Sei sulla pagina 1di 2

Nanook of the north (1922)

Diretto da Robert Flaherty


Scritto da Frances Flaherty... (idea)
Robert Flaherty
Prodotto da Robert Flaherty... produttore
Thierry Mallett ... produttore esecutivo
John Révillon ... produttore esecutivo
Fotografia Robert Flaherty
Montaggio Herbert Edwards... (versione 1947)
Robert Flaherty ... (non accreditato)
Carlo Giallo ... (non accreditato)
Trama La vita di una famiglia eschimese (quello che ora è conosciuto come un Inuit), formata da Nanuk,
dalla moglie Nyla e dai loro figli, seguita nella dura vita quotidiana, da un'estate all'inverno
successivo, in un villaggio nei pressi della Baia di Hudson nel una regione chiamata Ungava del nord
del Canada. Il loro viaggio è in gran parte attraverso kayak e altre navi d'acqua in estate e cani da
slitta durante l'inverno. Hanno qualche contatto con i bianchi della civiltà "occidentale", con i quali
barattano merci in postazioni commerciali stabilite. Tuttavia, la loro vita è principalmente di
sussistenza, con Nanook e gli uomini che cercano cibo per mantenerli in vita, il che non è sempre
facile. Le loro fonti di cibo sono principalmente legate al mare - salmone, foca e tricheco - il che
significa che trascorrono la maggior parte del loro tempo lungo la costa della Baia di Hudson,
sebbene animali come volpi bianche, orsi polari e cervi siano apprezzati anche per il cibo e/o la pelle
e la pelliccia. L'accumulo di ghiaccio durante l'inverno rende molto più difficile l'accesso all'acqua e
al cibo sott'acqua. Ma il rigido inverno offre anche alcune opportunità, come l'abbondante materia
prima di ghiaccio e neve per costruire rifugi temporanei, vale a dire igloo, per proteggerli dalle
intemperie e modi più semplici per avvistare le foche che vivono nell'acqua.
'Nanook of the North' ('Nanuk l'eschimese'), primo fondamentale esempio di cinema documentario
capace di raggiungere un successo mondiale, fu girato dall'esploratore Robert Flaherty in due lunghi
anni di pellegrinaggio nel Circolo Polare Artico a temperature proibitive. A metà tra il film
antropologico e il documentario didattico, Flaherty "riesce a regalare la descrizione di una società
alternativa alla nostra, tanto affascinante e complessa da non doversi piegare di fronte a nessuno,
una civiltà con tecniche proprie, come la costruzione di un igloo, oppure il loro modo per ripararsi
dalla tempesta..." Nel 1994 il regista Claude Massot ha girato il film 'Kabloonak', che racconta le
vicende delle riprese di 'Nanuk' e le relazioni di amicizia che nacquero tra il regista americano,
Nanook e gli Eschimesi Inuit.
Generi Documentario
Curiosità  Il film è considerato il primo documentario lungometraggio, nonostante Flaherty sia stato
criticato per alcune sequenze e per aver distorto la realtà delle vite dei suoi soggetti. Dal alcuni
è considerato il primo film etnografico. Nel 1989 è stato scelto per la conservazione nel National
Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.
 L'affermazione che Nanook morì di fame nel 1922, mesi dopo il completamento del film, non è
vera; non morì di fame, ma probabilmente morì di tubercolosi.
 Questo film è stato selezionato nel National Film Registry nel 1989 (il primo anno di induzione)
per essere "culturalmente, storicamente o esteticamente significativo". È stato il primo
documentario ad essere conservato nel National Film Registry.
 Il film è stato sponsorizzato dalla società di pellicceria francese Revillon Freres, che ha fornito $
50.000 per la spedizione di 16 mesi del regista Robert J. Flaherty a metà strada verso il Polo
Nord. Nonostante sia stato rifiutato da cinque distributori, il film è uscito a New York City nel
1922, dopo il successo a Parigi e Berlino, e ha incassato ben oltre $ 40.000 nella prima
settimana.
 Si dice che tutte le scene siano messe in scena e anche che la donna che interpreta la moglie di
Nanook non fosse la sua vera moglie.
 Nonostante sia "il primo documentario moderno", la maggior parte è stata messa in scena.
Nella vita reale, Nanook aveva contatti regolari con i bianchi, viveva in una casa moderna e
cacciava con una pistola. Quel film aveva lo scopo di mostrare come vivevano gli Inuit prima dei
tempi moderni.
 Tutte le riprese dell'interno dell'igloo sono state messe in scena. Allakariallak e gli altri hanno
cercato di creare un enorme igloo che potesse adattarsi alla fotocamera gigante, ma ha
continuato a crollare. (Gli uomini Inuk erano presumibilmente entusiasti della sfida di realizzare
un igloo due volte più grande del normale.) Sarebbe stato comunque troppo buio per filmare
all'interno, quindi l'igloo semicollassato ha permesso l'ingresso di molta luce.
Fatti interessanti raccolti dal film:
 La pietra del focolare degli eschimesi... Olio di foca per il carburante - muschio per traspirare -
un vaso di pietra per sciogliere la neve. La temperatura all'interno dell'igloo deve essere
mantenuta sotto lo zero per evitare che la cupola e le pareti si sciolgano
 Nyla mastica gli stivali di Nanook per ammorbidirli, un'operazione molto importante, perché gli
stivali di pelle di foca diventano rigidi e ingombranti durante la notte.
 Strofinarsi il naso: il bacio eschimese.
 Se Nanook non avesse messo la sua slitta sopra l'igloo per la notte, i cani avrebbero mangiato le
cinghie di pelle di foca che le legano insieme le parti
 Poiché la neve artica è secca come la sabbia. le guide delle slitte devono essere glassate con
ghiaccio per farle scorrere facilmente.
 Il minuscolo igloo realizzato da Nanook per i cuccioli li ha tenuti al caldo tutta la notte e al sicuro
dalle fauci affamate dei loro fratelli maggiori.
 Il cucciolo cavalca nella cappa di Cunayou durante il giorno.
 La regalità del cane maestro di Nanook viene sfidata
 Come Nanook dà la caccia all'"Ogjuk" - la grande foca.
 Essendo un mammifero, la foca deve respirare frequentemente, quindi dal momento in cui il
ghiaccio, ogni animale mantiene almeno un foro a forma di imbuto aperto sulla superficie in
modo che possa prendere aria a intervalli di venti minuti.
 Dall'odore della carne e del sangue viene il sangue. lussuria del lupo - il suo antenato.
 La più desiderata di tutte le carni è quella di foca. Offre il massimo del calore e del
sostentamento. L'"eschimese mangiatore di grasso" è un malinteso. Grasso che usano come noi
usiamo il burro.
Dettagli Data: 11 giugno 1922 (USA)
Paese di origine: USA; Francia
Lingue: Inglese
Luoghi delle riprese: Hudson Bay, Québec, Canada; Ungava Peninsula, Québec, Canada; Hopewell
Sound, Québec, Canada.
Case di produzione: Les Frères Revillon
Distribuzione: PATHE' PICTURES
Specifiche tecniche Tempo: 1h18m
Colore: B&W
Aspect ratio: 1.33:1