Sei sulla pagina 1di 3

Maria, STABAT

Adorazione eucaristica
Parrocchia Santa Maria Cattolica
MAIDA

GUIDA Tutta la vita di Maria è stata un indicarci Lui, l’unico Bene, l’Amato, il Cercato.
Come nel Sabato Santo, tu ci chiedi di tenere viva la fiammella della Speranza e della Fede.
E stasera con te, in silenzio, vogliamo adorare e ringraziare Gesù Eucarestia dono grande per tutti i popoli e
Luce del Mondo.
Mentre viene portato Gesù Eucarestia si intona un CANTO di adorazione (CORO)

Silenzio 5 minuti

LETTORE 1 Se nel Sabato santo il presente sembra oscillare su passato e futuro, è perché la protagonista assoluta,
sia pur silenziosa, di questa giornata è Maria. Dopo la sepoltura di Gesù, a custodire la fede sulla terra non è
rimasta che lei. Il vento del Gòlgota ha spento tutte le lampade, ma ha lasciato accesa la sua lucerna. Solo la sua.
Nelle feste c’è Lui, Gesù. Nelle vigilie, al centro, c’è Lei.
Maria donna del sabato santo, discreta come la brezza d’aprile illumina questa sera con la tua presenza e portaci
con te al sepolcro.
Chissà quanto dolore, quanti pensieri in quella notte, ma tu ci hai dato un esempio di come si può essere dignitosi
e pieni di speranza, nonostante tutto.
Fa’ che il tuo STABAT possa esserci d’esempio in questi tempi di pandemia, di preoccupazioni, perché possiamo
essere uomini e donne delle beatitudini continuando a sperare in Gesù nostro amico e fratello.

CANTO

Silenzio 5 minuti

Lettore 2: Santa Maria, donna del Sabato santo, estuario dolcissimo nel quale almeno per un giorno si è
raccolta la fede di tutta la Chiesa, tu sei l’ultimo punto di contatto col cielo che ha preservato la terra dal
tragico blackout della grazia. Guidaci per mano alle soglie della luce, di cui la Pasqua è la sorgente suprema.
Stabilizza nel nostro spirito la dolcezza fugace delle memorie, perché nei frammenti del passato possiamo
ritrovare la parte migliore di noi stessi. E ridestaci nel cuore, attraverso i segnali del futuro, una intensa
nostalgia di rinnovamento, che si traduca in fiducioso impegno a camminare nella storia. Santa Maria, donna
del Sabato santo, aiutaci a capire che, in fondo, tutta la vita, sospesa com’ è tra le brume del venerdì e le
attese della domenica di Risurrezione, si rassomiglia tanto a quel giorno. È il giorno della speranza, in cui si fa
il bucato dei lini intrisi di lacrime e di sangue, e li si asciuga al sole di primavera perché diventino tovaglie di
altare.

CANTO

Silenzio 5 minuti

Mentre si porta un omaggio floreale a Maria si esegue un CANTO

Dal Vangelo di Giovanni 19,25-42


25 Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala.

26 Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco il

tuo figlio!». 27 Poi disse al discepolo: «Ecco la tua madre!». E da quel momento il discepolo la prese nella sua
casa. 28 Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era stata ormai compiuta, disse per adempiere la Scrittura:
«Ho sete». 29 Vi era lì un vaso pieno d'aceto; posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna
e gliela accostarono alla bocca. 30 E dopo aver ricevuto l'aceto, Gesù disse: «Tutto è compiuto!». E, chinato il
capo, spirò. 31 Era il giorno della Preparazione e i Giudei, perché i corpi non rimanessero in croce durante il
sabato (era infatti un giorno solenne quel sabato), chiesero a Pilato che fossero loro spezzate le gambe e
fossero portati via. 32 Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe al primo e poi all'altro che era stato
crocifisso insieme con lui. 33 Venuti però da Gesù e vedendo che era gia morto, non gli spezzarono le gambe,
34 ma uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua.

35 Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera e egli sa che dice il vero, perché anche voi

crediate. 36 Questo infatti avvenne perché si adempisse la Scrittura: Non gli sarà spezzato alcun osso. 37 E un
altro passo della Scrittura dice ancora: Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto .
38 Dopo questi fatti, Giuseppe d'Arimatèa, che era discepolo di Gesù, ma di nascosto per timore dei Giudei,

chiese a Pilato di prendere il corpo di Gesù. Pilato lo concesse. Allora egli andò e prese il corpo di Gesù. 39 Vi
andò anche Nicodèmo, quello che in precedenza era andato da lui di notte, e portò una mistura di mirra e di
aloe di circa cento libbre. 40 Essi presero allora il corpo di Gesù, e lo avvolsero in bende insieme con oli
aromatici, com'è usanza seppellire per i Giudei. 41 Ora, nel luogo dove era stato crocifisso, vi era un giardino e
nel giardino un sepolcro nuovo, nel quale nessuno era stato ancora deposto. 42 Là dunque deposero Gesù, a
motivo della Preparazione dei Giudei, poiché quel sepolcro era vicino.

RIFLESSIONE DEL PRESIDENTE

SILENZIO 5 MINUTI

CANONE DI TAIZè

— Preghiamo per la santa Chiesa, perché sull'esempio di Maria accolga con amore la Parola e la proclami al
mondo Rit.

— Preghiamo per tutti coloro che soffrono nel corpo e nello spirito, perché la Vergine Maria volga su di essi i
suoi occhi misericordiosi e li sollevi nelle loro angustie Rit.

— Preghiamo per quanti si affidano a Maria, segno di sicura speranza e di consolazione, perché trovino in lei
conforto e rifugio nelle necessità Rit.

— Preghiamo per noi qui presenti, perché partecipando con fede e amore a questa adorazione eucaristica
diventiamo come Maria portatori di Cristo al mondo Rit.

Lettore 5: Dalla Lettera Enciclica Redemptoris Missio di Giovanni Paolo II


Come gli apostoli dopo l'ascensione di Cristo, la chiesa deve radunarsi nel Cenacolo «con Maria, la Madre di
Gesù», (At 1,14) per implorare lo Spirito e ottenere forza e coraggio per adempiere il mandato missionario.
Anche noi, ben più degli apostoli, abbiamo bisogno di essere trasformati e guidati dallo Spirito…tuttora la chiesa
è invitata a vivere più profondamente il mistero di Cristo, collaborando con gratitudine all'opera della salvezza.
Ciò essa fa con Maria e come Maria, sua madre e modello: è lei, Maria, il modello di quell'amore materno dal
quale devono essere animati tutti quelli che, nella missione apostolica della chiesa, cooperano alla rigenerazione
degli uomini. Perciò, «confortata dalla presenza di Cristo, la chiesa cammina nel tempo verso la consumazione
dei secoli e si muove incontro al Signore che viene; ma in questo cammino... procede ricalcando l'itinerario
compiuto dalla Vergine Maria». Alla «mediazione di Maria, tutta orientata verso il Cristo e protesa alla
rivelazione della sua potenza salvifica», affido la chiesa e, in particolare, coloro che si impegnano per l'attuazione
del mandato missionario nel mondo di oggi.

SILENZIO

CANTO
Prima della benedizione si canta il Tantum Ergo
Tantum ergo Sacramentum
Veneremur cernui:
Et antiquum documentum
Novo cedat ritui:
Praestet fides supplementum
Sensuum defectui.
Genitori, Genitoque
Laus et jubilatio,
Salus, honor, virtus quoque
Sit et benedictio:
Procedenti ab utroque
Compar sit laudatio.
Amen.

Dio sia benedetto


Benedetto il Suo Santo Nome
Benedetto Gesù Cristo vero Dio e vero uomo
Benedetto il nome di Gesù
Benedetto il Suo Sacratissimo Cuore
Benedetto il Suo preziosissimo Sangue
Benedetto Gesù nel Santissimo Sacramento dell'altare
Benedetto lo Spirito Santo Paraclito
Benedetta la gran Madre di Dio Maria Santissima
Benedetta la Sua Santa e Immacolata Concezione
Benedetta la Sua gloriosa Assunzione
Benedetto il nome di Maria Vergine e Madre
Benedetto San Giuseppe Suo castissimo sposo
Benedetto Dio nei Suoi angeli e nei Suoi santi
Benedizione eucaristica

CANTO FINALE

Potrebbero piacerti anche