Sei sulla pagina 1di 2

Enrico Zanatta classe 2^ E 14/02/2022

Titolo: Principio di conservazione dell’energia meccanica


Obiettivo: dimostrare la validità del principio di conservazione dell’energia meccanica.
Materiali e strumenti utilizzati:
 pesetto 10,22 g = 0,01022 kg,
 bilancia: sensibilità 0,01 g, portata 2 kg,
 filo,
 carrello 402 g = 0,402 kg,
 guida a cuscino d’aria,
 3 fotocellule, sensibilità 0,01 s,
 metro: portata 2 m, sensibilità 0,001 m.

Procedimento: il carrello è stato posto all’inizio della guida (posizionata parallelamente al


terreno), collegato al pesetto (in modo che quest’ultimo fosse sospeso a 1,46 m dal suolo) tramite il
filo. In seguito, sono state posizionate 3 fotocellule sulla guida in modo da avere 2 intervalli di
misurazione: la distanza tra la prima e la seconda fotocellula è uguale a quella tra il pesetto e il
terreno (in modo tale che, quando il carrello arriva alla seconda fotocellula, il pesetto non eserciterà
più la sua forza trainante e quindi il carrello smetterà di accelerare); la distanza tra la seconda e la
terza fotocellula è 0,21 m.
Dopo aver predisposto la guida e le fotocellule, è stato fatto cadere a terra il pesetto che, esercitando
una forza, ha fatto spostare il carrello al quale era collegato. In questo modo è stato possibile
misurare il tempo impiegato dal carrello per raggiungere le due fotocellule. Questo procedimento è
stato ripetuto 3 volte.

Elaborazione dati: dopo aver raccolto i dati sono state ricavate le velocità medie del carrello
tra la prima e la seconda fotocellula (vm1) e tra la seconda e la terza fotocellula (vm2) con la formula
Δs/Δt. Successivamente è stata ricavata la velocità massima raggiunta dal carrello in prossimità della
vm+vmax
seconda fotocellula moltiplicando vm per 2 e la velocità finale con la formula: .
2
In seguito, sono stati calcolati i valori dell’energia meccanica del carrello fermo alla prima
fotocellula e mentre passava in prossimità della seconda con la seguente formula: Emec=Ec+Ep.
Emec i−Emec f
Infine, è stato calcolato lo scarto % con la formula: s%= Emec i+ Emec f x 100.
2 ¿
¿

Δs1 (m) Δs2 (m) Δt1 (s) Δt2 (s) Vm 1 (m/s) vmax (m/s) vm 2 (m/s) vf (m/s)
3,50 0,26 0,417 0,834 0,808 0,82099
1,46 0,21 3,50 0,26 0,417 0,834 0,808 0,82099
3,50 0,26 0,417 0,834 0,808 0,82099
               
Emeci (J) Emecf (J) s%          

1
Enrico Zanatta classe 2^ E 14/02/2022

0,143 0,140 1,559          


0,143 0,140 1,559          
0,143 0,140 1,559          
Conclusioni: dopo aver eseguito i calcoli si può notare che, avendo ottenuto uno scarto %
contenuto, l’energia si è conservata e la differenza tra E meci e Emecf è probabilmente dovuta all’energia
dissipata (l’energia non si perde ma si trasforma) dall’attrito tra carrello e aria che è stato trascurato.

Potrebbero piacerti anche