Sei sulla pagina 1di 4

Leonardo Resciniti

5^SB

Auguste Comte (1798-1857)


Ha come obiettivo la rifondazione della società in tutti i suoi aspetti su basi scientifiche, fondatore del
Positivismo, movimento francese contemporaneo all’Utilitarismo inglese.
Compie gli studi di matematica all’École Polytechnique per formarsi come ingegnere, diventa segretario
di Saint-Simon e collabora alla stesura di alcuni scritti di economia. Non ottiene nel corso della sua
carriera la cattedra di matematica in quanto si dedica alla “filosofia positiva”, ovvero con base
scientifica, reale e concreta, e inizia la stesura delle proprie opere. Si innamora di Clotilde de Vaux e ne
fa la propria musa ispiratrice. Esprime il suo appoggio verso il regime di Napoleone III.
Opere principali: Discorso sullo spirito positivo, Corso di filosofia positiva, Sistema di politica positiva o
trattato di sociologia che istituisce la religione dell’umanità.

 Positivismo e Utilitarismo
Nel corso dell’Ottocento in Europa l’atmosfera culturale-filosofica è influenzata da due nuove correnti
di pensiero, che si sviluppano in Francia e in Inghilterra e sono, rispettivamente, il Positivismo e
l’Utilitarismo.
Positivismo
Il Positivismo inteso come corrente filosofica si sviluppa nel corso del XIX secolo con la spinta di
Auguste Comte, suo fondatore. Si fonda su determinismo e materialismo, una rinnovata fiducia nella
scienza e nella precisione e certezza che essa fornisce, oltre che essere caratterizzato da un
atteggiamento ottimistico. È una concezione filosofica che fa ritorno a quanto detto da Kant per porsi
in contrasto con l’idealismo e l’hegelismo.
Nel Discorso sullo spirito positivo Comte definisce il particolare nome di questa corrente di pensiero,
derivante dall’aggettivo “positivo”:
o Positivo come reale, opposto a “chimerico”; accessibile alle capacità conoscitive umane
o Positivo come utile, opposto a “inutile”; volto al miglioramento della condizione umana
o Positivo come certo, opposto a “incerto”; regolato da un metodo che fornisce risultati certi
o Positivo come preciso, opposto a “vago”; particolare del fenomeno studiato
o Positivo opposto a “negativo”; di atteggiamento costruttivo

Utilitarismo
È una corrente di pensiero che si sviluppa contemporaneamente al Positivismo ma in Inghilterra, si rifà
alla tradizione empirista e illuminista e ha fra i suoi esponenti principali Bentham, Malthus e Mill.
L’Utilitarismo è una teoria che pone la ricerca dell’utile individuale o sociale come motivo
fondamentale dell’agire umano, e in base ad esso si pone di giudicare le azioni e i comportamenti
umani prendendo in esame i risultati e le conseguenze che essi hanno.

 Corso di filosofia positiva


È la prima formulazione del sistema filosofico di Comte, pubblicato in sei volumi fra il 1830 e il 1842,
espone tutti i principi principali del positivismo come la fiducia nel progresso umano e sociale tramite
l’esaltazione della scienza e delle nuove tecnologie e la concezione della conoscenza scientifica come
chiave del processo per il raggiungimento del benessere collettivo.
Leonardo Resciniti
5^SB

o La legge dei tre stadi: sono il punto di partenza della riflessione filosofica di Comte; lo
sviluppo dell’essere umano nella sua individualità, nella sua universalità e attraverso tre distinti
stadi (o tappe) successivi.
Lo stadio teologico
Corrisponde all’infanzia dell’individuo e dell’umanità.
In questo stadio si è guidati dall’immaginazione che viene utilizzata nella comprensione e spiegazione
dei fenomeni, conducendo all’invenzione delle varie religioni per attribuzione di “poteri” ad entità
superiori e sconosciute.
A questo stadio corrisponde un’organizzazione statale in cui la società è dominata da clero e militari,
fase che va dall’antichità fino al Medioevo ed è caratterizzata dalla monarchia militare-teocratica.
Lo stadio metafisico
Corrisponde alla giovinezza dell’individuo e dell’umanità.
In questo stadio non si è più guidati dall’immaginazione bensì dalla ragione speculativa, che indaga i
fenomeni e ne riconduce le cause ad entità astratte e, appunto, metafisiche.
A questo stadio corrisponde un’organizzazione statale in cui si viene a formare lo Stato moderno, con
l’idea di contratto fra gli individui, fase che va dal periodo post-feudale alla Rivoluzione Francese.
Lo stadio positivo
Corrisponde alla maturità dell’individuo e dell’umanità.
Si passa dalla ragione speculativa alla ragione scientifica, che indaga i fenomeni, le loro relazioni, ne
formula delle leggi e li riconduce alle loro vere cause.
A questo stadio corrisponde il periodo post-rivoluzionario, è la società della Restaurazione e della
Rivoluzione Industriale.

 La scienza, le scienze, la sociologia


La scienza
Per Comte la scienza è un’attività conoscitiva che permette di ricercare le leggi regolatrici dei fenomeni
del mondo e le loro relazioni. È la base portante di tutto il sistema del Positivismo.
Una volta osservati i fenomeni e ricavate le leggi che li regolano la scienza permette di prevederne le
manifestazioni future, e di conseguenza il controllo di esse. Comte riprende quanto detto da Cartesio,
il compito della scienza è dominare la natura al fine di migliorare la vita dell’umanità.

o Le scienze e la loro classificazione: partendo dalla definizione data di scienza Comte


distingue e classifica le varie scienze in base al loro sviluppo nel tempo e al loro campo
d’applicazione.
La classificazione delle scienze
Comte classifica le scienze in base al loro grado di sviluppo e riconosce come vere scienze solamente
quelle che hanno raggiunto lo stadio positivo; effettua un tentativo di sistemazione enciclopedica che
ordini le scienze seguendo l’ordine logico, storico e pedagogico: dalle scienze che studiano oggetti più
semplice a quelli più complessi, da quelle sviluppatesi per prime e divenute per prime vere scienze
fino a quelle moderne, seguendo un ordine che vada dalle prime in senso logico e storico fino a quelle
più complesse e recenti, educando gli uomini alle scienze in modo graduale.
Leonardo Resciniti
5^SB

Le scienze
L’ordine generale delle scienze, secondo la classificazione che ne fa Comte, va da quelle che hanno come
oggetto la fisica dei corpi inanimati a quelle che hanno come oggetto la fisica organica alla sociologia.
Vengono ordinate da Comte in questo modo:
o Astronomia, diventata scienza positiva con Copernico, Keplero e Galileo
o Fisica, diventata scienza positiva con Newton
o Chimica, diventata scienza positiva con Lavoisier
o Biologia, diventata scienza positiva con Bichat e Blainvile
o Sociologia

Nella classificazione delle scienze Comte esclude la matematica e la logica, in quanto considera la prima
il prerequisito di ogni scienza positiva e la seconda come qualcosa di differente per ogni scienza.
Nemmeno la filosofia è classificata come scienza, in quanto secondo Comte non ha un ambito specifico
e la sua funzione è quella di classificare le scienze e formulare leggi di carattere generale.
La psicologia per Comte non è una scienza in quanto in essa non esiste una distinzione fra soggetto
osservato e soggetto osservatore, e viene ostacolata la certezza e la precisione caratteristiche delle
scienze positive.

o La sociologia: è la scienza più alta fra tutte le scienze esistenti, di cui Comte stesso è
considerato uno dei fondatori nonostante sia la «scienza delle scienze» la sociologia è ancora
allo stadio metafisico, e il compito di Comte è stenderne il programma per portarla a
maturazione.
Definita da Comte anche come “fisica sociale” la sociologia indaga i movimenti delle società,
cercando di seguire una metodologia positiva. Come tutte le scienze anche la sociologia si
compone di una parte statica e una parte dinamica.
La statica sociale
La statica sociale mette in evidenza le condizioni necessarie per l’esistenza di ogni società. Comte
rifiuta la concezione contrattualistica in quanto sostiene che la socievolezza sia una condizione insita
negli esseri umani, e che sia quindi ovvia la scelta della vita associata.
La statica sociale inoltre evidenzia l’interdipendenza tra e diverse sfere che costituiscono la società.
La dinamica sociale
La dinamica sociale si occupa di studiare e analizzare le leggi del progresso sociale: essa studia il
rapporto delle istituzioni statali e politiche di una società con il periodo storico in cui essa si sviluppa,
cercando di ricercare le ragioni che portano alle crisi delle diverse società. L’esempio fatto da Comte è
l’analisi delle strutture dell’ancien régime che evolve nello scoppio della Rivoluzione Francese.
La politica e la sociocrazia
Il politico positivista, secondo Comte, non ricerca più la mediazione fra diverse opinioni in quanto,
basandosi su un’analisi scientifica dei fatti, utilizza criteri verificati e validi, sulla base di cui le decisioni
prese sono necessariamente corrette.
Per Comte le leggi dell’evoluzione sociale corrispondono con le tendenze dell’evoluzione storica, e
quindi il regime politico ideale del Positivismo è la sociocrazia, ovvero qualcosa che abbia come saldo
fondamento le leggi e le teorie della sociologia, il cui agire politico sarà pienamente legittimato in
quanto fondato su una mentalità positiva.
Comte è contrario sia alla democrazia, di cui teme le derive socialiste/anarchiche, sia al liberalismo.
Leonardo Resciniti
5^SB

 Sistema di politica positiva o trattato di sociologia che istituisce la


religione dell’umanità
Negli ultimi anni della sua vita Comte, in seguito all’incontro e alla morte di Clotilde de Vaux, suo amore
platonico e “musa ispiratrice”, inizia a scrivere un trattato in cui propone un progetto politico di
rieducazione di tutta l’umanità.
La scienza viene considerata come una nuova religione, e l’uomo si sostituisce a Dio; questa deriva
religiosa del pensiero di Comte si conclude con la teorizzazione di una religione dell’Umanità all’interno
del Sistema di politica positiva o trattato di sociologia che istituisce la nascita della religione
dell’umanità, pubblicato in quattro volumi fra il 1851 e il 1854.
La religione dell’umanità
La religione dell’umanità ha una nuova divinità, il Grande Essere, formata da tutti gli uomini passati,
presenti e futuri, di cui gli uomini sono una parziale manifestazione; ha come dogmi le leggi
scientifiche e la filosofia positiva, ha delle proprie liturgie e figure di riferimento (il Papa positivo,
Comte) e una propria massima morale: «vivere per gli altri».

Potrebbero piacerti anche