Sei sulla pagina 1di 1

La vita di Lucy Parsons e le lotte per la pace e la giustizia hanno fornitoo informazioni notevoli sulla storia

del movimento operaio americano e delle lotte anarchiche del tempo. Nata in Texas, nel 1853, probabilmente
come schiava, Lucy Parsons era un afro-, nativa-, messicana-americana e attivista anarchica nel lavoro che
ha combattuto contro le ingiustizie della povertà, il razzismo, il capitalismo e lo Stato nella sua intera vita.
Dopo essersi trasferita a Chicago con il marito, Albert, nel 1873, iniziò a organizzare i lavoratori e migliaia
di loro hanno scioperato protestando le cattive condizioni di lavoro, le lunghe ore e gli abusi del capitalismo.
Dopo Alberto, insieme a sette altri anarchici, sono stati imprigionati o appesi alla fine dallo Stato per il loro
credo in anarchismo, Lucy Parsons raggiunse fama internazionale in loro difesa e come oratore potente e
attivista nel suo proprio diritto. L'impatto di Lucy Parsons sulla storia dei movimenti americani anarchici e
del lavoro è servito come ispirazione, abbracciando ormai tre secoli di movimenti sociali.

Mentre la maggior parte della gente ricorda Lucy Parsons in relazione agli eventi che circondano il marito,
Albert Parsons, e le esecuzioni dei loro compagni (noto come l'affare Haymarket), l'eredità e le passioni di
Lucy hanno una storia lunga e coraggiosa tutta loro. Lucy era conosciuta per i suoi scritti, il suo coraggio di
donna dissidente di colore, il suo impegno intransigente per la giustizia sociale, e, soprattutto, la sua forza,
accesi ai discorsi pubblici. Ella portò decine di migliaia di lavoratori nelle strade in protesta di massa, attirò
folle enormi ovunque parlava e fu considerata una minaccia pericolosa , esplosiva e forte alle autorità di tutti
gli Stati Uniti. Per oltre 30 anni le sue letture sono state censurate dalla polizia, spesso veniva arrestata prima
che lei raggiungesse la fama. Ascoltare Lucy parlare, è stato per tutti una rara opportunità che ha scatenato la
passione per la ribellione dal lavoro della povera gente dalla costa occidentale a quella orientale degli Stati
Uniti. La polizia di Chicago etichettò Lucy Parsons come “più pericolosa di mille rivoltosi”.

Lucy si guadagnava da vivere come sarta, spendendo il resto del suo tempo per tirare su i suoi due figli e
lavorando costantemente per conto di numerose cause sulla giustizia sociale. Molto del suo tempo è stato
dedicato alla lotta per la libertà di espressione mancante, poichè la sua capacità di parlare, come il marito, è
stata sempre in gioco. Si è anche dedicata alle lotte degli afro-americani, come nel caso di Scottsboro Eight
in Alabama, e ha scritto articoli condannanti i linciaggi avvenuti nel sud. Come donna di colore si alza in
piedi nei momenti di estremo razzismo e oppressione sessiste, ha ottenuto il marchio di un importante
femminista e pioniere dei diritti civili. Il suo successivo lavoro consisteva nella difesa di altri anarchici e
attivisti operai sotto processo per false accuse, come Sacco e Vanzetti e Tom Mooney e Billings Warren.
Lucy passò i suoi anni più tardi a lavorare con Internazionale della Difesa del Lavoro -International Labor
Defence- (a larga base, fondamentalmente comunista, gruppo di supporto ai prigionieri di guerra di classe,
che ha lasciato un errore storico, ovvero che Lucy era un membro del Partito Comunista - cosa non vera) e
parlando agli eventi e raduni del Primo Maggio.

Il più importante impegno di Lucy come attivista era sempre con il movimento operaio anarchico, giacchè
trascorse gran parte della sua energia nell'impegnarsi nelle lotte anarco-sindacaliste contro il capitalismo e il
padroni di lavoro. La sua prospettiva era ancorata saldamente all'analisi di classe, e credeva che questioni
come il razzismo sono state principalmente il prodotto delle disuguaglianze di classe. Accanto agli operai,
attivisti militanti anarchici ella credeva che le superficiali divisioni fra i lavoratori dovevano essere messe da
parte e che tutti i lavoratori del mondo potevano unirsi e scioperare e rovesciare le imprese, compreso anche
il governo. Lucy era un membro dei Cavalieri del Lavoro, una delle prime federazioni serie del lavoro nel
paese, e una ricercatrice di membri dell'Associazione Internazionale della Gente Lavoratrice -International
Working People's Association, IWPA-, inizialmente un'organizzazione alvorativa anarco-sindacalista. Nel
1905 ella contribuì a fondare l'Industrial Workers of the World -lavoratori Industriali del Mondo-, che evolse
alcune delle idee di base del IWPA, espanse e guidò una massiccia ondata di scioperi e azioni del lavoro per
decenni. L'impegno di Lucy Parsons per le sue cause, la sua fama che circonda la vicenda di Haymarket, e le
sue potenti capacità orali ebbe un enorme influenza nella storia del mondo nella storia generale del lavoro e
degli Stati Uniti in particolare. Mentre oggi si è appena ricordato e ignorato dalla tradizionale e
convenzionale storia degli Stati Uniti, l'eredità della sua lotta e la sua influenza all'interno di questi
movimenti hanno lasciato una scia di ispirazione e di passione che merita maggiore attenzione da parte di
tutti coloro che sono interessati alla libertà umana, alla giustizia e all'uguaglianza sociale.