Sei sulla pagina 1di 3

Il

diritto
sabato 26 giugno 2021 10:37

Diritto: insieme di regole di condotta che devono essere osservate da un gruppo o da una società

È preesistente all’uomo poiché anche nel mondo animale in cui chi ha un


comportamento deviante viene sempre sanzionato dal branco, attraverso
l’aggressione o l’isolamento

Programmazione: è la caratteristica che va a distinguere le regole dell’uomo da quelle degli animali,


ovvero è la necessità di creare regole che non si esauriscano nel momento attuale ma che valgano
anche per il futuro. Necessita di un certo tipo di verbalizzazione che solo l’uomo possiede, nel mondo
animale non esiste l’idea di punizione come forma di programmazione per evitare che venga
ricommesso lo stesso reato.

La sanzione penale (reclusione in carcere) è un tipo di programmazione con finalità di prevenzione


generale speciale
Riguarda il singolo che dopo aver ricevuto un certo tipo di sanzione
non vuole riceverla nuovamente e quindi non ricommette lo stesso
comportamento

Per tutti coloro che possono vedere che un certo comportamento


causa un certo tipo di sanzione e sono perciò intimati a loro volta
dal commetterlo

Oggi pensiamo al diritto come al prodotto di uno Stato e delle sue articolazioni. La
regola viene prodotta da strutture prefissate, che possono essere costituzionali o
pubbliche. Queste, possono essere elaborate da un dittatore, un partito oppure
Sistemi a potere diffuso: un Parlamento, i quali fanno parte di una struttura centralizzata.
• si tratta di un sistema in cui manca un potere
centrale, il potere è incentrato in un gruppo
• Se viene commesso un torto si reagisce con la
legge del taglione
Sistemi a potere centralizzato:
(ma se il torto avviene all’interno dello stesso
Inizia a diffondersi nell’età del bronzo poiché la complessità della sua società
gruppo?)
non permetteva l’applicazione del sistema a potere diffuso
• Gli shamani erano coloro che
Prima le principali occupazioni erano difendere e coltivare, ora con la nascita
interrompevano la catena delle rappresaglie
di nuovi mestieri, come gli scriba o i minatori era necessaria un’aliquota del
• Molto spesso questi sistemi cedono con il
raccolto per chi si dedicava a questi nuovi mestieri e non poteva coltivare per
tempo trasformandosi in sistemi a potere
se. Ovviamente i contadini non sono felici di questo e iniziano delle rivolte
centralizzato
che devono essere frenate da una milizia
• Rapporti di proprietà: una qualsiasi cosa non
appartiene al singolo ma a tutto il gruppo,
REALTÀ SOCIALE COMPLESSA = POTERE CENTRALIZZATO
all’interno del quale poi avviene la
ripartizione.
• Rappresenta l’idea generale del diritto
• Ogni individuo è responsabile per le proprie azioni
All’interno dei gruppi che cos’è vengono tramandate tra gli • C’è un soggetto che fa le regole e si occupa di farle rispettare. Piu il
uomini perché ciò permette che esse rimangano all’interno sistema è raffinato più c’è divisione dei poteri tra chi fa le leggi e chi le
dello stesso gruppo, cosa che non accadrebbe nel caso in cui si fa applicare. (Autolegittimazione)
tramandassero ad una donna che poi sposandosi passerebbe Nuovo torto: reato contro il potere centralizzato
ad un altro gruppo

Il sistema a centralizzato non è infallibile se colui che non


osserva le regole è colui che detiene il potere allora il
sistema cade

Esiste un sistema superiore di controllo ma potrebbe


sempre essere corrotto

Età coloniale I due sistemi entrano in contatto

Le colonie europee
Il diritto non viene imposto direttamente ma viene applicato agli europei presenti, gli autoctoni
mantengono il loro diritto. Però le regole locali non potevano sovrapporsi a quelle delle colonie per
questo il diritto penale viene imposto

Numerose sovrapposizioni dovute all’utilizzo di due logiche appartenenti a due realtà completamente
differenti
Le figure del diritto
sabato 26 giugno 2021 11:18

Il diritto esiste in tutte le società indipendentemente dal loro grado di sviluppo


Spesso: sistemi a potere diffuso nei paesi meno sviluppati (senza scrittura)
Sistemi a potere centralizzato nei paesi più sviluppati

Giurista: è una figura che fa parte del sistema del diritto ma che non è
essenziale (esistono sistemi dove la figura del giurista manca) • Cina: non necessitano di leggi che regolano i
utilizza il linguaggio giuridico tecnico e specializzato (per chi non è un conflitti perché hanno una condotta naturale
tecnico non è facilmente comprensibile) volta alla prevenzione di questi è nel caso in
cui avvengano non ci si rivolge
all’applicazione edi una legge ma alla figura
di un pacificatore
• Africa mancando il sistema della scrittura di
cui si avvale in giurista manca il giurista

Comparatista: colui che si occupa di mettere a confronto diversi sistemi al fine di individuarne le
somiglianze e differenze. Si può poi decidere di uniformare i due sistemi oppure scoprire ordinamenti
più efficaci

Quelli in cui le regole operazionali sono le migliori

Si tiene in considerazione la regola pratica (quella che viene poi


applicata) e non la regola declamata
Il problema della lingua e la
traduzione
domenica 27 giugno 2021 15:35

Il problema della lingua e la traduzione

Nei sistemi in cui esiste un giurista egli utilizza un linguaggio tecnico


e specializzato che deve essere tradotto o quantomeno compreso
da un comparatista

Non basta che sappia le lingue, deve conoscere il diritto per


essere in grado di comprendere e tradurre un testo di diritto

oltre ad essere un testo accademico è


Viene applicata da un giudice che, a anche una legge elaborata da un
seconda del caso la interpreta così determinato Parlamento
com’è scritta oppure la reinterpreta

Quando si studia un determinato sistema,


leggendo esclusivamente il prodotto
legislativo si avrà, quindi, un’informazione
molto limitata di ciò che la legge è
effettivamente.

Il contratto: nasce da un accordo (strumento più ricorrente che regola i rapporti


umani). Non è detto che parlando di contratto si intenda la stessa cosa in tutto il
mondo. Il contratto è un accordo ma le sue caratteristiche possono variare.

La parola contract in inglese in ambito giuridico non ha


lo stesso significato della parola italiana contratto

Uno dei problemi della traduzione è proprio la mancanza di corrispettivi linguistici (problema
concettuale)
Es: tra Italia e Svizzera italiana la lingua è la stessa ma in Svizzera manca l’idea di essere
proprietario, perciò la parola italiana possesso per loro non ha senso

Nella traduzione di un testo il compartista ha 3 possibilità: 1. Neologismo: inventare un termine nuovo con il significato desiderato
(Negozio Giuridico importato nel 1930 dalla Germania per creare un insieme che comprendesse
nel matrimonio accordi personali e patrimoniali)
2. Non tradurre il termine utilizzare il medesimo termine in modo da non cambiarne il significato
(Trust importato dall’inglese)
3. Ricorrere al termine concettualmente più simile in questo caso nel momento in cui ci si allontana
troppo dal significato del termine originale interviene un obbligo di precisazione

Potrebbero piacerti anche