O

Settentrionale Barcellona
O C E A N O

I
b
L

i
r
L

Madrid c
i
o

i
Tag
G A

r Minorca
a
M e s e t a e
l
a
T O

M e r i d i o n a l e Valencia Maiorca
B

Ibiza
Guadian a
P O R

Morena Formentera
rra
Sie O
uivir
E
dalq N
Gua t ica A
e
a B R
ier R
Cor digl E
Mulhacén T
3478 I
D
E
M
La Palma
i e R
Tenerife r M A
Gomera a Lanzarote
Ceuta
ALGERIA
n
Hierro a Gran Fuerteventura
MAROCCO Melilla SCALA 1 : 8 000 000
C

Canaria 0 100 200


MAROCCO km
SCALA 1 : 15 000 000
0 400
km

n Quadro fisico

La Spagna si trova nella Penisola Iberica e confina con la Francia e il Portogallo.


È grande quasi due volte l’Italia.
A nord est confina con la Francia attraverso i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ; sugli altri tre lati è
circondata dal ......................................... . ; dall’ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e dal . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

145
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Al centro della Spagna c’è un grande altopiano che si chiama Meseta; attorno alla
Meseta ci sono molte catene montuose.
Guarda la carta e scrivi i nomi delle catene montuose:
1) .................................................................................................................. 2) ................................................................................................................

3) .................................................................................................................. 4) ................................................................................................................

Le due montagne più alte sono il . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . nella Cordigliera Betica e il


............. ................................ nei Pirenei.

Le pianure sono poche; si trovano soprattutto lungo i fiumi e lungo le coste.


Guarda la carta e scrivi i nomi delle pianure più importanti:
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

I fiumi più importanti sono 5.


Guarda la carta e scrivi in quale mare sfociano:
1) .................................................................................................................. 2) ................................................................................................................

3) .................................................................................................................. 4) ................................................................................................................

5) ..................................................................................................................

In Spagna i fiumi sono poveri d’acqua in estate e ricchi d’acqua in inverno; si dice
che hanno una portata d’acqua irregolare.
Il clima è di tre tipi:
1) sulla costa settentrionale il clima è oceanico; i venti che vengono dall’Oceano
Atlantico portano la pioggia e la temperatura è mite;
2) nella Meseta il clima è continentale; le estati sono calde e gli inverni sono freddi;
3) sulla costa meridionale il clima è mediterraneo; caldo e con poca pioggia in
estate e con temperature miti durante l’inverno.

n La Spagna ha quasi 40 milioni di abitanti


che vivono soprattutto nelle città e sulle coste

In Spagna vivono
quasi 40 milioni di
CANTABRIA PAESI
persone; quasi tutte BASCHI
ASTURIE
Bilbao
vivono vicino al mare
GALIZIA NAVARRA
o nelle città, dove è
più facile trovare la- LA RIDIA
CATALOGNA
voro. CASTIGLIA VECCHIA Saragozza
LEÓN
La lingua ufficiale è 1 Barcellona
ARAGONA
lo spagnolo (castiglia- 6 2
no), ma si parlano an- Madrid
che l’euskara, nei 5
Paesi Baschi; il catala- 3
4 Valencia
no, in Catalogna, e il Baleari
ESTREMADURA CASTIGLIA NUOVA VALENCIA
gallego, in Galizia. LA MANCHA
La Spagna è divisa in Aree regionali
17 regioni che hanno MURCIA NORD NORD-
EST
molta autonomia. Siviglia EST

Due di queste regio- A N D A L U S I A CENTRO

ni sono formate dagli SUD


Malaga
arcipelaghi delle Ba- 1 Direttrici stradali
leari e delle Canarie.

146
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Guarda la carta e scrivi i nomi delle 17 regioni che formano la Spagna:


1) Baleari 2) Canarie 3) ....................................................................

4) .................................................................. 5) ................................................................... 6) ....................................................................

7) .................................................................. 8) ................................................................... 9) ....................................................................

10) ............................................................... 11) ................................................................ 12) ..................................................................


13) ............................................................... 14) ................................................................ 15) ..................................................................
16) ............................................................... 17) ................................................................

Le due città più importanti sono la capitale, Madrid, e Barcellona.


Queste due città hanno più di un milione di abitanti.

Le grandi vie di comunicazione, cioè strade, autostrade e ferrovie, partono tutte


dalla capitale. Sembrano i raggi di un cerchio o della ruota di una bicicletta. Per
questo si dice che sono a raggiera.
Alcune strade e ferrovie importanti seguono anche il corso del fiume Ebro e col-
legano il mar Mediterraneo con l’Oceano Atlantico.

n L’economia spagnola è in forte sviluppo

In questi ultimi anni l’economia è cresciuta molto in tutti i settori.


Nell’agricoltura lavora ancora il 7% della popolazione; si coltivano la vite, l’olivo, gli
agrumi, i cereali, le patate, la barbabietola da zucchero, il tabacco, il cotone e il gira-
sole. È importante anche l’allevamento dei suini e degli ovini (in particolare le peco-
re merinos che hanno una lana lunga e calda) e la pesca nell’oceano Atlantico.
Anche l’industria è cresciuta molto negli ultimi anni. Sono sviluppate le regioni
della Catalogna, l’Aragona, i Paesi Baschi e le Asturie. Ci sono molte industrie an-
che a Madrid e Barcellona. Le industrie più diffuse sono quelle automobilistiche,
meccaniche, chimiche, navali, della gomma e del vetro.
Molto importante è il turismo. La Spagna è uno Stato con una storia molto antica;
molte città sono bellissime e le coste sono ricche di spiagge e centri turistici.

n La capitale è Madrid

La capitale della Spagna è Ma-


drid, che si trova al centro della
Meseta.
È la capitale dal 1561; prima era
una piccola città circondata da
campi dove si allevavano le pe-
core. Il re Filippo II scelse Ma-
drid come capitale perché era al
centro del Paese. Da quel mo-
mento la città è diventata sem-
pre più grande e importante; so-
no state costruite le strade e i pa-
lazzi più belli, come il Palazzo
Reale, l’Accademia reale delle
Belle Arti e il museo del Prado. Palazzo Reale a Madrid

n La Spagna è formata da tre parti

Se guardi la cartina della Spagna vedi che il territorio di questo grande paese è
formato da tre parti.
147
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

A nord vi sono:

O C E A N O A T L A N T I C O

Oviedo Santander F R A N C I A
San Sebastián
T U R I E
Bilbao
A BRIA
ZI A S i CANTA PAESI
LI tC a n t a b
A n r i BASCHI
G o c i Pico de Aneto
M P 3404 ANDORRA
NAVARRA I
R
Ebro E
N E I
M A
G N
O

o
A R A G O N A L
A

n
Saragozza T
A

t
C Barcellona

i
1) La zona atlantica, cioè il territo- Ebro

I b
rio sull’oceano. MAR
In questa zona ci sono molte MEDITERRANEO

e
r
montagne e piove spesso. La cit- i c
i SCALA 1 : 5 000 000
0 100
tà più importante è Bilbao. 50
km
Scrivi i nomi delle quattro re-
gioni della zona atlantica:
.................................................................................................................. ...........................................................................................................................

.................................................................................................................. ...........................................................................................................................

2) La Valle del fiume Ebro, formata dalle pianure che circondano il fiume Ebro.
L’Ebro sfocia (arriva) nel mar Mediterraneo con una foce a delta. Qui si colti-
vano grano, olivi e vite.
La città più importante è Saragozza.
3) La Catalogna si trova sul Mar Mediterraneo. È molto ricca, piena di industrie e
con un porto molto importante: Barcellona. Barcellona è la seconda città della
Spagna dopo la capitale Madrid.

Al centro vi sono:
1) La Meseta settentrionale. In
questa regione il fiume più im-
portante è il Duero. La Mese- Meseta
Burgos

ta è un grande altopiano dove Castiglia Vecchia


fa caldo in estate e freddo in o León
P O R T O G A L L O

inverno. Non è una zona mol- Valladolid


o
Duer
to abitata e si coltivano grano
Settentrionale a d em a
e olivi. La città più importante err a
Segovia Si darr
a
è Valladolid. Avila G u

2) La Meseta meridionale. In
os
questa regione i fiumi più im- Sierra de Gred Madrid
portanti sono i fiumi Tago e M e s e t a
Guadiana. Anche in questa Toledo
o

Ta g
zona della Spagna fa caldo in Castiglia Nuova
estate e freddo in inverno e gli o La Mancha

abitanti sono pochi. La città


Gu a d i a n a M e r i d i o n a l e
più famosa è Toledo.

SCALA 1 : 6 000 000


0 50 100
km

148
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

A sud si trova la regio-


ne dell’Andalusia con:

PORTOGALLO
a
1) La valle del fiume

n
a

dia
r a M o r e n
Guadalquivir. È una e r

ua
i

G
S
zona molto fertile, do- alqu
ivir
Córdoba
uad a
ve si coltivano grano, G
i c
A N D A L U S I A t
olivi e viti in grandi B
e

quantità. Le città più e r a


Siviglia r d i g l i Granada
o
C M. Mulhacén
famose sono Siviglia Si 3478
err a
e Cordoba. a Nevad
Torremolinos
2) A sud del fiume Gua- Marbella
Malaga
S o l
dalquivir c’è la Cordi- OCEANO d e l
s t a
gliera Betica; il mas- o
DITERRANEO
R ME
C
AT L A N T I C O MA
siccio più importatn- Stretto di Gibilt
er ra
SCALA 1 : 5 000 000
0 50 100
te è la Sierra Nevada MAROCCO km

che arriva fino a 3478


metri di altezza con il monte Mulhacén.
La città più importante è Granada.
3) Sul mar Mediterraneo c’è la Costa del Sol; su queste spiagge ci sono molti cen-
tri turistici. La città più importante è Malaga.

n Uno degli spettacoli più famosi in Spagna è la corrida

La parola corrida significa cor-


sa. È uno spettacolo dove si af-
frontano uomini e tori. È uno
spettacolo molto antico che non
si svolge solo in Spagna, ma qui
finisce con la morte del toro o
(raramente) del torero.
Le corride si svolgono in posti
speciali chiamati «plaza de to-
ros», dove cìè posto per migliaia
di spettatori.

149
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

B. Esercizi
l Segna la risposta giusta
a) La Meseta è un altopiano che si trova al centro della Spagna Vf
b) In Spagna vivono circa 30 milioni di persone Vf
c) L’economia della Spagna non è migliorata negli ultimi anni Vf
d) La capitale della Spagna è Madrid Vf
e) Dopo Madrid, la città più importante è Siviglia Vf

l Le cause e gli effetti


Completa lo schema.

è entrata
nell’Unione europea

..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................

la Spagna
ha un’economia
che sta crescendo
perché:
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................

..............................................................

..............................................................

..............................................................

Ora prova a rileggere con attenzione quello che hai studiato e cerca di ripetere
tutto quello che ti ricordi in modo chiaro.
Ricorda di usare tutte le parole nuove che hai imparato.
Puoi aiutarti guardando la carta della Spagna.

Se non ti riesce, puoi aiutarti rispondendo a queste domande:

a) Dove si trova la Spagna?


b) Da quali mari è bagnata?
c) Con quali stati confina?
d) Quali sono le sue montagne più alte? E i suoi fiumi più lunghi?
e) È uno stato importante e popolato?
f) La sua agricoltura è ricca? Perché?
g) Il settore secondario è sviluppato? Perché?
h) Quello terziario è importane?
i) Quali sono le sue città più importanti?

Ora prova a ripetere da solo.

150
VOLUME
MODULO D 2 • VENTI
• LE REGIONI ITALIANE
CAPITOLO 7

LA FRANCIA

Cose da sapere
A. Le idee importanti
l Quadro fisico
l La Francia ha quasi 60 milioni di abitanti
l L’economia francese è una delle più sviluppate del mondo
l La capitale è Parigi
l La Francia è formata da tre parti

SCALA 1 : 8 000 000


0 50 100
km
BELGIO GERMANIA
a
i c
L a M a n
ARDENNE
LUSSEMBURGO

en Parigi
S

na
B r e
t a
g

I
n

SG
B a c i n o d i P a r i g i
a

O
V
a
L o ir

SVIZZERA
A
UR

dano
Ro
GI

OCEANO
AT L A N T I C O MASSICCIO Lione

CENTRALE ITALIA
Rodano

Bacino
ALPI
Ga
r
on

Aquitano
na

MONACO

P I R
E N
S PA G N A E
I MAR
Bacini pianeggianti ANDORRA
MEDITERRANEO
Spartiacque Atlantico - Mediterraneo

n Quadro fisico

La Francia è uno dei grandi stati europei ed è grande quasi due volte l’Italia.
Sembra un grande esagono.
Guarda la carta:
La Francia confina ad est con il . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . , il . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,
la ......................................... , la ................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . , l’. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A sud confina
con la ..................................... . È bagnata dal .................................... , dall’. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . , dal
Canale della ..................................... .

151
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

A nord il territorio è quasi tutto una pianura; se osservi la carta puoi vedere il Ba-
cino di Parigi, che è una delle pianure più grandi di tutta l’Europa.
A ovest si trovano le colline della Bretagna.
A est e a sud il territorio è più vario. A est ci sono le piccole catene montuose dei
Vosgi e del Giura.
Al centro c’è il Massiccio Centrale: sono montagne molto antiche e non tanto alte.
Al confine con l’Italia ci sono le Alpi: sono delle montagne giovani dove si trova il
Monte Bianco, che è la montagna più alta d’Europa.
Al confine con la Spagna ci sono i Pirenei.
Tra il Massiccio Centrale e le Alpi si trova la Valle del Rodano, e sull’Oceano
Atlantico c’è la pianura del Bacino Aquitano.
In Francia molti fiumi sono lunghi e ricchi di acqua.
Guarda la carta e scrivi in quale mare sfociano:
1) .................................................................................................................. 2) ................................................................................................................

3) .................................................................................................................. 4) ................................................................................................................

Il clima è di quattro tipi:


1) vicino all’Oceano il clima è atlantico, con venti che portano pioggia e umidità
in tutte le stagioni;
2) nella zona interna il clima è continentale, con estati calde e inverni freddi;
3) sulla costa meridionale il clima è mediterraneo, con estati abbastanza calde e
temperature miti durante l’inverno;
4) sulle montagne il clima è di alta montagna, con inverni freddi ed estati brevi.

n La Francia ha quasi 60 milioni di abitanti

In Francia abitano quasi 60 milioni di persone.


Si parla francese.
In Francia ci sono quasi 3,5 milioni di lavoratori stranieri.
Alcune delle città francesi sono grandi. La capitale è Parigi; altre città importanti
sono Lione, Marsiglia e Lilla.
Le strade e le ferrovie principali partono da Parigi e vanno in tre direzioni: nord;
sud-est e sud-ovest.

n L’economia francese è una delle più sviluppate del mondo

La Francia ha una delle economie più ricche del mondo.


L’agricoltura è ricca, perché la Francia ha grandi pianure e in campagna si usano
le tecniche moderne (grandi macchine, concimi). Si coltivano frumento, granturco,
barbabietola da zucchero e vite. Si allevano i bovini. Anche la pesca è importante.
L’industria è molto sviluppata; le industrie francesi sono tra le prime in molti set-
tori. Ad esempio, sono famose in tutto il mondo le automobili francesi come le
Renault, le Citroen e le Peugeot oppure gli aerei (Concorde, Mirage e Airbus).
La Francia produce anche molta energia con le sue centrali nucleari (ne ha 58).
Anche il turismo è molto sviluppato. Una delle città preferite dai turisti è Parigi.

n La capitale è Parigi

La capitale della Francia è Parigi. Questa città si trova nel nord del paese, sul fiu-
me Senna, al centro del Bacino di Parigi. Ha una posizione geografica ottima ed è
una città importante fin dal Medioevo. Oggi vivono a Parigi quasi 9 milioni di per-
sone.
Il centro della città è stato costruito quasi tutto verso il 1850: ha grandi strade
(boulevard) che portano alle piazze più importanti e palazzi molto belli.

152
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

A Parigi ci sono negozi, universi-


tà famose, ministeri, teatri e mu-
sei. È una città che attira ogni an-
no milioni di turisti. Ha anche
una grande periferia, dove vivo-
no più di 7 milioni di persone.
In questa fotografia puoi vedere
la Torre Eiffel, il simbolo di Pari-
gi. È stata costruita nel 1889.
È tutta in acciaio ed è alta più
di 300 metri. In cima alla torre
c’è un ristorante.
Il fiume che vedi è la Senna.

La Senna e la Torre Eiffel a Parigi


n La Francia è formata da tre parti

Se guardi la cartina della Fran-


cia, puoi vedere che il territorio Londra
di questo grande paese è forma- Calais
Eurotunnel
to da tre parti. BELGIO
a
Parte settentrionale c Lilla
n i
La Francia settentrionale è for- L a M a

mata dal Bacino di Parigi. È una Etretat


Alta Piccardia LUSS.
pianura con grandi fiumi come la Normandia

gne
Senna e la Loira. È la zona più Bassa

pa
Se M
importante dello Stato. Normandia nn
a

am

ar
na
Tra le sue regioni, puoi ricono-
h
Parigi C
scere la Piccardia, la Champa-
B a c i n o d i P a r i g i
gne, la Normandia e la Valle del- Orléans
la Loira, che si chiama così per- r
a

Angers
L oi
ché qui scorre il fiume Loira.
SCALA 1 : 7 000 000
0 50 100
km

La Champagne è famosa per i


suoi vini, mentre la Normandia
è famosa per l’allevamento dei
bovini e per i suoi formaggi.
Nella Valle della Loira il paesag-
gio è bellissimo e questa regione
viene chiamata «il giardino di
Francia». Per questo in passato
molti nobili e re francesi hanno
fatto costruire qui i loro castelli,
che oggi attirano molti turisti.

Castello di Chambord lungo la Loira

153
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Parte centrale
Parigi
Al centro ci sono due SCALA 1 : 5 000 000
0 100
Digione
50
grandi sistemi montuosi: km

il Massiccio Centrale e le SVIZZERA


Alpi. Sono divisi dal fiu-

All
Loi

Sao na
me Rodano e dalla sua

no
ier
a
Rod

ra
valle.
Ginevra Milano
Il Massiccio Centrale e le Vichy

R oda n o
Alpi sono grandi e, in al- Dôme M.te Bianco Valle
1464 Clermont- 4807
cuni punti, molto alti e di- Ferrand Lione d’Aosta
Dores

i a
vidono la Francia dal Me- 1885
diterraneo. M A S S I C C I O

r n
na Plomb
Grenoble

og
La montagna più impor- du Cantal Torino

Ro da n o
e
1753

rd
1855
Do
tante delle Alpi è il Mon-

v
l
A A L P I
te Bianco che si trova al I TA L I A
C E N T R A L E
confine con l’Italia. Il
monte Bianco è la mon-
tagna più alta d’Europa e
supera i 4800 metri.
Le città più importanti di MONACO

questa zona sono Vichy,


Lione e Grenoble. Marsiglia MAR
MEDITERRANEO

Parte meridionale
La parte meridionale del-
Ro d a n o

a
i
la Francia è quella che si Avignone ur
Lig
Pro u rra
trova sul Mar Mediterra- ve Arles zz Monaco
nz A Nizza
neo. a Cam u e a
a

c arg Cannes
st

In questa zona il Massic- do


Co

a
u Marsiglia
cio centrale e le Alpi ar- O
g

Golfo E
N
Lin

rivano fino al mare e c’è R R


A
del Leone
solo una sottile striscia di E D I T E SCALA 1 : 5 000 000
M
pianura. M A R 0 50 100
km

Se guardi la cartina, puoi


riconoscere la Linguado-
ca, la Camargue, la Pro-
venza e la Costa Azzurra.
La Costa Azzurra è fa-
mosa per le sue spiagge e
le sue città. Per questo
nella regione ci sono sem-
pre moltissimi turisti.
Le città più importanti
sono Marsiglia, Cannes e
Nizza. Vicino a Nizza c’è
poi Monaco, che è un pic-
colissimo Stato sulla co-
sta francese con grandi
alberghi e il famoso Casi-
nò (che è una casa da gio-
co)

Monaco

154
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

B. Esercizi
l Segna la risposta giusta
a) La Francia è uno degli Stati europei più piccoli Vf
b) In Francia vivono quasi 60 milioni di persone Vf
c) L’agricoltura è povera e arretrata (non usano le macchine) Vf
d) Parigi è attraversata dal fiume Senna Vf
e) La Torre Eiffel è un famoso monumento di Parigi Vf

l L’orientamento sulle carte


Colora sulla carta la Francia.
Scrivi il nome degli Stati
che confinano con la
Francia.
...............................................................................

...............................................................................

...............................................................................
O
C

...............................................................................
I
T
N

...............................................................................
A
L
T

...............................................................................
A
O
A N
O C E

M A R
M
E
D
I
T

Scrivi sulla carta il nome


dei fiumi, dei monti e del-
.....
...............
le pianure. ...............
...............

Scrivi dove sono le città


..
più importanti. .. .
. ..

. ...
.....
....

Scrivi i nomi dei mari che


...
.....

...

.
bagnano la Francia. ...
Ba ...
cin o ....
......
.............................

...........................
M. ..............
...............................
4807
Massiccio
............................
...

...
.................

... ....
... ....
... ....
... ....
...
... ....
. ....
..

........
........
........
........
...
.......................................

155
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

l Trova le notizie su Parigi e completa lo schema

si trova al centro
del Bacino di Parigi

..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................

Parigi
è una delle città
più famose
del mondo
perché: ..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................

..............................................................

..............................................................

..............................................................

Ora prova a rileggere con attenzione quello che hai studiato e cerca di ripetere
tutto quello che ti ricordi in modo chiaro.
Ricorda di usare tutte le parole nuove che hai imparato.
Puoi aiutarti guardando la carta della Francia.

Se non ti riesce, puoi aiutarti rispondendo a queste domande:

a) Dove si trova la Francia?


b) Da quali mari è bagnata?
c) Con quali stati confina?
d) Quali sono le sue montagne più alte? E i suoi fiumi più lunghi?
e) È uno stato importante e popolato?
f) La sua agricoltura è ricca? Perché?
g) Il settore secondario è sviluppato? Perché?
h) Quello terziario è importante?
i) Quali sono le sue città più importanti?

Ora prova a ripetere da solo.

156
VOLUME
MODULO D 2 • VENTI
• LE REGIONI ITALIANE
CAPITOLO 8

REGNO UNITO

Cose da sapere
A. Le idee importanti
l Quadro fisico
l Il Regno Unito ha quasi 59 milioni di abitanti
l Il Regno Unito è uno dei paesi più industrializzati del mondo
l La capitale è Londra
l La Gran Bretagna è formata da tre parti

SCALA 1 : 8 000 000 Shetland


0 100 200
km Orcadi

t.
i

et
d

s
r i

ds
an
E b

hl

i
Hig

an
pi

Ben Nevis
m

r a
1343 t i G
M .
SCOZIA MARE DEL
Glasgow
Ca
na Cly NORD
de d
.

l i
er
e

m
d
de

lan
Up
l N

893
IRLANDA Tyne
or

DEL NORD
d

ti.
Penn

Mar
d’Irlanda
ini

nt

Sheffield
IRLANDA
Tre
i. Cambrici
rg i o

INGHILTERRA
Se
Gio

Birmingham
vern

GALLES
S.
di

Mt
le

na Londra
Ca
Ta

mi
Canale di Br
is t o l
gi
er
ov
iD

d
621 to
et
S tr

i ca
La Man

FRANCIA

n Quadro fisico

Il Regno Unito è formato dalla Gran Bretagna e dall’Irlanda del Nord.


La Gran Bretagna è l’isola più grande di tutta l’Europa.
Guarda la carta.
La Gran Bretagna è bagnata dal ……………......................................… e dal ……………......................................……….

157
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

È divisa in tre regioni: l’Inghilterra, il Galles e la Scozia.


L’Inghilterra è formata da una grande pianura; solo a nord si trova una catena
montuosa non molto alta: i Monti Pennini.
Il Galles è una penisola quasi tutta montuosa; le montagne più importanti sono i
Monti Cambrici.
La Scozia occupa la parte settentrionale dell’isola. Ha tre catene montuose: le
Highlands settentrionali, i Monti Grampiani (Ben Nevis, 1343 m) e le Uplands
meridionali.
A ovest la costa è molto irregolare e forma dei fiordi, cioè dei punti dove il mare
penetra per chilometri all’interno. La Scozia ha anche molti arcipelaghi (gruppi di
isole): i più importanti sono le isole Ebridi, le Orcadi e le Shetland.
La Gran Bretagna ha cinque fiumi importanti.
Guarda la carta e scrivi i loro nomi:
1) ...................................................................................... 2) ..............................................................................
3) ...................................................................................... 4) ..............................................................................
5) ......................................................................................

Il fiume più lungo è il Severn, ma quello più importante è il Tamigi, perché attra-
versa la città di Londra e ha un grande porto che permette alle navi di arrivare
fino in città.
Il clima della Gran Bretagna è oceanico. Piove spesso e le temperature sono miti,
con poca differenza tra l’estate e l’inverno.
Molti secoli fa la Gran Bretagna aveva moltissime foreste; poi gli uomini hanno
tagliato molti alberi e oggi i boschi sono pochi. Ci sono invece tanti prati e pascoli.

n Il Regno Unito ha circa 59 milioni di abitanti

Il Regno Unito ha circa 59 milioni di abitanti; più di 57 milioni vivono in Gran


Bretagna.
La lingua ufficiale è l’inglese, ma in Galles, Scozia e Irlanda si parla anche il gaelico.
La religione più diffusa è quella anglicana. Il capo della Chiesa anglicana è il re
d’Inghilterra.
Le città più importanti sono Londra, Birmingham, Liverpool, Manchester, Gla-
sgow, Edimburgo e Belfast.
Londra è la capitale; è una delle città più grandi e moderne del mondo.
In Gran Bretagna ci sono molte strade e ferrovie. Le più importanti collegano il sud
dell’isola con la Scozia e partono da Londra per arrivare fino a Edimburgo.

n Il Regno Unito è uno dei paesi più industrializzati del mondo

In passato la Gran Bretagna è stata il paese più importante e ricco del mondo.
Ora non è più il primo paese del mondo, ma il Regno Unito resta uno degli Stati
più importanti dell’Europa.
L’agricoltura è molto sviluppata; si coltivano il frumento, l’orzo, la barbabietola da
zucchero, la patata e il lino.
Anche l’allevamento è importante, soprattutto quello delle pecore e dei bovini.
L’industria è ricca e sviluppata; ci sono industrie meccaniche, aeronautiche, cantie-
ri navali, chimiche, di lavorazione della lana e del lino. Nel Mar del Nord sono sta-
ti trovati il petrolio e il gas naturale, anche se il 25% dell’energia viene prodotta
con le centrali nucleari.
Anche il settore terziario è molto sviluppato e dà lavoro al 75% degli occupati.
La borsa di Londra è la terza del mondo dopo quella di New York e di Tokyo, e le
città e le bellezze della natura attirano molti turisti. Anche molti studenti vanno in
Gran Bretagna per imparare la lingua inglese.

158
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n La capitale è Londra

Londra si trova lungo il fiume Tamigi ed è un porto importante.


È stata una delle città europee più ricche e sviluppate fin dal XII secolo. Nel 1665
la peste ha ucciso molti dei suoi abitanti e nel 1666 la città è stata distrutta da un
grande incendio. È diventata molto importante alla fine dell’Ottocento, quando
l’Inghilterra aveva terre e colonie in tutto il mondo.
Ora è divisa in due parti: la City of London, che è il centro vero e proprio, con 5
milioni di abitanti, gli uffici, i negozi, la borsa, i musei e le università più famose e
la Greater London formata dai 32 quartieri della periferia.
Ha due grandi aeroporti: Gatwick e Heathrow.

Il Tamigi a Londra

n La Gran Bretagna è formata da tre parti

Se guardi la cartina della Gran Bretagna, puoi vedere che il territorio di questa
grande isola è formato da tre parti.

SCALA 1 : 5 000 000 Cambridge


0 50 100
km
330
Oxford
igi
Londra
Bristol Tam
I
I I I I
le di Bristol
I I I /
Cana
I
Dover er
I

ov lais
a
di D

Calais
C

Stonehenge
s so i
Pa tto d

Devon Somerset Bruxelles


Southampton
e

419 621
tr

S
Wight Eurotunnel
lia FRANCIA
o vag a
rn i c
Land’s Co M a
n
L a
End
Parigi

159
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Parte meridionale
A sud-ovest il territorio è collinare e poco popolato. Se guardi la carta puoi vede-
re la Cornovaglia, il Devon e il Somerset.
In questa zona si trova Stonehenge, il monumento preistorico più famoso d’Inghil-
terra.
Bristol è la città più famosa della regione.
A sud-est la regione è pianeggiante ed è influenzata dalla città di Londra. Nelle
campagne che circondano la città si producono la frutta, gli ortaggi, l’orzo e il fru-
mento che servono agli abitanti della capitale.
Le altre città importanti sono Southampton e Portsmouth.
Oxford e Cambridge sono due piccole città famose per le loro antiche università.
Il sud-est termina con lo Stretto di Dover; da qui parte l’eurotunnel, un canale che
passa sotto il mare e che unisce l’Inghilterra alla Francia.

Circolo megalitico di Stonehenge Scogliere a Dover

Parte centrale
Qui puoi riconoscere: MA RE
Monti D E L N ORD
1) Il Galles sul lato ovest del- Snowdon Pennini
t

1085
Cam brici

la Gran Bretagna, quasi Nottingham


Tre

tutto montuoso. Sulla car-


s

Birmingham d Norwich
tina puoi vedere i Monti MARE a
n
Se

l
ve

Cambrici; la montagna più D’IRLANDA


i d
rn

M Cambridge
alta è il monte Snowdon. Il Galles
ti

(Wales)
Mon

Galles è famoso per i ca-


stelli fatti costruire dal re
SCALA 1 : 5 000 000
inglese Edoardo I e per le Canal
Cardiff 0 50 100
e di Bristol I km
(sue) miniere di carbone. I
I I I
I I I I
I

La città più importante è


Cardiff.
2) Le Midlands, colline e grandi valli at-
traversate da fiumi ricchi d’acqua. I
fiumi più lunghi sono il Trent e il Se-
vern. Nella parte occidentale sono
nate le prime industrie del mondo ed
anche oggi le fabbriche sono molte.
La città più importante è Birmin-
gham; è una città industrializzata con
fabbriche di automobili, aerei, ali-
mentari e chimiche.

Birmingham

160
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Parte settentrionale
Qui puoi riconoscere:
1) L’Inghilterra del nord, bagnata dal Mar del Nord e dal Mare d’Irlanda. Al cen-
tro puoi vedere i Monti Pennini; sulle coste ci sono delle pianure e delle colline.
A ovest il Lancashire con molte città e a est lo Yorkshire ancora agricolo.
Le città più importanti sono Liverpool e Manchester.

DS
L AN SCALA 1 : 5 000 000
UP 0 50 100
km
N
ER
TH
U
SO Newcastle MARE

MO
893 Tyn e
M DEL NORD

NTI nPt
o

EN
Yo

i NINI
Man
r
Sw k s

P e
a hi
shir e r
n n i n i

le
MARE

e
ha

D’IRLANDA Leeds
nc
La

Liverpool Sheffield
Manchester
1085
Snowdon
ICI

2) la Scozia, che si trova nella parte settentrionale dell’isola. Le montagne occupano


quasi tutta la regione. Se guardi la cartina, puoi vedere le Highlands settentriona-
li, i Monti Grampiani e le Uplands meridionali. Nelle pianure si trovano le città
più importanti: la capitale politica e culturale, Edimburgo, e Glasgow, la città con
più abitanti di tutta la Scozia.

li MARE
a
n

Isole
io

DEL NORD
tr
en

Ebridi
t
et
s S
nd
la

Aberdeen
Up

i
an
Ben Nevis pi
m
1343 ra
G Dundee
ti
n
o
M
OCEANO
Lowlands of Forth
Firth
ATLANTICO Edimburgo
Glasgow li
Ca na
io
C ly d e

na
le e rid
d M
s
of

nd
el

a
th

Fir pl
No

U
rd

SCALA 1 : 5 000 000


0 50 100
km

161
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

B. Esercizi
l Segna la risposta giusta
a) Il Regno Unito è formato dalla Gran Bretagna e dall’Irlanda del Nord vf
b) L’Irlanda del Nord è più popolata della Gran Bretagna vf
c) La capitale, Londra, si trova sul fiume Tamigi vf
d) Per molto tempo la Gran Bretagna è stato lo Stato più ricco
e importante del mondo vf
e) Nel Regno Unito si parla solo l’inglese vf

l L’orientamento sulle carte

Colora sulla carta il Re-


gno Unito.
Scrivi i nomi degli stati
che sono separati da esso
soltanto da un braccio di
mare:
O
C

...............................................................................
I
T
N

...............................................................................
A
L
T

...............................................................................
A
O

...............................................................................
A N

...............................................................................
O C E

...............................................................................

...............................................................................

...............................................................................

M A R
M
E
D

Scrivi sulla carta il nome


dei fiumi, dei monti e del-
le pianure.
Scrivi dove sono le città
....... .

più importanti.
.. . . .

M. ......................
....

1343
...

Scrivi i nomi dei mari che ...

bagnano il Regno Unito. ...................................

893
.....

............................
.....
.....
.....
.....
...

. . ..
.. .

.
. ..
. .. . .
...
. . . ....

........................
.. .

.....
.. . . . .....
...
.
...
...
...
...
...
.
...
...
...

162
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

l Completa lo schema

si coltivano
frumento, orzo,
barbabietola
da zucchero,
patate e lino
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................

L’economia
inglese ha
molte risorse,
infatti
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................

..............................................................

..............................................................

..............................................................

Quali sono i due punti più importanti dello schema?


......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Perché?
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Ora prova a rileggere con attenzione quello che hai studiato e cerca di ripetere
tutto quello che ti ricordi in modo chiaro.
Ricorda di usare tutte le parole nuove che hai imparato.
Puoi aiutarti guardando la carta del Regno Unito.

Se non ti riesce, puoi aiutarti rispondendo a queste domande:

a) Dove si trova il Regno Unito?


b) Da quali mari è bagnato?
c) Con quali stati confina?
d) Quali sono le sue montagne più alte? E i suoi fiumi più lunghi?
e) È uno stato importante e popolato?
f) La sua agricoltura è ricca? Perché?
g) Il settore secondario è sviluppato? Perché?
h) Quello terziario è importante?
i) Quali sono le sue città più importanti?

Ora prova a ripetere da solo.

163
VOLUME
MODULO D 2 • VENTI
• LE REGIONI ITALIANE
CAPITOLO 9

GERMANIA

Cose da sapere
A. Le idee importanti

l Quadro fisico
l In Europa, la Germania è lo stato con più abitanti
l La Germania è uno stato federale con 16 stati (Lander)
l La Germania è ricca
l La Germania ha molte città. Le più importanti sono: Berlino, Amburgo, Monaco
l La Germania si divide in tre parti: il nord, il centro e il sud

DANIMARCA
MARE
M A R B A LT I C O
DEL NORD
Jutland

P O L O N I A
Elb
NORD a
PA E S I P i a n u r a G e r m a n i c a
BASSI
Od e r

Berlino
W

Ha
rz
es e
Ren

r
o

CENTRO
Se
BELGIO c i o
s i c lv
a nti ri
a sla o Tu Mo llife
M l n a
a Francoforte et
LUX. os
e

n M
ri

M e
n
gi

R
a
ana

Men o
REPUBBLICA
ino
Sv

Bac ancone CECA


e
ev

r
n

f
n

- co
evo
a

Bo
ra r e

SUD sv an em
-Fr
v o nu b i o a
lva s s a

e
Sv Da
Ne

se
FRANCIA iu
r a
Bavare
iano
Fo

G
top
Al Monaco
Se

L P I AUSTRIA
A
SCALA 1 : 8 000 000
SVIZZERA 0 100 200
km

n Quadro fisico

Guarda la carta.
La Germania è al centro dell’Europa: a nord è bagnata dal .................................................... e dal
; sempre a nord confina con .............................................................., a est confina con
....................................................

, a sud confina con


.................................................... ..........................................................................., a ovest confina con
.
....................................................

164
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

In Europa, la Germania è uno stato EUROPA OCCIDENTALE


grande: è più piccola solo della Russia, Stati (capitale) superficie
della Francia, della Spagna, dell’Ucrai- (km2)
Germania (Berlino) 357 030 82
na; ma è più grande di Italia, Polonia,
Francia (Parigi) 551 500 59
Regno Unito e di tutti gli altri Stati. Regno Unito (Londra) 242 910 59
Italia (Roma) 301 340 56
Spagna (Madrid) 505 990 40
Russia europea (Mosca) 4 238 000
Ucraina (Kiev) 603 700
Polonia (Varsavia) 323 250

n In Europa, la Germania è lo stato con più abitanti

Guarda la tabella.

GERMANIA DEL NORD MAR BALTICO


SCHLESWIG
Superficie 357 030 km2 HOLSTEIN
Abitanti 82 414 000
Amburgo

P O L O N I A
Densità 230,8 ab/km2 MECLEMBURGO
BASSA
Forma di governo repubblica PA E S I Brema
federale SASSONIA
BASSI Berlino
Divisione amm. 16 stati
confederati (Länder) Hannover
RENANIA SASSONIA-
Lingua tedesco BRANDEBURGO
R h u r- R e n a n

WESTFALIA ANHALT
Religione protestanti 41%
cattolici 41% Colonia SASSONIA
ASSIA
musulmani 3% BELGIO TURINGIA
Moneta euro a Francoforte
L U X . PALA
i

PIL/ab 25 350 $ TIN


REPUBBLICA
Vita media M 74 F 80 SAAR
AT

CECA
O

Popolazione urbana 87%


Stoccarda B A V I E R A
Addetti agricoltura 3%
FRANCIA
Città abitanti BADEN-
WÜRTTEMBERG
Berlino 3 386 000 Basilea
Monaco
Amburgo 1 704 000 AUSTRIA
Monaco 1 194 000 Passo del
S V I Z Z E R A Brennero
Colonia 962 000
Francoforte s/Meno 643 000
Essen 599 000
Milano
Dortmund 590 000
I T A L I A Verona
Stoccarda 582 000
Düsseldorf 568 000
Duisburg 519 000 Bologna
Dresda 476 000

La Germania è lo stato più popolato d’Europa: ha 82 milioni di abitanti.


Sette milioni di abitanti della Germania sono stranieri che lavorano nel Paese:
tantissimi sono turchi (2,1 milioni) e tanti sono italiani.

n La Germania è uno Stato federale con 16 stati (Lander)

La Germania è uno stato federale che ha 16 stati: alcuni sono grandi (il più grande è
la Baviera), altri sono piccoli, altri sono stati-città (Berlino, Brema e Amburgo).
La Germania è uno stato federale, perché il governo di Berlino decide solo le cose
più importanti, che riguardano tutti i tedeschi, invece i governi dei 16 stati decido-
no le cose che interessano solo gli abitanti di quegli stati.

165
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n La Germania è ricca

La Germania, anche se negli ultimi anni è in crisi, è ancora uno dei paesi più ricchi
del mondo.
L’agricoltura e l’allevamento (soprattutto di maiali) sono moderni: vengono usati
macchine e concimi chimici. Anche se il terreno non è molto fertile, la Germania
ha quindi abbastanza carne, latte, cereali per il suo bisogno interno e non deve
comprare molti prodotti.
L’industria è ancora il settore più importante dell’economia tedesca. Ci sono so-
prattutto industrie chimiche, di automobili, elettroniche. Una delle zone più indu-
strializzate è la zona della Ruhr.
Nel settore terziario, il commercio, le banche, i mezzi di trasporto e i mezzi di co-
municazione sono molto importanti. Molte persone lavorano in questi campi, che
diventano sempre più importanti.

n La Germania ha molte città.


Le più importanti sono: Berlino, Amburgo, Monaco

La Germania ha molte città importanti. Le più grandi sono: Berlino, Amburgo,


Monaco, Colonia e Francoforte. Berlino è la capitale; ha molte industrie, negozi e
centri commerciali, musei, università e parchi.

La porta di Brandeburgo a Berlino

La Porta di Brandeburgo è il simbolo della città, e ricorda l’ingresso all’antica Ate-


ne. Dietro questa porta, dal 1963 al 1989 passava il muro che divideva in due la città.
Oggi il muro non c’è più, e la Germania non è più divisa, ma è un solo grande Stato.

Amburgo, nella zona settentrio-


nale, è la seconda città della
Germania. Ha un grande porto
sul fiume Elba.

Monaco, nella zona meridiona-


le, è una città industriale e com-
merciale, con importanti musei
e università. È famosa per
l’Oktoberfest, una grande festa
della birra all’inizio di ottobre.

L’Oktoberfest a Monaco

166
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Francoforte è la città delle grandi banche e ha un aeroporto molto importante

n La Germania si divide in tre parti: il nord, il centro e il sud

La Germania si divide in
tre parti: il nord (parte set- DANIMARCA
tentrionale), il centro MARE
M A R B A LT I C O
(parte centrale) e il sud DEL NORD
(parte meridionale). Jutland
Guarda la carta.

P O L O N I A
A nord c’è la pianura
Elb
NORD a
....................................................................... con PA E S I P i a n u r a G e r m a n i c a
i fiumi ....................................................... e BASSI Od e r

Berlino
...................................... . Il Mare del
W

Ha
Nord bagna una parte del- rz
es e
Ren

r
o

la Germania settentriona- CENTRO


Se
BELGIO c i o
i c lv
nti ri
le, il Mar ..................................................
a sla
s
o
a
Tu Mo llife
M l n a
a Francoforte et
LUX. os
e

bagna un’altra parte. n M


ri

M e
n
gi

R
a
ana

Men o
REPUBBLICA
La parte sul Mar Baltico ino
Sv

Bac ancone CECA


e
ev

r
n

f
n

è fertile e molto abitata: evo


- co
a

Bo
ra r e

SUD sv an em
ci sono campi di cereali, o -Fr a
ev
lva s s a

Sv Dan u bi o
Ne

barbabietole e patate e si se
FRANCIA ur
a
Bavare
i iano
Fo

G
allevano i maiali (suini). top
Al Monaco
Se

La parte sul Mare del L P I AUSTRIA


A
Nord è poco fertile e po-
SCALA 1 : 8 000 000
co abitata: ci sono foreste SVIZZERA 0 100 200
km
e paludi

Al centro ci sono soprattutto colline e montagne basse: il Massiccio ..............................................


..................................... , l’Harz, la Selva .............................................................. e i Monti Metalliferi.

167
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

È molto importante la parte dove c’è il fiume Ruhr (che si chiama bacino della
Ruhr) a nord del Massiccio Renano, perché ci sono molte miniere di carbone. Le
prime industrie tedesche sono nate qui, alla fine del 1800. Anche adesso questa
zona è la regione con più industrie della Germania, con più città vicine e con più
abitanti (sono 10 milioni!). Oggi però nella zona della Ruhr molte miniere sono
chiuse e molte vecchie fabbriche sono diventate musei, centri commerciali, luoghi
di divertimento.

A sud ci sono colline e montagne abbastanza alte: la Selva Nera, il Giura e le Alpi
Bavaresi. I fiumi più importanti sono: ..........................................................................................

B. Esercizi
l L’orientamento sulle carte
Colora sulla carta la Germania.
Scrivi il nome degli Stati che con-
finano con la Germania.

O
C
I
T
N
A
L
T
A
O
A N
O C E

M A R
M
E
D
I
T

Scrivi sulla carta il nome dei fiu- ..................................

mi, dei monti e delle pianure. ..................................

Scrivi dove sono Berlino, Am- ............................

burgo, Monaco e Francoforte.


Scrivi i nomi dei mari che bagna- . . . .. . . . . . .. . . .
.................
. . . . . . .. . .. .
no la Germania.
............................
.......
...

..
...
...
...

...

...
....

. . ..
.. . . . ..
.

...
...
...
.. ... ............................
... ..
... ...
. ... .. ...
... ....
...
...
.. ...
...
..
....
....
... ....
. ....
.... . . .. . .
.
.....

.... ......
.....

.... ..........
.
.....

..
......
.....
........

............................
.....

.......... ......
.. ............

168
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

l Le cause e gli effetti


Completa lo schema.

ha un’agricoltura
moderna

..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................

La Germania
è ricca perché:

..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................

..............................................................

..............................................................

..............................................................

l Completa.
Usa queste parole:
montagne basse, bacino della Ruhr, industrie, vecchie fabbriche, triste e grigio, carbone, colline,
miniere

Al centro della Germania ci sono molte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


A nord del Massiccio Renano c’è il . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . , che è molto importante
perché ha molte miniere di ....... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Le prime industrie tedesche
sono nate proprio nel bacino della Ruhr, alla fine del 1800. Ancora oggi nel bacino
della Ruhr ci sono molte ............... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e molte città : abitano qui 10 mi-
lioni di persone. Molte .................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . però oggi sono chiuse, e molte
............. ..................................... sono adesso musei e luoghi di divertimento. Il bacino della
Ruhr è quindi cambiato molto ed è meno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . di prima.

l Segna la risposta giusta


La Germania è lo Stato più abitato d’Europa Vf
In Germania vivono molti lavoratori stranieri Vf
La Germania non ha città molto grandi Vf
In Germania ci sono molti turisti Vf
La Germania è uno Stato federale Vf

Ora prova a rileggere con attenzione quello che hai studiato e cerca di ripetere
tutto quello che ti ricordi in modo chiaro.
Ricorda di usare tutte le parole nuove che hai imparato.
Puoi aiutarti guardando la carta della Germania.

169
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Se non ti riesce, puoi aiutarti rispondendo a queste domande:

a) Dove si trova la Germania?


b) Da quali mari è bagnata?
c) Con quali stati confina?
d) Quali sono le sue montagne più alte? E i suoi fiumi più lunghi?
e) È uno stato importante e popolato?
f) È uno stato unitario o federale?
g) La sua agricoltura è ricca? Perché?
h) Il settore secondario è sviluppato? Perché?
i) Quello terziario è importante?
l) Quali sono le sue città più importanti?

Ora prova a ripetere da solo.

170
VOLUME
MODULO D 2• •LE CAPITOLO
VENTI REGIONI10
ITALIANE

ITALIA

Cose da sapere
A. Le idee importanti

l Quadro fisico
l In Italia abitano 57 milioni di persone
l L’Italia è uno dei grandi paesi dell’Unione Europea
l La capitale è Roma
l L’Italia è formata da tre parti

A U S T R I A
S V I Z Z E R A
UNGHERIA
I
ve

M. Bianco P
ia

4807 P
Dora B L SLOVENIA
i ge

eneta
Adda
alt

aV
Ticin
ea

Ad
F R A N C I A

ur
O gl

SERBIA
Milano o n
Min

ia
o

CROAZIA
i

Pianura P
A

Pad
ci o

Po ro
Po an
na Reno a
b ia

ia

P ch NORD
eb

A Tr Sec Bologna
BOSNIA
P ERZEGOVINA
M A R Firenze
Ar n o ur
o

L I G U R E M eta
E

GRO
Vettore M A R E
2476 NE
N
Tev er

CENTRO Gran
TE

Corsica Sasso A D R I A T I C O
N

es
e

ca 2912 O
P

ra M
N

Ta
Vo l t

A LBANI A

Roma vo
li ere
ur
no

C
I

to
an

an
Of
al

Sardegna Napoli Basent


e

o Sa
d’

le
o

Ot
rs

Ti M A R
nt
Fl um e nd

ran
o

SUD
to

T I R R E N O
os
a

Ne
to
I

M A R
I O N I O
M A Palermo
R
M
E Ca Etna
D Sicilia
Si m e t

I T na
le
Sals o

E di
ALGERIA R S i ci
o

R lia
A
N SCALA 1 : 8 000 000
TUNISIA E
O 0 100 200
km

n Quadro fisico

L’Italia è uno dei grandi stati europei.

171
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

È una penisola a forma di stivale, al centro del Mar Mediterraneo. Ha molte isole;
le più grandi sono la Sicilia e la Sardegna.
Confina a nord ovest con ………………....................................……..; a nord con ………………....................................……..
e ………………....................................…….. e a est con ………………....................................……...
È circondata su tre lati dal Mar Mediterraneo, che prende quattro nomi diversi:
1) ……………..…................... 2) ………………..................... 3) ………………..................... 4) ……………….....................

A nord dell’Italia c’è la catena montuosa delle Alpi, con cime molto alte. Qui si
trova la montagna più alta d’Europa: il Monte Bianco (4807 metri).
A sud delle Alpi c’è la Pianura Padana, che è la pianura più grande di tutta l’Ita-
lia. Nella Pianura Padana scorre il fiume Po.
L’Italia è attraversata da nord a sud dalla catena montuosa degli Appennini. Qui le
montagne sono più basse delle Alpi; la cima più alta è il Gran Sasso (2912 metri).
Se guardi la carta, vedi che ci sono anche molte colline (sono colorate di giallo).
La pianure sono piccole e strette, lungo i fiumi e sulle coste.
L’Italia del sud e le isole si chiamano anche Mezzogiorno.
I fiumi e i laghi più importanti sono tutti al nord. Il fiume più lungo è il Po (652 ki-
lometri), che ha molti affluenti.
L’Adige è il secondo fiume per lunghezza.
I fiumi più lunghi dell’Italia centrale sono l’Arno e il Tevere.
I laghi più grandi sono il La-
go Maggiore, il Lago di Co-
A

R E P . C E C A
mo e il Lago di Garda e so- G E R M A N I A
no nelle regioni del nord. Vienna SLOVACCHIA
I

Monaco
Il clima è di tre tipi:
1) sulle Alpi e sugli Appenni- Basilea
C

ni il clima è alpino, con in- A U S T R I A


UNGHERIA
N

verni freddi ed estati fre- S V I Z Z E R A Brennero


sche Trentino Friuli
Alto-Adige Venezia SLOVENIA
2) sulle colline e nella Pianu-
A

Valle Lombardia Giulia Zagabria


d’Aosta Lubiana
ra Padana il clima è conti- a n a MI S u p
er i o r e TS
nentale, con inverni freddi P ad
VR VenetoVE
R

TO A
ut
C

ed estati calde Piemonte os


R

tra Emilia- BOSNIA-


d BO Romagna
O

3) sulle coste e nelle isole il ERZEGOVINA


A

GE
F

clima è mediterraneo, con Liguria Co


del

st
IA

MAR LIGURE FI i
estati calde e asciutte e in-
Costi e

Marche
er

To s c a n a
a ad

verni miti
So

r
le

ria

Umbria MARE
a
ti

n In Italia abitano
ti

a A D R I AT I C O
rr

Corsica
en

Lazio
57 milioni di persone ca Abruzzo
i

ROMA Molise Puglia


In Italia abitano 57 milioni BA
NA
di persone. Si parla italiano.
Sardegna Basilicata
Ci sono circa 2,4 milioni di Campania
M A R
stranieri che vengono dal
nord dell’Africa e dall’Euro- CA
T I R R E N O
Calabria
pa dell’est. Ripartizioni
geografiche:
L’Italia è divisa in 20 regioni. Nord

Le più grandi sono la Sicilia e Centro PA MAR


Sud RC
il Piemonte; le più piccole so- Isole
Mezzogiorno
Sicilia
IONIO
no il Molise e la Valle d’Ao-
sta. La regione più abitata è ALGERIA TUNISIA
la Lombardia.
172
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

La capitale è Roma; altre grandi città sono Milano e Napoli.


Se guardi la carta, puoi vedere quali sono le strade principali che attraversano l’Ita-
lia.

n L’Italia è uno dei grandi paesi dell’Unione Europea

L’Italia è uno dei grandi paesi europei.


L’agricoltura occupa il 5% dei lavoratori e produce frumento, viti, olivi e agrumi.
L’allevamento è sviluppato; si allevano soprattutto bovini e suini nella Pianura Pa-
dana, ovini nell’Italia centrale e meridionale.
Nell’industria lavora il 30% degli occupati.
La parte più industrializzata di tutta la penisola è il nord (Lombardia, Piemonte,
Veneto e Emilia-Romagna). Il settore più importante è quello dell’automobile. A
Torino c’è l’industria di automobili più famosa d’Italia: la FIAT. Altri settori im-
portanti sono quello meccanico (elettrodomestici, robot, ecc.); alimentare (dello
zucchero, del formaggio, pastifici e conserve vegetali), edilizio, dell’abbigliamento,
delle scarpe e dei mobili.
Il terziario dà lavoro alla maggior parte degli italiani.
Il turismo è una delle risorse più importanti; molti turisti vengono da tutto il mon-
do per visitare le città e passare le vacanze al mare o in montagna.

n La capitale è Roma

La capitale è Roma, che è anche la città più grande del paese. È attraversata dal
fiume Tevere e si trova a circa 20 kilometri dal mare. Una parte della città è in
pianura e una parte è sulle colline.
Il centro della città ha monumenti molto antichi del periodo romano e molte chie-
se e palazzi fatti costruire dai papi.

Il Colosseo
Questo famosissimo monumento è stato costruito nel 70-80 d.C. per gli spettacoli dei gladiatori. È
una specie di teatro senza il tetto; è alto 50 metri e poteva contenere 50 mila persone.

n L’Italia è formata da tre parti

Se guardi la cartina dell’Italia, puoi vedere che il territorio di questo paese è for-
mato da tre parti.

173
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

SCALA 1 : 5 000 000


0 50 100 Brennero
km ][
1375

A dig e 3343 I
Bernina Marmolada
Bolzano

ge
4049 P TI

di
MI

dell’A
4478 Trento DOLO
Adda
4634 L
Cervino
M. Bianco
AostaM. Rosa neta

le
4807 valle d’ P ia
ve
Ve

val
D
ra

Tici
Aosta Trieste
ora
4061 Milano nu

n
Verona a
Pi
Balte

o
Gran Paradiso Ad gl Venezia

Minc
n u r a da io
a

Torino a P A dig e

io
Po a
ferrato d Po
A

Delta
i

on a
M del Po
Monviso P n
P

o ar o e
gh Re a
Tan

3841 no

Costa
n P P E
La
A N Bologna MARE
Genova N A D R I AT I C O

Ro
Cle. di
Romagna
][

Cadibona 435 M. Cimone I ag

m
2165 no
MAR N la
LIGURE I

A nord ci sono otto regioni. Il territorio è diviso tra montagne, colline e pianura.
Puoi vedere le Alpi, che sono le montagne più alte d’Europa. In molti punti supe-
rano i 4000 metri. Le cime più famose sono quelle della Valle d’Aosta e le Dolo-
miti. Le Alpi hanno molte valli, dove scorrono i fiumi e passano strade e ferrovie.
Sono molto importanti la Valle della Dora Baltea, perché porta al traforo del
Monte Bianco, che collega l’Italia alla Francia, e la Valle dell’Adige, perché porta
al Passo del Brennero che collega l’Italia all’Austria.
A sud delle Alpi c’è la Pianura Padana, la più grande pianura d’Italia. È attraver-
sata dal fiume Po (652 Km) ed è una delle zone più ricche d’Italia. È una regione
agricola e industriale.
Sul mare Adriatico si affacciano la Costa Veneta, il Delta del Po e la Costa Roma-
gnola.
Le città più importanti sono: Milano Trento, Bolzano, (Milano) e Venezia.

Duomo di Milano
Questa grande chiesa, che si chiama duomo, è il simbolo di Milano, la più grande città dell’Italia del
nord.

174
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Al centro puoi vedere la catena


montuosa degli Appennini. A
pp
en
Questa catena montuosa prende no- nin
o To s
co- E MARE
mi diversi: Appennino Tosco-Emi- Lucca
mi l ia
no
Firenze Ap A A D R I AT I C O
liano; Appennino Umbro-Marchi- Pisa Arno pe
nn P P

Te ve Val di Chia
in
giano; Appennino Abruzzese e divi- Piana
hi o E
U MARCHE

C
di Pisa

re
an

N bro
Gubbio

A
ti

m
N -Ma
de la penisola in due parti: quella che Colline

I N rch
N

ne
Metallifere Perugia
si affaccia sul Mar Tirreno e quella Va

O
b ro
T
M. Vettore

lle
e
Om
M.

na
che si affaccia sul Mare Adriatico.

v er
2476

Umbr

i gi a
Amiata

Te
1738
I fiumi importanti sono due: l’Arno,

n
Piana di P

o
Me
Grosseto E
che attraversa Firenze e Pisa, e il Te- N

di
Rieti

o
N

Te
vere, che attraversa Roma. Maremma I N

ve

Ap
O

re
laziale

pe
ni
L’Antiappennino è formato da mol-

n
no
a Ab
te colline, dove si coltivano viti e oli- ROMA gn ru
M A R pa ana zz e
se
m

Lir i
vi. Ca rom Ga
r
T I R R E N O Agro iglian
Le città più importanti sono Firen- Pontino o

ze, Pisa e Roma. Circeo

SCALA 1 : 5 000 000


0 50 100
km

Campo dei Miracoli a Pisa

A sud l’Italia è formata dalla penisola meridionale e da due grandi isole: la Sicilia
e la Sardegna.
Il territorio è quasi tutto formato da montagne e colline; le pianure sono poche e
sono soprattutto sulle coste.
Se guardi la cartina, puoi vedere che anche a sud la catena montuosa degli Appen-
nini prende molti nomi: …………………………..............................................………………….. . La montagna più
alta è il Gran Sasso (2912) metri).
Le pianure più importanti sono ……………………………..........................................................................……………………….. .

Sulle colline e sulle pianure si coltivano ortaggi, viti e olivi.


I fiumi sono brevi e hanno poca acqua. Nell’Italia del sud ci sono alcuni vulcani
famosi; i più alti e conosciuti sono il Vesuvio e l’Etna. Trovali sulla carta e sottoli-
neali.

175
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Gran Sasso
M A R E

a
L’Aquila Ate 2912

ar
rn

sc
APPE o Pe
ConcNNIN A D R I A T I C O
ad O
Fu ABR La Maiella
el
U 2795

cin
o
an

ZZ
o
Garg

ES
AP Ta

E
vo
l i e PUGLIA
PE
NN
Vo IN re
O
lt u C o Bari
rno Calo nt
O fa

AMe
r Le
Pianura Mu

PA
A rg

NO
Campana e
Napoli Vesuvio

PP
1281 Pen

EN
e iso

NI
pol
i S el Basento la

NO
SARDEGNA Golfo d
i Na Piana Sa
le

LUC
del Sele

nt
o

ANO
Sirino Golfo

in
Tirs

a
40° Monti del 40° Pollino di Taranto
Ge 1834 2248
nn arg e ntu

A P
Fl u m

P E
C A L A B R I A
Ca
m

M A R

N N
en

La Sila
pi

an os
d

o a T I R R E N O 1928

I N
O

N I O
CALA
Le Serre
1423

B R

I O
O
Palermo ti Aspromonte
Monrita
ni

1979 e l o 1955
d i P
M a d o n i e N e b ro

R
Si m e t o

Etna

A
S I C I L I A 3323

M
o
Sals

SCALA 1 : 5 000 000


0 50 100
km

La Sicilia e la Sardegna sono le due isole più grandi.


La Sicilia ha la forma di un triangolo. A nord ha tre catene montuose; più a sud c’è
l’Etna, il vulcano più alto d’Europa. La Sicilia ha molti abitanti.
La Sardegna sembra un rettangolo. Al centro c’è il massiccio del Gennargentu. La
pianura più importante è il Campidano. La Sardegna è poco popolata.

Le città più importanti del sud dell’Italia sono Napoli, Bari e Palermo.

Il Vesuvio e gli scavi di Pompei


In lontananza puoi vedere il vulcano del Vesuvio; davanti c’è l’antica città romana di Pompei.

176
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

B. Esercizi
l Segna la risposta giusta
a) L’Italia è una penisola che sembra uno stivale vf
b) La catena degli Appennini attraversa l’Italia del nord vf
c) Una delle industrie italiane più famose è la FIAT vf
d) Il fiume Po attraversa le regioni del sud vf
e) Roma è la città più popolata d’Italia vf

l L’orientamento sulle carte


Colora sulla carta l’Italia.
Scrivi il nome degli Stati che confinano con l’Italia.
..............................................................................................

..............................................................................................

..............................................................................................

..............................................................................................

M A R
M
E
D
I
T
E R R A N E O

Scrivi sulla carta il no-


me dei fiumi, dei mon- .......................... ...........................
......
ti e delle pianure. .......
M. ................. .......
4807
. .....

Scrivi dove sono le .......................


........
....
...
città più importanti. ..............

...............................
Scrivi i nomi dei mari
che bagnano l’Italia. ...............................
.....

..........................
............

Ma
re
.....
.....
M. ........................ .....
.....
.....
2912 .....
. . ..

.....
. ..
. ..

...........................
...

...
...

.
. ..
. ..

...............................

Mar ..........................

...........................

177
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

l Completa lo schema

l’Italia ha molte
bellissime città

..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
..............................................................
Il turismo è
una delle risorse
più importanti
perché:

..............................................................

..............................................................

in Italia ci sono ..............................................................


i resti archeologici
di molti popoli
antichi

Ora prova a rileggere con attenzione quello che hai studiato e cerca di ripetere
tutto quello che ti ricordi in modo chiaro.
Ricorda di usare tutte le parole nuove che hai imparato.
Puoi aiutarti guardando la carta dell’Italia.

Se non ti riesce, puoi aiutarti rispondendo a queste domande:

a) Dove si trova l’Italia?


b) Da quali mari è bagnata?
c) Con quali stati confina?
d) Quali sono le sue montagne più alte? E i suoi fiumi più lunghi?
e) È uno stato importante e popolato?
f) La sua agricoltura è ricca? Perché?
g) Il settore secondario è sviluppato? Perché?
h) Quello terziario è importante?
i) Quali sono le sue città più importanti?

Ora prova a ripetere da solo.

178
VOLUME
MODULO D 2• •LE CAPITOLO
VENTI REGIONI11
ITALIANE

RUSSIA

Cose da sapere
A. Le idee importanti

l Quadro fisico
l La Russia ha 144 milioni di abitanti
l La Russia è un paese importante, ma sta attraversando un periodo difficile
l La capitale è Mosca
l La Russia europea è for-
30° 40° 50° 60°
mata da tre parti
MAR DI BARENTS 70°
l La Russia asiatica occupa NORVEGIA
tutta l’Asia settentrionale
dagli Urali all’Oceano Pa-
Pe
N D I A

cifico nis
ola

M
di
K ola
n Quadro fisico

a
CO M. Narodnaja
La Russia è il paese più gran- AN 1894
M A R BI

i
l i a
L A

e r
de del mondo. Una parte del-
C a r e

T
la Russia si trova in Europa
I N

Pec̆o

b
e un’altra in Asia. Dv

I
ina

ra

i
Se
F

L.

S
tt

L.
1) Russia europea Onega
.

Làdoga 60°
G. di P i a n u r a

U
Guarda la carta e completa Finlandia San Pietroburgo
il testo:

R
La Russia europea è bagna- ESTONIA
R u s s a

A
ta da cinque mari:
LETTONIA

L
........................................................................................,
Vo
lga
Mosca
I
,
SIA

........................................................................................ Kazan
US

Rial

........................................................................................, Oka
LOR

lga
to

........................................................................................,
Ce
BIE

Vo
nt

......................................................................................... l
ra

e
d
le

Confina a ovest con


re

50°
Ru

Altu
ss

la ..................................................................................,
Ur
o

al

Don
la .................................................................................., U C R A I N A
K A Z A K I S TA N
r
la .................................................................................., ep
Vo

lg
Dn

a
la ..................................................................................,
MAR
D'AZOV
e l’ ..............................................................................;
a sud con
M

C A
A

M A R U C
R

la ................................................................................... N E Elbrus
A
CA

R 5633
O S
SP

e l’ ................................................................................. GEORGIA O
IO

e a sud-est con SCALA 1 : 20 000 000


AZERBAIGIAN
40°
0 200 400
km 40°
il ....................................................................................

179
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Il territorio è quasi tutto pianeggiante; la Pianura Russa è la più grande di tutta


l’Europa. Ci sono delle colline al centro: il Rialto Centrale Russo e le Alture del Vol-
ga. Queste colline sono molto importanti, perché qui nascono quasi tutti i fiumi del-
la Russia europea. Le catene montuose sono i Monti Urali, lunghi più di 2000 chilo-
metri ma non molto alti, e il Caucaso, lungo 1150 chilometri ma con montagne mol-
to alte (Elbrus, 5633 m).
I fiumi russi sono molto lunghi e importanti.
Cercali sulla carta e scrivi in quale mare sfociano (arrivano):
1) .................................................................................................................. 2) ................................................................................................................

3) .................................................................................................................. 4) ................................................................................................................

5) ..................................................................................................................

A nord si trovano anche i laghi Làdoga e Onega, che sono i più grandi d’Europa.
Il clima è di tre tipi:
1) A nord è freddo, con inverni molto lunghi. Dove il clima è freddo, ci sono tanti
boschi di conifere (pini e abeti).
2) Al centro è continentale, con inverni freddi ed estati calde. Dove il clima è con-
tinentale ci sono molte foreste di latifoglie (querce, faggi e olmi) e grandi prati.
3) Anche a sud il clima è continentale, ma più arido, perché piove poco.
1 Rep. di Carelia
2 Rep. dei Comi
3 Rep. dei Mordvini
4 Rep. dei Ciuvasci
5 Rep. Mari El
6 Rep. degli Udmurti
7 Rep. dei Tartari
R V E G I A 8 Rep. dei Baschiri
N O 9 Rep. dell’Adigezia
10 Rep. Karacajevo-Cerkessia
11 Rep. di Cabardino-Balcaria
12 Rep. dell’Ossezia Sett.
IA

13 Rep. dei Ceceni


ND 14 Rep. del Dagestan
ESTONIA LA
FI N 15 Rep. dei Calmucchi
LETTONIA 1 16 Rep. dell’Altaj

San
Pietroburgo
BIELORUSSIA
2
Mosca
UC

ˇ Novgorod
Nizni
RA

5 6
Kazan
IN

A 3
4 7
Saratov Samara
Volgograd Celjabinsk
Rostov 8
9
10 15
12
11 Novosibirsk
GEORGIA 13
14 K A Z A K I S TA N
16
AZERB.

2) Russia asiatica
Questa parte della Russia è grandissima e arriva fino all’Oceano Pacifico. Ne par-
liamo più avanti.

n La Russia ha 144 milioni di abitanti

In Russia vivono 144 milioni di persone; 122 milioni abitano nella Russia europea,
soprattutto nella parte centrale e meridionale, perché a nord fa troppo freddo.
Oltre ai russi ci sono anche altre popolazioni,come gli ucraini,i tartari,i bielorussi ecc.
La lingua ufficiale è il russo, ma ci sono molte altre lingue meno parlate.
Le città più importanti sono Mosca, San Pietroburgo e Rostov.

180
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

La ferrovia più lunga e famosa è la ferrovia transiberiana. È lunga 9300 chilometri


e va da Mosca alla città di Vladivostok, sul Mar del Giappone.

n La Russia è un paese importante,


ma sta attraversando un periodo difficile

Dagli anni Ottanta la Russia è in un periodo difficile, a causa di grandi cambia-


menti politici. Prima era uno stato comunista, adesso non lo è più.
Oggi il 50% della popolazione vive in povertà. Molte persone hanno lasciato la
campagna per cercare un lavoro migliore in città e questo ha reso insufficiente la
produzione agricola.
In Russia si coltivano cereali, patate, barbabietole da zucchero cotone, tabacco, ca-
napa e lino.
Si allevano anche molti bovini, ovini, suini e volatili.
I boschi danno molto legno per le fabbriche di mobili e carta.
La pesca dà molto lavoro: si pescano aringhe, merluzzi e storioni.
Anche l’industria negli ultimi anni ha avuto gravi problemi.
La Russia ha molte risorse minerarie, come il petrolio, il gas naturale, il mercurio,
il nichel e il carbone. Ma estrarre questi minerali è difficile, perché i giacimenti più
importanti sono in Siberia dove fa molto freddo.
Le industrie più importanti sono quelle siderurgiche (che lavorano i metalli), delle
automobili, di materiale per le ferrovie ecc.
I sevizi del terziario stanno migliorando anche se non sono ancora sufficienti per
uno stato così grande. Le strade, per esempio, sono ancora poche.
I turisti vanno a visitare soprattutto le città di Mosca e San Pietroburgo.

n La capitale è Mosca

La capitale è Mosca. È una delle città più grandi d’Europa. È attraversata dal fiu-
me Moscova e dai canali del Volga. La parte principale è il centro, intorno al pa-
lazzo del Cremlino. Le strade partono tutte dal Cremlino; sembrano i raggi di un
cerchio o della ruota di una bicicletta. Per questo, si dice che sono a raggiera.
Mosca è stata costruita nel XII secolo; nel 1238 è stata distrutta dai mongoli. È
stata la città più importante di tutta la Russia fino al XVIII secolo quando lo zar
Pietro il Grande ha voluto la capitale a San Pietroburgo.
Mosca è ritornata ad essere la capitale nel 1917, dopo la rivoluzione.

Centro di Mosca
Il fiume Moscova e le mura del Cremlino.

181
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n La Russia europea è formata da tre parti

Guarda la cartina della Rus-


30° 40° 50° 60°
sia europea: il suo territorio
è formato da tre parti.
MAR DI BARENTS
70°

Parte settentrionale
NORVEGIA
La parte settentrionale della
Russia europea va dalla Ca- Murmansk

M
N D I A
relia ai Monti Urali; è bagna- P en
iso

O
Pen.
ta dal Mar di Barents e a sud la
di di Kanin
Ko
c’è il fiume Volga.

N
la

I fiumi più importanti sono la CO

T
AN

e l i a
Dvina Settentrionale e la Pe- M A R BI

L A
Arcangelo

I
cora (si pronuncia Peciòra).
In questa zona ci sono anche
I N

Pec̆o
C a r
Dv
due grandi laghi: il Làdoga e ina

ra
U
Se
F

l’Onega. L.

tt
L. Onega

R
60°
Sul Mar di Barents ci sono Làdoga
San Pietroburgo
due grandi penisole: la Peni-

A
sola di Kola e la Penisola di

L
Kanin. In questa zona il mare
è ghiacciato per sei mesi al-

I
l’anno e spostarsi è molto dif-
Vo
lga
ficile.
Tutta la Russia del nord è
SCALA 1 : 20 000 000
una grande pianura coperta 0 200 400
km
dalla taiga, una foresta di pi-
ni, abeti, larici e sequoie. La
taiga dà molto legno per la produzione di mobili e di carta.
Le città più importanti sono Arcangelo e San Pietroburgo.
San Pietroburgo è la seconda città della Russia dopo Mosca. È stata costruita nel
1703 dallo zar Pietro il Grande, che ha voluto qui la capitale del suo stato. San Pie-
troburgo ha avuto molti nomi: è stata Pietrogrado, Leningrado e, dal 1991, di nuo-
vo San Pietroburgo. È famosa per i suoi teatri, le sue università e i suoi musei; il
museo più famoso è l’Ermitage.

San Pietroburgo
In questa fotografia vedi il Palazzo d’Inverno, dove hanno vissuto gli zar dal 1754 al 1762.

182
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Parte centrale San 60°


Pietroburgo
Anche la parte centrale

UR
della Russia europea è

AL
una grande pianura.
Valdaj a

I
Ci sono tre gruppi di mon-

m
Ekaterinburg

Ka
tagne: a ovest il Rialto Vo Celjabinsk
lga
Centrale Russo; al centro Moscova
Mosca Novgorod Kazan

Rial
a
le Alture del Volga e a est an

ri
be
i

to
gli Urali. Ok
a Trans er
ib iana Tra
ns

I fiumi più importanti so-

Ce

ga
Samara
no il Don e il Volga.

nt

ol
ra

V
Se guardi bene la cartina

le

e l
e d
50°
vedi tre zone in rosso: la Kijev Saratov

Ru

Altur
regione di Mosca, la regio-

ss

Ur
o
Harkov
ne del Volga e quella de-

al
30° Don
gli Urali. U C R A I N A Volgograd K A Z A K I S TA N
La regione della capitale

Vo
lg
a
è il cuore della Russia: ci
O
sono molte foreste di co- MAR SPI
D'AZOV CA SCALA 1 : 20 000 000
nifere e di latifoglie e mol- AR 0 200 400
M km
ti campi coltivati; ci sono 40° 50°

anche le industrie più importanti del paese.


Anche nella regione del Volga ci sono molte industrie. Sul fiume ci sono delle di-
ghe che fermano l’acqua. Servono a dare l’energia elettrica per le fabbriche e per
le case e l’acqua per l’agricoltura.
Nella zona degli Urali ci sono molte miniere di ferro, nichel e rame e vicino alle
miniere sono nate tante città.
Le città più importanti sono: Mosca, Novgorod, Volgograd, Kazan, Samara, Sara-
tov, Ekaterinburg e Celjabinsk.

Diga sul Volga a Volgograd

Parte meridionale
A sud la Russia europea va dall’Ucraina al Kazakistan. È bagnata dal Mar Nero e
dal Mar Caspio.
Le catene montuose più importanti sono gli Urali Meridionali e il Caucaso.
I fiumi più lunghi sono il Don e il Volga nel loro ultimo tratto.

183
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Se guardi la cartina puoi vede-


40° 50° 60°
re tre zone.
1) Le Terre nere: sono zone con Celjabinsk
Mosca
la terra scura e molto fertile.

ME
Si coltivano cereali, barba-

URA ONALI
Volg

RID
bietole,girasoli e patate.

I
a

LI
2) La Ciscaucasia: è una regio- e
Kujbysev r
ne quasi tutta di pianura, e
molto calda in estate.Lungo i Saratov n
fiumi si coltivano frutta, uva e
50°
e agrumi. Questa regione fi- r

Ur
al
nisce con il Caucaso: una ca- Don r
UCRAINA e Volgograd
tena montuosa molto alta K A Z A K I S TA N
T
(Elbrus,5633 m).

Vo
lg
a
Qui si trova la Cecenia, una Rostov
MAR Cisc
repubblica che combatte da D'AZOV au
Astrahan
Ku ca
molti anni per avere l’indi- si

ba
Krasnodar a

n
pendenza da Mosca.

M
C A U Terek

A
R
M C A

CA
A Elbrus
R 5633 S
O

SP
NE
RO

IO
GEORGIA SCALA 1 : 20 000 000
40°

0 200 400
AZERB. km

Monti del Caucaso

3) Il Mar Caspio: è un lago chiamato mare, perché è molto grande. In passato era
unito al Mar Mediterraneo (per questo le sue acque sono salate); poi il terreno
è sprofondato e il Mar Caspio è diventato un lago. Molti fiumi sono suoi immis-
sari; il più importante è il Volga. Negli ultimi anni, però, l’acqua di questi fiumi
viene usata per i campi; così il Mar Caspio si sta lentamente asciugando.

184
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n La Russia asiatica occupa tutta


l’Asia settentrionale dagli Urali all’Oceano Pacifico

30° 60° 90° 120° 150° 70° 60°


SCALA 1 : 40 000 000
0 400 800 M A R G L A C I A L E A R T I C O
km Terra del
Nord

Novaja
Zemlja

)
a

Ka
a
h zi
Sacu

m
cˇ a
a

tk
a
(J
R
u L I MARE

Jenise
s
e

u DI
A

r s
i a a
Ob
Mosca o r i
R

OHOTSK
p S i b e a

j
S i b n 50°
e Le
U

Tr e o c e r i a a l
a ns a c e n t r
ib eri c i d
I

ana e n t a Sakhalin
l e
T
O N

Ekaterinburg

Amur
ga
Vol
O

nsiberia
Tra
b
MAR
n
M

D’AZOV
Novosibirsk a
Lago
Omsk Bajkal
MAR
NE

KUZ BASS
Irkutsk
C I N A
RO

S PIO K A Z A K I S TA N Vladivostok
CA
R

MAR DEL
MA

M O N G O L I A GIAPPONE

La Russia asiatica occupa tutta l’Asia settentrionale dagli Urali all’Oceano Pacifi-
co. Questo grande territorio si chiama anche Siberia.
Se guardi la cartina, vedi che si divide in tre parti: la Siberia occidentale, la Siberia
centrale e la Saha (Jacuzia).
A sud c’è una lunghissima ferrovia che si chiama Transiberiana; questa ferrovia va
da Mosca alla città di Vladivostok, sull’Oceano Pacifico.
A nord della Transiberiana ci sono le foreste di conifere (la taiga); a sud le terre
nere, fertili e coltivabili.
I fiumi più importanti sono l’Ob, lo Jenisej, la Lena e l’Amur.
La Siberia occidentale è una zona piatta attraversata dal fiume Ob e dai suoi af-
fluenti. In primavera, quando le acque dei fiumi si sciolgono, l’acqua allaga spesso
i campi e le città.
Nei campi si coltivano frumento, girasole e barbabietole. La capitale della regione
è Novosibirsk, che si trova al centro di una zona ricca di miniere di carbone e di
ferro; un’altra città importante è Omsk.
La Siberia centrale è montuosa. È un territorio con pochi abitanti, con foreste di
conifere molto rade e zone di tundra. La ricchezza della regione è l’energia idroe-
lettrica data dalle dighe costruite lungo i fiumi.
La città più importante è Ir-
kutsk vicino al lago Bajkal.
La Jacuzia-Saha è coperta dalla
tundra e da foreste molto rade.
La città principale è Vladivo-
stok, un porto militare di fronte
al Giappone.

Ferrovia transiberiana nella taiga


Questa ferrovia è la più lunga del mon-
do; funziona dal 1903 e molti uomini
sono morti per costruirla a causa delle
dure condizioni di lavoro.

185
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

B. Esercizi
l Segna la risposta giusta
a) La Russia è il paese più grande del mondo vf
b) In molte zone il clima è mite vf
c) Mosca è sempre stata la capitale vf
d) Il Mar Caspio è un lago vf
e) Il territorio della Russia asiatica arriva fino all’Oceano Pacifico vf

l Le cause e gli effetti


Perché la Russia è in un periodo difficile?
Trova le 4 risposte giuste:

a) ci sono stati grandi cambiamenti politici;


b) non basta più la produzione agricola;
c) l’industria è in crisi;
d) molte persone sono diventate povere;
e) il clima è troppo freddo.

Scrivi le risposte giuste nei cerchi.

.............................................................

.............................................................. ..............................................................

.............................................................. ..............................................................

..............................................................

.............................................................. La Russia è in ..............................................................

.............................................................. un periodo ..............................................................


difficile perché
.............................................................. ..............................................................

Ora prova a rileggere con attenzione quello che hai studiato e cerca di ripetere
tutto quello che ti ricordi in modo chiaro.
Ricorda di usare tutte le parole nuove che hai imparato.
Puoi aiutarti guardando la carta della Russia.

Se non ti riesce, puoi aiutarti rispondendo a queste domande:

a) Dove si trova la Russia?


b) Da quali mari è bagnata?
c) Con quali stati confina?
d) Quali sono le sue montagne più alte? E i suoi fiumi più lunghi?
e) È uno stato importante e popolato?
f) La sua agricoltura è ricca? Perché?
g) Il settore secondario è sviluppato? Perché?
h) Quello terziario è importante?
i) Quali sono le sue città più importanti?

Ora prova a ripetere da solo.

186
VOLUME
MODULO D 3• •LE CAPITOLO
VENTI REGIONI13
ITALIANE

EUROPA FISICA

1. Parole per capire


Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole:
placche o zolle ........................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

agenti esogeni ......................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

fiume navigabile .................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

bacini idrografici ................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

latitudine .................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

clima artico ............................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

clima atlantico ........................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

clima continentale temperato ....... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

clima continentale freddo................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..


............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

clima mediterraneo ............................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . .


.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

taiga .. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

tundra........................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

foresta di latifoglie ............................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . .


.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

n Se vuoi, puoi scriverle su una rubrica, che diventerà il tuo glossario personale
per le parole o le espressioni più difficili.

187
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

2. Cose da sapere
A. Le idee importanti
l L’Europa è un continente piccolo unito all’Asia
l L’Europa del sud è una zona dove ci sono spesso dei terremoti
l L’Europa è il risultato di movimenti della Terra che sono iniziati 600 milioni di
anni fa
l I due fiumi più importanti d’Europa sono il Reno e il Danubio
l L’Europa è bagnata da due mari pricipali: l’Oceano Atlantico e il Mar Mediter-
raneo.
l In Europa i venti più importanti arrivano dall’Oceano Atlantico
l In Europa ci sono sei tipi diversi di clima

n L’Europa è un continente piccolo unito all’Asia

L’Europa è un continente (cioè un territorio molto esteso), ma se guardi la figura


A ti accorgi che è un continente piccolo.

A Se osservi bene vedi


che:
EUROPA
(10) ASIA a) i continenti sono 6
(44)
e si chiamano:
....................................................................
AMERICHE AFRICA
(42) (30) ....................................................................

b) l’Europa e l’Asia
OCEANIA
sono unite tra loro
(8) c) l’Europa è molto
vicina all’Africa

ANTARTIDE
(13)

Guarda la figura B: B 20° 0° 20° 40° 60°


Capo Nord
M

L’Europa confina con 60°


o
n

l’Asia attraverso i Monti


ti
O
C

Urali, il fiume ……...………..……


I

ra
T

l i
N

……………...………...……… .
A
L

I mari che circondano il al


Ur
A T

continente sono: ......................


N O

.................………...……….......... .
E A

M SPIO
CA

Caucaso
O C

AR

40°
O
NER
Capo MAR
de Roca
Bosforo
Stretto d Dardanelli
i Gib
il t erra M A R
di
CanSicilia

M
ale

E
D
I T Creta
E R
R A N E O

0 500 km

188
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n L’Europa del sud è una zona dove ci sono spesso dei terremoti

0 800 km

A NA
IC
ER
M
A
RD
O

N
A
A
CC P L A C C A E U R A S I AT I C A
PL

Placca
adriatica
Placca Placca

ica
egea turca
nt
la
At
e
al
rs
Do

Placca
araba

PL ACC A A F R I C A N A

movimenti delle placche


margini delle placche

La superficie della Terra (la parte esterna) si muove continuamente ed è divisa in


tante parti che si chiamano placche o zolle. Se guardi la figura B, puoi vedere che la
placca africana si sposta verso nord
e che la placca nordamericana e 70 milioni di anni fa
quella euroasiatica si allontanano
una dall’altra. Questi movimenti O
IC
provocano dei terremoti nei punti T
N
LA
dove le placche si toccano. Per que- A
T
O
sto in Europa le zone dove ci sono N
A
E
più terremoti sono l’Italia e la Gre- C
O

cia.
In Italia ci sono anche i due vulcani
europei che negli ultimi cento anni
hanno avuto le eruzioni più perico-
lose: l’Etna e il Vesuvio. Anche in
Islanda ci sono molti vulcani, ma
sono meno pericolosi.
a
n L’Europa è il risultato p
o
di movimenti della Terra r
u
che sono iniziati E
-
600 milioni di anni fa o
e
N MAR
M
I continenti sono il risultato dei ED
IT
movimenti delle placche. ER
RA
NEO
Le placche si sono spostate e han-
no fatto nascere delle nuove mon- Africa
tagne e dei nuovi territori; poi il

189
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

vento, la pioggia, i ghiacciai, i fiumi e i mari hanno trasportato la terra, cambiato le


montagne, creato nuove pianure. La parte più vecchia dell’Europa c’era già 600
milioni di anni fa.
Ma le montagne più alte sono nate 70 milioni di anni fa.
Se guardi la figura le puoi riconoscere: sono le parti più scure. Sono le catene
montuose delle Alpi, degli Appennini, dei Carpazi e dei Balcani. Questo ti fa capi-
re perché sul Mar Mediterraneo ci sono tante montagne e perché le pianure più
grandi sono in Francia, in Germania, Polonia e Russia. Queste pianure sono i ter-
ritori più vecchi, dove il vento, la pioggia e la neve (che si chiamano agenti
esogeni) hanno abbassato le montagne trasformandole in colline e in pianure.

n I due fiumi più importanti d’Europa sono il Reno e il Danubio

Pe
cˇ o
ra
O
C
I
Dv
ina
T

Se t
t.
N
A
L
T

Volga

ga
A

Vol
ICO

MARE Dvi
n
O

Occ.
a
LT

DEL NORD
epr
A

B Dn
N

R
MA
A

Ur
Tam

al
Do

igi Vist
O o
E

n
Reno

Elb

la
de

S Vo
lg
a
C

a
en

Mo

D ne
na

pr
O

sa

io n

MAR
Loira n ub Dn Do
Da es
t
r

CA
Ga

Dr
Tibisco

SP
o

av
ro

Rodan

a IO
nn

Sa
va
a

Duero Po
Eb

O
NER
Teve

MAR
ro

Tago Danubio
a na
di
re
a

Maric
Gu

adalquivir
Gu
a

M A R
M
E
D

I versante
T atlantico
E R R A N E O versante
mediterraneo
0 400 km versante
caspico

Se guardi la cartina, vedi che molti fiumi sfociano (vanno a finire) nell’Oceano At-
lantico, nel Mar Nero e nel Mar Caspio; solo pochi sfociano nel Mar Mediterra-
neo. Questo perché sulle coste del Mar Mediterraneo piove meno e perché le
montagne arrivano quasi fino al mare, quindi i fiumi sono più corti e meno impor-
tanti.
Il fiume più lungo d’Europa è il Volga, ma i più importanti sono il Reno e il Da-
nubio.
Altri fiumi sono ................................................................................................................................................................................................................
La Russia e la Scandinavia hanno molti laghi. Ci sono alcuni laghi famosi anche in
Svizzera e in Italia.

190
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

CA
MANI
GER
P A E S I NUR
A
PIA
B A S S I ittellI and

A
M
I I I kanal
I I I I I
I I I I

I
I
Rotterdam

I
I
Lek I

I
I I

I
I
Waal

I
I
I

Re

I
no

I
I d
acino ella Ruhr
Duisburg I I B I I
Essen Ruh

N
r
Bruxelles Dortmund
Düsseldorf

Colonia

A
B E L G I O Bonn 657 al
d

MA
t e rw
e
l We s La h
n

SS
RE
E i f 747 s
u

IC
NA
n
Ta u

M
Re O

CI
la

no
N

O
se
l
Mo c k Francoforte
LUX. ns
rü Magonza

Me
u
H 818

no
R
A
Mannheim

A N
A

E
no
E
Re

Stoccarda
I

Strasburgo
ar
C

N e ck

G
ra
A
i

Ne
S S
s g

b io
N

D a nu
va
V o

F O

1423
Sel

1493
Lago di
A

Costanza
Basilea (400)
(270)
R

re
Aa
AUSTRIA
Reno
F

S V I Z Z E R A I
Lago di P
Ginevra LICHT.
L S. Gottardo
(2108)
ano
Rod
A
Tici

Milano
n
o

Il Reno non è il più lungo fiume d’Europa, ma è il più importante per tutte le atti-
vità economiche che si svolgono nel territorio che attraversa.

Nasce in Svizzera, dal …………......................…………….; attraversa il lago di …………..............................………….; e


arriva a Basilea. In questo primo tratto non è navigabile, perché è ancora troppo pic-
colo e scorre in un territorio montuoso. A nord di Basilea divide per un tratto la
Francia dalla Germania; poi entra in Germania e passa per alcune città importanti
come Magonza e Bonn. Se guardi la cartina vedi che fino a poco più a nord di Ma-
gonza il fiume scorre in una pianura (la Fossa Renana). In questo tratto è navigabile
e molte barche lo percorrono portando persone e cose.
Nella zona del Massiccio Renano il Reno diventa stretto e veloce e non è naviga-
bile.
Nell’ultima parte il fiume scorre in una grande pianura, prima in Germania e poi
nei Paesi Bassi. È una zona ricca di città, industrie e campi coltivati. Nel Bacino
della Ruhr ci sono anche molte miniere di carbone.

191
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Alla fine, il Reno si divide in due bracci: il Lek, che attraversa il porto di Rotter-
dam, e il Waal.
Tutti e due i bracci sfociano nel Mare del Nord.

GERMANIA 0 100 200


Regensburg km
o 327
n

SLOVACCHIA
Re

Ulma
a
er

r Pr
479 Isa
aN

Bratislava u
BAVARESE
PIANO
Selv

t
678
ALTO Inn Vienna
U N G H E R I A

A
A U S T R I A Budapest ES
E

IN
H ER
UNG

RA
PIANURA
UC

Tibisco
Dra R O M A N I A

O
va

I UG

R
CROAZIA
Po Sava

E
Belgrado Bucarest
A

OS

N
H I
A C C
V A L

LA

R
A
V
IA

M
B U L G A R I A

Sorgente
678 m
Stretta di
Bratislava Porte
164 m di Ferro
43 m Foce

Primo Tratto Secondo Tratto Terzo Tratto


(Germania, Austria) (Slovacchia, Ungheria, Croazia, Serbia) (Romania, Bulgaria, Ucraina)

Anche il Danubio è un fiume importante.


Attraversa 9 Stati:
................................................................................................................................ ,
................................................................................................................................ ,
................................................................................................................................ ,
................................................................................................................................ ,
................................................................................................................................ ,
................................................................................................................................ ,
................................................................................................................................ ,
................................................................................................................................ ,
..................................................................................................................................

ed è navigabile per molti kilometri.


In questo fiume finisce l’acqua di tre grandi zone (bacini idrografici): l’Altopiano
Bavarese, la Pianura Ungherese e la Pianura della Valacchia.
Il Danubio nasce in Germania, dalla Selva Nera.
Ha molti affluenti:
....................................................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

192
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

e attraversa molte città importanti


....................................................................................................................................................................................................................................................................

Nell’ultimo tratto è larghissimo; vicino al mare si divide in 3 bracci che sfociano


nel Mar Nero.

n L’Europa è bagnata da due mari principali:


l’Oceano Atlantico e il Mar Mediterraneo.

MAR
DI BARENTS

O
C
I
T
N
A
L
T
A

ICO

MARE
MARE
O

LT

D’IRLANDA DEL NORD


A

B
N

MAR
A
E
C
O

O
M

MAR NER
AR

LIGURE AD MAR
E

RI
AT
IC
O

MAR
TIRRENO
M A MAR
R IONIO
Sicilia
MAR
EGEO
M

E
D I
T E R R
A N E O

0 400 km

L’Oceano Atlantico si divide in quattro mari principali: ....................................................................................


....................................................................................................................................................................................................................................................................

Il Mar Mediterraneo si divide in sei mari principali: ................................................................................................


....................................................................................................................................................................................................................................................................

Le penisole di questi mari sono tante; quelle più importanti sono: ....................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

Ora guarda le isole.


Le isole settentrionali (Gran Bretagna, Irlanda e Islanda) sono le più grandi d’Eu-
ropa; le isole Baleari nel Mediterraneo sono spagnole; la Sicilia e la Sardegna
sono italiane; la Corsica è francese e Creta e le isole dell’Egeo sono greche.

193
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n In Europa i venti più importanti arrivano dall’Oceano Atlantico

Sull’Europa soffiano continuamente dei venti che arrivano dall’Oceano Atlantico.


In primavera e in autunno arrivano dall’oceano dei venti che portano la pioggia;
piove molto sulle coste, piove un po’ meno nell’Europa centrale, piove poco nella
Pianura Russa.

INVERNO
O Piogge
C Siberia
TI invernali
N
LA
T
A ANTICICLONE
O (aria secca)
N
A
E
C
O
VENTI ATLANTICI
(umidi)
Isole
Azzorre secco

Piogge
invernali

In inverno arriva aria fredda dalla Siberia.


Guarda la figura: dove arriva l’anticiclone non piove e fa freddo, mentre dove ar-
rivano i venti atlantici d’inverno piove molto.

ESTATE

Piogge
VENTI ATLANTICI
(umidi)
Siberia
Piogge

ANTICICLONE
(aria secca)

Isole
Azzorre

secco

In estate arriva dell’aria calda dalle isole Azzorre.


Guarda la figura: dove arriva l’anticiclone non piove e fa caldo, mentre dove arri-
vano i venti atlantici d’estate piove.

194
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n In Europa ci sono sei tipi diversi di clima

In Europa il clima è influenzato dalla distanza di ogni regione dall’Equatore (cioè


dalla latitudine), dai venti che portano la pioggia e che arrivano dall’Oceano At-
lantico, dalla vicinanza del mare e dalla presenza delle montagne.
o
ic
O rt
A
C r e
l a
Fascia artica I P o
l o
c o

T
clima artico C i r

N
A
L
T
A
Fascia atlantica
e continentale
O

clima oceanico MARE


N

clima continentale temperato DEL NORD


A

clima continentale freddo


clima arido
E
C
O

M
A
R
C
A
SP
O IO
NER
MAR

Fascia mediterranea
clima mediterraneo M A
R
M

E
D
I T
E R R A
0 400 km
N E O

Guarda la carta.
Il clima artico ha inverni lunghissimi e molto freddi; l’estate è tiepida e dura solo
tre mesi.
Il clima oceanico ha inverni miti ed estati fresche; piove in tutte le stagioni, perché
dall’oceano arrivano le nuvole cariche di umidità.
Il clima continentale temperato ha estati calde e inverni freddi.
Il clima continentale freddo ha estati brevi e calde e inverni lunghi e freddi; piove po-
co perché i venti carichi di pioggia non riescono ad arrivare.
Il clima arido ha estati molto calde, in-
verni freddi e sempre poche piogge.
Il clima mediterraneo ha inverni miti e Tundra
piovosi ed estati calde e senza pioggia.
In ogni regione d’Europa ci sono delle
piante che si sono adattate al clima e al Foresta di conifere
territorio; se guardi la cartina puoi ve-
dere che a nord c’è la tundra formata da
muschi e licheni.
Più a sud c’è la taiga, una foresta di coni-
Foresta di latifoglie
fere (pini, abeti) che sopportano bene il
freddo.
Sotto la taiga c’è la foresta di latifoglie,
formata da alberi che perdono le foglie
in autunno (querce, faggi, olmi ecc.). Steppa
Sulle coste del Mediterraneo crescono Macchia mediterranea
la macchia mediterranea, formata da
piante basse, e alberi come gli olivi o gli
agrumi.

195
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

B. Esercizi
l Sottolinea le tre risposte giuste. Poi scrivi sotto la frase completa.
L’Europa è un continente:
a) formato da moltissime isole
b) piccolo
c) unito all’Asia
d) unito all’America del nord
e) diviso dall’Africa dal Mar Mediterraneo
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

L’Italia del sud è una zona dove :


a) ci sono spesso dei terremoti
b) non ci sono vulcani
c) i terremoti sono molto rari
d) non ci sono eruzioni vulcaniche
e) ci sono alcuni vulcani attivi
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Il Reno è:
a) il fiume più lungo d’Europa
b) uno dei fiumi più lunghi d’Europa
c) navigabile per lunghi tratti
d) utile per le attività dell’uomo
e) non è navigabile
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Il Mar Mediterraneo ha:


a) solo un’isola importante
b) molte isole
c) diversi nomi
d) molti punti di contatto con l’Oceano
e) alcune penisole
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Il clima in Europa è influenzato da:


a) la presenza del mare
b) le montagne
c) i monsoni
d) i venti che arrivano dall’Oceano Atlantico
e) la vicinanza al Polo Sud
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

l Metti la freccia giusta


– Il clima artico ha estati molto calde e inverni freddi e secchi
– Il clima oceanico ha inverni lunghi e freddi e estati calde e brevi
– Il clima continentale temperato ha inverni miti e estati calde
– Il clima continentale freddo ha inverni molto freddi e estati tiepide
– Il clima arido ha estati calde e inverni freddi
– Il clima mediterraneo ha inverni miti e estati fresche
196
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

l Completa.
Usa queste parole:
Africa, continente, Volga, sud, Europa, Danubio, nord, Balcanica, penisole

L’Europa è un ........................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . piccolo unito all’Asia e diviso


dall’... ............................................... dal Mar Mediterraneo. Le montagne più alte si trova-
no a . ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . , mentre le pianure più importanti
sono nell’.................................................. centrale.
Il fiume più lungo è il ........................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . , ma quelli più importanti per l’econo-
mia e i trasporti sono il Reno e il . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le isole più grandi si trovano nel .................................................. del continente, mentre a
sud ci sono tre importanti ........... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . : la Penisola Iberica, la Penisola
Italiana e la Penisola ......................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Ora rileggi ogni idea importante e cerca di spiegarla a un tuo compagno.


Ricorda di usare le parole che hai imparato.

197
VOLUME
MODULO D 3• •LE CAPITOLO
VENTI REGIONI14
ITALIANE

EUROPA
POPOLAZIONE
1. Parole per capire
Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole:
PIL ................................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

pro capite ................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

lingua-madre............................................ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

lingua neolatina ..................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

lingua germanica ................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

lingua slava ............................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

religione ...................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

cristiano ...................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

cattolico ...................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

ortodosso ................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

ebreo ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

musulmano ............................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

densità di popolazione....................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . .
............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

immigrato .................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
............. ............................................................. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

n Se vuoi, puoi scriverle su una rubrica, che diventerà il tuo glossario personale
per le parole o le espressioni più difficili.

198
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

2. Cose da sapere
A. Le idee importanti
l L’Europa ha 44 stati: 25 sono nell’Unione Europea, 19 sono fuori dell’Unione
l L’Europa occidentale è più ricca dell’Europa orientale
l In Europa si parlano molte lingue; la maggior parte degli europei è cristiana
l In Europa ci sono grandi città e molte strade, autostrade e ferrovie
l Oggi in Europa ci sono molti immigrati, prima c’erano tanti emigranti

n L’Europa ha 44 stati: 25 sono nell’Unione Europea, 19 sono fuori dell’Unione

Guarda le due carte.

0° 20° 40° 60° Europa occidentale


70°
Stati maggiori (abitanti)
Stati minori

ISLANDA Circ
olo Europa orientale
Pola
re Ar Stati maggiori (abitanti)
tico
Stati minori

FINLANDIA
NORVEGIA

SVEZIA
RUSSIA EUROPEA
(112 milioni)
ESTONIA

LETTONIA
IRLANDA REGNO DANIMARCA
UNITO LITUANIA
(59 milioni)

PAESI BIELORUSSIA
BASSI
POLONIA
GERMANIA (39 milioni)
BELGIO (82 milioni)
LUSSEMBURGO
REP. CECA UCRAINA
FRANCIA (49 milioni)
LIECHTENSTEIN SLOVACCHIA
(60 milioni)
AUSTRIA MOLDAVIA
SVIZZERA UNGHERIA
SLOVENIA
ROMANIA
CROAZIA
PORTOGALLO
BOSNIA-
MONACO ERZEGOVINA
ANDORRA S. MARINO
SERBIA E
MONTENEGRO BULGARIA
S PA G N A ITALIA
(41 milioni) (57 milioni) MACEDONIA
ALBANIA

GRECIA

MALTA
° CIPRO

0 500
km

L’Europa ha 700 milioni di abitanti e 44 stati.


Come vedi nella carta, ci sono stati molto grandi e con molti abitanti, come la
Russia; altri grandi e molto popolati, come la Francia o l’Ucraina; altri piccoli e
con pochi abitanti come la Svizzera o l’Austria.

199
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Paesi membri della UE


Paesi che hanno chiesto
di entrare nell’UE

FINLANDIA

SVEZIA
ESTONIA

LETTONIA

DANIMARCA LITUANIA
IRLANDA
REGNO
UNITO PAESI
BASSI
POLONIA
GERMANIA
BELGIO
REP. CECA
LUSSEMBURGO
SLOVACCHIA

AUSTRIA UNGHERIA
FRANCIA
SLOVENIA ROMANIA

BULGARIA
PORTOGALLO
ITALIA
SPAGNA TURCHIA
GRECIA

CIPRO
MALTA

In questa seconda carta vedi i 25 stati che sono nell’Unione Europea (e i tre che
hanno chiesto di entrare nell’Unione Europea).

n L’Europa occidentale è più ricca dell’Europa orientale

Gli stati dell’Europa occiden- PIL pro capite (anno 2001)


tale sono di solito più ricchi oltre 25 000 $ (dollari americani)
20 000-25 000 $
degli stati dell’Europa orienta-
10 000-20 000 $
le. Hanno un’economia più svi- meno di 10 000 $
luppata, con più industrie e più
servizi, e il PIL (prodotto in- Finlandia
Islanda Svezia
terno lordo) pro capite (per
O

ogni persona) è più alto. Ci so- Norvegia


C
I

no anche in Europa occidenta- Estonia Russia


T
N

le persone povere, ma in gene-


A

Lettonia
re le persone sono più ricche
L

Danimarca Lituania
T

Regno Unito
che in Europa orientale.
A

Irlanda Bielorussia
È importante sapere il PIL pro
O

Paesi Bassi
capite, perché così possiamo Polonia
A N

sapere quanti soldi hanno, in Belgio Germania Ucraina


R. Ceca
media, gli abitanti di uno stato
O C E

Lux. Slovacchia
Moldavia
in un anno. Nella carta qui sot-
Austria Ungheria
to vedi gli stati europei che nel Francia
Svizzera
Slovenia Romania
Croazia
2001 hanno avuto il PIL più al- Bosnia E.
to e quelli che hanno avuto il Italia Serbia e M. Bulgaria
PIL più basso (misurati in dol- Portogallo Macedonia
Albania
lari americani). Spagna
Grecia

M A R
M
E
D
I
T
E R R A N E O
Paesi più ricchi e paesi più poveri

200
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Anche se non hanno il PIL più alto di tutti gli altri stati, Germania, Regno Unito,
Francia, Italia e Spagna sono i cinque paesi più importanti dell’Europa occidenta-
le: sono i più grandi, hanno più abitanti, hanno molte industrie e molti servizi
(scuole, ospedali…).
La Russia, l’Ucraina e la Polonia sono invece gli stati più importanti dell’Europa
orientale. Però la loro economia non è ancora forte, e i loro abitanti sono ancora,
in media, abbastanza poveri. Il prodotto interno lordo pro capite, come vedi sulla
carta, è basso.

n In Europa si parlano molte lingue; la maggior parte degli europei è cristiana

In Europa ci sono tanti popoli che parlano tante lingue diverse.


Alcune di queste lingue si assomigliano un po’, hanno parole simili o regole simili,
perché hanno un’unica lingua-madre.
Ad esempio, il francese, l’italiano, lo spagnolo, il portoghese e il rumeno sono lingue
«figlie» di una lingua antica, il latino, che oggi non si parla più. Si chiamano quindi lin-
gue neolatine.
Il tedesco e l’inglese sono invece «figlie» di una lingua antica, il germanico, che
oggi non si parla più. Si chiamano lingue germaniche.
Il russo, il polacco, l’ucraino e tante altre lingue dei paesi dell’Europa orientale sono
invece lingue slave, perché sono «figlie» della lingua degli antichi slavi.
Nella carta vedi quali sono le lingue simili, che appartengono a una stessa famiglia
linguistica.

neolatine ugro-finniche
germaniche baltiche
slave albanese
greco
turco
C celtico
Finnico
B basco Svedese

Norvegese
O

Estone Russo
C

C
I
T

Lettone
N
A

Danese Lituano
C
L

Inglese
T

Bielorusso
A

C Olandese
Polacco
O

Tedesco Ucraino
A N

Ceco
Slovacco
C
O C E

Ungherese
Francese Sloveno Rumeno

Croato
B Italiano Serbo Bulgaro
Catalano
Portoghese Albanese Turco
Spagnolo
Greco

M A R
M
E
D
I
Le lingue 0 350 km T
E R R A N E O
europee

In Europa la maggior parte delle persone è di religione cristiana.


I cristiani si dividono poi in: cattolici, se hanno come capo della chiesa il papa di
Roma, protestanti e ortodossi. La maggior parte dei cristiani è cattolica, perché ri-
conosce come capo della chiesa il papa di Roma.

201
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Cattolici
Protestanti
Ortodossi
Musulmani
Ebrei

O
C
I
T
N
A
L
T
A
O
A N
O C E

M A R
M
E
D
I
T
E R R A N E O
Le religioni
in Europa

Oggi però in Europa ci sono anche molti musulmani (soprattutto immigrati) e alcu-
ni ebrei. Nella carta vedi dove sono i cattolici, i protestanti e gli ortodossi in Europa.

n In Europa ci sono grandi città e molte strade, autostrade e ferrovie

MARE
DEL NORD

Haarlem Amsterdam

L’Aia
Leida CITTÀ ANELLO
REGIONE DELL’OLANDA
DI LONDRA Rotterdam
Londra RUHR Dortmund
Duisburg
Essen Ruhr
Anversa Düsseldorf
RE
NA

Dover Eurotunnel Gand


Colonia
NIA
da

Calais Bonn
Bruxelles
el

a h
Lilla Sc
ic BELGIO Liegi
Re

n sa o
n

a Mo
M
La

Le Havre
Se REGIONE
n PARIGINA Reims
na

Marna
Parigi Metz

Strasburgo
na
0 50 100 km Sen

202
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

In Europa le due città più grandi (metropoli) sono Londra e Parigi. Le due zone
con più abitanti sono le città dell’anello dell’Olanda e le città della Ruhr-Renania.
Come vedi dalla carta, sono tutte e quattro abbastanza vicine e al loro centro c’è
Bruxelles.
Londra arriva a 7 milioni di abitanti. Parigi arriva a 9,6 milioni. Le città olandesi
arrivano a 7 milioni e quelle della Ruhr-Renania a 12 milioni.
In Europa ci sono tantissime strade, autostrade e ferrovie (vie di comunicazione). Le
più importanti toccano le città più grandi e vanno da nord a sud o da est a ovest. Nel-
la carta, vedi le principali ferrovie europee.

sistemi montuosi
STOCCOLMA
ferrovia in senso meridiano (nord-sud)
ferrovia in senso parallelo (ovest-est) MOSCA
principali tunnel ferroviari
valico ferroviario
Glasgow
COPENAGHEN

MINSK

Manchester
Amburgo
Birmingham VARSAVIA
AMSTERDAM BERLINO
LONDRA
Calais
Colonia
Lilla BRUXELLES
PRAGA

PARIGI
VIENNA
Monaco
Basilea BUDAPEST
Innsbruck

ZAGABRIA
Lione Milano Trieste Costanza
Verona BUCAREST
Torino BELGRADO
Genova Bologna

Firenze SOFIA
Marsiglia İstanbul

ROMA
Barcellona
MADRID Napoli

0 200 km

n Oggi in Europa ci sono molti immigrati, prima c’erano tanti emigranti

Oggi in Europa vivono quasi 700 milioni di abitanti: la densità di popolazione in


Europa è piuttosto alta quasi dappertutto. Guarda la carta: in molte zone ci sono più
di 100 abitanti per chilometro quadrato; in molte ci sono più di 200 abitanti per chi-
lometro quadrato!
Tanti anni fa moltissimi europei sono andati a vivere e a lavorare negli altri conti-
nenti, soprattutto in America. Tra il 1816 e il 1915 quasi 50 milioni di europei sono
emigrati in America!
Oggi invece molte persone vengono a vivere e lavorare in Europa: ci sono quindi
molti immigrati. Dal 1950 al 1970 gli immigrati andavano soprattutto in Francia, nel
Regno Unito, in Germania o nel Belgio, che erano i paesi europei più ricchi, dove c’e-
ran più bisogno di lavoratori stranieri. Adesso invece molti immigrati vengono anche
in Spagna e in Italia.

203
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Densità
di popolazione
(abitanti per km2)
meno di 10
10-50
50-100

O
100-200
C
più di 200
I
T
N
A

Stoccolma San Pietroburgo

O
L

LT I C
MARE Gorki
T

DEL NORD Mosca Samara


A

BA
Copenaghen
Liverpool R
Amburgo MA Minsk
O

Amsterdam
Brema
Londra
N

Bruxelles Berlino Varsavia


E A

Dnepropetrovsk Doneck
Parigi Praga
C

Monaco Vienna MAR


O

Lione Budapest CASPIO


Odessa
Milano
Torino Belgrado Bucarest

Marsiglia MAR NERO


Madrid
Barcellona
Sofia
.
Roma Istanbul

Napoli

M A R M E
D I
T Atene
E
R
0 260 km R
A N
E O

B. Esercizi
l Segna la risposta giusta
I paesi più ricchi d’Europa sono quelli dell’Europa orientale vf
La Russia è uno stato dell’Unione Europea vf
Il francese, l’italiano e lo spagnolo sono lingue neolatine vf
Il tedesco e l’inglese sono lingue germaniche vf
La maggioranza degli europei è di religione cattolica vf
Bruxelles è la più grande città europea vf
L’Europa ha una bassa densità di popolazione vf
In passato dall’Europa sono partiti molti emigranti vf

l Completa
Usa queste parole:
Bruxelles, 700 milioni, anello olandese, Londra, Parigi, Ruhr-Renania, occidentale,
francese, tedesco, inglese

In Europa ci sono circa ....................................................... di abitanti. Le zone più abitate non sono
molto lontane da .................................................. e sono .................................................., .................................................., le città
dell’.................................................. e della .................................................., in Germania. Queste città sono nel-
l’Europa ........................................................, che è più ricca dell’Europa orientale. A Parigi si parla
, che è una lingua neolatina; a Londra si parla .................................................., che
..................................................

è una lingua germanica, come il ...................................................

204
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

l Guarda la carta dei paesi più ricchi e più poveri dell’Europa.


In quali paesi nel 2001 gli abitanti hanno avuto in media più di 25 000 dollari al-
l’anno?
1) ......................................................................................................... 2) ...........................................................................................................

3) ......................................................................................................... 4) ...........................................................................................................

5) ......................................................................................................... 6) ...........................................................................................................

7) ......................................................................................................... 8) ...........................................................................................................

9) ......................................................................................................... 10) .........................................................................................................

In quali paesi hanno avuto fra 20 000 e 25 000 dollari?


1) ......................................................................................................... 2) ...........................................................................................................

3) ......................................................................................................... 4) ...........................................................................................................

5) ......................................................................................................... 6) ...........................................................................................................

In quali paesi hanno avuto fra 10 000 e 20 000 dollari?


1) ......................................................................................................... 2) ...........................................................................................................

3) ......................................................................................................... 4) ...........................................................................................................

5) ......................................................................................................... 6) ...........................................................................................................

6) .........................................................................................................

In quali paesi hanno avuto meno di 10 000 dollari?


1) ....................................................................................................... 2) ...........................................................................................................

3) ....................................................................................................... 4) ...........................................................................................................

5) ....................................................................................................... 6) ...........................................................................................................

7) ....................................................................................................... 8) ...........................................................................................................

9) ....................................................................................................... 10) .........................................................................................................


11)....................................................................................................... 12) ..........................................................................................................
13)....................................................................................................... 14) ..........................................................................................................

Ora rileggi ogni idea importante e cerca di spiegarla a un tuo compagno.


Ricorda di usare le parole che hai imparato.

205
VOLUME
MODULO D 3• •LE CAPITOLO
VENTI REGIONI15
ITALIANE

EUROPA ECONOMIA

1. Parole per capire


Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole:
produttori ...................................................................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................................................................................................

idrocarburi ................................................................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................................................................................................

città d’arte ..................................................................................................................................................................................................................................


....................................................................................................................................................................................................................................................................

siti archeologici ..................................................................................................................................................................................................................


....................................................................................................................................................................................................................................................................

turismo estivo .......................................................................................................................................................................................................................


....................................................................................................................................................................................................................................................................

turismo montano .............................................................................................................................................................................................................


....................................................................................................................................................................................................................................................................

n Se vuoi, puoi scriverle su una rubrica, che diventerà il tuo glossario personale
per le parole o le espressioni più difficili.

206
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

2. Cose da sapere
A. Le idee importanti
l L’Europa ha un’agricoltura molto sviluppata
l Alcuni prodotti importanti: birra, vino, burro e olio di oliva
l Un’altra risorsa importante è l’allevamento
l Metalli e carbone
l Petrolio e gas naturale
l In Europa ci sono molte zone industrializzate
l Il turismo è una grande risorsa per l’Europa

n L’Europa ha un’agricoltura molto sviluppata

L’Europa è un continente con un’agricoltura ricca, ma ci sono delle differenze: ne-


gli stati dell’Unione Europea gli agricoltori usano le macchine (per esempio i trat-
tori) e tecniche moderne; invece gli stati dell’Europa orientale hanno un’agricol-
tura più arretrata e gli agricoltori usano meno macchine e meno sostanze chimi-
che per far crescere le piante o difenderle dagli insetti.

pascoli
cereali
colture mediterranee
foreste
tundra
zone aride

Guarda la carta:
a) nella regione dei pascoli la pioggia che arriva dall’oceano fa crescere tutto l’an-
no l’erba che viene usata come cibo per gli animali;
b) nella regione dei cereali piove poco e le estati sono calde; gli agricolori coltiva-
no il grano e altri cereali come l’avena, il mais e l’orzo; coltivano anche la bar-
babietola da zucchero, la soia e il girasole;
c) nella regione della colture mediterranee il territorio è spesso sassoso; e le estati
sono calde e secche. Le piante che vengono coltivate sono la vite, l’olivo, gli
agrumi e il grano duro che serve per fare la pasta.

207
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

Produttori di frumento in Frumento A


Europa
(milioni di q nel 2002)
Il frumento è coltivato in tut- Russia 500
ti gli stati europei. Guarda la Francia 390
tabella. Germania 207
I primi produttori di fru- Ucraina 205
mento in Europa sono: Regno Unito 158
Polonia 93
..........................................................................................
Italia 77
.......................................................................................... Spagna 65
Romania 43
Danimarca 41

Produttori di orzo in Europa Orzo B


L’orzo viene usato in molti
(milioni di q nel 2002)
modi; l’orzo si usa anche per
Russia 180
fare la birra.
Germania 109
Guarda la tabella. Francia 109
I primi produttori di orzo in Ucraina 103
Europa sono: Spagna 84
.......................................................................................... Regno Unito 59
Danimarca 41
..........................................................................................
Polonia 33
Rep. Ceca 19
Bielorussia 18

Produttori di patata in Eu- Patata C


ropa
(milioni di q nel 2002)
La patata è una pianta mol- Russia 319
to importante nell’alimenta- Polonia 204
zione degli uomini perché re- Ucraina 161
siste bene al freddo. Germania 109
Guarda la tabella. I primi Bielorussia 80
produttori di patate in Euro- Paesi Bassi 72
pa sono: Francia 67
Regno Unito 66
..........................................................................................
Romania 40

Produttori di zucchero in Zucchero D


Europa
(milioni di q nel 2002)
Lo zucchero in Europa vie- Francia 50
ne fatto con la barbabietola Germania 44
da zucchero. Polonia 20
Guarda la tabella. Russia 16
I primi produttori di zucche- Italia 14
ro in Europa sono:
..........................................................................................

208
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n Alcuni prodotti importanti: birra, vino, burro e olio di oliva

Produzione di birra in Eu- Birra A


ropa
(milioni di ettolitri nel 2002)
La birra è una bevanda tipica
Germania 106
degli stati dell’Europa del
Russia 65
nord e dell’est. Regno Unito 54
Guarda la tabella. Polonia 26
I primi produttori di birra in Spagna 25
Europa sono: Paesi Bassi 24
..........................................................................................
Rep. Ceca 18
Francia 15
.......................................................................................... Belgio-Luss. 15
Ucraina 14
Italia 12

Produzione di vino in Euro- Vino B


pa
(milioni di ettolitri nel 2002)
La vite viene coltivata in vari Francia 54
paesi europei. Italia 44
Guarda la tabella. Spagna 36
I primi produttori di vino in Germania 10
Europa sono: Portogallo 7
Grecia 5
..........................................................................................
Romania 5
.......................................................................................... Ungheria 3
Russia 3

Produzione di burro in Eu- Burro C


ropa
(milioni di quintali nel 2002)
Il burro è un alimento diffu- Francia 457
so nell’Europa centrale; in Germania 420
Italia si produce soprattutto Russia 275
nella Pianura Padana. Polonia 180
Guarda la tabella. Ucraina 170
I primi produttori di burro Belgio-Luss. 136
in Europa sono: Irlanda 130
Regno Unito 130
..........................................................................................
Italia 128
Paesi Bassi 125

Produzione di olio di oliva Olio di oliva D


in Europa
(migliaia di tonnellate
L’olivo è una pianta del Me- nel 2002)
diterraneo; viene coltivato Spagna 964
anche in Turchia, Tunisia, Ma- Italia 507
rocco e Algeria. Grecia 420
Guarda la tabella. Portogallo 35
I primi produttori di olio in Francia 4
Europa sono: Croazia 2
Albania 1
..........................................................................................

..........................................................................................

209
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n Un’altra risorsa importante è l’allevamento

A Bovini Anche l’allevamento degli


animali è una risorsa impor-
(milioni di capi nel 2002)
Russia 26
tante per l’Europa. Gli ani-
Francia 20
mali danno carne, latte, uova
Germania 14 e anche la lana e la pelle che
Regno Unito 10 vengono lavorate nelle indu-
Ucraina 9 strie.
Irlanda 7
Italia 7
Spagna 6
Polonia 5
Bielorussia 4

Allevamento di bovini (mucche e vitelli) in Europa

C Suini
(milioni di capi nel 2002)
Germania 25
Spagna 23
Polonia 18
Russia 16
Francia 15
Paesi Bassi 13
Danimarca 13
Italia 8
Ucraina 8
Allevamento di suini (maiali) in Europa

D Ovini
(milioni di capi nel 2002)
Regno Unito 33
Spagna 24
Russia 13
Italia 11
Francia 9
Grecia 9
Romania 7
Allevamento di ovini (pecore e
Portogallo 3
agnelli) in Europa

Guarda le tabelle.
Quale sono gli animali più allevati in Europa? ................................................................................................................
Quali sono gli stati che allevano più bovini? ........................................................................................................................
E quelli che allevano più suini? ...............................................................................................................................................................

n Metalli e carbone

Molti paesi europei hanno dei giacimenti di metalli (ferro, mercurio, rame, zinco,
piombo e stagno), ma sono giacimenti piccoli. In passato sono stati molto utili, ma
ora molti giacimenti sono chiusi.
Ci sono anche molti giacimenti di carbone; si trovano in Inghilterra, Belgio, Ger-
mania, Polonia, Russia e Ucraina. Anche questi giacimenti sono stati molto utili in
passato, ma ora sono aperti solo quelli dell’Europa orientale.
Anche grazie a queste miniere nell’Ottocento in Europa si è sviluppata l’indu-
stria, che ha cambiato questo piccolo continente trasformandolo in un continente
industrializzato.

210
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n Petrolio e gas naturale

Oggi per produrre energia usiamo soprattutto il petrolio e il gas naturale, cioè gli
idrocarburi.
In Europa ci sono grandi giacimenti sia di petrolio che di gas naturale.
I giacimenti di petrolio si trovano in Siberia, nel Mar del Nord e nel Mar Caspio e
i paesi che possono sfruttare questa risorsa sono la Russia, la Norvegia e il Regno
Unito. Tutti gli altri stati devono comprare il petrolio all’estero, in particolare dai
paesi arabi, come l’Arabia Saudita o il Kuwait, o dai paesi nordafricani, come l’Al-
geria o la Libia.
I maggiori produttori di gas naturale sono la Russia, i Paesi Bassi, il Regno Unito
e la Norvegia.
Anche l’Italia è un buon produttore di gas naturale ma deve comunque comprare
metà di quello che usa dagli altri paesi.

n In Europa ci sono molte zone industrializzate

area ad alta intensità industriale

Regione
GRAN di Mosca
BRETAGNA
Regione
del Volga

GERMANIA
Slesia Donbass

FRANCIA

ITALIA

0 350 km

L’Europa è un continente con molte industrie, ma ci sono delle differenze.


Guarda la carta: vedi che la zona con più industrie è l’Unione Europea. In partico-
lare sono industrializzate la Gran Bretagna, la Germania, la zona della Francia
che circonda Parigi, il Belgio, la Svizzera, parte dell’Austria e l’Italia del nord.
Ci sono molte industrie anche in Russia, in Ucraina e in Polonia.
Le industrie hanno cambiato molto la vita dell’uomo, che oggi è più comoda e fa-
cile, ma hanno anche creato dei problemi.
Uno dei questi problemi è l’inquinamento.
Sicuramente sai che spesso le navi che portano il petrolio hanno degli incidenti e
che il petrolio che cade in mare fa morire i pesci e le piante; e sai anche che dalle
industrie possono uscire dei veleni pericolosi per gli uomini e per gli altri esseri vi-
venti.
Sono dei problemi per tutti, perché l’inquinamento non si ferma dove nasce, ma si
sposta con l’acqua dei fiumi e del mare o con il vento.
In questi ultimi anni le leggi sono diventate più severe, ma c’è ancora molto da fare.

211
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

n Il turismo è una grande risorsa per l’Europa

Affluenza di turisti

NORVEGIA
FINLANDIA (milioni di arrivi nel 2002)
O

Francia 76
C

Spagna 49
I

SVEZIA
T
N

MARE Stati Uniti 45


L A

DEL NORD RUSSIA Italia 39


A T

IRLANDA DANIMARCA
Cina 33
GRAN
BRETAGNA Regno Unito 23
O

Russia 20
A N

BENELUX
GERMANIA Messico 20
O C E

POLONIA
Canada 19
Austria 18
Car
pa
AUSTRIA Località di interesse storico

zi
FRANCIA UNGHERIA artistico-archeologico-religioso
Alpi
ROMANIA Aree di soggiorno montano
Località di soggiorno marino termale

zi
a
PORTOGALLO P ir
en Car p Turismo verde
ei MAR NERO
Parchi nazionali
Corsica BULGARIA
ITALIA Migrazioni del turismo estivo
SPAGNA
Baleari Sardegna
GRECIA TURCHIA
M A
R
M
E
D Sicilia
I
MAROCCO T
E
ALGERIA R
0 300 km R A
TUNISIA N E O Creta

Guarda la carta.
Come vedi i turisti si spostano soprattutto dai paesi dell’Europa del Nord, che
sono quelli più ricchi.
I turisti visitano le città più belle (città d’arte), i resti dei popoli del passato (siti
archeologici), le coste con il mare più pulito e caldo (turismo estivo), i parchi na-
zionali e le montagne (zone di turismo montano).

B. Esercizi
l Sottolinea le tre risposte giuste. Poi scrivi sotto la frase completa.
Negli stati dell’Unione Europea l’agricoltura:
a) è ricca e sviluppata
b) viene praticata con l’aiuto delle macchine
c) dà solo pochi prodotti
d) è povera
e) viene praticata con strumenti arretrati
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Gli animali più allevati sono:


a) maiali b) mucche
c) cammelli d) cavalli
e) pecore
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

212
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

I cereali più coltivati sono:


a) il grano
b) il cotone
c) il mais
d) l’orzo e il riso
e) la barbabietola da zucchero
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Tra i paesi che hanno più minerali e idrocarburi ci sono:


a) Regno Unito b) Spagna
c) Russia d) Gracia
e) Norvegia
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Tra i paesi più industrializzati ci sono:


a) Germania
b) Portogallo
c) Regno Unito
d) Francia
e) Irlanda
......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

......................................................................... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

l Metti la freccia giusta


– le mucche sono
– i puledri sono
– i maiali sono equini
– i vitelli sono bovini
– le pecore sono suini
– i cavalli sono ovini
– gli agnelli sono

l Completa
Usa queste parole:
ricca, turismo, vite, piante, mare, concimi, nata, olivo, metalli.

L’Europa ha un’agricoltura ....................................... e sviluppata. Soprattutto nei paesi del-


l’Unione Europa, i campi vengono coltivati usando le macchine e i ...................................... .
Le coltivazioni più diffuse sono quelle dei cereali, dell’................................................................, della
...................................... , della barbabietola da zucchero, della patata e dell’orzo. Vengono an-
che coltivate le ...................................... da foraggio per l’allevamento degli animali, in parti-
colare nelle zone dove piove molto.
Anche l’industria è molto sviluppata. I paesi che hanno più fabbriche sono quelli
dove l’industria è .................................................., nell’Ottocento, e dove ci sono più giacimenti di
...................................... e idrocarburi.
Un’altra risorsa importante è il ...................................... ; molte persone viaggiano per vedere
le città, i siti archeologici o per andare al ...................................... e in montagna.

213
Giampietro Paci • GUARDARE IL MONDO • © 2005 Zanichelli Editore

l Perché l’agricoltura oggi è diversa da tanti anni fa?


Completa con queste parole:
poco/ molto; con le braccia e gli animali / con le macchine; concimi naturali/concimi chimici

Tanti anni fa i contadini Oggi i contadini


coltivavano i campi ................................................. coltivano i campi ..........................................................................

usavano ..................................................................................... usano .............................................................................................................

producevano ..................................................................... producono .............................................................................................

Ora rileggi ogni idea importante e cerca di spiegarla a un tuo compagno.


Ricorda di usare le parole che hai imparato

214

Potrebbero piacerti anche