Sei sulla pagina 1di 11

Presentazioni – Dialoghi

      

– Ciao, sono Marco e tu?


– Ciao! Io sono Luca!

– Ciao! Mi chiamo Elide e tu?


– Ciao Elide! Io mi chiamo Alfonso!

        

– Ciao, io sono Marina e tu come ti


chiami?
– Mi chiamo Marco!

– Ciao! Sono Francesca, e tu sei


Antonio?
– No, io sono Paolo!

– Buongiorno, sono Antonio Rossi e


Lei?
– Io sono Giorgio Almani.
– Piacere!

– Scusa, tu sei Carolina?


– No, io sono Claudia!

– Scusi, Lei come si chiama?


– Mi chiamo Bondi, Giacomo Bondi. E
Lei chi è?
– Io sono Angelina Gioli, piacere!
– Molto lieto!

– Buonasera, voi siete i signori…?


– Noi siamo i Signori Cipriani, io sono
Tommaso e lei è Elisabetta.
– Benvenuti al ristorante Mangiabene!

– Ciao ragazzi, io sono Mara! E voi


come vi chiamate?
– Noi ci chiamiamo Luigi e Mario. Io
sono Luigi e lui è Mario!

– Ciao! Io sono Elvira!


– Ciao Elvira, io mi chiamo Silvio!
– E loro chi sono?
– Loro sono Antonio e Maria!

– Buona sera, io sono Francesco Torti e


Lei?
– Buona sera signor Torti, io sono
Alessandro Dei Pieri. Piacere!
– Piacere mio! E loro come si
chiamano?
– Loro si chiamano Erica e Davide.

Quanti anni hai? – Dialoghi


              

– Maria, tu quanti anni hai?


– Ho 27 anni.

– Quanti anni ha Mario?


– Ha 22 anni.

– Ragazzi, quanti anni avete?


– Noi abbiamo 13 anni.

– Quanti anni hanno Marco e Silvia?


– Marco e Silvia hanno 28 anni.

– Quanti anni ha il padre di Enrico?


– Il padre di Enrico ha 74 anni.

– Scusi, signore, Lei quanti anni ha?


– Ho 45 anni.

– Quanti anni ha la ragazza di Marco?


– La ragazza di Marco ha 28 anni.
– Quindi hanno entrambi 28 anni!
– Esatto!

Di dove sei? – Dialoghi

– Ciao, io sono Hans!


– Ciao Hans! Sei svizzero?
– No, sono tedesco! E tu?
– Io sono italiana.

– Ciao, sei francese?


– Sì, sono di Parigi e tu di dove sei?
– Io sono spagnolo, di Barcellona.

– Buongiorno, Lei è Anna?


– Sì, sono io.
– Lei è russa?
– No, sono polacca, di Varsavia. E Lei
di dov’è?
– Io sono olandese.

– Ciao, siete americani?


– No, siamo inglesi.
– Inglesi! Di quale città siete?
– Siamo di Londra.

– Ciao! Di dove siete?


– Siamo di Buenos Aires, siamo
argentine.
– Argentine? Che bello! Io sono
canadese!

              
Pronuncia in italiano:

Vocali:

A, E, I, O, U (si pronunciano uguale che allo spagnolo/ se pronuncian igual que en el


español )

Cane (perro)
Bambina (niña)
Apertura (apertura)

Consonanti:
C + A, U, O
Cane /Kane/
Cultura /kultura/
Como /komo/

C + E, I
(cientos) Cento /chento/
(cielo) Cielo /chelo/
(cine) Cinema /chinema/

CH + e, i

(iglesia) chiesa /kiesa/

(que) che /ke/


(porque) Perché /perké/
(Me llamo) Mi chiamo /mi kiamo/

SC + A, O, U

(escalera) Scala /skala/


(escuela) scuola /skuola/

SC + E, I

(SALIR) SCENDERE /SHENDERE/

SCEGLIERE (ELEGIR) /SHELLIERE/

GL + TUTTI LE VOCALI
Famiglia (familia) /famillia/

foglio (hoja) /flillio/

Z + CON TODAS LAS VOCALES

Pizza /pitstsa/

piaza (plaza) (piatsa)

LL = L
Cavallo (caballo) /cabalo/

capelli (cabello) /capeli/

Cavalli

Locale /locale/

GN (ñ)

gnomo /ñomo/

cagna (perra) /kaña/

gnocchi /ñoki/

G + A , O, U
Gato
gotta
uguale (igual)

G+I,E

(amarillo) giallo /’yia:lo/


(helado) gelatto /ye’la:to/
GH + E , I
(lirón) ghiro /Guiro/
(gueto) ghetto /gueto/

Acentuazione sulla sillaba finale


virtù (virtud), città (ciudad) (acento hacia la izquierda)

Cuando terminan en “che”  perché, poiché (acento hacia la derecha)

La S entre vocales
Cosa
casa

Le lettere straniere sono/ las letras extranjeras son: J K W X Y

Con la doble / con la doppia (si fa una piccola pausa prima di pronunciarli)

cavallo /ka’val:lo/

La Ricottina:
C’è una contadina che si chiama Marietta. La contadina aiuta sempre un suo vicino
pastore e un giorno, il pastore, le regala una ricotta. Marietta è molto contenta, prende la
ricotta, la chiude in un cestino e mette il cestino sulla sua testa.
Mentre cammina per tornare a casa, Marietta pensa: «Ora vendo la ricotta e con i soldi
compro una gallina. Poi faccio fare molte uova alla gallina, le vendo e con i soldi compro
un coniglio. Faccio fare molti cuccioli, al coniglio, li vendo e con i soldi compro un maiale,
lo faccio ingrassare e lo vendo, con i soldi compro una mucca. E così guadagnerò tanti
soldi per comprarmi una bella casa, abiti eleganti e tutti mi saluteranno con un inchino!
Così!»
Marietta si dimentica di avere la ricotta sulla testa, si inchina e la ricotta le cade e si
rompe. E con lei si rompono tutti i suoi sogni.

Gina e Ginetto:

La giovane Ginetta non capisce più cosa succede! Il sfidanzato, Ginetto, è diventato
improvvisamente stupido.
Mentre lei racconta i suoi sogni, le sue speranze e i suoi desideri, lui risponde solo con dei
gemiti “eh?”, “oh?” e con dei brontolii lunghi lunghi.
“Povera me!” pensa Ginetta “non posso sposare un ragazzo così sciocco!”. Ma Ginetta non
sa che la colpa è sua!
Infatti nell’ultima lettera che ha mandato a Ginetto, invece di scrivere “mi piaci tanto” gli ha
scritto “mi piaci tonto”. E lui, per amore, è cambiato.

L’alfabeto e la sua pronuncia.

Le vocali: si pronunciano uguale allo spagnolo.

Le consonanti: B /bi/, c /chi/, d /di/, f /effe/, g /gi/, l /ele/,


m /emme/ , n /enne/, p /pi/, q /qu/, r /ere/, s /esse/, t /ti/, v /vu/, z /tseta/

Consonanti stranieri: h /akka/, j /i lunga/, k /kappa/, w /doppia vu/, x /ics/, y /ipsilon o i


grecca/.
Articoli, il genere e il numero :

indeterminativi:
Femminile singolare: Plurale

La Bambina (la niña) Le Bambine (las niñas)


La Cagna (la perra) Le cagne (las perras)

l’arancia (la naranja) /larancha/ Le arancie (las naranjas)

La psicologa Le psicologhe (las psicologas)

Maschile singolare: Plurale

il Bambino (el niño) i Bambini (los niños)

il cane (el perro) i cani (los perros)


L’albero (el árbol) /lalbero/ gli alberi /llialberi/

l’unico (el único) /lunico/ gli unici /lli unici/

Lo + gn, ps, z, pn, s

Lo zio (el tío) gli zii

Lo psicologo (el psicologo) gli pscicologi

Lo pneumatico (el neumatico) gli neumatici


Lo studente (el estudiante) gli studenti
Articoli inderminativi:

Femminile
Una bambina delle bambine
Una ragazza delle ragazze
Un’arancia (una naranja) /unarancha/ dell’arancie

Maschile
Un bambino dei bambini
Un albero dei alberi
Uno zio (un tío) degli zii
Uno zaino (una mochila) degli zaini

Pronomi personali:

Io (yo)

Tu (vos/ tú)

Lui/ Lei (él/ ella)

Noi (nosotros) (sin género)

Voi (vosotros/ ustedes)

Loro (ellos) (sin género)

Pronomi possessivi:

Mio /mia
Tuo/ tua

Di lei / di lui il suo cane

Nostro / nostra il nostro cane (nuestro perro)

vostro/ vostra La vostra lezione

loro (sin género) La loro lezione (su clase) La loro casa

Potrebbero piacerti anche