Sei sulla pagina 1di 2

Ripasso economia

L equilibrio del consumatore si raggiunge in funzione delle scelte effettuate.


Il problema è delle risorse…che sono limitate…
Un invidio non può soddisfare tutti gli obiettivi che gli vengono in mente.
I bisogni sono infiniti e risorse limitate.
I limiti sono il reddito e il prezzo
A cavallo della prima rivoluzione industriale analizzarono gli aspetti economici attraverso la
teoria di mercato(secondo il quale lo stato non doveva intervenire nel mercato)è L
imprenditore era una figura nuova,il cavaliere di impresa
Le scelte dei
Gli operatori economici erano di stile razionale per la soddisfazione del benessere…cioè la
massimizzazione del profitto..
Le analisi ordinalista e cardinali sta sono datate storicamente e i risultati ci danno
informazioni anche oggi.
La prima teoria dei marginalists basato sul principio del tornaconto si basava sul concetto di
idoneità del bene a soddisfare un bisogno.(sia se erano scelte giuste o sbagliate)
A differenza di oggi che il pensiero moderno fa molto caso alle scelte che devono riguardare
anche aspetti di principi di salvaguardia dell ambiente per esempio
L utilità espressa poteva essere misurata suddividendo un bene in dosi…
Utilità marginale:misurazione di un bene è quella connessa all utilizzo dell ultima dose di un
bene.L utilità marginale è decrescente…fino Ad arrivare ad un livello di sazietà…
1 panino ha utilità marginale massima, più panini consumo più l’utilità marginale diminuisce..
Il problema che ogni consumatore si pone è quale beni acquistare e quanto ..
La scuola cardinalistica
La legge di tossendo non è in grado di spiegare perché si riferisce ad un solo bene
Mentre bisogna confrontare più beni e guardare i prezzi.
Il punto di equilibrio è quando è massima L utilità!pagina 83 del libro
Prendiamo 3 beni…e supponiamo che abbiano lo stesso prezzo esempio 10 euro…
Il reddito del soggetto sia 60 euro..lui potrebbe acquistare sei dosi di uno stesso bene..ma
non arriverebbe la massima quantità…e in base a diversa quantità del bene uno riesce a
fare la tabella.
La prima scelta sarà sul bene A con utilità marginale più alta che mi da più
soddisfazione,successivamente egli preferirà il bene B…guardare spiegazione in tabella del
primo.
Si avrà massimo utilizzo per tutti A B C ..quando avremo acquistato tutti e tre al massimo
valore.
Con 60 euro uno comprerà sempre sei pezzi ma in funzione dell utilità
Se io cambio il prezzo dei tre beni cambia tutto..
Utilità marginale diviso il prezzo =utilità marginale ponderata
Scuola ordinalista
Non si possono misurare le utilità in base ai numeri…ponendo il consumatore davanti ad
altri beni facendo delle preferenze…
Curve di indifferenze :esprime L insieme delle coppie di beni a cui il consumatore associa la
stessa utilità,quindi per lui sono indifferenti…
Supponiamo coppia di beni esempio pizza e gelato…il consumatore consuma esempio 10
gelati e 8 pizze…ed esso giunge lo stesso grado di soddisfazione cambiando la quantità
diversa dei beni raggiungendo diversi combinazioni di beni per cui egli raggiunge
indifferenza…se uno aumenta la quantità dei beni egli raggiunge maggior soddisfazione…
Le relazioni di preferenza o indifferenza permette diversi panieri
Svariate combinazione di beni assicurano la stessa soddisfazione..
Saggio marginale di sostituzione:il rapporto tra la diminuzione di un bene è
L’ incremento dell altro bene…
Retta di bilancio:le scelte dipendono dal reddito a disposizione,che rappresenta il limite del
reddito che utilizza.
Pagina 78 fino 82 studiare.

Potrebbero piacerti anche