Sei sulla pagina 1di 6

ne

SIMONE 338 • Concorso Vigili del Fuoco 314 Ispettori sio


EDIZIONI
a n e
Esp n lin
Gruppo Editoriale Simone

Manuale e quiz o

I sistemi di unità di misura

1 Grandezze fondamentali e grandezze derivate


Un problema di notevole importanza in metrologia è la scelta dei sistemi di unità di misura, nei
quali vengono definite le unità di un numero limitato di grandezze fondamentali, indipendenti
tra loro, da cui vengono poi ricavate, in base a relazioni fisiche, le altre grandezze, dette derivate,
nell’ambito a cui si intende riferito il sistema di unità considerato.
La distinzione tra grandezze fisiche fondamentali e derivate è del tutto arbitraria in quanto
ogni grandezza può essere considerata fondamentale o derivata a seconda che si faccia riferi-
mento all’una o all’altra relazione fisica.
Una volta stabilito il sistema delle grandezze fondamentali è necessario scegliere le unità di
misura da adottare per ognuna di queste grandezze; tale scelta viene effettuata tenendo conto
che le unità fondamentali devono possedere le caratteristiche di precisione, accessibilità,
riproducibilità e invariabilità.
Un campione ideale deve essere, innanzitutto, preciso, in modo da poter costituire un riferimento
perfetto per ogni sperimentatore che ad esso volesse eventualmente ricorrere per controllare la
taratura dei propri strumenti di laboratorio o l’esattezza delle unità usate; deve essere facilmente
disponibile per chiunque intenda accedervi per motivi scientifici; deve essere riproducibile qualora
dovesse andare accidentalmente distrutto e quindi devono essere precisati nei minimi dettagli i
principi costruttivi; infine, deve mantenere costante il proprio valore senza risentire minimamente
dell’azione di fattori esterni, quali la temperatura, la pressione, l’umidità, la corrosione e l’ossidazione.
Attualmente, in sede internazionale, la sperimentazione di nuovi metodi atti a migliorare la
precisione con cui sono realizzati i campioni primari, i confronti internazionali, il coordinamento
delle tecniche di misura adottate dai vari laboratori sono affidate al Bureau International des
Poids et Mesures (B.I.P.M). Tale organo è controllato dalla Conference Generale des Poids et Mesures
(C.G.P.M.), convocata a Sevres di norma ogni quattro anni.

2 Il Sistema Internazionale (S.I. o SI)


Il Sistema Internazionale di unità di misura è stato introdotto nel 1960 dall’XI Conferenza
Generale dei Pesi e Misure e perfezionato dalle Conferenze successive.
2.1 Grandezze fondamentali
Il S.I. prevede 7 grandezze fondamentali e ne definisce le unità di misura.

Grandezza Unità di misura Definizione Simbolo


Intervallo di tempo secondo durata di 9.192.631.770 periodi della radiazio- s
ne corrispondente alla transizione tra i livelli
iperfini dello stato fondamentale dell’atomo
di cesio -133
Lunghezza metro tragitto percorso dalla luce nel vuoto in un m
tempo di 1/299.792.458 di secondo
Massa chilogrammo/ massa del campione di platino-iridio, conser- kg
kilogrammo vato nel Museo Internazionale dei Pesi e delle
Misure di Sèvres (Parigi)

1
ne

SIMONE 338 • Concorso Vigili del Fuoco 314 Ispettori sio


EDIZIONI
a n e
Esp n lin

Manuale e quiz o
Gruppo Editoriale Simone

Grandezza Unità di misura Definizione Simbolo


Temperatura kelvin valore corrispondente a 1/273,15 della tem- K
peratura termodinamica del punto triplo
dell’acqua
Quantità di sostanza mole quantità di materia di una sostanza tale da mol
contenere tante particelle elementari quante
ne contengono 0,012kg di carbonio -12. Tale
valore corrisponde al numero di Avogadro
Intensità di corrente ampere quantità di corrente che scorre all’interno di A
elettrica due fili paralleli e rettilinei, di lunghezza infi-
nita e sezione trascurabile, immersi nel vuoto
ad una distanza di un metro, induce in loro una
forza di attrazione o repulsione di 2·10-7N per
ogni metro di lunghezza
Intensità luminosa candela intensità luminosa di una sorgente che emette cd
una radiazione monocromatica con frequenza
540·1012Hz e intensità energetica di 1/683W/sr
Tab. 1

2.2 Grandezze derivate


In tabella sono riassunte le grandezze e le relative unità di misura dotate di nome proprio.

Grandezza Unità di misura Simbolo Conversione


Angolo piano radiante rad
Angolo solido steradiante sr
Frequenza hertz Hz 1Hz = 1s–1
Forza newton N 1N = 1kgms–2
Pressione pascal Pa 1Pa = 1Nm–2
Lavoro, energia joule J 1J = 1Nm
Potenza watt W 1W = 1Js–1
Temperatura Celsius grado Celsius °C T (°C) = T (K) + 273,15
Carica elettrica coulomb C
Differenza di potenziale elettrico volt V
Capacità elettrica farad F 1F = 1CV–1
Resistenza elettrica ohm Ω 1Ω = 1VA–1
Conduttanza elettrica siemens S 1S = 1W–1
Flusso d’induzione magnetica weber Wb 1Wb = 1Vs
Induzione magnetica tesla T 1T = 1Wbm–2
Induttanza henry H 1H = 1WbA–1
Flusso luminoso lumen lm 1lm = 1cdsr
Illuminamento lux lx 1lx = 1lmm–2
Attività (di un radionuclide) becquerel Bq 1Bq = 1s–1

2
ne

SIMONE 338 • Concorso Vigili del Fuoco 314 Ispettori sio


EDIZIONI
a n e
Esp n lin
Gruppo Editoriale Simone

Manuale e quiz o

Grandezza Unità di misura Simbolo Conversione


Dose assorbita, kerma gray Gy 1Gy = 1Jkg–1
Dose equivalente sievert Sv 1Sv = 1Jkg–1
Tab. 2

Vediamo più in dettaglio quali sono le grandezze derivate nei vari ambiti della fisica.
• Angoli

Grandezza Unità di misura Definizione Simbolo


Angolo piano radiante angolo al centro di una circonferenza che sotten- rad
de un arco di lunghezza pari al raggio
1rad = 180°/π
Angolo solido steradiante angolo che su di una sfera con centro nel vertice sr
dell’angolo intercetta una calotta di area uguale
a quella di un quadrato avente lato uguale al
raggio della sfera stessa
Tab. 3

• Unità definite in meccanica

Grandezza Unità di misura Definizione Simbolo Conversione


Frequenza hertz La frequenza ν di un fenomeno pe- Hz 1Hz = 1s–1
riodico è l’inverso del suo periodo
T : ν = 1/T. La frequenza misura il
numero di volte che un fenomeno
periodico si ripete in un secondo
Forza newton La forza unitaria di 1N è la forza N 1N = 1kg ⋅ ms–2
che imprime alla massa di 1kg
un’accelerazione di 1ms–2
Pressione pascal La pressione unitaria di 1Pa è Pa 1Pa = 1Nm–2
la pressione esercitata su una
superficie di 1m2 dalla forza di 1N
esercitata perpendicolarmente
alla superficie
Lavoro, joule Il lavoro unitario di 1J è il lavoro J 1J = 1N ⋅ m
energia, della forza di 1N per uno sposta-
quantità mento di 1m nella direzione della
di calore forza
Potenza watt La potenza unitaria di 1W cor- W 1W = 1Js–1
risponde al lavoro di 1J svolto
nell’intervallo di tempo di 1s
Tab. 4

3
ne

SIMONE 338 • Concorso Vigili del Fuoco 314 Ispettori sio


EDIZIONI
a n e
Esp n lin

Manuale e quiz o
Gruppo Editoriale Simone

• Temperatura

Grandezza Unità di misura Definizione Simbolo Conversione


Temperatura grado La scala Celsius è definita in modo °C T(°C) = T(K) –273,15
Celsius Celsius che i valori 0 e 100 corrispondano
rispettivamente al punto di fusione
e al punto di ebollizione dell’acqua,
a pressione atmosferica.
La scala Celsius corrisponde esatta-
mente alla scala Kelvin, a meno di
un termine additivo pari a 273,15.
Entrambe le scale Kelvin e Celsius
sono centigrade, in quanto l’inter-
vallo tra punto di fusione e punto
di ebollizione dell’acqua è diviso
in 100 parti uguali
Tab. 5

• Unità derivate dell’elettromagnetismo

Grandezza Unità di misura Definizione Simbolo Conversione


Carica elettrica coulomb 1C è la carica elettrica trasportata in 1s C
dalla corrente di 1A
Differenza di volt 1V è la differenza di potenziale elettrico tra V
potenziale due punti di un conduttore che, percorso
elettrico dalla corrente di 1A, dissipa per effetto
Joule la potenza di 1W
Capacità farad 1F è la capacità di un condensatore su cui F 1F = 1CV–1
elettrica la carica di 1C provoca una differenza di
potenziale di 1V
Resistenza ohm 1Ω è la resistenza elettrica tra due punti di Ω 1Ω = 1VA–1
elettrica un conduttore ai quali è applicata la dif-
ferenza di potenziale di 1V quando scorre
la corrente di 1A
Conduttanza siemens 1S è la conduttanza di un conduttore S 1S = 1Ω–1
elettrica avente resistenza di 1Ω
Flusso weber 1Wb = 1Vs è il flusso magnetico che, con- Wb 1Wb = 1Vs
d’induzione catenato con una spira, induce una forza
magnetica elettromotrice di 1V, annullandosi in 1s a
velocità costante
Induzione tesla 1T è l’induzione magnetica che, attraver- T 1T = 1Wbm–2
magnetica sando una superficie piana di 1m2, produ-
ce un flusso magnetico di 1Wb s
Induttanza henry 1H è l’induttanza di una spira nella quale H 1H = 1WbA–1
la variazione uniforme di intensità di
corrente di 1A/s produce una forza elet-
tromotrice di 1V
Tab. 6

4
ne

SIMONE 338 • Concorso Vigili del Fuoco 314 Ispettori sio


EDIZIONI
a n e
Esp n lin
Gruppo Editoriale Simone

Manuale e quiz o

• Unità definite in fotometria

Grandezza Unità di misura Simbolo Conversione


Flusso luminoso lumen lm 1lm = 1cdsr
Illuminamento lux lx 1lx = 1lmm–2
Tab. 7

2.3 Prefissi moltiplicativi


Il S.I. codifica l’uso dei prefissi moltiplicativi secondo le potenze di 1.000.
Sono previsti anche i prefissi per multipli e sottomultipli per fattori 10 e 100.

Fattore Prefisso Simbolo Fattore Prefisso Simbolo


10 24
yotta Y 10 –24
yocto y
10 21
zetta Z 10 –21
zepto z
1018 exa E 10–18 atto a
1015 peta P 10–15 femto f
10 12
tera T 10 –12
pico p
109 giga G 10–9 nano n
10 6
mega M 10 –6
micro µ
10 3
chilo k 10 –3
milli m
102 etto h 10–2 centi c
10 deca da 10 –1
deci d
Tab. 8

2.4 Regole di scrittura


Il S.I. codifica le norme di scrittura dei nomi e dei simboli delle grandezze fisiche.
Le più importanti sono quelle che riportiamo a seguire.
I nomi delle unità di misura vanno sempre scritti in carattere minuscolo, privi di accenti o di
altri segni grafici.
Es.: ampere, non Ampère.

I nomi delle unità non hanno plurale.


Es.: 3 ampere, non 3 amperes.

I simboli delle unità di misura vanno scritti con l’iniziale minuscola, tranne quelli derivanti
da nomi propri.
Es.: mol per la mole, K per il kelvin.

I simboli non devono essere seguiti dal punto (a meno che non si trovino a fine periodo).

I simboli devono sempre seguire i valori numerici.


Es.: 1 kg, non kg 1.

5
ne

SIMONE 338 • Concorso Vigili del Fuoco 314 Ispettori sio


EDIZIONI
a n e
Esp n lin

Manuale e quiz o
Gruppo Editoriale Simone

Il prodotto di due o più unità va indicato con un punto a metà altezza o con un piccolo spazio
tra i simboli.
Es.: N·m oppure Nm.

Il quoziente tra due unità va indicato con una barra obliqua o con esponenti negativi.
Es.: J/s oppure Js-1.

3 Il Sistema C.G.S. o CGS (Centimetro-Grammo-Secondo)


Nei sistemi c.g.s., le unità fondamentali della meccanica sono il centimetro, il grammo e il
secondo. Per quanto riguarda la meccanica, quindi, la differenza tra S.I. e c.g.s. si limita a fattori
potenze di 10 nei valori delle grandezze fondamentali e derivate.
La differenza sostanziale tra i sistemi c.g.s. e il Sistema Internazionale riguarda le grandezze
elettromagnetiche. Mentre il S.I. introduce una grandezza fondamentale per l’elettromagnetismo
(l’intensità di corrente), nei sistemi c.g.s. le grandezze elettromagnetiche sono tutte derivate da
quelle meccaniche.
Tale sistema, dunque, introdotto inizialmente per le esigenze della meccanica, fu esteso
all’elettromagnetismo, dove si «articola» nei due sottosistemi delle unità CGS elettrostatiche
(sigla CGSes) e delle unità CGS elettromagnetiche (sigla CGSem).
Un terzo sottosistema, che, accanto al Sistema Internazionale, è il più utilizzato nell’ambito
fisico, è il Sistema CGS simmetrico, o di Gauss, il quale costituisce una sorta di «fusione» dei
due precedenti, ottenuta usando:
— unità CGSes per le grandezze elettriche;
— e unità CGSem per le grandezze magnetiche,
con opportuni «fattori di raccordo» tra le due categorie di grandezze.
Nella tabella seguente riportiamo un «confronto» tra alcune unità c.g.s. di Gauss e le corri-
spondenti unità S.I.

Grandezza Unità Simbolo Conversione S.I.


Forza dina dyn 1dyn = 10–5N
Lavoro, energia erg erg 1erg = 10–7J
Carica elettrica statcoulomb statC 1statC = 3.333 · 10–10C
Corrente elettrica statampere statA 1statA = 3.333 · 10–10A
Potenziale elettrico statvolt statV 1statV = 300V
Induzione magnetica B gauss G 1G = 10–4T
Campo magnetico H oersted Oe 1Oe = (1/4π) · 103 A/m
Tab. 9

Potrebbero piacerti anche