Sei sulla pagina 1di 1

La sociologia del diritto affronta quattro diversi problemi:

1) definire il concetto di diritto e di norma, per avere una chiara definizione di essi.
La norma da un'indicazione di comportamento. Essa non dà informazione, ma vuole
modificare un comportamento. Ciò può dare obblighi, divieti oppure dice ciò che è
permesso fare. Nel caso di obblighi la norma si dice prescrittive. Sono invece proscrittive
quando le norme pongono dei divieti.
Le norme contengono delle sanzioni. In caso di norme giuridiche, si hanno le sanzioni
formali (ossia quelle regolamentate da norme preesistenti), mentre in caso di norme sociali
o morali, si hanno le norme informali (guidate dall'istinto).

2) Studiare il rapporto tra mutamento sociale e mutamento del diritto


Si può studiare ciò attraverso tre diversi orientamenti: conflittuale, consensuale e dialettico

L'orientamento conflittuale si basa sull'idea che nella società vi sia un continuo conflitto tra
gruppi o classi. In questa ottica il diritto viene utilizzato per tutelare gli interessi del
gruppo/classe dominante.

L'orientamento consensuale si basa sull'idea che la società sia basata su idee e valori
condivisi, e che il diritto venga utilizzato per tutelare tali valori.

L'orientamento dialettico rigetta entrambe queste due idee, parlando di Stato Sociale. I
cambiamenti non sono automatici, e infatti a volte i cambiamenti normativi tengono in
considerazione gli interessi delle classi meno abbienti.
Lo stato liberaldemocratico è quello che garantisce i diritti di libertà e i diritti politici.
Dal 1800 in poi si è avuta una nuova ondata di diritti: i diritti sociali, ossia quelli attraverso
cui si cerca di raggiungere la libertà dal bisogno (es. Diritto all'istruzione, alla pensione
ecc.).
Lo Stato Sociale è quindi caratterizzato dall'affermazione dei diritti sociali.
La legislazione sociale si è avuta perché rispecchiava l'interesse delle classi povere,
quindi il rapporto tra mutamento sociale e mutamento normativo va visto in modo dialettico
tra classi dominanti e classi subalterne.

3) processo di produzione del diritto.


Questo è un tema molto importante dal punto di vista sociologico. Il processo di
produzione di una norma non è un processo semplice, come invece può apparire.
Inizialmente si manifesta un interesse, un bisogno o un diritto di cui si richiede il
riconoscimento. I portatori di ciò sono i singoli individui, gruppi sociali, categorie di persone
(es. consumatori), sindacati o partiti politici.
Possono a volte esserci conflitti tra valori e interessi.
Il sociologo del diritto cerca quindi di mettere il luce cosa vi è dietro al processo di
produzione del diritto, estrapolando la razionalità attraverso cui il processo viene portato a
compimento.
Nel momento in cui le persone non credono alla legittimità delle leggi, si ha un
indebolimento del diritto stesso.

Potrebbero piacerti anche