Sei sulla pagina 1di 40

N O R M A I T A L I A N A CEI

Norma Italiana

GUIDA
CEI 64-51
Data Pubblicazione Edizione
1999-02 Prima
Classificazione Fascicolo
64-51 5063
Titolo
Guida alla esecuzione degli impianti elettrici nei centri commerciali

Title
Electrical installations of commercial centres. Installation criteria

IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

NORMA TECNICA

COMITATO
ELETTROTECNICO CNR CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE • AEI ASSOCIAZIONE ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA
ITALIANO
SOMMARIO
La presente Guida fornisce i criteri per l’esecuzione degli impianti elettrici nei centri commerciali, sulla
base delle prescrizioni della Norma CEI 64-8. Questa Guida è un’integrazione per il campo di applicazione
specifico alla Guida CEI 64-50.

DESCRITTORI
Impianti elettrici; Centri commerciali;

COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI


Nazionali (UTE) CEI 64-50:1998-04; CEI 64-8:1998-01;
Europei

Internazionali

Legislativi

INFORMAZIONI EDITORIALI
Norma Italiana CEI 64-51 Pubblicazione Guida Carattere Doc.

Stato Edizione In vigore Data validità 1999-4-1 Ambito validità Nazionale


Varianti Nessuna
Ed. Prec. Fasc. Nessuna

Comitato Tecnico 64-Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione (fino a 1000 V in c.a. e a 1500 V in c.c.)
Approvata dal Presidente del CEI in Data 1999-1-28
in Data

Sottoposta a inchiesta pubblica come Progetto C. 686 Chiusa in data 1999-1-21

Gruppo Abb. 2 Sezioni Abb. A


ICS

CDU

LEGENDA
(UTE) La Norma in oggetto deve essere utilizzata congiuntamente alle Norme indicate dopo il riferimento (UTE)

© CEI - Milano 1999. Riproduzione vietata.


Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente Documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi senza il consenso scritto del CEI.
Le Norme CEI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione sia di nuove edizioni sia di varianti.
È importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso dell’ultima edizione o variante.
INDICE GENERALE
Rif. Argomento Pag.

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1


1.1 Scopo ................................................................................................................................................................................................ 1
1.2 Campo di applicazione ....................................................................................................................................................... 1
1.3 Definizioni .................................................................................................................................................................................... 1
1.4 Disposizioni legislative e norme tecniche ............................................................................................................. 2

2 INFORMAZIONI DA COMUNICARE NELLE FASI CONTRATTUALI 2


2.1 Suddivisione della struttura commerciale .............................................................................................................. 2
2.2 Caratteristiche e consistenza dell’impianto elettrico ...................................................................................... 2

3 ALIMENTAZIONE ELETTRICA 3
3.1 Alimentazione (ordinaria) ................................................................................................................................................. 3
3.2 Alimentazione dei servizi di sicurezza ..................................................................................................................... 6
3.3 Alimentazione di riserva ..................................................................................................................................................... 6

4 DISTRIBUZIONE DELL’ENERGIA ELETTRICA 7


4.1 Progettazione degli impianti ............................................................................................................................................ 7
4.2 Individuazione dei circuiti e relativi schemi ........................................................................................................ 7
4.3 Suddivisione dei circuiti ..................................................................................................................................................... 7
4.4 Suddivisione dei circuiti luce nei locali frequentati dal pubblico ........................................................ 7
4.5 Impianto dei servizi di sicurezza .................................................................................................................................. 8
4.6 Impianto di riserva ................................................................................................................................................................. 9
4.7 Impianto temporaneo ......................................................................................................................................................... 10

5 SCELTA DEL GRADO DI PROTEZIONE IP 10


5.1 Protezione contro i contatti diretti ............................................................................................................................ 10
5.2 Protezione contro le influenze esterne .................................................................................................................. 10

6 PROTEZIONE CONTRO GLI INCENDI NEGLI AMBIENTI FREQUENTATI


DAL PUBBLICO 11
6.1 Prescrizioni generali ............................................................................................................................................................ 11
6.2 Prescrizioni particolari per impianti con componenti elettrici incassati ........................................ 11

7 SEZIONAMENTO E COMANDO 12
7.1 Inaccessibilità dei comandi e degli apparecchi di sezionamento,
di protezione e di manovra ........................................................................................................................................... 12
7.2 Comando e arresto di emergenza ............................................................................................................................. 12

8 IMPIANTI TECNOLOGICI 13
8.1 Centrali: termica, di condizionamento, idrica
e di sollevamento acque nere ...................................................................................................................................... 13
8.2 Impianto di diffusione sonora ...................................................................................................................................... 13
8.3 Impianti di trasmissione dati per registratori cassa elettronici - Elaboratore centrale ......... 14
8.4 Canalizzazioni per telefoni ............................................................................................................................................. 14
8.5 Impianto antintrusione ...................................................................................................................................................... 14

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina iii
9 SCELTA DEI COMPONENTI 15
9.1 Dispositivi di commutazione fra l’alimentazione ordinaria
e l’alimentazione di riserva (gruppo elettrogeno) ......................................................................................... 15
9.2 Quadro generale .................................................................................................................................................................... 15
9.3 Quadro gruppo elettrogeno ........................................................................................................................................... 16
9.4 Quadri secondari .................................................................................................................................................................... 19
9.5 Condutture .................................................................................................................................................................................. 19
9.6 Apparecchi di illuminazione .......................................................................................................................................... 19
9.7 Prese a spina ............................................................................................................................................................................. 20

10 IMPIANTI ELETTRICI DEI MOBILI 20

11 IMPIANTI ELETTRICI DEI MAGAZZINI 20

12 VERIFICHE 20

A L L E G AT O
A PRINCIPALI DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E DI NORMATIVA TECNICA 21

A L L E G AT O
B ESEMPI PER LA DETERMINAZIONE DEI CARICHI DI ILLUMINAZIONE DELL’IMPIANTO 24

A L L E G AT O
C NEGOZI E LOCALI DI TERZI 26

A L L E G AT O
D PRESCRIZIONI INTEGRATIVE PER MEGASTRUTTURE (S >10000 M2) 27

A L L E G AT O
E INFORMAZIONI RELATIVE AL CARICO DI INCENDIO
LEGENDA E ANNOTAZIONI 31

A L L E G AT O
F PROTEZIONE CONTRO I FULMINI 32

A L L E G AT O
G IMPIANTI ELETTRICI IN AMBIENTI PARTICOLARI 33

A L L E G AT O

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina iv
PREMESSA
La Guida 64-50 fornisce i criteri di base per l’esecuzione degli impianti elettrici uti-
lizzatori, ausiliari e telefonici nell’edilizia residenziale indicando, in modo orientati-
vo, le dotazioni minime dei componenti elettrici da installare nei vari ambienti.
Allo scopo di completare le informazioni contenute nella Guida CEI 64-50 ad im-
pianti elettrici di edifici diversi da quelli a destinazione prevalentemente residen-
ziale, il CEI ha deciso di pubblicare altre Guide riguardanti, per esempio, Centri
commerciali, Edifici scolastici, e Cantieri.
La presente Guida riguardante i centri commerciali, rappresenta la prima di que-
sta serie di guide.

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

1.1 Scopo
La presente Guida fornisce informazioni relative alla realizzazione degli impianti
elettrici utilizzatori, degli impianti ausiliari e degli impianti telefonici nelle medie
e grandi strutture commerciali.
Essa fornisce informazioni relative alla realizzazione degli impianti utilizzatori,
ausiliari e degli impianti telefonici che non siano già state riportate, con riferi-
mento agli edifici ad uso prevalentemente residenziale, nella Guida 64-50.
La presente Guida è destinata, oltre che ai progettisti ed agli installatori di questi
impianti elettrici utilizzatori, ausiliari e telefonici, anche ai committenti, ai proget-
tisti edili ed ai direttori dei lavori.

1.2 Campo di applicazione


La presente Guida si applica alla medie e grandi strutture commerciali.
Rientrano nelle strutture commerciali oggetto della presente Guida anche i rag-
gruppamenti di più esercizi commerciali singoli purché ubicati in un’unica area
coperta e circoscritta di almeno 400 m2 di superficie di vendita.
Informazioni relative a negozi (e locali) destinati a terzi sono date nell’Allegato C.

1.3 Definizioni
Per le definizioni si rimanda alla Norma CEI 64-8/2.
Ai fini della presente Guida si definiscono inoltre:
n Media struttura commerciale, un esercizio commerciale avente superficie
di vendita, esclusi gli ambienti accessori, compresa tra 400 m 2 e 1500 m2.
Sono assimilabili a medie strutture commerciali anche gli esercizi commerciali
con superficie di vendita minore di 400 m2 purché classificati, agli effetti della
licenza di vendita, come supermercati o grandi magazzini;
n Grande struttura commerciale, un esercizio commerciale avente superficie
di vendita superiore a 1500 m2, esclusi gli ambienti accessori.
Note: 1 Nelle grandi strutture commerciali sono comprese anche le megastrutture di oltre 10000 m2,
per le quali sono fornite prescrizioni integrative nell’Allegato D.
2 Si ricorda che anche alle strutture commerciali con superficie di vendita inferiore a 400 m2,
ma che comprensivi di servizi e depositi superano la superficie lorda di 400 m2, si applicano
le prescrizioni dell’art.751.03.1, sulla base delle relative valutazioni.

CEI 64-51:1999-02 GUIDA


40 CEI 64-51:1999-02
Pagina 1 di 36
1.4 Disposizioni legislative e norme tecniche
Le principali disposizioni legislative e norme tecniche riguardanti i centri commerciali
sono riportate nell’Allegato A.
Nota Per informazioni più generali si rimanda alla Appendice A della Guida CEI 64-50.

2 INFORMAZIONI DA COMUNICARE NELLE FASI CONTRATTUALI

2.1 Suddivisione della struttura commerciale


Nelle fasi di incarico per la progettazione devono essere fornite dal Commit-
tente almeno le seguenti informazioni relative alla suddivisione della struttura
commerciale:
n superficie di vendita
n locali ad uso uffici
n locali ad uso negozi
n locali ad uso magazzini
n locali ad uso ristorazione
n parcheggi (coperti - chiusi - aperti)
n locali per servizi tecnologici
n ambienti accessori.

2.2 Caratteristiche e consistenza dell’impianto elettrico


La potenza elettrica necessaria dipende da diversi fattori, tra cui la dimensione e
la classe merceologica della struttura commerciale.
Essa è quella relativa alle apparecchiature dei vari impianti tecnologici (riscalda-
mento, condizionamento, ventilazione, idrico, antincendio, ecc.) e dei servizi gene-
rali comuni (passaggi, parcheggi, illuminazione esterna, ecc.) e delle apparecchia-
ture dell’unico o dei diversi esercizi commerciali ubicati nell’area commerciale cui
va aggiunta, se esistente, la potenza eventualmente installata:
n nel locale panificio
n nel locale compressori frigoriferi
n nel locale ristoro
n nella sala elaborazione dati.

La potenza relativa agli apparecchi di illuminazione può essere determinata sulla


base delle informazioni contenute nell’Allegato B.
Nota Ulteriori informazioni utili nelle fasi contrattuali si possono trovare nelle Appendici D ed E del-
la Guida CEI 64-50.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 2 di 36
3 ALIMENTAZIONE ELETTRICA

3.1 Alimentazione (ordinaria)


In relazione alla consistenza dell’impianto elettrico possono configurarsi i se-
guenti tipi di alimentazione:
1) alimentazione unica in BT;
2) alimentazione in BT (per servizi generali e impianti tecnologici) e alimenta-
zione in BT per gli utenti (unico o diversi);
3) alimentazione in MT (per servizi generali e impianti tecnologici) e alimenta-
zione in BT per i vari utenti;
4) alimentazione in MT (per servizi generali e impianti tecnologici) e alimenta-
zione in MT e BT, per i vari utenti.
Nota I sistemi di I categoria e di II categoria sono indicati rispettivamente con le sigle BT ed MT.

Esempi tipici di alimentazione sono rappresentati nelle Figg. 1, 2, 3 e 4.


Quando l’alimentazione venga effettuata in BT (sistemi TT), informazioni detta-
gliate relative all’impianto di terra sono fornite nella Guida CEI 64-12.
Quando l’alimentazione venga effettuata in MT (sistemi TN) i trasformatori e le
relative apparecchiature vanno installati in apposito locale, o struttura dedicata,
costruito con materiali resistenti al fuoco per la durata di 120 min ed avente ac-
cesso da spazio a cielo libero o da disimpegno aerato dall’esterno.
Nota La resistenza al fuoco non è richiesta se il locale trasformatori è collocato in apposito edificio
separato.

Informazioni dettagliate relative all’impianto di terra della cabina sono fornite


nella Guida CEI 11-35.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 3 di 36
Fig. 1 Esempio tipico di alimentazio- Fig. 2 Esempio tipico di alimentazio-
ne singola con sistema TT ne multipla con sistema TT

3,5 m
3,5 m
2,5 m

2,5 m

Nota Le dimensioni sono indicative e vanno concordate con il Distributore.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 4 di 36
Fig. 3 Esempio tipico di alimentazione in Fig. 4 Esempio tipico di alimentazione in
MT MT per forniture miltiple

3,5 m
3m
2,5 m
4m

Nota Le dimensioni sono indicative e vanno Nota I locali cabine di consegna possono essere adiacen-
concordate con il Distributore. ti alle cabine del distributore al limite della proprie-
tà ed avere una dimensione di circa 2 ´ 3 m a cui
deve essere aggiunto il locale contatori.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 5 di 36
3.2 Alimentazione dei servizi di sicurezza
Nelle grandi strutture commerciali la cui superficie di vendita superi 1500 m2 e,
se a più piani, la cui altezza della gronda dell’ultimo piano sia superiore a 30 m e
comunque nei casi in cui venga imposto dai V.V.F. territorialmente competenti
deve essere prevista un’alimentazione di sicurezza.
Si raccomanda che in tutte le strutture commerciali oggetto della presente Guida
sia prevista un’alimentazione di sicurezza. La sorgente per l’alimentazione di sicu-
rezza va ubicata in apposito locale, in muratura, ben aerato, non comunicante
con gli ambienti destinati alla vendita né con i locali destinati a deposito di mate-
riale infiammabile o facilmente combustibile.
Nelle medie strutture commerciali la sorgente per l’alimentazione di sicurezza
può essere ubicata anche in locali adibiti ad altri usi, purché realizzati con struttu-
re incombustibili e comunque esterni all’area di vendita ed ai locali di deposito.
La resistenza al fuoco non è richiesta se la sorgente è collocata in apposito edifi-
cio separato.
Nel caso in cui la sorgente per l’alimentazione di sicurezza sia costituita da accu-
mulatori stazionari, vanno osservate le prescrizioni di cui alla Norma CEI 21-6.
Fa eccezione il caso in cui l’illuminazione di sicurezza sia realizzata con lampade
ad alimentazione autonoma o con apposito armadio contenente il carica batteria
e la batteria di accumulatori di tipo chiuso, o a bassa emissione di idrogeno e per
potenza sino a 3 kVA.
L’impianto di sicurezza deve avere alimentazione indipendente (non è valida al
riguardo una seconda alimentazione dalla rete pubblica) - v. art. 351 e 562.4 della
Norma CEI 64-8 e si raccomanda che entri in funzione entro 0,5 s al mancare
dell’alimentazione ordinaria.
Essa deve disporre di sorgenti permanentemente disponibili e in grado di fornire
alimentazione per almeno 1 h: se queste sorgenti sono costituite da accumulatori,
essi devono potersi ricaricare automaticamente entro il periodo di chiusura previ-
sto per il centro commerciale (per esempio 8 h) oppure essere sovradimensionati
in modo da garantire l’autonomia prescritta entro tale tempo.
L’impianto di sicurezza deve essere escludibile solo con comando a mano e deve
sempre comportare una chiara segnalazione.
Esso deve disporre preferibilmente di due sorgenti di sicurezza.

3.3 Alimentazione di riserva


Qualora sia richiesto dal progetto, deve essere prevista un’alimentazione di riserva.
Se si utilizzano accumulatori stazionari vanno osservate le prescrizioni di cui alla
Norma CEI 21-6.
Si raccomanda che l’impianto abbia una sorgente autonoma in grado di interveni-
re automaticamente al pieno carico programmato entro 15 s (dall’interruzione
dell’alimentazione principale) e di mantenerlo per almeno 1 h.
Nota Tempi più lunghi di mantenimento potranno essere previsti dal Committente in relazione alla
tipologia del Centro Commerciale.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 6 di 36
4 DISTRIBUZIONE DELL’ENERGIA ELETTRICA

4.1 Progettazione degli impianti


Gli impianti elettrici devono essere progettati da professionisti iscritti negli Albi
professionali di competenza specifica ai sensi della Legge 46/90 e relativo regola-
mento di attuazione DPR 447/91.
La documentazione di progetto deve essere quella prevista dalla Guida CEI 0-2.

4.2 Individuazione dei circuiti e relativi schemi


Vanno predisposti, e tenuti disponibili, almeno uno schema elettrico generale
unifilare e uno schema planimetrico sui quali siano riportati i dati di ogni singolo
circuito e la destinazione di ogni ambiente.
Sui quadri elettrici (generale, secondari, ecc.) vanno indicati i circuiti alimentati.

4.3 Suddivisione dei circuiti


L’impianto deve essere suddiviso in più circuiti.
Si raccomanda di prevedere uno o più circuiti dedicati per ciascuna delle seguen-
ti funzioni:
n vendita
n vetrine
n lavorazione carni
n depositi
n linea casse
n uffici
n centro elaborazione dati
n servizi tecnici (centrale termica, frigorifera, idrica, di sollevamento delle ac-
que luride, ecc.)
n autorimessa
n parcheggi
n utilizzazioni esterne al fabbricato (insegne luminose, illuminazioni esterne di
piazzali o altro, ecc.)
n impianti frigoriferi per la conservazione delle merci deperibili
n stazione di pompaggio per servizio antincendio
n ascensori e montacarichi
n servizi logistici per il pubblico (bar, ristorante, ecc.)
n comunicazione e segnalazione
n servizi di sicurezza.

Si raccomanda che per ciascuna funzione le prese a spina abbiano circuiti dedicati.
Per negozi e locali di terzi vedere Allegato C.

4.4 Suddivisione dei circuiti luce nei locali frequentati dal pubblico
Si raccomanda che i circuiti luce dei locali frequentati dal pubblico, ad eccezione de-
gli ambienti accessori, siano in numero tale che l’andata fuori servizio di uno di essi
non riduca eccessivamente il livello di illuminamento in nessuna zona interessata.
Si raccomanda inoltre che ciascuno di essi non alimenti un carico superiore a 2500 VA.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 7 di 36
4.5 Impianto dei servizi di sicurezza
L’impianto dei servizi di sicurezza deve essere alimentato da apposita sorgente
autonoma e indipendente (ad esempio da gruppo di continuità e/o equivalente).
Si raccomanda che da tale impianto siano alimentate le seguenti utilizzazioni
strettamente connesse con la sicurezza delle persone, con propri circuiti:
n illuminazione di sicurezza, compresa quella indicante i passaggi pericolosi, le
uscite in zona sicura e il percorso per raggiungere queste ultime (D.Lgs 493/96);
n eventuale comando dell’apertura dell’interruttore generale;
n rilevamento presenza e intercettazione di gas;
n diffusione sonora per l’avviso al pubblico;
n rilevatori di incendio e relativi impianti di protezione attiva (ad es. apertura
cupoline).

I circuiti di allarme (segnalazione di gas, di calore o di presenza di fumi) vanno


derivati da una propria sorgente e vanno permanentemente alimentati.
In presenza di più sorgenti di sicurezza è ammesso alimentare anche utilizzazioni
diverse da quelle connesse con la sicurezza delle persone (ad esempio circuito
casse e computer). In questi casi devono essere prese precauzioni affinché non
venga compromesso il corretto funzionamento dell’impianto dei servizi di sicu-
rezza e l’autonomia della relativa sorgente.
L’impianto di illuminazione di sicurezza deve interessare tutti i locali ai quali ha
accesso il pubblico (comprese le autorimesse con capienza > 300 autoveicoli, ve-
dere D.M.1.2.86) e quelli nei quali abitualmente opera il personale, nonché i per-
corsi necessari per raggiungere le uscite di sicurezza e gli indicatori per la loro
individuazione.
Si consiglia che tali indicatori siano permanentemente accesi al fine di renderli
ben visibili.
L’entrata in funzione dell’alimentazione di sicurezza deve avvenire automatica-
mente al mancare dell’alimentazione, ma non deve avvenire automaticamente
quando vengono aperti gli interruttori principali alla chiusura del locale.
Nota Ai fini di questa prescrizione per interruttore principale si intende il dispositivo di interruzione
automatica a monte del quale è derivata l’alimentazione dell’impianto dei servizi di sicurezza.

Deve essere possibile reinserire a mano l’alimentazione di sicurezza dall’eventua-


le posto presidiato o da un altro ambiente immediatamente raggiungibile dal per-
sonale addetto.
L’autonomia dei sistemi che alimentano i circuiti di illuminazione di sicurezza (ad
esempio UPS più gruppo elettrogeno) non deve essere inferiore a 1 h, in modo
da consentire un ordinato sfollamento dei locali.
I circuiti che alimentano i servizi di sicurezza devono essere indipendenti da
quelle degli altri circuiti.
A tal fine può essere necessario utilizzare per tali circuiti cavi multipolari distinti,
canalizzazioni (tubi protettivi, canali) distinte, cassette di derivazione distinte,
condotti sbarre, materiali resistenti al fuoco, o circuiti con percorsi diversi, o si-
stemi equivalenti.
Nota Per maggiore affidabilità impiantistica è da preferire la soluzione che preveda percorsi in ca-
nalizzazioni distinte.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 8 di 36
Si raccomanda che le condutture che alimentano i circuiti di sicurezza possano
poter funzionare durante un incendio che possa svilupparsi lungo l’eventuale
loro percorso esterno alla zona di pertinenza e pertanto devono essere, per co-
struzione e installazione, resistenti al fuoco in relazione al tempo di funziona-
mento previsto.
L’impianto di illuminazione di sicurezza deve essere suddiviso in più circuiti di-
stinti, con un minimo di due in ogni singolo locale.
Sono ammesse singole lampade autoalimentate ad intervento automatico. Si racco-
manda che l’illuminamento medio sia sufficiente per consentire in condizione di
ragionevole sicurezza uno sfollamento del pubblico e del personale, e non sia infe-
riore a 5 lx, misurato su un piano orizzontale ad 1 m di altezza dal piano di calpe-
stio, in corrispondenza delle porte e delle scale e non sia inferiore a 2 lx in qualsi-
asi altra zona percorribile e in qualsiasi condizione di funzionamento.
Si raccomanda che tutti i dispositivi di protezione contro le sovracorrenti dell’im-
pianto di sicurezza siano dotati di segnalazione di intervento riportata in luogo
presidiato.

4.6 Impianto di riserva


I circuiti dell’impianto di riserva possono coincidere o svilupparsi in circuiti di-
stinti da quelli dell’alimentazione ordinaria.
Anche in quest’ultimo caso si applicano le prescrizioni relative all’impianto prin-
cipale.
Nel collegamento della sorgente (per esempio gruppo elettrogeno) al quadro ge-
nerale di distribuzione vanno adottati gli opportuni accorgimenti (blocchi elettrici
e meccanici) per evitare la possibilità di inserzione dell’alternatore in parallelo
con la rete del Distributore di energia elettrica.
Si raccomanda che vengano alimentate dall’impianto di riserva:
n il 50% dell’impianto illuminazione area vendita, galleria ed eventuale par-
cheggio coperto
n il 100% dell’impianto illuminazione area deposito merci e servizi
n il 100% dell’impianto illuminazione e prese a spina per le lavorazioni
n la centrale frigorifera
n le prese a spina carica batterie carrelli elettrici
n i gruppi di continuità per l’unità centrale sistema elaborazione dati
n i registratori di cassa ed i nastri trasportatori dei mobili cassa
n le bilance elettroniche
n i forni dell’eventuale panificio
n l’eventuale impianto centrale antincendio (se non già dotato di motopompa)
n l’eventuale impianto sollevamento acque di scarico
n le sorgenti in c.c. per l’alimentazione dei servizi di sicurezza
n l’impianto antintrusione
n il centralino telefonico
n il quadro sala ristoro
n l’impianto illuminazione notturna
n eventuali ascensori
n l’illuminazione delle vie di esodo, delle uscite di sicurezza, corridoi, scale,
servizi igienici.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 9 di 36
4.7 Impianto temporaneo
Un eventuale impianto temporaneo - ad esempio per vetrinette mobili, dimostra-
zioni di apparecchi, luminarie natalizie, ecc. - date le sue caratteristiche di provvi-
sorietà e di flessibilità, deve essere realizzato con particolare cura per evitare che
si possano creare situazioni di pericolo per il personale non addestrato o per il
pubblico.
In particolare si raccomanda che le condutture per il collegamento dell’impianto
temporaneo all’impianto fisso in sistemi di 1a categoria siano realizzate con cavi
con guaina flessibile per posa fissa (es. N1VV-K, FG70R, FG70M1) e cavi con
guaina flessibile per posa mobile (es. FROR).
Si raccomanda anche che esse abbiano sezione non inferiore a 2,5 mm2 e siano del
tipo per tensione nominale ³ 450/750 V e, per quanto possibile, non risultino ac-
cessibili al pubblico e siano protette da dispositivi differenziali aventi Idn £ 30 mA.
Non sono ammesse misure di protezione contro i contatti diretti realizzate me-
diante ostacoli o distanziamento.
I circuiti devono essere protetti contro le sovracorrenti mediante adeguati dispo-
sitivi di protezione installati alla loro origine.
Inoltre si raccomanda che le derivazioni agli apparecchi utilizzatori siano le più
brevi possibile e comunque non superino 10 m. Eventuali attraversamenti sogget-
ti a calpestio vanno evitati, quando ciò non sia possibile vanno realizzati in modo
da assicurare la protezione meccanica delle condutture.

5 SCELTA DEL GRADO DI PROTEZIONE IP

5.1 Protezione contro i contatti diretti


Tutti i componenti elettrici devono possedere almeno i seguenti gradi di prote-
zione:
n IPXXD (oppure IP4X) per le superfici superiori orizzontali a portata di mano;
n IPXXB (oppure IP2X) per tutti gli altri casi.

Se la protezione contro i contatti diretti è realizzata sul posto dall’installatore me-


diante barriere o involucri, si raccomanda che tra esse e le parti attive dei sistemi
di 1a categoria sia prevista una distanza di almeno 40 mm. Questa distanza può
essere ridotta se le parti attive sono meccanicamente solidali con gli involucri o le
barriere di materiale isolante.
Nota La raccomandazione di quest’ultimo paragrafo può essere considerata di carattere generale e
valida non solo per i centri commerciali.

5.2 Protezione contro le influenze esterne


Per i pavimenti e le pareti degli ambienti nei quali si procede usualmente a spar-
gimento di liquidi (per esempio, nei locali adibiti a confezionamento di generi
alimentari e nelle eventuali cucine) tutti i componenti elettrici devono possedere
un grado di protezione ³ IPX4.
Se si tratta di locali per la cui pulizia è previsto l’uso di getti d’acqua il grado di
protezione dei componenti dell’impianto elettrico deve essere almeno:
n IPX5 per installazione a parete
n IPX4 per installazione a soffitto.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 10 di 36
6 PROTEZIONE CONTRO GLI INCENDI NEGLI AMBIENTI FREQUENTATI
DAL PUBBLICO

6.1 Prescrizioni generali


Negli ambienti frequentati dal pubblico l’impianto elettrico deve essere costruito
con materiali rispondenti alle prescrizioni di cui alla Sez. 751 “Ambienti a mag-
gior rischio in caso d’incendio” della Norma CEI 64-8 e le apparecchiature devo-
no essere scelte e installate in modo da impedire che eventuali archi o scintille
diano origine ad un incendio.
Nota Non solo gli ambienti frequentati dal pubblico possono essere considerati locali a maggior ri-
schio in caso di incendio.

È consigliabile non installare impianti elettrici nei percorsi verso le uscite di sicurezza.
Nel caso ciò non sia possibile le condutture elettriche che attraversano le vie
d’uscita di sicurezza non devono costituire ostacolo al deflusso delle persone e
preferibilmente non essere a portata di mano; comunque, se a portata di mano,
devono essere poste entro involucri o dietro barriere che non creino intralci al
deflusso e che costituiscano una buona protezione contro i danneggiamenti mec-
canici prevedibili durante l’evacuazione.

6.2 Prescrizioni particolari per impianti con componenti elettrici incassati


La seguente Tab. 1 fornisce informazioni per la scelta del grado IP verso la parete
delle scatole e delle cassette in posa incassata.

Tab. 1 Scelta del grado IP verso parete delle scatole e delle cassette incassate

Pareti Classi di reazione al fuoco dei materiali delle pareti (1)


Ambienti 0 1 2 3 4
(2) (5)
Ambienti ordinari o o o componenti schermati
Allegato (5)
o o o componenti schermati
A
Ambienti a
maggior A (4)
rischio in pubblico o o • • •
caso di spettacolo
incendio (3)
B o IP4X (se i componenti producono archi o scintille)
(5)
C o o o componenti schermati
Legenda
o grado di protezione IP in accordo con norme generali (di regola IP2X su superfici verticali)
• tipo di parete non permesso
(1) DM del 26 Giugno 1984.
(2) CEI 64-8 sez. 422.
(3) CEI 64-8 sez. 751.
(4) DM del 6 Luglio 1983.
(5) I componenti devono essere schermati secondo 422.2 e 422.3 della Norma CEI 64-8 se sono tali da raggiungere temperature
superficiali elevate o da produrre archi o scintille.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 11 di 36
La seguente Tab. 2 fornisce informazioni relative alla scelta del grado di severità
per la prova al filo incandescente delle scatole e cassette in posa incassata, in
ambienti ordinari ed in ambienti a maggior rischio in caso di incendio.

Tab. 2 Scelta del grado di severità per la prova al filo incandescente delle scatole
e delle cassette incassate

Classe di reazione al fuoco dei materiali delle pareti (1)


Pareti
0 1 2 3 4
(2)
Temperatura del filo (°C) 650 650 650 850 850
(1) DM del 26 Giugno 1984.
(2) CEI 64-8, Sez. 422.

Nota Le informazioni contenute nelle Tabelle 1 e 2 possono essere considerate applicabili ai luoghi
previsti dalla Sezione 751 della Norma CEI 64-8.

7 SEZIONAMENTO E COMANDO

7.1 Inaccessibilità dei comandi e degli apparecchi di sezionamento,


di protezione e di manovra
I comandi generali e parziali degli impianti elettrici e le relative protezioni devono
essere disposti o conformati in modo che il pubblico non possa agire su di essi: è
fatta eccezione per i comandi e le protezioni dei servizi non essenziali all’esercizio
ordinario del locale, purché siano derivati da circuiti provvisti di protezioni adegua-
te e distinti da quelli che alimentano i servizi essenziali. I servizi non essenziali
sono ad esempio i banchi dimostrativi, ecc.

7.2 Comando e arresto di emergenza

7.2.1 Comando di emergenza (messa fuori tensione dell’impianto utilizzatore


in condizioni di emergenza)
Nelle medie e grandi strutture commerciali deve essere sempre possibile, per ra-
gioni di sicurezza, mettere fuori tensione i circuiti elettrici, con l’esclusione dei
circuiti di sicurezza, con manovre chiaramente indicate e concentrate in un unico
posto.
Tale operazione deve poter essere effettuata anche dall’esterno o da un locale di
disimpegno direttamente accessibile dall’esterno.
Il dispositivo di apertura deve essere facilmente individuabile e non soggetto a
danneggiamenti o manomissioni. L’azionamento di tale dispositivo di apertura
non deve provocare l’entrata in servizio automatica della sorgente autonoma di
riserva, ove esista. In caso di alimentazione da sistemi di II categoria è ammesso
agire o sull’interruttore principale in bassa tensione, o, simultaneamente, su tutti
gli interruttori posti sul quadro generale che proteggono i singoli circuiti.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 12 di 36
7.2.2 Arresto di emergenza
Qualora previsto da normative tecniche o di legge, o da regolamenti delle autori-
tà responsabili, e comunque ogni qualvolta una macchina o un complesso di ap-
parecchiature richieda di essere fermato in tempi brevi per motivi di sicurezza,
nelle sue immediate vicinanze e in posizione facilmente visibile devono essere
installati uno o più idonei dispositivi per l’arresto di emergenza.

8 IMPIANTI TECNOLOGICI

8.1 Centrali: termica, di condizionamento, idrica


e di sollevamento acque nere
Per alcune informazioni di particolare interesse per le centrali di condizionamento,
idrica e di sollevamento acque nere si rimanda al Capitolo 4.4 della Guida CEI 64-50.
Per informazioni riguardanti le centrali termiche si rimanda al Capitolo 4.3 della
Guida CEI 64-50 ed alla Guida CEI 31-27.

8.2 Impianto di diffusione sonora


Si raccomanda di installare le sorgenti in uno o più quadri di tipo modulare
(Rack). La diffusione sonora, nel caso di grandi ambienti, comprenderà un’ade-
guata “consolle” di riferimento, capace di gestire in ingresso un numero di canali
monofonici e stereofonici adeguati, ed una serie di componenti progettati per au-
dio di elevata potenza.
La dotazione minima orientativa dei componenti da installare nel sistema modu-
lare è la seguente:
n un registratore/lettore per cassette di tipo professionale, composto da più ele-
menti connessi in cascata;
n un pannello di segnalazione;
n dispositivi preamplificatori;
n dispositivi correttori di toni ed eventuali filtri di taglio per i toni bassi a fre-
quenza variabile;
n dispositivo alimentatore;
n “pannello” per il collegamento alla rete di alimentazione a 240 V c.a, comple-
to di morsetteria e di interruttore acceso-spento;
n generatore di segnale di preavviso bitonale per comunicazioni al pubblico ed
ai dipendenti;
n “pannello” per la filodiffusione;
n una o più unità per l’uscita, costituite da dispositivi di amplificazione di po-
tenza idonea (complete di alimentatore), adeguate a pilotare il carico dei ri-
produttori.

L’impianto di diffusione sonora viene completato da:


n microfoni dinamici a diaframma cardioide con supporto da tavolo;
n riproduttori altoparlanti a proiettore di suono nelle aree di vendita e nelle
zone magazzino e ricevimento merci, nella eventuale galleria e nelle zone
parcheggio coperto, in grado di garantire un raggio di ascolto più ampio ri-
spetto al tipo tradizionale;

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 13 di 36
n riproduttori altoparlanti del tipo da incasso nelle zone con controsoffitto;
n riproduttori altoparlanti in cassetta o da incasso per la diffusione sonora nei
reparti di lavorazione e nelle zone degli impianti tecnologici;
n riproduttori altoparlanti del tipo ad alta diffusione sonora per le zone par-
cheggio all’aperto.

Si ricorda che è necessario alimentare il sistema di diffusione sonora destinato


all’invio di messaggi connessi al piano di evacuazione dai locali mediante alimen-
tazione di sicurezza (v. 4.5).
Si raccomanda di predisporre prese microfoniche in idonee cassette rese accessi-
bili solo con chiave, per uso occasionale durante manifestazioni promozionali.
Per la realizzazione delle linee foniche e microfoniche deve essere utilizzato cavo
schermato con schermatura predisposta per il collegamento a terra, lato “centra-
le”, avente le stesse caratteristiche di resistenza al fuoco dei cavi dell’impianto
elettrico.

8.3 Impianti di trasmissione dati per registratori cassa elettronici -


Elaboratore centrale
Si raccomanda di predisporre canalizzazioni da adibire esclusivamente al conte-
nimento dei cavi destinati a trasmissione dati e destinati a collegare l’elaboratore
centrale con i registratori di cassa (cavi schermati o canalizzazioni metalliche).
Si raccomanda di predisporre anche canalizzazioni destinate ai cavi dei dati di
collegamento radiale fra l’elaboratore centrale e:
n tutti gli uffici amministrativi,
n l’ufficio ricevimento merci,
n gli uffici addetti a merci varie.

8.4 Canalizzazioni per telefoni


Vanno predisposte canalizzazioni per gli impianti telefonici.
Il centralino va ubicato nella zona uffici centrali e si raccomanda che disponga
delle seguenti derivazioni:
n una derivazione per ogni posto di lavoro (da definirsi con il committente)
n una per ciascun locale di lavorazione
n una per ciascun ufficio del ricevimento merci
n una derivazione al locale informazioni ed una al locale cassa centrale
n una derivazione per ciascun deposito merci.

Per ulteriori informazioni si rimanda al Cap. 4, Art. 4.8 della Guida 64-50.

8.5 Impianto antintrusione


L’impianto antintrusione deve essere conforme alle Norme CEI 79-3 e CEI 79-14.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 14 di 36
9 SCELTA DEI COMPONENTI

9.1 Dispositivi di commutazione fra l’alimentazione ordinaria


e l’alimentazione di riserva (gruppo elettrogeno)
Il dispositivo di commutazione può essere installato sia sul quadro generale (sezio-
ne destinata alla distribuzione di riserva) sia sul quadro del gruppo elettrogeno.

9.2 Quadro generale

9.2.1 Sezione del quadro generale destinata alla distribuzione di energia ordinaria
(da rete)
In questa sezione vanno installati:
n un interruttore e/o sezionatore generale
n gli strumenti di misura ed eventuali trasduttori per il controllo a distanza
n gli apparecchi di protezione per le linee alimentanti, per esempio:
n i settori energia principale dei quadri secondari dell’area vendita e
dell’eventuale parcheggio coperto
n i quadri dell’impianto di climatizzazione
n il quadro della centrale termica/idrica
n l’illuminazione del parcheggio all’aperto, le insegne luminose, l’illumina-
zione delle aree esterne
n le utenze illuminazione e forza motrice derivate direttamente dal quadro
generale.

9.2.2 Sezione del quadro generale destinato alla distribuzione dell’energia


di riserva (alimentabile in assenza di rete tramite il gruppo elettrogeno)
In questa sezione vanno installati:
n un interruttore e/o sezionatore generale
n un interruttore e/o sezionatore generale (da gruppo elettrogeno)
n gli strumenti di misura ed eventuali trasduttori per il controllo a distanza
n un commutatore automatico rete/gruppo elettrogeno (se non già inserito sul
quadro gruppo elettrogeno)
n gli apparecchi di protezione preferibilmente adatti per il sezionamento, a pro-
tezione delle linee alimentanti, per esempio, le funzioni elencate in 4.6

Si ricorda che il cambio di sorgente di alimentazione da rete a gruppo elettroge-


no comporta generalmente l’aumento dell’impedenza della sorgente e quindi la
diminuzione delle correnti di guasto a fondo linea.
È pertanto necessario verificare che il sistema delle protezioni abbia un funziona-
mento corretto anche con l’alimentazione tramite gruppo elettrogeno.
Si deve verificare sia il caso del corto circuito tra conduttori attivi che quello del
guasto a terra.
Il primo caso richiede in pratica la verifica solo per i circuiti non protetti termica-
mente oppure aventi protezione termica surdimensionata rispetto alla portata
delle condutture con derivazioni non protette che alimentano apparecchi di illu-
minazione.
In pratica si deve verificare che anche con l’alimentazione da gruppo elettroge-
no, per un guasto fase/fase o fase neutro a fondo linea si abbia l’intervento del
dispositivo di protezione contro il corto circuito.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 15 di 36
Il caso del guasto a terra (protezione contro i contatti indiretti) va visto in funzio-
ne del modo di collegamento a terra dell’alimentazione ordinaria e di quella da
gruppo elettrogeno secondo i seguenti sottocasi:
a) alimentazione ordinaria TN e gruppo funzionante in TN.
In caso di dubbio è necessario verificare l’intervento delle protezioni con le
impedenze dell’anello di guasto che ha come sorgente il generatore, preve-
dendo eventualmente una protezione differenziale su ogni circuito alimentato
dal generatore;
b) alimentazione ordinaria TT e gruppo funzionante in TN.
Come in a). Se non si desidera ottenere la selettività, l’interruttore differenzia-
le potrebbe essere unico sul montante del generatore;
c) alimentazione ordinaria in TN o TT e gruppo funzionante in IT.
Secondo l’art. 413.1.5.1, commento, della Norma 64-8, non si ritiene necessa-
rio predisporre i dispositivi di allarme in caso di primo guasto e di protezione
previsti dalle norme per i sistemi IT poichè si presume che, durante i brevi
periodi di funzionamento dell’impianto con il neutro isolato, sia impossibile il
verificarsi di un doppio guasto a terra.

9.2.3 Sezione destinata alla compensazione automatica dell’energia reattiva


In questa sezione è compreso l’eventuale impianto di compensazione dell’ener-
gia reattiva, costituito da condensatori statici per mantenere il fattore di potenza
nei limiti contrattuali.
I trasformatori di potenza (MT/BT) possono essere anche dotati di singoli con-
densatori di rifasamento protetti e derivati a monte di ciascuno degli interruttori
BT dei trasformatori.

9.2.4 Ubicazione del quadro generale


Si raccomanda di ubicare il quadro generale:
n per le medie strutture commerciali in un ambiente esterno all’area di vendita
e non in prossimità di strutture combustibili né di depositi di materiale com-
bustibile;
n per le grandi strutture commerciali in un apposito locale in muratura non di-
rettamente comunicante con gli ambienti destinati al pubblico.

Nel caso di alimentazione da sistemi di II categoria è ammesso che il quadro ge-


nerale possa essere collocato anche nella cabina di trasformazione.

9.3 Quadro gruppo elettrogeno


Su questo quadro sono installate tutte le apparecchiature di comando, di re-
golazione, di controllo e protezione del gruppo elettrogeno.
In questo quadro è inserito il commutatore qualora non sia già installato nella se-
zione del quadro generale destinato alla riserva.
Esempi di schemi elettrici con commutazione sono rappresentati nelle Figg. 5 e 6.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 16 di 36
Fig. 5 Primo esempio di schema elettrico con commutazione - Alimentazione MT

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 17 di 36
Fig. 6 Secondo esempio di schema elettrico con commutazione - Alimentazione BT

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 18 di 36
9.4 Quadri secondari
Qualora gli eventuali quadri secondari siano collocati nei locali di vendita, essi
devono essere dotati di porta apribile solo con chiave o di pannello asportabile
solo mediante attrezzo, per evitare interventi impropri da parte del pubblico.
I quadri dotati di porte provviste di vetro (o materiale plastico trasparente) facili-
tano la verifica dello stato delle apparecchiature.
In linea di massima ai fini della suddivisione delle zone ed utenze servite dai
quadri secondari, si può fare riferimento alle funzioni elencate in 4.3.

È utile prevedere sui quadri secondari alcuni interruttori di scorta, che consenta-
no l’alimentazione di eventuali ulteriori circuiti.

9.5 Condutture

9.5.1 Posa delle condutture


Con riferimento all’art.522.6 della Norma CEI 64-8, si ritiene che al di sopra di
2,50 m non è necessaria una particolare protezione meccanica.
Si raccomanda che i cavi posti in tubi protettivi siano sfilabili e reinfilabili senza
possibilità di danneggiamento.

9.5.2 Attraversamento di strutture resistenti al fuoco


Si ricorda che in corrispondenza di strutture edilizie con caratteristiche di resistenza al
fuoco specificate, le condutture devono essere otturate sino ad ottenere il grado di re-
sistenza all’incendio che aveva l’elemento costruttivo corrispondente prima della pen-
etrazione (vedere CEI 64-8, serie 527).

9.6 Apparecchi di illuminazione

9.6.1 Generalità
Si raccomanda che gli apparecchi di illuminazione con lampade a vista siano po-
sti con la lampada fuori portata di mano (altezza > 2,5 m) del pubblico e che in
posizione inferiore a 2,5 m dal piano di calpestio gli apparecchi di illuminazione
siano provvisti di schermo.
Se vengono raggiunte temperature > 85 °C si raccomanda di installare un riparo
esterno posto in modo da evitare contatti casuali da parte del pubblico. Tale ripa-
ro deve essere di materiale non combustibile.
Si ricorda che gli apparecchi di illuminazione devono avere la superficie irradian-
te ad un distanza dalle merci esposte tale che le stesse non raggiungano in alcun
punto una temperatura pericolosa.
In particolare per i faretti e i piccoli proiettori (vedere CEI 64-8, art. 751.04.1e)
tale distanza deve essere almeno:
n fino a 100 W: 0,5 m;
n da 100 W a 300 W: 0,8 m;
n da 300 W a 500 W: 1 m.

9.6.2 Ausiliari (alimentatori) per lampade a scarica


Informazioni dettagliate relative all’installazione di lampade a scarica sono ripor-
tate nella sezione 753 della Norma CEI 64-8.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 19 di 36
9.6.3 Apparecchi di illuminazione di sicurezza e di segnalazione
Si raccomanda che questi apparecchi di illuminazione se installati a portata di
mano siano protetti contro i danneggiamenti meccanici e le manomissioni.

9.7 Prese a spina


Le prese installate all’esterno e soggette direttamente all’azione della pioggia de-
vono avere grado di protezione non inferiore a IP43. Dove esista probabilità di
spruzzi si raccomanda un grado di protezione IP44.

10 IMPIANTI ELETTRICI DEI MOBILI

Informazioni dettagliate sono riportate nella Norma CEI 64-11.

11 IMPIANTI ELETTRICI DEI MAGAZZINI

Quando il magazzino è destinato a deposito merci soggette a prescrizioni di sicurez-


za contro l’incendio o l’esplosione occorre verificare che gli impianti elettrici siano
conformi rispettivamente alla Norma CEI 64-8, Sez. 751, oppure alle Norme CEI 64-2
o CEI EN 60079-14 (CEI 31-33).
Nota Per alcune merci, in relazione anche alla superficie del locale deposito, può essere prescritta
l’installazione di impianti di rilevamento e/o spegnimento incendi.

In ogni caso si devono considerare i possibili effetti che possono avere sull’im-
pianto l’ubicazione, la ventilazione del locale e le azioni meccaniche dovute
all’uso, ricorrendo, se necessario, a componenti elettrici particolarmente resistenti
ad urti, corrosioni, umidità ecc.
Per ulteriori informazioni si rimanda alle informazioni riportate nel Cap. 5.5 della
Guida CEI 64-50.

12 VERIFICHE

Devono essere eseguite tutte le verifiche prescritte dalle relative norme, ad esem-
pio dalla Norma CEI 64-8, Cap. 61.
Informazioni dettagliate su come effettuare le verifiche sono riportate nella Guida
CEI 64-14.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 20 di 36
ALLEGATO
A PRINCIPALI DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E DI NORMATIVA TECNICA

A.1 DISPOSIZIONI LEGISLATIVE


(emanate da: Presidente della Repubblica, del Consiglio dei Ministri, Ministero
dell’interno, Industria, ecc.)
n Circolare del Ministero dell’interno del 14 settembre 1961 n. 91 “... Norme di
sicurezza per la protezione … conto il fuoco … dei fabbricati ad uso civile.”
n Circolare del Ministero dell’interno del 3 luglio 1967 n. 75 (e successive inte-
grazioni e modificazioni) “Criteri di prevenzione incendi per grandi magazzi-
ni empori … ”
n Legge dell’11 giugno 1971, n. 426 artt. 26 e 27 “Disciplina del Commercio …”
n Lettera - Circolare del Ministero dell’interno del 13 febbraio 1975
n. 5210/4118/4 sulla classificazione “… Grandi magazzini … Supermercati
alimentari … Ipermercati e centri commerciali …ecc.”
n Lettera - Circolare del Ministero dell’interno del 25 giugno 1975 n. 13748/4147
sulla competenza dei locali Comandi VVF per le attività relative a “… Depositi
e grandi magazzini …”
n DM del 18 settembre 1975 “Norme di sicurezza per la constrizione e l’eserci-
zio delle scale mobili in sercizio pubblico”
n DM del 16 febbraio 1982 “… attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco … ”
n DM del 6 luglio 1983 “… Norme sul comportamento al fuoco delle strutture …”
n DPR del 30 novembre 1983 “… Termini definizioni generali e simboli grafici
di prevenzione incendi …”
n DM del 26 giugno 1984 “… Classificazione di reazione al fuoco ed
omologazione …”
n DM dell’8 marzo 1985, allegato A art. 8, “Nulla osta provvisorio … illumina-
zione di sicurezza …”
n DM del 1 febbraio 1986 “Norme antincendio per autorimesse e simili”
n Circolare del Ministero dell’interno del 17 dicembre 1986, n. 42 “Chiarimenti
interpretativi di questioni …”
n Legge del 9 gennaio 1989 n. 13 “… Disposizioni per favorire il superamento e
l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati …”
n Legge del 5 marzo 1990 n. 46 “ … Norme per la sicurezza degli impianti …”
n DPR del 6 dicembre 1991 n. 447 “… Regolamento d’attuazione della
legge n. 46 del 5 marzo 1990”
n DM del 20 febbraio 1992 “… Approvazione del modello di dichiarazione … di
cui all’art. 7 del regolamento di attuazione della legge 46/90 …”
n DM del 23 maggio 1992 n. 314 “… Regolamento recante disposizioni di attua-
zione della legge 28 maggio 1991 n. 109, in materia di allacciamenti e col-
laudi degli impianti telefonici interni …”
n DM del 15 ottobre 1993 n. 519 “… Regolamento recante autorizzazione
all’Istituto superiore di prevenzione e sicurezza del lavoro a esercitare attività
omologative di primo o nuovo impianto per la messa a terra e la protezione
dalle scariche atmosferiche …”
n DL del 19 settembre 1994 n. 626 + DL del 18 marzo 1996 n. 242 “… attuazio-
ne delle direttive 89/391/CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza dei
lavoratori sul luogo di lavoro …”
n D Lgs del 14 agosto 1996 n. 496 “Segnaletica di sicurezza e/o di salute sul luo-
go di lavoro”.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 21 di 36
A.2 NORMATIVA TECNICA

APPLICAZIONE DELLE NORME E TESTI DI CARATTERE GENERALE


CEI 0-2 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli
impianti elettrici
CEI 0-3 Legge 46/90 Guida per la compilazione della dichiarazione di con-
formità e relativi allegati

IMPIANTI ELETTRICI AD ALTA TENSIONE E DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA A BASSA


TENSIONE
CEI 11-1(1) Impianti di produzione, trasporto e distribuzione di energia elettrica.
Norme generali
CEI 11-8(1) Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione di energia
elettrica. Impianti di terra
CEI 11-20 Impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità
collegati a reti di I e II categoria
CEI 11-37 Guida per l’esecuzione degli impianti di terra di stabilimenti indu-
striali per sistemi di I, II e III categoria

RADIOCOMUNICAZIONI
CEI 100-7 Guida per l’applicazione delle norme riguardanti gli impianti d’an-
tenna per ricezione radiofonica e televisiva

GROSSA APPARECCHIATURA
CEI 17-13/1 Apparecchiature assiemate di protezione e manovra per bassa ten-
sione (quadri BT) - Parte 1: Apparecchiature di serie soggette a
prove di tipo (AS) e apparecchiature non di serie parzialmente
soggette a prove di tipo (ANS)
CEI 17-13/2 Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa
tensione (quadri elettrici per bassa tensione) - Parte 2: Prescrizioni
particolari per i condotti sbarre
CEI 17-13/3 Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa
tensione (quadri BT) - Parte 3: Prescrizioni particolari per apparec-
chiature assiemate di protezione e di manovra destinate ad essere
installate in luoghi dove personale non addestrato ha accesso al
loro uso - Quadri di distribuzione (ASD)
CEI 17-13/4 Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa
tensione (quadri BT) - Parte 4: Prescrizioni particolari per apparec-
chiature assiemate per cantiere (ASC)

CAVI PER ENERGIA


CEI 20-40 Guida per l’uso di cavi a bassa tensione

LOCALI ACCUMULATORI
CEI 21-6/3 Batterie di accumulatori stazionari al piombo - Parte 3: Raccoman-
dazioni per l’installazione e l’esercizio
CEI 21-20 Guida per l’esercizio e la sicurezza di batterie di accumulatori al
piombo per veicoli elettrici

(1) Dal 1° maggio 1999 sarà in vigore la nuova edizione della Norma CEI 11-1, che dal 30 aprile 2000 sostituirà completamente
le Norme CEI 11-1 e 11-8 qui citate.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 22 di 36
APPARECCHIATURE DI BASSA TENSIONE
CEI 23-51 Prescrizioni per la realizzazione, le verifiche e le prove dei quadri
di distribuzione per installazioni fisse per uso domestico e similare

IMPIANTI ELETTRICI NEI LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE


CEI 64-2 Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione
CEI 64-2A Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione - Appendici
CEI 31-27 Guida per l’esecuzione degli impianti elettrici nelle centrali termi-
che non inserite in un ciclo di produzione industriale
CEI 31-30 Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas
Parte 10: Classificazione dei luoghi pericolosi
CEI 31-33 Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas
Parte 14: Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione per
la presenza di gas (diversi dalle miniere)

LAMPADE E RELATIVE APPARECCHIATURE


CEI 34-21 Apparecchi di illuminazione - Parte 1: Prescrizioni generali e prove
CEI 34-22 Apparecchi di illuminazione - Parte II: Prescrizioni particolari. Ap-
parecchi di emergenza.

IMPIANTI ELETTRICI UTILIZZATORI DI BASSA TENSIONE


CEI 64-4 Impianti elettrici in locali adibiti ad uso medico
CEI 64-7 Impianti elettrici di illuminazione pubblica
CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a
1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua
CEI 64-11 Impianti elettrici nei mobili
CEI 64-12 Guida per l’esecuzione dell'impianto di terra negli edifici per uso
residenziale e terziario
CEI 64-14 Guida alle verifiche degli impianti elettrici utilizzatori
CEI 64-50 Edilizia residenziale - Guida per l’integrazione nell’edificio degli
impianti elettrici utilizzatori, ausiliari e telefonici

INVOLUCRI DI PROTEZIONE
CEI 70-1 Gradi di protezione degli involucri (Codice IP)

ELETTRONICA DI POTENZA
CEI 22-13 Sistemi statici di continuità (UPS) - Parte 1-1: Prescrizioni generali e
di sicurezza per UPS utilizzati in aree accessibili all’operatore

SISTEMI DI RILEVAMENTO E SEGNALAZIONE PER INCENDIO,


INTRUSIONE, FURTO, SABOTAGGIO ED AGGRESSIONE
CEI 79-3 Impianti antieffrazione, antiintrusione, antifurto e antiaggressione
Norme particolari per gli impianti antieffrazione e antiintrusione
CEI 79-4 Impianti antieffrazione, antiintrusione, antifurto e antiaggressione
Norme particolari per il controllo degli accessi
CEI 79-10 Impianti di allarme - Impianti di sorveglianza cctv da utilizzare nel-
le applicazioni di sicurezza

PROTEZIONE CONTRO I FULMINI


CEI 81-1 + V1 Protezione delle strutture contro i fulmini
CEI 81-4 + V1 Protezione delle strutture contro i fulmini - Valutazione del rischio
dovuto al fulmine

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 23 di 36
ALLEGATO
B ESEMPI PER LA DETERMINAZIONE DEI CARICHI DI ILLUMINAZIONE
DELL’IMPIANTO
Per prescrizioni illuminotecniche più dettagliate e complete relative ad esempio a:
n livello ed uniformità di illuminamento;
n ripartizione della luminanza;
n limitazione dell’abbagliamento;
n direzionalità della luce;
n colore della luce e resa del colore;
n ecc.
occorre far riferimento alla Norma UNI 10380.
Ai fini della determinazione delle potenze installate si può fare riferimento ai se-
guenti elementi.
La potenza si può ricavare in base ai valori di illuminamento minimi da assicurare
sul piano teorico di lavoro considerato a 1 m dal pavimento ed ai tipi di apparec-
chi di illuminazione da utilizzare per le varie zone dell’edificio come ad esempio
dal seguente prospetto:

ZONA O LOCALE ESEMPI DI APPARECCHI LIVELLI INDICATIVI


DI ILLUMINAZIONE DI ILLUMINAMENTO
aree vendita travi luminose continue ³700 lx
bilampada su binario portante
con lampade fluorescenti ad alta
efficienza luminosa da 58 W
linea casse canale luminoso continuo da ³500 lx
incasso equipaggiato con 3 file di
lampade c.s. e dotato di schermo
frangiluce metallico ad alveoli
quadrati, oppure apparecchi da
incasso con lampade a alogenuri
da 70 W con schermo di sicurezza
lavorazioni apparecchi da esterno con ³400/500 lx
lampade fluorescenti da 36/58 W
depositi merci apparecchi da esterno con ³100 lx
lampade fluorescenti da 58 W
uffici apparecchi da incasso o da ³400 lx
esterno con lampade fluorescenti
da 36 W
spogliatoi, corridoi, scale apparecchi da esterno con ³100 lx
lampade fluorescenti da 36/58
locali accumulatori, carica apparecchi in esecuzione AD con ³100 lx
carrelli, depositi materiali lampade fluorescenti 36/58 W
infiammabili
servizi igienici apparecchi da esterno con ³100 lx
lampade fluorescenti da 18/36 W
locali imp. tecnologici apparecchi da esterno con ³100 lx
lampade fluorescenti da 36/58 W
strade di accesso e cortili apparecchi con lampade a vapori ³15 lx con fattore di
di servizio di sodio alta pressione da 250 W uniformità non inferiore 1/4
su pali
Continua

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 24 di 36
Continua
ZONA O LOCALE ESEMPI DI APPARECCHI LIVELLI INDICATIVI
DI ILLUMINAZIONE DI ILLUMINAMENTO
parcheggi all’aperto proiettori con lampade al sodio ³15 lx con fattore di
alta pressione da 400 W su torri uniformità non inferiore 1/4
faro a piattaforma mobile
parcheggi coperti apparecchi da esterno con ³100 lx
lampade fluorescenti da 58 W
pensiline e porticati apparecchi da esterno con ³100 lx
lampade fluorescenti da 36/58 W
Fine Tab.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 25 di 36
ALLEGATO
C NEGOZI E LOCALI DI TERZI
I negozi ed i locali destinati a terzi sono generalmente alimentati dalla rete in
bassa tensione del Distributore di energia elettrica; qualora lo stesso Distributore
decida di alimentare alcuni negozi di rilevante potenza impegnata dalla rete di
media tensione, le relative singole cabine di trasformazione vanno allestite a cura
del costruttore delle stesse.
Si raccomanda che i contatori siano centralizzati in appositi locali allestiti a cura del
costruttore unitamente all’eventuale cabina media tensione/bassa tensione del Distri-
butore: le posizioni di detti vani vanno concordate anche con il committente.
Informazioni relative a ciascuna utenza sono riportate nel Cap. 5.4 della
Guida CEI 64-50.
Ai fini del dimensionamento delle linee montanti si considera una potenza non
inferiore a 15 kW per ciascun negozio, ad eccezione dei negozi od utenze a de-
stinazione specificata, per i quali si consiglia di prevedere, in assenza di dati spe-
cifici, le seguenti disponibilità di potenza:
n centro HI-FI circa 100 kW
n ristorante 60 kW
n bar 25 kW
n lavanderia 50 kW
n mini service 6 kW
n stazione di servizio 60 kW
n pizzeria 40 kW
n abbigliamento 30 kW
n parrucchiere 20 kW

I precedenti valori vanno comunque proporzionati alla superficie di vendita.


Oltre a quanto sopra specificato, si consiglia di realizzare:
n l’impianto ed i dispositivi di comando delle serrande elettriche; si raccomanda
di eseguire tale impianto in esecuzione incassata sotto intonaco, a disposizio-
ne per essere allacciato all’impianto del singolo negozio;
n le canalizzazioni vuote per l’impianto telefonico destinato a ciascun negozio;

Si ricorda che, dopo lo studio definitivo di sistemazione dell’interno dei negozi e


dei locali di terzi (arredo, ecc.) anche per l’impianto elettrico di questi ambienti, se
non adeguatamente compartimentati, vi è obbligo di redazione del progetto, redat-
to da tecnico abilitato, quando ricorrono le condizioni previste dal D.P.R. 447/91,
art. 4, comma 1, lettera c.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 26 di 36
ALLEGATO
D PRESCRIZIONI INTEGRATIVE PER MEGASTRUTTURE (S >10000 m2)

D.1 Alimentazione elettrica


Le megastrutture commerciali (di dimensioni superiori a 10000 m 2) richiedono
accorgimenti realizzativi degli impianti elettrici con previsione di esercizio di si-
curezza elevata a causa del numero delle persone che le frequentano e del valore
commerciale coinvolto.
In questi casi la scelta progettuale di apparecchiature ridondanti per garantire
l’alimentazione di riserva è da considerare una scelta minima.
Il disporre di una potenza dei gruppi elettrogeni pari alla potenza fornita dal Di-
stributore conduce alla valutazione dell’impiego di un sistema di cogenerazione
in esercizio quale fonte primaria per l’alimentazione ordinaria dell’impianto elet-
trico della struttura in tutte le possibili condizioni di esercizio, (illuminazione,
gruppi frigoriferi, riscaldamento, sistemi di supervisione, allarmi ecc.) in ogni pe-
riodo dell’anno e dell’utilizzo dell’alimentazione del Distributore quale fonte di
energia di emergenza (riserva).

D.2 Compartimentazione antincendio e classificazione dei luoghi


Aree di vendita e di circolazione delle persone e magazzini e depositi rientrano
come predisposizione degli impianti elettrici per quanto richiamati nella Norma
CEI 64-8 sez. 751 con particolare riferimento a:
n art. 751.03.1 / Allegato A, in quanto c’è elevata presenza di persone
n art. 751.03.3 / Allegato C, in quanto magazzini e depositi con classificazione
del compartimento antincendio pari o superiore a 30, perché contenenti ele-
vati quantitativi di materiale combustibile ed infiammabile in deposito, qualo-
ra non compresi in 751.03.1.

D.3 Barriere di non propagazione degli incendi


Vale quanto riportato nell’art. 751.04.1 punto n) della Norma CEI 64-8 ed inoltre i
circuiti e le condutture che attraversano gli spazi destinati alle vie di esodo e alle
uscite di sicurezza non devono costituire fonte di pericolo.

D.4 Esercizi commerciali inseriti nella megastruttura


Tutte le zone non compartimentate della megastruttura rientrano nell’Allegato A
della Norma CEI 64-8 (art. 751.03.1) e pertanto devono rispondere almeno alle
prescrizioni della relativa sez. 751.

D.5 Esempi indicativi di impianti di illuminazione per megastrutture


Nelle Figg. D1, D2 e D3 sono riportati esempi rispettivamente di un impianto di
illuminazione, di un impianto di Forza motrice ed uno schema di un quadro di
distribuzione per megastrutture.
Questi esempi sono stati realizzati utilizzando componenti elettrici del tutto indi-
cativi e solo a titolo di aiuto, ma non sono vincolanti.
Gli stessi impianti possono quindi essere realizzati anche mediante l’utilizzo di
componenti diversi che comunque possono conferire agli impianti stessi un ade-
guato livello di sicurezza e di affidabilità.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 27 di 36
Fig. D1 Esempio di impianto di illuminazione per megastrutture commerciali (superficie > 10000 m2)

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 28 di 36
Fig. D2 Esempio di impianto di forza motrice per megastrutture commerciali (superficie > 10000 m2)

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 29 di 36
Fig. D3 Esempio di schema di un quadro di distribuzione di una megastruttura commerciale
(superficie > 10000 m2)

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 30 di 36
ALLEGATO
E INFORMAZIONI RELATIVE AL CARICO DI INCENDIO
LEGENDA E ANNOTAZIONI
Gli elementi resistenti al fuoco vengono caratterizzati anche dalla durata all’azio-
ne del fuoco; il numero che accompagna l’acronimo REI indica la sua durata - in
minuti - all’azione del fuoco.
Ad esempio:
REI 120 = STRUTTURA RESISTENTE AL FUOCO PER NON MENO DI 120 min.
CARICO D’INCENDIO = Termine introdotto dalla Circolare del Ministro dell’In-
terno del 14 settembre 1961, n. 91 indicante la quantità equivalente di legno al
metro quadrato.
REI = Acronimo delle parole francesi:
n Resistant = Resistente
n Enchentolonage = Tenuta
n Isolement = Isolante

Questo termine identifica elementi costruiti idonei a offrire:


n Resistenza meccanica, ovvero a conservare la propria resistenza meccanica
sotto l’azione del fuoco;
n Tenuta alle fiamme, vapori o gas se sottoposto all’azione del fuoco;
n Isolamento termico ovvero a ridurre la trasmissione di calore.

Conoscendo la quantità e la tipologia (potere calorifico) dei materiali combustibi-


li presenti in un locale, il carico d’incendio si ricava rapportando la somma dei
prodotti (quantità ´ potere calorifico superiore) al potere calorifico del legno.
N.B. Il potere calorifico della legna standard è stato posto a
4400 kcal/kg = 18,48 MJ/kg.
Si riportano a titolo d’esempio i carichi d’incendio normalmente riscontrabili nel-
le attività commerciali.

ATTIVITÀ CARICO D’INCENDIO


(legna equivalente) - kg/m2 -
Banca e Uffici commerciali 10 ¸ 60
Esposizione macchine ed attrezzi 5 ¸ 15
Esposizione mobili 15 ¸ 40
Grandi magazzini 25 ¸ 35
Ristoranti e Bar 10 ¸ 30
Panetteria - Forni pizzerie 10 ¸ 20
Profumerie 20 ¸ 40
Reparto spedizioni 20 ¸ 40
Reparto vendita abiti 20 ¸ 40
Reparto vendita articoli sportivi 30 ¸ 60
Reparto archivio dati 150 ¸ 250

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 31 di 36
ALLEGATO
F PROTEZIONE CONTRO I FULMINI

F.1 Premessa
Gli edifici oggetto della presente Guida devono essere protetti contro i fulmini,
secondo le Norme CEI in vigore (81-1 / 81-1 V1 / 81-4 / 81-4 V1).

F.2 Valutazione del rischio


Ai fini della valutazione del rischio secondo le procedure complete o semplifica-
te, le strutture commerciali devono essere classificate genericamente sotto la voce
“Attività commerciali per le quali si ipotizza il rischio di perdita di vite umane (ri-
schio 1) e di perdita economica (rischio 4).
Nota Nella Norma CEI 81-1 le medie strutture commerciali sono indicate come piccole attività com-
merciali e le grandi strutture commerciali sono indicate come grandi attività commerciali.

F.3 Valutazione del rischio con procedura completa


La valutazione del rischio con procedura completa, sempre consigliata dalla Nor-
ma CEI 81-1 in sostituzione di quella semplificata, consente, nella quasi totalità
dei casi, l’adozione di misure di protezione contro i fulmini diverse dall’installa-
zione di LPS (esterno ed interno), installazione che risulta quasi sempre onerosa
e di difficile realizzazione.
Nella scelta di questa procedura di valutazione del rischio si consideri che le
strutture oggetto della presente Guida, in alcuni casi risultano di fatto non ordina-
rie, sia per la presenza di impianti interni sensibili, che per la difficoltà di garanti-
re la protezione dalle tensioni di contatto e di passo all’esterno a causa della pre-
senza di persone in numero elevato o per un elevato periodo di tempo su
pavimentazione non isolante o che può non essere isolante.

F.4 Valutazione del rischio con procedura semplificata


Si ricorda che per poter utilizzare la procedura semplificata, le strutture devono
essere ordinarie, con i parametri tipici definiti nell’art. G2 della Norma CE/ 81-1
(grandi immobili per grandi attività commerciali: strutture di tipo A / immobili
per piccole attività commerciali: strutture di tipo C) e senza rischi di tensioni di
contatto e di passo all’esterno della struttura (assenza di persone o pavimentazio-
ne isolante entro 5 m all’esterno della struttura).

F.5 Protezione contro le sovratensioni


Si fa presente che in sede CENELEC questo argomento è allo studio sulla base
della Norma IEC 364-4-443.
Nell’attesa si applicano le Norme del CT 81.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 32 di 36
ALLEGATO
G IMPIANTI ELETTRICI IN AMBIENTI PARTICOLARI
Nelle strutture commerciali della presente Guida sono presenti alcuni ambienti
particolari ad es.:
n centrale termica a gas o gasolio
n autorimessa
n carico carrelli
n locale accumulatori

ed eventualmente anche:
n panetteria
n cucina collettiva a gas o gasolio
n deposito di materiale combustibile

Per tali ambienti gli impianti elettrici devono essere conformi alle relative norme
CEI e seguire le indicazioni delle relative Guide CEI di seguito elencate:
n Centrale termica a gas (metano o GPL):
Norma CEI 64-2/A Appendici (Appendice B)
Guida CEI 64-50 punto 4.3
Guida CEI 31-27
n Centrale termica a gasolio:
Norma CEI 64-8/7 sez. 751 (se determinano un compartimento antincendio
uguale o superiore a 30)
Guida CEI 64-50 punto 4.3
Guida CEI 31-27
n Autorimessa:
Norma CEI 64-2/A Appendici (Appendice A)
Guida CEI 64-50 punto 4.6
n Carica carrelli:
Norma CEI 21-6/3 Fascicolo 233 e Guida CEI 21-20
n Locale accumulatori:
Norma CEI 21-6/3
n Panetterie:
Norma CEI 64-2 Cap. IV
n Cucine collettive a gas (metano o GPL):
Norma CEI 64-2/A Appendici (Appendice B) (Se superiore a 35kW)
Guida CEI 64-50 punto 5.7.5
n Cucine collettive a gasolio:
Norma CEI 64-8/7 sez. 751 (Se determina un compartimento antincendio
uguale o superiore a 30) e Guida CEI 64-50 punto 5.7.5
n Deposito di materiale combustibile:
Norma CEI 64-8/7 sez. 751 (Se determina un compartimento antincendio
uguale o superiore a 30)
Guida CEI 64-50 punto 5.5

Si fa presente che con l’entrata in vigore della Norma CEI 31-30 sulla classifica-
zione delle aree con presenza di gas infiammabili, l’applicazione delle disposizio-
ni previste nelle appendici della Norma CEI 64-2/A Appendici, sono oggetto di
revisione per l’allineamento alla stessa Norma CEI 31-30.

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 33 di 36
In attesa delle prescrizioni definitive, gli impianti elettrici negli ambienti particola-
ri trattati nella Norma CEI 64-2/A “Appendici” devono essere realizzati proceden-
do in uno dei seguenti modi:
a) si applica la Norma CEI EN 60079-10 (31-30) ed i requisiti degli impianti elet-
trici a sicurezza devono essere quelli ammessi rispettivamente per le zone 0,
1 e 2 (Premessa nazionale della norma stessa);
oppure,
b) si adottano sistemi di controllo strumentale di esplodibilità dell’atmosfera Ca-
pitoli XV e XVI della Norma CEI 64-2 e Guida CEI 31-25);
oppure,
c) si applica la relativa Appendice della Norma CEI 64-2/A, sia per quanto ri-
guarda la classificazione dei luoghi, sia per quanto riguarda i requisiti degli
impianti elettrici a sicurezza.
Note: 1 Si rammenta che all’art. 1.1.03e della Norma CEI 64-2 tuttora in vigore è detto: “In zone
C3Z2 è da ritenere che le precauzioni da prendere si riducano essenzialmente a premu-
nirsi contro il solo pericolo che le sostanze vengano in contatto con parti scintillanti per
l’esistenza di condizioni che escludono la formazione di miscele gassose in quantità o in
concentrazioni tali da provocare esplosioni vere e proprie; ciò si può ottenere semplicemen-
te schermando le costruzioni elettriche rispetto all’ambiente. In questo caso quindi un’ade-
guata garanzia di sicurezza si può conseguire anche semplicemente adottando impianti
AD-F”; pertanto in tali condizioni le zone C3Z2 non rientrano nel campo di applicazione
della Norma CEI EN 60079-10.
2 Si rammenta che è stata pubblicata la Norma CEI EN 60079-14 “Costruzioni elettriche per
atmosfere esplosive per la presenza di gas - Parte 14: Impianti elettrici nei luoghi pericolosi
(diversi dalle miniere)” la cui applicazione diventerà vincolante solo a partire dal 1° di-
cembre 1999.

Fine Documento

GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 34 di 36
GUIDA
CEI 64-51:1999-02
Pagina 35 di 36
La presente Norma è stata compilata dal Comitato Elettrotecnico Italiano
e beneficia del riconoscimento di cui alla legge 1º Marzo 1968, n. 186.
Editore CEI, Comitato Elettrotecnico Italiano, Milano - Stampa in proprio
Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 4093 del 24 luglio 1956
Responsabile: Ing. A. Alberici

64 – Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione (fino a 1000 V in c.a. e a 1500 V in c.c.)
CEI 64-8
Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore
a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua
CEI 64-12
Guida per l’esecuzione dell’impianto di terra negli edifici per
uso residenziale e terziario
CEI 64-50
Edilizia residenziale Guida per l’integrazione nell’edificio degli
impianti elettrici utilizzatori, ausiliari e telefonici
CEI 0-2
Guida per la definizione della documentazione di progetto degli
impianti elettrici
CEI 81-1
Protezione delle strutture contro i fulmini
CEI 81-4
Protezione delle strutture contro i fulmini – Valutazione del ri-
schio dovuto al fulmine
CEI 11-1
Impianti elettrici con tensione superiore a 1 kV in corrente al-
ternata
CEI 11-8
Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione di energia
elettrica. Impianti di terra

Lire 98.000
GUIDA Sede del Punto di Vendita e di Consultazione
CEI 64-51:1999-02 20126 Milano - Viale Monza, 261
Totale Pagine 40 tel. 02/25773.1 • fax 02/25773.222 • E-MAIL cei@ceiuni.it

Potrebbero piacerti anche