Sei sulla pagina 1di 50

Indice

Introduzione: da dove viene la legione pag. 2


La guerra in Grecia » 2
La guerra a Roma » 3

1. Cesare Guerriero » 7
1.1 - Diventare un generale » 7
1.2 - Identikit di un genio: Cesare in guerra » 9
1.3 - Strategia » 12
1.3.1 - La Guerra Gallica » 13
1.2.2 – La Guerra Civile » 15
1.4 - Tattica » 17
1.5 - Tradizione o innovazione? » 20
1.6 - Cesare e i suoi uomini: rapporto tra commilitoni » 21

2. Le legioni di Cesare » 24
2.1 - Condizioni di servizio » 24
2.2 - Struttura della legione » 26
2.3 - Equipaggiamento personale » 28
2.4 – Centurioni e ufficiali minori » 32
2.5 – Generali e alto ufficiali » 34
2.6 – Cavalleria e fanteria ausiliaria (auxilia) » 36
2.7 – Ingegneria militare » 38
2.7.1 – Costruzione dell’accampamento » 39
2.7.2 – Porre assedio » 41
2.8 – Le legioni in battaglia » 43
2.9 – Le legioni di Cesare » 45

3. Conclusioni » 48

Bibliografia » 50

1
Introduzione: da dove viene la legione
L’esercito romano ha una storia lunga più di dieci secoli, escludendo ovviamente la sua infinita
influenza sull’arte militare di tutto il mondo Occidentale fino ai nostri giorni. Mille anni pieni di
cambiamenti strutturali, rivoluzioni tattiche, conquiste, assedi, battaglie, guerre, trionfi, nemici,
crisi, sconfitte, generali e condottieri.
La storia militare romana è la storia delle sue legioni: nessun altro esercito ha mai potuto disporre
di soldati simili per così tanto tempo. Per secoli «le legioni, sempre molto limitate nel numero,
furono il mezzo per mantenere integro l’ideale universale della Romanità. Negli eserciti moderni,
truppe anch’esse limitate nel numero ma permeate da eccellenti qualità militari, tentarono di
imporsi alla storia, ma da questa furono rifiutate. Roma, invece, cadde solamente quando le legioni,
semplicemente, cessarono di esistere come forza combattente. Finché furono poste in grado di
affrontare il nemico, anche se a volte sconfitte in battaglia, vinsero le guerre. Sempre1».
L’esercito fu il mezzo con cui Roma si impose alla storia. Il suo più abile utilizzatore fu senza dubbio
Cesare, non soltanto da un punto di vista strettamente tattico, ambito nel quale fu certamente
grandissimo ma non proprio un innovatore, ma soprattutto per il ruolo strategico, in guerra come
nella vita, che riservò ai suoi uomini. Cesare cioè legò la propria carriera e il proprio destino ai suoi
legionari: mai in precedenza, nella storia della res publica, un esercito appartenne in maniera così
profonda al proprio generale. Viceversa, anche Cesare “apparteneva” ai propri soldati, pronti a
seguirlo su ogni campo di battaglia e contro qualunque nemico per assicurarsi del bottino, un pezzo
di terra e una vita più agiata.
Alea iacta est, una scommessa che fu vinta e che portò entrambi, soldati e generale, alla leggenda.
Ma per capire come si fosse giunti a un tale momento storico, a una tale organizzazione dell’esercito,
tanto vicina alla perfezione, è opportuno ripercorrere brevemente l’evoluzione della macchina
bellica romana fin dalle sue origini, partendo tuttavia dall’organizzazione militare nell’antica Grecia,
riferimento per tutto il mondo mediterraneo e quindi anche per Roma, fino all’ascesa di
quest’ultima, quando i rapporti si capovolsero.

La guerra in Grecia
Per i Greci la guerra era parte costante della vita. Quindi era naturale che a questa importantissima
attività fosse associata anche la metis - la capacità di aderire alla realtà in maniera scaltra, prudente,
ambigua -, applicata a tutte le attività umane 2 . Sulle diverse anime della guerra, così come sul
rapporto tra utile ed onesto, in Grecia si dibatté a lungo. Il dilemma consisteva nella scelta di due
diversi approcci alla guerra, ovvero se su un campo di battaglia fosse lecito usare stratagemmi o
inganni, oppure se ciò fosse disonorevole e per questo da evitare. Se il dibattito durò a lungo, in
realtà l’uso della metis, pur con periodi d’eccezione, fu nella pratica sempre, almeno, tollerato.
Se il guerriero greco perfetto nasce, in origine, dall’unione dell’abilità guerresca di Diomede con
l’acume riflessivo di Odisseo, «è proprio questo secondo requisito a prendere man mano il
sopravvento. È tutta la guerra, anzi, che si razionalizza e perde la sua dimensione individuale. Con il

1
Liberati – Silverio (1998, p. 7).
2
Brizzi (2008, pp. 9-11).
2
sorgere della polis, viene gradualmente sostituendosi l’azione collettiva, affidata a una parte assai
più vasta del demos. A questo genere di lotta è delegato non più il principe omerico ma un corpo di
uguali, i possidenti, in cui rientra chiunque abbia i mezzi per provvedersi della necessaria
armatura3». È la nascita della falange oplitica, che si afferma dalla metà almeno del VII secolo a.C.
Al suo interno l’oplita combatte a ranghi serrati coprendo il proprio compagno e puntando la lancia
verso il nemico. Il combattimento individuale è praticamente abbandonato.
L’evoluzione naturale di questa formazione è, secoli dopo, la falange macedone di Filippo II e
soprattutto di suo figlio Alessandro. I ranghi sono irrobustiti e resi più serrati da un numero maggiore
di soldati, i falangiti, usati come una specie di incudine: sarà infatti la cavalleria, ovvero il martello,
a sferrare il colpo decisivo sul nemico4.
Dopo l’uso geniale che Alessandro il Grande ne fece, la falange entrò in crisi, chiusa nei propri ranghi
serratissimi e penalizzata da una scarsissima manovrabilità. Nel mondo ellenico continuò tuttavia
ad essere l’unico modello tattico utilizzato per la fanteria. Se, infatti, ad una falange ne veniva
opposta un’altra, avrebbe vinto quella più solida e con le sarisse (le lunghissime picche macedoni)
più lunghe, e dato che praticamente ogni regno ellenico adottava questa formazione, il problema
non fu avvertito. Il discorso cambiò quando alla falange, mal supportata dalla cavalleria, come
effettivamente quasi sempre avveniva, si contrappose la legione romana.

La guerra a Roma
Si conosce davvero poco delle istituzioni militari romane delle origini. «La più antica cittadinanza di
Roma si fondava», secondo Varrone (DLL, V, 16), di attendibilità difficilmente verificabile perché si
basava a sua volta su elementi lacunosi e incerti, «sull’unione di tre tribù: i Ramnes, la più antica, da
cui deriva forse il nome di Romani, i Tities, di origine sabina, e i Luceres, di origine probabilmente
etrusca. Ognuna delle tre tribù era divisa in dieci comunità politico-amministrative dette curie (da
co-viria, ovvero “raggruppamento di uomini”). In caso di guerra ogni curia, che fungeva anche da
distretto di leva, forniva una centuria (100 uomini) di fanti, comandata da un centurio (centurione),
e una decuria (10 uomini) di cavalieri, reclutati tra i patrizi e comandata da un decurio (decurione).
Complessivamente ogni tribù forniva quindi mille fanti (da qui, secondo Varrone, nasce il termine
miles, soldato) con un comandante detto tribuno (tribunus militum), e cento cavalieri, detti anche
celeres (“veloci”)5».
Secondo la tradizione il passo successivo avvenne con la riforma di Servio Tullio (578-539 a.C.). La
riforma del re etrusco infatti vincola la struttura militare romana al principio secondo cui sono gli
abbienti, in proporzione al proprio patrimonio terriero, a provvedere alla difesa di Roma e la àncora
all’ordinamento sociale delle centurie. Secondo questo sistema la cittadinanza è divisa, in base al
censo, in cinque classi, a loro volta divise in centurie (193 unità in tutto). Si trattava quindi di unità
patrimoniali, non gentilizie, ed ognuna raccoglieva uomini dalla stessa ricchezza. Le centurie inoltre
non erano uguali: quelle delle classi più basse erano poche ma formate da un numero ben maggiore

3
Brizzi (2008, p. 15).
4
Idem (pp. 22-24).
5
Cascarino (2007, p. 14).
3
di uomini; viceversa le classi censitarie maggiori avevano più centurie da pochi uomini ciascuna6.
Questi organi costituiscono le unità di voto, quindi è chiaro come il legislatore abbia di fatto
consegnato alle prime due classi i comitia centuriata, l’assemblea del popolo in armi. Di contro,
poiché è stabilito che ogni centuria fornisca una quota fissa di soldati, alle prime due classi spetta di
contribuire alla formazione dell’esercito nella medesima proporzione. Lo stesso termine legio, da
legere «scegliere» si riferisce alla leva militare. Lo schieramento in battaglia è quello tipico della
falange oplitica.
L’assetto tattico viene nuovamente rivoluzionato durante le Guerre Sannitiche, tra IV e III secolo
a.C. I Sanniti infatti costrinsero i Romani a lunghi ed estenuanti conflitti senza tuttavia vere e proprie
battaglie campali, esercitando piuttosto una continua azione di guerriglia che, giovando del
territorio montuoso ed aspro degli Appennini, logorava poco a poco le legioni romane. In questo
contesto la Repubblica riorganizzò l’assetto delle proprie truppe, superando la formazione a falange,
troppo chiusa e poco duttile, approdando così alla legione manipolare. L’esercito, disposto su tre
file, è diviso in hastati (prima fila), principes (seconda) e triari (terza). L’arma primaria è divenuto il
gladio, dopo aver abbandonato la lancia, che però è ancora in dotazione ai triari.
La legione unisce quindi al suo interno caratteri tipici del combattimento collettivo (la formazione
ancora oplitica dei triari, una grande disciplina e perfetta coordinazione di manovra) ad aspetti
invece della lotta individuale (l’uso del gladio in primis), tipici quest’ultimi della tradizione italica.
Chiudono lo schieramento gli equites, ovvero la cavalleria, posta sulle ali, e i velites, posti dinnanzi
alla fanteria pesante col solo ruolo di schermagliatori. «Articolata in profondità su tre linee
successive, la fanteria pesante legionaria è divisa in trenta manipoli, dieci per ogni scaglione. A loro
volta, questi reparti sono disposti in quincunce, a scacchiera, così che le unità della prima fila siano
separate l’un l’altra da uno spazio pari a quello occupato dal fronte dei manipoli stessi; mentre
quelle degli scaglioni successivi si dispongono automaticamente in corrispondenza dei varchi lasciati
nelle linee che le precedono7».
I manipoli, dunque, si caratterizzano per una maggiore elasticità rispetto alla formazione oplitica:
questo permise ai romani di avere la meglio sui Sanniti. Tuttavia, nell’attacco, meno efficace ed
incisivo, era il punto debole della nuova formazione. Difatti il primo conflitto contro le falangi
greche, condotte da Pirro a sostegno di Taranto, fu vinto solo grazie alla debolezza strategica e
all’esiguità delle forze del sovrano ellenico.
Dopo la Prima Guerra Punica (264-241 a.C.), nella quale Roma prevalse anche con la propria marina
militare, la Repubblica dovette affrontare quello che forse fu il più brillante generale dell’antichità:
il cartaginese Annibale. Questi infatti rivoluzionò l’esercito punico e, sulla scia dell’operato di suo
padre Amilcare, introdusse dal mondo greco la tattica avvolgente come strumento per aggiudicarsi
le battaglie. In realtà l’operato di Annibale va ben oltre una semplice introduzione di una tattica, in
quanto egli si rivelò essere un genio assoluto sui campi di battaglia: con una serie di battaglie
trionfali riuscì a mettere sotto scacco Roma per tutta la durata della Seconda Guerra Punica (218-
202 a.C.). Ma come era stato per Pirro, il suo unico limite fu quello di essere strategicamente isolato

6
Idem (pp. 33-37); Zerbini (2014, p. 16); Brizzi (2008, pp. 32-33).
7
Brizzi (2008, p. 36).
4
in Italia, e fu quindi costretto a tornare in Africa senza essere prima riuscito a sferrare l’attacco
decisivo su Roma.
Nell’Urbe intanto avveniva una vera e propria rivoluzione mentale: se da un lato la Repubblica aveva
superato il momento più difficile dall’altra ci si era resi conto che non si poteva affrontare Annibale
con tattiche tradizionali. Sembra infatti che in questo momento a Roma, con la consacrazione di un
tempio a Mens, “la mente” caratteristica di Enea, si faccia strada la consapevolezza che Annibale,
allievo di uno Spartano, avesse come valore bellico di riferimento la metis greca, alla quale Roma
avrebbe opposto la mens della stirpe di Enea: «Fondata sull’irrinunciabile valore di fides, la guerra
continua, per i Romani, ad avere norme precise, che non ammettono deroga. Nemmeno contro un
avversario abilissimo e spietato come il Cartaginese si possono dunque usare metodi del tutto
analoghi ai suoi»8.
Fin dalle origini infatti i Romani furono frenati, nella dimensione “intelligente” della guerra, da un
ethos ancestrale e tenacissimo: la fides, il rispetto per le tradizioni e per il nemico. Ovviamente non
è credibile che i Romani, per secoli, abbiano ignorato la guerra per espedienti, ma è al contempo
innegabile che questa metodologia di lotta fosse considerata ripugnante, o quantomeno inferiore
al combattimento tradizionale.
Roma, dicevamo, resistette alla tempesta annibalica, grazie soprattutto alle energie di cui poteva
disporre. Metteva ora in campo il suo migliore comandante: Publio Cornelio Scipione, il futuro
Africano. Paradossalmente, il suo più grande mentore fu Annibale stesso, da cui imparò,
perfezionandola, la tattica avvolgente per circondare i nemici, ottenibile ora non più con la sola
cavalleria ma sfruttando la seconda e terza fila di principes e triarii.
Lo scontro decisivo tra i due avvenne a Zama, in Africa, dove Scipione era riuscito a portare il
conflitto. Annibale riuscì solo a sfiorare il successo, mettendo in atto delle manovre che senza
dubbio ne evidenziano la superiorità rispetto a Scipione. La vittoria andò a quest’ultimo, che
comunque seppe tenere testa al rivale e sconfiggerlo grazie al ritorno, ormai insperato e
inizialmente non previsto, della cavalleria sul campo di battaglia, prima impegnata ad inseguire i
reparti montati nemici. Roma divenne così la prima potenza del Mediterraneo.
Con le Guerre Macedoniche (protrattesi fino all’annessione della Macedonia nel 148 a.C.) Roma
dimostrò al mondo interno la propria superiorità sulle falangi e sul mondo ellenico in generale. Le
legioni tuttavia evolsero nuovamente.
Causa di un ulteriore cambiamento fu il teatro iberico: qui le popolazioni locali avevano in
combattimento caratteristiche tipiche della guerriglia, del tutto simili a quelle dei Sanniti, unite però
ad un’abilità unica nel corpo a corpo e nel combattimento individuale (gli Iberi erano tra i migliori
guerrieri dell’antichità).
Sembra che già Scipione, durante il suo soggiorno in Spagna, avesse apportato delle modifiche allo
schieramento della legione: è a lui che viene quindi attribuita la formazione della coorte. Questa
unità, più forte e solida di un manipolo, più manovrabile ed indipendente di una legione, era formata
dall’unione in profondità di tre manipoli, uno di hastati, uno di principes e uno di triarii, i quali
diventarono tutti legionari, senza più distinzioni nette di età ed armamento. La nuova formazione,

8
Idem (p. 77).
5
impiegata inizialmente nel solo teatro spagnolo, divenne lo standard delle legioni romane al termine
di un processo durato un secolo, culminato con la riforma mariana dell’esercito che, tra l’altro, sancì
la sparizione dei velites, gli schermagliatori.
Il nuovo assetto era perfetto per fronteggiare il furore bellico di Galli e Germani, desiderosi di
concludere lo scontro in tempi brevi con un impatto massiccio sulle linee centrali del nemico, ma
anche capace di arginare le ribellioni che si avvalevano della guerriglia.
Mario quindi generalizzò l’uso della coorte, ma l’aspetto saliente della sua riforma interessava la
composizione, e quindi la natura stessa, dell’esercito: «ogni cittadino romano, sano e capace, poteva
arruolarsi, anche se non possedeva nulla. In tal modo la base di reclutamento si allargò
immediatamente in maniera significativa.
Le reclute, tutte volontarie, divennero soldati professionisti, addestrati, mantenuti e regolarmente
pagati con uno stipendium, e in servizio permanente.
Durante il servizio militare», che da sedici fu portato a venticinque anni, «i soldati erano equipaggiati
dallo Stato e vivevano in accampamenti; tutti i loro diritti civili erano sospesi, non potevano ad
esempio sposarsi legalmente, ed erano sottomessi unicamente all’autorità del loro comandante.
Alla fine del servizio il soldato diventava veterano e ritornava alla vita civile 9 ». In realtà Mario
ufficializzò la pratica dell’arruolamento dei nullatenenti, che già era stata più volte adottata in
precedenza. Così facendo rendeva in pratica volontario l’arruolamento per cercare di risolvere la
crisi nel numero degli adsidui, i possidenti abili per essere arruolati, e la crescente disaffezione per
il servizio militare. Alla richiesta dei soldati di un vero e proprio sistema pensionistico che assicurasse
una vecchiaia tranquilla, da Mario in poi si cercò di rispondere con una serie di leggi agrarie che
assegnassero ai veterani smobilitati singoli lotti di terra, «una misura a garantire la quale, tuttavia,
l’influenza dei comandanti non bastava se non era appoggiata dal minaccioso peso degli eserciti
stessi10».
Se da un lato la riforma assicurò all’esercito soldati in gran numero e fortemente motivati, dall’altro
ebbe risvolti sociali e politici dirompenti. Le legioni furono infatti vincolate ai propri comandanti da
un legame che somigliava ad un rapporto clientelare, impossibile da spezzare se non da un monarca
quale sarà poi Augusto.
La riforma mariana, quindi, pose le basi per il quadro di instabilità e violenza politica del I secolo
a.C., ed è da questo contesto che emerse il genio di un cittadino di Roma, Gaio Giulio Cesare.
Fondamentali, per la mia ricerca su Cesare, sono stati, oltre ovviamente ai Commentarii cesariani,
gli studi di diversi autori moderni, in particolare le quattro diverse biografie su Cesare ad opera di
Canfora, Carcopino, Goldsworthy e Le Bohec (quest’ultima una biografia militare)11, e il lavoro di
Brizzi riguardante le doti strategiche di Cesare 12 . Un’opera da non sottovalutare è poi quella di
Napoleone I, Le guerre di Cesare13, il quale sembra voler misurare il proprio smisurato talento di
condottiero militare con quello del suo geniale “collega” dell’antichità.

9
Zerbini (2014, p. 24).
10
Brizzi (2008, p. 121).
11
Canfora (2006); Carcopino (1993); Goldsworthy (2014); Le Bohec (2015).
12
Brizzi (2010).
13
Napoleone (2005).
6
1. Cesare guerriero
Vita politica e carriera militare erano, nella Roma di duemila anni fa, collegati da uno stretto
rapporto, e anzi si sarebbe quasi tentati di definirli sinonimi, soprattutto nella fase terminale della
repubblica. L’emisfero militare rappresentava infatti una tappa obbligata per coloro i quali
intendevano guadagnarsi una posizione di rilievo all’interno dell’intricato mondo politico romano:
ognuno di essi, prima o poi, avrebbe dovuto confrontarsi con una qualche campagna bellica.
La guerra rappresentava sostanzialmente un’enorme opportunità per comandanti ed ufficiali ad essi
vicini: la vittoria, e magari un trionfo, avrebbe assicurato loro un’ingente somma di denaro ed una
fama senza pari agli occhi dei propri concittadini. Insomma, i conflitti esterni erano considerati uno
strumento per emergere negli scontri politici interni alla repubblica.
Se tutto ciò era vero per qualunque politico di Roma, lo fu ancor di più per Gaio Giulio Cesare.
Guardare a posteriori alla sua vita prima della partenza per la Gallia, nel 58 a.C., potrebbe però far
incorrere in un errore piuttosto banale: considerare la carriera iniziale di colui che diventerà uno dei
più grandi condottieri della storia come una sorta di ascesa inevitabile e trionfale. In realtà, il suo
percorso fu abbastanza convenzionale per un giovane aristocratico romano del I secolo a.C., per
quanto l’aggettivo convenzionale si possa associare ad una figura come quella di Cesare. Al
momento della sua partenza per la Gallia come proconsole, la sua carriera era per di più minacciata
dagli enormi debiti contratti nelle campagne politiche precedenti e dai suoi nemici nel Senato,
ansiosi di cancellare la legislazione approvata sotto il suo consolato. La guerra in Gallia assumeva
così i caratteri di una scommessa, il cui esito avrebbe determinato le sue sorti. L’unicità di Cesare è
rappresentata quindi dal suo talento militare, dalla sua abilità di comando, dal rapporto particolare
che instaurò con i suoi uomini. In questo capitolo si cercherà di analizzare i caratteri di tale unicità.

1.1 – Diventare un generale


Gaio Giulio Cesare nacque a Roma sicuramente un 13 luglio, quasi certamente del 100 a.C. La
famiglia Giulia, la sua famiglia, era nobilissima ma a quel tempo ai margini della scena politica.
L’educazione romana aveva un fine ben preciso: preparare il bambino al ruolo che avrebbe dovuto
ricoprire da adulto. Nel caso di un patrizio ciò significava entrare in politica ed accrescere il prestigio
della famiglia. I giovani aristocratici erano educati dai migliori oratori e potevano sedere fuori dal
senato per assistere ai dibattiti, erano testimoni degli avvenimenti più importanti della repubblica:
in modo del tutto naturale imparavano così a sentirsi parte di quel mondo, o meglio del centro del
mondo di allora. Fin da giovani quindi, i futuri senatori e magistrati dovevano avere un’immensa
stima di se stessi.
Ma come detto all’inizio, nell’Antica Roma politica e guerra erano una cosa sola, ed accanto ad
un’educazione politica e letteraria, era normale che se ne affiancasse un’altra di carattere militare,
sia da un punto di vista fisico-pratico che da un altro teorico. Quest’ultimo aspetto era praticato con
la semplice lettura, da parte del ragazzo che aveva superato i sedici anni, e guidato dai suoi maestri
nell’apprendimento superiore, di quelle opere de re militari che erano considerate dei veri e propri
classici dell’arte bellica. Molto probabilmente, tra i testi con cui il giovane Cesare ebbe consuetudine
7
fin da ragazzo dovettero esservi il De re militari di Catone, Il comandante di cavalleria di Senofonte
e diversi volumi di Memorie, tra cui quelli di Silla e Lutazio Catulo, vincitore sui Cartaginesi nella
battaglia navale delle Isole Egadi, durante la prima guerra punica. È inoltre assai probabile che
Cesare conoscesse anche molta della precedente produzione ellenistica e che particolarmente
profonda dovesse essere la sua frequentazione letteraria dei trattati di poliorcetica14.
Per quel che riguarda l’aspetto pratico della sua educazione, il primo passo si compiva nell’ambito
dell’esercizio fisico, che aveva lo stesso spirito utilitaristico di quello letterario: i Romani,
contrariamente ai Greci, i quali consideravano la perfezione atletica un valore fine a se stesso,
vedevano questi esercizi come un’attività essenzialmente militare, finalizzata esclusivamente a
incrementare la forza. Nel Campo Marzio - il Campo di Marte, dio della guerra, dove si radunava
l’esercito quando Roma era ancora una piccola cittadina – i giovani aristocratici si allenavano nella
corsa, nel nuoto (tra le acque del Tevere) e nel combattimento con le armi, specialmente con spada
e giavellotto, e si esercitavano nell’equitazione. Già da ragazzi, quindi, i futuri avversari politici,
gareggiavano tra loro in queste attività, le quali venivano svolte, particolare non da poco nella Roma
Antica, in pubblico. Cesare non era particolarmente robusto, ma compensava questo handicap con
un’eccezionale forza di volontà, e si dimostrò abile, fin da ragazzo, nell’uso delle armi e soprattutto
nell’equitazione15.
Queste sue abilità gli furono senz’altro utili per distinguersi già a partire dal suo “battesimo del
fuoco”, nell’assedio di Mitilene. Nell’81 a.C., infatti, il nostro aveva iniziato il servizio militare sotto
il comando del propretore Marco Minucio Termo, governatore dell’Asia, quando la città dell’isola di
Lesbo si ribellò al dominio romano. Durante lo scontro dovette evidentemente distinguersi dato che
gli fu conferita la corona civica per aver salvato un concittadino in battaglia. Poco prima, si era recato
alla corte del re Nicomede, in Bitinia, per restituire la flotta che questi aveva prestato a Termo. In
questa sua prima esperienza bellica, Cesare fu uno dei contubernales (“compagni di tenda”) di
Termo, ne condivideva il rancio e ne eseguiva gli ordini. Così come i ragazzini apprendevano i
meccanismi della politica assistendo alle sedute del senato, i contubernales imparavano osservando
i loro comandanti. Cesare cominciò a perfezionare anche sul piano pratico la sua preparazione in
molti settori dell’arte bellica: aveva dato prova del suo valore in combattimento, partecipò ad
operazioni poliorcetiche, prese parte assidua alle sedute del consiglio di guerra, facendo esperienza
dei dibattiti all’interno di uno stato maggiore dell’esercito romano. Aveva anche visitato la corte di
un re alleato, svolgendo un’azione diplomatica. Nel 78 a.C., infine, lasciato l’accampamento di
Minucio Termo per raggiungere il governatore della Cilicia, Publio Servilio Vatia Isaurico, impegnato
in Cilicia in operazioni antipirateria, Cesare si cimentò in azioni combinate per terra e per mare.
Insomma, in questa prima esperienza, Cesare entrò in contatto con un mondo tutto nuovo, che però
avrebbe presto dominato16.
Dopo qualche anno, nel 75 a.C., tornò in Oriente, questa volta però per affinare la propria oratoria
a Rodi, presso Apollonio Molone. Anche in questa circostanza, tuttavia, dovette mettere alla prova
il suo valore di uomo d’azione. Quando infatti la sua nave non era ancora giunta sull’isola, fu

14
Bellino (2015, pp. 15-16); Brizzi (2010, pp. 85-86).
15
Plutarco, Cesare 17.
16
Svetonio, Cesare 2.
8
intercettata da alcuni pirati, i quali, avendo tra le mani un giovane patrizio romano, chiesero un
riscatto. Cesare promise loro che li avrebbe fatti crocifiggere, pagò quanto stabilito e raggiunse il
propretore d’Asia Marco Giunio Iunco. Dopodiché convinse gli abitanti di Mileto a radunare delle
navi da guerra e a porle sotto il suo comando. Alla testa di questa forza, tornò nel luogo della sua
prigionia, dove i pirati erano rimasti comodamente accampati, si impadronì del loro intero bottino
e infine mantenne la promessa facendoli crocifiggere. Poco dopo, nel 74 a.C., mentre era a Rodi,
arruolò privatamente delle truppe in Asia e provvide a creare un efficace sistema difensivo, con il
quale protesse la provincia dalle forze pontiche di Mitridate17.
A soli ventisette anni, dunque, si era mostrato in grado di esercitare autonomamente un comando
importante; e ne diede ulteriore conferma in seguito.
Nel 72 o 71 a.C. fu eletto tribuno militare, ma non sappiamo niente di più di questo incarico 18.
Nel 61 a.C., Cesare partì per la Hispania Ulterior per ricoprire l’importante ruolo di propretore. Qui,
dovette intervenire per difendere la provincia contro le scorrerie dei Callaeci. Poco o nulla
conosciamo di queste operazioni, se non che si conclusero felicemente, dato che i soldati
tributarono al loro comandante l’acclamazione di imperator.
«Partecipazione alle riunioni dello stato maggiore ed esperienza diretta di combattimento, gestione
di azioni navali ed anfibie e di operazioni poliorcetiche, prove tecniche di comando e pratiche di
repressione della guerriglia e del brigantaggio: quando assunse il governo della Gallia, a
quarantadue anni, in campo militare Cesare era tutt’altro che un novizio19». Senza trascurare il suo
idilliaco rapporto con la fortuna, a lui propizia già dalle prime imprese.

1.2 – Identikit di un genio: Cesare in guerra


«Quelli che sanno vincere una guerra, raramente sanno stabilire una buona pace, e quelli che hanno
saputo fare una buona pace non avrebbero mai vinto una guerra20». Questa massima ci aiuta a
capire come in guerra siano necessarie, per un comandante di successo, una particolare indole e
determinate qualità caratteriali, che mal si conciliano con la vita politica di un Paese. Questa indole,
in particolare, mal convivrebbe con un regime democratico e con la sua classe dirigente. Nella
repubblica romana del I secolo a.C., che, per gli standard antichi, democratica lo era eccome, i
successi militari di uno dei più grandi vincitori di guerre della storia, risultarono fatali.
L’indiziata numero uno per questa impossibilità di coesistenza tra successo in guerra e concordia
politica è l’ambizione. I Greci la descrivevano meglio; la parola greca per ambizione è philotimia,
letteralmente “amore dell’onore”. Cesare era stato educato ad essere ambizioso e si dimostrò il
migliore allievo della sua generazione. Nulla avrebbe potuto soddisfarlo di più di quello che fece, e

17
Plutarco, Cesare 2; Svetonio, Cesare 4,2.
18
Sappiamo talmente poco del periodo di Cesare come tribuno militare da non poter dire se realmente prese parte
alla guerra servile contro Spartaco e, se vi partecipò, che ruolo svolse. In definitiva, è assai probabile che fu coinvolto
in qualche modo nelle operazioni belliche e che, in quella circostanza, non abbia fatto nulla di così eclatante da
meritare di essere ricordato nelle fonti. È inoltre plausibile che militò sotto il comando di Crasso, che forse conobbe di
persona in questa circostanza.
19
Brizzi (2010, p.89).
20
W. Churchill, My Early Life. A Roving Commission, New York 1987, p.331.
9
sicuramente la mancata guerra partica, per la quale sarebbe partito pochi giorni dopo il suo
assassinio, testimonia fin dove avrebbe desiderato spingersi. L’ambizione era, ed è, una delle qualità
alla base del successo militare: la volontà e la determinazione con le quali si cerca il raggiungimento
di un obiettivo sono fattori fondamentali in guerra.
Tale ambizione smisurata, ovviamente, sarebbe tuttavia stata vana se Cesare non avesse avuto uno
straordinario talento militare. Con quest’ultimo termine voglio indicare non un insieme di doti
caratteriali, nelle quali ad esempio rientra l’ambizione o il coraggio, ma tutta quella serie di capacità
essenziali per vincere un conflitto e comandare un esercito, e che soso state indicate da Strauss nel
suo lavoro,21 che in parte riprendo:
. la prima è la capacità di valutazione. Cesare era un uomo di grandissima intelligenza e possedeva
un grande intuito strategico. Quando si trovava in una situazione nuova, poteva valersi
dell’esperienza passata e fare la scelta giusta. Sapeva muoversi anche senza informazioni sicure e
sotto pressione rimaneva imperturbabile. Il suo pensiero era creativo, rapido ed efficace. Ed in più
sapeva leggere negli altri: conosceva la guerra ma anche gli uomini. Prima di diventare il prototipo
del comandante militare, era stato un politico in grado di padroneggiare i giochi di potere. Un
esempio su tutti: sapeva che Pompeo gli avrebbe lasciato l’iniziativa, soprattutto nella prima fase
della guerra civile, e seppe sfruttare al meglio questa opportunità. Ottenne, in breve tempo, il
controllo dell’Italia e di Roma22, e si assicurò di avere le spalle coperte strappando ai pompeiani la
Spagna23. Il tutto senza che Pompeo, che si trovava in Grecia, interferisse minimamente. Fu una
lettura della situazione perfetta da parte di Cesare
. la seconda era l’attitudine al comando. Questa capacità ebbe un ruolo chiave in Cesare e ci
torneremo più avanti
. poi c’è l’adattabilità: quando cambiavano le condizioni del combattimento, Cesare mostrava
un’enorme elasticità tattica cambiando ogni volta metodo a seconda delle necessità. Per
sopravvivere tra le strade di Alessandria, adeguò la sua tattica ad uno scontro casa per casa, strada
per strada24
. un’altra di queste capacità è l’uso del terrore. La ferocia di Cesare è terrificante, così come quella
di quasi ogni comandante dell’antichità: era disposto a uccidere innocenti per raggiungere i propri
obiettivi e anche questo era un segreto del suo successo. Quando, dopo la sconfitta subita a Durazzo,
si trovò in difficoltà, non esitò a far saccheggiare dalle legioni la cittadina di Gomfi, in Tessaglia, per
risollevare l’animo dei soldati e per dare un monito alle altre città greche che gli avrebbero chiuso
le porte25
. infine la più importante: la strategia. Con essa viene indicata la capacità di comando di un generale,
dalla tattica (cioè l’impiego di mezzi e di reparti militari in un singolo combattimento) all’arte delle
operazioni (volte ad ottenere un obiettivo più ampio) fino alla strategia bellica vera e propria (cioè
i piani per conseguire la vittoria finale contro il nemico). A questi tre gradi si deve aggiungere quella

21
Strauss (2015, pp. 15-23).
22
Cesare, Bellum Civile I 7-28.
23
Idem I 34-87.
24
Idem III 111.
25
Idem III 80.
10
che oggi viene definita “grande strategia”, ovvero l’obiettivo politico della guerra. Ad esempio, nel
caso di Cesare, le operazioni sono quelle svolte, di anno in anno, nelle diverse regioni della Gallia, e
la conquista di quest’ultima rappresenta la strategia bellica cesariana. In questi termini, ovviamente,
la grande strategia è la conquista di un maggior potere nel mondo politico romano.
Queste capacità militari, quindi, in parte innate e in parte acquisite con l’esperienza, si alimentano
con l’ambizione e con gli altri aspetti caratteriali di un generale. Pompeo, ad esempio, aveva
sicuramente capacità di valutazione, attitudine al comando, adattabilità ed era anche un ottimo
stratega. Gli mancavano, però, l’istinto “omicida” di Cesare e la qualità che più caratterizzava
quest’ultimo: una grandissima audacia, altra dote indispensabile in guerra. In un conflitto, Cesare
cercava sempre di avere l’iniziativa nelle proprie mani, e in battaglia si ritrovava spesso nel folto
della mischia, rischiando la vita più di una volta. Molti esempi del suo coraggio potrebbero essere
estrapolati dai suoi Commentarii e da altre fonti, ma più che sul campo, dove era abbastanza
normale che un generale dell’antichità fosse vicino alla prima linea, la sua audacia è manifesta in
molte sue scelte strategiche: l’attraversamento invernale dell’Adriatico, controllato dalla più
potente flotta nemica, con metà delle proprie truppe26; l’arrivo ad Alessandria con pochi uomini e
la successiva presa di posizione nella contesa per il trono d’Egitto a favore di Cleopatra27; la fulminea
spedizione, anche qui alla guida di una forza esigua, contro Farnace28; le spedizioni in Britannia29;
l’apertura della guerra civile con solo un decimo delle proprie truppe30.
Tutte queste circostanze portano alla luce un altro marchio di fabbrica di Cesare: la celeritas. La
velocità di Cesare, che strabiliava e sorprendeva i suoi stessi contemporanei, è forse l’aspetto più
decisivo della sua strategia: con essa Cesare manteneva costantemente l’iniziativa, rimanendo
sempre un passo avanti al nemico. Ovviamente, velocità ed audacia erano fattori a stretto contatto
tra loro: i piani di Cesare erano spesso rischiosi, e la loro realizzazione sempre fulminea. Insomma,
Cesare, in guerra, è costantemente accompagnato da audacia e celeritas, quasi fossero due co-
protagoniste nella storia del generale.31
Quest’ultimo, tuttavia, era scortato da un altro personaggio di primo piano: la fortuna.32 Napoleone
voleva che i suoi generali fossero non solo capaci, ma anche fortunati. Non gli sarebbero mancate
le occasioni per apprezzare Cesare. L’importanza che questi attribuiva alla fortuna, ci appare in tutta
la sua evidenza dai continui riferimenti ad essa all’interno dei Commentarii33. L’autore dimostra la

26
Idem III 6.
27
Idem III 106/107.
28
Bellum Alexandrinum 69-77.
29
Cesare, Bellum Gallicum 23-36 e V 8-23.
30
Cesare, Bellum Civile I 7/8.
31
E la celeritas è, in effetti, evidenziata a più riprese. P. es.: Bellum Gallicum V 48, VII 3-4, 9-12 e soprattutto 40-41. In
questi ultimi due capitoli la celeritas sfiora la temerarietà, perché Cesare lasciava un terzo delle sue forze ad assediare
Gergovia, col rischio che i nemici, qualora se ne fossero avveduti, le avrebbero attaccate in massa. Lui intanto partì di
notte, con circa 20.000 uomini e tutti i loro bagagli, per evitare la defezione degli Edui, e percorse cinquanta miglia,
cioè circa settantacinque chilometri, in un giorno!
32
Plutarco (Cesare 38) ci racconta un episodio in cui Cesare, cercando di raggiungere le sue forze rimaste in Italia, si
imbarcò di nascosto su una piccola nave a dodici remi. Quando il nocchiere diede ordine ai marinai di tornare indietro
per via delle fortissime onde, Cesare gli disse: «Va’, o generoso, osa e non temere! Tu porti Cesare e con lui la Fortuna
di Cesare».
33
Cesare, Bellum Gallicum I 53; III 68; VI 30 e 35; Bellum Civile II 41,8; III 10 e 68.
11
consapevolezza di essere stato baciato dalla fortuna, almeno per quanto riguarda i suoi successi
militari.
Prima di concentrare l’attenzione sulla vera e propria strategia di Cesare durante le sue due maggiori
guerre, occorre tuttavia una distinzione. Per quanto, infatti, la guerra gallica sia stata condotta in
maniera eccelsa, il suo risultato fu abbastanza “scontato”: i Romani, nonostante le sconfitte del
recente passato, avevano imparato da tempo a vincere contro i Celti.
I fattori di superiorità per i Galli si limitavano poi a due sole componenti: il numero e il valore
individuale. Ma quest’ultimo fattore fu ampiamente compensato dal migliore addestramento
individuale e collettivo dei legionari. Altro fattore determinante, che faceva pendere l’ago della
bilancia ancor più a favore della res publica, era rappresentato dall’armamento. La panoplia celtica,
contrariamente a quella romana che era fornita dallo stato e risultava quindi sostanzialmente
omogenea, differiva da guerriero a guerriero. Dotazione di certo comune ad ogni combattente era
lo scudo di forma ovale e la spada lunga. Questa, tuttavia, non solo era adatta solo a colpire di taglio,
in quanto aveva la punta arrotondata, ma era spesso forgiata in ferro dolce, e dunque inferiore al
gladius romano. Le altre parti dell’armamento non equipaggiavano tutti i guerrieri: l’armatura, in
particolare, variava a seconda dello stato sociale dei combattenti. In definitiva, si può
tranquillamente affermare che ogni legionario era equipaggiato come l’élite guerriera gallica – di
per sé non molto numerosa - se non addirittura meglio.34
Il vantaggio che i Celti ebbero per tutta la guerra era il rapporto tra le opposte cavallerie; ma, a
riequilibrarlo, Cesare inquadrò nel proprio esercito dapprima proprio dei cavalieri Galli, poi reclutò
dei contingenti fra i socii interni all’impero: Spagnoli e Numidi. Si avvalse infine della temibile
cavalleria germanica, formata con forze mercenarie, che più di una volta fu decisiva in battaglia.
I Romani erano superiori nelle battaglie campali per via della loro disciplina e del loro armamento;
sopperivano alla mancanza di cavallerie con forze ausiliarie e mercenarie; erano capaci di erigere
perfette opere ingegneristiche per qualsiasi circostanza (forti difensivi e opere ossidionali);
risultarono abili, e spietati, nel sopprimere quell’alia ratio di cui parla Cesare35, che consisteva nel
ricorso alla guerriglia.
Si aggiunga che i Galli non si sentivano affatto un unico popolo, e i singoli clan che formavano una
tribù, spesso erano schierati gli uni contro gli altri.
Per tutto questo, si può dire che, nonostante ci siano stati momenti molto difficili e nonostante
Cesare abbia dimostrato tutto il suo genio, i Galli non rappresentavano un degno avversario per le
legioni romane, guidate, per di più, da quello che forse è stato il più grande comandante di tutti i
tempi.

1.3 – Strategia
Gaio Giulio Cesare è, molto probabilmente, il più grande stratega della storia. Se potessimo
paragonare la sua carriera militare ad una partita a scacchi, potremmo dire che indovinò tutte le

34
Brizzi (2010, pp. 90-91).
35
Cesare, Bellum Gallicum III 28,1.
12
mosse più importanti e audaci, e le poche che sbagliò furono causate da una certa impazienza nel
preparare a dovere alcune operazioni (soprattutto quelle che implicavano l’uso della flotta per il
trasporto delle truppe).
Sapeva leggere in anticipo le conseguenze delle proprie scelte e le eventuali contromisure avanzate
dal nemico. In questo non ha avuto eguali: «egli fu grandissimo sempre nell’applicazione puntuale
di una strategia i cui cardini erano costituiti dalla capacità di identificare immediatamente il centro
del dispositivo nemico; e di colpirlo poi con una celeritas che non era semplicemente la rapidità
estrema nel movimento, ma, ancor prima, la comprensione fulminea dei fattori vitali in una guerra
– lo spazio, il tempo, le forze contrapposte – e delle loro interazioni». 36 Difficile trovare parole
migliori per descrivere lo schema strategico di Cesare: individuazione del cuore strategico del
nemico e velocità bruciante nel trafiggerlo.

1.3.1 – La Guerra Gallica


La stragrande maggioranza delle informazioni che abbiamo delle guerre di Cesare, ci viene,
ovviamente, dai suoi Commentarii, soprattutto per quel che riguarda la conquista della Gallia.
Cesare doveva far conoscere al popolo romano le sue imprese, e contemporaneamente giustificarle;
scriveva con un preciso fine politico: elevare la sua già nota reputazione di servitore della repubblica.
La sua opera va quindi presa con cautela: l’autore presenta sempre la migliore versione possibile dei
fatti, imputando ad altri le ragioni di una qualche sconfitta e non soffermandosi troppo sulle
operazioni meno riuscite. Tuttavia, va tenuto conto che Cesare riporta ogni scacco che ha subito
durante le sue campagne e si attiene strettamente ai fatti, giustificando in modo sereno e distaccato
le proprie scelte strategiche. È per questo che i Commentarii possono essere considerati una fonte
più che attendibile, a patto di saperne leggere le molte sfumature presenti nel testo.
La Gallia si estendeva dal Reno all’Atlantico, e comprendeva gli attuali Belgio, Francia e parte
dell’Olanda. Cesare ci dice che la sua popolazione era divisa in tre gruppi etnici: Aquitani a Sud-Est,
Belgi nel Nord e nel Nord-Est e Celti (Galli, per i Romani) nell’ampia zona centrale. A loro volta, questi
gruppi erano divisi in numerose tribù, spesso ostili tra loro. L’unità politica di base era il clan (pagus),
il cui insieme formava una tribù (civitas). I clan di una tribù avevano uno scarso livello di coesione, e
molti di loro, durante le guerre in Gallia, agirono separatamente. Alcune tribù avevano un re, molte
altre però avevano un senato e dei magistrati eletti. È importante avere in mente che i Galli non si
consideravano una nazione, e, in nove anni di guerra, solo una volta la maggior parte di loro si unì
insieme contro Cesare. La nobiltà, che deteneva il potere, era divisa in cavalieri e druidi. Quest’ultimi
detenevano un grande potere, in quanto esperti di religione, leggi e tradizioni tribali. Lo status di un
uomo si basava sul numero di guerrieri che facevano parte del proprio seguito e sulle vittorie
conseguite contro il nemico. Altro elemento da tener presente è che le istituzioni della tribù, i
magistrati ed il senato, non erano spesso in grado di controllare un aristocratico potente.
Di fronte a questa realtà tutt’altro che stabile ed omogenea, di fronte a questo vero e proprio puzzle,
Cesare si comportò da abile giocatore: facilitato dall’alleanza con l’importante tribù degli Edui, entrò
all’interno del contesto gallico sfruttando come pretesto la migrazione degli Elvezi, un popolo che

36
Brizzi (2010, p. 96)
13
risiedeva all’incirca nell’odierna Svizzera e che probabilmente cercava di raggiungere una zona nella
Gallia sud-orientale. Il loro scopo era forse quello di unirsi ad altre tribù galliche per scacciare i
Germani di Ariovisto, da anni stanziati in Gallia.
Il proconsole vestì dunque i panni del difensore dell’equilibrio preesistente in un territorio limitrofo
alla Provincia romana e sconfisse facilmente gli Elvezi: ciò gli permise, in patria, di giustificare la
propria azione e, sul campo, di ergersi addirittura come difensore degli stessi Galli contro l’ingerenza
dei Germani. Fu infatti una delegazione di molti popoli gallici a chiedergli di liberarli da Ariovisto,
cosa che fece agevolmente. La sua strategia aveva dato i primi frutti.
Nelle operazioni sul continente degli anni successivi, Cesare sostanzialmente costruì, con la sua
politica, un edificio di accordi con le varie tribù della Gallia, prodigandosi a reprimere i vari focolai
di rivolta causati da quelle nazioni che volevano sottrarsi al giogo romano. Soprattutto favorì le
correnti filoromane all’interno delle varie tribù e mise nobili Galli a lui vicini a capo di quelle più
riottose. Grossomodo fino al 53 a.C. dovette misurarsi contro forze numerose ma mal comandate e
relativamente isolate e, seppur quasi sempre al comando di forze più esigue di quelle nemiche, riuscì
ad avere l’iniziativa della guerra nelle proprie mani.
Un capitolo a parte occupano le due spedizioni in Britannia. All’epoca questa terra era avvolta da un
alone di mistero e leggenda: si pensava che fosse ricchissima di oro, argento e perle (di cui Cesare
era collezionista). Lo sbarco su un tale territorio avrebbe dato ancora più gloria al nome del generale.
Inoltre si sapeva che i Britanni avevano sostenuto i Galli, con propri guerrieri, contro l’avanzata
romana. Entrambe le spedizioni, tuttavia, si risolsero in un buco nell’acqua: la prima per poco non
si trasformò in catastrofe, e la seconda, nonostante alcuni successi, diede anch’essa risultati
deludenti, e comunque ottenuti faticosamente dopo diverse fasi di stallo. Eppure, i Romani non
avevano subito sconfitte, anzi, avevano battuto i Britanni in battaglia, e la notizia delle due imprese
fu accolta a Roma nell’entusiasmo generale: tale era l’impatto che la leggendaria Britannia ebbe
nella mentalità romana.
È interessante notare come la narrazione dei Commentarii cesariani tratti di questa serie di
campagne come di operazioni prive di premeditazione da parte di Cesare, e che rispondono invece
alla necessità di neutralizzare la minaccia rappresentata da popolazioni bellicose e pericolose per la
sicurezza di Roma. Cesare, insomma, non parla mai di conquista o della fondazione di una nuova
provincia, quanto piuttosto di una repressione di forze ostili e pericolose. A mio avviso, comunque,
la sua strategia di conquista (perché in verità di questo si trattava) era l’unica possibile con le forze
che aveva a disposizione: l’alternativa di una guerra totale era impraticabile. Ma fu proprio durante
queste operazioni degli anni 58-53 a.C. che l’edificio di accordi costruito da Cesare, di cui si è parlato
sopra, iniziò pian piano a sgretolarsi.
Nel corso della storia, gli eserciti sono spesso stati in grado di sconfiggere le forze che si opponevano
e di controllare un’eventuale azione di guerriglia. Per evitare però un prolungamento eccessivo di
un conflitto, è sempre stato necessario trovare un accordo con le popolazioni occupate. Per certi
versi, lo stretto rapporto che c’era a Roma tra guerra e carriera politica preparava i senatori al ruolo
che avrebbero svolto nelle province. Da questo punto di vista, Cesare aveva sempre compreso e
manipolato le politiche interne alle tribù, ma dopo l’inverno del 53-52 a.C., la sua linea politica fallì
clamorosamente, e tutto quello che aveva costruito in anni di guerre rischiò di crollare. Ciò avvenne

14
quando la maggior parte delle tribù galliche capì che la permanenza delle legioni nelle proprie terre
sarebbe stata tutt’altro che temporanea. La conquista romana aveva inoltre modificato il quadro
sociale e politico dell’intera Gallia. Qui la guerra aveva sempre avuto un ruolo centrale nella società,
e i capitribù erano prima di tutto dei condottieri, il cui potere si basava sul numero di soldati al loro
seguito. Le tribù non potevano più scontrarsi, e l’onore militare poteva essere ottenuto solo
combattendo come alleati dei Romani. «Il mondo era cambiato, e i leader tribali avevano ormai
capito che non erano più liberi di governare come avevano sempre fatto»37.
Dopo sei anni di guerra, la rivolta di tutti i Galli guidata da Vercingetorige vanificò tutte le precedenti
vittorie romane, e anzi poneva Cesare in una situazione disperata. Si trovava infatti a sud delle Alpi,
lontano dall’esercito, e per la prima volta doveva affrontare un nemico che aveva ideato un attacco
di ampio respiro, sia contro la provincia romana, sia, più a nord, nei confronti delle legioni, prive del
loro generale. Il proconsole dimostrò, una volta di più, tutto il suo acume strategico: si recò nella
provincia, dove organizzò la difesa con alcune coorti ed alcune forze di cavalleria appena reclutate38;
con questo contingente improvvisato valicò, in inverno e con due metri di neve, il passo delle
Cevenne, attaccando così l’Arvernia, patria del comandante nemico; costrinse Vercingetorige a
desistere dal tentativo di attaccare le legioni isolate, dovendo ripiegare a difesa della propria terra;
si riunì all’esercito, avendo ora l’iniziativa della guerra. Nel giro di poche settimane la situazione era
tornata nelle sue mani: la guerra poté essere vinta e la Gallia conquistata.
Dopo l’ultima campagna, Cesare tornò a Sud delle Alpi all’inizio del 49 a.C. Aveva trascorso in Gallia
nove anni. L’area sarebbe rimasta parte dell’Impero Romano per quasi cinque secoli, durante i quali
regnò la pace – interrotta solo da alcune rivolte scatenate dalla prima generazione nata dopo la
conquista e dalle occasionali guerre civili.

1.3.2 – La Guerra Civile


Come si giunse al conflitto fratricida tra Romani? Semplificando, potremmo indicare almeno tre
fattori determinanti:
. Cesare aveva ottenuto una fama e una ricchezza immense e si era creato una vasta rete di amicizie
e clientele. Non avrebbe mai rinunciato a quanto ottenuto e alla possibilità di recitare ancora un
ruolo di primo piano nella vita politica romana. Era da anni al comando del migliore esercito del
mondo e credeva fermamente di agire per il bene di Roma
. I suoi avversari politici erano fermi nell’intenzione di estrometterlo dalla vita pubblica e da una
posizione di rilievo. Desideravano inoltre cancellare le leggi approvate sotto il suo consolato e, molto
probabilmente, processarlo. Vedevano se stessi come paladini della Repubblica
. Pompeo, fino all’ultimo, fu indeciso su chi appoggiare: un vecchio amico (che però avrebbe potuto
metterlo in ombra con la sua fama recente) oppure i suoi oppositori (senatori contro cui egli stesso
si era scontrato più volte in Senato)

37
Goldsworthy (2014, p. 368).
38
È plausibile ritenere che, da queste forze, sia poi stata formata la V Alaude (“Allodola”, probabilmente dall’alta
cresta, tipica dei Galli, che decorava gli elmi dei legionari), nota anche come V Gallica o semplicemente V. Cesare,
infrangendo la tradizione, la reclutò tra gli abitanti della Gallia Transalpina, quindi tra non Romani. Fu la prima legione
romana composta da soldati provinciali, e portò le forze di Cesare a undici legioni, dalla V alla XV.
15
È difficile, se non impossibile, stabile il momento oltre il quale la guerra fu inevitabile. L’idea di una
guerra, a parte pochi sostenitori, non entusiasmava nessuno. Tuttavia c’era un nucleo di eminenti
senatori che detestava Cesare per questioni personali o politiche. Lo disprezzavano, e il fatto che
avesse un talento eccezionale nella politica e sui campi di battaglia era ancora più umiliante: nessun
senatore romano accettava di essere superato quanto a gloria e influenza. Ora, finalmente, avevano
la possibilità di porre fine alla sua carriera, magari in un tribunale a loro favorevole. Per Pompeo il
discorso era diverso: in fin dei conti sarebbe stato felice del ritorno di Cesare nella vita pubblica, ma
non avrebbe mai accettato di sentirsi giudicato suo pari, se non addirittura inferiore, in quanto a
prestigio e autorità. Sul versante opposto, Cesare si sentì con le spalle al muro e fu poco disposto a
fidarsi troppo del suo vecchio alleato. Se avesse ceduto, cioè se fosse rientrato a Roma senza
l’esercito, e si fosse esposto agli avversari, sarebbe stato probabilmente condannato da un tribunale
avverso (la scena politica era dominata dai suoi oppositori), e avrebbe potuto confidare
esclusivamente sulla protezione di Pompeo, ma non c’era certezza che questi avrebbe potuto, o
voluto, salvarlo. L’ostinazione, l’orgoglio e i sospetti degli interessati, così come i vecchi odi
personali, condussero in un vicolo cieco. La maggior parte dei protagonisti fu trascinata, suo
malgrado, in una situazione in cui alla fine credette di non avere alternative. La guerra dipese
esclusivamente dalle posizioni personali e dalla dignitas delle varie personalità coinvolte: i suoi
avversari non accettarono di essere secondi a qualcuno, mentre lui, pur di affermare la propria
superiorità, portò l’intero mondo romano in guerra.39
Immaginiamo ora Cesare nella sua tenda, dopo aver deciso di muovere con l’esercito a sud del
Rubicone dando così il via alle ostilità, intento a studiare una carta sul tavolo: la situazione era assai
intricata e richiedeva una strategia all’altezza.
Stava dando il via alla guerra civile con solo un decimo delle proprie forze (il resto dell’esercito era
rimasto a nord delle Alpi per controllare le forze di Pompeo in Spagna e per non dare al Senato la
possibilità di accusarlo di preparare una guerra)40. Passando il fiume, secondo Svetonio, pronunciò
in latino la frase che è entrata nella storia, «il dado è tratto» (Iacta alea est)41; secondo Plutarco,
invece, parlò in greco, citando un verso di Menandro, «sia lanciato il dado» (Ἀνερρίφθω κύβος -
[anerriphtho kybos]) 42 . Qualunque sia la versione esatta, la frase da giocatore d’azzardo era
appropriata.
Decise, una volta di più, di contare sulla velocità di esecuzione. Il suo piano prevedeva di cogliere di
sorpresa il nemico con una rapida avanzata e, contando sull’arrivo dei rinforzi, di porre fine alla
guerra con un rapido affondo: l’Italia fu conquistata facilmente, ma i capi nemici e considerevoli
forze riuscirono a riparare in Grecia.
Cesare dovette a questo punto ripensare alla propria strategia: Pompeo e i suoi alleati potevano
disporre di una quantità di risorse enorme, ma difficile da organizzare, in tutto l’Oriente, in Africa e

39
Goldsworthy (2014, pp. 415-439).
40
Delle dieci legioni (dalla VI alla XV) di cui disponeva in Gallia, passate a undici nel 51 a.C. con l’arruolamento della V
Alaudae, otto erano rimaste nella Transalpina, la VI era stata restituita a Pompeo, la XV era stata ceduta allo stesso
Pompeo, la XIII era stata trasferita nella Cisalpina al posto della XV (la quale, insieme alla VI, fu comunque ricostituita
con nuovi reclutamenti tra il 50 e il 49 a.C.). Quindi la XIII era l’unica nell’immediata disponibilità di Cesare.
41
Svetonio, Cesare 31-32.
42
Plutarco, Cesare 32.
16
Spagna. Dal loro quartier generale in Grecia, quindi, non costituivano un pericolo imminente. Cesare
decise allora di muovere contro le legioni che Pompeo aveva in Spagna, e le sconfisse. Siamo nel 48
a.C. e fino a questo punto la sua condotta di guerra fu esemplare, tranne che per le sconfitte subite
dai suoi legati, Curione e Lucio Antonio, in Africa e Illiria.
Ora aveva le spalle protette e il nemico davanti a sé. Si trovava cioè nella situazione preferita per un
cacciatore come lui. Inseguì però troppo avventatamente la preda in Grecia e fu sconfitto, anche se
non gravemente. Gli fu dato il tempo di prepararsi per lo scontro decisivo, in campo aperto, dove
poté finalmente chiudere i giochi con Pompeo. Con la sconfitta di quest’ultimo, la prosecuzione della
guerra fu molto più lineare sul piano strategico. Rimase tuttavia invischiato nella guerra civile egizia,
nella quale rischiò la vita, e nella ribellione al dominio romano del re Farnace del Bosforo, figlio di
Mitridate. Entrambi i conflitti, comunque, furono vinti. A questo punto fu sufficiente schiacciare le
forze pompeiane che ancora resistevano in Africa e Spagna e la guerra poté dirsi conclusa.

1.4 – Tattica
In questo paragrafo analizzerò gli accorgimenti tattici che Cesare usò sul campo di battaglia,
limitando lo sguardo alle sole operazioni alle quali egli effettivamente partecipò e lasciando da parte
quelle compiute dai suoi legati. Nel capitolo successivo, invece, saranno affrontati più nel dettaglio
le caratteristiche dell’esercito romano nel pieno delle manovre belliche (la costruzione di un
accampamento, in marcia, in una battaglia, in un assedio, ecc.)
Nel corso di tutte le guerre combattute da Cesare, possiamo distinguere quattro tipi di battaglie o
ingaggi tra due forze contrapposte:
. Battaglie navali
. Operazioni poliorcetiche, offensive e difensive
. Battaglie campali
. Scontri determinati da operazioni di guerriglia e contro-guerriglia
Per quanto riguarda le battaglie navali, diciamo subito che Cesare, piuttosto che un grande
ammiraglio, può essere definito un grande utilizzatore di navi. Già a partire dai suoi esordi come
comandante, infatti, sperimentò l’impiego delle navi sia nel combattimento che nel trasporto delle
truppe terrestri, tanto da diventare un indiscusso maestro nel campo delle operazioni anfibie 43,
caratterizzate da sorpresa, rapidità ed inventiva.
Con operazioni poliorcetiche voglio indicare gli assedi a città vere e proprie, e non ad accampamenti
invernali o comunque provvisori.
Parto subito da una constatazione: durante tutta la sua vita, Cesare fu con le spalle al muro in una
sola circostanza. Mi riferisco all’assedio decisivo alle forze di Vercingetorige ad Alesia nel 52 a.C.,
dove anche Cesare si trovò circondato da un immenso esercito di soccorso.44 Cacciatore e preda allo
stesso tempo. Teniamo ben presente comunque che si trattava della resa dei conti tra il proconsole

43
Le Bohec (2001, p. 43).
44
Cesare, Bellum Gallicum VII 69-89.
17
e il più grande nemico che aveva mai avuto in Gallia e che a motivo di ciò, agli occhi di Cesare, il
gioco valeva la candela. È in quest’unica occasione, quindi, che Cesare si ritrovò senza spazio di
manovra e vie di fuga. Questo particolare ci aiuta a capire che tipo di generale fosse: l’iniziativa per
lui era tutto. Mai si sarebbe lasciato cingere in un assedio e sempre avrebbe avuto un’alternativa
strategica.
Cesare fu un grandissimo interprete nell’arte della poliorcetica, uno dei migliori: compì opere
ingegneristiche perfette e su vasta scala, per la difesa e per l’attacco. Tuttavia non fece altro che
sfruttare al massimo la perfetta macchina militare romana. Non introdusse, insomma, nessuna
modifica fondamentale nell’assedio di una città nemica.
Un ragionamento molto simile può essere avanzato anche per quel che riguarda le battaglie
campali. Cesare è giustamente considerato uno dei più grandi generali di sempre, ma da un punto
di vista tattico fu un vero tradizionalista: non congegnò mai piani di battaglia troppo sofisticati e non
cambiò mai troppo il classico schieramento delle legioni; le sue manovre mancarono sempre
dell’eleganza di quelle di Annibale, ad esempio, o di Alessandro.45 La fanteria romana, del resto, era
potente e flessibile, ma raramente impiegata in particolari azioni avvolgenti. Per non parlare della
cavalleria, che non era mai stata il punto forte dei Romani.
Il suo espediente più originale e dall’esito decisivo fu quello da lui attuato nella battaglia di Farsalo
contro Pompeo, il 9 agosto del 48 a.C. Questi, secondo il racconto dello stesso Cesare46, schierò il
suo esercito con il fianco destro contiguo al fiume Enipeo. Il suo piano era basato sulla schiacciante
superiorità numerica della sua cavalleria rispetto a quella avversaria, e la schierò tutta sul proprio
fianco sinistro. Il compito che riservò alla propria fanteria fu sostanzialmente quello di impegnare le
formidabili legioni avversarie, ed attendere che la cavalleria sbaragliasse lo schieramento nemico.
Schierò quindi le sue legioni in modo più profondo del solito, in una formazione tesa a favorire il
morale delle truppe, intaccandone però l’efficacia offensiva. Cesare intuì facilmente l’intenzione del
rivale: “Appena si fu reso conto dello schieramento nemico che abbiamo indicato, per timore che la
sua ala destra fosse circondata dalla massa della cavalleria pompeiana, rapidamente prelevò una
coorte per ciascuna legione della terza linea, formò con esse una quarta legione e la oppose alla
cavalleria; a queste coorti spiegò l’azione ch’egli voleva svolgessero, e le avvertì che la vittoria della
giornata dipendeva dal loro valore47”. Si trattava di una mossa di estrema audacia che soltanto un
comandante eccezionale avrebbe osato compiere, perché così facendo il resto dello schieramento
veniva profondamente indebolito. Come abbiamo visto dal passo citato però, questa manovra fu
una contromisura. Cesare avrebbe altrimenti dispiegato le proprie truppe con il classico
schieramento di tre linee. Inoltre, come analizzeremo fra poco, neanche questa manovra era del
tutto originale. La sua più grande qualità, in una battaglia, era la sua elasticità mentale: si adattava
a qualsiasi situazione e nemico, non aveva schemi precostituiti troppo rigidi. Non perse mai la calma
e fu un grande improvvisatore.
Sono molti i generali che, nel corso della storia, si sono confrontati con la guerriglia, e tra essi Cesare.
Pensando alle sue campagne la nostra attenzione si concentra soprattutto sulle grandi battaglie

45
Strauss (2015, pp. 300-303).
46
Cesare, Bellum Civile III 88-99; ma anche in Plutarco, Cesare 44-46.
47
Cesare, Bellum Civile III 89,4.
18
decisive, contro Vercingetorige e i pompeiani, e sui i grandi assedi. In effetti però, a ben riflettere, e
soprattutto leggendo con attenzione i suoi Commentarii, ci accorgeremo senz’altro che le più grandi
difficoltà che dovette affrontare scaturirono tutte da forme non convenzionali di guerra. In una
parola, dalla guerriglia, da lui indicata col termine alia ratio 48 . Essa fu il principale metodo di
resistenza antiromana adottato dalle tribù del nord della Gallia e della Britannia, le quali,
consapevoli della loro inferiorità tattica e della sproporzione delle forze in campo, tralasciarono le
tattiche convenzionali e gli scontri frontali a vantaggio di una strategia bellica irregolare; anche
Vercingetorige imperniò la condotta delle proprie operazioni militari su metodi non ortodossi.
Analogamente, durante la guerra civile, i pompeiani, intimoriti dal genio strategico di Cesare,
impiegarono tattiche non ortodosse in più di un’occasione.
Questo tipo di strategia ha come obiettivo principale lo spossamento dell’avversario e il
dissanguamento delle sue risorse tramite la durata prolungata di una guerra di logoramento. Per
poter essere efficace, essa deve possedere alcune caratteristiche fondamentali49:
. La battaglia in campo aperto viene evitata ad ogni costo e sostituita da tattiche “mordi e fuggi”,
condotte da unità combattenti piccole e veloci contro i punti deboli del nemico e mediante l’uso di
attacchi improvvisi ed imboscate. È fondamentale evitare di creare un fronte tradizionale (depositi,
basi, grossi assembramenti di truppe), privando così il nemico di un obiettivo certo da colpire.
. Essenziale è l’uso del territorio a proprio vantaggio
. Fondamentale è l’aiuto della popolazione civile a questo particolare tipo di resistenza
. È molto importante che le forze guerrigliere ricevano aiuto da una forza esterna, quale può ad
esempio essere una nazione straniera, o comunque il supporto da parte di un qualche alleato
. Tutti questi aspetti possono ottenere dei risultati solo sul lungo periodo
Come detto prima, Cesare si confrontò con la guerriglia praticamente in ogni sua campagna militare.
Le sue contromisure furono, come sempre, efficaci e risolutive. Da un punto di vista tattico organizzò
formazioni più agili e indipendenti. Imparando dai suoi nemici, e anche qui si vede la sua grandezza
di generale, intensificò soprattutto l’uso congiunto di cavalleria e fanteria leggera, usate per stanare
i nemici e ingaggiare battaglia. A queste formazioni duttili ma vulnerabili, seguiva la legione vera e
propria, la cui fanteria pesante faceva pendere l’ago della bilancia dalla parte romana, chiudendo
così lo scontro. Cesare, inoltre, adottò più volte la pratica di dividere l’esercito in più colonne,
creando così una rete con cui catturare i nemici. Da un punto di vista strategico, invece, le soluzioni
di controguerriglia furono sostanzialmente due: esasperare ancora di più la velocità delle operazioni
con le quali colpire il nemico ed adottare una dura opera di devastazione (vastatio, nei Commentarii)
contro le terre dei guerriglieri, colpendo così le loro risorse fisiche e morali.
Entro i canoni della guerriglia urbana rientrano invece gli scontri ad Alessandria (protrattisi per
diversi mesi, tra il 48 e 47 a.C.). Le truppe cesariane incontrarono grandi difficoltà: inferiori di
numero ed assediate all’interno di un quartiere di una città straniera. Appena giunto in Egitto, e
resosi conto dell’avversione da parte del reggente al trono e della cittadinanza, Cesare, nottetempo,

48
Cesare, Bellum Gallicum III 28,1.
49
Bellino (2015, pp. 13-14).
19
occupò la reggia, che comprendeva un intero quartiere, e fortificò le sue posizioni. Poteva così
difendersi con pochi uomini sfruttando i piccoli vicoli della città e i muri costruiti dai Romani. Se agli
occhi degli intellettuali Romani, primo fra tutti Lucano (Farsalia X 439-443), tale atteggiamento, che
lo vedeva nascosto e barricato in attesa degli eventi in un luogo di corruzione, era considerato un
vero e proprio “degrado strategico”, va in realtà notata “la duttilità estrema dell’inventiva strategica
di Cesare, il quale è riuscito ad adattarsi ad una situazione decisamente anomala rispetto a
qualunque “precedente” strategico conosciuto” 50 . I combattimenti furono molto cruenti e si
svolgevano edificio per edificio, con i Romani che, per mezzo di arieti, sfondavano le mura interne
per proseguire di obiettivo in obiettivo51.

1.5 – Tradizione o innovazione?


Quanto detto finora, ed in particolare nel precedente paragrafo, sembra portare a galla un dubbio
che, riferito a Cesare, le cui vittorie gli hanno assicurato una fama eterna, ha del paradossale: può
uno dei più grandi generali della storia non aver introdotto, nella macchina militare romana, alcuna
modifica di rilievo? E se così fosse, perché? A queste due domande, cercherò ora di rispondere.
Cesare, effettivamente, non fu mai un vero teorico dell’arte bellica. D’altronde la grandissima
varietà delle soluzioni da lui adottate nelle più svariate circostanze, la sua fantasia creativa e la
geniale improvvisazione non si prestano certo ad una schematizzazione. Tuttavia Cesare non può
dirsi un innovatore in campo tattico. L’unità di base dell’esercito rimase costantemente la coorte, e
anche manovre del tutto particolari, come il brillantissimo movimento della quarta linea a Farsalo,
può richiamare ad esempio l’uso che Silla fece di alcune sue forze nella battaglia di Cheronea contro
la cavalleria pontica. Manovra di cui Cesare era certamente a conoscenza. Persino nei piccoli
dettagli, infine, altri sembrano avere inciso più di lui nella storia militare romana: a Mario, ad
esempio, si ascrivono sia l’adozione dell’aquila come simbolo della legione, sia l’intuizione (che
Cesare sembra avere solo ripreso) di modificare il pilum, il giavellotto dei legionari, indebolendone
la struttura, tale da renderlo inutilizzabile dopo il primo lancio52.
Probabilmente l’unica autentica e grande innovazione adottata dal nostro personaggio fu
l’istituzione di una catena di comando che per la prima volta valorizzava davvero i quadri intermedi,
e in particolare i centurioni: è proprio nelle legioni di Cesare che crebbe la possibilità per questi
ultimi di prendere una maggiora iniziativa sul campo di battaglia.
Eppure, anche alla base di tale novità, sembra esserci una motivazione non militare, e quindi non
tattica. Dietro questa scelta possiamo invece identificare motivazioni di carattere politico 53. Non
dobbiamo infatti dimenticarci del paradosso rappresentato dalla figura di Cesare: per colui che è
considerato storicamente come il comandante per eccellenza, la guerra era un mezzo. I suoi intenti
furono soprattutto volti al controllo delle dinamiche interne alla res publica e, pur se del tutto
assente dai Commentarii, la politica è presente sotto pelle a motivare spesso l’operato dell’autore.

50
Canfora (2005, p. 223).
51
Pseudo Cesare, Bellum Alexandrinum 1,2.
52
Brizzi (2010, pp. 96-98).
53
Idem (pp. 99-100).
20
Non è sicuramente casuale il disprezzo espresso da Cesare per i damerini dell’aristocrazia romana
suoi nemici, prima e dopo Farsalo54, così come non è casuale il fatto che, nella ricostruzione dei
diversi eventi bellici, i veri protagonisti dell’azione siano quasi sempre i centurioni, e non i legati:
«…it is clear from the writings of Caesar that his chief confidence lay with the centurions»55.
Sono quindi d’accordo con Brizzi56 e Le Bohec57. Sottolineo però l’importanza pratica, sul campo, di
questa innovazione e ribadisco, una volta di più, che, a Roma, carriera militare e vita politica erano
l’una parte dell’altra.
Resta ora da capire il perché Cesare si limitò a questa modifica, quando un genio militare come il
suo avrebbe potuto probabilmente dare il via a una di quelle “rivoluzioni” militari che hanno
caratterizzato la storia di Roma repubblicana.
La risposta è di una semplicità quasi spiazzante: non ne aveva bisogno. Se contro i Galli poteva infatti
avvalersi di un esercito la cui organizzazione rasentava la perfezione, durante la guerra civile, in cui
combatté un esercito organizzato come il suo, poteva contare su un fattore ancora più decisivo:
soldati esperti e motivati, probabilmente i migliori di quegli anni, con i quali aveva creato un
rapporto molto particolare.

1.6 – Cesare e i suoi uomini: rapporto tra commilitoni


È stata questa, a mio avviso, la chiave del successo di Cesare: aver potuto contare, in ogni
circostanza, contro ogni nemico, di un esercito coeso e motivato, tutt’uno con il proprio generale.
Come fu possibile creare questa alchimia?
«Cesare fece allontanare dalla vista prima il suo cavallo, poi quelli di tutti gli altri, perché tutti si
trovassero in eguale pericolo e non vi fosse speranza di fuga»58. Così Cesare, al comando del suo
esercito da pochi mesi, si comportò subito prima della battaglia decisiva contro gli Elvezi, primo vero
banco di prova delle legioni. In queste parole, che sono la prima manifestazione di vicinanza di
Cesare nei confronti dei suoi soldati, è riassunto un po’ tutto l’atteggiamento del generale verso i
suoi uomini: leggera diffidenza per alcuni suoi ufficiali (privati anch’essi della cavalcatura, come per
dire “ancora non conosco le vostre reazioni di fronte al pericolo”) e totale condivisione della
condizione della truppa59.
Una miriade di episodi testimoniano e caratterizzano questo rapporto speciale tra comandante e
soldati: il modo con cui Cesare risolse i malumori dell’esercito a Vesonzio facendo leva sull’onore
dei suoi uomini60; il pericolo corso da lui stesso in prima linea contro i Belgi61; i numerosi riferimenti

54
Cesare, Bellum Civile III 83 e 96.
55
Parker (1980, p. 53).
56
Brizzi (2010, p. 100): «La stessa condotta costantemente tenuta da Cesare verso le truppe, di cui mostrava di
condividere al di là di ogni dubbio vita, attese, ideali, dovette essergli dettata, oltre che da motivi funzionali, anche e
soprattutto da considerazioni politiche».
57
Le Bohec (2001, p. 480): «nous avons cherché un militaire, et nous avons trouvé un politique»
58
Cesare, Bellum Gallicum I 25,1.
59
Moscardelli (1973, p. 9)
60
Cesare, Bellum Gallicum I 39-41.
61
Idem II 25.
21
a centurioni o soldati semplici nei Commentarii, i cui nomi o le cui gesta sono così donati alla storia62;
il suo discorso all’esercito all’alba della guerra civile, con cui sostanzialmente vincola il proprio
destino a quello dei suoi uomini63; e tanti altri esempi potrebbero essere fatti. Sembra quasi che tra
generale e soldati si instaurò un rapporto padre-figlio. A mio parere, i momenti chiave di questa
intesa sono due.
Il primo di essi è senz’altro rappresentato dal primo momento di tensione tra le fila romane,
stanziate nella città di Vesonzio, in Gallia. Si legga questo passo, successivo ai malumori delle legioni,
intimorite dal dover affrontare per la prima volta i Germani: “Cesare convocò il consiglio di guerra
e, fatti partecipare i centurioni di tutti gli ordini, li rimproverò energicamente [...]. Si comportavano
con arroganza coloro che mascheravano la loro paura col pretesto della difficoltà del
vettovagliamento e della via, mostrando così o di non avere fiducia nelle capacità del generale di
assolvere al suo compito o di imporgli la loro volontà [...]. Pertanto egli […] avrebbe mosso il campo
per poter capire al più presto se in loro valesse di più la vergogna e il dovere o il timore. Che se poi
nessuno lo seguisse, tuttavia egli sarebbe partito con la sola X legione, della quale non dubitava […].
Prodigiosamente le disposizioni d’animo di tutti mutarono e nacque grandissima alacrità e brama di
fare guerra; per prima la X legione per mezzo dei tribuni militari lo ringraziò di essersi formato un
ottimo giudizio di lei e dichiarò di essere prontissima a fare la guerra. Poi le altre legioni con i tribuni
militari e i centurioni dei primi ordini fecero in modo di scusarsi con Cesare”64. Cesare conosceva
l’animo umano, non c’è che dire: facendo leva sull’onore delle legioni, le avvicinò ancor di più ai
propri propositi. Tutto ciò è ancora più fondamentale se consideriamo che ci troviamo all’inizio di
questo connubio: è qui che l’intesa inizia a consolidarsi, e non vacillerà più per tutta la durata della
guerra gallica. Dopotutto, la conquista di una terra straniera costituiva, per soldati e ufficiali, una
grande possibilità di ricchezza (ovviamente in proporzioni diverse), e in fin dei conti scontrarsi con
dei barbari in nome di Roma non costituiva di certo un problema etico. Insomma, la Gallia, oltre che
da palestra per l’esperienza e la maestria tattica, ebbe anche e soprattutto la funzione di palestra
per la coesione dell’esercito e per la sua fiducia nel proprio generale, punto questo fondamentale.
Questo ragionamento ci conduce al secondo momento decisivo della storia di Cesare e delle sue
legioni: l’inizio della guerra civile. Durante il conflitto, la fedeltà delle sue truppe fu davvero
ammirevole. Tutti gli storici indicano questa intesa come un fattore di vittoria, mancante invece a
tutti i (numerosi) capi dello schieramento pompeiano65. Egli esercitava un’«attrazione magnetica
che spinge le truppe a combattere fino alla morte per il loro capo66».
Ora però questa fedeltà sarebbe stata messa a dura prova da una guerra fratricida. Come riuscì
Cesare a tenere forte questo legame? Perché, fonti alla mano, il suo esercito fu colpito da una sola
diserzione67 in tanti anni di guerra?

62
Idem II 25; III 5; IV 12; IV 25; V 15,5; V 27,1; V 35; V 37; V 43,4; V 44; VI 38; VII 17-18; VII 50; Bellum Civile I 46; I 64; I
66; II 35; III 28; III 52-53; III 64; III 91; III 99
63
Cesare, Bellum Civile I 7.
64
Cesare, Bellum Gallicum I 40-41
65
Canfora (2005, p. 196).
66
Cambridge Ancient History, vol. IX, The Roman Republic, a cura di S.A. Cook, F.E. Adcock, M.P. Charlesworth, trad. it.
vol. VII, Milano 1968, p. 573
67
Cesare, Bellum Civile III 59-61
22
Questa lealtà non la si può certamente considerare una cosa scontata: fu resa possibile
esclusivamente dalle precedenti esperienze vissute al nord delle Alpi. Dobbiamo però sottolineare
l’importanza della componente politica in questo equilibrio perfetto. Prima del passaggio del
Rubicone, nel suo discorso all’esercito (in realtà alla sola XIII legione)68, Cesare erge se stesso - e chi
lo avesse seguito - a difensore del diritto di veto dei tribuni della plebe, ignorato dai suoi avversari.
Ebbene, soldati e ufficiali lo seguirono ciecamente. Infatti «molti Romani, sia poveri che aristocratici,
avevano una grande considerazione delle funzioni del tribunato, e il senso della giustizia, unito alla
fedeltà e agli interessi personali, contribuirono a motivare l’esercito di Cesare e a farlo combattere
senza esitazione contro i propri concittadini69».
Inoltre consideriamo che, dopo lo scoppio della guerra, un’ipotetica sconfitta con la conseguente
morte del generale, sarebbe equivalsa alla fine di tutte le speranze di ascesa sociale e di ricchezza
(se non peggio) di ufficiali e soldati. Questa circostanza giocò evidentemente a favore di questa
unità.
Non tralasciamo neanche un altro aspetto fondamentale: i soldati schierati sul campo di battaglia
erano diventati consci, dopo anni di militanza nell’esercito, di essere comandati dal miglior generale
della loro contemporaneità. Erano cioè sicuri della vittoria finale, battaglia o guerra che fosse.
A tutto ciò aggiungiamo che Cesare era un uomo molto intelligente, capiva gli uomini con i quali
aveva a che fare ed era dotato di un forte carisma. Era molto esigente nei confronti delle sue truppe,
con le quali non esitò, a volte, ad usare il pugno di ferro70, ma comprendeva sempre le istanze e i
problemi dei suoi uomini, verso i quali provava un sincero affetto e sapeva essere molto generoso71.
Forte di questo rapporto con l’esercito, Cesare non aveva bisogno di particolari tattiche. Sapeva che
i suoi uomini, posti di fronte al nemico e con i fianchi coperti, avrebbero sempre trionfato. La vera
tattica di Cesare era quindi costituita da questa fiducia reciproca: i soldati avrebbero vinto lo
scontro, il generale li avrebbe portati alla vittoria.

68
Idem I 7
69
Goldsworthy (2014, p. 443).
70
Mi riferisco alla ribellione che esplose nelle sue legioni di stanza a Placentia nel 49 a.C. e descritta da Svetonio
(Cesare 69). Le truppe pensarono probabilmente di trovarsi in una condizione favorevole per avanzare maggiori
rivendicazioni. L’ammutinamento partì dalla IX legione, e Cesare ne ordinò la decimazione (salvo poi uccidere solo i
principali sobillatori). È significativo che Cesare non faccia alcun riferimento alla vicenda nei suoi Commentarii.
71
Oltre alle innumerevoli occasioni di bottino, un dato su tutti: Cesare raddoppiò la paga di un soldato.
23
2. Le legioni di Cesare
Se nel precedente capitolo si è parlato della mente, in quest’altro lo si farà del braccio. Cercherò
cioè, per quanto possibile, di illustrare l’organizzazione di una legione romana sotto il comando di
Cesare nei diversi contesti che una campagna militare comportava. Per i titoli di alcuni paragrafi mi
sono avvalso del lavoro di Abranson72.

2.1 – Condizioni di servizio


Per essere reclutati, i legionari dovevano essere cittadini romani di età compresa tra i 17 e i 46 anni73
(ma il periodo di ferma in realtà dipendeva dalle necessità e dalle circostanze). Al tempo di Cesare
questo voleva dire essere nati da qualche parte nella penisola italiana a sud del Po; non potevano
essere stranieri, schiavi o liberti74.
L’Italia era divisa in distretti di reclutamento assegnati a dei conquisitores 75 . Quest’ultimi erano
agenti speciali, spesso legati appartenenti alla classe senatoria, che percorrevano il territorio
arruolando soldati per conto dello Stato e del proprio generale, spesso in modo assai arbitrario76.
La leva poteva essere effettuata ogni volta ce ne fosse bisogno e il numero dei coscritti, cioè dei
futuri soldati, variava a seconda della guerra 77 . La durata delle operazioni di leva e della
mobilitazione era anch’essa variabile e dipendeva dal numero di truppe da arruolare, dal buon
volere del senato nel concedere i mezzi per la guerra e, nelle guerre civili, soprattutto dal rapporto
che i generali avevano con le popolazioni dei luoghi in cui si effettuavano i reclutamenti. Così, se da
un lato abbiamo esempi di leve più difficoltose (come quella che Cesare effettuò nella primavera
del 49 a.C. fra i Marsi e i Peligni, seguaci del partito pompeiano78, che poi diedero dei problemi al
suo legato Curione in Africa79), dall’altro ci rendiamo conto di come la gran parte degli arruolamenti
di truppe, così come un po’ tutte le operazioni militari, siano splendidi esempi della rapidità di
Cesare80.
Appena concluse le operazioni di leva, le reclute giungevano al loro campo, dove prestavano
giuramento nel corso di una cerimonia religiosa, il sacramentum, che era diretto dai tribuni. Un
soldato per ciascuna legione pronunciava ad alta voce la formula di fronte all’Aquila, simbolo della
legione, e gli altri, chiamati per nome, ad uno ad uno uscivano dai ranghi e rispondevano idem in
me, “lo stesso per me”81.

72
Abranson (1979).
73
Cascarino (2007, p. 81); Cinquini (1923, p. 3).
74
Abranson (1979, p. 8).
75
Cinquini (1923, p. 4).
76
Cesare, Bellum Gallicum VI 1; Bellum Civile I 12 e 30; Bellum Alexandrinum 2,1.
77
Cesare, Bellum Civile I 2, 6, 9, 10, 11, 14, 15, 18, 24 e 30, III 87 e 102; Cinquini (1923, p. 4).
78
Cesare, Bellum Civile I 23 e 25.
79
Idem II 28-32.
80
P. es. Cesare, Bellum Gallicum I 6 e 10, VI 1.
81
Abranson (1979, p. 9); Cinquini (1923, p.5).
24
Se fino a questo punto abbiamo tracciato procedure e regole abbastanza chiare e definite,
dobbiamo però dire che a volte queste norme per il reclutamento di nuove truppe venivano
aggirate, in particolar modo in una fase convulsa come quella della tarda repubblica romana. Le
prime legioni che Cesare reclutò in Gallia nel 58 e nel 57 a.C. 82 , ad esempio, non ebbero
l’approvazione del senato fino al 56 a.C. (Cicerone, Epist. Ad fam. I 7.10). E la legione che reclutò nel
51 a.C.83 fu formata con dei Galli Transalpini ai quali aveva promesso la cittadinanza.
Ogni cittadino romano, in teoria, era obbligato al servizio militare, ma nella pratica questo principio
non era osservato. Dalle innovazioni di Mario in poi, la stragrande maggioranza dei soldati era
composta di cittadini capite censi o proletari, che vedevano nelle armi l’unica via per migliorare la
propria condizione sociale. A ciò si aggiunga che, negli ultimi tempi della Repubblica, non dovevano
essere rari i casi in cui grosse somme di denaro compravano l’esenzione dal servizio militare,
specialmente nelle province84. Così l’esercito romano, che nei secoli era tanto cambiato nel suo
ordinamento esterno, modificando le proprie tattiche e la propria struttura, mutò profondamente
anche nel carattere interno: al “popolo armato” dei primi secoli, si era venuto a sostituire un esercito
professionale, ovvero di soldati di professione, i quali però venivano ad assumere anche connotati
simili a quelli dei mercenari, in quanto erano a disposizione del generale che li pagava piuttosto che
dello Stato.
All’inizio della Guerra Gallica un legionario era pagato solamente 5 assi al giorno. Era una somma
davvero bassa se consideriamo che un manovale a Roma poteva guadagnarne 1285. Inoltre, dalla
paga, era dedotto il costo del cibo, delle armi, dei vestiti e delle tende. Verso la fine della guerra,
comunque, Cesare raddoppiò la paga dei soldati per motivi politici ma anche per una sorta di
giustizia sociale86. Ovviamente, la misera paga di un lavoro duro e pericoloso non era il motivo per
il quale migliaia di volontari si arruolavano. L’attrazione più grande era sicuramente esercitata dalle
ricchezze che una guerra fortunata poteva assicurare. La razzia privata a volte veniva tollerata,
dipendeva dalle circostanze 87 , ma il bottino “legale” era spartito alla fine della guerra. I premi
consistevano in denaro, bestiame, svariati beni e, soprattutto, prigionieri, che erano poi venduti
come schiavi. L’altro grande motivo di interesse per i volontari era senz’altro rappresentato
dall’ottenimento di un appezzamento di terreno una volta diventati veterani, migliorando
sensibilmente la propria posizione sociale. Al termine del servizio militare, di solito dopo 20 anni, il
soldato riceveva il congedo onorevole (honesta missio), con una buonuscita in terreni (missio
agraria) o un grande premio in denaro (missio nummaria), se non entrambe le cose88. Tuttavia,
queste elargizioni di terra e denaro erano lontane dall’essere automatiche e dipendevano piuttosto
dal generale, dai suoi mezzi e dalla sua influenza politica. Le concessioni di terra che un generale
poteva ottenere per i suoi veterani avevano per lui un valore politico maggiore rispetto a qualsiasi
altra ricompensa. Questo perché i soldati, che avrebbero potuto perdere i propri appezzamenti

82
Cesare, Bellum Gallicum I 10; II 2.1.
83
Idem VII 65.
84
Bellum Alexandrinum 56,4.
85
Abranson (1979, p. 9).
86
Idem; Zerbini (2014, p. 186).
87
Celebre fu, per esempio, il saccheggio di Gomfi, Cesare, Bellum Civile III 80.
88
Cascarino, (2007, p. 179).
25
qualora il loro comandante fosse caduto in disgrazia, lo avrebbero supportato in qualsiasi crisi
politica. Nel caso il soldato avesse dovuto abbandonare anticipatamente il servizio, beneficiava
ugualmente del compenso (missio causaria), mentre a volte il congedo poteva essere ottenuto
prima del tempo, a discrezione del comandante dell’esercito (missio gratiosa). Il congedo
disonorevole (ignominiosa missio), comportava invece la perdita di ogni beneficio.
Oltre alle normali reclute, infine, un generale poteva ricorrere agli evocati 89 , soldati che non
rispondevano ad un ordine ufficiale di arruolamento, ma ad una sollecitazione personale da parte
del comandante, che si procurava così, attingendo di solito ai congedati, dei reparti scelti a lui devoti,
senza le formalità del normale reclutamento.

2.2 – Struttura della legione


Dopo la riforma di Mario, l’unità base della legione era diventata la coorte. Quest’ultima era
composta da un numero variabile di uomini, tra i 450 e i 60090. Quindi, sulla carta, l’organico della
legione oscillava tra i 4500 ed i 6000 effettivi, dato che ogni legione era formata da dieci coorti.
D’altro canto, però, esso non fu mai definito in modo univoco e col prosieguo di una campagna era
inevitabilmente destinato a ridursi. Era infatti consuetudine che i caduti in battaglia non venissero
sostituiti con nuove reclute, e nel caso fosse stato necessario aumentare il numero delle proprie
forze, si preferiva reclutare nuove legioni. Nel racconto della battaglia farsalica, è lo stesso Cesare
ad informarci delle gravi perdite subite da alcune sue legioni91, le quali avevano, in questa occasione,
una media di 2750 uomini92. Quando scoppiò la guerra civile, Cesare93 aveva con sé a Rimini la sola
legione XIII, e Plutarco ci informa 94 che il generale disponeva in quel momento di 5000 uomini.
Cesare stesso, nel quinto anno della guerra gallica, attribuisce a due legioni circa 7000 uomini, cioè
3500 ciascuna95. E ancora: le due legioni che il comandante aveva condotto con sé ad Alessandria,
raggiungevano a malapena i 3200 effettivi96; ancora più grave era la condizione della VI legione con
cui, dall’Egitto, mosse in Asia contro Farnace, visto che gli si era ridotta a non più di 1000 uomini97.
Quanto detto ci aiuta ad immaginare le numerose perdite subite dalle legioni, la cui struttura tipica
doveva essere costantemente intaccata da questo assottigliamento. Va inoltre aggiunto che la
velocità e l’audacia con cui Cesare intraprendeva le sue operazioni militari ovviamente non
favorivano l’inserimento di nuove reclute all’interno delle legioni veterane. È inoltre assai probabile
che preferisse disporre di unità più esperte e fidate, simili a piccole forze d’élite, anche se di numero
più esiguo.

89
Cesare, Bellum Gallicum III 20 e VII 65; Bellum Civile III 91.
90
Cascarino (2007, p. 171).
91
Cesare, Bellum Civile III 89.
92
Cinquini (1923, p. 7).
93
Cesare, Bellum Civile I 7.
94
Plutarco, Cesare 32.
95
Cesare, Bellum Gallicum V 49.
96
Cesare, Bellum Civile III 106.
97
Bellum Alexandrinum 69,1.
26
La prima coorte di una legione era tradizionalmente più numerosa delle altre e formata dagli uomini
migliori. Ogni coorte era a sua volta divisa in tre manipoli, che probabilmente erano il retaggio della
passata suddivisione dell’esercito in hastati, principes e triarii (nomi che continuarono del resto ad
essere usati a lungo), dato che non avevano un ruolo tattico vero e proprio.
Ogni manipolo era composto da due centurie, una prior e una posterior, e fu proprio la centuria ad
assumere una grande rilevanza ed indipendenza come unità operativa all’interno della legione.
Nella centuria i legionari erano normalmente divisi in dieci gruppi di 8 o 10 uomini 98 , detti
contubernia. A capo di ogni contubernium (cioè “tenda”, che potremmo paragonare alla nostra
camerata), era posto un decanus, o caput contubernii99, di solito l’elemento più valido ed esperto
del gruppo. Non ci sono indizi sull’impiego tattico del contubernium ma è fuori di dubbio che questa
unità avesse un ruolo di primo piano nella vita quotidiana e nella gestione della centuria: i membri
di un contubernium condividevano la tenda ed i pasti e costituivano una microcomunità di base
molto importante dell’esercito, soprattutto sotto il comando di un generale come Cesare, attento
nel creare tra le sue fila (e tra quest’ultime e se stesso) un cameratismo fuori dal comune.
Questa complessa organizzazione era la chiave del successo delle legioni: uomini e reparti erano
perfettamente addestrati a compiere manovre specifiche e ad agire come un unico corpo. Ma una
tale mole di uomini, unità e sottounità rendeva essenziale, sul campo, l’impiego di insegne (signa),
poste in cima a delle aste e portate da speciali soldati, sui quali torneremo più avanti. È in effetti
estremamente difficile riuscire anche solo ad immaginare lo scenario di una battaglia antica: decine
di migliaia di uomini si affrontavano all’arma bianca fino alla rotta di uno dei due schieramenti,
coordinando i movimenti con centinaia di propri commilitoni per aggirare il nemico o assistere
un’unità alleata in difficoltà, tra urla, sangue, dardi e cariche di cavalleria. Per far sì che il tutto non
si trasformasse in una rissa, in modo da sfruttare così la propria superiorità tattica, i legionari, che
ovviamente erano addestrati perfettamente allo scopo, potevano coordinarsi per mezzo delle
insegne del proprio reparto. I centurioni infatti, che si trovavano nei pressi di quest’ultime,
riuscivano ad orientare il resto degli uomini con dei semplici movimenti dell’asta, i cui significati
dovevano essere noti a ogni soldato. La nomenclatura degli ordini è infatti strettamente legata al
comando dato alle insegne. In Cesare, ad esempio, possiamo leggere: “signa inferre”, cioè
“avanzare”100, “signa convertere”, ovvero “fare dietrofront”101, e “ad signa convenire”, che vuol dire
“adunata”102.
L’insegna veniva identificata con l’unità stessa, «finendo per acquisire una valenza quasi sacra, come
rappresentazione dello “spirito” vero e proprio del gruppo di uomini che si raccoglieva sotto di
essa103». Essa rappresentava l’onore dei soldati e contemporaneamente, in senso più ampio, l’onore
di Roma stessa. L’abbandono o la perdita di un’insegna era quindi considerato un atto disonorevole,
che gravava su tutti gli uomini del reparto in questione.

98
Cascarino (2007, p. 171).
99
Vegezio, De re militari II 13.
100
Cesare, Bellum Gallicum II 25.
101
Idem I 25.
102
Idem VI 1.
103
Cascarino (2007, p. 206).
27
Con Mario, l’insegna dell’intera legione era diventata l’aquila d’argento. Vi era poi un’insegna per
ogni coorte104, una per ogni manipolo e, forse, una per ogni centuria. Purtroppo però, basandoci su
quelle pervenuteci (con il simbolo di una mano aperta, con delle corone, stendardi, sfere e mezze
lune, ed altre ancora), non siamo in grado di determinare con sicurezza quale insegna indicasse l’una
o l’altra unità105.
Oltre alle insegne, o meglio, insieme ad esse, gli ordini potevano essere impartiti tramite segnali
musicali tramite diversi tipi di strumenti, sulle cui caratteristiche parleremo più avanti.

2.3 – Equipaggiamento personale


L’uniforme del legionario, le armi e gran parte del suo equipaggiamento erano fornite dallo Stato,
anche se il loro costo era dedotto dalla sua paga. Sopra la sua biancheria, il soldato indossava una
tunica di lana a maniche corte, lunga fino alle ginocchia. Sopra la sua corazza, di cui parleremo tra
poco, indossava una cintura. Ai piedi portava sandali chiodati (caligae) ed aveva un mantello
(sagum) che usava anche come coperta. In inverno, nelle regioni più settentrionali, seguiva
l’esempio dei barbari e indossava dei calzoni106.
Per sarcina, ovvero “pacco, bagaglio”, si intende una serie di oggetti che formavano il bagaglio
personale del soldato. Questo era di fatto uno dei punti di forza dell'esercito romano; il singolo
soldato infatti era per certi versi autonomo e, insieme ai compagni del proprio contubernium,
poteva provvedere a gran parte delle proprie esigenze. Secondo la tradizione, fu ancora Mario ad
introdurre l’obbligo per il quale il soldato doveva trasportare con sé tutto il proprio bagaglio
personale, limitando al minimo quello collettivo, il quale rappresentava un elemento sensibile
durante gli scontri, e “da qui derivò l’espressione muli Mariani” (Frontino, Stratagemata IV 1,7). Ma
da cosa era composto di preciso questo bagaglio? Purtroppo nessuna testimonianza è giunta fino a
noi su cosa precisamente costituisse tale fardello, o cosa venisse appeso alla furca, cioè l’asta,
probabilmente a T o a Y, su cui venivano fissati i diversi oggetti durante la marcia. Possiamo però
basarci sui rilievi della Colonna Traiana. Innanzi tutto possiamo ipotizzare che parte degli oggetti
fosse comune a tutto il contubernium, e quindi diviso tra i suoi membri. Doveva ad esempio essere
il caso di alcuni picconi, le dolabrae, che avevano una lama orizzontale come una zappa ed una
verticale a mo’ di ascia, delle piccole pale, falci, rastrelli, seghe, dei taglia-torba, corde, catene,
diversi cestini (per portare via la terra scavata durante la costruzione dell’accampamento). Oggetti
comuni a tutto il contubernium dovevano anche riguardare la sfera alimentare dei legionari: padelle
e pentolini in bronzo ed una pietra adatta alla macinazione manuale del grano. A questo bagaglio si
aggiungevano poi gli oggetti di uso più personale: una tracolla in pelle, una borsa per portare il
mantello, un cambio intimo, un kit da barba, qualcosa che doveva essere paragonabile ad un kit di
primo soccorso e, soprattutto, razioni di cibo. Sul quantitativo di cibo trasportato da un singolo
legionario le fonti sono assai discordanti. Livio (XLIX 2 e Periochae 57), Cicerone (Tusculanae

104
Idem II 25.
105
Sul problema delle insegne rimando a Cascarino (2007, pp. 206-211) e Cinquini (1923, pp. 40-43).
106
Abranson (1979, p. 10).
28
disputationes II 37) ed Ammiano Marcellino (XVII 8,2), però, parlano di carichi di cibo troppo pesanti
per poter essere portati durante la marcia, quindi è più plausibile l’informazione di Giuseppe Flavio
(De Bello Judaico III 5,5), secondo cui ogni legionario portava cibo per tre giorni; questa ipotesi non
esclude ovviamente che scorte più grandi potessero essere trasportate con carri e muli, o che razioni
maggiori non potessero essere trasportate in casi particolari107.
Prima di parlare dell’armamento del legionario vero e proprio, occorre prima di tutto una premessa:
l’assenza nel mondo antico del concetto moderno di produzione di massa, insieme all’obbligo per il
combattente di attenersi solo ad una generica panoplia (l’insieme delle armi offensive e difensive),
ha prodotto nei secoli, e nei diversi scenari operativi dell’esercito romano, una grandissima
differenziazione tra le armi usate dai Romani. Non solo: anche all’interno di un unico esercito, come
ad esempio quello cesariano, esistevano varie piccole differenze tra armi o protezioni della stessa
tipologia. In quest’ottica, assumono un ruolo ancor più importante del solito i diversi ritrovamenti
archeologici compiuti nel corso degli ultimi 150 anni, e a questo proposito mi avvarrò
prevalentemente dell’opera di Cascarino108.
Il legionario aveva tre tipi di armi offensive: un giavellotto (pilum), una spada (gladio) e un pugnale
(pugio).
Il pilum era uno degli elementi più caratteristici dell’esercito romano, la cui origine è però incerta,
ed è fatta risalire ai Sanniti, ai Sabini o addirittura agli Iberici. È probabile che i Romani lo adottarono
attorno al IV secolo a.C. Si trattava di un giavellotto, formato da una parte in legno ed una in ferro,
la cui lunghezza totale, al tempo di Cesare, doveva aggirarsi attorno ai 2 m (1.50 m la parte in legno
e 50-70 cm la punta di ferro)109. La nostra attenzione, però, deve soffermarsi sull’effettivo uso che i
Romani fecero di questa arma. A lungo, infatti, si è stati certi che la funzione principale del pilum
fosse quella di piegarsi dopo essersi conficcato nello scudo nemico, rendendo quest’ultimo
inutilizzabile. Lo stesso giavellotto, piegatosi all’impatto, non poteva essere riutilizzato contro i
legionari. Questa convinzione si fonda sulla lettura di alcune fonti. Secondo Polibio (VI, 23), infatti,
la parte metallica era fissata così saldamente al legno che si spezzava dopo l’impatto; Plutarco
(Marius, 25) riferisce che Mario, durante la guerra contro i Cimbri, avrebbe fatto sostituire uno dei
due rivetti in ferro con un perno di legno tenero, provocando la rotazione della parte in ferro attorno
all’altro perno, rendendo quindi impossibile l’estrazione dell’arma dallo scudo; lo stesso Cesare ci
fornisce una descrizione esemplare sull’uso e gli effetti del pilum:
“… I Galli erano enormemente ostacolati nel combattere dal fatto che, avendo i giavellotti con un
solo colpo trafitto e collegato insieme parecchi scudi ed essendosi piegata la punta, non potevano
né estrarli, né, con la mano sinistra impedita, combattere comodamente; al punto che molti, dopo
aver a lungo scosso il braccio, preferivano lasciar cadere dalla mano lo scudo e combattere senza
difesa…110”

107
Per le caratteristiche e i problemi riguardanti il bagaglio personale: Cascarino (2007, pp. 154 e 181-182), Abranson
(1979, p. 11) e Cinquini (1923, pp. 23-24).
108
Cascarino (2007, pp. 101-146).
109
Idem (pp. 136-141).
110
Cesare, Bellum Gallicum I 25.
29
Va detto, però, che, mentre Polibio parla di hasta velitaris, e non di pila, e che quindi potrebbe
riferirsi ad un’altra arma, l’espediente di Mario ha tutti i connotati di un episodio eccezionale. Il
passo descritto da Cesare, che comunque potrebbe avere anch’esso lo scopo di sottolineare un caso
particolare, ha invece fatto pensare all’uso di ferro dolce per consentire un più facile piegamento
della punta. Il vero problema è però un altro: ad oggi, non ci sono resti archeologici che possano
avallare l’ipotesi di un pilum “usa e getta”, la cui funzione principale fosse cioè quella di rendere
inutilizzabile lo scudo nemico: non c’è traccia di pila con un solo rivetto in metallo (il che
confermerebbe il racconto plutarcheo) e i notevoli spessori dei ferri finora rinvenuti sembrano
smentire l’ipotesi dell’impiego di ferro dolce111.
Quanto detto ci porta ad una conclusione: il pilum era un’arma disegnata e fabbricata per penetrare
gli scudi ed arrivare al corpo del nemico. Un eventuale piegamento, possibile nel caso di impatto
con una superficie dura, doveva invece essere un effetto collaterale. Del resto Cesare riferisce che
durante uno scontro con i Nervi, questi rimandavano indietro i giavellotti che riuscivano a
raccogliere112.
Il gladio era la spada a doppio taglio tipica dei legionari. Fu probabilmente introdotta nel mondo
romano dai mercenari celtiberi al seguito di Annibale. Era adatta a colpire sia di taglio che di punta
e doveva essere davvero efficace. La sua lunghezza totale doveva attestarsi intorno ai 70 cm e i
legionari la portavano nel fodero, sul fianco destro, mentre a sinistra della propria cintura avevano
il pugio, cioè il pugnale, anch’esso di origine spagnola113.
Parliamo ora dell’equipaggiamento difensivo di un soldato dell’esercito di Cesare. Esso era
composto di tre elementi: elmo, corazza e scudo.
L’elmo è forse l’elemento dell’equipaggiamento che ci è pervenuto in più tipologie, differenti tra
loro. Queste sono state spesso indicate dagli studiosi con nomi diversi, soprattutto in base al luogo
del ritrovamento, anche se riferibili ad elmi simili. Anche in questo caso, seguirò la catalogazione
offerta da Cascarino, che a sua volta si rifà a quella proposta dal Robinson nel 1975 (The armour of
Imperial Rome). L’esercito di Cesare aveva, molto probabilmente, quattro tipi di elmi, anche se
all’interno delle stesse tipologie ci sono svariate piccole differenze, tanto da poter parlare di
sottocategorie114:
. L’elmo di tipo Montefortino, in bronzo, doveva essere il più diffuso. Di origine certamente celtica,
si diffuse rapidamente e fu l’elmo più caratteristico dei soldati durante la repubblica e nei primi anni
dell’impero. La sua caratteristica forma conica serviva probabilmente ad aumentarne la resistenza
contro i fendenti provenienti dall’alto. Posteriormente presentavano un paranuca e, nella parte
interna di quest’ultimo, un grosso rivetto in ferro assicurava un sopporto per due anelli, necessari
per legare un cordoncino sottogola.
. L’elmo di tipo Coolus, anch’esso in bronzo e di origine celtica, iniziò a sostituire il Montefortino
proprio a partire dalle conquiste di Cesare in Gallia. Aveva una calotta decisamente semisferica e,

111
Per una breve catalogazione dei diversi tipi di pila e sui problemi finora affrontati, rimando a Cascarino (2007, pp.
136-144) e Bonacina (2007, pp. 35-43).
112
Cesare, Bellum Gallicum II 27.
113
Cascarino (2007, p. 141-144).
114
Tutte le informazioni riguardanti gli elmi sono tratte da Cascarino (2007, pp. 103-124), a cui rimando.
30
nei sui modelli migliori, un rinforzo frontale per proteggere dai fendenti. Il paranuca poteva essere
molto più grande di quello del Montefortino.
. L’elmo di tipo Agen-Port, in ferro e di ispirazione celtica, può essere considerato l’anello di
congiunzione tra il Coolus e l’Imperiale Gallico che si diffonderà nel secolo I sec. d.C. È costituito da
una calotta dai fianchi verticali e da una struttura leggermente più solida.
. L’ultima categoria è rappresentata da elmi di tipo ellenistico. I Romani, infatti, furono sempre
influenzati, e spesso suggestionati, da oggetti e simboli che richiamassero la tradizione greca e
macedone, soprattutto in ambito militare. Al contrario delle tipologie finora esaminate però, sono
rimasti pochi resti archeologici di elmi di disegno ellenistico. L’iconografia testimonia invece una
grande diffusione di questa tipologia, usata spesso da tribuni e da personaggi di rango elevato.
Un elemento comune a tutte le tipologie di elmi, erano le paragnatidi, ovvero le protezioni che dalla
calotta scendevano lateralmente coprendo le tempie, per poi venire allacciate sotto il mento con
un cordoncino.
Altra caratteristica degli elmi romani era rappresentata dalle loro crestature o piumaggi, decorazioni
tipiche dell’area italica fin dai secoli precedenti115. Le tipologie erano molteplici ma è impossibile
stabilire se ad ognuna di esse corrispondesse un grado o un significato particolare. Per decorare
l’elmo, alla sua sommità c’era un pomello (apex), aggiunto o realizzato in pezzo unico insieme alla
calotta, dove venivano inserite, nella maggior parte dei casi tramite un ulteriore supporto fissato
sugli apices, piume o crine di cavallo, le quali molto probabilmente venivano apposte solo in
combattimento, se Cesare116 osserva che i suoi legionari, attaccati improvvisamente, non fecero in
tempo ad applicarle.
La corazza tipica dell’esercito romano era del tipo a maglia, la lorica hamata, ovvero “corazza ad
anelli”. Le sue origini non sono molto chiare, ma è probabile che la sua invenzione fu precedente al
VI sec. a.C. La protezione della corazza arrivava a quasi metà del femore, mentre delle maniche corte
coprivano la parte superiore delle braccia; vi era poi un rinforzo a forma di U (humeralis), posto sulle
spalle, che copriva la parte superiore del tronco e della schiena, cioè le parti più sensibili in uno
scontro ravvicinato all’arma bianca, e chiuso sul torace da una striscia rettangolare di cuoio o da una
coppia di ganci, spesso lavorati artisticamente. Strutturalmente questa corazza era costituita da una
serie di anelli di ferro o di bronzo, i quali avevano uno spessore medio che si aggirava tra i 3 e i 10
millimetri ed erano in numero variabile dai 10.000 ai 20.000, concatenati fra loro fino a formare una
vera e propria maglia. Quest’ultima aderiva perfettamente al corpo e consentiva una grande libertà
di movimento, offriva una discreta protezione e si poteva riparare facilmente. Gli aspetti negativi
erano essenzialmente due: il grande peso (tra i 10 e i 20 kg), che però, grazie alla cintura, veniva in
parte scaricato sulle anche, e una minore resistenza ai colpi di punta sottile117.
Lo scudo, ovvero lo scutum, doveva essere alto circa 120 cm, ovale alle estremità superiore ed
inferiore, ma con i due lati laterali dritti, ed aveva una convessità che raggiungeva i circa 7-8 cm nel
punto centrale. Era costituito da due strati incrociati di tavole di legno, incollate tra loro, ed era
ricoperto esternamente prima da una tela di lino e poi con pelle di vitello. Sulle estremità inferiore

115
Cascarino (2007, pp. 50 e 122.
116
Cesare, Bellum Gallicum II 21.
117
Cascarino (2007, pp. 128-133).
31
e superiore veniva aggiunta una bordatura metallica, mentre molte rappresentazioni ed alcuni
ritrovamenti evidenziano la presenza di una spina di legno che corre longitudinalmente e che serviva
ad aumentare la resistenza e la rigidità dell’intera struttura. Sul punto centrale era applicato un
umbone di ferro al fine di proteggere la mano che, al di sotto dell’umbone stesso, reggeva lo scudo
tramite una maniglia orizzontale. Questo genere di scudo, sebbene molto resistente, doveva
risultare molto pesante: una moderna ricostruzione, effettuata da Peter Connolly, ha prodotto uno
scudo dal peso di 10 kg. Non si dispone di molti elementi riguardo alle decorazioni e ai colori che
comparivano sugli scudi di quest’epoca, ma è assai probabile che fosse ammesso un buon margine
di personalizzazione118.
Durante la marcia, gli scudi venivano appesi alla spalla mediante cinghie di cuoio, e venivano protetti
dall’umidità mediante apposite custodie (tegimenta), sempre in cuoio, rimosse solo nell’imminenza
di uno scontro119.
Possiamo ora provare ad immaginare quanto fosse dura la marcia di un legionario. Infatti, anche se
l’uso della furca facilitava il trasporto di molti oggetti, scaricando il loro peso direttamente a terra,
l’equipaggiamento che abbiamo descritto in questo paragrafo doveva pesare attorno ai 40 kg. Un
lavoro degno di un mulo!

2.4 - Centurioni e ufficiali minori


I centurioni erano la spina dorsale dell’esercito: ce n’erano 60 per legione, uno al comando di ogni
centuria. «Il percorso abituale della carriera di un centurione prevedeva in teoria il passaggio
attraverso tutte le coorti della legione, dalla decima, considerata la meno importante, alla prima.
All’interno di ogni coorte la promozione avveniva partendo dal comando della centuria posterior del
terzo manipolo fino alla centuria prior del primo. Le posizioni di comando nelle coorti dalla decima
alla seconda, dette ordini secondari, conservarono a lungo le terminologie della legione manipolare,
ed erano le seguenti, in ordine crescente di grado:
Hastatus posterior
Hastatus prior
Princeps posterior
Princeps prior
Pilus posterior
Pilus prior
In realtà non esisteva un meccanismo obbligato: in funzione delle necessità di personale, o di
particolari capacità dimostrate, era possibile saltare alcuni passaggi ed abbreviare anche
notevolmente il percorso di carriera. Non era inoltre infrequente che un centurione venisse
trasferito da una legione all’altra 120 ». La promozione alla prima coorte costituiva la massima
aspirazione di qualsiasi centurione. Qui le centurie erano comandate dagli uomini migliori, i primi

118
Idem (pp. 133-136).
119
Cesare, Bellum Gallicum II 21).
120
Cascarino (2007, p. 174).
32
ordines, una vera e propria élite guerriera121. I gradi di quest’ultimi assumevano gli stessi nomi degli
altri centurioni, con l’aggiunta del termine “primus”; la figura più importante dell’intera legione di
rango non equestre o senatoriale era quella del primus pilus prior, o semplicemente primus pilus,
comandante della prima centuria del primo manipolo della prima coorte, affidatario dell’aquila della
legione ed ammesso al concilio di guerra122.
I centurioni ricoprivano un ruolo tattico fondamentale, fungendo da guida per centurie e manipoli,
e gli uomini che ricoprirono questo incarico si distinsero quasi sempre con grandi dimostrazioni di
valore. Non è un caso che la percentuale dei centurioni caduti fosse sempre altissima rispetto al
resto delle truppe123, e Cesare riservò sempre una grande stima per i suoi centurioni, annotando nei
Commentarii numerosi episodi eroici, come ad esempio quello di Pullone e Voreno124, o il sacrificio
di Marco Petronio a Gergovia125, dove caddero 700 legionari e ben 46 centurioni, e figure quasi
leggendarie, come quella di Crastino, primus pilus della X legione a Farsalo126, o quella di Sceva,
promosso primus pilus dopo che il suo scudo, a Durazzo, era stato perforato da ben 120 colpi127.
I centurioni, a differenza dei legionari, erano protetti con degli schinieri, e portavano la spada a
sinistra e il pugnale a destra, mentre, durante l’impero, ma probabilmente anche ai tempi di Cesare,
il simbolo del loro grado era rappresentato da un bastone di vite.
Al di sotto dei centurioni, in ordine gerarchico, c’erano i principales. Più che sottufficiali però,
sembrerebbe più corretto considerare gli uomini appartenenti a questa categoria come semplici
soldati con incarichi speciali. Questi uomini erano:
. l’optio, scelto dal centurione come secondo in comando per la sua centuria
. il tesserarius, uno per centuria, era l’addetto alla consegna della parola d’ordine (tessera) stabilita
dal tribuno durante i turni di guardia
. i portatori di insegne, ovvero i signiferi, che venivano scelti dai tribuni tra gli uomini migliori, alla
pari dei centurioni. Il compito del signifer, come già detto in precedenza, era uno dei più importanti
all’interno di una legione. L’aquilifer era invece colui che portava l’aquila della legione e, se
vogliamo, potremmo considerarlo il signifer per eccellenza, mentre, a speciali distaccamenti, era
dato un vexillum, portato da un vexillifer. Questi alfieri, oltre che dall’oggetto che essi custodivano,
erano resi ancor più riconoscibili dal loro vestiario. Indossavano infatti, come copricapo, una pelle
di animale, quasi sempre di orso, lupo o leone, e potevano anche indossare un diverso tipo di
armatura rispetto alla lorica hamata. Sopravvivere ad una battaglia senza il proprio signum avrebbe
comportato senz’altro una loro condanna a morte, aspetto che non fa altro che sottolineare il valore
di questi uomini, elogiati a più riprese da Cesare. Un esempio su tutti, il modo in cui l’aquilifero della
X legione risolve l’intricata situazione del primo sbarco dei legionari in Britannia, nel 55 a.C.

121
P. es. Cesare, Bellum Gallicum V 28 e VI 7; solo eccezionalmente tutti i centurioni della legione erano chiamati in
consiglio, come p. es. in I 40.
122
Cascarino (2007, p. 174); Cinquini (1923, pp. 9-11).
123
Cesare, Bellum Gallicum Vi 40
124
Idem, V 44.
125
Idem, VII 50.
126
Cesare, Bellum Civile III 91 e 99.
127
Idem, III 53.
33
“Ed esitando i nostri soldati soprattutto per la profondità del mare, colui che portava l’aquila della
decima legione, dopo aver invocato gli dei affinché il suo atto portasse fortuna alla legione: «Saltate
giù, - disse, - commilitoni, se non volete consegnare l’aquila ai nemici: io, per quanto mi riguarda,
assolverò al mio dovere verso lo stato e il comandante. Detto ciò a gran voce, si gettò dalla nave e
cominciò a portare l’aquila verso i nemici. Allora i nostri, incoraggiatisi tra loro a non tollerare così
grande vergogna, tutti quanti saltarono giù dalla nave. Dalle navi vicine, avendoli visti, li seguirono
e si avvicinarono ai nemici».128
. i suonatori di strumenti a fiato, essenziali per la trasmissione di ordini. Fino alla riforma di Augusto,
sono attestate con certezza tre figure. La prima di esse è il cornicen, il suonatore di corno (cornu),
lo strumento ricurvo al punto da avere quasi una forma circolare e con una piccola asticella che
collegava due estremità a mo’ di diametro, permettendo al suonatore una comoda presa. Il suo
suono era rauco e cupo e veniva impiegato per trasmettere i segnali di ogni singolo reparto,
probabilmente a livello dei manipoli. C’era poi il tubicen, il suonatore di tuba, la tromba lunga e
dritta che trasmetteva ordini a tutto l’esercito: dava il segnale della battaglia, della marcia, del
montare e dello smontare la guardia, del lavoro, del riposo e della raccolta. 129 Infine abbiamo il
bucinator,130 il suonatore di bucina, uno strumento costituito da un corto corno di bue, che per
tradizione veniva soprattutto usato per segnalare i turni di guardia durante la notte. 131 Il classicum
era un segnale emesso da tutte le trombe riunite insieme per raccogliere le truppe e dare il segnale
dello scontro: era una prerogativa del comando supremo, e non si eseguiva se non alla presenza del
comandante in capo: così quando Pompeo fece suonare il classicum davanti alla tenda del suocero
Scipione, fece sapere a tutto l’esercito che riconosceva in lui un collega nel comando.132
Sicuramente tutte queste figure, e cioè optiones, tesserarii, aquiliferi, signiferi, vexilliferi, cornicines,
tubicines e bucinatores, erano immunes, cioè esonerate dai lavori più pesanti. Tra le figure dei
principales potremmo considerare anche gli evocati, di cui abbiamo già parlato.

2.5 – Generali e alto ufficiali


Mentre le figure fin qui esaminate, compresa quella del centurione, erano rappresentate da soldati
in carriera e di professione, la gran parte degli ufficiali maggiori era composta da aristocratici, come
cavalieri o membri della classe senatoria, che avevano nomine militari temporanee, le quali erano
parte delle loro carriere all’interno delle magistrature romane.
Il comando supremo, in teoria, era ancora nelle mani dei due consoli che, come proprio esercito,
disponevano delle prime quattro legioni composte ogni anno. Ma con l’espansione del dominio
romano le legioni stavano diventando stanziali, e in inverno, invece di essere sciolte per poi essere
ricostituite l’anno dopo, così com’era stato per tutto il periodo repubblicano, rimanevano nel teatro

128
Cesare, Bellum Gallicum IV 24. L’aquila è nominata da Cesare numerose volte: Bellum Gallicum IV 25, V 37; Bellum
Civile III 64 e 99. Sul ruolo dei portatori di insegne: Abranson (1979, pp. 14-15) e Cascarino (2007, pp. 176 e 206-211).
129
Cesare, Bellum Gallicum II 20, VII 47, VIII 20; Bellum Civile III 46 e 90.
130
Cesare, Bellum Civile II 35.
131
Sui suonatori degli strumenti: Cinquini (1923, pp. 38-40) e Cascarino (2007, pp. 176-177).
132
Cesare, Bellum Civile III 82.
34
delle operazioni belliche. In più, dopo Silla, era diventata pratica ricorrente che i consoli rimanessero
nell’Urbe durante l’anno del loro ufficio. Così, il comando supremo, cioè l’imperium, era dato a
uomini di provata abilità militare, come Cesare o Pompeo, nominati proconsoli o propretori in quella
parte del mondo romano nella quale le loro campagne sarebbero state condotte. I simboli
dell’imperium del comandante in capo erano il paludamentum (un grande mantello rosso porpora),
una scorta cerimoniale di littori che portavano i fasces (fasci di verghe con asce) ed una sedia curule.
Aveva anche diritto ad una scorta personale, la cohors praetoria. Quest’ultima era composta di
regola da amici e clienti del generale o anche da giovani di buona famiglia che, volontari, seguivano
l’esercito per apprendere i segreti dell’arte della guerra, ma dato che Cesare non riponeva molta
fiducia nel valore della sua corte133, si valse spesso, come vera e propria guardia armata, di piccoli
corpi di cavalleria germanica (sulla quale torneremo), e anche durante la guerra civile preferiva
affidare la sua sicurezza a corpi di soldati stranieri, soprattutto spagnoli134. Alla coorte pretoria erano
ammessi anche gli apparitores (nome collettivo del numeroso personale inferiore, come i lictores, i
pullarii, gli haruspices, i medici, gli scribae) e gli speculatores, ovvero le spie 135 . Queste ultime
avevano il compito di raccogliere informazioni e portare dispacci; precedevano una colonna in
marcia, o ne coprivano i fianchi, a distanza considerevole, così da poter prevedere eventuali
sorprese da parte del nemico136.
Con l’incremento della grandezza delle armate sotto il comando supremo di un solo uomo, la
questione del comando delle singole legioni divenne di fondamentale importanza. In ordine di
importanza, in teoria, dopo i consoli venivano i tribuni militari (tribuni militum), ma questo ufficio
aveva perso la sua passata centralità all’interno della scala gerarchica militare. Ciononostante,
sarebbe un errore ritenere che i compiti dei tribuni fossero insignificanti: oltre a presiedere a
numerose procedure (come ad esempio a quella del reclutamento), erano presenti al concilio di
guerra e li troviamo spesso in prima linea al comando di qualche coorte o di qualche distaccamento
speciale (come, per esempio, nel durissimo scontro contro i Nervi nel 57 a.C.)137, mentre alcuni di
loro sono espressamente ringraziati da Cesare per la difesa del campo di Quinto Cicerone138. D’altro
canto, con l’aumento di opportunità da parte dei comandanti legionari di prendere l’iniziativa, così
crebbe la necessità di riempire questi spazi con uomini di maggiore esperienza. Non c’è traccia,
infatti, di un tribuno al comando di una legione in azione durante tutta la Guerra Gallica139.
Al loro posto, Cesare iniziò a nominare dei legati (cioè “incaricati”), paragonabili ai moderni generali,
i quali potevano essere impiegati in numerosi modi: sia per il comando di singole legioni in una
battaglia sia come leader di corpi d’armata separati dal grosso delle truppe e con compiti precisi;

133
Cesare, Bellum Gallicum I 39-40: il malumore delle truppe a Vesonzio, in vista della resa dei conti col re germanico
Ariovisto, sembra scaturire proprio dagli uomini più vicini a Cesare, i quali lo avevano seguito per amicizia e non erano
avvezzi ai rischi della vita militare.
134
Cesare, Bellum Civile I 75; Bellum Alexandrinum 53.
135
Cesare ricorda più volta gli speculatores: Bellum Gallicum II 11; V 49; Bellum Civile III 66-67.
136
Sulla figura del comandante supremo, sui suoi simboli e sulla corte pretoria: Parker (1980, p. 51) e Cinquini (1923,
pp. 19-20).
137
Cesare, Bellum Gallicum II 26.
138
Idem V 52
139
Parker (1980, pp. 51-52).
35
potevano anche essere al comando della cavalleria oppure condividere tra loro la guida di una stessa
legione in battaglia140.
Questa organizzazione degli alti comandi dell’esercito rappresenta una fase di transizione tra
l’elezione repubblicana dei tribuni militum, i quali avevano un’importanza maggiore, e la nomina dei
legati da parte dell’imperatore come comandanti permanenti delle legioni141. In effetti, la nomina
da parte di Cesare, di legati al comando di alcune legioni, sembra quasi sperimentale, e la durata del
loro incarico dipendeva dalle necessità delle operazioni che erano loro assegnate. Come già detto,
inoltre, Cesare riponeva la propria totale fiducia esclusivamente nei centurioni, uomini di umili
origini e di provato valore, vero e proprio collante delle fila romane. Dopotutto, anche i legati di sua
scelta non potevano avere molta esperienza militare alle spalle. Tito Labieno, da questo punto di
vista, era senza dubbio un’eccezione: egli fu l’unico generale di Cesare a dimostrare di sapersi
destreggiare in ogni situazione, ed è a lui che saranno affidati alcuni tra gli incarichi più delicati.142
Seguendo la lettura proposta dal Parker 143 , emerge un paradosso: è sorprendente, infatti, che
l’esercito romano raggiunse un grado di efficienza così elevato con dei generali relativamente
inesperti. Parte della spiegazione va probabilmente ricercata sia nella genialità di alcuni grandi
comandanti (Mario, Silla, Pompeo e Cesare su tutti), che sopperivano così ad alto ufficiali non
proprio eccellenti, e sia nella forza e nell’addestramento di legionari e, soprattutto, centurioni.
Infine, abbiamo il quaestor, uno per ogni armata. Di classe senatoria, il questore può essere
paragonato ad un moderno generale quartiermastro: si occupava, cioè, dell’amministrazione
dell’erario e del rifornimento delle legioni. Poteva però, occasionalmente e su disposizione del
comandante, essere assegnato a veri e propri comandi, ed è così che vediamo i questori alla testa
dell’intero esercito144, al comando di una flottiglia145 o di una legione.146
Tutti gli ufficiali maggiori indossavano una corazza muscolare di stile greco, insieme ad un elmo
anch’esso di origine greca, e, insieme al primus pilus, partecipavano al concilio di guerra, ovvero la
riunione per la pianificazione di un’imminente battaglia.

2.6 – Cavalleria e fanteria ausiliaria (Auxilia)


Quello delle forze ausiliarie all’interno dell’esercito romano è un aspetto che finora non abbiamo
affrontato, ma che ha invece una rilevanza notevole nell’organizzazione militare romana. Ma prima
di soffermarci sull’esercito di Cesare, dobbiamo ripercorrere brevemente il rapporto tra Roma e
forze ausiliarie nei secoli precedenti.

140
Ciò è facilmente dimostrabile grazie a moltissimi passaggi del Bellum Gallicum: dalla campagna contro Ariovisto, in
cui Cesare affida ad ogni legione un legato (I 52), fino alle ultime operazioni svolte da Antonio (VIII 48).
141
Parker (1980, pp. 53).
142
Un esempio su tutti: prima di assediare Gergovia, Cesare inviò Labieno a nord contro i Senoni e i Parisi (Bellum
Gallicum VII 34), e mentre il primo subì una sconfitta sotto Gergovia (Bellum Gallicum VII 36-56), ottenne qualche
successo (B.G. VII 57-62).
143
Parker (1980, p. 54).
144
Cesare, Bellum Gallicum VIII 2.
145
Idem IV 22.
146
P. es. Cesare, Bellum Civile III 62.
36
Almeno dal V sec. a.C., le legioni erano sempre state affiancate da contingenti alleati, formati da
fanteria e cavalleria, che in battaglia venivano schierati sui fianchi. Con l’andare delle guerre e delle
generazioni, però, i Romani si specializzarono sempre più esclusivamente nella sola fanteria
pesante. Inoltre i nobili ed i cittadini più abbienti, ovvero il bacino di reclutamento della cavalleria,
mostravano col tempo sempre meno interesse ad impegnarsi in campagne lunghe e difficili, e in
luoghi sempre più lontani: furono quindi gli alleati (socii) a fornire contingenti di cavalleria sempre
più numerosi per ovviare alla progressiva scomparsa di quelli romani. Anche la mancanza di una
tradizione in tema di arcieria e di fanteria leggera costrinse i Romani a ricorrere sempre più spesso
a forze esterne, chiamate auxilia, impiegando truppe mercenarie, oppure offerte dagli alleati in base
ai trattati147. Quando con l’estensione della cittadinanza romana agli Italici (90-89 a.C.) anche gli
ormai ex socii poterono arruolarsi tra le fila romane, l’esercito dovette iniziare a procurarsi forze di
fanteria leggera e cavalleria al di fuori del contesto italico.
Il problema era particolarmente rilevante per le forze di cavalleria. «A partire dalla riforma di Mario
non si ha quasi più traccia di forze di cavalleria inserite nell’organico legionario: i rari cavalieri romani
che compaiono nella letteratura sono poco più che portaordini di fiducia, quasi sempre non
combattenti, e da allora legioni e cavalleria vengono sempre menzionate separatamente»148.
Cesare, nel corso degli anni e delle sue numerose campagne, poté servirsi, oltre che delle reclute
mobilitate in provincia di volta in volta149, della cavalleria fornita da diversi alleati: di quelle dei re
Deiotaro ed Ariobarzane150, di quella di Malco, re dei Nabatei151, della cavalleria di Vocione, re del
Norico152, e, soprattutto, di quella gallica, fornita dalle tribù alleate di Roma153. I Galli erano ottimi
cavalieri e guerrieri valorosi, e dimostrarono più volte il loro valore sul campo, soprattutto durante
la guerra civile 154 . Tuttavia, nel corso della Guerra Gallica, dovendo combattere al fianco dello
straniero, i cavalieri Galli mostrarono di non meritare la piena fiducia da parte di Cesare155, tanto
che quest’ultimo, per incontrare Ariovisto, fece montare a cavallo, come scorta personale, i legionari
della X legione, dando loro i destrieri della cavalleria ausiliaria, della quale non si fidava156. Oltre che
da queste forze, la cavalleria ausiliaria era composta da mercenari, soprattutto Spagnoli 157 ,
Numidi158 e Germani. Questi ultimi, in particolare, furono un vero e proprio asso nella manica di
Cesare, e tutto il settimo libro del Bellum Gallicum è prova del loro valore159.

147
Cascarino (2007, pp. 85-86).
148
Idem (p. 177).
149
Come, p. es., Cesare, Bellum Gallicum I 15.
150
Bellum Alexandrinum 34.
151
Idem, 1.
152
Cesare, Bellum Civile I 18.
153
P. es. Cesare, Bellum Gallicum I 15, IV 12, V 5 e 8. La cavalleria ausiliare gallica è però presente in ogni campagna di
Cesare, e la sua presenza è una costante in tutti i Commentarii.
154
P. es. Cesare, Bellum Civile I 46.
155
Clamoroso il risultato del primo combattimento, in cui 4000 uomini della cavalleria ausiliaria gallica di Cesare
furono messi in fuga da quella degli Elvezi, composta da soli 500 cavalieri (Bellum Gallicum I 15).
156
Cesare, Bellum Gallicum I 42.
157
P. es. Bellum Africum 39.
158
I Numidi erano famosi per l’efficienza della propria cavalleria leggera. Nei Commentari, però, essi ci vengono
mostrati come fanti leggeri (Bellum Gallicum II 7, 10 e 24), un’altra specializzazione nella quale eccellevano. È assai
probabile, però, che fossero impiegati anche come cavalieri.
159
Soprattutto Cesare, Bellum Gallicum VII 13, 65, 67 e 80.
37
I corpi di cavalleria erano chiamati alae per via della loro posizione in battaglia. Comprendevano tra
i 300 e i 400 uomini ed erano sotto il comando di praefecti equitum romani. Gli ufficiali sotto i loro
ordini erano di solito condottieri o nobili della stessa nazionalità dei loro uomini. Ogni ala aveva un
vexillum ed era divisa in turmae di 30 cavalli. Ogni turma aveva un signum ed era a sua volta divisa
in tre decuriae, ognuna con il proprio decurio, il primo dei quali era anche il comandante della turma
stessa. La cavalleria ausiliaria straniera conservava il suo armamento nazionale, più o meno
modificato, senza dubbio, dai costumi romani.
Oltre alla cavalleria ausiliaria, attorno al 54 a.C. Cesare introdusse una cavalleria regolare, assegnata
alle legioni col compito di supporto tattico. Questa cavalleria regolare, contrariamente a quella
ausiliare, passava l’inverno con le legioni e, anche se formata da non Romani (soprattutto Galli e
Germani), ricreava l’ormai scomparsa cavalleria legionaria 160 . I suoi ufficiali erano solitamente
romani. Questa cavalleria regolare era armata alla romana, anche se gli influssi celtici, col tempo,
erano sempre maggiori: sagum, cotta di maglia, elmo e probabilmente uno scudo rotondo. La sella
era di tipo gallico, senza staffe, e i cavalli erano probabilmente ferrati. Le armi erano il gladio ed il
contus, una pesante lancia con due punte di ferro ad entrambe le estremità161.
Così come per la cavalleria, anche per quanto riguarda la fanteria ausiliaria Cesare poté servirsi
ampliamente di mercenari e truppe messegli a disposizione da alleati. Nelle sue fila militarono:
soldati Galli, in special modo Edui162, arcieri cretesi163, Iturei e Siri164, frombolieri delle Baleari165,
soldati numidi166 e rodii167 armati alla leggera, Germani168, Spagnoli169, i Mauritani del re Bogude170,
i Galati del re Deiotaro171 e milizie di Mitridate di Pergamo levate nella Siria e nella Cilicia172. Queste
truppe erano organizzate in coorti e combattevano nel modo tipico della propria nazione di
appartenenza. La fanteria ausiliaria era spesso impiegata in attività di schermaglia, in azioni di
copertura e appoggio alle legioni, nel pattugliamento e nell’approvvigionamento (caccia e raccolta).
Solo raramente venivano schierate in prima fila per via della loro scarsa compattezza.

2.7 – Ingegneria militare


Abbiamo detto che l’organizzazione dell’esercito era la chiave del successo delle legioni:
addestramento, armamento e disciplina erano alla base di ogni successo sul campo di battaglia.
C’era però un altro fattore determinante, probabilmente il più importante di tutti. Mi riferisco

160
Cinquini (1923, pp. 15-16).
161
Cascarino (2007, pp. 145-146) e Cinquini (1923, pp. 14-16).
162
Cesare, Bellum Gallicum VII 34.
163
Idem II 7
164
Bellum Africum 20.
165
Cesare, Bellum Gallicum II 7.
166
Idem
167
Bellum Africum 20.
168
Cesare, Bellum Gallicum VII 65.
169
Cesare, Bellum Civile I 39.
170
Bellum Alexandrinum 62.
171
Idem 34.
172
Idem 26.
38
all’ingegneria militare romana, la cui grandezza, solidità e velocità ci impressiona ancora oggi. Grazie
ad essa, i Romani erano in grado di mutare le condizioni di una campagna, di trasformare una difficile
marcia in territorio nemico ed ostile in un’avanzata sicura e inattaccabile. A livello strategico e
tattico, insomma, l’ingegneria romana metteva le legioni nelle migliori condizioni possibili per
affrontare una qualsiasi tipologia di operazione. I legionari, da questo punto di vista, appaiono molto
spesso come dei veri e propri tecnici e operai, e nei Commentarii di Cesare li vediamo
continuamente impegnati nelle più diverse attività: nella costruzione di accampamenti, trincee,
terrapieni, nella creazione di fossati e pozze d’acqua, nell’apertura di gallerie sotterranee, nella
costruzione e nella riparazione di navi, ponti, armi personali e di artiglieria, di opere e macchine
d’assedio, ecc. I legionari, inoltre, si dedicavano alla costruzione e manutenzione di acquedotti e
strade, e importantissima era la funzione strategica di quest’ultime, dato che consentivano un
veloce spostamento delle truppe. Celebre è la costruzione, compiuta in soli dieci giorni, del primo
ponte sul Reno, nel 55 a.C.173 La sua dettagliatissima descrizione ci fa credere che Cesare stesso fu
l’architetto dell’opera. Nel suo esercito, quasi sicuramente, non vi era nessun corpo di operai
specializzati, ma tutti i lavori venivano eseguiti dai soldati delle legioni, nelle quali, comunque, non
dovevano mancare i tecnici, specialmente dopo che l’arruolamento si era esteso alle classi inferiori.
Solo in casi speciali e per lavori difficili si costituirono determinati corpi di operai, provinciali e
perlopiù schiavi. Così Cesare, nell’assedio a Marsiglia, raccolse una grande quantità di uomini da
tutta la provincia 174 ; così, per piantare gli accampamenti contro Farnace, affinché i legionari
potessero lavorare senza interruzioni, fece trasportare il materiale necessario dagli schiavi175.
I due esempi appena citati, offrono l’occasione di introdurre i due ambiti nei quali l’ingegneria
militare romana raggiunse i propri apici, ambiti che furono senz’altro i più decisivi nel determinare
le innumerevoli vittorie delle legioni. Mi riferisco alla costruzione degli accampamenti e a quella
delle opere d’assedio.

2.7.1 – Costruzione dell’accampamento


Nel corso dei secoli i Romani adottarono e perfezionarono una semplicissima, e decisiva, scelta
tattica: un esercito non poteva fermarsi per la notte, o effettuare una sosta di una certa durata,
senza prima aver costruito un accampamento fortificato in grado di dare riparo a tutti gli uomini e
a tutto il bagaglio delle legioni. Questa operazione era considerata tanto importante che doveva
essere eseguita anche in caso di attacco nemico, destinando una parte delle forze alla difesa dei
lavori.
C’erano due tipi di accampamenti: uno estivo (castra aestiva), che veniva costruito la sera e
smantellato nel momento della partenza e che era attrezzato semplicemente con tende, e l’altro
invernale (castra hiberna), che serviva invece ad accogliere l’esercito durante tutto l’inverno e che
era attrezzato per proteggere gli uomini dai rigori del clima.
Il campo mobile fortificato aveva un’evidente funzione tattica ed offriva due significativi vantaggi176:

173
Cesare, Bellum Gallicum IV 17.
174
Cesare, Bellum Civile II 1.
175
Bellum Alexandrinum 73.
176
Cascarino (2007, pp.148-149).
39
1) offrire un rifugio sicuro per la notte e consentire così agli uomini di riprendersi da un punto di
vista fisico e nervoso. L’accampamento infatti rappresentava, in pieno territorio nemico, l’ambiente
più familiare e accogliente che un legionario potesse sperare di avere.
2) costituire un punto di appoggio per le operazioni future, da utilizzare come luogo di ripiegamento
o per esigenze logistiche, come ad esempio base o punto di transito dei rifornimenti.
L’accampamento comunque, nonostante offrisse una notevole difesa, rappresentava in primo luogo
la naturale base di partenza per una strategia d’attacco, coerentemente con la tattica romana, che
prevedeva l’impegno frontale del grosso delle forze nemiche, anche se in netta inferiorità numerica.
La prima fase della costruzione dell’accampamento, era ovviamente la scelta di un luogo idoneo: un
tribuno e uno o più centurioni precedevano la colonna in marcia e sceglievano l’ubicazione più
adatta. Il campo doveva essere preferibilmente costruito su una posizione elevata, possibilmente su
un terreno leggermente declinante verso il nemico, senza ostacoli naturali a breve distanza, per
evitare che il nemico potesse avvicinarsi indisturbato177, e doveva trovarsi il più vicino possibile ad
una località da cui si potesse avere foraggio, sale e soprattutto acqua178. Dove questa mancava,
venivano scavati dei pozzi179. L’evidente vantaggio di una simile posizione costringeva i nemici ad
attaccare in salita180 e facilitava un’eventuale sortita dei legionari181, aumentando inoltre la gittata
delle armi da lancio. La costruzione di un campo in pianura era invece considerata una pratica
barbarica 182 . Ovviamente, non sempre si potevano soddisfare tutte queste caratteristiche, così
come la forma stessa dell’accampamento, che di norma era quadrato, doveva confrontarsi di volta
in volta con le caratteristiche del terreno e con le necessità tattiche imposte dalle circostanze.
La prima operazione da compiere, una volta stabilito il luogo, consisteva nello scavo di un fossato
(fossa) lungo il perimetro del campo. La sua larghezza e profondità variavano per la vicinanza del
nemico, per la condizione del terreno e per il tempo a disposizione, ma pare che in media la prima
misurasse quasi il doppio della seconda183. Poteva essere realizzato secondo due profili184: a V (fossa
fastigata, cioè “appuntita”), con le pareti convergenti verso il basso, e a fossa punica, con la parete
più esterna perpendicolare al piano del terreno e l’altra inclinata. Cesare fa uso anche di una terza
forma, nella quale i lati erano perpendicolari185. Con la terra scavata, accumulata sul lato interno,
veniva innalzato un terrapieno rialzato (agger). Per quanto riguarda le sue dimensioni, Cesare ci dice
che quello costruito sul fiume Axona186 e quello eretto contro i Bellovaci187, erano entrambi alti circa
3,50 m, e dobbiamo ipotizzare che di solito un terrapieno fosse leggermente più largo che alto188.
L’intera struttura veniva rinforzata con vari accorgimenti: la parete esterna, molto ripida, con zolle

177
Cesare, Bellum Gallicum II 18.
178
Idem IV 11, VIII 40-43, Bellum Civile II 37, III 49 e 97.
179
Cesare, Bellum Civile III 49; Bellum Alexandrinum 8.
180
Cesare Bellum Gallicum III 19.
181
Idem III 19.
182
Idem VIII 36.
183
Cinquini (1923, p. 85).
184
Cascarino (2007, pp. 151-152).
185
Cesare, Bellum Gallicum VII 72.
186
Idem II 5.
187
Idem VIII 9.
188
Cinquini (1923, pp. 86-87).
40
e sterpi, quella interna con una serie di scalini, mentre dei graticci erano posti all’interno della
struttura stessa, nella terra, per rendere il tutto più solido. Infine, sulla sommità del terrapieno,
veniva piantata una palizzata (vallum), la quale poteva essere più o meno solida, a seconda del
pericolo nemico e della funzione dell’accampamento. Spesso sul terrapieno si innalzavano torri alte
fino a tre piani 189 . Intanto, all’interno del campo, veniva indicata tramite delle insegne la
disposizione degli alloggiamenti, che veniva completata una volta terminate le opere difensive.
L’accampamento era tagliato in due dalla via praetoria, larga circa 30 m, che collegava la porta
decumana a quella praetoria. Questa via era tagliata perpendicolarmente da altre due: la via
quintana e la via principalis, la quale collegava la porta principalis sinistra con quella dextra, e che
era la via più importante del campo, dato che su di essa si affacciavano la tenda del comandante
(praetorium), quella del questore (quaestorium), quelle dei tribuni, dei legati e dei prefetti, oltre che
il forum, la piazza dove il comandane teneva i suoi discorsi e luogo di ritrovo dei soldati190.

2.7.2 – Porre assedio


Prima di procedere con la descrizione dei diversi modi con cui i Romani erano soliti condurre un
assedio, mi pare essenziale elencare tutta quella serie di macchine, apparati ed armi di cui le legioni
si servivano per catturare una roccaforte nemica.
L’elemento più importante in un assedio era, così come nell’accampamento, l’agger, il terrapieno,
questa volta però in ottica offensiva. I Romani, infatti, dovendo affrontare spesso piazzeforti
collocate in alto, con una campagna circostante piena di ostacoli, si servivano del terrapieno per
permettere alle proprie macchine di assedio di arrivare alle mura della città191. L’agger era spesso
di considerevole altezza, la quale però serviva solamente ad eguagliare quella della base delle mura
e, quindi, dipendeva dal terreno che circondava la città. Così, ad esempio, il terrapieno che ad
Avarico era alto 24 m e largo 100, era costruito in una brusca depressione 192. L’agger era, di fatto,
un grande ammasso di ogni sorta di materiali, soprattutto di terra, rami e tronchi, come dimostrano
i frequenti tentativi degli assediati di dargli fuoco193. La sua costruzione iniziava fuori dalla portata
delle armi dei difensori e, pian piano, si avvicinava all’obiettivo. Al terrapieno era pure sovrapposta
una torre, che avanzava con esso194.
Per compiere questa ed altre operazioni, man mano che ci si avvicinava alle mura, i legionari si
servivano di una serie di macchine di difesa contro i proiettili scagliati dagli assediati: i plutei195 erano
ripari semicircolari di vimini coperti di pelle, che avanzavano su tre ruote; vineae196, testudines197 e

189
Cesare, Bellum Gallicum V 40.
190
Per il problema sul tipo di disposizione interna degli alloggiamenti adottata dall’esercito di Cesare, rimando al
prezioso lavoro di Cinquini (1923, pp. 82-96). Per una descrizione più dettagliata sulle caratteristiche, sul
funzionamento e sull’organizzazione di un campo romano, oltre all’opera appena citata, si veda Cascarino (2007, pp.
146-165).
191
P. es. Cesare, Bellum Gallicum II 30.
192
Idem VII 24; Cinquini (1923, p. 103).
193
P. es. Cesare, Bellum Gallicum VII 22 e 24, Bellum Civile II 2.
194
Cesare, Bellum Gallicum II 30-31
195
P. es. Cesare, Bellum Civile II 14.
196
Idem II 2.
197
Idem.
41
musculi 198 erano una sorta di piccole baracche mobili, più o meno robuste a seconda dell’uso,
all’interno delle quali i soldati erano relativamente al sicuro dai difensori. Grazie ad esse, i legionari
potevano avvicinarsi alle mura per spianare il terreno per l’agger, riempire i fossati nemici con terra
e fascine, smantellare le fondamenta delle mura avversarie. Unendo insieme una certa quantità di
queste baracche si otteneva un vero e proprio corridoio sicuro, la porticus199.
I legionari, che così potevano stare al riparo alla base del muro nemico, cercavano di minarne le
fondamenta scavando e battendolo con l’aries200, l’ariete, una grossa trave col capo di ferro che,
tramite catene o corde, era sospesa ad un palco e che era spinta avanti e indietro da più uomini, in
modo da colpire violentemente il muro. Un altro prezioso strumento era la falx muralis201, un lungo
bastone con una punta di ferro a uncino che serviva a diroccare le mura. Ma la più importante
macchina per dare l’assalto, e senz’altro la più spettacolare, era la turris ambulatoria202, una torre
lignea mobile su ruote e con più piani. Alla base aveva un ariete, mentre nei piani alti, oltre che a
diverse macchine da getto, aveva diverse specie di ponti levatoi per permettere agli uomini al suo
interno di lanciarsi all’attacco sui bastioni nemici203.
Cesare fa riferimento a due sole armi di artiglieria (tormenta) usate dai suoi uomini: la ballista e lo
scorpio204. La prima era più grande della seconda e lanciava pietre; gli scorpiones, invece, scagliavano
frecce o veri e propri paletti, dipendeva dalla grandezza dell’arma. La forma di entrambe queste
macchine da guerra è paragonabile a quella delle balestre, anche se ovviamente si trattava di armi
fisse di dimensioni ben maggiori. I proiettili non venivano scagliati grazie all’elasticità dell’arco ma
per l’improvviso svolgimento di due fasci intrecciati di fibre nei quali i bracci rigidi dell’arco erano
fissati. La corda era tesa per mezzo di leve205.
Vediamo ora quali tattiche adottavano i Romani di fronte ad una piazzaforte. C’erano tre modi per
espugnare città e fortificazioni nemiche206:
1) per mezzo di un veloce e vigoroso assalto207; ciò poteva avvenire unicamente contro piazze minori
e scarsamente difese. I legionari, protetti dagli apparati difensivi di cui abbiamo parlato poco sopra,
riempivano i fossati nemici con terra e fascine, si avvicinavano ed assaltavano le mura con scale di
fortuna208. A questo scopo formavano, tenendo uniti sopra la testa gli scudi per proteggersi dalle
armi da lancio nemiche, la cosiddetta testudo, “testuggine”209

198
Cesare, Bellum Gallicum VII 84.
199
Cesare, Bellum Civile II 2.
200
Cesare, Bellum Gallicum II 32, VII 23; Bellum Alexandrinum 1, Bellum Africum 20.
201
Cesare, Bellum Gallicum VII 22.
202
Idem II 31, VII 17 e 22.
203
Cinquini (1923, pp. 111-112).
204
P. es. Cesare, Bellum Gallicum VII 25
205
Cinquini (1923, pp. 34-38) e Abranson (1979, pp. 42-43).
206
Cinquini (1923, pp. 96-97).
207
Assalti improvvisi furono compiuti a Novioduno (Bellum Gallicum II 12), alle città dei Soziati (idem III 21), a Gergovia
(idem VII 47 e 50), all’isola di Faro ad Alessandria (Bellum Alexandrinum 18), contro una piazza britannica (Bellum
Gallicum V 9), a Cenabo (idem VII 11) e a Gomfi in Tessaglia (Bellum Civile III 80).
208
P. es. Cesare, Bellum Civile I 28.
209
Cesare, Bellum Gallicum II 6.
42
2) tramite un assedio regolare, che veniva messo in atto contro città più grandi e ben fortificate210
per mezzo di tutte le opere e le macchine di cui abbiamo parlato sopra
3) con un blocco, che consisteva nel tagliare ogni via di comunicazione e di supporto. Ciò si poteva
ottenere solo tramite una circonvallazione di fortificazioni, accampamenti, trincee e trappole
attorno alla piazzaforte nemica. Il blocco più famoso messo in atto da Cesare avvenne ai danni di
Vercingetorige, ad Alesia. Le opere edificate e minuziosamente descritte da Cesare211, dovettero
essere imponenti, perché oltre alla linea di circonvallazione per bloccare gli assediati, ne fu costruita
una seconda di controvallazione212 per proteggersi da un enorme esercito gallico di soccorso213.

2.8 – Le legioni in battaglia


In una battaglia campale le legioni venivano schierate in linea, una di fianco all’altra. La fanteria
leggera ausiliaria veniva schierata generalmente sulle ali, oppure al centro davanti alle prime
linee214, con lo scopo di dare inizio al combattimento ed eventualmente supportare le legioni. Anche
la cavalleria veniva disposta sui fianchi dello schieramento. Quest’ultimi erano i punti più delicati
dello schieramento ed è qui che spesso venivano schierate le truppe migliori 215. Un’abitudine di
Cesare, consisteva nello schierare in retroguardia eventuali legioni appena reclutate e quindi, per
forza di cose, ancora inesperte216.
Le legioni potevano disporre le proprie coorti in tre modi:
. in un’unica linea, nel caso in cui fosse necessario coprire un fronte molto ampio217
. su due linee (duplex acies), il che permetteva una gestione della battaglia assai più flessibile,
specialmente in caso di netta inferiorità numerica218
. su tre linee (triplex acies), una formazione spesso usata da Cesare, con la prima linea formata da
quattro corti e le successive due da tre219. Le coorti schierate in terza linea svolgevano una funzione
tattica di riserva, con lo scopo di rinforzare il fronte di battaglia laddove se ne fosse presentata la
necessità, come contro Ariovisto220, oppure di sostenere l’apertura di nuovi fronti, come contro gli
Elvezi a Bibracte 221 . La triplex acies era uno schieramento perfetto per fronteggiare nemici
numericamente superiori ed eventuali aggiramenti.

210
P. es. Marsiglia (Bellum Civile II 2), la città degli Atuatuci (Bellum Gallicum II 30), Vellaunoduno (Idem VII 11), Salona
nella Dalmazia (Bellum Civile III 9).
211
Cesare, Bellum Gallicum VII 69-74.
212
Idem VII 72.
213
Idem VII 75-76.
214
Idem III 24.
215
Cesare, ad esempio, nella battaglia di Farsalo schierò a destra la X legione, a sinistra l’VIII e la IX, ovvero le sue
truppe migliori (Bellum Civile III 89).
216
Per esempio nello scontro decisivo contro gli Elvezi a Bibracte (Bellum Gallicum I 24).
217
Come ad esempio a Ruspina (Bellum Africum 13).
218
Cesare, Bellum Gallicum III 24.
219
Cesare, Bellum Civile I 83.
220
Cesare, Bellum Gallicum I 52.
221
Idem I 25.
43
Per quanto riguarda le coorti legionarie in battaglia, è logico pensare che la loro disposizione venisse
decisa di volta in volta dal pilus prior in base alle circostanze 222 , ma è assai probabile che la
formazione più usata fosse quella in cui i tre manipoli erano disposti uno di fianco all’altro, con le
due centurie di ognuno di essi una dietro l’altra223.
Se non è completamente certa la disposizione caratteristica delle unità in battaglia, è invece sicuro
che i singoli reparti, coorti di una legione e centurie di una stessa coorte, venivano schierati con
consistenti intervalli tra loro: ciò permetteva di muoversi con libertà sul campo di battaglia
mantenendo la necessaria compattezza224.
Secondo un’ipotesi assai plausibile di Cascarino 225 , i dieci contubernia di una centuria venivano
schierati in colonna, con il decano in prima linea. Se così fosse, sarebbero confermati due princìpi
molto importanti nel mondo antico: quello di avere gli uomini migliori in prima linea e di poter
contare su un proprio commilitone, schierato alle tue spalle.
La posizione di battaglia del centurione era alla destra del reparto, in prima linea: una posizione
parecchio rischiosa, anche per la grande visibilità che aveva la sua figura. Il signifer doveva
teoricamente guidare l’attacco ma, allo stesso tempo, non poteva rischiare di perdere l’insegna.
Anche lui costituiva, infatti, un bersaglio privilegiato del nemico. Di solito venivano quindi scelti
alcuni tra gli uomini migliori, i cosiddetti antesignani226, schierati davanti e attorno alle insegne per
proteggerle227. Il signifer, comunque, non doveva trovarsi troppo distante dal centurione, i cui ordini
dovevano essere trasmessi al reparto tramite il movimento dell’insegna. Per gli stessi motivi, anche
un eventuale suonatore di strumenti a fiato doveva trovarsi vicino al suo superiore. L’optio, che
comandava la retroguardia, doveva necessariamente trovarsi nelle retrovie del reparto per evitare
una rottura della formazione.
Quando il reparto riceveva l’ordine di avanzare, tramite un segnale di tromba o con l’innalzamento
di un vessillo228, questo veniva trasmesso agli uomini tramite l’insegna e con il suono degli strumenti.
L’avanzata doveva avvenire in ordine, mantenendo perfettamente la formazione. Giunti alla giusta
distanza, il centurione dava ordine alle prime fila di lanciare i pila, dopodiché tutto il reparto caricava
il nemico. Il combattimento che si accendeva dopo l’urto doveva essere particolarmente serrato,
quasi a contatto coi gomiti dei commilitoni. In queste condizioni, i legionari potevano sfruttare al
massimo il proprio addestramento e il proprio armamento, potendo pararsi con il robusto scudo e
colpire di punta con il micidiale gladio, in uno spazio così limitato che favoriva i colpi di punta dei
soldati Romani229.
Questo tipo di combattimento, comunque, comportava un enorme dispendio di energie, e non
poteva durare troppo a lungo. Se nessuna delle due parti prendeva il sopravvento, gli schieramenti

222
Cascarino (2007, p. 184).
223
Idem (pp. 184-185), Cinquini (1923, pp.49-51).
224
Ad esempio, nella battaglia della Sambre, Cesare ordina di “allargare i manipoli” per poter meglio combattere il
nemico, e inoltre riesce facilmente a raggiungere la prima linea, segno evidente dell’esistenza di larghi spazi (Bellum
Gallicum II 25).
225
Cascarino (2007, p. 187)
226
Cesare, Bellum Gallicum I 43, 44 e 57.
227
Vegezio, De re militari II 15.
228
Cesare, Bellum Gallicum VII 27, 45 e 62.
229
Cascarino (2007, pp. 192-198).
44
si distanziavano tra loro per riprendere le forze, ritirare i feriti e sostituire gli uomini con truppe
fresche230.

2.9 – Le legioni di Cesare


In quest’ultima parte, avvalendomi del prezioso lavoro del Parker 231 (di cui questo paragrafo è
fortemente debitore), cercherò di determinare quali legioni furono agli ordini di Cesare nel corso
delle sue campagne.
Con la trasformazione delle legioni in eserciti permanenti, la loro tradizionale rinumerazione
annuale divenne obsoleta. Cesare e Pompeo diedero alle proprie legioni dei numeri permanenti,
facendo attenzione, se non erano consoli, ad evitare i numeri I-IV.
Cesare iniziò il suo proconsolato con quattro legioni (VII, VIII, IX e X)232, alle quali ne aggiunse subito
altre due (XI e XII)233. Nel 57 a.C. reclutò la XIII e la XIV234, portando le sue forze a otto legioni. Nel
53 a.C. reclutò un’altra legione (la XV) e ne chiese una a Pompeo, che gli “prestò” la I235. Quest’ultima
divenne la VI legione nell’esercito di Cesare236, che ora ne aveva dieci. Nel 51 a.C. formò una legione
di non Romani, la Alaudae237. Dal 47 a.C. essa è chiamata semplicemente V238, il che implica che nel
frattempo era stata organizzata in una iusta legio, con aquila e signa. Cesare aveva, a questo punto,
undici legioni. Quando poi, nel 50 a.C., dovette rinunciare a due legioni (la VI, che era di Pompeo, e
la XV), destinante ad una spedizione mai intrapresa contro i Parti239, iniziò ad arruolare nuove truppe
per rimpiazzare queste perdite e riformare entrambe le legioni.
Quando Cesare seppe del Senatus consultum ultimum approvato il 7 gennaio del 49 a.C., diede il via
alla guerra civile e avanzò con la XIII legione verso Rimini240, e fu poi raggiunto da altre due legioni
veterane, VIII e XII241. Prima di procedere per Brindisi, Cesare ottenne cinque nuove legioni, che
forse assunsero i numeri XVI-XX242. Di queste, due legioni243 furono inviate in Sicilia e combatterono
sotto Curione in Africa. Con le rimanenti sei legioni244 a sua disposizione Cesare marciò a Brindisi,
ma non riuscì a bloccare i nemici, e così rivolse la sua attenzione verso la Spagna. Nel frattempo, il
reclutamento di nuove legioni procedeva velocemente, e Cesare inviò una legione in Sardegna245 ed

230
Idem VII 85, Bellum Civile III 94.
231
Parker (1980, pp. 55-71).
232
Cesare, Bellum Gallicum I 7 e 10.
233
Idem I 10.
234
Idem II 2.
235
Idem VI 1.
236
Così ritiene Carcopino (1993, p. 329), con il quale concordo. Parker (1985, pp. 56-57), invece, ritiene che la I non
diventò la VI, e che l’esercito di Cesare ammontava quindi ad undici legioni.
237
Cesare, Bellum Gallicum VIII 24 e Svetonio, Cesare 24.
238
Bellum Africum 1.
239
Cesare, Bellum Gallicum VIII 54.
240
Cesare, Bellum Civile I 8.
241
Idem I 15 e 18
242
Parker (1980, p. 58).
243
Cesare, Bellum Civile I 30.
244
Idem I 25.
245
Idem I 30.
45
altre due con Curione in Sicilia per assicurarsi il rifornimento di grano246. Queste ultime due legioni,
con tutta probabilità, diventarono le truppe di guarnigione di Lilibeo e Messina247.
Per la campagna di Spagna Cesare inviò, come avanguardia, Fabio con tre legioni che avevano
svernato a Narbona 248 , e ordinò ad altre tre di raggiungerlo 249 . Queste legioni erano quasi
sicuramente veterane, ma in combattimento sentiamo solo i numeri IX e XIV. Nel frattempo,
Marsiglia era assediata da tre legioni sotto Trebonio. I loro numeri non sono conosciuti, ma, con
ogni probabilità, si trattava di unità di nuova creazione. Se è giusto supporre che Cesare numerava
le sue legioni in sequenza nell’ordine in cui venivano reclutate, significa che dalla fine della
campagna di Ilerda, c’erano quindici legioni di reclute nel suo esercito250; per questo sentiamo di
due legioni numerate XXI e XXX arrivare a costituire parte della guarnigione delle province
spagnole251. Inoltre, una legione numerata XXVII252 fa parte della spedizione in Epiro e Grecia. Dopo
la campagna di Ilerda (la località della battaglia decisiva), le forze pompeiane in Spagna furono
dissolte253, eccetto due legioni di Varrone chiamate II e legio vernacula, la quale era stata arruolata
da forze locali254. Queste due legioni, insieme alla XXI e alla XXX, rimasero in Spagna, e più tardi
un’altra legione, reclutata localmente con il titolo di legio V, fu aggiunta.
L’esatta identità delle legioni che presero parte alla spedizione che poi portò a Farsalo, non è certa.
Dodici legioni furono preparate da Cesare a Brindisi255, ma in realtà sette furono trasportate con
Cesare, mentre, in un secondo momento, quattro con Antonio256. Le legioni della cui presenza siamo
certi sono: VI, VIII, IX, X, XI e XII, composte da veterani, e la XXVII, di recente formazione257.
Dopo la vittoria di Farsalo, Cesare organizzò i pompeiani sconfitti in proprie legioni, due delle quali,
XXXVI e XXXVII, sono menzionate nei Commentarii 258 . Cesare stesso salpò per l’Egitto con due
legioni, VI e XXVII259, e ordinò ad altre “da lui formate con truppe pompeiane” di seguirlo260. Intanto,
Domizio Calvino, a cui era stata affidata l’amministrazione dell’Asia e delle province vicine, fu
coinvolto in una guerra contro Farnace. Le sue forze erano composte inizialmente da tre legioni261,
una delle quali, la XXXVI, tenne per sé, mentre inviò le altre due a Cesare in Egitto. Una di queste, le
XXXVII, arrivò ad Alessandria, ma l’altra fu deviata in qualche spedizione in Siria, e sembrerebbe
corretto identificarla con la legione che successivamente servì sotto il comando di Sesto Cesare262.
Domizio Calvino rimpiazzò queste due legioni con una reclutata nel Ponto, che ebbe il titolo di legio

246
Idem II 23.
247
Idem III 101; Bellum Africum 1.
248
Idem I 37.
249
Idem I 37 e 39.
250
Parker (1980, p. 60).
251
Bellum Alexandrinum 53.
252
Cesare, Bellum Civile III 34.
253
Idem I 87.
254
Idem II 20.
255
Idem III 6 e 29.
256
Idem III 2.
257
Idem III 34, 45, 89; Bellum Alexandrinum 33.
258
Bellum Alexandrinum 34 e 9.
259
Idem 33; Cesare, Bellum Civile III 106.
260
Cesare, Bellum Civile III 107.
261
Bellum Alexandrinum 34.
262
Idem, 34 e 66.
46
Pontica ma nessun numero263 , mentre re Deiotaro inviò due legioni per assisterlo nello scontro
contro Farnace264.
L’identificazione della XXXVI e della XXXVII con le legioni organizzate dopo Farsalo, e il fatto che la
XXX, la quale ora faceva parte della guarnigione spagnola, ha l’ultimo numero della serie che finora
abbiamo tracciato, suggerisce che, se Cesare preservò una sequenza definitiva nel suo sistema di
enumerazione, in qualche momento tra Ilerda e Farsalo, le legioni XXXI-XXXV dovevano essere già
state reclutate265. Alla fine della guerra alessandrina, Cesare partì per la Siria con la VI legione e
lasciò le altre ad Alessandria266. Nel Ponto trovò le legioni, che avevano combattuto per Domizio
contro Farnace, notevolmente ridotte267. Una straordinaria e breve campagna, comunque,
culminante nella battaglia di Zela, segnò la disfatta di Farnace268, e Cesare spedì la VI legione in
Italia, mentre la XXXVI e la legio Pontica rimasero nel Ponto con Celio Viniciano269. Nel 47 a.C.
Cesare partì per l’Africa con un’armata composta da cinque legioni di reclute e dalla V Alaudae270.
In seguito fu raggiunto da quattro legioni veterane, e alla battaglia di Uzitta le seguenti legioni
possono essere identificate: V Alaudae, IX, X, XIII, XIV, XXV, XXVI, XXVIII, XXIX, ed un’altra di reclute
il cui numero è taciuto271. La battaglia di Tapso distrusse l’opposizione dei pompeiani in Africa, ma
i figli di Pompeo intrapresero un nuovo tentativo in Spagna per ravvivare la fortuna del loro
schieramento. In questo furono aiutati dal pessimo governo di Cassio, lasciato da Cesare con una
guarnigione di quattro legioni: II, XXI, XXX e la legio vernacula, alle quali egli aggiunse la legio V272.
Le due vernaculae legiones, che dovevano essere la V e la vernacula dell’esercito di Varrone,
inoltre, disertarono dalla parte dei pompeiani273. Sfortunatamente non possiamo tracciare in
dettaglio le legioni che composero l’esercito cesariano in Spagna, ma le seguenti sono menzionate
nella battaglia di Munda: III, V (Alaudae), e X274, e da un altro passaggio possiamo aggiungere la
VI275. L’esistenza di una III legione è una piccola sorpresa, ma la spiegazione più probabile è che
Cesare, dopo la morte di Pompeo, in virtù della sua posizione di console e dittatore, iniziò ad
usare, per le sue legioni, i numeri consolari276.

263
Idem 34.
264
Idem 34.
265
Parker (1980, p. 64).
266
Bellum Alexandrinum 33.
267
Idem 40.
268
Idem 77.
269
Idem 77.
270
Bellum Africum 1.
271
Idem 60.
272
Bellum Alexandrinum 53.
273
Bellum Hispaniense 7.
274
Idem 30.
275
Idem 12.
276
Parker (1980, p. 68).
47
3. Conclusioni
Cesare e le sue legioni: uno dei binomi più riusciti della storia. Il fascino di uno dei più grandi
personaggi del mondo antico, unito all’efficacia dell’organizzazione di quello che forse è stato il
miglior esercito mai costituito, è ancora intatto dopo duemila anni.
Abbiamo soffermato la nostra attenzione sulle doti e sul carattere di Cesare, sul suo talento militare,
sul suo modo di pensare e di agire, sul rapporto che aveva instaurato con i suoi uomini. Abbiamo
visto che non fu un innovatore in senso tattico, ma portò al massimo le potenzialità dell’esercito
romano. Come leader militare, Cesare ha suscitato un’ammirazione universale.
Abbiamo poi cercato di fare luce su vari aspetti delle legioni: il loro reclutamento, gli ufficiali, le armi,
la tattica, l’ingegneria militare, e molto altro ci sarebbe da dire. Esse costituirono un punto di
riferimento per i secoli a venire: Machiavelli, nel suo Arte della guerra, traeva ispirazione
dall’esercito romano per delineare i caratteri di un ideale esercito del suo tempo; Napoleone, dopo
aver ripristinato le aquile come simbolo dei suoi eserciti, organizzò le sue truppe leggere ispirandosi
ai veliti repubblicani, ed armò simbolicamente i suoi cannonieri con il gladio 277.
Per tutto questo, e per molto altro ancora, Giulio Cesare e le sue legioni sono due “personaggi”
molto pericolosi. Sì perché, studiando la loro storia, le loro imprese, il genio del generale e la
perfezione dell’esercito, ci si dimentica l’altra faccia della medaglia, ovvero la scia di morte che essi
lasciarono dietro di sé. Leggendo i Commentarii, mi è balzata alla mente una metafora: ho associato
le truppe romane, costantemente descritte impegnate nella costruzione di campi, trincee, ponti,
terrapieni, torri d’assedio, gallerie e molto altro, a delle formiche. Come le formiche i legionari sono
piccoli, se paragonati ai loro avversari nordici; la loro forza risiede nell’organizzazione e nella
sistematicità delle loro azioni; la loro tattica è semplice e diretta, e sono fermi nel raggiungere
l’obiettivo; costruiscono opere a prima vista fuori dalla loro portata per grandezza e complessità: gli
Atuatuci, «quando videro che, avvicinate le vinee, innalzato il terrapieno, veniva costruita lontano
una torre, dapprima irridevano dalle mura e levavano grida di scherno, perché una macchina tanto
grande veniva fabbricata a così grande distanza: con quali mani mai o con quali forze degli uomini,
soprattutto di così piccola statura (infatti in generale i Galli disprezzavano la nostra statura, esigua
in confronto con le loro grandi corporature) confidavano di poter collocare una torre di così gran
mole davanti alle mura? Ma quando la videro muoversi e avvicinarsi, turbati dalla vista nuova e
insolita, mandarono a Cesare ambasciatori a trattare la pace278». Gli abitanti sarebbero poi stati
venduti come schiavi279. Agli occhi dei Galli, la conquista della loro terra dovette assomigliare a
qualcosa di simile ad una soffocante infestazione di formiche: coloro che inizialmente avrebbero
tranquillamente schernito per la bassa statura, tolsero loro la libertà. Di fronte a questa avanzata
inarrestabile, la Gallia era frammentata e divisa, e l’unità delle tribù, tanto fondamentale per
fermare Roma, sarebbe arrivata troppo tardi.
Una descrizione delle legioni che non ho mai dimenticato, fin dai miei studi liceali, è quella messa in
bocca a Calcago, un nobile britannico, da Tacito, prima dello scontro decisivo tra Britanni e Romani

277
Cascarino (2007, p. 9).
278
Cesare, Bellum Gallicum II 30-31.
279
Idem II 33.
48
nell’84 a.C.: «Predatori del mondo intero, adesso che mancano terre alla loro sete di totale
devastazione, vanno a frugare anche il mare: avidi se il nemico è ricco, arroganti se povero, gente
che né l’occidente né l’oriente possono saziare; loro soli bramano possedere con pari smania
ricchezze e miseria. Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine,
dove fanno il deserto, la chiamano pace280».
Cesare stesso è uno dei personaggi più ambigui e controversi di sempre. Era determinato a
raggiungere il massimo, come se fosse schiavo della sua stessa ambizione, quasi costretto da essa,
dal suo talento e dalla sua determinazione, a trascinare l’intero mondo romano in guerra, a non
arrendersi o ad avere ripensamenti. A volte fu profondamente spietato: non si faceva molti scrupoli
ed esibiva un freddo pragmatismo quando ordinava di compiere atrocità. Eppure non fu mai crudele
in maniera gratuita e fu sempre attento alle esigenze del popolo, che lo amava. Era un uomo dagli
innegabili talenti, il più grande dei quali fu quello militare.
Cesare e le sue legioni insomma: osannati e odiati, ricordati e temuti; comunque invincibili su un
campo di battaglia.

280
Tacito, Agricola 30.
49
Bibliografia
Testi di riferimento
. Cesare, Bellum Gallicum, in Opera Omnia, a cura e traduzione di Adriano Pennacini, Einaudi -
Gallimard, Torino 1993.
. Cesare, Bellum Civile, in Opera Omnia, a cura di Adriano Pennacini, traduzione di Antonio La Penna,
Einaudi - Gallimard, Torino 1993.
. Pseudo Cesare, Bellum Alexandrinum, in Opera Omnia, a cura e traduzione di Adriano Pennacini,
Einaudi - Gallimard, Torino 1993.
. Pseudo Cesare, Bellum Africum, in Opera Omnia, a cura e traduzione di Adriano Pennacini, Einaudi
- Gallimard, Torino 1993.
. Pseudo Cesare, Bellum Hispaniense, in Opera Omnia, a cura e traduzione di Adriano Pennacini,
Einaudi - Gallimard, Torino 1993.
. Plutarco, Cesare, a cura di Domenico Magnino, Utet, Torino 2011.
. Svetonio, Cesare, traduzione di Felice Dessì, BUR, Milano 2015.
. Vegezio, De re militari, a cura di Giorgio Ortolani, traduzione di Antonio Angelini, Istituto Poligrafico
e Zecca dello Stato, Roma 2009.

Studi moderni
. Abranson E., Roman legionaires at the time of Julius Caesar, Macdonald Education, Londra 1979.
. Bellino V., Alia ratio, Franco Angeli Editore, Milano 2015.
. Bonacina L., Il pilum: riconsiderazioni sul suo uso e la sua costruzione, Giornale della Società Italiana
per gli studi militari antichi, numero 1, pp. 35-43, gennaio 2007.
. Brizzi G., Il guerriero, l’oplita, il legionario, Il Mulino, Bologna 2008.
. Brizzi G., Cesare soldato: strategia ed immagine, in Cesare: precursore o visionario? Atti del
convegno internazionale Cividale del Friuli, 17-19 settembre 2009, a cura di Gianpaolo Urso, pp. 85-
103, Fondazione Niccolò Canussio, Pisa 2010.
. Canfora L., Giulio Cesare. Il dittatore democratico, Laterza, Roma-Bari 2006.
. Carcopino J., Giulio Cesare, Rusconi Libri, Milano 1993.
. Cascarino G., L’esercito romano. Armamento e organizzazione. Vol. I: dalle origini alla fine della
repubblica, Il Cerchio, Rimini 2007.
. Cinquini A., L’esercito romano ai tempi di Giulio Cesare, Vallardi Editore, Milano 1923.
. Goldsworthy A., Cesare. Una biografia, Lit Edizioni, Roma 2014.
. Le Bohec Y., Cesar chef de guerre, Tallandier, Parigi 2015.
. Liberati A. – Silverio F., Vita e costume dei Romani antichi. Vol. 5: Organizzazione militare: esercito,
Edizioni Quasar, Roma 1988.
. Moscardelli G., Cesare dice…, Stato maggiore dell’esercito, Roma 1973.
. Napoleone B., Le guerre di Cesare, Salerno Editore, Roma 2005.
. Parker H.M.D., The Roman legions, Ares, Londra 1980.
. Strauss B., L’arte del comando. Alessandro, Annibale, Cesare, Laterza, Roma-Bari 2015.
. Zerbini L., Storia dell’esercito romano, Odoya, Bologna 2014.

50

Potrebbero piacerti anche