Sei sulla pagina 1di 3

Esercizi tutoraggio Fisica I - Settimana 3

Esercizio 1
Due masse uguali m = 1 kg, collegate da un filo, sono disposte come in figura. L’angolo θ vale 30°,
l’altezza h vale 1 m, il coefficiente di attrito dinamico massa-piano è µ = 0,4. Al tempo t = 0 il sistema
viene lasciato libero di muoversi e si osserva che la massa sospesa scende.

(Provate a risolverlo prima senza attrito!)


1) Scrivere le formule che descrivono le forze agenti su A e su B;
2) Calcolare la tensione T del filo e l’accelerazione a del sistema;
3) Calcolare la velocità finale vf raggiunta dalle due masse quando A tocca terra;
4) Calcolare la distanza totale D percorsa lungo il piano inclinato dalla massa B prima che questa
si fermi.

Esercizio 2
La dipendenza dal tempo del vettore posizione di una particella è espressa dalla relazione 𝑟 =
𝑎 sin(𝜔𝑡) 𝑖⃗ + 𝑏𝑡 𝑗⃗ , dove a = 0,05 m, b = 0,3 m/s, ω = 10 rad/s. Verificare che la particella oscilla
attorno all’asse y lungo una traiettoria sinusoidale e calcolare lo spazio percorso lungo y per avere
un’oscillazione completa. Si calcolino poi i vettori velocità e accelerazione dell’istante t1 = 0,2 s.

Esercizio 3
Un corpo di massa m = 2 kg è appoggiato su un piano orizzontale. Il coefficiente di attrito dinamico
vale µ = 0,3 e la forza F che agisce sul corpo è inclinata di 60° rispetto all’orizzontale; il modulo di
questa vale 20 N.
Se il corpo percorre un tratto d = 10 m, calcolare il lavoro di F, quello della forza peso e quello della
forza di attrito dinamico. Calcolare inoltre la velocità vf raggiunta dal corpo al termine del tratto d,
sapendo che era fermo all’inizio del percorso, possibilmente, utilizzando i risultati precedenti. Cosa
cambierebbe se il corpo si muovesse in assenza della forza F, con velocità iniziale pari a 2 m/s?
Esercizio 4
Un punto materiale di massa m = 0,02 kg scende lungo un piano inclinato liscio. Alla fine del piano
inclinato scorre su un tratto orizzontale scabro (μ = 0,1) andando ad urtare una molla, di massa
trascurabile, fissata ad un vincolo verticale. La molla ha una costante elastica k = 2 N/m. La distanza
tra la fine del piano inclinato e la molla è d = 40 cm.
Il punto all’istante iniziale è fermo, Calcolare il lavoro Wa delle forze di attrito e determinare l’altezza
h da cui il punto deve scendere affinché possa comprimere la molla della quantità Δx = 10 cm.
Trovare, infine, il valore h* dell’altezza da cui dovrebbe scendere il punto per comprimere la molla
allo stesso modo se il piano orizzontale fosse liscio. Usare il più possibile le leggi di conservazione
dell’energia.

Esercizio 5
Una forza agisce su un corpo spostandolo lungo l’asse x ed è parallela all’asse stesso. Il suo modulo
varia in funzione della posizione come segue:

3𝑥, 0 ≤ 𝑥 < 3
𝐹(𝑥) = { 9, 3 ≤ 𝑥 < 5
−𝑥 + 14, 𝑥 ≥ 5

Calcolare il lavoro che la forza compie per spostare l’oggetto dalla posizione x = 0 a x = 14.
5
Ripetere, poi, il calcolo assumendo che l’espressione della forza sia 𝐹′(𝑥) = .
𝑥+1
Esercizio 6

Un corpo di massa m=4 kg cade partendo da fermo da una quota h=5,0 m. Calcolare, utilizzando le leggi
della cinematica, con quale velocità tocca terra. Calcolare inoltre l'energia cinetica iniziale e finale,
l'energia potenziale iniziale e finale e verificare la conservazione dell'energia meccanica.

Esercizio 7

Un’automobile percorre una rotonda di raggio 20 m a velocità 36 km/h. Calcolare l’accelerazione


centripeta, la velocità angolare e il tempo che impiega ad uscire dalla strada opposta a quella da cui è
entrata

Potrebbero piacerti anche