Sei sulla pagina 1di 228

Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

ISTITUTO COMPRENSIVO DE AMICIS – BERGAMO


CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE
PTOF 2016/2019
FINALITA’-OBIETTIVI
CONTENUTI CULTURALI
PROCESSI FORMATIVI
VALUTAZIONE

1 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

SOMMARIO
SOMMARIO ........................................................................................................................................................................................................................................................... 2
MAPPA DI NAVIGAZIONE DEL CURRICOLO ...................................................................................................................................................................................................... 5
INTRODUZIONE ..................................................................................................................................................................................................................................................... 6
PENSARE IL CURRICOLO DI SCUOLA .............................................................................................................................................................................................................. 6
L’IDEA DI CURRICOLO ..................................................................................................................................................................................................................................... 7
ORIZZONTI E TRAGUARDI ................................................................................................................................................................................................................................. 8
............................................................................................................................................................................................................................................................................ 8
VERSO UNA DEFINIZIONE CONDIVISA DI COMPETENZE ............................................................................................................................................................................... 8
COME INTENDIAMO IL CONCORSO DEI SAPERI ALLA PROMOZIONE DELLE COMPETENZE ..................................................................................................................... 9
STRUTTURA DEL CURRICOLO: L’ IMMAGINE CHE SCEGLIAMO .................................................................................................................................................................. 10
ELEMENTI STRUTTURALI DEL CURRICOLO ...................................................................................................................................................................................................... 10
CURRICOLO PARTE 1^: perché formare? Le finalità del curricolo .............................................................................................................................................................. 11
COMPETENZE PER LA STESURA DEI CURRICOLI: I NOSTRI RIFERIMENTI....................................................................................................................................................... 12
PROFILO DELLE COMPETENZE DELLO STUDENTE AL TERMINE DEL 1° CICLO DI ISTRUZIONE .................................................................................................................... 12
CONNESSIONI DI SIGNIFICATO E ASSEGNAZIONE DI RESPONSABILITÀ E DI COMPITO ........................................................................................................................... 13
COMPETENZE TRASVERSALI ........................................................................................................................................................................................................................... 14
COMPETENZE TRASVERSALI DI SCUOLA: DISPOSIZIONI, ATTEGGIAMENTI, VALORI .................................................................................................................................. 16
CARATTERI DELLE COMPETENZE DI CITTADINANZA NEL CURRICOLO DI SCUOLA ................................................................................................................................... 17
CURRICOLO PARTE 2^: per che cosa formare? I contenuti del curricolo .................................................................................................................................................. 18
CURRICOLO DIGITALE ....................................................................................................................................................................................................................................... 19
LINEE GUIDA CURRICOLO DIGITALE ................................................................................................................................................................................................................ 19
CURRICOLO VERTICALE PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DIGITALI ................................................................................................................................................... 21
SCUOLA PRIMARIA............................................................................................................................................................................................................................................. 21
CURRICOLO VERTICALE PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DIGITALI ................................................................................................................................................... 23
SCUOLA SECONDARIA ...................................................................................................................................................................................................................................... 23
CITTADINANZA E COSTITUZIONE ....................................................................................................................................................................................................................... 26
ITALIANO ............................................................................................................................................................................................................................................................. 29
LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA .................................................................................................................................................................................. 59
STORIA ................................................................................................................................................................................................................................................................. 72
GEOGRAFIA........................................................................................................................................................................................................................................................ 86
MATEMATICA .................................................................................................................................................................................................................................................... 105
SCIENZE ............................................................................................................................................................................................................................................................. 125
MUSICA ............................................................................................................................................................................................................................................................. 142

2 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

ARTE E IMMAGINE ............................................................................................................................................................................................................................................ 152


EDUCAZIONE FISICA ........................................................................................................................................................................................................................................ 161
TECNOLOGIA-SCUOLA PRIMARIA ....................................................................................................................................................................................................................... 173
TECNOLOGIA SCUOLA SECONDARIA DI 1°GRADO .................................................................................................................................................................................... 179
RELIGIONE ......................................................................................................................................................................................................................................................... 185
CURRICOLO PARTE TERZA: come formare? I processi formativi del curricolo ......................................................................................................................................... 192
CONDIZIONI E MODALITÀ DA “GIOCARE” PROCESSO DI INSEGNAMENTO ............................................................................................................................................. 193
INFANZIA – I, II, III PRIMARIA ......................................................................................................................................................................................................................... 194
AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE ....................................................................................................................................................................................... 194
COLLABORARE E PARTECIPARE .................................................................................................................................................................................................................. 194
IMPARARE A IMPARARE ............................................................................................................................................................................................................................... 195
COMUNICARE E COMPRENDERE ............................................................................................................................................................................................................... 195
INDIVIDUARE E RISOLVERE PROBLEMI ......................................................................................................................................................................................................... 195
IV, V PRIMARIA – SECONDARIA DI PRIMO GRADO .................................................................................................................................................................................. 195
AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE ....................................................................................................................................................................................... 195
COLLABORARE E PARTECIPARE .................................................................................................................................................................................................................. 196
IMPARARE A IMPARARE ............................................................................................................................................................................................................................... 196
COMUNICARE E COMPRENDERE ............................................................................................................................................................................................................... 196
INDIVIDUARE E RISOLVERE PROBLEMI ......................................................................................................................................................................................................... 197
CURRICOLO PARTE QUARTA: come valutare? La valutazione nel curricolo ....................................................................................................................................... 201
PROCESSI DI VALUTAZIONE ............................................................................................................................................................................................................................. 202
TEMPI E FUNZIONI DELLA VALUTAZIONE ..................................................................................................................................................................................................... 202
LIVELLI DELLA VALUTAZIONE ........................................................................................................................................................................................................................ 203
PROVE DI VERIFICA DISCIPLINARI ............................................................................................................................................................................................................... 204
LA VALUTAZIONE COME ATTO DI COMUNICAZIONE SCUOLA/FAMIGLIA ............................................................................................................................................. 204
PROTOCOLLI E STRUMENTI DI VERIFICA E VALUTAZIONE .......................................................................................................................................................................... 205
INDICATORI DI COMPETENZA E DESCRITTORI DISTINTI PER FASCIA D’ETÀ .......................................................................................................................................... 206
VERIFICA E VALUTAZIONE ........................................................................................................................................................................................................................ 209
FASE DIAGNOSTICA .................................................................................................................................................................................................................................. 209
RILEVAZIONI QUADRIMESTRALI E LORO COMUNICAZIONE ................................................................................................................................................................. 209
IL TRATTAMENTO DELLE PROVE DI VERIFICA .......................................................................................................................................................................................... 212
AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA ............................................................................................................................................................................................... 213
CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA- SCUOLA PRIMARIA ......................................................................................................................... 213
CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA- SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO .......................................................................................... 214
CRITERI PER L’AMMISSIONE ALL’ESAME DI STATO ................................................................................................................................................................................. 217
ESAME DI STATO AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE .......................................................................................................................................................... 219
Prove d’esame ......................................................................................................................................................................................................................................... 219
Criteri per la valutazione delle prove scritte d’esame ........................................................................................................................................................................ 224
3 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Criteri di valutazione prova scritta di italiano ....................................................................................................................................................................................... 224


Criteri di valutazione prove scritte di matematica .............................................................................................................................................................................. 226
Criteri di valutazione prove scritte di lingua straniera: inglese 50/50 - francese 50/50 ................................................................................................................... 227
Criteri di valutazione colloquio pluridisciplinare ................................................................................................................................................................................... 228

4 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

MAPPA DI NAVIGAZIONE DEL CURRICOLO


Clicca sulla mappa per accedere alle sezioni

LE FINALITÀ DEL CURRICOLO LA VALUTAZIONE NEL


CURRICOLO
• PROFILO DELLE COMPETENZE
• COMPETENZE TRASVERSALI • RACCOLTA E LETTURA DATI
• DISPOSIZIONI, ATTEGGIAMENTI • INDICATORI E DESCRITTORI
VALORI • VERIFICA E VALUTAZIONE

PENSARE IL CURRICOLO DI SCUOLA


L’IDEA DI CURRICOLO

I CONTENUTI DEL I PROCESSI FORMATIVI


CURRICOLO REPERTORI POSSIBILI PER

• CONTRIBUTI DISCIPLINARI • SCUOLA DELL’INFANZIA E 1^-2^-


3^ CLASSE DI PRIMARIA
• ULTIME CLASSI DI PRIMARIA E
SECONDARIA

5 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

INTRODUZIONE
PENSARE IL CURRICOLO DI SCUOLA
Parlando del processo di interazione tra insegnanti e allievi, oggi si scrive sempre “processo di insegnamento/apprendimento”; in realtà nella scuola reale di
tutti i giorni ci si occupa quasi esclusivamente dell’insegnamento e assai poco dell’apprendimento.
Nel momento in cui, sotto la spinta di esigenze molteplici, ci accingiamo a ridefinire i curricoli scolastici non dobbiamo ricadere nel rischio di riferirci
esclusivamente agli aspetti disciplinari senza occuparci adeguatamente dei processi che bambini, ragazzi e giovani sono chiamati a compiere per
apprendere quanto verrà loro proposto.
In seguito alle ricerche compiute in vari campi, in questi ultimi 20-25 anni il significato del processo di apprendimento è mutato profondamente arricchendosi
di significati.

Una delle definizioni più soddisfacenti che oggi viene data dell’apprendimento, quella formulata da McCombs e Whisler nel ’97, dice: “L’apprendimento è
un processo naturale con cui l’individuo persegue obiettivi per lui/lei significativi; è attivo, volontario e mediato internamente, è un processo di scoperta e di
costruzione del significato dell’informazione e dell’esperienza, filtrato attraverso le percezioni, i pensieri e i sentimenti individuali dell’allievo”.
Emergono alcuni caratteri essenziali: l’apprendimento è un processo volontario e attivo che implica da parte dell’allievo una precisa disposizione e
responsabilità; senza una precisa motivazione, questo non si realizza: l’apprendimento non è il risultato speculare dell’insegnamento, non si trasmette, ma si
costruisce nel soggetto con la sua attiva partecipazione a partire dal proprio mondo delle idee (teorie ingenue, conoscenze ed esperienze precedenti, ecc.)
e, infine, coinvolge la sfera profonda dell’essere del soggetto stesso. L’apprendimento costituisce dunque una risorsa, e la scuola non può che avere come
intenzionalità di fondo il compito di incrementarla.

Altra nota definizione di apprendimento: “L’apprendimento non avviene per travaso (…) Il modello non è mai quello di un vuoto da riempire, quanto di un
vuoto da aprire". Aprire vuoti nelle teste, aprire buchi nel discorso già costituito, fare spazio, aprire le finestre, le porte, gli occhi, le orecchie, il corpo, aprire
mondi, aprire aperture impensate prima”.
“Non esiste un sentiero definito in grado di condurre al sapere, perché questo sentiero si crea, si traccia solo camminando”. 1

E ancora: il processo di apprendimento, analogamente a quelli dello sviluppo biologico, si caratterizza come “processo autopoietico in accoppiamento
strutturale con l’ambiente”.
È sì strettamente correlato e condizionato dai fattori esterni, ma rimane un fenomeno imprevedibile, unico e singolare 2.

Come far sì che la scuola riesca a produrre un apprendimento significativo e duraturo?


Il dibattito estremamente ricco che si è avuto in questi ultimi anni, tenuto conto dei profondi cambiamenti intervenuti negli assetti socio-economici, nei
processi culturali e nell’ambito di questi, soprattutto di quelli scientifico-tecnologici, ha portato a chiarire essenzialmente due cose:
a. l’apprendimento significativo non scaturisce dal puntare sul semplice incremento delle conoscenze e delle abilità, le une “troppo volatili” e le altre

1 L’ora di lezione, M. Recalcati


2 L’albero della conoscenza, Maturana e Varela
6 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

“troppo anguste” come raggio d’azione e contesto di realizzazione; appare necessario puntare sull’apprendimento di un complesso intreccio di
acquisizioni più stabili nel tempo che chiamiamo competenze (Vertecchi);
b. d’altro canto la competenza non è certo il risultato di puro metodologismo e si può “costruire”, nell’ambito di un certo contesto, solo a partire da
un’appropriata scelta dei contenuti, cioè quelli rappresentativi dello spaccato del sapere che intendono proporre, ma anche adeguati allo sviluppo
cognitivo dell’allievo cui vengono proposti; è possibile solo a partire da una definizione puntuale dei nuclei fondanti da sottoporre all’apprendimento.

La possibilità di progettare e promuovere percorsi formativi in coerenza con le finalità espresse dal curricolo di scuola richiede condivisione del significato
delle parole-chiave che costituiscono la grammatica.

L’IDEA DI CURRICOLO
Il curricolo esprime le condizioni

 pedagogiche
 organizzative
 didattiche

che possono consentire di realizzare un insegnamento efficace, adeguato agli alunni e nel rispetto degli indirizzi di carattere nazionale.

Il curricolo è l’insieme dei dispositivi educativi, didattici, metodologici, strumentali che organizzano, accompagnano e documentano i processi di
apprendimento-insegnamento e l’intero percorso formativo dello studente.
Le caratteristiche principali del curricolo sono la verticalità, la continuità e la coerenza con i principi, i valori e le finalità del P.T.O.F.

Il curricolo rappresenta
 un punto di riferimento per la progettazione dei percorsi di apprendimento e per l’esercizio dell’attività di insegnamento all’interno dell’Istituto;
 un modo per gli insegnanti per riuscire a lavorare insieme, realizzando una continuità orizzontale e verticale, per contribuire efficacemente alla
maturazione delle competenze trasversali e disciplinari degli allievi.

7 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

ORIZZONTI E TRAGUARDI

VERSO UNA DEFINIZIONE CONDIVISA DI COMPETENZE


 La competenza è la capacità di far ricorso, utilizzare e mobilizzare, combinare attivamente e creativamente le risorse disponibili (conoscenze, abilità
e attitudini) in maniera funzionale in contesti e situazioni nella realtà quotidiana …, non si tratta di applicare qualcosa, ma di utilizzare creativamente
un insieme di tanti fattori per affrontare efficacemente una situazione nuova. Le competenze sono variabili nel tempo e da individuo a individuo,
infatti, persone diverse non utilizzano necessariamente le stesse risorse o combinazioni di esse per affrontare con successo la stessa situazione ... Le
competenze sono sempre unitarie ed integrate. Per questo si vicariano anche molto facilmente a vicenda ... 3
 Le competenze non esistono in sé, né possono essere separate le une dalle altre … 4
Progettare in funzione della promozione di competenze di cittadinanza comporta riconoscere e condividere a livello di team di il progetto degli indicatori
(spie) di competenza.
La predisposizione di una modalità sistematica di rilevazione e di riconoscimento è utile solo se condivisa e utilizzata dal Consiglio di Classe - team docente:
l’esperienza e la sensibilità dei suoi componenti dovrebbero scongiurare un'applicazione troppo rigida di un qualsiasi schema e al tempo stesso favorirne
l'utilizzo come strumento di orientamento, di controllo e verifica.

3 X. Roegiers citato da A. Foglia in AA-082-04 Individuare competenze apprendibili di diritto ed economia, IUFFP, Lugano, 2008
4 Bertagna Valutare tutti, valutare ciascuno; Brescia 2004
8 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COME INTENDIAMO IL CONCORSO DEI SAPERI


ALLA PROMOZIONE DELLE COMPETENZE
Gli studi delle neuroscienze hanno evidenziato un intreccio e una
sincronia fra i 3 processi. Il “cervello che comprende”, il “cervello che
decide” e il “cervello che agisce” sono dunque inscindibilmente correlati.
Il “cervello che comprende” è, contemporaneamente e
necessariamente, anche un “cervello che decide” e un “cervello che
agisce”. Anche per questo non si può accumulare un sapere che duri e
basti per tutta una vita: anche conoscenza e applicazione, istruzione e
lavoro risultano fortemente interconnessi e compresenti, pur senza
fondersi.
Il problema fondamentale, di fronte al quale ci pone questa situazione, è
allora quello di stabilire come possano i vari aspetti e ambiti significativi
dell’esperienza umana - correlati, rispettivamente, al «cervello che
comprende» (istruzione e formazione), al «cervello che agisce» (lavoro) e
al «cervello che decide» (democrazia e convivenza civile)- relazionarsi
reciprocamente senza offuscare i punti focali che ne assicurano la
specificità e i tratti distintivi. E dunque la questione madre diventa quella
di fare in modo che questi domini del vissuto di ciascuno di noi si
connettano tra di loro mantenendo la propria sfera d’azione.
Per questo ci vuole un’esperienza formativa, al centro della quale va
posta non tanto la capacità di accumulare informazioni e conoscenze,
quanto quella di selezionarle, discriminando tra ciò che è importante e
pertinente e ciò che lo è meno o non lo è affatto ai fini dei problemi
specifici da affrontare e dei nessi e dell’interrelazione da operare tra la
percezione e l’azione, tra il cervello che conosce e comprende, il cervello
che agisce e il cervello che deve assumere responsabilità e prendere
decisioni5.
Il successo formativo oggi si misura con lo sviluppo di competenze adatte,
significative e socialmente condivise, spendibili nella vita di ogni individuo
e capaci di promuovere l’esercizio di una cittadinanza attiva, partecipe
e responsabile da parte di tutti.
Le competenze costituiscono il fine dell’apprendimento che la scuola è
chiamata a far costruire da parte degli allievi; conoscenze e abilità sono strumenti per la promozione delle competenze.
Per questo, risulta necessaria la progettazione di curricoli essenziali, flessibili, fortemente caratterizzanti una pluralità armonica di spaccati disciplinari; è

5 S. Tagliagambe, relazione al Convegno “A scuola di competenze” – Bergamo, 29/10/2014


9 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

necessario ricercare chiari criteri di raccordo condivisi: solo così il curricolo di studi complessivo potrà risultare equilibrato e costruito concretamente su
convergenze e sinergie formative capaci di promuovere apprendimento.
E. Bertonelli e G. Rodano affermano che «” […] un sistema di istruzione in grado di corrispondere all’evoluzione qualitativa e quantitativa dei saperi, comporta
che le conoscenze siano selezionate in termini di essenzialità […] [e ciò] postula, a sua volta l’organizzazione dei contenuti dell’insegnamento intorno a nodi
essenziali che si configurano come dei veri e propri nuclei fondanti […] [essi] possono definirsi tali quando assumono un esplicito valore formativo rispetto alle
competenze di cui sono i supporti […] “.
Per nuclei fondanti disciplinari si intendono quei concetti fondamentali che ricorrono in vari punti dello sviluppo di una disciplina e hanno (perciò) valore
strutturante e generativo di conoscenze. I nuclei fondanti sono concetti, nodi epistemologici e metodologici che strutturano una disciplina … i contenuti ne
sono l’oggetto, le conoscenze sono il frutto di tutto il processo di costruzione del sapere.
I nuclei fondanti dell’apprendimento, attorno ai quali si costruisce il curricolo scolastico, costituiscono i concetti più significativi, generativi di conoscenze e
ricorrenti in vari punti dello sviluppo di una disciplina, ricavati analizzandone la struttura, tenendo conto sia degli aspetti storico-epistemologici sia di quelli
psicopedagogici e didattici.
Occorre chiedersi: quali domande di senso stanno alla base di ciascuna disciplina di studio? Quali valori investe questo ambito del sapere e quale quindi la
sua legittimazione a essere presente come indispensabile elemento culturale-forte nella formazione del cittadino?

STRUTTURA DEL CURRICOLO: L’ IMMAGINE CHE SCEGLIAMO


È utile fare riferimento alla mappa di Kerr, un dispositivo di rappresentazione della logica curricolare che individua quattro “regioni” tra loro strettamente
interconnesse.
 la prima regione è quella degli obiettivi progettuali, in risposta alla domanda: “perché insegnare?”
 la seconda regione è quella delle conoscenze, in risposta alla domanda: “che cosa insegnare?”
 la terza regione è quella dello schooling, in risposta alla domanda: “come insegnare?”
 la quarta regione è quella della valutazione, in risposta alla domanda: “come valutare i risultati dell’insegnamento?”

ELEMENTI STRUTTURALI DEL CURRICOLO


CENTRALITÀ DELLO STUDENTE: il sé attore
 CONTESTI DI SENSO: le situazioni della vita, disciplinari, della natura, della narrazione …
 DIDATTICA LABORATORIALE:
le esperienze: le connessioni reticolari
la linearità dell’esperimento,
le opzioni,
le scelte,
l’iteratività dell’esercitazione
 VERTICALITÀ: le competenze di livello scolare, trasversali, di transizione, di approfondimento.

10 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

CURRICOLO PARTE 1^: perché formare? Le finalità del curricolo

11 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE PER LA STESURA DEI CURRICOLI: I NOSTRI RIFERIMENTI


La nozione di competenza, insieme alla procedura della sua certificazione, entra a far parte del lessico scolastico italiano verso la fine degli scorsi anni ’90. Di
competenze si parla, infatti, per la prima volta – ma al di fuori del primo ciclo – nella legge n. 425/1997 che istituisce il nuovo esame di Stato conclusivo dei
corsi di istruzione secondaria superiore. Per il primo ciclo, e per tutto il sistema educativo di istruzione e di formazione, i primi riferimenti si trovano invece nel
Regolamento dell’autonomia scolastica di cui al DPR n. 275/1999.
In estrema sintesi, si può ripercorrere la genesi della certificazione delle competenze richiesta alle scuole attraverso alcune tappe principali della più recente
produzione normativa.
1. DPR n. 275/1999: certificazione e qualità
2. D. Lgs n. 59/2004: certificazione e primo ciclo
3. DM n. 139/2007: certificazione e obbligo di istruzione
4. Legge n. 169/2008: certificazione e voto numerico
5. DPR n. 122/2009: modalità di certificazione
6. DM n. 254/2012: certificazione e Indicazioni
7. D. Lgs n. 13/2013: sistema nazionale di certificazione
8. Legge n. 107/2015
9. Piano nazionale di formazione (DM n. 797/2016)
10. Decreto Legislativo 62 del 13 aprile 2017 - Valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato
11. Decreto ministeriale 741 del 3 ottobre 2017 - Esami di stato primo ciclo
12. Decreto ministeriale 742 del 3 ottobre 2017 - Certificazione competenze primaria e primo ciclo e allegati

PROFILO DELLE COMPETENZE DELLO STUDENTE AL TERMINE DEL 1° CICLO DI ISTRUZIONE


Il progetto della nostra scuola tende a promuovere competenza nella direzione del profilo delle competenze dello studente al termine del 1° ciclo di istruzione.

• Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola, lo studio personale, le esperienze educative vissute in famiglia
e nella comunità, è in grado di iniziare ad affrontare in autonomia e con responsabilità le situazioni di vita tipiche della propria età, riflettendo ed
esprimendo la propria personalità in tutte le sue dimensioni.
• Ha consapevolezza delle proprie potenzialità e dei propri limiti, utilizza gli strumenti di conoscenza per se stesso e gli altri, per riconoscere e apprezzare
le diverse identità, le tradizioni culturali e religiose, in un’ottica di dialogo e di rispetto reciproco.
• Interpreta i sistemi simbolici e culturali della società, orienta le proprie scelte in modo consapevole, rispetta le regole condivise, collabora con gli altri
per la costruzione del bene comune esprimendo le proprie personali opinioni e sensibilità.
• Si impegna per portare a compimento il lavoro iniziato da solo o insieme ad altri.
• Dimostra una padronanza della lingua italiana tale da consentirgli di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie
idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni.
• Nell’incontro con persone di diverse nazionalità, è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese e di affrontare una comunicazione
essenziale, in semplici situazioni di vita quotidiana, in una seconda lingua europea. Utilizza la lingua inglese nell’uso delle tecnologie dell’informazione
e della comunicazione.
• Le sue conoscenze matematiche e scientifico-tecnologiche gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l’attendibilità delle
12 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

analisi quantitative e statistiche proposte da altri. Il possesso di un pensiero razionale gli consente di affrontare problemi e situazioni sulla base di
elementi certi e di avere consapevolezza dei limiti delle affermazioni che riguardano questioni complesse che non si prestano a spiegazioni univoche.
• Si orienta nello spazio e nel tempo dando espressione a curiosità e ricerca di senso; osserva e interpreta ambienti, fatti, fenomeni e produzioni artistiche.
• Ha buone competenze digitali, usa con consapevolezza le tecnologie della comunicazione per ricercare e analizzare dati ed informazioni, per
distinguere informazioni attendibili da quelle che necessitano di approfondimento, di controllo e di verifica e per interagire con soggetti diversi nel
mondo.
• Possiede un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed è allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni
e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo.
• Ha cura e rispetto di sé, come presupposto di un sano e corretto stile di vita.
• Assimila il senso e la necessità del rispetto della convivenza civile. Ha attenzione per le funzioni pubbliche alle quali partecipa nelle diverse forme in
cui questo può avvenire: momenti educativi informali e non formali, esposizione pubblica del proprio lavoro, occasioni rituali nelle comunità che
frequenta, azioni di solidarietà, manifestazioni sportive non agonistiche, volontariato, ecc.
• Dimostra originalità e spirito di iniziativa. Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto quando si trova in difficoltà e sa fornire aiuto a chi lo chiede.
• In relazione alle proprie potenzialità e al proprio talento, si impegna in campi espressivi, motori e artistici che gli sono congeniali.
• È disposto ad analizzare se stesso e a misurarsi con le novità e gli imprevisti.

CONNESSIONI DI SIGNIFICATO E ASSEGNAZIONE DI RESPONSABILITÀ E DI COMPITO


PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA E AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE: SOGGETTI DELLA PROMOZIONE E DELLA
VALUTAZIONE. Procediamo con il seguente schema di pensiero:
Riconosciamo al nostro curricolo il compito di ricomporre in un quadro di senso dal valore promozionale le competenze disciplinari, le competenze trasversali
– quelle che abbiamo destinato alla promozione da parte di tutti i docenti – e le competenze di cittadinanza (Competenze chiave europee).
L’analisi conduce alla correlazione di seguito rappresentata, la quale mette in parallelo le Competenze chiave europee con il Profilo di competenza di un
alunno al termine della scuola primaria e della secondaria di 1° grado.
I profili sono promossi a partire dalle competenze disciplinari, responsabilità dei docenti titolari dei diversi insegnamenti disciplinari, e da quelle che abbiamo
individuato come competenze trasversali.

13 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE TRASVERSALI
La finalizzazione del nostro curricolo alla maturazione delle competenze previste
nel profilo dello studente, riconosce responsabilità di tutti i docenti titolari degli
insegnamenti disciplinari,
• ciascuno per le competenze disciplinari di cui è titolare,
• tutti indistintamente per le competenze trasversali:
- AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE
- COLLABORARE E PARTECIPARE
- IMPARARE A IMPARARE
- COMUNICARE E COMPRENDERE
- INDIVIDUARE E RISOLVERE PROBLEMI

Competenze dal Profilo dello


Competenze CHI ESPRIME VALUTAZIONE
studente Competenze dal Profilo dello studente CHI PROMUOVE COMPETENZA e
chiave FINALIZZATA ALLA CERTIFICAZIONE
al termine del primo ciclo di al termine del primo ciclo di istruzione CHI ESPRIME VALUTAZIONE PERIODICA
europee DELLE COMPETENZE
istruzione-scuola primaria
Ha una padronanza della lingua Competenza promossa mediante
Ha una padronanza della lingua italiana che gli
Comunicazione italiana che gli consente di Competenza promossa mediante quanto previsto nel curricolo di tutte
consente di comprendere
nella comprendere quanto previsto nel curricolo di le discipline dedicato alla
e produrre enunciati e testi di una certa
1 madrelingua o enunciati, di raccontare le italiano; perseguita attraverso la promozione della competenza
complessità, di esprimere le proprie idee, di
lingua di proprie esperienze e di adottare promozione delle competenze della trasversale “comunicare e
adottare un registro linguistico appropriato alle
istruzione un registro linguistico appropriato disciplina comprendere” (finalità del curricolo
diverse situazioni.
alle diverse situazioni. di scuola)
È in grado di esprimersi in lingua inglese a livello Competenza promossa mediante
È in grado di sostenere in lingua Competenza promossa mediante
elementare (A2 del Quadro Comune Europeo di quanto previsto nel curricolo di tutte
Comunicazione inglese una comunicazione quanto previsto nel curricolo di
Riferimento) e, in una seconda lingua europea, le discipline dedicato alla
2 nelle lingue essenziale inglese e di francese; perseguita
di affrontare una comunicazione essenziale in promozione della competenza
straniere in semplici situazioni di vita attraverso la promozione delle
semplici situazioni di vita quotidiana. Utilizza la trasversale “comunicare e
quotidiana. competenze delle due discipline
lingua inglese anche con le tecnologie comprendere” (finalità del curricolo

14 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

dell’informazione e della comunicazione. di scuola)


Utilizza le sue conoscenze matematiche e
scientifico-tecnologiche per analizzare dati e fatti
Competenza promossa mediante
della realtà e per verificare l’attendibilità di Competenza promossa mediante
Competenza Utilizza le sue conoscenze quanto previsto nel curricolo di tutte
analisi quanto previsto nel curricolo di
matematica e matematiche e scientifico- le discipline dedicato alla
quantitative proposte da altri. Utilizza il pensiero matematica, scienze e tecnologia;
3 competenze di tecnologiche per trovare e promozione della competenza
logico-scientifico perseguita attraverso la promozione
base in scienza giustificare soluzioni a problemi trasversale “individuare e risolvere
per affrontare problemi e situazioni sulla base di delle competenze delle discipline
e tecnologia reali. problemi” (finalità del curricolo di
elementi certi. Ha consapevolezza dei limiti delle citate.
scuola)
affermazioni che riguardano questioni
complesse.
Usa con responsabilità le
tecnologie in contesti
Utilizza con consapevolezza e responsabilità le
comunicativi concreti
tecnologie per ricercare, produrre ed elaborare Il curricolo di ogni disciplina prevede obiettivi di apprendimento utili alla
Competenze per ricercare informazioni e per
4 dati e informazioni, per interagire con altre promozione delle competenze digitali (definite le linee guida di un curricolo
digitali interagire con altre persone,
persone, come supporto alla creatività e alla la cui stesura è rimandata al prossimo anno scolastico)
come supporto alla creatività e
soluzione di problemi.
alla soluzione di problemi
semplici.
Possiede un patrimonio di
Possiede un patrimonio organico di conoscenze
conoscenze e nozioni di base ed
e nozioni di base ed è allo stesso tempo capace Competenza promossa mediante quanto previsto nel curricolo di tutte le
Imparare ad è in grado di ricercare nuove
5 di ricercare e di organizzare nuove informazioni. discipline dedicato alla promozione della competenza trasversale
imparare informazioni. Si impegna in nuovi
Si impegna in nuovi apprendimenti in modo “imparare a imparare” (finalità del curricolo di scuola)
apprendimenti
autonomo.
anche in modo autonomo.
Ha cura e rispetto di sé e degli altri come
Ha cura e rispetto di sé, degli altri
presupposto di uno stile di
e dell’ambiente. Rispetta le
vita sano e corretto. È consapevole della Competenza promossa mediante quanto previsto nel curricolo di tutte le
Competenze regole condivise e collabora con
6 necessità del rispetto di una convivenza civile, discipline dedicato alla promozione della competenza trasversale
sociali e civiche gli altri. Si impegna per portare a
pacifica e solidale. Si impegna per portare a “collaborare e partecipare” (finalità del curricolo di scuola)
compimento il lavoro iniziato, da
compimento il lavoro iniziato, da solo o insieme
solo o insieme agli altri.
ad altri.
Dimostra originalità e spirito di Ha spirito di iniziativa ed è capace di produrre
iniziativa. È in grado di realizzare idee e progetti creativi.
Competenza promossa mediante quanto previsto nel curricolo di tutte le
semplici progetti. Si assume le Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto
Spirito di discipline dedicato alla promozione della competenza trasversale “agire in
7 proprie responsabilità, chiede quando si trova in difficoltà
iniziativa modo autonomo e responsabile” (finalità del curricolo di scuola)
aiuto e sa fornire aiuto a chi lo chiede. È disposto ad
quando si trova in difficoltà e sa analizzare se stesso e a misurarsi con le novità e
fornire aiuto a chi lo chiede. gli imprevisti.
Competenza promossa mediante
Si orienta nello spazio e nel Competenza promossa mediante
Si orienta nello spazio e nel tempo e interpreta i quanto previsto nel curricolo di
tempo, osservando e quanto previsto nel curricolo di tutte le
Consapevolezza sistemi simbolici e culturali storia e di geografia; perseguita
descrivendo ambienti, fatti, discipline dedicato alla promozione
8 ed espressione della società. attraverso la promozione delle
fenomeni e produzioni artistiche. della competenza trasversale
culturale competenze delle discipline citate
“comunicare e comprendere” (finalità
Riconosce le diverse identità, le Riconosce ed apprezza le diverse identità, le Competenza promossa mediante del curricolo di scuola)
tradizioni culturali e religiose in tradizioni culturali e religiose, in un’ottica di quanto previsto nel curricolo di

15 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

un’ottica di dialogo e di rispetto dialogo e di rispetto reciproco. storia e di religione; perseguita


reciproco. attraverso la promozione delle
competenze delle discipline citate
In relazione alle proprie Competenza promossa mediante
In relazione alle proprie potenzialità e al proprio
potenzialità e al proprio talento si quanto previsto nel curricolo di
talento si esprime negli
esprime negli ambiti che gli sono motoria, arte, musica; perseguita
ambiti che gli sono più congeniali: motori, artistici
più congeniali: motori, artistici e attraverso la promozione delle
e musicali.
musicali. competenze delle discipline citate

COMPETENZE TRASVERSALI DI SCUOLA: DISPOSIZIONI, ATTEGGIAMENTI, VALORI


• Osservazione, riconoscimento dei propri stati
• Scelta e attuazione di strategie operative
Agire in modo d’animo
• Autonomia esecutiva
autonomo e • Espressione di emozioni nei diversi linguaggi
• Monitoraggio e valutazione in itinere e finale in • conoscenza dei concetti di
responsabile • Individuazione del bisogno/problema
termini di risultato per sé e per gli altri coinvolti democrazia, giustizia, uguaglianza,
• Pianificazione dell'intervento
cittadinanza e diritti civili, [...); loro
• Osservazione, analisi, riconoscimento stati • Determinazione dei ruoli messa in atto.
Collaborare e d’animo • Coordinamento
partecipare • Riconoscimento risorse proprie e altrui • Valutazione del processo di lavoro individuale e
• Riconoscimento punti di vista del gruppo
• Riconoscimento risorse e vincoli
• Collegamento e attivazione di conoscenze
• Consapevolezza degli scopi (capacità di
implicate
orientarsi nel compito)
• Sperimentazione (fare, provare, riprovare) • motivazione e fiducia per
Imparare ad • Pianificazione- organizzazione (dei tempi e dei
• Riformulazione sulla base del feedback perseverare e riuscire
imparare materiali / definizione del livello di performance
• Valutazione di fattibilità, processo ed esito nell’apprendimento.
attesa)
• Monitoraggio e valutazione in itinere e finale
• Coordinamento dei processi ossia ricerca di
dell’elaborato
strategie operative
• Ascolto finalizzato (anche comunicazione non • Espressione orale: Riferire, relazionare e
verbale) argomentare
• Lettura, codifica e decodifica (analisi • Integrazione delle informazioni provenienti da
• disponibilità a un dialogo critico e
dell’informazione) fonti diverse
costruttivo; apprezzamento della
Comunicare e • Individuazione inferenze • Contestualizzazione
diversità culturale; interesse e
comprendere • Sintesi; Rielaborazione • Ricerca di fonti
curiosità per le lingue e per la
• Consapevolezza degli scopi e del contesto • Selezione
comunicazione interculturale.
• Sperimentazione (processi imitativi) • Collegamento e attivazione delle informazioni
• Controllo (della comunicazione verbale e non provenienti da fonti diverse
verbale) • Decodifica dei diversi linguaggi

16 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Uso simultaneo di linguaggi diversi • Confronto dei dati raccolti


• Identificazione e ri-definizione del problema • Coordinamento processi • rispetto della verità e disponibilità a
• Individuazione, analisi, selezione, integrazione • Generazione di conclusioni provvisorie basate su cercare motivazioni e a
Individuare e (delle informazioni) nessi logici temporali e/o causali determinarne la validità.
risolvere • Rappresentazione delle situazioni (non solo • Verifica/valutazione dell’efficacia della • attitudine alla valutazione critica.
problemi verbale) soluzione: cause insuccesso, piano • interesse per questioni etiche e
• Generazione delle alternative: previsione, miglioramento (con eventuale falsificazione) rispetto sia per la sicurezza sia per la
decisione, costruzione di ipotesi • Generalizzazione sostenibilità.

CARATTERI DELLE COMPETENZE DI CITTADINANZA NEL CURRICOLO DI SCUOLA


- dimensione cognitiva (conoscenze e abilità)
- dimensione metacognitiva (consapevolezza della maggiore o minore adeguatezza dei processi messi in atto per affrontarli)
- dimensione affettivo - motivazionale (disposizioni e atteggiamenti nei confronti delle situazioni e dei problemi da affrontare)
- dimensione valoriale (valutazione delle situazioni e dei problemi)

17 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

CURRICOLO PARTE 2^: per che cosa formare? I contenuti del curricolo

18 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

CURRICOLO DIGITALE
... La responsabilità è l’atteggiamento che connota la competenza digitale. Solo in minima parte essa è alimentata dalle conoscenze e dalle abilità
tecniche, che pure bisogna insegnare. I nostri ragazzi, anche se definiti nativi digitali, spesso non sanno usare le macchine, utilizzare i software
fondamentali, fogli di calcolo, elaboratori di testo, navigare in rete per cercare informazioni in modo consapevole. Sono tutte abilità che vanno insegnate.
Tuttavia, come suggeriscono anche i documenti europei sulla educazione digitale, le abilità tecniche non bastano. La maggior parte della competenza è
costituita dal sapere cercare, scegliere, valutare le informazioni in rete e nella responsabilità nell’uso dei mezzi, per non nuocere a se stessi e agli altri.

Indicazioni Nazionali e Nuovi Scenari, 2018


... Nei contesti attuali, in cui la tecnologia dell’informazione è così pervasiva, la padronanza del coding e del pensiero computazionale possono aiutare le
persone a governare le macchine e a comprenderne meglio il funzionamento, senza esserne invece dominati e asserviti in modo acritico.
Questi aspetti ed altri connessi allo sviluppo tecnologico, sono considerati dalle Indicazioni 2012 nel paragrafo dedicato alla Tecnologia.

“Quando possibile, gli alunni potranno essere introdotti ad alcuni linguaggi di programmazione particolarmente semplici e versatili che si prestano a
sviluppare il gusto per l’ideazione e la realizzazione di progetti (siti web interattivi, esercizi, giochi, programmi di utilità̀) e per la comprensione del rapporto
che c’è tra codice sorgente e risultato visibile.”
Indicazioni Nazionali e Nuovi Scenari, 2018

LINEE GUIDA CURRICOLO DIGITALE


AREE DI COMPETENZA
COMPETENZE DEL INDICATORI DI COMPETENZA DEL TRAGUARDI D’ISTITUTO CLASSE TRAGUARDI D’ISTITUTO CLASSE 3^
DIGITALE
CURRICOLO IC (Digicomp 2.0) CURRICOLO IC 5^ PRIMARIA SECONDARIA 1° GRADO
AGIRE IN MODO Usa le TIC in modo Usa le TIC in modo consapevole
Assumere ruoli e impegni
AUTONOMO E SICUREZZA consapevole (norme e rischi (diritti, doveri, norme e rischi
nell’esperienza scolastica
RESPONSABILE della rete). della rete)
Rispetta le norme della
Instaurare relazioni positive e Interagisce e comunica in netiquette e acquisisce
rispettare consapevolmente le regole modo rispettoso (prevenzione consapevolezza rispetto a
COLLABORARE E
COMUNICAZIONE E della convivenza cyberbullismo). comportamenti di
PARTECIPARE
COLLABORAZIONE cyberbullismo.
Condivide e collabora in Condivide e collabora in
Assumere comportamenti cooperativi ambienti di apprendimento ambienti di apprendimento
digitale tra pari (laboratorio digitale anche in rete.

19 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

informatica).

IMPARARE A Mettere a punto strategie anche di


Comprende il potenziale delle
IMPARARE tipo organizzativo funzionali Utilizza le TIC in modo
CREAZIONE DI CONTENUTI TIC e le utilizza in modo
(organizzare il proprio all’apprendimento funzionale.
personale e creativo.
apprendimento) Auto valutarsi
Individua modalità per creare Individua modalità per creare e
e modificare contenuti modificare contenuti
Padroneggiare gli strumenti espressivi
COMUNICARE E COMUNICAZIONE Esprime idee, opinioni, Esprime idee, opinioni, sentimenti
e argomentativi della comunicazione
COMPRENDERE sentimenti attraverso contenuti attraverso contenuti
opportunamente creati o opportunamente creati o
modificati modificati
Acquisire ed interpretare Ricerca contenuti digitali Ricerca, analizza e seleziona
INFORMAZIONE
l’informazione inerenti a un tema dato. l’informazione.
Effettuare valutazioni del contesto; Valuta e gestisce l’informazione.
riconoscervi situazioni problematiche per la rappresentazione e la
INDIVIDUARE E di cui rilevare i dati significativi soluzione di problemi.
PROBLEM SOLVING
RISOLVERE PROBLEMI Sviluppare ragionamenti interpretativi,
Sperimenta il linguaggio della Rappresenta la soluzione di
pianificare e sperimentare strategie
programmazione. problemi.
risolutive

20 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

CURRICOLO VERTICALE PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DIGITALI


SCUOLA PRIMARIA
AREE DI
COMPETENZA INDICATORI DI TRAGUARDI D’ISTITUTO CLASSE 5^
COMPETENZE DEL OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO
DIGITALE COMPETENZA DEL PRIMARIA
CURRICOLO IC CLASSE 3^ PRIMARIA CLASSE 5^ PRIMARIA
(Digicomp 2.1) CURRICOLO IC

Proteggere ed avere cura dei


dispositivi in uso
Proteggere ed avere cura dei
Proteggere la salute: individuare
dispositivi in uso
i rischi fisici nell’utilizzo delle
apparecchiature elettriche ed
Proteggere la salute: individuare
elettroniche e possibili
Assumere ruoli e alcuni rischi fisici nell’uso di
AGIRE IN MODO comportamenti preventivi.
impegni Usa le TIC in modo consapevole apparecchiature elettriche ed
AUTONOMO E SICUREZZA
nell’esperienza (norme e rischi della rete). elettroniche e ipotizzare soluzioni
RESPONSABILE Proteggere i propri dati personali
scolastica preventive.
e la privacy negli ambienti
digitali
Proteggere i propri dati personali
e la privacy negli ambienti
Individuare i rischi nell’utilizzo
digitali
della rete e individuare alcuni
comportamenti preventivi e
correttivi.

Instaurare relazioni
positive e Conoscere e adottare semplici
COLLABORARE E COMUNICAZIONE Interagisce, comunica e Conoscere e adottare semplici
rispettare ma ben strutturate forme di
PARTECIPARE E collabora in modo rispettoso ma ben strutturate forme di
consapevolmente netiquette durante l’interazione
COLLABORAZIONE (prevenzione cyberbullismo). netiquette.
le regole della in ambienti digitali.
convivenza

21 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Interagire correttamente
attraverso le tecnologie digitali
Condivide e collabora in Condividere, a coppie o in (ambienti collaborativi tipo
Assumere
ambienti di apprendimento piccolo gruppo, gli applicativi classroom, mail, chat…)
comportamenti
digitale tra pari (laboratorio presentati nel rispetto della
cooperativi
informatica). netiquette. Collaborare attraverso le
tecnologie digitali (lavoro su file
condivisi)

Conoscere e utilizzare
applicazioni e software, meglio
se open source e/o free, sia
online sia offline, per produrre o
rielaborare contenuti.
Mettere a punto Utilizzare applicazioni e software,
Scegliere tra le applicazioni
strategie anche di meglio se open source e/o free,
disponibili quelle più funzionali
IMPARARE A tipo organizzativo sia online sia offline, per produrre
alla produzione o rielaborazione
IMPARARE funzionali o rielaborare semplici contenuti,
CREAZIONE DI di un determinato contenuto
(organizzare il all’apprendimento Utilizza le TIC in modo funzionale. sotto la guida di un adulto.
CONTENUTI
proprio Utilizzare contenuti disponibili in
apprendimento) rete (testi, audio, video,
immagini…) secondo le norme
che regolano il copyright e le
licenze.

Apprendere per “prove ed


Apprendere per “prove ed
Auto valutarsi errori”, cioè attraverso una serie
errori”, cioè attraverso una serie
di tentativi ragionati.
di tentativi ragionati.

Individua modalità per creare e


Padroneggiare gli
modificare contenuti
strumenti espressivi Creare e condividere contenuti Creare e condividere contenuti
COMUNICARE E
COMUNICAZIONE e argomentativi digitali utilizzando i formati digitali utilizzando i formati
COMPRENDERE Esprime idee, opinioni, sentimenti
della appropriati (testi, audio, video…) appropriati (testi, audio, video…)
attraverso contenuti
comunicazione
opportunamente creati o
modificati

22 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Individuare risorse web attendibili


(siti istituzionali) con l’aiuto
ALFABETIZZAZIONE dell’insegnante o di indicazioni
Acquisire e Selezionare informazioni
SU Ricerca contenuti digitali inerenti del proprio libro di testo.
interpretare all’interno di testi digitali o risorse
INFORMAZIONE E a un tema dato.
l’informazione web selezionati dall’insegnante
DATI Navigare per individuare dati,
informazioni e contenuti
pertinenti all’oggetto della
propria indagine.
Effettuare
valutazioni del
contesto; Comprendere i principi della
riconoscervi programmazione a blocchi e
Educarsi al “pensiero
situazioni utilizzarla in modo funzionale e
computazionale”6: avviarsi a
problematiche di creativo.
comprendere i principi della
INDIVIDUARE E cui rilevare i dati
PROBLEM Sperimenta il linguaggio della programmazione, costruendo
RISOLVERE significativi Pianificare e sviluppare una
SOLVING programmazione. sequenze logiche di comandi,
PROBLEMI sequenza di istruzioni
Sviluppare sia in modalità unplugged sia
comprensibili per un sistema di
ragionamenti con la programmazione visuale
calcolo, per risolvere un
interpretativi, a blocchi.
determinato problema o per
pianificare e eseguire un'attività specifica.
sperimentare
strategie risolutive

CURRICOLO VERTICALE PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DIGITALI


SCUOLA SECONDARIA
AREE DI
INDICATORI DI
COMPETENZE DEL COMPETENZA TRAGUARDI D’ISTITUTO CLASSE 3^ OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO
COMPETENZA DEL
CURRICOLO IC DIGITALE SECONDARIA 1° GRADO CLASSE 1-2^ SECONDARIA CLASSE 3^SECONDARIA
CURRICOLO IC
(Digicomp 2.1)

6
È il processo mentale che sta alla base della formulazione dei problemi e delle loro soluzioni così che le soluzioni siano rappresentate in una forma che può essere implementata in maniera efficace da un elaboratore di informazioni
sia esso umano o artificiale” (Jeannette Wing, direttrice del Dipartimento di Informatica della Carnegie Mellon University). Ovvero è lo sforzo che un individuo deve mettere in atto per fornire a un altro individuo o macchina tutte le
“istruzioni” necessarie affinché questi eseguendole sia in grado di portare a termine il compito dato.

23 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

proteggere ed avere cura dei


Proteggere ed avere cura dei dispositivi in uso
dispositivi in uso
Proteggere la salute: individuare
Proteggere la salute: individuare i rischi fisici nell’utilizzo delle
i rischi fisici nell’utilizzo delle apparecchiature elettriche ed
apparecchiature elettriche ed elettroniche e possibili
elettroniche e possibili comportamenti preventivi.
Assumere ruoli e
AGIRE IN MODO Usa le TIC in modo consapevole comportamenti preventivi.
impegni
AUTONOMO E SICUREZZA (diritti, doveri, norme e rischi Proteggere autonomamente i
nell’esperienza
RESPONSABILE della rete) Proteggere i propri dati personali propri dati personali e la privacy
scolastica
e la privacy negli ambienti negli ambienti digitali per
digitali tutelare la propria reputazione
digitale
Mettere in atto comportamenti
tesi a prevenire i rischi nell’uso Mettere in atto
della rete consapevolmente
comportamenti tesi a prevenire i
rischi nell’uso della rete
Instaurare relazioni
Rispetta le norme della
positive e Conoscere e adottare forme di Conoscere e adottare forme di
netiquette e acquisisce
rispettare netiquette durante l’interazione netiquette durante l’interazione
consapevolezza rispetto a
consapevolmente in ambienti digitali. in ambienti digitali.
comportamenti di cyberbullismo.
le regole della
convivenza
COLLABORARE E COMUNICAZIONE
PARTECIPARE E Interagire correttamente Interagire correttamente
COLLABORAZIONE attraverso le tecnologie digitali attraverso le tecnologie digitali
(ambienti collaborativi tipo (ambienti collaborativi tipo
Assumere Condivide e collabora in
classroom, mail, chat…) classroom, mail, chat…)
comportamenti ambienti di apprendimento
cooperativi digitale anche in rete.
Collaborare attraverso le Collaborare attraverso le
tecnologie digitali (lavoro su file tecnologie digitali (lavoro su file
condivisi) condivisi)
Conoscere e utilizzare Conoscere e utilizzare
IMPARARE A Mettere a punto
applicazioni e software, meglio applicazioni e software, meglio
IMPARARE strategie anche di Comprende il potenziale delle
CREAZIONE DI se open source e/o free, sia se open source e/o free, sia
(organizzare il tipo organizzativo TIC e le utilizza in modo
CONTENUTI online sia offline, per produrre o online sia offline, per produrre o
proprio funzionali personale e creativo.
rielaborare contenuti. rielaborare contenuti.
apprendimento) all’apprendimento

24 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Scegliere tra le applicazioni Scegliere autonomamente tra le


disponibili quelle più funzionali applicazioni disponibili quelle più
alla produzione o rielaborazione funzionali alla produzione o
di un determinato contenuto rielaborazione di un determinato
contenuto
Utilizzare contenuti disponibili in
rete (testi, audio, video, Utilizzare in modo funzionale ed
immagini…) secondo le norme efficace contenuti disponibili in
che regolano il copyright e le rete (testi, audio, video,
licenze. immagini…) secondo le norme
che regolano il copyright e le
licenze.
Riflettere sulle procedure messe Riflettere sulle procedure messe
Auto valutarsi in atto, evitando la ripetizione di in atto e valutarne l’efficacia.
procedure scorrette
Selezionare, modificare e
Selezionare e modificare
Individua modalità per creare e integrare contenuti digitali
contenuti digitali utilizzando i
Padroneggiare gli modificare contenuti utilizzando i formati appropriati
formati appropriati (testi, audio,
strumenti espressivi (testi, audio, video…)
video…)
COMUNICAZIONE e argomentativi Esprime idee, opinioni, sentimenti
della attraverso contenuti Creare e condividere
Creare e condividere contenuti
comunicazione opportunamente creati o autonomamente contenuti
COMUNICARE E digitali utilizzando i formati
modificati digitali utilizzando i formati
COMPRENDERE appropriati (testi, audio, video…)
appropriati (testi, audio, video…)
Ricercare, analizzare e
Ricercare, analizzare e
selezionare in modo sistematico
ALFABETIZZAZIONE selezionare le informazioni negli
Acquisire e Ricerca, analizza e seleziona le informazioni negli ambienti
SU ambienti digitali
interpretare l’informazione. digitali
INFORMAZIONE E
l’informazione
DATI Spiegare strategie personali di
Spiegare e motivare strategie
ricerca
personali di ricerca
Effettuare
valutazioni del
contesto;
INDIVIDUARE E Valuta e gestisce l’informazione. Utilizzare in modo funzionale e
PROBLEM riconoscervi Utilizzare principi della
RISOLVERE per la rappresentazione e la creativo i principi della
SOLVING situazioni programmazione a blocchi
PROBLEMI soluzione di problemi. programmazione a blocchi
problematiche di
cui rilevare i dati
significativi

25 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Sviluppare
Rappresentare in modo efficace
ragionamenti Rappresentare la risoluzione di
la risoluzione di una situazione
interpretativi, Rappresenta la soluzione di una situazione problematica
problematica utilizzando un
pianificare e problemi. utilizzando un codice grafico
codice grafico
sperimentare
strategie risolutive

CITTADINANZA E COSTITUZIONE
CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012
Esercizio di una piena cittadinanza - Riconoscimento reciproco e dell’identità di ciascuno - Diritto alle pari opportunità
FINALITÀ Senso di legalità - Sviluppo di un’etica della responsabilità - Attenzione al sostegno delle varie forme di diversità, di disabilità o di svantaggio
che richiedono l’intervento per
congiunto di più discipline “… fornire gli strumenti atti a consentire a ciascun cittadino di munirsi della cassetta degli attrezzi e a offrirgli la possibilità di sceglierli e utilizzarli
nella realizzazione del proprio progetto di vita.”7
COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA
VALORI INDICATORI DI COMPETENZA
CURRICOLO IC finalità cui riferirsi nella progettazione dei percorsi annuali
Conoscenza dei È personalmente coinvolto in routine di vita scolastica attraverso significative
AGIRE IN MODO concetti di esperienze del prendersi cura di sé, degli altri e dell’ambiente.
Assumere ruoli e impegni
AUTONOMO E democrazia, giustizia,
nell’esperienza scolastica.
RESPONSABILE uguaglianza, Fa scelte consapevoli.
cittadinanza e diritti

7
Da Indicazioni Nazionali per i Licei: stralcio riportato in “L’AUTONOMIA SCOLASTICA PER IL SUCCESSO FORMATIVO” per un curricolo inclusivo - documento realizzato dal gruppo di lavoro
istituito con il Decreto Dipartimentale 24/05/2017.

26 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

civili, [...); loro messa in Acquisisce punti di vista nuovi (geografia); negozia significati.
atto. Instaurare relazioni positive e
rispettare consapevolmente le Acquisisce il valore del rispetto di regole concordate e condivise e i valori etici
regole della convivenza (vedere tabella “disposizioni, atteggiamenti …”in dimensione personale e
COLLABORARE E
sociale) che sono alla base della convivenza civile.
PARTECIPARE
Partecipa alle decisioni comuni.
Assumere comportamenti
Vive i principi di una cultura sportiva portatrice di rispetto per sé e per
cooperativi
l’avversario, di lealtà, di senso di appartenenza e di responsabilità, di controllo
dell’aggressività, di negazione di qualunque forma di violenza.
Elabora idee e promuove azioni finalizzate al miglioramento continuo del
Motivazione e fiducia proprio contesto di vita, a partire dalla vita quotidiana a scuola.
per perseverare e Mettere a punto strategie anche di Si interroga su come l’umanità, nel tempo e nello spazio, ha affrontato e risolto i problemi di
IMPARARE A IMPARARE tipo organizzativo funzionali
riuscire nell’apprendi- convivenza e di organizzazione sociale.
(organizzare il proprio all’apprendi-mento.
mento.
apprendimento) Coglie le costanti e le differenze nel tempo e nello spazio, relativamente alle
strutture politiche, economiche, sociali, culturali e tecnologiche.
Auto valutarsi. Valuta le conseguenze delle proprie scelte.
Rispetta le regole di una conversazione.

Comunica per farsi capire nei registri adeguati al contesto, ai destinatari e agli
Padroneggiare gli strumenti
scopi.
espressivi e argomentativi della
comunicazione
È capace di esprimersi con modalità diverse.
Disponibilità a un
dialogo critico e
Nella L2, si esprime con semplici testi.
costruttivo;
COMUNICARE E apprezzamento della
Acquisisce gli strumenti di pensiero necessari per apprendere a selezionare le
COMPRENDERE diversità culturale;
informazioni.
interesse e curiosità per
le lingue e per la
Fruisce in modo consapevole dei beni artistici, ambientali e culturali.
comunicazione
Acquisire ed interpretare
interculturale.
l’informazione Ne riconosce il valore per l’identità sociale e culturale e ne comprendendo la
necessità della salvaguardia e della tutela.

Conosce gli aspetti delle forme di organizzazione politica e amministrativa,


delle organizzazioni sociali ed economiche, dei diritti e dei doveri dei cittadini.

INDIVIDUARE E RISOLVERE Rispetto della verità e Effettuare valutazioni del contesto; Si avvia a spiegare e a interpretare il mondo con spirito critico e con il supporto
PROBLEMI disponibilità a cercare riconoscervi situazioni di dati alle opinioni.
motivazioni e a problematiche di cui rilevare i dati Applica procedure e, sulle stesse, riflette (coding e pensiero computazionale)

27 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

determinarne la significativi Esplicita e giustifica le scelte operate (ricostruzione metacognitiva).


validità.
Attitudine alla
valutazione critica.
Sviluppare ragionamenti Utilizza la lingua - in particolare quella scritta - come mezzo decisivo per
Interesse per questioni
interpretativi, pianificare e l’esplorazione del mondo, l’organizzazione del pensiero e per la riflessione
etiche e rispetto sia per
sperimentare strategie risolutive. sull’esperienza e il sapere dell’umanità.
la sicurezza sia per la
sostenibilità.

Abilità …in gioco


Organizzative: governare i tempi del proprio lavoro, le priorità, l’organizzazione degli spazi e degli strumenti.
Di studio e ricerca: ricercare, selezionare, organizzare, mettere in relazione informazioni cui si è avuto accesso (anche in rete).
Di autovalutazione: riconoscere i propri limiti, le risorse e le possibilità.

Metodologia che favorisce la promozione di cittadinanza attiva


A completamento della parte del Curricolo che esplicita gli aspetti di setting da preferire per agire in modo completo il dichiarato, si delineano di seguito le
caratteristiche proprie di un processo di insegnamento - apprendimento che favorisce la promozione di Cittadinanza attiva.
Costruire un ambiente dii apprendimento centrato su:
- empatia
- responsabilità
- attenzione al sostegno delle varie forme di diversità, disabilità o svantaggio
- discussione
- comunicazione
- contestualizzazione dei saperi nella realtà a partire da concreti bisogni formativi
- lavoro cooperativo
- attività laboratoriali e contesti di gioco educativo
Importante poi ricordare che le pratiche di cittadinanza non riguardano solo la declinazione di aspetti disciplinari; l’insegnante - in quanto educatore di futuri
cittadini - ha una specifica responsabilità rispetto ai destinatari della sua azione educativa: le sue modalità comunicative e di gestione delle relazioni in classe,
le sue scelte didattiche devono costituire un esempio di coerenza rispetto all’esercizio della cittadinanza.
Privilegia un'organizzazione a ‘legame debole’ perché fa interagire più facilmente i membri di un gruppo; facilita la discussione, la condivisione delle
informazioni, l'espressione dei giudizi. Valorizza le doti degli allievi, contamina e ibrida le loro culture, attiva l'attitudine alla ricerca delle mediazioni culturali ed
emotive, operando per il superamento dei conflitti.8

8
Da documento “L’autonomia scolastica per il successo formativo” per un curricolo inclusivo

28 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

ITALIANO
con gli asterischi rossi, i traguardi e/o gli obiettivi che afferiscono a più competenze trasversali.

CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012


DISCIPLINA: ITALIANO FINE PRIMARIA-FINE SECONDARIA DI 1° GRADO
INDICATORI DI Nucleo
COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^
COMPETENZA DEL
CURRICOLO IC PRIMARIA SECONDARIA 1° GRADO
CURRICOLO IC
Ascolto e parlato Partecipa a scambi comunicativi con compagni e Interagisce in modo efficace in diverse situazioni
AGIRE IN MODO Assumere ruoli e insegnanti. comunicative, attraverso modalità dialogiche.
AUTONOMO E impegni nell’esperienza
RESPONSABILE scolastica.

Ascolto e parlato Rispetta il turno in conversazioni, discussioni di classe Rispetta le idee degli altri.
Instaurare relazioni o di gruppo.
positive e rispettare Riconosce, nel dialogo, non solo un valore
consapevolmente le comunicativo, ma anche un valore civile,
regole della utilizzandolo per apprendere informazioni ed
convivenza elaborare opinioni su problemi riguardanti vari
COLLABORARE E ambiti culturali e sociali.
PARTECIPARE Ascolto e parlato Partecipa a conversazioni, discussioni di classe o di Usa la comunicazione orale per collaborare con
gruppo. gli altri, ad esempio nella realizzazione di giochi o
prodotti, nell’elaborazione di progetti e nella
Assumere
formulazione di giudizi su problemi riguardanti
comportamenti
vari ambiti culturali e sociali.
cooperativi
Formula in collaborazione con i compagni ipotesi
interpretative fondate sul testo.
Ascolto e parlato *Mette in relazione informazioni utili per Applica tecniche di supporto per ricavare
IMPARARE A
Mettere a punto l’apprendimento di un argomento dato messaggi, fonte, tema, informazioni, …, che
IMPARARE
strategie anche di tipo rielabora.
(organizzare il
organizzativo funzionali Nota: Il traguardo Mette in relazione informazioni
proprio
all’apprendimento. utili per l’apprendimento di un argomento dato *Ricerca, raccoglie e rielabora dati, informazioni
apprendimento)
posto sotto, in correlazione con la competenza e concetti in testi divulgativi continui, non

29 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

RISOLVERE PROBLEMI, si presta anche alla continui e misti.


promozione della competenza IMPARARE A
IMPARARE in quanto implica la volontà di Nota: Il traguardo Mette in relazione informazioni
organizzare quanto si è rilevato come dato utili per l’apprendimento di un argomento dato
significativo. posto sotto, in correlazione con la competenza
RISOLVERE PROBLEMI … si presta anche alla
promozione della competenza IMPARARE A
IMPARARE in quanto implica la volontà di
organizzare quanto si è rilevato come dato
significativo.

Si avvale di supporti specifici (schemi, mappe,


presentazioni al computer, ecc.).
Lettura Utilizza strategie di lettura adeguate agli scopi.

Utilizza abilità funzionali allo studio. Usa manuali delle discipline o testi divulgativi
(continui, non continui e misti) nelle attività di
studio personali e collaborative, per ricercare,
raccogliere e rielaborare dati, informazioni e
concetti.
Scrittura Utilizza abilità funzionali allo studio. Si avvale di supporti specifici (schemi, mappe,
presentazioni al computer, ecc.).

Costruisce sulla base di quanto letto testi o


presentazioni con l’utilizzo di strumenti tradizionali
e informatici

Lessico Utilizza abilità funzionali allo studio. Si avvale di supporti specifici.

Riflessione L Riflette sui testi propri e altrui per cogliere regolarità Effettua auto‐correzione dei propri elaborati
Scrittura morfosintattiche e caratteristiche del lessico.
Auto valutarsi.
Nota: Qualsiasi messa in atto di riflessione e acquisita consapevolezza del processo implica, al di là del nucleo tematico
entro la quale viene operata, la promozione della capacità di auto valutarsi.
Ascolto e parlato Formula messaggi chiari e pertinenti, in un registro il Interagisce in modo efficace in diverse situazioni
più possibile adeguato alla situazione. comunicative.
Padroneggiare gli
strumenti espressivi e In funzione dell’esposizione orale, sintetizza,
argomentativi della informazioni di un argomento dato.
comunicazione
Riconosce che le diverse scelte linguistiche sono Espone oralmente all’insegnante e ai compagni
correlate alla varietà di situazioni comunicative. argomenti di studio e di ricerca.

30 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Adatta opportunamente i registri informali e


formali in base alla situazione comunicativa e
agli interlocutori, realizzando scelte lessicali
adeguate.
Scrittura Scrive testi chiari e coerenti, legati all’esperienza e Scrive correttamente testi di tipo diverso
alle diverse occasioni di scrittura che la scuola offre. (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo,
argomentativo) adeguati a situazione,
argomento, scopo, destinatario.

Produce testi multimediali, utilizzando in modo


efficace l’accostamento dei linguaggi verbali
con quelli iconici e sonori.
Lessico Utilizza nell’uso orale e scritto i vocaboli Usa in modo appropriato le parole del
COMUNICARE E produttivo fondamentali e quelli di alto uso. vocabolario di base (fondamentale; di alto uso;
COMPRENDERE di alta disponibilità).

Utilizza i più frequenti termini specifici legati alle Usa termini specialistici in base ai campi di
discipline di studio. discorso.
Riflessione L. Scrive testi corretti nell’ortografia.
Ascolto e parlato Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" Ascolta e comprende testi di vario tipo "diretti" e
dai media cogliendone il senso, le informazioni "trasmessi" dai media, riconoscendone la fonte, il
principali e lo scopo. tema, le informazioni e la loro gerarchia,
l’intenzione dell’emittente.

È consapevole che nella comunicazione sono usate Riconosce il rapporto tra varietà
varietà diverse di lingua e lingue differenti linguistiche/lingue diverse (plurilinguismo) e il loro
(plurilinguismo). uso nello spazio geografico, sociale e
comunicativo.
Acquisire ed Lettura Legge e comprende testi di vario tipo, continui e Legge testi letterari di vario tipo (narrativi, poetici,
interpretare non continui, ne individua il senso globale e le teatrali) e comincia a costruirne
l’informazione informazioni principali e utili per l’apprendimento di un’interpretazione, collaborando con compagni
un argomento dato. e insegnanti.

Legge testi di vario genere facenti parte della


letteratura per l’infanzia, sia a voce alta sia in lettura
silenziosa e autonoma e formula su di essi giudizi
personali.
Scrittura Rielabora testi parafrasandoli, completandoli, *Ricerca, raccoglie e rielabora dati, informazioni
trasformandoli. e concetti in testi divulgativi continui, non
continui e misti.

31 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Lessico *Capisce nell’uso orale e scritto i vocaboli **Comprende in modo appropriato le parole del
ricettivo fondamentali e quelli di alto uso. vocabolario di base (fondamentale; di alto uso;
Capisce i più frequenti termini specifici legati alle di alta disponibilità).
discipline di studio.
Riconosce termini specialistici in base ai campi di
discorso.
Riflessione L. Coglie regolarità morfosintattiche e caratteristiche ***Padroneggia e applica in situazioni diverse le
del lessico; riconosce che le diverse scelte conoscenze fondamentali relative al lessico, alla
linguistiche sono correlate alla varietà di situazioni morfologia, all’organizzazione logico-sintattica
comunicative. * della frase semplice e complessa, ai connettivi
testuali.
Ascolto e parlato *Ricerca, raccoglie e rielabora dati, informazioni
e concetti in testi divulgativi continui, non
continui e misti
Lettura *Mette in relazione informazioni utili per
l’apprendimento di un argomento dato. Analizza situazioni problematiche culturali o
Scrittura sociali, ipotizza soluzioni e le confronta con quelle
altrui.
Effettuare valutazioni Lessico ** Capisce nell’uso orale e scritto i vocaboli **Comprende in modo appropriato le parole del
del contesto; fondamentali e quelli di alto uso. vocabolario di base (fondamentale; di alto uso;
riconoscervi situazioni di alta disponibilità).
problematiche di cui Nota: Il nucleo tematico lessico si presta alla promozione della competenza RISOLVERE PROBLEMI
INDIVIDUARE E rilevare i dati quando presuppone il generalizzare (dal caso alla regola).
RISOLVERE significativi
Riflessione L ***Padroneggia e applica in situazioni diverse le ***Padroneggia e applica in situazioni diverse le
PROBLEMI
conoscenze fondamentali relative conoscenze fondamentali relative al lessico, alla
all’organizzazione logico-sintattica della frase morfologia, all’organizzazione logico-sintattica
semplice, alle parti del discorso (o categorie della frase semplice e complessa, ai connettivi
lessicali) e ai principali connettivi. testuali.
Nota: Il nucleo tematico riflessione sulla lingua si presta alla promozione della competenza RISOLVERE
PROBLEMI quando presuppone il generalizzare (dal caso alla regola).
Riflessione L Coglie regolarità morfosintattiche e caratteristiche Utilizza le conoscenze metalinguistiche per
Sviluppare
del lessico; riconosce che le diverse scelte comprendere con maggior precisione i significati
ragionamenti
linguistiche sono correlate alla varietà di situazioni dei testi e per correggere i propri scritti.
interpretativi,
comunicative.
pianificare e
sperimentare strategie Nota: Il nucleo tematico riflessione sulla lingua si presta alla promozione della competenza RISOLVERE
risolutive. PROBLEMI quando presuppone il generalizzare (dal caso alla regola).

COMPETENZE DISCIPLINARI e relativi NUCLEI cui gli OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO afferiscono


Competenza tecnica: Capire il funzionamento della lingua come codice → aspetti tecnici strettamente correlati alle competenze sotto riportate.
NUCLEO ASCOLTO E PARLATO NUCLEO LETTURA E SCRITTURA NUCLEO RIFLESSIONE L.
32 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Competenza ORALE Competenza TESTUALE Competenza


GRAMMATICALE LOGICA E LESSICALE
Usare in modo produttivo il linguaggio orale: a) Comprendere il testo a livello globale ed analitico Capire il funzionamento della lingua
interagire b) Fare inferenze
produrre a) e b) → cosa dice il testo? - Contestualizzare
c) Interpretare il testo per valutarne il contenuto, la lingua - Analizzare
Usare in modo ricettivo il linguaggio orale: e gli elementi testuali - Classificare
comprendere c) → come lo dice?
a) Possedere consapevolezza dei processi sottostanti ogni
compito di scrittura (livello meta cognitivo)
b) produrre testi relativi a specifiche esigenze e contesti
comunicativi
c) rielaborare un testo
Per guidare la lettura, si precisa che si è talvolta proceduto a riformulare gli obiettivi d’apprendimento quando inclusivi di più aspetti correlati a differenti traguardi e/o
competenze e/o indicatore di competenza; gli elementi sono stati disgiunti e il verbo è stato trasformato all’infinito. Esempio: Comprendere e dare semplici istruzioni su un
gioco o un’attività conosciuta. → Comprendere semplici istruzioni su un gioco o un’attività conosciuta. → Dare semplici istruzioni su un gioco o un’attività conosciuta

COMPETENZE DEL Nucleo TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^


OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ SECONDARIA
CURRICOLO IC SECONDARIA
AGIRE IN MODO Nucleo Interagisce in modo efficace in diverse situazioni Intervenire in una conversazione o in una discussione,
AUTONOMO E comunicative, attraverso modalità dialogiche. di classe o di gruppo
RESPONSABILE
Ascolto e parlato Rispetta le idee degli altri.

Riconosce, nel dialogo, non solo un valore


comunicativo, ma anche un valore civile,
utilizzandolo per apprendere informazioni ed Intervenire in una conversazione o in una discussione,
elaborare opinioni su problemi riguardanti vari di classe o di gruppo, rispettando tempi e turni di
ambiti culturali e sociali. parola.
COLLABORARE E
PARTECIPARE Ascolto e parlato Usa la comunicazione orale per collaborare con gli
altri, ad esempio nella realizzazione di giochi o
prodotti, nell’elaborazione di progetti e nella Intervenire in una conversazione o in una discussione,
formulazione di giudizi su problemi riguardanti vari di classe o di gruppo, fornendo un positivo contributo
ambiti culturali e sociali. personale.

Formula in collaborazione con i compagni ipotesi


interpretative fondate sul testo.

33 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Ascolto e parlato Applica tecniche di supporto per ricavare Ascoltare testi applicando tecniche di supporto alla
messaggi, fonte, tema, informazioni, …, che comprensione: durante l’ascolto (presa di appunti,
rielabora. parole-chiave, brevi frasi riassuntive, segni
convenzionali) e dopo l’ascolto (rielaborazione degli
IMPARARE A appunti, esplicitazione delle parole chiave, ecc.).
IMPARARE
(organizzare il *Ricerca, raccoglie e rielabora dati, informazioni e
proprio concetti in testi divulgativi continui, non continui e
apprendimento) misti.
Anche come supporto all’esposizione orale, utilizzare
Si avvale di supporti specifici (schemi, mappe, la videoscrittura per i propri testi, curandone
presentazioni al computer, ecc.). l’impaginazione; scrivere testi digitali (ad es. e-mail,
post di blog, presentazioni).
Lettura Leggere in modalità silenziosa testi di varia natura e
provenienza applicando tecniche di supporto alla
comprensione (sottolineature, note a margine,
appunti) e mettendo in atto strategie differenziate
(lettura selettiva, orientativa, analitica).

Ricavare informazioni esplicite e implicite da testi


Usa manuali delle discipline o testi divulgativi espositivi, per documentarsi su un argomento
(continui, non continui e misti) nelle attività di studio specifico o per realizzare scopi pratici.
personali e collaborative, per ricercare, raccogliere
e rielaborare dati, informazioni e concetti. Ricavare informazioni sfruttando le varie parti di un
manuale di studio: indice, capitoli, titoli, sommari,
testi, riquadri, immagini, didascalie, apparati grafici.

Confrontare, su uno stesso argomento, informazioni


ricavabili da più fonti, selezionando quelle ritenute
più significative ed affidabili.
Scrittura Si avvale di supporti specifici (schemi, mappe, Riformulare in modo sintetico le informazioni
presentazioni al computer, ecc.). selezionate e riorganizzarle in modo personale (liste di
argomenti, riassunti schematici, mappe, tabelle).

Conoscere e applicare le procedure di ideazione,


pianificazione, stesura e revisione del testo a partire
dall’analisi del compito di scrittura: servirsi di strumenti
per l’organizzazione delle idee (ad es. mappe,
scalette); utilizzare strumenti per la revisione del testo
in vista della stesura definitiva; rispettare le
convenzioni grafiche.

34 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Utilizzare la videoscrittura per i propri testi, curandone


Costruisce sulla base di quanto letto testi o l’impaginazione; scrivere testi digitali (ad es. e-mail,
presentazioni con l’utilizzo di strumenti tradizionali e post di blog, presentazioni), anche come supporto
informatici all’esposizione orale.
Lessico Si avvale di supporti specifici. Utilizzare dizionari di vario tipo; rintracciare all’interno
di una voce di dizionario le informazioni utili per
risolvere problemi o dubbi linguistici.
Riflessione L Effettua auto‐correzione dei propri elaborati Riflettere sui propri errori tipici, segnalati
Scrittura dall’insegnante, allo scopo di imparare ad
autocorreggerli nella produzione scritta.
Nota: Qualsiasi messa in atto di riflessione e acquisita consapevolezza del processo implica, al di là del nucleo tematico entro la
quale viene operata, la promozione della capacità di auto valutarsi.
Ascolto e parlato Interagisce in modo efficace in diverse situazioni Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai
comunicative. media, riconoscendone la fonte e individuando
scopo, argomento, informazioni principali e punto di
vista dell’emittente.

Espone oralmente all’insegnante e ai compagni Intervenire in una conversazione o in una discussione,


argomenti di studio e di ricerca. di classe o di gruppo, con pertinenza e coerenza.
Narrare esperienze, eventi, trame selezionando
informazioni significative in base allo scopo,
ordinandole in base a un criterio logico-cronologico,
esplicitandole in modo chiaro ed esauriente e
usando un registro adeguato all’argomento e alla
situazione.
COMUNICARE E Adatta opportunamente i registri informali e formali
COMPRENDERE in base alla situazione comunicativa e agli Descrivere oggetti, luoghi, persone e personaggi,
interlocutori, realizzando scelte lessicali adeguate. esporre procedure selezionando le informazioni
significative in base allo scopo e usando un lessico
adeguato all’argomento e alla situazione.

Riferire oralmente su un argomento di studio


esplicitando lo scopo e presentandolo in modo
chiaro: esporre le informazioni secondo un ordine
prestabilito e coerente, usare un registro adeguato
all’argomento e alla situazione, controllare il lessico
specifico, precisare le fonti e servirsi eventualmente
di materiali di supporto (cartine, tabelle, grafici).

Argomentare la propria tesi su un tema affrontato


nello studio e nel dialogo in classe con dati pertinenti

35 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

e motivazioni valide.

Scrittura Scrive correttamente testi di tipo diverso (narrativo, Scrivere testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo,
descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) espositivo, regolativo, argomentativo) coerenti e
adeguati a situazione, argomento, scopo, coesi, adeguati allo scopo e al destinatario.
destinatario.
Scrivere testi di forma diversa (ad es. istruzioni per
produce testi multimediali, utilizzando in modo l’uso, lettere private e pubbliche, diari personali e di
efficace l’accostamento dei linguaggi verbali con bordo, dialoghi, articoli di cronaca, recensioni,
quelli iconici e sonori. commenti, argomentazioni) sulla base di modelli
sperimentati, adeguandoli a situazione, argomento,
scopo, destinatario, e selezionando il registro più
adeguato.

Realizzare forme diverse di scrittura creativa, in prosa


e in versi (ad es. giochi linguistici, riscritture di testi
narrativi con cambiamento del punto di vista);
scrivere o inventare testi teatrali, per un’eventuale
messa in scena.
Lessico Usa in modo appropriato le parole del vocabolario Realizzare scelte lessicali adeguate in base alla
produttivo di base (fondamentale; di alto uso; di alta situazione comunicativa, agli interlocutori e al tipo di
disponibilità). testo.

Usa termini specialistici in base ai campi di discorso.


Riflessione L. Scrive correttamente testi di tipo diverso Scrivere testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo,
espositivo, regolativo, argomentativo) corretti dal
punto di vista morfosintattico, lessicale, ortografico.

Ascolto e parlato Ascolta e comprende testi di vario tipo "diretti" e Riconoscere, all’ascolto, alcuni elementi ritmici e
"trasmessi" dai media, riconoscendone la fonte, il sonori del testo poetico.
tema, le informazioni e la loro gerarchia,
l’intenzione dell’emittente.

Riconosce il rapporto tra varietà linguistiche/lingue Realizzare scelte lessicali adeguate in base alla
diverse (plurilinguismo) e il loro uso nello spazio situazione comunicativa, agli interlocutori e al tipo di
geografico, sociale e comunicativo. testo.

36 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Lettura Legge testi letterari di vario tipo (narrativi, poetici, Comprendere testi descrittivi, individuando gli
teatrali) e comincia a costruirne un’interpretazione, elementi della descrizione, la loro collocazione nello
collaborando con compagni e insegnanti. spazio e il punto di vista dell’osservatore.

Leggere semplici testi argomentativi e individuare tesi


centrale e argomenti a sostegno, valutandone la
pertinenza e la validità.

Leggere testi letterari di vario tipo e forma (racconti,


novelle, romanzi, poesie, commedie) individuando
tema principale e intenzioni comunicative
dell’autore; personaggi, loro caratteristiche, ruoli,
relazioni e motivazione delle loro azioni;
ambientazione spaziale e temporale; genere di
appartenenza.

Leggere ad alta voce in modo espressivo testi noti


raggruppando le parole legate dal significato e
usando pause e intonazioni per seguire lo sviluppo
del testo e permettere a chi ascolta di capire.
Scrittura *Ricerca, raccoglie e rielabora dati, Scrivere sintesi, anche sotto forma di schemi, di
informazioni e concetti in testi divulgativi testi ascoltati o letti in vista di scopi specifici.
continui, non continui e misti
Utilizzare nei propri testi, sotto forma di citazione
esplicita e/o di parafrasi, parti di testi prodotti
da altri e tratti da fonti diverse.
Lessico ricettivo **Comprende in modo appropriato le parole Ampliare, sulla base delle esperienze
del vocabolario di base (fondamentale; di scolastiche ed extrascolastiche, delle letture e
alto uso; di alta disponibilità). di attività specifiche, il proprio patrimonio
lessicale, così da comprendere e usare le
parole dell’intero vocabolario di base, anche in
accezioni diverse.
Riconosce termini specialistici in base ai campi
di discorso. Comprendere e usare parole in senso figurato.
Comprendere e usare in modo appropriato i
termini specialistici di base afferenti alle diverse
discipline e anche ad ambiti di interesse
personale.

37 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Riflessione L. ***Padroneggia e applica in situazioni diverse le Riconoscere ed esemplificare casi di variabilità della
conoscenze fondamentali relative al lessico, alla lingua.
morfologia, all’organizzazione logico-sintattica della
frase semplice e complessa, ai connettivi testuali. Stabilire relazioni tra situazioni di comunicazione,
interlocutori e registri linguistici; tra campi di discorso,
forme di testo, lessico specialistico.

Riconoscere le caratteristiche e le strutture dei


principali tipi testuali (narrativi, descrittivi, regolativi,
espositivi, argomentativi).

Riconoscere le principali relazioni fra significati delle


parole (sinonimia, opposizione, inclusione);
conoscere l’organizzazione del lessico in campi
semantici e famiglie lessicali.

Conoscere i principali meccanismi di formazione


delle parole: derivazione, composizione.

Riconoscere l’organizzazione logico-sintattica della


frase semplice.

Riconoscere la struttura e la gerarchia logico-


sintattica della frase complessa almeno a un primo
grado di subordinazione.

Riconoscere in un testo le parti del discorso, o


categorie lessicali, e i loro tratti grammaticali.

Riconoscere i connettivi sintattici e testuali, i segni


interpuntivi e la loro funzione specifica.
Ascolto e parlato *Ricerca, raccoglie e rielabora dati, informazioni e Utilizzare testi funzionali di vario tipo per affrontare
concetti in testi divulgativi continui, non continui e situazioni della vita quotidiana.
INDIVIDUARE E
Lettura misti
RISOLVERE Scrittura
PROBLEMI Analizza situazioni problematiche culturali o sociali,
ipotizza soluzioni e le confronta con quelle altrui.
Lessico **Comprende in modo appropriato le parole del Comprendere e usare le parole dell’intero
vocabolario di base (fondamentale; di alto uso; di vocabolario di base, anche in accezioni diverse.
alta disponibilità).
Comprendere e usare parole in senso figurato.

38 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Nota: Gli obiettivi di apprendimento del nucleo


tematico lessico si prestano alla promozione della
competenza RISOLVERE PROBLEMI quando
presuppongono generalizzare (dal caso alla regola).
Riflessione L ***Padroneggia e applica in situazioni diverse le
conoscenze fondamentali relative al lessico, alla Nota: Gli obiettivi di apprendimento del nucleo
morfologia, all’organizzazione logico-sintattica della tematico riflessione sulla lingua si prestano alla
frase semplice e complessa, ai connettivi testuali. promozione della competenza RISOLVERE PROBLEMI
Riflessione L Utilizza le conoscenze metalinguistiche per quando presuppongono il generalizzare (dal caso
comprendere con maggior precisione i significati alla regola).
dei testi e per correggere i propri scritti.

COMPETENZE DEL Nucleo TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^


OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 2^ SECONDARIA
CURRICOLO IC SECONDARIA
AGIRE IN MODO Ascolto e parlato Interagisce in modo efficace in diverse situazioni Intervenire in una conversazione o in una discussione,
AUTONOMO E comunicative, attraverso modalità dialogiche. di classe o di gruppo
RESPONSABILE
Ascolto e parlato Rispetta le idee degli altri.

Riconosce, nel dialogo, non solo un valore


comunicativo, ma anche un valore civile,
utilizzandolo per apprendere informazioni ed
elaborare opinioni su problemi riguardanti vari
Intervenire in una conversazione o in una discussione,
ambiti culturali e sociali.
COLLABORARE E di classe o di gruppo, rispettando tempi e turni di
PARTECIPARE parola e fornendo un contributo personale.
Ascolto e parlato Usa la comunicazione orale per collaborare con gli
altri, ad esempio nella realizzazione di giochi o
prodotti, nell’elaborazione di progetti e nella
formulazione di giudizi su problemi riguardanti vari
ambiti culturali e sociali.

Formula in collaborazione con i compagni ipotesi


interpretative fondate sul testo.

39 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Ascolto e parlato Applica tecniche di supporto per ricavare Ascoltare testi applicando tecniche di supporto alla
messaggi, fonte, tema, informazioni, …, che comprensione: durante l’ascolto (individuazione delle
rielabora. parole-chiave, stesura di brevi frasi riassuntive) e dopo
l’ascolto (rielaborazione degli appunti, esplicitazione
IMPARARE A delle parole chiave, ecc.).
IMPARARE
(organizzare il *Ricerca, raccoglie e rielabora dati, informazioni e
proprio concetti in testi divulgativi continui, non continui e
apprendimento) misti.

Si avvale di supporti specifici (schemi, mappe,


presentazioni al computer, ecc.).

Lettura Leggere in modalità silenziosa testi di varia natura e


provenienza applicando tecniche di supporto alla
comprensione (sottolineature, note a margine,
appunti) e mettendo in atto strategie differenziate
(lettura selettiva, orientativa, analitica).
Ricavare le principali informazioni esplicite e implicite
Usa manuali delle discipline o testi divulgativi da testi espositivi, per documentarsi su un argomento
(continui, non continui e misti) nelle attività di studio specifico o per realizzare scopi pratici.
personali e collaborative, per ricercare, raccogliere
e rielaborare dati, informazioni e concetti. Ricavare le principali informazioni, sfruttando le varie
parti di un manuale di studio: indice, capitoli, titoli,
sommari, testi, riquadri, immagini, didascalie, apparati
grafici.
Scrittura Si avvale di supporti specifici (schemi, mappe, Riformulare in modo sintetico le informazioni
presentazioni al computer, ecc.). selezionate e riorganizzarle in modo personale (liste di
argomenti, riassunti schematici, mappe, tabelle).

Conoscere e applicare le procedure di ideazione,


pianificazione, stesura e revisione del testo a partire
dall’analisi del compito di scrittura: servirsi di strumenti
per l’organizzazione delle idee (ad es. mappe,
scalette).

Utilizzare strumenti per la revisione del testo in vista


della stesura definitiva; rispettare le convenzioni
grafiche.

Costruisce sulla base di quanto letto testi o Utilizzare la videoscrittura per i propri testi, curandone

40 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

presentazioni con l’utilizzo di strumenti tradizionali e l’impaginazione; scrivere testi digitali (ad es. e-mail,
informatici post di blog, presentazioni), anche come supporto
all’esposizione orale.
Lessico Si avvale di supporti specifici. Utilizzare dizionari di vario tipo; rintracciare all’interno di
una voce di dizionario le informazioni utili per risolvere
problemi o dubbi linguistici.
Riflessione L Effettua auto‐correzione dei propri elaborati Riflettere sui propri errori tipici, segnalati
Scrittura dall’insegnante, allo scopo di imparare ad
autocorreggerli nella produzione scritta.

Nota: Qualsiasi messa in atto di riflessione e acquisita consapevolezza del processo implica, al di là del nucleo tematico entro la quale
viene operata, la promozione della capacità di auto valutarsi.
Ascolto e parlato Interagisce in modo efficace in diverse situazioni Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai
comunicative. media, riconoscendone la fonte e individuando
scopo, argomento, informazioni principali.

Intervenire in una conversazione o in una discussione,


Espone oralmente all’insegnante e ai compagni di classe o di gruppo, in modo pertinente
argomenti di studio e di ricerca.
Narrare esperienze, eventi, trame selezionando
informazioni significative in base allo scopo,
ordinandole in base a un criterio logico-cronologico,
esplicitandole con un registro adeguato all’argomento
e alla situazione.

Descrivere oggetti, luoghi, persone e personaggi,


COMUNICARE E
selezionando le informazioni significative in base allo
COMPRENDERE
scopo e usando un lessico adeguato all’argomento e
alla situazione.

Riferire oralmente su un argomento di studio


esplicitando lo scopo e presentandolo in modo chiaro.

Adatta opportunamente i registri informali e formali Esporre, usando un registro adeguato all’argomento e
in base alla situazione comunicativa e agli alla situazione, con un lessico adeguato, servendosi di
interlocutori, realizzando scelte lessicali adeguate. materiali di supporto (cartine, tabelle, grafici).
Scrittura Scrive correttamente testi di tipo diverso (narrativo, Scrivere testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo,
descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) espositivo, regolativo,) corretti dal punto di vista
adeguati a situazione, argomento, scopo, morfosintattico, lessicale, ortografico, coerenti e coesi,
destinatario. adeguati allo scopo e al destinatario.

Scrivere testi di forma diversa (ad es. istruzioni per l’uso,


41 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

lettere private e pubbliche, diari personali e di bordo,


dialoghi, articoli di cronaca, recensioni, commenti,)
sulla base di modelli sperimentati, adeguandoli a
situazione, argomento, scopo, destinatario, con un
registro complessivamente adeguato

Realizzare forme diverse di scrittura creativa, in prosa e


Produce testi multimediali, utilizzando in modo in versi (ad es. giochi linguistici, riscritture di testi
efficace l’accostamento dei linguaggi verbali con narrativi con cambiamento del punto di vista); scrivere
quelli iconici e sonori. o inventare semplici testi teatrali, per un’eventuale
messa in scena.

Lessico Usa in modo appropriato le parole del vocabolario Realizzare scelte lessicali nel complesso adeguate in
Produttivo di base (fondamentale; di alto uso; di alta base alla situazione comunicativa, agli interlocutori e
disponibilità). al tipo di testo.

Usa termini specialistici in base ai campi di discorso.


Riflessione L. Scrive correttamente testi di tipo diverso Scrivere testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo,
espositivo, regolativo) corretti dal punto di vista
morfosintattico, lessicale, ortografico.
Ascolto e parlato Ascolta e comprende testi di vario tipo "diretti" e Riconoscere, all’ascolto, alcuni elementi ritmici e sonori
"trasmessi" dai media, riconoscendone la fonte, il del testo poetico (es: figure retoriche di suono, rime …)
tema, le informazioni e la loro gerarchia,
l’intenzione dell’emittente.
Realizzare scelte lessicali complessivamente adeguate
Riconosce il rapporto tra varietà linguistiche/lingue in base alla situazione comunicativa, agli interlocutori e
diverse (plurilinguismo) e il loro uso nello spazio al tipo di testo
geografico, sociale e comunicativo.
Lettura Legge testi letterari di vario tipo (narrativi, poetici, Comprendere testi descrittivi. individuando gli
teatrali) e comincia a costruirne un’interpretazione, elementi fondamentali della descrizione (punto di vista
collaborando con compagni e insegnanti. dell’osservatore, spazio, tempo …)

Leggere testi letterari di vario tipo e forma (racconti,


novelle, romanzi, poesie, commedie) individuando
tema principale ed eventualmente intenzioni
comunicative dell’autore; personaggi, loro
caratteristiche, ruoli, relazioni e motivazione delle loro
azioni; ambientazione spaziale e temporale; genere di
appartenenza.

42 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Leggere ad alta voce in modo espressivo testi noti.

Scrittura *Ricerca, raccoglie e rielabora dati, informazioni e Scrivere sintesi, anche sotto forma di schemi, di testi
concetti in testi divulgativi continui, non continui e ascoltati o letti in vista di scopi specifici.
misti.
Lessico ricettivo **Comprende in modo appropriato le parole del Ampliare, sulla base delle esperienze scolastiche ed
vocabolario di base (fondamentale; di alto uso; di extrascolastiche, delle letture e di attività specifiche, il
alta disponibilità). proprio patrimonio lessicale, così da comprendere e
usare le parole del vocabolario di base.

Comprendere e usare in modo appropriato i termini


specialistici di base afferenti alle diverse discipline e
Riconosce termini specialistici in base ai campi di anche ad ambiti di interesse personale.
discorso.
Riflessione L. ***Padroneggia e applica in situazioni diverse le Stabilire relazioni tra situazioni di comunicazione,
conoscenze fondamentali relative al lessico, alla interlocutori e registri linguistici.
morfologia, all’organizzazione logico-sintattica della
frase semplice e complessa, ai connettivi testuali. Riconoscere le caratteristiche e le strutture dei
principali tipi testuali (narrativi, descrittivi, regolativi,
espositivi).

Riconoscere le principali relazioni fra significati delle


parole (sinonimia, opposizione, inclusione); conoscere
l’organizzazione del lessico in campi semantici e
famiglie lessicali

Conoscere i principali meccanismi di formazione delle


parole: derivazione, composizione.

Riconoscere l’organizzazione logico-sintattica della


frase semplice.

Riconoscere in un testo le parti del discorso, o


categorie lessicali, e i loro tratti grammaticali.

Riconoscere i connettivi sintattici e testuali, i segni


interpuntivi e la loro funzione specifica.
INDIVIDUARE E Ascolto e parlato *Ricerca, raccoglie e rielabora dati, informazioni e Utilizzare testi funzionali di vario tipo per affrontare
RISOLVERE concetti in testi divulgativi continui, non continui e situazioni della vita quotidiana.

43 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

PROBLEMI Lettura misti Utilizzare la propria conoscenza delle relazioni di


significato fra le parole.
Scrittura Analizza situazioni problematiche culturali o sociali,
ipotizza soluzioni e le confronta con quelle altrui.
Lessico **Comprende in modo appropriato le parole del Comprendere e usare le parole dell’intero vocabolario
vocabolario di base (fondamentale; di alto uso; di di base, anche in accezioni diverse.
alta disponibilità).
Comprendere e usare parole in senso figurato

Nota: Gli obiettivi di apprendimento del nucleo


tematico lessico si prestano alla promozione della
competenza RISOLVERE PROBLEMI quando
presuppongono il generalizzare (dal caso alla regola.)
Riflessione L ***Padroneggia e applica in situazioni diverse le
conoscenze fondamentali relative al lessico, alla Nota: Gli obiettivi di apprendimento del nucleo
morfologia, all’organizzazione logico-sintattica della tematico riflessione sulla lingua si prestano alla
frase semplice e complessa, ai connettivi testuali. promozione della competenza RISOLVERE PROBLEMI
Riflessione L Utilizza le conoscenze metalinguistiche per quando presuppongono il generalizzare (dal caso alla
comprendere con maggior precisione i significati regola).
dei testi e per correggere i propri scritti.

Gli obiettivi di apprendimento vengono perseguiti attraverso l’acquisizione di CONOSCENZE di seguito ORIENTATIVAMENTE specificate:
Secondaria di 1^ grado
Nucleo Competenza Conoscenze
disciplinare
Ascolto e C. ORALE Gli elementi che servono a identificare anche a distanza di tempo gli appunti (data, situazione, argomento, autore).
parlato Il punto di vista altrui in contesti e testi diversi (elementi di narratologia: narratore onnisciente, narratore interno, esterno,
focalizzazione …).
I linguaggi dei mass media. Le regole della discussione. Le regole della discussione nel dialogo civile.
Le strategie per prendere appunti (scaletta, lista, mappa mentale, mappa concettuale etc.).
Forme di scrittura schematica.
Discussioni su vissuti personali degli alunni per il confronto e la valorizzazione di punti di vista e di opinioni altrui in vista di una
reciproca comprensione.
Lettura C. TECNICA Le strategie di lettura silenziosa e tecniche di miglioramento dell'efficacia quali la sottolineatura e le note a margine e
informazioni di supporto (presentazione del brano, biografia e bibliografia dell'autore e approfondimenti legati al genere
testuali).

44 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

C. TESTUALE Gli elementi caratterizzanti il testo narrativo, descrittivo, regolativo, informativo, espositivo e argomentativo (3^); gli elementi
caratterizzanti il testo poetico (temi centrali, messaggio, aspetti metrici e stilistici, figure di significato e figure di suono).
Gli elementi caratterizzanti il testo letterario (suoi generi: favola, fiaba, racconto, novella, diario, lettera, romanzo) e non (testi
regolativi, espositivi e argomentativi, articoli di giornale, manuali, film, documentari appartenenti a culture diverse o che trattano
problematiche relative alla diversità culturale).
Il punto di vista dell’autore (elementi di narratologia: narratore onnisciente, narratore interno, esterno, focalizzazione …).
L'autore, la corrente letteraria ed il contesto storico.
L' utilizzo del vocabolario e del dizionario dei sinonimi e contrari.
La tesi centrale, il problema, gli argomenti a sostegno della tesi e conclusione (testo argomentativo – 3^).
Il verso, la rima e la strofa.
Testi letterari degli autori più rappresentativi della Storia della Letteratura italiana in collegamento con i periodi storici studiati.
Conoscenze scolastiche e non, di esperienza diretta e/o indiretta.
Approfondimento sulla struttura logica e comunicativa della frase semplice.
I sinonimi e contrari; i pronomi; gli elementi di coerenza testuale; i nessi logici.
Gli scopi comunicativi e i generi testuali. Il registro e le figure retoriche di significato.
Scrittura C. TECNICA La fonologia e l’ortografia. La punteggiatura.

C. TESTUALE Diverse modalità di scrittura schematica (dalla mappa delle idee alla scaletta).
La competenza morfosintattica e lessicale “a servizio” della produzione.
La struttura dei vari testi. Le tipologie testuali ed i generi letterari
Conoscenze di tipo procedurale
Rifless. C. GRAMM. Fonologia, ortografia, punteggiatura. Morfologia. Sintassi della frase semplice e complessa (3^).
Linguist. LOGICA E Le parole: forme e significati. Le principali tappe evolutive della lingua italiana. Le peculiarità del vocabolario (3^)
Lessico LESSICALE

COMPETENZE DEL Nucleo


TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
Ascolto e Partecipa a scambi comunicativi con compagni e Mantenere i tempi d’attenzione in situazioni comunicative orali in
parlato insegnanti. contesti sia abituali sia inusuali
AGIRE IN MODO
AUTONOMO E
In una conversazione, in una discussione, in un dialogo su
RESPONSABILE
argomenti di esperienza diretta, formulare domande, dando
risposte e fornendo spiegazioni ed esempi.
Ascolto e Rispetta il turno in conversazioni, discussioni di classe Interagire in modo collaborativo in una conversazione, in una
COLLABORARE E parlato o di gruppo. discussione, in un dialogo.
PARTECIPARE
Cogliere in una discussione le posizioni espresse dai compagni
ed esprimere la propria opinione su un argomento.

45 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Ascolto e Partecipa a conversazioni, discussioni di classe o di


parlato gruppo. Riformulare i propri interventi tenendo conto delle reazioni verbali
e non verbali di chi ascolta.
Ascolto e *Mette in relazione informazioni utili per Mettere in atto processi di controllo per giungere a una migliore
parlato l’apprendimento di un argomento dato comprensione globale o analitica delle informazioni:
sapere qual è lo scopo del proprio ascolto;
rendersi conto di non aver capito,
riconoscere le difficoltà e chiedere chiarimenti in merito.

Organizzare un semplice discorso orale su un tema affrontato in


classe con un breve intervento preparato in precedenza o
un’esposizione su un argomento di studio utilizzando una
scaletta.
Lettura Utilizza strategie di lettura adeguate agli scopi. Impiegare tecniche di lettura silenziosa e di lettura espressiva ad
alta voce.

Utilizza abilità funzionali allo studio. Usare, nella lettura di vari tipi di testo, opportune strategie per
analizzare il contenuto; porsi domande all’inizio e durante la
lettura del testo; cogliere indizi utili a risolvere i nodi della
comprensione.
IMPARARE A
IMPARARE
Sfruttare le informazioni della titolazione, delle immagini e delle
(organizzare il
didascalie per farsi un’idea del testo che si intende leggere.
proprio
Ricercare informazioni in testi di diversa natura e provenienza
apprendimento)
(compresi moduli, orari, grafici, mappe ecc.) per scopi pratici o
conoscitivi, applicando tecniche di supporto alla comprensione
(quali, ad esempio, sottolineare, annotare informazioni, costruire
mappe e schemi ecc.).
Scrittura Utilizza abilità funzionali allo studio. Raccogliere le idee, organizzarle per punti, pianificare la traccia
di un racconto o di un’esperienza.

Sperimentare liberamente, anche con l’utilizzo del computer,


diverse forme di scrittura, adattando il lessico, la struttura del
testo, l’impaginazione, le soluzioni grafiche alla forma testuale
scelta e integrando eventualmente il testo verbale con materiali
multimediali.
Lessico Utilizza abilità funzionali allo studio. Utilizzare il dizionario come strumento di consultazione.

Riflessione L Riflette sui testi propri e altrui per cogliere regolarità Conoscere le fondamentali convenzioni ortografiche e servirsi di
Scrittura morfosintattiche e caratteristiche del lessico; questa conoscenza per rivedere la propria produzione scritta e

46 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

correggere eventuali errori.


Nota: Qualsiasi messa in atto di riflessione e acquisita consapevolezza del processo implica, al di là del nucleo tematico entro la quale
viene operata, la promozione della capacità di auto valutarsi.
Ascolto e Formula messaggi chiari e pertinenti, in un registro il Formulare domande precise e pertinenti di spiegazione e di
parlato più possibile adeguato alla situazione. approfondimento durante o dopo l’ascolto.

In funzione dell’esposizione orale, sintetizza,


informazioni di un argomento dato.
Esprimere la propria opinione su un argomento in modo chiaro e
Riconosce che le diverse scelte linguistiche sono pertinente.
correlate alla varietà di situazioni comunicative. Raccontare esperienze personali o storie inventate organizzando
il racconto in modo chiaro, rispettando l’ordine cronologico e
logico e inserendo gli opportuni elementi descrittivi e informativi.
Scrittura Scrive testi chiari e coerenti, legati all’esperienza e Produrre racconti scritti di esperienze personali o vissute da altri
alle diverse occasioni di scrittura che la scuola offre. che contengano le informazioni essenziali relative a persone,
luoghi, tempi, situazioni, azioni.

Scrivere lettere indirizzate a destinatari noti, lettere aperte o brevi


articoli di cronaca per il giornalino scolastico o per il sito web
della scuola, adeguando il testo ai destinatari e alle situazioni.

Esprimere per iscritto esperienze, emozioni, stati d’animo sotto


forma di diario.

Scrivere semplici testi regolativi o progetti schematici per


l’esecuzione di attività (ad esempio: regole di gioco, ricette,
ecc.).

Realizzare testi collettivi per relazionare su esperienze scolastiche


e argomenti di studio.

Produrre testi creativi sulla base di modelli dati (filastrocche,


COMUNICARE E racconti brevi, poesie).
COMPRENDERE Lessico Utilizza nell’uso orale e scritto i vocaboli Arricchire il patrimonio lessicale attraverso attività comunicative
Produttivo fondamentali e quelli di alto uso. orali, di lettura e di scrittura e attivando la conoscenza delle
principali relazioni di significato tra le parole (somiglianze,
Utilizza i più frequenti termini specifici legati alle differenze, appartenenza a un campo semantico).
discipline di studio.
Riflessione L. Scrive testi corretti nell’ortografia. Produrre testi sostanzialmente corretti dal punto di vista
ortografico, morfosintattico, lessicale, rispettando le funzioni
sintattiche dei principali segni interpuntivi.

47 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Ascolto e Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" Comprendere il tema e le informazioni essenziali di
parlato dai media cogliendone il senso, le informazioni un’esposizione (diretta o trasmessa); comprendere lo scopo e
principali e lo scopo. l’argomento di messaggi trasmessi dai media (annunci, bollettini
...).

Comprendere consegne e istruzioni per l’esecuzione di attività


scolastiche ed extrascolastiche.

Arricchire il patrimonio lessicale attraverso attività comunicative


orali, di lettura e di scrittura e attivando la conoscenza delle
È consapevole che nella comunicazione sono principali relazioni di significato tra le parole (somiglianze,
usate varietà diverse di lingua e lingue differenti differenze, appartenenza a un campo semantico).
(plurilinguismo).
Lettura Legge e comprende testi di vario tipo, continui e Seguire istruzioni scritte per realizzare prodotti, per regolare
non continui, ne individua il senso globale e le comportamenti, per svolgere un’attività, per realizzare un
informazioni principali e utili per l’apprendimento di procedimento.
un argomento dato.
Legge testi di vario genere facenti parte della
letteratura per l’infanzia, sia a voce alta sia in Leggere testi narrativi e descrittivi, sia realistici sia fantastici,
lettura silenziosa e autonoma e formula su di essi distinguendo l’invenzione letteraria dalla realtà.
giudizi personali.
Leggere testi letterari narrativi, in lingua italiana contemporanea,
e semplici testi poetici cogliendone il senso, le caratteristiche
formali più evidenti, l’intenzione comunicativa dell’autore ed
esprimendo un motivato parere personale.
Scrittura Rielabora testi parafrasandoli, completandoli, Rielaborare testi (ad esempio: parafrasare o riassumere un testo,
trasformandoli. trasformarlo, completarlo) e redigerne di nuovi, anche
utilizzando programmi di videoscrittura.
Lessico *Capisce nell’uso orale e scritto i vocaboli Comprendere ed utilizzare in modo appropriato il lessico di base
ricettivo fondamentali e quelli di alto uso. (parole del vocabolario fondamentale e di quello ad alto uso).
Comprendere e utilizzare parole e termini specifici legati alle
Capisce i più frequenti termini specifici legati alle discipline di studio.
discipline di studio.
Riflessione L. Coglie regolarità morfosintattiche e caratteristiche Relativamente a testi o in situazioni di esperienza diretta,
del lessico; riconosce che le diverse scelte riconoscere la variabilità della lingua nel tempo e nello spazio
linguistiche sono correlate alla varietà di situazioni geografico, sociale e comunicativo.
comunicative. *
Conoscere i principali meccanismi di formazione delle parole
(parole semplici, derivate, composte).

Comprendere le principali relazioni di significato tra le parole

48 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

(somiglianze, differenze, appartenenza a un campo semantico).

Riconoscere la struttura del nucleo della frase semplice (la


cosiddetta frase minima): predicato, soggetto, altri elementi
richiesti dal verbo.

Riconoscere in una frase o in un testo le parti del discorso, o


categorie lessicali, riconoscerne i principali tratti grammaticali;
riconoscere le congiunzioni di uso più frequente (come e, ma,
infatti, perché, quando)
Ascolto e Trovare spunti da testi diversi per farsi un’idea di un argomento a
parlato partire dai quali parlare.
Lettura *Mette in relazione informazioni utili per Leggere e confrontare informazioni provenienti da testi diversi
l’apprendimento di un argomento dato. per farsi un’idea di un argomento.
Scrittura Trovare spunti da testi diversi per farsi un’idea di un argomento a
partire dai quali scrivere.
Lessico ** Capisce nell’uso orale e scritto i vocaboli Comprendere che le parole hanno diverse accezioni e
fondamentali e quelli di alto uso. individuare l’accezione specifica di una parola in un testo.

Comprendere, nei casi più semplici e frequenti, l’uso e il


INDIVIDUARE E significato figurato delle parole.
RISOLVERE
PROBLEMI Nota: Gli obiettivi d’apprendimento del nucleo tematico lessico
si prestano alla promozione della competenza RISOLVERE
PROBLEMI quando presuppongono il generalizzare (dal caso alla
regola).
Riflessione L ***Padroneggia e applica in situazioni diverse le
conoscenze fondamentali relative
all’organizzazione logico-sintattica della frase
semplice, alle parti del discorso (o categorie Nota: Gli obiettivi d’apprendimento del nucleo tematico
lessicali) e ai principali connettivi. riflessione sulla lingua si prestano alla promozione della
Riflessione L Coglie regolarità morfosintattiche e caratteristiche competenza RISOLVERE PROBLEMI quando presuppongono il
del lessico; riconosce che le diverse scelte generalizzare (dal caso alla regola).
linguistiche sono correlate alla varietà di situazioni
comunicative.

49 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL Nucleo


TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
Ascolto e Partecipa a scambi comunicativi con compagni e Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo,
parlato insegnanti. conversazione, discussione) per esprimere e motivare le proprie
AGIRE IN MODO
idee.
AUTONOMO E
RESPONSABILE
Mettere in atto processi di controllo: rendersi conto di non aver
capito e chiedere chiarimenti in merito.
Ascolto e Rispetta il turno in conversazioni, discussioni di classe Prendere la parola rispettando i turni di parola.
parlato o di gruppo.
Ascolto e Partecipa a conversazioni, discussioni di classe o di Prendere la parola negli scambi comunicativi tenendo conto del
parlato gruppo. contesto.
COLLABORARE E
PARTECIPARE
Interagire in una conversazione formulando domande e dando
risposte pertinenti su argomenti di esperienza diretta.

Cogliere attraverso il confronto e il dialogo con i compagni,


l'esistenza di consuetudini di altre lingue.
Ascolto e *Mette in relazione informazioni utili per Padroneggiare la lettura strumentale (di decifrazione) sia nella
parlato l’apprendimento di un argomento dato modalità ad alta voce, curandone l’espressione, sia in quella
silenziosa.

Utilizzare semplici tecniche di supporto alla comprensione


(sottolineatura con colori diverse, suddivisione in sequenze con
supporto di immagini, semplici schemi).
Lettura Utilizza strategie di lettura adeguate agli scopi. Padroneggiare la lettura strumentale (di decifrazione) sia nella
modalità ad alta voce, curandone l’espressione, sia in quella
IMPARARE A
silenziosa.
IMPARARE
(organizzare il
Utilizza abilità funzionali allo studio. Avviarsi a utilizzare la modalità di lettura più funzionale allo scopo
proprio
(ad alta voce o silenziosa).
apprendimento)
Utilizzare semplici tecniche di supporto alla comprensione
(sottolineatura con colori diversi, suddivisione in sequenze con
supporto di immagini, semplici schemi).
Scrittura Utilizza abilità funzionali allo studio. Acquisire le capacità manuali, percettive e cognitive necessarie
per l’apprendimento della scrittura.

Avviarsi ad acquisire una sempre maggiore consapevolezza del


compito di scrittura attraverso la facilitazione di semplici tracce.
50 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Scrivere in modo autonomo su un argomento, seguendo uno


schema o una traccia data.
Lessico Utilizza abilità funzionali allo studio. Effettuare semplici ricerche su parole ed espressioni presenti nei
testi, per ampliare il lessico d’uso.

Riflessione L Riflette sui testi propri e altrui per cogliere regolarità Prestare attenzione alla grafia delle parole nei testi e applicare le
Scrittura morfosintattiche e caratteristiche del lessico. conoscenze ortografiche nella propria produzione scritta.

Nota: Qualsiasi messa in atto di riflessione e acquisita consapevolezza del processo implica, al di là del nucleo tematico entro la quale viene
operata, la promozione della capacità di auto valutarsi.
Ascolto e Formula messaggi chiari e pertinenti, in un registro il Prendere la parola usando messaggi semplici, chiari e pertinenti.
parlato più possibile adeguato alla situazione.
Dare semplici istruzioni su un gioco o un’attività conosciuta.
In funzione dell’esposizione orale, sintetizza, Raccontare storie personali o fantastiche rispettando l’ordine
informazioni di un argomento dato. cronologico ed esplicitando le informazioni necessarie perché il
racconto sia chiaro per chi ascolta.

Ricostruire verbalmente le fasi di un’esperienza vissuta a scuola o in


altri contesti.

Riconosce che le diverse scelte linguistiche sono Riesporre testi narrativi ed espositivi in modo comprensibile a chi
correlate alla varietà di situazioni comunicative. ascolta.
Scrittura Scrive testi chiari e coerenti, legati all’esperienza e Produrre semplici testi funzionali, narrativi e descrittivi legati a scopi
alle diverse occasioni di scrittura che la scuola offre. concreti (per utilità personale, per comunicare con altri, per
ricordare, ecc.) e connessi con situazioni quotidiane (contesto
scolastico e/o familiare).

Scrivere sotto dettatura curando in modo particolare l’ortografia.

Comunicare con frasi semplici e compiute, strutturate in brevi testi


che rispettino le convenzioni ortografiche e i principali segni di
interpunzione.
Lessico Utilizza nell’uso orale e scritto i vocaboli fondamentali Usare in modo appropriato le parole man mano apprese.
Produttivo e quelli di alto uso.
Ampliare il patrimonio lessicale attraverso esperienze scolastiche ed
COMUNICARE E Utilizza i più frequenti termini specifici legati alle extrascolastiche e attività di interazione orale e di lettura.
COMPRENDERE discipline di studio.
Riflessione L. Scrive testi corretti nell’ortografia. Comunicare con frasi semplici e compiute, strutturate in brevi testi
che rispettino le fondamentali convenzioni ortografiche e di
interpunzione.

51 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Ascolto e Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" Capire le consegne orali, individuando le azioni da mettere in atto.
parlato dai media cogliendone il senso, le informazioni
principali e lo scopo. Comprendere l’argomento e le informazioni principali di discorsi
affrontati in classe.

Ascoltare testi narrativi mostrando di saperne cogliere il senso


globale.

Comprendere e dare semplici istruzioni su un gioco o un’attività


È consapevole che nella comunicazione sono usate conosciuta.
varietà diverse di lingua e lingue differenti
(plurilinguismo). Comprendere, attraverso il confronto e il dialogo con i compagni,
l'esistenza di consuetudini di altre lingue.
Lettura Legge e comprende testi di vario tipo, continui e non Capire le consegne scritte, individuando le azioni da mettere in
continui, ne individua il senso globale e le atto.
informazioni principali e utili per l’apprendimento di
un argomento dato. Leggere testi (narrativi, descrittivi, informativi) cogliendo
l’argomento di cui si parla e individuando le informazioni principali,
Legge testi di vario genere facenti parte della le loro relazioni e le intenzioni comunicative di chi scrive.
letteratura per l’infanzia, sia a voce alta sia in lettura
silenziosa e autonoma e formula su di essi giudizi Comprendere testi di tipo diverso, continui e non continui, in vista di
personali. scopi pratici, di intrattenimento e di svago.

Leggere semplici testi di divulgazione per ricavarne informazioni utili


ad ampliare conoscenze su temi noti.

Leggere semplici e brevi testi letterari, sia poetici sia narrativi,


mostrando di saperne cogliere il senso globale.
Scrittura Rielabora testi parafrasandoli, completandoli, Manipolare testi sulla base di indicazioni date (inserimento di parti
trasformandoli. descrittive in testi narrativi; inserimento di personaggi, cambio di
luoghi …)
Lessico ricettivo Coglie caratteristiche del lessico. Individuare alcuni meccanismi di formazione delle parole / giocare
con le parole.
*Capisce nell’uso orale e scritto i vocaboli
fondamentali e quelli di alto uso.
Comprendere in brevi testi il significato di parole non note
Capisce i più frequenti termini specifici legati alle basandosi sia sul contesto sia sulla conoscenza intuitiva delle
discipline di studio. famiglie di parole.

52 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Riflessione L. Coglie regolarità morfosintattiche. Individuare la funzione delle parole all’interno della frase
(contestualizzare).

Riconosce che le diverse scelte linguistiche sono Individuare la concordanza tra le parti del discorso
correlate alla varietà di situazioni comunicative. *
Ascolto e Prevedere il contenuto di un testo semplice in base ad alcuni
parlato elementi come il titolo e le immagini.
*Mette in relazione informazioni utili per
Lettura l’apprendimento di un argomento dato.
Scrittura Confrontare testi per coglierne alcune caratteristiche specifiche (ad
es. maggiore o minore efficacia comunicativa, differenze tra testo
orale e testo scritto, ecc.).
Lessico ** Capisce nell’uso orale e scritto i vocaboli Comprendere il significato di parole non note in base al testo.
fondamentali e quelli di alto uso.
Nota: Gli obiettivi di apprendimento del nucleo tematico lessico si
prestano alla promozione della competenza RISOLVERE PROBLEMI
quando presuppongono il generalizzare (dal caso alla regola).
INDIVIDUARE E
Riflessione L ***Padroneggia e applica in situazioni diverse le Individuare alcuni legami tra le parole all’interno di una frase e tra
RISOLVERE
conoscenze fondamentali relative all’organizzazione frasi all’interno del testo.
PROBLEMI
logico-sintattica della frase semplice, alle parti del
discorso (o categorie lessicali) e ai principali
connettivi.
Riflessione L Coglie regolarità morfosintattiche. Classificare e generalizzare (indurre: dal caso alla regola):
Riconoscere la funzione e dedurre alcune caratteristiche
morfologiche di alcune parti del discorso (articolo, nome, aggettivo
qualificativo, verbo, pronome personale);
distinguere tra frase semplice minima, frase semplice complessa e
frase multipla.

Riconosce che le diverse scelte linguistiche sono Riconoscere se una frase è completa, costituita cioè dagli elementi
correlate alla varietà di situazioni comunicative. essenziali (soggetto, verbo, complementi necessari).

Avviarsi a distinguere i diversi registri linguistici.


Nota: Gli obiettivi del nucleo tematico riflessione sulla lingua si prestano alla promozione della competenza RISOLVERE PROBLEMI quando
presuppongono il generalizzare (dal caso alla regola).

COMPETENZE DEL
Nucleo TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 1^ PRIMARIA
CURRICOLO IC

53 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Ascolto e Partecipa a scambi comunicativi con compagni e Partecipare a conversazioni collettive ed esprimere proprie idee.
parlato insegnanti.
AGIRE IN MODO
Mettere in atto semplici comportamenti di ascolto, quali:
AUTONOMO E
assumere autonomamente una posizione corretta, orientarsi
RESPONSABILE
verso chi parla, seguire con lo sguardo, mantenere l’attenzione
per il tempo necessario.
Ascolto e Rispetta il turno in conversazioni, discussioni di classe o Partecipare a scambi comunicativi con compagni e docenti,
COLLABORARE E parlato di gruppo. rispettando i turni.
PARTECIPARE Ascolto e Partecipa a conversazioni, discussioni di classe o di
parlato gruppo.
Ascolto e *Mette in relazione informazioni utili per
parlato l’apprendimento di un argomento dato.
Lettura Utilizza strategie di lettura adeguate agli scopi.

Utilizza abilità funzionali allo studio.


Scrittura Utilizza abilità funzionali allo studio. Impugnare correttamente la matita.
Tracciare segni grafici con una pressione adeguata.
Utilizzare il segno grafico in modo autonomo in spazi di diverse
IMPARARE A
dimensioni, organizzando graficamente una pagina,
IMPARARE
mantenendo la larghezza del margine e la distanza tra una riga
(organizzare il
e l’altra.
proprio
Utilizzare i seguenti caratteri di scrittura: stampato maiuscolo e
apprendimento)
minuscolo (minuscolo più in funzione di decodifica che di
codifica); procedere da sx a dx e dall’alto verso il basso.
Lessico Utilizza abilità funzionali allo studio.
Riflessione L Riflette sui testi propri e altrui per cogliere regolarità
Scrittura morfosintattiche e caratteristiche del lessico.
Nota: Qualsiasi messa in atto di riflessione e acquisita consapevolezza del processo implica, al di là del nucleo tematico entro la quale viene
operata, la promozione della capacità di auto valutarsi.
Ascolto e Formula messaggi chiari e pertinenti, in un registro il più Partecipare a scambi comunicativi usando messaggi semplici e
parlato possibile adeguato alla situazione. chiari.

In funzione dell’esposizione orale, sintetizza, Riferire bisogni, esperienze personali e/o contenuti trattati
informazioni di un argomento dato. (semplici testi letti o
ascoltati, lettura di immagini …), seguendo un ordine
Riconosce che le diverse scelte linguistiche sono cronologico.
correlate alla varietà di situazioni comunicative.
Scrittura Scrive testi chiari e coerenti, legati all’esperienza e alle Scrivere autonomamente e sotto dettatura in modo sempre più
diverse occasioni di scrittura che la scuola offre. corretto frasi sintatticamente corrette.

54 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

In base all’ascolto dell’intonazione della voce, usare alcuni segni


interpuntivi (punto fermo, interrogativo).

Lessico Utilizza nell’uso orale e scritto i vocaboli fondamentali e Usare in modo appropriato il lessico fondamentale.
Produttivo quelli di alto uso.

Utilizza i più frequenti termini specifici legati alle


discipline di studio.
Riflessione L. Scrive testi corretti nell’ortografia. Scrivere autonomamente e sotto dettatura parole in modo
ortograficamente sempre più corretto.
Ascolto e Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai Collettivamente, individuare nelle consegne orali le azioni da
COMUNICARE E
parlato media cogliendone il senso, le informazioni principali e mettere in atto.
COMPRENDERE
lo scopo.

È consapevole che nella comunicazione sono usate


varietà diverse di lingua e lingue differenti
(plurilinguismo).
Lettura Legge e comprende testi di vario tipo, continui e non Con aiuto, individuare nelle consegne scritte, le azioni da mettere
continui, ne individua il senso globale e le informazioni in atto.
principali e utili per l’apprendimento di un argomento
dato. Leggere in modo corretto (decodifica di tutte le parole).

Capire l'argomento generale di un testo.


Legge testi di vario genere facenti parte della Con aiuto, avviarsi a una lettura analitica per capire il testo nei
letteratura per l’infanzia, sia a voce alta sia in lettura suoi principali elementi (personaggi, ambienti,
silenziosa e autonoma e formula su di essi giudizi sequenze…informazioni esplicite).
personali.
Scrittura Rielabora testi parafrasandoli, completandoli, Manipolare semplici testi attraverso facilitazioni fornite
trasformandoli. dall’insegnante (esempio: domande, uso di immagini …)
Lessico ricettivo Coglie caratteristiche del lessico Con aiuto, formulare ipotesi sul significato delle parole e di
semplici modi di dire a partire dal contesto (contestualizzare).
**Capisce nell’uso orale e scritto i vocaboli
fondamentali e quelli di alto uso.

Capisce i più frequenti termini specifici legati alle


discipline di studio.
Riflessione L. Coglie regolarità morfosintattiche. Avviarsi a riconoscere la funzione di alcune parti del discorso
(nomi e azioni)
Riconosce che le diverse scelte linguistiche sono (contestualizzare)
correlate alla varietà di situazioni comunicative. *

55 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Ascolto e *Mette in relazione informazioni utili per Scoprire come trattare la parola orale per darle una veste scritta
parlato l’apprendimento di un argomento dato. (concettualizzazione della letto-scrittura): imparare a riflettere
Lettura sulla lingua orale indipendentemente dal significato;
Identificare le componenti fonologiche della lingua (sillabe e
Scrittura fonemi) e saperle manipolare.

Lessico ** Capisce nell’uso orale e scritto i vocaboli Nota: Gli obiettivi di apprendimento del nucleo tematico lessico
INDIVIDUARE E fondamentali e quelli di alto uso. si prestano alla promozione della competenza RISOLVERE
RISOLVERE PROBLEMI quando presuppongono il generalizzare (dal caso alla
PROBLEMI regola).
Riflessione L ***Padroneggia e applica in situazioni diverse le Riflettere sulle parti che compongono una frase strutturalmente
conoscenze fondamentali relative all’organizzazione corretta.
logico-sintattica della frase semplice, alle parti del
discorso (o categorie lessicali) e ai principali connettivi.
Riflessione L Coglie regolarità morfosintattiche. Riflettere sulla concordanza tra le parti del discorso
(articolo/nome/qualità/azione).
Riconosce che le diverse scelte linguistiche sono
correlate alla varietà di situazioni comunicative.
Nota: Gli obiettivi del nucleo tematico riflessione sulla lingua si prestano alla promozione della competenza RISOLVERE PROBLEMI quando
presuppongono il generalizzare (dal caso alla regola).

Gli obiettivi di apprendimento vengono perseguiti attraverso l’acquisizione di CONOSCENZE di seguito ORIENTATIVAMENTE specificate:CLASSE 1^ PRIMARIA: LETTO –
SCRITTURA
La pratica della scrittura viene introdotta in modo graduale: qualunque sia il metodo usato dall’insegnante, durante la prima alfabetizzazione il bambino, partendo
dall’esperienza, viene guidato contemporaneamente a leggere e scrivere parole e frasi sempre legate a bisogni comunicativi e inserite in contesti motivanti.
L’acquisizione della competenza strumentale della scrittura, entro i primi due anni di scuola, comporta una costante attenzione alle abilità grafico-manuali e alla
correttezza ortografica.9
La concettualizzazione della Letto – Scrittura presuppone una competenza fonologica ben acquisita, che ne costituisce le fondamenta:
FONOLOGIA globale FONOLOGIA analitica (consapevolezza fonetica) - indice dell’avvenuta esposizione
al codice alfabetico):
• Distinguere le singole parole all’interno del flusso sonoro della frase.
• Segmentare le parole in sillabe e conteggiarle. • Riconoscere il suono iniziale delle parole (fonema iniziale).
• Individuare la lunghezza delle parole. • Individuare parole che iniziano come una parola data (fonema iniziale).
• Riconoscere il suono iniziale delle parole (sillaba iniziale). • Riconoscere il suono finale delle parole (fonema finale).
• Individuare parole che iniziano come una parola data (sillaba iniziale).
• Individuare parole che finiscono come una parola data (sillaba finale).

9 Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione

56 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Individuare rime e assonanze.


Fine 3^ PRIMARIA Fine 5^ PRIMARIA
Competenza Conoscenze Conoscenze
N

disciplinare
C. ORALE Le strategie basilari dell’ascolto attivo e dell’ascolto finalizzato. Gli elementi basilari dell’atto comunicativo (emittente, ricevente,
Alcuni degli elementi basilari dell’atto comunicativo (emittente, messaggio, contesto, canale, codice).
Ascolto e parlato

ricevente, messaggio). Gli scopi della comunicazione (informare, esprimere vissuti,


I principi organizzativi del discorso narrativo. convincere o dare istruzioni).
Le regole per la buona riuscita di una comunicazione collettiva I principi organizzativi del discorso descrittivo, narrativo, espositivo,
Avvio all’uso di semplici scalette / schemi fornite dall’insegnante con lo argomentativo (“argomentare” solo nel senso di “saper dire il
scopo di organizzare la comunicazione orale. perché di ciò che si afferma”).
Le regole per la buona riuscita di una comunicazione.
Semplici forme di scrittura schematica.
C. TECNICA I tratti prosodici: tutti i segni di punteggiatura e loro valenza (tono). I tratti prosodici: tutti i segni di punteggiatura e loro valenza (tono).
Lettura globale – lettura analitica. Le strategie di lettura funzionali ai diversi scopi: (globale per
conoscere l'argomento e il senso generale del testo - di
scorrimento per individuare informazioni specifiche - analitica per
capire il testo in tutti i suoi particolari (informazioni implicite ed
esplicite).
C. TESTUALE Gli elementi specifici propri di alcune tipologie testuali e di Gli elementi specifici e i criteri organizzativi propri di ciascuna
alcuni generi narrativi. tipologia testuale (narrativa - descrittiva - espositiva - regolativa -
Alcune tecniche di supporto alla comprensione. argomentativa - poetica).
Lettura

Conoscenze scolastiche e non, di esperienza diretta e/o indiretta. Alcune tecniche di supporto alla comprensione.
Le relazioni morfosintattiche (es. concordanza articolo - nome - Conoscenze scolastiche e non, di esperienza diretta e/o indiretta.
aggettivo), temporali (prima - poi - infine), spaziali (es. destra - sinistra ... L’uso del vocabolario.
logiche (es. causa - effetto). Le relazioni morfosintattiche (es. concordanza articolo - nome -
L'uso di sostituzioni per evitare ripetizioni aggettivo), temporali (prima - poi - infine), spaziali (es. destra -
Alcune figure di significato (similitudine, personificazione ...); figure di sinistra ... logiche (es. causa - effetto).10
suono (rima) I principali elementi di coesione es. le ellissi, l'uso di sostituzioni
(sinonimi, iperonimi), i pronomi
Alcune figure di significato (similitudine, metafora ...); alcune figure
di suono (assonanza, consonanza …)
Alcuni generi testuali. Gli scopi della comunicazione.

57 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

C. TECNICA L’organizzazione dello spazio foglio. L’organizzazione dello spazio foglio.


I caratteri di scrittura. I caratteri di scrittura.
Le convenzioni ortografiche. Le convenzioni ortografiche.
I principali segni interpuntivi (punto fermo, interrogativo, esclamativo, Tutti i segni interpuntivi; la punteggiatura del discorso diretto.
virgola; la punteggiatura del discorso diretto).

C. TESTUALE Conoscenze, possedute da chi scrive, sull’argomento. La competenza morfosintattica e lessicale “a servizio” della
Avvio all’utilizzo di procedure per la pianificazione e la revisione. produzione.
Scrittura

La competenza ortografica, morfosintattica e lessicale “a servizio” della I criteri utilizzati in alcune tipologie testuali [narrativa: successione
produzione. temporale, sequenze raggruppabili in inizio, svolgimento e
Gli elementi specifici utilizzati in alcune tipologie testuali [narrativa: conclusione; espositiva: organizzazione delle informazioni in
successione temporale, sequenze raggruppabili in inizio, svolgimento e capoversi …].
conclusione; descrittiva: organizzazione spaziale …]. Alcuni generi testuali
Gli elementi caratterizzanti il testo poetico [versi, strofe]; figure di suono Gli elementi caratterizzanti il testo poetico [versi, strofe]; alcune
(rima) e alcune figure retoriche di significato. figure di suono ed alcune figure retoriche di significato.
Conoscenze di tipo procedurale per la pianificazione (raccolta
idee, organizzazione, stesura, revisione) , la manipolazione e la
sintesi di un testo.

58 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

C. La funzione che caratterizza alcune parti del discorso (articolo, nome, La funzione che caratterizza ogni parte del discorso
GRAMMAT. aggettivo qualificativo, verbo, pronome personale con funzione di (esempio: è aggettivo ogni parola che dà informazioni su un
LOGICA soggetto) nome; è pronome ogni parola che sostituisce un nome);
(esempio: è aggettivo ogni parola che dà informazioni su un nome); La funzione attributiva (nome + aggettivo) e predicativa (v. essere
E
+ aggettivo → predicato nominale) dell’aggettivo;
LESSICALE
Gli elementi della frase semplice minima e della frase semplice espansa. La funzione di connessione [connettivo è ciò che assicura rapporti
La funzione del sintagma soggetto (di chi si parla), del sintagma tra le parti del testo (preposizione, congiunzione, avverbio)];
predicato (cosa si dice del soggetto) e delle relative espansioni (Gruppo La funzione di coesione [coesivo è ciò che richiama nel testo un
nominale e Gruppo verbale) elemento già espresso ed evita ripetizioni (esempio: pronomi, ellissi
Riflessione Linguistica Lessico

→ esempio: soggetto sottinteso)].


Il soggetto, il predicato, le espansioni Gli elementi della frase semplice minima e della frase semplice
Giochi linguistici. espansa.
Le parole semplici, composte; derivate, alterate: loro suffissi; i principali La funzione del sintagma soggetto (di chi si parla), del sintagma
prefissi (in – im – ir; a – an) predicato (cosa si dice del soggetto) e dei relativi complementi
L’ordine alfabetico. (Gruppo nominale e Gruppo verbale)

Le linee essenziali, ossia gli elementi generali relativi a specie e


forma delle diverse parti del discorso, variabili ed invariabili con
esclusione di: preposizioni improprie, verbi irregolari, verbi
particolari (servili, fraseologici, difettivi, irregolari …), forma passiva,
riflessiva ed impersonale.

Il soggetto, il predicato verbale, il predicato nominale, il


complemento diretto (complemento oggetto), i principali
complementi indiretti (complemento di tempo, luogo, mezzo,
modo, compagnia, unione, di termine e di specificazione).

Le parole semplici, composte; derivate, alterate: loro suffissi; i


principali prefissi (in – im – ir; a – an)
L’ordine alfabetico.

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA


CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012
DISCIPLINA: Lingua 2 e Lingua 3 FINE PRIMARIA-FINE SECONDARIA DI 1° GRADO

59 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE INDICATORI DI
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA
DEL CURRICOLO COMPETENZA DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA
1° GRADO
IC CURRICOLO IC
AGIRE IN MODO
Assumere ruoli e impegni Svolge il lavoro assegnato in autonomia, rispettando Affronta situazioni nuove attingendo al suo repertorio
AUTONOMO E
nell’esperienza scolastica termini e consegne e verificandone la correttezza. linguistico.
RESPONSABILE
Interagisce nel gioco; comunica in modo Usa la lingua per apprendere argomenti anche di
comprensibile, anche con espressioni e frasi ambiti disciplinari diversi e collabora fattivamente
Instaurare relazioni positive acquisite, in scambi di informazioni semplici e di con i compagni nella realizzazione di attività e
e rispettare routine. progetti.
COLLABORARE E consapevolmente le Individua elementi culturali veicolati dalla lingua
PARTECIPARE regole della convivenza materna o di scolarizzazione e li confronta con quelli
veicolati dalla lingua straniera, senza atteggiamenti
di rifiuto.
Collabora con i compagni nella realizzazione di
Assumere comportamenti
attività collettive/di gruppo, rispettando regole e
cooperativi
ruoli condivisi.
Svolge il lavoro assegnato in autonomia, rispettando Autovaluta le competenze acquisite ed è
termini e consegne, pianificando le fasi del lavoro consapevole del proprio modo di apprendere.
Mettere a punto strategie
IMPARARE A Confronta i risultati conseguiti in lingue diverse e le
anche di tipo Individua alcuni elementi culturali e coglie rapporti
IMPARARE strategie utilizzate per imparare.
organizzativo funzionali tra forme linguistiche e usi della lingua straniera.
(organizzare il Individua elementi culturali veicolati dalla lingua
all’apprendimento.
proprio materna o di scolarizzazione e li confronta con quelli
apprendimento) veicolati dalla lingua straniera.
Auto valutarsi. Riflette sul proprio lavoro per verificarne la
correttezza.
Formula semplici messaggi, orali e scritti, relativi alla L’alunno comprende oralmente e per iscritto i punti
sfera personale. essenziali di testi in lingua standard su argomenti
familiari o di studio che affronta normalmente a
Padroneggiare gli Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, scuola e nel tempo libero.
COMUNICARE E
strumenti espressivi e aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed
COMPRENDERE
argomentativi della elementi che si riferiscono a bisogni immediati. Descrive oralmente situazioni, racconta avvenimenti
comunicazione ed esperienze personali, espone argomenti di studio.
Comunica in modo comprensibile, anche con
espressioni e frasi memorizzate, in scambi di Interagisce con uno o più interlocutori in contesti
informazioni semplici e di routine. familiari e su argomenti noti.

60 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

L’alunno comprende brevi messaggi orali e testi Legge semplici testi con diverse strategie adeguate
scritti relativi ad ambiti familiari. allo scopo.

Acquisire ed interpretare Riflette sulla lingua e coglie rapporti tra forme Legge testi informativi e ascolta spiegazioni attinenti
l’informazione linguistiche e usi della L2. a contenuti di studio di altre discipline.

Scrive semplici resoconti e compone brevi lettere o


messaggi rivolti a coetanei e familiari.
Individua e utilizza strutture e lessico pertinenti al Affronta situazioni nuove attingendo al suo repertorio
Effettuare valutazioni del
contesto comunicativo. linguistico; usa la lingua per apprendere argomenti
contesto; riconoscervi
anche di ambiti disciplinari diversi e collabora
INDIVIDUARE E situazioni problematiche di
Svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua fattivamente con i compagni nella realizzazione di
RISOLVERE cui rilevare i dati
straniera dall’insegnante, chiedendo eventualmente attività e progetti.
PROBLEMI significativi
spiegazioni.
Sviluppare ragionamenti Coglie regolarità morfosintattiche.
interpretativi, pianificare e Riconosce l’appartenenza di nuovi vocaboli a
sperimentare strategie campi lessicali noti.
risolutive.

61 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ SECONDARIA
CURRICOLO IC
Affronta situazioni nuove attingendo al suo repertorio Organizzare il proprio lavoro in modo funzionale alla
AGIRE IN MODO linguistico. consegna.
AUTONOMO E Acquisire sicurezza e consapevolezza nell’operare.
RESPONSABILE Richiamare lessico e conoscenze pregresse in fase di warm up
e di verifica dei prerequisiti.
Usa la lingua per apprendere argomenti anche di ambiti Interagire con uno o più interlocutori utilizzando espressioni e
disciplinari diversi e collabora fattivamente con i compagni frasi adatte alle situazioni.
nella realizzazione di attività e progetti.
COLLABORARE E
PARTECIPARE
Individua elementi culturali veicolati dalla lingua materna o di
scolarizzazione e li confronta con quelli veicolati dalla lingua
straniera, senza atteggiamenti di rifiuto.

Autovaluta le competenze acquisite ed è consapevole del Rilevare semplici analogie o differenze tra comportamenti e
proprio modo di apprendere. usi legati a lingue diverse.

Confronta i risultati conseguiti in lingue diverse e le strategie Osservare la struttura delle frasi e mettere in relazione costrutti
utilizzate per imparare. e intenzioni comunicative.

Individua elementi culturali veicolati dalla lingua materna o di Ripercorre le fasi di lavoro di un progetto / attività svolta con
IMPARARE A
scolarizzazione e li confronta con quelli veicolati dalla lingua l'ausilio di sussidi verbali e non verbali;
IMPARARE
straniera.
(organizzare il
Confrontare parole e strutture relative a codici verbali diversi.
proprio
Riconoscere che cosa si è imparato e che cosa si deve
apprendimento)
imparare.

Riconoscere come si apprende e che cosa ostacola il proprio


apprendimento.

Riconoscere i propri errori e i propri modi di apprendere le


lingue.
COMUNICARE E L’alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali Gestire conversazioni di routine, facendo domande e
COMPRENDERE di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che scambiando idee e informazioni in situazioni quotidiane
affronta normalmente a scuola e nel tempo libero. prevedibili.

62 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Descrive oralmente situazioni, racconta avvenimenti ed Produrre risposte a questionari e formulare domande su testi.
esperienze personali, espone argomenti di studio.
Raccontare per iscritto esperienze, esprimendo sensazioni e
Interagisce con uno o più interlocutori in contesti familiari e su opinioni.
argomenti noti.
Scrivere brevi lettere personali adeguate al destinatario e brevi
resoconti che si avvalgano di lessico sostanzialmente
appropriato e di sintassi elementare.
Legge semplici testi con diverse strategie adeguate allo Leggere e individuare informazioni in brevi testi di uso
scopo. quotidiano e in lettere personali.

Legge testi informativi e ascolta spiegazioni attinenti a Leggere globalmente testi relativamente lunghi per trovare
contenuti di studio di altre discipline. informazioni specifiche relative ai propri interessi e a contenuti
di studio di altre discipline.
Scrive semplici resoconti e compone brevi lettere o messaggi
rivolti a coetanei e familiari. Leggere testi riguardanti istruzioni per l’uso di un oggetto, per
lo svolgimento di giochi, per attività collaborative.

Leggere brevi storie, semplici biografie e testi narrativi più ampi


in edizioni graduate.
Affronta situazioni nuove attingendo al suo repertorio Individuare e circoscrivere un problema.
linguistico; usa la lingua per apprendere argomenti anche di
ambiti disciplinari diversi e collabora fattivamente con i Riconoscere ed utilizzare correttamente, contestualizzandoli,
compagni nella realizzazione di attività e progetti. termini di base riferiti ai campi lessicali conosciuti
INDIVIDUARE E
RISOLVERE
Individuare informazioni mancanti e trovare strategie per
PROBLEMI
acquisirle (es.: information gap).

Identificare e comprendere l’errore nella correzione


individuale e/o collettiva.
Organizzare il proprio lavoro in modo funzionale, allo scopo di
rispettare la consegna.

63 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 2^ SECONDARIA
CURRICOLO IC
AGIRE IN MODO Affronta situazioni nuove attingendo al suo repertorio Chiedere spiegazioni e svolgere i compiti secondo le
AUTONOMO E linguistico indicazioni date in lingua straniera dall’insegnante.
RESPONSABILE
Usa la lingua per apprendere argomenti anche di ambiti Interagire con uno o più interlocutori in contesti familiari e su
disciplinari diversi e collabora fattivamente con i compagni argomenti noti.
nella realizzazione di attività e progetti.
COLLABORARE E
PARTECIPARE
Individua elementi culturali veicolati dalla lingua materna o di
scolarizzazione e li confronta con quelli veicolati dalla lingua
straniera, senza atteggiamenti di rifiuto.

Autovaluta le competenze acquisite ed è consapevole del Osservare la struttura di brevi frasi e mettere in relazione
proprio modo di apprendere. semplici costrutti e intenzioni comunicative.
Osservare le parole nei contesti d’uso e rilevare le eventuali
Confronta i risultati conseguiti in lingue diverse e le strategie variazioni di significato.
utilizzate per imparare.
IMPARARE A
Confrontare parole e strutture relative a codici verbali diversi.
IMPARARE
Individua elementi culturali veicolati dalla lingua materna o di
(organizzare il
scolarizzazione e li confronta con quelli veicolati dalla lingua
proprio
straniera.
apprendimento)
Riconoscere che cosa si è imparato e che cosa si deve
imparare.

Riconoscere i propri errori e i propri modi di apprendere le


lingue.
L’alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali Comunicare in attività che richiedono solo uno scambio di
di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali.
affronta normalmente a scuola e nel tempo libero.
COMUNICARE E Raccontare per iscritto esperienze, esprimendo sensazioni e
COMPRENDERE Descrive oralmente situazioni, racconta avvenimenti ed opinioni con frasi semplici seguendo un modello.
esperienze personali, espone argomenti di studio.

Interagisce con uno o più interlocutori in contesti familiari e su


argomenti noti.
64 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Legge semplici testi con diverse strategie adeguate allo Comprendere brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti
scopo. familiari.

Legge testi informativi e ascolta spiegazioni attinenti a Comprendere testi multimediali identificandone parole chiave
contenuti di studio di altre discipline. e senso generale.

Scrive semplici resoconti e compone brevi lettere o messaggi Comprendere testi semplici di contenuto familiare e di tipo
rivolti a coetanei e familiari. concreto e trovare informazioni specifiche in materiali di uso
corrente.
INDIVIDUARE E Affronta situazioni nuove attingendo al suo repertorio Dato un compito in situazione concreta, essere in grado di
RISOLVERE linguistico; usa la lingua per apprendere argomenti anche di assolverlo utilizzando le funzioni linguistiche apprese e
PROBLEMI ambiti disciplinari diversi e collabora fattivamente con i seguendo le indicazioni date.
compagni nella realizzazione di attività e progetti.

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
AGIRE IN MODO Svolge il lavoro assegnato in autonomia, rispettando termini e Utilizzare la L2 per svolgere in autonomia lavori assegnati.
AUTONOMO E consegne e verificandone la correttezza.
RESPONSABILE Sviluppare le capacità di autovalutazione.
Interagisce nel gioco; comunica in modo comprensibile, Interagire con un compagno per presentarsi e/o giocare,
COLLABORARE E anche con espressioni e frasi acquisite, in scambi di utilizzando espressioni e frasi acquisite adatte alla situazione.
PARTECIPARE informazioni semplici e di routine.
Collabora con i compagni nella realizzazione di attività Cooperare in un’attività, utilizzando strutture e lessico della L2 11
collettive/di gruppo, rispettando regole e ruoli condivisi.
Svolge il lavoro assegnato in autonomia, rispettando termini e Osservare parole ed espressioni nei contesti d’uso e coglierne i
consegne, pianificando le fasi del lavoro. rapporti di significato.
IMPARARE A
IMPARARE
Individua alcuni elementi culturali e coglie rapporti tra forme Trovare soluzioni, anche di tipo organizzativo, per svolgere
(organizzare il
linguistiche e usi della lingua straniera. un’attività in modo corretto.
proprio
Riflette sul proprio lavoro per verificarne la correttezza. Identificare e comprendere l’errore nella correzione
apprendimento)
individuale e/o collettiva.

11Esempio di attività: Finding the other half associare immagini a strutture linguistiche comunicando il L2 (es: immagine bambino che nuota + CAN = I can
swim)
65 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Riconoscere che cosa si è imparato e che cosa si deve


imparare.
Formula semplici messaggi, orali e scritti, relativi alla sfera Riferire semplici informazioni afferenti alla sfera personale,
personale. integrando il significato di ciò che si dice con mimica e gesti.

Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del Interagire in modo comprensibile utilizzando espressioni e frasi
proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si adatte alla situazione.
riferiscono a bisogni immediati.
Scrivere in forma comprensibile messaggi semplici e brevi per
COMUNICARE E
Comunica in modo comprensibile, anche con espressioni e presentarsi, per fare gli auguri, per ringraziare o invitare
COMPRENDERE
frasi memorizzate, in scambi di informazioni semplici e di qualcuno, per chiedere o dare notizie, ecc.
routine.
Comprende brevi messaggi orali e testi scritti relativi ad ambiti Leggere e comprendere brevi e semplici testi, accompagnati
familiari. preferibilmente da supporti visivi, cogliendo il loro significato
globale e identificando parole e frasi familiari.
Riflette sulla lingua e coglie rapporti tra forme linguistiche e usi
della L2. Riconoscere ed utilizzare correttamente, contestualizzandoli,
semplici termini di base riferiti ai campi lessicali conosciuti.
Individua e utilizza strutture e lessico pertinenti al contesto Scegliere strutture e lessico adeguati al contesto
comunicativo. comunicativo, orale/scritto, proposti.

Svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera Trovare soluzioni, anche di tipo organizzativo, per svolgere
INDIVIDUARE E dall’insegnante, chiedendo eventualmente spiegazioni. un’attività in modo corretto.
RISOLVERE Coglie regolarità morfosintattiche. Cogliere regole morfosintattiche desumendole dall’analisi del
PROBLEMI lessico acquisito ed utilizzato (Generalizzare).
Riconosce l’appartenenza di nuovi vocaboli a campi lessicali
noti. Riconoscere ed utilizzare correttamente, contestualizzandoli,
semplici termini di base riferiti ai campi lessicali conosciuti.

Organizzare materiali ed informazioni utilizzando testi, schemi,


tabelle e grafici.

66 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
AGIRE IN MODO Svolge il lavoro assegnato in autonomia, rispettando termini e Svolgere in autonomia lavori assegnati con indicazioni date
AUTONOMO E consegne e verificandone la correttezza. dall’insegnante in L2.
RESPONSABILE
Interagisce nel gioco; comunica in modo comprensibile, Interagire con un compagno per presentarsi e/o giocare,
COLLABORARE E anche con espressioni e frasi acquisite, in scambi di utilizzando espressioni e frasi convenzionali adatte alla
PARTECIPARE informazioni semplici e di routine. situazione.
Collabora con i compagni nella realizzazione di attività Cooperare in un’attività, utilizzando strutture e lessico della
collettive/di gruppo, rispettando regole e ruoli condivisi. L212 .
Svolge il lavoro assegnato in autonomia, rispettando termini e Trovare soluzioni, anche di tipo organizzativo, per svolgere
consegne, pianificando le fasi del lavoro. un’attività in modo corretto.
IMPARARE A
Individua alcuni elementi culturali e coglie rapporti tra forme Osservare parole ed espressioni nei contesti d’uso e coglierne
IMPARARE
linguistiche e usi della lingua straniera. i rapporti di significato.
(organizzare il
Riflette sul proprio lavoro per verificarne la correttezza. Identificare e comprendere l’errore nella correzione
proprio
individuale e/o collettiva.
apprendimento)
Riconoscere che cosa si è imparato e che cosa si deve
imparare.
Formula semplici messaggi, orali e scritti, relativi alla sfera Riferire semplici informazioni afferenti alla sfera personale,
personale. integrando il significato di ciò che si dice con mimica e gesti.

Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti Interagire in modo comprensibile utilizzando espressioni e frasi
del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si note-
riferiscono a bisogni immediati.
COMUNICARE E
Scrivere in forma comprensibile messaggi semplici e brevi,
COMPRENDERE
Comunica in modo comprensibile, anche con espressioni e utilizzando strutture conosciute.
frasi memorizzate, in scambi di informazioni semplici e di
routine.
Comprende brevi messaggi orali e testi scritti relativi ad ambiti Ascoltare e/o leggere e comprendere brevi e semplici testi,
familiari. accompagnati da supporti visivi, cogliendo il loro significato
globale e identificando parole e frasi familiari.

12 Esempio di attività: Memory, Bingo, costruzione di flashcards, giochi a squadre…


67 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Riflette sulla lingua e coglie rapporti tra forme linguistiche e usi Riconoscere ed utilizzare correttamente, contestualizzandoli,
della L2. semplici termini di base riferiti ai campi lessicali conosciuti.
Individua e utilizza strutture e lessico pertinenti al contesto Utilizzare lessico e alcune strutture note in semplici scambi
comunicativo. orali/scritti relativi alla sfera personale.

Svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera Svolgere i compiti secondo le indicazioni date in lingua
dall’insegnante, chiedendo eventualmente spiegazioni. straniera dall’insegnante, chiedendo eventualmente
INDIVIDUARE E
spiegazioni.
RISOLVERE
Coglie regolarità morfosintattiche. Organizzare materiali ed informazioni utilizzando schemi,
PROBLEMI
tabelle e grafici.
Riconosce l’appartenenza di nuovi vocaboli a campi lessicali
noti. Cogliere regole morfosintattiche desumendole dall’analisi del
lessico acquisito ed utilizzato (Generalizzare).

Riconoscere ed utilizzare correttamente, contestualizzandoli,


semplici termini di base riferiti ai campi lessicali conosciuti.

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 1^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
AGIRE IN MODO Svolge il lavoro assegnato in autonomia, rispettando termini e Rispondere con azioni corrette a semplici istruzioni di routine,
AUTONOMO E consegne e verificandone la correttezza. anche mediate da mimica e immagini.
RESPONSABILE
Interagisce nel gioco; comunica in modo comprensibile, Interagire con un compagno per presentarsi e/o giocare,
COLLABORARE E anche con espressioni e frasi acquisite, in scambi di utilizzando espressioni e frasi memorizzate adatte alla
PARTECIPARE informazioni semplici e di routine. situazione.
Collabora con i compagni nella realizzazione di attività Cooperare in un’attività, utilizzando strutture e lessico della
collettive/di gruppo, rispettando regole e ruoli condivisi. L213 .
Svolge il lavoro assegnato in autonomia, rispettando termini e Trovare soluzioni, anche di tipo organizzativo, per
consegne, pianificando le fasi del lavoro. svolgere un’attività in modo corretto.
IMPARARE A
IMPARARE
Individua alcuni elementi culturali e coglie rapporti tra forme Osservare parole ed espressioni nei contesti d’uso e coglierne
(organizzare il
linguistiche e usi della lingua straniera. i rapporti di significato.
proprio
Riflette sul proprio lavoro per verificarne la correttezza. Comprendere l’errore nella correzione individuale e/o
apprendimento)
collettiva.

13 Esempio di attività: Ripetizione di filastrocche, canzoni, partecipazione ad attività di TPR, Role playing…
68 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Comprendere che cosa si è imparato e che cosa si deve


imparare.
Formula semplici messaggi, orali e scritti, relativi alla sfera Comprendere parole e utilizzare semplici strutture per
personale. presentarsi, salutare, interagire in giochi.

Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti


del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si
riferiscono a bisogni immediati.

COMUNICARE E Comunica in modo comprensibile, anche con espressioni e


COMPRENDERE frasi memorizzate, in scambi di informazioni semplici e di
routine.
Comprende brevi messaggi orali e testi scritti relativi ad ambiti Ascoltare e comprendere brevi e semplici storie,
familiari. accompagnate da supporti visivi, cogliendo il loro significato
globale.
Riflette sulla lingua e coglie rapporti tra forme linguistiche e usi
della L2. Riconoscere ed utilizzare correttamente, contestualizzandoli,
semplici termini di base riferiti ai campi lessicali presentati
(colours, numbers, animals).
Individua e utilizza strutture e lessico pertinenti al contesto Utilizzare lessico e alcune strutture note in scambi di
comunicativo. informazioni (giochi, canti, chain games…).

Svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera


dall’insegnante, chiedendo eventualmente spiegazioni.
INDIVIDUARE E
Coglie regolarità morfosintattiche. Svolgere i compiti secondo le indicazioni date in lingua
RISOLVERE
straniera dall’insegnante, con il supporto di mimica e
PROBLEMI
Riconosce l’appartenenza di nuovi vocaboli a campi lessicali immagini.
noti.
Organizzare materiali ed informazioni utilizzando tabelle date
dall’insegnante.

Riconoscere ed utilizzare correttamente, contestualizzandoli,


semplici termini di base riferiti ai campi lessicali conosciuti.

OSSERVAZIONI - SCUOLA PRIMARIA


Restano da condividere alcune indicazioni metodologiche utili nella progettazione di attività funzionali al raggiungimento di obiettivi e traguardi indicati nel curricolo. Per
fornire un aiuto, in fase di stesura della progettazione annuale, riteniamo utile suggerire almeno alcuni CONTENUTI da proporre alle classi nel corso dei vari anni.

69 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

CLASSE PRIMA primaria CLASSE TERZA CLASSE QUINTA


Funzioni comunicative Funzioni comunicative Funzioni comunicative
- salutare - salutare, ringraziare, congedarsi; - salutare, ringraziare, congedarsi
- presentarsi e chiedere di presentarsi - presentarsi e chiedere di presentarsi - usare formule di cortesia
- contare da 0 a 10 - chiedere e dire com’è il tempo - esprimere/chiedere possesso e preferenze
- dire e chiedere l’età - conoscere i numeri da 0 a 100 - chiedere e dare informazioni su ciò che possiedono gli
- chiedere e dire il colore di un oggetto - chiedere e dare permessi; altri
- usare formule di cortesia - chiedere e dare informazioni personali; - dire e chiedere la provenienza e la nazionalità
- chiedere e dire il colore di un oggetto - chiedere ed esprimere possesso - chiedere e dire l’ora
- nominare gli oggetti della classe, indicare - descrivere ed individuare persone, luoghi, - descrivere la propria giornata
quelli che si posseggono oggetti e animali - chiedere e dire un prezzo
- riconoscere e nominare i membri della - dare indicazioni su ciò che si sa fare - fare acquisti
famiglia - formulare auguri - conoscere il nome dei negozi
- riconoscere e nominare le parti del corpo - riconoscere le lettere dell’alfabeto - chiedere e dare permessi
- denominare gli animali domestici - identificare cibi e bevande più comuni - chiedere e dare informazioni personali
- utilizzare espressioni legate alle principali - esprimere gusti e preferenze - descrivere ed individuare persone, luoghi, oggetti ed
festività - localizzare oggetti nello spazio animali
- comprendere ed eseguire istruzioni e - comprendere ed eseguire istruzioni e procedure - chiedere e fornire informazioni su azioni in corso di
procedure - produrre suoni e ritmi della L2 svolgimento
- produrre suoni e ritmi della L2 - localizzare oggetti e persone
- chiedere e dare indicazioni stradali
- identificare gli edifici pubblici
- chiedere e descrivere la capacità di fare qualcosa
- identificare i nomi di alimenti e bevande
- identificare le materie scolastiche
- utilizzare espressioni legate alle principali festività
- comprendere ed eseguire istruzioni e procedure
- produrre suoni e ritmi della L2
Campi lessicali relativi a: Campi lessicali relativi a: Campi lessicali relativi a:
- saluti - saluti - saluti
- età - tempo atmosferico - orologio
- colori - animali - parti della giornata a.m./ p.m.
- numeri - giochi e giocattoli - azioni della giornata
- oggetti scolastici - luoghi (casa, scuola) - materie scolastiche
- animali - oggetti scolastici - shopping
- parti del viso - cibi e pasti - negozi
- oggetti relativi alla classe - sport e passatempi - cibi e bevande
- famiglia - descrizione di persone (parti del corpo, - edifici pubblici
abbigliamento, stati d’animo…) - indicazioni stradali
- numeri - festività
- tempo atmosferico
- sport e passatempi
70 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- luoghi e ambienti
- nazioni e nazionalità
- indirizzo e numero di telefono
- descrizione di persone
Accenni delle principali strutture grammaticali, Accenni delle principali strutture grammaticali (ricezione e
(ricezione): produzione):

- uso del presente indicativo di: be, have, like - uso del presente indicativo di: be
- verbi modali: can - uso del presente indicativo di: have got, per indicare
- verbi di uso comune (have, be, wear) al simple possesso e have
present e present continuous - pronomi personali soggetto
- forma interrrogativa e negativa (be, have) - simple present e present continuos
- pronomi personali soggetto (i, you, he, she, it) - aggettivi qualificativi
- aggettivi possessivi (my, his, her) - aggettivi possessivo
- aggettivi qualificativi - genitive sassone
- question words (wh questions) (who, where, - pronomi interrogativi (who, where, what, how, when, why)
what, when, why) - uso di can can’t
- how - avverbi di frequenza
- avverbi di luogo
Accenni delle principali Strutture linguistiche Strutture linguistiche STRUTTURE LINGUISTICHE
Hi! / Hello / Goodbye / Bye-bye What’s the weather like? Good morning / Good afternoon / Good evening / Good
What’s your name? I’m … / My name is … How old are you? I’m... night
How old are you? I’m… years old What’s the matter? Who are you? Who’s he? He is…
Sit down! Stand up! Jump! … What’s your name? My name is… What’s the matter with you?
Please / Thank you What’s your surname? My surname is… Where do you live? I live in…
What colour is it? It’s… Who are you? I’m… Where are you from? I’m from…
Yes, it is / No, it isn’t What’s this? It’s… What nationality are you? I’m…
What number is it? It’s number… What colour is it? It’s What’s your address? My address is…
What’s your favourite…? My favourite … is…. How many...? What’s your phone number? My phone number is…
How many…? What’s your favourite…? My favourite… is…. What time is it? It’s………a.m./p.m.
What is it? It’s I’ve got … What time do you...? I … at…
I have got … Can you….? Yes, I can/No, I can’t; What time does she get up? She gets up at….
Open… Close the….! Do you like…? Yes, I do. Do you…. at….? Yes, I do / No, I don’t
Touch your… What’s your address? Where do you live? I live in…. What subjects do you like? I like… I’m good at…
What are you wearing? I’m wearing… What time is the English lesson? It’s at….
When is the English lesson? It’s on…
Where is the English lesson? It’s in……
Can you….? Yes, I can / No, I can’t
I can…. but I can’t…
How many…. are there?
There is …There are….
There isn’t…There aren’t…
71 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Have you got…? Yes, I have/No, I haven’t


I’ve got a… but I haven’t got a…
What are you doing? I’m reading
What is she doing? She is writing
Where is the post office, please? It’s near, behind, next to, in
front of…
How do you get to the….? Turn right…
What can you buy at the…? I can buy….
How much is it? How much are they?
Elementi di intercultura: Elementi di intercultura: Elementi di intercultura:
Principali tradizioni, festività e caratteristiche Principali tradizioni, festività e caratteristiche culturali Principali tradizioni, festività e caratteristiche culturali dei
culturali dei principali paesi anglofoni. dei principali paesi anglofoni principali paesi anglofoni

STORIA
CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012
DISCIPLINA: STORIA FINE PRIMARIA-FINE SECONDARIA DI 1° GRADO
COMPETENZE INDICATORI DI
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA
DEL CURRICOLO COMPETENZA DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA
1° GRADO
IC CURRICOLO IC
• Si assume le proprie responsabilità e chiede • L’alunno si informa in modo autonomo su fatti e
aiuto quando si trova in difficoltà. problemi storici anche mediante l’uso di risorse
• Si assume l’impegno dello studio e sa digitali.
AGIRE IN MODO
Assumere ruoli e impegni esporre/produrre semplici testi storici, anche con • Ha spirito di iniziativa ed è capace di produrre
AUTONOMO E
nell’esperienza scolastica risorse digitali. idee e progetti creativi.
RESPONSABILE
• Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto
quando si trova in difficoltà e sa fornire aiuto a chi
lo chiede.
Instaurare relazioni positive • Ha cura e rispetto di sé e degli altri. • Ha cura e rispetto di sé e degli altri come
e rispettare • È consapevole della necessità di una presupposto di uno stile di vita sano e corretto.
COLLABORARE
consapevolmente le convivenza civile. • È consapevole della necessità del rispetto di una
E PARTECIPARE
regole della convivenza convivenza civile, pacifica e solidale.
Assumere comportamenti • Si impegna a portare a compimento il lavoro • Si impegna per portare a compimento il lavoro
cooperativi iniziato individualmente o insieme ad altri. iniziato, da solo o insieme ad altri.

72 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Usa la linea del tempo per organizzare • Conosce aspetti e processi fondamentali della
informazioni, conoscenze, periodi e individuare storia europea medievale, moderna e
successioni, contemporaneità, durate, contemporanea, anche con possibilità di aperture
periodizzazioni. e confronti con il mondo antico.
Mettere a punto strategie
• Organizza le conoscenze usando alcune • Conosce aspetti e processi fondamentali della
anche di tipo
categorie (aspetti dell’organizzazione sociale, storia mondiale, dalla civilizzazione neolitica alla
organizzativo funzionali
politico-istituzionale, economica, artistica, rivoluzione industriale, alla globalizzazione.
all’apprendimento.
culturale, …) • Conosce aspetti e processi essenziali della storia
• Confronta i quadri storici ricostruiti e/o studiati. del suo ambiente.
IMPARARE A
• Usa carte geo-storiche anche con l’ausilio di • Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano
IMPARARE
strumenti informatici. e dell’umanità e li sa mettere in relazione con i
(organizzare il
• Riflette sul proprio lavoro e valuta i risultati fenomeni storici studiati.
proprio
conseguiti. • Conosce aspetti e processi essenziali della storia
apprendimento)
del suo ambiente.
• Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano
e dell’umanità e li sa mettere in relazione con i
Auto valutarsi. fenomeni storici studiati.
• In relazione alle proprie potenzialità e al proprio
talento si esprime e dimostra interesse per l’ambito
storico.
• È disposto ad analizzare se stesso e a misurarsi con
le novità e gli imprevisti.
Padroneggiare gli • Racconta i fatti studiati e sa produrre semplici • Comprende testi storici e li sa rielaborare con un
strumenti espressivi e testi storici, anche con risorse digitali. personale metodo di studio
argomentativi della • Produce descrizioni e narrazioni degli aspetti del • Espone oralmente e con scritture – anche digitali –
comunicazione passato ricostruiti e/o studiati. le conoscenze storiche acquisite operando
• Riconosce elementi significativi del passato del collegamenti e argomentando le proprie riflessioni.
suo ambiente di vita. • Comprende aspetti, processi e avvenimenti
COMUNICARE E • Riconosce e esplora in modo via via più fondamentali della storia italiana dalle forme di
COMPRENDERE approfondito le tracce storiche presenti nel insediamento e di potere medievali alla
territorio e comprende l’importanza del formazione dello stato unitario fino alla nascita
Acquisire ed interpretare
patrimonio artistico e culturale. della Repubblica, anche con possibilità di
l’informazione
• Comprende i testi storici proposti e sa aperture e confronti con il mondo antico.
individuarne le caratteristiche.
• Comprende avvenimenti, fatti e fenomeni delle
società e civiltà che hanno caratterizzato la
storia dell’umanità dal paleolitico alla fine del

73 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

mondo antico con possibilità di apertura e di


confronto con la contemporaneità.

Effettuare valutazioni del • Usa le fonti per ricavare informazioni utili a • Produce informazioni storiche con fonti di vario
contesto; riconoscervi ricostruire aspetti del passato. genere – anche digitali – e le sa organizzare in
situazioni problematiche di • Organizza le informazioni e le conoscenze, testi.
cui rilevare i dati tematizzando e usando le concettualizzazioni • Usa le conoscenze e le abilità per orientarsi nella
significativi pertinenti. complessità del presente, comprende opinioni e
INDIVIDUARE E
• Individua le relazioni tra gruppi umani e contesti culture diverse, capisce i problemi fondamentali
RISOLVERE
spaziali. del mondo contemporaneo.
PROBLEMI
• Conosce aspetti e processi fondamentali della
Sviluppare ragionamenti
storia europea medievale, moderna e
interpretativi, pianificare e
contemporanea, anche con possibilità di aperture
sperimentare strategie
e confronti con il mondo antico.
risolutive.
• Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano
e dell’umanità e li sa mettere in relazione con i
fenomeni storici studiati.

COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA 1°


OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ SECONDARIA
CURRICOLO IC GRADO
USO DELLE FONTI
• Usare fonti di diverso tipo (documentarie, iconografiche,
• L’alunno si informa in modo autonomo su fatti e problemi
narrative, materiali, orali, digitali, ecc.) per produrre
storici anche mediante l’uso di risorse digitali.
AGIRE IN MODO conoscenze su temi definiti.
• Ha spirito di iniziativa ed è capace di produrre idee e
AUTONOMO E ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI
progetti creativi.
RESPONSABILE • Collocare la storia locale in relazione con la storia italiana,
• Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto quando
europea, mondiale.
si trova in difficoltà e sa fornire aiuto a chi lo chiede.
• Formulare e verificare ipotesi sulla base delle informazioni
prodotte e delle conoscenze elaborate.
• Ha cura e rispetto di sé e degli altri come presupposto di PRODUZIONE SCRITTA E ORALE
uno stile di vita sano e corretto. • Produrre testi, utilizzando conoscenze selezionate da fonti di
COLLABORARE E
• È consapevole della necessità del rispetto di una informazione diverse, manualistiche e non, cartacee e
PARTECIPARE
convivenza civile, pacifica e solidale. digitali
• Si impegna per portare a compimento il lavoro iniziato, • Argomentare su conoscenze e concetti appresi usando il
da solo o insieme ad altri. linguaggio specifico della disciplina.

74 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI


• Selezionare e organizzare le informazioni con mappe,
schemi, tabelle, grafici e risorse digitali.
• Costruire grafici e mappe spazio-temporali, per organizzare
le conoscenze studiate.
• Conosce aspetti e processi fondamentali della storia ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI
europea medievale, moderna e contemporanea, • Selezionare e organizzare le informazioni con mappe,
anche con possibilità di aperture e confronti con il schemi, tabelle, grafici e risorse digitali.
mondo antico. • Costruire grafici e mappe spazio-temporali, per organizzare
• Conosce aspetti e processi fondamentali della storia le conoscenze studiate.
mondiale, dalla civilizzazione neolitica alla rivoluzione • Collocare la storia locale in relazione con la storia italiana,
industriale, alla globalizzazione. europea, mondiale.
• Conosce aspetti e processi essenziali della storia del suo
IMPARARE A ambiente. PRODUZIONE SCRITTA E ORALE
IMPARARE • Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano e • Produrre testi, utilizzando conoscenze selezionate da fonti di
(organizzare il dell’umanità e li sa mettere in relazione con i fenomeni informazione diverse, manualistiche e non, cartacee e
proprio storici studiati. digitali
apprendimento) • Conosce aspetti e processi essenziali della storia del suo • Argomentare su conoscenze e concetti appresi usando il
ambiente. linguaggio specifico della disciplina.
• Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano e
dell’umanità e li sa mettere in relazione con i fenomeni
storici studiati.
• In relazione alle proprie potenzialità e al proprio talento si
esprime e dimostra interesse per l’ambito storico.
• È disposto ad analizzare se stesso e a misurarsi con le
novità e gli imprevisti.
• Comprende testi storici e li sa rielaborare con un USO DELLE FONTI
personale metodo di studio • Usare fonti di diverso tipo (documentarie, iconografiche,
• Espone oralmente e con scritture – anche digitali – le narrative, materiali, orali, digitali, ecc.) per produrre
conoscenze storiche acquisite operando collegamenti e conoscenze su temi definiti.
COMUNICARE E argomentando le proprie riflessioni. STRUMENTI CONCETTUALI
COMPRENDERE • Comprende aspetti, processi e avvenimenti • Comprendere aspetti e strutture dei processi storici italiani,
fondamentali della storia italiana dalle forme di europei e mondiali.
insediamento e di potere medievali alla formazione dello • Conoscere il patrimonio culturale collegato con i temi
stato unitario fino alla nascita della Repubblica, anche affrontati.
con possibilità di aperture e confronti con il mondo
antico.

75 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Produce informazioni storiche con fonti di vario genere – STRUMENTI CONCETTUALI


anche digitali – e le sa organizzare in testi. • Usare le conoscenze apprese per comprendere problemi
• Usa le conoscenze e le abilità per orientarsi nella ecologici, interculturali e di convivenza civile.
complessità del presente, comprende opinioni e culture
INDIVIDUARE E diverse, capisce i problemi fondamentali del mondo
RISOLVERE contemporaneo.
PROBLEMI • Conosce aspetti e processi fondamentali della storia
europea medievale, moderna e contemporanea,
anche con possibilità di aperture e confronti con il
mondo antico.
• Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano e
dell’umanità e li sa mettere in relazione con i fenomeni
storici studiati.

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 2^ SECONDARIA
CURRICOLO IC
• L’alunno si informa in modo autonomo su fatti e USO DELLE FONTI
problemi storici anche mediante l’uso di risorse digitali. • Usare fonti di diverso tipo (documentarie, iconografiche,
AGIRE IN MODO • Ha spirito di iniziativa ed è capace di produrre idee e narrative, materiali, orali, digitali, ecc.) per produrre
AUTONOMO E progetti creativi. conoscenze su temi definiti.
RESPONSABILE • Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto quando ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI
si trova in difficoltà e sa fornire aiuto a chi lo chiede. • Collocare la storia locale in relazione con la storia italiana,
europea, mondiale.
• Ha cura e rispetto di sé e degli altri come presupposto di PRODUZIONE SCRITTA E ORALE
uno stile di vita sano e corretto. • Produrre testi, utilizzando conoscenze selezionate da fonti di
• È consapevole della necessità del rispetto di una informazione diverse, manualistiche e non, cartacee e digitali
convivenza civile, pacifica e solidale. • Espone su conoscenze e concetti appresi usando il linguaggio
COLLABORARE E
• Si impegna per portare a compimento il lavoro iniziato, specifico della disciplina.
PARTECIPARE
da solo o insieme ad altri. ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI
• Selezionare e organizzare le informazioni con mappe, schemi,
tabelle, grafici e risorse digitali.
• Costruire schemi spazio-temporali, per organizzare le
conoscenze studiate.

76 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Conosce aspetti e processi fondamentali della storia ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI


europea medievale, moderna e contemporanea, • Selezionare le informazioni con mappe, schemi, tabelle,
anche con possibilità di aperture e confronti con il grafici e risorse digitali.
mondo antico. • Costruire grafici e mappe spazio-temporali, per organizzare le
• Conosce aspetti e processi fondamentali della storia conoscenze studiate.
mondiale, dalla civilizzazione neolitica alla rivoluzione • Comprende l'importanza storica del territorio
industriale, alla globalizzazione.
• Conosce aspetti e processi essenziali della storia del suo PRODUZIONE SCRITTA E ORALE
IMPARARE A ambiente. • Si orienta tra le conoscenze cogliendo il dato storico da fonti
IMPARARE • Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano e di informazione diverse, manualistiche e non, cartacee e
(organizzare il dell’umanità e li sa mettere in relazione con i fenomeni digitali
proprio storici studiati. • Riferisce su conoscenze e concetti appresi usando il
apprendimento) • Conosce aspetti e processi essenziali della storia del suo linguaggio specifico della disciplina.
ambiente.
• Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano e
dell’umanità e li sa mettere in relazione con i fenomeni
storici studiati.
• In relazione alle proprie potenzialità e al proprio talento
si esprime e dimostra interesse per l’ambito storico.
• È disposto ad analizzare se stesso e a misurarsi con le
novità e gli imprevisti.
• Comprende testi storici e li sa rielaborare con un USO DELLE FONTI
personale metodo di studio • Usare fonti di diverso tipo (documentarie, iconografiche,
• Espone oralmente e con scritture – anche digitali – le narrative, materiali, orali, digitali, ecc.) per produrre
conoscenze storiche acquisite operando collegamenti conoscenze su temi definiti.
COMUNICARE E e argomentando le proprie riflessioni.
COMPRENDERE • Comprende aspetti, processi e avvenimenti STRUMENTI CONCETTUALI
fondamentali della storia italiana dalle forme di • Coglie aspetti e strutture dei processi storici appresi
insediamento e di potere medievali alla formazione • Conoscere il patrimonio culturale
dello stato unitario fino alla nascita della Repubblica,
anche con possibilità di aperture e confronti con il
mondo antico.
INDIVIDUARE E • Produce informazioni storiche con fonti di vario genere – STRUMENTI CONCETTUALI
RISOLVERE anche digitali – e le sa organizzare in testi. Usare le conoscenze apprese per rilevare problemi ecologici,
PROBLEMI • Usa le conoscenze e le abilità per orientarsi nella interculturali e di convivenza civile.
complessità del presente, comprende opinioni e culture
Usare le conoscenze apprese per comprendere problemi

77 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

diverse, capisce i problemi fondamentali del mondo ecologici, interculturali e di convivenza civile.
contemporaneo.
• Conosce aspetti e processi fondamentali della storia
europea medievale, moderna e contemporanea,
anche con possibilità di aperture e confronti con il
mondo antico.
• Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano e
dell’umanità e li sa mettere in relazione con i fenomeni
storici studiati.

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
Si assume le proprie responsabilità e chiede aiuto ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
AGIRE IN MODO quando si trova in difficoltà. Organizzare le conoscenze secondo i concetti acquisiti.
AUTONOMO E
RESPONSABILE Si assume l’impegno dello studio e sa esporre/produrre PRODUZIONE
semplici testi storici, anche con risorse digitali. Esporre gli argomenti studiati usando il lessico specifico.
Ha cura e rispetto di sé e degli altri. Adottare comportamenti di Cittadinanza attiva e partecipazione
democratica.
COLLABORARE E
È consapevole della necessità di una convivenza
PARTECIPARE
civile.
Si impegna a portare a compimento il lavoro iniziato Nel gruppo assumere il proprio ruolo e contribuire allo svolgimento e
individualmente o insieme ad altri. al raggiungimento del compito assegnato.
Usa la linea del tempo per organizzare informazioni, SAPERE TEMPORALE
conoscenze, periodi e individuare successioni, a. Riconoscere relazioni di: successione, contemporaneità, causa-
contemporaneità, durate, periodizzazioni. effetto.
b. Riconoscere strutture temporali caratterizzate da ciclicità e
IMPARARE A Organizza le conoscenze usando alcune categorie ricorsività.
IMPARARE (aspetti dell’organizzazione sociale, politico- c. Usare la cronologia storica propria del sistema convenzionale di
(organizzare il istituzionale, economica, artistica, culturale, …) datazione occidentale (prima e dopo Cristo, numerazione
proprio romana dei secoli) e comprendere i sistemi di misura del tempo
apprendimento) Confronta i quadri storici ricostruiti e/o studiati. storico di altre civiltà.
d. Utilizzare la linea del tempo per:
Usa carte geo-storiche anche con l’ausilio di strumenti • collocare in successione civiltà, fatti ed eventi storici;
informatici. • individuare i periodi di sviluppo delle civiltà considerate;

78 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• calcolare le durate dei periodi evidenziando gli eventi che ne


determinano l’inizio e la fine;
• riconoscere i rapporti di contemporaneità tra civiltà collocate in
diversi contesti geografici.
ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
• Selezionare le informazioni, classificarle e organizzarle in base al
tema o ai temi da trattare.
• Usare (in forma semplice) alcuni concetti fondamentali per la
comprensione dei quadri storici (società, economia,
organizzazione politica, cultura, …)
• Cogliere le relazioni più significative tra gli aspetti sociali,
economici, politici, culturali, … di una civiltà.
• Organizzare le conoscenze secondo i concetti acquisiti.
ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
PRODUZIONE
• Collocare nello spazio le civiltà indagate usando le carte geo-
storiche e individuare i possibili nessi tra gli aspetti caratteristici
della civiltà e il territorio d’insediamento.
• Iniziare a personalizzare un metodo di studio.
Riflette sul proprio lavoro e valuta i risultati conseguiti. Inizia a valutare il proprio apprendimento.
Racconta i fatti studiati e sa produrre semplici testi ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
storici, anche con risorse digitali. PRODUZIONE
Descrivere aspetti di civiltà usando le informazioni raccolte.
Produce descrizioni e narrazioni degli aspetti del PRODUZIONE
passato ricostruiti e/o studiati. Narrare/esporre gli aspetti del passato ricostruiti e gli argomenti
studiati tenendo conto della datazione e delle relazioni di
successione e di contemporaneità.
COMUNICARE E ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE/PRODUZIONE
COMPRENDERE Usare i termini specifici del linguaggio disciplinare.
PRODUZIONE
Costruire in forma scritta semplici testi storiografici.
Riconosce elementi significativi del passato del suo USO DELLE FONTI
ambiente di vita. • Leggere e analizzare fonti di diverso tipo (orali, materiali, scritte,
iconografiche, museali, architettoniche, …) per ricavare da esse
Riconosce e esplora in modo via via più approfondito informazioni esplicite, implicite, inferenziali funzionali alla ricerca.
le tracce storiche presenti nel territorio e comprende
l’importanza del patrimonio artistico e culturale.
79 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Usare testi informativi di diverso genere (manualistici e non,


Comprende i testi storici proposti e sa individuarne le cartacei e digitali) per rilevare, classificare, organizzare
caratteristiche. informazioni relative agli aspetti presi in esame.
PRODUZIONE
Comprende avvenimenti, fatti e fenomeni delle Mettere in relazione/intrecciare le informazioni acquisite e
società e civiltà che hanno caratterizzato la storia generalizzarle per elaborare semplici testi informativi a tema.
dell’umanità dal paleolitico alla fine del mondo antico ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
con possibilità di apertura e di confronto con la • Essere consapevole che, all’origine di ogni enunciato storico, ci
contemporaneità. sono fonti.
• Acquisire la comprensione del fatto che la ricostruzione storica è
sempre parziale e che perciò richiede un approccio critico e
costruttivo.
• Riconoscere le tracce storiche presenti sul territorio e
comprendere l’importanza del patrimonio artistico e culturale.
Usa le fonti per ricavare informazioni utili a ricostruire ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
aspetti del passato. PRODUZIONE
Selezionare le informazioni, classificarle e organizzarle in base ai temi
Organizza le informazioni e le conoscenze, da trattare.
tematizzando e usando le concettualizzazioni ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
pertinenti. Cogliere le relazioni più significative tra gli aspetti sociali, economici,
politici, culturali, …di una civiltà.
ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
PRODUZIONE
INDIVIDUARE E Confrontare aspetti caratterizzanti le diverse società studiate, anche
RISOLVERE in rapporto al presente e valorizzando gli elementi di diversità
PROBLEMI culturale.
Individua le relazioni tra gruppi umani e contesti SAPERE TEMPORALE
spaziali. Individuare gli elementi di permanenza e di mutamento presenti in un
periodo.
ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
Usare (in forma semplice) alcuni concetti fondamentali per la
comprensione dei quadri storici (società, economia, organizzazione
politica, cultura, …).
PRODUZIONE
Elaborare rappresentazioni sintetiche delle civiltà studiate, mettendo
in rilievo le relazioni fra gli elementi che maggiormente le
caratterizzano (anche usando risorse digitali).

80 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
Si assume le proprie responsabilità e chiede aiuto ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
AGIRE IN MODO quando si trova in difficoltà. Rappresentare graficamente e verbalmente le attività, i fatti vissuti
AUTONOMO E e narrati.
RESPONSABILE Si assume l’impegno dello studio e sa esporre/produrre PRODUZIONE
semplici testi storici, anche con risorse digitali. Riferire in modo semplice e coerente le conoscenze acquisite.
Ha cura e rispetto di sé e degli altri. Adottare comportamenti di Cittadinanza attiva (avvio)
COLLABORARE E È consapevole della necessità di una convivenza civile.
PARTECIPARE Si impegna a portare a compimento il lavoro iniziato Nel gruppo assumere il proprio ruolo e contribuire allo svolgimento
individualmente o insieme ad altri. e al raggiungimento del compito assegnato (secondo indicazioni
date dall’insegnante).
Usa la linea del tempo per organizzare informazioni, SAPERE TEMPORALE
conoscenze, periodi e individuare successioni, a. Riconoscere relazioni di successione e di contemporaneità,
contemporaneità, durate, periodizzazioni. durate, periodi, cicli temporali, mutamenti, in fenomeni ed
esperienze vissute e narrate.
Organizza le conoscenze usando alcune categorie b. Comprendere la funzione e l’uso degli strumenti convenzionali
(aspetti dell’organizzazione sociale, politico-istituzionale, per la misurazione e la rappresentazione del tempo (linea
economica, artistica, culturale, …) temporale).
IMPARARE A c. Operare con gli indicatori temporali.
IMPARARE Confronta i quadri storici ricostruiti e/o studiati. d. Utilizzare la linea del tempo per:
(organizzare il → collocare in successione fatti ed eventi storici;
proprio Usa carte geo-storiche anche con l’ausilio di strumenti → individuare i periodi indagati;
apprendimento) informatici. → confrontare le durate dei periodi considerati

ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE


Collocare nello spazio le realtà indagate usando le carte geo-
storiche e iniziare a cogliere i possibili nessi tra gli aspetti
caratteristici delle comunità e le proprietà geografiche del
territorio d’insediamento.
Riflette sul proprio lavoro e valuta i risultati conseguiti.

81 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Racconta i fatti studiati e sa produrre semplici testi storici, ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE/PRODUZIONE
anche con risorse digitali. • Seguire e comprendere vicende storiche attraverso l’ascolto o
lettura di testi dell’antichità, di storie, racconti
Produce descrizioni e narrazioni degli aspetti del passato • Rappresentare le informazioni relative ai periodi indagati
ricostruiti e/o studiati. raccolte e apprese utilizzando disegni, tabelle, semplici testi,
cartelloni di sintesi, testi scritti e con risorse digitali
• Narrare gli aspetti del passato ricostruiti tenendo conto della
datazione, dando rilievo alle relazioni di successione
• Usare i termini specifici del linguaggio disciplinare.
Riconosce elementi significativi del passato del suo USO DELLE FONTI
COMUNICARE E ambiente di vita. • Individuare le fonti utili a ricostruire un periodo del passato
COMPRENDERE recente (storia personale, della generazione degli adulti, della
Riconosce e esplora in modo via via più approfondito le comunità di appartenenza)
tracce storiche presenti nel territorio e comprende • Leggere fonti di diverso tipo (orali, materiali, scritte,
l’importanza del patrimonio artistico e culturale. iconografiche, museali, architettoniche, …) e ricavare da esse
informazioni dirette e indirette.
Comprende i testi storici proposti e sa individuarne le • Confrontare fonti di vario genere e le utilizzare per elaborare
caratteristiche. semplici descrizioni relative agli aspetti presi in esame.
• Avviare una prima classificazione delle fonti.
Comprende avvenimenti, fatti e fenomeni delle società e • Intuire che, all’origine di ogni enunciato storico, ci sono fonti.
civiltà che hanno caratterizzato la storia dell’umanità dal • Riconoscere le tracce storiche presenti sul territorio e
paleolitico alla fine del mondo antico con possibilità di comprendere l’importanza del patrimonio artistico e culturale.
apertura e di confronto con la contemporaneità.
Usa le fonti per ricavare informazioni utili a ricostruire ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
aspetti del passato. PRODUZIONE
• Avviarsi nella selezione di informazioni utili e organizzale in base
Organizza le informazioni e le conoscenze, tematizzando al tema o ai temi da trattare.
INDIVIDUARE E e usando le concettualizzazioni pertinenti. • Avviarsi ad un’iniziale costruzione del concetto di società
RISOLVERE legato alle categorie di gruppo, regole, ruoli, ambiente.
PROBLEMI • Individuare analogie e differenze attraverso il confronto tra
quadri storico-sociali diversi, lontani nello spazio e nel tempo.
Individua le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali. SAPERE TEMPORALE
Individuare gli elementi di permanenza e di mutamento presenti in
un periodo.
ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
Organizzare le conoscenze acquisite in semplici schemi temporali.

82 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

83 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 1^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
Si assume le proprie responsabilità e chiede aiuto quando PRODUZIONE
AGIRE IN MODO si trova in difficoltà. Produrre semplici narrazioni di esperienze.
AUTONOMO E
RESPONSABILE Si assume l’impegno dello studio e sa esporre/produrre
semplici testi storici, anche con risorse digitali.
Ha cura e rispetto di sé e degli altri. • Acquisire i concetti di gruppo, regole, lavoro/ruolo e scambio,
facendo riferimento al proprio vissuto e alle esperienze
COLLABORARE E
È consapevole della necessità di una convivenza civile. condivise a scuola con i compagni.
PARTECIPARE
• Rispettare le regole di convivenza civile.
Si impegna a portare a compimento il lavoro iniziato
individualmente o insieme ad altri.
Usa la linea del tempo per organizzare informazioni, SAPERE TEMPORALE
conoscenze, periodi e individuare successioni, Acquisire i concetti temporali riportati di seguito e operare con gli
contemporaneità, durate, periodizzazioni. indicatori ad essi connessi.
Successione
Organizza le conoscenze usando alcune categorie • Riconoscere relazioni di successione in fenomeni ed
(aspetti dell’organizzazione sociale, politico-istituzionale, esperienze vissute e narrate.
economica, artistica, culturale, …) • Costruire/ricostruire una sequenza di fatti disponendoli in
ordine cronologico.
Confronta i quadri storici ricostruiti e/o studiati. • Utilizzare in modo adeguato gli indicatori temporali della
IMPARARE A successione (prima, adesso, dopo, infine, ...).
IMPARARE Usa carte geo-storiche anche con l’ausilio di strumenti Contemporaneità
(organizzare il informatici. • Riconoscere relazioni di contemporaneità in fenomeni ed
proprio esperienze vissute e narrate.
apprendimento) • Utilizzare in modo adeguato gli indicatori temporali della
contemporaneità (mentre, contemporaneamente, intanto
nello stesso tempo, ...).
Periodo
• Riconoscere/distinguere segmenti temporali relativi a
esperienze vissute personalmente e con la classe.
Durata
• Comprendere che le durate sono misurabili.
• Definire e rappresentare la durata di attività, di fatti vissuti e
narrati, utilizzando strumenti e unità di misura non convenzionali.
84 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Definire la durata in giorni/settimane/mesi di periodi riferiti a


esperienze vissute.
• Confrontare le durate dei periodi considerati.
Ciclo
• Riconoscere i cicli temporali in fenomeni ed esperienze vissute
e narrate (dì/notte, giorni della settimana, mesi, stagioni).
Memorizzare la sequenza ciclica dei giorni della settimana, dei
mesi e delle stagioni.
Riflette sul proprio lavoro e valuta i risultati conseguiti.
Racconta i fatti studiati e sa produrre semplici testi storici, PRODUZIONE
anche con risorse digitali. • Produrre semplici narrazioni di aspetti del passato vissuto
tenendo conto delle relazioni logiche e temporali che
Produce descrizioni e narrazioni degli aspetti del passato intercorrono tra i fatti.
ricostruiti e/o studiati. • Raccontare in modo coerente fatti ed esperienze vissute.
• Descrivere/ricostruire attraverso immagini e disegni una
sequenza di fatti o di azioni.
• Utilizzare in modo corretto il lessico specifico (indicatori
temporali, termini della relazione causale, connettivi logici, …).
Riconosce elementi significativi del passato del suo USO DELLEFONTI
COMUNICARE E ambiente di vita. • Ricavare e produrre informazioni da tracce per elaborare la
COMPRENDERE conoscenza del passato vissuto.
Riconosce e esplora in modo via via più approfondito le • Raccogliere testimonianze e tracce riferite a fatti accaduti
tracce storiche presenti nel territorio e comprende nel passato più recente.
l’importanza del patrimonio artistico e culturale. • Comprendere la funzione delle tracce per ricostruire:
- una situazione passata
Comprende i testi storici proposti e sa individuarne le - una successione di fatti.
caratteristiche.
• Produrre informazioni esplicite e pertinenti attraverso l’analisi
Comprende avvenimenti, fatti e fenomeni delle società e delle tracce di attività svolte nel passato.
civiltà che hanno caratterizzato la storia dell’umanità dal
paleolitico alla fine del mondo antico con possibilità di
apertura e di confronto con la contemporaneità.
INDIVIDUARE E Usa le fonti per ricavare informazioni utili a ricostruire ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
RISOLVERE aspetti del passato. Acquisire concetti utili alla comprensione del passato
PROBLEMI
Organizza le informazioni e le conoscenze, tematizzando
e usando le concettualizzazioni pertinenti.

85 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Individua le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali. ORGANIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE
• Acquisire il concetto di trasformazione: riconoscere mutamenti
e permanenze in fenomeni ed esperienze vissute e narrate
• Acquisire il concetto di causa/effetto: individuare possibili
cause di un evento e immaginare i possibili effetti di un fatto o
di un’azione.

GEOGRAFIA
CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012
DISCIPLINA: GEOGRAFIA FINE PRIMARIA-FINE SECONDARIA DI 1° GRADO
INDICATORI DI
COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^
COMPETENZA DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC SECONDARIA 1° GRADO
CURRICOLO IC
3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali,
raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli
elementi significativi e le emergenze storiche,
artistiche e architettoniche, come patrimonio
Assumere ruoli e
AGIRE IN MODO naturale e culturale da tutelare e valorizzare.
impegni
AUTONOMO E
nell’esperienza
RESPONSABILE 4) Osserva, legge e analizza sistemi territoriali
scolastica
vicini e lontani, nello spazio e nel tempo e valuta
gli effetti di azioni dell’uomo sui sistemi territoriali
alle diverse scale geografiche.

3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali,


Instaurare relazioni
raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli
positive e rispettare
elementi significativi e le emergenze storiche,
consapevolmente le
COLLABORARE E artistiche e architettoniche, come patrimonio
regole della
PARTECIPARE naturale e culturale da tutelare e valorizzare.
convivenza
Assumere 1) Lo studente si orienta nello spazio e sulle carte
comportamenti di diversa scala in base ai punti cardinali e alle
cooperativi coordinate geografiche; sa orientare una carta
86 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

geografica a grande scala, facendo ricorso a


punti di riferimento fissi.

1) L'alunno si orienta nello spazio circostante e sulle 2) Utilizza opportunamente carte geografiche,
carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici, fotografie attuali e d’epoca, immagini satellitari,
punti cardinali elaborazioni digitali, grafici, dati statistici, sistemi
Mettere a punto 2) Utilizza il linguaggio della geo-graficità per informativi, geografici, per comunicare
strategie anche di tipo interpretare carte geografiche e globo terrestre, efficacemente informazioni spaziali.
IMPARARE A
organizzativo funzionali realizzare semplici schizzi cartografici e carte 3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali,
IMPARARE
all’apprendimento. tematiche, progettare percorsi e itinerari di viaggio. raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli
(organizzare il
3) Ricava informazioni geografiche da una pluralità elementi significativi e le emergenze storiche,
proprio
di fonti (cartografiche e satellitari, fotografiche, artistiche e architettoniche, come patrimonio
apprendimento)
artistico-letterarie). naturale e culturale da tutelare e valorizzare.
7) Si rende conto che lo spazio geografico è un
sistema territoriale, costituito da elementi fisici e
Auto valutarsi.
antropici legati da rapporti di connessione e/o
interdipendenza
2) Utilizza il linguaggio della geo-graficità per
interpretare carte geografiche e globo terrestre 2) Utilizza opportunamente carte geografiche,
realizzare semplici schizzi cartografici e carte fotografie attuali e d’ epoca, immagini satellitari,
Padroneggiare gli
tematiche, progettare percorsi e itinerari di viaggio. elaborazioni digitali, grafici, dati statistici, sistemi
strumenti espressivi e
informativi, geografici, per comunicare
argomentativi della
4)Riconosce e denomina i principali “oggetti” efficacemente informazioni spaziali.
comunicazione
geografici fisici (fiumi, monti, pianure, coste, colline,
COMUNICARE E laghi, mari, oceani, ecc.)
COMPRENDERE
3) Ricava informazioni geografiche da una pluralità 4) Osserva, legge e analizza sistemi territoriali vicini
di fonti (cartografiche e satellitari, fotografiche, e lontani, nello spazio e nel tempo e valuta gli
artistico-letterarie). effetti di azioni dell’uomo sui sistemi territoriali alle
Acquisire ed
diverse scale geografiche.
interpretare
7) Si rende conto che lo spazio geografico è un
l’informazione
sistema territoriale, costituito da elementi fisici e
antropici legati da rapporti di connessione e/o di
interdipendenza.
INDIVIDUARE E Effettuare valutazioni 1) L'alunno si orienta nello spazio circostante e sulle 3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali,
RISOLVERE del contesto; carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici, raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli
PROBLEMI riconoscervi situazioni punti cardinali elementi significativi e le emergenze storiche,

87 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

problematiche di cui artistiche e architettoniche, come patrimonio


rilevare i dati 5) Individua i caratteri che connotano i paesaggi (di naturale e culturale da tutelare e valorizzare.
significativi montagna, collina, pianura, vulcanici, ecc.) con
particolare attenzione a quelli italiani e individua 4) Osserva, legge e analizza sistemi territoriali
analogie e differenze con i principali paesaggi vicini e lontani, nello spazio e nel tempo e valuta
europei e di altri continenti gli effetti di azioni dell’uomo sui sistemi territoriali
alle diverse scale geografiche.
6) Coglie nei paesaggi mondiali della storia le
progressive trasformazioni operate dall’uomo sul
paesaggio naturale

Sviluppare 2) Utilizza il linguaggio della geo-graficità per 2) Utilizza opportunamente carte geografiche,
ragionamenti interpretare carte geografiche e globo terrestre fotografie attuali e d’ epoca, immagini satellitari,
interpretativi, realizzare semplici schizzi cartografici e carte elaborazioni digitali, grafici, dati statistici, sistemi
pianificare e tematiche, progettare percorsi e itinerari di viaggio. informativi, geografici per progettare e realizzare
sperimentare strategie ricerche e relazioni su ambienti e paesaggi di
risolutive. interesse naturalistico e/o antropico.

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ SECONDARIA
CURRICOLO IC

3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali, LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ


raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli elementi – Leggere e interpretare vari tipi di carte geografiche (da
significativi e le emergenze storiche, artistiche e quella topografica al planisfero), utilizzando scale di
AGIRE IN MODO architettoniche, come patrimonio naturale e culturale riduzione, coordinate geografiche e simbologia.
AUTONOMO E da tutelare e valorizzare. – Utilizzare strumenti tradizionali (carte, grafici, dati
RESPONSABILE statistici, immagini, ecc.) e innovativi (teleri-levamento e
4) Osserva, legge e analizza sistemi territoriali vicini e cartografia computerizzata) per comprendere e
lontani, nello spazio e nel tempo e valuta gli effetti di comunicare fatti e fenomeni territoriali.
azioni dell’uomo sui sistemi territoriali alle diverse scale
geografiche.
PAESAGGIO
3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali, -Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi
COLLABORARE E
raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli elementi italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro
PARTECIPARE
significativi e le emergenze storiche, artistiche e evoluzione nel tempo mettendo in relazione informazioni
architettoniche, come patrimonio naturale e culturale di tipo geografico con l’evoluzione storico-economica
da tutelare e valorizzare. delle diverse macro-regioni mondiali.
88 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

-Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio


come patrimonio naturale e culturale e pro-gettare
azioni di valorizzazione
1) Lo studente si orienta nello spazio e sulle carte di ORIENTAMENTO
diversa scala in base ai punti cardinali e alle coordinate – Orientarsi sulle carte e orientare le carte a grande
geografiche; sa orientare una carta geografica a scala in base ai punti cardinali (anche con
grande scala, facendo ricorso a punti di riferimento fissi. l’utilizzo della bussola) e a punti di riferimento fissi per
ricavare informazioni di natura fisica, politica,
economica e climatica ….
– Orientarsi nelle realtà territoriali lontane, anche
attraverso l’utilizzo dei programmi multimediali di
visualizzazione dall’alto (Google earth e Google Maps).
ORIENTAMENTO
2) Utilizza opportunamente carte geografiche, – Orientarsi sulle carte e orientare le carte a grande
fotografie attuali e d’epoca, immagini satellitari, scala in base ai punti cardinali (anche con l’utilizzo della
elaborazioni digitali, grafici, dati statistici, sistemi bussola) e a punti di riferimento fissi per ricavare
informativi, geografici, per comunicare efficacemente informazioni di natura fisica, politica, economica e
informazioni spaziali. climatica ….
– Orientarsi nelle realtà territoriali lontane, anche
attraverso l’utilizzo dei programmi multimediali di
visualizzazione dall’alto (Google earth e Google Maps).

IMPARARE A LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ


IMPARARE 3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali, – Leggere e interpretare vari tipi di carte geografiche (da
(organizzare il raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli elementi quella topografica al planisfero), utilizzando scale di
proprio significativi e le emergenze storiche, artistiche e riduzione, coordinate geografiche e simbologia.
apprendimento) architettoniche, come patrimonio naturale e culturale – Utilizzare strumenti tradizionali (carte, grafici, dati
da tutelare e valorizzare. statistici, immagini, ecc.) e innovativi (teleri-levamento e
cartografia computerizzata) per comprendere e
comunicare fatti e fenomeni territoriali.

PAESAGGIO
- Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi
italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro
evoluzione nel tempo mettendo in relazione informazioni
di tipo geografico con l’evoluzione storico-economica
delle diverse macro-regioni mondiali.

89 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio


come patrimonio naturale e culturale e progettare azioni
di valorizzazione.

2) Utilizza opportunamente carte geografiche, LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ


fotografie attuali e d’ epoca, immagini satellitari, – Leggere e interpretare vari tipi di carte geografiche (da
elaborazioni digitali, grafici, dati statistici, sistemi quella topografica al planisfero), utilizzando scale di
informativi, geografici, per comunicare efficacemente riduzione, coordinate geografiche e simbologia.
informazioni spaziali. – Utilizzare strumenti tradizionali (carte, grafici, dati
statistici, immagini, ecc.) e innovativi (teleri-levamento e
cartografia computerizzata) per comprendere e
comunicare fatti e fenomeni territoriali.
4) Osserva, legge e analizza sistemi territoriali vicini e PAESAGGIO
lontani, nello spazio e nel tempo e valuta gli effetti di - Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi
azioni dell’uomo sui sistemi territoriali alle diverse scale italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro
geografiche. evoluzione nel tempo mettendo in relazione informazioni
di tipo geografico con l’evoluzione storico-economica
delle diverse macro-regioni mondiali.
COMUNICARE E
COMPRENDERE
- Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio
come patrimonio naturale e culturale e progettare azioni
di valorizzazione

REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE


- Consolidare il concetto di regione geografica (fisica,
climatica, storica, economica) applicandolo allo studio
delle differenti aree continentali.
- - Analizzare in termini di spazio le interrelazioni tra fatti e
fenomeni demografici, sociali ed economici di portata
mondiale.
- - Utilizzare modelli interpretativi di assetti territoriali dei
principali Paesi appartenenti ad altre aree continentali,
anche in relazione alla loro evoluzione storico-politico-
economica.
INDIVIDUARE E ORIENTAMENTO
1) Lo studente si orienta nello spazio e sulle carte di
RISOLVERE PROBLEMI – Orientarsi sulle carte e orientare le carte a grande
diversa scala in base ai punti cardinali e alle coordinate
scala in base ai punti cardinali (anche con l’utilizzo della
90 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

geografiche; sa orientare una carta geografica a bussola) e a punti di riferimento fissi per ricavare
grande scala, facendo ricorso a punti di riferimento fissi. informazioni di natura fisica, politica, economica e
climatica ….
3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali, – Orientarsi nelle realtà territoriali lontane, anche
raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli elementi attraverso l’utilizzo dei programmi multimediali di
significativi e le emergenze storiche, artistiche e visualizzazione dall’alto (Google earth e Google Maps).
architettoniche, come patrimonio naturale e culturale
da tutelare e valorizzare. PAESAGGIO
- Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi
4) Osserva, legge e analizza sistemi territoriali vicini e italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro
lontani, nello spazio e nel tempo e valuta gli effetti di evoluzione nel tempo mettendo in relazione informazioni
azioni dell’uomo sui sistemi territoriali alle diverse scale di tipo geografico con l’evoluzione storico-economica
geografiche. delle diverse macro-regioni mondiali.
- Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio
come patrimonio naturale e culturale e progettare azioni
di valorizzazione

REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE


- - Analizzare in termini di spazio le interrelazioni tra fatti e
fenomeni demografici, sociali ed economici di portata
mondiale.
- - Utilizzare modelli interpretativi di assetti territoriali dei
principali Paesi appartenenti ad altre aree continentali,
anche in relazione alla loro evoluzione storico-politico-
economica.
2) Utilizza opportunamente carte geografiche, ORIENTAMENTO
fotografie attuali e d’ epoca, immagini satellitari, – Orientarsi sulle carte e orientare le carte a grande
elaborazioni digitali, grafici, dati statistici, sistemi scala in base ai punti cardinali (anche con l’utilizzo della
informativi, geografici per progettare e realizzare bussola) e a punti di riferimento fissi per ricavare
ricerche e relazioni su ambienti e paesaggi di interesse informazioni di natura fisica, politica, economica e
naturalistico e/o antropico. climatica….
– Orientarsi nelle realtà territoriali lontane, anche
attraverso l’utilizzo dei programmi multimediali di
visualizzazione dall’alto (Google earth e Google Maps).

PAESAGGIO

91 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio


come patrimonio naturale e culturale e progettare azioni
di valorizzazione

REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE


- - Consolidare il concetto di regione geografica (fisica,
climatica, storica, economica) applicandolo ad
ambienti e paesaggi appartenenti ad aree continentali
di particolare interesse naturalistico e/o antropico.

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 2^ SECONDARIA
CURRICOLO IC

3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali, LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ


raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli elementi – Leggere e interpretare vari tipi di carte geografiche (da
significativi e le emergenze storiche, artistiche e quella topografica al planisfero), utilizzando scale di
AGIRE IN MODO architettoniche, come patrimonio naturale e culturale da riduzione, coordinate geografiche e simbologia.
AUTONOMO E tutelare e valorizzare. – Utilizzare strumenti tradizionali (carte, grafici, dati
RESPONSABILE statistici, immagini, ecc.) e innovativi (teleri-levamento e
4) Osserva, legge e analizza sistemi territoriali vicini e cartografia computerizzata) per comprendere e
lontani, nello spazio e nel tempo e valuta gli effetti di comunicare fatti e fenomeni territoriali.
azioni dell’uomo sui sistemi territoriali alle diverse scale
geografiche.
PAESAGGIO
-Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi
3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali,
italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro
raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli elementi
evoluzione nel tempo mettendo in relazione informazioni
significativi e le emergenze storiche, artistiche e
di tipo geografico con l’evoluzione storico-economica
architettoniche, come patrimonio naturale e culturale da
COLLABORARE E delle diverse macro-regioni italiane ed europee.
tutelare e valorizzare.
PARTECIPARE -Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio
italiano ed europeo come patrimonio naturale e
culturale e pro-gettare azioni di valorizzazione.
1) Lo studente si orienta nello spazio e sulle carte di ORIENTAMENTO
diversa scala in base ai punti cardinali e alle coordinate – Orientarsi sulle carte e orientare le carte a grande
geografiche; sa orientare una carta geografica a scala in base ai punti cardinali (anche con
grande scala, facendo ricorso a punti di riferimento fissi.

92 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

l’utilizzo della bussola) e a punti di riferimento fissi per


ricavare informazioni di natura fisica, politica,
economica e climatica…….
– Orientarsi nelle realtà territoriali lontane, anche
attraverso l’utilizzo dei programmi multimediali di
visualizzazione dall’alto ( Google earth e Google Maps).
ORIENTAMENTO
2) Utilizza opportunamente carte geografiche, fotografie – Orientarsi sulle carte e orientare le carte a grande
attuali e d’epoca, immagini satellitari, elaborazioni scala in base ai punti cardinali (anche con l’utilizzo della
digitali, grafici, dati statistici, sistemi informativi, geografici, bussola) e a punti di riferimento fissi per ricavare
per comunicare efficacemente informazioni spaziali. informazioni di natura fisica, politica, economica e
climatica…….
– Orientarsi nelle realtà territoriali lontane, anche
attraverso l’utilizzo dei programmi multimediali di
visualizzazione dall’alto (Google earth e Google Maps).

3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali, LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ


raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli elementi –- Leggere e interpretare vari tipi di carte geografiche
significativi e le emergenze storiche, artistiche e (da quella topografica al planisfero), utilizzando scale di
IMPARARE A architettoniche, come patrimonio naturale e culturale da riduzione, coordinate geografiche e simbologia.
IMPARARE tutelare e valorizzare. – Utilizzare strumenti tradizionali (carte, grafici, dati
(organizzare il statistici, immagini, ecc.) e innovativi (teleri-levamento e
proprio cartografia computerizzata) per comprendere e
apprendimento)
comunicare fatti e fenomeni territoriali.

PAESAGGIO
- Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi
italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro
evoluzione nel tempo mettendo in relazione informazioni
di tipo geografico con l’evoluzione storico-economica
delle diverse macro-regioni macro-regioni italiane ed
europee.
- Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio
come patrimonio naturale e culturale e progettare azioni
di valorizzazione.

93 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ


2) Utilizza opportunamente carte geografiche, fotografie
– Leggere e interpretare vari tipi di carte geografiche (da
attuali e d’ epoca, immagini satellitari, elaborazioni
quella topografica al planisfero), utilizzando scale di
digitali, grafici, dati statistici, sistemi informativi, geografici,
riduzione, coordinate geografiche e simbologia.
per comunicare efficacemente informazioni spaziali.
– Utilizzare strumenti tradizionali (carte, grafici, dati
statistici, immagini, ecc.) e innovativi (teleri-levamento e
cartografia computerizzata) per comprendere e
comunicare fatti e fenomeni territoriali.
4) Osserva, legge e analizza sistemi territoriali vicini e PAESAGGIO
lontani, nello spazio e nel tempo e valuta gli effetti di - Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi
azioni dell’uomo sui sistemi territoriali alle diverse scale italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro
geografiche. evoluzione nel tempo mettendo in relazione informazioni
di tipo geografico con l’evoluzione storico-economica
delle diverse macro-regioni macro-regioni italiane ed
COMUNICARE E
europee.
COMPRENDERE
- Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio
come patrimonio naturale e culturale e progettare azioni
di valorizzazione

REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE


- - Consolidare il concetto di regione geografica (fisica,
climatica, storica, economica) applicandolo all’Italia e
all’Europa.
- - Analizzare in termini di spazio le interrelazioni tra fatti e
fenomeni demografici, sociali ed economici di portata
nazionale ed europea.
- - Utilizzare modelli interpretativi di assetti territoriali dei
principali Paesi europei, anche in relazione alla loro
evoluzione storico-politico-economica.
1) Lo studente si orienta nello spazio e sulle carte di ORIENTAMENTO
INDIVIDUARE E diversa scala in base ai punti cardinali e alle coordinate – Orientarsi sulle carte e orientare le carte a grande
RISOLVERE geografiche; sa orientare una carta geografica a scala in base ai punti cardinali (anche con l’utilizzo della
PROBLEMI grande scala, facendo ricorso a punti di riferimento fissi. bussola) e a punti di riferimento fissi per ricavare
informazioni di natura fisica, politica, economica e
3) Riconosce nei paesaggi europei e mondiali, climatica…….
raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli elementi

94 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

significativi e le emergenze storiche, artistiche e – Orientarsi nelle realtà territoriali lontane, anche
architettoniche, come patrimonio naturale e culturale da attraverso l’utilizzo dei programmi multimediali di
tutelare e valorizzare. visualizzazione dall’alto (Google earth e Google Maps).

4) Osserva, legge e analizza sistemi territoriali vicini e PAESAGGIO


lontani, nello spazio e nel tempo e valuta gli effetti di - Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi
azioni dell’uomo sui sistemi territoriali alle diverse scale italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro
geografiche. evoluzione nel tempo mettendo in relazione informazioni
di tipo geografico con l’evoluzione storico-economica
delle diverse macro-regioni macro-regioni italiane ed
europee.

- Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio


come patrimonio naturale e culturale e progettare azioni
di valorizzazione

REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE


- - Analizzare in termini di spazio le interrelazioni tra fatti e
fenomeni demografici, sociali ed economici di portata
nazionale ed europea.
- - Utilizzare modelli interpretativi di assetti territoriali dei
principali Paesi europei, anche in relazione alla loro
evoluzione storico-politico-economica.
2) Utilizza opportunamente carte geografiche, fotografie ORIENTAMENTO
attuali e d’ epoca, immagini satellitari, elaborazioni – Orientarsi sulle carte e orientare le carte a grande
digitali, grafici, dati statistici, sistemi informativi, geografici scala in base ai punti cardinali (anche con l’utilizzo della
per progettare e realizzare ricerche e relazioni su bussola) e a punti di riferimento fissi per ricavare
ambienti e paesaggi di interesse naturalistico e/o informazioni di natura fisica, politica, economica e
antropico. climatica…….
– Orientarsi nelle realtà territoriali lontane, anche
attraverso l’utilizzo dei programmi multimediali di
visualizzazione dall’alto (Google earth e Google Maps).
PAESAGGIO
- Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio
come patrimonio naturale e culturale e progettare azioni
di valorizzazione
REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE

95 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- - Consolidare il concetto di regione geografica (fisica,


climatica, storica, economica) applicandolo ad
ambienti e paesaggi dell’Italia e dell’Europa di
particolare interesse naturalistico e/o antropico.

CONTENUTI RISPETTO A TUTTI GLI


COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 5^
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E DIVISI
CURRICOLO IC CLASSE 5^ PRIMARIA PRIMARIA
PER NUCLEI TEMATICI
-
AGIRE IN MODO
ORIENTAMENTO
AUTONOMO E
- I punti cardinali
RESPONSABILE
- La struttura e l’utilizzo della bussola
COLLABORARE E - - Varie tipologie di carte
PARTECIPARE geografiche
- - La posizione e la rappresentazione
1) L'alunno si orienta nello spazio ORIENTAMENTO dell’Italia.
circostante e sulle carte - Orientarsi utilizzando la bussola e i punti - Il reticolo geografico ( meridiani e
geografiche, utilizzando cardinali anche in relazione al Sole. paralleli).
riferimenti topologici, punti - Estendere le proprie carte mentali al - La carta delle Regioni italiane e
cardinali territorio italiano, all’Europa e ai diversi dello Stato italiano nel continente
continenti, attraverso gli strumenti europeo.
2) Utilizza il linguaggio della geo- dell’osservazione indiretta (filmati e - Il planisfero.
graficità per interpretare carte fotografie, documenti cartografici, - La funzione e i modi di utilizzo
geografiche e globo terrestre, immagini da telerilevamento, elaborazioni dell’atlante geografico.
IMPARARE A
realizzare semplici schizzi digitali, ecc.).
IMPARARE
cartografici e carte tematiche, LINGUAGGIO DELLA GEO-
(organizzare il
progettare percorsi e itinerari di - Si orienta sulle carte geografiche GRAFICITA’
proprio
viaggio. utilizzando il reticolato geografico - Fatti e fenomeni locali e globali
apprendimento)
(meridiani e paralleli) - Le Regioni italiane sulla carta fisica
3) Ricava informazioni e politica.
geografiche da una pluralità di -Le macroregioni italiane: Nord,
fonti (cartografiche e satellitari, LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ Centro, Sud e Isole.
fotografiche, artistico-letterarie). - Utilizzare semplici carte tematiche, grafici - Fenomeni, avvenimenti e problemi
e tabelle per interpretare dati geografici. dell’Italia in rapporto alla
dimensione europea.
– Analizzare i principali caratteri fisici del - Il lessico specifico.
territorio, fatti e fenomeni locali e globali,

96 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

interpretando carte geografiche di diversa IL PAESAGGIO


scala, carte tematiche, grafici, elaborazioni - I principali elementi geografici fisici
digitali, repertori statistici relativi a indicatori e antropici dell’Italia
socio-demografici ed economici. - Gli elementi fisici e antropici che
– Localizzare sulla carta geografica caratterizzano il paesaggio urbano
dell’Italia le regioni fisiche, storiche e della propria città.
amministrative; loca-lizzare sul planisfero e - Temi e problemi di tutela
sul globo la posizione dell’Italia in Europa e dell’ambiente e comportamenti
nel mondo. eco-sostenibili
– Localizzare le regioni fisiche principali e i
grandi caratteri dei diversi continenti e degli REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE
oceani. - Alcune Regioni amministrative
7) Si rende conto che lo spazio - Individuare problemi relativi alla tutela e italiane nei diversi aspetti.
geografico è un sistema valorizzazione del patrimonio naturale e - I problemi ambientali e i sistemi di
territoriale, costituito da elementi culturale, proponendo soluzioni idonee nel salvaguardia dell’ambiente e del
fisici e antropici legati da rapporti proprio contesto di vita. territorio.
di connessione e/o - Gli organi di governo europeo e le
interdipendenza organizzazioni internazionali ( UE,
2) Utilizza il linguaggio della geo- LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ ONU, FAO, UNESCO…..).
graficità per interpretare carte - Utilizzare semplici carte tematiche, grafici
geografiche e globo terrestre e tabelle per interpretare dati geografici.
realizzare semplici schizzi
cartografici e carte tematiche, PAESAGGIO
progettare percorsi e itinerari di – Conoscere gli elementi che caratterizzano
viaggio. i principali paesaggi italiani, europei e
mondiali, individuando le analogie e le
COMUNICARE E 4)Riconosce e denomina i differenze (anche in relazione ai quadri
COMPRENDERE principali “oggetti” geografici socio-storici del passato) e gli elementi di
fisici (fiumi, monti, pianure, coste, particolare valore ambientale e culturale
colline, laghi, mari, oceani, ecc.) da tutelare e valorizzare.

3) Ricava informazioni - PAESAGGIO


geografiche da una pluralità di – Conoscere gli elementi che caratterizzano
fonti (cartografiche e satellitari, i principali paesaggi italiani, europei e
fotografiche, artistico-letterarie). mondiali, individuando le analogie e le
differenze (anche in relazione ai quadri
socio-storici del passato) e gli elementi di

97 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

particolare valore ambientale e culturale


da tutelare e valorizzare.

7) Si rende conto che lo spazio LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ


geografico è un sistema - Analizzare i principali caratteri fisici del
territoriale, costituito da elementi territorio, fatti e fenomeni locali e globali,
fisici e antropici legati da rapporti interpretando carte geografiche di diversa
di connessione e/o di scala, carte tematiche, grafici, elaborazioni
interdipendenza. digitali, repertori statistici relativi a indicatori
socio-demografici ed economici.
- Localizzare sulla carta geografica
dell’Italia le regioni fisiche, storiche e
amministrative; localizzare sul planisfero e sul
globo la posizione dell’Italia in Europa e nel
mondo.
– Localizzare le regioni fisiche principali e i
grandi caratteri dei diversi continenti e degli
oceani

REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE


Acquisire il concetto di regione geografica
(fisica, climatica, storico-culturale,
amministrativa) e utilizzarlo a partire dal
contesto italiano
1) L'alunno si orienta nello spazio ORIENTAMENTO
circostante e sulle carte - Orientarsi utilizzando la bussola e i punti
geografiche, utilizzando cardinali anche in relazione al Sole.
riferimenti topologici, punti - Estendere le proprie carte mentali al
INDIVIDUARE E
cardinali territorio italiano, all’Europa e ai diversi
RISOLVERE
continenti, attraverso gli strumenti
PROBLEMI
5) Individua i caratteri che dell’osservazione indiretta (filmati e
connotano i paesaggi (di fotografie, documenti
montagna, collina, pianura, - Si orienta sulle carte geografiche
vulcanici, ecc.) con particolare utilizzando il reticolato geografico (meridiani
attenzione a quelli italiani e e paralleli)
individua analogie e differenze PAESAGGIO

98 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

con i principali paesaggi europei – Conoscere gli elementi che caratterizzano


e di altri continenti i principali paesaggi italiani, europei e
mondiali, individuando le analogie e le
6) Coglie nei paesaggi mondiali differenze (anche in relazione ai quadri
della storia le progressive socio-storici del passato) e gli elementi di
trasformazioni operate dall’uomo particolare valore ambientale e culturale
sul paesaggio naturale da tutelare e valorizzare.
2) Utilizza il linguaggio della geo- REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE
graficità per interpretare carte - Individuare problemi relativi alla tutela e
geografiche e globo terrestre valorizzazione del patrimonio naturale e
realizzare semplici schizzi culturale, proponendo soluzioni idonee nel
cartografici e carte tematiche, proprio contesto di vita.
progettare percorsi e itinerari di
viaggio.

CONTENUTI RISPETTO A TUTTI GLI


COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E
CURRICOLO IC PRIMARIA PRIMARIA
DIVISI PER NUCLEI TEMATICI
AGIRE IN MODO - ORIENTAMENTO
AUTONOMO E - Gli indicatori topologici (
RESPONSABILE sopra/sotto, avanti/dietri,
- sinistra/destra….).
COLLABORARE E - Le varie tipologie di carte:
PARTECIPARE mappa e pianta, topografica,
-
geografica.
1) L'alunno si orienta nello spazio ORIENTAMENTO - La struttura e l’utilizzo della
circostante e sulle carte geografiche, bussola.
- Muoversi consapevolmente nello spazio
utilizzando riferimenti topologici, punti - Le coordinate geografiche.
circostante, orientandosi attraverso punti
IMPARARE A cardinali
di riferimento, utilizzando gli indicatori LINGUAGGIO DELLA GEO-
IMPARARE
(organizzare il 2) Utilizza il linguaggio della geo-graficità topologici (avanti, dietro, sinistra, destra, GRAFICITA’
proprio per interpretare carte geografiche e ecc …) e le mappe di spazi noti che si - Fatti e fenomeni locali.
apprendimento) globo terrestre, realizzare semplici schizzi formano nella mente (carte mentali). - Acquisizione di elementari
cartografici e carte tematiche, nozioni di cartografia.
progettare percorsi e itinerari di viaggio. - Riduzione in scala non
LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITA’
convenzionale.

99 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

3) Ricava informazioni geografiche da -Rappresentare in prospettiva verticale


una pluralità di fonti (cartografiche e oggetti, ambienti noti (pianta dell’aula), PAESAGGIO
satellitari, fotografiche, artistico- ecc…) e tracciare percorsi effettuati - Gli elementi fisici e antropici
letterarie). che caratterizzano i diversi
nello spazio circostante.
paesaggi (montagna, collina,
- Leggere ed interpretare la pianta dello pianura, costieri ...).
spazio vicino -Gli elementi fisici e antropici
7) Si rende conto che lo spazio - Riconoscere, nel proprio ambiente di che caratterizzano il paesaggio
geografico è un sistema territoriale, vita, le funzioni dei vari spazi e le loro urbano della propria città.
costituito da elementi fisici e antropici connessioni, gli interventi positivi e - Temi e problemi di tutela
legati da rapporti di connessione e/o negativi dell’uomo e progettare dell’ambiente e
interdipendenza soluzioni, esercitando la cittadinanza comportamenti eco-sostenibili
attiva.
2) Utilizza il linguaggio della geo-graficità TERRITORIO E REGIONE
per interpretare carte geografiche e LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITA’ - Il quartiere e la città.
globo terrestre realizzare semplici schizzi -Rappresentare in prospettiva verticale - I problemi ambientali e i
cartografici e carte tematiche, sistemi di tutela e di
oggetti, ambienti noti (pianta dell’aula),
progettare percorsi e itinerari di viaggio. salvaguardia dell’ambiente e
ecc…) e tracciare percorsi effettuati
del territorio (inquinamento,
4)Riconosce e denomina i principali nello spazio circostante. dissesto idrogeologico, parchi
“oggetti” geografici fisici (fiumi, monti, naturali…..).
pianure, coste, colline, laghi, mari,
oceani, ecc.)
3) Ricava informazioni geografiche da LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITA’
COMUNICARE E
una pluralità di fonti (cartografiche e - Leggere ed interpretare la pianta, la
COMPRENDERE
satellitari, fotografiche, artistico- carta topografica e le fotografie aeree
letterarie). dello spazio vicino

7) Si rende conto che lo spazio PAESAGGIO


geografico è un sistema territoriale, - Conoscere il territorio circostante e il
costituito da elementi fisici e antropici paesaggio urbano della propria città
legati da rapporti di connessione e/o di attraverso l’approccio percettivo e
interdipendenza. l’osservazione diretta
- Individuare e descrivere gli elementi
fisici e antropici che caratterizzano i
paesaggi dell’ambiente di vita della
propria regione

100 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Cogliere le relazioni più significative tra


l’ambiente, le sue risorse e le condizioni
di vita dell’uomo (conseguenze
negative e positive)

REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE


- Comprendere che il territorio è uno
spazio organizzato e modificato dalle
attività umane
- Riconoscere, nel proprio ambiente di
vita, le funzioni dei vari spazi e le loro
connessioni, gli interventi positivi e
negativi dell’uomo.
1) L'alunno si orienta nello spazio ORIENTAMENTO
circostante e sulle carte geografiche, - Individuare una posizione e ricostruire /
utilizzando riferimenti topologici, punti progettare un percorso su semplici
cardinali geografiche utilizzando gli indicatori
topologici
5) Individua i caratteri che connotano i PAESAGGIO
paesaggi (di montagna, collina, pianura, - Indagare alcune problematiche
vulcanici, ecc.) con particolare ambientali e mettere in pratica
attenzione a quelli italiani e individua comportamenti eco-sostenibili nel
analogie e differenze con i principali proprio ambiente di vita
INDIVIDUARE E
paesaggi europei e di altri continenti
RISOLVERE
REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE
PROBLEMI
6) Coglie nei paesaggi mondiali della - Riconoscere, nel proprio ambiente di
storia le progressive trasformazioni vita, le funzioni dei vari spazi e le loro
operate dall’uomo sul paesaggio connessioni, gli interventi positivi e
naturale negativi dell’uomo e progettare
soluzioni esercitando la cittadinanza
attiva
2) Utilizza il linguaggio della geo-graficità ORIENTAMENTO
per interpretare carte geografiche e - Individuare una posizione e ricostruire /
globo terrestre realizzare semplici schizzi progettare un percorso su semplici
cartografici e carte tematiche, geografiche utilizzando gli indicatori
progettare percorsi e itinerari di viaggio. topologici

101 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

PAESAGGIO
- Indagare alcune problematiche
ambientali e mettere in pratica
comportamenti eco-sostenibili nel
proprio ambiente di vita

REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE


- Riconoscere, nel proprio ambiente di
vita, le funzioni dei vari spazi e le loro
connessioni, gli interventi positivi e
negativi dell’uomo e progettare
soluzioni esercitando la cittadinanza
attiva

CONTENUTI RISPETTO A TUTTI GLI


COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E
CURRICOLO IC PRIMARIA 1^ PRIMARIA
DIVISI PER NUCLEI TEMATICI
AGIRE IN MODO - ORIENTAMENTO
AUTONOMO E - Gli indicatori topologici
RESPONSABILE (sopra/sotto, avanti/dietro ...)
- - Confine, regione interna ed
COLLABORARE E esterna.
PARTECIPARE - Gli spazi vissuti: l’aula, la scuola,
- la casa.
- Percorsi vari in base a indicatori
1) L'alunno si orienta nello spazio ORIENTAMENTO topologici.
circostante e sulle carte geografiche, - Usare gli indicatori topologici (sopra 7 - Rappresentazioni grafiche di
utilizzando riferimenti topologici, punti sotto, destra / sinistra, davanti / spazi e ambienti del proprio
IMPARARE A cardinali dietro…) per segnalare la propria vissuto (il disegno in pianta).
IMPARARE posizione o quella di un compagno - Semplici mappe e percorsi
(organizzare il 2) Utilizza il linguaggio della geo-graficità - Lessico specifico.
proprio per interpretare carte geografiche e LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITA’
apprendimento) globo terrestre, realizzare semplici schizzi - Riprodurre graficamente posizioni IL LINGUAGGIO DELLA GEO-
cartografici e carte tematiche, relative assunte in uno spazio GRAFICITA’
progettare percorsi e itinerari di viaggio. conosciuto

102 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

3) Ricava informazioni geografiche da - Rappresentare in pianta (visione - Carta mentale degli spazi
una pluralità di fonti (cartografiche e dall’alto di piccoli oggetti, ambienti noti vissuti quotidianamente (aula,
satellitari, fotografiche, artistico- e percorsi esperibili ...) casa ...)
letterarie). - Rappresentazioni (immagini,
fotografie ... ) che raffigurino
7) Si rende conto che lo spazio elementi e spazi da diversi punti
geografico è un sistema territoriale, di vista
costituito da elementi fisici e antropici - Posizioni statiche e dinamiche
legati da rapporti di connessione e/o dell’io nello spazio, rispetto ad
interdipendenza altre persone ed oggetti;
2) Utilizza il linguaggio della geo-graficità LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITA’ posizione di oggetti tra loro.
per interpretare carte geografiche e - Riprodurre graficamente posizioni - Immagine zenitale di piccoli
globo terrestre realizzare semplici schizzi relative assunte in uno spazio oggetti e spazi vissuti.
cartografici e carte tematiche, conosciuto - Simbologia non convenzionale.
progettare percorsi e itinerari di viaggio. - Rappresentare in pianta (visione -Semplici rappresentazioni
dall’alto di piccoli oggetti, ambienti noti cartografiche.
4)Riconosce e denomina i principali e percorsi esperibili ...)
“oggetti” geografici fisici (fiumi, monti, - Descrive verbalmente un semplice PAESAGGIO / REGIONE E
pianure, coste, colline, laghi, mari, percorso effettuato da sé stesso o da un SISTEMA TERRITORIALE
oceani, ecc.) compagno all’interno dell’aula o della - Il territorio circostante:
scuola osservazioni dirette e riflessioni
guidate.
PAESAGGIO - Gli spazi vissuti e le loro funzioni:
- Descrivere gli elementi fisici essenziali l’aula, la scuola, la casa……
del proprio ambiente -Le funzioni degli spazi e le loro
3) Ricava informazioni geografiche da LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITA’ connessioni.
una pluralità di fonti (cartografiche e - Leggere e ricavare informazioni da
satellitari, fotografiche, artistico- semplici cartografie
letterarie).
PAESAGGIO
- Scoprire e distinguere nell’ambiente
vissuto l’esistenza di elementi naturali e
7) Si rende conto che lo spazio antropici
geografico è un sistema territoriale,
costituito da elementi fisici e antropici REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE
legati da rapporti di connessione e/o di - Descrivere e confrontare spazi aperti
interdipendenza. e spazi chiusi frequentati

103 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Individuare la funzione degli ambienti


scolastici conosciuti e degli spazi extra-
scolastici frequentati
-Rilevare le caratteristiche e la funzione
degli elementi che appartengono agli
spazi e agli ambienti descritti
1) L'alunno si orienta nello spazio ORIENTAMENTO
circostante e sulle carte geografiche, -
utilizzando riferimenti topologici, punti
cardinali PAESAGGIO / REGIONE E SISTEMA
TERRITORIALE
5) Individua i caratteri che connotano i - Riconoscere la funzione degli spazi
paesaggi (di montagna, collina, pianura, vissuti individuandone gli elementi
vulcanici, ecc.) con particolare costitutivi
attenzione a quelli italiani e individua - Analizza attraverso casi concreti, le
INDIVIDUARE E
analogie e differenze con i principali conseguenze positive e negative
RISOLVERE
paesaggi europei e di altri continenti dell’azione umana sull’ambiente
PROBLEMI
6) Coglie nei paesaggi mondiali della
storia le progressive trasformazioni
operate dall’uomo sul paesaggio
naturale
2) Utilizza il linguaggio della geo-graficità PAESAGGIO
per interpretare carte geografiche e - Formulare ipotesi di organizzazione
globo terrestre realizzare semplici schizzi funzionale di spazi vissuti (es aula,
cartografici e carte tematiche, camera ...)
progettare percorsi e itinerari di viaggio. - Assume comportamenti di rispetto e di
tutela dell’ambiente in cui vive

104 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

MATEMATICA
CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012
DISCIPLINA: MATEMATICA FINE PRIMARIA-FINE SECONDARIA DI 1° GRADO
INDICATORI DI
COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA
COMPETENZA DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC 1° GRADO
CURRICOLO IC
Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e
sostenendo le proprie idee e confrontandosi con il controesempi adeguati e utilizzando concatenazioni
punto di vista di altri. di affermazioni; accetta di cambiare opinione
riconoscendo le conseguenze logiche di una
Assumere ruoli e
AGIRE IN MODO argomentazione corretta.
impegni
AUTONOMO E
nell’esperienza
RESPONSABILE Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla
scolastica
matematica, attraverso esperienze significative, che matematica attraverso esperienze significative e ha
gli hanno fatto intuire come gli strumenti matematici capito come gli strumenti matematici appresi siano
che ha imparato ad utilizzare siano utili per operare utili in molte situazioni per operare nella realtà.
nella realtà.
Instaurare relazioni (Problemi) Descrive il procedimento seguito e
positive e rispettare riconosce strategie di soluzione diverse dalla propria
consapevolmente le
COLLABORARE E
regole della
PARTECIPARE
convivenza
Assumere Costruisce ragionamenti formulando ipotesi,
comportamenti sostenendo le proprie idee e confrontandosi con il
cooperativi punto di vista di altri.
L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche
mentale con i numeri naturali e sa valutare con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse
l’opportunità di ricorrere a una calcolatrice. rappresentazioni e stima la grandezza di un numero
IMPARARE A Mettere a punto
e il risultato di operazioni.
IMPARARE strategie anche di tipo
Riconosce e utilizza rappresentazioni diverse di oggetti
(organizzare il organizzativo
matematici (numeri decimali, frazioni, percentuali, (Problemi) Confronta procedimenti diversi e produce
proprio funzionali
scale di riduzione, ...) formalizzazioni che gli consentono di passare da un
apprendimento) all’apprendimento.
problema specifico a una classe di problemi.
Utilizza strumenti per il disegno geometrico (riga,
compasso, squadra) e i più comuni strumenti di misura

105 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

(metro, goniometro...)
Auto valutarsi.
L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche
con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse
rappresentazioni e stima la grandezza di un numero
e il risultato di operazioni.
Padroneggiare gli
strumenti espressivi e (Problemi) Legge e comprende testi che coinvolgono Produce argomentazioni in base alle conoscenze
COMUNICARE E argomentativi della aspetti logici e matematici. teoriche acquisite (ad esempio sa utilizzare i concetti
COMPRENDERE comunicazione di proprietà caratterizzante e di definizione).
Costruisce ragionamenti formulando ipotesi,
sostenendo le proprie idee e confrontandosi con il Utilizza e interpreta il linguaggio matematico (piano
punto di vista di altri cartesiano, formule, equazioni, ...) e ne coglie il
rapporto col linguaggio naturale
Acquisire ed Riconosce e rappresenta forme del piano e dello Riconosce e denomina le forme del piano e dello
interpretare spazio, relazioni e strutture che si trovano in natura o spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le
l’informazione che sono state create dall’uomo. relazioni tra gli elementi.
Effettuare valutazioni Ricerca dati per ricavare informazioni e costruisce Analizza e interpreta rappresentazioni di dati per
del contesto; rappresentazioni (tabelle e grafici). ricavarne misure di variabilità e prendere decisioni
riconoscervi situazioni
problematiche di cui Ricava informazioni anche da dati rappresentati in Riconosce e risolve problemi in contesti diversi
rilevare i dati tabelle e grafici. valutando le informazioni e la loro coerenza.
significativi
Descrive, denomina e classifica figure in base a Riconosce e denomina le forme del piano e dello
INDIVIDUARE E
caratteristiche geometriche, ne determina misure, spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le
RISOLVERE
progetta e costruisce modelli concreti di vario tipo. relazioni tra gli elementi
PROBLEMI
Sviluppare
ragionamenti Riesce a risolvere facili problemi in tutti gli ambiti di (Problemi) Spiega il procedimento seguito, anche in
interpretativi, contenuto, mantenendo il controllo sia sul processo forma scritta, mantenendo il controllo sia sul
pianificare e risolutivo, sia sui risultati. processo risolutivo, sia sui risultati.
sperimentare strategie (Problemi) Descrive il procedimento seguito e
risolutive. riconosce strategie di soluzione diverse dalla propria

Riconosce e quantifica, in casi semplici, situazioni di Nelle situazioni di incertezza (vita quotidiana, giochi,
incertezza …) si orienta con valutazioni di probabilità.

106 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Solo per la secondaria, le connessioni alle competenze di scuola sono qui realizzate con i traguardi disciplinari e con i nuclei dove sono promosse con
maggiore evidenza abilità concorrenti alle competenze prese in esame. Rimane da realizzare la connessione con gli obiettivi di apprendimento per ogni
nucleo

COMPETENZE DEL INDICATORI DI COMPETENZA


TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA 1° GRADO NUCLEI
CURRICOLO IC DEL CURRICOLO IC
Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e contro esempi
adeguati e utilizzando concatenazioni di affermazioni; accetta di
cambiare opinione riconoscendo le conseguenze logiche di una
AGIRE IN MODO argomentazione corretta.
Assumere ruoli e impegni
AUTONOMO E
nell’esperienza scolastica
RESPONSABILE Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica
attraverso esperienze significative e ha capito come gli strumenti
matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella
realtà.
Instaurare relazioni positive
e rispettare
COLLABORARE E
consapevolmente le regole
PARTECIPARE
della convivenza
Assumere comportamenti -
cooperativi
L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo con i numeri reali e nel Numeri
calcolo letterale, ne padroneggia le diverse rappresentazioni e
stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni; stima il
grado di monomi e polinomi e il risultato di operazioni
Padroneggiare gli strumenti
Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche
COMUNICARE E espressivi e argomentativi
acquisite (ad esempio sa utilizzare i concetti di proprietà
COMPRENDERE della comunicazione
caratterizzante e di definizione).
Relazioni, e funzioni
Utilizza e interpreta il linguaggio matematico (piano cartesiano,
formule, equazioni, ...) e ne coglie il rapporto col linguaggio
naturale
Acquisire ed interpretare Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro Spazio e figure
l’informazione rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli elementi.
INDIVIDUARE E Effettuare valutazioni del Analizza e interpreta rappresentazioni di dati per ricavarne misure Relazioni, e funzioni

107 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

RISOLVERE contesto; riconoscervi di variabilità e prendere decisioni


PROBLEMI situazioni problematiche di
cui rilevare i dati significativi Riconosce e risolve problemi in contesti diversi, valutando le Problemi
informazioni e la loro coerenza; spiega il procedimento seguito,
anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul
procedimento risolutivo, sia sui risultati.
Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro Spazio e figure
rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli elementi
Sviluppare ragionamenti
interpretativi, pianificare e (Problemi) Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta,
sperimentare strategie mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati.
risolutive.
Nelle situazioni di incertezza (vita quotidiana, giochi, …) si orienta Dati e previsioni
con valutazioni di probabilità e di statistica.
L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo con i numeri reali e nel Numeri
calcolo letterale, ne padroneggia le diverse rappresentazioni e
IMPARARE A Mettere a punto strategie stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni; stima il
IMPARARE anche di tipo organizzativo grado di monomi e polinomi e il risultato di operazioni.
(organizzare il funzionali
proprio all’apprendimento. Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli Problemi
apprendimento) consentono di passare da un problema specifico ad una classe di
problemi
Auto valutarsi.

NUCLEI OBIETTIVI DA INDICAZIONI APPRENDIMENTI ESSENZIALI: INDICATORI


TEMATICI
Numeri Rappresentare i numeri relativi sulla retta orientata e saperli • Rappresenta e confronta i numeri interi relativi sulla retta.
confrontare; • Opera con i numeri relativi e risolve semplici espressioni con
- Eseguire correttamente operazioni ed espressioni con numeri tutte le operazioni.
relativi; • Opera con monomi e polinomi
- Applicare regole e procedimenti per operare con monomi e
polinomi; • Opera con le potenze con esponente positivo.
- Operare con potenze con esponente negativo; • Calcola il valore di semplici espressioni letterali, dati i valori
- Calcolare il valore di espressioni letterali, dati i valori delle lettere; delle lettere.
- Applicare regole e procedimenti per operare con monomi e
polinomi; • Risolve semplici equazioni di I grado
- Calcolare prodotti notevoli;

108 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Risolvere espressioni letterali;


- Individuare equazioni di I grado determinate, indeterminate e
impossibili;
- Risolvere e verificare equazioni di I grado e semplici equazioni di II
grado;
Spazio e -Individuare le differenze tra poligoni inscritti e circoscritti; • Riconosce i poligoni inscritti e circoscritti.
figure - Calcolare l’area di un poligono inscritto e/o circoscritto ad una • Calcola l’area di un poligono regolare.
circonferenza;
- Calcolare l’area di un poligono regolare; • Riconosce figure simili.
- Riconoscere figure simili e conoscere i loro invarianti;
- Applicare relazioni tra elementi, perimetri ed aree di figure simili;
- Applicare i teoremi di Euclide; • Conosce il significato di π.
- Conoscere il significato di π;
- Calcolare la lunghezza della circonferenza e l’area del cerchio; • Calcola la lunghezza della circonferenza e l’area di un
- Calcolare la lunghezza di un arco, di un settore circolare e cerchio.
l’ampiezza dell’angolo al centro • Calcola la lunghezza di una arco, di un settore circolare e
l’ampiezza di un angolo al centro, anche con l’usi del
- Individuare nello spazio rette tra loro sghembe, incidenti, formulario ...
perpendicolari;
- Rappresentare figure tridimensionali sul piano con il disegno; • Riconosce le figure solide e le sa classificare in base alle
classificare i solidi; loro caratteristiche.
- Operare con le misure di estensione solida, di peso e capacità;
- Riconoscere solidi equivalenti; • Calcola le diagonali di cubi e parallelepipedi.
- Calcolare le diagonali di cubi e parallelepipedi;
- Classificare i poliedri regolari; • calcola l’area ed il volume dei principali solidi, utilizzando le
- Calcolare l’area ed il volume di prismi e piramidi; formule dirette.
- Calcolare l’area e il volume di solidi di rotazione
Problemi - Risolvere problemi usando le equazioni; Risolve semplici problemi:
- Risolvere problemi sulle aree dei poligoni regolari, inscritti e • usando le equazioni;
circoscritti; • sulle aree dei poligoni regolari, inscritti e circoscritti;
- Risolvere problemi sui teoremi di Euclide; • sul cerchio e la circonferenza;
- Risolvere problemi sul cerchio e la circonferenza; • sui poliedri, e sui solidi di rotazione.
- Risolvere problemi sui poliedri, e sui solidi di rotazione
Relazioni, - Rappresentare sul piano cartesiano le equazioni di rette, iperboli e • Rappresenta rette sul piano cartesiano
e funzioni parabole;
- Rappresentare sul piano cartesiano funzioni nell’ambito
matematico e scientifico;

109 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Dati e - Riconoscere ed individuare eventi casuali, probabili, certi, • Riconosce ed individua eventi casuali, probabili, certi,
previsioni impossibili; impossibili.
- Calcolare la probabilità di un evento elementare in diversi • Calcola la probabilità di un evento elementare in situazioni
contesti; semplici.
- Riconoscere eventi dipendenti, indipendenti ed eventi composti

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 1^ e 2 SECONDARIA 1° GRADO Nuclei Tematici
CURRICOLO IC
• Riconosce nel proprio organismo strutture e funzionamenti a livelli
macroscopici.
• Ha una visione della complessità del sistema dei viventi; riconosce
AGIRE IN MODO
nella loro diversità i bisogni fondamentali di animali e piante nel loro
AUTONOMO E
RESPONSABILE ambiente.
• È consapevole del ruolo della comunità umana sulla Terra, del
carattere finito delle risorse, e inizia ad adottare modi di vita
ecologicamente responsabili.
COLLABORARE E
• Inizia a sviluppare consapevolezza del ruolo della comunità umana
PARTECIPARE
sulla Terra, del carattere finito delle risorse.

• Sviluppa semplici schematizzazioni di fatti e fenomeni ricorrendo, • FISICA E CHIMICA


quando è il caso, a misure appropriate e a semplici formalizzazioni.

COMUNICARE E • Riconosce nel proprio organismo strutture e funzionamenti a livelli • BIOLOGIA


COMPRENDERE macroscopici.

• Ha una visione della complessità del sistema dei viventi;


riconosce nella loro diversità i bisogni fondamentali di animali e
piante nel loro ambiente.
• Fisica e chimica
INDIVIDUARE E • L’alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all’aperto, lo svolgersi
RISOLVERE PROBLEMI dei più comuni fenomeni, ne immagina le cause; ricerca soluzioni ai • BIOLOGIA
problemi, utilizzando le conoscenze acquisite.

110 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Fisica e chimica
• Sviluppa semplici schematizzazioni di fatti e fenomeni ricorrendo,
quando è il caso, a misure appropriate e a semplici formalizzazioni.

• Ha curiosità e interesse verso i principali problemi scientifici.


• L’alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all’aperto, lo svolgersi • Fisica e chimica
dei più comuni fenomeni, ne immagina le cause; ricerca soluzioni ai • BIOLOGIA
problemi, utilizzando le conoscenze acquisite.
IMPARARE A IMPARARE
• SCIENZA DELLA TERRA
(organizzare il proprio • È consapevole del ruolo della comunità umana sulla Terra, del
carattere finito delle risorse, e inizia ad adottare modi di vita • BIOLOGIA
apprendimento)
ecologicamente responsabili.

• Ha curiosità e interesse verso i principali problemi scientifici.

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, sostenendo In contesti esperienziali, in situazioni sociali,
le proprie idee e confrontandosi con il punto di vista di commisurando i modi del processo all’età e alle
altri. esperienze degli alunni Acquisire forme tipiche del
pensiero matematico
- congetturare
- verificare
Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla - giustificare
AGIRE IN MODO
matematica, attraverso esperienze significative, che gli Utilizzare gli strumenti matematici per operare nella
AUTONOMO E
hanno fatto intuire come gli strumenti matematici che ha realtà
RESPONSABILE
imparato ad utilizzare siano utili per operare nella realtà. - Riflettere dal punto di vista matematico su
situazioni reali
- Rielaborare e interpretare risultati matematici
riferiti a situazioni reali
- Utilizzare il bagaglio di conoscenze per
consolidare quanto appreso e costruire nuove
conoscenze.

111 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

(Problemi) Descrive il procedimento seguito e riconosce In contesti esperienziali, in situazioni sociali,


strategie di soluzione diverse dalla propria commisurando i modi del processo all’età e alle
esperienze degli alunni
Individuare e risolvere problemi
- Riconoscere il carattere problematico di una
situazione reale
- Individuare l’obiettivo, pianificare percorsi risolutivi
e intraprenderli.
- Generare il procedimento risolutivo e confrontarlo
COLLABORARE E
con altri eventuali procedimenti.
PARTECIPARE
- Dare un senso/una giustificazione al risultato
Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, sostenendo In contesti esperienziali, in situazioni sociali,
le proprie idee e confrontandosi con il punto di vista di commisurando i modi del processo all’età e alle
altri. esperienze degli alunni
- Esporre e comunicare le proprie azioni e riflessioni
in modo coerente e chiaro
- Formulare domande appropriate ed osservazioni
pertinenti
- Esporre le motivazioni che stanno alla base di
passaggi logici o di calcolo
L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e In contesti esperienziali, in situazioni sociali,
mentale con i numeri naturali e sa valutare l’opportunità commisurando i modi del processo all’età e alle
di ricorrere a una calcolatrice. esperienze degli alunni:
Padroneggiare algoritmi e procedure
- Conoscere e utilizzare regole e leggi
matematiche;
IMPARARE A - Riprodurre procedure seguendo indicazioni
IMPARARE - Applicare algoritmi standard
(organizzare il - Utilizzare strumenti adeguati
proprio - Saper eseguire procedimenti
apprendimento)
Numeri
- Leggere, scrivere, confrontare numeri decimali.
- Eseguire le quattro operazioni con sicurezza,
valutando l’opportunità di ricorrere al calcolo
mentale, scritto o con la calcolatrice a seconda
delle situazioni.

112 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Eseguire la divisione con resto fra numeri naturali;


individuare multipli e divisori di un numero.
- Stimare il risultato di una operazione.

Riconosce e utilizza rappresentazioni diverse di oggetti - Operare con le frazioni e riconoscere frazioni
matematici (numeri decimali, frazioni, percentuali, scale equivalenti.
di riduzione, ...) - Utilizzare numeri decimali, frazioni e percentuali
per descrivere situazioni quotidiane.
- Interpretare i numeri interi negativi in contesti
concreti.
- Rappresentare i numeri conosciuti sulla retta e
utilizzare scale graduate in contesti significativi
per le scienze e per la tecnica.
- Conoscere sistemi di notazione dei numeri che
sono o sono stati in uso in luoghi, tempi e culture
diverse dalla nostra.

Relazioni, dati e previsioni


- Rappresentare problemi con tabelle e grafici che
ne esprimono la struttura.
- Rappresentare relazioni e dati e, in situazioni
significative, utilizzare le rappresentazioni per
ricavare informazioni, formulare giudizi e prendere
decisioni.
- Rappresentare problemi con tabelle e grafici che
ne esprimono la struttura.

Utilizza strumenti per il disegno geometrico (riga, Spazio e figure


compasso, squadra) e i più comuni strumenti di misura - Riprodurre una figura in base a una descrizione,
(metro, goniometro...) utilizzando gli strumenti opportuni (carta a
quadretti, riga e compasso, squadre, software di
geometria).
- Confrontare e misurare angoli utilizzando
proprietà e strumenti.

113 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

(Problemi) Legge e comprende testi che coinvolgono - Organizzare e consolidare il proprio pensiero
aspetti logici e matematici. matematico
- Esporre e comunicare le proprie azioni e riflessioni
in modo coerente e chiaro
- Usare il linguaggio della matematica in modo
preciso

Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, sostenendo Relazioni, dati e previsioni


le proprie idee e confrontandosi con il punto di vista di - Rappresentare relazioni e dati e, in situazioni
altri significative, utilizzare le rappresentazioni per
ricavare informazioni, formulare giudizi e prendere
decisioni.
Riconosce e rappresenta forme del piano e dello spazio, - Osservare per cogliere: differenze, trasformazioni,
COMUNICARE E relazioni e strutture che si trovano in natura o che sono analogie, regolarità.
COMPRENDERE state create dall’uomo.
Spazio e figure
- Utilizzare il piano cartesiano per localizzare punti.
- Costruire e utilizzare modelli materiali nello spazio
e nel piano come supporto a una prima capacità
di visualizzazione.
- Riconoscere figure ruotate, traslate e riflesse.
- Utilizzare e distinguere fra loro i concetti di
perpendicolarità, parallelismo, orizzontalità,
verticalità.
- Riprodurre in scala una figura assegnata
(utilizzando, ad esempio, la carta a quadretti).
- Riconoscere rappresentazioni piane di oggetti
tridimensionali, identificare punti di vista diversi di
uno stesso oggetto (dall’alto, di fronte, ecc…)
Ricerca dati per ricavare informazioni e costruisce Relazioni, dati e previsioni
rappresentazioni (tabelle e grafici). - Rappresentare relazioni e dati e, in situazioni
INDIVIDUARE E
significative, utilizzare le rappresentazioni per
RISOLVERE
ricavare informazioni, formulare giudizi e prendere
PROBLEMI
decisioni.
- Usare le nozioni di frequenza, di moda e di media
aritmetica, se adeguata alla tipologia dei dati a
disposizione.

114 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Passare da un’unità di misura a un’altra,


limitatamente alle unità di uso più comune,
anche nel contesto del sistema monetario.

Ricava informazioni anche da dati rappresentati in - In situazioni concrete, di una coppia di eventi
tabelle e grafici. intuire e cominciare ad argomentare qual è il più
probabile, dando una prima quantificazione nei
casi più semplici, oppure riconoscere se si tratta di
eventi ugualmente probabili.
- Riconoscere e descrivere regolarità in una
sequenza di numeri o di figure.
Descrive, denomina e classifica figure in base a Spazio e figure
caratteristiche geometriche, ne determina misure, - Determinare il perimetro di una figura utilizzando
progetta e costruisce modelli concreti di vario tipo. le più comuni formule o altri procedimenti.
- Determinare l’area di rettangoli e triangoli e di
altre figure per scomposizione o utilizzando le più
comuni formule.

Riesce a risolvere facili problemi in tutti gli ambiti di Porsi e risolvere problemi
contenuto, mantenendo il controllo sia sul processo - Riconoscere il carattere problematico di una
risolutivo, sia sui risultati. situazione reale o di un compito
(Problemi) Descrive il procedimento seguito e riconosce - Individuare l’obiettivo
strategie di soluzione diverse dalla propria - Pianificare percorsi e intraprenderli
- Esporre con chiarezza il procedimento risolutivo e
confrontarlo con altri eventuali procedimenti;
- Realizzare formalizzazioni e possibili
generalizzazioni
- Pervenire a categorizzazione

Relazioni, dati e previsioni


- Utilizzare le principali unità di misura per
lunghezze, angoli, aree, volumi/capacità,
Riconosce e quantifica, in casi semplici, situazioni di intervalli temporali, masse, pesi per effettuare
incertezza misure e stime.
- Passare da un’unità di misura a un’altra,
limitatamente alle unità di uso più comune,
anche nel contesto del sistema monetario

115 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Relazioni, dati e previsioni


- Usare le nozioni di frequenza, di moda e di media
aritmetica, se adeguata alla tipologia dei dati a
disposizione.
- In situazioni concrete, di una coppia di eventi
intuire e cominciare ad argomentare qual è il più
probabile, dando una prima quantificazione nei
casi più semplici, oppure riconoscere se si tratta di
eventi ugualmente probabili.
- Riconoscere e descrivere regolarità in una
sequenza di numeri o di figure

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, sostenendo In contesti esperienziali, in situazioni sociali,
le proprie idee e confrontandosi con il punto di vista di commisurando i modi del processo all’età e alle
altri. esperienze degli alunni Acquisire forme tipiche del
pensiero matematico
- congetturare
- verificare
- giustificare
AGIRE IN MODO
AUTONOMO E
Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla Utilizzare gli strumenti matematici per operare nella
RESPONSABILE
matematica, attraverso esperienze significative, che gli realtà
hanno fatto intuire come gli strumenti matematici che ha - Riflettere dal punto di vista matematico su
imparato ad utilizzare siano utili per operare nella realtà. situazioni reali
- Rielaborare e interpretare risultati matematici
riferiti a situazioni reali
- Utilizzare il bagaglio di conoscenze per consolidare
quanto appreso e costruire nuove conoscenze.
(Problemi) Descrive il procedimento seguito e riconosce In contesti esperienziali, in situazioni sociali,
strategie di soluzione diverse dalla propria commisurando i modi del processo all’età e alle
COLLABORARE E
esperienze degli alunni
PARTECIPARE
Individuare e risolvere problemi
- Riconoscere il carattere problematico di una
situazione reale

116 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Individuare l’obiettivo, pianificare percorsi risolutivi


e intraprenderli.
- Generare il procedimento risolutivo e confrontarlo
con altri eventuali procedimenti.
- Dare un senso/una giustificazione al risultato
Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, sostenendo In contesti esperienziali, in situazioni sociali,
le proprie idee e confrontandosi con il punto di vista di commisurando i modi del processo all’età e alle
altri. esperienze degli alunni
- Esporre e comunicare le proprie azioni e riflessioni
in modo coerente e chiaro
- Formulare domande appropriate ed osservazioni
pertinenti
- Esporre le motivazioni che stanno alla base di
passaggi logici o di calcolo
L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e In contesti autentici, in situazioni sociali,
mentale con i numeri naturali e sa valutare l’opportunità commisurando i modi del processo all’età e alle
di ricorrere a una calcolatrice. esperienze degli alunni
Padroneggiare algoritmi e procedure
- Conoscere e utilizzare regole e leggi
matematiche;
- Riprodurre procedure seguendo indicazioni
- Applicare algoritmi standard
- Utilizzare strumenti adeguati
IMPARARE A - Saper eseguire procedimenti
IMPARARE Riconosce e utilizza rappresentazioni diverse di oggetti
(organizzare il matematici (numeri decimali, frazioni, percentuali, scale Numeri
proprio di riduzione, ...) - Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente,
apprendimento) in senso progressivo e regressivo e per salti di due,
tre, ...
- Leggere e scrivere i numeri naturali in notazione
decimale, avendo consapevolezza della
notazione posizionale; confrontarli e ordinarli,
anche rappresentandoli sulla retta.
- Eseguire mentalmente semplici operazioni con i
numeri naturali e verbalizzare le procedure di
calcolo.

117 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Conoscere con sicurezza le tabelline della


moltiplicazione dei numeri fino a 10. Eseguire le
operazioni con i numeri naturali con gli algoritmi
scritti usuali.
- Leggere, scrivere, confrontare numeri decimali,
rappresentarli sulla retta ed eseguire semplici
addizioni e sottrazioni, anche con riferimento alle
monete o ai risultati di semplici misure
Utilizza strumenti per il disegno geometrico (riga, Spazio e figure
compasso, squadra) e i più comuni strumenti di misura - Disegnare figure geometriche e costruire modelli
(metro, goniometro...) materiali anche nello spazio.
(Problemi) Legge e comprende testi che coinvolgono
aspetti logici e matematici.

Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, sostenendo - Esprimersi attraverso linguaggi e sistemi di


le proprie idee e confrontandosi con il punto di vista di rappresentazione diversi e traduce da un
altri linguaggio all’ altro
- Spiegare, il più possibile autonomamente, i vari
passaggi di un’operazione anche manipolando
concretamente il materiale.

Relazioni, dati e previsioni


COMUNICARE E
- Classificare numeri, figure, oggetti in base a due o
COMPRENDERE
più proprietà, utilizzando rappresentazioni
opportune, a seconda dei contesti e dei fini.
- Argomentare sui criteri che sono stati usati per
realizzare classificazioni e ordinamenti assegnati.
- Misurare grandezze (lunghezze, tempo, ecc.)
utilizzando sia unità arbitrarie sia unità e strumenti
convenzionali (metro, orologio, ecc.).
- Leggere e rappresentare relazioni e dati con
diagrammi, relazioni, tabelle
Riconosce e rappresenta forme del piano e dello spazio, - Osservare per cogliere: differenze, trasformazioni,
relazioni e strutture che si trovano in natura o che sono analogie, regolarità.
state create dall’uomo.
INDIVIDUARE E Ricerca dati per ricavare informazioni e costruisce Relazioni, dati e previsioni
RISOLVERE rappresentazioni (tabelle e grafici).

118 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

PROBLEMI - Leggere e rappresentare relazioni e dati con


Ricava informazioni anche da dati rappresentati in diagrammi, schemi e tabelle.
tabelle e grafici. Spazio e figure
- Percepire la propria posizione nello spazio e
stimare distanze e volumi a partire dal proprio
corpo.
- Comunicare la posizione di oggetti nello spazio
fisico, sia rispetto al soggetto, sia rispetto ad altre
persone o oggetti, usando termini adeguati
(sopra/sotto, davanti/dietro, destra/sinistra,
dentro/fuori).
- Eseguire un semplice percorso partendo dalla
descrizione verbale o dal disegno, descrivere un
percorso che si sta facendo e dare le istruzioni a
qualcuno perché compia un percorso
desiderato.
Descrive, denomina e classifica figure in base a Spazio e figure
caratteristiche geometriche, ne determina misure, - Riconoscere, denominare e descrivere figure
progetta e costruisce modelli concreti di vario tipo. geometriche.

Riesce a risolvere facili problemi in tutti gli ambiti di Porsi e risolvere problemi
contenuto, mantenendo il controllo sia sul processo - Riconoscere il carattere problematico di una
risolutivo, sia sui risultati. situazione reale o di un compito
(Problemi) Descrive il procedimento seguito e riconosce - Individuare l’obiettivo
strategie di soluzione diverse dalla propria - Pianificare percorsi e intraprenderli
- Esporre con chiarezza il procedimento risolutivo e
confrontarlo con altri eventuali procedimenti;
- Realizzare formalizzazioni e possibili
generalizzazioni
- Pervenire a categorizzazione

Riconosce e quantifica, in casi semplici, situazioni di Relazioni, dati e previsioni


incertezza - Misurare grandezze (lunghezze, tempo, ecc.)
utilizzando sia unità arbitrarie sia unità e strumenti
convenzionali (metro, orologio, ecc.).

119 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 1^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, In contesti esperienziali, in situazioni sociali,
sostenendo le proprie idee e confrontandosi con il commisurando i modi del processo all’età e alle
punto di vista di altri. esperienze degli alunni Acquisire forme tipiche del
pensiero matematico
- congetturare
- verificare
- giustificare
AGIRE IN MODO
AUTONOMO E Utilizzare gli strumenti matematici per operare nella
RESPONSABILE Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla realtà
matematica, attraverso esperienze significative, che gli - Riflettere dal punto di vista matematico su
hanno fatto intuire come gli strumenti matematici che situazioni reali
ha imparato ad utilizzare siano utili per operare nella - Rielaborare e interpretare risultati matematici
realtà. riferiti a situazioni reali
- Utilizzare il bagaglio di conoscenze per
consolidare quanto appreso e costruire nuove
conoscenze.
(Problemi) Descrive il procedimento seguito e riconosce In contesti esperienziali, in situazioni sociali,
strategie di soluzione diverse dalla propria commisurando i modi del processo all’età e alle
esperienze degli alunni
Individuare e risolvere problemi
- Riconoscere il carattere problematico di una
situazione reale
- Individuare l’obiettivo, pianificare percorsi risolutivi
COLLABORARE E
e intraprenderli.
PARTECIPARE
- Generare il procedimento risolutivo e confrontarlo
con altri eventuali procedimenti.
- Dare un senso/una giustificazione al risultato
Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, In contesti esperienziali, in situazioni sociali,
sostenendo le proprie idee e confrontandosi con il commisurando i modi del processo all’età e alle
punto di vista di altri. esperienze degli alunni
- Esporre e comunicare le proprie azioni e riflessioni
in modo coerente e chiaro

120 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Formulare domande appropriate ed osservazioni


pertinenti
- Esporre le motivazioni che stanno alla base di
passaggi logici o di calcolo
L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e Padroneggiare algoritmi e procedure
mentale con i numeri naturali e sa valutare - Conoscere e utilizzare regole matematiche.
l’opportunità di ricorrere a una calcolatrice. - Riprodurre procedure seguendo indicazioni.
- Applicare algoritmi
- Utilizzare strumenti adeguati.
- Costruire nuove procedure a partire da
- altre già note.

Riconosce e utilizza rappresentazioni diverse di oggetti Numeri


matematici (numeri decimali, frazioni, percentuali, scale - Riconoscere e costruire relazioni fra numeri naturali
di riduzione, ...) (maggiore di, minore di, precedente, successivo
...) entro il secondo ordine.
- Comprendere il significato dei numeri, i modi per
rappresentarli e il significato della notazione
IMPARARE A posizionale.
IMPARARE - Numerare in senso progressivo e regressivo con
(organizzare il riferimento diretto alla quantità (n+1, n-1; n+2, n-2).
proprio - Leggere e scrivere numeri naturali espressi sia in
apprendimento) cifre sia a parole.
- Cogliere analogie e differenze fra i numeri (es. tre/
trenta 3 /30: cosa hanno in comune e in cosa si
differenziano).
- Mettere in relazione il valore di una cifra con la
sua posizione nel numero.
- Cogliere la funzione dello zero.
- Riconoscere e costruire relazioni fra numeri naturali
(maggiore di, minore di, precedente, successivo
...).
- Confrontare e ordinare numeri naturali con i
simboli e i termini, utilizzando opportunamente
anche la linea dei numeri.
- Completare e costruire uguaglianze numeriche.

121 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Operare tra numeri in modo consapevole: con


strumenti, per iscritto, mentalmente.
- Cogliere le relazioni fra: “aggiungere 1” e il
successivo di un numero naturale; “togliere 1” e il
precedente di un numero naturale.
- Intuire e usare strategie per automatizzare i
calcoli.

Utilizza strumenti per il disegno geometrico (riga, - Utilizzare strumenti in modo funzionale al compito:
compasso, squadra) e i più comuni strumenti di misura strumenti logici (grafi sagittali, diagrammi di
(metro, goniometro...) Carroll, ad albero ...), simbolismo matematico,
strumenti di calcolo ( abaco, linea
- dei numeri, ….), materiali strutturati e non,
strumenti di misura idonei alla situazione

(Problemi) Legge e comprende testi che coinvolgono - Intervenire per esporre le proprie riflessioni in merito
aspetti logici e matematici. a un argomento trattato ( “ho fatto una
scoperta”)
Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, - Individuare informazioni richieste in testi, grafici,
sostenendo le proprie idee e confrontandosi con il tabelle e risponde in modo pertinente alle
punto di vista di altri domande poste
- Specificare posizioni e descrivere relazioni spaziali
- Rappresentare e leggere dati di semplici indagini

Relazioni, dati e previsioni


COMUNICARE E
- Classificare numeri, figure, oggetti in base a una o
COMPRENDERE
più proprietà
- Realizzare adeguate rappresentazioni (diagrammi
ad albero, di Carroll, grafi sagittali, tabelle a
doppia entrata ...).
Riconosce e rappresenta forme del piano e dello - Osservare per cogliere: differenze, trasformazioni,
spazio, relazioni e strutture che si trovano in natura o analogie, regolarità.
che sono state create dall’uomo. - Conoscere termini e simboli specifici della
disciplina (simboli quali >, <, =, ≠; nomi delle
principali figure piane e solide; termini quali
addizione, sottrazione, numero, cifra ...)
Spazio e figure

122 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Analizzare le caratteristiche delle forme


geometriche.

Ricerca dati per ricavare informazioni e costruisce Relazioni, dati e previsioni


rappresentazioni (tabelle e grafici). - Leggere e rappresentare relazioni e dati con:
diagrammi, grafici, schemi...

Ricava informazioni anche da dati rappresentati in - Utilizzare in modo adeguato i quantificatori: uno,
tabelle e grafici. tutti e ciascuno.

- Associare il lessico delle operazioni sommare e


sottrarre alla loro funzione.
- Rappresentare addizioni e sottrazioni intuendo
che sono riferibili alla stessa struttura additiva
- Esplorare situazioni problematiche che richiedano
l’addizione e la sottrazione (situazioni varie che
permettano di esplorare i vari significati collegati
alla sottrazione)
INDIVIDUARE E
- Analizzare e impostare la soluzione di una
RISOLVERE
situazione problematica argomentando la risposta
PROBLEMI
anche usando, a seconda dei casi, linguaggi
diversi: naturale, matematico o grafo
Spazio e figure
- Descrivere verbalmente figure e motivi geometrici
come pure eventuali irregolarità rispetto a un
campione dato
Riesce a risolvere facili problemi in tutti gli ambiti di - Analizzare e interpretare: situazioni reali, testi
contenuto, mantenendo il controllo sia sul processo continui, testi non continui
risolutivo, sia sui risultati. - Individuare la richiesta/ domanda comunque
formulata
(Problemi) Descrive il procedimento seguito e riconosce - Individuare le informazioni utili a intraprendere il
strategie di soluzione diverse dalla propria processo risolutivo
- Formulare ipotesi di risoluzione e realizzare
procedimenti con l’uso di appropriati strumenti
matematici, sia aritmetici, sia di altro tipo
- Risolvere con strumenti aritmetici (addizione,
sottrazione) problemi semplici

123 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Riutilizzare processi risolutivi appresi in situazioni


analoghe

Descrive, denomina e classifica figure in base a Spazio e figure


caratteristiche geometriche, ne determina misure, - Localizzare oggetti nello spazio fisico, sia rispetto a
progetta e costruisce modelli concreti di vario tipo sé sia rispetto ad altre persone o oggetti, usando
Riconosce e quantifica, in casi semplici, situazioni di termini adeguati.
incertezza - Eseguire semplici percorsi partendo dalla
descrizione verbale o dal disegno e viceversa.
- Individuare e classificare linee aperte, chiuse ...
- Individuare la posizione di oggetti o incroci sul
piano quadrettato.
- Operare con le figure geometriche
- Riconoscere negli oggetti dell’ambiente le più
semplici figure geometriche, solide e piane, e
denominarle correttamente, indipendentemente
dalla loro posizione.
- Denominare, a seguito di osservazione, i diversi
elementi che costituiscono un solido.
- Riconoscere poliedri e corpi rotondi e le loro
caratteristiche
- Comporre una figura prestabilita a partire da
determinate figure geometriche a disposizione.
- Riconoscere e realizzare operativamente figure
piane equiestese.
- Analizzare oggetti individuando in essi le
grandezze misurabili.
- Eseguire misure dirette di grandezze ed esprimerle
secondo unità di misura non convenzionali
- Confrontare e ordinare oggetti di diversa
lunghezza, peso, capacità.

124 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

SCIENZE
CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012
DISCIPLINA: SCIENZE - FINE PRIMARIA-FINE SECONDARIA DI 1° GRADO
INDICATORI DI
COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA
COMPETENZA DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC 1° GRADO
CURRICOLO IC
• Riconosce nel proprio organismo strutture e
funzionamenti a livelli macroscopici e
• L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi
microscopici, è consapevole delle sue
di guardare il mondo che lo stimolano a cercare
potenzialità e dei suoi limiti
spiegazioni di quello che vede succedere.
• Ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo
• Ha una visione della complessità del sistema dei
Assumere ruoli e del proprio corpo, nei suoi diversi organi e apparati,
AGIRE IN MODO viventi e della loro evoluzione nel tempo;
impegni ne riconosce e descrive il funzionamento, utilizzando
AUTONOMO E riconosce nella loro diversità i bisogni
nell’esperienza modelli intuitivi ed ha cura della sua salute.
RESPONSABILE fondamentali di animali e piante, e i modi di
scolastica
soddisfarli negli specifici contesti ambientali
• Ha atteggiamenti di cura verso l’ambiente scolastico
che condivide con gli altri; rispetta e apprezza il
• È consapevole del ruolo della comunità umana
valore dell’ambiente sociale e naturale.
sulla Terra, del carattere finito delle risorse,
nonché dell’ineguaglianza dell’accesso a esse, e
adotta modi di vita ecologicamente responsabili.
Instaurare relazioni
positive e rispettare • Ha atteggiamenti di cura verso l’ambiente scolastico
consapevolmente le che condivide con gli altri; rispetta e apprezza il
• È consapevole del ruolo della comunità umana
regole della valore dell’ambiente sociale e naturale.
COLLABORARE E sulla Terra, del carattere finito delle risorse,
convivenza
PARTECIPARE nonché dell’ineguaglianza dell’accesso a esse, e
• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico:
adotta modi di vita ecologicamente responsabili.
Assumere con l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo
comportamenti autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti,
cooperativi formula domande, anche sulla base di ipotesi
personali, propone e realizza semplici esperimenti.
• L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi • L’alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e
IMPARARE A Mettere a punto di guardare il mondo che lo stimolano a cercare all’aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni,
IMPARARE strategie anche di spiegazioni di quello che vede succedere. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca
(organizzare il tipo organizzativo

125 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

proprio funzionali • Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con soluzioni ai problemi, utilizzando le conoscenze
apprendimento) all’apprendimento. l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo acquisite.
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti,
formula domande, anche sulla base di ipotesi • È consapevole del ruolo della comunità umana
personali, propone e realizza semplici esperimenti. sulla Terra, del carattere finito delle risorse,
nonché dell’ineguaglianza dell’accesso a esse, e
• Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei adotta modi di vita ecologicamente responsabili.
fenomeni, produce rappresentazioni grafiche e
Auto valutarsi. schemi di livello adeguato, elabora semplici modelli. • Ha curiosità e interesse verso i principali problemi
legati all’uso della scienza nel campo dello
• Trova da varie fonti (libri, internet, discorsi degli adulti, sviluppo scientifico e tecnologico
ecc.) informazioni e spiegazioni sui problemi che lo
interessano.
• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo
• Sviluppa semplici schematizzazioni e
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti,
modellizzazioni di fatti e fenomeni ricorrendo,
formula domande, anche sulla base di ipotesi
quando è il caso, a misure appropriate e a
personali, propone e realizza semplici esperimenti.
Padroneggiare gli semplici formalizzazioni.
strumenti espressivi e
• Fa misurazioni, registra dati significativi
argomentativi della • Riconosce nel proprio organismo strutture e
comunicazione funzionamenti a livelli macroscopici e
• Produce rappresentazioni grafiche e schemi di livello
microscopici, è consapevole delle sue
adeguato, elabora semplici modelli.
potenzialità e dei suoi limiti.
COMUNICARE E
COMPRENDERE • Espone in forma chiara ciò che ha sperimentato,
• Ha una visione della complessità del sistema dei
utilizzando un linguaggio appropriato.
viventi e della loro evoluzione nel tempo;
• Individua nei fenomeni somiglianze e differenze, fa
riconosce nella loro diversità i bisogni
misurazioni, registra dati significativi, identifica
fondamentali di animali e piante, e i modi di
relazioni spazio/temporali
soddisfarli negli specifici contesti ambientali
Acquisire ed
• Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei
interpretare Collega lo sviluppo delle scienze allo sviluppo
fenomeni, Riconosce le principali caratteristiche e i
l’informazione della storia dell’uomo
modi di vivere di organismi animali e vegetali

• Ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo


del proprio corpo, nei suoi diversi organi e apparati,

126 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

ne riconosce e descrive il funzionamento, utilizzando


modelli intuitivi ed ha cura della sua salute.

• L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi • L’alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e


di guardare il mondo che lo stimolano a cercare all’aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni,
spiegazioni di quello che vede succedere. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca
soluzioni ai problemi, utilizzando le conoscenze
Effettuare valutazioni
acquisite.
INDIVIDUARE E del contesto;
RISOLVERE riconoscervi
• Sviluppa semplici schematizzazioni e
PROBLEMI situazioni
modellizzazioni di fatti e fenomeni ricorrendo,
problematiche di cui
quando è il caso, a misure appropriate e a
rilevare i dati
semplici formalizzazioni
significativi
Ha curiosità e interesse verso i principali problemi
legati all’uso della scienza nel campo dello
sviluppo scientifico e tecnologico
• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo
Sviluppare
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti,
ragionamenti
formula domande, anche sulla base di ipotesi
interpretativi,
personali, propone e realizza semplici esperimenti.
pianificare e
sperimentare
• Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei
strategie risolutive.
fenomeni, produce rappresentazioni grafiche e
schemi di livello adeguato, elabora semplici modelli.

127 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

PER LA SECONDARIA: le connessioni alle competenze di scuola sono qui realizzate con i traguardi disciplinari e con i nuclei dove sono promosse con maggiore
evidenza abilità concorrenti alle competenze prese in esame. Rimane da realizzare la connessione con gli obiettivi di apprendimento per ogni nucleo

INDICATORI DI
COMPETENZE DEL
COMPETENZA DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA 1° GRADO Nuclei Tematici
CURRICOLO IC
CURRICOLO IC
• Riconosce nel proprio organismo strutture e funzionamenti a
livelli macroscopici e microscopici, ed è consapevole delle sue
potenzialità e dei suoi limiti
• Ha una visione della complessità del sistema dei viventi e della
Assumere ruoli e
AGIRE IN MODO loro evoluzione nel tempo; riconosce nella loro diversità i
impegni
AUTONOMO E bisogni fondamentali di animali e piante, e i modi di soddisfarli
nell’esperienza
RESPONSABILE negli specifici contesti ambientali
scolastica
• È consapevole del ruolo della comunità umana sulla Terra, del
carattere finito delle risorse, nonché dell’ineguaglianza
dell’accesso a esse, e adotta modi di vita ecologicamente
responsabili.
Instaurare relazioni
positive e rispettare
consapevolmente le • È consapevole del ruolo della comunità umana sulla Terra, del
COLLABORARE E
regole della carattere finito delle risorse, nonché dell’ineguaglianza
PARTECIPARE
convivenza dell’accesso a esse, e adotta modi di vita ecologicamente
Assumere responsabili.
comportamenti
cooperativi
• L’alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all’aperto, lo • Fisica e chimica
svolgersi dei più comuni fenomeni, ne immagina e ne verifica le • BIOLOGIA
cause; ricerca soluzioni ai problemi, utilizzando le conoscenze
IMPARARE A Mettere a punto acquisite.
IMPARARE strategie anche di • È consapevole del ruolo della comunità umana sulla Terra, del
(organizzare il tipo organizzativo carattere finito delle risorse, nonché dell’ineguaglianza
proprio funzionali dell’accesso a esse, e adotta modi di vita ecologicamente
apprendimento) all’apprendimento. responsabili.
• Ha curiosità e interesse verso i principali problemi legati all’uso
della scienza nel campo dello sviluppo scientifico e tecnologico

128 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• SCIENZA DELLA TERRA


Auto valutarsi.
• BIOLOGIA
Padroneggiare gli • Sviluppa schematizzazioni e modellizzazioni di fatti e fenomeni • FISICA E CHIMICA
strumenti espressivi e ricorrendo, quando è il caso, a misure appropriate e a
argomentativi della formalizzazioni.
comunicazione • Riconosce nel proprio organismo strutture e funzionamenti a
livelli macroscopici e microscopici, è consapevole delle sue • BIOLOGIA
COMUNICARE E potenzialità e dei suoi limiti.
COMPRENDERE
• Ha una visione della complessità del sistema dei viventi e della
Acquisire ed loro evoluzione nel tempo; riconosce nella loro diversità i bisogni
interpretare
fondamentali di animali e piante, e i modi di soddisfarli negli
l’informazione
specifici contesti ambientali
• BIOLOGIA
• Collega lo sviluppo delle scienze allo sviluppo della storia
dell’uomo
Effettuare valutazioni • Fisica e chimica
del contesto; • L’alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all’aperto, lo • BIOLOGIA
riconoscervi svolgersi dei più comuni fenomeni, ne immagina e ne verifica le
situazioni cause e gli effetti; ricerca soluzioni ai problemi, utilizzando le
INDIVIDUARE E problematiche di cui conoscenze acquisite.
RISOLVERE rilevare i dati • Sviluppa semplici schematizzazioni e modellizzazioni di fatti e
PROBLEMI significativi fenomeni ricorrendo, quando è il caso, a misure appropriate e
Sviluppare a semplici formalizzazioni • Fisica e chimica
ragionamenti • Ha curiosità e interesse verso i principali problemi legati all’uso
interpretativi,
della scienza nel campo dello sviluppo scientifico e
pianificare e
tecnologico
sperimentare
strategie risolutive.

Classe terza
Nucleo tematico Contenuti Obiettivi di apprendimento
Il moto e le forze Il concetto fisico di moto dei Conoscere le caratteristiche del moto rispetto ad un sistema di riferimento • Conoscere le
corpi caratteristiche del M.R.U. e la sua legge oraria • Conoscere la definizione di forza, i suoi
effetti statici e dinamici e la sua unità di misura • Saper distinguere grandezze scalari da
Il concetto fisico di forza grandezze vettoriali

129 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Utilizzare i concetti di moto, velocità, accelerazione, forza in varie situazioni di


esperienza • Esprimere con rappresentazioni di tipo diverso relazioni quantitative tra
variabili che descrivono i fenomeni naturali studiati • Discutere su fatti, fenomeni, dati,
risultati di un’esperienza • Formulare ipotesi interpretative coerenti, in situazioni semplici e
sulla base di dati osservati, tabulati e discussi. • Argomentare le ipotesi formulate
Biologia I processi riproduttivi dei viventi Riconoscere nel processo di riproduzione una caratteristica tipica dei viventi • Conoscere
e distinguere il processo di riproduzione sessuata da quello asessuato • Conoscere
La trasmissione dei caratteri l’apparato riproduttore dell’Uomo • Conoscere le basi della genetica avviate con gli
ereditari studi di Mendel • Conoscere le principali teorie evolutive • Comprendere e saper
applicare in semplici contesti le leggi di Mendel sulla trasmissione dei caratteri ereditari,
Teorie evolutive utilizzando i concetti di calcolo delle probabilità • Comprendere i cambiamenti nel
tempo: l’evoluzione della specie e l’adattamento all’ambiente

Scienze della terra Il sistema solare Conoscere il sistema solare • Conoscere le leggi che regolano il movimento dei pianeti •
Riconoscere i fenomeni celesti più evidenti. • Esporre in forma chiara utilizzando un
Il movimento dei pianeti linguaggio appropriato • Comprendere un testo scientifico di livello adeguato •
Comprendere e utilizzare simboli, schemi, grafici, tabelle... • Conoscere origine, struttura
Origine, evoluzione e struttura ed evoluzione della Terra.
della Terra • Conoscere la teoria della tettonica delle zolle • Conoscere fenomeni tellurici e vulcanici
• Comprendere la storia geologica della Terra e distinguere minerali, rocce e fossili.

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 1^ e 2 SECONDARIA 1° GRADO Nuclei Tematici
CURRICOLO IC
• Riconosce nel proprio organismo strutture e funzionamenti a livelli
macroscopici.
• Ha una visione della complessità del sistema dei viventi; riconosce
AGIRE IN MODO
nella loro diversità i bisogni fondamentali di animali e piante nel loro
AUTONOMO E
RESPONSABILE ambiente.
• È consapevole del ruolo della comunità umana sulla Terra, del
carattere finito delle risorse, e inizia ad adottare modi di vita
ecologicamente responsabili.
COLLABORARE E
• Inizia a sviluppare consapevolezza del ruolo della comunità umana
PARTECIPARE
sulla Terra, del carattere finito delle risorse.

130 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Sviluppa semplici schematizzazioni di fatti e fenomeni ricorrendo, • FISICA E CHIMICA


quando è il caso, a misure appropriate e a semplici formalizzazioni.
COMUNICARE E • Riconosce nel proprio organismo strutture e funzionamenti a livelli
COMPRENDERE macroscopici. • BIOLOGIA
• Ha una visione della complessità del sistema dei viventi; riconosce • BIOLOGIA
nella loro diversità i bisogni fondamentali di animali e piante nel loro
ambiente.
• L’alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all’aperto, lo svolgersi • Fisica e chimica
INDIVIDUARE E dei più comuni fenomeni, ne immagina le cause; ricerca soluzioni ai • BIOLOGIA
RISOLVERE PROBLEMI problemi, utilizzando le conoscenze acquisite.
• Sviluppa semplici schematizzazioni di fatti e fenomeni ricorrendo, • Fisica e chimica
quando è il caso, a misure appropriate e a semplici formalizzazioni.
• Ha curiosità e interesse verso i principali problemi scientifici.

• L’alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all’aperto, lo svolgersi • Fisica e chimica


dei più comuni fenomeni, ne immagina le cause; ricerca soluzioni ai • BIOLOGIA
IMPARARE A IMPARARE problemi, utilizzando le conoscenze acquisite.
(organizzare il proprio • È consapevole del ruolo della comunità umana sulla Terra, del • SCIENZA DELLA TERRA
apprendimento) carattere finito delle risorse, e inizia ad adottare modi di vita • BIOLOGIA
ecologicamente responsabili.
• Ha curiosità e interesse verso i principali problemi scientifici.

Classe seconda
Nucleo tematico Contenuti Obiettivi di apprendimento
La materia • Struttura dell’atomo Conosce la natura corpuscolare della materia e la struttura dell’atomo • Conosce il
• Tavola periodica degli significato della tavola periodica gli elementi ordinati secondo il numero atomico •
elementi Conosce il significato di legame chimico tra atomi • Conosce alcuni importanti
• Cenni sui legami chimici e composti inorganici • Conosce la legge di conservazione della massa • Descrive
formule di alcuni composti di semplici reazioni chimiche • Conosce il significato di soluzione e proprietà • Conosce
impiego quotidiano alcuni importanti composti organici e riconosce la loro importanza nel mondo dei
• Miscuglio eterogenei e viventi (zuccheri, grassi, proteine …) • Conosce e sa descrivere alcune semplici
omogenei esperienze di laboratorio per individuare i principi nutritivi presenti in alcune sostanze
• Solubilità delle sostanze alimentari • Opera in modo scientifico con un adeguato grado di autonomia ed
• Acidi e basi esegue su indicazioni date semplici esperimenti • Sa rappresentare il modello
• La chimica degli alimenti atomico • Scrive la formula di semplici molecole e reazioni chimiche • Sa realizzare

131 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

semplici esemplificazioni di miscugli e soluzioni • Classificare le sostanze in acide e


basiche utilizzando un indicatore universale • Riconoscere la presenza di principi
nutritivi nei cibi
L’uomo • Sistemi e apparati del corpo Riconoscere nel corpo umano un sistema complesso in cui i vari apparati collaborano
umano al mantenimento delle funzioni vitali • Illustrare e collegare le varie funzioni del corpo
umano anche attraverso la consapevolezza del proprio corpo in crescita e dei suoi
mutamenti • Spiegare, in termini essenziali, l’anatomia e la fisiologia dei principali
apparati del corpo umano e le relative patologie più comuni • Individua re le regole e
i comportamenti indispensabili al mantenimento di un adeguato stato di salute psico-
fisico • Attraverso esempi della vita pratica illustrare la complessità del funzionamento
del corpo umano nelle sue varie attività (nutrimento, movimento, respirazione ecc.) e
le malattie ad esso relative • Descrivere le funzioni delle strutture anatomiche,
riconoscendo analogie e differenze di alcuni invertebrati e vertebrati con quelle
dell’uomo.

Classe prima
Nucleo Contenuti Obiettivi di apprendimento
tematico
La materia • Le caratteristiche della • Conoscere il metodo scientifico sperimentale • Conoscere la materia e alcune sue
materia proprietà • Conoscere gli stati fisici della materia e alcune loro caratteristiche •
• Gli stati di aggregazione della Conoscere la differenza tra temperatura e calore e gli effetti sui corpi • Applicare in
materia semplici esperienze il metodo scientifico sperimentale • Saper determinare il volume di
• I concetti di temperatura e un corpo anche di forma irregolare • Individuare i cambiamenti di stato anche in
calore (cenni) fenomeni naturali • Raccogliere dati in modo ordinato e prendere misure utilizzando
strumenti con la guida dell’insegnante • Discutere su fatti, fenomeni, dati, risultati di
un’esperienza • Formulare ipotesi interpretative coerenti, in situazioni semplici e sulla
base di dati osservati, tabulati e discussi.
Acqua e aria • Alcune proprietà chimiche e Conoscere le proprietà dell’acqua • Conoscere il concetto di soluzione e quindi soluto e
fisiche dell’acqua solvente • Conoscere la composizione e le proprietà dell’aria • Conoscere la struttura
• Il ciclo dell’acqua dell’atmosfera e la sua importanza per il nostro pianeta • Conoscere il ciclo dell’acqua
• Alcune proprietà chimiche e e saper descrivere il ciclo dell’acqua in natura
fisiche dell’aria
Biologia • La struttura della cellula e le Conoscere le differenze tra viventi e non viventi • Conoscere la cellula e la sua struttura
sue principali funzioni (cellula procariote ed eucariote) individuando in essa l’unità strutturale fondamentale
• La classificazione dei viventi dei viventi • Conoscere e saper distinguere organismi autotrofi ed organismi eterotrofi

132 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Conoscere in modo essenziale la classificazione dei viventi nei cinque Regni • Saper
individuare il Regno di appartenenza di un vivente • Conoscere il microscopio come
importante strumento di osservazione a livello cellulare • Evidenziare le differenze e le
analogie tra cellule vegetali e animali • Riconoscere le principali caratteristiche di un
organismo per la sua corretta classificazione

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
• Rispettare il proprio corpo e quello degli altri

• L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di • Avere cura della propria salute anche dal punto
guardare il mondo che lo stimolano a cercare di vista alimentare e motorio.
spiegazioni di quello che vede succedere.
• Ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo del • Riconoscere, attraverso l’esperienza, che la vita
proprio corpo, nei suoi diversi organi e apparati, ne di ogni organismo è in relazione con altre e
AGIRE IN MODO
riconosce e descrive il funzionamento, utilizzando differenti forme di vita.
AUTONOMO E
modelli intuitivi ed ha cura della sua salute.
RESPONSABILE
• Interpretare le trasformazioni ambientali, ivi
• Ha atteggiamenti di cura verso l’ambiente scolastico comprese quelle globali, in particolare quelle
che condivide con gli altri; rispetta e apprezza il conseguenti all’azione modificatrice dell’uomo.
valore dell’ambiente sociale e naturale.
• Rispettare l’ambiente condiviso con gli altri e
mettere in atto comportamenti coerenti e
responsabili.
• Ha atteggiamenti di cura verso l’ambiente scolastico
• Rispettare l’ambiente condiviso con gli altri e
che condivide con gli altri; rispetta e apprezza il
mettere in atto comportamenti responsabili.
valore dell’ambiente sociale e naturale.
• Esplorare i fenomeni, progettare e condurre
COLLABORARE E ricerche ed esperimenti scientifici collaborando
• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con
PARTECIPARE con gli altri.
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo
• Prendere iniziative insieme ai compagni per
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti,
trovare soluzioni ai problemi che riguardano
formula domande, anche sulla base di ipotesi
l’ambiente in cui si vive e si opera (per es.
personali, propone e realizza semplici esperimenti.
riduzione dello spreco delle risorse, tutela e pulizia
dell’ambiente …); assumere comportamenti
coerenti.

133 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di • Applicare in modo consapevole le fasi del
guardare il mondo che lo stimolano a cercare metodo scientifico in semplici contesti
spiegazioni di quello che vede succedere. sperimentali.

• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con • Individuare in contesti sperimentali le proprietà
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo dei materiali.
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti,
formula domande, anche sulla base di ipotesi • Sperimentare/rilevare trasformazioni in oggetti e
personali, propone e realizza semplici esperimenti. materiali.

• Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei • Osservare e schematizzare le trasformazioni


fenomeni, produce rappresentazioni grafiche e rilevate, costruendo semplici modelli
IMPARARE A schemi di livello adeguato, elabora semplici modelli. interpretativi.
IMPARARE
(organizzare il • Trova da varie fonti (libri, internet, discorsi degli adulti, • Elaborare i primi elementi di classificazione
proprio ecc.) informazioni e spiegazioni sui problemi che lo animale e vegetale sulla base di osservazioni
apprendimento) interessano. personali.

• Saper scegliere e utilizzare – ed, eventualmente,


costruire - semplici strumenti, anche di uso
comune.

• Operare una valutazione dei risultati ottenuti


tramite un esperimento.

• Acquisire informazioni da fonti di vario genere

• Utilizzare e trasferire anche in contesti diversi le


conoscenze acquisite.
• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con • Osservare, descrivere, confrontare, correlare,
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo cogliere somiglianze e differenze negli elementi
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti, della realtà (animali, piante, terreni, acque, aria
COMUNICARE E
formula domande, anche sulla base di ipotesi …) e operare classificazioni secondo criteri diversi.
COMPRENDERE
personali, propone e realizza semplici esperimenti.
• Rappresentare in forma grafica le relazioni tra
• Fa misurazioni, registra dati significativi variabili individuate in un esperimento.

134 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Produce rappresentazioni grafiche e schemi di livello • Esporre in forma chiara i risultati di una ricerca e
adeguato, elabora semplici modelli. ciò che è stato sperimentato utilizzando il
linguaggio specifico.
• Espone in forma chiara ciò che ha sperimentato,
utilizzando un linguaggio appropriato.
• Individuare, nell’osservazione di esperienze
concrete, alcuni concetti scientifici (per esempio
dimensioni spaziali, peso, peso specifico, forza,
movimento, pressione, temperatura, calore, ecc.)

• Individuare le proprietà di alcuni materiali (ad


esempio: la durezza, il peso, l’elasticità, la
• Individua nei fenomeni somiglianze e differenze, fa trasparenza, la densità, ecc.).
misurazioni, registra dati significativi, identifica
relazioni spazio/temporali • Ricostruire e interpretare il movimento dei diversi
oggetti celesti.
• Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei
fenomeni, Riconosce le principali caratteristiche e i • Cominciare a riconoscere regolarità nei fenomeni
modi di vivere di organismi animali e vegetali e a costruire in modo elementare il concetto di
energia.
• Ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo del
proprio corpo, nei suoi diversi organi e apparati, ne • Conoscere gli elementi costitutivi di un
riconosce e descrive il funzionamento, utilizzando ecosistema inteso come sistema costituito da
modelli intuitivi ed ha cura della sua salute. organismi viventi (animale/i e vegetale/i) che
interagiscono tra loro e con l'ambiente che li
circonda.

• Individuare il rapporto tra strutture e funzioni negli


organismi osservati/osservabili.
• Porsi domande e formulare ipotesi pertinenti e
• L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di significative sui fenomeni osservati; compiere
INDIVIDUARE E
guardare il mondo che lo stimolano a cercare esplorazioni e ricerche con approccio scientifico.
RISOLVERE
spiegazioni di quello che vede succedere.
PROBLEMI
• Compiere osservazioni frequenti e regolari, a
• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con
occhio nudo o con appropriati strumenti, con i
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo
compagni e autonomamente, di una porzione di
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti,

135 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

formula domande, anche sulla base di ipotesi ambiente vicino; individuare gli elementi che lo
personali, propone e realizza semplici esperimenti. caratterizzano e i loro cambiamenti nel tempo.

• Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei • Utilizzare e, quando è possibile, costruire semplici
fenomeni, produce rappresentazioni grafiche e strumenti di misura (es. recipienti per misure di
schemi di livello adeguato, elabora semplici modelli. volumi/capacità, bilance a molla, ecc.)
imparando a servirsi di unità convenzionali.

• Percepire la presenza e il funzionamento degli


organi interni e della loro correlazione, fino alla
realizzazione di semplici modelli.
Gli obiettivi di apprendimento di classe 5^ contenuti nelle Indicazioni Nazionali sono organizzati in base ai seguenti nuclei tematici:
a. Oggetti, materiali e trasformazioni
b. Osservare e sperimentare sul campo
c. L’uomo, i viventi e l’ambiente
COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
• Sviluppare atteggiamenti di curiosità verso il
mondo circostante e porre domande sui
fenomeni osservati
• L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di
• Osservare e prestare attenzione al funzionamento
guardare il mondo che lo stimolano a cercare
e ai bisogni del proprio corpo e a quello degli altri
spiegazioni di quello che vede succedere.
(fame, sete, dolore, movimento, freddo e caldo,
• Ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo del
ecc.) per riconoscerlo come organismo
proprio corpo, nei suoi diversi organi e apparati, ne
AGIRE IN MODO complesso, proponendo modelli elementari del
riconosce e descrive il funzionamento, utilizzando
AUTONOMO E suo funzionamento.
modelli intuitivi ed ha cura della sua salute.
RESPONSABILE
• Riconoscere in altri organismi viventi, in relazione
• Ha atteggiamenti di cura verso l’ambiente scolastico
con i loro ambienti, bisogni analoghi ai propri.
che condivide con gli altri; rispetta e apprezza il
valore dell’ambiente sociale e naturale.
• Osservare e interpretare le trasformazioni

ambientali naturali (ad opera del sole, di agenti
atmosferici, dell’acqua, ecc.) e quelle ad opera
dell’uomo (urbanizzazione, coltivazione,
industrializzazione, ecc.).

136 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Ha atteggiamenti di cura verso l’ambiente scolastico • Rispettare l’ambiente condiviso con gli altri
che condivide con gli altri; rispetta e apprezza il mettendo in atto comportamenti responsabili, di
valore dell’ambiente sociale e naturale. tutela.
COLLABORARE E
PARTECIPARE • Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con
• Effettuare osservazioni e svolgere semplici
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo
esperimenti scientifici con la collaborazione dei
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti,
compagni, con la guida dell’insegnante e
formula domande, anche sulla base di ipotesi
autonomamente.
personali, propone e realizza semplici esperimenti.
• L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di • Osservare e interpretare i fenomeni osservati e le
guardare il mondo che lo stimolano a cercare trasformazioni ambientali naturali e quelle ad
spiegazioni di quello che vede succedere. opera dell’uomo.

• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con • Osservare e prestare attenzione al funzionamento
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo del proprio corpo per riconoscerlo come
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti, organismo complesso.
IMPARARE A formula domande, anche sulla base di ipotesi
IMPARARE personali, propone e realizza semplici esperimenti. • Pianificare e realizzare, con la guida
(organizzare il dell’insegnante, semplici esperimenti ed
proprio • Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei elaborare semplici modelli di spiegazione.
apprendimento) fenomeni, produce rappresentazioni grafiche e
schemi di livello adeguato, elabora semplici modelli. • Scegliere e utilizzare semplici strumenti utili allo
svolgimento di un esperimento o di una ricerca.
• Trova da varie fonti (libri, internet, discorsi degli adulti,
ecc.) informazioni e spiegazioni sui problemi che lo • Operare una valutazione dei risultati ottenuti
interessano. tramite un esperimento.
• Utilizzare fonti di vario genere per ricavare
informazioni utili alla ricerca
• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con • Individuare, attraverso l’interazione diretta, la
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo struttura di oggetti semplici, analizzarne qualità e
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti, proprietà, descriverli nella loro unitarietà e nelle
formula domande, anche sulla base di ipotesi loro parti, scomporli e ricomporli, riconoscerne
COMUNICARE E
personali, propone e realizza semplici esperimenti. funzioni e modi d’uso.
COMPRENDERE
• Fa misurazioni, registra dati significativi
• Descrivere semplici fenomeni della vita
• Produce rappresentazioni grafiche e schemi di livello quotidiana legati ai liquidi, al cibo, alle forze e al
adeguato, elabora semplici modelli. movimento, al calore, ecc.

137 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Espone in forma chiara ciò che ha sperimentato, • Riconoscere e descrivere le caratteristiche del
utilizzando un linguaggio appropriato. proprio ambiente.

• Produrre semplici descrizioni relative alle


osservazioni effettuate e ai risultati ottenuti
svolgendo esperimenti.

• Utilizzare in modo appropriato il lessico specifico.


• Individuare, attraverso l’interazione diretta, la
struttura di oggetti semplici, analizzarne qualità e
proprietà, descriverli nella loro unitarietà e nelle
loro parti, scomporli e ricomporli, riconoscerne
funzioni e modi d’uso.
• Individua nei fenomeni somiglianze e differenze, fa
misurazioni, registra dati significativi, identifica
• Seriare e classificare oggetti in base alle loro
relazioni spazio/temporali
proprietà.
• Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei
• Avere familiarità con la variabilità dei fenomeni
fenomeni, Riconosce le principali caratteristiche e i
atmosferici (venti, nuvole, pioggia, ecc.) e con la
modi di vivere di organismi animali e vegetali
periodicità dei fenomeni celesti (dì/notte, percorsi
del sole, stagioni).
• Ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo del
proprio corpo, nei suoi diversi organi e apparati, ne
• Riconoscere e descrivere le caratteristiche del
riconosce e descrive il funzionamento, utilizzando
proprio ambiente.
modelli intuitivi ed ha cura della sua salute.
• Osservare i momenti significativi nella vita di
piante e animali, realizzando allevamenti in classe
di piccoli animali, semine in terrari e orti, ecc.
Individuare somiglianze e differenze nei percorsi
di sviluppo di organismi animali e vegetali.
• Osservare i fenomeni e cercare spiegazioni
INDIVIDUARE E • L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di ponendosi domande pertinenti e significative.
RISOLVERE guardare il mondo che lo stimolano a cercare
PROBLEMI spiegazioni di quello che vede succedere. • Individuare strumenti e unità di misura appropriati
alle situazioni problematiche in esame, fare
misure e usare la matematica conosciuta per
trattare i dati.

138 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Formulare semplici ipotesi riguardo ai fenomeni


osservati e pianificare semplici esperimenti.

• Individuare strumenti e unità di misura appropriati


• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con
alle situazioni problematiche in esame, fare
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo
misure e usare la matematica conosciuta per
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti,
trattare i dati.
formula domande, anche sulla base di ipotesi
personali, propone e realizza semplici esperimenti.
• Osservare i momenti significativi nella vita di
piante e animali, realizzando allevamenti in
• Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei
classe di piccoli animali, semine in terrari e orti,
fenomeni, produce rappresentazioni grafiche e
ecc. Individuare somiglianze e differenze nei
schemi di livello adeguato, elabora semplici modelli.
percorsi di sviluppo di organismi animali e
vegetali.

• Osservare, con uscite all’esterno, le


caratteristiche dei terreni e delle acque.
Gli obiettivi di apprendimento di classe 3^ contenuti nelle Indicazioni Nazionali sono organizzati in base ai seguenti nuclei tematici:
a. Esplorare e descrivere oggetti e materiali
b. Osservare e sperimentare sul campo
c. L’uomo, i viventi e l’ambiente
COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 1^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
• L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di
guardare il mondo che lo stimolano a cercare
• Sviluppare atteggiamenti di curiosità verso il
spiegazioni di quello che vede succedere.
mondo circostante e porre domande sui
• Ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo del
fenomeni osservati.
AGIRE IN MODO proprio corpo, nei suoi diversi organi e apparati, ne
AUTONOMO E riconosce e descrive il funzionamento, utilizzando
• Rispettare il proprio corpo e quello degli altri.
RESPONSABILE modelli intuitivi ed ha cura della sua salute.
• Assumere comportamenti rispettosi
• Ha atteggiamenti di cura verso l’ambiente scolastico
dell’ambiente.
che condivide con gli altri; rispetta e apprezza il
valore dell’ambiente sociale e naturale.

139 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Ha atteggiamenti di cura verso l’ambiente scolastico • Assumere atteggiamenti di cura verso l’ambiente
che condivide con gli altri; rispetta e apprezza il condiviso con gli altri
COLLABORARE E valore dell’ambiente sociale e naturale.
PARTECIPARE • Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo • Effettuare osservazioni e condividere esperienze
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti, collaborando con i compagni.
formula domande, anche sulla base di ipotesi
personali, propone e realizza semplici esperimenti.
• L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di • Esplorare l’ambiente circostante attraverso
guardare il mondo che lo stimolano a cercare l’approccio senso-percettivo e l’osservazione
spiegazioni di quello che vede succedere. diretta.

• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con • Individuare in contesti sperimentali le proprietà
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo dei materiali: consistenza, durezza, trasparenza, …
IMPARARE A autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti,
IMPARARE formula domande, anche sulla base di ipotesi • Individuare, attraverso l’interazione diretta, la
(organizzare il personali, propone e realizza semplici esperimenti. struttura di oggetti semplici, rilevarne la qualità e
proprio le proprietà, descriverli nella loro unitarietà e nelle
apprendimento) • Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei parti, riconoscerne le funzioni e i modi d’uso.
fenomeni, produce rappresentazioni grafiche e
schemi di livello adeguato, elabora semplici modelli. • Usare le fonti a disposizione per ricavare
informazioni.
• Trova da varie fonti (libri, internet, discorsi degli adulti,
ecc.) informazioni e spiegazioni sui problemi che lo
interessano.
• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con • Descrivere e rappresentare in forma semplice ciò
l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo che si è osservato nella realtà.
autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti,
formula domande, anche sulla base di ipotesi • Registrare, classificare, rappresentare in forma
COMUNICARE E personali, propone e realizza semplici esperimenti. semplice i dati riferiti agli esperimenti compiuti.
COMPRENDERE
• Fa misurazioni, registra dati significativi • Riconoscere e denominare i cinque sensi e le
rispettive percezioni sensoriali.
• Produce rappresentazioni grafiche e schemi di livello
adeguato, elabora semplici modelli. • Utilizzare un lessico appropriato.

140 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Espone in forma chiara ciò che ha sperimentato,


utilizzando un linguaggio appropriato.

• Osservare i fenomeni che caratterizzano


l’esperienza quotidiana e, con la guida
dall’insegnante, riconoscere invarianze e
conservazioni nelle trasformazioni.
• Individua nei fenomeni somiglianze e differenze, fa
misurazioni, registra dati significativi, identifica • Osservare, confrontare, cogliere somiglianze e
relazioni spazio/temporali differenze negli elementi della realtà (animali,
piante, terreni, acque) e operare classificazioni
• Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei secondo criteri diversi.
fenomeni, Riconosce le principali caratteristiche e i
modi di vivere di organismi animali e vegetali • Osservare in modo diretto l’ambiente circostante
cogliendone le trasformazioni nel tempo (es: fiore,
• Ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo del albero, siepe, parte di giardino).
proprio corpo, nei suoi diversi organi e apparati, ne
riconosce e descrive il funzionamento, utilizzando • Acquisire familiarità con la periodicità dei
modelli intuitivi ed ha cura della sua salute. fenomeni celesti (dì/notte).

• Distinguere gli esseri viventi dai non viventi.


• L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di • Porre domande sui fenomeni osservati, formulare
guardare il mondo che lo stimolano a cercare ipotesi/previsioni e, con la guida dell’insegnante
spiegazioni di quello che vede succedere. compiere semplici esperimenti.
• Svolgere semplici esperimenti per provocare
• Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con trasformazioni in oggetti e materiali.
INDIVIDUARE E l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo
RISOLVERE autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti, • Classificare in base a una proprietà (ad esempio
PROBLEMI formula domande, anche sulla base di ipotesi ordinare oggetti in base a una proprietà dei
personali, propone e realizza semplici esperimenti. materiali).

• Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei • Cogliere alcune relazioni tra organismi viventi e
fenomeni, produce rappresentazioni grafiche e ambiente.
schemi di livello adeguato, elabora semplici modelli.
• Elaborare semplici spiegazioni relative ai
fenomeni osservati

141 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Gli obiettivi di apprendimento contenuti nelle Indicazioni Nazionali sono organizzati in base ai seguenti nuclei tematici:
d. Esplorare e descrivere oggetti e materiali
e. Osservare e sperimentare sul campo
f. L’uomo, i viventi e l’ambiente

MUSICA
CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012
DISCIPLINA: MUSICA FINE PRIMARIA-FINE SECONDARIA DI 1° GRADO
COMPETENZE INDICATORI DI
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA
DEL COMPETENZA DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA
1° GRADO
CURRICOLO IC CURRICOLO IC
AGIRE IN Assumere ruoli e L’alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori L’alunno partecipa in modo attivo alla realizzazione
MODO impegni dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento di esperienze musicali attraverso l’esecuzione e
AUTONOMO E nell’esperienza alla loro fonte. l’interpretazione di brani strumentali e vocali
RESPONSABILE scolastica appartenenti a generi e culture differenti.

Instaurare relazioni L’alunno partecipa alla realizzazione di esperienze L’alunno partecipa in modo attivo alla realizzazione
positive e rispettare musicali attraverso l’esecuzione collettiva di semplici di esperienze musicali attraverso l’esecuzione e
consapevolmente le brani strumentali e vocali appartenenti a generi e l’interpretazione di brani strumentali e vocali
COLLABORARE regole della culture differenti. appartenenti a generi e culture differenti.
E PARTECIPARE convivenza
Assumere L’alunno collabora nel gruppo alla realizzazione e
comportamenti rappresentazione di esperienze musicali.
cooperativi
Mettere a punto L’alunno applica varie strategie interattive e descrittive L’alunno integra con altri saperi e altre pratiche
strategie anche di ( orali, scritte, grafiche) all’ascolto di brani musicali , al artistiche le proprie esperienze musicali, servendosi
IMPARARE A tipo organizzativo fine di pervenire a una comprensione essenziale delle anche di appropriati codici e sistemi di codifica.
IMPARARE funzionali strutture e delle loro funzioni.
(organizzare il all’apprendimento.
proprio
apprendiment L’alunno mette in atto processi di autovalutazione L’alunno orienta lo sviluppo delle proprie
o) competenze musicali, nell’ottica della costruzione di
Auto valutarsi.
un’identità musicale che muova dalla
consapevolezza delle proprie attitudini e capacità,

142 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

dalla conoscenza delle opportunità musicali offerte


dalla scuola e dalla fruizione dei contesti socio-
culturali presenti sul territorio.
L’alunno esplora e gestisce diverse possibilità espressive L’alunno usa diversi sistemi di notazione funzionali alla
della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali; le lettura, all’analisi e alla produzione di brani musicali.
Padroneggiare gli
esegue con la voce, il corpo e gli strumenti.
strumenti espressivi e
COMUNICARE L’alunno comprende e valuta eventi, materiali, opere
argomentativi della
E L’alunno riconosce gli elementi linguistici costitutivi di un musicali riconoscendone i significati, anche in
comunicazione
COMPRENDER semplice brano musicale, sapendoli poi utilizzare anche relazione alla propria esperienza musicale e ai diversi
E nelle proprie prassi esecutive. contesti storico-culturali.
L’alunno articola combinazioni timbriche, ritmiche e
Acquisire ed
melodiche, applicando schemi elementari, le esegue
interpretare
con la voce, il corpo e gli strumenti; li trasforma in brevi
l’informazione
forme rappresentative.
Effettuare valutazioni L’alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al L’alunno è in grado di ideare e realizzare, anche
INDIVIDUARE E del contesto; linguaggio musicale per riconoscere e rappresentare attraverso l’improvvisazione, partecipando a processi
RISOLVERE riconoscervi varie tipologie di messaggi sonori. di elaborazione collettiva, messaggi musicali e
PROBLEMI situazioni multimediali, nel confronto critico con modelli
problematiche di cui appartenenti al patrimonio musicale, utilizzando
rilevare i dati anche sistemi informatici
significativi
Sviluppare L’alunno pianifica, sperimenta e realizza prodotti sonori.
ragionamenti
interpretativi,
pianificare e
sperimentare
strategie risolutive.

COMPETENZE TRAGUARDI DI COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITÀ DISCIPLINARI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO


DEL CLASSE 3^ SECONDARIA 1° CLASSE 3^ SECONDARIA CLASSE 1-2-3^ STRUMENTO
CURRICOLO IC GRADO
AGIRE IN - L’alunno partecipa in modo - Divenire consapevoli delle modalità - Prendere parte ad - Suonando porge
MODO attivo alla realizzazione di relazionali, mettendo a disposizione esecuzioni di gruppo in attenzione alle indicazioni
AUTONOMO E esperienze musicali le proprie conoscenze e abilità per modo attivo e gestuali del direttore del
RESPONSABILE attraverso l’esecuzione e consapevole, portando il gruppo

143 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

l’interpretazione di brani la realizzazione di un’attività in proprio contributo e - Mette in gioco la propria


strumentali e vocali comune. rispettando il proprio ruolo soggettività, attraverso lo
appartenenti a generi e - Comprendere la funzione delle - Contribuire alla sviluppo di capacità di
culture differenti. regole e dei ruoli, in ordine allo realizzazione di una attività valutazione critico
sviluppo personale su eventi comune, inserendosi in estetiche.
significativi. modo personale e critico, - E' consapevole della
- Assumere precise responsabilità elaborando proposte e dimensione
nelle diverse attività musicali: delineando possibili intersoggettiva e pubblica
tutor….. interventi dell'evento musicale
comprendendone il senso
di appartenenza sociale.
COLLABORARE - Individuare proprie capacità, - instaurare relazioni - Adatta e modifica la
E PARTECIPARE interessi misurandosi con varie interpersonali e di gruppo, propria esecuzione in
attività musicali: esecuzioni di fondate sull’ascolto funzione del contesto
gruppo, ascolto, attività condiviso e su attività collettivo.
- L’alunno partecipa in modo
laboratoriali. compartecipate - Partecipa in modo attivo
attivo alla realizzazione di
- Eseguire in modo espressivo, alla realizzazione di
esperienze musicali
collettivamente e individualmente, esperienze musicali,
attraverso l’esecuzione e
brani vocali/strumentali di diversi attraverso l'esecuzione e
l’interpretazione di brani
generi e stili, anche avvalendosi di l'interpretazione di brani
strumentali e vocali
strumentazioni elettroniche strumentali e/o vocali.
appartenenti a generi e
- Esegue un brano
culture differenti.
d’insieme utilizzando il
proprio strumento, la voce
o uno strumento a
percussione.
IMPARARE A - Integra con altri saperi e - Orientare la costruzione della - Contribuire alla - Elabora in modo
IMPARARE altre pratiche artistiche le propria identità musicale, realizzazione di una attività autonomo il materiale
(organizzare il proprie esperienze musicali, valorizzando le proprie esperienze comune, inserendosi in sonoro (improvvisazione-
proprio servendosi anche di - Scoprire e comprendere modo personale e critico, composizione)
apprendimento appropriati codici e sistemi testimonianze storico-sociali elaborando proposte e sviluppando la propria
Auto valutarsi. di codifica. attraverso l’ascolto di documenti delineando possibili dimensione creativa.
- Orienta lo sviluppo delle musicali interventi - È consapevole del
proprie competenze - Riconoscere e analizzare opere - Individuare rapporti tra la rapporto tra
musicali, nell’ottica della musicali rappresentative di generi, musica e gli altri linguaggi organizzazione
costruzione di un’identità forme e stili storicamente rilevanti sia in brani musicali che in dell'attività senso- motoria
musicale che muova dalla messaggi multimediali legata al proprio

144 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

consapevolezza delle - Accedere alle risorse musicali - Riconoscere e analizzare strumento e della
proprie attitudini e presenti in rete e utilizzare software con linguaggio appropriato gestione dei propri stati
capacità, dalla conoscenza specifici per elaborazioni sonore e emotivi.
delle opportunità musicali musicali. - Utilizza e controlla lo
offerte dalla scuola e dalla strumento nella pratica
fruizione dei contesti socio- individuale e collettiva
culturali presenti sul territorio. con particolare
riferimento ai riflessi
determinati dal controllo
della postura e dallo
sviluppo senso-motorio
sull'acquisizione delle
tecniche specifiche.
COMUNICARE - Riconoscere e classificare anche - Conoscere ed usare gli - Acquisisce il dominio
E stilisticamente i più importanti elementi della notazione tencico del proprio
COMPRENDERE elementi costitutivi del linguaggio musicale strumento al fine di
musicale. - Riconoscere in un brano le produrre eventi musicali
- Conoscere, descrivere e strutture fondamentali del tratti da repertori della
interpretare in modo critico opere linguaggio musicale tradizione scritta e orale
d’arte e musicali e - Eseguire con la voce e gli con consapevolezza
- Usa diversi sistemi di
progettare/realizzare eventi sonori strumenti semplici idee e interpretativa, sia nella
notazione funzionali alla
che integrino altre forme artistiche, brani musicali restituzione dei processi
lettura, all’analisi e alla
quali danza, teatro, arti visive. formali sia nella capacità
produzione di brani musicali.
- Decodificare e utilizzare la di attribuzione di senso.
- Comprende e valuta eventi,
notazione tradizionale e altri sistemi - Acquisisce un primo livello
materiali, opere musicali
di scrittura. di capacità performative
riconoscendone i significati,
in funzione dell'efficacia
anche in relazione alla
della comunicazione.
propria esperienza musicale
- È in grado di produrre
e ai diversi contesti storico-
autonome elaborazioni di
culturali.
materiali sonori, pur
all'interno di griglie
predisposte.
- Acquisisce abilità in ordine
alla lettura ritmica intonata
e di conoscenze di base
della teoria musicale.

145 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Interpreta la notazione in
funzione del contesto
musicale.
- E’ in grado di ideare e - Conoscere, descrivere e - Saper variare una melodia - Adatta e modifica la
INDIVIDUARE E realizzare, anche attraverso interpretare in modo critico opere - Saper formare semplici propria esecuzione in
RISOLVERE l’improvvisazione, d’arte e musicali e battute ritmico/melodiche funzione del contesto
PROBLEMI partecipando a processi di progettare/realizzare eventi sonori nei tempi binario, ternario, collettivo.
elaborazione collettiva, che integrino altre forme artistiche, quaternario - Acquisisce un metodo di
messaggi musicali e quali danza, teatro, arti visive e - Saper riconoscere e studio basato
multimediali, nel confronto multimediali. descrivere uno stile o una sull'individuazione
critico con modelli - Improvvisare e rielaborare strutture forma musicale dell'errore e della sua
appartenenti al patrimonio musicali utilizzando sia strutture correzione.
musicale, utilizzando anche aperte che semplici schemi ritmico-
sistemi informatici melodici.
- Prevedere percorsi operativi e
creativi per raggiungere i risultati
attesi

COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITÀ DISCIPLINARI


CURRICOLO IC CLASSE 3^ SECONDARIA 1° CLASSI 1^/2^ SECONDARIA
GRADO
- L’alunno partecipa in modo - Divenire più consapevoli delle - Prendere parte ad esecuzioni di
attivo alla realizzazione di modalità relazionali, mettendo a gruppo in modo attivo e
esperienze musicali attraverso disposizione le proprie conoscenze e consapevole, portando il
l’esecuzione e abilità per la realizzazione di proprio contributo e rispettando
AGIRE IN MODO
l’interpretazione di brani un’attività in comune. il proprio ruolo
AUTONOMO E
strumentali e vocali - Comprendere la funzione delle regole - Contribuire alla realizzazione di
RESPONSABILE
appartenenti a generi e e dei ruoli, in ordine allo sviluppo una attività comune,
culture differenti. personale su eventi significativi. inserendosi in modo personale e
- Assumere precise responsabilità nelle critico, elaborando proposte e
diverse attività musicali: tutor ... delineando possibili interventi
COLLABORARE E - L’alunno partecipa in modo - Individuare proprie capacità, interessi - instaurare relazioni interpersonali
PARTECIPARE attivo alla realizzazione di misurandosi con varie attività musicali: e di gruppo, fondate
esperienze musicali attraverso esecuzioni di gruppo, ascolto, attività sull’ascolto condiviso e su
l’esecuzione e laboratoriali. attività compartecipate
l’interpretazione di brani - Eseguire in modo espressivo,
strumentali e vocali collettivamente e individualmente,

146 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

appartenenti a generi e brani vocali/strumentali di diverso


culture differenti. genere e stile
IMPARARE A - Integra con altri saperi e altre - Orientare la costruzione della propria - Contribuire alla realizzazione di
IMPARARE pratiche artistiche le proprie identità musicale, valorizzando le una attività comune,
(organizzare il esperienze musicali, servendosi proprie esperienze inserendosi in modo personale e
proprio anche di appropriati codici e - Correlare la costruzione dei messaggi critico, elaborando proposte e
apprendimento sistemi di codifica. musicali con la funzione espressivo- delineando possibili interventi
Auto valutarsi. - Orienta lo sviluppo delle comunicativa - Individuare rapporti tra la
proprie competenze musicali, - Scoprire e comprendere musica e gli altri linguaggi sia in
nell’ottica della costruzione di testimonianze storico-sociali brani musicali che in messaggi
un’identità musicale che attraverso l’ascolto di documenti multimediali
muova dalla consapevolezza musicali - Riconoscere e analizzare con
delle proprie attitudini e - Riconoscere e analizzare opere linguaggio appropriato le
capacità, dalla conoscenza musicali rappresentative di generi, fondamentali strutture musicali
delle opportunità musicali forme e stili storicamente rilevanti e la loro valenza espressiva
offerte dalla scuola e dalla anche in relazione ad altri
fruizione dei contesti socio- linguaggi
culturali presenti sul territorio.
COMUNICARE E - Riconoscere e classificare anche - Conoscere ed usare gli elementi
- Usa diversi sistemi di notazione
COMPRENDERE stilisticamente i più importanti della notazione musicale
funzionali alla lettura, all’analisi
elementi costitutivi del linguaggio - Riconoscere in un brano le
e alla produzione di brani
musicale. strutture fondamentali del
musicali.
- Conoscere, descrivere e interpretare linguaggio musicale
- Comprende e valuta eventi,
in modo critico opere d’arte e - Eseguire con la voce e gli
materiali , opere musicali
musicali e progettare/realizzare eventi strumenti semplici idee e brani
riconoscendone i significati,
sonori che integrino altre forme musicali
anche in relazione alla propria
artistiche, quali danza, teatro, arti
esperienza musicale e ai
visive.
diversi contesti storico-culturali.
- Decodificare e utilizzare la notazione
tradizionale e altri sistemi di scrittura.
INDIVIDUARE E - E’ in grado di ideare e - Conoscere, descrivere e interpretare - Saper variare una melodia
RISOLVERE realizzare, anche attraverso in modo critico opere d’arte e - Saper formare semplici battute
PROBLEMI l’improvvisazione, musicali e progettare/realizzare eventi ritmico/melodiche nei tempi
partecipando a processi di sonori che integrino altre forme binario, ternario, quaternario
elaborazione collettiva, artistiche, quali danza, teatro, arti - Saper riconoscere e descrivere
messaggi musicali e visive e multimediali. uno stile o una forma musicale
multimediali, nel confronto

147 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

critico con modelli - Improvvisare e rielaborare strutture


appartenenti al patrimonio musicali utilizzando semplici schemi
musicale, utilizzando anche melodici.
sistemi informatici - Prevedere percorsi operativi e creativi
per raggiungere i risultati attesi

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
AGIRE IN MODO L’alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal - Prendere parte ad esecuzioni di gruppo in modo
AUTONOMO E punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro attivo e consapevole, rispettando il proprio ruolo.
RESPONSABILE fonte.
L’alunno partecipa alla realizzazione di esperienze - Partecipare in modo costruttivo alle attività musicali
musicali attraverso l’esecuzione collettiva di semplici nel rispetto di regole condivise.
COLLABORARE E brani strumentali e vocali appartenenti a generi e culture - Eseguire collettivamente e individualmente brani
PARTECIPARE differenti. vocali/strumentali anche polifonici, curando
l’intonazione e l’espressività.
L’alunno collabora nel gruppo alla realizzazione e - Collaborare attivamente nella realizzazione e
rappresentazione di esperienze musicali. rappresentazione di esperienze musicali
L’alunno applica varie strategie interattive e descrittive - Individuare strategie funzionali all’ascolto di
(orali, scritte, grafiche) all’ascolto e alla realizzazione di materiale sonoro.
materiale sonoro, al fine di pervenire a una - Pianificare la successione di eventi sonori da
IMPARARE A comprensione essenziale delle strutture e delle loro
IMPARARE eseguire in gruppo per la realizzazione di un
funzioni.
(organizzare il prodotto comune
proprio L’alunno mette in atto processi di autovalutazione - Sviluppare capacità di lettura consapevole e
apprendimento) critica dei materiali sonori realizzati.
- Acquisire consapevolezza delle proprie capacità
vocali
L’alunno esplora e gestisce diverse possibilità espressive - Utilizzare voci e strumenti per eseguire
della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali; le collettivamente e individualmente brani
COMUNICARE E esegue con la voce, il corpo e gli strumenti. vocali/strumentali anche polifonici, curandone
COMPRENDERE l’intonazione e l’espressività.
L’alunno riconosce gli elementi linguistici costitutivi di un - Riconoscere e classificare gli elementi costitutivi
semplice brano musicale, sapendoli poi utilizzare anche basilari del linguaggio musicale all’interno di brani
nelle proprie prassi esecutive. di vario genere e provenienza.

148 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

L’alunno articola combinazioni timbriche, ritmiche e - Rappresentare gli elementi basilari di brani musicali
melodiche, applicando schemi elementari, le esegue e di eventi sonori attraverso sistemi simbolici
con la voce, il corpo e gli strumenti; li trasforma in brevi convenzionali e non convenzionali
forme rappresentative.
L’alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al - Riconoscere aspetti funzionali ed estetici in brani
INDIVIDUARE E linguaggio musicale per riconoscere e rappresentare musicali di vario genere e stile, caratteristici di
RISOLVERE varie tipologie di messaggi sonori. culture, di tempi e luoghi diversi
PROBLEMI
L’alunno pianifica, sperimenta e realizza prodotti sonori. - Rappresentare gli elementi basilari di brani musicali
e di eventi sonori attraverso sistemi simbolici
convenzionali e non convenzionali

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
AGIRE IN MODO L’alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori - Prendere parte ad esecuzioni di gruppo in modo
AUTONOMO E dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento attivo.
RESPONSABILE alla loro fonte.
L’alunno partecipa alla realizzazione di esperienze - Partecipare alle attività musicali nel rispetto di regole
musicali attraverso l’esecuzione collettiva di semplici condivise.
COLLABORARE E
brani strumentali e vocali appartenenti a generi e - Eseguire collettivamente brani vocali/strumentali, in
PARTECIPARE
culture differenti. modo corretto ed espressivo.
L’alunno collabora nel gruppo nella realizzazione e - Collaborare nella realizzazione e rappresentazione di
rappresentazione di esperienze musicali. esperienze musicali
L’alunno applica varie strategie interattive e descrittive - Individuare strategie funzionali all’ascolto di
IMPARARE A (orali, scritte, grafiche) all’ascolto e alla realizzazione di materiale sonoro.
IMPARARE di materiale sonoro, al fine di pervenire a una - Pianificare la successione di eventi sonori da eseguire
(organizzare il comprensione essenziale delle strutture e delle loro
in gruppo per la realizzazione di un prodotto comune
proprio funzioni.
apprendimento) L’alunno mette in atto processi di autovalutazione - Valutare la riuscita di una semplice esecuzione
individuale o di gruppo
L’alunno esplora e gestisce diverse possibilità espressive - Utilizzare voci e strumenti in modo creativo
della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali; le ampliando gradualmente le proprie capacità di
COMUNICARE E
esegue con la voce, il corpo e gli strumenti. rielaborazione.
COMPRENDERE
- Riconoscere e classificare gli elementi basilari del
linguaggio musicale.
149 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

L’alunno riconosce gli elementi linguistici costitutivi di un


semplice brano musicale, sapendoli poi utilizzare anche
nelle proprie prassi esecutive.
L’alunno articola combinazioni timbriche, ritmiche e - Rappresentare gli elementi basilari di brani musicali e
melodiche, applicando schemi elementari, le esegue di eventi sonori attraverso sistemi simbolici
con la voce, il corpo e gli strumenti; li trasforma in brevi convenzionali e non convenzionali
forme rappresentative.
L’alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al - Riconoscere aspetti funzionali ed estetici in materiali
INDIVIDUARE E linguaggio musicale per riconoscere e rappresentare sonori di vario genere
RISOLVERE varie tipologie di messaggi sonori.
PROBLEMI L’alunno pianifica, sperimenta e realizza prodotti sonori. - Scegliere elementi dello strumentario didattico e non
per sonorizzazioni, riproduzioni e invenzioni musicali
- Sintonizzare il proprio canto e movimento con quello
degli altri per realizzare un prodotto comune

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 1^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
AGIRE IN MODO L’alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal - Prendere parte ad esecuzioni di gruppo.
AUTONOMO E punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro
RESPONSABILE fonte.
L’alunno partecipa alla realizzazione di esperienze - Partecipare alle attività musicali nel rispetto di
musicali attraverso l’esecuzione collettiva di semplici regole condivise.
COLLABORARE E brani strumentali e vocali appartenenti a generi e culture - Eseguire collettivamente brani vocali/strumentali, in
PARTECIPARE differenti. modo espressivo.
L’alunno collabora nel gruppo nella realizzazione e - Collaborare nella realizzazione di semplici
rappresentazione di esperienze musicali. esperienze musicali
L’alunno applica varie strategie interattive e descrittive - Individuare strategie funzionali all’ascolto di
IMPARARE A (orali, scritte, grafiche) all’ascolto e alla realizzazione di di materiale sonoro.
IMPARARE materiale sonoro, al fine di pervenire a una
(organizzare il comprensione essenziale delle strutture e delle loro
proprio funzioni.
apprendimento) L’alunno mette in atto processi di autovalutazione - Riconoscere la riuscita di una semplice esecuzione
individuale e di gruppo
COMUNICARE E L’alunno esplora e gestisce diverse possibilità espressive - Utilizzare voci e strumenti ampliando gradualmente
COMPRENDERE della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali; le le proprie capacità di rielaborazione.
esegue con la voce, il corpo e gli strumenti.

150 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

- Riconoscere e classificare gli elementi basilari del


L’alunno riconosce gli elementi linguistici costitutivi di un mondo sonoro.
semplice brano musicale, sapendoli poi utilizzare anche
nelle proprie prassi esecutive.
L’alunno articola combinazioni timbriche, ritmiche e - Rappresentare graficamente eventi sonori.
melodiche, applicando schemi elementari, le esegue
con la voce, il corpo e gli strumenti; li trasforma in brevi
forme rappresentative.
INDIVIDUARE E L’alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al - Riconoscere le principali differenze tra i materiali
RISOLVERE linguaggio musicale per riconoscere e rappresentare sonori
PROBLEMI varie tipologie di messaggi sonori.
L’alunno pianifica, sperimenta e realizza prodotti sonori. - Esplorare le possibilità espressive del materiale
sonoro a disposizione

151 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

ARTE E IMMAGINE

CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012


DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE FINE PRIMARIA-FINE SECONDARIA DI 1° GRADO
COMPETENZE DEL INDICATORI DI COMPETENZA TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^
CURRICOLO IC DEL CURRICOLO IC PRIMARIA SECONDARIA 1° GRADO

L’alunno è in grado di osservare, esplorare, L’alunno padroneggia gli elementi principali


AGIRE IN MODO
Assumere ruoli e impegni descrivere e leggere immagini (opere d’arte, del linguaggio visivo, legge e comprende i
AUTONOMO E
nell’esperienza scolastica fotografie, manifesti, fumetti, ecc) e messaggi significati di immagini statiche e in movimento,
RESPONSABILE
multimediali (spot, brevi filmati, videoclip, ecc.). di filmati audiovisivi e di prodotti multimediali.
Riconosce il valore culturale di immagini, di opere
Apprezza le opere artistiche e artigianali e di oggetti artigianali prodotti in paesi diversi dal
Instaurare relazioni positive provenienti da culture diverse dalla propria. proprio.
e rispettare
COLLABORARE E
consapevolmente le regole Conosce i principali beni artistico-culturali Riconosce gli elementi principali del patrimonio
PARTECIPARE
della convivenza presenti nel proprio territorio e manifesta culturale, artistico e ambientale del proprio
sensibilità e rispetto per la loro salvaguardia. territorio ed è sensibile ai problemi della sua tutela
e conservazione.
Assumere comportamenti
cooperativi
IMPARARE A Mettere a punto strategie Utilizza molteplici tecniche, materiali e strumenti Sceglie e utilizza in modo funzionale tecniche e
IMPARARE anche di tipo organizzativo (grafico-espressivi, pittorici e plastici, ma anche materiali differenti anche con l’integrazione di più
(organizzare il funzionali audiovisivi e multimediali) per rielaborare le media e codici espressivi per realizzare elaborati
proprio all’apprendimento. immagini. personali.
apprendimento) Auto valutarsi.
L’alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative L’alunno produce elaborati personali e creativi
al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di sulla base di un’ideazione e progettazione
COMUNICARE E Padroneggiare gli strumenti testi visivi (espressivi, narrativi, rappresentativi e originale, utilizzando le conoscenze e le regole del
COMPRENDERE espressivi e argomentativi comunicativi) e rielaborare in modo creativo le linguaggio visivo, scegliendo in modo funzionale
della comunicazione immagini con molteplici tecniche, materiali e tecniche e materiali differenti anche con
strumenti (grafico-espressivi, pittorici e plastici, l’integrazione di più media e codici espressivi.
ma anche audiovisivi e multimediali).

152 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Legge un’opera d’arte individuandone i Legge le opere più significative prodotte nell’arte
principali aspetti formali. antica, medievale, moderna e contemporanea,
Conosce i principali beni artistico-culturali sapendole collocare nei rispettivi contesti storici,
Acquisire ed interpretare
presenti nel proprio territorio. culturali e ambientali.
l’informazione
Conosce e analizza i beni culturali presenti nel
proprio territorio.
Utilizza le conoscenze e le abilità relative al L’alunno produce elaborati personali e creativi
Effettuare valutazioni del linguaggio visivo per produrre varie tipologie di sulla base di un’ideazione e progettazione
contesto; riconoscervi testi visivi e rielaborare in modo creativo le originale, applicando le conoscenze e le regole
INDIVIDUARE E
situazioni problematiche di immagini con molteplici tecniche, materiali e del linguaggio visivo, scegliendo in modo
RISOLVERE
cui rilevare i dati significativi strumenti. funzionale tecniche e materiali differenti anche
PROBLEMI
con l’integrazione di più media e codici espressivi.
Sviluppare ragionamenti Manifesta sensibilità e rispetto per i principali È sensibile ai problemi della tutela e conservazione
interpretativi, pianificare e beni artistico-culturali. del patrimonio culturale, artistico e ambientale del
sperimentare strategie proprio territorio.
risolutive.

COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA 1°


OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ SECONDARIA
CURRICOLO IC GRADO
• Leggere e interpretare un’immagine o un’opera
L’alunno padroneggia gli elementi principali del
AGIRE IN MODO d’arte utilizzando gradi progressivi di
linguaggio visivo, legge e comprende i significati di
AUTONOMO E apprendimento dell’analisi del testo per
immagini statiche e in movimento, di filmati audiovisivi e
RESPONSABILE comprenderne il significato e cogliere le scelte
di prodotti multimediali.
creative e stilistiche dell’autore.
Riconosce il valore culturale di immagini, di opere e di • Possedere una conoscenza delle linee
oggetti artigianali prodotti in paesi diversi dal proprio. fondamentali della produzione artistica dei
principali periodi storici del passato e dell’arte
COLLABORARE E Riconosce gli elementi principali del patrimonio culturale, moderna e contemporanea, anche appartenenti a
PARTECIPARE artistico e ambientale del proprio territorio ed è sensibile ai contesti culturali diversi dal proprio.
problemi della sua tutela e conservazione. • Conoscere le tipologie del patrimonio ambientale,
storico/artistico e museale del territorio sapendone
leggere i significati e i valori estetici, storici e sociali.

153 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Sceglie e utilizza in modo funzionale tecniche e materiali • Riconoscere i codici e le regole compositive presenti
differenti anche con l’integrazione di più media e codici nelle opere d’arte e nelle immagini della
IMPARARE A
espressivi per realizzare elaborati personali. comunicazione multimediale per individuarne la
IMPARARE
funzione simbolica, espressiva e comunicativa nei
(organizzare il
diversi ambiti di appartenenza (arte, pubblicità,
proprio
informazione e spettacolo).
apprendimento)
• Sviluppare capacità di lettura consapevole e
critica degli elaborati prodotti.
L’alunno produce elaborati personali e creativi sulla base di • Utilizzare diverse tecniche osservative per
un’ideazione e progettazione originale, utilizzando le descrivere, con un linguaggio verbale
conoscenze e le regole del linguaggio visivo, scegliendo in appropriato, gli elementi formali ed estetici di un
modo funzionale tecniche e materiali differenti anche con contesto reale.
COMUNICARE E l’integrazione di più media e codici espressivi. • Leggere e commentare criticamente un'opera
COMPRENDERE Legge le opere più significative prodotte nell’arte antica, d'arte mettendola in relazione con gli elementi
medievale, moderna e contemporanea, sapendole essenziali del contesto storico e culturale in cui
collocare nei rispettivi contesti storici, culturali e ambientali. appartiene

Conosce e analizza i beni culturali presenti nel proprio


territorio.
L’alunno produce elaborati personali e creativi sulla base di • Utilizzare consapevolmente gli strumenti, le tecniche
un’ideazione e progettazione originale, applicando le figurative (grafiche, pittoriche e plastiche) e le
conoscenze e le regole del linguaggio visivo, scegliendo in regole della rappresentazione visiva per una
modo funzionale tecniche e materiali differenti anche con produzione creativa che rispecchi le preferenze e lo
l’integrazione di più media e codici espressivi. stile espressivo personale.
• Scegliere le tecniche e i linguaggi più adeguati
INDIVIDUARE E
per realizzare prodotti visivi seguendo una precisa
RISOLVERE
finalità operativa e comunicativa, anche
PROBLEMI
integrando più codici e facendo riferimento ad
altre discipline.

È sensibile ai problemi della tutela e conservazione del • Ideare e progettare elaborati ricercando soluzioni
patrimonio culturale, artistico e ambientale del proprio creative e originali, ispirate anche dallo studio
territorio. dell'arte e della comunicazione visiva
• Ipotizzare strategie d’intervento per la tutela, la
conservazione e la valorizzazione dei beni culturali.

154 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ SECONDARIA 1° OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 1-2^
CURRICOLO IC GRADO SECONDARIA
L’alunno padroneggia gli elementi principali del • Saper interpretare in modo personale, creativo e
AGIRE IN MODO
linguaggio visivo, legge e comprende i significati di originale un'immagine artistica.
AUTONOMO E
immagini statiche e in movimento, di filmati audiovisivi e di
RESPONSABILE
prodotti multimediali.
Riconosce il valore culturale di immagini, di opere e di • Possedere una conoscenza critica delle linee
oggetti artigianali prodotti in paesi diversi dal proprio. fondamentali della produzione storico-artistica nel
COLLABORARE E proprio paese e in paesi altri.
PARTECIPARE Riconosce gli elementi principali del patrimonio culturale, • Ricercare e riconoscere modi in ambito sociale e
artistico e ambientale del proprio territorio ed è sensibile ai atteggiamenti di tipo personale volti alla tutela
problemi della sua tutela e conservazione. del patrimonio culturale ed artistico; conoscere le
problematiche connesse a questo tema
Sceglie e utilizza in modo funzionale tecniche e materiali • Individuare strategie per riconoscere in
IMPARARE A
differenti anche con l’integrazione di più media e codici un'immagine i percorsi principali di lettura per
IMPARARE
espressivi per realizzare elaborati personali. comprenderne il significato.
(organizzare il
• Usare in modo corretto e appropriato strumenti e
proprio
tecniche seguendo una precisa finalità operativa
apprendimento)
e comunicativa.
L’alunno produce elaborati personali e creativi sulla base di • Seguire una precisa finalità operativa e
un’ideazione e progettazione originale, utilizzando le comunicativa nella scelta degli strumenti da
conoscenze e le regole del linguaggio visivo, scegliendo in usare.
modo funzionale tecniche e materiali differenti anche con • Ideare e realizzare processi di comunicazione nei
l’integrazione di più media e codici espressivi. diversi ambiti di appartenenza (arte, pubblicità,
Legge le opere più significative prodotte nell’arte antica, informazione, spettacolo) scegliendo le tecniche
COMUNICARE E
medievale, moderna e contemporanea, sapendole e i linguaggi più adeguati per realizzare gli
COMPRENDERE
collocare nei rispettivi contesti storici, culturali e ambientali. elaborati.

Conosce e analizza i beni culturali presenti nel proprio • Conoscere, nelle linee essenziali, la produzione
territorio. artistica dalla preistoria al vedutismo.
• Riconoscere i tratti distintivi delle varie correnti
artistiche e le differenti scelte creative e stilistiche
degli artisti dell'epoca.
INDIVIDUARE E L’alunno produce elaborati personali e creativi sulla base di • Scegliere tecniche e linguaggi per la realizzazione
RISOLVERE un’ideazione e progettazione originale, applicando le degli elaborati funzionalmente all’ideazione e
PROBLEMI conoscenze e le regole del linguaggio visivo, scegliendo in realizzazione di processi di espressione nei diversi

155 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

modo funzionale tecniche e materiali differenti anche con ambiti di appartenenza (arte, pubblicità,
l’integrazione di più media e codici espressivi. informazione, spettacolo).
È sensibile ai problemi della tutela e conservazione del
patrimonio culturale, artistico e ambientale del proprio
territorio.

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
L’alunno padroneggia gli elementi principali del
L’alunno è in grado di osservare, esplorare, descrivere e
AGIRE IN MODO linguaggio visivo, legge e comprende i significati di
leggere immagini (opere d’arte, fotografie, manifesti,
AUTONOMO E immagini statiche e in movimento, di filmati audiovisivi e
fumetti, ecc.) e messaggi multimediali (spot, brevi filmati,
RESPONSABILE di prodotti multimediali.
videoclip, ecc.).
Apprezza le opere artistiche e artigianali provenienti da Riconosce il valore culturale di immagini, di opere e di
culture diverse dalla propria. oggetti artigianali prodotti in paesi diversi dal proprio.

COLLABORARE E Conosce i principali beni artistico-culturali presenti nel


PARTECIPARE proprio territorio e manifesta sensibilità e rispetto per la
loro salvaguardia.
Riconosce gli elementi principali del patrimonio culturale,
artistico e ambientale del proprio territorio ed è sensibile
ai problemi della sua tutela e conservazione.
IMPARARE A Utilizza molteplici tecniche, materiali e strumenti Sceglie e utilizza in modo funzionale tecniche e materiali
IMPARARE (grafico-espressivi, pittorici e plastici, ma anche differenti anche con l’integrazione di più media e codici
(organizzare il audiovisivi e multimediali) per rielaborare le immagini. espressivi per realizzare elaborati personali.
proprio
apprendimento)
L’alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al L’alunno produce elaborati personali e creativi sulla base
linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi di un’ideazione e progettazione originale, utilizzando le
(espressivi, narrativi, rappresentativi e comunicativi) e conoscenze e le regole del linguaggio visivo, scegliendo
rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici in modo funzionale tecniche e materiali differenti anche
COMUNICARE E
tecniche, materiali e strumenti (grafico-espressivi, con l’integrazione di più media e codici espressivi.
COMPRENDERE
pittorici e plastici, ma anche audiovisivi e multimediali).
Legge un’opera d’arte individuandone i principali Legge le opere più significative prodotte nell’arte antica,
aspetti formali. medievale, moderna e contemporanea, sapendole
Conosce i principali beni artistico-culturali presenti nel collocare nei rispettivi contesti storici, culturali e
proprio territorio. ambientali.
156 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Conosce e analizza i beni culturali presenti nel proprio


territorio.
Utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio L’alunno produce elaborati personali e creativi sulla base
visivo per produrre varie tipologie di testi visivi e di un’ideazione e progettazione originale, applicando le
INDIVIDUARE E
rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici conoscenze e le regole del linguaggio visivo, scegliendo
RISOLVERE
tecniche, materiali e strumenti in modo funzionale tecniche e materiali differenti anche
PROBLEMI
con l’integrazione di più media e codici espressivi.
Manifesta sensibilità e rispetto per i principali beni E’ sensibile ai problemi della tutela e conservazione del
artistico-culturali patrimonio culturale, artistico e ambientale del proprio
territorio

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
Guardare e osservare un’immagine e gli oggetti presenti
L’alunno è in grado di osservare, esplorare, descrivere e
AGIRE IN MODO nell’ ambiente descrivendo gli elementi formali,
leggere immagini (opere d’arte, fotografie, manifesti,
AUTONOMO E utilizzando le regole della percezione visiva e
fumetti, ecc.) e messaggi multimediali (spot, brevi
RESPONSABILE l’orientamento nello spazio.
filmati, videoclip, ecc.).
Familiarizzare con alcune forme di arte e di produzione
Apprezza le opere artistiche e artigianali provenienti da
artigianale appartenenti alla propria e ad altre culture.
culture diverse dalla propria.
COLLABORARE E Riconoscere e apprezzare nel proprio territorio gli aspetti
PARTECIPARE Conosce i principali beni artistico-culturali presenti nel più caratteristici del patrimonio ambientale e urbanistico
proprio territorio e manifesta sensibilità e rispetto per la e i principali monumenti storico-artistici.
loro salvaguardia.

IMPARARE A Utilizza molteplici tecniche, materiali e strumenti Introdurre nelle proprie produzioni creative elementi
IMPARARE (grafico-espressivi, pittorici e plastici, ma anche linguistici e stilistici scoperti, osservando immagini e opere
(organizzare il audiovisivi e multimediali) per rielaborare le immagini. d’ arte.
proprio Sviluppare capacità di lettura consapevole e critica
apprendimento) degli elaborati prodotti.
L’alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al Elaborare creativamente produzioni personali e
COMUNICARE E linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi autentiche per esprimere sensazioni ed emozioni;
COMPRENDERE (espressivi, narrativi, rappresentativi e comunicativi) e rappresentare e comunicare la realtà percepita.
rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici

157 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

tecniche, materiali e strumenti (grafico-espressivi,


pittorici e plastici, ma anche audiovisivi e multimediali).

Legge un’opera d’arte individuandone i principali Individuare in un’opera d’ arte, sia antica che moderna,
aspetti formali. gli elementi essenziali della forma, del linguaggio, della
Conosce i principali beni artistico-culturali presenti nel tecnica e dello stile dell’artista.
proprio territorio.
Riconoscere in un testo iconico-visivo gli elementi
grammaticali e tecnici del linguaggio visivo (linee, colori,
forme, spazio) individuando il loro significato espressivo.
Individuare nel linguaggio filmico e audiovisivo le diverse
tipologie di codici, le sequenze narrative e decodificare
in forma elementare i diversi significati.
Utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio Sperimentare strumenti e tecniche diverse per realizzare
visivo per produrre varie tipologie di testi visivi e prodotti grafici, plastici e pittorici.
rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici
INDIVIDUARE E Trasformare immagini e materiali ricercando soluzioni
tecniche, materiali e strumenti
RISOLVERE figurative originali.
PROBLEMI Individuare nel linguaggio filmico e audiovisivo le diverse
tipologie di codici, le sequenze narrative e decodificare
in forma elementare i diversi significati.
Manifesta sensibilità e rispetto per i principali beni
artistico-culturali

158 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 1^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
L’alunno è in grado di osservare, esplorare, descrivere e Guardare e osservare un’ immagine e gli oggetti
AGIRE IN MODO
leggere immagini (opere d’arte, fotografie, manifesti, presenti in ambienti conosciuti, descrivendo alcuni
AUTONOMO E
fumetti, ecc) e messaggi multimediali (spot, brevi filmati, elementi formali.
RESPONSABILE
videoclip, ecc.).
Apprezza le opere artistiche e artigianali provenienti da Avviarsi ad una prima familiarizzazione verso alcune forme
culture diverse dalla propria. di arte e di produzione artigianale appartenenti alla
COLLABORARE E propria e ad altre culture.
Conosce i principali beni artistico-culturali presenti nel
PARTECIPARE proprio territorio e manifesta sensibilità e rispetto per la Riconoscere nel proprio territorio gli aspetti più
loro salvaguardia. caratteristici del patrimonio ambientale.

IMPARARE A Utilizza molteplici tecniche, materiali e strumenti Sviluppare capacità di lettura consapevole e critica
IMPARARE (grafico-espressivi, pittorici e plastici, ma anche degli elaborati prodotti
(organizzare il audiovisivi e multimediali) per rielaborare le immagini.
proprio
apprendimento)
L’alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al
linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi Elaborare produzioni personali per esprimere sensazioni ed
(espressivi, narrativi, rappresentativi e comunicativi) e emozioni.
rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici
tecniche, materiali e strumenti (grafico-espressivi,
pittorici e plastici, ma anche audiovisivi e multimediali).
COMUNICARE E Legge un’opera d’arte individuandone i principali Individuare gli elementi essenziali di un’opera d’arte.
COMPRENDERE aspetti formali.
Riconoscere in un testo iconico-visivo gli elementi
Conosce i principali beni artistico-culturali presenti nel grammaticali e tecnici del linguaggio visivo (linee, colori,
proprio territorio. forme).
Individuare nel linguaggio audiovisivo alcune sequenze
narrative e rappresentarle con tecniche grafico-
pittoriche.
Utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio Sperimentare strumenti e tecniche diverse per realizzare
visivo per produrre varie tipologie di testi visivi e prodotti grafici, plastici e pittorici.

159 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici Trasformare semplici figure/segni ricercando soluzioni
tecniche, materiali e strumenti originali.
INDIVIDUARE E
RISOLVERE Individuare nel linguaggio audiovisivo alcune sequenze
PROBLEMI narrative e rappresentarle con tecniche grafico-
pittoriche.
Manifesta sensibilità e rispetto per i principali beni
artistico-culturali

160 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

EDUCAZIONE FISICA
CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012
DISCIPLINA: EDUCAZIONE FISICA FINE PRIMARIA-FINE SECONDARIA DI 1° GRADO
INDICATORI DI
COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^
COMPETENZA DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC SECONDARIA 1° GRADO
CURRICOLO IC
Agisce rispettando i criteri base di sicurezza per sé e
per gli altri, sia nel movimento sia nell’uso degli attrezzi Riconosce, ricerca e applica a se stesso
e trasferisce tale competenza nell’ambiente comportamenti di promozione dello “star bene” in
AGIRE IN MODO Assumere ruoli e impegni
scolastico ed extrascolastico. ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione.
AUTONOMO E nell’esperienza
RESPONSABILE scolastica
Comprende, all’interno delle varie occasioni di gioco Rispetta criteri di base di sicurezza per sé e per gli
e di sport, il valore delle regole e l’importanza di altri.
rispettarle.
Instaurare relazioni
Comprende, all’interno delle varie occasioni di gioco Pratica attivamente i valori sportivi (fair play) come
positive e rispettare
e di sport, il valore delle regole e l’importanza di modalità di relazione quotidiana e di rispetto delle
COLLABORARE E consapevolmente le
rispettarle. regole
PARTECIPARE regole della convivenza
Assumere
È capace di integrarsi nel gruppo, di assumersi
comportamenti
responsabilità e di impegnarsi per il bene comune.
cooperativi
Mettere a punto Sperimenta una pluralità di esperienze che Utilizza le abilità motorie e sportive acquisite
strategie anche di tipo permettono di maturare competenze di gioco sport adattando il movimento in situazione trovando
organizzativo funzionali anche come orientamento alla futura pratica sportiva. soluzioni e adottando strategie funzionali anche per
IMPARARE A le scelte future in merito alla pratica sportiva.
all’apprendimento.
IMPARARE
(organizzare il proprio Riconosce alcuni essenziali principi relativi al proprio Riconosce, ricerca e applica a se stesso
apprendimento) benessere psico-fisico legati alla cura del proprio comportamenti di promozione dello “star bene” in
Auto valutarsi. corpo, a un corretto regime alimentare e alla ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione
prevenzione dell’uso di sostanze che inducono
dipendenza.
L’alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso Utilizza gli aspetti comunicativo - relazionali del
Padroneggiare gli
COMUNICARE E la percezione del proprio corpo e la padronanza linguaggio motorio per entrare in relazione con gli
strumenti espressivi e
COMPRENDERE degli schemi motori e posturali nel continuo altri raggiungendo la consapevolezza delle proprie
argomentativi della
adattamento alle variabili spaziali e temporali competenze motorie
comunicazione
contingenti.
161 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Utilizza il linguaggio corporeo e motorio per Utilizza le abilità motorie e sportive acquisite
Acquisire ed interpretare comunicare ed esprimere i propri stati d’animo, adattando il movimento in situazione e per
l’informazione anche attraverso la drammatizzazione e le esperienze comunicare i propri stati d’animo.
ritmico - musicali e coreutiche.
Effettuare valutazioni del Riconosce alcuni essenziali principi relativi al proprio
INDIVIDUARE E
contesto; riconoscervi benessere psico-fisico legati alla cura del proprio
RISOLVERE PROBLEMI Riconosce, ricerca e applica a se stesso
situazioni problematiche corpo, a un corretto regime alimentare e alla
comportamenti di promozione dello “star bene” in
di cui rilevare i dati prevenzione dell’uso di sostanze che inducono
ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione,
significativi dipendenza.
Sperimenta una pluralità di esperienze che
Sviluppare ragionamenti permettono di maturare competenze di gioco sport L’alunno è consapevole delle proprie competenze
interpretativi, pianificare anche come orientamento alla futura pratica motorie sia nei punti di forza che nei limiti ed è in
e sperimentare strategie sportiva. grado di operare delle scelte per il proprio
risolutive. Sperimenta, in forma semplificata e progressivamente futuro(orientamento)
sempre più complessa, diverse gestualità tecniche.

COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ NUCLEI TEMATICI/ARGOMENTI
CURRICOLO IC SECONDARIA SECONDARIA
SALUTE E BENESSERE, PREVENZIONE E
SICUREZZA • Igiene personale e gestione
• Essere in grado di conoscere i corretta del proprio materiale
cambiamenti morfologici • Educazione alimentare (Club
caratteristici dell’età ed applicarsi a della Frutta, importanza della
seguire un piano di lavoro per il colazione in riferimento alla
Riconosce, ricerca e applica a se stesso miglioramento delle prestazioni pratica sportiva)
comportamenti di promozione dello • Essere in grado di distribuire lo sforzo • Norme di corretto
AGIRE IN MODO “star bene” in ordine a un sano stile di in relazione al tipo di attività comportamento in Palestra e
AUTONOMO E vita e alla prevenzione. richiesta e di applicare tecniche di spogliatoio (utilizzo attrezzi
RESPONSABILE controllo respiratorio e di grandi e concetto di assistenza
Rispetta criteri di base di sicurezza per rilassamento muscolare a al compagno)
sé e per gli altri. conclusione del lavoro. • Educazione alla salute
• Saper disporre, utilizzare e riporre (problematiche relative alle
correttamente gli attrezzi dipendenze causate dall’uso di
salvaguardando la propria e l’altrui fumo, alcool , droghe)
sicurezza.
• Saper adottare comportamenti
appropriati per la sicurezza propria e
162 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

dei compagni anche rispetto a


possibili situazioni di pericolo.
• Praticare attività di movimento per
migliorare la propria efficienza fisica
riconoscendone i benefici.
• Conoscere ed essere consapevoli
degli effetti nocivi legati
all’assunzione di integratori, di
sostanze illecite o che inducono
dipendenza (doping, droghe ,…)
IL GIOCO, LO SPORT, LE REGOLE E IL FAIR • Le regole, il fair play e i
PLAY fondamentali individuali e di
Pratica attivamente i valori sportivi (fair
• Saper realizzare strategie di gioco, squadra dei principali
play) come modalità di relazione
mettere in atto comportamenti Giochi/Sports (pallavolo, Basket,
quotidiana e di rispetto delle regole
collaborativi e partecipare in forma Atletica,Baseball,Pallamano,
propositiva alle scelte della squadra. ecc)
• Conoscere e applicare • Tornei sportivi di Classe, di Istituto
COLLABORARE E
correttamente il regolamento e distrettuali/comunali per
PARTECIPARE
tecnico degli sports praticati sviluppare comportamenti
assumendo anche il ruolo di arbitro cooperativi.
È capace di integrarsi nel gruppo, di
o di giudice.
assumersi responsabilità e di impegnarsi
• Saper gestire in modo consapevole
per il bene comune.
le situazioni competitive, in gara e
non, con autocontrollo e rispetto
per l’altro, sia in caso di vittoria che
di sconfitta.
Utilizza le abilità motorie e sportive • Strategie e ricerca soluzioni per il
acquisite adattando il movimento in • Sapere utilizzare e trasferire le abilità miglioramento dei gesti motori.
situazione trovando soluzioni e per la realizzazione dei gesti tecnici • L’ Autovalutazione.
IMPARARE A
adottando strategie funzionali anche dei vari sport.
IMPARARE
per le scelte future in merito alla pratica • Saper utilizzare l’esperienza motoria
(organizzare il
sportiva. acquisita per risolvere situazioni
proprio
Riconosce, ricerca e applica a se stesso nuove o inusuali.
apprendimento)
comportamenti di promozione dello • Essere consapevoli delle proprie
“star bene” in ordine a un sano stile di capacità e dei propri limiti.
vita e alla prevenzione

163 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Utilizza gli aspetti comunicativo - IL LINGUAGGIO DEL CORPO COME


relazionali del linguaggio motorio per MODALITA’ COMUNICATIVO-ESPRESSIVA
entrare in relazione con gli altri • Conoscere e applicare semplici • Il Gioco, la Danza, l’Acrosport
raggiungendo la consapevolezza delle tecniche di espressione corporea • Esercizi di bilanciamento
proprie competenze motorie per rappresentare idee, stati
Utilizza le abilità motorie e sportive d’animo e storie mediante
COMUNICARE E
acquisite adattando il movimento in gestualità e posture svolte in forma • La gestualità tecnica degli arbitri
COMPRENDERE
situazione e per comunicare i propri individuale, a coppie e in gruppo. dei vari sports.
stati d’animo. • Saper decodificare i gesti di • Decodifica del linguaggio
compagni e avversari in situazioni di gestuale dei vari sports.
gioco e di sport.
• Saper decodificare i gesti arbitrali in
relazione all’applicazione del
regolamento di gioco.
Riconosce, ricerca e applica a se stesso IL CORPO E LA SUA RELAZIONE CON LO
comportamenti di promozione dello SPAZIO E IL TEMPO • Esercitazioni, percorsi, lavoro in
“star bene” in ordine a un sano stile di • Padroneggiare le capacità stazioni organizzate utili
vita e alla prevenzione. coordinative adattandole alle all’apprendimento degli sports
situazioni richieste dal gioco in forma
INDIVIDUARE E
originale e creativa, proponendo
RISOLVERE
anche varianti.
PROBLEMI
L’alunno è consapevole delle proprie • Utilizzare e correlare le variabili
competenze motorie sia nei punti di spazio-temporali funzionali alla
forza che nei limiti ed è in grado di realizzazione del gesto tecnico in
operare delle scelte per il proprio ogni situazione sportiva.
futuro(orientamento) • Sapersi orientare nell’ambiente
naturale e artificiale anche
attraverso mappe e bussole.

164 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^ OBIETTIVI DI APPRENDIMEN 1^ e 2 ^ NUCLEI TEMATICI/ ARGOMENTI
CURRICOLO IC SECONDARIA SECONDARIA 1° GRADO

SALUTE E BENESSERE, PREVENZIONE E • Igiene personale e gestione


SICUREZZA corretta del proprio materiale
• Essere in grado di conoscere i • Educazione alimentare (Club della
cambiamenti morfologici Frutta, importanza della colazione
caratteristici dell’età ed applicarsi in riferimento alla pratica sportiva)
a seguire un piano di lavoro per il • Norme di corretto
miglioramento delle prestazioni comportamento in Palestra e
• Praticare attività di movimento per spogliatoio (utilizzo attrezzi grandi
migliorare la propria efficienza e concetto di assistenza al
fisica riconoscendone i benefici. compagno)
• Saper disporre, utilizzare e riporre • Educazione alla salute
Riconosce, ricerca e applica a se stesso correttamente gli attrezzi (problematiche relative alle
comportamenti di promozione dello “star salvaguardando la propria e dipendenze causate dall’uso di
AGIRE IN MODO bene” in ordine a un sano stile di vita e l’altrui sicurezza. fumo, alcool, droghe)
AUTONOMO E alla prevenzione. • Saper adottare comportamenti
RESPONSABILE appropriati per la sicurezza propria
Rispetta criteri di base di sicurezza per sé e dei compagni anche rispetto a
e per gli altri. possibili situazioni di pericolo.
• Conoscere l’importanza di una
sana e corretta alimentazione
• Conoscere le più elementari
norme igieniche relative alla
pratica sportiva.
• Conoscere le caratteristiche degli
attrezzi sportivi, il loro corretto
utilizzo, la loro manutenzione per
la loro ed altrui sicurezza.
• Conoscere il corpo umano e le
sue trasformazioni in età
adolescenziale
COLLABORARE E Pratica attivamente i valori sportivi (fair IL GIOCO, LO SPORT, LE REGOLE E IL • Le regole, il fair play e i
PARTECIPARE play) come modalità di relazione FAIR PLAY fondamentali individuali e di
quotidiana e di rispetto delle regole squadra dei principali
165 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo
Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Saper realizzare strategie di gioco, Giochi/Sports (pallavolo,


mettere in atto comportamenti Basket,
collaborativi e partecipare in Atletica,Baseball,Pallamano,
forma propositiva alle scelte della ecc)
squadra. • Tornei sportivi di Classe, di
• Saper gestire in modo Istituto e distrettuali/comunali
consapevole le situazioni per sviluppare comportamenti
competitive, in gara e non, con cooperativi.
autocontrollo e rispetto per l’altro,
È capace di integrarsi nel gruppo, di
sia in caso di vittoria che di
assumersi responsabilità e di impegnarsi
sconfitta.
per il bene comune.
• Conoscere le regole e i
fondamentali di alcuni giochi
(pallavolo, pallamano e basket)
• Saper gestire la vittoria e il suo
opposto
Utilizza le abilità motorie e sportive • Incominciare a utilizzare • Strategie e ricerca soluzioni per
acquisite adattando il movimento in l’esperienza motoria acquisita per il miglioramento dei gesti
situazione trovando soluzioni e adottando risolvere situazioni nuove o inusuali. motori.
strategie funzionali anche per le scelte • Essere consapevoli delle proprie • L’ Autovalutazione
future in merito alla pratica sportiva. capacità e dei propri limiti.
• Attraverso la pratica dei vari sport
IMPARARE A incominciare ad acquisire i
IMPARARE fondamentali per un loro utilizzo
(organizzare il corretto.
proprio • Utilizzo di alcuni gesti motorio-
apprendimento) sportivi tipici degli sports per
consolidare gli schemi motori di
base.
Riconosce, ricerca e applica a se stesso
comportamenti di promozione dello “star
bene” in ordine a un sano stile di vita e
alla prevenzione
Utilizza gli aspetti comunicativo - IL LINGUAGGIO DEL CORPO COME • Il Gioco, la Danza, l’Acrosport
COMUNICARE E
relazionali del linguaggio motorio per MODALITA’ COMUNICATIVO-
COMPRENDERE
entrare in relazione con gli altri ESPRESSIVA

166 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

raggiungendo la consapevolezza delle • Comprendere i gesti dei compagni


proprie competenze motorie e degli avversari in situazioni di
gioco e di sport.
• Utilizzare il linguaggio corporeo per
Utilizza le abilità motorie e sportive esprimere idee, stati d’animo e
acquisite adattando il movimento in emozioni in forma individuale, in • La gestualità tecnica degli
situazione e per comunicare i propri stati coppia e in gruppo. arbitri dei vari sports.
d’animo. • Utilizzare alcune tecniche di • Decodifica del linguaggio
espressione corporea per gestuale dei vari sports.
rappresentare idee, stati d’animo
ed emozioni (danza, mimo, ecc.)
Riconosce, ricerca e applica a se stesso IL CORPO E LA SUA RELAZIONE CON • Esercitazioni, percorsi, lavoro in
comportamenti di promozione dello “star LO SPAZIO E IL TEMPO stazioni organizzate utili
bene” in ordine a un sano stile di vita e • Essere in grado di eseguire alcuni all’apprendimento degli sports
alla prevenzione. movimenti in modo corretto e
coordinato.
• Sapersi orientare attraverso mappe
e bussole anche in ambienti non
INDIVIDUARE E
conosciuti.
RISOLVERE
• Essere in grado di utilizzare le
PROBLEMI L’alunno è consapevole delle proprie
variabili spazio-temporale in
competenze motorie sia nei punti di forza
funzione della realizzazione di
che nei limiti ed è in grado di operare
alcuni gesti sportivi semplici
delle scelte per il proprio
• Sapere seguire semplici mappe di
futuro(orientamento)
Orienteering in spazi conosciuti.
• Essere in grado di utilizzare le
variabili spazio-temporali in
funzione della realizzazione di gesti
sportivi più complessi

167 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 5^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
• Assumere comportamenti adeguati per la
Agisce rispettando i criteri base di sicurezza per sé e per
prevenzione degli infortuni e per la sicurezza nei
gli altri, sia nel movimento sia nell’uso degli attrezzi e
vari ambienti di vita.
AGIRE IN MODO trasferisce tale competenza nell’ambiente scolastico ed
• Rispettare le regole nella competizione sportiva;
AUTONOMO E extrascolastico.
saper accettare la sconfitta con equilibrio e
RESPONSABILE
vivere la vittoria esprimendo rispetto nei confronti
Comprende, all’interno delle varie occasioni di gioco e
dei perdenti, accettando le diversità,
di sport, il valore delle regole e l’importanza di rispettarle.
manifestando senso di responsabilità.
COLLABORARE E Comprende, all’interno delle varie occasioni di gioco e • Partecipare attivamente alle varie forme di
PARTECIPARE di sport, il valore delle regole e l’importanza di rispettarle. gioco, organizzate anche in forma di gara,
collaborando con gli altri.
Sperimenta una pluralità di esperienze che permettono di • Conoscere ed applicare correttamente modalità
maturare competenze di gioco sport anche come esecutive di diverse proposte di “gioco sport”.
orientamento alla futura pratica sportiva. • Saper utilizzare giochi derivanti dalla tradizione
Riconosce alcuni essenziali principi relativi al proprio popolare, applicandone indicazioni e regole.
IMPARARE A benessere psico-fisico legati alla cura del proprio corpo, • Riconoscere il rapporto tra alimentazione ed
IMPARARE a un corretto regime alimentare e alla prevenzione esercizio fisico in relazione a sani stili di vita.
(organizzare il dell’uso di sostanze che inducono dipendenza. Acquisire consapevolezza delle funzioni
proprio fisiologiche (cardio – respiratorie e muscolari) e
apprendimento) dei loro cambiamenti in relazione all’esercizio
fisico.
• Partecipare attivamente alle varie forme di
gioco, organizzate anche in forma di gara,
collaborando con gli altri.
L’alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la • Riconoscere e valutare traiettorie, distanze, ritmi
percezione del proprio corpo e la padronanza degli esecutivi e successioni temporali delle azioni
schemi motori e posturali nel continuo adattamento alle motorie, sapendo organizzare il proprio
COMUNICARE E variabili spaziali e temporali contingenti. movimento nello spazio in relazione a sé, agli
COMPRENDERE oggetti, agli altri.
Utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare • Utilizzare in forma originale e creativa modalità
ed esprimere i propri stati d’animo, anche attraverso la espressive e corporee anche attraverso forme di
drammatizzazione e le esperienze ritmico - musicali e drammatizzazione e danza, sapendo trasmettere
coreutiche. nel contempo contenuti emozionali.

168 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Elaborare ed eseguire semplici sequenze di


movimento o semplici coreografie individuali e
collettive.
Riconosce alcuni essenziali principi relativi al proprio • Riconoscere il rapporto tra alimentazione ed
benessere psico-fisico legati alla cura del proprio corpo, esercizio fisico in relazione a sani stili di vita.
a un corretto regime alimentare e alla prevenzione Acquisire consapevolezza delle funzioni
dell’uso di sostanze che inducono dipendenza. fisiologiche (cardio – respiratorie e muscolari) e
dei loro cambiamenti in relazione all’esercizio
INDIVIDUARE E fisico.
RISOLVERE • Conoscere ed applicare correttamente modalità
PROBLEMI Sperimenta una pluralità di esperienze che permettono esecutive di diverse proposte di “gioco sport”.
di maturare competenze di gioco sport anche come • 3 b. Saper utilizzare giochi derivanti dalla
orientamento alla futura pratica sportiva. tradizione popolare, applicandone indicazioni e
Sperimenta, in forma semplificata e progressivamente regole.
sempre più complessa, diverse gestualità tecniche. • Coordinare e utilizzare diversi schemi motori
combinati tra loro, inizialmente in forma
successiva e poi in forma simultanea
(correre/saltare, afferrare/lanciare, ecc.).

COMPETENZE DEL
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3^ PRIMARIA
CURRICOLO IC
Agisce rispettando i criteri base di sicurezza per sé e per
gli altri , sia nel movimento sia nell’uso degli attrezzi e • Assumere comportamenti adeguati per la
AGIRE IN MODO trasferisce tale competenza nell’ambiente scolastico ed prevenzione degli infortuni.
AUTONOMO E extrascolastico. • Rispettare le regole nella competizione sportiva;
RESPONSABILE saper accettare la sconfitta e vivere la vittoria
Comprende, all’interno delle varie occasioni di gioco e esprimendo rispetto nei confronti dei perdenti.
di sport, il valore delle regole e l’importanza di rispettarle.
COLLABORARE E Comprende, all’interno delle varie occasioni di gioco e • Partecipare attivamente alle varie forme di gioco,
PARTECIPARE di sport, il valore delle regole e l’importanza di rispettarle. organizzate anche in forma di gara, collaborando
con gli altri.
IMPARARE A Sperimenta una pluralità di esperienze che permettono di • Conoscere ed applicare correttamente modalità
IMPARARE maturare competenze di gioco sport anche come esecutive di diverse proposte di “gioco sport”.
(organizzare il orientamento alla futura pratica sportiva. • Saper utilizzare giochi derivanti dalla tradizione
proprio Riconosce alcuni essenziali principi relativi al proprio popolare, applicandone indicazioni e regole.
apprendimento) benessere psico-fisico legati alla cura del proprio corpo,

169 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

a un corretto regime alimentare e alla prevenzione • Riconoscere il rapporto tra alimentazione ed


dell’uso di sostanze che inducono dipendenza. esercizio fisico in relazione a sani stili di vita.
• Partecipare attivamente alle varie forme di
gioco, organizzate anche in forma di gara,
collaborando con gli altri.
L’alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la • Riconoscere e valutare traiettorie, distanze, ritmi
percezione del proprio corpo e la padronanza degli esecutivi e successioni temporali delle azioni
schemi motori e posturali nel continuo adattamento alle motorie, sapendo organizzare il proprio
variabili spaziali e temporali contingenti. movimento nello spazio in relazione a sé, agli
oggetti, agli altri.
COMUNICARE E
• Utilizzare in forma originale e creativa modalità
COMPRENDERE
Utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare espressive e corporee anche attraverso forme di
ed esprimere i propri stati d’animo, anche attraverso la drammatizzazione e danza, sapendo trasmettere
drammatizzazione e le esperienze ritmico - musicali e nel contempo contenuti emozionali.
coreutiche. • Elaborare ed eseguire semplici sequenze di
movimento o semplici coreografie individuali e
collettive.
Riconosce alcuni essenziali principi relativi al proprio • Riconoscere il rapporto tra alimentazione ed
benessere psico-fisico legati alla cura del proprio corpo, esercizio fisico in relazione a sani stili di vita
a un corretto regime alimentare e alla prevenzione • Conoscere ed applicare correttamente modalità
INDIVIDUARE E
dell’uso di sostanze che inducono dipendenza. esecutive di diverse proposte di “gioco sport”.
RISOLVERE
• Saper utilizzare giochi derivanti dalla tradizione
PROBLEMI Sperimenta una pluralità di esperienze che permettono
popolare, applicandone indicazioni e regole.
di maturare competenze di gioco sport anche come
• Coordinare e utilizzare diversi schemi motori
orientamento alla futura pratica sportiva.
combinati tra loro, inizialmente in forma
Sperimenta, in forma semplificata e progressivamente
successiva e poi in forma simultanea
sempre più complessa, diverse gestualità tecniche.
(correre/saltare, afferrare/lanciare, ecc.).

170 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI CLASSE 1^ SCUOLA
CURRICOLO IC PRIMARIA CLASSE 1^ SCUOLA PRIMARIA PRIMARIA
• Le regole di comportamento per la
sicurezza e la prevenzione degli
Agisce rispettando i criteri base di sicurezza
infortuni
per sé e per gli altri , sia nel movimento sia
• Corrette modalità esecutive perla
nell’uso degli attrezzi e trasferisce tale • Assumere comportamenti
prevenzione degli infortuni
AGIRE IN MODO competenza nell’ambiente scolastico ed adeguati per la prevenzione
• Salute e benessere
AUTONOMO E extrascolastico. degli infortuni.
• Sensazione di benessere derivanti
RESPONSABILE • Rispettare le regole nei giochi
dall’attività motoria
Comprende, all’interno delle varie occasioni motori proposti.
• Giochi tradizionali
di gioco e di sport, il valore delle regole e
• Giochi popolari
l’importanza di rispettarle.
• Giochi simbolici
• Giochi a coppie e a piccoli gruppi
• Partecipare attivamente alle • Giochi tradizionali
Comprende, all’interno delle varie occasioni
COLLABORARE E varie forme di gioco, • Giochi popolari
di gioco e di sport, il valore delle regole e
PARTECIPARE collaborando con gli altri. • Giochi simbolici
l’importanza di rispettarle.
• Giochi a coppie e a piccoli gruppi

Sperimenta una pluralità di esperienze che • Saper utilizzare giochi derivanti • Giochi tradizionali
permettono di maturare competenze di dalla tradizione popolare, • Giochi popolari
gioco sport anche come orientamento alla applicandone indicazioni e • Giochi simbolici
IMPARARE A
futura pratica sportiva. regole. • Giochi a coppie e a piccoli gruppi
IMPARARE
• Riconoscere il rapporto tra
(organizzare il Riconosce alcuni essenziali principi relativi al • Salute e benessere
alimentazione ed esercizio fisico
proprio proprio benessere psico-fisico legati alla in relazione a sani stili di vita.
apprendimento) cura del proprio corpo, a un corretto regime • Giochi a coppie e a piccoli gruppi
• Partecipare attivamente alle
alimentare e alla prevenzione dell’uso di varie forme di gioco, • Giochi simbolici
sostanze che inducono dipendenza. collaborando con gli altri.
L’alunno acquisisce consapevolezza di sé • Riconoscere distanze, ritmi • Modalità espressive che utilizzano il
COMUNICARE E attraverso la percezione del proprio corpo e esecutivi e successioni temporali linguaggio corporeo
COMPRENDERE la padronanza degli schemi motori e delle azioni motorie, sapendo • Giochi di imitazione e di
posturali nel continuo adattamento alle organizzare il proprio movimento immaginazione
variabili spaziali e temporali contingenti. • Linguaggio non codificato

171 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

nello spazio in relazione a sé, agli • Fabulazioni


oggetti, agli altri. • Percorsi a sfondo simbolico
• Utilizzare in forma originale e • Danze
creativa modalità espressive e • Espressione corporea
Utilizza il linguaggio corporeo e motorio per
corporee anche attraverso
comunicare ed esprimere i propri stati
forme di drammatizzazione e
d’animo, anche attraverso la
danza, sapendo trasmettere nel
drammatizzazione e le esperienze ritmico -
contempo contenuti emozionali.
musicali e coreutiche.
• Elaborare ed eseguire semplici
sequenze di movimento o
semplici coreografie individuali e
collettive.
• Riconoscere il rapporto tra • Salute e benessere
alimentazione ed esercizio fisico • Giochi tradizionali
in relazione a sani stili di vita. • Giochi popolari
• Saper utilizzare giochi derivanti • Giochi simbolici
Riconosce alcuni essenziali principi relativi al dalla tradizione popolare, • Giochi a coppie e a piccoli
proprio benessere psico-fisico legati alla applicandone indicazioni e gruppi
cura del proprio corpo, a un corretto regime regole.
alimentare e alla prevenzione dell’uso di • Coordinare e utilizzare gli schemi
sostanze che inducono dipendenza. motori di base combinati tra loro,
inizialmente in forma successiva
INDIVIDUARE E e poi in forma simultanea
RISOLVERE (correre/saltare,
PROBLEMI afferrare/lanciare, ecc.).
• Le parti del corpo
• I propri sensi e le modalità di
percezione sensoriali
Sperimenta una pluralità di esperienze che
• La respirazione durante le attività
permettono di maturare competenze di
di movimento e in fase di
gioco sport anche come orientamento alla
rilassamento.
futura pratica sportiva.
Sperimenta, in forma semplificata e
• Schemi motori e posturali
progressivamente sempre più complessa,
• Coordinazione dinamico –
diverse gestualità tecniche.
generale
• Coordinazione oculo – manuale
e podalica

172 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Equilibrio e disequilibrio

TECNOLOGIA-SCUOLA PRIMARIA
1. Si propone di perseguire i traguardi e gli obiettivi di apprendimento di tecnologia senza realizzare a priori un’ulteriore parcellizzazione dei tempi del
curricolo delle discipline in segmenti orari settimanali.
2. Il curricolo di tecnologia potrà trovare realizzazione, armonicamente inserito nel progetto annuale di ciascuna classe, attraverso proposte didattiche
diverse. A titolo esemplificativo:
a. emergenti e trasversali alle proposte di apprendimento delle diverse discipline;
b. parte integrante di progetti interdisciplinari realizzati su tematiche affrontate e approfondite negli anni di corso;
c. nei laboratori che si realizzano a cadenza regolare, anche come specifica proposta di apprendimento;
d. nei laboratori che si realizzano in modo intensivo in alcuni periodi dell’anno.
3. Il progetto di tecnologia deve essere chiaramente delineato nella progettazione annuale di ogni classe di ciascuno dei 5 anni di corso. Nel progetto
devono essere sempre indicati, per l’annualità considerata e in correlazione alle competenze del curricolo di scuola:
a. Traguardi
b. Obiettivi di apprendimento
c. Contenuti culturali (abilità e conoscenze)
d. Metodologia (se l’attività di tecnologia si svolge contestualmente e funzionalmente alla realizzazione di progetto oppure se promossa
contestualmente e co-costruttivamente con abilità di altre discipline, la metodologia non è da descrivere in quanto è mutuata da quelle delle
attività correlate)
e. Modalità di verifica e valutazione
f. Tempi approssimativamente dedicati a tecnologia nel corso dell’anno e modalità previste per la realizzazione del percorso di apprendimento
g. Docenti responsabili per la conduzione delle attività e per la verifica e valutazione.
4. Di seguito è delineata la correlazione tra le competenze del curricolo di scuola, i traguardi disciplinari e gli obiettivi di apprendimento. Sono ripresi
atteggiamenti, disposizioni e valori caratterizzanti ciascuna delle competenze del curricolo e sono messi in relazione ai traguardi di tecnologia per
consentire di cogliere al meglio la significatività di questi nella promozione delle competenze del curricolo.
5. Gli obiettivi di apprendimento non si caratterizzano per una temporalizzazione rigida: possono essere agiti a livelli di approfondimento diversi a seconda
dell’età degli alunni. Per questo sono elencati tutti e sono evidenziati quelli che si considerano adatti per una proposta nei primi anni della primaria.

173 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012


DISCIPLINA: TECNOLOGIA
INDICATORI DI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 5^ PRIMARIA (IN
COMPETENZE DEL
COMPETENZA DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ PRIMARIA ROSSO GLI OBIETTIVI DA PROPORRE ENTRO LA CLASSE
CURRICOLO IC
CURRICOLO IC 3^)
DISPOSIZIONI, ATTEGGIAMENTI, VALORI (in rosso quelli che si riferiscono ai traguardi)
• Conoscenza dei concetti di democrazia, giustizia, uguaglianza, cittadinanza e diritti civili, [...); loro messa in atto.
• Osservazione, riconoscimento dei propri stati d’animo
• Espressione di emozioni nei diversi linguaggi
• Individuazione del bisogno/problema
• Pianificazione dell'intervento
• Scelta e attuazione di strategie operative
• Autonomia esecutiva
AGIRE IN MODO • Monitoraggio e valutazione in itinere e finale in termini di risultato per sé e per gli altri coinvolti
AUTONOMO E - Matura una pratica tecnologica etica e responsabile,
RESPONSABILE lontana da inopportuni riduzionismi o specialismi e
Vedere e osservare
attenta alla condizione umana nella sua interezza e
Prevedere e immaginare
- Assumere ruoli e complessità.
Intervenire e trasformare
impegni - È a conoscenza di alcuni processi di trasformazione di
Gli atteggiamenti citati, funzionalmente alla promozione
nell’esperienza risorse e di consumo di energia, e del relativo impatto
di disposizioni, atteggiamenti e valori relativi alla
scolastica. ambientale.
dimensione del sé, sono perseguiti attraverso azioni
- Si orienta tra i diversi mezzi di comunicazione ed è in coerenti di schooling
grado di farne un uso adeguato a seconda delle diverse
situazioni.
DISPOSIZIONI, ATTEGGIAMENTI, VALORI (in rosso quelli che si riferiscono ai traguardi)

• Conoscenza dei concetti di democrazia, giustizia, uguaglianza, cittadinanza e diritti civili, [...); loro messa in atto.
• Osservazione, analisi, riconoscimento stati d’animo
• Riconoscimento risorse proprie e altrui
• Riconoscimento punti di vista
COLLABORARE E • Determinazione dei ruoli
PARTECIPARE • Coordinamento
• Valutazione del processo di lavoro individuale e del gruppo
- Instaurare relazioni - Sviluppa un atteggiamento responsabile verso ogni Vedere e osservare
positive e rispettare azione trasformativa dell’ambiente e di una sensibilità al Prevedere e immaginare
consapevolmente le rapporto tra interesse individuale e bene collettivo. Intervenire e trasformare
regole della - Sviluppa un atteggiamento critico e una maggiore Gli atteggiamenti citati, funzionalmente alla promozione
convivenza consapevolezza rispetto agli effetti sociali e culturali di disposizioni, atteggiamenti e valori relativi alla
- Assumere della diffusione dei nuovi strumenti e dei nuovi linguaggi dimensione sociale, sono perseguiti attraverso azioni

174 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

comportamenti delle multimedialità coerenti di schooling


cooperativi
DISPOSIZIONI, ATTEGGIAMENTI, VALORI (in rosso quelli che si riferiscono ai traguardi)

Motivazione e fiducia per perseverare e riuscire nell’apprendimento.


• Riconoscimento risorse e vincoli
• Consapevolezza degli scopi (capacità di orientarsi nel compito)
• Pianificazione- organizzazione (dei tempi e dei materiali / definizione del livello di performance attesa)
• Coordinamento dei processi ossia ricerca di strategie operative
• Collegamento e attivazione di conoscenze implicate
• Sperimentazione (fare, provare, riprovare)
• Riformulazione sulla base del feedback
• Valutazione di fattibilità, processo ed esito
• Monitoraggio e valutazione in itinere e finale dell’elaborato
IMPARARE A Vedere e osservare
IMPARARE – Eseguire semplici misurazioni e rilievi fotografici
(organizzare il - Conosce e utilizza semplici oggetti e strumenti di uso sull’ambiente scolastico o sulla propria abitazione.
proprio quotidiano ed è in grado di descriverne la funzione – Impiegare alcune regole del disegno tecnico per
apprendimento) principale e la struttura e di spiegarne il funzionamento. rappresentare semplici oggetti.
- Si orienta tra i diversi mezzi di comunicazione ed è in – Effettuare prove ed esperienze sulle proprietà dei
- Mettere a punto grado di farne un uso adeguato a seconda delle materiali più comuni.
strategie anche di tipo diverse situazioni. Prevedere e immaginare
organizzativo funzionali - Conosce e utilizza semplici oggetti e strumenti di uso Intervenire e trasformare
all’apprendimento. quotidiano ed è in grado di descriverne la funzione – Smontare semplici oggetti e meccanismi,
- Auto valutarsi. principale e la struttura e di spiegarne il funzionamento. apparecchiature obsolete o altri dispositivi comuni.
- Produce semplici modelli o rappresentazioni grafiche – Utilizzare semplici procedure per la selezione, la
del proprio operato utilizzando elementi del disegno preparazione e la presentazione degli alimenti.
tecnico o strumenti multimediali. – Eseguire interventi di decorazione, riparazione e
manutenzione sul proprio corredo scolastico.
– Cercare, selezionare, scaricare e installare sul
computer un comune programma di utilità.
DISPOSIZIONI, ATTEGGIAMENTI, VALORI (in rosso quelli che si riferiscono ai traguardi)

Disponibilità a un dialogo critico e costruttivo; apprezzamento della diversità culturale; interesse e curiosità per le lingue e per la comunicazione
interculturale.
COMUNICARE E
• Ascolto finalizzato (anche comunicazione non verbale)
COMPRENDERE
• Lettura, codifica e decodifica (analisi dell’informazione)
• Individuazione inferenze
• Sintesi; Rielaborazione
• Consapevolezza degli scopi e del contesto
• Sperimentazione (processi imitativi)

175 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Controllo (della comunicazione verbale e non verbale)


• Uso simultaneo di linguaggi diversi
• Espressione orale: Riferire, relazionare e argomentare
• Integrazione delle informazioni provenienti da fonti diverse
• Contestualizzazione
• Ricerca di fonti
• Selezione
• Collegamento e attivazione delle informazioni provenienti da fonti diverse
• Decodifica dei diversi linguaggi
• Confronto dei dati raccolti
- L’alunno riconosce e identifica nell’ambiente che lo
circonda elementi e fenomeni di tipo artificiale.
Vedere e osservare
Padroneggiare gli - È a conoscenza di alcuni processi di trasformazione di
– Leggere e ricavare informazioni utili da guide d’uso
strumenti espressivi e risorse e di consumo di energia, e del relativo impatto
o istruzioni di montaggio.
argomentativi della ambientale.
– Riconoscere e documentare le funzioni principali di
comunicazione - Conosce e utilizza semplici oggetti e strumenti di uso
una nuova applicazione informatica.
quotidiano ed è in grado di descriverne la funzione
Prevedere e immaginare
principale e la struttura e di spiegarne il funzionamento.
Intervenire e trasformare
Acquisire ed interpretare - Sa ricavare informazioni utili su proprietà e – Realizzare un oggetto in cartoncino descrivendo e
l’informazione caratteristiche di beni o servizi leggendo etichette,
documentando la sequenza delle operazioni.
volantini o altra documentazione tecnica e
commerciale.
DISPOSIZIONI, ATTEGGIAMENTI, VALORI (in rosso quelli che si riferiscono ai traguardi)
Rispetto della verità e disponibilità a cercare motivazioni e a determinarne la validità.
Attitudine alla valutazione critica.
Interesse per questioni etiche e rispetto sia per la sicurezza sia per la sostenibilità.
• Identificazione e ri-definizione del problema
• Individuazione, analisi, selezione, integrazione (delle informazioni)
• Rappresentazione delle situazioni (non solo verbale)
INDIVIDUARE E • Generazione delle alternative: previsione, decisione, costruzione di ipotesi
RISOLVERE • Coordinamento processi
PROBLEMI • Generazione di conclusioni provvisorie basate su nessi logici temporali e/o causali
• Verifica/valutazione dell’efficacia della soluzione: cause insuccesso, piano miglioramento (con eventuale falsificazione)
• Generalizzazione
Effettuare valutazioni del - Amplia l’attitudine a porre e a trattare problemi (attiva Vedere e osservare
contesto; riconoscervi abilità di tipo cognitivo, operativo, metodologico e – Effettuare prove ed esperienze sulle proprietà dei
situazioni problematiche sociale). materiali più comuni.
di cui rilevare i dati - È a conoscenza di alcuni processi di trasformazione di – Rappresentare i dati dell’osservazione attraverso
significativi. risorse e di consumo di energia, e del relativo impatto tabelle, mappe, diagrammi, disegni, testi.
Sviluppare ragionamenti ambientale. Prevedere e immaginare
interpretativi, pianificare - Inizia a riconoscere in modo critico le caratteristiche, le – Effettuare stime approssimative su pesi o misure di

176 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

e sperimentare strategie funzioni e i limiti della tecnologia attuale. oggetti dell’ambiente scolastico.
risolutive. - Si orienta tra i diversi mezzi di comunicazione ed è in – Prevedere le conseguenze di decisioni o
grado di farne un uso adeguato a seconda delle diverse comportamenti personali o relative alla propria
situazioni. classe.
- Produce semplici modelli o rappresentazioni grafiche – Riconoscere i difetti di un oggetto e immaginarne
del proprio operato utilizzando elementi del disegno possibili miglioramenti.
tecnico o strumenti multimediali – Pianificare la fabbricazione di un semplice oggetto
elencando gli strumenti e i materiali necessari.
– Organizzare una gita o una visita ad un museo
usando internet per reperire notizie e informazioni.
– Intervenire e trasformare

CONTENUTI DI APPRENDIMENTO
1. interventi e trasformazioni che l’uomo opera nei confronti dell’ambiente
2. principi di funzionamento e le modalità di impiego di tutti gli strumenti, i dispositivi, le macchine e i sistemi - materiali e immateriali
3. interventi trasformativi dell’ambiente circostante
4. uso delle risorse, vincoli o limitazioni di vario genere: economiche, strumentali, conoscitive, dimensionali, temporali, etiche
5. concetti fondamentali della tecnologia e delle loro reciproche relazioni: bisogno, problema, risorsa, processo, prodotto, impatto, controllo
6. progettazione e la realizzazione di semplici prodotti originali
7. modifica migliorativa, nel senso dell’efficacia o dell’efficienza, di prodotti esistenti
8. sguardo tecnologico su oggetti e sistemi di dimensione e complessità differente - un cavatappi, un frullatore, un ciclomotore, un ristorante, una
centrale termica, una discarica:
a. risorse materiali o immateriali utilizzate,
b. fasi del processo di fabbricazione o costruzione,
c. aspetti organizzativi della produzione o della fornitura del servizio
d. problemi di dismissione e smaltimento
9. padronanza dei nuovi strumenti e i nuovi linguaggi della multimedialità
10. alcuni linguaggi di programmazione particolarmente semplici e versatili
11. ideazione e realizzazione di progetti (siti web interattivi, esercizi, giochi, programmi di utilità)

MAPPATURA DEGLI ASPETTI SIGNIFICATIVI SVOLTI NELL’ISTITUTO RISPETTO ALLA DISCIPLINA


• Laboratori/progetti: serra, educazione ambientale, creta, fotografia, (nella realizzazione del processo che contempla la conoscenza dell’ambiente da
modificare e degli strumenti per operare il cambiamento, la previsione del cambiamento atteso, l’intervento trasformativo)…
• Raccolta differenziata; riuso e riutilizzo di materiali
• Progettazione e realizzazione di lavori di modifica degli spazi (murales, cartellonistica per l’orientamento nell’edificio, cartellonistica per la sicurezza …)
• Conoscenza ed attuazione delle regole di sicurezza e del piano di evacuazione a scuola
• Utilizzo di strumenti e di programmi informatici
• Percorsi di: coding, robotica

177 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Messa in atto di forme di risparmio energetico

CORRELAZIONE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E CONTENUTI POSSIBILI ORIENTATIVAMENTE DISTINTI PER CLASSI

Vedere e osservare Prevedere e immaginare Intervenire e trasformare


– Eseguire semplici misurazioni e rilievi fotografici – Effettuare stime approssimative su pesi o – Smontare semplici oggetti e meccanismi,
sull’ambiente scolastico o sulla propria misure di oggetti dell’ambiente scolastico. apparecchiature obsolete o altri dispositivi comuni.
abitazione. – Prevedere le conseguenze di decisioni o – Utilizzare semplici procedure per la selezione, la
preparazione e la presentazione degli alimenti.
– Leggere e ricavare informazioni utili da guide comportamenti personali o relative alla
– Eseguire interventi di decorazione, riparazione e
d’uso o istruzioni di montaggio. propria classe.
manutenzione sul proprio corredo scolastico.
– Impiegare alcune regole del disegno tecnico – Riconoscere i difetti di un oggetto e – Realizzare un oggetto in cartoncino descrivendo e
per rappresentare semplici oggetti. immaginarne possibili miglioramenti. documentando la sequenza delle operazioni.
– Effettuare prove ed esperienze sulle proprietà – Pianificare la fabbricazione di un semplice – Cercare, selezionare, scaricare e installare sul
dei materiali più comuni. oggetto elencando gli strumenti e i materiali computer un comune programma di utilità.
– Riconoscere e documentare le funzioni necessari.
principali di una nuova applicazione – Organizzare una gita o una visita ad un
informatica. museo usando internet per reperire notizie e
– Rappresentare i dati dell’osservazione informazioni.
attraverso tabelle, mappe, diagrammi,
disegni, testi.
Classe 1^ Classe 1^ Classe 1^
− Funzione di ambienti e spazi: − Osservazione e previsione d’uso di materiali − Realizzazione di oggetti seguendo delle
riconoscimento a partire dall’esplorazione presenti nell’ambiente scolastico. istruzioni e descrivendo oralmente la
− Osservazione e classificazione di semplici − Regole di sicurezza per attuare sequenza delle operazioni.
materiali: carta, plastica, legno, vetro, correttamente il piano di evacuazione a − Classificazione di oggetti in base alla
metallo. scuola. funzione e all’utilizzo.
− Discriminazione di materiali per la − Realizzazione dell’orto della scuola
raccolta differenziata. (diserbare, piantare, annaffiare,
− Semplici processi di tenuta e coltivazione raccogliere…)
dell’orto (misurazione, partizione degli
spazi, semina, piantumazione,…)

Classe 2-3^ Classe 2-3^ Classe 2-3^


– Uso della macchina fotografica (anche – Stime su pesi o misure di oggetti dell’ambiente – Oggetti e meccanismi (montare/smontare/…)
telefono o tablet): riconoscimento delle parti; scolastico. – Alimenti: semplici (igienicamente accettabili)
tecniche per la realizzazione delle immagini – Gli oggetti e il loro funzionamento; difetti e preparazioni
– Uso di strumenti di misura convenzionali o possibili miglioramenti – Decorazione, riparazioni e manutenzioni in

178 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

meno – Pianificazione e fabbricazione di un semplice ambiente scolastico.


– Lettura finalizzata di guide d’uso o istruzioni di oggetto (scelta di strumenti e materiali) – Descrizione e documentazione di procedure
montaggio. di costruzione di oggetti realizzate
– Regole per la rappresentazione di semplici
oggetti.
– Esperienze sulle proprietà dei materiali
– Tabelle, mappe, diagrammi, disegni, testi.
Classe 4^-5^ Classe 4^-5^ Classe 4^-5^
− Oggetti e loro realizzazione (osservazione, − Progettazione di spazi significativi per la − Costruzioni di oggetti (rilevazione dati
progetto, scelta dei materiali) realizzazione di un laboratorio. procedurali)
− Tabelle, mappe, diagrammi, disegni, testi per − Ipotesi di utilizzo dei diversi materiali finalizzata − Realizzare manufatti significativi per l’attività
la rappresentazione dei dati dell’osservazione alla realizzazione di oggetti con materiale didattica con l’utilizzo di carta riciclata in
− Regole del disegno tecnico riciclato classe.
− Trasformazioni della materia − Ricerche, schemi, ... a partire da precise − Semplici procedure per la selezione, la
− Impiego di strumenti (goniometro, compasso, indicazioni. preparazione e la presentazione degli alimenti
riga, squadra): realizzare linee parallele, − Fasi della fabbricazione di un manufatto (a − Costruzione di strumenti, esperienze utili a
perpendicolari e poligoni regolari. partire dalla scelta dei materiali) comprendere le varie forme di energia
− Uso funzionale di guide e istruzioni di − Regole di sicurezza a scuola (accensione del fuoco, creazione di una
montaggio − La simbologia della sicurezza girandola, costruzione di un semplice circuito
− Le deformazioni visive (luci-ombre) con l’uso di − Interventi migliorativi su oggetti/ambienti elettrico).
torce, schermi e proiettori. Rifrazione e − Processi di trasformazione di risorse e relativo − Costruzione di semplici oggetti utilizzando le
riflessione della luce (creazione di arcobaleni). impatto ambientale. regole del disegno tecnico (dalle figure piane
− Modelli chimici e biologici (DNA, cellula, atomi, alle figure solide, tassellature, origami
molecole) modulari)
− Funzionamento di oggetti di uso comune
(schiaccianoci, cavatappi, caffettiera,
televisore, interruttori, lavatrice…)

Sono intenzionalmente omessi tutti i contenuti di tecnologia che contemplano l’uso tecnicamente adeguato, consapevole, utilmente motivato, critico di
strumenti, programmi, applicazioni di tipo informatico ai diversi fini per i quali possono essere impiegate.
Si rimanda tale ambito tematico allo sviluppo del curricolo digitale

TECNOLOGIA SCUOLA SECONDARIA DI 1°GRADO

179 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012


DISCIPLINA: TECNOLOGIA Obiettivi di apprendimento al termine della CLASSE 3° - 1°/2° della scuola secondaria di primo grado
COMPETENZE INDICATORI DI TRAGUARDI DI COMPETENZA OBIETTIVI di apprendimento OBIETTIVI di apprendimento
DEL CURRICOLO COMPETENZA CLASSE 3°SECONDARIA 1° CLASSE 3° CLASSE 1°/2° NUCLEI
IC DEL CURRICOLO IC GRADO
• Portare il materiale • Portare il materiale necessario
necessario per poter per poter svolgere le attività
svolgere le attività proposte proposte
• Adotta comportamenti • Portare a termine i compiti • Portare a termine i compiti
Assumere ruoli e sani e corretti in attività assegnati nei tempi stabiliti assegnati nei tempi stabiliti
AGIRE IN MODO
impegni che richiedono • Gestire e organizzare • Gestire produttivamente il
AUTONOMO E
nell’esperienza responsabilità personali produttivamente il materiale
RESPONSABILE
scolastica nell’assunzione di compiti materiale
• Utilizzare in modo
consapevole strumenti
informatici e di
comunicazione
Instaurare relazioni • Relazionarsi con i compagni • Relazionarsi con i compagni in
positive e rispettare • Discute ed argomenta le in modo costruttivo modo costruttivo
consapevolmente proprie scelte finalizzate
le regole della ad un lavoro condiviso
convivenza
• Conosce le proprietà e le • Collaborare e cooperare • Collaborare e cooperare nel Vedere,
caratteristiche dei diversi nel gruppo in modo attivo. gruppo in modo attivo e osservare e
mezzi di comunicazione propositivo sperimentare
ed è in grado di farne un
COLLABORARE E
uso efficace e
PARTECIPARE
responsabile rispetto alle
Assumere proprie necessità di
comportamenti studio e socializzazione.
cooperativi • Sa utilizzare
comunicazioni
procedurali e istruzioni
tecniche per eseguire, in
maniera metodica e
razionale, compiti
operativi complessi,

180 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

anche collaborando e
cooperando con i
compagni
Mettere a punto • Sa utilizzare • Pianificare le diverse fasi per • Organizza materiali e fasi di Intervenire,
strategie anche di comunicazioni la realizzazione di un lavoro per la realizzazione di trasformare
tipo organizzativo procedurali e istruzioni oggetto impiegando un oggetto impiegando e produrre
IMPARARE A
funzionali tecniche per eseguire, in materiali di uso quotidiano. materiali di uso quotidiano.
IMPARARE
all’apprendimento. maniera metodica e • Progettare una gita
(organizzare il
razionale, compiti d’istruzione o la visita a una
proprio
operativi complessi, mostra usando internet per
apprendimento)
Auto valutarsi. anche collaborando e reperire e selezionare le
cooperando con i informazioni utili
compagni
• Impiegare gli strumenti e le • Impiegare gli strumenti e le Vedere,
regole del disegno tecnico regole del disegno tecnico osservare e
• Conosce e utilizza
nella rappresentazione di nella rappresentazione di sperimentare
oggetti, strumenti e
oggetti o processi. oggetti
macchine di uso comune
• Utilizzare strumenti • Accostarsi a nuove
ed è in grado di
informatici e di applicazioni informatiche
classificarli e di
comunicazione per esplorandone le funzioni e le
descriverne la funzione in
elaborare testi e immagini e potenzialità.
relazione alla forma, alla
Padroneggiare gli produrre documenti in
struttura e ai materiali.
COMUNICARE E strumenti espressivi diverse situazioni
• Progetta e realizza
COMPRENDERE e argomentativi • Conoscere l’utilizzo della
rappresentazioni grafiche
della rete sia per la ricerca che
o infografiche, relative
comunicazione per lo scambio delle
alla struttura e al
informazioni • Riferire in modo efficace e
funzionamento di sistemi
• Relazionare ed funzionale esperienze, vissuti e
materiali o immateriali,
argomentare in modo contenuti d’apprendimento
utilizzando elementi del
efficace e funzionale mostrando padronanza del
disegno tecnico o altri
esperienze, vissuti e linguaggio disciplinare.
linguaggi multimediali e
contenuti d’apprendimento
di programmazione
mostrando padronanza dei
linguaggi disciplinari

181 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Riconosce nell’ambiente • Eseguire misurazioni e rilievi • Eseguire semplici misurazioni e


che lo circonda i grafici o fotografici rilievi grafici o fotografici
principali sistemi sull’ambiente scolastico o sull’ambiente scolastico o sulla
tecnologici e le molteplici sulla propria abitazione. propria abitazione
relazioni che essi • Leggere e interpretare • Leggere e interpretare
stabiliscono con gli esseri semplici disegni tecnici semplici disegni tecnici
viventi e gli altri elementi ricavandone informazioni
naturali qualitative e quantitative.
• Conosce i principali • Conoscere norme e
processi di trasformazione convenzioni del disegno • Conoscere norme e
di risorse o di produzione geometrico/tecnico. convenzioni del disegno
di beni e riconosce le • Riconoscere nell’ambiente geometrico/tecnico
diverse forme di energia che lo circonda i principali • Riconoscere nell’ambiente
Acquisire ed coinvolte. sistemi tecnologici per la che lo circonda i principali
interpretare • Conosce e utilizza produzione di energia sistemi tecnologici con
l’informazione oggetti, strumenti e • Conosce i principali particolare riferimento a quelli
macchine di uso comune processi di trasformazione di per la produzione alimentare,
ed è in grado di risorse o di produzione di l’edilizia, la l’agricoltura
classificarli e di beni e riconosce le diverse • Conosce i principali processi di
descriverne la funzione in forme di energia coinvolte. trasformazione di risorse e/o di
relazione alla forma, alla produzione di beni
struttura e ai materiali
• Ricava dalla lettura e
dall’analisi di testi e
tabelle informazioni su
beni e servizi disponibili sul
mercato, in modo da
poter esprimere
valutazioni di tipo diverso
Effettuare • È in grado di ipotizzare le • Effettuare stime di • Effettuare stime di grandezze Prevedere,
valutazioni del possibili conseguenze di grandezze fisiche riferite a fisiche riferite a materiali e immaginare
INDIVIDUARE E
contesto; una decisione o di una materiali e oggetti oggetti dell’ambiente e progettare
RISOLVERE
riconoscervi scelta di tipo dell’ambiente scolastico. scolastico
PROBLEMI
situazioni tecnologico, • Valutare le conseguenze di • Inizia a valutare le
problematiche di riconoscendo in ogni scelte e decisioni relative a conseguenze di scelte e
cui rilevare i dati innovazione opportunità situazioni problematiche decisioni relative a situazioni
significativi e rischi. problematiche

182 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Ricava dalla lettura di • Inizia a comprendere i • Effettuare prove e semplici


testi e tabelle problemi legati alla indagini sulle proprietà fisiche,
informazioni su beni e produzione di energia e chimiche, meccaniche e
servizi disponibili sul indagare sui benefici e sui tecnologiche di vari materiali.
mercato, in modo da problemi economici ed
poter esprimere ecologici legati alle varie
valutazioni rispetto a forme e modalità di
criteri di tipo diverso produzione.
• Comprende i problemi
legati alla sicurezza nell’uso
di energia elettrica e gas
• Utilizza adeguate risorse • Smontare e rimontare • Utilizzare semplici procedure Prevedere,
materiali, informative e semplici oggetti, per eseguire prove immaginare
organizzative per la apparecchiature sperimentali nei vari settori e progettare
progettazione e la elettroniche o altri dispositivi della tecnologia (ad esempio:
realizzazione di semplici comuni. preparazione nei e cottura
Sviluppare
prodotti, anche di tipo • Rilevare e disegnare la degli alimenti).
ragionamenti
digitale propria abitazione o altri • Rilevare e disegnare la propria
interpretativi,
• Progetta e realizza luoghi anche avvalendosi di abitazione o altri luoghi anche
pianificare e
rappresentazioni grafiche software specifici. avvalendosi di software
sperimentare
o infografiche, relative • Costruire oggetti con specifici.
strategie risolutive.
alla struttura e al materiali facilmente • Costruire semplici oggetti con
funzionamento di sistemi reperibili a partire da materiali facilmente reperibili
materiali o immateriali, esigenze e bisogni concreti.
utilizzando elementi del
disegno

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado
1. L’alunno riconosce nell’ambiente che lo circonda i principali sistemi tecnologici e le molteplici relazioni che essi stabiliscono con gli esseri viventi
e gli altri elementi naturali.
2. Conosce i principali processi di trasformazione di risorse o di produzione di beni e riconosce le diverse forme di energia coinvolte.
3. È in grado di ipotizzare le possibili conseguenze di una decisione o di una scelta di tipo tecnologico, riconoscendo in ogni innovazione
opportunità e rischi.
4. Conosce e utilizza oggetti, strumenti e macchine di uso comune ed è in grado di classificarli e di descriverne la funzione in relazione alla forma,
alla struttura e ai materiali.
5. Utilizza adeguate risorse materiali, informative e organizzative per la progettazione e la realizzazione di semplici prodotti, anche di tipo digitale.

183 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

6. Ricava dalla lettura e dall’analisi di testi o tabelle informazioni sui beni o sui servizi disponibili sul mercato, in modo da esprimere valutazioni
rispetto a criteri di tipo diverso.
7. Conosce le proprietà e le caratteristiche dei diversi mezzi di comunicazione ed è in grado di farne un uso efficace e responsabile rispetto alle
proprie necessità di studio e socializzazione.
8. Sa utilizzare comunicazioni procedurali e istruzioni tecniche per eseguire, in maniera metodica e razionale, compiti operativi complessi, anche
collaborando e cooperando con i compagni.
9. Progetta e realizza rappresentazioni grafiche o infografiche, relative alla struttura e al funzionamento di sistemi materiali o immateriali, utilizzando
elementi del disegno tecnico o altri linguaggi multimediali e di programmazione.

NUCLEI TEMATICI Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado
Vedere, osservare e • Eseguire misurazioni e rilievi grafici o fotografici sull’ambiente scolastico o sulla propria abitazione.
sperimentare • Leggere e interpretare semplici disegni tecnici ricavandone informazioni qualitative e quantitative.
– Impiegare gli strumenti e le regole del disegno tecnico nella rappresentazione di oggetti o processi.
– Effettuare prove e semplici indagini sulle proprietà fisiche, chimiche, meccaniche e tecnologiche di vari
materiali.
– Accostarsi a nuove applicazioni informatiche esplorandone le funzioni e le potenzialità.
Prevedere, immaginare e • Effettuare stime di grandezze fisiche riferite a materiali e oggetti dell’ambiente scolastico.
progettare • Valutare le conseguenze di scelte e decisioni relative a situazioni problematiche.
• Immaginare modifiche di oggetti e prodotti di uso quotidiano in relazione a nuovi bisogni o necessità.
• Pianificare le diverse fasi per la realizzazione di un oggetto impiegando materiali di uso quotidiano.
• Progettare una gita d’istruzione o la visita a una mostra usando internet per reperire e selezionare le informazioni
utili
Intervenire, trasformare e • Smontare e rimontare semplici oggetti, apparecchiature elettroniche o altri dispositivi comuni.
produrre • Utilizzare semplici procedure per eseguire prove sperimentali nei vari settori della tecnologia (ad esempio:
preparazione e cottura degli alimenti).
• Rilevare e disegnare la propria abitazione o altri luoghi anche avvalendosi di software specifici.
• Eseguire interventi di riparazione e manutenzione sugli oggetti dell’arredo scolastico o casalingo.
• Costruire oggetti con materiali facilmente reperibili a partire da esigenze e bisogni concreti.
• Programmare ambienti informatici e elaborare semplici istruzioni per controllare il comportamento di un robot.

184 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

RELIGIONE
CORRELAZIONE COMPETENZE DEL CURRICOLO DI SCUOLA-TRAGUARDI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012 CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA-3^
SECONDARIA 1° GRADO - DISCIPLINA: RELIGIONE
INDICATORI DI
COMPETENZE DEL TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 5^ TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE 3^
COMPETENZA DEL
CURRICOLO IC PRIMARIA SECONDARIA 1° GRADO
CURRICOLO IC
• Interrogarsi sul trascendente e porsi
• Scoprire la risposta della Bibbia alle
domande di senso, cogliendo
domande di senso dell’uomo e confrontarla
l’intreccio tra dimensione religiosa e
AGIRE IN MODO con quelle delle principali religioni non
Assumere ruoli e impegni culturale.
AUTONOMO E cristiane.
nell’esperienza scolastica • Cogliere le implicazioni etiche della
RESPONSABILE • Riconoscere nella vita e negli insegnamenti
fede cristiana rendendole oggetto di
di Gesù proposte di scelte responsabili,
riflessione in vista di scelte di vita
anche per un personale progetto di vita.
progettuali responsabili.
Instaurare relazioni positive • Apprezzare l’impegno della comunità
e rispettare umana e cristiana nel porre alla base della
consapevolmente le convivenza l’amore e la solidarietà. • Confrontarsi con la complessità
regole della convivenza • Rendersi conto che la comunità ecclesiale dell’esistenza e imparare a dare valore
esprime, attraverso vocazioni e ministeri ai propri comportamenti, per
COLLABORARE E differenti, la propria fede e il proprio servizio conoscere meglio sé stessi, relazionarsi
PARTECIPARE all’uomo. con gli altri e con il mondo.
• Cogliere analogie tra le persone in contesti • Saper interagire con persone di
Assumere comportamenti relazionali diversi, pur riconoscendo che religioni differenti, sviluppando
cooperativi ognuno ha una propria identità personale. comportamenti capaci di
• Individuare linguaggi e comportamenti accoglienza, confronto e dialogo.
aperti al dialogo e alla collaborazione con
altre culture religiose.
Mettere a punto strategie • Riconoscere i linguaggi espressivi della
IMPARARE A • Cercare ed individuare le fonti, scoprendo e
anche di tipo organizzativo fede, individuarne le tracce nel
IMPARARE riconoscendo le informazioni.
funzionali mondo che lo circonda,
(organizzare il • Riconoscere nel Vangelo e negli
all’apprendimento. organizzandoli per affrontare situazioni
proprio insegnamenti della Chiesa valori importanti
nuove e impreviste ed essere in grado
apprendimento) per valutare i propri comportamenti.
Auto valutarsi. di valutare i propri comportamenti.

185 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Individuare e rispettare il patrimonio


Padroneggiare gli strumenti religioso, artistico e culturale che si
espressivi e argomentativi manifesta attraverso il linguaggio simbolico
della comunicazione o iconico dell’architettura, della pittura,
della letteratura, della musica e della liturgia
come espressione della fede dei popoli.
• Individuare, a partire dalla Bibbia, le
• Riflettere su Dio Creatore e Padre, sugli
tappe essenziali e i dati oggettivi della
elementi fondamentali della vita di Gesù e
storia della Salvezza, della vita e
COMUNICARE E collegare i contenuti principali del suo
dell’insegnamento di Gesù, del
COMPRENDERE insegnamento alle tradizioni dell’ambiente
cristianesimo delle origini, utilizzando in
in cui vive.
Acquisire ed interpretare maniera corretta il linguaggio
• Riconoscere nella Bibbia un libro sacro per
l’informazione specifico necessario alla
Ebrei e cristiani un documento
comprensione del fenomeno religioso.
fondamentale della cultura occidentale,
distinguendola da altra tipologia di testi tra
cui quelle di altre religioni.
• Conoscere e comprendere il significato
delle principali feste cristiane nel dialogo
con le altre religioni.
Effettuare valutazioni del
• Confrontarsi con l’esperienza religiosa e
contesto; riconoscervi
interrogarsi sul senso che ha avuto nella
INDIVIDUARE E situazioni problematiche di • Valorizzare il proprio stato d’animo, i
storia dei popoli e nella vita di oggi.
RISOLVERE cui rilevare i dati cambiamenti, la problematicità di
• Riconoscere nel proprio vissuto e
PROBLEMI significativi ogni esperienza personale e i saperi
nell’esperienza scolastica elementi
Sviluppare ragionamenti acquisiti, utilizzandoli come risorse per
fondamentali utili a valorizzare la propria
interpretativi, pianificare e risolvere situazioni problematiche.
identità, per affrontare situazioni
sperimentare strategie
problematiche.
risolutive.

186 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

OBIETTIVI DI OBIETTIVI DI OBIETTIVI DI


COMP.
TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE APPRENDIMENTO CLASSE APPRENDIMENTO CLASSE APPRENDIMENTO CLASSE
CURRICOLO
3^ SECONDARIA 1° GRADO 3^ SECONDARIA 1° 2^ 1^
IC
GRADO
• Interrogarsi sul trascendente e • Conoscere le
porsi domande di senso, caratteristiche principali • Riflettere sulle domande
cogliendo l’intreccio tra del fenomeno religioso. che riguardano il senso
AGIRE IN MODO

• Cogliere l’importanza
AUTONOMO E

della vita.
RESPONSABILE

dimensione religiosa e culturale. • Individuare l’originalità


della rivelazione di Dio
• Cogliere le implicazioni etiche del messaggio cristiano
all’uomo.
della fede cristiana rendendole rispetto alle altre
oggetto di riflessione in vista di proposte religiose.
scelte di vita progettuali
responsabili.
• Cogliere nei documenti
COLLABORARE E PARTECIPARE

• Confrontarsi con la complessità della Chiesa le indicazioni


dell’esistenza e imparare a dare che favoriscono
valore ai propri comportamenti, l’incontro e la convivenza
per conoscere meglio sé stessi, tra persone di diverse
• Assumere un • Cogliere l’importanza
relazionarsi con gli altri e con il culture e religioni.
atteggiamento di rispetto, individuale e collettiva
mondo. • Saper individuare
dialogo e confronto tra le del fatto religioso, nella
• Saper interagire con persone di caratteri essenziali della
diverse esperienze religiose. sua varietà e complessità.
religioni differenti, sviluppando realtà umana e spirituale
comportamenti capaci di della Chiesa.
accoglienza, confronto e • Confrontare spiegazioni
dialogo. scientifiche del mondo e
della vita.

187 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Utilizzare in maniera • Ricercare nella Bibbia i


corretta il linguaggio passi citati.
specifico necessario alla • Operare confronti tra lo
• Riconoscere i linguaggi espressivi comprensione del stile di vita delle prime • Raccogliere documenti e
IMPARARE A IMPARARE

della fede, individuarne le fenomeno religioso. comunità cristiane e lo notizie relativi alle diverse
tracce nel mondo che lo • Confrontare criticamente stile di vita delle religioni.
circonda, organizzandoli per comportamenti e aspetti comunità cristiane oggi. • Compiere accostamenti
affrontare situazioni nuove e della cultura attuale con • Individuare le parabole e pertinenti tra le diverse
impreviste ed essere in grado di la proposta cristiana. valutarne il messaggio religioni.
valutare i propri comportamenti. • Sa riconoscere i segni riflettendo sul proprio
della presenza religiosa comportamento alla luce
nelle diverse culture ed della Parola di Dio in esso
epoche storiche contenuta.
• Leggere la Bibbia e la
• Orientarsi nel linguaggio
storia della Salvezza
biblico così da
come storia dell’Alleanza • Comprendere il
riconoscere il genere
tra Dio e l’uomo. significato di alcuni
letterario e individuare il
• Conoscere i testi biblici e i termini propri del
• Individuare, a partire dalla messaggio principale.
documenti che linguaggio religioso.
Bibbia, le tappe essenziali e i dati • Comprendere la vita, le
COMUNICARE E COMPRENDERE

descrivono la Dottrina • Riconoscere i diversi modi


oggettivi della storia della opere e l’insegnamento
sociale della di espressione religiosa.
Salvezza, della vita e di Gesù.
Chiesa. • Comprendere il concetto
dell’insegnamento di Gesù, del • Comprendere che,
• Comprendere alla luce di religione e di religioni di
cristianesimo delle origini, secondo la religione
del passato, importanti ieri e di oggi.
utilizzando in maniera corretta il cristiana, Gesù è il Dio
realtà attuali sia della • Acquisire gli elementi
linguaggio specifico necessario incarnato nella storia per
storia generale che della fondamentali della
alla comprensione del realizzare il disegno di
storia della Chiesa. religione ebraica e
fenomeno religioso. salvezza voluto dal Padre
• Riconoscere nella figura comprendere che essa è
per tutti gli uomini.
e nell’opera di Gesù, il la radice su cui si innesta
• Comprendere quali
nucleo essenziale del la fede cristiana.
scelte implichi seguire
cristianesimo in continuità
Gesù.
con l’antico testamento.

188 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Individuare il tentativo • Riconoscere la struttura e


della comunità cristiana la composizione della
di rispondere alle istanze Bibbia, orientarsi nel
che provengono dal linguaggio biblico così da
• Individuare gli aspetti
• Valorizzare il proprio stato mondo e dall’uomo. riconoscere il genere
centrali delle religioni
INDIVIDUARE E RISOLVERE

d’animo, i cambiamenti, la • Individuare il tentativo letterario e individuare il


studiate per riflettere e
problematicità di ogni della comunità cristiana messaggio principale.
dare una risposta al senso
esperienza personale e i saperi di rispondere alle istanze • Individuare, attraverso le
della vita.
acquisiti, utilizzandoli come che provengono dal tappe principali della
• Individuare gli aspetti
risorse per risolvere situazioni mondo e dall’uomo. storia della Chiesa, il
caratterizzanti delle
problematiche. contributo che essa ha
religioni rilevate.
PROBLEMI

dato alla cultura


europea e in particolare
a quella della nostra
nazione.

189 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

COMPETENZE DEL OBIETTIVI FORMATIVI CLASSE 1^


OBIETTIVI FORMATIVI CLASSE 5^ PRIMARIA OBIETTIVI FORMATIVI CLASSE 3^ PRIMARIA
CURRICOLO IC PRIMARIA
• Sapere che per la religione cristiana Gesù • Scoprire che per la religione
è il Signore che rivela all’uomo il volto del cristiana Dio è Creatore e Padre,
Padre ed annuncia il Regno di Dio con che fin dalle origini ha voluto
stabilire un’alleanza con l’uomo.
parole ed azioni.
• Scoprire la risposta della Bibbia alle • Conoscere Gesù di Nazareth,
AGIRE IN MODO • Ricostruire le tappe fondamentali della vita Emmanuele e Messia, crocifisso e
domande di senso dell’uomo.
AUTONOMO E di Gesù, nel contesto storico, sociale, risorto e come tale testimoniato dai
• Riconoscere il valore antropologico e
RESPONSABILE politico e religioso del tempo a partire dai cristiani.
religioso dei dieci comandamenti.
Vangeli.
• Riconoscere il valore del silenzio come
luogo d’incontro con se stessi, con l’altro,
con Dio.
• Riconoscere avvenimenti, persone e
strutture fondamentali della Chiesa
cattolica sin dalle origini e metterli a
confronto con quelle di altre confessioni
cristiane evidenziando l prospettive del
cammino ecumenico. • Scoprire l’esistenza di alcune figure
• Apprezzare l’impegno della
COLLABORARE E • Riconoscere che la morale cristiana si significative della storia dell’alleanza tra
comunità umana e cristiana nel
PARTECIPARE fonda sul comandamento dell’amore di il popolo di Israele e Dio.
porre alla base della convivenza
Dio e del prossimo. • Individuare la relazione tra Dio e l’uomo
l’amicizia e la solidarietà.
all’interno di un rapporto di alleanza.
• Confrontare la Bibbia con i testi delle altre
religioni.
• Conoscere le origini e lo sviluppo del
cristianesimo e della altre religioni
individuando gli aspetti più importanti del
dialogo interreligioso.

190 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Conoscere la struttura e la composizione


IMPARARE A della Bibbia. • Scoprire e riconoscere il valore
IMPARARE • Saper attingere informazioni sulla religione • Riconoscere che la Bibbia è il libro sacro sacro che assume la Bibbia per
(organizzare il cattolica anche nella vita dei santi e in per i cristiani ed ebrei, documento cristiani ed ebrei.
proprio Maria, madre di Gesù e della Chiesa. fondamentale della nostra cultura. • Comprendere che tutte le religioni
apprendimento) • Conoscere il significato di gesti e segni hanno un libro sacro.
liturgici propri della religione cattolica.
• Leggere direttamente pagine bibliche ed
evangeliche, riconoscendone il genere
letterario ed individuarne il messaggio
principale. • Conoscere il significato di gesti e segni
• Decodificare i principali significati liturgici come espressione di religiosità.
COMUNICARE E dell’iconografia cristiana. • Apprezzare e rispettare le espressioni • Riconoscere nell’ambiente in cui si
COMPRENDERE • Individuare significative espressioni d’arte artistiche riconoscendo in alcune di esse vive segni e simboli delle principali
cristiana per rilevare come la fede sia stata il messaggio religioso. feste cristiane.
• Riferire circa alcune pagine bibliche
interpretata e comunicata agli artisti nel
fondamentali.
corso dei secoli.
• Riconoscere i segni cristiani in particolare
del Natale e della Pasqua, nell’ambiente,
nelle celebrazioni e nella pietà popolare.
• Individuare i tratti fondamentali della
• Cogliere analogie tra le persone in
INDIVIDUARE E comunità ecclesiale, con i suoi differenti
contesti relazionali diversi, pur • Scoprire che nel mondo ci sono
RISOLVERE ministeri e vocazioni.
riconoscendo che ognuno ha una diverse realtà culturale e religiose.
PROBLEMI • Descrivere i principali contenuti del credo propria identità personale
cattolico.

191 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

CURRICOLO PARTE TERZA: come formare? I processi formativi del curricolo

192 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

CONDIZIONI E MODALITÀ DA “GIOCARE” PROCESSO DI INSEGNAMENTO


Operare scelte di metodo comporta comprendere, assumere e rielaborare progettualmente i bisogni formativi e le dinamiche del gruppo che viene affidato
all’insegnate; è perciò fondamentale, nel senso che “sta sul fondo” e “fonda” la possibilità di promuovere apprendimento, la competenza personale
professionale i cui caratteri prioritari vengono valorizzati nei seguenti aspetti:
- Competenza nell'ascolto, nella comunicazione e nella collaborazione nelle loro differenti forme ed espressioni e con tutti gli “attori”
presenti a scuola (insegnanti, genitori, alunni)
- Competenza nella gestione della classe e nel promuovere un buon comportamento negli alunni
- Competenza a farsi carico della diversità degli alunni
- Competenza nel promuovere negli alunni la motivazione all'apprendimento e ai risultati Competenza a pianificare e gestire l'attività
didattica
- Competenza a lavorare in équipe e a condividere la responsabilità
Il rapporto con ciascuno/tutti gli alunni
Rivolgere lo sguardo e la parola ad ogni alunno, ricordarsi di ciascuno, porre le richieste tenendo conto della specificità di ciascuno: è importante non
standardizzare, non massificare, non riprodurre acriticamente.
Le diverse forme di pattuizione, negoziazione di significati e agiti tra: docenti, docenti-genitori, docenti-allievi
Realizzare il dichiarato del curricolo comporta condividere il progetto e la realizzazione delle scelte.
Il primo luogo di pattuizione è quello che spartiamo con i colleghi: non si può proporre compiti complessi e reali senza l’apporto di tutti o di tanti piani
disciplinari. Non si possono scegliere e agire le routines se non tutti i docenti condividono e cooperano. Altrimenti il senso precipita e si crea un danno
all’immagine dell’apprendimento, del comportamento, dell’etica adulta, degli insegnanti: perdiamo di credibilità.
I luoghi successivi sono quelli con gli allievi e con i genitori: vanno curati, non si può contare sul sottinteso e sullo scontato.
La gestione della lezione
A priori l’insegnante deve predisporre SOLO LO SCENARIO. Il lavoro deve essere sempre proposto in forma problematizzante e non predisposto in sequenze
previste; tale scenario deve essere pensato in modo articolato che preveda almeno tre momenti diversi:
- lo spazio per l’insegnamento verbale (abilità: ascoltare per comprendere): si tratta dello spazio per insegnare conoscenze e abilità, per
trasmettere regole, concetti, idee, procedure formalizzate ed esplicite (nessuno può insegnare in maniera formativa qualcosa che non sia
sua competenza personale, un suo modo di essere, qualcosa che non sia importante e significativo per lui, per il suo modo di vivere e di
vivere con gli altri, che non sia vissuto come modo per allargare e perfezionare tutte le proprie capacità personali.)
- lo spazio per l’esempio e il tirocinio (dimensione personale; abilità sociali; problematizzare, organizzare il lavoro): il maestro mostra all’allievo,
esplicita verbalmente le azioni, ne spiega le ragioni; aiuta l’alunno ad elaborare personalmente una struttura conoscitiva che sostiene la sua
replica delle azioni esemplificate. Il maestro assiste e sostiene, chiarisce, fa riflettere a voce alta. L’allievo si interroga sulla propria prestazione,
riflette sul modo per migliorarla, si confronta con i pari e con gli insegnanti, negozia i significati dei suoi interventi
- lo spazio per l’esercizio (abilità sociali; dimensione personale, elaborare, problematizzare, organizzare il lavoro): Il gruppo di lavoro è immerso
nelle azioni dell’insegnante e degli allievi; l’esempio degli esperti è occasione e stimolo di esercizio emulativo e, per questo, di
apprendimento per i principianti attraverso il consolidarsi di abitudini. L’esercizio è incompatibile con il disinteresse, quindi l’insegnante deve
mantenere la motivazione attraverso compiti che siano sempre “fini significativi” per gli alunni (autentici quindi nel segno di marcatamente
significativi).

193 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

Formulato lo scenario, l’insegnante dovrà condurre raccogliendo le sorprese e gli imprevisti, nei contenuti e nelle direzioni.
Riti e routines (momenti topici) che scandiscono appartenenza e caratteri della relazione
Al fine di promuovere le dimensioni di identità di gruppo classe e di appartenenza allo stesso, si ritiene che vadano condivise, a livello di team docenti e di
docenti con gli alunni, comportamenti ritenuti specifici della scuola e delle diverse situazioni che a scuola si vivono. Non si tratta semplicemente di stabilire
delle regole da parte degli insegnanti, che debbano essere rispettate dagli alunni: ogni rapporto è, infatti, bidirezionale e bidirezionali devono essere i
comportamenti di riconoscimento e di cura da promuovere attraverso alcune routines che andranno individuate, dichiarate e “allenate” (abilità sociali).
Riconoscimento e cura:
- dei docenti per gli alunni
- degli alunni per i docenti
- degli alunni tra loro
- degli alunni e dei docenti per le persone della scuola
- degli alunni e dei docenti per i tempi e le attività
- degli alunni e dei docenti per gli oggetti della scuola
Condividere il curricolo negli aspetti di contenuto e metodo è vincolo per l’insegnante, ma anche supporto nella misura in cui appartiene ad un piano
condiviso e dà la sicurezza di basi di partenza sicure: è strumento di orientamento e confronto, è base progettuale.
Ecco, pertanto, di seguito declinata nelle sue linee essenziali, la trasversalità metodologica che mira a promuovere la persona:

INFANZIA – I, II, III PRIMARIA


AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE
• Valorizzazione dell'esperienza e delle conoscenze del bambino, su cui fondare i nuovi contenuti e dare senso a quello che di nuovo viene
fatto e per motivare l’alunno verso nuovi saperi; per favorire la libertà di espressione senza giudizio.
• Lavoro collaborativo per promuovere l'autocontrollo dell'emotività.
• Predisposizione di interventi adeguati nel rispetto delle diversità per favorire i diversi stili di apprendimento e le diverse inclinazioni in modo
tale che non diventino disuguaglianze.
• Modeling e tutoring per promuovere gradualmente l’autonomia e per creare una sorta di routine quotidiana che dia sicurezza e ordine.
• Creazione di un clima coinvolgente e sereno per favorire l’attenzione

COLLABORARE E PARTECIPARE
• Valorizzazione dell'esperienza e delle conoscenze del bambino per favorire l'ascolto reciproco.
• Lavoro di gruppo collaborativo per promuovere la collaborazione, l'accettazione dei ruoli e dell'altro.
• Momento assembleare guidato e programmato dall'insegnante (per classi di livello) nella presentazione di un nuovo contenuto, per
l’organizzazione di eventi, per l’allestimento di spazi …; come momento di condivisione (esempio: confronto sulle regole comuni).
• Circle time per strutturare un momento di educazione socio-affettiva nell'affrontare e/o risolvere situazioni problematiche.
• Brain storming come momento per favorire la conoscenza, per affrontare e gestire situazioni nuove.
• Problem solving per favorire atteggiamenti di rispetto di sé e dell’altro.

194 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Tutoraggio per far valutare positivamente ognuno agli occhi di ciascuno secondo il proprio “talento”.

IMPARARE A IMPARARE
• Didattica laboratoriale per esplorare e sperimentare (Conoscere, comprendere, applicare con il controllo ed il monitoraggio
dell’insegnante).

COMUNICARE E COMPRENDERE
• Lezione partecipata e dialogata per favorire l’ascolto.
• Circle time per riferire (opinioni, esperienze, fatti, conoscenze) attraverso linguaggi diversi
• Gioco di ruolo per promuovere la libera e attiva espressione delle idee, delle opinioni, dei sentimenti e dei vissuti personali; per creare un
clima di serenità e di condivisione; per negoziare soluzioni soddisfacenti per entrambi le parti; per favorire la socializzazione.
• Percorso narrativo di tipo socio-affettivo in piccolo gruppo per il riconoscimento di stati d’animo, risorse proprie e altrui [Narrazione,
simulazione (es. sono arrabbiato e ……..), riflessione].

INDIVIDUARE E RISOLVERE PROBLEMI


• Insegnamento attraverso l'esplorazione e la scoperta per favorire la ricerca di soluzioni nuove e creative.
• Lezione partecipata e dialogata per far emergere le conoscenze pregresse attraverso un input iniziale e un monitoraggio costante.
• Autoanalisi di una situazione di vissuto e riflessione nel gruppo per favorire la scoperta di somiglianze, differenze, relazioni, caratteri e
riconoscere che dietro ad ogni comportamento c’è sempre un’emozione positiva o negativa; per acquisire maggior coscienza dei propri
ed altrui comportamenti, atteggiamenti, emozioni, reazioni…

IV, V PRIMARIA – SECONDARIA DI PRIMO GRADO


AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE
• Tutoring per promuovere autostima.
• Progettazione di percorsi socio affettivi e d’orientamento che permettono di maturare una maggiore consapevolezza di sé e quindi una più
sicura capacità di prendere decisioni favorendo una riflessione condivisa e guidata attraverso la modalità del Circle time per promuovere
l’autostima di ciascuno grazie all’ascolto attivo da parte dei componenti il gruppo.
• Lavoro di gruppo - Cooperative learning per favorire la consapevolezza dell’esistenza di attese su di sé, per promuovere motivazione (alunno
protagonista del proprio apprendimento) e (in modo graduale) autogestione, assunzione di responsabilità/assunzione del ruolo, nonché
autostima, autovalutazione (ma l’insegnante deve mettere ogni alunno in un gruppo in cui possa trovare uno spazio adeguato a rafforzare
tali aspetti).
• Didattica laboratoriale – per ricerca che: pone l’alunno come soggetto attivo, protagonista del suo percorso di conoscenza; favorisce
l’acquisizione di strumenti e procedure da riutilizzare e sperimentare poi in autonomia.

195 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Brainstorming per promuovere superamento timore del giudizio (agevola gli interventi degli allievi più timidi e taciturni).
• Problem posing per promuovere pensiero divergente e critico, creatività e tensione cognitiva.
• Costruzione consapevole di conoscenza e atteggiamento meta riflessivo (debriefing) per promuovere la maturazione del sé.

COLLABORARE E PARTECIPARE
• Tutoring per promuovere cooperazione – empatia
• (per far valutare positivamente ognuno agli occhi di ciascuno; per permettere ad ognuno di contribuire alla buona riuscita di tutti).
• Circle time per promuovere il piacere dello stare insieme ed il piacere di essere liberi in questo stare insieme (per conoscere il gruppo – per
superare i conflitti).
• Lavoro di gruppo - Cooperative learning per promuovere coinvolgimento, collaborazione, cooperazione.
• Didattica laboratoriale che permette di osservare meglio le diverse realtà relazionali e le capacità di cooperazione degli allievi oltre a porre
al centro l’importanza e il valore di diversi punti di vista e di differenti contributi.
• Brainstormin per risolvere situazioni conflittualità;
• per creare un clima di lavoro positivo e stimolante dal punto di vista emotivo (warming up).
• Problem solving per risolvere problemi di natura psicologica (esempio → soluzione di conflitti tra alunni – tra insegnante /alunno): per
promuovere disponibilità al confronto e negoziazione.
• Costruzione consapevole di conoscenza e atteggiamento meta riflessivo (debriefing) per promuovere gli aspetti sociali: mettendo a
confronto i diversi sentire e traducendo i linguaggi dei comportamenti di ciascuno, contribuisce a fondare relazioni positive.

IMPARARE A IMPARARE
• Cooperative learning per imparare a pianificare tempi, materiali, livello di performance attesa; per promuovere autonomia esecutiva ed
essere in grado di determinare compiti in base a peculiarità personali [gradualmente e, nello specifico, nella scuola secondaria].
• Problem solving per riconoscere e cercare soluzioni (anche alternative) a problemi di natura pratica.

COMUNICARE E COMPRENDERE
• Tutoring per promuovere la capacità di farsi ascoltare e farsi capire.
• Circle time - Brainstorming
• per imparare a dichiarare il proprio pensiero, le proprie opinioni e a esprimere le proprie emozioni.
• In negativo, richiedono:
• molto tempo;
• molte energie al gruppo-classe, coinvolgendo nello stesso tempo il piano relazionale e cognitivo.
• Cooperative learning per imparare ad argomentare qualora, all’interno del gruppo, ci fossero posizioni diverse in relazione al compito da
eseguire.
• Circle time per imparare a riconoscere gli stati d’animo e il punto di vista altrui.

196 Curricolo di scuola – Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo


Curricolo di scuola – Aggiornamento 30 ottobre 2019

• Didattica laboratoriale per favorire l’acquisizione di contenuti e di abilità partendo da esperienze e da approcci pragmatici che “ancorano”
gli apprendimenti.

INDIVIDUARE E RISOLVERE PROBLEMI


• Problem solving per favorire la capacità di interpretare i dati utili alla soluzione del problema.
• Problem solving per riconoscere e cercare soluzioni (anche alternative) a problemi di natura didattica.
• Problem posing per valutare la fattibilità delle ipotesi costruite attraverso la negazione del dato certo.
• Problem posing per favorire la costruzione di ipotesi attraverso la negazione del dato certo → “E se … cosa succederebbe?” , per
valutare la fattibilità di tali ipotesi.
• Lavoro di gruppo - Cooperative learning da abbinare a problem posing, setting, solving.

Riflessioni a proposito di:


• motivi delle scelte
• aspetti funzionali del metodo per la costruzione delle abilità
• predisposizione dell’ambiente
• osservazioni su eventuali aspetti focali di cui tener conto
• cose da fare assolutamente (o da non fare