Sei sulla pagina 1di 52

Lezione

 XIII  

I  legami  di  parentela  e  la  poli/ca:  


la  valorizzazione  dei  legami  
familiari  
La  famiglia  e  i  legami  di  parentela  nella  
Roma  an/ca  
•  Un   tema   alla   moda:   vi   sono   specifici   contribu/   che  
ricostruiscono  il  diba?to  scien/fico  degli  ul/mi  anni:  
–  E.   Cantarella,   Quale   famiglia?   Trent'anni   di   diba3to,  
«Carmina  iuris.  Mélanges  en  l'honneur  de  Michel  Humbert»,  
a   cura   di   E.   Chevreu   -­‐   D.   Kremer   -­‐   A.   Laquerrière-­‐Lacroix,  
Paris  2012,  pp.  39-­‐55  [SA  MISC  II  Humb].  
–  L.   Capogrossi   Colognesi,   La   famiglia,   la   sua   storia   e   la   sua  
storiografia,   «Mélanges   de   l’École   Française   de   Rome.  
An/quité»,   122   (2010),   1,   pp.   147-­‐174   [hcps://
journals.openedi/on.org/mefra/339].  
•  Un   diba?to   che   verte   spesso   su   ques/oni   di   natura  
giuridica,  sociale,  demografica,  antropologica.  

2
Lo  sviluppo  di  questo  blocco  di  
lezioni  
•  In   questo   blocco   di   lezioni   proporremo   piucosto   un  
punto   di   vista   poli/co:   dando   per   assodato   che   i  
legami  di  parentela  avessero  un  ruolo  nella  poli/ca  
a  Roma,  vedremo:  
–  Gli   strumen/   acraverso   i   quali   i   legami   familiari  
potevano  essere  valorizza/.  
–  Il  valore  che  l’esempio  degli  antena/  poteva  avere  per  
un  uomo  poli/co  romano.  
–  I   modi   acraverso   i   quali   i   legami   familiari   potevano  
essere  estesi  e  rafforza/:  le  adozioni  e  i  matrimoni.  
–  Il   diba?to   intorno   al   problema   dell’assoluta  
prevalenza  del  “familismo”  nella  poli/ca  di  Roma.  
3
Nobilitas  e  appartenenza  ad  una  
famiglia  
•  La   nozione   di   ascendenza   familiare   e   di   s/rpe   è  
strecamente  legata  al  conceco  di  nobilitas.  
–  E/mologicamente   il   nobilis   è   “colui   che   è   noto”,   “che  
può   essere   riconosciuto”:   e   un   facore   di   questa  
riconoscibilità  è  la  sua  appartenenza  familiare.  
•  Qualche   studioso   si   spinge   ad   affermare   che   la  
nozione  di  s/rpe  sia  esclusiva  della  nobiltà.  
•  Personalmente   ipo/zzerei   che   questa   nozione  
possa   essere   penetrata   anche   in   gruppi   sociali  
inferiori:  ma  in  questa  lezione  non  approfondiremo  
il  problema.  
4
CIL  I2,  15:  l’epitafio  di  Scipione  
Ispano:  l’esaltazione  della  s/rpe  

5
CIL  I2,  15:  l’epitafio  di  Scipione  
Ispano  
•  Gneo   Cornelio,   figlio   di   Gneo,  
•  Cn(aeus)   Cornelius   Cn(aei)   Scipione   Ispano,   pretore,   edile  
f(ilius)   Scipio   Hispanus,   /   curule,   questore,   tribuno  
pr(aetor),   aid(ilis)   cur(ulis),   m i l i t a r e   p e r   d u e   v o l t e ,  
q(uaestor),   tr(ibunus)   mil(itum)   decemviro   per   il   giudizio   delle  
II,   Xvir   stl(iLbus)   iudik(andis),   /   controversie,   decemviro   per  
Xvir   sacr(is)   fac(iundis).   /   l’esecuzione   dei   ri/   sacri.   Ho  
Virtutes   generis   mieis   moribus   assommato  nei  miei  costumi  le  
accumulavi,  /  progeniem  genui,   virtù   della   mia   s/rpe,   ho  
facta   patris   peLei,   /   maiorum   generato   figli,   ho   cercato   di  
optenui   laudem   ut   sibei   me   essere   pari   alle   imprese   di   mio  
esse   creatum   /   laetentur,   padre,  ho  ocenuto  la  lode  degli  
sLrpem  nobilitavit  honor.   antena/,   che   furono   felici   di  
avermi   generato,   la   mia   carica  
ha  nobilitato  la  s/rpe.  

6
L’epitafio  di  Scipione  Ispano  
•  L’iscrizione   appare   sul   sarcofago   del   personaggio,   pretore   del  
139  a.C.,  ed  è  inserita  nel  complesso  del  Sepolcro  degli  Scipioni,  
sulla  via  Appia,  poco  entro  porta  S.  Sebas/ano,  a  Roma.  
•  Nel   cursus   honorum,   discendente,   da   rilevare   la   carica   di   Xvir  
stliLbus  iudicandis,  una  delle  magistrature  che  componevano  il  
vigin/virato,  prima  tappa  della  carriera  senatoria.  
–  Le   altre   cariche   del   vigin/virato   erano   IIIvir   capitalis,   IIIvir  
monetalis,  IIIIvir  viarum  curandarum.  
–  Stlis  è  una  forma  arcaica  per  lis  “lite,  controversia”.  
•  L’elogio,   in   dis/ci   elegiaci,   è   una   sorta   di   manifesto  
dell’importanza   di   quello   che   è   stato   definito   il   “capitale  
familiare”:  il    lustro  che  una  persona  deriva  dalle  figure  dei  suoi  
antena/.  
–  Scipione   Ispano   aveva   davan/   il   modello   dei   suoi   antena/,   e   in  
par/colare  quello  del  padre,  e  di  quel  modello  si  è  rivelato  degno.  
–  Egli  inoltre  ha  dato  con/nuità  alla  famiglia,  generando  dei  figli.  
7
L’ingresso  al  Sepolcro  degli  Scipioni  

8
Uno  scorcio  dell’interno  del  Sepolcro  degli  
Scipioni  

9
La  valorizzazione  del  capitale  
familiare  
•  Avveniva  acraverso  diversi  strumen/:  
–  La  propaganda  acraverso  la  monetazione.  
–  Le   immagini   degli   antena/   esibite   nei   ri/  
funebri   e   conservate   negli   atrii   delle   domus  
aristocra/che.  
–  Gli   alberi   genealogici,   pure   esibi/   negli   atrii  
delle  domus.  
–  Gli  elogi  funebri.  
–  Lo  stesso  sistema  onomas/co  romano.  
10
L’affermazione  del  capitale  
familiare  acraverso  la  moneta  
•  I  magistra/  monetali  di  età  repubblicana,  nella  
scelta   dei   /pi,   di   frequente   fanno   riferimento  
alle  glorie  familiari.  
–  Il   riferimento   poteva   essere   molto   chiaro   e  
univoco:   così   il   /po   dell’elefante   nella  
monetazione   dei   Caecilii   Metelli,   a   ricordo   di   un  
episodio  del  250  a.C.  
–  In   altri   casi   il   riferimento   risulta,   almeno   per   noi,  
più  ambiguo:  così  il  riferimento  al  culto  familiare  di  
Giove  nella  monetazione  dei  Cornelii  Scipiones.  
11
La  monetazione  di  Quinto  Cecilio  
Metello  Pio  

•  Denario  d’argento  coniato  nell’  81  a.C.  Al  drico  testa  di  Pietas  a  destra,  
con   diadema,   e   cicogna.   Al   rovescio   elefante   e   legenda   Q(uintus)  
C(aecilius)  M(etellus)  P(ius)  i(mperator).  
12
La  monetazione  di  Quinto  Cecilio  
Metello  Pio  
•  Monete   coniate   da   Metello   Pio   in   Italia   secentrionale   nell’81  
a.C.,   durante   la   campagna   contro   i   Mariani   che   gli   valse   il   /tolo  
di  imperator.  
•  Il   /po   del   drico   allude   alla   Pietas   mostrata   da   Cecilio   Metello  
nel   richiamare   dall’esilio   il   padre   Quinto   Cecilio   Metello  
Numidico   (che   aveva   rifiutato   di   giurare   osservanza   alla   lex  
agraria   del   tribuno   della   plebe   L.   Apuleio   Saturnino,   nel   100  
a.C.).  
•  Al  conceco  di  pietas   rimandava  anche   l’animale  simbolico  della  
cicogna,  vedi  l’Appendice  a  questa  stessa  lezione.  
•  Il   /po   del   rovescio   allude   alla   cacura   di   tu?   gli   elefan/   del  
comandante   cartaginese   Asdrubale   da   parte   del   proconsole   L.  
Cecilio  Metello  nel  250  a.C.  a  Palermo  (Polibio,  I,  40).  

13
Genealogie  inventate  nella  
monetazione  
•  Alcuni   riferimen/   suggeriscono   genealogie   che   ci  
appaiono  chiaramente  false:  
–  Così  per  esempio  i  riferimen/  al  re  sabino  Tito  Tazio  da  
parte   dei   magistra/   monetali   L.   Titurius   Sabinus   e   T.  
Ve3us  Sabinus.  
•  Queste   connessioni,   che   di   regola   nascevano   da  
coincidenze   onomas/che,   evidentemente   avevano  
una  certa  credibilità  per  i  contemporanei.  
–  Del   resto   era   difficile   dimostrare   la   loro   falsità:   i  
riferimen/  erano  spesso  ad  un  passato  lontanissimo  e  
mi/co.  

14
La  monetazione  di  L.  Titurio  Sabino  

•  Denario  d’argento  coniato  nell’89  a.C.  Al  drico  testa  del  re  
sabino   Tito   Tazio   e   legenda   Sabin(us)   e   Ta(Lus).   Al   rovescio  
scena  del  raco  delle  Sabine  e  legenda  L(ucius)  Tituri(us).  
15
Il  riferimento  ad  un  passato  più  o  
meno  an/co  
•  Di   regola   nella   prima   fase   della   monetazione   romana   i  
magistra/   monetali   prediligono   i   riferimen/   al   passato  
più  lontano,  per  mostrare  l’an/chità  della  loro  famiglia.  
•  A  par/re  dal  II  sec.  a.C.  accade  che  i  magistra/  monetali  
si  richiamino  ad  un  passato  più  recente,  alle  imprese  del  
nonno  o  del  padre.  
–  Così   la   monetazione   dei   figli   di   Pompeo,   che   cercano   di  
sfrucare  a  loro  vantaggio  l’immensa  popolarità  del  padre.  
•  Ma   più   spesso   si   tracava   di   una   scelta   obbligata:   la  
famiglia   non   aveva   glorie   an/chissime   da   mostrare,  
poiché  era  di  nobiltà  recente.  

16
La  monetazione  di  Sesto  Pompeo  

•  Aureo   di   7,85   coniato   nel   37-­‐36   a.C.   in   una   zecca   siciliana.   Al   drico   testa   di   Sesto  
Pompeo   sormontata   da   una   corona   di   quercia   e   legenda   Mag(nus)   Pius  
imp(erator)  iter(um).  A  rovescio  teste  affrontate  di  Cneo  Pompeo  Magno  e  di  suo  
figlio  Cneo  Pompeo  (fratello  di  Sesto),  lituus  e  tripode,  e  la  legenda  praef(ectus)  
clas(sis)  et  orae  marit(imae)  ex  S(enatus)  c(onsulto).  S/ma:  100.000  €   17
L’efficacia  propagandis/ca  dei  
riferimen/  familiari  nella  monetazione  

•  Già   ricordate   le   perplessità   sull’efficacia   del   messaggio  


propagandis/co  delle  monete:  
–  M.   Crawford   notava:   “Non   abbiamo   alcun   mezzo   per   conoscere  
l’impaco   che   i   /pi   monetali   potevano   avere   su   coloro   che   li  
vedevano:  ma  possiamo  sospecare  che  li  notassero  appena”.  
•  D’altra   parte   perché   ricorrere   in   modo   così   insis/to   a   questo  
/po   di   messaggio,   se   questo   fosse   stato   notoriamente  
inefficace?  
•  I   caraceri   comuni   tra   il   messaggio   veicolato   dalle   monete   e  
quello   trasmesso   acraverso   altri   mezzi   fa   pensare   ad   una  
strategia   complessiva,   di   cui   la   monetazione   era   una   parte  
giudicata  importante.  

18
I  ri/  funebri,  momento  privilegiato  per  la  
propaganda  familiare  
•  Even/   episodici,   ma   fondamentali   per   richiamare   le   glorie  
familiari.  
•  Non   casuale   il   faco   che   Polibio   dedichi   all’esaltazione   delle  
virtù  degli  antena/  nelle  cerimonie  funebri  i  cap.  53-­‐54  del  libro  
VI.  
–  La   connessione   tra   questo   tema   e   quelli   principali   sviluppa/   nel  
libro  VI  (la  cos/tuzione  romana,  ma  anche  le  is/tuzioni  militari  di  
Roma)  resta  incerto,  a  causa  delle  lacune  del  testo.  
–  Ma  non  è  illegi?mo  ipo/zzare  che  per  Polibio  i  ri/  funebri  e  il  loro  
corredo   ideologico   fossero   un   altro   dei   segre/   del   successo   di  
Roma.  
•  Un  messaggio  veicolato  in  forme  diverse:  
–  In   forma   figura/va   grazie   all’esposizione   di   ritra?   degli   antena/  
(imagines),  talvolta  accompagnate  da  didascalie.  
–  In  forma  narra/va  nell’elogio  funebre  (laudaLo  funebris).  

19
L’uso  delle  imagines  durante  le  
cerimonie  funebri  
•  Nella   pompa   funebris   erano   erano   face   sfilare   maschere   che  
riproducevano  in  modo  realis/co  le  facezze  degli  antena/  che  
avevano  rives/to  le  magistrature  superiori.  
–  Il   realismo   derivava   dal   faco   che   queste   maschere   erano  
realizzate   originariamente   in   cera,   direcamente   prese   sul   volto  
del  personaggio  al  momento  della  sua  morte.  
•  Erano   indossate,   insieme   all’abito   proprio   della   magistratura  
rives/ta,   da   acori   o   da   membri   della   famiglia   che  
assomigliavano  per  corporatura  a  quegli  antena/.  
•  Maggiore   il   numero   degli   antena/   che   simbolicamente  
sfilavano   nel   corteo   funebre   (e   maggiore   la   loro   an/chità),  
maggiore  il  pres/gio  della  famiglia.  

20
Una  maschera  funeraria  

•  Una   rara   maschera  


funeraria   di   Claudia  
V i c t o r i a ,   m o r t a  
all’età   di   10   anni,  
come   ci   informa  
l’iscrizione   CIL   XIII,  
2108.  
•  La   maschera   è   stata  
r i n v e n u t a   n e l  
s e p o l c r o   d e l l a  
bambina,   scoperto   a  
Lugdunum   (odierna  
L i o n e ) ,   d a t a t o  
intorno  al  100  d.C.  
21
Polibio,  VI,  53,  4-­‐10:  l’uso  delle  immagini  
durante  i  ri/  funebri  
•  Dopo   aver   seppellito   il   morto   e   aver   compiuto   i   ri/   tradizionali,  
pongono   l’immagine   del   defunto   nel   punto   più   in   vista   della  
casa,   all’interno   di   un   tempieco   di   legno.   L’immagine   è   una  
maschera   realizzata   in   modo   da   essere   notevolmente  
somigliante,   sia   per   come   è   modellata   la   figura,   sia   per   i   suoi  
lineamen/.   Quando   espongono   queste   immagini   durante   i  
sacrifici   finanzia/   a   spese   pubbliche,   le   adornano   con   cura,   e  
quando   muore   un   congiunto   illustre   le   portano   al   funerale,  
facendole   indossare   a   quelli   che   sembrano   assomigliare  
maggiormente   ai   defun/   per   statura   e   nell’aspeco   generale.  
Costoro  indossano  inoltre  ves/  orlate  di  porpora,  se  il  morto  è  
stato   console   o   pretore,   color   porpora   se   è   stato   censore,  
ricamate   d’oro   se   ha   celebrato   un   trionfo   o   conseguito   qualche  
onorificenza  del  genere.    

22
Polibio,  VI,  53,  4-­‐10:  l’uso  delle  immagini  
durante  i  ri/  funebri  
•  Costoro,   dunque,   procedono   su   carri,   precedu/   da  
fasci,   scuri   e   dalle   altre   insegne   che   di   solito  
accompagnano   le   magistrature   a   seconda   della  
dignità   della   carica   pubblica   ricoperta   da   ciascuno  
in  vita  e  quando  arrivano  ai  Rostri  si  siedono  tu?  in  
fila   su   seggi   d’avorio.   Non   è   facile   per   un   giovane  
amante   della   gloria   e   della   virtù   vedere   uno  
specacolo  più  bello:  chi  non  resterebbe  colpito  nel  
vedere   le   immagini   di   uomini   celebri   per   la   loro  
virtù,   tuce   insieme,   quasi   fossero   dotate   di   vita   e  
respiro?   Quale   specacolo   potrebbe   apparire   più  
bello?  
23
Plinio  il  Vecchio,  Storia  naturale,  XXXV,  2,  6:  i  
ritra?  degli  antena/  e  gli  stemmi  negli  atrii  

•  Plinio  lamenta  che  ai  suoi  tempi  l’arte  del  ritraco  degli  antena/  
è  in  piena  decadenza:  si  preferisce  adornare  le  case  con  opere  
dell’arte   greca,   che   ritraggono   sogge?   estranei   alla   famiglia:  
“quelli   che   costoro   lasciano   sono   ritra?   del   loro   denaro,   non  
delle  loro  sembianze”  (XXXV,  2,  5).  
•  A  questo  punto  Plinio  inserisce  un  ricordo  dei  bei  tempi  anda/:  
•  “Ben   altre   immagini   si   vedevano   negli   atrii   degli   an/chi:   non  
opere   di   ar/s/   stranieri,   né   bronzi   o   marmi,   ma   vol/   di   cera  
erano   messi   in   ordine   negli   armadi,   affinché   queste   immagini  
seguissero  i  funerali  gen/lizi  e  ad  ogni  nuovo  morto  era  sempre  
presente   la   folla   dei   familiari   vissu/   prima   di   lui.   E   gli   alberi  
genealogici,  con  le  loro  ramificazioni,  cos/tuivano  dei  quadri”.    

24
Il  Togato  Barberini  e  i  
ritra?  degli  avi  
•  Nella   celebre   statua,   un   nobile  
mostra   con   orgoglio   i   ritra?   di   due  
dei   suoi   antena/,   dalle   facezze  
realis/che.  
•  La   statua   risale   alla   fine   del   I   sec.  
a.C.   (la   testa   del   personaggio  
principale,   non   per/nente,   è   di  
qualche  decennio  anteriore).  
•  Già   nelle   collezioni   della   famiglia  
Barberini,   oggi   è   conservato   nella  
s e z i o n e   d e l l a   C e n t r a l e  
Montemar/ni  dei  Musei  Capitolini.  

25
L’atrium  come  luogo  di  esposizione  
delle  glorie  familiari  
•  Nucleo   e   stanza   centrale   della   an/ca   casa   romana,   si  
sviluppa  almeno  a  par/re  dal  IV  sec.  a.C.  
•  In  questa  primi/va  domus  era  il  luogo  dove  si  lavorava,  si  
mangiava,  si  dormiva.  
–  Dalla   presenza   del   focolare   su   cui   si   cucinava   una   delle   possibili  
e/mologie  del  nome  della  stanza:  da  ater,  “annerito”  dal  fumo.  
•  Varrone,   La   lingua   laLna,   V,   33,   161   lo   descrive  
come   uno   spazio   comune   a   tu?   gli   abitan/   della  
casa:  ad  communem  omnium  usum.  
•  Un   probabile   sviluppo   da   una   corte   interna   alla  
casa,  completamente  scoperta.  
26
L’atrium  come  luogo  di  esposizione  
delle  glorie  familiari  
•  Anche   dopo   lo   spostamento   del   focolare   in   altro  
ambiente,   l’atrio   rimane   una   stanza   dalle   molte  
funzioni:  
–  È   stanza   di   lavoro,   in   par/colare   per   le   donne   ai   telai,   grazie  
alla   sua   spaziosità   e   alla   luce   che   penetra   dall’apertura   nel  
teco,  il  compluvium.  
–  È  spesso  la  stanza  del  Larario.  
–  Nell’atrio  era  esposto  il  defunto  prima  del  funerale.  
–  Nell’atrio   si   conservavano   le   maschere   degli   antena/   e   altre  
glorie   familiari:   così   il   loro   messaggio   andava   al   di   là   del  
momento   par/colare   della   cerimonia   funebre,   sopracuco  
perché  era  nell’atrio  che  il  patronus  riceveva  i  suoi  clientes.  

27
Un  esempio  di  atrio:  la  Casa  della  
Poeta  Tragico  a  Pompei  

28
L’atrio  della  Casa  del  Poeta  Tragico  
(ricostruzione)  

29
La  decorazione  
dell’atrio  della  Casa  
del  Poeta  Tragico  

•  L’affresco   delle   Nozze   di  


Era  e  Zeus  sul  monte  Ida  
e r a   p a r t e   d e l l a  
decorazione   dell’atrio  
della   Casa   del   Poeta  
Tragico.  
•  Oggi   l’affresco,   che  
certo   avrebbe   suscitato  
la   riprovazione   di   Plinio  
il  Vecchio,  è  conservato  
nel  Museo  Archeologico  
Nazionale  di  Napoli.  

30
Sallus/o,  La  guerra  di  Giugurta,  4,  5-­‐6:  il  
valore  esemplare  delle  immagini  
•  Spesso   ho   udito   narrare   che   Quinto   [Fabio]  
Massimo,  Publio  [Cornelio]  Scipione  [Africano]  
e   altri   personaggi   insigni   della   nostra   cicà  
solevano   dire   che   nulla   accendeva   il   loro  
animo  a  egregie  cose  quanto  i  ritra?  degli  avi.  
Non   era   né   la   cera   né   le   effigi   a   provocare  
quella   emozione,   ma   la   memoria   delle  
imprese;   essa   alimentava   nel   peco   di   quei  
magnanimi  una  fiamma  che  non  si  es/ngueva  
se   non   quando,   con   i   propri   meri/,   avevano  
eguagliato  la  fama  di  quelli.    
31
Tacito,  Annali,  II,  27:  le  imagines  inducono  a  
concepire  le  più  alte  ambizioni  

•  In  quel  tempo  [ovvero  durante  l’impero  di  Tiberio]  


Libone   Druso,   della   famiglia   degli   Scribonii,   venne  
accusato   di   macchinare   novità   contro   lo   Stato   …   Il  
senatore   Firmio   Cato,   amico   in/mo   di   Libone,  
indusse  questo  giovane  imprudente  e  credulone  ad  
ascoltare  le  promesse  dei  Caldei  ed  i  ri/  magici  e  gli  
interpre/   dei   sogni,   mentre   con/nuamente   gli  
meceva   soco   gli   occhi   il   bisnonno   Pompeo,   la   zia  
Scribonia,   che   un   tempo   era   stata   consorte   di  
Augusto,   ed   i   Cesari   suoi   paren/   e   la   sua   casa   piena  
di  immagini  illustri.  

32
Tacito,  Annali,  II,  27:  le  imagines  inducono  a  
concepire  le  più  alte  ambizioni  

•  Le  illustri  parentele  di  M.  Scribonio  Libone  Druso:  


–  Era  nipote  di  Sesto  Pompeo,  figlio  di  Pompeo  Magno.  
–  Scribonia,   sorella   di   un   suo   bisnonno,   aveva   sposato   il   futuro  
Augusto.  
–  Suo  padre  era  stato  adocato  dal  padre  di  Livia,  moglie  di  Augusto,  
allacciando   dunque   rappor/   di   parentela   con   la   famiglia   del  
princeps.  
•  Ma   è   anche   un   atrio   pieno   delle   imagines   degli   illustri  
esponen/   della   famiglia   Scribonia   a   solle/care   le   ambizioni   di  
Libone  Druso.  
•  Accanto   a   queste   ambizioni   “familiari”,   le   speranze   indoce   da  
va/cini  e  sogni,  una  credenza  irrazionale  il  cui  peso  per  alcune  
decisioni  poli/che  nel  mondo  romano  non  è  da  socovalutare.  

33
Gli  alberi  genealogici  
•  Un   importante   complemento   ai   ritra?   degli   antena/   espos/  
nell’atrio   della   casa   erano   gli   alberi   genealogici   (stemmata),  
come   rilevato   nella   tes/monianza   di   Plinio   il   Vecchio   a   diapo  
24.  
•  La   tes/monianza   pliniana   autorizza   a   pensare   a   stemmi   in   cui  
non   vi   erano   solo   i   nomi,   ma   anche   i   ritra?   dei   personaggi,  
collega/  tra  di  loro  da  linee.  
–  Nella   stessa   direzione   depone   la   tes/monianza   di   Giovenale,  
SaLre,  8.  
•  Anche   se   la   documentazione   su   ques/   stemmi   è  
prevalentemente   di   età   imperiale,   la   loro   origine   potrebbe  
essere  assai  an/ca,  forse  a  seguito  di  un’influenza  etrusca.  

34
Svetonio,  Vita  di  Galba,  2:  lo  
stemma  della  famiglia  di  Galba  
•  A  Nerone  successe  Galba,  non  legato  da  alcun  
grado  di  parentela  alla  famiglia  dei  Cesari,  ma  
ciò   nonostante   nobilissimo   e   discendente   da  
una   famiglia   an/ca   e   illustre.   Infa?   non  
dimen/cò   mai   nelle   iscrizioni   soco   le   sue  
statue  di  designarsi  pronipote  di  Quinto  Catulo  
Capitolino   e   quando   fu   imperatore   espose  
nell’atrio   il   suo   albero   genealogico,   per  
mostrare  che  per  parte  di  padre  risaliva  fino  a  
Giove,  e  per  parte   di  madre  a  Pasifae,   moglie  
di  Minosse.  
35
Giovenale,  SaLre,  8:  stemmi  con  
ritra?  
•  Che   ci   stanno   a   fare   gli   alberi   genealogici?   A   che  
serve,   Pon/co,   esser   considerato   di   una   grande  
famiglia,   mecere   in   mostra   le   facce   dipinte   degli  
antena/   e   gli   Emiliani   in   piedi   sui   cocchi,   e   i   Curi  
smozzica/   e   Corvino   senza   più   le   spalle   e   Galba  
senza  orecchie  né  naso?  Che  guadagno  /  viene  dal  
poter  ostentare  un  Corvino  sul  grande  quadro  della  
tua   famiglia   e   poter   indicare,   con   la   cima   di   una  
baccheca,  affumica/  comandan/  di  cavalleria  e  un  
dicatore,  se  poi  vivi  malamente,  soco  gli  occhi  dei  
Lepidi?  

36
Giovenale,  SaLre,  8:  stemmi  con  ritra?  
•  Una   sa/ra   assai   cri/ca   nei   confron/   di   chi   cerca   di   coprire   una   vita  
meschina   con   le   glorie   degli   antena/,   a   par/re   dal   primo   verso:  
Stemmata,  quid  faciunt?  
–  Una  cri/ca  verso  il  conceco  di  capitale  familiare  che,  come  vedremo,  ha  
le  sue  origini  fin  dalla  tarda  età  repubblicana.  
•  Lo   sconosciuto   des/natario   della   sa/ra,   Pon/co,   poteva   annoverare  
una  serie  impressionante  di  antena/  (con  tuca  probabilità  fi?zia):  
–  P.  Cornelio  Scipione  Emiliano,  il  distrucore  di  Cartagine  e  Numanzia.  
–  Manio  Curio  Dentato,  il  vincitore  dei  Sanni/.  
–  Marco   Valerio   Corvino,   altro   protagonista   delle   Guerre   Sanni/che   (o  
piucosto  il  padre  Marco  Valerio  Corvo,  che  con  l’aiuto  del  nero  pennuto  
avrebbe  sconfico  un  gigantesco  Gallo  a  duello  nel  349  a.C.).  
–  La  nobile  famiglia  dei  Sulpicii  Galbae.  
–   Gli    altrecanto  nobili  Aemilii  Lepidi.  

37
Gli  elogi  funebri  
•  Come   dimostra   il   nome   stesso   di   laudaLones   funebres,   il   loro  
intento  non  era  consolatorio,  ma  di  esaltazione  del  defunto  (e  
della  sua  famiglia).  
–  Cicerone,   Bruto,   16,   62   affermava   che   il   loro   scopo   era   quello   di  
perpetuare  le  glorie  della  famiglia  e  di  illustrarne  la  nobiltà.  
•  Anche   se   pronuncia/   in   un   momento   par/colare,   non   erano  
effimeri:  il  loro  testo  era  conservato  negli  archivi  familiari.  
•  A   pronunciare   il   discorso   poteva   essere   uno   streco   congiunto  
del  defunto,  per  esempio  un  figlio.  
•  Ma  anche  colui  che  si  poteva  considerare  il  suo  erede  poli/co:  
l’elogio  funebre  di  Cesare  fu  pronunciato  da  Antonio,  quello  di  
Agrippa  da  Augusto.  
•  La   volontà   propagandis/ca   non   si   fermava   nemmeno   alle  
falsificazioni,  come  denunciava  sempre  Cicerone,  Bruto,  16,  62.  

38
Polibio,  VI,  53,  1-­‐3:  gli  elogi  
funebri  
•  Quando   fra   loro   muore   un   uomo   in   vista,   durante   la  
celebrazione   delle   esequie   egli   viene   trasportato,   con   tu?   gli  
onori   presso   i   cosidde?   Rostri,   nel   Foro,   a   volte   in   posizione  
ereca,   in   modo   da   essere   ben   visibile,   raramente   adagiato.  
Mentre   tuco   il   popolo   gli   sta   acorno,   un   figlio,   se   il   morto   ne  
ha   lasciato   uno   in   età   adulta   e   se   ques/   si   trova   presente,   o  
altrimen/,   se   c’è,   un   altro   membro   della   famiglia,   sale   sui   rostri  
e  parla  delle  virtù  del  morto  e  dei  successi  da  lui  consegui/  in  
vita.   La   conseguenza   di   ciò   è   che   la   folla,   ricordando   e  
richiamando  alla  mente  l’accaduto  –  non  solo  coloro  che  hanno  
preso  parte  ai  fa?,  ma  anche  gli  estranei  –  sia  tanto  commossa  
che   non   sembra   tracarsi   di   una   disgrazia   privata,   limitata   alle  
persone  in  luco,  ma  comune  a  tuco  il  popolo.  

39
Polibio,  VI,  54,  1-­‐3:  gli  elogi  
funebri  
•  Colui   che   commemora   l’uomo   che   sta   per   essere  
seppellito,  dopo  aver  pronunciato  un  discorso  su  di  lui,  
comincia   dal   più   an/co   degli   altri   presen/   e   cita   i  
successi   e   le   imprese   di   ciascuno.   Di   conseguenza,  
venendo   sempre   rinnovata   la   fama   di   virtù   degli   uomini  
di   valore,   la   gloria   di   coloro   che   hanno   compiuto  
qualche   bella   azione   si   fa   immortale   e   la   celebrità   di  
coloro  che  hanno  reso  benefici  alla  patria  diviene  nota  
ai   più   e   viene   trasmessa   ai   posteri.   Ma   la   cosa   più  
importante   è   che   i   giovani   sono   incoraggia/   a  
sopportare  qualunque  cosa  per  il  bene  dello  stato,  per  
conseguire   la   gloria   che   accompagna   gli   uomini   di  
valore.  
40
Cicerone,  Bruto,  16,  62:  falsi  
storici  negli  elogi  funebri  
•  E   ques/   [gli   elogi   funebri]   ci   restano,   per   Ercole!   Le   famiglie  
stesse   li   conservavano   quasi   come   /toli   d’onore   e   come  
documen/,  per  farne  uso  in  caso  di  morte  di  altri  membri  della  
stessa  casata,  per  tramandare  la  memoria  delle  glorie  familiari  
e  per  dar  lustro  alla  propria  nobiltà.  Tucavia  da  ques/  elogi  la  
nostra   storia   nazionale   è   stata   alquanto   alterata.   Vi   si   trovano  
scrice   molte   cose   mai   accadute:   trionfi   falsi,   un   numero  
esagerato   di   consola/,   anche   genealogie   false   e   passaggi   alla  
plebe,  quando  si  riversavano  personaggi  di  origine  più  umile  in  
altra   famiglia   dello   stesso   nome;   come   se   io   dicessi   di  
discendere   da   Manio   Tullio,   patrizio   che   fu   console   con   Servio  
Sulpicio  dieci  anni  dopo  la  cacciata  dei  re.  

41
Il  sistema  onomas/co  
•  Il  par/colare  sistema  onomas/co  romano  era  concepito  
per   esprimere   con   una   certa   precisione   i   legami  
familiari.  
–  Acraverso   il   prenome,   per   la   consuetudine,   sopracuco  
osservata   dall’aristocrazia,   di   trasmecere   il   prenome  
paterno  al  figlio  maggiore.  
–  Acraverso   il   gen/lizio,   che   si   trasmeceva   a   tu?   i   membri  
della  gens.  
–  Acraverso   la   menzione   del   patronimico   (e   a   volte  
dell’avonimico),   con   il   riferimento   specifico   al   padre   (e   al  
nonno).  
–  Acraverso   il   cognome,   che   in   età   repubblicana   dis/ngueva  
le  diverse  famiglie  nobili  all’interno  della  medesima  gens.  

42
CIL  X,  6087  da  Gaeta:  L.  Munazio  Planco  ricorda  i  
suoi  antena/  nella  sua  formula  onomas/ca  

•  L(ucius)   MunaLus,   L(uci)   f(ilius),   L(uci)   n(epos),   L(uci)   pron(epos),   /   Plancus,  


co(n)s(ul),  cens(or),  imp(erator)  iter(um),  VIIvir  /  epulon(um),  triump(havit)  ex  
RaeLs,  aedem  Saturni  /  fecit  de  manibi(i)s,  agros  divisit  in  Italia  /  BenevenL,  in  
Gallia  colonias  deduxit  /  Lugudunum  et  Rauricam.  

43
Il  mausoleo  di  Munazio  Planco  a  Gaeta  

44
CIL  X,  6087  da  Gaeta:  L.  Munazio  Planco  ricorda  i  
suoi  antena/  nella  sua  formula  onomas/ca  
•  L’iscrizione,   apposta   sul   grandioso   mausoleo   funebre   di   Planco   a  
Gaeta  (1  d.C.),  ricordava  anche,  senza  seguire  un  par/colare  ordine  
cronologico,  il  cursus  honorum:  
–  Il  consolato  del  42  a.C.  
–  La  censura  del  22  a.C.  
–  Le  due  acclamazioni  a  imperator.  
–  La  carica  sacerdotale  di  VIIvir  epulonum.  
–  Il  trionfo  sui  Re/  del  43  a.C.  (e  l’impiego  del  bo?no  di  questa  campagna  
per  il  rifacimento  del  tempio  di  Saturno  a  Roma).  
–  La   fondazione   delle   colonie   di   Lugdunum   (Lione)   e   Augusta   Raurica  
(Augst)  verso  il  43  a.C.  
–  L’incarico  di  assegnare  terreni  ai  veterani  della  campagna  di  Filippi  nel  
territorio  di  Benevento,  poco  dopo  il  42  a.C.  
•  Ma   interessa   qui   la   formula   onomas/ca,   in   cui   Planco   richiama   il  
padre,   il   nonno   e   il   bisnonno,   sebbene   provenisse   da   una   semplice  
famiglia  equestre.  
45
Il  riferimento  esplicito  ai  propri  avi  nelle  
iscrizioni  di  età  imperiale  

•  L’epigrafia   di   età   imperiale   mostra   la   volontà   di   iden/ficare   in  


modo   ancora   più   preciso   l’appartenenza   familiare   di   una  
persona.  
•  Il   riferimento   è   al   cognome   degli   antena/,   l’elemento  
onomas/co  più  iden/fica/vo.  
•  Le   omissioni   possono   essere   significa/ve   quanto   le   menzioni,  
cf.  CIL  X,  1682  da  Puteoli:  Cn(aeo)  Asinio,  /  Pollionis  et  Agrippae  
nepoL,  /  Puteolani  patrono  publice.  
–  Nell’onorare   pubblicamente   il   loro   patrono   Cneo   Asinio  
(Salonino?),   i   Puteolani   ricordano   il   nonno   paterno   C.   Asinio  
Poliione  e  il  nonno  materno  Agrippa,  non  il  padre  C.  Asinio  Gallo,  
probabilmente   perché   costui   fu   coinvolto   nelle   trame   di   Seiano  
contro  Tiberio.  

46
Appendice:  la  
cicogna  come  
simbolo  di  
Pietas  
Nell’immagine:   due  
cicogne   nel   BesLario  
di   Aberdeen,   del   XII  
secolo.  

47
La  pietas  nei  confron/  dei  
genitori  
•  Accanto   al   ben   noto   sen/mento   di   devozione  
religiosa   nei   confron/   degli   dèi   (pietas   erga  
deos),   la   pietas   designa   anche   una   devozione  
nei   confron/   dei   genitori   (pietas   erga  
parentes).  
–  Cicerone,  Le  parLzioni  dell’oratoria,  78:  “la  parte  di  
questa   virtù   [ovvero   della   magnitudo   animi,   la  
grandezza  d’animo]  che  si  esercita  nella  comunità  
è   deca   iusLLa,   nei   confron/   degli   dèi   è   chiamata  
religio,  nei  confron/  dei  genitori  è  deca  pietas,  nei  
confron/  della  gente  è  chiamata  bonitas”.  

48
La  pietas  erga  parentes  della  
cicogna  
•  Secondo  una  tradizione  consolidata  nell’An/chità,  da  Sofocle  (V  
sec.   a.C.)   a   Cassiodoro   (inizi   VI   sec.   d.C.)   la   cicogna   era   un  
animale   caracerizzato   dalla   devozione   nei   confron/   degli  
anziani  genitori.  
•  Cf.   Petronio,   Satyricon,   55,   6,   che   definisce   la   cicogna   pietaL  
cultrix.  
•  L’espressione   più   completa   di   questa   tradizione   si   trova   nel  
commento  ai  Dieci  Comandamen/  del  filosofo  ebraico  Filone  di  
Alessandria  (20  a.C.  circa  –  45  d.C.  circa).  
•  Non  solo  una  tradizione  doca:  la  statua  di  Pietas    che  si  trovava  
nel  tempio  della  dea  presso  il  Circo  Flaminio  recava  in  braccio  
una  cicogna.  

49
Filone,  Sui  dieci  comandamenL,  116-­‐117:  la  
pietà  delle  cicogne  nei  confron/  dei  genitori  

•  Tra   le   cicogne   gli   uccelli   più   anziani   restano   nel   nido   quando   sono  
incapaci   di   volare,   mentre   i   loro   figli   volano,   potrei   dire,   per   terra   e  
per   mare,   raccogliendo   da   ogni   dove   provviste   per   i   loro   genitori;   e  
così,  mentre  ques/  ul/mi  pur  nell’ina?vità  gius/ficata  dalla  loro  età  
con/nuano   a   godere   dell’abbondanza,   gli   uccelli   più   giovani,   senza  
dare  importanza  alla  fa/ca  sostenuta  nella  loro  ricerca  di  cibo,  mossi  
da   pietà   e   dall’aspeca/va   che   il   medesimo   tracamento   sarà   riservato  
loro  dalla  propria  prole,  ripagano  un  debito  che  non  possono  rifiutare,  
un   debito   che   contraggono   ed   es/nguono   a   tempo   debito,   ovvero  
quel   debito   per   il   quale   l’una   o   l’altra   delle   par/   è   incapace   di  
mantenersi,   i   piccoli   nella   prima   parte   della   loro   esistenza,   i   genitori  
alla  fine  della  loro  vita.  E  così,  senza  bisogno  di  alcun  insegnante  ma  
per  loro  is/nto  naturale,  danno  volen/eri  alla  vecchiaia  il  nutrimento  
con  il  quale  sono  sta/  alleva/  in  gioventù.  

50
Pietas  e  la  cicogna  nella  monetazione  

•  Sesterzio  coniato  tra  il  134  e  il  138  d.C.;  al  drico  busto  di  Adriano,  con  corona  
d’alloro   e   legenda   Hadrianus   Aug(ustus)   co(n)s(ul)   III,   p(ater)   p(atriae);   al  
rovescio  Pietas  con  le  braccia  levate  in  segno  di  preghiera,  e,  alla  sua  destra,  
una  cicogna.  
51
Per  saperne  di  più  
•  D.   P.   Miquel,   DicLonnaire   symbolique   des  
animaux.   Zoologie   mysLque,   Paris   1991,   pp.  
101-­‐108  [SA  CONS  ENC  84]  
•  M.  Salanitro,  L'uccello  pio:  Petronio  55,  6  v.  4,  
«Rivista  di  Filologia  e  Istruzione  Classica»,  124  
(1996),  3,  pp.  300-­‐305  [SA  VI  piano].  
•  C.  Perassi,  La  creazione  di  un  Lpo  monetale.  Il  
caso   di   Pietas   sulle   emissioni   romane   di   età  
repubblicana,   «Aevum»,   71   (1997),   1,   pp.  
123-­‐149  [Biblioteca  digitale].  
52

Potrebbero piacerti anche