Sei sulla pagina 1di 110

D O C U M E N TA Z I O N E

T E C N I C A

MANUALE ISTRUZIONI

014AZ008A

PRESSA IDRAULICA

PH 3020

TECHNICAL DOCUMENTATION
DOCUMENTATION TECHNIQUE
TECHNISCHE DOKUMENTATION
DOCUMENTACION TECNICA
DOCUMENTAÇAO TÉCNICA

IANO
ITAL
014AZ008A
INDICE

0-2
014AZ008A
INDICE
MANUALE ISTRUZIONI

PRESSA IDRAULICA

PH 3020

COSTRUTTORE

SACMI IMOLA
Via Selice Provinciale, 17/A
40026 IMOLA (Bologna) - ITALIA

DATA PUBBLICAZIONE

20.10.2003 - 20.05.2004

VERSIONI

PH3020B

0-3
014AZ008A
INDICE

0-4
014AZ008A
INDICE
Pagina
1 INFORMAZIONI GENERALI ......................................................................................................................1 - 1
1.1 INTRODUZIONE ........................................................................................................................ 1 - 1
1.2 CONSERVAZIONE DEL MANUALE .......................................................................................... 1 - 1
1.3 CRITERI DI RICERCA E CONSULTAZIONE DELLE INFORMAZIONI ..................................... 1 - 1
1.4 DESTINATARI DEL MANUALE ................................................................................................. 1 - 1
1.5 GARANZIE .................................................................................................................................. 1 - 2
1.6 ALLEGATI .................................................................................................................................. 1 - 2
1.7 LEGENDA DEI SEGNALI DI SICUREZZA PRESENTI SULLA MACCHINA
E/O SUL MANUALE ISTRUZIONI ............................................................................................. 1 - 2
1.8 TARGA PER L'IDENTIFICAZIONE DELLA MACCHINA .......................................................... 1 - 4

2 CARATTERISTICHE .................................................................................................................................. 2 - 1
2.1 DESCRIZIONE DELLA MACCHINA .......................................................................................... 2 - 1
2.1.1 DISPOSITIVI PRINCIPALI ......................................................................................................... 2 - 1
2.1.2 USI PREVISTI, NON PREVISTI, SCORRETTI ..........................................................................2 - 5
2.2 DIMENSIONI ...............................................................................................................................2 - 6
2.3 CARATTERISTICHE TECNICHE ...............................................................................................2 - 7
2.3.1 DATI TECNICI ............................................................................................................................. 2 - 7
2.3.2 EMISSIONI SONORE ................................................................................................................ 2 - 9
2.3.3 ASPIRAZIONE POLVERI ......................................................................................................... 2 - 10
2.3.4 TARGA DATI TECNICI ............................................................................................................ 2 - 11
2.4 SCHEMI .................................................................................................................................... 2 - 12
2.4.1 SCHEMA OLEODINAMICO/PNEUMATICO ............................................................................ 2 - 12
2.5 DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO ................................................................................ 2 - 19
2.5.1 CIRCUITO ARIA COMPRESSA .............................................................................................. 2 - 19
2.5.2 RISCALDAMENTO RAPIDO ................................................................................................... 2 - 19
2.5.3 CIRCUITO SCAMBIATORE DI CALORE ................................................................................ 2 - 19
2.5.4 CIRCUITO TRAFILAMENTI ..................................................................................................... 2 - 20
2.5.5 POMPA PRINCIPALE ACCESA - BRACCI DI SICUREZZA INSERITI (POSIZIONE ALTA) 2 - 20
2.5.6 TRASDUTTORI DI POSIZIONE - DATI IMPOSTABILI ........................................................... 2 - 21
2.5.7 BRACCI DI SICUREZZA DISINSERITI (POSIZIONE BASSA) .............................................. 2 - 22
2.5.8 RIPOSIZIONAMENTO ENCODER .......................................................................................... 2 - 22
2.5.9 CIRCUITO DI COMANDO STAMPO ....................................................................................... 2 - 22

0-5
014AZ008A
INDICE
Pagina
3 SICUREZZE ...............................................................................................................................................3 - 1
3.1 DISPOSITIVI DI SICUREZZA .................................................................................................... 3 - 1
3.1.1 NORME GENERALI ....................................................................................................................3 - 1
3.1.2 DISPOSITIVI DI SICUREZZA MONTATI SULLA MACCHINA ...................................................3 - 1
3.2 NORME PER LA MOVIMENTAZIONE ...................................................................................... 3 - 3
3.2.1 SOLLEVAMENTO ...................................................................................................................... 3 - 3
3.2.2 TRASLAZIONE ...........................................................................................................................3 - 3
3.2.3 POSA DEL CARICO .................................................................................................................. 3 - 3
3.3 INSTALLAZIONE ........................................................................................................................3 - 4
3.3.1 NORME GENERALI ....................................................................................................................3 - 4
3.4 PROFILI PROFESSIONALI DEGLI UTILIZZATORI ...................................................................3 - 5
3.4.1 L'AZIENDA UTILIZZATRICE ...................................................................................................... 3 - 5
3.4.2 L'OPERATORE ...........................................................................................................................3 - 5
3.4.3 IL MANUTENTORE .................................................................................................................... 3 - 5
3.5 NORME PER L'UTILIZZO .......................................................................................................... 3 - 6
3.5.1 NORME GENERALI ....................................................................................................................3 - 6
3.5.2 FUNZIONAMENTO AUTOMATICO ........................................................................................... 3 - 6
3.5.3 FUNZIONAMENTO MANUALE ................................................................................................. 3 - 6
3.5.4 FUNZIONAMENTO IN SET-UP ................................................................................................. 3 - 6
3.5.5 MODALITA' DI INSTALLAZIONE PREVISTA ............................................................................ 3 - 7
3.5.6 PULIZIA ...................................................................................................................................... 3 - 8
3.6 MANUTENZIONE ........................................................................................................................3 - 9
3.6.1 NORME GENERALI ....................................................................................................................3 - 9
3.6.2 NOTE PER LA MANUTENZIONE ............................................................................................ 3 - 11
3.7 CESSATO UTILIZZO ............................................................................................................... 3 - 12
3.7.1 NORME GENERALI ................................................................................................................. 3 - 12
3.7.2 NOTE PER IL CESSATO UTILIZZO ........................................................................................ 3 - 12
3.8 SMANTELLAMENTO ............................................................................................................... 3 - 13

4 INSTALLAZIONE ...................................................................................................................................... 4 - 1
4.1 SOLLEVAMENTO E POSIZIONAMENTO ................................................................................. 4 - 1
4.2 COLLEGAMENTI E ALLACCIAMENTI ...................................................................................... 4 - 1
4.2.1 COLLEGAMENTO A TERRA ......................................................................................................4 - 2
4.2.2 SMONTAGGIO E MONTAGGIO DELLO STAMPO SULLA PRESSA ...................................... 4 - 3
4.2.3 COLLEGAMENTI RISCALDAMENTO STAMPI ...................................................................... 4 - 11
4.2.5 COLLEGAMENTI ASPIRAZIONE POLVERI ........................................................................... 4 - 12
4.2.4 COLLEGAMENTI FISSAGGIO MAGNETICO ......................................................................... 4 - 12

0-6
014AZ008A
INDICE
Pagina
5 AVVIAMENTO ........................................................................................................................................... 5 - 1
5.1 GENERALITÀ ............................................................................................................................. 5 - 1
5.2 VERIFICHE PRELIMINARI ........................................................................................................ 5 - 1
5.2.1 VERIFICHE COLLEGAMENTI ....................................................................................................5 - 1
5.2.2 MOTORE M3 ...............................................................................................................................5 - 1
5.2.3 MOTORE M11 ............................................................................................................................. 5 - 1
5.2.4 MOTORE M1 ...............................................................................................................................5 - 1
5.2.5 TARATURA DELLA PRESSIONE ............................................................................................. 5 - 2
5.2.6 PUNTO MORTO SUPERIORE .................................................................................................. 5 - 2
5.2.7 DISPOSITIVI SICUREZZA ......................................................................................................... 5 - 2
5.2.8 PRESSIONE SERVIZI ............................................................................................................... 5 - 2
5.2.9 CARRELLO ................................................................................................................................ 5 - 2
5.2.10 COMANDO ESTRATTORE (SOLO SPE) .................................................................................. 5 - 2
5.3 REGOLAZIONI ........................................................................................................................... 5 - 3
5.3.1 REGOLAZIONE ESTRATTORE .................................................................................................5 - 3
5.3.2 REGOLAZIONE PRELIMINARE DELL’IMPIANTO OLEODINAMICO ...................................... 5 - 3
5.3.3 REGOLAZIONE VELOCITÀ CARRELLO .................................................................................. 5 - 4
5.3.4 REGOLAZIONE FRENATURA TRAVERSA MOBILE ............................................................... 5 - 5
5.3.5 IMPOSTAZIONE ERRORE PARALLELISMO TRAVERSA ........................................................5 - 5
5.3.6 IMPOSTAZIONE QUOTA MOVIMENTO TRAVERSA ...............................................................5 - 5
5.3.7 REGOLAZIONE PRESSATURA .................................................................................................5 - 5
5.3.8 REGOLAZIONE DISAERAZIONE ............................................................................................. 5 - 6
5.3.9 REGOLAZIONE SICUREZZA PROTEZIONE STAMPI PER MANCANZA POLVERE .............. 5 - 6
5.3.10 REGOLAZIONE CICLO IN FUNZIONAMENTO AUTOMATICO ............................................... 5 - 6
5.3.11 INSERZIONE CONTROLLO VELOCITÀ CARRELLO IMPOSTATA ........................................ 5 - 6

0-7
014AZ008A
INDICE
Pagina
6 USO DELLA MACCHINA ......................................................................................................................... 6 - 1
6.1 ORGANI DI COMANDO ............................................................................................................. 6 - 1
6.1.1 AUTOMATISMO ......................................................................................................................... 6 - 2
6.1.2 CABINA ELETTRICA ................................................................................................................. 6 - 8
6.2 AVVIAMENTO E ARRESTO ...................................................................................................... 6 - 9
6.2.1 AVVIAMENTO QUOTIDIANO .................................................................................................... 6 - 9
6.2.2 ARRESTO MACCHINA ...............................................................................................................6 - 9
6.2.3 ARRESTO DI EMERGENZA ......................................................................................................6 - 9
6.2.4 ARRESTO IN MANCANZA DI TENSIONE .................................................................................6 - 9
6.2.5 ARRESTO DURANTE IL FUNZIONAMENTO AUTOMATICO ...................................................6 - 9
6.3 DIAGRAMMI PER UTILIZZI DELLA PRESSA ......................................................................... 6 - 10
6.4 CICLO FUNZIONAMENTO AUTOMATICO ............................................................................. 6 - 11
6.4.1 PARTENZA CARRELLO .......................................................................................................... 6 - 12
6.4.2 ALIMENTAZIONE POLVERE .................................................................................................. 6 - 12
6.4.3 AZIONAMENTO CARRELLO ................................................................................................... 6 - 12
6.4.4 CADUTE STAMPI .................................................................................................................... 6 - 12
6.4.5 DISCESA RAPIDA ................................................................................................................... 6 - 13
6.4.6 DISCESA FRENATA ................................................................................................................ 6 - 13
6.4.7 RITARDO PRIMA PRESSATA ................................................................................................ 6 - 13
6.4.8 PRIMA PRESSATA .................................................................................................................. 6 - 14
6.4.9 PRIMA PRESSATA SENZA MOLTIPLICATORE
(CON ACCUMULATORI O SENZA ACCUMULATORI) .......................................................... 6 - 14
6.4.10 PRIMA PRESSATA SEPARATA ............................................................................................. 6 - 14
6.4.11 DISAERAZIONE ....................................................................................................................... 6 - 15
6.4.12 SECONDA PRESSATA (ULTIMA PRESSATA) ...................................................................... 6 - 15
6.4.13 SECONDA PRESSATA DIRETTA ........................................................................................... 6 - 15
6.4.14 PRESSATA CON MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE .......................................................... 6 - 15
6.4.15 SECONDA PRESSATA SEPARATA ....................................................................................... 6 - 16
6.4.16 SALITA STAMPO ..................................................................................................................... 6 - 16
6.4.17 RECUPERO PRESSIONE CILINDRO..................................................................................... 6 - 16
6.4.18 SALITA FRENATA ................................................................................................................... 6 - 16
6.4.19 SALITA RAPIDA ....................................................................................................................... 6 - 17
6.4.20 ESTRAZIONE .......................................................................................................................... 6 - 17
6.4.21 CICLO SFS: STAMPO A FORMATURA SUPERIORE (OPZIONALE) .................................. 6 - 17
6.4.22 MATRICE MOBILE ................................................................................................................... 6 - 17
6.4.23 EXTRACORSA MATRICE ....................................................................................................... 6 - 17
6.4.24 FUNZIONAMENTO DELLA SPAZZOLA.................................................................................. 6 - 18
6.4.25 MOVIMENTI MANUALI ............................................................................................................ 6 - 18
6.4.26 MOVIMENTI IN SET-UP .......................................................................................................... 6 - 18
6.4.27 AZZERAMENTO ENCODER ................................................................................................... 6 - 19

0-8
014AZ008A
INDICE
Pagina
7 REGOLAZIONI ........................................................................................................................................... 7 - 1
7.1 REGOLAZIONE POMPA A PORTATA VARIABILE ...................................................................7 - 1
7.2.2 ENCODER ESTRATTORE ........................................................................................................ 7 - 6
7.2 TARATURA ED AZZERAMENTO ENCODER DI POSIZIONE ................................................. 7 - 6
7.2.1 TRASDUTTORI TRAVERSA ......................................................................................................7 - 6

8 MANUTENZIONE ...................................................................................................................................... 8 - 1
8.1 OPERAZIONI PERIODICHE ...................................................................................................... 8 - 1
8.1.1 LUBRIFICAZIONE TASTATORI ESTRATTORE ........................................................................8 - 4
8.1.2 DEPRESSIONE ......................................................................................................................... 8 - 5
8.2 OPERAZIONI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA ............................................................ 8 - 6
8.2.1 MANUTENZIONE BOCCOLE TRAVERSA ............................................................................... 8 - 6
8.2.2 RIEMPIMENTO SERBATOIO .................................................................................................... 8 - 6
8.2.3 SCARICO OLIO CENTRALINA E SERBATOIO ........................................................................ 8 - 6
8.2.4 SCARICO OLIO TUBAZIONI E PIASTRE IDRAULICHE .......................................................... 8 - 8
8.2.5 RICIRCOLO E FILTRAGGIO ......................................................................................................8 - 9
8.2.6 SOSTITUZIONE VALVOLE PROPORZIONALI DELL'ESTRATTORE YV22a E YV22b ........ 8 - 10
8.2.7 CONTROLLO PRECARICA ACCUMULATORI ....................................................................... 8 - 11
8.3 VALORI DI TARATURA DELLA BULLONERIA ....................................................................... 8 - 12
8.4 MANUTENZIONE SCAMBIATORE DI CALORE ..................................................................... 8 - 13
8.4.1 SOSTITUZIONE DELLA GUARNIZIONE ................................................................................ 8 - 13
8.4.2 SERRAGGIO DEI TIRANTI ..................................................................................................... 8 - 14

9 SMANTELLAMENTO ................................................................................................................................ 9 - 1

0-9
014AZ008A
INDICE

0 - 10
014AZ008A
INFORMAZIONI GENERALI 1

1 INFORMAZIONI GENERALI

1.1 INTRODUZIONE

ATTENZIONE!
E0004P

Prima di effettuare qualsiasi operazione sulla macchina e/o sugli imballaggi delle varie parti occorre leggere
attentamente tutto il manuale istruzioni.
Il manuale istruzioni contiene informazioni importanti per la sicurezza sia delle persone addette all'uso ed alla
manutenzione ordinaria della macchina sia della macchina stessa.
La SACMI si riserva di apportare eventuali modifiche tecniche sul presente manuale e sulla macchina senza obbligo
di preavviso.
Proprietà riservata; riproduzione vietata. La SACMI tutela i propri diritti sui disegni e sulla documentazione tecnica a
termine di legge.
Richieste di ulteriori copie di questo manuale vanno indirizzate al servizio di Assistenza Clienti della SACMI.

1.2 CONSERVAZIONE DEL MANUALE

ATTENZIONE!
E0004P

Il manuale è parte integrante della macchina e deve sempre accompagnarla, anche in caso di vendita.
Il manuale deve sempre essere conservato in vicinanza della macchina, in luogo facilmente accessibile. L'operatore
ed il manutentore devono poterlo reperire e consultare rapidamente in qualsiasi momento.

1.3 CRITERI DI RICERCA E CONSULTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

Le informazioni e le istruzioni sono raccolte e organizzate per capitoli e per paragrafi e sono facilmente rintracciabili
consultando l'indice.
Le informazioni precedute da un segnale di avvertimento, divieto o obbligo devono essere oggetto di attenta lettura.
Le note fondamentali per la salute e la sicurezza degli operatori sono contenute all'interno di un riquadro, evidenziate
con segnali di avvertimento, divieto e/o obbligo e carattere corsivo come illustrato di seguito.

ATTENZIONE!
E0004P

Si raccomanda in particolare una lettura attenta e ripetuta del capitolo 3 - SICUREZZE che contiene importanti
informazioni e avvisi relativi alla sicurezza.

1.4 DESTINATARI DEL MANUALE

Ai fini del manuale istruzioni le persone addette alla macchina si distinguono in:
- Operatore/Conduttore: è il responsabile della sorveglianza e dell'uso e conduzione della macchina.
- Operatori addetti alla manutenzione ordinaria della macchina.
Per la definizione esatta di tali operatori, vedere al capitolo 3 - SICUREZZE il paragrafo relativo ai PROFILI
PROFESSIONALI DEGLI UTILIZZATORI.

1-1
014AZ008A
1 INFORMAZIONI GENERALI
1.5 GARANZIE

La SACMI si ritiene responsabile della macchina nella sua configurazione originale.


Qualsiasi intervento che alteri la configurazione o il ciclo di funzionamento della macchina deve essere eseguito od
autorizzato dall'Ufficio Tecnico della SACMI.
La SACMI non si ritiene responsabile delle conseguenze derivate dall'utilizzo di ricambi non originali.

E0004P
ATTENZIONE!

Tutte le operazioni di assistenza in garanzia, manutenzione straordinaria e riparazione non sono competenza nè
dell'operatore nè dei manutentori, ma sono riservate ai tecnici specialisti del Costruttore della macchina. Pertanto dette
operazioni non vengono descritte nel presente manuale.

1.6 ALLEGATI

Informazioni relative ai componenti elettrici ed elettronici della macchina sono contenute in tre fascicoli forniti
separatamente e nominati:
- USO DEL SISTEMA DI CONTROLLO A MICROPROCESSORE (Manuale istruzioni tipo B)
- SCHEDE ELETTRONICHE
- ELENCO DEI DISPOSITIVI

Questi fascicoli completano il presente manuale.

1.7 LEGENDA DEI SEGNALI DI SICUREZZA PRESENTI SULLA MACCHINA E/O SUL
MANUALE ISTRUZIONI

SEGNALI DI AVVERTIMENTO

Pericolo generico
E0004P

Pericolo di ustione per superfici calde


E0002P

Pericolo di schiacciamento mani


E0003P

Pericolo di folgorazione
E0007P

1-2
014AZ008A
INFORMAZIONI GENERALI 1

Pericolo di impigliamento per organi in movimento


E0010P

Pericolo di esplosione.
E0035P

SEGNALI DI DIVIETO

O2

Non utilizzare ossigeno per la ricarica degli accumulatori.


E0034D

SEGNALI DI PRESCRIZIONE

Obbligo di indossare guanti di protezione


E0005O

Obbligo di collegare il punto segnalato con presa a terra


E0006O

SEGNALI COMPLEMENTARI

È seguito da un elenco di attrezzature necessarie allo svolgimento di operazioni di manutenzione


E0009C

1-3
014AZ008A
1 INFORMAZIONI GENERALI
1.8 TARGA PER L'IDENTIFICAZIONE DELLA MACCHINA

C2212

E0004P
ATTENZIONE!
Le macchine descritte nel presente manuale istruzioni possiedono i requisiti essenziali di sicurezza richiesti dalla
direttiva 98/37/CE esclusivamente nella configurazione standard prevista dalla SACMI e costituita da:
- pressa idraulica PH
- carrello parte fissa CAL
- carrello parte mobile CAF
- dispositivo alimentazione polveri ALM
- dispositivo raccolta piastrelle
nell'installazione descritta al paragrafo 3.5 NORME PER L'UTILIZZO del presente manuale istruzioni.

L'installazione di dispositivi diversi da quelli sopra descritti o secondo modalità diverse da quanto indicato al
paragrafo 3.5 NORME PER L'UTILIZZO del presente manuale istruzioni (se non specificatamente approvato dalla
SACMI) comportano la perdita dei requisiti essenziali di sicurezza.

1-4
014AZ008A
CARATTERISTICHE 2

2 CARATTERISTICHE
2.1 DESCRIZIONE DELLA MACCHINA

La pressa è una macchina completamente automatica che esegue la compattazione di polvere ceramica nel ciclo di
produzione delle piastrelle da pavimento e da rivestimento o altri manufatti similari; tale compattazione può essere
meccanica o isostatica a seconda del tipo di stampo montato. Inoltre la macchina può essere utilizzata anche per la
compattazione di piastrelle costituite da strati di polvere ceramica con caratteristiche diverse (doppio strato).
La caratteristica di questa macchina è l'utilizzo di energia oleodinamica: dal caricamento dello stampo all'azione di
pressatura, dalla estrazione del materiale pressato alla espulsione del medesimo.
Gli elementi fondamentali che compongono la macchina sono:
(per riferimenti vedere figura 2.1.1)

2.1.1 DISPOSITIVI PRINCIPALI

STRUTTURA DELLA MACCHINA


Costituita da una struttura portante 1 di cui fanno parte un bancale con quattro colonne e una traversa fissa 3 che reca
al proprio interno un cilindro oleodinamico, entro cui scorre un pistone 4 a doppio effetto collegato a una traversa mobile
2 in modo da divenire il suo organo propulsore.
La parte superiore della traversa fissa è predisposta per contenere l'olio idraulico di funzionamento.
La traversa mobile 2 scorre sulle colonne a mezzo boccole in bronzo antiusura ed è azionata dal pistone oleodinamico
principale.

IMPIANTO OLEODINAMICO
All'interno della parte superiore della traversa fissa è montato un gruppo moltiplicatore 7, che genera la pressione
direttamente dentro il cilindro per realizzare le pressate programmate.

Una serie di piastre montate sul corpo macchina in prossimità dei punti di utilizzazione contengono le valvole per il
comando ed il controllo delle pressioni di lavoro e gli elementi logici per il comando ed il controllo degli organi della
pressa.

Esse sono:
- La piastra elementi logici 20 atta a programmare e controllare la pressione necessaria per l'esecuzione del ciclo di
pressatura.
- La piastra accumulatori 21 atta a comandare e controllare i movimenti (salita e discesa) della macchina; comprende
inoltre un gruppo di frenatura avente il compito di controllare la velocità della traversa mobile nella fase di chiusura
dello stampo.
- La piastra comando servizi 22 atta a comandare il carrello ed eventuali dispositivi opzionali come stampi a formatura
superiore ecc...
- Le piastre comando estrattore 23 atte a comandare l'estrazione delle piastrelle.

La centralina oleodinamica 27 ha la funzione di generare la portata di olio necessaria per realizzare i movimenti degli
attuatori, di controllare la temperatura dell'olio e di filtrarlo.
L'olio viene prelevato dal contenitore olio da una pompa a pistoni assiali a portata variabile e immesso nel circuito
oleodinamico alla pressione e portata richieste.
Il circuito idraulico è pressurizzato in modo da impedire l'ingresso del pulviscolo ceramico altamente abrasivo.
Lo scambiatore di calore olio/acqua, installato nella centralina oleodinamica, mantiene la temperatura dell'olio dentro
i valori normali di funzionamento. Tale circuito è dotato del gruppo motopompa raffreddamento 28 per la circolazione
dell'olio dentro allo scambiatore di calore.
Il gruppo cablaggio oleodinamico 18 comprende tutti i pezzi e i tubi rigidi e flessibili di collegamento fra i vari organi.
Il gruppo raccolta trafilamenti 19 è un apparato che serve per raccogliere i trafilamenti a pressione ambiente e ricircolari
dentro il serbatoio pressurizzato utilizzando la pompa trafilamenti montata sulla centralina oleodinamica.

2-1
014AZ008A
2 CARATTERISTICHE
CARRELLO CARICAMENTO POLVERI
Un carrello alimentatore svolge la funzione di caricamento della polvere nello stampo e espulsione delle piastrelle
pressate. Si compone sostanzialmente di una struttura di supporto asportabile dalla pressa per consentire una rapida
sostituzione dello stampo dalla parte posteriore della stessa pressa. Durante questa fase la velocità degli organi in
movimento della macchina risulta essere inferiore al limite posto dalla normativa vigente pari a 16 mm/sec onde evitare
situazioni pericolose per l'operatore.
La struttura sostiene e guida una parte mobile composta dal corpo del carrello e da una tramoggia porta polvere, posta
sopra la parte mobile, che può essere alimentata direttamente dalla tramoggia principale o attraverso un dispositivo
omogeneizzatore.
Il motore elettrico installato sul supporto trasmette il moto alla parte mobile per mezzo di apposite cinghie dentate.
La corsa della parte mobile, la sua velocità e il punto di arresto del motore sono regolabili.
Tutti i dispositivi che collegano il carrello alla pressa sono dotati di sistemi di attacco rapido (elettrici, idraulici,
pneumatici e meccanici).

ESTRATTORE OLEODINAMICO UNIVERSALE/ELETTRONICO


È costituito da tre piastre riferite mediante spine: quelle esterne incorporano il sistema di estrazione delle piastrelle,
la centrale ha la funzione di sostegno. Il sistema 8 ha la fondamentale funzione di estrarre il materiale pressato
dall'interno dello stampo portando le piastrelle al livello della matrice stampo; le stesse verranno poi espulse dal
carrello.
La parte mobile dello stampo è collegata, tramite due dispositivi di aggancio rapido, agli steli dei quattro pistoni.
I pistoni sono accoppiati idraulicamente in serie mediante un canale intermedio, ciascuna coppia è azionata da una
valvola proporzionale.
Due trasduttori di posizione rilevano continuamente la posizione della parte mobile dello stampo. Una scheda di
controllo assi pilotata dal microprocessore regola in tempo reale il moto della parte mobile elaborando i segnali degli
encoder e pilotando le valvole. In tal modo si controlla la velocità di salita e discesa stampo ed il fine corsa superiore.
I quattro pistoni vengono utilizzati anche per eseguire l'extra corsa stampo, operazione da eseguire per la pulizia dei
punzoni inferiori e per agevolare la loro sostituzione. In seguito i punzoni inferiori vengono richiamati in basso ricreando
la cavità necessaria a ricevere nuovamente il materiale da pressare.
Lo spessore del soffice è determinato in modo automatico dopo aver impostato lo spessore desiderato della piastrella
pressata.
I quattro pistoni di estrazione sono in grado di sollevare lo stampo e di centrarlo rispetto alla pressa per agevolarne
il montaggio e lo smontaggio; tale operazione è resa possibile collocando dei distanziali calibrati tra blocchetto mobile
stampo e matrice fissa stampo in modo tale da rendere lo stampo un corpo rigido.
Infine l’estrattore è fornito di un circuito di trafilamento autonomo per raccogliere l’olio di eventuali trafilamenti dei
pistoni principali.

CIRCUITO PER TRAVASO E FILTRAGGIO ARIA STAMPO


L'aria che durante il funzionamento dell'estrattore entra ed esce dalla parte inferiore dello stampo viene travasata
attraverso un apposito contenitore filtrante 5.

PROTEZIONI E CAPPE DI ASPIRAZIONE


Un gruppo denominato ferma meccanica 15 impedisce la discesa accidentale della traversa mobile durante le fasi di
pulizia manuale dello stampo o di manutenzione. Una serie di carter 29 protegge gli organi mobili.
Cappe di aspirazione 16 captano le polveri dalla zona di pressatura.

2-2
014AZ008A
CARATTERISTICHE 2
AUTOMATISMO A MICROPROCESSORE
L’automatismo a microprocessore 31 è un’apparecchiatura per mezzo della quale viene programmato l’intero ciclo di
lavoro che dovrà eseguire automaticamente la pressa.
L'automatismo si compone delle seguenti parti:
- una tastiera di comando e regolazione;
- un terminale per visualizzare i parametri impostati, i dati di esercizio, i messaggi di allarme;
- una serie di schede elettroniche.
Collegato all'automatismo abbiamo:
- il gruppo controllo posizione traversa 33 costituito da uno o due encoder che registrano la posizione della traversa
mobile;
- il cablaggio elettrico 30 che comprende, sul principio di quello idraulico, tutte le apparecchiature elettriche ed
elettromeccaniche localizzate sulla pressa come: microcontatti, sensori di prossimità con relative camme, cavi
elettrici di collegamento, morsetti, ecc.
- personal computer che permette in tempo reale l' elaborazione e la visualizzazione sotto forma grafica dei dati relativi
dall' automatismo a microprocessore (opzionale).

CABINA ELETTRICA
La cabina elettrica 32 comprende le apparecchiature elettriche necessarie per l’avviamento e l’arresto di tutti i motori
della pressa: i trasformatori per le resistenze di riscaldamento degli stampi, i teleruttori, i relè termici, i fusibili, ecc.

STAMPO
Lo stampo formatore 34, così chiamato perché serve a dare forma alla polvere pressata, è costituito da due parti ben
distinte.
La parte inferiore fissata al bancale della pressa si compone delle matrice, sostenuta da una serie di supporti e dei
punzoni formatori inferiori collegati all’estrattore idraulico.
La parte superiore fissata alla traversa mobile, si compone di una piastra, portante i punzoni superiori.
I punzoni inferiori e superiori e la matrice vengono riscaldati tramite resistenze elettriche allo scopo di impedire alla
polvere di aderirvi.
Tre termosonde rilevano costantemente la temperatura dei punzoni e della matrice, permettendo il controllo e la
regolazione tramite tre distinte apparecchiature.

2-3
014AZ008A
2 CARATTERISTICHE

Figura 2.1.1 - VISTA GENERALE PRESSA


7

32
1 Struttura portante
2 Traversa mobile 20
3 Traversa fissa e cilindro
5 18
oleodinamico
4 Pistone oleodinamico
5 Filtraggio aria stampo 27 19
7 Moltiplicatore
28
8 Estrattore oleodinamico
elettronico SPE
9 Supporto carrello (CAL)
10 Parte mobile carrello (CAF)
11 Tramoggia (ALM)

15
2 C2212

35

29 30 22

31
36
11
9 10

15 Ferma meccanica,
protezioni
3 16 Cappe aspirazione
21 18 Cablaggio oleodinamico
19 Raccolta trafilamenti
20 Piastra elementi logici
21 Piastre accumulatori
33 22 Piastra servizi
23 Piastre comando estrattore
16 27 Centralina oleodinamica
28 Motopompa raffreddamento
4 34 29 Protezioni
30 Cablaggio elettrico
31 Automatismo microprocessore
32 Cabina elettrica
33 Controllo posizione traversa
C2583
34 Stampo
35 Tastiera di comando
36 Cabina interfaccia operatore (opzionale)

1 23

2-4
014AZ008A
CARATTERISTICHE 2
2.1.2 USI PREVISTI, NON PREVISTI, SCORRETTI

USI PREVISTI
La macchina è progettata per svolgere la funzione di compattazione di polveri ceramiche in una linea per la produzione
di piastrelle.
I dispositivi di arresto di emergenza installati hanno la priorità su qualunque comando di avviamento per cui se la
pressa è comandata a distanza può essere sempre fermata da bordo macchina. Inoltre è sempre prevista la lettura
di un segnale di arresto esterno inviato dalle macchine ed apparecchiature poste a monte ed a valle della zona di
pressatura. Il successivo riavviamento deve essere comandato dalla pulsantiera installata a bordo macchina, ma non
è esecutivo in assenza del consenso delle macchine collegate.

ATTENZIONE!
E0004P

Se la macchina prevede il comando a distanza l'utilizzatore deve provvedere alla corretta formazione degli
operatori.

La macchina può funzionare esclusivamente secondo due modalità: manuale ed automatico, selezionabili mediante
un selettore posto sui pannelli di comando.

USI NON PREVISTI E NON CONSENTITI


Nessun altro uso è previsto se non espressamente autorizzato dal Costruttore. Pertanto il Costruttore è esonerato da
qualsiasi responsabilità derivante dalla non osservanza di queste prescrizioni.

USI SCORRETTI O IMPROPRI


Il costruttore non è responsabile di conseguenze derivanti da un uso scorretto o improprio della macchina.
I casi più frequenti di tale uso sono normalmente dovuti a:
- preparazione inadeguata del personale addetto;
- stanchezza (soprattutto nei turni di notte) o distrazione;
- trascuratezza dovuta a superficialità o abitudini errate.
È indispensabile affidare la sorveglianza e l'uso della macchina a personale esperto, bene addestrato ed in grado di:
- usare correttamente la macchina in condizioni normali di funzionamento
- e (molto importante!) fronteggiare le eventuali emergenze.

2-5
2

2.2
1700

2-6
1721,5 ø 1500
1620
= =

200

2000
ø 120
DIMENSIONI

Figura 2.2 - DIMENSIONI


014AZ008A

6500
5890

4951
6000 (min. 5000)
4000

180
CARATTERISTICHE

2250

125

800
-85

1900
1570
1445
1185+15

700
Min. 2055 Max. 2185

750
990
240
2640 1180
1925 = = 2940
= =
4865 625 825
1805 1695 1200 1000

3250 2200
1675 1575
1200 1200 2170
2085 1885
2000 1250

600
1570

310
1300

5000
2170
2170

3800
145 910 145

250
590
500 500
1200

1790

1310

1200

1150
1150

200
250
500
2170

400

1000
Min. 1500
Max. 3500
1800 600
2140 800
2514,5
510

1925
Min. 1825 Max. 3825 680 C2576
014AZ008A
CARATTERISTICHE 2
2.3 CARATTERISTICHE TECNICHE

2.3.1 DATI TECNICI

PRESTAZIONI PH 3020
Riempimento massimo argilla soffice con SPE mm 74
Corsa massima della traversa mm 180
Diametro colonne mm 390
Luce libera tra le colonne mm 2250
Luce fra bancale e traversa mobile mm 800
Forza massima dell'estrattore kN 150
Forza massima di pressata kN 30000
Pressione massima cilindro bar 382
Cicli al minuto fino a 20
Battute per ciclo 1-2-3

IMPIANTO ELETTRICO PH 3020


Tensione: nei circuiti ausiliari V c.a. 110
riscaldamento stampi V c.a. 50
funzionamento elettrovalvole rettificati V 24
Potenza: motore principale (50 Hz) kW 90
motore pompa scambiatore (50 Hz) kW 7,5
riscaldamento stampi: (punzoni standard) (50 Hz) kW 20 + 20
matrice (50 Hz) kW 10
automatismo (50 Hz) kW 1
pompa raccolta trafilamenti (50 Hz) kW 0,18
fissaggio magnetico kW 2,5
ventilatore cabina insonorizzazione kW 0,25
Enea cooling (opt) kW 7
scambiatore Sacmi (opt) kW 9
comando carrello lineare kW 7
comando doppio caricamento kW 2,5
ausiliari kW 2,5

2-7
014AZ008A
2 CARATTERISTICHE
IMPIANTO OLEODINAMICO PH 3020
Olio idraulico: capacità impianto l 1100
classe di pulizia in ingresso alla pressa rispettare ISO 4406:1999 19/17/13
caratteristiche vedi " scheda lubrificazione macchine per l' industria ceramica " 200.02.A01
Pressione massima lavoro centralina bar 230
Accumulatori circuito principale: capacità l 24,5+24,5+24,5
pressione precarica bar 130
circuito servizi: capacità l 20
circuito valvola pilota capacità l 1
Filtro principale potere filtrante µ 12
Cartuccia serbatoio: potere filtrante µ 250
Cartuccia filtro a piastre: potere filtrante µ 6
Raffreddamento: potenza termica da smaltire kW 64
Kcal/h 55000
acqua consumo a 20° l/1' 45
attacco tubi acqua diametro 1"1/2
tubi in gomma collegamento diametro interno mm 40
pressione massima bar 4
Pressurizzazione: pressione massima (a traversa alta) bar 1,5

MASSE
Massa corpo pressa kg 83000
centralina oleodinamica kg 890
accessori (automatismo, cabina, carrello, ecc.) kg 3000

ATTENZIONE!
E0004P

Tutte le specifiche riguardanti le caratteristiche dell' olio da utilizzare nell' impianto oleodinamico si trovano nel
manuale istruzioni 200.02.A01 " SCHEDA LUBRIFICAZIONE MACCHINE PER L' INDUSTRIA CERAMICA ".

2-8
014AZ008A
CARATTERISTICHE 2
2.3.2 EMISSIONI SONORE

Condizioni di prova
- Condizioni operative (riferimento norma ISO/DIS 11202 punto 9.5):
- Prova su simulatore; pressatura su elemento in legno.
- Presenza di cabina insonorizzante.
- Tipo di lavorazione:
Pressatura materiale ceramico.
- Ciclo operativo:
Caricamento stampo, una o più pressate con sfogo aria, pressatura di formatura definitiva del prodotto.
- Condizioni di prova:

PH 3020
Cicli/minuto 14
Pressione centralina (bar) 230

Pressione di lavoro (bar) 300

- Ambiente di prova:
Reparto collaudo presse SACMI Imola.

Strumentazione utilizzata
Strumentazione adeguata di classe 1 (IEC 804)

Livello di pressione sonora (ISO/DIS 11202)


Livello di potenza sonora (ISO 3746)
Valori rilevati:

PH 3020

LpA P1 74
(dBA) P2 78,5

LwA 96
(dBA)

L pA Livello di pressione sonora emesso, corretto, pesato A, mediato nel tempo.


L wA Livello di potenza sonora in dB pesato A.

P1 = postazione di lavoro saltuaria.


P2 = punto più rumoroso sul perimetro della macchina a livello pavimentazione.

Figura 2.3.2 - POSIZIONE PUNTI DI RILIEVO EMISSIONI SONORE


C2216

P2

P1

2-9
014AZ008A
2 CARATTERISTICHE
2.3.3 ASPIRAZIONE POLVERI

Durante il normale funzionamento della macchina si determina una dispersione di polvere ceramica nell’atmosfera
circostante. Per captare tali polveri la pressa è dotata di cappe d’aspirazione, che è necessario collegare ad un
impianto d’aspirazione opportunamente dimensionato. Di seguito è fornito uno schema in cui sono mostrati i punti di
utilizzo delle cappe e le portate d’aria necessarie al loro corretto funzionamento.

Denominazione presa di Sigla Numero Diametro prese Portata totale Altezza da terra
aspirazione prese (mm) q t (m3/h) (m)

Cappa anteriore S250 2 150 2560 +2,0


Cappa posteriore S260 1 150 1280 +2,0
Spazzole (1) S270 4 100 2260 +1,4
Tramoggia (19) S150 1 100 565 +6,7 (2)
Supero doppio
P003 2 100 1080 -0,1
caricamento (opt.)
Supero posteriore P004 6 80 2160 -0,1
Supero anteriore P002 1 70 416 +0,2
Supero pulizia P010 1 50 212 +0,8

(1) Prese presenti sulla rulliera di ricezione piastrelle -rpr-


(2) +6,2 per piano di servizio h=5000
(19) Utilizzo non rappresentato nel disegno

C2217

P004
P004

P003
P003

N.B.: La depressione sull'impianto di


aspirazione prima della calata alla
pressa deve essere compresa
tra "130 e 150" mm di H2O
S260 (= "0.0126 e 0.0145" bar).

N.B.: Per il collegamento delle cappe


con l'impianto di aspirazione
utilizzare tubi antistatici.

S250

P002 P010
S250
S270
S270 S270
S270

2 - 10
014AZ008A
CARATTERISTICHE 2
2.3.4 TARGA DATI TECNICI

Figura 2.3.4 - TARGA DATI TECNICI

C2212

2 - 11
014AZ008A
2 CARATTERISTICHE
2.4 SCHEMI

2.4.1 SCHEMA OLEODINAMICO/PNEUMATICO

Lo schema è concepito a blocchi per evidenziarne la struttura che corrisponde a delle zone ben definite e fisicamente
separate anche sulla macchina.
Gli elementi oleodinamici e pneumatici, presenti sull'impianto, vengono elencati seguendo una numerazione che
serve sia all'identificazione sia alla codificazione della funzione.

Suddivisione in blocchi: schematizzazione.

A SERBATOIO DI PRERIEMPIMENTO
B COMANDO SARACINESCA TRAMOGGIA
C GRUPPO COMANDO PRESSATURA
D GRUPPO COMANDO SALITA-DISCESA-FRENATURA E CONTROLLO PRESSIONE
E GRUPPO COMANDO SERVIZI
F GRUPPO COMANDO ESTRATTORE
G COMANDO FERMA MECCANICA
H ESTRATTORE SPE
I CENTRALINA OLEODINAMICA
L CIRCUITO DI SOFFIAGGIO (OPZIONALE)
M COMANDO SFS (OPZIONALE)
P STAMPO A SPECCHIO (OPZIONALE)
Q COMANDO SBLOCCO MATRICE (OPZIONALE)
R COMANDO PNEUMATICO SPAZZOLA MOBILE (OPZIONALE)
S IMPIANTO PNEUMATICO SPAZZOLA MOBILE (OPZIONALE)
T COMANDO IDRAULICO SPAZZOLA FISSA/MOBILE (OPZIONALE)
V COMANDO TERZA CADUTA STAMPO (OPZIONALE)

2 - 12
Figura 2.4.1/A - SCHEMA OLEODINAMICO/PNEUMATICO
YV290
75 271 73 72

74
71

A C B L T 264
272
ASPIRAZIONE POMPA 125
DELLO SCAMBIATORE 126 275 273 265 266
117 116 131 YV173
ARIA - OLIO 120 118
119 277 267

SP2 194
YV221
220
YV38 YV70 YV19 YV40 YV41 223 222
224
36 YV192
219
BP1 SQ61 SQ60

YV32m D 18a 18b 18


G
382 R
124 89 YV39
195 195
383
384 269 269
174 109 108 115 385
123
247 M15 132 92
M
90 270 270
YV313 269 269
122 YV107 YV31d YV31s YV47 YV32d YV32s YV53
153
BQ3

YV171a YV171i
184 184 S
258
7 60

59

179 179
069

388 388 144 SQ50a BT4


145 12 154
250 249 67 10
I
H 180a1 141 YV99 M3 M
386 386 180b1 386 386 84 82
142 YV172 YV193 YV11r 112 105
85
180b2 338 H2O
180a2 112a 54 SL4
143 337 86 SL3 YV279
H2O
YV304b YV304a BP6 183 188 48
140 339 SP1
BP7 111 M11
YV298
YV22b YV22b 196 198 4 M
336
S
U
166 49 78
YV22a 153 79
SP5 58
SP3
YV25 13

YV22s F 252 M M1
MANDATA POMPA
DELLO SCAMBIATORE
ARIA - OLIO
CARATTERISTICHE

P Q M E
C2190
2
014AZ008A

2 - 13
014AZ008A
2 CARATTERISTICHE

Figura 2.4.1/B - PIASTRA ELEMENTI LOGICI

YV70 220

YV38

BP1
SP2

YV19

YV40

YV41

120

119
118

117
116
C1827

131

Figura 2.4.1/C - PIASTRA DI FRENATURA


18a 18
89
YV39
18b

YV32m

YV107

YV31d
247
132 YV31s
108
115 M15
92

C2582 174
YV53 YV47

90
153 YV325s

YV32d 258 109

2 - 14
014AZ008A
CARATTERISTICHE 2

Figura 2.4.1/D - PIASTRA COMANDO SERVIZI


141

YV172
YV193
337
YV129 SP5

250
12
339

249
336
188

140 252

112a
10
C2581

153 YV11r 143 183 338 251 142

Figura 2.4.1/E - PIASTRE COMANDO ESTRATTORE - SPE (VISTA POSTERIORE)

198

YV22a

166

196
BP7
BP6

YV304a

C2125 YV304b

YV22b YV25 YV22s

2 - 15
014AZ008A
2 CARATTERISTICHE

Figura 2.4.1/F - ESTRATTORE PROPORZIONALE (VISTA ANTERIORE) - SPE

180a2
180a1

180b2

C1816

180b1

2 - 16
014AZ008A
CARATTERISTICHE 2
COMPONENTI SCHEMA OLEODINAMICO/PNEUMATICO (SMU - SPE)

004 Ritegno accumulatore piastra servizi 154 Rubinetto di servizio su impianto aspirazione
007 Ritegno scarico piastra accumulatori con sbloccaggio 166 Valvola riduttrice canale intermedio tra pistoni 180a1 e
manuale 180a2
010 Valvola pilota bassa pressione 174 Elemento logico frenatura
012 Accumulatore servizi (comando sollevamento e carrello) 179 Pistone extracorsa matrice
013 Manometro pressione pompa con rubinetto 180a1 Pistone estrattore
018 Accumulatore pressata e salita 180a2 Pistone estrattore
018a Accumulatore pressata e salita 180b1 Pistone estrattore
018b Accumulatore pressata e salita 180b2 Pistone estrattore
036 Manometro pressione cilindro con rubinetto 183 Ritegno sblocco idraulico matrice
048 Scambiatore di calore 184 Pistone SFS
049 Filtro aspirazione pompa principale 188 Riduttrice di pressione circuito dei servizi
054 Ritegno pompa recupero trafilamenti 194 Riduttrice di pressione movimento spazzola
058 Pompa principale 195 Motore idraulico spazzola
059 Valvola riduttrice per comando rotazione spazzola 196 Manometro pressione canale intermedio tra pistoni
060 Strozzatore compensato per comando rotazione spazzola estrattore
067 Manometro pressione servizi con rubinetto 198 Manometro pressione camera ritorno SPE 2 + 2 pistoni
069 Ritegno a sblocco idraulico salita matrice 219 Ritegno accumulatore pilotaggi
071 Valvola sicurezza pressurizzazione 220 Accumulatore pilotaggi piastra elementi logici
072 Filtro aria circuito pressurizzazione 222 Regolatore flusso pistone serrande con silenziatore
073 Riduttore aria circuito pressurizzazione 223 Regolatore flusso pistone serrande con silenziatore
074 Ritegno aria circuito pressurizzazione 224 Pistone serranda
075 Manometro aria circuito pressurizzazione 247 Ritegno discesa pistone
078 Pompa di filtraggio 249 Strozzatore mandata SFS
079 Filtro 250 Strozzatore accumulatore SFS
082 Ritegno mandata filtraggio 252 Filtro protezione proporzionale 10 µm
084 Giunto (pompa raccolta trafilamenti) 258 Valvola di scambio
085 Pompa raccolta trafilamenti 264 Filtro aria gruppo spazzola
086 Filtro aspirazione pompa raccolta trafilamenti 265 Manometro gruppo spazzola
089 Dosatore disaerazione 266 Riduttore gruppo spazzola
090 Regolatore di flusso salita lenta 267 Oliatore gruppo spazzola
092 Elemento logico alimentazione moltiplicatore 2° pressata 269 Regolatore di flusso pistone movimento spazzola
105 Serbatoio trafilamenti 270 Pistone movimento spazzola
108 Elemento logico salita 271 Filtro di coalescenza per pressurizzazione
109 Elemento logico discesa 272 Filtro aria gruppo tramoggino
111 Valvola di massima pressione 273 Riduttore gruppo tramoggino
112 Valvola pilota pressione di linea 275 Manometro gruppo tramoggino
112a Valvola max di sicurezza circuito 277 Oliatore gruppo tramoggino
115 Elemento logico esclusione accumulatori in 336 Valvola riduttrice di pressione
pressatura 337 Accumulatore circuito SFS
116 Elemento logico moltiplicatore portata 1° pressata 338 Manometro circuito SFS
117 Elemento logico pressione cilindro 339 Rubinetto scarico circuito SFS
118 Elemento logico scarico cilindro 382 Filtro aria attuatori ferma pneumatica
119 Elemento logico scarico moltiplicatore 383 Riduttore gruppo attuatori ferma pneumatica
120 Elemento logico moltiplicatore di pressione 384 Manometro gruppo attuatori ferma pneumatica
122 Traversa mobile 385 Oliatore gruppo ferma pneumatica
123 Stelo 386 Strozzatore regolazione velocità pistoni ferma
124 Pistone pneumatica
125 Gruppo moltiplicatore 388 Attuatori pneumatici ferma meccanica
126 Serbatoio di preriempimento BP1 Trasduttore pressione cilindro
132 Regolatore di flusso per frenatura traversa BP6 Trasduttore di pressione salita SPE
134 Valvola massima pressione sicurezza traversa BP7 Trasduttore di pressione discesa SPE
pressante BQ3 Trasduttore posizione elemento logico di frenatura
140 Valvola riduttrice di pressione stampo a specchio BQ4 Encoder pistone A estrattore proporzionale
141 Accumulatore stampo a specchio BQ5 Encoder pistone B estrattore proporzionale
142 Manometro stampo a specchio BQ6 Encoder dx traversa
143 Rubinetto di scarico stampo a specchio BQ7 Encoder sx traversa
144 Rubinetto tubo di aspirazione pompa principale BQ10 Encoder ALM
145 Strozzatore valvola non ritorno stampo a specchio BT4 Termocoppia serbatoio centralina
153 Rubinetto scarico accumulatori piastra accumulatori e M1 Motore pompa principale
franata M3 Motore pompa raccolta trafilamenti
153a Rubinetto scarico accumulatori piastra servizi M11 Motore pompa ricircolo

2 - 17
014AZ008A
2 CARATTERISTICHE
M15 Motore controllo frenatura
M20 Motore carrello lineare (opzionale)
SL3 Livello min. trafilamenti
SL4 Livello max. trafilamenti
SP1 Pressostato intasamento filtro principale
SP2 Pressostato sicurezza cilindro
SP3 Pressostato pressurizzazione aria
SP5 Pressostato intasamento filtro valvole proporzionali
estrattore
SQ3 Sensore stampi alti
SQ6 Sensore stampi bassi
SQ11a Microcontatto ferma meccanica ceppo destro
normalmente aperto
SQ11b Microcontatto ferma meccanica ceppo sinistro
normalmente aperto
SQ11c Microcontatto ferma meccanica ceppo destro
normalmente chiuso
SQ11d Microcontatto ferma meccanica ceppo sinistro
normalmente chiuso
SQ12a Microcontatto inserimento ceppi ferma meccanica lato
destro normalmente chiuso.
SQ12b Microcontatto inserimento ceppi ferma meccanica lato
sinistro normalmente chiuso.
SQ50a Micro sicurezza rubinetto aspirazione
SQ60 Sensore serranda tramoggino aperta
SQ61 Sensore serranda tramoggino chiusa
YV11r Elettrovalvola riscaldamento rapido olio
YV19 Elettrovalvola pilota 2° pressata (pressata diretta)
YV22a Elettrovalvola proporzionale comando pistoni 180a1 e
180a2
YV22b Elettrovalvola proporzionale comando pistoni 180b1 e
180b2
YV22s Elettrovalvola sicurezza
YV25 Elettrovalvola movimenti lenti stampo SE
YV31d Elettrovalvola discesa lenta
YV31s Elettrovalvola salita lenta
YV32d Elettrovalvola discesa traversa
YV32m Elettrovalvola salita moltiplicatore
YV32s Elettrovalvola salita traversa
YV38 Elettrovalvola pilota moltiplicatore pressione
YV39 Elettrovalvola disaerazione
YV40 Elettrovalvola pilota moltiplicatore portata 1° pressata
YV41 Elettrovalvola alimentazione moltiplicatore 2° pressata
YV53 Elettrovalvola esclusione accumulatori
YV70 Elettrovalvola scarico cilindro principale
YV99 Elettrovalvola messa a scarico regolatore pompa
YV104 Elettrovalvola compensazione trafilamenti
YV107 Elettrovalvola risalita automatica traversa
YV171a Elettrovalvola comando motore idraulico spazzola
YV171i Elettrovalvola comando motore idraulico spazzola
YV172 Elettrovalvola messa a scarico pistoni stampo SFS
YV173 Elettrovalvola soffiaggio stampi
YV192 Elettrovalvola comando movimento spazzola
YV193 Elettrovalvola ritorno punzoni stampo SFS
YV221 Elettrovalvola comando serranda tramoggino
polvere
YV279 Elettrovalvola acqua raffreddamento
YV290 Elettrovalvola controllo pressurizzazione
YV298 Elettrovalvola sbloccaggio matrice inferiore
YV304a Elettrovalvola ripristino pressione canale intermedio
tra pistoni 180a1 e 180a2
Elettrovalvola ripristino pressione canale intermedio
tra pistoni 180b1 e 180b2
YV313 Elettrovalvola comando attuatori ferma pneumatica

2 - 18
014AZ008A
CARATTERISTICHE 2
2.5 DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO

Nelle descrizioni seguenti i numeri e le sigle che identificano i componenti oleodinamici, pneumatici o elettrici sono
riferiti allo SCHEMA OLEODINAMICO/PNEUMATICO.

2.5.1 CIRCUITO ARIA COMPRESSA

Il gruppo è composto dal filtro 72, dal riduttore di pressione 73, dal ritegno 74, dal manometro 75, dalla valvola YV290
e dal filtro a coalescenza 271.
La funzione dell’aria compressa è quella di pressurizzare il serbatoio e di esercitare sull’olio idraulico, in esso
contenuto, una pressione costante.
Il riduttore di pressione deve essere tarato per ottenere una pressione all’interno del serbatoio 126 di 1 ÷ 1,2 bar.
La valvola di sicurezza 71 serve per il controllo di eventuali sovrapressioni che si possono creare all’interno del
serbatoio.
In prossimità del tubo di aspirazione della pompa 58 è installato il pressostato di controllo pressurizzazione SP3 che,
in caso di insufficiente pressione di aria all’interno del circuito, non permette l’avviamento della pompa principale.
In questo caso apparirà sul terminale il relativo messaggio di allarme.
Un apposito gruppo (composto dal filtro 272, dal riduttore di pressione 273, dal manometro 275, dall’oliatore 277 e
dall’elettrovalvola YV221) comanda il pistone 224 della serranda del tramoggino alimentatore (qualora sia installato
questo dispositivo opzionale).
Un altro gruppo (composto dal filtro 264, dal riduttore di pressione 266, dal manometro 265, dall'oliatore 267,
dall'elettrovalvola YV192, dal riduttore di pressione 194 e dai regolatori di flusso 269) comanda i pistoni 270 per
movimentare la spazzola mobile (qualora sia installato questo dispositivo opzionale).
Infine il gruppo di comando della ferma meccanica è composto dal filtro 382, dal riduttore di pressione 383, dal
manometro 384 e dall'oliatore 385 e dalla valvola YV313. Tale valvola comanda gli attuatori pneumatici 388, la cui
velocità può essere regolata dagli strozzatori 386.

2.5.2 RISCALDAMENTO RAPIDO

Per un buon funzionamento della pressa occorre che la temperatura dell’olio sia il più possibile costante nell’intorno di 40°C.
All’avviamento l’olio si trova a temperatura ambiente e quindi occorre procedere ad un riscaldamento almeno fino a
30°C prima di avviare la macchina in ciclo automatico. Se si desidera è possibile comunque avviare la macchina.

NOTA: Per temperature inferiori a 5°C è consigliabile l’utilizzo di un sistema di riscaldamento esterno.

Per riscaldare l'olio è sufficiente avviare la pompa con bracci di sicurezza alto. Se la temperatura è inferiore a 30°C,
si eccita la YV11r che attiva il circuito di riscaldamento olio, la pompa fa ricircolare olio ad una pressione di 150 bar
(tarata sulla valvola 10) dissipando energia elettrica che viene trasformata in calore.
L’energia dissipata nella valvola di massima 10 riscalda in breve tempo (10-15 minuti circa) l’intero volume di olio. Se
viene rilevata una temperatura olio < 2 ° C l’automatismo impedisce l’avviamento del motore principale M1.

2.5.3 CIRCUITO SCAMBIATORE DI CALORE

L'impianto si compone di un gruppo motore-pompa M11 - 78, di uno scambiatore a piastre 48 e di un filtro 79.
L'olio, contenuto nel serbatoio della centralina, viene aspirato dalla pompa 78 e mandato al filtro 79 ed allo scambiatore
di calore 48 dal quale, una volta raffreddato, torna al serbatoio. Su filtro 79 è posto il pressostato SP1 che segnala
l'intasamento del filtro stesso.
La valvola di ritegno 82 ha la funzione di impedire all'olio di tornare al filtro durante la sostituzione delle cartucce di
filtraggio.
La portata dell'acqua di raffreddamento viene controllata dalla valvola YV279.
Tramite la termocoppia BT4, posta sul serbatoio della centralina, il sistema di controllo a microprocessore rileva la
temperatura dell'olio. Quando la temperatura aumenta e raggiunge 41°C si eccita la YV279. Quando la temperatura
diminuisce e raggiunge 39°C si diseccita la YV279.
In caso di arresto del motore M11 si arresterà anche il motore principale M1 e di conseguenza anche il ciclo automatico
della pressa.
Per poter avviare il motore principale M1 è necessario avviare prima il gruppo scambiatore.

2 - 19
014AZ008A
2 CARATTERISTICHE
2.5.4 CIRCUITO TRAFILAMENTI

I trafilamenti del fluido oleodinamico, provenienti dalla guarnizione dello stelo del pistone principale 124, e
dall'estrattore, vengono raccolti nel serbatoio 105. Un controllo di livello all'interno del serbatoio 105, chiamato "primo
controllo di livello" (SL3), determina, quando è in posizione di massima, l'avviamento del gruppo motore-pompa M3-
85. L'olio aspirato dalla pompa attraverso il filtro 86 viene inviato al serbatoio della centralina idraulica. La valvola di
ritegno 54 ha la funzione di impedire all'olio di ritornare nel serbatoio 105. Lo stesso controllo di livello, nella posizione
di minimo determina l'arresto della pompa.
All'interno del serbatoio 105 il "secondo controllo di livello" (SL4), nel caso in cui l'olio non possa venire pompato nel
serbatoio della centralina oleodinamico (es. rottura del giunto tra motore e pompa, per l'intasamento del filtro di
aspirazione 86, per l'apertura del contatto del relais termico messo a protezione del motore M3, ecc.), genera un
segnale che, opportunamente elaborato dal Sistema di controllo a microprocessore, mette la pressa in condizioni di
arresto macchina.

2.5.5 POMPA PRINCIPALE ACCESA - BRACCI DI SICUREZZA INSERITI (POSIZIONE ALTA)

Attivando il quadro comando motori con l’interruttore generale, si alimenta anche il quadro del Sistema di controllo a
microprocessore.

a) Premendo il tasto 0, si avviano in sequenza:


- motore ventilatore cabina di insonorizzazione (se previsto);
- gruppo motore-pompa scambiatore di calore e filtraggio M11 - 78;

b) Premendo il tasto 0 una seconda volta (tra le operazioni a e b devono trascorrere almeno 5 secondi) si avvia:
- gruppo motore-pompa principale M1 - 58.

L’avviamento del gruppo M1 - 58 avviene con la sequenza stabilita senza carico in quanto l’elettrovalvola YV99
in questa fase regola la messa a scarico del regolatore di pressione della pompa.

Sull’aspirazione della pompa 58 è montato il filtro 49, e il pressostato di pressurizzazione SP3, che ha anche la
funzione di verificare l’intasamento del filtro 49. Infatti qualora si verificasse, si avrebbe un calo di pressione all’interno
del tubo di aspirazione della pompa, rilevato immediatamente dal pressostato SP3 il quale, cambiando il proprio stato,
invierà un segnale al Sistema di controllo a microprocessore che arresterà il gruppo motore-pompa principale.
Sul display del Sistema di controllo a microprocessore comparirà il relativo messaggio di allarme.
Sulla mandata della pompa 78 è posto il filtro 79 e il pressostato SP1 che segnala l’intasamento del filtro 79. La
pressione del circuito in questo momento è di circa 20 bar (vedi descrizione del funzionamento della pompa a portata
variabile).
L'elettrovalvola YV22s, eccitata, manda olio alle valvole YV22a e YV22b che controllano il mantenimento della
posizione dello stampo.

2 - 20
014AZ008A
CARATTERISTICHE 2
2.5.6 TRASDUTTORI DI POSIZIONE - DATI IMPOSTABILI

Gli encoders sono trasduttori di posizione digitali che rilevano la posizione della traversa, dell’estrattore e del carrello
in ogni istante. Attraverso i dati impostabili sul Sistema di controllo a microprocessore si danno delle informazioni alla
macchina che, secondo il programma, svolgerà le operazioni previste nel momento in cui le posizioni della traversa
dell’estrattore e del carrello, rilevate dai trasduttori, coincidono con i dati impostati.

Encoder 1 e 2 (posizione traversa) “BQ6” e “BQ7”.

Sul ciclo di movimento della traversa mobile sono impostabili i seguenti dati.
(Vedi Istruzioni B):
- Posizione blocco traversa per mancanza terra.
- Posizione traversa bassa (consenso inizio pressata).
- Spazio di frenatura.
- Posizione traversa alta in ciclo automatico.
- Posizione fine frenatura in salita traversa.
- Errore parallelismo traversa: tale numero in mm rappresenta la massima inclinazione della traversa pressante
durante la pressatura.

Encoder 3 (posizione carrello) “BQ2”.

Sul ciclo carrello sono impostabili i seguenti dati (vedi istruzioni B):
- Posizione carrello indietro.
- Posizione carrello avanti.
- Quota di avvicinamento.
- Velocità carrello durante la corsa di andata.
- Velocità carrello durante la corsa di ritorno.
- Velocità di avvicinamento.
- Posizione prima caduta stampo.
- Velocità carrello in manuale.

Encoder 4 e 5 (posizione estrattore) "BQ4" e "BQ5" (solo con SPE).

Sul ciclo dell'estrattore sono impostabili i seguenti dati (vedi istruzioni B):
- Posizione finecorsa alto A - B.
- Velocità in salita.
- Velocità di caduta.
- Estrazione a pacco.
- Sincronizzazione del movimento dell’estrattore con quello del carrello durante il caricamento.

Encoder 6 (posizione ALM) “BQ10” (solo con DCL).

Sul ciclo carrello sono impostabili i seguenti dati (vedi istruzioni B):
- Posizione ALM indietro.
- Posizione ALM avanti.
- Velocità ALM durante la corsa di andata.
- Velocità ALM durante la corsa di ritorno.
- Posizione ALM durante l’apertura della serranda del tramoggino.
- Posizione ALM durante la chiusura della serranda del tramoggino.

2 - 21
014AZ008A
2 CARATTERISTICHE
2.5.7 BRACCI DI SICUREZZA DISINSERITI (POSIZIONE BASSA)

Abbassando i bracci di sicurezza, vengono abilitate le valvole di pressatura e la pressa può funzionare in automatico
se è presente il dispositivo di caricamento della polvere e quello di estrazione delle piastrelle posto anteriormente alla
macchina. In tutte le fasi di funzionamento la valvola 111, con il valore di pressione tarato sulla 112a, funge da
sicurezza idraulica al circuito (i valori della pressione di lavoro e di sicurezza sono riportate al paragrafo 7 -
REGOLAZIONI).
È utile ricordare che, una volta eseguita la taratura delle pressioni di sicurezza e di massima, è buona norma bloccare
(tramite i controdadi) i perni di regolazione delle due valvole per evitare che, durante il funzionamento, le vibrazioni
facciano allentare i perni di regolazione, modificando quindi i valori impostati delle pressioni.
Il livello di pressione della valvola 112 viene definito pressione di linea.

2.5.8 RIPOSIZIONAMENTO ENCODER

Questa operazione è da eseguirsi premendo contemporaneamente i tasti 28 e 5, e da ripetersi tutte le volte che viene
tolta la tensione al Sistema di controllo a microprocessore. Per poter avviare la macchina in ciclo automatico è
necessario azzerare gli encoders. È il display del Sistema di controllo a microprocessore che indica all’operatore
quando è il momento di eseguire questa operazione col messaggio “ENCODER ... NON AZZERATO” .

2.5.9 CIRCUITO DI COMANDO STAMPO

Premendo i pulsanti 13 e 25 si ottiene l'eccitazione elettrica della elettrovalvola YV22s e della YV25 e delle valvole
proporzionali YV22a ed YV22b. L'elettrovalvola YV22s manda olio alle valvole YV22a e YV22b che a loro volta
mandano olio ai pistoni 180a1, 180a2, 180b1 e 180b2 che comandano i movimenti di salita e discesa. I pistoni di
ciascun lato sono collegati fra loro mediante un canale intermedio, che garantisce un perfetto sincronismo di
movimento. La pressione del canale intermedio viene ripristinata mediante le elettrovalvole YV304a e YV304b che
ad ogni ciclo pongono in collegamento le camere intermedie alla linea della pressione ridotta attraverso la riduttrice
166.
Per garantire una buona precisione di posizionamento dei pistoni le pressioni sui manometri 196 e 198 devono essere
conformi a quanto indicato nell'apposita targhetta, si consiglia di verificare periodicamente che ciò avvenga, in caso
contrario procedere come descritto nel paragrafo 4.2.2 - MONTAGGIO E SMONTAGGIO DELLO STAMPO SULLA
PIASTRA.
La velocità di movimento ed il sincronismo vengono comandati e controllati dalla scheda di controllo assi comandata
dal microprocessore in funzione della posizione dei pistoni che viene rilevata dai trasduttori di posizione BQ4 e BQ5.

2 - 22
014AZ008A
SICUREZZE 3

3 SICUREZZE

3.1 DISPOSITIVI DI SICUREZZA

E0004P
ATTENZIONE!

3.1.1 NORME GENERALI

La macchina è provvista di dispositivi di sicurezza elettrici e/o meccanici, atti alla protezione dei lavoratori e della
macchina stessa.
Si diffida pertanto l’utilizzatore dal rimuovere o manomettere tali dispositivi.
Alcune illustrazioni del manuale, per maggiore chiarezza delle descrizioni, rappresentano la macchina, o parti di essa,
senza protezioni o con protezioni rimosse.
È sempre vietato utilizzare la macchina senza le protezioni o con le protezioni disattivate.
Sulla macchina sono collocati dei segnali che avvertono dei rischi relativi alla zona interessata dal segnale stesso.
Intervenire di conseguenza sulla macchina adottando le precauzioni opportune.
La SACMI declina ogni responsabilità derivante da manomissioni o dal mancato utilizzo dei dispositivi di sicurezza.

3.1.2 DISPOSITIVI DI SICUREZZA MONTATI SULLA MACCHINA

Nella zona di caricamento polveri e nell’area stampo sussistono i pericoli di schiacciamento, di taglio e di
impigliamento, per impedire l’accesso a tali aree sulla macchina sono presenti le seguenti protezioni:
- protezioni fisse anteriori montate sul corpo pressa;
- bracci di sicurezza anteriori con protezione mobile;
- protezioni fisse montate sul dispositivo di caricamento della polvere.

Tutte le protezioni fisse non possono essere rimosse senza l’ausilio di attrezzi specifici ed inoltre non rimangono nella
loro posizione in assenza degli elementi di fissaggio. La protezione mobile è costituita da una protezione in rete che
viene azionata dal movimento dei bracci di sicurezza; le maglie della rete hanno dimensioni tali da impedire comunque
l’accesso alla zona pericolosa.
Quando si sollevano i bracci di sicurezza vengono azionati due microcontatti posti sulla parte anteriore della macchina
che disabilitano tutti i possibili movimenti pericolosi, inoltre si inseriscono automaticamente due arresti meccanici che
impediscono la discesa della traversa per effetto del peso proprio.
Le protezioni nella parte anteriore della macchina devono essere completate dall'installazione del dispositivo raccolta
piastrelle che dovrà essere provvisto di protezioni fisse che impediscano l’accesso all’area stampo e di microcontatti
di sicurezza (SQ53a e SQ53b) che ne segnalano la presenza in posizione di lavoro.
Analogamente nella zona posteriore sono presenti due microcontatti SQ66 e SQ66a che sono azionati dal dispositivo
di caricamento delle polveri: quando esso non è presente, ovvero quando l’area stampo è accessibile anche sul fronte
posteriore, è abilitato esclusivamente il movimento lento di discesa traversa (minore di 16 mm/s) pulsanti comandati
da azione mantenuta.
Sulla pressa sono installati due pulsanti di arresto di emergenza (tasto a fungo rosso su campo giallo), uno posto sul
pannello di comando, l’altro sulla parte posteriore del corpo pressa, tali pulsanti devono essere utilizzati ogni qualvolta
si presenti una situazione di emergenza: essi determinano l’arresto immediato della macchina, la messa a scarico
degli accumulatori di dimensione maggiore e della pompa.
Dopo l’azionamento di un pulsante di emergenza è necessario effettuare il ripristino della macchina.
Nel caso venga a mancare l'approvvigionamento di energia elettrica alla macchina gli accumulatori delle piastre
comando pressatura e servizi devono essere scaricati manualmente tramite i rubinetti 153.
Nel circuito oleodinamico è presente una valvola di massima pressione 112a tarata sul valore massimo ammissibile
nell’impianto per garantire l’efficienza della macchina e non permette al sistema di superare il valore impostato quale
sicurezza contro eventuali malfunzionamenti dell’impianto.
Infine sul serbatoio è montata una valvola di sicurezza 71 che impedisce alla pressione di pressurizzazione di superare
i 2.25 bar, la taratura di tale valvola non può essere modificata poiché la valvola è piombata.

3-1
014AZ008A
3 SICUREZZE
Normativa di riferimento

EN 292-1 Sicurezza del macchinario - Concetti fondamentali, principi generali di progettazione


Parte 1: Terminologia, metodologia di base
EN 292-2 Sicurezza del macchinario - Concetti fondamentali, principi generali di progettazione
Parte 2: Specifiche e principi tecnici
EN 294 Sicurezza del macchinario - Distanze di sicurezza per impedire il raggiungimento di zone pericolose con
gli arti superiori
EN 349 Sicurezza del macchinario - Aperture minime per evitare lo schiacciamento di parti del corpo umano
EN 418 Sicurezza del macchinario - Impianto di arresto di emergenza, aspetti funzionali - Principi per la
progettazione
EN 953 Sicurezza del macchinario - Requisiti generali per la progettazione e la costruzione di ripari (fissi, mobili)
EN 982 Sicurezza del macchinario - Requisiti di sicurezza per sistemi e componenti a energia fluida - Idraulica
EN 983 Sicurezza del macchinario - Requisiti di sicurezza per sistemi e componenti a energia fluida - Pneumatica
EN 1088 Sicurezza del macchinario - Dispositivi di interblocco con o senza bloccaggio del riparo - Principi generali
e disposizioni per la progettazione
PrEN12692 : 1999 Macchine per la ceramica
Sicurezza presse

3-2
014AZ008A
SICUREZZE 3

3.2 NORME PER LA MOVIMENTAZIONE

E0004P
ATTENZIONE!

3.2.1 SOLLEVAMENTO

Per il corretto e sicuro svolgimento delle operazioni di sollevamento e movimentazione:


- utilizzare il tipo di attrezzatura più idoneo per caratteristiche e portata,
- coprire gli spigoli vivi,
- controllare il dispositivo di sicurezza del gancio di sollevamento ,
- non spostare il carico dalla primitiva posizione durante la manovra.
Prima di procedere al sollevamento:
- far raggiungere a tutti gli addetti la posizione di sicurezza ed impedire l'accesso a persone nella zona di
movimentazione,
- accertarsi della stabilità del carico,
- controllare che non vi sia materiale che potrebbe cadere durante il sollevamento,
- manovrare verticalmente e con gradualità in modo da evitare oscillazioni e sollecitazioni anomale.

3.2.2 TRASLAZIONE

Durante la traslazione il carico deve rimanere perfettamente orizzontale indipendentemente dal tipo di attrezzatu-
ra con cui si eseguono le movimentazioni.
L’assistenza al sollevamento ed alla traslazione del carico deve essere effettuata con aste, leve, rampini a distan-
za di sicurezza: non si devono mai usare le sole mani.
L’incaricato all’operazione deve:
- avere una visione generale del percorso da seguire,
- fornire informazioni al gruista rimanendo in posizione visibile,
- interrompere la manovra in caso di situazioni pericolose (ad esempio passaggio di persone).

3.2.3 POSA DEL CARICO

Prima di effettuare la posa del carico verificare che la pavimentazione sia pianeggiante ed abbia portata sufficiente
a sostenere il carico.
Non depositare carichi in zone dove possano generare situazioni di pericolo o impediscano l'utilizzo di attrezzatu-
re e/o uscite di emergenza:
- uscite di capannoni,
- impianti antincendio,
- punti di passaggio,
- quadri di manovra,
- linee elettriche.
Il carico deve essere posato su appositi traversi onde renderlo stabile e facilitare la rimozione dell’imbracatura.
Non sovrapporre contenitori in cattive condizioni o con materiali sporgenti.
Non accatastare materiali ad una altezza che pregiudichi la stabilità.

3-3
014AZ008A
3 SICUREZZE
3.3 INSTALLAZIONE

3.3.1 NORME GENERALI

E0004P
ATTENZIONE!

Effettuare l’installazione seguendo le indicazioni del costruttore e nel rispetto delle norme e misure di sicurezza.
La macchina deve essere installata su fondazioni aventi caratteristiche fornite dalle specifiche SACMI, in particolare
tali fondazioni devono resistere sia al carico statico che al carico dinamico determinati dalla pressa durante il
funzionamento. L’utilizzatore deve provvedere a ricoprire le canaline in cui scorrono i cablaggi idraulici ed elettrici con
lamiere antiscivolo costruite secondo la normativa vigente. Qualora la macchina sia fornita di estrattore tradizionale
l’accesso alla buca in cui è posto tale estrattore deve essere coperto mediante protezioni fisse ovvero rimovibili solo
mediante l’ impiego di utensili.
Prevedere spazi sufficienti intorno alla macchina per agevolare l'uso e la manutenzione della macchina.
Le aree circostanti la macchina devono essere sempre mantenute libere da ostacoli, pulite, asciutte e ben illuminate.
L’illuminazione, in tutte le zone circostanti la macchina ed in particolare nella zona di lavoro, deve essere sempre
efficiente e con un valore della luminosità non inferiore a 300 lux.
Nell’ambiente in cui è installata la macchina devono essere previsti ed installati, a cura del cliente, un impianto
antincendio ed un sistema di protezione contro gli sbalzi di tensione nella linea di alimentazione elettrica conformi alla
legislazione vigente nel paese in cui viene installata la macchina.
Il successivo montaggio ed avviamento della macchina è a carico del costruttore o di personale da questi designato,
pertanto le istruzioni relative a tali fasi non sono contenute nel presente manuale.

ATTENZIONE!
E0007

Collegare la macchina ad un adeguato ed efficiente impianto di messa a terra.

ATTENZIONE!
E0007

L’impianto elettrico non è provvisto del dispositivo di protezione differenziale, se tale dispositivo non è stato
esplicitamente richiesto.

ATTENZIONE!
E0007

Se all’interno del quadro elettrico sono presenti convertitori elettronici, è necessario che i dispositivi di protezione
differenziale, installati sulla linea di alimentazione del quadro elettrico stesso, siano di tipo “B” in accordo con le
norme vigenti.

E0004P
ATTENZIONE!

Una errata installazione può causare danni a persone o cose per i quali la SACMI non può essere considerata
responsabile.

3-4
014AZ008A
SICUREZZE 3

3.4 PROFILI PROFESSIONALI DEGLI UTILIZZATORI

E0004P
ATTENZIONE!

3.4.1 L'AZIENDA UTILIZZATRICE

É responsabilità dell'Azienda utilizzatrice verificare che le persone addette ai vari compiti:


- abbiano i requisiti di seguito elencati,
- leggano e comprendano il manuale,
- ricevano formazione e addestramento adeguati ai loro compiti, per eseguirli in sicurezza,
- ricevano formazione specifica per l’uso corretto della macchina.

3.4.2 L'OPERATORE

L'operatore deve avere almeno:


- conoscenza della tecnologia ed esperienza specifica di conduzione della macchina
- cultura generale di base e cultura tecnica di base a livello sufficiente per leggere e capire il contenuto del manuale,
compresa la corretta interpretazione dei disegni;
- conoscenza delle norme antinfortunistiche:
- generali (igiene e sicurezza sul lavoro, prevenzione infortuni sul lavoro);
- e specifiche (per tipologia di prodotto della macchina) vigenti nel paese in cui viene installata la macchina.

Competenze dell'operatore
All’operatore è consentito il solo uso dei comandi e della strumentazione montati sul quadro di comando della
macchina.

3.4.3 IL MANUTENTORE

I manutentori devono essere scelti seguendo gli stessi criteri elencati per l'operatore.
Inoltre devono possedere le conoscenze tecniche specifiche e specialistiche (meccaniche, elettriche, oleodinamiche
e pneumatiche) necessarie per effettuare in sicurezza gli interventi di loro competenza previsti nel manuale utilizzando
idonei attrezzi o dispositivi.

Competenze dei manutentori


Al manutentore sono consentiti gli interventi di manutenzione ordinaria indicati sul manuale istruzioni limitatamente
alla sua competenza in campo meccanico, elettrico, pneumatico,eccetera.

3-5
014AZ008A
3 SICUREZZE
3.5 NORME PER L'UTILIZZO

3.5.1 NORME GENERALI

E0004P
ATTENZIONE!

La macchina è provvista di dispositivi di sicurezza elettrici e/o meccanici, atti alla protezione dei lavoratori e della
macchina stessa, affinché siano efficaci la pressa deve essere sempre utilizzata entro i limiti di esercizio del costruttore
illustrati nei capitoli seguenti. Inoltre si diffida l’utilizzatore dal rimuovere o manomettere tali dispositivi. La SACMI
Costruttrice declina ogni responsabilità derivate da manomissioni o dal mancato utilizzo. I sistemi di comando ed i
dispositivi di sicurezza installati garantiscono sicurezza dell’operatore solo se viene utilizzato un sistema di
caricamento delle polveri approvato dalla SACMI . Inoltre possono essere utilizzati solo stampi che adottino un sistema
di fissaggio dei punzoni superiori del seguente tipo: meccanico, a magneti permanenti ed elettromagnetico in
quest’ultimo caso deve essere previsto un sistema meccanico di emergenza anticaduta. Tutti i rischi indotti
dall’utensile di pressatura sono di competenza del costruttore di stampi.
La pressa può funzionare secondo tre modalità selezionabili tramite il selettore modale posto sul pannello di comando:
automatico, manuale e set-up.

3.5.2 FUNZIONAMENTO AUTOMATICO

Durante il funzionamento automatico non è richiesto alcun intervento da parte dell’operatore, le zone pericolose (area
stampo) sono rese inaccessibili mediante l’impiego di protezioni fisse e mobili in particolare si hanno:
- Protezioni fisse sul carrello di alimentazione.
- Protezioni fisse laterali in corrispondenza delle colonne comprendenti uno sportello apribile con utensile che
consente il controllo visivo del funzionamento, ma non il raggiungimento della zona pericolosa.
- Protezioni fisse sugli organi di movimentazione dell’alimentatore polveri al carrello. La regolazione della corsa di
quest’ultimo deve essere effettuata a macchina ferma.
- Bracci di sicurezza con protezione mobile: tale dispositivo, collegato elettromeccanicamente al sistema di comando
a microprocessore, quando non è operativo (posizione bracci bassi) ha la funzione di impedire l’ accesso
dell’operatore nella zona di pressatura durante le fasi di lavoro.
Il dimensionamento della distanza di sicurezza di tutte le protezioni è stata effettuata secondo le attuali Normative
tecniche vigenti in materia (EN 294).
La protezione nella parte anteriore della macchina deve venir completata dall’installazione del dispositivo di raccolta
delle piastrelle, che dovrà essere provvisto di protezioni fisse che impediscano l’accesso all’area stampo ( figura 3.5.5)
e da microcontatti di sicurezza che ne segnalano la presenza in posizione di lavoro.
Qualora i bracci vengano alzati si inseriscono due arresti meccanici che impediscono la discesa della traversa mobile
per effetto del peso proprio e in questa configurazione vengono impediti tutti i movimenti pericolosi della pressa.

3.5.3 FUNZIONAMENTO MANUALE

Se tutte le protezioni previste per il funzionamento automatico rimangono operanti sono abilitati i movimenti manuali
di carrello, estrattore e traversa.
Se rimangono alzati i bracci di sicurezza non è più possibile muovere il carrello. Rimangono abilitati i movimenti
dell'estrattore.

3.5.4 FUNZIONAMENTO IN SET-UP

Questo modalità di funzionamento deve essere utilizzata esclusivamente dai manutentori ed in ogni caso da personale
esperto, dopo adeguato periodo di formazione. La macchina in set-up può compiere solo movimenti di salita e discesa
traversa a bassa velocità (< di 16 mm/s) per permettere la sostituzione dello stampo. In questo caso può essere
spostato il carrello di caricamento posteriore o il sistema di raccolta anteriore per permettere l’accesso alla macchina.
Tuttavia non si deve compiere alcuna operazione quando la macchina è in movimento. La procedura per montare lo
stampo è descritta al capitolo 4 - INSTALLAZIONE.
La pressa è provvista di due pulsanti di blocco: uno è posto sul pannello di comando, l’altro nella parte posteriore della
macchina. L’azione di uno di tali pulsanti determina il blocco della macchina e la messa a scarico della pompa per cui
qualora si presentasse una situazione di emergenza occorre utilizzare uno dei due pulsanti.

3-6
014AZ008A
SICUREZZE 3

ATTENZIONE!
E0004P

L’operatore che mette in set-up la pressa deve conservare in tasca la chiave del selettore fino a quando non avrà
terminato l’operazione straordinaria a bordo macchina.
È quindi necessario che esista in reparto una sola copia della chiave per impedire che ad operare siano più persone
contemporaneamente. Poiché la maggior parte delle sicurezze sono escluse, l’integrità del personale e della
macchina sono affidate all’attenzione dell’operatore il quale deve essere informato di questa sua responsabilità.

3.5.5 MODALITA' DI INSTALLAZIONE PREVISTA

Il seguente schema presenta la configurazione prevista dal costruttore per un uso corretto della macchina.
Il dispositivo di estrazione e movimentazione degli oggetti pressati, non costituisce parte integrante della macchina,
ma l’assenza dello stesso pregiudica la sicurezza. Il segnale di tale sensore dovrà essere messo in serie con gli altri
micro di sicurezza presenti sulla pressa. Questo raccoglitore deve essere dotato di un braccio che si inserisce tra le
protezioni sinistre e destre della pressa ed accostato alla matrice dello stampo, con un gioco minore di 25 mm. per
parte impedendo in tal modo l'accesso dal basso alla zona pericolosa. Deve inoltre essere dotato di due microcontatti
SQ53a e SQ53b, collegati come da schema cablaggio elettrico, che rilevano la posizione del dispositivo in condizioni
di lavoro. Quando il braccio del raccoglitore piastrelle non è in posizione, quindi non in condizione di lavoro, è abilitato
solo il funzionamento della pressa in modo SET-UP. Inoltre deve essere dotato di protezione fisse che si interfaccino
con gli sportelli laterali presenti sulla pressa.

Figura 3.5.5 - NORME PER L'UTILIZZO

DISPOSITIVO
CARICAMENTO POLVERE DISPOSITIVO DI
RACCOLTA PIASTRELLE

SQ53a
SQ53b

C2219

3-7
014AZ008A
3 SICUREZZE
3.5.6 PULIZIA

Per effettuare la normale pulizia dell’area stampo si deve intervenire a macchina ferma:
- arrestare gli organi in movimento del dispositivo di raccolta piastrelle e fare arretrare il braccio mobile per poter
accedere alla zona frontale dello stampo
- portare la traversa mobile al finecorsa superiore azionando i pulsanti 25 e 3 posti sulla tastiera di comando;
- sollevare i bracci di sicurezza azionando contemporaneamente la leva posta lateralmente.

E0004P
ATTENZIONE!

Il personale addetto al pulizia dello stampo deve indossare indumenti di protezione dal calore. Per interventi di
pulizia più estesi si deve procedere con le stesse modalità previste per gli interventi di manutenzione.

3-8
014AZ008A
SICUREZZE 3

3.6 MANUTENZIONE

3.6.1 NORME GENERALI

ATTENZIONE!
E0001

È vietato compiere su organi in movimento qualsiasi operazione di controllo, riparazione e manutenzione.


Del divieto devono essere informati i lavoratori mediante avvisi chiaramente visibili.

E0004P
ATTENZIONE!

Prima di effettuare qualsiasi operazione sulla macchina occorre mettere a scarico gli accumulatori e attendere che
siano completamente scarichi.

O2

E0004P
ATTENZIONE!
E0034D

Gli accumulatori devono essere precaricati utilizzando esclusivamente azoto secco in bombole munite di riduttore.
L' impiego di compressori d' aria e/o ossigeno è assolutamente vietato.

ATTENZIONE!
E0007 E0010

Prima di effettuare qualsiasi operazione sulla macchina, comprese quelle di sostituzione di componenti del qua-
dro e/o dell'impianto elettrico, il manutentore deve sezionare l’impianto elettrico dalla rete di alimentazione,
azionando l’interruttore generale montato sul quadro di comando e bloccando lo stesso nella posizione di aperto
con dispositivo di sicurezza (lucchetto con chiave), per evitare la messa in servizio non volontaria della macchina
stessa.

ATTENZIONE!
E0007

I quadri elettrici, così come le cassette di derivazione poste a bordo macchina, contengono componenti che
possono essere in tensione.
L’accesso come previsto dalla norma EN 60204-1 è consentito solo con specifico attrezzo; tale attrezzo deve
essere in possesso del solo personale qualificato ed addestrato per accedere a componenti in tensione.
Il personale qualificato, con quadro elettrico in tensione, può eseguire solo il ripristino delle protezioni del circuito
elettrico.

ATTENZIONE!
E0007

Ovunque siano presenti connessioni “presa-spina”, sia nei quadri elettrici che nelle cassette di derivazioni presen-
ti a bordo macchina, è obbligatorio effettuare gli eventuali scollegamenti solamente con macchina ferma e dopo
aver sezionato l’impianto elettrico dalla rete di alimentazione.

3-9
014AZ008A
3 SICUREZZE

ATTENZIONE!
E0007

È necessario l’utilizzo di attrezzi specifici per effettuare collegamenti e scollegamenti di conduttori inseriti nei
terminali di tipo “a molla”.

ATTENZIONE!
E0017

Durante gli interventi sulla macchina é vietato salire o appoggiarsi sulle parti di macchina diversi da piani di
servizio o scale; parti di macchina come protezioni o strutture perimetrali non sono progettate per sostenere il
peso di una persona e potrebbero cedere causando danni a persone ed alla macchina.

E0004P
ATTENZIONE!

Per l'esecuzione di determinate operazioni di regolazione e/o manutenzione può essere necessario rimuovere o
disattivare temporaneamente dei dispositivi di sicurezza; tali dispositivi devono sempre essere ripristinati al
termine delle operazioni di regolazione e/o manutenzione prima della messa in funzione della macchina.

ATTENZIONE!
E0002 E0005

I motori elettrici, durante il funzionamento, possono raggiungere temperature in grado di provocare ustioni legge-
re.
Intervenire sui motori adottando delle adeguate precauzioni.

E0007
ATTENZIONE!
E0009

Per garantire l’efficienza della macchina e per il suo corretto e sicuro funzionamento è indispensabile attenersi
alle indicazioni della SACMI effettuando la manutenzione periodica della macchina nei modi e nei tempi previsti.
In particolare si raccomanda di controllare periodicamente il corretto funzionamento di tutti i dispositivi di sicurez-
za e l’isolamento dei cavi elettrici che dovranno essere sostituiti se danneggiati.

E0004P
ATTENZIONE!

È obbligatorio, a cura dell’utilizzatore, ripristinare le siglature (di conduttori, morsetti, dispositivi, eccetera), i
segnali monitori e le targhe che dovessero divenire illeggibili o che dovessero essere state rimosse per qualsiasi
ragione.

3 - 10
014AZ008A
SICUREZZE 3
3.6.2 NOTE PER LA MANUTENZIONE

Per garantire l’efficienza della macchina e per il suo corretto funzionamento è indispensabile attenersi alle indicazioni
della SACMI effettuando la manutenzione periodica della macchina come previsto dal capitolo 8 - MANUTENZIONE.
In particolare si raccomanda di controllare periodicamente: il corretto posizionamento e funzionamento di tutti i
dispositivi di sicurezza e degli arresti di emergenza, l’isolamento dei cavi elettrici che dovranno essere sostituiti se
danneggiati e la corretta efficienza del collegamento di messa a terra. Il personale addetto alla manutenzione è quello
definito al paragrafo PROFILI PROFESSIONALI DEGLI UTILIZZATORI del presente capitolo. Prima di effettuare
qualsiasi operazione sulla macchina si devono compiere le seguenti operazioni:
1) Portare la traversa mobile al finecorsa superiore azionando i pulsanti 25 e 3 posti sulla tastiera di comando.
2) Sollevare i bracci di sicurezza azionando contemporaneamente la leva laterale.
3) Spegnere la pompa principale premendo il tasto 4.
4) Premere il pulsante di arresto di emergenza.
5) Scollegare la macchina dalla rete di alimentazione tramite l’interruttore generale. L’interruttore generale è
predisposto per essere bloccato, con l’ausilio di un lucchetto a chiave non in fornitura, in posizione di
“alimentazione disinserita” al fine di evitare avviamenti accidentali della macchina.
6) Scaricare gli accumulatori presenti sulla pressa tramite le apposite valvole manuali: in particolare gli
accumulatori nella piastra di frenatura 18, 18a, 18b, mediante il rubinetto 153, l'accumulatore 12 situato sulla
piastra servizi tramite il rubinetto 153a.

E0004
ATTENZIONE!
Prima di effettuare qualsiasi operazione sulla pressa attendere che gli accumulatori siano completamente scarichi.

7) Se sono presenti gli accumulatori 141 e 337 devono essere scaricati mediante le valvole 143 e 339.

3 - 11
014AZ008A
3 SICUREZZE
3.7 CESSATO UTILIZZO

E0004P
ATTENZIONE!

3.7.1 NORME GENERALI

Quando si decide di non utilizzare più la macchina, si raccomanda di renderla inoperante escludendo eventuali
alimentazioni elettriche, pneumatiche, eccetera.
Inserire eventuali dispositivi di sicurezza.
Pulire accuratamente tutta la macchina, con particolare riguardo agli organi di lavoro, ed eventualmente eseguire
una lubrificazione di protezione.
Chiudere gli eventuali sportelli del quadro elettrico e della macchina per evitare eventuali danni dovuti a manomis-
sione o a deposito di polvere.

3.7.2 NOTE PER IL CESSATO UTILIZZO

Allorché si decida di non utilizzare più una macchina si raccomanda di renderla inoperante agendo come segue:
1) Portare la traversa mobile al finecorsa superiore azionando i pulsanti 25 e 3 posti sulla tastiera di comando.
2) Sollevare i bracci di sicurezza azionando contemporaneamente la leva laterale.
3) Spegnere la pompa principale premendo il tasto 4.
4) Premere il pulsante di blocco.
5) Scaricare gli accumulatori presenti sulla pressa tramite le apposite valvole manuali: in particolare gli
accumulatori nella piastra di frenatura 18, 18a, 18b, mediante il rubinetto 153, l'accumulatore 12 situato sulla
piastra servizi tramite il rubinetto 153a.
6) Se sono presenti gli accumulatori 141 e 337 devono essere scaricati mediante le valvole 143 e 339.

E0004
ATTENZIONE!

Attendere che gli accumulatori siano completamente scarichi prima di effettuare qualsiasi intervento sulla
macchina.

7) Scollegare la macchina dalla rete tramite l'interruttore generale e poi staccando il cavo di alimentazione.

3 - 12
014AZ008A
SICUREZZE 3

3.8 SMANTELLAMENTO

Se si vuole procedere allo smantellamento della pressa si devono seguire le procedure descritte al capitolo 9 -
SMANTELLAMENTO.

3 - 13
014AZ008A
3 SICUREZZE

3 - 14
014AZ008A
INSTALLAZIONE 4

4 INSTALLAZIONE Figura 4.1 - SOLLEVAMENTO


E POSIZIONAMENTO
Le operazioni di installazione e avviamento devono
essere svolte da personale autorizzato dalla SACMI.

4.1 SOLLEVAMENTO E
POSIZIONAMENTO

Il sollevamento relativo all'installazione della pressa va


eseguito utilizzando funi, attrezzature e accorgimenti se-
condo quanto indicato dalle normative.
Per il corretto posizionamento della pressa occorre fare
riferimento agli schemi di fondazione forniti preliminarmente.

E0004P
ATTENZIONE!
Seguire le Istruzioni per le operazioni di solleva-
mento riportate al capitolo 3 - SICUREZZE.
Durante la movimentazione il carico deve rimanere
perfettamente parallelo ad un piano orizzontale indi-
pendentemente dal tipo di attrezzatura con cui si ese-
guono le movimentazioni.
C2584

ATTREZZATURE:
E0009C

- Coppia di funi. PH 3020 kg 83.000


- Coppia di morsetti di sicurezza.

4.2 COLLEGAMENTI E ALLACCIAMENTI

I collegamenti ed allacciamenti agli impianti vengono eseguiti da personale specializzato su indicazioni della Ditta
Costruttrice.

E0004P
ATTENZIONE!
A causa della presenza, all’interno del quadro elettrico, di convertitori elettronici è necessario verificare che i
dispositivi di protezione differenziale, installati sulla linea di alimentazione del quadro elettrico stesso, siano di tipo
“B” in accordo con la norma CEI 64-8 art. 532.2.1.4; in tal modo si realizza una protezione sensibile ad una corrente
di guasto a terra con componente continua.

4-1
014AZ008A
4 INSTALLAZIONE
4.2.1 COLLEGAMENTO A TERRA

E0004P
ATTENZIONE!
È necessario eseguire il collegamento tra la macchina (cabina elettrica - corpo pressa - centralina - carrello) ed
il circuito di protezione esterno (circuito di terra).
Collegare pertanto al circuito di protezione esterno il punto di collegamento contrassegnato dalla sigla PE
(EN60445) posto a lato dell'interruttore generale (vedere figura 4.2/B). La sezione del cavo deve essere almeno
la metà di quella dei cavi di alimentazione della cabina.
Collegare sulla barra di terra nella parte inferiore del quadro elettrico (vedere figura 4.2/A) i punti di collegamento

presenti sulla struttura della macchina e contrassegnati con il simbolo (417-IEC-5019). La sezione dei

cavi deve essere almeno la metà di quella del cavo più grosso dei riscaldamenti.

Effettuare il collegamento tra la barra di rame in cabina elettrica e la macchina C ed il collegamento tra la traversa fissa
e quella mobile A-B. Collegare inoltre i cavi di massa D ed E come da figura SCHEMA DI COLLEGAMENTO STAMPO.
La vernice, nei punti di contatto della macchina coi cavi di messa a terra e di massa deve essere eliminata prima del
serraggio delle relative viti per garantire un efficace contatto.

E0004P
ATTENZIONE!
Il mancato collegamento a terra e/o a massa delle parti indicate può comportare serie conseguenze per la macchina
e l'operatore.

Figura 4.2/A - BARRA DI TERRA IN CABINA Figura 4.2/C - COLLEGAMENTO A TERRA


ELETTRICA

B
Figura 4.2/B - COLLEGAMENTO A TERRA

C
C2783

F
BARRA DI TERRA IN
CABINA ELETTRICA

4-2
014AZ008A
INSTALLAZIONE 4
4.2.2 SMONTAGGIO E MONTAGGIO DELLO STAMPO SULLA PRESSA

4.2.2.1 Smontaggio e montaggio stampi presse


SMONTAGGIO STAMPO
Operazioni preliminari:
Nella pagina STAMPI/SPE è impostato SOLLEVAMENTO STAMPO=0

E0004P
ATTENZIONE!
Se lo stampo è dotato di punzoni magnetici è necessario procedere alla loro smagnetizzazione prima di smontare
lo stampo stesso, in caso contrario risulterebbe difficoltosa la loro rimozione.

Per smagnetizzare i punzoni superiori ed inferiori procedere nel seguente modo.


Impostare SMAGNETIZZAZIONE INFERIORE/SUPERIORE “SI”. Premere i tasti 31 - 15 e 31 - 11.
A smagnetizzazione avvenuta si spengono i led sui tasti 15 e 11 e si cancella il “SI” di impostazione.
Le procedure consigliate per lo smontaggio dello stampo sono le seguenti:

1) Assicurarsi che lo stampo si trovi a fine corsa in basso e che la traversa mobile si trovi a fine corsa in alto.
2) Alzare i bracci di sicurezza, inserire i distanziali tra la parte superiore dello stampo ed i tamponi inferiori, nel caso
in cui lo stampo sia dotato di tamponi isostatici occorre smontarli per evitare che si danneggino. È necessario
disporre i distanziali in modo geometricamente corretto, ogni distanziale circa in corrispondenza di ciascun
pistone dell’estrattore.

E0004P
ATTENZIONE!
I distanziali devono essere ben in appoggio tra parte superiore e parte inferiore. Prestare particolare attenzione
durante il posizionamento dei distanziali stessi per non rovinare i punzoni dello stampo.

3) Memorizzare il valore di pressione letto sul manometro 196.


4) Agire sulla riduttrice 166 e portare il valore di pressione a 0 bar, controllare il valore di pressione dal manometro 196.
5) Posizionare la chiave in SET-UP.
6) Iniziare il ciclo di AGGANCIO/SGANCIO premendo i tasti 28 e 16. La macchina esegue automaticamente il ciclo.
7) Tramite l’apposita chiave, azionare i dispositivi di aggancio/sgancio stampo agenti sui pistoni sinistro (pistone
180a1) e destro (pistone 180b2) fino ad aprirli completamente verificando di compiere almeno quattro giri e mezzo
in apertura (tutto aperto).
8) Regolare la pressione della valvola riduttrice 166 ad una pressione pari al valore precedentemente memorizzato.
9) Completare il ciclo di AGGANCIO/SGANCIO premendo i tasti 28 e 16.
10) Portarsi nella pagina di STAMPO/SPE e impostare SMONTAGGIO STAMPO = 1.
11) Accertarsi che sia impostato STAMPO AGGANCIATO = NO.
12) Assicurarsi che gli encoder siano liberi ed azzerati.
13) Con carrello collegato alla pressa assicurarsi che la parte mobile non sia sopra allo stampo.
14) Esecuzione del movimento di AUTOAPPRENDIMENTO.
Il movimento si esegue premendo contemporaneamente il tasto stampo (13) e il tasto verde (28), il movimento
è automatico.
Il movimento si dichiara appreso solo se esegue una salita e una discesa senza allarmi o interruzioni e rimane
memorizzato finché rimane tensione.
15) Svitare e togliere tutte le viti di fissaggio della piastra salvabanco stampo all’estrattore.
16) Montare quattro distanziali tra blocchetto parte mobile e matrice stampo aventi altezza calibrata tale da rendere
solidale la parte mobile alla parte fissa dello stampo, posizionare i distanziali negli angoli del blocchetto, o in
posizione predisposta dal costruttore dello stampo.

4-3
014AZ008A
4 INSTALLAZIONE
17) Bloccare gli encoder stampo.
18) Portarsi nella pagina di STAMPO/SPE e impostare SMONTAGGIO STAMPO = 2.
19) Accertarsi che sia impostato STAMPO AGGANGIATO = NO.
20) Esecuzioni del movimento di salita.
Effettuare il movimento di salita per sollevare lo stampo premendo contemporaneamente il tasto stampo (13) e
il tasto freccia su (25).

E0004P
ATTENZIONE!
Durante la salita o la discesa è possibile invertire il movimento premendo prima il tasto freccia giù (30) o il tasto
freccia su (25) e poi il tasto stampo (13), dopo una breve sosta i pistoni scendono o salgono a seconda del
comando.

21) A stampo completamente sollevato inserire tra estrattore e pista salvabanco due distanziali (forniti a corredo) di
appoggio di altezza 70 mm.
22) Effettuare il movimento di discesa dei pistoni dell’estrattore per consentire allo stampo di appoggiarsi sui
distanziali e per consentire alle candele di sfilarsi dallo stampo.
Il movimento di discesa si ottiene premendo contemporaneamente il tasto stampo (13) e il tasto freccia giù (30).
23) Avvicinarsi allo stampo con idonea attrezzatura di trasferimento stampo (carrello elevatore).
24) Sollevare lo stampo prestando particolare attenzione a non danneggiare con urti le candele dei pistoni estrattori
e dei pistoni tastatori stampo.
25) Allontanare lo stampo dal bancale pressa.

MONTAGGIO STAMPO
Operazioni preliminari:
a) Portare la traversa al fine corsa alto.
b) Alzare i bracci di sicurezza.
c) Selezionare la modalità di funzionamento SET-UP.
d) Pulire accuratamente le superfici di accoppiamento dell’estrattore con lo stampo e lubrificarle con olio grafitato
o grasso grafitato.
e) Pulire accuratamente i due tastatori stampo con liquido a bassa tensione superficiale (gasolio) verificando che
il movimento sia fluido e regolare.

E0004P
ATTENZIONE!
NON utilizzare olio o grasso per pulire i due tastatori stampo.

f) Togliere lo stampo dall’imballo mediante opportuni mezzi di sollevamento e metterlo sopra due spessori in modo
tale che sia sollevato da terra di almeno 10 cm.

E0004P
ATTENZIONE!
Per qualsiasi spostamento dello stampo riferirsi sempre alle norme generali di sicurezza per la movimentazione
di carichi sospesi.
È vietato l’uso di mezzi inidonei per sollevare lo stampo quali ad esempio leve, spessori ecc.

g) Portare lo stampo nelle vicinanze della pressa utilizzando un carrello elevatore.


h) Verificare sullo stampo la buona efficienza dei dispositivi di aggancio ed aprirli completamente utilizzando
l’apposita chiave.

4-4
014AZ008A
INSTALLAZIONE 4
Le procedure consigliate per il montaggio dello stampo sono le seguenti:
1) Assicurarsi che i pistoni estrattori siano a fine corsa in basso, bloccare gli encoder che controllano la posizione
della parte mobile dello stampo in posizione bassa tramite le apposite leve di arresto.
2) Caricare lo stampo sulle forche del carrello. Sollevare leggermente lo stampo verificando che le forche stesse
siano simmetriche rispetto al baricentro.
3) Avvicinare il carrello elevatore alla pressa in modo da poter trasferire lo stampo sui quattro distanziali di appoggio
(h = 58) posti sul piano estrattore prestando particolare attenzione a non urtare le candele dei pistoni di estrazione
e dei pistoni tastatore stampo.
4) Calare lo stampo in posizione centrale sull’asse pressa verificando il corretto posizionamento dello stampo avanti-
dietro e destra-sinistra.
5) Assicurarsi della presenza sullo stampo dei quattro distanziali calibrati tra matrice e blocchetto mobile, si consiglia
di posizionarli agli angoli dello stampo, o in posizione predisposta dal costruttore dello stampo.
In caso di matrice mobile occorre collegare il tubo idraulico di sostegno matrice e dare pressione per consentire
alla matrice di portarsi nella posizione tutta alta, quindi inserire i distanziali calibrati.
6) Portarsi nella pagina di STAMPO/SPE e impostare SMONTAGGIO STAMPO = 2.
7) Accertarsi che sia impostato STAMPO AGGANGIATO = NO.
8) Esecuzione del movimento di SALITA.
Effettuare il movimento di salita per sollevare lo stampo premendo contemporaneamente il tasto stampo (13) e
il tasto freccia su (25) e verificando che durante il movimento le candele entrino correttamente nelle scatole di
aggancio stampo.

E0004P
ATTENZIONE!
Durante la salita e la discesa è possibile invertire il movimento premendo prima il tasto freccia giù (30) o il tasto
freccia su (25) e poi il tasto stampo (13), dopo una breve sosta i pistoni scendono o salgono a seconda del
comando.

9) Togliere i due distanziali di appoggio (h = 70) posti sul piano estrattore.


10) Effettuare il movimento di discesa dei pistoni dell’estrattore per consentire allo stampo di appoggiarsi sul piano
bancale e di centrarsi nelle due spine.
Il movimento di discesa si ottiene premendo contemporaneamente il tasto stampo (13) e il tasto freccia giù (30).
11) Liberare lo stampo dai quattro distanziali calibrati tra matrice e blocchetto mobile.
In caso di matrice mobile occorre collegare il tubo idraulico di sostegno matrice e dare pressione per consentire
alla matrice di portarsi nella posizione tutta alta, quindi togliere i distanziali calibrati.
12) Serrare tutte le viti di fissaggio della piastra salvabanco stampo al piano estrattore.
13) Liberare gli encoder stampo.
14) Inserire i distanziali tra la parte superiore dello stampo ed i tamponi inferiori, nel caso in cui lo stampo sia dotato
di tamponi isostatici occorre smontarli per evitare che si danneggiano. È necessario disporre i distanziali in modo
geometricamente corretto, ogni distanziale circa in corrispondenza di ciascun pistone dell'estrattore.

E0004P
ATTENZIONE!
I distanziali devono essere ben in appoggio tra parte superiore e parte inferiore. Prestare particolare attenzione
durante il posizionamento dei distanziali stessi per non rovinare i punzoni dello stampo.

15) Memorizzare il valore di pressione letto nel manometro 196.


16) Agire sulla riduttrice 166 e portare il valore di pressione a 0 bar, controllare il valore di pressione dal manometro
196.
17) Portarsi nella pagina di sollevamento stampo e impostare SMONTAGGIO STAMPO = 0
18) Iniziare il ciclo di AGGANCIO/SGANCIO premendo i tasti 28 e 16. La macchina esegue automaticamente il ciclo.

4-5
014AZ008A
4 INSTALLAZIONE
19) Terminare l’apposita chiave, azionare i dispositivi di AGGANCIO/SGANCIO stampo agenti sui pistoni sinistro
(pistone 180a1) e destro (pistone 180b2) fino a chiuderli completamente verificando di compiere almeno quattro
giri e mezzo in chiusura ed un quarto in apertura.
20) Regolare la pressione della valvola riduttrice 166 ad una pressione pari al valore precedentemente memorizzato.
21) Terminare il ciclo di AGGANCIO/SGANCIO premendo i tasti 28 e 16.
22) Portarsi nella pagina di sollevamento stampo e impostare STAMPO AGGANGIATO = SI.

E0004P
ATTENZIONE!
Impostare solo con stampo effettivamente agganciato.

23) Togliere i distanziali.


24) Impostare i dati adeguati di fine corsa alto A e B, di velocità di salita e di caduta.
25) Spegnere e riaccendere il PLC per eseguire la procedura di azzeramento encoder sul nuovo stampo.
26) Verificare la correttezza dei dati impostati eseguendo qualche movimento sullo stampo (macchina in SET-UP).

NOTA:
La macchina è in SET-UP per cui può muoversi al massimo con una velocità di 16 mm/s.

E0004P
ATTENZIONE!
Non effettuare nessuna operazione con la macchina in movimento.

27) Posizionare la chiave in MANUALE.


28) Verificare la corretta regolazione della riduttrice di pressione 166.
a) con l’olio ad una temperatura di circa 45°C e lo stampo alto si legge il valore della pressione sul manometro
198 facendo attenzione ad eseguire la lettura solo quando la ricarica dell’accumulatore è terminata;
b) si richiama lo stampo in basso e si regola la riduttrice 166 attraverso la lettura del manometro 196 sul valore
di pressione definito dalla tabella sottostante:

LETTURA SUL MANOMETRO 198 IMPOSTARE SUL MANOMETRO 196


40 BAR 40 BAR
45 BAR 44 BAR
50 BAR 47 BAR
55 BAR 51 BAR
60 BAR 55 BAR
65 BAR 59 BAR
70 BAR 62 BAR
75 BAR 66 BAR
80 BAR 70 BAR
85 BAR 74 BAR
90 BAR 77 BAR
95 BAR 81 BAR
100 BAR 85 BAR
105 BAR 89 BAR
110 BAR 92 BAR
115 BAR 96 BAR

4-6
014AZ008A
INSTALLAZIONE 4
29) Avvicinarsi con la traversa mobile allo stampo fino all’appoggio.
30) Fissare la parte superiore dello stampo alla traversa mobile.
31) Effettuare, mediante le apposite connessioni, tutti gli allacciamenti elettrici e pneumatici necessari al funziona-
mento dello stampo (vedere i paragrafi COLLEGAMENTI RISCALDAMENTO STAMPI e COLLEGAMENTI
FISSAGGIO MAGNETICO).
32) Portare lo stampo alle temperature volute rispettando i limiti stabiliti dai costruttori di stampi.
33) Effettuare il centraggio dei punzoni.
34) Fissare i punzoni con bloccaggio a magneti permanenti o elettromagnetico impostando, con chiave in SET-UP,
sul microprocessore “FISSAGGIO MAGNETICO” SI premendo i tasti 26 - 15 e 26 - 11; a magnetizzazione
avvenuta si accendono i led sui tasti 15 ed 11. Nel caso di bloccaggio elettromagnetico montare anche il fissaggio
meccanico di emergenza.
35) Allentare e riserrare le viti di fissaggio della e/o delle matrici.
36) Muovere ripetutamente i punzoni per accertarsi che si muovano liberamente.
37) Verificare che eventuali dispositivi di fissaggio magnetico siano tarati correttamente.
38) Dopo qualche minuto di funzionamento controllare nuovamente che i valori di pressione siano invariati altrimenti
ripetere la procedura indicata ai punti 28a) e 28b).

4-7
014AZ008A
4 INSTALLAZIONE
MONTAGGIO DELLO STAMPO SULLA PRESSA UTILIZZANDO IL “MOVIMENTO DI EMERGENZA”

E0004P
ATTENZIONE!
Da utilizzare esclusivamente quando non è possibile eseguire un azzeramento encoder stampo.

Questa situazione si verifica quando a stampo già smontato dalla pressa viene a mancare tensione e pertanto risulta
impossibile eseguire un azzeramento encoder stampo.

E0004P
ATTENZIONE!
Con stampo posto sulla pressa questa procedura NON deve essere utilizzata visto che è sempre possibile rifare
l’azzeramento.

Procedura di smontaggio stampo, queste le fasi preliminari:


a) Portare la traversa al fine corsa alto.
b) Alzare i bracci di sicurezza.
c) Selezionare la modalità di funzionamento SET-UP.
d) Pulire accuratamente le superfici di accoppiamento dell’estrattore con lo stampo e lubrificarle con olio grafitato
o grasso grafitato.
e) Pulire accuratamente i due tastatori stampo con liquido a bassa tensione superficiale (gasolio) verificando che
li movimento sia fluido e regolare.

E0004P
ATTENZIONE!
NON utilizzare olio o grasso.

f) Togliere lo stampo dall’imballo mediante opportuni mezzi di sollevamento e metterlo sopra due spessori in modo
tale che sia sollevato da terra di almeno 10 cm.

E0004P
ATTENZIONE!
Per qualsiasi spostamento dello stampo riferirsi sempre alle norme generali di sicurezza per la movimentazione
di carichi sospesi.
È vietato l’uso di mezzi inidonei per sollevare lo stampo quali ad esempio leve, spessori ecc.

g) Portare lo stampo nelle vicinanze della pressa utilizzando un carrello elevatore.


h) Verificare sullo stampo la buona efficienza dei dispositivi di aggancio ad aprirli completamente utilizzando
l’apposita chiave.

Le procedure consigliate per il montaggio dello stampo sono le seguenti:


1) Assicurarsi che i pistoni estrattori siano a fine corsa in basso, bloccare gli encoder che controllano la posizione
della parte mobile dello stampo in posizione bassa tramite le apposite leve di arresto.
2) Caricare lo stampo sulle forche del carrello. Sollevare leggermente lo stampo verificando che le forche stesse
siano simmetriche rispetto al baricentro.
3) Avvicinare il carrello elevatore alla pressa in modo da poter trasferire lo stampo sui quattro distanziali di appoggio
(h = 70) posti sul piano estrattore prestando particolare attenzione a non urtare le candele dei pistoni di estrazione
e dei pistoni tastatori stampo.

4-8
014AZ008A
INSTALLAZIONE 4
4) Calare lo stampo in posizione centrale sull’asse pressa verificando il corretto posizionamento dello stampo avanti-
dietro e destra-sinistra.
5) Assicurarsi della presenza sullo stampo dei quattro distanziali calibrati tra matrice e blocchetto mobile, si consiglia
di posizionarli agli angoli dello stampo, o in posizione predisposta dal costruttore delle stampo.
In caso di matrice mobile occorre collegare il tubo idraulico di sostegno matrice e dare pressione per consentire
alla matrice di portarsi nella posizione tutta alta, quindi inserire i distanziali calibrati.
6) Portarsi nella pagina di STAMPO/SPE e impostare SMONTAGGIO STAMPO = 3.
7) Accertarsi che sia impostato STAMPO AGGANGIATO = NO.

8) Esecuzione del movimento di SALITA (movimento di emergenza).


Effettuare il movimento di salita per sollevare lo stampo premendo contemporaneamente il tasto stampo (13) e
il tasto freccia su (25).

E0004P
ATTENZIONE!
Controllare che durante il movimento le candele entrino correttamente nelle scatole di aggancio stampo.

E0004P
ATTENZIONE!
Durante la salita o la discesa è possibile invertire il movimento premendo prima il tasto freccia giù (30) o il tasto
freccia su (25) e poi il tasto stampo (13), dopo una breve sosta i pistoni scendono o salgono a seconda del
comando.

9) Togliere i due distanziali di appoggio (h = 70) posti sul piano estrattore.


10) Effettuare il movimento di discesa dei pistoni dell’estrattore per consentire allo stampo di appoggiarsi sul piano
bancale e di centrarsi nelle due spine.
Il movimento di discesa si ottiene premendo contemporaneamente il tasto stampo (13) e il tasto freccia giù (30).

E0004P
ATTENZIONE!
Durante la salita o la discesa è possibile invertire il movimento premendo prima il tasto freccia giù (30) o il tasto
freccia su (25) e poi il tasto stampo (13), dopo una breve sosta i pistoni scendono o salgono a seconda del
comando.

11) Liberare lo stampo dai quattro distanziali calibrati tra matrice e blocchetto mobile.
In caso di matrice mobile occorre collegare il tubo idraulico di sostegno matrice e dare pressione per consentire
alla matrice di portarsi nella posizione tutta alta, quindi togliere i distanziali calibrati.
12) Serrare tutte le viti di fissaggio della piastra salvabanco stampa al piano estrattore.
13) Liberare gli encoder stampo.
14) Inserire i distanziali tra la parte superiore dello stampo ed i tamponi inferiori, nel caso in cui lo stampo sia dotato
di tamponi isostatici occorre smontarli per evitare che si danneggino. È necessario disporre i distanziali in modo
geometricamente corretto, ogni distanziale circa in corrispondenza di ciascun pistone dell’estrattore.

E0004P
ATTENZIONE!
I distanziali devono essere ben in appoggio tra parte superiore e parte inferiore. Prestare particolare attenzione
durante il posizionamento dei distanziali stessi per non rovinare i punzoni dello stampo.

4-9
014AZ008A
4 INSTALLAZIONE
15) Memorizzare il valore di pressione letto nel manometro 196.
16) Agire sulla riduttrice 166 e portare il valore di pressione a 0 bar, controllare il valore di pressione dal manometro
196.
17) Portarsi nella pagina di STAMPO/SPE e impostare SMONTAGGIO STAMPO = 0
18) Iniziare il ciclo di aggancio/sgancio premendo i tasti 28 e 16. La macchina esegue automaticamente il ciclo.
19) Tramite l’apposita chiave, azionare i dispositivi di aggancio/sgancio stampo agenti sui pistoni sinistro (pistone
180a1) e destro (pistone 180b2) fino a chiuderli completamente verificando di compiere almeno quattro giri e
mezzo in chiusura e un quarto in apertura.
20) Regolare la pressione della valvola riduttrice 166 ad una pressione pari al valore precedentemente memorizzato.
21) Terminare il ciclo di aggancio premendo i tasti 28 e 16.
22) Portarsi nella pagina di sollevamento stampo e impostare STAMPO AGGANGIATO = SI.

E0004P
ATTENZIONE!
Impostare solo con stampo effettivamente agganciato.

23) Togliere i distanziali.


24) Impostare i dati adeguati di fine corsa alto A e B, di velocità di salita e di caduta.
25) Spegnere e riaccendere il PLC per eseguire la procedura di azzeramento encoder sul nuovo stampo.
26) Verificare la correttezza dei dati impostati eseguendo qualche movimento con lo stampo con la macchina in
manuale oppure in SET-UP.

NOTA:
La macchina è in SET-UP per cui può muoversi al massimo con una velocità di 16 mm/s.

E0004P
ATTENZIONE!
Non effettuare nessuna operazione con la macchina in movimento.

Eseguire le nuove regolazioni sullo stampo così come già descritto in precedenza dal punto 27 al punto 38.

4 - 10
014AZ008A
INSTALLAZIONE 4
4.2.3 COLLEGAMENTI RISCALDAMENTO STAMPI

E0004P
ATTENZIONE!

Effettuare il collegamento come da figura 4.2.4 - SCHEMA DI COLLEGAMENTO STAMPO.

Se i collegamenti in oggetto non sono effettuati correttamente ne possono derivare danni alle colonne e al pistone per
cui è necessario:
- Non invertire i fili fra riscaldamento inferiore e superiore.
- Collegare i due fili del riscaldamento superiore entrambi nello stampo e non uno sullo stampo e l'altro sulla traversa
mobile.
- Non collegare a terra il secondario dei trasformatori del riscaldamento stampi.
- Verificare che il montaggio dei cavi di collegamento a massa e a terra sia eseguito correttamente.

4 - 11
014AZ008A
4 INSTALLAZIONE
4.2.4 COLLEGAMENTI FISSAGGIO MAGNETICO

- Collegare i cavi ed il connettore XJ6 come da figura 4.2.4 - SCHEMA DI COLLEGAMENTO STAMPO.

E0004P
ATTENZIONE!

Invertire uno o più fili può comportare gravi danni alla macchina.

Figura 4.2.4 - SCHEMA DI COLLEGAMENTO STAMPO

RISCALDAMENTO
510-511 / 1510-1511 Cavi punzoni superiori FISSAGGIO MAGNETICO
514-515 Cavi matrice inferiore 911-912 Cavi piastra inferiore
516-517 / 1516-1517 Cavi punzoni inferiori 921-922 Connettore XJ6 (cavi piastra superiore)
D Cavo di massa matrice-piastra porta punzoni inferiore
E Cavo di massa matrice-bancale

XJ6 922

921
510 1510
511 1511

D
514
515 E
912
516 1516
517 911
1517

C1853

4.2.5 COLLEGAMENTI ASPIRAZIONE POLVERI

Collegare le varie prese di aspirazione montate sulla pressa ad un impianto di aspirazione dimensionato come da
parametri forniti da SACMI.

4 - 12
014AZ0008A
AVVIAMENTO 5

5 AVVIAMENTO

5.1 GENERALITÀ

Dopo avere effettuato la corretta installazione della pressa, del carrello e dello stampo si ha la seguente situazione:
traversa mobile alta e bracci di sicurezza in posizione sollevata (il microcontatto SQ51 è premuto ed il microcontatto
SQ52 è libero).

5.2 VERIFICHE PRELIMINARI

Nelle descrizioni seguenti i numeri o le sigle che identificano i componenti oleodinamici pneumatici o elettrici sono
riferiti allo SCHEMA OLEODINAMICO/PNEUMATICO, i pulsanti e selettori sono localizzabili sulle figure del paragrafo
ORGANI DI COMANDO al capitolo 6 - USO DELLA MACCHINA.

5.2.1 VERIFICHE COLLEGAMENTI

VERIFICARE:
- Il corretto collegamento delle masse di riscaldamento stampo
- La corretta impostazione del fissaggio magnetico superiore ed inferiore (gli appositi led sui pulsanti 11 e 15 devono
essere accesi).
- Il corretto collegamento del corpo pressa alla massa dello stabilimento e l'integrità della treccia che collega
elettricamente la parte mobile alla parte fissa.
- Il livello olio nel contenitore superiore della pressa .
- La pressione di pressurizzazione dell’impianto oleodinamico deve essere compresa entro i valori indicati al paragrafo DATI
TECNICI.
- Il corretto collegamento dei cavi elettrici del dispositivo di controllo e regolazione spessore piastrella.
- Il corretto collegamento e punto di commutazione del microcontatti di fine corsa carrello e dei bracci di sicurezza.
- Il corretto collegamento del dispositivo di segnalazione di “filtro intasato”.
- L'efficienza del dispositivo di rilevamento “mancanza polvere” posto sul tramoggino di alimentazione carrello.
- La corretta interconnessione tra automatismo e dispositivi di raccolta del prodotto pressato posti a valle della pressa
(condizioni di avviamento e arresto).

5.2.2 MOTORE M3

Azionare il motore della pompa M3 "raccolta trafilamenti" e verificare il senso di rotazione.

5.2.3 MOTORE M11

Azionare la motopompa M11 di raffreddamento e filtraggio olio premendo il pulsante 0 posto sulla tastiera di comando
verificando la correttezza del verso di rotazione.

5.2.4 MOTORE M1

Dopo almeno tre minuti di funzionamento della pompa M11, allentare completamente la manopola della valvola di
sicurezza 111, azionare il motore principale M1 premendo il pulsante 0 posto sulla tastiera di comando e dopo circa
due secondi spegnere il motore premendo il pulsante 4, durante il breve funzionamento del motore verificarne il verso
di rotazione.
Attendere l’avvenuto arresto quindi avviare nuovamente i motori M11 ed M1 per brevi istanti ed arrestarlo; ripetere
la stessa operazione più volte e se non si rilevano anomalie mantenere il motore in funzione. Lasciare funzionare il
motore a vuoto per qualche minuto onde permettere di evacuare l’aria presente nelle tubazioni e nelle piastre quindi
mantenendo premuto il pulsante 28 della tastiera di comando, serrare progressivamente la manopola della valvola
111 per aumentare la pressione nel circuito fino a circa 100 bar e verificare che non si notino perdite di olio nelle
connessioni dei tubi flessibili.

5-1
014AZ008A
5 AVVIAMENTO
5.2.5 TARATURA DELLA PRESSIONE

PRESSIONE POMPA A PORTATA VARIABILE


Eseguire la taratura della pressione di sicurezza - pressione di lavoro seguendo le istruzioni riportate al paragrafo
REGOLAZIONE POMPA PORTATA VARIABILE al capitolo 7 - REGOLAZIONI.

5.2.6 PUNTO MORTO SUPERIORE

Portare la traversa mobile al finecorsa superiore azionando i pulsanti 3 e 25 sulla tastiera di comando.
Il pistone principale deve raggiungere il punto morto superiore mentre la pressione della centralina, il cui andamento
è visualizzato dal manometro 13, aumenterà fino ad assumere il valore preimpostato in fase di collaudo pari al valore
di pressione di lavoro (vedere capitolo 7 - REGOLAZIONI).

5.2.7 DISPOSITIVI SICUREZZA

Abbassare i bracci di sicurezza, in questo modo sono abilitati i movimenti del carrello. Prima di eseguire qualsiasi
movimento controllare l’efficienza dei pulsanti di arresto d’emergenza 24.

5.2.8 PRESSIONE SERVIZI

Impostare la pressione dei servizi a 170 bar tramite la valvola riduttrice di pressione 188 verificando il valore impostato
mediante il manometro 67.

5.2.9 CARRELLO

Verificare:
- Il corretto posizionamento e fissaggio del carrello.
- Il corretto livellamento della piastra di scorrimento rispetto al piano matrice.
- Il corretto allineamento e centraggio delle guide carrello.
- La corretta regolazione della parte mobile carrello.
- La corretta regolazione della spazzola (se presente).
- La corretta regolazione del dispositivo di alimentazione polvere (ALM).
- Il corretto collegamento degli allacciamenti elettrici.
- Il corretto posizionamento delle protezioni.

Impostare i valori di fine corsa indietro ed avanti (rappresentano la distanza in millimetri rispetto alla posizione di zero
delle guide).
Eseguire l’azzeramento dell’encoder carrello (vedere paragrafo 6.4.27).

Eseguire alcuni movimenti manuali del carrello per verificare che i valori di fine corsa indietro e o avanti del carrello
siano quelli desiderati.
Verificare la corretta regolazione del micro SQ59. Il micro SQ59 che dà il consenso alla traversa mobile di scendere
si deve schiacciare solo quando il carrello parte mobile è fuori dalla zona pericolosa.

5.2.10 COMANDO ESTRATTORE (SOLO SPE)

Bloccare gli encoder che controllano la posizione della parte mobile dello stampo in posizione bassa. Con traversa
alta e bracci di sicurezza alti selezionare la modalità di funzione in SET-UP, portarsi nella pagina di STAMPO/SPE
e impostare SMONTAGGIO STAMPO = 3, controllare che sia impostato STAMPO AGGANCIATO = NO. Allentare le
viti di spurgo poste sopra ai cilindri di estrazione ed alle piastre di comando. Azionare i pulsanti che comandano la salita
e la discesa dello stampo ripetute volte fino a spurgo avvenuto.
Montare lo stampo come descritto al paragrafo MONTAGGIO E SMONTAGGIO DELLO STAMPO SULLA PRESSA.
Liberare il movimento degli encoder. Impostare i valori di fine corsa alto A e B, velocità in salita ed in caduta.
Eseguire l’azzeramento degli encoder dell’estrattore.

5-2
014AZ0008A
AVVIAMENTO 5
5.3 REGOLAZIONI

5.3.1 REGOLAZIONE ESTRATTORE

Impostare la quota che deve raggiungere lo stampo in fase di estrazione (fine corsa alta A e B) e la velocità percentuale
(0 ÷ 100%) che deve avere durante la salita e la caduta; selezionare, se si vuole, la SALITA A PACCO oppure no; nel
caso di SALITA A PACCO <> 0 viene ignorato il "ritardo salita stampi".
In maniera del tutto simile regolare le cadute intermedie e l’ultima caduta.
Verificare che lo stampo si appoggi sulla piastra di base senza un urto eccessivo.
Infine bisogna verificare le quote di filo matrice nel seguente modo:

1) Fare salita stampo.

2) Controllare che i punzoni siano a filo con la matrice; se così non fosse posizionare il cursore su finecorsa alto ed
agire sui tasti + e - della tastiera per regolare l'altezza dei pistoni della parte sinistra (pistoni 180a1 e 180a2).

3) Controllare la parte destra (pistoni 180b1 e 180b2); se lo stampo è stato costruito correttamente, anch'essa
dovrebbe essere a filo matrice, in caso contrario impostare il max disallineamento (B - A) fino a che il filo non è
ripristinato.

Quando la temperatura dell'olio della pressa avrà raggiunto i valori normali di lavoro (~45°C) occorre ripetere la
regolazione dal punto 1.

5.3.2 REGOLAZIONE PRELIMINARE DELL’IMPIANTO OLEODINAMICO

La pressa è già stata regolata in fase di collaudo prima della spedizione, tuttavia vengono date le informazioni per
verificare se tali regolazioni preliminari si fossero accidentalmente alterate.

PIASTRA ELEMENTI LOGICI

Componente Azionato da Regolazione preliminare PH 3020

120 YV38 aperto 10 giri


119 YV70 aperto 1 giro
118 YV70 tutto aperto
117 YV19 aperto 4,25 giri
116 YV40 aperto 2,25 giri
131 YV41 aperto 9 giri

PIASTRA ACCUMULATORI

Componente Azionato da Regolazione preliminare PH 3020

115 YV53 aperto 12,25 giri


108 YV32s aperto 9,5 giri
109 YV32d aperto 8,5 giri
174 YV47 aperto 6,5 giri

5-3
014AZ008A
5 AVVIAMENTO
5.3.3 REGOLAZIONE VELOCITÀ CARRELLO

IMPOSTAZIONE (DCL)
Verificato il corretto funzionamento si impostano i livelli di velocità per ciascuna delle 5+5 zone in cui è suddivisa la
corsa totale del carrello, espressi con valori percentuali tra 0 e 100. Si definisce così una curva delle velocità ottimale
per il particolare prodotto da pressare. Per realizzare il caricamento della polvere deve essere impostata la posizione
in cui si deve trovare il carrello nel momento in cui viene effettuata la prima caduta stampo. Simulare vari cicli carrello
in funzione semiautomatica, premendo contemporaneamente i pulsanti 8 e 27 per controllare il corretto funzionamen-
to, prima di eseguire un caricamento con la polvere.
Se si imposta un valore di QUOTA DI AVVICINAMENTO maggiore di zero durante il ritorno del carrello, oltrepassata
la QUOTA DI AVVICINAMENTO, si da il consenso alla discesa della traversa mobile. Quando il carrello arriva a fine
corsa indietro parte il ciclo dell’ALM; al termine del caricamento della griglia, riparte il carrello fino ad arrivare alla
QUOTA DI AVVICINAMENTO ad una velocità pari alla VELOCITÀ AVVICINAMENTO impostabile.
In manuale il carrello si muove ad una velocità costante pari a VELOCITÀ IN MANUALE; in automatico e
semiautomatico il carrello si muove con le velocità impostate.
Si può impostare un ciclo con ALM fermo, il caricamento avviene mantenendo l’ALM fermo e inserendo la polvere nella
griglia tramite il movimento del carrello. In questo caso la CORSA DI CARICAMENTO corrisponde alla CORSA DI
AVVICINAMENTO.

ALIMENTAZIONE POLVERE (DCL)


Eseguire la corretta regolazione del dispositivo ALM (vedi apposito manuale).
Selezionare il tipo di caricamento che si vuole eseguire: caricamento griglia con ALM fermo oppure caricamento
griglia con ALM mobile.
Impostare il tempo "RITARDO CARICAMENTO" durante il quale la serranda del tramoggino mobile rimane aperta.
Impostare la quota "POSIZIONE CHIUSURA SERRANDA" ovvero la quota del carrello in cui si chiude la serranda.
È possibile selezionare un ciclo particolare nel caso si debbano pressare piastrelle in doppia fila impostando
CARICAMENTO A DUE FILE = SI.
In questo caso bisogna impostare tre quote sul PLC:
la prima si riferisce al punto della corsa di caricamento dell'ALM in cui si chiude la serranda dopo avere cari cato
la prima fila, la seconda si riferisce al punto della corsa di caricamento in cui si apre la serranda per caricare la seconda
fila e l'ultima di riferisce al punto in cui viene chiuse la serranda dopo avere caricato la seconda fila.
Portare il carrello a fine corsa posteriore ed introdurre polvere nel tramoggino di alimentazione.
Impostare il numero di traslazioni da compiere (da destra a sinistra) per ogni ciclo: N°1 traslazioni, N°2 traslazioni,
impostando 50 l'ACP si muove continuamente.
Eseguire alcuni cicli di caricamento stampo in funzione semiautomatica ed apportare le modifiche necessarie se si
osservano anomalie nel caricamento, terminare questa fase preliminare lasciando gli alveoli dello stampo pieni di
polvere.
Per effettuare le operazioni di azzeramento encoder carrello, l'ALM può eseguire una extra corsa indietro che può
risultare utile durante le fasi di montaggio e smontaggio della griglia di caricamento polvere.
È possibile effettuare dei movimenti sincronizzati tra il carrello e l'estrattore durante la fase di caricamento in
particolare si possono eseguire fino a 5 movimenti dell'estrattore durante la corsa di ritorno del carrello a partire dalla
posizione di 1ª caduta. Per ogni movimento si imposta: quota carrello di inizio movimento, entità dello spostamento
dello stampo, quota carrello di ritorno alla quota di 1ª caduta, velocità dello stampo durante il movimento.

5-4
014AZ0008A
AVVIAMENTO 5
5.3.4 REGOLAZIONE FRENATURA TRAVERSA MOBILE

Per verificare il valore impostato dell’intensità di frenatura della traversa mobile, leggere il valore della posizione
elemento logico di frenatura che deve essere circa 80, se così non è, appoggiare la traversa mobile sulla polvere,
premere i pulsanti 7 e 26 contemporaneamente per incrementare, i pulsanti 7 e 31 per diminuire, al fine di leggere circa
80. In fase preliminare disabilitare il regolatore di frenatura (INSERZIONE CONTROLLO VELOCITÀ = NO) ed
impostare una lunghezza della corsa di frenatura abbastanza lunga (per esempio SPAZIO DI FRENATURA = 90.00
in modo da avere in questa prima fase di avviamento una frenatura sicura). Dopo avere messo la polvere nello stampo,
eseguire alcune corse di discesa ed agire sulla lunghezza del tratto frenato e sulla intensità di frenatura cambiando
il valore della posizione elemento logico di frenatura per ottenere la frenatura desiderata.
Quando la macchina è correttamente avviata, si può inserire il dispositivo di autoregolazione della frenatura. Per fare
questo verificare che lo spazio di frenatura sia ≥ 35.00 (se è minore di 35.00 non è possibile inserire l’autoregolazione),
dopo avere fatto un nuovo caricamento polvere, leggere il valore della velocità di impatto dei punzoni sulla polvere
che la macchina sta eseguendo e che si è giudicata idonea per la pressatura; digitare SI in INSERZIONE CONTROLLO
VELOCITÀ e digitare il valore precedentemente letto in VELOCITÀ AD IMPATTO.
Da questo momento in poi, l’automatismo si incarica di correggere i parametri di frenatura per raggiungere l’obiettivo
di mantenere costante il valore impostato di velocità di impatto sulla polvere.

5.3.5 IMPOSTAZIONE ERRORE PARALLELISMO TRAVERSA

La pressa è dotata di due encoder che misurano la posizione della traversa mobile. Confrontando le loro misure è
possibile valutare l'errore parallelismo della traversa durante le fasi di pressatura in modo da evitare che un’inclina-
zione eccessiva possa determinare scarti sui prodotti pressati.
L'errore massimo ammissibile è impostabile sul controllore a microprocessore nella pagina IMPOSTAZIONE
PRESSATURA. Qualora compaia l’allarme inclinazione della traversa controllare lo stato del caricamento.

5.3.6 IMPOSTAZIONE QUOTA MOVIMENTO TRAVERSA

Rilevare la quota di inizio pressata (punzoni appoggiati sulla polvere), abbassando lentamente la traversa mobile fino
ad appoggiare i punzoni sulla polvere e leggendo il valore dell'encoder traversa (espresso in millimetri e riferito al fine
corsa superiore) ed impostare il valore su POSIZIONE IMPATTO.
Impostare con chiave in WRITE un valore provvisorio di sicurezza mancanza polvere molto alto (BLOCCO
MANCANZA TERRA = 140.00) il che significa in pratica rendere non operante il controllo. Impostare la quota di
finecorsa superiore (traversa alta). Occorre ricordare che quest’ultima quota deve consentire il passaggio del carrello.
Si imposti se necessario SI in SALITA FRENATA e la quota di fine frenatura in fase di risalita traversa. Eseguire, in
funzionamento manuale e con gli alveoli dello stampo pieni di polvere, alcune operazioni di salita e discesa traversa.

5.3.7 REGOLAZIONE PRESSATURA

Impostazione dei dati relativi alla pressatura. Si imposta il numero delle pressate per ogni ciclo ed i valori di pressione
(in bar) in prima, seconda ed eventuale terza pressata, e i tempi in millisecondi di ritardo prima e seconda pressata
(in caso di tre pressate il tempo di ritardo in seconda vale anche per la terza pressata), prima disaerazione, ed
eventualmente seconda disaerazione, compatibili col formato ed il prodotto da pressare. Si rinnovi la polvere nello
stampo con un caricamento semiautomatico (con selettore 23 in automatico, selezionare il ciclo semiautomatico
caricamento, premendo il tasto F8; premere poi i pulsanti 28 e 2). Dopo avere osservato che la polvere sia
uniformemente distribuita negli alveoli, si esegue una pressatura in semiautomatico con selettore 23 in automatico
(selezionare il ciclo semiautomatico di pressatura premendo il tasto F8, poi premere i pulsanti 28 e 2). Ripetere una
decina di caricamenti e pressature semiautomatiche per evacuare l’aria eventualmente presente nell’impianto
oleodinamico e per consentire ai dispositivi automatici di regolazione delle pressioni di eseguire le opportune
correzioni. Quando la piastrella appare correttamente pressata, misurarne lo spessore e aggiustare eventualmente
l’altezza del soffice cambiando il dato impostabile SPESSORE BASE. Dopo avere realizzato le piastrelle con lo
spessore voluto (IMPULSO CONTROLLO SPESSORE = 0, impostare lo spessore visualizzato pari allo spessore di
piastrelle misurato), eseguire ulteriori cicli semiautomatici di pressatura e verificare che lo spessore misurato
corrisponda allo spessore letto. In caso affermativo si può inserire il correttore automatico di spessore (IMPULSO
CONTROLLO SPESSORE > 0 e SPESSORE PIASTRELLA = spessore desiderato).

5-5
014AZ008A
5 AVVIAMENTO
5.3.8 REGOLAZIONE DISAERAZIONE

Regolare il dosatore di disaerazione 89 agendo sulla apposita vite di fine corsa. È possibile regolare il sistema in modo
da consentire una corsa di disaerazione della traversa mobile da 0 a 3,4 mm.

5.3.9 REGOLAZIONE SICUREZZA PROTEZIONE STAMPI PER MANCANZA POLVERE

Dopo avere verificato che il correttore automatico dello spessore funziona correttamente, in questa fase prestare
molta attenzione al fatto che, se la piastrella è troppo sottile si può danneggiare lo stampo.
Impostare in POSIZIONE BLOCCO TRAVERSA per mancanza terra la massima corsa della traversa mobile in fase
di pressatura, calcolando che, rispetto allo spessore di piastrella desiderata, la traversa mobile possa scendere
ulteriormente di circa 0,5 mm.
Dopo avere impostato tale valore, verificare che sul terminale appaia effettivamente il messaggio di allarme quando
si scende al di sotto di detta quota.

5.3.10 REGOLAZIONE CICLO IN FUNZIONAMENTO AUTOMATICO

Controllare con traversa bassa il livello dell’olio e verificare che gli stampi abbiano raggiunto la temperatura voluta
leggendo i valori visualizzati delle temperature stampi.
Verificare che, alle temperature impostate, lo stampo si muova liberamente.
Pulire accuratamente la matrice ed avviare il ciclo automatico di produzione premendo contemporaneamente i
pulsanti 28 e 2 facendo attenzione durante i primi cicli a ciò che avviene nella zona di pressatura per essere pronti
ad attivare tempestivamente il pulsante di emergenza 24 se si nota qualche anomalia. Se tutto risulta regolare si lasci
lavorare la macchina per alcuni minuti.
Arrestare il ciclo premendo il pulsante 6, dopo di che si eseguano i primi controlli sul prodotto pressato e si apportino
le correzioni opportune. Se si desidera espellere la piastrella anche nell’ultimo ciclo impostare ESPULSIONE IN
ARRESTO = SI, in caso negativo ESPULSIONE IN ARRESTO = NO.

NOTA: Le correzioni che richiedono interventi sul corpo pressa o sul carrello devono essere eseguite con
macchina ferma. Le correzioni relative a dati impostati o a componenti oleodinamici possono essere eseguiti con
macchina in funzione.

Quando il risultato qualitativo del prodotto si considera soddisfacente, duplicare il programma (vedi Istruzioni tipo B)
ed eventualmente procedere con ulteriori ottimizzazioni per aumentare la produttività.

5.3.11 INSERZIONE CONTROLLO VELOCITÀ CARRELLO IMPOSTATA

Quando la pressa è già stata avviata e la piastrella è correttamente pressata, quindi il caricamento della polvere nello
stampo è corretto, si inserisce il regolatore (INSERIRE REGOLATORE CARRELLO = SI) e si imposta in tempo andata
carrello e in tempo ritorno carrello (rispettivamente il tempo rilevato nella precedente corsa di andata e quello della
corsa di ritorno).
Il sistema di controllo verifica se l’errore sul tempo di percorrenza supera il 5% rispetto al tempo impostato; in questo
caso appare un segnale di allarme. Oltre il 10% la pressa si arresta.

5-6
014AZ008A
USO DELLA MACCHINA 6

6 USO DELLA MACCHINA


6.1 ORGANI DI COMANDO

Gli organi di comando e gestione della pressa sono:


- AUTOMATISMO
Contiene tutti gli organi elettronici per la gestione del ciclo della pressa e della diagnostica degli allarmi.
- CABINA INTERFACCIA OPERATORE
Contiene il PC necessario per il comando e la programmazione della pressa (opzionale).
- CABINA ELETTRICA
Contiene tutti gli organi elettromeccanici per il comando delle motorizzazioni/riscaldamenti/fissaggio magnetico.

Figura 6.1 - ORGANI DI COMANDO

CABINA ELETTRICA

C2212

AUTOMATISMO

CABINA INTERFACCIA OPERANTE


(OPZIONALE)

E0004P
ATTENZIONE!
Tutte le informazioni riguardanti la programmazione, il ciclo e l'uso dell' automatismo, sono riportate sul MANUALE
ISTRUZIONI tipo B "USO DEL SISTEMA DI CONTROLLO A MICROPROCESSORE".
La rappresentazione della tastiera di comando e della pulsantiera ausiliaria sono indicative.
I colori di sfondo ed i colori e forma dei tasti potrebbero variare a secondo delle norme elettriche in uso nel luogo
di destinazione e della colorazione della macchina.
Il numero e la funzione dei tasti non varia con il variare dei colori.

IMPORTANTE
- Per PROGRAMMAZIONE CICLO si intende l’inserimento di tutte le informazioni necessarie per eseguire un
ciclo di lavoro automatico.
- L’accesso alla programmazione è possibile solamente a determinati utenti del PC mediante l’utilizzo di password
o di chiave opportunamente configurata (il PC è opzionale).
- L’accesso alla programmazione deve essere consentito solo a personale autorizzato in quanto la manomissione
dei dati contenuti nei programmi possono provocare gravi danni alla macchina stessa.
- Si consiglia di mantenere una biblioteca scritta dei programmi inseriti utilizzando le apposite schede eventual-
mente allegate.

6-1
014AZ008A
6 USO DELLA MACCHINA
6.1.1 AUTOMATISMO

L’automatismo elettronico è controllato da un microprocessore programmabile.


Tramite l'utilizzo dell'apposito terminale, consente:
- di impostare il ciclo di lavoro e di regolare in modo indipendente le varie fasi del ciclo anche durante il funzionamento
della pressa;
- di visualizzare i messaggi e le grandezze caratteristiche;
- di memorizzare e richiamare tutti i parametri di ogni ciclo di pressatura prescelto;
- l’autodiagnostica;
- l’autoregolazione delle pressioni di lavoro;
- l'autoregolazione dello spessore piastrella;
- l’autocontrollo in caso di avaria del sistema.

Figura 6.1.1/A - AUTOMATISMO

C2212

PERSONAL
COMPUTER
(OPZIONALE)



SCHEDE DEL SISTEMA

TASTIERA DI COMANDO MACCHINA

N.B.: La descrizione delle singole sezioni viene riportata nelle pagine seguenti.

6-2
014AZ008A
USO DELLA MACCHINA 6

Figura 6.1.1/B - (AUTOMATISMO) C2228


SCHEDE DEL SISTEMA

CONFIGURAZIONE SISTEMA
Posizione schede

1 SAL ALIMENTATORE (tensioni alimentazione stabilizzata)


2 CPU Unità centrale di elaborazione
3 VA VARIE
4 OA OUT ANALOGICA
5 AX ASSI
6 IA INPUT ANALOGICA
7 IE INPUT ENCODER
8 IE INPUT ENCODER
9 (non utilizzata)
10-11-12 ID INPUT DIGITALI (lettura segnali esterni a 24Vcc)
13-14-15-16-17-18 OD OUTPUT DIGITALI (azionano le uscite a 24 Vcc)
19 (non utilizzata)
20-21 OR OUTPUT RELÈ

C2580 RACK - PLC

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

SAL CPU VA OA AX IA IE IE

ID ID ID OD OD OD OD OD OD OR OR

La configurazione qui riportata ha valore indicativo. Per una descrizione particolareggiata e precisa consultare:
manuale ISTRUZIONI B capitolo 2 - ELENCO DEI DISPOSITIVI.

6-3
6

6-4
TERMINALE
+5
WRITE
R
OFF ON
WD
SL
SC
B
A1
7 8 9 - D
014AZ008A

A2
A
4 5 6 E SCREEN HOME PAG
+
C
Figura 6.1.1/C1 - (AUTOMATISMO)

DEL
1 2 3 E F QUIT
CHAR
N
T
E DEL
USO DELLA MACCHINA

0 - . R G LINE END PAG

B F1 F2 F3 F4 F5 F6 F7 F8
SMC 085-11-409

17 18 25 26
+5
I R I R
MAN +
SET UP AUT
WD
0 1 2 3 8 9 10 11 16 SL
SC
27 I 29
28
P
A1
I A2 19-23 –
24 4 5 6 7 12 13 14 15 20 21 22 30 31
SMC 085-11-442
Figura 6.1.1/D1 - (AUTOMATISMO)
TASTIERA DI COMANDO MACCHINA
014AZ008A
USO DELLA MACCHINA 6

Figura 6.1.1/C2 - (AUTOMATISMO)


TERMINALE

A Display elettroluminescente di 25 righe x 80 colonne


B Tasti funzionali
C Tastierino numerico
D Selettore a chiave di abilitazione scrittura
E Non utilizzato
F Cancella l'ultimo carattere scritto
G Cancella l'ultima linea scritta
H Tasti di spostamento cursore C1736

DISPLAY ELETTROLUMINESCENTE
La pressa è dotata di un terminale elettroluminescente, grazie al quale è possibile ottenere una vasta serie di informazioni:
- messaggi di allarme
- dati di configurazione della macchina
- dati produttivi
- valori attuali
- elenco dei programmi
- presentazione e modifica dei set-points.

N.B. Per la visualizzazione dei dati: vedere MANUALE - B

OPERAZIONE 1° TASTO 2° TASTO + CHIAVE POMPA Fig. 6.1.1/D2 -


Start pompe Ø (AUTOMATISMO)
Reset allarmi 1
Start ciclo automatico 28* 2 AUT ON TASTIERA DI COMANDO
Start semiaut. caricamento
Start semiaut. pressatura (16)
28*
28*
2
2
AUT
AUT
ON
ON
MACCHINA
Salita traversa 25 3 MAN/AUT ON
Discesa traversa 30 3 MAN ON
Salita lenta traversa 25 3 SET-UP ON
Discesa lenta traversa 30 3 SET-UP ON
Stop pompe 4
Riposizionamento 28 5 AUT ON
Arresto ciclo automatico 6
Incremento frenatura 26 7 MAN/AUT
Decremento frenatura 31 7 MAN/AUT
Decremento frenatura oltre finecorsa (3) (4) 28e 31 7 SET-UP
Incremento frenatura oltre finecorsa (3) (4) 26e 28 7 SET-UP
Assegna offset ingresso analogico frenatura (3) (4) 25e 26 7 SET-UP
Assegna guadagno ingresso analogico frenatura (3) ( 4) 30e 31 7 SET-UP
Apprendimento salita/discesa traversa+pressatura (5) 28 7 MAN ON
Apprendimento YV21p (12) 28 7 MAN ON
Reset offset YV21p (15) 28 7 SET-UP OFF
Avanti carrello 29 8 MAN ON
Avanti carrello lineare oltre il finecorsa (17) 26+29 8 MAN ON
Indietro carrello 27 8 MAN ON
Indietro carrello lineare oltre il finecorsa (17) 27+31 8 MAN ON
Sistemazione dello zero meccanico
encoder carrello biella manovella (11) 26 + 31 8 SET-UP ON
Dentro punzoni 25 9 MAN/SET-UP ON
Fuori punzoni 30 9 MAN/SET-UP ON
Smagnetizzazione stampo superiore 31 11 SET-UP
C1736
Magnetizzazione stampo superiore 26 11 SET-UP
Avanti moltiplicatore differenziata 29 10 MAN ON
Indietro moltiplicatore differenziata 27 10 MAN ON
Salita matrice inferiore 25 10 SET-UP ON
Discesa matrice inferiore 30 10 SET-UP ON
Smagnetizzazione stampo superiore 31 11 SET-UP
Magnetizzazione stampo superiore 26 11 SET-UP
Incremento spessore (1) 26 12 MAN/AUT
Decremento spessore (1) 31 12 MAN/AUT
Salita stampi (13) 25 13 MAN/SET-UP ON
Diseccitazione ultima caduta stampi YV21 (2) 27 13 SET-UP ON
Eccitazione ultima caduta stampi YV21 (2) 29 13 SET-UP ON
Caduta stampi ( 14) 30 13 MAN/SET-UP ON Pulsante
Sollevamento stampo SPE 2+2 (6) 25 13 SET-UP ON
Salita di emergenza SPE 2+2 (7) 25 13 SET-UP ON di blocco
Discesa dopo sollevamento stampo SPE 2+2 (8) 30 13 SET-UP ON posteriore
Discesa di emergenza SPE 2+2 (9) 30 13 SET-UP ON
Richiesta di autoapprendimento SPE 2+2 (10) 28 13 SET-UP ON
Smagnetizzazione blocchetto portapunzoni
inferiore (optional) 31 14 SET-UP
Magnetizzazione blocchetto portapunzoni
inferiore (optional) 26 14 SET-UP
Smagnetizzazione stampo inferiore 31 15 SET-UP
Magnetizzazione stampo inferiore 26 15 SET-UP
Richiesta aggancio estrattore proporz. 28 16 SET-UP ON
Fine aggancio estrattore proporzionale 28 16 SET-UP ON
Semiautomatico ALM 28 17 AUT ON
Semiautomatico C.P. 28 18 AUT ON
Start/Stop pompa recupero trafilamenti 20
Avanti ALM 29 21 MAN ON
Avanti ALM oltre il finecorsa (17) 26+29 21 MAN ON
Indietro ALM 27 21 MAN ON
Indietro ALM oltre il finecorsa (17) 27+31 21 MAN ON
Manuale CP 27 o 29 22 MAN
Blocco 24

6-5
014AZ008A
6 USO DELLA MACCHINA

Fig. 6.1.1/E1 - (PERSONAL COMPUTER) (OPZIONALE) Fig. 6.1.1/F1 - (PERSONAL COMPUTER)


TASTIERA DI COMANDO MACCHINA

SMC 085-11-442

29
26

31

+

28
25

30
I
27
AUT

19-23
MAN
SET UP
WD

SC
+5

SL

A1
A2
R

22
18
17

21
20
16
11

15
14
10

13
9

12
8

7
3
2

6
I
R
1

5
I
0

4
I

24
C2137

6-6
014AZ008A
USO DELLA MACCHINA 6

Figura 6.1.1/E2 - (PERSONAL COMPUTER) (OPZIONALE)

A Display a colori
B Tasti funzionali
C Mouse

DISPLAY A COLORI
La pressa è dotata di un terminale elettroluminescente, grazie al
quale è possibile ottenere una vasta serie di informazioni:
- messaggi di allarme
- dati di configurazione della macchina
- dati produttivi
- valori attuali
- elenco dei programmi
- presentazione e modifica dei set-points. C2118

N.B. Per la visualizzazione dei dati: vedere MANUALE - B

Fig. 6.1.1/F2 - (PERSONAL COMPUTER)


TASTIERA DI COMANDO MACCHINA
OPERAZIONE 1° TASTO 2° TASTO+ CHIAVE POMPA

Start pompe Ø
Reset allarmi 1
Start ciclo automatico 28* 2 AUT ON
Start semiaut. caricamento 28* 2 AUT ON
Start semiaut. pressatura (16) 28* 2 AUT ON
Salita traversa 25 3 MAN/AUT ON
Discesa traversa 30 3 MAN ON
Salita lenta traversa 25 3 SET-UP ON
Discesa lenta traversa 30 3 SET-UP ON
Stop pompe 4
Riposizionamento 28 5 AUT ON
Arresto ciclo automatico 6
Incremento frenatura 26 7 MAN/AUT
Decremento frenatura 31 7 MAN/AUT
Decremento frenatura oltre finecorsa ( 3) (4) 28 e 31 7 SET-UP
Incremento frenatura oltre finecorsa (3) (4) 26 e 28 7 SET-UP
Assegna offset ingresso analogico frenatura ( 3) (4) 25 e 26 7 SET-UP
Assegna guadagno ingresso analogico frenatura (3) (4) 30 e 31 7 SET-UP
Apprendimento salita/discesa traversa+pressatura ( 5) 28 7 MAN ON
Apprendimento YV21p (12) 28 7 MAN ON
Reset offset YV21p (15) 28 7 SET-UP OFF
Avanti carrello 29 8 MAN ON
Avanti carrello lineare oltre il finecorsa (17) 26+29 8 MAN ON
Indietro carrello 27 8 MAN ON
Indietro carrello lineare oltre il finecorsa (17) 27+31 8 MAN ON
Sistemazione dello zero meccanico
encoder carrello biella manovella (11) 26 + 31 8 SET-UP ON
Dentro punzoni 25 9 MAN/SET-UP ON
Fuori punzoni 30 9 MAN/SET-UP ON
Smagnetizzazione stampo superiore 31 11 SET-UP
Magnetizzazione stampo superiore 26 11 SET-UP
Avanti moltiplicatore differenziata 29 10 MAN ON
Indietro moltiplicatore differenziata 27 10 MAN ON
Salita matrice inferiore 25 10 SET-UP ON
Discesa matrice inferiore 30 10 SET-UP ON
Smagnetizzazione stampo superiore 31 11 SET-UP Pulsante
Magnetizzazione stampo superiore 26 11 SET-UP di blocco
Incremento spessore (1) 26 12 MAN/AUT posteriore
Decremento spessore ( 1) 31 12 MAN/AUT
Salita stampi ( 13) 25 13 MAN/SET-UP ON
Diseccitazione ultima caduta stampi YV21 ( 2) 27 13 SET-UP ON
Eccitazione ultima caduta stampi YV21 ( 2) 29 13 SET-UP ON
Caduta stampi (14) 30 13 MAN/SET-UP ON
Sollevamento stampo SPE 2+2 (6) 25 13 SET-UP ON
Salita di emergenza SPE 2+2 ( 7) 25 13 SET-UP ON
Discesa dopo sollevamento stampo SPE 2+2 ( 8) 30 13 SET-UP ON Note: * Agire su F11 del terminale
Discesa di emergenza SPE 2+2 ( 9) 30 13 SET-UP ON
Richiesta di autoapprendimento SPE 2+2 ( 10) 28 13 SET-UP ON per configurare il tipo di ciclo.
Smagnetizzazione blocchetto portapunzoni
inferiore (optional) 31 14 SET-UP
+
Quasi tutte le operazioni
Magnetizzazione blocchetto portapunzoni prevedono l'uso di due tasti.
inferiore (optional) 26 14 SET-UP
Smagnetizzazione stampo inferiore 31 15 SET-UP Alcune tuttavia avvengono
Magnetizzazione stampo inferiore 26 15 SET-UP
Richiesta aggancio estrattore proporz. 28 16 SET-UP ON dopo la pressione di un
Fine aggancio estrattore proporzionale
Semiautomatico ALM
28
28
16
17
SET-UP
AUT
ON
ON
solo tasto: in questi casi il
Semiautomatico C.P. 28 18 AUT ON numero del tasto da premere
Start/Stop pompa recupero trafilamenti 20
Avanti ALM 29 21 MAN ON figura nella colonna
Avanti ALM oltre il finecorsa ( 17) 26+29 21 MAN ON
Indietro ALM 27 21 MAN ON "2° TASTO".
Indietro ALM oltre il finecorsa ( 17) 27+31 21 MAN ON
Manuale CP 27 o 29 22 MAN
Blocco 24

6-7
014AZ008A
6 USO DELLA MACCHINA
6.1.2 CABINA ELETTRICA

Il quadro elettrico di potenza fornisce l'alimentazione elettrica ai motori, installati sulla centralina oleodinamica e sulla
pressa, e l'alimentazione per i riscaldamenti ed il fissaggio magnetico degli stampi.

Figura 6.1.2 - CABINA ELETTRICA

V Voltmetro
A Amperometro

V A

QS1

C2130

6-8
014AZ008A
USO DELLA MACCHINA 6
6.2 AVVIAMENTO E ARRESTO

6.2.1 AVVIAMENTO QUOTIDIANO

L’avviamento della macchina va fatto dalla tastiera con il pulsante 0 che fa partire al primo comando la pompa di
ricircolo e al secondo comando il motore principale.

ATTENZIONE!
E0004P

Non premere il pulsante di abilitazione 28 sull’automatismo durante l’avviamento.

Per avviare la macchina in ciclo automatico consultare il manuale B.

6.2.2 ARRESTO MACCHINA

Sono disponibili due tipi di arresto macchina:


- sull’automatismo tramite il tasto 6.
- da un circuito di arresto esterno (KA 300).

6.2.3 ARRESTO DI EMERGENZA

La macchina è dotata di due pulsanti di arresto di emergenza: uno posto sulla tastiera di comando macchina e l’altro
nella parte posteriore della macchina. Tali pulsanti, a forma di fungo di colore rosso, se azionati, arrestano la macchina
e tutte le attrezzature collegate a monte. L’azionamento dell’arresto di emergenza determina:
- la disabilitazione hardware di tutte le elettrovalvole che comandano il movimento della traversa;
- la disabilitazione hardware dei motori che muovono il sistema di caricamento delle polveri;
- la disabilitazione hardware dei motori della centralina.
Tutto ciò ha come conseguenza l’arresto immediato della macchina. Gli accumulatori devono essere scaricati tramite
le apposite valvole manuali: in particolare gli accumulatori 18, 18a, e 18b tramite la valvola 153, l'accumulatore 12
tramite il rubinetto 153a e, se presenti gli accumulatori 141 e 337 devono essere scaricati mediante le valvole 143 e
339.
Una volta bloccata, la macchina può essere fatta ripartire agendo come segue:
- riportare il pulsante a fungo nella posizione originaria;
- effettuare il ripristino della macchina;
- richiudere le valvole 153, 153a, 143 e 339;
- eseguire la procedura come al paragrafo 6.2.1 - AVVIAMENTO QUOTIDIANO.

6.2.4 ARRESTO IN MANCANZA DI TENSIONE

In caso di mancata tensione la pressa si porta automaticamente in condizioni di sicurezza. Infatti se viene a mancare
l'alimentazione elettrica la valvola YV107, collegata direttamente a tale alimentazione, si diseccita e quindi l'olio degli
accumulatori fluisce nella camera di salita e la traversa si porta a finecorsa alto a bassa velocità (< 16 mm/s).
Contemporaneamente si diseccita la YV313, per cui, quando la traversa ha raggiunto il finecorsa meccanico, i ceppi
sono automaticamente inseriti essendo spinti dai pistoni 338.

6.2.5 ARRESTO DURANTE IL FUNZIONAMENTO AUTOMATICO

Se, durante il funzionamento automatico, la pressa si arresta la traversa viene portata automaticamente al finecorsa
meccanico per permettere l' inserimento della ferma meccanica. Infatti in tali casi viene eccitata la YV31s che mette
in collegamento gli accumulatori con la camera di risalita spingendo così la traversa verso l' alto, fino al raggiungimento
del finecorsa alto.

6-9
014AZ008A
6 USO DELLA MACCHINA
6.3 DIAGRAMMI PER UTILIZZI DELLA PRESSA

La spinta totale della pressa è data dalla spinta del pistone centrale F. Si riporta sulla colonna P il valore di pressione
del pistone centrale e tracciando una orizzontale si legge sulla colonna sinistra la spinta corrispondente F. Individuata
la spinta totale F si riporta il valore in ordinata del diagramma, conoscendo le dimensioni della piastrella cruda da
pressare e il numero di cavità dello stampo si ricava la superficie totale da pressare S e si riporta il valore espresso
in cm2 in ascissa del diagramma. La retta passante per il punto, avente come coordinate i due valori trovati, indica il
valore di pressione specifica sul prodotto pressato.

Figura 6.3 - DIAGRAMMA PRESSIONE-CARICHI

Superfice pistone = cm2 7854 C2585

30000
6000 N/cm2 5000 4000
28000 / / 357
3000 N/cm2
26000 3500 N/cm2 331
5500 N/cm2
24000 4500 N/cm2 306
forza di pressatura kN]

2500 N/cm 2
22000 280
20000 255
2000 N/cm2
18000 229
16000 204
14000 178
12000 153
10000 127
8000 102
6000 76
4000 51
10000
10500
11000
11500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
4500
5000
5500
6000
6500
7000
7500
8000
8500
9000
9500

superfice [cm2]

6 - 10
6.4

YV99
YV70
YV53
YV47
YV41
YV40
YV39
YV38
YV19

SQ61
SQ60
SQ59
YV25

YV32s

YV221
YV107
YV32d
YV22s
YV22a
YV22b

YV32m

YV304b
YV304a
START CARRELLO

INIZIO 1ª CADUTA STAMPO

elettrovalvola eccitata
FINE PRIMA CADUTA
Figura 6.4.1/A - CICLOGRAMMA

FINE CARR. - INIZIO DISCESA APERT. SERR. TRAMOGGINO


riferiti allo SCHEMA OLEODINAMICO.

FINE 2ª CADUTA STAMPO

FINE RICARICA SERVIZI


INIZIO FRENATURA
ARRIVO SULLA POLVERE

T1

elettrovalvola eccitata se sono selezionate le relative opzioni


INIZIO PRIMA PRESSATA
CICLO FUNZIONAMENTO AUTOMATICO

FINE PRIMA PRESSATA


DECOMPRESSIONE
DEAREAZIONE

T2
FINE DEAREAZIONE + T2
INIZIO PRESSATA DIRETTA
INIZIO RITARDO SALITA STAMPI
INIZIO RIPR. PRESS. CAN. INTERM. ESTRATT.
FINE RIPR. PRESS. CAN. INTERM. ESTRATT.
INIZIO PRES. MOLTIPLICATORE

FINE 2ª PRESSATA

FINE RITARDO SALITA STAMPI

INIZIO SALITA
FINE SALITA STAMPI
USO DELLA MACCHINA

FINE SALITA FREN.

C2230
FINE SALITA - CHIUSURA SERRANDA TRAMOGGINO
6

Nelle descrizioni seguenti, i numeri e le sigle che identificano i componenti oleodinamici, pneumatici o elettrici sono
014AZ008A

6 - 11
014AZ008A
6 USO DELLA MACCHINA
6.4.1 PARTENZA CARRELLO

Premendo simultaneamente i due tasti di inizio ciclo 28 e 2 si aziona il motore elettrico del carrello (M20) il quale tramite
le apposite cinghie di traino movimenta la parte mobile del carrello.
È possibile selezionare dal Sistema di controllo a microprocessore cinque diverse velocità nella fase di andata e cinque
velocità nella fase di ritorno. Il microcontatto SQ59, posto sul supporto fisso del carrello, deve essere liberato dopo
pochi millimetri di avanzamento del carrello alimentatore, inibendo così la discesa della traversa mobile fino a quando
lo stesso non viene premuto dal carrello durante la corsa di ritorno pochi millimetri prima dell’arresto nella posizione
di partenza iniziale, ovvero quando l’encoder raggiunge il valore impostato di fine corsa indietro.

6.4.2 ALIMENTAZIONE POLVERE

La polvere può venire alimentata tramite un tramoggino ad apertura comandata e regolabile: la serranda del
tramoggino viene comandata tramite l'elettrovalvola YV221.
L’operatore può quindi, impostando sull'automatismo tempi diversi di "RITARDO CARICAMENTO" e "RITARDO
CHIUSURA SERRANDA" regolare e dosare la quantità di terra caricata all’interno della griglia mobile del carrello
alimentatore durante la sua corsa.

6.4.3 AZIONAMENTO CARRELLO

Durante la corsa del carrello alimentatore, l’encoder ne rileva la posizione. Si può decidere il profilo di velocità che deve
eseguire il carrello impostando sul Sistema di controllo a microprocessore i set point delle 5+5 zone nelle corse di
andata e ritorno (1).

NOTA :
(1) I set point sono valori compresi tra 0 e 100% e danno un profilo di velocità relativo da zona a zona.

6.4.4 CADUTE STAMPI

Tutte le cadute dello stampo sono effettuate nello stesso modo muovendo i pistoni 180a1, 180a2, 180b1 e 180b2.
Per muovere verso il basso lo stampo si eccitano la YV22s, la YV25, la YV22a e la YV22b in modo da far affluire olio,
dalla pompa 58 e dall'accumulatore 12, alla parte superiore dei pistoni 180b1 e 180a2. Contemporaneamente l'olio
della parte inferiore dei pistoni 180a1 e 180b2 viene posta a scarico. I pistoni sono collegati idraulicamente mediante
un canale intermedio che ne garantisce il perfetto sincronismo. Ogni qualvolta lo stampo si appoggia sulla piastra
battente viene ripristinata la pressione nel canale intermedio eccitando le valvole YV304a e YV304b le quali
consentono l’efflusso dell’olio alla pressione regolata dalla riduttrice di pressione 166.
Tramite il valore impostato su VELOCITÀ CADUTA è possibile variare la velocità di discesa dello stampo.
I punzoni inferiori si arrestano quando il sistema a microprocessore rileva, tramite gli encoder, il raggiungimento della
quota impostata.
In questo modo si ottengono le cadute stampo, si creano cioè la cavità che vengono riempite per caduta dalla polvere
contenuta nella griglia del carrello alimentatore. È intuibile l'importanza della regolazione del valore di POSIZIONE 1a
CADUTA in quanto esso determina il momento di caduta polvere e di conseguenza il riempimento degli alveoli inferiori.
Naturalmente il corretto svolgimento di questa operazione dipende anche da altri parametri come ad esempio la
velocità di avanzamento del carrello alimentatore. Durante questa fase la posizione della parte mobile dello stampo
è controllata dai trasduttori di posizione e l'automatismo a microprocessore confronta che la posizione effettiva
corrisponda con quella voluta. In caso contrario si verifica la condizione di blocco macchina e sul video comparirà il
relativo messaggio di allarme.
È molto importante l’ultima caduta durante la quale la parte mobile dello stampo raggiunge la posizione di stampo
basso. Se ciò non avvenisse la pressa si fermerà automaticamente e sul display comparirà il relativo messaggio di
allarme. Il valore impostato come finecorsa indietro determina l'arresto del carrello nel suo punto di riposo. Prima
dell'arresto il carrello alimentatore deve premere il microcontatto di sicurezza SQ59 e perciò si deve spegnere il suo
corrispondente led sul pannello frontale del Sistema di controllo a microprocessore (KA59).

6 - 12
014AZ008A
USO DELLA MACCHINA 6
6.4.5 DISCESA RAPIDA

Le condizioni per ottenere l’inizio della discesa traversa devono essere:


- Punzoni inferiori in posizione bassa (la posizione viene rilevata dagli appositi trasduttori di posizione).
- Microcontatto SQ59 premuto dal carrello alimentatore in posizione tutto indietro.
Con queste condizioni rispettate, dal sistema di controllo a microprocessore arriva il segnale elettrico al magnete della
valvola YV32d, la quale toglie la pressione dalla parte posteriore del cono dell’elemento logico di discesa 109.
Contemporaneamente viene eccitata la YV32m che mette a scarico la camera di salita del moltiplicatore.
A questo punto il peso del gruppo traversa mobile-pistone e la pressione esercitata dall’aria contenuta nel serbatoio
di preriempimento 126 generano una pressione sulla camera anulare del pistone, che apre in sequenza gli elementi
logici 174 e 109 vincendone la spinta della molla.
L’olio può defluire dalla camera anulare a scarico incontrando solo le resistenze passive del percorso. Di conseguenza
il pistone principale inizia la sua corsa di discesa, in quanto l’aria spinge l’olio contenuto nel serbatoio di preriempimento
attraverso le luci della boccola del moltiplicatore nel cilindro principale. La velocità di questa prima fase di discesa può
essere regolata dall’apertura del cono dell’elemento logico 109 tramite apposito perno di regolazione. In ogni caso,
essendo questa una operazione di avvicinamento dei punzoni superiori alla polvere da pressare, si consiglia la
massima velocità compatibile con le esigenze tecnologiche.

6.4.6 DISCESA FRENATA

Nel momento in cui la traversa mobile oltrepassa la quota di inizio frenatura si eccita la YV70 che pilota la chiusura
degli elementi logici 118 e 119 intercettando i rispettivi circuiti di scarico del cilindro principale e del moltiplicatore.
Contemporaneamente si eccita la YV47 che comanda la chiusura graduale dell’elemento logico 174: l’olio è così
costretto a passare attraverso il regolatore di flusso motorizzato 132 che, essendo di piccola dimensione (DN = 14),
rallenta il movimento di discesa della traversa mobile creando una contropressione di frenatura.
La valvola di max pressione 92 è un dispositivo di sicurezza e di smorzamento dei picchi di pressione e come tale non
deve essere usata per la regolazione della frenatura. Per regolare la velocità con cui i punzoni superiori entrano in
contatto con la polvere contenuta negli alveoli, occorre impostare nel Sistema di controllo a microprocessore
INSERIMENTO CONTROLLO VELOCITÀ = SI e VELOCITÀ = valore desiderato in mm/sec. Il controllo automatico
della velocità di impatto è inseribile solo con uno spazio di frenatura ≥ 35 mm.
Il programma è dotato di un sistema di correzione che, se attivato, rileva la velocità di impatto e la confronta con quella
impostata, modificando l’apertura del regolatore di flusso 132 tramite il motore M15. Si può escludere il controllo sulla
velocità di frenatura se si imposta INSERIMENTO CONTROLLO VELOCITÀ =NO.
È possibile selezionare la frenatura con una durata diversa, impostando:
- FRENATURA IN PRESSATURA = SI.
La frenatura viene esclusa diseccitando la YV47 all'inizio della 2 a PRESSATA CON MOLTIPLICATORE.
- FRENATURA IN PRESSATURA = NO.
La frenatura viene esclusa diseccitando la YV47 all'inizio della 1 a PRESSATA.

6.4.7 RITARDO PRIMA PRESSATA

La traversa mobile continua a scendere alla velocità di frenatura fino ad ottenere il contatto tra i punzoni superiori e
la polvere contenuta nelle cavità dello stampo.
Durante la fase di avvicinamento dei punzoni superiori alla polvere, l’encoder raggiunge il valore impostato di inizio
pressata nell’attimo immediatamente precedente al contatto tra la polvere contenuta nella cavità dello stampo ed i
punzoni superiori. Questo momento corrisponde alla partenza del ritardo di prima pressata. La durata del ritardo viene
impostata nel Sistema di controllo a microprocessore. Per tutta la durata di detto ritardo sulla polvere contenuta negli
alveoli dello stampo grava il peso del pistone, quello della traversa mobile e la spinta dell’aria di pressurizzazione. In
questo modo si ottiene una prima compattazione della polvere ed una certa quantità di aria può uscire, di conseguenza
questa operazione è molto importante al fine di ottenere una buona disaerazione nelle fasi successive.

6 - 13
014AZ008A
6 USO DELLA MACCHINA
6.4.8 PRIMA PRESSATA

Al termine del ritardo 1° pressata inizia la prima pressata. Il valore di pressione desiderato è impostabile sull'automa-
tismo ed è rilevato dal trasduttore di pressione BP1.
Il programma del Sistema di controllo a microprocessore verifica il valore di pressione raggiunto, lo compara con quello
impostato e, se rileva un errore, interviene per correggerlo.
Esaminiamo ora il circuito idraulico.
Dal Sistema di controllo a microprocessore arriva il segnale all’elettrovalvola YV40 di prima pressata che si eccita e
permette l’apertura dell’elemento logico 116. L’elemento logico aperto permette il passaggio dell’olio proveniente dalla
pompa 58 e dagli accumulatori 18, 18a e 18b al gruppo moltiplicatori 125. È possibile regolare la velocità di passaggio
dell’olio e conseguentemente della pressatura, agendo sul perno di regolazione dell’elemento logico 116. Gli
accumulatori 18 e 18b vengono inseriti nella linea di pressione per mezzo dell’elemento logico 115, pilotato in apertura
dall’elettrovalvola YV53 eccitata.
La camera del cilindro precedentemente riempita di olio, nella fase di discesa traversa, riceve la pressione esercitata
dal pistone del moltiplicatore di portata direttamente sull’olio, il quale trasmette questa pressione attraverso il pistone
principale alla traversa mobile.
Il valore di questa pressione viene letto sul terminale elettronico del Sistema di controllo a microprocessore. Al riguardo
si ricorda che il valore esatto di pressione viene indicato sul terminale che, a differenza del manometro meccanico,
è privo di ritardi e quindi molto più preciso. Il manometro meccanico 36 deve essere sempre escluso durante il normale
funzionamento della pressa ed usato solo per la verifica o la taratura del valore letto sul terminale.

6.4.9 PRIMA PRESSATA SENZA MOLTIPLICATORE (CON ACCUMULATORI O SENZA ACCUMULATORI)

Impostando 1a PRESSATA SENZA MOLTIPLICATORE = SI si esegue un tipo di prima pressata che idraulicamente si
differenzia dalla precedente. Nel programma è impostato un tempo fisso durante il quale si eccita l’ elettrovalvola YV40,
come descritto nel paragrafo precedente. Trascorso tale tempo si diseccita la elettrovalvola YV40 e si eccita la YV19 che
consente l’apertura dell’elemento logico 117.
Ora, poiché la pressione di linea risulta superiore a quella presente nel tratto che collega l’elemento logico 117 al cilindro,
l’olio confluirà naturalmente in quest’ultimo. In questo modo si consente di completare la pressata evitando un ulteriore
azionamento del moltiplicatore a scapito della corsa di quest'ultimo. Da cui si intuisce che questo tipo di prima pressata si
userà solo nel caso in cui occorra una elevata quantità di olio per la esecuzione della prima pressata (installazione dello
stampo SFS o altro optional, piastrelle di spessore molto grosso con impasto macinato a secco ecc.…).
Impostando 1a PRESSATA SENZA MOLTIPLICATORE = SI e 1a PRESSATA SEPARATA = SI, si ottiene la pressata senza
moltiplicatore e senza accumulatore (vedere PRIMA PRESSATA SEPARATA).

6.4.10 PRIMA PRESSATA SEPARATA

La funzione della prima pressata è quella di togliere l’aria contenuta nella polvere da pressare.
Se la prima pressata viene eseguita con un’azione molto rapida e violenta, potrebbe succedere che una parte di aria
non riesca a fuoriuscire con conseguente difetto delle piastrelle pressate (difetto chiamato “laminazione”). Nasce
quindi l’esigenza di dovere effettuare, a volte, la prima pressata in modo più lento e con una azione della pressione
più progressiva. Questo sistema viene chiamato prima pressata separata.
Essa si ottiene impostando 1 a PRESSATA SEPARATA = SI.
La scelta del tipo di prima pressata da eseguire dipende dalla tipologia della polvere che si deve pressare.
Al termine del ritardo di 1a pressata si eccita l’elettromagnete della valvola YV40 che pilota in apertura l’elemento logico
116. Contemporaneamente si diseccita l’elettromagnete della YV53 che pilota in chiusura l’elemento logico 115
escludendo di conseguenza gli accumulatori 18, 18a e 18b dalla linea.
La pressata termina quando nel cilindro si raggiunge il valore della pressione impostata. Senza l’ausilio degli
accumulatori il movimento del pistone principale è lento e progressivo e questo favorisce l’uscita dell’aria dalla polvere
che si sta pressando. Tale tipo di pressata comporta inoltre un minor consumo di energia, in quanto la pressione nella
pompa segue l’andamento di quella nel cilindro partendo da 0 fino al massimo valore, mentre utilizzando gli
accumulatori la pressione nella pompa avrebbe assunto sempre il massimo valore.

6 - 14
014AZ008A
USO DELLA MACCHINA 6
6.4.11 DISAERAZIONE

L’operazione di disaerazione consiste nel sollevare i punzoni superiori dal contatto con la polvere appena pressata,
in modo da permettere all’aria, compressa entro l’alveolo, di liberarsi.
Terminata la fase di prima pressata parte il tempo di durata della 1a disaerazione impostabile nel Sistema di controllo
a microprocessore.
Contemporaneamente si diseccita l’elettrovalvola YV40 la quale pilota in chiusura l’elemento logico 116 e si diseccita
pure l’elettrovalvola YV70 di scarico cilindro. Quest’ultima permette l’apertura dell’elemento logico 118 per scaricare
la pressione di prima pressata dal cilindro principale, collegandolo con il serbatoio 126.
A questo punto si eccita la YV39 che comanda il dosatore della disaerazione 89, regolabile per consentire una corsa
di disaerazione da 0 a 3.4 mm.
La traversa mobile viene spinta tramite l’azione del dosatore 89 verso l’alto distaccando i punzoni superiori dal contatto
con la polvere e permettendo quindi all’aria di uscire dalle cavità attraverso le opportune tolleranze dello stampo.
Terminato il tempo di durata della disaerazione si diseccita la YV39 comandando il riposizionamento del dosatore.
Come si può notare l’azione di disaerazione è regolata dalla combinazione di un tempo e di uno spazio (millimetri di
sollevamento traversa mobile). Naturalmente la giusta regolazione viene ad essere quella eseguita nel minor tempo,
tenendo chiaramente in conto che le piastrelle pressate non devono presentare problemi di laminazione.

6.4.12 SECONDA PRESSATA (ULTIMA PRESSATA)

L’ultima pressata viene eseguita in due fasi distinte che si possono chiamare:
- SECONDA PRESSATA DIRETTA
- PRESSATA CON MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE

6.4.13 SECONDA PRESSATA DIRETTA

Terminato il tempo di disaerazione, si eccita l’elettromagnete della valvola YV70 pilotando in chiusura gli elementi
logici 118 e 119. Si eccita poi l’elettrovalvola YV19 consentendo l’apertura dell’elemento logico 117 da parte della
pressione di linea. Si ha quindi un collegamento diretto tra gli accumulatori ed il cilindro principale.
Se la pressione impostata sull’automatismo è minore di 180 bar la seconda pressata ha termine al raggiungimento
del set point. Se la pressione impostata è maggiore di 180 bar, quando la pressione rilevata dal trasduttore BP1
raggiunge un valore pari alla metà della pressione impostata si diseccita la YV19 chiudendo il collegamento con gli
accumulatori ed inizia la pressata con il moltiplicatore.

6.4.14 PRESSATA CON MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE

Si esegue la prima parte di pressata come descritto nel paragrafo SECONDA PRESSATA DIRETTA.
Quando la pressione misurata all’interno del cilindro principale raggiunge il valore pari alla metà della pressione
impostata, si diseccita la YV19 pilotando in chiusura l’elemento logico 117 e si eccitano la YV38 e la YV41,
permettendo l’apertura degli elementi logici 120 e 131, attraverso i quali l’olio in pressione della pompa e degli
accumulatori 18, 18a, 18b affluisce al moltiplicatore di portata e di pressione 125.

PRESSIONE MASSIMA IMPOSTABILE


CILINDRO PRINCIPALE

PH3020 382

Qualora il valore di pressione massima all’interno del circuito del cilindro principale venga superato, per una qualsiasi
ragione, il pressostato di sicurezza SP2 (tarato e piombato durante il collaudo della macchina) interviene fermando
il ciclo. Sul display del Sistema di controllo a microprocessore apparirà il corrispondente segnale di allarme.

6 - 15
014AZ008A
6 USO DELLA MACCHINA
6.4.15 SECONDA PRESSATA SEPARATA

Qualora fosse necessario eseguire la seconda pressata in maniera più lenta e progressiva è possibile escludere gli
accumulatori 18, 18a e 18b dalla linea impostando sul Sistema di controllo a microprocessore 2 a PRESSATA
SEPARATA = SI. Alla partenza del tempo di intervento della YV19 si diseccita l’elettromagnete della valvola di
esclusione accumulatori YV53 che pilota in chiusura l’elemento logico 115.
Quest’ultimo impedisce all’olio, contenuto negli accumulatori 18, 18a e 18b, di scaricarsi nelle linee di pressione; di
conseguenza solo l’olio fornito dalla pompa principale 58 riempirà il cilindro del pistone principale.
L’elettrovalvola YV53 si eccita al termine del tempo di intervento della YV19. Nella seconda parte della pressata, dove
viene utilizzato il moltiplicatore di pressione, vengono comunque utilizzati gli accumulatori.
Tale tipo di pressata permette di ottenere anche un certo risparmio energetico in quanto la pressione alla pompa segue
l’andamento della pressione nel cilindro e non rimane massima, come quando è in collegamento con gli accumulatori.

6.4.16 SALITA STAMPO

Alla fine della fase di ultima pressata, avviene la partenza del ritardo sollevamento stampo impostabile sul Sistema
di controllo a microprocessore.
Al termine di tale ritardo si ottiene l'eccitazione simultanea degli elettromagneti delle valvole YV22s, YV25, YV22a e
la YV22b in modo da far affluire olio, dalla pompa 58 e dall'accumulatore 12, alla parte inferiore dei pistoni 180a1 e
180b2. Contemporaneamente l'olio della parte superiore dei pistoni 180b1 e 180a2 viene posto a scarico, il canale
intermedio consente la sincronizzazione del movimento di ciascuna coppia di pistoni.
Si determina così la salita dei punzoni inferiori dopo il distacco della traversa mobile. Maggiore sarà il ritardo impostato,
maggiormente si ritarderà la salita dello stampo rispetto alla salita della traversa mobile. Impostando SALITA A
PACCO <> 0 viene ignorato il ritardo salita stampo ed il sollevamento dei punzoni avverrà con la stessa legge della
salita della traversa mobile.

6.4.17 RECUPERO PRESSIONE CILINDRO

Tramite automatismo è possibile inserire questa opzione che risulta essere attiva solo se la pressione nel cilindro è
maggiore della pressione di linea.
Al termine dell’ultima pressata, l’olio in pressione nel cilindro viene messo in collegamento con gli accumulatori 18,
18a e 18b che sono a pressione più bassa, eccitando la YV19 che permette l’apertura dell’elemento logico 117.
Ci sarà un trasferimento di olio fino a che la pressione del cilindro sarà scesa ad un valore pari alla pressione di linea
+30 Bar.
A questo punto si diseccita la YV19, chiudendo l’elemento logico 117 e si diseccita la YV70 consentendo la
decompressione fino a zero della camera del cilindro, tramite l’apertura degli elementi logici 118 e 119.

6.4.18 SALITA FRENATA

Per poter salire con la traversa mobile è necessario togliere la pressione dell’ultima pressata dal cilindro principale. Ciò si
esegue diseccitando la elettrovalvola YV70, che apre gli elementi logici 118 e 119. L’elemento logico 118 mette in
comunicazione il cilindro principale con il serbatoio 126, il 119 mette in comunicazione il moltiplicatore di portata con il
serbatoio. Contemporaneamente viene eccitato l’elettromagnete della valvola YV32s che pilota in apertura l’elemento
logico 108, permettendo all’olio proveniente dalla pompa 58 e dagli accumulatori 18, 18a e 18b di passare nella camera
di salita del pistone principale. Inoltre viene diseccitata la YV32m permettendo così all’olio proveniente dagli accumulatori
di fluire nella camera di salita del moltiplicatore consentendo l’apertura dell’otturatore, infatti l’elettrovalvola YV38 è rimasta
eccitata e quindi l’elemento logico 120 è ancora pilotato in apertura e di conseguenza consente lo scarico della pressione
contenuta nella camera del moltiplicatore di pressione al serbatoio 126. A questo punto la pressione di pilotaggio, esercitata
sull’otturatore, fa risalire il pistone del moltiplicatore e l’olio contenuto nella camera del moltiplicatore di pressione può
passare nel serbatoio attraverso l’apertura creata dall’otturatore stesso. L’olio contenuto nella camera del moltiplicatore di
portata va nel serbatoio attraverso l’elemento logico 119, pilotato dall’elettrovalvola di scarico YV70 diseccitata. Con il
pistone del moltiplicatore che sale si vengono ad aprire le luci di collegamento tra cilindro principale e serbatoio, in questo
modo la pressione esercitata nella camera di salita dall’elemento logico 108 pilotato in apertura dall’elettrovalvola YV32s
può sollevare il pistone principale e l’olio del cilindro può defluire nel serbatoio. Contemporaneamente alla YV32s, avviene
l’eccitazione della YV47. Quest’ultima rimane eccitata fino a quando l’encoder traversa raggiunge il valore impostato in fine
frenata in salita (solo se inserita SALITA FRENATA =SI). La YV47 pilota in chiusura l’elemento logico 174 e l’olio, fornito
dalla pompa principale 58 e dagli accumulatori 18, 18a e 18b attraverso l’elemento logico 108, prima di raggiungere la
camera di salita del pistone principale, è obbligato a passare nello strozzatore 90, tramite il quale è possibile regolare
meccanicamente l’intensità dell’azione di frenatura.
6 - 16
014AZ008A
USO DELLA MACCHINA 6
6.4.19 SALITA RAPIDA

Quando la posizione della traversa mobile, rilevata dall’encoder, esce dal campo di regolazione salita frenata
impostato, l’olio proveniente dall’elemento logico 108 può alimentare direttamente la camera di salita in quanto viene
diseccitata la YV47. La traversa continua la propria salita velocemente fino a quando l’encoder legge la posizione
impostata su posizione traversa alta. L’elettrovalvola YV32s si diseccita e pilota in chiusura l’elemento logico 108; allo
stesso tempo l’elettrovalvola YV38, diseccitata, pilota in chiusura l’elemento logico 120.
A questo punto si arresta la traversa mobile.

6.4.20 ESTRAZIONE

Per ottenere l'estrazione delle piastrelle formate dall'alveolo occorre eccitare le elettrovalvole YV22s, YV25, YV22a
e YV22b. Questo procura il sollevamento dei punzoni inferiori nel modo descritto nel paragrafo SALITA STAMPO. Si
può decidere in che istante partire con l'eccitazione delle elettrovalvole col tempo impostabile ritardo salita stampi. Si
può selezionare se effettuare l'estrazione a pacco oppure libera. Quando lo stampo raggiunge posizione di fine corsa
alto, cioè l'estrazione del materiale pressato è avvenuta, si ha l’arrivo del carrello alimentatore per l'espulsione delle
piastrelle e quindi l'inizio di un nuovo ciclo.

6.4.21 CICLO SFS: STAMPO A FORMATURA SUPERIORE (OPZIONALE)

I pistoni di comando dell’SFS (184) sono posti nella parte superiore dello stampo.
Il circuito è composto da una elettrovalvola a tre posizioni YV193, YV172, da un gruppo di accumulo 337 e da una
valvola riduttrice 336.
Il movimento di estrazione della piastrella avviene eccitando la YV193 (trascorso il ritardo di estrazione punzoni
impostabile dal Sistema di controllo a microprocessore misurato dalla fine dell’ultima pressata), che consente
l’afflusso dell’olio dall’accumulatore 337 alla parte superiore dei pistoni 184.
La regolazione della velocità avviene con il regolatore di flusso 250.
La fase in cui parte il movimento di richiamo dei punzoni è impostabile selezionando l'eccitazione della YV172 o alla
partenza del carrello, o quando il carrello è avanti, oppure quando il carrello è a fine corsa indietro.
L’eccitazione della YV172 consente l’afflusso dell’olio dall’accumulatore alla parte inferiore dei pistoni 184.
La regolazione della velocità avviene agendo sul regolatore di flusso 249.

6.4.22 MATRICE MOBILE

Se è presente uno stampo a specchio è necessario consentire il movimento della matrice inferiore per portare i punzoni
superiori in contatto con la polvere. Per il movimento della matrice si adottato un sistema elastico formato da un
accumulatore 141 ed una valvola riduttrice con controllo della pressione massima a valle 140.
Durante la fase di pressatura il punzone superiore, rigidamente connesso con la traversa mobile, sposta verso il basso
la matrice inferiore; l’olio della parte inferiore dei pistoni 179 rifluisce all’indietro caricando in parte l’accumulatore 141
ed in parte andando a scarico attraverso la 140.
Finita la pressatura, l’accumulatore 141 fornisce la spinta e l’olio necessario al riposizionamento in alto della matrice.
La regolazione della velocità di salita viene eseguita tramite il regolatore di flusso 145. Il ritegno 183 serve per evitare
che la matrice scenda per trafilamenti se la macchina rimane ferma a lungo.

6.4.23 EXTRACORSA MATRICE

Viene utilizzato per la pulizia dei punzoni inferiori agendo su un dato impostabile e premendo i tasti di salita stampo
25 e 13 sulla pulsantiera, con chiave posizionata in manuale o SET-UP. Si eccitano così le valvole YV22a e YV22b
che azionano i pistoni 180a1, 180a2 e 180b1, 180b2 portando lo stampo, in bassa velocità, alla posizione di fine corsa
alto + una quota impostabile.
In questa condizione, sollevando i punzoni inferiori, risulta accessibile il fianco di tali punzoni per la pulizia o per lo
smontaggio dei punzoni stessi.
Al termine azionare i pulsanti 30 e 13 (discesa stampi) e riposizionare il selettore.

6 - 17
014AZ008A
6 USO DELLA MACCHINA
6.4.24 FUNZIONAMENTO DELLA SPAZZOLA

La spazzola è un dispositivo che serve alla pulizia dei punzoni e della matrice. Viene messo in rotazione da un motore
elettrico per mezzo di una trasmissione a cinghia e avanza col carrello.
La spazzola può ruotare solo se la pressa si trova in ciclo automatico o semi automatico di caricamento, e se
l’operatore ha impostato ABILITAZIONE ROTAZIONE = 3 la rotazione è sempre abilitata, con ABILITAZIONE
ROTAZIONE = 1 la rotazione è abilitata solo in andata carrello, e con ABILITAZIONE ROTAZIONE = 2 la rotazione
è abilitata solo in ritorno carrello.
La spazzola può ruotare sempre nella stessa direzione oppure invertire il moto dopo un certo numero impostabile di
giri. Con INVERSIONE ROTAZIONE =NO la spazzola ruota sempre nello stesso senso, impostato con SENSO DI
ROTAZIONE ORARIA = SI, SENSO DI ROTAZIONE ORARIA = NO. Se si sceglie INVERSIONE ROTAZIONE = SI,
si deve poi impostare il numero dei cicli che intercorrono tra un'inversione del moto della spazzola e il successivo. In
caso di spazzola mobile la spazzola ha anche un movimento verticale: alla quota impostata in posizione spazzola
bassa si eccita la elettrovalvola YV192 che, azionando i pistoni pneumatici 270, abbassa la spazzola fino a toccare
la matrice inferiore. Non appena l'encoder del carrello supera la quota impostata in posizione spazzola alta, YV192
si diseccita e la spazzola risale.

6.4.25 MOVIMENTI MANUALI

Sono previsti vari movimenti manuali eseguibili mediante l’azionamento di opportuni pulsanti posti sulla tastiera
di comando. In ogni situazione i movimenti consentiti non comportano rischi per l’operatore.
Tali movimenti possono essere effettuati solo se il selettore modale di funzionamento a chiave presente sulla
tastiera di comando è in posizione MAN.

Si possono presentare diverse situazioni:


- Bracci di sicurezza alti ed il led sul tasto 15 acceso, il fissaggio magnetico dei punzoni inferiori è avvenuto: sono
consentiti esclusivamente i movimenti di salita e discesa stampo (pulsanti 25,30 e 13).
- Bracci di sicurezza alti ed il led sul tasto 15 spento, il fissaggio magnetico non è avvenuto: la macchina è in
condizione di blocco e non sono consentiti i movimenti di salita e discesa stampo.
- Con bracci di sicurezza alti ed il led sul tasto 15 spento, il fissaggio magnetico non è avvenuto.
È possibile impostare:
A) FISSAGGIO MAGNETICO = SI se si vuole abilitare il fissaggio magnetico in questo caso avremo condizione
di blocco e non sono consentiti i movimenti di salita e discesa stampo.
B) FISSAGGIO MAGNETICO = NO se si vuole escludere l'abilitazione del fissaggio magnetico in questo caso
sono consentiti solo i movimenti di salite e discesa stampo.
- Bracci di sicurezza bassi e carrello montato: sono abilitati i movimenti di salita e discesa traversa (pulsanti 25, 30
e 3), i movimenti andata e ritorno carrello (pulsanti 27, 29 e 8), i movimenti di salita e discesa stampi (pulsanti 25,
30 e 13), i movimenti andata e ritorno dell'ALM (pulsanti 21, 27 e 29), i movimenti di traslazione da destra a sinistra
dell'ACP (pulsanti 22, 27 e 29) ed inoltre, se è presente l'SFS, sono consentiti i movimenti di salita e discesa punzoni
superiori (pulsanti 9, 25 e 30).

6.4.26 MOVIMENTI IN SET-UP

Quando viene selezionato il movimento in set-up sul selettore modale, dotato di chiave, posto sulla tastiera di comando
vengono abilitati solo i movimenti della traversa tramite le elettrovalvole YV31s ed YV31d, ovvero con velocità inferiori
a 16 mm/sec., ed i movimenti di salita e discesa stampi (pulsanti 25, 30 e 13).
Tali movimenti possono essere eseguiti anche nelle seguenti condizioni:
- bracci di sicurezza bassi e supporto carrello non collegato alla pressa;
- bracci di sicurezza bassi e dispositivo di estrazione delle piastrelle non presente.

6 - 18
014AZ008A
USO DELLA MACCHINA 6
6.4.27 AZZERAMENTO ENCODER

Premendo i tasti 5 e 28 la macchina esegue in sequenza l’azzeramento automatico degli encoders incrementali.

AZZERAMENTO ENCODER TRAVERSA (ASSOLUTO)


- Si posiziona la traversa mobile al fine corsa superiore.
- I bracci di sicurezza devono essere alzati e la macchina in set up.
- Si imposta sul terminale alla videata relativa all’ AZZERAMENTO ENCODER il numero di encoder 1 = TRAVERSA
vedere manuale tipo "B" USO del SISTEMA DI CONTROLLO A MICROPROCESSORE.

AZZERAMENTO ENCODER CAL ED ALM


- Posizionare l’ALM al limite posteriore (tasti 27+31 e 21).
- Posizionare il carrello nel punto indietro ove si vuole azzerare il conteggio (tasti 27+31 e 8).
- Azzerare l'encoder carrello impostando 5 in NUMERO ENCODER nella pagina AZZERAMENTO ASSI CONFIG.
e chiave in SET-UP.
- Portare il carrello al FINECORSA INDIETRO impostato (tasti 29 e 8).
- Azzerare l'encoder ALM impostando 8 in NUMERO ENCODER nella pagina AZZERAMENTO ASSI CONFIG. e
chiave in SET-UP.
- Portare l'ALM al FINECORSA INDIETRO impostato (tasti 29 e 21).

AZZERAMENTO ENCODER ESTRATTORE


- Si esegue l’ultima caduta stampo.
- Lo stampo si alza in bassa velocità fino a superare la posizione di 0 di alcuni millimetri.
- Lo stampo si abbassa in bassa velocità fino a stampo basso.

6 - 19
014AZ008A
6 USO DELLA MACCHINA

6 - 20
014AZ008A
REGOLAZIONI 7

7 REGOLAZIONI

7.1 REGOLAZIONE POMPA A PORTATA VARIABILE

Per riferimenti vedere la figura 7.1/A.

AVVIAMENTO POMPA
- Riempire l’impianto oleodinamico.
- Riempire il corpo pompa attraverso l’attacco 4 fino al completo riempimento del carter pompa.
- Avviare il motore a piccoli impulsi aventi la durata di pochi secondi fino a che non è evacuata tutta l’aria.

TARATURA DELLA POTENZA MASSIMA ASSORBITA


La pompa a portata variabile ha un regolatore di potenza per limitare la potenza massima assorbibile ad un valore
minore o uguale alla potenza del motore (vedere tabella) indipendentemente dalla pressione raggiunta.

POTENZA MOTORE
PRINCIPALE CENTRALINA
(kW a 50Hz)
PH3020 90

Per regolare l’assorbimento della pompa occorre agire sul regolatore di potenza 5 procedendo nel seguente modo:
- Avviare la pompa principale con bracci di sicurezza alti.
- Allentare la vite 6 del regolatore di potenza 5
- Chiudere a pacco la valvola 112
- Nel caso che sia attivo il “ciclo riscaldamento olio” (YV11r eccitata) scollegare la valvola YV11r .
- Assicurarsi che la pressione sia quella di lavoro , eventualmente regolarla ( Vedi paragrafo TARATURA PRESSIO-
NE DI LAVORO ) agendo sulla 112a .
- Tenere premuto il pulsante 28 del sistema di controllo a microprocessore (si eccita la YV99, la pompa eroga olio che
va a scarico dalla valvola di sicurezza 111, la pressione raggiunge il valore della pressione di lavoro della pressa).
- Inserire una pinza amperometrica sulle fasi dei cavi di alimentazione del motore.
- Ruotare la vite 6 del regolatore di potenza fino a leggere sulla pinza amperometrica il valore di assorbimento
espresso in AMPERE indicato sulla targa del motore diviso 1,732 se è un motore a 50 Hz, se invece è un motore
a 60 Hz dividere per 1,732 e successivamente dividere ancora per 1,15; la lettura va eseguita su ogni fase ed il valore
di riferimento è quello medio tra le tre fasi; se non fosse disponibile una pinza amperometrica, servirsi dell'amperometro
posto sulla cabina tenendo presente che la corrente letta è quella totale sulle tre fasi e, nella regolazione, deve
corrispondere al valore indicato sulla targa del motore se è un motore a 50 Hz, se invece è un motore a 60Hz il valore
di targa va diviso per 1,15.
In tali condizioni di lettura, essendo l'amperometro sulla linea della cabina e non del motore della centralina, occorre
assicurarsi di avere le altre utenze escluse.

N. B.
Come regola generale il valore di corrente massima deve essere:
Per la frequenza 50 Hz
- uguale alla corrente di targa per la lettura eseguita sull'amperometro in cabina;
Ilettura = ITarga
- uguale alla corrente di targa diviso per 1,732 per la lettura eseguita sulle singole fasi;
ILettura = ITarga : 1,732
Per la frequenza 60 Hz
- uguale alla corrente di targa diviso per 1,15 per la lettura eseguita sull'amperometro in cabina;
ILettura = ITarga : 1,15
- uguale alla corrente di targa diviso per 1,732 e successivamente diviso per 1,15 per la lettura eseguita sulle
singole fasi;
ILettura = ITarga : (1,732 x 1,15)

- Bloccare la vite 6 nella posizione di taratura.


Dopo aver eseguito la taratura della potenza rifare la taratura delle valvole 112a, 112 e 10 ed eventualmente ricollegare
la valvola YV11r (vedere paragrafo TARATURA PRESSIONE IMPIANTO E TARATURA PRESSIONE LAVORO).
7-1
014AZ008A
7 REGOLAZIONI
TARATURA PRESSIONE MASSIMA IMPIANTO (Valvola di sicurezza e riscaldamento olio)
Come sicurezza ad eventuali malfunzionamenti dell’impianto vi è una valvola di massima pressione.
Questa (112a + 111) è ubicata sulla piastra comando sollevamento e carrello. Per procedere alla taratura della
pressione di sicurezza agire nel seguente modo:
- Scollegare il connettore della YV11r (valvola per riscaldamento olio).
- Avviare la pompa principale con bracci di sicurezza alto.
- Allentare la valvola 112a da tarare a fine corsa indietro.
- Avvitare la valvola 112 posta sul blocchetto fissato sul telaio della centralina a fine corsa.
- Spingere il pulsante di pressione 28 sul sistema di controllo a microprocessore; la pressione si porterà a circa 10-
20 bar; la YV99 sarà eccitata, e la cilindrata della pompa sarà massima (indicatore 9 in posizione 11) inviando a
scarico tutta la portata.
- Avvitare lentamente la valvola di sicurezza 112a fino a leggere il valore della pressione di sicurezza che si vuole
impostare sul manometro della pressione di pompa 13.
- Bloccare la valvola così tarata nella posizione corretta.
- Collegare il connettore della YV11r (valvola per riscaldamento olio) e, poiché l'olio non dovrebbe essere ancora in
temperatura, la YV11r riattiva il ciclo di riscaldamento olio.
Allentare completamente la valvola di massima pressione 10, scaricare la pressione degli accumulatori superiori,
serrare la valvola 10 fino a leggere la pressione di riscaldamento olio desiderata (150 bar) e bloccare la vite di
regolazione.
PRESSIONE DI SICUREZZA
(bar)
PH3020 250

TARATURA PRESSIONE DI LAVORO


(Vedere figura 7.1/A)

La valvola che regola la pressione di lavoro in linea 112 è posta sul blocchetto fissato al telaio della centralina. Per
eseguire questa taratura occorre avere regolato la pressione massima di sicurezza come già descritto e procedere
nel seguente modo:
- Avviare la pompa principale con bracci di sicurezza alto.
- Allentare la valvola di massima pressione 112 e scaricare la pressione degli accumulatori.
- Serrare progressivamente la valvola 112 (sempre con il pulsante 28 premuto) fino a leggere la pressione di lavoro
richiesta e bloccare la vite di regolazione.
A regolazione avvenuta, se tutto è stato eseguito correttamente si deve osservare la cilindrata della pompa annullarsi
(indicatore 9 in posizione 10 corrispondente alla tacca di 0°). In tali condizioni non si deve più udire l’olio andare a
scarico dalla valvola di massima pressione 112a.

PRESSIONE DI LAVORO
(bar)
PH3020 230

VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO


(Vedere figura 7.1/A)

- Motore spento; pompa ferma: indicatore di cilindrata 9 in posizione 11.

7-2
014AZ008A
REGOLAZIONI 7
- Motore acceso; pompa in rotazione; bracci di sicurezza alti: indicatore di cilindrata 9 in posizione 10, pompa in
annullamento di portata; pressione di linea = 20 bar.
- Pressa in Stand by; motore acceso; pompa in rotazione; bracci di sicurezza bassi: indicatore di cilindrata 9 in
posizione 10, pompa in annullamento di portata; pressione di linea cioè la pressione di lavoro precedentemente
tarata.
Se la pompa non è in cilindrata nulla in questi due casi significa che c’è una fuga di olio nell’impianto (verificare che
la valvola di massima 112a sia stata tarata in modo corretto).
- Pressa in ciclo automatico con uso di accumulatori: l’andamento della potenza assorbita e quindi della corren-
te deve essere simile a quello indicato, in cui compare una limitazione di potenza assorbita a 75 kW ed una
riduzione a 13 kW corrispondente all’annullamento della cilindrata, quando la pressione di linea raggiunge il
valore di taratura.

NOTA: I diagrammi, frutto di registrazioni, sono da ritenersi indicativi in quanto dipendenti da parecchi fattori quali:

- numero di cicli

- spessore del soffice

- pressione massima di lavoro

- tipo di macchina

7-3
014AZ008A
7 REGOLAZIONI

Figura 7.1/A1 - POMPA A PORTATA VARIABILE REXROTH

1 Corpo regolatore di cilindrata


2 Vite di limitazione cilindrata massima
3 Vite di limitazione cilindrata minima
4 Drenaggio e riempimento corpo pompa
5 Regolatore di potenza
6 Vite di taratura regolazione potenza
7 Regolatore di pressione
8 Vite di taratura pressione minima
9 Indicatore di cilindrata
10 Posizione di cilindrata nulla
11 Posizione di cilindrata massima
12 Corpo pompa
13 Linea di aspirazione
14 Linea di mandata
15 Valvola controllo pressione di linea
17 Meccanismo regolatore di potenza
18 Collegamento col pilotaggio
esterno XD

18 7
8

4
5
3
2

12

11

10

15° 15°
0
Pos. 11
Pos. 10
C0190
C0197 (Vista dall'alto della pompa)

7-4
014AZ008A
REGOLAZIONI 7

Figura 7.1/A2 - POMPA A PORTATA VARIABILE REXROTH

CENTRALINA OLEODINAMICA
A
T T P1

A
10 B
YV99 P T 15
7 112
YV11r A B

P T 18
6 5
112a SP1
M11
B B
8
M
A
17
78
111 12 2 49
79
U
T
BT4
P
58 3
SP3
P
13 P

14 13 1 4
M M1

C2781

Figura 7.1/B - PRESSA IN CICLO AUTOMATICO: CON USO DI ACCUMULATORI


pot=10.00 KW (/div)
tswp=5.041 Sec points=3531
Replay Menu Active
Frame # 1-1 FIG 1: CICLO CON ACCUMULATORI X Range [0.06 - 0.40]

1LdData 2SvData 3Commts 4Ca1c 5Retrac 6List 7Title 8Cursor 9Param


10Exit C0303

7-5
014AZ008A
7 REGOLAZIONI
7.2 TARATURA ED AZZERAMENTO ENCODER DI POSIZIONE

Le operazioni di azzeramento sono necessarie tutte le volte che si sostituisce un encoder o un qualsiasi pezzo
meccanico inerente al suo movimento, oppure la scheda CPU.

7.2.1 TRASDUTTORI TRAVERSA

Gli encoder montati sulla traversa presentano una zona centrale di lavoro e due zone esterne di non lettura (vedi
figura), lunghe rispettivamente 66 mm e 28 mm.
Occorre che il campo di moto dell’asse al quale si riferisce l’encoder sia centrato totalmente nella zona attiva.

Figura 7.2.1 - AZZERAMENTO ENCODER TRAVERSA E MOLTIPLICATORE

* = non legge la posizione * ** *


Zona morta
66.0 mm
** = zona di lavoro (2.60 in.)
Spazio vuoto
28 mm
(1.00 in.)

Per effettuare la procedura di azzeramento la sequenza delle operazioni è la seguente:


a) Portare la traversa mobile al fine corsa superiore.
b) Sollevare i bracci di sicurezza.
c) Girare il selettore in SET-UP.
d) Portarsi alla pagina relativa all'AZZERAMENTO ENCODER sul terminale del microprocessore.
e) Impostare azzeramento traversa mobile.

7.2.2 ENCODER ESTRATTORE

Gli encoder montati sull’estrattore non necessitano di particolari regolazioni ma è comunque necessario, in caso di
sostituzione dell’encoder, verificare:
a) Che il montaggio dell’encoder sia stato realizzato correttamente (come da istruzioni SACMI) e che i movimenti
dell’encoder siano liberi (senza interferenze).
b) Che in posizione di trasduttore completamente basso il tastatore sia al di sotto del piano di appoggio stampo di
circa 0,5 mm.

7-6
014AZ008A
MANUTENZIONE 8

8 MANUTENZIONE
Descriviamo le operazioni di controllo e manutenzione interessanti la pressa.
La prima parte, come è possibile constatare sulla tabella seguente, deve essere effettuata con una certa continuità
ad una frequenza stabilita sulla tabella stessa. Le altre operazioni invece saranno effettuate soltanto quando
l’operatore ne ravviserà la necessità.

ATTENZIONE!
E0004P

Prima di effettuare qualsiasi operazione di manutenzione leggere attentamente le procedure di sicurezza descritte
nel capitolo 3 - SICUREZZE.

8.1 OPERAZIONI PERIODICHE

PRIME MANUTENZIONI DA EFFETTUARE IN SEGUITO


OPERAZIONI DOPO ORE: OGNI
(***)
8 40 80 200 500 2000 4000
1 - PULIZIA GENERALE DI PRESSA E STAMPO 8 ore
2 - VERIFICA DELLO STATO DI USO DEI FELTRI 80 ore
3 - LUBRIFICAZIONE BOCCOLE TRAVERSA 80 ore
4 - CONTROLLO DELL'ESTRATTORE 80 ore
5 - CONTROLLO SERRAGGIO BULLONERIA 2000 ore
6 RICIRCOLO E FILTRAGGIO OLIO, 1000 ore
7 - PULIZIA INTERNA DELLA CABINA ELETTRICA 2000 ore
8 - SOSTITUZIONE CARTUCCE FILTRANTI DEI FILTRI (*)
9 - VERIFICA TRAFILAMENTI 200 ore
10 - CONTROLLO POMPA A PORTATA VARIABILE 200 ore
11 - VERIFICA COLLEGAMENTI ELETTRICI A TERRA (**) 80 ore
12 - PULIZIA FILTRI ARIA STAMPO 80 ore
13 - VERIFICARE DISPOSITIVI DI SICUREZZA 80 ore
14 - SOSTITUZIONE DELLA CARTUCCIA FILTRO ARIA DI 4000 ore
PRESSURIZZAZIONE
15 - VERIFICARE L'EFFICIENZA DELL'IMPIANTO DI ASPIRAZIONE 500 ore
16 - CAMBIO OLIO CENTRALINA 4000 ore
17 - VERIFICARE L'EFFICIENZA DELLO SCAMBIATORE DI 200 ore
CALORE OLIO/ACQUA
18 - LUBRIFICAZIONE TASTATORI ESTRATTORE 80 ore
19 - SOSTITUZIONE TUBO SALITA MOLTIPLICATORE A 6.000.000 di cicli o non oltre 5 anni
20 - SOSTITUZIONE TUBO SALIT A TRAVERSA A 6.000.000 di cicli o non oltre 5 anni

C2223
(*) L'operazione deve essere effettuata soltanto quando viene segnalata.
(**) In particolare verificare alla fine di ogni cambio stampo.
(***) Frequenza di intervento periodica segnalata automaticamente sul display terminale dell'automatismo.
Valore indicativo.

1 - PULIZIA GENERALE DELLA PRESSA in particolare del carrello, della griglia, della piastra di scorrimento e della
parte dello stampo appoggiata al bancale.

8-1
014AZ008A
8 MANUTENZIONE
2 - VERIFICA DELLO STATO DI USO DEI FELTRI posti a protezione delle boccole della traversa.

3 - LUBRIFICAZIONE DELLE BOCCOLE DELLA TRAVERSA (manualmente con l’ausilio dell’apposita pompa
attraverso gli ingrassatori).

4 - CONTROLLO DELL’ESTRATTORE verificare che non vi siano zone con perdite di olio o viti di serraggio allentate.

5 - CONTROLLO DEL SERRAGGIO DI TUTTA LA BULLONERIA. Vedere apposita tabella 8.3.

6 - RICIRCOLO E FILTRAGGIO OLIO. Da effettuare la prima volta dopo 500 ore di lavoro, in seguito ogni 1000 ore.
Per le procedure vedere paragrafo 8.2.5 - RICIRCOLO E FILTRAGGIO.

7 - PULIZIA INTERNA DELLA CABINA ELETTRICA. Pulizia interna delle apparecchiature elettriche ed elettroniche
aspirando (non soffiando), pulire i contatti con etere.

8 - SOSTITUZIONE SETTI FILTRANTI DEI FILTRI. Quando si sono intasati i setti filtranti dei filtri, gli indicatori di
intasamento SP1 (Filtro sul circuito di filtrazione principale posto nella centrale idraulica della macchina) e SP5
(Filtro dell'alimentazione delle valvole dell'estrattore posto sul circuito dell'estrattore) fanno comparire il relativo
messaggio sul terminale del sistema di controllo.
Quando sul display appare l’indicazione “Filtro intasato (SP1)” appare anche un contatore che segnala "Sostituire
il filtro entro XX". La pressa può continuare a produrre fino a quando il numero indicato come scadenza per la
sostituzione del filtro non arriva a zero; esaurito il conteggio la pressa si bloccherà terminando il ciclo di pressatura
in corso, si potrà ripartire solo dopo che il filtro sarà stato sostituito.
Quindi dalla comparsa dell'indicazione del filtro intasato al blocco della pressa si ha la possibilità di sostituire i filtri
programmando in anticipo l'intervento.
Ad ogni sostituzione dell'elemento filtrante procedere ad un'accurata pulizia del contenitore.
E' importante controllare lo stato delle guarnizioni dei filtri ogni volta che si procede all'apertura del relativo
contenitore.
I filtri controllati dall'indicatore SP1 vanno sostituiti solo quando viene segnalato dal PLC della pressa o ad ogni
cambio d'olio.
Il filtro controllato dall' indicatore SP5 va sostituito quando viene segnalato dal PLC della pressa o con una cadenza
annuale (nel corso degli eventuali fermi per manutenzione programmata).
Si raccomanda di utilizzare solo filtri originali SACMI per evitare eventuali problemi alla pressa.

9 - VERIFICA TRAFILAMENTI. Controllare se nelle zone di appoggio delle valvole e degli elementi logici vi sono
trafilamenti di olio.
Controllare il livello di olio nell’apposito recipiente di raccolta trafilamenti.

10 - CONTROLLO POMPA A PORTATA VARIABILE. Si tratta di una verifica dello stato di usura interno degli organi
di tenuta.
La condizione di funzionamento regolare è la seguente:
tenendo spinto il pulsante di pressione controllare che l’indicatore di cilindrata posto sul corpo pompa sia in
posizione zero e che il consumo di energia elettrica del solo motore della pompa non sia superiore a quella prevista
in fase di taratura della potenza massima assorbita. Se ciò non accade richiedere assistenza specializzata.

8-2
014AZ008A
MANUTENZIONE 8
11 - COLLEGAMENTI A TERRA
Verificare l'integrità del collegamento a terra della macchinA e tra la traversa fissa e quella mobile e se necessario
ripristinarli.

Punti di fissaggio:
A - traversa fissa
B - traversa mobile
C - bancale A
F - barra di terra in cabina elettrica
B

C
F C2783

Verificare inoltre i collegamenti a massa dello stampo. (Vedere figura - SCHEMA DI COLLEGAMENTO STAMPO,
cavi D ed E al capitolo 4 - INSTALLAZIONE).

E0004P
ATTENZIONE!

La vernice, nei punti di contatto della macchina coi cavi di messa a terra e di massa, deve essere eliminata prima
del serraggio delle relative viti per garantire un efficace contatto.
Il mancato collegamento a terra e/o a massa delle parti indicate può comportare serie conseguenze per la
macchina e l'operatore.

12 - PULIZIA FILTRI ARIA STAMPO


Smontare i filtri e pulirli con l'ausilio dell'aria compressa, verificarne lo stato e se necessario sostituirli (curare la
tenuta della guarnizione dei filtri nella fase di chiusura del coperchio)

13 - VERIFICARE DISPOSITIVI DI SICUREZZA


Controllare il corretto funzionamento di tutti i dispositivi di sicurezza: pulsanti di blocco, microcontatti di sicurezza
e barriere fisse.

14 - SOSTITUIRE LA CARTUCCIA FILTRANTE DEL FILTRO DELL'ARIA DI PRESSURIZZAZIONE


Sostituire almeno una volta all'anno la cartuccia del filtro a coalescenza 271.

15 - VERIFICARE L'EFFICIENZA DELL'IMPIANTO DI ASPIRAZIONE


Controllare che siano collegate le prese di aspirazione e che l'impianto funzioni secondo le specifiche SACMI.

16 - CAMBIO OLIO NELLA CENTRALINA. Sostituire l’intera carica di olio avendo cura di pulire i serbatoi dai depositi
presenti. Utilizzare esclusivamente olio idraulico le cui caratteristiche rispettino i valori indicati nel paragrafo delle
specifiche tecniche. L'intervallo di sostituzione dell'olio della centralina indicato nella tabella è puramente
indicativo, l'intervallo effettivo dovrà essere richiesto al fornitore dell'olio utilizzato.

17 - VERIFICARE L'EFFICIENZA DELLO SCAMBIATORE DI CALORE OLIO/ACQUA


Controllare che la temperatura dell'olio rimanga nei limiti e che non aumenti rapidamente. Nel caso sia necessario
intervenire sullo scambiatore vedere le istruzioni al paragrafo 8.4.

8-3
014AZ008A
8 MANUTENZIONE
18 - LUBRIFICAZIONE TASTATORI ESTRATTORE
Lubrificare i tastatori dell'estrattore secondo quanto indicato al punto 8.1.1.

19 - SOSTITUZIONE TUBO SALITA MOLTIPLICATORE


Mettere la pressa in sicurezza, togliere l'olio idraulico dalla macchina, smontare il coperchio del serbatoio
principale per accedere al tubo.

20 - SOSTITUZIONE TUBO SALITA TRAVERSA


Mettere la pressa in sicurezza, togliere l'olio idraulico dalla macchina, procedere alla sostituzione del tubo.

8.1.1 LUBRIFICAZIONE TASTATORI ESTRATTORE

Eseguire la lubrificazione utilizzando l’attrezzatura a corredo dell’estrattore con lo stampo alto:


- togliere il tappo dal blocchetto portapunzoni dello stampo;
- collegare l’apposito kit al foro;
- riempire il tubo accluso per una lunghezza di 300 mm con un lubrificante a bassa tensione superficiale (gasolio);

E0004P
ATTENZIONE!
Non utilizzare né olio né grasso.

- tramite una pistola ad aria compressa applicata sull’estremità del tubo inalare il lubrificante all’interno dello stampo
per lubrificare i tastatori.

8-4
014AZ008A
MANUTENZIONE 8
8.1.2 DEPRESSIONE

Nel caso in cui si vogliano sostituire componenti idraulici senza togliere l’olio dalla pressa è necessario porre in
depressione il circuito idraulico utilizzando l’attrezzatura fornita a corredo macchina. Procedere come segue:
- mettere a scarico gli accumulatori;

E0004P
ATTENZIONE!
Prima di effettuare qualsiasi operazione sulla pressa attendere che gli accumulatori siano completamente scarichi.

- scollegare il circuito di pressurizzazione dall’alimentazione dell’aria compressa ed attendere che non esca più aria
dal circuito;
- collegare il tubo A al raccordo B del depressore ed il tubo C al raccordo D del depressore;
- attendere alcuni minuti.
Per evitare danneggiamenti al circuito idraulico è necessario mantenere la pressa in depressione il minimo
indispensabile ed in ogni caso un tempo minore agli 60 minuti. Inoltre si deve avere cura di coprire eventuali aperture
del circuito idraulico per evitare l’ingresso di contaminante nel circuito stesso.
NB per la sostituzione delle valvole di grosso diametro collegate direttamente con il serbatoio ovvero la YV32 e la YV70
si consiglia di togliere l’olio dalla pressa.

Figura 8.1.2 - DEPRESSIONE

0 12

C2138

8-5
014AZ008A
8 MANUTENZIONE
8.2 OPERAZIONI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

8.2.1 MANUTENZIONE BOCCOLE TRAVERSA


(Riferimenti alla figura 8.2.1)

Le boccole non necessitano di alcuna registrazione, infatti il materiale con cui sono state costruite garantisce una lunga
durata in funzione anche di un efficace sistema di doppia tenuta che evita alla polvere di venire a contatto con le boccole
stesse. In fase di montaggio, si abbia cura che la ovalizzazione, indicata con una lettera O impressa sulla boccola
stessa, sia rivolta verso il centro della pressa.
Figura 8.2.1
- MANUTENZIONE BOCCOLE TRAVERSA

8.2.2 RIEMPIMENTO SERBATOIO C0306


(Riferimenti alla figura 8.2.2)

Il riempimento avviene con l’ausilio della pompa mobile di carico olio.


- Svitare il tappo Q di livello (serbatoio di preriempimento) per consentire l’evaquazione dell’aria.
- Aprire la valvola a sfera A (tubo di aspirazione).
- Inserire il tubo di gomma B (aspirazione pompa) nel fusto dell’olio C.
- Innestare l’estremità del tubo D (mandata) nel punto N (tubo di aspirazione).
- Aprire la valvola a sfera P.
- Avviare la pompa di carico olio: interruttore F.
- Verificare che il filtro olio G non sia intasato (colore rosso nell’indicatore visivo H).

Se necessario sostituire la cartuccia filtrante (3 µm assoluti).


- Verificare visivamente il completo riempimento di olio nella centralina osservando la presenza di olio nel tubo L.
Raggiunto il livello desiderato (con traversa mobile bassa)

- Fermare la pompa: interruttore F.


- Chiudere la valvola a sfera P.
- Disinnestare il tubo D dal punto N.

E0004P
ATTENZIONE!
Se non è stata acquistata la pompa opzionale per il riempimento sarà cura del cliente provvedere alla filtrazione
dell'olio proveniente dai fusti, con filtri aventi un grado di filtrazione di 3 µm in assoluto in modo da assicurare una
classe di pulizia dell' olio in ingresso alla pressa secondo la ISO 4406:1999 di 19/17/13.

8.2.3 SCARICO OLIO CENTRALINA E SERBATOIO


(Riferimenti alla figura 8.2.3)

- Assicurarsi che la valvola a sfera A (tubo aspirazione) sia aperta.


- Aprire la valvola di ritegno 7 posta sulla piastra accumulatori avvitando fino al fine corsa l'apposita vite.
- Inserire il tubo D nell'apposito contenitore di raccolta olio C.
- Collegare il tubo di scarico D al punto N sul tubo di aspirazione.
- Pressurizzare il circuito (1 BAR).
- Aprire la valvola a sfera P.
- Procedere allo svuotamento del serbatoio e della centralina.
8-6
014AZ008A
MANUTENZIONE 8

Figura 8.2.2 - RIEMPIMENTO SERBATOIO


Q

P
L

N
F

H
G C2224

C D

Figura 8.2.3 - SCARICO OLIO CENTRALINA E SERBATOIO

7
P

D
N

C
C2225

8-7
014AZ008A
8 MANUTENZIONE
8.2.4 SCARICO OLIO TUBAZIONI E PIASTRE IDRAULICHE

- Collegare il tubo di scarico D al punto M sulla piastra dei servizi.


- Inserire il tubo D nell'apposito contenitore di raccolta olio C.
- Pressurizzare il circuito (1 Bar).
- Togliere i dadi sul ritegno 7 e avvitare la vite a pacco. Questo permetterà l'uscita dell'olio fino a livello del punto M.
- Per svuotare ulteriormente le tubazioni collegare il tubo D al punto N e aprire il rubinetto P.

Figura 8.2.4 - SCARICO OLIO TUBAZIONI E PIASTRE IDRAULICHE

P
C N

M
C2226

8-8
014AZ008A
MANUTENZIONE 8
8.2.5 RICIRCOLO E FILTRAGGIO

- Eseguire periodicamente (circa 1000 ore) un ricircolo e filtraggio dell'olio, collegando la pompa di carico olio secondo
lo schema.

ATTENZIONE!
E0004P

Prima del collegamento controllare che tutti gli elementi (tubi e raccordi) siano perfettamente puliti

- Collegare il tubo D (mandata pompa) nel punto S (serbatoio di preriempimento).


- Collegare il tubo B (aspirazione pompa) nel punto N (tubo aspirazione).
- Aprire la valvola a sfera P.
- Fare funzionare la pompa carico olio (interruttore F) per circa tre turni di lavoro della pressa e durante la sosta notturna.
- Controllare periodicamente che la pompa non si sia arrestata a causa dell'intasamento dei filtri olio G (colore rosso
nell'indicatore visivo H).
- Sostituire, se necessario, le cartucce filtranti (3 µm assoluti).

Figura 8.2.5 - RICIRCOLO E FILTRAGGIO

H
P
H
N

C2227
G

8-9
014AZ008A
8 MANUTENZIONE
8.2.6 SOSTITUZIONE VALVOLE PROPORZIONALI DELL'ESTRATTORE YV22a E YV22b

Qualora si renda necessaria la sostituzione di una di queste valvole procedere come segue:
- Preparare la nuova valvola riempiendo le varie bocche con olio pulito.
- Premere il pulsante di blocco della macchine e staccare la pressurizzazione.
- Allentare tutti i grani di figura 8.4.3 in modo da scaricare eventuali zone con olio in pressione dopodichè serrarli.

E0004P
ATTENZIONE!
Prestare particolare attenzione al serraggio dei grani per evitare di danneggiare le filettature.

- Sostituire la valvola.
- Attaccare la pressurizzazione.
- Allentare i grani 1, lasciare uscire l’olio fino a quando non ci sia più aria al suo interno.
- Serrare i grani 1.
- Mettere in moto la pompa.
- Allentare i grani 1.
- Fare alcuni cicli di salita e discesa stampo fino quando da tutti i grani non esca solamente olio e non olio misto ad
aria.
- Serrare i grani 1.
- Spegnere e riaccendere il PLC per eseguire la procedura di azzeramento encoder con la nuova valvola.

Figura 8.2.6 - SPURGHI PIASTRE DI COMANDO 1

1
1

C2125 1

8 - 10
014AZ008A
MANUTENZIONE 8
8.2.7 CONTROLLO PRECARICA ACCUMULATORI

La precarica del gas degli accumulatori viene tarata al montaggio della macchina al valore standard indicato al
paragrafo DATI TECNICI.
Per verificare il valore della precarica procedere nel seguente modo:
- Scaricare l'olio di tutti gli accumulatori presenti sulla macchina tramite gli appositi rubinetti.
- Assicurarsi che non vi sia pressione nel circuito oleodinamico.
- Svitare il tappo lato valvola di gonfiaggio 38.
- Svitare il regolatore di manovra 39.
- Aprire lo spurgo 40.
- Avvitare manualmente il verificatore gonfiatore sulla valvola di gonfiaggio.
- Bloccare manualmente il raccordo orientando il manometro.
- Avvitare il regolatore di manovra 39 osservando l’ago del manometro. Quando l’ago si sposta dal valore 0, continuare
ad avvitare (1/2 giro è sufficiente; è inutile avvitare fino al bloccaggio).
- Leggere la pressione di gonfiaggio sul manometro (verificare i valori riscontrati con quelli previsti per i vari
accumulatori al paragrafo DATI TECNICI).
• Per ridurre la pressione.
- Aprire lentamente la chiavetta di spurgo fino a pressione desiderata.
• Per aumentare la pressione.
- Togliere il tappo zigrinato 41.
- Collegare l’estremità del tubo flessibile (1/4”BSO a 60°) al raccordo 42.
- Raccordare l’altra estremità del tubo flessibile alla fonte di azoto ed immettere pressione (è imperativo aspettare
che lo scambio termico, provocato dal movimento delle pressioni, sia stabilizzato, prima di procedere alla verifica
od alla precarica).

E0004P
ATTENZIONE!

Gli accumulatori devono essere precaricati utilizzando esclusivamente azoto secco in bombole munite di riduttore.
L’impiego di compressori d’aria e/o ossigeno é assolutamente vietato.

- Per lo smontaggio eseguire il tutto in maniera inversa.


- Assicurarsi della tenuta della valvola di gonfiaggio sull’accumulatore.
- Avvitare il tappo lato valvola di gonfiaggio.

Figura 8.2.7 - CONTROLLO PRECARICA ACCUMULATORI

39

41

42
T2543

40
38

8 - 11
014AZ008A
8 MANUTENZIONE
8.3 VALORI DI TARATURA DELLA BULLONERIA

S.R. = Sezione resistente (mm2)


MS = Coppia di serraggio (kgm)
V = Precarica (corrispondente alla coppia serraggio) (kg)

NOTA: Il serraggio delle viti di classe 12K con chiave dinamometrica, deve essere eseguito come se la classe fosse
10K.

Esempio: una vite Ø 12 mm. passo 1,75 classe 12K va serrata a kgm 12,28 anziché a kg 14,74.

VITI A PASSO NORMALE

DIAMETRO mm. 4 5 6 8 9 10 12 14 16 18 20 22 24

PASSO mm. 0.70 0.80 1.00 1.25 1.25 1.50 1.75 2.00 2.00 2.50 2.50 2.50 3

S.R. mm2 8.11 13.31 18.68 34.57 45.77 55.28 79.92 110.16 150.49 185.16 236.52 294.16 338

5S MS = kgm 0.22 0.43 0.73 1.81 2.33 3.23 5.46 8.33 12.72 16.02 24.88 33.10 44.00

V = kg 227 373 523 978 1282 1548 2238 3084 4214 5184 6823 8436 9880

8G MS 0.34 0.69 1.16 2.90 3.73 5.18 8.74 13.32 20.36 25.63 35.81 43.36 60.5

V 363 596 837 1549 2050 2477 3580 4935 6742 8295 10596 13178 15800

10K MS 0.49 0.96 1.64 4.07 5.25 7.28 12.28 18.74 28.63 36.04 50.36 60.97 85.3

V 511 839 1177 2178 2884 3483 5035 6940 9481 11665 14900 18532 21740

12K MS 0.58 1.16 1.96 4.89 6.30 8.73 14.74 22.49 34.36 43.25 60.43 73.16 100.9

V 613 1006 1412 2613 3460 4179 6042 8328 11377 13998 17830 22238 26000

VITI A PASSO FINE

DIAMETRO mm. - - - 8 - 10 12 14 16 18 20 22 24

PASSO mm. - - - - 1.00 - 1.00 1.50 1.50 1.50 1.50 1.50 1.50 2

S.R. mm2 - - - 37.14 - 61.87 83.83 119.42 161.29 209.44 263.86 324.58 374.5

5S MS = kgm - - - 1.92 - 3.52 5.68 8.83 13.37 17.48 27.16 35.81 45.7

V = kg - - - 1040 - 1732 2347 3344 4516 5864 7688 9388 10800

8G MS - - - 3.08 - 5.63 9.09 14.12 21.39 27.96 38.65 52.10 66.00

V - - - 1664 - 2772 3756 5350 7226 9383 11821 11541 17200

10K MS - - - 4.33 - 7.91 12.78 19.86 30.08 39.32 54.36 73.82 91.00

V - - - 2340 - 3898 5281 7523 10161 13195 16623 21249 24300

12K MS - - - 5.19 - 9.50 15.34 23.83 36.09 47.18 65.23 88.79 110.0

V - - - 2808 - 4677 6338 9005 12194 15834 19948 21538 29200

8 - 12
014AZ008A
MANUTENZIONE 8

8.4 MANUTENZIONE SCAMBIATORE DI CALORE

PULIZIA DELLO SCAMBIATORE


- Svitare i dadi dei tiranti ed allontanare la piastra mobile.
- Controllare lo spessore delle guarnizioni ed eventualmente sostituirle.
- Togliere le piastre dall'intelaiatura.
- Se fossero sporche o incrostate procedere come segue:

Tipologia del sedimento Operazione di pulizia

Depositi solidi non attaccati alle piastre o alle Asportarli con acqua corrente con limitata pressione
griglie

Fanghiglie molli Procedere come sopra

Fanghi o fanghiglie dure Tenere le piastre in ammollo, quindi procedere come sopra

Incrostazioni calcaree dure Immergere le piastre (senza togliere le guarnizioni alle


griglie) in soluzioni di acido cloridrico o nitrico al 10% per
circa 5 minuti, quindi risciacquare in abbondante acqua
corrente. Se necessario ripetere l'operazione

N.B. Non togliere mai le griglie e le guarnizioni dalle loro sedi, salvo che per sostituire le guarnizioni che fossero usurate.

E0004
ATTENZIONE!
Si raccomanda di non usare nessun tipo di solvente.

8.4.1 SOSTITUZIONE DELLA GUARNIZIONE

Occorre verificare lo spessore della guarnizione misurandola assieme alla piastra. Lo spessore della guarnizione con
la relativa piastra non deve essere inferiore a 4,1 mm, nel caso che le guarnizioni abbiano uno spessore inferiore a
questo valore occorre sostituire tutte le guarnizioni dello scambiatore e richiudere lo stesso considerando un valore
di precarico delle piastre per scambiatore nuovo.

- Togliere la griglia a maglia quadrata dalla piastra.


- Estrarre la guarnizione dalla propria sede e ripulire il bordo della piastra da eventuale sporco.

Se l'inserimento della nuova guarnizione risultasse difficoltoso è possibile facilitarne l'ingresso alzando leggermente
il bordo ripiegato della piastra con una spatola.

- Rimontare la griglia facendo attenzione che questa sia inserita correttamente nella sede interna della guarnizione
stessa.

8 - 13
014AZ008A
8 MANUTENZIONE
8.4.2 SERRAGGIO DEI TIRANTI

Questa operazione può essere eseguita senza l'ausilio di particolari attrezzature (chiavi dinamometriche), la quota di
rispetto n x A indicata nel disegno può anche essere superata (pacco piastre più pressato), rispetto al valore del primo
serraggio, purché si rimanga all'interno dei valori riportati nella tabella seguente, per compensare la riduzione dello
spessore della guarnizione usata rispetto ad una nuova. Si raccomanda di osservare, nel serrare i tiranti, quanto sotto
specificato:

- Serrare i tiranti 1-6-10-5.


- Serrare i tiranti 2-7-9-4.
- Serrare i tiranti 3-8.

Ripetere le operazioni fino al raggiungimento della quota di rispetto voluta.

Figura 8.4.2 - SERRAGGIO DEI TIRANTI


nxA

1 6

2 7

3 8

4 9

5 10

C0315

n = numero delle piastre che compongono lo scambiatore.

SERRAGGIO RELATIVO AD 1 PIASTRA


guarnizioni nuove minimo
A 3,75 3,5

NOTA:
- La prima quota, serve per il serraggio in officina al momento della costruzione dello scambiatore e per scambiatori
revisionati con guarnizioni nuove.
- La quota minima di serraggio è il valore minimo consentito. Per compensare la riduzione dello spessore di una piastra
usata rispetto ad una nuova, oltre questo valore è sconsigliato spingersi in quanto riducendo lo spazio tra le piastre
si va a ridurre la sezione di passaggio dell'olio e dell'acqua generando delle perdite di carico maggiori e andando a
diminuire l'efficienza dello scambiatore.

8 - 14
014AZ008A
SMANTELLAMENTO 9

9 SMANTELLAMENTO
Qualora si intenda procedere allo smantellamento della macchina è necessario agire nel seguente modo:
1) portare la traversa mobile in appoggio sulla ferma meccanica e fissarla in modo tale da impedirne qualsiasi
movimento;
2) scollegare la macchina dalla rete tramite l'interruttore generale quindi staccare il cavo di alimentazione;
3) scaricare gli accumulatori presenti sulla pressa tramite le apposite valvole manuali: in particolare gli accumulatori
nella piastra di frenatura 18, 18a, 18b, mediante il rubinetto 153, l'accumulatore 12 situato sulla piastra servizi
tramite il rubinetto 153a;
4) se presenti, scaricare gli accumulatori 141 e 337 tramite le valvole 143 e 339;

E0004P
ATTENZIONE!

Attendere che gli accumulatori siano realmente scarichi prima di effettuare qualsiasi intervento sulla macchina.

5) togliere tutto il fluido idraulico dall'interno della pressa agendo in maniera del tutto simile a quanto fatto durante
la manutenzione ordinaria;
6) scollegare tutti i collegamenti elettrici della macchina;
7) scollegare le tubazioni per l'acqua di raffreddamento olio;
8) scollegare le tubazioni idrauliche;
9) smontare il carrello;
10) smontare la centralina per il cablaggio elettrico;
11) scaricare tutti gli accumulatori del gas in pressione presente in essi tramite l'attrezzo verificatore gonfiatore
disponibile a richiesta;
12) smontare gli accumulatori;
13) smontare le piastre idrauliche;
14) la pressa può essere movimentata nello stesso modo già visto durante l'installazione della stessa, si veda perciò
tale capitolo.
Durante lo smantellamento è necessaria la movimentazione di parti di macchina con apparecchi di sollevamento
(piastre idrauliche, accumulatori, ecc.); questa operazione deve essere compiuta da personale esperto rispettando
le norme antinfortunistiche vigenti. Infine qualora si renda necessario accedere alle zone superiori della macchina è
necessario utilizzare i dispositivi di sicurezza previsti dalle normative vigenti.

9-1
014AZ008A
9 SMANTELLAMENTO

9-2

Potrebbero piacerti anche