Sei sulla pagina 1di 9

FISICA - FORMULARIO

CINEMATICA----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Spostamento: cambiamento di posizione di un oggetto (quanto è lontano dal punto di partenza)

Velocità scalare media: distanza percorsa / tempo impiegato (solo modulo)

Velocità vettoriale media: spostamento /tempo impiegato (modulo, direzione e verso)

Velocità media: velocità finale meno velocità iniziale / 2

Velocità istantanea: limite della velocità media durante un intervallo di tempo tendente a zero

Equazione oraria per il moto rettilineo uniforme:

x = x

0

+ v t

0

Accelerazione media: variazione di velocità / tempo impiegato

Accelerazione istantanea: limite dell’accelerazione media con Dt = 0

Equazioni orarie per moto uniformemente accelerato:

= v + at (v in funzione di a e t)

v

0

x

2

v

= x

0

= v

0

+ v t +1/ 2at

0

2 (x in funzione di t e a)

2

+ 2a(x - x ) (v in funzione di a e x)

0

Altezza massima (moto parabolico):

Gittata (moto parabolico):

v

0

2

sen2 a

g

v

0 y

2

2 g

Componenti di un vettore generico:

v = v cos a x v = vsena y r 2 2 v =
v
= v cos a
x
v
= vsena
y
r 2
2
v
= v
+ v
x
y
v
y
Tg a =
v
x
D
J
rad
Velocità angolare:
w =
D t
s
D
l D J
Velocità lineare:
v
=
=
r
=
r w
D t
D
t
D w
rad
Accelerazione angolare:
a =
2
D t
s
D
v D w
Accelerazione tangenziale:
a
=
=
r
=
r a
tan
D
t
D
t
2
2
v
(
r w
)
2
Accelerazione radiale o centripeta:
a
= =
= w
r
R
r
r

Frequenza:

f

=

w

2 p

   

a

n

= 0

 

a

n

=
=

0

(costante)

 

a

t

= 0

 

Rettilineo uniforme

s

= s

0

+ v t

0

 

Circolare uniforme

 

Uniformemente accelerato

 
 

v

= v

0

+ at

a

t

=
=

0

(costante)

s

= s

0

+ v t +1/ 2at

0

2

 

/

 

v

2

= v

0

2

+ 2a(x - x )

0

 
s 0 + v t + 1/ 2 at 0 2   /   v 2

DINAMICA--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Secondo principio della dinamica:

Â

r F = ma r

Forze di attrito:

F

att

Momento torcente: t

= m F (attrito dinamico);

d

N

F

att

=

r F

^

=

rF

^

=

r

r

¥

r

F

=

rFsena

= m F

s

N

(attrito statico)

Momento torcente risultante:

r r

Lavoro: L = F s = Fs cosa

Â

t = (mr

2

)a = Ia

Teorema dell’energia cinetica:

L =

Energia potenziale gravitazionale:

1 2

mv

2

f

-

1

2

E Pg

= mgh

mv

0

2

= E

Cf

Energia potenziale elastica:

E

Pel

=

1

2

kx

2

Lavoro di una forza non conservativa:

L

NC

= DE

C

+ DE

P

Principio di conservazione dell’energia meccanica:

Quantità di moto: p r = mv r

E

totale

II legge di Newton per la quantità di moto:

Â

ur

F =

ur

D p

D t

Conservatività della quantità di moto:

Impulso della forza:

I = p r

f

- p r

i

r

= FDt

r

p

f

= p r

i

Rapporto sforzo / stiramento: F A

=

E

D l

l

s

=

E

e

(I = momento di inerzia)

- E

Ci

= E

P

+ E

C

[Solo per forze conservative]

[E = modulo di Young, s = sforzo, e =stiramento]

Tensione superficiale: t =

F

l

Pressione trasmurale per un condotto cilindrico: DP = t / R

EQUILIBRI--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Prima condizione per l’equilibrio:

Â

Seconda condizione per l’equilibrio:

F

x

=

0,

 t = 0

Â

F

y

=

0,

Â

F

z

=

0

Prima condizione per l’equilibrio: Â Seconda condizione per l’equilibrio: F x = 0, Â t =

FLUIDI-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Densità:

r =

m

V

Pressione:

P

=

F

A

= r

g

D

h

Fattori di conversione (pressione):

1atm = 1013 10 Pa = 1013bar = 760mmHg = 760torr = 1.03 10 mmH O

2

5

4

5

1bar = 10 Pa 1mmHg = 1torr = 133Pa

1mmH O = 9.81Pa

2

F out

F in

A

out

A

in

A

= r

=

Principio di Pascal:

Principio di Archimede: F

F

Vg = m

F

g

Portata massiga:

Q

m

Portata volumetrica:

=

Q

D m

=

r

D t

=

D V

v D t

Av

A

=Av

[

kg

[

3

m

Relazione tra portata massiga e volumetrica:

/

s

]

/

s

]

Q

m

= rQ

v

Equazione di continuità:

 
A v = r A V fi Q r 1 1 1 2 2 2
A v
= r
A V
Q
r 1
1
1
2
2
2
v1
1
1
2
+
rv
+ r gh = P +
2
2 1
2
2g(h
- h )
2
1

= Q

rv

2

v2

Equazione di Bernoulli: P

1

2

+ r gh

 

Teorema di Torricelli: v =

1

 

Coefficiente di viscosità: h =

Fl

[

Pa

s

] in SI, [

dyna s

/

cm

2

Resistenza idraulica: R

=

P

A

vA

- P

B

8 hp l

=

   

I Q

 

A

2

= poise ] in cgs

Resistenza idraulica in serie: R

equivalente

= R

1

+ R

2

Resistenza idraulica in parallelo:

1

1

1

=

+

R

equivalente

R

1

R

2

Perdita di carico: P - P = QR

1

2

I

Condizioni per un liquido di Poiseuille:

1. Condotto cilindrico

2. Velocità delle particelle a contatto della superficie uguale a zero

3. Profilo delle velocità perfettamente parabolico (valore massimo di velocità tale che v = v

4. Flusso stazionario e laminare

5. Liquido newtoniano

Perdita di carico per liquidi di Poiseuille: P

1

-

P

2

Resistenza idraulica per liquidi di Poiseuille: R

Portata cardiaca:

Q = G

ittata

f

requenza

I

= D

P

=

=

8 h l

p r

4

8 h

l

p

r

4

Q

Q

=

p

r

4

D

P

8

h

l

max

/ 2 )

R Portata cardiaca: Q = G ittata f requenza I = D P = = 8

Numero di Raynolds: N

R

r vR

=

h

[NR<2000 = moto laminare; NR>3000 = moto vorticoso]

TERMOMETRIA-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dilatazione lineare:

L = L (1+aDT)

0

Dilatazione volumetrica: V =V (1+ 3aDT) 0 Legge dei gas perfetti: PV = nRT 1
Dilatazione volumetrica:
V
=V (1+ 3aDT)
0
Legge dei gas perfetti: PV = nRT
1
3
2
Energia cinetica media molecolare:
K =
mv
=
2 2

kT

CALORIMETRIA------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Fattore di conversione: 1cal = 4,18J

3

3

Energia interna di un gas ideale: E =

Calore: Q = mcDT Calore latente: Q = mL

Conservazione dell’energia:

2

NkT =

2

= Q

assorbito

Q

ceduto

Temperatura finale dell’equilibrio termico: T

f

=

D

Q

Flusso di calore: H

Conduzione: H

t

=

=

t

kA

D t

-

T

1

T

2

l

Convezione: H = h

t

c

(

T -T

1

2

Irraggiamento : H = es AT

t

)

4

nRT

m c T

1

1

1

+

m c T

222

m c

1

1

+

m c

2

2

[T1 > T2]

[ s

=

5,67 10

- 8

W / m

2

K

4

]

TERMODINAMICA---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Primo principio della termodinamica: DU = Q - L

Q>0: calore assorbito; Q<0: calore ceduto; L>0: lavoro effettuato sull’ambiente; L<0: lavoro effettuato dall’ambiente

Efficienza di una macchina termica: e =

L

=

1

Q

B

-

Efficienza di una macchina di Carnot:

e

Q

A

ideale

=

1

-

Q

T

A

B

T

A

Entropia:

D

S

=

Q fornito

T

>

0

fR

Calore specifico molare a volume costante: c =

v

Calore specifico molare a pressione costante: c

2

=

(

f +

2)

R

p 2

[f = 3: monoatomico; f = 5: biatomico]

[

c

p

/

c

v

= g ]

Trasformazioni termodinamiche per un gas perfetto:

Trasformazione

 

Legge

 

DU

Q

 

L

 

Isocora (V=k)

P

= P (1+ t / 273,16)

0

nc DT

v

nc DT

v

 

0

Isobara (P=k)

V

= V (1+ t / 273,16)

0

nc DT = nc DT - pDV

v

p

nc DT

p

pDV = nRDT

Isoterma (T=k)

 

PV = k

 

0

L = nRT

ln(

V

f

/

V

i

)

nRT

ln(

V

f

/

V

i

)

Adiabatica

 

pV

g =

 

nc DT

v

     

(Q=0)

cost

0

 

-DU

) Adiabatica   pV g =   nc D T v       (Q=0) cost

ONDE----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Velocità di un’onda: v = l f

F T Velocità di un’onda in una corda: v = m / L 2 P
F
T
Velocità di un’onda in una corda: v =
m
/
L
2
P
I
r
2
1
Intensità di un’onda: I =
Æ
=
2
2
4 pr
r
I 1
2
n l
n
Lunghezza delle armoniche: L =
2
2
L
Lunghezza d’onda delle armoniche: l =
n

n

Frequenza delle vibrazioni delle armoniche: f

n

=

v

l

n

= n

v

2

L

=

nf

1

Potenza di un’onda: P

=

m

l

v

w

2

A

2

1

mf
2

=

2

p

2

2

A

2

Energia trasportata da un’onda: E = 2p mf

Intensità di un’onda in relazione all’ampiezza e alla frequenza: I = 2p vr f

2

2

A

2

2

= 2p rSvtf

2

A

2

2

2

A

2

[

W / m

2

]

SUONO--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Velocità del suono nell’aria in dipendenza dalla temperatura: v = (331+ 0, 6T )m / s

Livello di intensità di un suono: b =

10 log

I

I

0

[ I

0

=

10

- 12

W / m

2

]

Effetto Doppler (sorgente in avvicinamento, osservatore fermo): f

'

= Ê

 

f

ˆ

 

v

sorgente

 

Á

1 -

 

˜

Ë

v

suono

¯

Effetto Doppler (sorgente in allontanamento, osservatore fermo): f

'

= Ê

 

f

ˆ

 

v

 

Á

1 +

sorgente

˜

Ë

v

suono

¯

 

' Ê

v

osservatore

ˆ

 

Effetto Doppler (sorgente ferma, osservatore in avvicinamento): f

=

Á

1

+

˜

f

 

Ë

v

suono

¯

Effetto Doppler (sorgente ferma, osservatore in allontanamento): f

'

=

Ê

Á

1

-

v

osservatore

ˆ

˜

f

 

Ë

 

v suono

¯

Effetto Doppler (formula generale): f

'

=

Ê

f Á Á Ë

v

suono

±

v

osservatore

v

suono

m

v

sorgente

ˆ

˜

˜ ¯

CARICA ELETTRICA E CAMPO ELETTRICO--------------------------------------------------------------------------------

=

k

q q

1

2

=

1

q q

1

2

 

r

2

 

4

pe

0

r

2

1.602 10

-

19

C

 

ur

F

=

1

Q

 

q

4

pe

0

r

2

=

F

Q

int

 

E

=

EA

cos

a

 

=

E

^

A

=

EA

^

E

e

0

 

1

Q

 

4 pe

0

r

2

 

1

 

Q

 
 

2 pe

0

r L

 

Q

 

=

s

l

A e

0

 

e

0

Legge di Coulomb:

F

Carica elementare:

e =

ur Campo elettrico: E =

Flusso del campo elettrico:

Teorema di Gauss: F

Campo elettrico di un conduttore sferico: E =

Campo elettrico di un filo carico: E =

Campo elettrico di una condensatore: E =

[

s

l

[

k

= 9 10 Nm /C

9

2

[N / C = V / m]

= Q l = densità lineare di carica]

/

2

]

di una condensatore: E = [ s l [ k = 9 10 Nm / C

POTENZIALE ELETTRICO----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Variazione di energia potenziale elettrica: U -U

b

a

Differenza di potenziale (tensione): V

ba

=

V

b

-

V

a

=

= -qEd = qV

ba

U U

b

-

a

= -

L

ba

q q

Relazione tra potenziale elettrico e campo elettrico uniforme: V = -Ed

Elettronvolt: 1eV

=

1, 6 10

- 19

J

 

=

k

Q

=

1

Q

 

r

4

pe

0

r

kQ

 

D

r

ª

kQl

cos

a

=

kp

cos

a

r ( r

+ D

r

)

 

r

2

r

2

 

U

 

-

U

 

L

 

ba

=

V

b

-

V

a

=

b

a

= -

ba

 

q

q

 

A

0

d

 

1 QV =
2

1

CV

2

 

2

Potenziale elettrico generato da cariche puntiformi: V

Potenziale del dipolo elettrico: V =

Differenza di potenziale (tensione): V

Capacità: C = Q /V

Capacità di un condensatore: C = e

Energia immagazzinata da un condensatore: U =

[J / C = Volt]

[ r ? l ; p = momento dipolare]

[F = CV]

CORRENTE ELETTRICA-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Intensità di corrente: I

D Q

=

D t

Resistenza elettrica: R =

V

= r

L

I

A

Potenza elettrica: P

=

QV

=

V

2

=

 

t

R

IV

=

I

2

R

[A = C/s]

[ W =V / A ]

[W = J/s]

CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA-------------------------------------------------------------------------------------------

Pila non ideale: V = E - Ir

Resistenze in serie: R

= R

1

eq

1

Resistenze in parallelo:

Condensatori in serie:

R

1

eq

+ R

1

=

R

+ R

2

3

+

1

+

1

R

R

123

=

1

+

1

+

1

C C

eq

1

C

2

C

3

Condensatori in parallelo:

Leggi di Kirchhoff:

C

eq

= C

1

+ C

2

+ C

3

“La somma delle correnti entranti in un nodo è uguale alla somma delle correnti uscenti dallo stesso nodo” (regola dei nodi)

“La somma delle variazioni di potenziale lungo un percorso chiuso di un circuito è uguale a zero” (regola delle maglie)

Carica di un condensatore:

=

V

C

Q

=

e (1

-

Q

0

(1

-

e

e -

t /

t

)

)

- t / t

Scarica di un condensatore:

=

V C

=

V e

0

-

Q

=

Q

0

e -

t

/

t

t /

t

Æ

t

RC

ln(

V

0

/

V

C

)

[t = RC ]

MAGNETISMO---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Forza di un campo magnetico su una corrente: F = BIlsena

Modulo del campo magnetico: B =

Forza su cariche in moto in un campo magnetico: F = qvBsena

F

Il

[T = N/A]

[

G

=

10

- 4

T

]

campo magnetico: B = Forza su cariche in moto in un campo magnetico: F = qvBsen

Campo magnetico generato da un filo rettilineo indefinito: B =

m

0

I

2 p

2 p

r

Forza tra due conduttori paralleli percorsi da corrente: F

=

m

012 I I

2 p d

Campo magnetico all’interno di un solenoide: B = m IN / l

Legge di Ampère:

Flusso del campo magnetico uniforme attraverso una superficie:

0

Â

B Dl = m I

P

0

conc

F

l

2

B

=

B

^

A

=

BA cos a

[

Wb = T m

2 ]

N

DF

B

Legge dell’induzione di Faraday: E = -

D t Legge di Lenz: “la corrente prodotta dalla f.e.m. indotta fluisce in modo da generare un campo magnetico che si oppone alla variazione del flusso del campo originario”

Campo elettrico in funzione del campo magnetico: E

= -

NBlv

=

F

[Se B, l e v sono perpendicolari]

=

qvB

= vB

q

q

ONDE ELETTROMAGNETICHE---------------------------------------------------------------------------------------------------

Equazioni di Maxwell:

(

r

E

r

F

e

F(B) = 0

)

=

q

0

C

(

r

E

) = -

DF

(

r

B

)

D

t

C

(

B

)

=

m

0

Ê

Á

Ë

i

+

e

0

DF

(

r

E

) ˆ

˜

D

t

¯

=

m

0

(

i

+

i

s

)

(legge di Gauss)

(legge di Gauss per il magnetismo)

(legge di Faraday-Newmann)

(legge di Ampère-Maxwell)

Velocità di propagazione delle onde elettromagnetiche: v

=

c

E 1

=

= B e m 0 0
=
B
e
m
0
0

=

3 10

8

m

/

s

Relazione tra lunghezza d’onda, frequenza e velocità: c = l f

Spettro elettromagnetico:

m 0 0 = 3 10 8 m / s Relazione tra lunghezza d’onda, frequenza e

TEORIA QUANTISTICA--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Previsioni della teoria ondulatoria:

Aumentando l’intensità luminosa aumenta il numero degli elettroni espulsi e la loro energia cinetica massima

La frequenza della luce non influenza l’energia cinetica degli elettroni emessi

Previsioni della teoria corpuscolare:

Aumentando l’intensità luminosa aumenta il numero degli elettroni espulsi ma non l’energia cinetica massima

Aumentando la frequenza della luce cresce proporzionalmente l’energia cinetica massima degli elettroni

Se la frequenza è inferiore alla frequenza di taglio, non ci può essere emissione di elettroni

Interazione dei fotoni:

Effetto fotoelettrico (il fotone espelle un elettrone da un atomo e scompare totalmente nel processo)

Il fotone spinge un elettrone ad uno stato di energia più elevato dentro l’atomo (stato eccitato), scomparendo

nel processo Effetto Compton (il fotone viene diffuso da un elettrone perdendo energia nel processo, cioè diminuendo la

frequenza ma senza rallentare) Produzione di coppie (il fotone crea materia dall’energia, cioè crea un elettrone e un positrone scomparendo nel processo)

Principio di complementarietà di Bohr: “per comprendere un certo esperimento bisogna servirsi a volte del modello ondulatorio e a volte di quello corpuscolare”

MECCANICA QUANTISTICA DEGLI ATOMI----------------------------------------------------------------------------------

Funzione d’onda Y : in un certo punto dello spazio e in un certo istante rappresenta la probabilità di trovare l’elettrone

in quel punto e in quell’istante. Se invece si trattano gli elettroni come onde, Y rappresenta l’ampiezza dell’onda

2

Principio di indeterminazione di Heisemberg: “non è possibile misurare contemporaneamente la posizione e la quantità

di moto di un oggetto con precisione assoluta, quanto più accuratamente si cerca di determinare la posizione, tanto più

grande sarà l’indeterminazione della quantità di moto”

Principio di esclusione di Pauli: “in un atomo non possono esistere due elettroni che occupano lo stesso stato quantico”

FISICA NUCLEARE E RADIOATTIVITÁ----------------------------------------------------------------------------------------

Decadimentoa :

Emissione di un nucleo di elio (

Il nucleo decade diminuendo A di 4 e Z di 2

4

2

He ) da parte di un nucleo instabile con z > 82

A

Z

N

Æ

A - 4 Z - 2

N

'

+

2

4

He

Il nucleo figlio è diverso dal nucleo padre (trasmutazione) Avviene perché la forza nucleare forte non è in grado di tenere insieme nuclei molto grandi

Decadimento b - :

Trasmutazione di elementi con nuclei instabili per eccesso di neutroni con emissione di un elettrone Il nucleo decade aumentando Z di 1 e diminuendo N di 1, ma non varia A

A

Z

N

Æ

A Z + 1

N

'

+

e

-

+

n

L’elettrone emesso non è orbitale ma viene creato all’interno del nucleo: uno dei neutroni si trasforma in protone emettendo un elettrone

Decadimento b + :

Trasmutazione di elementi con nuclei instabili per difetto di neutroni con emissione di un positrone Il nucleo decade diminuendo Z di 1 e aumentando N di 1, ma non varia A

A

Z

N

Æ

A Z - 1

N

'

+

e

+

+

n

Uno dei protoni si trasforma in neutrone con emissione di un positrone

Cattura elettronica:

Avviene quando un nucleo (instabile per difetto di neutroni) assorbe uno dei suoi elettroni orbitanti Il nucleo decade diminuendo Z di 1 e aumentando N di 1, ma non varia A

A

Z

N

+

-

e

Æ

A Z - 1

N

'

+ n

Uno dei protoni si trasforma in un neutrone con assorbimento di un elettrone orbitale

Z N + - e Æ A Z - 1 N ' + n Uno dei

Non si ha emissione di radiazioni, ma l’atomo resta in stato eccitato

Decadimento g :

Emissione di un fotone da parte di un nucleo in stato eccitato (diseccitazione) Non si hanno trasmutazioni di elementi in conseguenza di un decadimento g

A

Z

N

*

Æ

A

Z

N +g

Nucleo in stato eccitato dopo cattura elettronica, urto violento con un’altra particella o in genere precedente decadimento radioattivo La differenza con i raggi X è che questi producono fotoni da interazioni elettrone-atomo, mentre si parla di raggi g se il fotone viene prodotto da un processo nucleare

Legge del decadimento radioattivo: N

DN

D t

=

ln 2

=

T

1/ 2

N

Ê DN ˆ

˜

Attività:

l N

= Á

Ë

t

ln 2

D

¯

0

Tempo di dimezzamento: T

1/ 2

=

l

Vita media: t

=

T 1/ 2

1

=

l

ln 2

e

=

N e

0

- l t

-l

t

=

N e

0

-

t /

t

ENERGIA NUCLEARE, IMPIEGHI DELLE RADIAZIONI------------------------------------------------------------------

Radiazioni ionizzanti: capaci di ionizzare gli atomi, energia superiore a 13,6 elettronvolt

Direttamente ionizzanti: particelle cariche che producono ionizzazione per collisione

Indirettamente ionizzanti: fotoni e neutroni che interagiscono con la materia mettendo in moto particelle direttamente ionizzanti

Legge dell’assorbimento: I

= I

e -m x
0

Misura delle radiazioni:

Becquerel (Bq): 1Bq = 1 decadimento / s

Curie (Ci): 1Ci =

3.7 10

10

decadimenti / s

Dosimetria:

Rontgen (R): quantità di radiazione X o g capace di cedere

Rad: quantità di radiazione che cede un’energia di 0.02 J a ogni kg della sostanza che assorbe Gray (Gy): 1Gy = 1J / kg = 100rad

Efficacia biologica relativa (EBR) o fattore di qualità (FQ): numero di raggi X o g che produce gli stessi danni biologici di un rad derivante da un dato tipo di radiazione Dose efficace:

0.878 10

-

2

J di energia per kg di aria

o

Dose (in rad) x FQ

(unità di misura = rem)

o

Dose (in Gy) x FQ

(unità di misura = Sievert)

kg di aria o Dose (in rad) x FQ (unità di misura = rem) o Dose