Sei sulla pagina 1di 177

Claudia Morandi

Biomagnetismo Integrale
Un metodo semplice ed efficace per scoprire le radici
profonde dei malesseri e ritornare in salute

ISBN 9781793911810
Vivi con la certezza che ogni cosa che ti succede

ha lo scopo di ricongiungerti a te stess@

Claudia Morandi
Qualunque materiale didattico di Biomagnetismo Integrale distribuito a corsi, semi-
nari, eventi, convegni, conferenze, sia esso in forma cartacea, informatica, audiovisiva o altro
(dispensa, allegato, dvd, ecc) è ad uso esclusivo interno e rimane di proprietà intellettuale
dell’autore e della scuola; pertanto ne è assolutamente vietata la duplicazione e la diffusione a
terzi non aventi diritto.
Vorrei dedicare questo libro....

A Luis, mio collega nel lavoro e mio compagno nella vita, mio più grande
sostenitore, mio motore, mia forza; insieme cadiamo e insieme ci rialziamo, insieme
sogniamo e insieme progettiamo e creiamo, insieme cresciamo, ci nutriamo e
balliamo... grazie.

Ai miei genitori, senza il loro prezioso contributo non avrei mai fatto ciò che ho fatto
e non sarei quella che sono... grazie.

A mio fratello Manuel, Vanessa e Denise i quali hanno riempito la mia Vita di tanto
Amore... grazie.

A Lele e Ciui, amiche da una vita e per la vita, compagne di viaggio che risceglierei
altre 1000 volte... grazie.

A Mirna mia maestra di Vita, non finirò mai di ringraziarti... grazie.

Alla mia nonnina anche lei presentissima nella mia vita e nel contribuire alla mia
crescita, una roccia dal cuore grande... grazie.

A Roxy la mia cagnolina e compagna di viaggio, tra di noi è stato colpo di fulmine e
l'Amore continua da ormai 10 anni puzzosi... grazie.

Onestamente avrei altre persone a cui dedicare questo libro, non mi basterebbero le
pagine di un intero libro...ma queste sono i pilastri portanti della mia Vita, quelle
che l'hanno resa meravigliosa, quelle che so che ci saranno sempre anche se
decidessi di trasferirmi al polo nord...quelle che non mi basta un cuore per
contenerle tutte!!!

A voi e a me stessa non dedico solo il libro, ma la mia intera Vita... GRAZIE.
INDICE

PREFAZIONE 1
INTRODUZIONE: L'ARTE DEI MAGNETI IN COPPIA 5
L'UOMO E LA CONTINUA RICERCA DI EQUILIBRIO 9
CONCETTI DI CHIMICA 10
RADICALI LIBERI 11
IONIZZAZIONE 12
GLI IONI IN NATURA 13
GLI IONI NELLA CIVILIZZAZIONE 14
CONCETTI BASE DEL BIOMAGNETISMO CLASSICO 17
ARTICOLO SCRITTO DA MARIATERESA DE PASCALE: 21
LE MERAVIGLIE DELL'ACQUA 25
STORIA DEL BIOMAGNETISMO 29
APPLICAZIONE 36
IL POTENZIALE IDROGENO (PH) 37
LA COPPIA BIOMAGNETICA NEL CORPO 38
NELLA PRATICA IN STUDIO 39
DAL BIOMAGNETISMO CLASSICO AL BIOMAGNETISMO INTEGRALE 43
RILASCIO EMOZIONALE 44
BIOMAGNETISMO INTEGRALE E NATUROPATIA 47
IL CONCETTO DI “TERRENO” 47
TEORIA DEL PLEOMORFISMO 50
DAL PLEOMORFISMO AL BIOMAGNETISMO INTEGRALE 51
CONCETTI IMPORTANTI DI NATUROPATIA 53
MATRICE EXTRACELLULARE 53
EQUILIBRIO ACIDO-BASE E SISTEMI TAMPONE 54
CIRCOLO VIZIOSO DEL DUODENO 55
METABOLISMO IDRICO 57
ACIDOSI E INFIAMMAZIONE 60
ECOSISTEMA INTESTINALE 60
DISBIOSI INTESTINALE 62
RICAPITOLANDO... 63
ALIMENTARSI BENE 65
DIETA DISSOCIATA E COMBINAZIONI CORRETTE 68
MONODIETA 69
MONODIETA SECCA 69
MONODIETA UMIDA 70
ACQUA MAGNETIZZATA 71
CARATTERISTICHE TECNICHE DELL’ACQUA MAGNETIZZATA 72
ACQUA MAGNETIZZATA 73
ACQUA MAGNETIZZATA MISTA (-+) 73
ACQUA MAGNETIZZATA NEGATIVA (-) 78
ACQUA MAGNETIZZATA POSITIVA (+) 79
IN CONCLUSIONE 80
LA MANCANZA DI MAGNETISMO TERRESTRE DISTURBA ANCHE LE PIANTE 81
APPROFONDIMENTO 83
COME AVVIENE IL TEST DELLE COPPIE 83
CLASSIFICAZIONE DELLE COPPIE SECONDO IL BIOMAGNETISMO CLASSICO 85
CONTROINDICAZIONI E PRECAUZIONI 86
ALCUNE COPPIE DI CONTROLLO 87
PRONTO SOCCORO BIOMAGNETICO 91
UTILIZZO DOMESTICO DEI MAGNETI 91
TRATTAMENTO PER BAMBINI 95
CASI DI STUDIO 97
L'EFFICACIA NELLA SEMPLICITA': ALTRI CASI DI STUDIO 151
CONCLUSIONE 159
BIBLIOGRAFIA 165
SITI INTERNET CONSULTATI 167
Claudia Morandi

PREFAZIONE

Il magnetismo è un fenomeno conosciuto e osservato fin dai tempi remoti. I magneti


naturali sono stati utilizzati con finalità terapeutiche nelle antiche culture egiziane,
cinesi, indiane... e ci sono stati tanti ricercatori che hanno studiato le benefiche
proprietà per la salute, così come gli effetti antidolorifici e antiinfiammatori dei
magneti.

La leggenda racconta che Cleopatra andasse a dormire con una pietra magnetizzata
sulla fronte per ritardare l'effetto dell'invecchiamento.

Inoltre Aristotele, Plinio, Galeno, Marzel, Alejandro de Trajes, Avicenna


documentarono nel corso dei secoli gli effetti terapeutici dei magneti sulla salute
umana.

Era il XVI secolo quando Paracelso affermò che il magnete è il Re di tutti i segreti.
Infatti egli usava i magneti per curare determinate malattie e riuscì a documentare
gli effetti del polo nord e del polo sud nel corpo umano.

Ormai è ben conosciuto l'effetto del campo magnetico generato dal nostro pianeta.
Quando gli astronauti escono dal campo magnetico terrestre cominciano a soffrire
di quella malattia che è stata denominata “spaziale” e che provoca perdita di densità
ossea e difetti nell'immunità.

Negli ultimi 50 anni molti scienziati hanno ipotizzato che molte malattie “moderne”
potrebbero essere dovute alla perdita di campo magnetico della terra.

E' solo alla fine del secolo scorso, più precisamente negli anni 80, che le ricerche del
Dott. Broeringmeyer e finalmente del Dott. Goiz portano a quello che oggi
conosciamo come Biomagnetismo, l'applicazione dei due poli magnetici su punti

1
Biomagnetismo Integrale

precisi del corpo con il fine di riequilibrare i picchi d'alterazione del pH organico e
ristabilire così l'equilibrio elettromagnetico.

Alla luce della mia esperienza in questo campo ritengo che il Biomagnetismo
Integrale possa essere inserito a pieno merito nel grande alveo delle discipline
bionaturali.

Basta pensare alla concezione energetica dell'uomo secondo l'Energetica


Tradizionale Cinese, la teoria base dello Yin/Yang, i due poli opposti che si
complementano a vicenda per riportare il tutto in uno equilibrio dinamico. Ed è
proprio quando qualcosa rompe questo equilibrio che lo Yin e lo Yang si separano e
compare la malattia. Riportando questi concetti, così astratti per il mondo
occidentale, ad un aspetto più materiale e biochimico, si verifica che alla base di
un'alterazione della nostra salute corrisponda una separazione degli ioni che
formano le nostre cellule e le nostre molecole. Le alterazioni del terreno organico
provocano una dissociazione degli ioni, i quali formano la materia fondamentale del
nostro corpo, e viene a mancare di conseguenza la capacità di autoregolazione. La
separazione degli ioni negativi e positivi o, in termini di Energetica Cinese, dello Yin
e dello Yang, porta alla perdita della nostra vitalità e di conseguenza della nostra sa-
lute. Riportare in equilibrio gli opposti con l'ausilio di due semplici calamite, che
hanno dentro di sè la rappresentazione di questi aspetti opposti ma indivisibili,
come lo Yin e lo Yang, è stata senza dubbio la più grande scoperta nell'ambito delle
discipline bionaturali. E mi auguro con tutto il cuore che questa diventerà la
medicina del futuro.

Ma veniamo all'autrice e al libro...Claudia è una grande ed entusiasta studiosa di


questa tecnica che, dopo essere venuta a conoscenza del Biomagnetismo ed essersi
completamente innamorata della semplicità e dell'efficacia dell'applicazione dei
magneti sul corpo per la salute, ha deciso di portarci per mano in un viaggio alla

2
Claudia Morandi

scoperta del Biomagnetismo Integrale. Il Biomagnetismo “classico” diventa


Integrale dal momento che non tralascia nessun aspetto del sistema corpo-mente
del cliente, con molta cura degli aspetti emotivi ed energetici che sono quasi sempre
il punto di partenza della sofferenza e della malattia, dando il via in questo modo ad
un percorso di crescita e liberazione.

Questo libro può servire a chiunque si avvicini per la prima volta a questa
meravigliosa tecnica per capirne i principi di base ed il suo funzionamento,
includendo esempi pratici e semplici per trattare piccoli disturbi comuni anche sen-
za bisogno di un operatore qualificato.

Gli addetti ai lavori invece, non potranno fare a meno di appassionarsi a questa
tecnica rivoluzionaria, grazie agli approfondimenti corredati da un completo
schedario di casi pratici trattati in studio, dove si vedono nel dettaglio le diverse
tecniche di cui si avvale il Biomagnetismo Integrale per dare delle risposte... a volte
sbalorditive. I risultati parlano da soli.

Mi auguro che questo libro possa avere la fortuna che merita, ma sopratutto che
possa essere una guida per coloro che mettono al primo posto il benessere e
l'evoluzione propria e altrui.

Josè Luis Pachòn Reyes


Cofondatore della prima Scuola in Italia
di Biomagnetismo Integrale

3
Biomagnetismo Integrale

4
Claudia Morandi

INTRODUZIONE

L'ARTE DEI MAGNETI IN COPPIA

Il Biomagnetismo è entrato a far parte della mia vita nel 2017 grazie ad un video su
internet: Applicazioni mediche del Biomagnetismo-AGAltroGiornale.org (youtube).

Questo video illustra un esperimento rivoluzionario con la “coppia biomagnetica”


effettuato dal dott. Isaac Goiz Duràn (inventore della coppia biomagnetica) nel mag-
gio 2009 in Spagna a Marbella (Malaga) nella clinica diretta dal dott. Raymond Hilu.
Tra il 14 e il 17 maggio circa 200 persone con patologie molto diverse sono state
trattate usando il Biomagnetismo; erano tutti pazienti di dottori e terapeuti della
Spagna, degli Stati Uniti, Inghilterra, Germania, Francia, Svezia, Finlandia e India.
Questo test clinico è stato osservato da dottori di diversi paesi, inclusi Conte e
Limontini dall'Italia e Mary Staggs dall'Inghilterra. Essi hanno agito da osservatori
imparziali. E' stato prelevato ad ogni persona un campione di sangue prima e uno
dopo il trattamento con i magneti; entrambi i campioni sono poi stati confrontati.
Questo avrebbe mostrato se le persone avessero o meno i microorganismi rilevati
dal dott. Goiz usando un semplice test kinesiologico e anche se questi patogeni,
causa della malattia delle persone sottoposte al test, fossero spariti o meno dopo il
trattamento. L'esperimento è stato completato con un follow up delle persone
trattate una volta rientrate a casa, per capire se fossero davvero guarite.

Tutti i laboratori contattati si sono rifiutati di collaborare. A causa di questi rifiuti, il


dott. Hilu ha dovuto analizzare il sangue dei pazienti con un esame microscopico
morfologico che raggiunge i 60000 ingrandimenti e permette di vedere con assoluta
chiarezza tutti i tipi di batteri, funghi e parassiti e di identificarli. Inoltre dato che i
laboratori non hanno cooperato, il dott. Hilu ha dovuto chiedere alle persone
sottoposte al test di portare i loro documenti medici che mostrassero le diagnosi

5
Biomagnetismo Integrale

fatte dai loro medici prima del trattamento biomagnetico. Questo avrebbe
documentato l'efficacia della coppia biomagnetica.

Delle 200 persone trattate con le calamite in questi 4 impegnativi giorni, solo 129
hanno portato i rapporti medici o di laboratorio precedenti alle sessioni di
Biomagnetismo; quindi sono stati possibili solo 129 studi. Ci sono stati risultati
favolosi: persone sottoposte al test 129, curate 86, migliorate 38, senza risultati
(nemmeno peggioramenti) 5. Quindi la guarigione completa o il miglioramento
parziale (senza medicinali, solo con qualche magnete naturale) è avvenuta nel 96%
dei casi!!!

E' molto interessante vedere il video completo poiché illustra nel dettaglio le
diagnosi mediche degli 86 casi di guarigione completa oltre a mostrare le foto al
microscopio del sangue prima e dopo il trattamento con le calamite.

Il sangue delle persone molto malate (sono stati trattati individui affetti da epatite,
diabete, melanoma, HIV....) era molto sporco, conteneva molti patogeni, i neutrofili
erano disabilitati e non potevano difendere il corpo, la circolazione era di scarsa
qualità. I globuli rossi erano raggruppati, formavano colonne come monete impilate,
erano scarsamente mobili. Tuttavia, dopo il trattamento di Biomagnetismo, il
sangue al microscopio sembrava quello di una persona sana; i globuli rossi erano
divenuti distinti, perfetti nella loro individualità e si muovevano liberamente, non
c'era traccia di batteri o funghi, il sangue era pulito, i neutrofili erano tornati attivi.

L'acidosi di tutte le persone è scomparsa dopo il trattamento del dott. Goiz.

Il dott. Hilu dopo aver visto i risultati dell'esperimento ha esclamato con sorpresa:
“Per uccidere i batteri, migliorare il sangue e la circolazione a questo livello, mi
sarebbero servite più di sei medicine per diversi mesi”. Inoltre il dott. Hilu ha
potuto identificare in più dell'80% dei campioni di sangue gli stessi patogeni che il

6
Claudia Morandi

dott. Goiz aveva specificato solo tramite un test di kinesiologia usato nella sessione
di trattamento.

Quindi i risultati di questo studio mostrano la reale efficacia del Biomagnetismo in


una lunga lista di patologie.

Invito tutti a guardare il video, ad approfondire l'argomento e a provare il


Biomagnetismo di persona. Io dopo aver visto questo video non ho potuto farne a
meno; ho scoperto che in Italia non c'erano né libri né corsi e così sono partita con il
mio collega e compagno, José Luis Pachon Reyes, alla volta della Spagna per
imparare l'arte dei magneti in coppia e portarla qui in Italia.

Il Biomagnetismo ormai è un fenomeno inarrestabile dato che sempre più persone


ne vedono l'evidenza. Ci sono già 15000 “terapeuti” di Biomagnetismo nel mondo,
specialmente in America Latina e il numero cresce esponenzialmente, poiché è un
sistema efficace ed economico, semplice e rapido da apprendere e applicare e non
richiede studi di medicina. Inoltre non ha effetti collaterali e non può causare danni
per errori tecnici.

I grandi successi della Coppia Biomagnetica sono la ragione per cui sempre più
dottori e terapeuti nel mondo incorporano tale tecnica nelle loro sedute giornaliere
ed è anche il motivo per cui alcuni paesi l'hanno incorporata nei propri sistemi di
salute pubblica e dipartimenti universitari.

Io e Luis siamo felici ed orgogliosi di potere diffondere questa tecnica in Italia e


impazienti che sempre più persone la conoscano e la mettano in pratica.

Non abbiamo mai conosciuto niente di così efficace, semplice ed immediato e siamo
sicuri che avrà molto successo e aiuterà tantissime persone.

7
Biomagnetismo Integrale

Ora ti auguro una buona lettura e se alla fine del libro anche tu ti sarai innamorato
del Biomagnetismo Integrale… spero ci aiuterai a diffonderlo.

In Italia questo è il primo libro in commercio e io e Luis siamo tra i primi ad


applicare questa tecnica meravigliosa e sicuramente i primi ad insegnarla.

Unisciti a noi!!

Claudia Morandi

8
Claudia Morandi

CAPITOLO 1

L'UOMO E LA CONTINUA RICERCA DI EQUILIBRIO

Quando parliamo di qualità di vita, benessere, armonia ed equilibrio è fondamentale


trattarli come un'unità. Non possiamo separare da un lato il corpo fisico, dall'altro
quello emozionale e mentale e ancora il campo energetico. Siamo un tutt'uno, un
microcosmo in armonia con il macrocosmo, nulla può essere considerato come
“separato”, sia quando ci si riferisce al nostro mondo interiore, sia al nostro
collegamento con il “tutto”.

In ogni organismo sano esiste un flusso di energia in equilibrio costante; questo


equilibrio può venire minacciato quando veniamo a contatto con diversi fattori
stressanti come tossicità, un'alimentazione scorretta, un eccesso di stress, emozioni
forti e negative etc. Questi fattori fanno irruzione in questo flusso di energia e
possono quindi avere influssi sul piano fisico, mentale ed emozionale, da piccoli
sintomi a vere e proprie patologie acute e croniche.

Inoltre le abitudini di vita del giorno d'oggi, la sedentarietà, le esigenze lavorative, il


ritmo sempre più veloce, la mancanza di tempo per occuparci di noi stessi e per
ascoltarci, la conseguente alimentazione scorretta, l'inquinamento atmosferico ed
elettromagnetico rendono possibile lo squilibrio energetico e conseguentemente la
malattia.

Il nostro corpo è un sistema di circuiti elettrici che funziona emettendo e ricevendo


costantemente energia generata dalla propria parte fisica, mentale ed emozionale
del corpo e dall'ambiente che ci circonda.

Tutta la materia (alberi, palazzi, oceano, la terra, ecc) è composta da atomi che sono
l'unità di energia più piccola di un elemento chimico. Il nostro organismo è un

9
Biomagnetismo Integrale

insieme di questi atomi che si intrecciano tra loro formando molecole, che si
uniscono formando le cellule del corpo.

Perciò il nostro corpo è per definizione un “corpo energetico” composto da


particelle di energia atomica e qualsiasi particella elettro-energetica ha dei circuiti
dove l'energia viene trasportata. Da qui si deduce che le alterazioni, variazioni,
congestioni del corpo umano provocati da stress, cattiva alimentazione,
inquinamento ambientale, stili di vita scorretti, le proprie alterazione emotive e
mentali provochino mutamenti nella stabilità della propria energia e condizionino
la nostra salute.

La cattiva alimentazione (contaminazioni, metalli pesanti, insetticidi, alterazioni


genetiche, conservanti etc) destabilizza ed indebolisce l'energia del nostro
organismo; l' incidenza di campi elettromagnetici provocati da apparecchiature
elettroniche come TV, antenne, cellulari, WiFi inquinano il nostro corpo alterando la
stabilità della sua energia.

CONCETTI DI CHIMICA

Come scritto in precedenza il nostro corpo è composto da atomi, i quali sono


composti da:

 Nucleo: Neutroni (privi di carica) + Protoni (carica positiva+)


 Nube di Elettroni (carica negativa -)

Più atomi che si legano insieme formano una molecola.

Un atomo o una molecola hanno un nucleo positivo e una nuvola di elettroni


negativa che “gravita” intorno al nucleo, ogni elettrone nella propria orbita, proprio

10
Claudia Morandi

come i pianeti fanno intorno al sole (microcosmo nel macrocosmo) ed il numero di


protoni (carica +) ed elettroni (carica -) è lo stesso.

Se l'atomo ha un elettrone in eccesso è chiamato anione o ione negativo, poiché ha


più cariche negative (elettroni) rispetto a quelle positive nel nucleo (protoni). Se
manca uno o più elettroni viene chiamato, inversamente, catione o ione positivo,
poiché la carica positiva del nucleo predomina sulla nube di elettroni negativi.

Cosa avviene in una molecola di ossigeno neutro, composta da due atomi, ognuno
con otto protoni e otto elettroni, dopo l'azione di ionizzare l'ossigeno dell'aria (ad
esempio con uno ionizzatore o semplicemente aprendo una finestra)? Questa
molecola cattura un elettrone nella sua ultima orbita trasformandosi cosi in ione
negativo. La molecola ora ha un elettrone in più, 16 protoni e 17 elettroni.

L'ossigeno con carica negativa è molto più respirabile, poiché quando entra negli
alveoli polmonari passa facilmente nel sangue; questo poiché il sangue contiene fer-
ro (carica positiva) che ha affinità verso l'ossigeno caricato negativamente, dal
momento che sappiamo che le cariche di segno opposto si attraggono proprio come
succede nei magneti.

RADICALI LIBERI

Le molecole di ossigeno possono perdere un elettrone attraverso il metabolismo del


corpo, l'esposizione a contaminanti o radiazioni o assumendo alcuni farmaci,
diventando così una particella instabile nota come “radicale libero” (RL). Nel
tentativo di ristabilire l'equilibrio il RL acquisisce un elettrone da un'altra molecola,
creando così un altro RL. A sua volta il RL appena creato cerca un elettrone
sostitutivo generando così una reazione a catena.

11
Biomagnetismo Integrale

I RL a livello biologico sono responsabili dell'invecchiamento cellulare e di un


grande numero di malattie.

IONIZZAZIONE

Questo termine si applica alle molecole dell'aria che contengono piccole cariche
elettriche (positive e negative), un fenomeno che normalmente si verifica nell'aria
che respiriamo. Queste molecole caricate di elettricità sono gli ioni; ci sono ioni
positivi (I+) e negativi (I-).

Nella città c'è un eccesso di I+, mentre nelle campagne e in montagna ci sono molti
più I-.

Gli ioni influenzano in modo significativo i nostri processi biologici e psichici. La


ionizzazione dell'aria è fondamentale per la creazione ed il mantenimento della vita
sulla Terra.

Lo squilibrio ionico dell'aria verso un eccesso di I+ è dannoso per le piante, gli


animali e gli esseri umani.

Tutte le persone, in maniera maggiore o minore, si sentono colpite da questo


squilibrio che causa condizioni come mal di testa, tendenza alla depressione,
irritabilità, insonnia ed altri disagi.

L'eccesso dannoso di I+ di solito si verifica nelle città a causa dell'inquinamento


atmosferica che distrugge gli I-.

La capacità di difesa del corpo umano dipende in gran parte dalla respirazione in
un'atmosfera con una buona percentuale di I-, che aumentano le attività del corpo e
della mente.

12
Claudia Morandi

Gli I- vengono assorbiti attraverso la pelle, producendo effetti sugli organi interni,
ma fondamentalmente influenzano l'organismo attraverso la respirazione,
consentendo un maggiore assorbimento di ossigeno.

Uno degli effetti più importanti della ionizzazione positiva è stato osservato
sull’insorgenza dello stress, con conseguenti mal di testa, insonnia, ansia, vertigini,
mancanza di concentrazione, etc. La ionizzazione negativa dell'aria, per contro, ci dà
relax, riposo e maggiore energia.

GLI IONI IN NATURA

Gli ioni in generale sono prodotti spontaneamente in natura per radiazioni


cosmiche, fenomeni meteorologici (tempeste, fulmini, vento etc.), da cascate,
radiazioni della terra o altre cause diverse. Quelli positivi sono generalmente
prodotti dall'attrito tra le masse d'aria; questo fenomeno è particolarmente
evidente durante le ore precedenti una tempesta. Anche alcuni venti causano un
eccesso di carica positiva. Il fronte elettrico che precede la tempesta è sentito da
alcune persone nel corpo (dolori in vecchie ferite, articolazioni, calli etc.).

Quando la tempesta è passata l'aria fresca si rinnova e sentiamo una maggiore


vitalità. Questo poiché il fulmine ha creato un piacevole eccesso di I - rispetto ai
precedenti I+ della tempesta.

Un altro eccesso di I+ appare nei giorni umidi e polverosi, poiché gli I- scompaiono
quando aderiscono alla polvere o all'acqua. Invece quando l'acqua è in movimento
(cascate, onde del mare, pioggia..) si avranno altre fonti di I-, poiché quando l'acqua
raggiunge il suolo e la goccia si divide, la parte più volatile, che è quella che si

13
Biomagnetismo Integrale

respira, si carica negativamente. Questo avviene anche quando ci facciamo la doccia


e vicino alle fontane nelle piazze pubbliche.

Le aree montane sono luoghi di speciale ionizzazione negativa poiché gli strati
rocciosi sono più radioattivi della comune crosta terrestre e la radioattività della
terra origina ionizzazione negativa nell'atmosfera. Inoltre l'aria montana è più
libera da polvere che, come detto in precedenza, ostacola la ionizzazione.

GLI IONI NELLA CIVILIZZAZIONE

L'aria delle città e dei loro ambienti è sempre più malsana, c'è una carenza di I-. La
mancanza di vegetazione urbana è uno dei fattori maggiormente responsabili. Altri
fattori molto importanti sono la circolazione di automobili, i rivestimenti in plastica,
tappeti in materiale sintetico, televisioni, computer etc.

Anche l'inquinamento atmosferico contribuisce all'impoverimento di una


ionizzazione sana; questo è dovuto alle particelle sospese nell'aria respirabile.

Gli impianti di aria condizionata o di riscaldamento producono la perdita quasi


totale di I- al frizionare dell'aria contro i condotti di conduzione. La pesantezza che
si sente negli uffici moderni è dovuta a questo fattore, aggravato dalla presenza di
materiali in plastica, computer e tubi fluorescenti (anch'essi inquinanti).

I cibi altamente industrializzati come farine, zuccheri e oli raffinati generano una
quantità impressionante di radicali liberi che determinano uno squilibrio di ioni nel
nostro organismo provocando così sintomi e patologie.

14
Claudia Morandi

Questa carica brutale di polarità positiva, che di solito è chiamata “carica statica”,
raggiunge il punto di darci una scossa elettrica toccando un chiavistello o una lima
di metallo.

I mobili costruiti o ricoperti di plastica, così come i tessuti sintetici sono un'altra
fonte di I+; bisognerebbe usare solo lana, cotone o altri tessuti naturali.

15
Biomagnetismo Integrale

16
Claudia Morandi

CAPITOLO 2

CONCETTI BASE DEL BIOMAGNETISMO CLASSICO

La Dott.ssa Maria Esther Del Rio1 e alcuni altri scienziati e ricercatori hanno
dedicato la loro vita allo studio degli esseri umani e dei loro processi fisici e chimici,
hanno lottato per decifrare il mistero della longevità recandosi a studiare
popolazioni in luoghi specifici del pianeta dove abitano persone vissute fino a 130
anni e che sono state riconosciute come persone con una salute eccellente.

In questi stessi luoghi i ricercatori hanno studiato quale tipo di vita hanno avuto
queste comunità, cosa mangiano, cosa bevono ecc..per capire dove si trova il segreto
della loro lunga vita. Questi luoghi sono pochi, tra loro vi è la provincia di Hunza,
situata sulle alte montagne nel nord dell'India, la contea di Georgia situata sulle
montagne russe, una remota valle alla periferia della Mongolia e per finire sulle
montagne del Perù e dell'Ecuador.

All'inizio degli anni 30 il Dott. Henri Coanda2, uomo di scienza rumeno conosciuto
come “il padre dei fluidi” fece viaggi di ricerca in ognuno di questi posti giungendo
alla conclusione che era l'acqua di questi luoghi la responsabile della conservazione
della salute e della lunga vita dei suoi abitanti. Il dott. Coanda trascorse la maggior
parte della sua vita a cercare di individuare il segreto dell'acqua di Hunza. Alla sua

1Chimica-biologa presso l’istituto politecnico nazionale del Messico. Si è laureata in biologia


marina all’università del Michigan (USA). Più tardi ha portato a termine un dottorato in
Scienze con specializzazione in Biochimica presso l’università di Cordoba in Argentina.
Ricercatrice e professoressa con cattedra di farmacologia, fitochimica, biologia marina e
geriatria; conta 41 lavori di ricerca e 14 pubblicazioni.
2E’ stato uno scienziato ed ingegnere rumeno. Pioniere dell’aviazione ed inventore, ideatore
del motore a reazione e scopritore dell’effetto “Coanda”, importante fenomeno
fluidodinamico. Morì nel 1972 a 86 anni lasciando 707 brevetti.

17
Biomagnetismo Integrale

morte ereditò i risultati delle sue ricerche lo scienziato dott. Patrick Flanagan3, che
dopo altri 24 anni di lavoro trovò la risposta.

Il segreto della longevità in qualche modo risiede nella struttura dell'acqua, la quale
contiene cristalli liquidi di affinità variabile, cioè la struttura molecolare cambia a
seconda dei campi di energia interni e esterni.

In Messico, dopo molti anni di ricerche, la dott.ssa Esther Del Rio e un gruppo di
suoi collaboratori hanno scoperto che l'acqua contenuta nel nostro organismo ha
una struttura molecolare simile a quella dell'acqua di Hunza, Georgia, Mongolia e
Perù. Infatti è anch'essa acqua a cristalli liquidi contenente le capacità fisiche di un
solido e la mobilità di un liquido, simile a quello utilizzato negli schermi al plasma di
computer e televisori ad alta definizione, essendo in grado di comunicare e
contenere una grande quantità di informazioni.

Secondo l'attuale prospettiva occidentale generalmente quando si affronta il


trattamento di una malattia si cerca di dare un sollievo al malessere, che è ciò che
sta provocando dolore. Ma questo non c'entra con la causa che ha originato
l'alterazione, che può avere un'origine biochimica o, ancora più complesso, uno
squilibrio di origine fisico-psichico-emozionale. Per la comprensione di tutto ciò
dobbiamo unire alla conoscenza biologica del corpo umano due nuovi concetti:

1.- L'acqua che forma il biosistema si trova anche in forma di clatrato, che è
un dodecaedro con facce esagonali e pentagonali; questo stato della materia riceve
il nome di mesomorfico colloidale o cristalli liquidi. Il mantenimento dei cristalli

3E’uno scrittore ed inventore americano. Ha scritto libri incentrati sulla geometria sacra
egiziana e sulla piramidologia. Detiene diversi brevetti come inventore.

18
Claudia Morandi

liquidi dentro il corpo è di vitale importanza per preservare la salute fisica e


mentale.

2.- L'altro fattore da prendere in considerazione è l'esistenza di una rete di


macromolecole (più grandi della cellula) formate da ossido ferroso e ossido ferrico,
che si trovano in tutto l'organismo; questa rete di microcampi magnetici ha una
distribuzione stabile e possiamo osservare accumuli più densi di magnetite in de-
terminate zone conosciute come Chakra .4

Queste conoscenze, parecchio difficili da capire, ma di base totalmente scientifica, ci


portano a comprendere la serietà di alcune terapie complementari come
l'agopuntura, il Biomagnetismo, l'omeopatia ecc.. Queste tecniche sono correlate
con la correzione di questi campi magnetici e l'esistenza dei cristalli liquidi, come
mezzo di comunicazione tra cellula-cellula.

Le caratteristiche della materia viva sono il movimento e l'ordine nella sua


organizzazione e questi studi mettono in evidenza che l'acqua, che è la sostanza più
abbondante nella materia vivente, si trovi in forma di “cristalli liquidi”, che è uno
stato intermedio della materia, che si chiama mesomorfico; questo è lo stato che
mantiene queste qualità in ordine con una forma geometrica come quella dei
cristalli. Inoltre acquistano proprietà ottica, per questo possono trasmettere,
classificare e immagazzinare una memoria di qualsiasi segnale ricevuto con una

4Chakra: adattamento occidentale del termine sanscrito traslitterato come cakra ; indica una
“ruota”, un “disco” o un “cerchio”. Il suo significato nelle tradizioni religiose dell’India va a
coprire due ambiti principali; quello di un “cerchio” o di un “diagramma” mistico (nozione
sovrapponibile a quello dello yantra o del mandala.) e quello inerente allo yoga e alla
medicina ayurvedica traendo origine dalle tradizioni tantriche, sia dell’induismo sia del
buddhismo; nell’accezione più comune è usualmente reso anche con “centro”, per indicare
quegli elementi del corpo sottile nei quali è ritenuta risiedere latente l’energia divina. I
chakra principali sono sette e allineati verticalmente dal perineo (1° chakra) alla sommità
della testa (7° chakra).

19
Biomagnetismo Integrale

longitudine d'onda vibrazionale precisa. Quando le cellule perdono la loro capacità


di trasformare l'acqua in acqua “cristallo liquido”, che generalmente succede
quando invecchiamo (ossidazione), per cause genetiche o dovuto ad una
alimentazione non adeguata la cellula rimane isolata senza poter comunicare. Allo
stesso tempo è importante conoscere l'esistenza dei cristalli di magnetite5

Scienziati dell'università della Pennsilvania hanno disegnato una mappa del


cervello localizzandone i campi magnetici.

Si può dedurre che i campi magnetici che ci circondano possano influenzare la


funzione biomagnetica delle cellule, la quale è generata dal sistema di magnetite in
ossidazione e riduzione, che sono dei microcampi magnetici immersi in cristalli
liquidi di acqua che agiscono come delle unità di memoria creando un sistema di
protezione dal quale dipende l'equilibrio energetico della persona e quindi la sua
salute.

Questa scoperta mette in evidenza questi due grandi pilastri:

 Il nostro corpo è formato da un' intricata rete di magnetiti che, in forma di


calamite, formano microcampi magnetici.
 Quella contenuta nel corpo non è acqua normale, ma ha caratteristiche di
cristallo ottico (cristalli liquidi).

In altre parole la dottoressa Del Rio ha riscontrato che siamo autentiche antenne e
che siamo letteralmente “luminosi”.

Tutto il nostro sangue ha risonanza, vibrazione ed energia elettromagnetica.

5Scoperti nel 1933 da due scienziati, Charlene Crabies e Kirschvink. Prima pensavano
esistessero solo nel cervello e poi in tutto il corpo, così come dimostrò la dott.ssa Del Rio nel
1968.

20
Claudia Morandi

ARTICOLO SCRITTO DA MARIATERESA DE PASCALE6:

“Mater certa est! Siamo figli della Terra, né più né meno di batteri, molluschi, piante e
insetti. Quando pensiamo di poter dominare la natura ecco che la verità emerge
prepotentemente proprio attraverso la scienza che doveva elevarci ad esseri superiori.

In epoca di catastrofi e stravolgimenti climatici, mentre pace e benessere sembrano


allontanarsi, e le leggi dell’universo sono ancora un mistero, ataviche paure e antiche
credenze prendono nuovamente piede e ci chiediamo cos’è la vita sperando ancora in
un destino privilegiato.

Le apparecchiature elettroniche invadono e condizionano ormai la nostra vita, ma se


da un lato sembrano renderla più piacevole, dall’altro sono fonte di un pesante
inquinamento elettromagnetico. Ma l’elettromagnetismo è entrato nella nostra vita
molto prima dell’era tecnologica.

La vita e l’evoluzione delle specie sono state permesse da un lunghissimo periodo di


stabilità del campo magnetico terrestre che dura ancora oggi, e che si teme stia per
finire.

Il primo a parlare di magnetismo animale fu Mesmer nel 1775, ma non ebbe molto
seguito, gli esperimenti furono condotti per lo più sulle piante, lungi dall’essere con-
siderate vive. In epoca moderna, grazie a nuove tecnologie, si sono accumulati dati
circa la presenza in molte specie di esseri viventi di cristalli di magnetite, lo stesso

6Nata e cresciuta a Napoli si è laureata in Biologia e ha svolto attività di ricerca biomedica


per circa 15 anni principalmente nel campo dell’immunologia. Membro della Scuola
Superiore di Immunologia Ruggero Ceppellini fino al 2007. Nel 2005 ha abbandonato
l’attività di ricercatore e dal 2007 si dedica alla divulgazione in campo scientifico e
tecnologico, principalmente scrivendo articoli per riviste web e cercando di mettere scienze
e conoscenze al servizio del sapere.

21
Biomagnetismo Integrale

materiale di cui è fatto l’ago della cara vecchia bussola, un materiale (Fe3O4)
presente in natura negli strati profondi di roccia terrestre, dove il suo orientamento
secondo la direzione del campo magnetico, ha permesso di ricostruire la storia balle-
rina dello stesso, con inversioni piuttosto frequenti nel passato geologico. Per la prima
volta questi cristalli sono stati osservati in batteri che vivono ad elevate profondità,
dove la magnetite abbonda ed essi potevano prelevarla. Tuttavia l’organizzazione dei
cristalli, in strutture lineari, era assai più complessa e un milione di volte più sensibile
di quelli che si formano sotto l’azione di pressione e temperature elevatissime, anche
per dei superbatteri. Pertanto la formazione di queste minibussole deve essere dovuta
ad un processo ben controllato, insomma ”voluto” per necessità adattativa, onde
evitare di finire in ambienti troppo inospitali, confondendo l’alto col basso e il nord
con il sud.

Finché si tratta di batteri, lo sappiamo ormai, tutto è possibile, ma poi si è scoperto


che anche pesci, uccelli, anfibi e insetti sono dotati di bussola, a base di cristalli di
magnetite, fornita in dotazione direttamente da madre natura.

Si immagina che funzionino come sensori del debole campo magnetico terrestre, il che
nel caso di specie migratorie risulterebbe utile all’orientamento quando il sole non c’è
o è al crepuscolo. Questa l’ipotesi che è stata fatta per i piccioni viaggiatori, dal becco
sensibile. Anche alcune formiche brasiliane (Pachycondyla marginata) sono dotate,
nelle antenne, di un portentoso sensore magnetico, un vero e proprio organo per
l’orientamento; ma come sappiamo anche le nostre formiche domestiche difficilmente
perdono la strada o mancano l’obiettivo.

In altri casi il sistema sembra essere più complesso, le radiazioni luminose, la luce blu
crepuscolare per la precisione, nelle piante (Arabidopsis Thaliana) attivando
particolari proteine fotorecettrici dette criptocromi (CRY), inibisce il processo di
crescita in diretta relazione con l’intensità del campo magnetico. Ma i criptocromi o

22
Claudia Morandi

molecole simili, sono presenti in molti altri organismi compresi gli uccelli dove
potrebbero avere un ruolo nei processi di crescita, di sviluppo, nella regolazione dei
ritmi circadiani e nell’orientamento naturalmente, con l’attivazione dei sensori
magnetici.

Fin qui la magnetite sembra materiale per curiosi ed eccentrici scienziati, ma nel 1992
la presenza di questi cristalli, grazie alla tecnologia ultrasensibile dei superconduttori
Squidd, è stata rilevata anche nel tessuto nervoso dell’Homo sapiens, le membrane
che circondano il cervello e il midollo spinale ne sono zeppe. La scoperta si deve
stranamente ad un geologo, il dottor Joseph Kirschvink che evidenziò la presenza di
questo materiale inaspettatamente nella materia vivente e ne fu incuriosito al punto
che continuò le sue ricerche a dispetto dello scetticismo generale. La sua ricerca non
fu finanziata, nonostante le implicazioni e applicazioni in campo medico e non solo.

A cosa servano nell’uomo queste complesse strutture sensoriali sensibili al campo


magnetico è ancora un mistero, ma nel 2008 il New York Times ha voluto ricordare la
sua ricerca pionieristica alla luce delle più recenti scoperte circa l’utilizzo di questi
recettori da parte di insetti e uccelli come egli per altro aveva ipotizzato.

Adesso si spiega il fenomeno chiamato bleep che si verifica a volte durante una
risonanza magnetica, a causa di una “eco” spinale. Meno contenti saranno i produttori
di apparecchiature elettroniche, i cristalli rispondono alle variazioni
elettromagnetiche, già implicate nell’insorgenza di patologie come tumori cerebrali e
leucemie. Difficile tuttavia fare statistiche corrette visto l’inquinamento
elettromagnetico in cui viviamo: tv, radio, telefoni cellulari, computer e la tecnologia
wireless in espansione. Se non producono danni patologici, sicuramente riducono le
nostre facoltà percettive o dobbiamo pensare che madre natura con noi è stata meno
generosa? Se i cristalli di magnetite sono solo una vestigia del passato ciò
implicherebbe un antenato comune a tutte le specie che ne sono dotate, come

23
Biomagnetismo Integrale

ipotizzava Kirschvink; siamo figli di un batterio intraprendente? Molti sicuramente


preferiranno pensare che abbiamo delle capacità nascoste e dimenticate.

Il nostro sistema nervoso altro non è che un circuito elettrico, gli organi di senso e di
moto comunicano attraverso correnti elettriche con il cervello e l’attività di ogni
singola cellula è regolata da flussi di particelle cariche, gli ioni. In virtù di ciò il nostro
corpo genera un campo magnetico sia pur debole che interagisce col campo
magnetico esterno. Naturalmente la distanza alla quale un campo magnetico può far
sentire la sua presenza dipende dalla sua intensità, dalla frequenza di oscillazione del-
la radiazione e dalla sensibilità del ricevente. Lo spettro elettromagnetico va da
radiazioni ionizzanti ad alta frequenza ed energia, come raggi X, raggi γ e raggi
cosmici, ai raggi ultravioletti e alle radiazioni non ionizzanti come quelle prodotte
dalle apparecchiature elettroniche, microonde, onde radio e tra questi due estremi, i
“colori”, le radiazioni luminose. Quando i nostri organi di senso vengono colpiti da una
radiazione elettromagnetica, generano una corrente della stessa frequenza della fonte
e quindi da quelle del suono a quelle termiche e luminose che nel cervello riproducono
le sensazioni corrispondenti. È vero anche però che in mancanza di uno stimolo, noi
non percepiamo nulla, in mancanza di un mezzo in cui lo stimolo si propaghi, per noi
non accade nulla, un sasso gettato in acqua genera un’onda che si propaga per lunghe
distanze fino a far spostare un altro oggetto in vicinanza. Ma questo oggetto
percepisce la perturbazione prodotta dal sasso e non direttamente il sasso, è solo
l’esperienza che ci fa decodificare i segnali.

Si può stressare il concetto dicendo che le nostre percezioni sono dovute alla natura
fluida di tutto lo spazio in cui siamo immersi e come un feto nel sacco amniotico,
viviamo in un mondo ovattato, illusorio, senza percepire la realtà.

Le nostre sensazioni di caldo, freddo, pressione etc., secondo il Professor Marco


Todeschini, mente brillante della prima metà del ‘900, fondatore della psicobiofisica,

24
Claudia Morandi

sono evocate dai nostri sensi che percepiscono variazioni del campo magnetico
esterno trasmesse attraverso il mezzo fluido che ci circonda. La teoria prevede anche
che il processo si possa invertire ricreando a livello cerebrale una sensazione nota fino
a generare una corrente e quindi una perturbazione elettromagnetica diretta verso
l’esterno.

Le percezioni extrasensoriali, la telecinesi, le allucinazioni e molti altri fenomeni


troverebbero così una spiegazione nella capacità non solo di ricevere, ma anche di
produrre e trasmettere, segnali elettromagnetici. All’epoca in cui Todeschini esponeva
la sua teoria non si sapeva dell’esistenza di cristalli di magnetite e così, ma non solo
per questo motivo, come nel caso del dottor Kirschvink, anche le teorie di Todeschini
furono rigettate dal mondo accademico e tutto finì nel dimenticatoio.

Si ignorava pure che siamo effettivamente in grado di generare un'emissione


elettromagnetica a livello dell’orecchio in risposta ad uno stimolo acustico e
misurabile come emissione otoacustica OAE ad una frequenza distinta per ogni
individuo, come un’impronta “acustica”.

E magari senza saperlo dialoghiamo con la nostra madre Terra che trasmette ad una
frequenza di 7,8 Hz, la stessa delle nostre onde cerebrali quando dormiamo, l’unico
momento in cui siamo sulla stessa onda.”

LE MERAVIGLIE DELL'ACQUA

Il corpo è costituito dal 60% circa di acqua. Possiamo ottenere un salutare


riequilibrio curandoci agendo anche con onde (elettromagnetiche) sull’acqua del
nostro corpo. Sono questi i recenti risultati di 30 anni di ricerca a livello
internazionale sull’acqua organica.

25
Biomagnetismo Integrale

L'acqua è una sostanza molto presente nella nostra vita e che spesso
sottovalutiamo. Già però il fatto che il 70% del nostro peso è dovuto all’acqua e che
il 99% delle molecole che compongono il nostro corpo sono molecole d’acqua
dovrebbe farci capire quanto sia centrale il suo ruolo nella vita. Sono domande che
l’uomo si è posto fin dall’antichità ed è andato a cercare le risposte sempre molto
lontano dall’acqua. Perdendosi forse il passaggio centrale.

Pensiamo ad una medusa, è fatta per il 98% di sola acqua. Come se una parte
dell’acqua si organizzasse in maniera diversa acquisendo nuove caratteristiche. Da
un certo punto di vista è come se le molecole d’acqua si muovessero tutte
all’unisono come un corpo di ballo dando origine alla medusa. Le molecole che
“ballano” assieme si distinguerebbero chiaramente da quelle che assistono al
balletto. Quando questo coordinamento centrale delle molecole d’acqua si perde la
medusa sparisce e torna a far parte del mare.

Ma quando l’acqua è ordinata la medusa non solo si vede ma se ci prende ci fa anche


male!

E’ proprio questa capacità di organizzarsi come un corpo di ballo che rende l’acqua
unica. L’acqua pura è spontaneamente organizzata in due fasi: il 60% sono molecole
libere che si muovono in modo casuale ed il 40% è organizzata in cristalli liquidi che
vibrano all’unisono. I fisici l’hanno chiamata coerenza. Meglio ancora, le porzioni di
acqua che “danzano” insieme sono stati chiamati “domini di coerenza”. Da questa
danza ordinata delle molecole d’acqua si originano dei campi elettromagnetici ben
precisi che tra l’altro possono sintonizzarsi su frequenze ben precise e trasportare
informazioni specifiche. Sono questi i discreti fili conduttori della vita.
Una medusa può essere così vista come un grosso agglomerato di domini di
coerenza.

26
Claudia Morandi

Allo stesso modo avviene nel nostro corpo. E’ l’acqua che ha la proprietà di
organizzarsi in maniera ordinata e coordinare a sua volta l’organizzazione della
altre molecole che ci compongono. In questo modo non siamo delle pozzanghere o
delle gelatine ma degli esseri umani che funzionano secondo un preciso programma
di informazioni depositate nel DNA che agisce anche come antenna
ricetrasmittente.

Tutte le reazioni biochimiche che ci mantengono in vita avvengono grazie all’acqua


e le connessioni elettromagnetiche sono quelle che coordinano queste reazioni.
Queste scoperte sono classificate sotto il grande capitolo della Elettrodinamica
Quantistica: una branca della meccanica quantistica. All’inizio le ricadute per la nos-
tra salute erano inesistenti, sia perché le ricerche fisiche erano agli inizi che perché i
medici conoscono poco o nulla della fisica quantistica. Oggi però grazie al costante
lavoro dei fisici, in cui l’Italia vanta alcuni tra i migliori nel settore come il prof.
Emilio Del Giudice, deceduto nel 2014, ed il prof. Giuseppe Vitiello, questi studi
stanno sia spiegando i meccanismi di alcune terapie che la pratica aveva dimostrato
efficaci, ma la scienza non aveva ancora compreso, sia aprendo il campo a nuovi
sistemi di diagnosi e terapia. Sistemi che agiscono su queste connessioni
elettromagnetiche sostenute dall’acqua che ci compone. Alcuni fisici hanno osato
ipotizzare che in futuro potremo curarci semplicemente con le onde
elettromagnetiche e che addirittura l’acqua potrebbe essere il mezzo ideale per
somministrare al nostro corpo delle terapie innovative. Non più solo su base
farmacologica ma su base fisica.

Altri studi molto interessanti sull’acqua sono stati fatti da Masaru Emoto 7 ,
ricercatore internazionale che ha ottenuto fama mondiale per aver dimostrato come

7Masaru Emoto 1943-2014, laureato all’Università di Yokohama, ha poi conseguito il dotto-


rato in medicina alternativa presso l’Open International University nel 1992. Dopo aver stu-

27
Biomagnetismo Integrale

l’acqua sia profondamente connessa alla nostra coscienza individuale e collettiva. I


risultati degli esperimenti condotti da Emoto dimostrano che l’acqua è in grado di
registrare informazioni e che i cristalli dell’acqua modificano la propria struttura in
relazione ai messaggi che ricevono. E’ riuscito a dimostrare che l’acqua sottoposta
alle vibrazioni di parole e pensieri positivi forma dei cristalli bellissimi simili a
quelli della neve, mentre l’acqua sottoposta alle vibrazioni di parole e pensieri
negativi reagisce creando strutture amorfe e prive di armonia.

Il nostro corpo umano e il nostro pianeta Terra sono formati in gran parte da acqua
(le percentuali sono quasi le stesse) e proprio per questo motivo l’obiettivo di
Masaru Emoto era di diffondere il più possibile le sue scoperte per sensibilizzare le
persone e creare la pace nel mondo. Come? Basta pensare all’incredibile
esperimento avvenuto sulle sponde del lago Biwa in Giappone il 25 luglio 1999 alle
4.30 del mattino; 350 persone si sono riunite di fronte al lago inquinato per offrire
le proprie “preghiere” all’acqua. L’intenzione delle persone che pregavano insieme
era sintonizzata su pensieri di armonia e gratitudine. Il risultato è stato
sbalorditivo! L’acqua prelevata dal lago inquinato prima di essere sottoposta alla
vibrazione della preghiera non ha prodotto alcun cristallo, mentre l’acqua prelevata
dopo la preghiera è stata in grado di produrre bellissimi cristalli per oltre 6 mesi,
fino a gennaio del 2000!!!

Nei prossimi capitoli scoprirete gli effetti straordinari dei magneti sull’acqua che
beviamo e su quella del nostro corpo…. il procedimento è semplicissimo!!

diato il fenomeno degli ammassi di stelle sparse, i suoi studi si sono orientati sui misteri
dell’acqua. Ha condotto la sua ricerca in Giappone e tenuto seminari in tutto il mondo. Ha
scritto numerosi libri che hanno venduto oltre 3 milioni di copie e sono stati tradotti in 20
lingue. Nel 2003 Emoto ha creato un’organizzazione mondiale non profit che si chiama “Ac-
qua Internazionale Per La Vita” alla quale ha dedicato la sua ricerca sull’acqua finalizzata al-
la pace nel mondo.

28
Claudia Morandi

CAPITOLO 3

STORIA DEL BIOMAGNETISMO

Definizione di Biomagnetismo: è un insieme di cariche che identificano


un'alterazione della salute ed è costituito da due cariche principali di polarità
opposta che si formano a partire dall'alterazione fondamentale del pH degli organi
implicati.

La definizione che ci presenta il dott. Isaac Goiz Duran8 nel suo libro “El Par
Biomagnetico” può sembrare ancora complessa, ma a mano a mano che si avanza
nello sviluppo dell'argomento diventa più comprensibile.

Il Biomagnetismo è una tecnica efficace che porta in equilibrio l'organismo


attraverso l'applicazione di campi magnetici. E' una tecnica che raggruppa in sé
diversi concetti di bioenergetica umana, l'utilizzo dell'energetica nella Medicina
Tradizionale Cinese, gli studi degli egiziani ecc., infatti questa tecnica biomagnetica
non è una moda recente, dato che possiamo trovare antecedenti della sua
applicazione nell'antica Grecia, nell'antico Egitto, così come nella cultura indiana e
in altre culture.

Paracelso attribuisce ai magneti proprietà curative agendo come un


prolungamento dell'azione degli astri e usava questi elementi per il trattamento dei

8Medico, fisioterapista (università di Puebla Messico), dottorato in filosofia in medicina


bioenergetica (Oxford International University, Inghilterra) tesi del dottorato “La coppia
biomagnetica”, dottorato in Biomagnetismo Medico (New Sciences University of America,
Messico)tesi del dottorato “Il SIDA è curabile”. Docente presso innumerevoli scuole e
ospedali del Messico e conta almeno 9 pubblicazioni mediche ufficiali. Membro di una
decina di società scientifiche e ha ricevuto decine di premi e onoreficenze. Nel 1988 fu il
primo a scoprire ed applicare la tecnica della coppia Biomagnetica. Ora è una tecnica
insegnata e diffusa in molte parti del mondo.

29
Biomagnetismo Integrale

malati. Fu il primo ad essere criticato dagli scienziati contemporanei. Invece le sue


teorie ebbero dei seguaci, i quali pubblicarono posteriormente le sue opere,
chiarendo e confermando l'efficacia dei suoi trattamenti mediante i campi
magnetici. Tra gli altri possiamo segnalare Van Helmont9 che studiò l'effetto dei
campi magnetici nella salute sostenendo che la sua efficacia aumentava grazie
all'intenzione mentale positiva del terapeuta che le applicava.

Fludd10 nel 1638 pensava, allo stesso modo di Paracelso, che l'uomo è soggetto alle
stesse leggi che governano l'universo e continuava dicendo che l'uomo ha due poli
proprio come la Terra.

Il gesuita Kircher11 affermava che tutta la natura è magnetica, realizzò esperimenti


coi magneti scoprendo il magnetismo del sole, della luna, della Terra, dei pianeti,
degli animali, delle piante e anche dell'amore. Fabbricò anelli, collane, braccialetti
con dei magneti che avevano la funzione di calmare il dolore, equilibrare le
alterazioni nervose delle persone.

Franz Anton Mesmer12, nato nel 1734, esercitò la pratica magnetica nella città di Vi-
enna, teorizzando l'esistenza di un'energia universale regolata da leggi meccaniche

9JeanBaptiste van Helmont è stato un chimico, fisiologo e medico fiammingo ricordato


soprattutto per le sue idee sulla generazione spontanea, il suo esperimento di 5 anni su un
albero, e per l’introduzione del termine “gas” nel vocabolario scientifico.
10Robert Fludd è stato un medico, alchimista e astrologo britannico, esperto in teosofia.
11Athanasius Kircher è stato un gesuita, filosofo, storico e museologo tedesco del XVII secolo.
Pubblicò una quarantina di opere nei campi degli studi orientali, della geologia e della
medicina. Onorato con il titolo di “Maestro in un centinaio di arti” per la sua enorme varietà
di interessi.
12E’stato un medico tedesco. Laureato in medicina e filosofia a Vienna, svolse la sua attività
in Austria, Germania e Francia, a cavallo tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento. Le
sue teorie diedero vita al “mesmerismo”.

30
Claudia Morandi

e che attraverso i suoi movimenti collegava i corpi celesti, la Terra e gli essere
viventi. Sosteneva che questa energia influenzava il sistema nervoso degli esseri
viventi e che aveva delle proprietà simili a quelle dei magneti. La stessa facoltà di
Medicina che aveva approvato la sua tesi dottorale basata sulle proprietà benefiche
del magnetismo decise anni più tardi di radiarlo dalla professione medica a causa
delle sue pratiche nelle quali applicava le tecniche magnetiche. Mesmer usava
piccoli magneti nei suoi trattamenti amplificando poi gli effetti magnetizzando
l'acqua di uno stagno dove immergeva i suoi pazienti. Magnetizzava anche gli
alimenti, le stoviglie e i vestiti dei pazienti.

M. H. Halpern dimostrò l'importanza per gli organismi viventi del campo magnetico
generato dal nostro pianeta introducendo dei topi in gabbie speciali isolate dal
campo magnetico terrestre. Il risultato fu che i topi si ammalavano velocemente e
dopo tre generazioni morivano tutti a causa di diversi tipi di ipoplasia13 .

La NASA ha dimostrato più avanti che quando gli astronauti abbandonano il campo
magnetico della Terra soffrono di una malattia denominata “malattia spaziale”
caratterizzata dallo sviluppo di osteoporosi e deficit del sistema immunitario.

Numerosi scienziati al giorno d'oggi si chiedono se il gran numero di nuove


patologie articolari che si diagnosticano non siano dovute alla diminuzione
progressiva del campo magnetico terrestre (denunciata dagli scienziati giapponesi
Kawai e Ritake) e alla grande contaminazione elettromagnetica così come allo stile
di vita attuale della nostra società.

13 Diminuzione significativa del numero di cellule dei tessuti alterati

31
Biomagnetismo Integrale

Su questa scia nel 1958 il dott. Nakagawa14 coniò l'espressione “sindrome da


deficienza di campo magnetico” per definire la sindrome di quei pazienti che
presentano sintomi quali rigidità di spalle, di schiena, base del collo, lombalgia,
emicrania, vertigini, sensazione di pesantezza, insonnia, stitichezza cronica,
lassitudine generalizzata e squilibrio del sistema nervoso autonomo. Nakagawa era
convinto che tutti questi sintomi derivassero da uno squilibrio dei campi magnetici
dei pazienti e di fatto aveva ottimi risultati quando li sottoponeva a trattamenti con
i magneti.

Secondo il dott. Ornego15 tutte le funzioni biologiche sono altamente sensibili alle
influenze dei campi magnetici. Ciò conferma che la vita sulla Terra è immersa in un
mare di forze magnetiche e che la persistenza della vita dipenda anche dal fatto che
quelle forze rimangano inalterate.

Il successivo e fondamentale passaggio avviene con i lavori del dott. Richard


Broeringmeyer16 sulle terapie energetiche, sulle terapie polari e sull'importanza del
pH nella salute e soprattutto con la scoperta del suo allievo, il medico e chirurgo
messicano Isaac Goiz Duran. Quest'ultimo nel 1988 ha scoperto la coppia
biomagnetica che supponeva una nuova visione di quello che si conosceva fino ad
allora dell'utilizzo dei magneti, della loro collocazione e della relazione col pH. Con
la collocazione dei poli positivi e negativi dei magneti naturali di una determinata
potenza su punti specifici dell'organismo collegati tra loro, Goiz è riuscito ad

14Kyoichi Nakagawa è medico e direttore de “Isuzu Hospital” di Tokyo.


15Chirurgo francese.
16Fisicostatunitense, ha lavorato per l’Amministrazione Nazionale dell’Aeronautica e dello
Spazio (NASA), studiando l’importanza del campo magnetico terrestre sulla salute degli
astronauti inviati nello spazio. Dopo questi studi decide di sperimentare trattamenti
magnetici su persone malate con risultati notevoli.

32
Claudia Morandi

aumentare gli effetti benefici dei campi magnetici in un ampio numero di malattie
con ottimi risultati.

E' importante puntualizzare che con la coppia biomagnetica si possono avere molti
più risultati che con la magnetoterapia conosciuta fin'ora. Quest'ultima segnala da
tempo gli effetti sedativi e disinfiammanti del polo nord di una calamita, così come
gli effetti stimolatori, acceleratori della crescita cellulare del polo sud (ad esempio
nei casi di frattura).

Con la coppia biomagnetica abbiamo a disposizione una mappa precisa dei punti nel
corpo, lì dove devono essere collocate le coppie di calamite che servono ad
identificare un terreno biologico in grado di sostenere microrganismi patogeni o
disfunzioni organiche e trattarlo in modo adeguato.

Riassumendo l'investigazione accumulata fin'ora dimostra che i sistemi viventi sono


molto sensibili ai campi magnetici e che i loro effetti raggiungono tutte le cellule
dell'organismo grazie al carattere penetrante del magnetismo. L'intero corpo è
mosso a livello cellulare da impulsi elettrici e campi magnetici che agiscono in
ognuna delle sue cellule. Quindi i magneti appositamente collocati possono
equilibrare i campi magnetici e contribuire a correggere gli squilibri metabolici alla
base delle malattie.

33
Biomagnetismo Integrale

1.- Mappa originale Goiz di localizzazione di punti, vista anteriore.

34
Claudia Morandi

2.- Mappa originale Goiz di localizzazione di punti, vista posteriore.

35
Biomagnetismo Integrale

APPLICAZIONE

L'applicazione del Biomagnetismo consiste nel collocare calamite di carica positiva


e negativa sul corpo al fine di equilibrare il pH (il pH è il potenziale di Idrogeno o
grado di acidità o alcalinità che contiene l'acqua del nostro corpo) per fare in modo
così che l'organismo umano recuperi la sua “omeostasi”.

Ogni tessuto ha il suo pH ideale, quando questo si alza o si abbassa si muove verso
l'alcalinità o l'acidità; questo può favorire lo sviluppo di batteri, virus, funghi e
parassiti.

Per neutralizzare il pH inadeguato alla salute umana e recuperare l'omeostasi si


colloca una calamita positiva e una negativa; è il corpo del cliente ad indicare le
zone con la kinesiologia e l'energia magnetica riesce a neutralizzare il pH.

Nel Biomagnetismo si utilizzano campi magnetici generati da calamite con una po-
tenza pari o superiori a 900 Gauss.

L'effetto che si raggiunge è una restaurazione dell'equilibrio omeostatico


dell'organismo. I sistemi sui quali agisce il Biomagnetismo, quando questi
presentano una qualsiasi alterazione, sono praticamente tutti (apparato
circolatorio, digestivo, muscolo-scheletrico, ecc.).

Con questo trattamento i campi magnetici irregolari possono modificarsi attraverso


l'uso di calamite. Questo effetto si raggiunge grazie ai campi magnetici generati dai
magneti che portano il pH della zona alterata ad un livello di normalità provocando
un cambiamento nel terreno biologico e avendo come risultato il recupero
dell'energia dell'organismo e la salute del cliente.

Riassumendo “Con il Biomagnetismo si trattano le cause e non soltanto i sintomi della


malattia” (cit. dott.Goiz).

36
Claudia Morandi

IL POTENZIALE IDROGENO (PH)


La sua misurazione applicata alla teoria dei campi magnetici
La misura del pH determina la concentrazione di ioni idrogeno in una soluzione.

Gli ioni di idrogeno sono le più piccole particelle materiali che possono esistere in
stato libero e sono costituiti dal nucleo dell'atomo di idrogeno con una carica
positiva. A causa delle loro piccole dimensioni hanno una grande mobilità e una
grande capacità di reazione esercitando per questo un' influenza molto importante
nella maggior parte dei processi chimici.

Gli ioni di idrogeno esistono in tutte le soluzioni acquose e si formano per lo


sdoppiamento o dissociazione delle molecole dell'acqua.

L'acqua pura, neutra ha una concentrazione di ioni di idrogeno perfettamente


determinata, perciò in un litro di acqua pura, qualsiasi sia la sua origine esiste sem-
pre la stessa quantità di ioni di idrogeno.

Con il fine di avere una misura del contenuto di ioni di idrogeno in una soluzione si
è ideata la scala del pH.

3.- Scala del potenziale Idrogeno

37
Biomagnetismo Integrale

LA COPPIA BIOMAGNETICA NEL CORPO

Il corpo umano come qualsiasi calamita ha due polarità:

 NORD (negativo) lato sinistro del corpo


 SUD (positivo) lato destro del corpo

E possiede anche un'innumerevole quantità di microcampi magnetici in tutte le cel-


lule e atomi dell'organismo con entrambe le polarità contrarie, un polo nord e un
polo sud.

Quando queste coppie si squilibrano, nella polarità sud (positiva) di esse si


concentrano generalmente focolai di virus e funghi in un ambiente con pH
leggermente più acido, mentre nella polarità nord (negativa) si concentrano
generalmente batteri e parassiti in un ambiente con pH più alcalino rispetto al resto
dei tessuti.

Il dott. Goiz considera che tra queste due zone (una acida e una alcalina) si stabilisca
una comunicazione a distanza in forma di onde elettromagnetiche, cioè
comunicazione tra elettroni che denominò “biorisonanza magnetica”; in questo
modo le due zone del corpo comunicanti si mantengono reciprocamente creando
un'alterazione nel terreno biologico, il quale dà luogo a microrganismi patogeni che
si potenziano e aumentano la loro capacità di resistenza nei confronti degli
anticorpi del sistema immunitario rendendo inutile l'utilizzo di una calamita con
una sola polarità.

La biofisica della meccanica quantistica stabilisce che tutti gli esseri viventi sono
composti da campi elettromagnetici e che tutti i processi biochimici sono preceduti
da vibrazioni e particelle subatomiche che dettano la condotta fisiologica

38
Claudia Morandi

individuale. La biorisonanza è la scienza di regolare un essere vivente utilizzando le


proprie onde elettromagnetiche.

Approfondiamo il funzionamento della coppia biomagnetica; se un organo è alterato


nel suo pH verso l'acidità, cioè ha una polarità sud, allora si mette sulla zona una
polarità nord di una calamita per compensare la carica portandola in uno stato di
equilibrio con un pH adeguato. In maniera contraria, se un organo ha una tendenza
verso l'alcalinità, cioè ha una polarità nord, su questo punto si mette una calamita in
polarità sud per compensare la carica.

In altre parole un'area con una carica alterata in polarità sud genera da un'altra
parte una carica in polarità nord; entrambe le zone si supportano inviandosi
elettroni ed appoggiandosi elettronicamente, per questo motivo è difficile che la
persona recuperi il suo equilibrio agendo soltanto su una di queste aree, senza
prendere in considerazione l'altra zona complementare che la sostiene attraverso la
comunicazione di elettroni.

NELLA PRATICA IN STUDIO

Negli anni settanta il dott. Broeringmeyer scoprì che l'uso delle calamite poteva
essere potenziato e reso più efficace dal metodo di valutazione che sfrutta il princip-
io di “risposta muscolare intelligente” scoperto dal dott. Goodheart17 negli anni
sessanta.

Fu a partire dal 1988 che il dott. Goiz cominciò a sviluppare le sue ricerche con
campo magnetico a partire dai lavori del dott. Broeringmeyer per, posteriormente,

17George J. Goodheart (1918-2008) è considerato unanimamente il Padre della Kinesiologia

39
Biomagnetismo Integrale

arrivare alle scoperte brillanti che lo portarono a strutturare il Biomagnetismo


come una tecnica semplice ed estremamente efficace.

Anche il dott. Goiz ha sempre utilizzato il sistema di valutazione attraverso il prin-


cipio di “risposta muscolare intelligente”, ma preferisce la tecnica di accorciamento
della gamba destra del cliente per trovare i punti di squilibrio dell'organismo.

L'operatore di Biomagnetismo può essere da solo o decidere di lavorare in coppia


per semplificare e velocizzare: uno si occupa del test kinesiologico e l'altro di
applicare le calamite sul corpo.

Il cliente si sdraia vestito a pancia in su e si tiene le scarpe che agevolano il test di


kinesiologia; con il profilo della scarpa si vede molto meglio l'accorciamento della
gamba.

Durante il test di kinesiologia attraverso le gambe si segue un protocollo ben


preciso; dopo il test si ha un'idea dettagliata di quali siano le zone da riequilibrare e
si posizionano le calamite in coppia seguendo la mappatura corporea di Goiz.

I magneti di solito si lasciano circa 25 minuti (nella nostra latitudine), che è il tempo
necessario per un buon riequilibrio del pH e dei campi magnetici del corpo.

Per le problematiche acute spesso basta una seduta, altre due, in casi rarissimi tre.
Per problematiche croniche c'è un percorso da fare e decidere insieme al cliente; c'è
voluta una vita intera per creare la patologia e non si può pretendere di “eliminarla
con un colpo di scopa”; una cosa è certa, si va direttamente alla causa!! E per fare
questo al meglio il Biomagnetismo del dottor Goiz è cresciuto, si è ampliato e si sta
sviluppando sempre di più perché le potenzialità sono davvero tante ed è nato così
il Biomagnetismo Integrale la più grande scoperta nelle discipline bionaturali!!

40
Claudia Morandi

4.- Kit di magneti di dimensioni diverse per


l’uso in seduta.

5.- Test e applicazione dei magneti con due


operatori.

41
Biomagnetismo Integrale

42
Claudia Morandi

CAPITOLO 4

DAL BIOMAGNETISMO CLASSICO


AL BIOMAGNETISMO INTEGRALE

Anche nel mondo del Biomagnetismo ci siamo messi in discussione poiché con
alcune persone riequilibrare il terreno dove risiedono i microorganismi non basta
(soprattutto nelle cronicità)...

Dopo il primo corso di Biomagnetismo Classico abbiamo applicato subito le


tecniche imparate e abbiamo notato che alcune persone dopo appena un paio di
sedute avevano dei risultati eccellenti, mentre altre non miglioravano affatto...
quindi, dopo questo primo corso non ci siamo fermati poiché vedevamo le enormi
potenzialità e abbiamo così deciso di andare in Spagna a frequentare altri corsi di
Biomagnetismo Integrale per approfondire ancora.

Una volta tornati in Italia abbiamo messo insieme tutte le nostre conoscenze per
ampliarne ancora di più il campo di azione. Il protocollo che è nato in questi mesi di
duro lavoro, ma enorme soddisfazione, è una vera bomba e promette di crescere
ancora... abbiamo messo insieme il protocollo nuovo appena appreso (già
amplissimo e da cui abbiamo preso il nome di “Integrale” poiché rende moltissimo
l'idea) con la Kinesiologia Olistica, la Naturopatia, l’Energetica Cinese e le tecniche
di Rilascio Emozionale.

Con il nuovo protocollo di Biomagnetismo Integrale durante la seduta si ottengono


informazioni emozionali, schemi di comportamento e condizionamenti, si possono
fare costellazioni familiari semplici (non sistemiche) e venire a contatto in diversi
modi con ciò che ci portiamo dietro, ci appesantisce e ci impedisce in qualche modo
di essere noi stessi e di raggiungere i nostri obbiettivi; inoltre si possono risolvere

43
Biomagnetismo Integrale

problematiche strutturali e posturali, testare l'alimentazione, gli esercizi e i


correttivi da fare a casa oltre alle già citate disfunzioni organiche, microorganismi
presenti nei vari organi, ecc...

E' un lavoro profondo, completo, che non esclude niente e considera la persona
come un insieme di emozioni, pensieri e campo energetico (oltre che il corpo c'è di
più... molto di più!!). Si cerca di capire insieme al cliente qual' è il terreno che ha
attirato la problematica fisica o la situazione che sta vivendo; è di fondamentale
importanza capire le cause, elaborarle levando strato dopo strato, applicare
costantemente le calamite per riequilibrare pH e campi magnetici e attuare dei
correttivi nella vita del cliente (ad esempio stile di vita e alimentazione). Ma
soprattutto è importantissimo riportare la persona al contatto con il corpo... è per
questo motivo che inseriamo sempre in ogni seduta tecniche di rilascio emozionale
e/o meditazione.

RILASCIO EMOZIONALE

Tutto ciò che abbiamo vissuto è scritto nel nostro corpo, abbiamo strati di corazze e
condizionamenti, abbiamo imparato quando eravamo molto piccoli a non percepire
più moltissime emozioni perché avevamo paura di perdere l'amore dei nostri cari e
perché avevamo bisogno di proteggere la nostra vulnerabilità ferita (ci siamo creati
uno scudo per impedire alle energie negative di ferirci). La nostra protezione tenta
di evitarci di provare ancora più paura e dolore in molte modalità: reprimendo la
nostra energia vitale e limitando le esperienze in modo da tenerci al sicuro,
distraendoci con dipendenze da sostanze o da comportamenti, litigando,
compiacendo, chiudendoci in noi stessi, manipolando, seducendo, tenendoci
occupati e così via... Insomma portiamo in campo meccanismi appresi molto,

44
Claudia Morandi

moltissimo tempo fa, senza neanche spesso rendercene conto, ma è passato


moltissimo tempo da quelle ferite e noi continuiamo a mettere in atto questi
meccanismi inconsci, perché? Il motivo per cui stiamo male è perché abbiamo paura
di provare ancora dolore, paura, tristezza ecc... e facciamo di tutto per fuggire da
queste emozioni, senza sapere che è solo ri-provandole che le possiamo finalmente
trasformare, liberare e lasciare andare. Nelle sedute, in un ambiente protetto e
sicuro, ci permettiamo di riprovare queste emozioni nel corpo sottoforma di
sensazioni fisiche e lasciamo essere ciò che avremmo sempre dovuto lasciar essere,
fin da bambini!! Quando permettiamo loro di e-sprimersi (spremere fuori) e diamo
loro attenzione con accoglienza, magicamente non hanno più motivo di rimanere lì,
le liberiamo e ci sentiamo più vitali, più leggeri, ci riappropriamo di noi stessi!!!

Tutto questo è facilitato in seduta dai test di kinesiologia, dal protocollo base da
seguire e dall'applicazione delle calamite. Con il Biomagnetismo Integrale si hanno
quotidianamente delle meravigliose sorprese!!

45
Biomagnetismo Integrale

46
Claudia Morandi

CAPITOLO 5

BIOMAGNETISMO INTEGRALE E NATUROPATIA

Biomagnetismo Integrale e Naturopatia, un matrimonio perfetto, perché?

Entrambi lavorano per equilibrare il “terreno” della persona e per aumentarne


l'energia vitale, in modo da aiutare il corpo nel suo processo di autoguarigione.

La salute è vista come condizione di normalità e l'uomo è considerato dal punto di


vista “olistico”: corpo fisico, mentale, emozionale e sistema energetico.

IL CONCETTO DI “TERRENO”

“Tutti i meccanismi vitali, comunque variati e diversi essi siano, hanno soltanto uno
scopo, quello di preservare costanti le condizioni della vita nell'ambiente interno”
scriveva il dott. Bernard nel 187818.

Lo stesso Bernard aveva già creato un concetto fondamentale della biologia


moderna, quello di “costanza del mezzo interno” (milieu interiéur), che in seguito
sarà definito “Omeostasi”19.

L'uomo in quanto “meccanismo vitale” è quindi costantemente alla ricerca


dell'equilibrio e della stabilità, sia internamente, proprietà chimico-fisiche del corpo
umano, sia esternamente, proprietà comportamentali, sia emotivamente ed

18C.Bernard, Leçons sur les phénomènes de la vie communs aux animaux et aux végétaux,
Baillière, Paris, 1878, I vol pag. 121.
19Omeostasi: tendenza naturale al raggiungimento di una relativa stabilità.

47
Biomagnetismo Integrale

energeticamente e tende a voler mantenere questo regime nel tempo, anche al


variare delle condizioni esterne, attraverso precisi meccanismi autoregolatori.
Questo processo automatico caratterizza tutti gli organismi viventi. La salute e il
benessere dovrebbero essere condizioni di normalità; quando insorge una malattia
qualcosa di tutto questo meccanismo non funziona come dovrebbe. E cosa?

“...mio caro Bernard, penso che abbiate ragione. Il terreno è ben più importante del
microbo. Il terreno è tutto, il microbo è nulla...” (lettera di L. Pasteur a C. Bernard)20.

Cosa si intende per “terreno”?

Ogni buon contadino per far crescere in modo ottimale le sue coltivazioni e per
avere un buon raccolto sa quanto sia importante poter beneficiare di un terreno
favorevole ed adatto per le sue colture. Ed è anche consapevole che quanto più
metterà in atto trattamenti per migliorare la qualità del terreno, quanto più
probabilità avrà di ottenere buoni frutti.

Questo principio è facilmente trasportabile all'organismo umano. Ogni essere


vivente fin dalla nascita ha una propria costituzione che, unita alle influenze
ambientali, lo caratterizzano e lo rendono un unico ed irripetibile individuo. Le
predisposizioni costituzionali presenti fin dalla nascita e i condizionamenti
ambientali (in positivo e in negativo) interagiscono e modificano la nostra energia

20Louis Pasteur, il chimico e batteriologo francese che esercitò l’influenza maggiore sul corso
preso dalla medicina e sul concetto medico della malattia, credeva in un primo momento che
tutte le malattie fossero causate da microbi esterni che invadono l’organismo. Egli asseriva
che i tessuti sani fossero privi di germi. Prima di morire ritrattò invece questa opinione e
ammise che la chiave di tutto fosse l’ambiente, il “terreno” interiore dell’organismo. Persino
Rudolph Virchow, patologo tedesco e fondatore della medicina cellulare, dichiarò: “Se
potessi tornare indietro dedicherei la mia vita a provare che i germi cercano il loro ambiente
naturale, il tessuto ammalato, invece di essere loro stessi la causa della malattia di quel
tessuto”. E il dott. George White dichiara apertamente che “Se la teoria dei germi fosse basata
su fatti, non vi sarebbe nessun essere vivente a leggere quello che viene scritto”.

48
Claudia Morandi

vitale, che non è altro che il “bagaglio” in parte innato ed in parte acquisito presente
in ogni essere vivente.

Ed è proprio questa Energia Vitale che consente ad ogni organismo di vivere e


crescere in perfetto equilibrio funzionale (e quindi in salute) e di reagire in modo
positivo a possibili influenze negative che derivano dal mondo esterno.

É la nostra Forza Vitale, la “Vis Medicatrix Naturae”21 degli antichi, che stimola e
potenzia le innate capacità di auto-guarigione del nostro organismo.

Il Biomagnetismo e la Naturopatia intervengono sul terreno costituzionale delle


persona e hanno come obiettivo più importante quello di mantenere, stimolare e
ove possibile aumentare l'Energia Vitale presente in ogni essere vivente.

E' quindi la carenza di energia vitale una delle cause principali dell'alterazione del
nostro stato di benessere e l'intervento biomagnetico, quindi “causalista”, cerca di
rimuovere tutto ciò che ostacola il corretto e normale funzionamento
dell'organismo e va ad indebolire l'energia vitale. Trattamento quindi di “terreno” e
non sintomatico che, come noto, è rivolto solo alla soppressione di sintomi.

Manuel Lazaeta Acharan22, uno dei padri della medicina naturale, scriveva : “...la
medicina, qualsiasi sia il suo nome, poggia sempre sopra due fondamenti
convenzionali: la patologia, che è lo studio delle malattie e la terapeutica che insegna
il procedimento per combattere dette malattie. Il professionismo medico, con questi
due fondamenti, è condannato all'insuccesso perché opera sopra la malattia che è

21Letteralmente significa “forza guaritrice della natura”. E’ una traduzione latina attribuita
ad Ippocrate. L’espressione riassume uno dei principi guida della medicina Ippocratica se-
condo cui gli organismi contengono “poteri innati di auto-guarigione”.
22E’ stato uno scrittore cileno, considerato uno dei padri fondatori della Naturopatia.

49
Biomagnetismo Integrale

l'alterazione della salute in grado variabile e con manifestazioni diverse. Si dirige ver-
so un fenomeno negativo, mentre gli insegnamenti devono avere come fine la salute,
che è la normale funzionalità dell'organismo, fenomeno positivo. Così l'unico rimedio
per allontanare tutte le malattie consiste nel saper coltivare la salute....lottando
contro le malattie la medicina è come il pugile impotente nel distruggere la propria
ombra, lottando con essa alla luce della luna... perché un fenomeno negativo è
intangibile, inattaccabile e indistruttibile.”

TEORIA DEL PLEOMORFISMO

Uno dei pilastri fondamentali del pensiero medico ufficiale è la teoria del
"monomorfismo" derivante dagli studi di L. Pasteur (1822-1895), il quale postulava
l’ immutabilità dei germi e che, ad una data patologia, corrisponde sempre uno
specifico agente eziologico che viene sempre dall’esterno; dato che i tessuti interni e
il sangue sono sterili.

Secondo questa teoria, nel contesto agente-ospite-ambiente, l’agente è il più


importante di tutti, perciò l’attuale medicina accademica focalizza tutta la sua
attenzione sull’agente, ignorando l’ambiente e l’ospite in cui esso si sviluppa.
Proprio sulla base di questo gli studi su nuove malattie sono incentrati nello
scoprire l’agente patogeno esterno e le terapie si limitano a farmaci che cerchino di
distruggerlo. Quello che quasi tutti ignorano è che Pasteur sviluppò la teoria del
monomorfismo “appoggiandosi” sugli studi di un altro scienziato, Antoine
Bechamp23; plagiò le sue scoperte guadagnandosi un posto immeritato nella storia

23Antoine Pierre Jacques Béchamp (1816-1908) è stato un medico e chimico francese,


elaborò la teoria del Pleomorfismo

50
Claudia Morandi

medica, senza nemmeno aver capito fino in fondo la portata delle scoperte che stava
plagiando. Bechamp, ricercatore contemporaneo a Pasteur, sosteneva che i
microrganismi possono svilupparsi in modi diversi nel loro ciclo vitale e che tutti
possiedono questa caratteristica e capacità di mutamento.

Scoprì anche che nel sangue abitano dei microbi con un ruolo importante nella
fisiologia umana. Questi organismi sono chiamati genericamente endobionti. Ad
esempio, i mitocondri responsabili della produzione di energia nella cellula sono
forme batteriche antiche simili alle clamidie che stabiliscono una relazione
simbiotica con le cellule ospiti. Anche le piastrine derivano da altri endobionti.

Questi microrganismi cambiano forma per adattarsi ai cambiamenti del “terreno” e


a volte possono diventare patogeni. Per Bechamp questa è la causa della malattia,
cioè, la malattia viene sempre dall’interno. Questa è la teoria del “pleomorfismo”.

Claude Bernard complementò questa teoria argomentando che il fattore più


importante è il “terreno” del paziente. I germi e i microrganismi mutano e si
sviluppano per adattarsi ai cambiamenti del “terreno” in cui vivono. Lo stesso Pas-
teur, come già detto precedentemente, ammise sul letto di morte che Claude Ber-
nard aveva ragione, “il microbo non è niente, il terreno è tutto”. La malattia come
processo biologico si sviluppa a seconda di questo ambiente interno denominato
“terreno”, il cui aspetto cruciale è il pH.

DAL PLEOMORFISMO AL BIOMAGNETISMO INTEGRALE

Alla luce di tutti questi studi si può facilmente capire il motivo per cui il
Biomagnetismo sia una tecnica così semplice, immediata, efficace e, come abbiamo
già detto, “causalista”. Le calamite vengono usate per scoprire e trattare le zone e i

51
Biomagnetismo Integrale

tessuti corporei dove il pH è maggiormente alterato, ed è grazie all’azione dei


magneti sugli ioni dell’acqua organica che si equilibrano questi “picchi” di
alterazione del pH dove facilmente potrebbero verificarsi i mutamenti degli
endobionti in forme potenzialmente patogene. In questo modo il “terreno” torna ad
uno stato ottimale e organi e tessuti tornano a lavorare correttamente.

Il Biomagnetismo agisce quindi alla base dell’alterazione, non sui sintomi. Proprio
per questo motivo questa tecnica ha anche un grande valore di prevenzione, dal
momento che possiamo scoprire in tempo e mettere in evidenza i campi magnetici
alterati e le alterazioni del pH del nostro organismo prima ancora che i sintomi si
manifestino.

Sebbene il Biomagnetismo sia molto giovane negli ultimi anni si è diffuso a macchia
d’olio un po’ in tutto il mondo; inoltre è una tecnica in continua evoluzione e
sicuramente non si sono ancora scoperte del tutto le sue potenzialità.

Ad oggi è disponibile un protocollo molto esaustivo, in evoluzione anch’esso, con il


quale è possibile cercare tutte le cause che possono provocare nel nostro organismo
un’ alterazione di “terreno”, la quale potrebbe portare ad uno scompenso della nos-
tra salute. Ad esempio sappiamo che un pensiero o un’emozione negativa creano
una frequenza vibrazionale che potrebbe andare ad influenzare negativamente il
nostro equilibrio biochimico. I traumi psichici o emotivi, se non correttamente
elaborati e superati, possono avere conseguenze per la nostra salute.

Il Biomagnetismo Integrale si occupa di tutti questi aspetti e molti altri ancora,


considera l’essere umano nella sua complessità psico-fisica-emotiva e con l’ausilio
di due semplici calamite lo aiuta a ripristinare l’equilibrio e l’armonia.

52
Claudia Morandi

CAPITOLO 6

CONCETTI IMPORTANTI DI NATUROPATIA

MATRICE EXTRACELLULARE

Le cellule del nostro corpo sono circondate dal tessuto connettivo, che è costituito
dalla matrice extracellulare.

La matrice è costituita da acqua, complessi glicoproteici, collagene, elastina; svolge


un ruolo importantissimo nella nutrizione e detossificazione cellulare, è il filtro per
i nutrienti.

Funzioni del tessuto connettivo, il tessuto più esteso dell'organismo:

 Funzione protettiva: è una vera e propria barriera tra ambiente intra ed


extracellulare

 Funzione difensiva: in quanto è sede di tutte le reazioni immunitarie

 Funzione di deposito: qui vengono depositati i “cataboliti”, le cosiddette


“tossine endogene”, prodotte dalle cellule dell'organismo durante il
metabolismo. Vengono raccolte qui anche le “tossine esogene” e quindi
provenienti dall'esterno (conservanti, coloranti, farmaci, sostanze chimiche
e inquinanti, pesticidi ecc.). Il connettivo è anche deposito di cellule che
muoiono e si formano ogni giorno, circa 10 miliardi.

 Funzione trofica: nutrizione delle cellule

 Funzione rigenerativa: nel tessuto connettivo avvengono i processi


riparativi e cicatriziali

53
Biomagnetismo Integrale

 Funzione metabolica: qui avvengono i processi catabolici, anabolici e


vengono immagazzinate le sostanze nutritive.

EQUILIBRIO ACIDO-BASE E SISTEMI TAMPONE

Un ambiente alcalino è di vitale importanza per il corretto funzionamento del corpo


umano, anche se l'organismo è un produttore di acidi, poiché tutti gli scambi
biochimici del corpo avvengono soltanto in un intervallo preciso del pH e una sua
modificazione comporta una disfunzione organica e un'alterazione dei singoli
metabolismi.

La velocità delle reazioni biochimiche è influenzata dal pH e ogni enzima necessita


di un pH ambientale specifico che varia in base al tipo di enzima ed alla sua
funzione. La variazione del pH influenza quindi l'enzima, modificandone l'attività
catalitica; infatti gli enzimi digestivi, ad esempio, diventano attivi solo quando si
raggiunge il pH adeguato alla loro funzione.

La quantità di acidi endogeni che si ottiene è condizionata da diversi fattori:

 alimentazione
 stress
 uso di farmaci
 carenza di vitamine e oligoelementi
 ipossigenazione dei tessuti
 alterazioni della digestione
 disbiosi intestinale
 condizione degli organi emuntori
 funzionalità delle ghiandole
 turbe psico-emotive
 sovraffaticamento fisico e mentale

54
Claudia Morandi

Noi sappiamo che un bambino quando nasce ha una biochimica alcalina, che la sua
urina è alcalina, che il latte materno è alcalino. Sappiamo che l'uomo per mantenersi
sano ha bisogno di ritornare continuamente ad un pH alcalino. Ciò che permette al
corpo di fare questo è la sua capacità drenante e la sua riserva alcalina.

La riserva alcalina è costituita principalmente dai minerali alcalini presenti nel


sangue, nei tessuti, nelle ossa e nei denti (Ca, Mg per esempio).

Quando termina la riserva nel sangue e nei tessuti, il prelievo dei minerali alcalini
per neutralizzare l'acidosi avviene nei denti e nelle ossa.

Alcalino deve rimanere soprattutto il sangue arterioso, il cui range normale di pH è


compreso tra 7.35 e 7.45; valori inferiori a 7 o superiori a 7.8 sono incompatibili
con la vita.

Quando il sangue accumula acidi in eccesso si attivano quindi, automaticamente, dei


sistemi tampone che servono a mantenere il pH costante.

Il livello di inquinamento, l’alimentazione, le sostanze chimiche con cui veniamo in


contatto determinano in molte persone un’intossicazione da scorie acide e il nostro
corpo si trova costretto a tamponare molto più frequentemente l'eccesso di acidi.

I più importanti sistemi tampone sono operati dal polmone, dal rene e dall'apparato
digerente e soprattutto dal pancreas.

CIRCOLO VIZIOSO DEL DUODENO

La matrice non deve essere intossicata perché permanga lo stato di omeostasi del
corpo; se nella matrice permangono scorie acide, queste possono essere portate
all'interno della cellula e impedire il giusto passaggio dei nutrienti.

55
Biomagnetismo Integrale

Anche all'interno della cellula c'è un equilibrio acido-base:

Citoplasma => Alcalino


Nucleo => Acido

Questo equilibrio è alla base degli scambi di nutrienti e informazioni tra il nucleo e
il citoplasma; perché questo rapporto rimanga corretto il nucleo deve mantenere la
sua acidità e il citoplasma la sua alcalinità.

Se attraverso la digestione pervengono troppe scorie acide la basicità del


citoplasma può diminuire, il soluto ed il solvente diffonderanno scorrettamente e
inoltre le tossine acide possono precipitare sotto forma di cristalli e tutta la
struttura ne risentirebbe.

La matrice infatti non è un territorio inerte, è la via attraverso la quale arrivano i


nutrienti, è come fosse il “pianerottolo” di casa, è la via di comunicazione tra cellula
e sangue e viceversa.

Tutti i processi catabolici (demolizione) nella cellula e nell'apparato digerente


comportano la formazione di acidi; se capita che se ne formino troppi, la matrice
viene alcalinizzata dal bicarbonato contenuto nel succo pancreatico (onda alcalina),
questo succede sempre di sera; una parte del succo pancreatico viene deviato alla
matrice durante la fase matura della digestione. Tutto questo processo avviene nel
duodeno.

Se la nostra alimentazione è troppo acida tutto il bicarbonato del pancreas viene


usato nella digestione e la matrice non riesce ad eliminare i suoi acidi. Può
succedere anche il contrario, cioè il bicarbonato viene usato per alcalinizzare la
matrice e non ne rimane abbastanza per la digestione. Questo processo è definito
circolo vizioso del duodeno.

56
Claudia Morandi

E' possibile quindi che nella matrice permangano scorie acide correndo il rischio
che entrino nelle cellule impedendo il giusto passaggio di nutrienti.

6.- Circolo vizioso del duodeno.

METABOLISMO IDRICO

In un neonato la quantità di acqua è circa il 75% del suo peso corporeo, in un uomo
di 70 kg è circa il 57%, cioè circa 40 litri. Di questi 40 litri totali 25 sono all'interno
delle cellule (LIC) e 15 sono nel comparto extracellulare (LEC).

57
Biomagnetismo Integrale

Il plasma è in continua comunicazione con il liquido interstiziale attraverso le pareti


dei capillari: vengono, in questo modo, scambiate quasi tutte le sostanze, eccetto le
proteine.

I liquidi possono defluire dagli spazi interstiziali al sangue anche attraverso il


sistema linfatico; i vasi linfatici hanno anche un altro ruolo, allontanano dagli spazi
interstiziali proteine e materiale corpuscolato che non potrebbero essere riassorbiti
nei capillari sanguigni. Infatti la più importante funzione del sistema linfatico è
mantenere bassa la concentrazione di proteine del liquido interstiziale, facendo
rientrare le proteine in eccesso nel sangue. L'esistenza di una matrice di gel negli
spazi interstiziali permette alle cellule di essere sufficientemente separate per
permettere la diffusione dei liquidi e impedisce che il liquido defluisca alle parti
basse del corpo. La matrice riveste un ruolo importantissimo poiché filtra i nutrienti
in arrivo verso la cellula e tutte le tossine eliminate da questa. L'ambiente liquido
che circonda le cellule costituisce il terreno in cui la cellula umana cresce e proprio
per questo motivo deve rimanere pulito.

Come scritto in precedenza è proprio nel tessuto connettivo che vengono raccolte le
tossine endogene (provenienti dal metabolismo cellulare) ed esogene (alimenti, vi-
rus, batteri, farmaci, metalli pesanti ecc).

Queste tossine non possono rimanere nella matrice creando così uno stato di
“acidosi”; devono essere smaltite ogni giorno dal sistema linfatico che porterà via i
rifiuti accumulati.

Per rendere possibile questo smaltimento il tessuto connettivo tutti i giorni


attraversa due fasi di circa 12 ore ciascuna.

La prima fase, che avviene dalle ore 3 alle ore 15 circa, si chiama “ fase di SOL”; in
questa fase le scorie e le proteine vengono demolite per poi essere smaltite.

58
Claudia Morandi

La seconda fase, dalle 15 alle 3 circa, si chiama “fase di GEL” poiché il connettivo
appare come una gelatina che si ricondensa, infatti in questa fase avviene la
ricostruzione della matrice e delle proteine.

Questo è uno dei tanti equilibri del nostro corpo, ogni giorno si va incontro ad una
demolizione e ad una successiva ricostruzione. Come tutti gli equilibri, ad un certo
punto può rompersi per una serie di motivazioni: eccessiva produzione di tossine
dovuta ad una alimentazione scorretta o all'assunzione di farmaci, insufficienza del
sistema linfatico, infezioni batteriche o virali, traumi ecc.

Quando questo equilibrio si rompe le tossine non vengono eliminate correttamente


e permangono nel connettivo causando un'acidificazione di quest'ultimo.

7.- Fase di SOL e fase di GEL.

59
Biomagnetismo Integrale

ACIDOSI E INFIAMMAZIONE

Quando il corpo si trova in uno stato di acidosi, la fase di SOL (di smaltimento) viene
prolungata automaticamente fino ad ottenere una pulizia più profonda e completa.
Questa operazione è resa possibile dalla produzione di alcuni enzimi tra cui la
“ialuronidasi” e prende il nome di infiammazione.

La fase di GEL ricomincerà solo quando il connettivo sarà pulito e l'infiammazione


sarà finita.

Nella maggior parte dei casi, purtroppo, questa infiammazione non viene
interpretata correttamente, cioè come meccanismo automatico attivato dal corpo
per ripristinare l'omeostasi, ma viene interpretata come malattia da combattere con
antinfiammatori, antibiotici ecc.

Essi producono un viraggio forzato dalla fase di SOL alla fase di GEL, senza
aspettare che la pulizia dalle tossine sia terminata. L'infiammazione sarà passata e i
sintomi pure, ma la “guarigione” è solo apparente poiché le tossine ora sono
intrappolate nel connettivo. Una volta passato l'effetto dei farmaci, lo stesso stimolo
che aveva indotto l'infiammazione precedentemente ne provocherà un'altra e via
così all'infinito; più si sopprimono le infiammazioni, maggiore è la quantità di
tossine accumulate nel corpo.

ECOSISTEMA INTESTINALE

Il nostro apparato digerente, ed in particolar modo l'intestino, è colonizzato da


moltissimi microrganismi che, nel loro insieme, costituiscono la flora batterica.
Quest'ultima è costituita da microorganismi (circa 400-500 specie diverse) che,
quando vivono in simbiosi, favoriscono l'assorbimento delle sostanze nutritive,

60
Claudia Morandi

ostacolano l'impianto di microrganismi patogeni, forniscono energia, aumentano la


resistenza alle infezioni, stimolano il sistema linfatico.

Sono moltissime le specie benefiche nell'intestino, quelle più importanti per la sa-
lute sono i Lattobacilli e i Bifido Batteri, che oltre alle funzioni sopra citate
intervengono nella sintesi della vitamina B, dell'acido folico, nella digestione della
cellulosa, chelano i metalli tossici, equilibrano colesterolo e glicemia, producono
acidi grassi a corta catena.

Nel colon destro i batteri fermentano i carboidrati con produzione di acidi grassi a
corta catena quali: acido lattico, butirrico, acetico, propionico.

Nel colon sinistro i batteri decompongono le proteine causando fenomeni di


putrefazione con formazione di aminoacidi, amine aromatiche, corpi aromatici,
istamina che vengono convogliati al fegato, detossificati ed eliminati attraverso gli
organi emuntori.

La flora batterica intestinale, inoltre, interviene modulando i componenti del


sistema immunitario intestinale. Il tratto intestinale presenta il sistema
immunitario più ampio di tutto l'organismo: Linfociti, Placche di Peyer, Linfonodi
mesenteriali, Macrofagi e Plasmacellule. Il tessuto linfatico associato alla mucosa
(MALT) viene stimolato ed attivato dagli antigeni del lume intestinale, dopodiché
maturano i linfociti nei linfonodi mesenteriali e passano poi nel torrente sanguigno.
Il sistema immunitario intestinale viene molto influenzato da una flora intestinale
equilibrata che, oltre a proteggere la parete intestinale, produce vitamine del
gruppo B. Se la flora batterica non è equilibrata (disbiosi) il MALT viene attivato e i
linfociti, attraverso il sistema linfatico, raggiungono anche altri tipi di mucose, bron-
chi, genitali, mammella ecc. Per questo motivo quando l'intestino è in disordine può
condizionare anche altri organi, poiché l'iperattivazione del sistema immunitario

61
Biomagnetismo Integrale

rende le mucose ipersensibili. Per esempio sia nel caso di una candidosi genitale, sia
nel caso di una bronchite è molto utile partire dall'intestino con una pulizia
profonda. Quando la flora batterica e l'organismo vivono in perfetta armonia si
parla di EUBIOSI.

DISBIOSI INTESTINALE

La flora batterica può essere facilmente squilibrata da diversi fattori con successivo
insediamento di germi patogeni (disbiosi).

Le cause possono essere abuso di farmaci, disturbi gastrointestinali, alimentazione


con scarso apporto di fibre, con eccesso di alimenti raffinati, carne, zucchero, alcool,
additivi ecc, ma anche stress, depressione, ansia.

Questi microrganismi patogeni si moltiplicano molto velocemente e sono pericolosi


in quanto capaci di colonizzare altre parti del corpo dando luogo a diversi sintomi e
patologie.

Inoltre la disbiosi provoca l'assorbimento da parte del pancreas e del fegato di


sostanze tossiche con conseguenti problemi digestivi.

Quando la flora batterica non è in equilibrio il materiale fecale permane nel lume
intestinale per molto tempo causando un'alterazione delle sostanze nutritive; alcuni
aminoacidi possono essere modificati con conseguente formazione di ammine
tossiche (ptomaine):

Istidina => Istamina


Tirosina => Tiramina
Lisina => Cadaverina
Ornitina => Putrescina
Triptofano => Indolo e Scatolo

62
Claudia Morandi

Molte di queste ammine sono vasocostrittrici, l'istamina oltre che fenomeni allergici
determina danni alla mucosa intestinale con necrosi dei villi.

L'incremento delle tossine mal digerite induce uno stato di intossicazione generale
e una modificazione della risposta immunitaria causando: cistiti, stanchezza,
nervosismo, allergie, patologie autoimmuni, emicranie, infezioni, dermatiti,
nevralgie, ecc...

RICAPITOLANDO...

Il Biomagnetismo agisce molto bene riequilibrando il pH nelle varie zone del corpo
e stimolando in questo modo il corpo ad autoguarirsi.

Ma quando l'organismo è molto intossicato, gli emuntori affaticati e l'energia del


corpo troppo bassa, le calamite da sole fanno fatica; un pò come se si pretendesse di
fare un trasloco e quindi spostare delle scatole da una stanza ad un’altra con il
corridoio che le separa pieno di roba. Così nel corpo: i magneti riequilibrano il pH
nei vari tessuti e organi, ma poi è il corpo a dover drenare via le tossine e, se le vie
attraverso le quali devono essere convogliate via sono intasate, questo non sarà
possibile. Ed ecco che il Biomagnetismo diventa Naturopatico (protocollo del terzo
livello) e prima di riequilibrare le varie zone del corpo in termini di pH e frequenze
si fa una bella depurazione dei vari tessuti per aiutare il corpo a drenare ciò che
ostacola la “guarigione” (a tutti i livelli) e in modo da restituire alla persona
nuovamente la sua capacità meravigliosa di autoregolazione e ripristinare il suo
flusso di energia costante.

E' molto importante bonificare il terreno intercellulare, riportare l'intestino in uno


stato di eubiosi, sbloccare gli emuntori in modo che drenino via le innumerevoli

63
Biomagnetismo Integrale

tossine (importante non usare l'emuntore più debole e sovraccarico), riequilibrare


il Sistema Nervoso Vegetativo e Centrale e cambiare le abitudini alimentari.

Niente paura, con il programma del livello 3 di Biomagnetismo Integrale si riesce a


fare tutto !! Capita raramente che il cliente abbia bisogno di essere supportato a
casa...

Quando avviene, a fine seduta si testa con la Kinesiologia di cosa ha bisogno la per-
sona oltre all'applicazione delle calamite; ad esempio può risultare che un organo
emuntore abbia bisogno di essere sostenuto, che l'intestino necessiti di una
depurazione maggiore oppure che il cliente vada sostenuto nel suo cambiamento
con una miscela di fiori di Bach e quindi si consigliano i rimedi più opportuni.

Ma se la persona continua ad alimentarsi male e ad avere uno stile di vita scorretto?

Continuerà a permanere un' autointossicazione acida giornaliera, l' Energia Vitale


farà fatica, continueranno a crearsi sostanze tossiche da drenare ecc...

E' quindi di vitale importanza indagare sempre sull'alimentazione e lo stile di vita


della persona ed eventualmente riequilibrarlo.

Le abitudini alimentari si tende a riequilibrarle spesso poiché al giorno d'oggi


tendiamo quasi tutti a mangiare male e troppo velocemente.

Inoltre l'essere umano ha bisogno di sostanze chimiche e di energia per svolgere le


sue funzioni vitali e ricava le energie e le sostanze di cui ha bisogno dagli alimenti; è
quindi di vitale importanza nutrirsi bene.

64
Claudia Morandi

CAPITOLO 7

ALIMENTARSI BENE

Secondo il dott. Hay24 il consumo eccessivo di carni, di carboidrati raffinati, le errate


combinazioni alimentari determinano uno squilibrio della flora batterica:

 causano sovrappeso e gonfiori

 favoriscono intolleranze alimentari

 determinano un'autointossicazione acida con relativo depauperamento del-


la riserva alcalina a scapito della riserva di vitalità

 facilitano la ritenzione idrica e l'immagazzinamento di sostanze tossiche nei


tessuti adiposi

Come già detto è molto importante mangiare regolarmente cibi alcalinizzanti, la


dieta dovrebbe essere idealmente formata da alimenti alcalinizzanti e acidificanti
nel rapporto 4:1.

Gli alimenti alcalinizzanti sono: gran parte dei vegetali, gran parte della frutta,
mandorle, miglio.

Gli alimenti acidificanti sono: soprattutto le proteine animali, gli alimenti raffinati,
con coloranti, conservanti, bibite gassate, amidi e zuccheri raffinati, semi oleosi,
noci.

Sono considerati acidificanti anche pomodori, peperoni, patate, agrumi (tranne il


limone), ananas, ribes, melograno.

24William Howard Hay medico negli Stati Uniti e inventore della dieta dissociata nel 1911.

65
Biomagnetismo Integrale

Per mantenere un buon equilibrio acido-base e di conseguenza una buona salute è


consigliabile:

 consumare il più possibile alimenti biologici

 eliminare tutti gli alimenti raffinati

 consumare sale e zucchero integrali

 aumentare il consumo di verdure biologiche

 variare molto, soprattutto i cereali, per cercare di prevenire intolleranze

 assumere poco caffè ed eliminare bevande gassate, alcol e bevande


“industriali” in generale poiché molto acidificanti

 utilizzare olio extra-vergine di oliva e spremuto a freddo

 integrare alimentazione con AGE (acidi grassi essenziali) di origine vegetale;


va benissimo olio di semi di lino e di girasole sempre biologici e spremuti a
freddo

 è una buona abitudine iniziare il pasto con verdura cruda e finirlo con
verdura cotta.

 la frutta è meglio consumarla lontano dai pasti per evitare fermentazioni

 eliminare o limitare molto carne, frumento, latte e latticini

 eliminare carni rosse, soprattutto salumi e insaccati in genere

 introdurre germogli

66
Claudia Morandi

 meglio evitare fritti e soffritti. La frittata si può cuocere al forno e il soffritto


è buona norma farlo con pari quantità di olio e acqua

 usare le spezie

 bere molto, almeno 1 litro e mezzo o 2 litri al giorno, soprattutto lontano dai
pasti.

 fare attività fisica ogni giorno, va benissimo camminare: attiva le lipasi,


facilita la digestione, aumenta l'eliminazione di scorie acide ed è
antidepressiva

 dissociare proteine e carboidrati

Quando l’organismo è molto intossicato sarebbe buona norma seguire per 21 giorni
questi consigli dopo aver fatto una buona pulizia dell’intestino con il
Biomagnetismo Integrale o con sali appropriati, ma sarebbe utile alimentarsi
correttamente sempre per evitare drastici periodi di disintossicazione.

Le associazioni corrette determinano:

 completa e veloce digestione

 completa e veloce assimilazione

 completo utilizzo dei nutrienti

 minor produzione di tossine

 rafforzamento delle difese immunitarie

 benessere psico-fisico

 raggiungimento del peso forma

67
Biomagnetismo Integrale

DIETA DISSOCIATA E COMBINAZIONI CORRETTE

La dissociazione degli alimenti è il modo migliore per sfruttare al meglio l'apparato


digerente e assimilare tutti i nutrienti degli alimenti; se si mischiano proteine e
amidi in maniera scorretta uno dei due sarà mal digerito. Associare diverse proteine
può rallentare la digestione dal momento che gli enzimi proteolitici sono diversi.
Non va bene assumere bevande e/o alimenti acidi (es. succo d'arancia) con proteine
poiché l'acidità rallenta la produzione di HCl, allo stesso modo non è combinazione
corretta neanche bevande e/o alimenti acidi con amidi poiché gli acidi possono
rallentare la produzione di amilasi salivare e nemmeno assumere grassi con
proteine visto che i grassi in eccesso rallentano la secrezione acida dello stomaco.

Se possibile, la scelta migliore sarebbe separare amidi e proteine e mangiare ad


esempio:

Amidi + verdure

Proteine + verdure

Esempi di altre combinazioni corrette:

Amidi forti + Proteine deboli

Amidi deboli + Proteine forti

Esempi di combinazioni scorrette:

amidi + acidi = pasta + frutta

amidi + proteine = pasta + carne

proteine + proteine = uova + carne o pesce

68
Claudia Morandi

AMIDI FORTI AMIDI DEBOLI

Cereali, Riso Miglio, Orzo, Grano Saraceno, Patate,


Creme e Fiocchi di Cereali, Fette
Biscottate

PROTEINE FORTI PROTEINE DEBOLI

Carne, Pesce, Formaggi Freschi, Uova, Legumi, Formaggi Grassi, Seitan, Tofu,
Fagioli Ricotta, Alghe, Funghi

MONODIETA

Quando l'organismo è molto intossicato si può consigliare la monodieta che consiste


nel mangiare un solo alimento per un pasto, un giorno o più giorni, dipende dal
livello di intossicazione.

E' molto importante che sia la persona interessata a scegliere di farla e a scegliere
cosa mangiare e per quanto tempo.

É molto più veloce e profonda dei regimi restrittivi, è un autolisi dei tessuti dolce e
delicata, mette a riposo l'apparato digerente e migliora notevolmente la
fermentazione e la putrefazione intestinale.

MONODIETA SECCA

E' la più indicata per drenare le colle (es. leucorrea, catarro, sinusite ecc.).

69
Biomagnetismo Integrale

Gli emuntori principali che vengono attivati dalla monodieta secca sono: fegato/
cistifellea/intestino, pelle.

Gli emuntori secondari sono: apparato respiratorio/ORL, utero/vagina.

Si può fare una monodieta secca utilizzando i seguenti alimenti: riso, miglio, grano
saraceno, patate, mandorle, noci, nocciole, fichi, uva.

MONODIETA UMIDA

E' la più indicata per drenare i cristalli (es.tutte le problematiche di rene e vescica).

Gli emuntori principali che vengono attivati dalla monodieta umida sono:
rene/vescica, pelle.

Gli emuntori secondari sono: ghiandole salivari, ghiandole lacrimali.

Si può fare una monodieta umida utilizzando i seguenti alimenti: verdure crude,
frutta cruda o cotta, succhi di verdure acquose crude (per non colitici) come carote,
pomodori, porri e succo di frutta spremuta o centrifugata come arancia, limone,
ananas, pompelmo, uva, pesca (per non colitici).

70
Claudia Morandi

CAPITOLO 8

ACQUA MAGNETIZZATA

Alcuni decenni fa tecnici e scienziati russi erano alla ricerca di un modo più
semplice dello scrubbing per eliminare i depositi di calcio dalle pareti interne dei
tubi, che ne riducevano il lume limitando il flusso dei liquidi attraverso di essi.
Durante queste sperimentazioni, con grande sorpresa, rilevarono che se dentro i
tubi scorreva acqua magnetizzata i depositi, per quanto duri, cadevano ed erano
dissolti dall'acqua; la successiva accumulazione di depositi veniva limitata e spesso
eliminata del tutto.

Gli stessi risultati vennero raggiunti con molte altre macchine, per esempio
radiatori di automobili. I successivi entusiastici esperimenti dimostrarono che
esponendo l'acqua ad un campo magnetico, le sue proprietà, cioè temperatura,
densità, tensione di superficie, viscosità e conduttività elettrica, venivano
influenzate e in una certa misura mutavano.

Apparve chiaro che il magnetismo aumentava la velocità di sedimentazione delle


piccole particelle sospese nell'acqua e aumentava la sua conduttività, accelerando
inoltre il suo processo di ionizzazione. Dopo queste scoperte sono stati fatti
sperimentazioni anche nell’agricoltura e il tasso di crescita dei prodotti agricoli è
aumentato del 50-100%. Si è poi scoperto ancora che il calcestruzzo unito ad acqua
magnetizzata è più forte di quello normale del 20-50%. Questi risultati favolosi in
campo industriale e agricolo risalgono a decenni fa e ai tempi attirarono
l'attenzione di scienziati che capirono le proprietà terapeutiche dei magneti.

Pensate all'effetto che possono avere i magneti su di un corpo umano che è formato
di acqua al 60% circa!!!

71
Biomagnetismo Integrale

CARATTERISTICHE TECNICHE DELL’ACQUA MAGNETIZZATA

Tratto dal manuale MARAH Biomagnets

L’acqua magnetizzata viene presentata come il risultato di forze mesmeriche (fluido


magnetico di natura biologica detto anche magnetismo animale).

Ma anche in questo caso si deve parlare esclusivamente di influssi fisici. Le molecole


dell’acqua subiscono delle modifiche dovute al campo magnetico e a livello
scientifico il fenomeno è stato appurato solo nel 1975.

L’acqua comune ha diversi gradi di densità e di viscosità, che, secondo quanto si


afferma, influenzano esclusivamente la sua freschezza ed il suo gusto. Esaminando
acqua di sorgente montana, fresca e piacevole da bere è stato appurato che
quest’acqua presenta delle caratteristiche di fluidità superiori a quelle dell’acqua
lasciata riposare o delle falde freatiche.

Con la misurazione spettroscopica, metodo usato molto frequentemente nei


laboratori di analisi, si è potuto dimostrare che l’acqua con un maggior grado di
fluidità non assorbe le radiazioni luminose nel campo d’onda di 3 micron. Si può
pertanto concludere che l’acqua di sorgente montana ha una diversa struttura
intermolecolare.

L’acqua potabile contiene molte molecole di H2O (formula dell’acqua) concatenate


fra di loro come un favo di miele. Quando l’acqua è fresca invece, le molecole sono
molto mobili e non concatenate fra di loro. Varia pertanto anche la densità
dell’acqua.

Quello che più meraviglia è che sotto l’influsso di un biomagnete, la qualità stessa
dell’acqua di sorgente viene ad arricchirsi da un punto di vista fisico. Se introducete
un biomagnete in una bottiglia d’acqua del rubinetto (che da un punto di vista fisico

72
Claudia Morandi

può essere paragonata ad acqua lasciata riposare) da un litro (o ponete la bottiglia


sopra un sotto bottiglie magnetico), dopo circa 2-4 ore di azione del campo
magnetico (secondo il magnete utilizzato) quest’acqua sarà simile all’acqua emessa
da una sorgente montana. Questo vale anche per il gusto: l’acqua sarà ottima.

Ulteriori prove fisico-chimiche hanno dimostrato che in quest’acqua i sali si


sciolgono molto più rapidamente e le reazioni chimiche con l’acqua come reagente,
risultano accelerate.

Da un punto di visto fisico, a causa dell'interrompersi dei legami intermolecolari, il


contenuto energetico delle molecole dell’acqua viene a modificarsi e cioè più l’acqua
è fluida più è energetica.

ACQUA MAGNETIZZATA

L’acqua magnetizzata è diuretica, leggera, mineralizzata, depurativa, igienizzante è


utile a tutti e per tutto. L’acqua può essere magnetizzata con la polarità mista,
negativa o positiva secondo il tipo di magnete utilizzato e l'effetto che si vuole
ottenere.

ACQUA MAGNETIZZATA MISTA (-+)

L’acqua magnetizzata, agisce su numerosi disturbi per via delle proprietà che
l’energia magnetica conferisce all’acqua e presenta molteplici qualità: diuretica,
leggera, mineralizzata, non ha l’inconveniente di formare micro cristalli dannosi
all’organismo ed ha un grande potere depurativo.

73
Biomagnetismo Integrale

Bevendo almeno 1 litro di acqua magnetizzata al giorno (di cui 1 o 2 bicchieri a


digiuno) si attiva il sistema immunitario, si pulisce il sistema digestivo, si eliminano
le tossine, si rinforza il sistema nervoso, respiratorio, circolatorio e digestivo. Le
applicazioni esterne aiutano nei trattamenti locali delle ferite, eczema, gonfiori,
occhi irritati o gonfi, ecc., ma anche per fare gargarismi (per gengive, mal di denti)
compresse o gocce.

L’acqua magnetizzata è un ottimo sgrassante ed igienizzante per lavare finestre,


piastrelle, mobili ecc. chi lo ha provato afferma che si può fare a meno di comprare i
detersivi!

Indicazioni:

Azione sul fegato e la cistifellea: si nota una rapida riduzione del volume del fegato.
La regione vescicolare diventa elastica e indolore e si può notare l’evacuazione di
piccoli calcoli biliari nelle feci. I calcoli scompaiono totalmente nel giro di due o tre
mesi: solo i calcoli urici resistono al trattamento.

Azione sui reni: l’aumento della produzione di urine influisce sia sul loro volume sia
sui residui organici o minerali. Anche i calcoli renali vengono disciolti con relativa
rapidità a seconda della loro grandezza. È da notare che quando l’eliminazione dei
calcoli renali è dolorosa sia per dare sollievo sia per riequilibrare l’energia e aiutare
la migrazione del calcolo, è bene ricorrere al Biomagnetismo, all’omeopatia o
all’agopuntura, anch’essi trattamenti sinergici.

Azione sui metabolismi (urea, colesterolo, zucchero): questa indicazione è messa in


evidenza dagli esami effettuati prima, durante e dopo una cura di acqua
magnetizzata. In molti casi, si è costatato il ritorno a livelli normali di tasso del
colesterolo e di urea.

74
Claudia Morandi

Azione sulla pelle: si ha un regresso nelle dermatosi, ad indicare una


disintossicazione dell’organismo ed una migliore eliminazione delle sostanze
naturali.

Azione sull’apparato digerente: si osserva un aumento dei movimenti peristaltici


dell’intestino con relazione agli effetti dell’acqua magnetizzata sulla bile. Nei
disturbi digestivi (nausea, vomito, dilatazione dello stomaco, flatulenza,
costipazione, ecc…) si ottengono risultati notevoli.

Azione sulla regolazione neuro-ormonale: quest’azione si è constata sul tono e


sull’elasticità del sistema neuro simpatico a livello dei polmoni e dello stomaco,
come pure una regolarizzazione progressiva e permanente della pressione
arteriosa, e un effetto sulle variazioni del sistema ormonale.

Azione sul sistema respiratorio: abbinando l’uso di magneti e l’acqua magnetizzata,


si ottengono notevoli risultati sull’asma, la bronchite e la congestione polmonare.
L’infiammazione dei bronchi e la congestione dei polmoni possono essere
considerevolmente ridotte per via dell’aumento della circolazione del sangue e della
sua migliore ossigenazione.

Azione sui liquidi interstiziali (sangue e linfa): l’acqua magnetizzata contribuisce


all’eliminazione della cellulite e dell’obesità. Gli effetti diventano evidenti nel giro di
2 o 3 mesi. L’azione diuretica dell’acqua magnetizzata è la causa principale della
riduzione degli edemi esterni ed interni. Il ristabilimento dovuto all’acqua
magnetizzata rappresenta l’equivalente di una depurazione generale dell’organismo
che diventa così più resistente alle insidie future e più ricettivo nei confronti delle
altre terapie dolci, quale l’omeopatia.

75
Biomagnetismo Integrale

Posologia dell’acqua magnetizzata mista:

La posologia è semplicissima: l’assunzione quotidiana dei 2 a 3 litri di acqua


magnetizzata disintegra in 8-10 settimane i calcoli renali e biliari.

Nelle ritenzioni urinarie: occorre bere dai 50 ai 100 grammi di acqua magnetizzata
ogni ½ ora. L’assunzione quotidiana di 2 a 3 litri di acqua magnetizzata in
complemento di un trattamento personalizzato ha dato dopo alcuni mesi, ottimi
risultati sulla cellulite e l’obesità. Nel corso del trattamento dell’obesità su individui
affetti da coronarite cronica si avrà un miglioramento circolatorio (prova di
Doppler).

L’acqua magnetizzata associata al Biomagnetismo è un rimedio efficace contro tutti


i disturbi psicosomatici, i cosiddetti “disturbi del progresso” (angosce, stress,
insonnie e depressioni) che d’altronde rappresentano l’80% delle malattie.

Nelle artrosi, artriti, lombaggini, dolori reumatici: associando la cura con acqua
magnetizzata a un trattamento esterno con i magneti, si possono alleviare i dolori.

In caso di insonnia, una tisana preparata con acqua magnetizzata oppure un


semplice bicchiere di acqua magnetizzata può risultare più efficace di un potente
sonnifero. Le tisane di acqua magnetizzata vanno preparate usando esclusivamente
recipienti smaltati.

Come preparare l’acqua magnetizzata mista:

E' semplicissimo, basta prendere 2 magneti della potenza di 2000-3000 Gauss e


possibilmente con un diametro simile a quello del fondo delle bottiglie o dei
bicchieri che vogliamo utilizzare. Una volta presi i magneti li posiamo su una
superficie piana e ci appoggiamo sopra le bottiglie (possibilmente di vetro).
Mettiamo una bottiglia sul polo nord e una sul polo sud.

76
Claudia Morandi

In questa maniera otteniamo acqua con proprietà del polo nord e acqua con
proprietà del polo sud.

Tempi:

 1 bicchiere: 15-20 minuti

 1 litro: 3-5 ore

 2 litri: 6-12 ore

Una volta magnetizzata l'acqua meglio togliere le bottiglie dai magneti ed è


interessante unire le 2 acque in un unico recipiente per poter beneficiare delle
proprietà di entrambi i poli magnetici: l'acqua miscelata prenderà il nome di acqua
magnetizzata mista o bipolare.

È consigliato bere 3 cl d’acqua per ogni kg corporeo di cui 1 o 2 bicchieri al mattino


a digiuno! Potete tenere l’acqua magnetizzata in frigorifero, ma ricordatevi che le
bibite fredde indeboliscono la vostra energia!

Riassunto proprietà dell’acqua magnetizzata mista (-+):

 promuove la salute in generale e la vitalità

 facilita reazioni biochimiche nell'organismo

 previene invecchiamento prematuro

 disinfiamma e rivitalizza

 eccellente anti-acido stomacale

 disintossica ed aiuta ad eliminare le scorie acide del corpo

77
Biomagnetismo Integrale

 i nutrienti vengon assorbiti meglio e più velocemente

 diluisce depositi di calcio e colesterolo

 diluisce calcoli renali e biliari

 allevia dolori reumatici

 particolarmente efficace in disturbi digestivi, nervosi e urinari

 equilibra la pressione soprattutto se bassa

 leggermente calmante e sedativo

 utile in caso di asma, bronchite, raffreddore, febbre ecc.

 uso esterno: ferite, eczemi, piaghe, congiuntiviti, otiti ecc. (fare lavaggi)

 si consiglia di berla tutti i giorni per prevenire qualsiasi disturbo

Si possono magnetizzare anche altri tipi di liquidi: olio di oliva, succhi di frutta,
latte, oli con proprietà medicinali....rendendoli più efficaci in tutte le loro proprietà.

ACQUA MAGNETIZZATA NEGATIVA (-)

Da bere in caso di infiammazioni o infezioni

Per magnetizzare acqua con polarità negativa, si posa la bottiglia sul lato negativo di
un magnete o di un sottobottiglia con gli stessi tempi sopra specificati.

L’acqua magnetizzata negativa è consigliata in caso di:

78
Claudia Morandi

 acne, affaticamento degli occhi, angina, artrosi e artrite, cancro, cataratta,


cistite, congiuntivite, diarrea, digestione, eczema, emicranie, emorroidi,
herpes labiale, febbre, problemi al fegato, gengive, infezione, infiammazione,
influenza, insonnia, ipertensione, leucorrea, malattie della pelle, mal di
denti, mal di gola, morsicature d’insetti, palpitazioni, psoriasi, sciatica,
slogature, stress, tendinite…

Da usare anche esternamente per:

 gargarismi per i mal di gola o gengive infiammate

 impacchi agli occhi

 lavaggi per i problemi di pelle

Quantità giornaliera consigliata: 4 bicchieri al giorno. Se possibile prima dei pasti e


almeno un bicchiere al mattino a digiuno.

ACQUA MAGNETIZZATA POSITIVA (+)

Da utilizzare in casi di debolezza ed affaticamento

Per magnetizzare acqua con polarità positiva, si posa la bottiglia sul lato positivo di
un magnete o di un sottobottiglia con gli stessi tempi sopra specificati.

L’acqua magnetizzata con la polarità positiva ha un’azione energetizzante, stimola


ed attiva i movimenti peristaltici (per costipazione cronica), casi di ipotensione,
tonifica i muscoli.

L’acqua magnetizzata positiva è consigliata in particolare in caso di:

79
Biomagnetismo Integrale

 calcoli renali, calcoli della vescica biliare, gotta, ipotensione, crampi ai


polpacci o all’addome, costipazione, ipertrofia della prostata, secchezza
oculare.

Quantità giornaliera consigliata: 2 a 4 bicchieri durante la giornata, di cui almeno


uno al mattino a digiuno.

IN CONCLUSIONE

L’acqua mista è ideale per essere bevuta sia da adulti che da bambini, animali o
piante ma è anche utile al nostro ferro da stiro, alla macchina del caffè o nel
bollitore elettrico .

Possiamo anche adoperarla al posto del tonico per pulire il viso e per pulire delle
ferite o per fare gargarismi, risciacqui, cataplasmi di polarità negativa, positiva o
mista secondo il caso da trattare.

L'acqua mista è benefica per tutta la famiglia compresi gli animali e le piante. Se ne
può bere quanta si desidera.

L’acqua negativa è ideale da bere uno o due bicchieri al mattino a digiuno oppure
quando ci sono infezioni o infiammazioni. Le persone che hanno disturbi del sonno
trovano beneficio a berne un bicchiere in serata o prima di andare a letto. Si
consiglia di non berne più di 4 bicchieri al giorno.

L’acqua positiva è ideale per le persone che non hanno problemi di salute ma sono
stanchi. Anche in questo caso non si bevono più di 4 bicchieri al giorno.

Ovviamente si possono magnetizzare tutti i tipi di bibite e di alimenti.

80
Claudia Morandi

Nota: L’acqua una volta magnetizzata in bottiglie di plastica (Pet) rimane tale solo
se il magnete resta nell’acqua o a contatto con la bottiglia. Utilizzando una bottiglia
di vetro, l’acqua rimarrà magnetizzata per tutta la giornata, anche senza contatto
con il magnete.

L’acqua magnetizzata non sostituisce un trattamento o una visita medica quando


necessaria!

LA MANCANZA DI MAGNETISMO TERRESTRE DISTURBA ANCHE LE


PIANTE

Si è notato che annaffiando piante in vasi di terra con acqua magnetizzata positiva
(+), si ottengono piante con buone radici, ricche di foglie e con una crescita
aumentata del 20 al 40 %. L’energia yang, vibrazione rossa e calda è ideale per le
radici di piante che sviluppano fuori dalla terra.

Le piante che si sviluppano nella terra, essendo di energia Yin, richiedono l’energia
dell’acqua negativa (-), energia fresca.

Per annaffiare le piante in giardino è più indicata l’acqua mista al fine di stimolare la
crescita e prevenire le malattie.

Mettendo un magnete col polo positivo (+) sotto un vaso di fiori recisi, i fiori
dureranno più a lungo e saranno più sodi, sani e belli.

81
Biomagnetismo Integrale

82
Claudia Morandi

CAPITOLO 9

APPROFONDIMENTO

COME AVVIENE IL TEST DELLE COPPIE

Una delle modalità di testaggio più efficaci per la coppia biomagnetica è senza
dubbio il test diretto. Andiamolo a conoscere nel dettaglio...

Inizialmente con il cliente supino verifichiamo che la lunghezza delle gambe sia
simmetrica. Come? Prendiamo come riferimento il tacco della scarpa e controlliamo
che le due gambe siano lunghe uguali.

Se troviamo una dismetria iniziale possiamo provare a correggerla, ma solo nel caso
questa non sia per causa strutturale. Per fare ciò possiamo provare con una serie di
coppie; una di queste è Palmo-Palmo (polo nord sul palmo dx e polo sud sul sx).

8.- In caso di dismetria iniziale collocare una calamita


in polarità Nord sul palmo della mano dx e una
calamita in polarità Sud sul palmo della mano sx.

83
Biomagnetismo Integrale

Se si corregge vuol dire che la dismetria ha un’origine funzionale dovuto ad uno


stress, fisico o emotivo, recente. A tale scopo, ci sono altre coppie specifiche per
correggere questa situazione nel caso non funzioni la coppia Palmo-Palmo. Se
nessuna di queste coppie riesce a correggere la dismetria iniziale, allora si può
ipotizzare che questa abbia una causa strutturale che non si può correggere con i
magneti, ma che nemmeno interferirà con i risultati del test. Semplicemente
prendiamo nota di questa dismetria e continuiamo la seduta.

Una volta pareggiata la dismetria iniziale se questa è funzionale, passiamo a


realizzare il test vero e proprio. Prendiamo una calamita e la posizioniamo con la
polarità nord sul corpo del cliente. Possiamo spostarci con la calamita seguendo un
percorso anatomico, ad esempio dall’alto al basso (testa, collo, torace, addome... e
così via) o andare direttamente a posizionare la calamita lì dove si manifestano
sintomi o malesseri. Misuriamo sempre la simmetria delle gambe man mano che ci
spostiamo col polo nord della calamita finché troviamo un punto che provoca
l’accorciamento della gamba, generalmente dx. In questo momento abbiamo trovato
il polo negativo di una Coppia Biomagnetica. A questo punto, lasciamo lì posizionato
il magnete e procediamo a cercare il punto di risonanza con il polo sud di un’altra
calamita. Definiamo la risonanza come la relazione che c’è fra due punti che si
trovano nella stessa frequenza vibrazionale.

Per cercare il punto di risonanza prendiamo il polo positivo o sud di un magnete e


lo posizioniamo in diverse zone del corpo finché troviamo il punto che corregge la
dismetria trovata inizialmente col polo nord.

Procediamo con questa ricerca nelle zone proposte:

 nello stesso punto: sopra, sotto, a dx o a sx del polo nord che ha


provocato l’accorciamento

 nella zona anatomica contro laterale

84
Claudia Morandi

 zona renale dx o sx

 addome (organi e visceri)

 torace (anteriore o posteriore)

 testa

 arti

Nel momento in cui troviamo la risonanza abbiamo una Coppia Biomagnetica. Si


lasciano le calamite posizionate sul corpo per 20min. circa, tempo normalmente
richiesto per la correzione completa.

Passato questo tempo, ritiriamo il polo sud e verifichiamo che non ci sia più
l’accorciamento della gamba. Soltanto adesso possiamo ritirare anche il polo nord.

Nel caso in cui ci sia ancora la dismetria semplicemente lasciamo le calamite ancora
il tempo necessario per il riequilibrio.

CLASSIFICAZIONE DELLE COPPIE SECONDO IL BIOMAGNETISMO


CLASSICO (LIVELLO I)

 COPPIE REGOLARI : Microorganismi Patogeni

 COPPIE SPECIALI: Disfunzioni Organiche (non ghiandolari) che non sono


dovute a microorganismi patogeni

 COPPIE DISFUNZIONALI: Alterazioni delle ghiandole di secrezione ormonale

 COPPIE SERBATOIO: Luoghi nel corpo dove si accumulano microorganismi


per un tempo indefinito aspettando l'opportunità di uscire e sviluppare
effetti patogeni (nei livelli successivi vedremo che non è tutto qua...)

85
Biomagnetismo Integrale

 COPPIE TEMPORALI : Traumi fisici, ma non solo. Hanno effetto analgesico e

antiinfiammatorio

 COPPIE COMPLESSE: Patologie complesse, aggressive e difficili da curare e


che non sono supportate da una sola coppia

CONTROINDICAZIONI E PRECAUZIONI

 Il momento migliore per fare sedute è durante le ore del mattino o


pomeriggio avanzato prima di cenare.

 Meglio non ingerire nessun alimento o bibita fredda fino a mezz’ora dopo il
trattamento.

 Quando si usano calamite potenti, meglio non farlo dopo i pasti.

 Nei bambini le applicazioni durano circa 5 minuti ed è importante


evitare l’uso di magneti di neodimio ad alta potenza.

 Mai fare trattamenti a donne incinte durante i primi 3 mesi di


gravidanza, rischio aborto. Alcune coppie specifiche non vanno MAI
applicate per tutta la durata della gravidanza.

 Mai fare trattamenti a persone con Pacemaker.

 Evitare l’uso di magneti di neodimio ad alta potenza in testa.

 Mai applicare i magneti a persone che stanno facendo o stanno per


fare trattamenti di chemioterapia o radioterapia. Nel caso il
trattamento sia finite, fare passare almeno 12 mesi dall’ultima chemio.

86
Claudia Morandi

ALCUNE COPPIE DI CONTROLLO

Al momento sono state scoperte oltre 1000 coppie biomagnetiche. Qui di seguito
sono riportate alcune che danno la possibilità di fare un primo test per valutare le
condizioni generali del cliente.

STEATOSI EPATICA, COLESTEROLO, Fegato - Fegato


TRIGLICERIDI, INTOSSICACIONE
EPATICA, DERMATITE DA FEGATO
INTOSSICATO
CIRROSI EPATICA, OBESITÀ Fegato-Rene dx
DISFUNZIONE RENALE Rene-Rene
INSUFFICIENZA RENALE Capsula Renale - Capsula Renale
DIABETE VERO Duodeno - Rene dx
DIABETE FALSO Duodeno – Rene sx
GASTRITE, DOLORE, ACIDITÀ Stomaco - Stomaco
GASTRITE, ULCERA GASTRICA Iato - Testicolo dx o Vagina
PROBLEMI DIGESTIVI E Colon Ascendente - Colon Discendente
INTESTINALI, STIPSI, OBESITÀ, ECC
MALASSORBIMENTO, STIPSI Colon Trasverso - Colon Discendente
PROBLEMI CUTANEI Scapola - Scapola
PROBLEMI ALL'INTESTINO E Colon Discendente - Colon Discendente
SITUAZIONI GRAVI
ALTERAZIONI DELLA COLONNA Cervicale 1 - Coccige
VERTEBRALE
DOLORE E CONTRATTURA Paravertebrale - Paravertebrale
PRESSIONE ARTERIOSA Pericardio - Pericardio

PROBLEMI ALLA TIROIDE, GOZZO, Tiroide - Tiroide


MENOPAUSA
OSTEOPOROSI Paratiroide - Paratiroide
CISTE AL SENO Seno-Seno

87
Biomagnetismo Integrale

MENOPAUSA E/O PROBLEMI Ovaio - Ovaio


MESTRUALI
ALTERAZIONI ORMONALI Ipofisi - Ipofisi
MIOMA UTERO Utero - Utero
MIOMA UTERO (FALSO) O CISTI Tuba - Tuba
OVARICHE
INSONNIA Pineale - Pineale
INFIAMMAZIONE PROSTATICA Prostata - Prostata
INFIAMMAZIONE PROSTATICA Prostata - Retto
VERRUCHE O PAPILLOMI, Ano - Ano
EMORROIDI
EMORROIDI Retto - Retto
IMPOTENZA/FRIGIDITÀ Atlante - Atlante
SISTEMA IMMUNOLOGICO Milza - Milza
SISTEMA IMMUNOLOGICO Timo - Timo
ALTERAZIONI OVARICHE / Sigmoide - Retto
AUTISMO
INFIAMMAZIONE DEL NERVO Sciatico - Sciatico
SCIATICO
REUMATISMI Mandibola - Mandibola
REUMATISMI Calcagno - Calcagno
INFLUENZE ESTERNE (PERSONE O Udito dx - Ovaio dx o Testicolo dx
SITUAZIONI)
INFLUENZE ESTERNE Parietale dx - Rene sx
INFLUENZE ESTERNE Rene sx – Temporale sx
BRONCHI Carina - Carina
BRONCHI Colon Ascendente - Colon Discendente
BRONCHI Condrale - Condrale
RABBIA Fegato - Cuore
DEPRESSIONE Bulbo Rachideo - Cervelletto

88
Claudia Morandi

DEPRESSIONE Mastoide - Rene stesso lato


DEPRESSIONE Occhio - Occhio
ANSIA Cervelletto - Cervelletto
ANSIA Scissura Media - Scissura Media
ANSIA E PAURA Occhio sx- Rene sx
PAURA Rotula - Rotula
PAURA Temporale - Temporale Laterale
PAURA Temporo Occipitale- Temporo Occipitale
ALZHEIMER Bulbo Rachideo - Bulbo Rachideo
ALZHEIMER Calcagno - Calcagno
ALZHEIMER Polso - Polso
EMICRANIA Seno Frontale - Seno Frontale
EMICRANIA Tempia dx - Cuore
EMICRANIA Tempia - Tempia
MEMORIA SCARSA Atlante - Alante
MEMORIA SCARSA Cervelletto - Ipofisi
MEMORIA SCARSA Occhio - Occhio
MEMORIA SCARSA Atlante - Piloro

89
Biomagnetismo Integrale

90
Claudia Morandi

CAPITOLO 10

PRONTO SOCCORO BIOMAGNETICO

UTILIZZO DOMESTICO DEI MAGNETI

Calli
Applicare il polo nord di un magnete sotto il piede destro e il polo sud di un altro
magnete sotto il piede sinistro 1-2 volte al giorno fino alla scomparsa dei sintomi.
Nel frattempo bere acqua magnetizzata solo con il polo nord e con la stessa lavare i
calli.

Se i calli sono su un piede solo mettere polo nord sul dorso e polo sud sulla pianta
per 10 minuti al giorno.

Cefalea
Si dovrebbero applicare tra le sopracciglia, sulle tempie o sui punti dolenti dei
magneti di media potenza per un trattamento che va dai 10 ai 20 minuti dipende dai
casi, ci sono molti tipi di mal di testa. Insieme a questi si possono applicare anche
dei magneti più forti sulle piante dei piedi, polo nord a destra e polo sud a sinistra.
Nei casi in cui il mal di testa sia cronico ripetere il trattamento per più giorni.

Si può integrare con acqua magnetizzata con il polo sud 3-4 volte al giorno.

Coliche
Applicare il polo nord di un magnete di media-alta potenza sul lato destro
dell'addome e il polo sud sul sinistro.

Si può bere acqua magnetizzata bipolare.

91
Biomagnetismo Integrale

Congiuntivite
Applicare entrambi i poli dei magneti su entrambi gli occhi anche se l'occhio colpito
è solo uno. Applicare più volte per 8-10 minuti. Sciacquare gli occhi e bere acqua
magnetizzata con il polo nord. Si possono applicare per migliorare i risultati 1 polo
nord sul palmo della mano destra e un polo sud sul palmo della mano sinistra.

Diarrea
Mettere entrambi i poli dei magneti sull'addome, polo nord a destra e polo sud a
sinistra e fare la stessa cosa sulle piante dei piedi.

Ripetere 2-3 volte al giorno e bere acqua magnetizzata bipolare dopo ogni scarica
oppure ogni 2 ore.

Emicrania
Applicare il polo nord sulla tempia destra e il polo sud sulla tempia sinistra. Bere
acqua magnetizzata con il polo sud.

Febbre
Applicare polo nord sul palmo della mano destra e polo sud sul palmo della mano
sinistra più volte al giorno e bere acqua magnetizzata bipolare.

Fistole-Ragadi-Emorroidi
Sedersi su 2 magneti ad alta potenza uno girato sul polo nord (destra) e uno sul
polo sud 2 volte al giorno per circa 10 minuti.

Bere acqua magnetizzata con il polo nord.

Flatulenza
Applicare il polo nord di un magnete sul lato destro dell'addome e il polo sud sul
sinistro. Bere acqua magnetizzata con il polo sud 3-4 volte al giorno.

92
Claudia Morandi

Gengive (sanguinamento, piorrea, gonfiore)


Applicare il polo nord di un magnete sulla mandibola destra quasi vicino
all'orecchio e il polo sud nella stessa posizione a sinistra.

Dolori e/o Infiammazioni (ginocchia, piedi, polsi, gomiti ecc...)


Applicare il polo nord di un magnete sulla zona dolente e/o infiammata e il polo sud
sul rene dello stesso lato del corpo.

Bere acqua magnetizzata bipolare.

Insonnia
Applicare il polo sud di un magnete in mezzo alle sopracciglia per circa 15 minuti
subito prima di dormire.

Si può migliorare gli effetti applicando 2 magneti, entrambi con il polo sud, sui
palmi delle mani e si può completare l'opera bevendo acqua magnetizzata con il
polo sud.

Mal di denti
Se i denti da trattare sono più di uno: applicare il polo nord di una calamita di media
potenza sulla mandibola inferiore destra quasi vicino all'orecchio e il polo sud nello
stesso punto sul lato sinistro.

Se il dolore è dovuto all'infezione di un solo dente: applicare polo nord sul dente e
polo sud sul rene dello stesso lato del corpo.

Bere acqua magnetizzata bipolare e fare gargarismi con la stessa acqua.

Morso di insetto
Applicare il polo nord di un magnete sull'area interessata e bere acqua
magnetizzata con il polo nord.

93
Biomagnetismo Integrale

Nervosismo
Polo nord su palmo mano destra e polo sud su palmo mano sinistra al mattino.
Stessa cosa sulle piante dei piedi la sera. Bere acqua magnetizzata bipolare.

Piedi gonfi
Applicare il polo nord di un magnete sulla pianta del piede destro ed il polo sud
sulla pianta del piede sinistro un paio di volte al giorno per 10-15 minuti. Bere
acqua magnetizzata bipolare.

Raffreddore
Applicare i magneti sui palmi delle mani, polo nord a destra e polo sud a sinistra per
2 volte al giorno 10-15 minuti. E' utile mettere le calamite anche sulle narici,
sempre polo nord a destra e polo sud a sinistra.

Bere acqua magnetizzata con il polo sud.

Stipsi
Applicare il polo nord di un magnete sul palmo della mano destra e il polo sud sulla
pianta del piede sinistro. Quest'applicazione va bene anche per problemi di
digestione.

Bere acqua magnetizzata bipolare.

Tonsillite
Applicare calamite sulla gola, polo nord a destra e polo sud a sinistra al mattino e
alla sera per 10 minuti. Bere acqua magnetizzata con entrambi i poli.

Tosse
Applicare magneti sui palmi delle mani, polo nord a destra e polo sud a sinistra,
stessa cosa sulla gola.

94
Claudia Morandi

TRATTAMENTO PER BAMBINI

NORME DA SEGUIRE

 usare sempre magneti di bassa potenza

 i magneti devono rimanere sul corpo circa 5 minuti

Dentizione dei bambini

I bimbi dovrebbero tenere i magneti nei pugni, polo nord a destra e polo sud a
sinistra e bere acqua magnetizzata bipolare.

Enuresi notturna

Applicare i magneti sotto i piedi dei bambini, polo nord a destra e polo sud a
sinistra, prima che vadano a letto per 5-10 minuti. Si può applicare anche 2 magneti
sulla vescica, sempre polo nord a destra e polo sud a sinistra.

Vermi

Applicare i magneti sulle piante dei piedi dei bambini, polo nord a destra e polo sud
a sinistra, preferibilmente la sera. Bere più volte al giorno acqua magnetizzata con il
polo nord.

95
Biomagnetismo Integrale

96
Claudia Morandi

CAPITOLO 11

CASI DI STUDIO

A cura di José Luis Pachòn Reyes

In questa sezione sono riportati degli esempi di sedute vere, avvenute negli ultimi
mesi.

Cominciamo con i risultati ottenuti in seduta ESCLUSIVAMENTE CON LE TECNICHE


DEL LIVELLO I:

CASO 1
UOMO 50 ANNI, UN CASO DI CANCRENA

Viene da noi appena uscito dall’ospedale per una setticemia dovuta a una gangrena.

Premessa

“La gangrena di Fournier è una forma di fascite necrotizzante, una grave infezione dei
tessuti molli che colpisce gli organi genitali esterni maschili.

È detta anche gangrena idiopatica dello scroto, gangrena scrotale streptococcica,


flemmone perineale. La sindrome è stata descritta per la prima volta nel 1764, da
Baurienne, come una gangrena dei tessuti molli dei genitali maschili, da cause ignote
e dalla rapida progressione ed estensione. La gangrena deve il suo nome al
dermatologo francese Jean-Alfred Fournier (1832-1914), che ne presentò un caso in
un giovane uomo durante una lezione clinica nel 1883. Tra i personaggi storici che si
pensa possano essere morti per la gangrena di Fournier Erode il Grande e
l'imperatore romano Galerio.

97
Biomagnetismo Integrale

Benché nella letteratura medica mondiale siano stati descritti non più di 600 casi dal
1996 al 2006, la gangrena di Fournier è un evento non rarissimo e si manifesta
soprattutto come una complicanza del diabete mellito scompensato in pazienti
anziani maschi, ma anche in alcolisti, in individui malnutriti o negli immunodepressi.
Tra gli altri fattori predisponenti la malattia sono annoverati anche un intervento
chirurgico recente nella sede dell'infezione (per esempio la circoncisione o
l'ernioraffia), i traumi locali, la parafimosi, gli stravasi periuretrali di urina e le
infezioni perianali e perirettali. Occasionalmente è stata descritta un forma simile di
gangrena dei genitali anche in donne.

L'infezione può essere causata da un unico germe, e in tal caso di solito il responsabile
è Streptococcus pyogenes, ma nella maggior parte dei casi l'eziologia dell'infezione è
polimicrobica, da germi aerobi e anaerobi, con una decisa prevalenza degli anaerobi,
come si può intuire dal tipico odore fetido e penetrante che esala dai tessuti infetti,
inconfondibile per chi l'abbia conosciuto anche una volta sola. Tra i germi più
comunemente isolati in tali casi si segnalano gli enterococchi, Escherichia coli,
Klebsiella spp. e, tra gli anaerobi, gli streptococchi microaerofili, i clostridi,
Bacteroides spp., Fusobacterium spp.

La gangrena di Fournier è una fascite necrotizzante, cioè un'infiammazione delle


fasce, che separano gli strati dei tegumenti, che provoca necrosi (cioè morte) dei
tessuti: l'infezione può rimanere confinata allo scroto o estendersi e coinvolgere il
perineo, il pene e la parete addominale. Nei casi che originano dai genitali, la porta
d'entrata dei germi è verosimilmente una soluzione di continuo a livello della fascia di
Buck del pene; l'infezione si estende seguendo la fascia scrotale e peniena del dartos,
poi segue la fascia di Colles del perineo, e successivamente la fascia di Scarpa della
parete addominale anteriore. Tipicamente l'infezione risparmia i testicoli.

98
Claudia Morandi

La malattia di solito all'inizio si presenta come una cellulite dei tessuti vicini alla
porta d'entrata; poi compaiono l'edema, l'eritema e il dolore. Se la malattia
progredisce compaiono la febbre e i segni di tossicità sistemica. La tumefazione dello
scroto aumenta rapidamente, la cute assume un colore rosso cupo e compare il tipico
crepitio della gangrena gassosa, causato dalla raccolta, nei tessuti infetti, del gas
prodotto dal metabolismo anaerobico dei germi. Nel giro di poche ore
l'infiammazione si può estendere a tutta la parete addominale e può portare al
decesso il paziente.

La diagnosi è clinica poiché la presentazione della malattia è tipica. Se si incidono i


tessuti infiammati e non si avverte resistenza alla specillazione, la diagnosi di fascite
necrotizzante è verosimile; se necessario si può eseguire un esame istologico su
sezione di tessuto congelata. Un esame microscopico diretto dei tessuti, dopo
colorazione di Gram consente di determinare in modo grossolano l'eziologia batterica
(streptococcica, da clostridi o polimicrobica).

La gangrena di Fournier è un'emergenza urologica che richiede l'immediata


instaurazione di una terapia antibiotica e.v., di una terapia di sostegno del circolo
sanguigno con infusione di fluidi e un rapido sbrigliamento chirurgico per
l'eliminazione dei tessuti necrotici.

In associazione alla terapia chirurgica e antibiotica, recentemente è stata introdotta


la terapia iperbarica con ossigeno, che riossigena i tessuti sofferenti arrestando la
necrosi, inibisce la crescita dei germi anaerobi e stimola la funzione battericida dei
granulociti neutrofili.

99
Biomagnetismo Integrale

Malgrado un pronto trattamento antibiotico e chirurgico, il tasso di mortalità della


malattia resta alto, intorno al 40%, e può raggiungere il 78% se al momento del
ricovero il paziente presenta già uno stato settico”.25

LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE

Dal colloquio si raccolgono altri dati

Dopo una cura ospedaliera antibiotica e l’asportazione dei tessuti superficiali infetti,
la ferita non cicatrizza correttamente e la prognosi (di 6 mesi) al momento attuale
non risulta molto favorevole date le condizioni generali. Il cliente è affetto di
diabete tipo II, ma ultimamente rifiuta la sua malattia, che tende a trascurare.
Inoltre presenta un’obesità importante. Continua la cura antibiotica a casa e ha un
controllo settimanale in ospedale per monitorare la carica batterica e disinfettare la
ferita.

Iniziamo subito con il test di coppie biomagnetiche che, per nostra esperienza
personale, produce degli ottimi risultati nelle malattie infettive.

Prima seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Interiliaco-Sacro (Serbatoio)

25 Fonti:

Stone Keith, Humphries L.Roger, Guida pratica alla diagnosi e alla terapia in medicina
d’urgenza, 1ª ed., Milano, McGraw-Hill, 2005, ISBN 88-386-3908-6.

https://it.wikipedia.org/wiki/Gangrena_di_Fournier

100
Claudia Morandi

 Testicolo-Testicolo (Serbatoio)

 Parietale-Colon Trasverso

 Gluteo-Gluteo

 Pettorale-Pettorale

 Condotto Pancreas-Rene Sx

 Scapola- Scapola

 Tibia-Tibia

 Rene-Rene

 Pancreas-Pancreas

Seconda seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Testicolo-Testicolo (Serbatoio)

 Pettorale-Pettorale

 Temporoccipitale-Temporoccipitale

 Condotto del Pancreas-Rene Sx

 Rene-Rene

 Pancreas-Pancreas

Terza seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Rene-Rene

101
Biomagnetismo Integrale

 Duodeno-Rene

 Duodeno-Tiroide

 Colon Ascendente-Rene

 Colon Ascendente-Fegato

 Pancreas-Pancreas

Quarta seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Occipitale-Timo

 Retroascellare-Retroascellare

 Ramo dell’Ischio-Ramo dell’Ischio

 Pancreas-Fegato

EVOLUZIONE DELLE SEDUTE

Andiamo a spiegare l’andamento delle sedute e le diverse tecniche utilizzate.

Nella prima seduta troviamo due coppie che agiscono come serbatoi.

La prima è Interiliaco-Sacro, che agisce come serbatoio di Parassiti, e la seconda


Testicolo-Testicolo, la quale può ugualmente servire come serbatoio ad altri
microorganismi.

Il concetto di serbatoio può avere due origini diverse; origine fisica o emotiva.
Possono essere dovuti, a livello fisico, ad infezioni pregresse che ora non si
presentano in forma acuta, ma subacuta e che, in qualche modo, riescono a

102
Claudia Morandi

“distrarre” il sistema immunitario creando sintomatologia anche a distanza e si


attivano ogniqualvolta le nostre difese si abbassano. Normalmente, nel
Biomagnetismo, trattiamo per primi i serbatoi, poiché abbiamo constatato che dopo
l’applicazione delle calamite in queste zone è possibile avere una riacutizzazione dei
sintomi ed è un’ottima pratica riuscire a individuare subito (nella stessa seduta) le
coppie associate a questa possibile riacutizzazione e disattivarle.

Per questo motivo abbiamo applicato le calamite alle due coppie serbatoio per poi
andare a fare di nuovo il test completo delle coppie.

Durante il test completo troviamo due coppie, Gluteo-Gluteo e Parietale-Colon


Trasverso, che si trovano attive in molti casi di infestazione di parassiti. Secondo il
Dott. Goiz, queste coppie creano un’alterazione nel pH che può essere responsabile
della necrosi di tessuti.

Prima di andare avanti è importante chiarire il concetto di coppie “complementari”.


Quando troviamo nelle sedute di tutti giorni coppie che possono avere risonanza
con un qualsiasi microrganismo abbiamo la possibilità di percorrere due strade.

La prima: quando la persona non presenta nessuna sintomatologia descritta


dalla coppia, almeno in maniera acuta e in questo caso leggiamo questa coppia
semplicemente come un’alterazione fondamentale del pH della zona (organo o
tessuto) che potrebbe indicare una tendenza ad avere qualche alterazione in futuro
(infatti il Biomagnetismo Integrale ha una grossa funzione preventiva) o anche
come un' alterazione pregressa, magari dovuta a qualche microorganismo, che ha
lasciato qualche strascico o qualche alterazione del terreno nella zona dove si era
instaurato.

La seconda (il cui esempio è il caso che stiamo analizzando): il cliente può
arrivare con un’infezione in corso e precisamente diagnosticata; dobbiamo essere

103
Biomagnetismo Integrale

molto attenti e precisi e tener conto del modus operandi di questi microrganismi
dal punto di vista del Biomagnetismo. E' proprio in questo ultimo caso che entrano
in gioco le coppie complementari, infatti un determinato microrganismo può avere
risonanza o essere sostenuto da una o più coppie che chiamiamo appunto
complementari. Al test possiamo trovare attiva solo una di queste coppie, ma è
opportuno trattarle tutte in contemporanea in modo da migliorare i risultati.

Inizialmente il numero di coppie che abbiamo riscontrato, 2 serbatoi più 8 coppie,


era abbastanza contenuto ma quando andiamo a verificare se queste coppie hanno
dei complementari, il numero aumenta considerevolmente. Per questo motivo
abbiamo deciso di trattarle a gruppi e in più sedute, scegliendo di applicare per
prime le coppie più “urgenti”. Abbiamo messo quindi al secondo posto le coppie più
specifiche per il diabete e l'obesità dando la precedenza alla gangrena del cliente.

Al netto di tutte le sopracitate valutazioni ecco ciò che rimane della prima seduta:

 Parietale-Colon Trasverso

 Gluteo-Gluteo

 Scapola- Scapola + complementari

 Seno Nasale-Seno Frontale

 Brachaiale-Gomito

 Triangolo di Scarpa-Triangolo di Scarpa

 Duodeno-Esofago

 Tibia-Tibia + complementare Mastoide-Bulbo

 Rene-Rene

Abbiamo scelto di trattare subito questi punti perché ci sembrano quelli più caldi e
in relazione ai problemi più gravi che presenta il cliente in questo momento.

104
Claudia Morandi

Andiamo più nel dettaglio:

 Parietale-Colon Trasverso e Gluteo-Gluteo come abbiamo detto possono


essere basilari per la necrosi dei tessuti.

 Scapola-Scapola, Tibia-Tibia e Rene-Rene hanno singolarmente molta


relazione con la pelle e in particolare, quando si riscontrano insieme, con
problemi di gangrena.

 La coppia Scapola-Scapola provoca grossi problemi di pelle. Le coppie


complementari sono Seno Nasale-Seno Frontale, Brachiale-Gomito,
Triangolo di Scarpa-Triangolo di Scarpa e Duodeno-Esofago.

 La coppia Tibia-Tibia si presenta attiva in infezioni di pelle. L’associazione


con Scapola-Scapola è molto grave. La coppia complementare è Mastoide-
Bulbo.

 La coppia Rene-Rene si presenta attiva in casi di rigidità muscolare e


infezioni di diversa indole. Quando è associata a Scapola-Scapola si riscontra
gangrena.

Abbiamo applicato i magneti in queste coppie per 20min. e abbiamo fissato un


appuntamento dopo una settimana.

Nella seconda seduta verifichiamo che tutte le coppie che abbiamo lavorato si sono
disattivate, tranne Rene-Rene. Così trattiamo l’altro gruppo di coppie insieme a
questa.

La coppia Testicolo-Testicolo (serbatoio) va trattata nuovamente da parte per


15min. e poi tutte le altre; verifichiamo in seguito che non si siano attivate nuove
coppie.

Vediamo nel dettaglio le coppie della seconda seduta:

 La coppia Pettorale-Pettorale è una coppia che può indicare alterazioni e


problematiche polmonari e di SNC. Il suo complementare Temporoccipitale-
Temporoccipitale è stato anche trattato in questa seduta.

105
Biomagnetismo Integrale

 Condotto Pancreas-Rene sx si presenta attiva per una perdita della


funzionalità e l’utilizzo dell’insulina. Anche questa ha delle coppie
complementari che sono Condotto Cistifellea-Rene dx e Uretra-Sacro.

 La coppia Pancreas-Pancreas anche risponde in situazioni di diabete.

Abbiamo fatto un’applicazione di 20 min. per queste coppie e fissato un


appuntamento dopo una settimana.

Al nostro terzo incontro, il cliente riferisce un aumento dello stato di energia e di


benessere generale. La ferita sembra che cominci a rimarginarsi e gli esami del
sangue fatti 2gg. prima dimostrano una drastica diminuzione della carica batterica.

Questa volta abbiamo trattato la coppia Rene-Rene in polarità invertita visto che
fin’ora non si è disattivata. Ci sono alcune coppie (poche) che possono richiedere
questa inversione di polarità.

A volte succede questo: alcune coppie che non si presentano attive inizialmente,
vengono fuori al secondo o terzo test. Questo viene definito come effetto schermo
nel Biomagnetismo, cioè riscontriamo soltanto un numero di coppie che sono quelle
che parlano dei picchi più forti di pH mentre quelle più vicine alla normalità
rimangono mascherate. Man mano che si disattivano le zone più acide, vengono alla
luce quelle nascoste sotto.

Ora vediamo nel dettaglio le coppie della terza seduta:

 Le coppie Colon Ascendente-Rene e Colon Ascendente-Fegato, sono


complementari e si riscontrano attive in casi di infezioni alle vie urinarie.

 La coppia Duodeno-Rene e il suo complementare Duodeno-Fegato si


riscontrano attive in infezioni genito-urinarie.

 Duodeno-Tiroide è una coppia speciale per obesità estrema.

106
Claudia Morandi

Le lasciamo sul corpo del cliente 20min. Questa è stata la durata totale di questa
seduta.

Al quarto incontro, questa volta dopo 15 giorni, il cliente riferisce un miglioramento


completo e di avere un maggiore equilibrio nella glicemia. Grazie allo spavento
adesso sta prendendo la sua cura farmacologica insulinica sul serio.

Il numero di coppie attiva in questa seduta è molto ridotto e sono queste:

 La coppia Occipitale-Timo si attiva in presenza di ansia e angoscia.

 Le coppie complementari Retroascellare-Retroascellare e Ramo dell’Ischio-


Ramo dell’Ischio si attivano in presenza di infezioni lievi della pelle e
alterazioni digestive.

 La coppia Pancreas-Fegato è una coppia speciale per l’obesità.

Dopo aver verificato che i risultati degli esami del sangue sono ottimi, che lo stato
generale è molto migliorato e che la ferita è completamente rimarginata il cliente si
ritiene molto soddisfatto dei risultati.

Ci teniamo a specificare che questo è stato il primo caso trattato con il


Biomagnetismo e come potete bene immaginare eravamo abbastanza spaventati
dall’entità e dalla gravità di questo cliente. Ma cosa dire, a questo punto e con questi
riscontri positivi, non abbiamo potuto fare a meno di includere il Biomagnetismo
nelle sedute e trovare il modo di approfondirne gli studi… i risultati parlano da soli.

Se avete seguito bene il caso avrete notato che è stata usata soltanto una tecnica di
primo livello del corso di Biomagnetismo Integrale e che voi stessi potrete avere
questi stessi risultati subito dopo il primo weekend di corso applicando le strategie
giuste e le precauzioni che vi saranno proposte e insegnate.

107
Biomagnetismo Integrale

CASO 2
DONNA 87 ANNI, NEVRALGIA POSTERPETICA

La signora viene da noi lamentando una forte nevralgia posterpetica con 2 anni di
evoluzione (2 anni prima aveva avuto un herpes zoster o fuoco di Sant’Antonio) con
forti dolori in zona intercostale molte volte al giorno. I medici le consigliano
antidolorifici per il dolore posterpetico, ma senza speranza di guarigione, secondo
loro si dovrà portare dietro i sintomi per tutta la vita.

Premessa

"La nevralgia posterpetica è una sintomatologia dolorosa che può insorgere come
conseguenza di un herpes zoster. Solitamente il dolore neuropatico è localizzato nella
stessa regione cutanea in cui si è sviluppata l’eruzione erpetica ed in genere compare
quando le lesioni cutanee sono in via di guarigione. Raramente è possibile che si
manifesti una nevralgia in assenza di evidenti segni cutanei. Si parla in tal caso di zos-
ter sine herpete. La sintomatologia fastidiosa si può configurare come semplice
prurito, formicolio o vero e proprio dolore e deriva dal danneggiamento delle vie
nervose causato dal virus varicella-zoster (VZV) che è un virus neurotropo. I sintomi
possono perdurare per diversi mesi. L’incidenza della nevralgia posterpetica aumenta
con l’età; nei soggetti giovani di età inferiore ai 50 anni si manifesta in circa il 20% dei
casi di herpes zoster, ma può salire fino al 70% nel caso di persone anziane non
adeguatamente trattate. Una terapia insufficiente o tardiva dell’herpes zoster
aumenta il rischio di sviluppare una nevralgia posterpetica. Per prevenire la
possibilità di insorgenza di tale nevralgia bisogna:

Utilizzare sufficienti dose di analgesici nella fase acuta


Ridurre la reazione infiammatoria

108
Claudia Morandi

Il sintomo della nevralgia posterpetica è rappresentato da una sensazione fastidiosa


di bruciore, prurito, disestesia (alterazione della sensibilità) o vero e proprio dolore.
L’intensità dei sintomi è assai variabile; talvolta una sensazione di modesto formicolio
di base è accompagnata da brevi recrudescenze con dolore di tipo trafittivo.
Trattandosi di una patologia caratterizzata da grande variabilità sintomatologica,
anche il trattamento deve essere ottimizzato per il singolo paziente. Prima di tutto
deve essere trattata in modo efficace e possibilmente tempestivo la patologia di base
(herpes zoster) per ridurre l’incidenza e la gravità della nevralgia conseguente.
Vengono utilizzati a tale scopo dei farmaci antivirali specifici tipo aciclovir e
famciclovir. Successivamente vengono impiegati farmaci antidolorifici tradizionali e
farmaci attivi sul dolore neuropatico.”26

LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE

Dal colloquio si raccolgono altri dati

 Dolori articolari, artrosi

 Dolore lombare

 Osteoporosi

 Tendenza depressive

 StanchezzaFacilità a contrarre raffreddori che d’inverno tendono a


diventare bronchite

26 Fonti:

Stephen L. Hauser, Harrison: Neurologia clinica, Casarile (Milano), McGraw-Hill, 2007, ISBN
978-88-386-3923-4.

https://it.wikipedia.org/wiki/Nevralgia_posterpetica

109
Biomagnetismo Integrale

Prima seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Milza-Trachea (serbatoio)

 Stomaco-Duodeno (serbatoio specifico Herpes)

 Articolazione-Nervo inguinale

 Ascella-Ascella

 Colon ascendente-Colon Discendente

 Lacrimale-Lacrimale

 Orecchio-Orecchio

 Sacro-Sacro

 Sciatico-Sciatico

 Uretere-Uretere

Seconda seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Articolazione-Nervo inguinale

 Ascella-Ascella

 Colon ascendente-Colon Discendente

 Lacrimale-Lacrimale

 Orecchio-Orecchio

 Sacro-Sacro

110
Claudia Morandi

Terza seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICE

 Articolazione-Nervo inguinale

 Ascella-Ascella

 Lacrimale-Lacrimale

 Orecchio-Orecchio

Quarta seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Articolazione-Nervo inguinale

 Ascella-Ascella

 Orecchio-Orecchio

EVOLUZIONE DELLE SEDUTE

Vediamo le procedure e l’andamento delle sedute.

Questo è uno dei nostri primi casi; all’epoca avevamo la possibilità di usare solo le
tecniche di primo livello.

Vediamo come è andata:

Testiamo le coppie biomagnetiche e troviamo due coppie che fungono come


serbatoi. Queste coppie possono agire come "nascondiglio" di microrganismi e uno
di questi è proprio un serbatoio specifico per il virus che provoca l’herpes. Questo

111
Biomagnetismo Integrale

può voler dire che ad un prossimo abbassamento delle difese è possibile avere
l’insorgenza di un nuovo herpes.

Normalmente, nel Biomagnetismo, trattiamo per primi i serbatoi, poiché abbiamo


constatato che dopo l’applicazione delle calamite in queste zone è possibile avere
una riacutizzazione dei sintomi ed è un’ottima pratica riuscire ad individuare subito
(nella stessa seduta) le coppie associate a questa possibile riacutizzazione e
disattivarle. Per questo motivo applichiamo le calamite alle due coppie serbatoio
per poi andare a fare di nuovo il test completo delle coppie.

 La coppia Articolazione-Nervo inguinale è una coppia speciale per trattare


le articolazioni colpite da artrosi. Posizioniamo il polo nord di una calamita
sull’articolazione e una polarità sud sull’inguine dx.

 La coppia Ascella-Ascella si presenta attiva in concomitanza di bronchite,


asma, problemi neurologici e psicologici, ansia e può collaborare a
peggiorare i problemi di pelle.

 La coppia Colon Ascendente-Colon Discendente è la coppia specifica dell’


herpes zoster.

 La coppia Lacrimale-Lacrimale si presenta attiva in situazioni di bronchite,


polmonite, rinite, otite, stanchezza e malessere generale.

 La coppia Orecchio-Orecchio è una coppia speciale specifica per le nevralgie.

 La coppia Sacro-Sacro si presenta attiva in concomitanza di dolori lombo-


sacrali, dolori all’anca, lombalgia cronica, problemi muscolari e articolari.
Può alterarsi la sensibilità e la motricità delle gambe.

 La coppia Sciatico-Sciatico è presente in problemi lombari, sciatalgia,


neuropatie, nevralgie, dolore tipo scossa elettrica.

 La coppia Uretere-Uretere si presenta attiva in problemi urinari e


ginecologici. Può creare anche problemi digestivi e dolori lombari. Questa
coppia può supportare il virus della varicella.

Inizialmente facciamo un’applicazione di 20min alle coppie serbatoi e


posteriormente altri 20min al resto delle coppie.

112
Claudia Morandi

Nella seconda seduta, dopo una settimana, la cliente riferisce di avere molti meno
episodi di dolore e anche un po’ attenuati come intensità.

Notiamo che in questa seduta il numero di coppie attive al test è molto minore.

Qui facciamo un’applicazione dei magneti per un tempo di 25min.

Nel nostro terzo incontro, la cliente riferisce un netto miglioramento con qualche
episodio in giornata con intensità variabile.

Al test riscontriamo che il numero di coppie attive continua a diminuire e non


troviamo coppie nuove. In questa occasione l’applicazione di nuovo è di 25min.

Nelle sedute successive facciamo semplicemente un’applicazione locale sulle


articolazioni che presentano maggiore dolore e continuiamo con la coppia
Orecchio-Orecchio che continua a presentarsi attiva, fino a un totale di 6 sedute,
quando ci riferisce che non ha più dolore nevralgico.

Dopo 6 sedute di Biomagnetismo la nevralgia è completamente sparita senza


l’ausilio di nessun rimedio, i dolori articolari molto attenuati e qualche tempo dopo
la cliente riferisce di aver passato il suo primo inverno senza neanche una
bronchite.

Conclusioni

In questo caso possiamo vedere come a volte i trattamenti con il Biomagnetismo


siano veramente semplici. In solo 6 sedute abbiamo migliorato considerevolmente
la qualità di vita di questa signora che praticamente non aveva più speranza di
vivere senza dolore. Inoltre, dopo questo primo caso, appare chiaro che con il
Biomagnetismo Integrale si trattano in contemporanea problemi sia acuti che

113
Biomagnetismo Integrale

cronici e si va proprio alla radice, svolgendo in tal modo anche un lavoro


importantissimo di prevenzione.

CASO 3
DONNA 34 ANNI

Lamenta una forte sensibilità all’inquinamento elettromagnetico, soprattutto


telefoni cellulari e wifi, che le provocano mal di testa, nausea e senso di
ottundimento.

Candidosi cronica che ha trattato per anni con dieta ferrea e omeopatia, senza
grandi risultati.

Premessa

“La candidosi, detta anche candidiasi o moniliasi, è un'infezione da funghi del genere
Candida, di cui Candida albicans è il più comune.

La candidosi comprende le infezioni che vanno dal livello superficiale, come ad


esempio il mughetto orale e le vaginiti, a quelle sistemiche potenzialmente mortali. Le
infezioni da candida di quest'ultima categoria sono anche denominate candidemia e
sono solitamente limitate alle persone gravemente immunocompromesse, come i
malati di cancro, i trapiantati, gli affetti da AIDS così come i pazienti non traumatici
sottoposti a intervento chirurgico di emergenza.

Le infezioni superficiali della pelle e delle membrane mucose causate dalla candida
sono responsabili di infiammazioni locali e di sensazioni di disagio in molte
popolazioni umane. La malattia è sempre chiaramente imputabile alla presenza degli
agenti patogeni opportunisti del genere Candida, ma la candidiasi descrive un numero

114
Claudia Morandi

di sindromi patologiche diverse che spesso differiscono nelle loro cause e nella
prognosi.”27

LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE

Dal colloquio si raccolgono altri dati

 Molto sensibile a odori forti, profumi e detersivi

 Freddolosa, molto sensibile al freddo, deve essere sempre molto coperta

 Si raffredda con facilità

 Dolore lombare e ginocchia

 Pressione bassa

 Con irregolarità alimentari lamenta alterazioni digestive

 Alvo regolare

 Energia molto scarsa soprattutto d’inverno

 Orzaiolo

Prima seduta
TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Diaframma-Diaframma

 Carina-Carina

 Piloro-Fegato

27Fonti:
http://www.treccani.it/tag/Candidosi/
http://it.wikipedia.org/wiki/Candidosi

115
Biomagnetismo Integrale

 Gluteo-Gluteo

 Appendice-Appendice

 Ipofisi-Interciliare
POLO ACIDO

 Sternocleidomastoideo-Timo

Seconda seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Interilliaco-Sacro (Serbatoio)

 Gluteo-Gluteo

 Piloro-Fegato

 Achille-Achille

EVOLUZIONE DELLE SEDUTE

Andiamo a spiegare l’andamento delle sedute e le diverse tecniche utilizzate.

 La coppia Diaframma-Diaframma si presenta attiva in molti casi di


candidosi. Normalmente quando troviamo un’infezione da Candida
Albicans, un’altra coppia che si riscontra attiva spesso è Carina-Carina, che
può portare a sintomatologie legate alle vie respiratorie, ad afte e micosi
vaginale; inoltre alla base possiamo riscontrare intolleranza al latte.

 Piloro-Fegato e Gluteo-Gluteo solitamente si riscontrano attive in casi di


infestazioni da ossiuri. La cliente riferisce episodi ricorrenti in famiglia.

 La coppia Appendice-Appendice la riscontriamo attiva in infezioni della


pelle e orzaioli.

116
Claudia Morandi

 La coppia Ipofisi-Interciliare è una coppia speciale che agisce a livello del


sistema nervoso, soprattutto in caso di ansia e angoscia.

Nel secondo step riscontriamo un punto che non si corregge con i punti abituali di
risonanza. Questo è uno esempio interessante per capire come il Biomagnetismo sia
una tecnica in continua evoluzione e molto personalizzabile. Normalmente
SCM(Sternocleidomastoideo) ha soltanto un punto di risonanza che è sul punto SCM
dalla parte opposta. In questo caso quando andiamo a posizionare lì il polo sud di
una calamita verifichiamo che non corregge la dismetria; questo ci da modo di
scoprire una coppia nuova (non presente nella mappatura convenzionale), che
risulta attiva solo nella nostra cliente e che va a correggere qualche suo aspetto
specifico. Dobbiamo andare a cercare in tutto il corpo il punto che corregge la
dismetria provocata dalla calamita in polarità nord su SCM Dx. In questo caso
troviamo una risonanza con il punto Timo. Questa nuova coppia specifica per la
nostra cliente fa riferimento a problemi del Sistema immunitario che si riflettono
sul sistema nervoso.

Abbiamo fissato un nuovo appuntamento dopo tre settimane.

Nella nuova seduta la cliente riferisce di stare molto meglio a livello generale con
molta più energia e meno sensibilità alle radiazioni elettromagnetiche.

Verifichiamo che alcune delle coppie del primo trattamento non sono più attive ed
effettuiamo l’applicazione di calamite nelle coppie restanti attive.

La coppia Interiliaco-Sacro è una coppia che funziona come serbatoio specifico di


parassiti secondo il Biomagnetismo Classico. Secondo il nostro punto di vista
potrebbe rispondere a un carattere facilmente influenzabile o tendente ad “essere
parassitato”.

117
Biomagnetismo Integrale

In questo nuovo test compare una nuova coppia: Achille-Achille che solitamente si
riscontra attiva in problemi intestinali.

Dopo questa seduta i sintomi scompaiono completamente e i risultati si


mantengono anche dopo 9 mesi, quando incontriamo di nuovo la cliente.

CASO 4
DONNA 80 ANNI

Arriva per dolori lombari con una diagnosi di Spondilolistesi lombare a lieve
displasia.

Premessa

“La spondilolistesi è una patologia della colonna vertebrale caratterizzata dallo


scivolamento di una vertebra sull'altra.

Questo scivolamento può manifestarsi in avanti rispetto alla vertebra sottostante


(anterolistesi) oppure posteriormente (retrolistesi) o lateralmente (laterolistesi). Più
la persona è giovane e più il rischio di uno scivolamento in avanti aumenta.

La maggior parte delle spondilolistesi sono in realtà delle anterolistesi che colpiscono
più frequentemente la quarta e la quinta vertebra lombare. Questa condizione
interessa circa il 3-7% della popolazione.

La spondilolistesi può essere congenita, derivare da un evento traumatico o dalla


ripetizione di continue sollecitazioni a carico della colonna vertebrale (fratture da
stress). Gli sport più soggetti a questo tipo di lesione sono i tuffi, la ginnastica artistica,
il sollevamento pesi ed il golf. La spondilolistesi è infatti facilitata dai frequenti

118
Claudia Morandi

inarcamenti della colonna (a volte protratti fino al suo limite di estensione fisiologico)
tipici di questi sport.

In ogni caso la spondilolistesi si associa quasi sempre ad una spondilolisi (rottura


dell'istmo vertebrale).

Le spondilolistesi istmiche a loro volta possono essere a bassa o ad alta displasia


vertebrale. L'alta displasia condiziona una malformazione dei corpi vertebrali ed è
causa di progressione dello scivolamento.

La spondilolistesi ad alta displasia è ad elevato rischio di aggravamento e come tale


deve essere trattata chirurgicamente.

I sintomi ed i problemi tipici della spondilolistesi dipendono dal grado di scivolamento


e dalla velocità con cui questo avviene.

Generalmente si manifesta con una leggera lombalgia caratterizzata da un lieve, ma


fastidioso dolore nella zona dove è avvenuto lo scivolamento vertebrale .

Il dolore si localizza maggiormente nelle posizioni che accentuano la lordosi lombare


(estensioni del rachide) e si riduce nelle posizioni che la diminuiscono (flessione del
rachide). Negli adolescenti, per esempio, appaiono solitamente al termine dello sforzo
fisico. In alcuni casi la spondilolistesi può essere del tutto asintomatica, in altri può
associarsi a sciatica.

La spondilolistesi si diagnostica a seconda del tipo ed entità, tramite una radiografia


più o meno approfondita.”28

28Fonti:

Brant WE and Helms CA. Fundamentals of Diagnostic Radiology 1999. pagg. 1002-4.

119
Biomagnetismo Integrale

LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE

Dal colloquio si raccolgono altri dati

 Freddolosa, sudorazione scarsa

 Normalmente non ha sete e beve non freddo

 Dolore lombare e collo

 Cefalea

 Ha sofferto una perdita importante recentemente e si trova in uno stato


depressivo

 Ansia

 Memoria e concentrazione scarsa

 Ernia iatale con reflusso acido

 Tendenza alla stipsi

 Polso: ampio, superficiale, veloce

 Lingua: pallida e umida

Prima seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Cistifellea-Cistifellea

Weissleder R, et al. Primer of Diagnostic Imaging 1997. pag 352.

Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary
sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

https://www.my-personaltrainer.it/spondilolistesi.htm

120
Claudia Morandi

 Laringe-Laringe

 Xifoide-Xifoide

 Epiploon-Epiploon

 Ramo dell’ischio-Ramo dell’Ischio

 Nervo inguinale-Fegato

 Sciatico-Sciatico

 Articolazione-Nervo Inguinale

 Paravertebrale-Paravertebrale
TRATTAMENTO LOCALE

 Lombare-Rene

Seconda seduta

COPIE EMOZIONALI

 Frontale dx-Frontale dx

 Corona-Ipofisi

 Ginocchio-Ginocchio

 Occipitale-Timo
TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Nervo Inguinale-Fegato

 Ramo dell’ischio-Ramo dell’ischio

 Retroascellare-Retroascellare

 Bulbo-Cervelletto

121
Biomagnetismo Integrale

 Sciatico-Sciatico

 Paravertebrale-Paravertebrale
TRATTAMENTO LOCALE

 Lombare-Rene

Terza seduta

COPPIE EMOZIONALI

 Frontale dx-Frontale dx

 Corona-Ipofisi

 Ginocchi –Ginocchio

 Occipitale-Timo
TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Iato-Iato

 Tiroide-Tiroide

 Colon Trasverso-Colon Trasverso

 Iliaco-Iliaco

 Cervelletto-Cervelletto

 Sciatico-Sciatico

EVOLUZIONE DELLE SEDUTE

Vediamo le procedure e l’andamento delle sedute.

122
Claudia Morandi

 La copia Cistifellea-Cistifellea agisce come serbatoio generale, perciò


bisogna trattarlo da solo per poi verificare il resto delle coppie.

 La coppia Laringe-Laringe si presenta attiva in problemi respiratori, anche


se in questo caso non corrisponde con la sintomatologia, applichiamo
ugualmente.

 La coppia Xifoide-Xifoide si presenta generalmente attiva in problemi di


micosi alla pelle.

 La coppia Epiploon-Epiploon è un’altra coppia che si presenta attiva in


problemi di pelle.

 La coppia Nervo Inguinale-Fegato anch'essa si presenta in problemi di pelle


come neurodermatite e dermatite atopica. Alla base della sua attivazione ci
può essere un virus.

 La coppia Ramo dell’Ischio-Ramo dell’Ischio si riscontra attiva in problemi


digestivi, distensione addominale, colon irritabile, ecc. Questa coppia può
supportare un batterio.

 La coppia Sciatico-Sciatico si presenta attiva in sciatalgie, ernia discale,


artrite, artrosi e reumatismi in generale.

 Articolazione-Nervo Inguinale è una coppia speciale per trattare artrosi


localizzata in una singola articolazione.

 Paravertebrale-Paravertebrale si attiva in caso di radiculopatia. All’altezza


della vertebra dolente mettiamo una calamita in polarità nord a dx., sulla
zona paravertebrale e una in polarità sud a sx.

Applichiamo le calamite per 15 min. alla coppia che funziona da serbatoio e 20 min.
alle altre coppie e concordiamo un nuovo appuntamento dopo una settimana.

Durante la prima seduta con questa cliente emerge un fattore importante: notiamo
un grande numero di coppie attive, ma che non c'entrano niente (almeno
apparentemente) con la sintomatologia della persona, decidiamo di applicarle lo
stesso fidandoci della Kinesiologia.

123
Biomagnetismo Integrale

Nella seconda seduta iniziamo con un protocollo emozionale, cioè facciamo un test
specifico delle coppie biomagnetiche che agiscono sulla sfera emotiva della persona.

L'applicazione di queste coppie si realizza come il resto delle coppie biomagnetiche,


anche se nei livelli superiori vedremo come migliorarne l’efficacia quando
necessario.

Qui di seguito le coppie attive al test:

 La coppia Corona-Ipofisi si presenta attiva in casi di depressione

 Ginocchio-Ginocchio aiuta in situazioni di ansia e paura

 Occipitale-Timo si presenta attiva in situazioni di angoscia

 Frontale dx-Frontale dx stimola un maggiore benessere mentale.

L'applicazione dura 15min.

Dopo questa seduta capiamo le coppie della prima, quelle che si presentavano
attive, ma apparentemente non c'entravano nulla con la sintomatologia della cliente
a livello fisico; erano tutte inerenti a problematiche di polmone e pelle. Se
prendiamo in considerazione l’aspetto simbolico di questi organi secondo
l’Energetica Cinese siamo in pieno nella tristezza e nell’elaborazione del lutto con il
Polmone e nella separazione con la Pelle. Verifichiamo molte volte nelle sedute che,
quando non trattiamo la radice del problema, il corpo tende ad esprimersi
attraverso sintomi fisici e a livello biomagnetico si attivano delle coppie che in
qualche modo possono riflettere il disagio emotivo della persona, ma che, se trattate
come coppie biomagnetiche regolari, non hanno nessun effetto. Invece lavorando
prima il protocollo emozionale tutte queste coppie spariscono.

124
Claudia Morandi

Infatti, dopo aver trattato le coppie emozionali, facciamo il test delle coppie
biomagnetiche e notiamo che le coppie per le alterazioni respiratorie e di pelle non
sono più attive.

In compenso è comparsa una nuova coppia, Bulbo-Cerveletto, che si presenta attiva


in concomitanza a depressione e alterazioni neurologiche.

La coppia Retroascellare-Retroascellare è complementare di Ramo dell’Ischio. Il


concetto di coppie complementari sta ad indicare che i microrganismi
(possibilmente) supportati da alcune coppie possono essere supportati
contemporaneamente anche da altre coppie. Così, risulta una buona pratica metterli
tutti insieme nella seduta per evitare che disattivando una coppia si attivino altre
che si trovano nello stesso range di alterazione del pH.

Il resto delle coppie le abbiamo spiegate precedentemente.

Dopo una settimana incontriamo di nuovo la cliente che riferisce un grande


miglioramento del dolore lombare e la deambulazione molto agevolata. Le coppie
che ha rivelato il test in questa nuova seduta sono quasi tutte coppie funzionali che
rispondono molto congruamente alle alterazioni digestive che presenta la cliente.

CASO 5
DONNA 42 ANNI, CONNETTIVITE INDIFFERENZIATA

Motivo della consultazione febbricola costante e forte astenia da 3 anni. A questa


signora è stata diagnosticata in precedenza una Connettivite Indifferenziata.

Premessa

“Le connettiviti indifferenziate sono condizioni cliniche caratterizzate da sintomi e


segni tipici di una malattia autoimmune che, tuttavia, non soddisfano i criteri minimi

125
Biomagnetismo Integrale

sufficienti per la diagnosi di una precisa connettivite, come il lupus eritematoso


sistemico, la sclerodermia, la sindrome di Sjögren. Rappresentano circa il 25% di tutte
le connettiviti e si manifestano solitamente in persone di età compresa tra 20 e 30
anni. Queste forme possono evolvere in malattie meglio definite (quasi sempre il lupus
eritematoso sistemico) in genere entro i primi 3-5 anni dall’esordio, ma nella maggior
parte dei casi rimangono stabili come connettiviti indifferenziate. Come quasi tutte le
malattie autoimmuni, colpiscono più frequente il sesso femminile.

Dal punto di vista clinico e laboratoristico le connettiviti indifferenziate possono


presentarsi con astenia, artrite e artralgia, febbre, leucopenia, anemia, fenomeno di
Raynaud; talvolta risultano positivi gli anticorpi antinucleo.”29

LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE

Dal colloquio si raccolgono altri dati

 Sindrome di Raynaud

 Presenta difficoltà renali e tendenza a cistite di ripetizione.

 Astenia cronica

 Dolori articolari diffusi

 Candidosi

 Recentemente le indagini puntano su una possibile sindrome di Sjorgren


non completamente accertata.

 Freddolosa con miglioramento dello stato generale in estate

29Fonte:Giovanni Bonsignore, Bellia Vincenzo, Malattie dell’apparato respiratorio terza


edizione, Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-2390-5.

126
Claudia Morandi

 Sudorazione abbondante senza sforzo e anche sudorazione notturna

 Stanchezza palpitazioni e gonfiore addominale peggiorati dalla stanchezza

 Pressione bassa

 Tristezza nei cambi di stagione

 Gastrite, colite sx, alvo alterno

 Cefalea

 Ciclo regolare

 Polso: sottile, profondo

 Lingua: rossa, sottile con induito scarso e fessura centrale

Prima seduta

DISMETRIA INIZIALE

TEST COPPIE BIOMAGNETICHE

 Milza-Polmone (serbatoio)

 Mascellare sup.-Mascellare sup

 SCM(Sternocleidomastoideo)-SCM

 Cervico-Sacro

 TFL (Tensore Fascia Lata)-TFL

 Parietale-Parietale

 Vagina-Vagina

 Coccige-Coccige

 Sciatico-Sciatico

127
Biomagnetismo Integrale

Seconda seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Mascellare sup.-Mascellare sup

 SCM-SCM

 Cervico-Sacro

 TFL-TFL

 Vagina-Vagina

Terza seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 Mascellare sup.-Mascellare sup

 SCM-SCM

 Cervico-Sacro

 TFL-TFL

 Vagina-Vagina

Quarta seduta

TEST DI COPPIE BIOMAGNETICHE

 SCM-SCM

 Cervico-Sacro

 TFL-TFL

 Vagina-Vagina

128
Claudia Morandi

EVOLUZIONE DELLE SEDUTE

Analizziamo l’andamento delle sedute e le tecniche applicate.

Nella prima seduta il test (kinesiologico) iniziale segnala due passaggi.

Subito riscontriamo una dismetria iniziale descritta dal Biomagnetismo classico


come risultato di un trauma o stress fisico o emotivo recente che può portare livello
fisico problemi respiratori e/o di eliminazione renale. Usiamo in questo caso la
coppia Parietale-Rene (conosciuta come coppia Goiz) per 15 min per correggere
questa dismetria. Potrebbe essere anche una dismetria strutturale, ma questa non si
corregge con l’applicazione dei magneti e non interferisce nemmeno con i risultati
dei test. Importante correggere subito queste dismetrie, perché con il corpo che
rispecchia una situazione di stress e allerta possiamo trovare molti falsi positivi.

Una volta riequilibrata la dismetria iniziale, per prima cosa verifichiamo le coppie
che abitualmente si trovano in una Sindrome di Sjorgren e notiamo che nessuna di
queste è attiva. Testiamo anche le coppie che solitamente supportano una candidosi
e neanche queste risultano attive, anche se dopo troviamo altre coppie che
potrebbero giustificare, come vedremo, una sintomatologia simile.

La prima coppia, Milza-Polmone, agisce come serbatoio di microrganismi. Questi


focolai o serbatoi possono “distrarre” il nostro sistema immunitario ed è
conveniente trattarli come un passaggio a sé per migliorare i risultati. Per nostra
esperienza, il serbatoio o focolaio può avere due origini. Uno potrebbe essere un
focolaio dovuto a un’infezione pregressa che non presenta più una sintomatologia
acuta, ma andando a smascherarli possono riacutizzarsi. In questo caso è opportuno
testare, dopo il trattamento, le coppie che potrebbero supportare questa
riacutizzazione, così da fermarla sul nascere. La seconda origine può essere, e lo è
nella grande stramaggioranza dei casi, un' origine emotiva, cioè la persona non è

129
Biomagnetismo Integrale

riuscita a metabolizzare emotivamente un qualsiasi evento della sua vita e ogni


qualvolta ha a che fare con una situazione simile manifesta un sintomo a livello
fisico.

Vediamo nel dettaglio le altra coppie emerse:

 Mascellare sup.-Mascellare sup., è una coppia presente in alterazioni


respiratorie, alterazioni digestive con colite, gastrite, cattiva digestione,
febbre, così come in problematiche delle vie urinarie e problemi renali.

 Stomaco-Colon trasverso si presenta attiva in concomitanza di problemi


digestivi e può provocare anche dolori articolari e muscolari. Può
supportare infezioni batteriche.

 Sciatico-Sciatico può associarsi a sciatalgia, ernia discale, artrite, artrosi e


reumatismi in generale. Dolori lombari, articolari, debolezza agli arti, ecc.
Può supportare un’infezione virale.

 Coccige-Coccige generalmente si associa a alterazioni digestive e renali e


anche dolori all’anca e sciatalgia. Può supportare anche essa infezioni virali
o essere attivata da infezioni pregresse dove il pH dei tessuti è rimasto
alterato da conseguenza.

 Parietale-Parietale provoca alterazioni del SNC, irritabilità, ansia, malessere


generale e cefalea. Anche essa si può includere nel gruppo delle coppie che
possono supportare infezioni virali.

 Vagina-Vagina è una coppia che si presenta attiva in problemi respiratori.


Può associarsi anche a vaginite e flusso vaginale abbondante e a dolore
lombare.

 TFL-TFL indica alterazioni del terreno della mucosa vaginale che portano
essudato e flusso vaginale abbondante, infezioni, ecc.

 ECM-ECM e Cervico-Sacro si associano a alterazioni funzionali del SN simpa-


tico e parasimpatico con sudorazioni anomale, palpitazioni, problemi
circolatori, ecc.

130
Claudia Morandi

Applichiamo le coppie in tre step, il primo (dismetria iniziale) di 15min, il secondo


(serbatoio) 12min e il terzo (coppie biomagnetiche) 15min. Fissiamo un nuovo
appuntamento dopo 15gg.

Nella seconda seduta la cliente non riferisce cambiamenti significativi. Al test


risultano attive le coppie Mascellare sup.-Mascellare sup, SCM-SCM, Cervico-Sacro,
TFL-TFL e Vagina-Vagina. Facciamo un’applicazione di 20 min.

Il trattamento completo delle coppie dura 20min. e fissiamo un nuovo


appuntamento dopo 15gg.

In quest’occasione la cliente riferisce la scomparsa della febbricola e della eccessiva


sudorazione, la digestione e la stanchezza molto migliorate. Praticamente in questa
seduta ripetiamo lo stesso trattamento poiché le coppie sono invariate, ma
aggiungendo due coppie complementari alla prima. Il concetto di coppie
complementari sta a indicare, come spiegato antecedentemente, che i
microrganismi (possibilmente) supportati da alcune coppie possono essere
supportati contemporaneamente anche da altre coppie (a loro complementari). E'
buona norma metterli tutti insieme nella seduta per evitare che disattivando una
coppia se ne attivino altre che si trovano nello stesso range di alterazione del pH. In
questo caso a Mascellare sup-Mascellare sup. associamo Colon Ascendente-Rene e
Colon Ascendente-Fegato che aumentano l’efficacia della prima coppia.

Al quarto appuntamento dopo 15 giorni ancora la cliente riferisce un netto


miglioramento di tutta la sintomatologia e la scomparsa dei dolori articolari.

Al test risultano attive soltanto SCM-SCM e Cervico-Sacro. Le trattiamo con


un’applicazione di 20min. Essendo queste ultime due coppie funzionali del sistema
nervoso e non presentando nessun'altra coppia attiva abbiamo deciso insieme alla
cliente di sostenere i risultati con una oligoterapia catalitica.

131
Biomagnetismo Integrale

Un successivo controllo dopo tre mesi rivela che i risultati si mantengono stabili, lo
stato di salute e energia sono molto migliorati. La febbricola non è più comparsa.

Tutto il trattamento è stato realizzato interamente con tecniche del I Livello del
corso di Biomagnetismo Integrale. Le sedute in alcuni casi hanno avuto una durata
inferiore a mezz’ora per l’applicazione dei magneti. E in solo 3 sedute e un mese di
trattamento abbiamo avuto risultati stupefacenti. Gli stessi che potrai avere anche
tu già dopo il primo weekend di corso. Impressionante!!

RISULTATI OTTENUTI IN SEDUTA CON TECNICHE DI LIVELLO II e III:

CASO 6
UOMO 40 ANNI, PROLASSO RETTALE

Arriva in studio per un problema di emorroidi con prolasso rettale.

LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE

Dal colloquio si raccolgono altri dati

 Tendenza alle emorroidi soprattutto in periodi di stress

 Episodi ricorrenti di lombalgia, sciatalgia e torcicollo

 Varicocele

 Molto emotivo con umore alternante

 Stress familiare e lavorativo intensi

 Dolore colico che peggiora con stato d’animo

 Feci molli

 Nausea

132
Claudia Morandi

 Spossatezza

 Lingua: Grande, rossa con induito abbondante e giallo

 Polso: Ampio, forte

Prima seduta

COPPIE EMOZIONALI (TECNICA DI I LIVELLO)

 Temporale-Temporale

OLOGRAMMA 2 (TECNICA DI II LIVELLO)

COPPIE BIOMAGNETICHE (TECNICA DI I LIVELLO)

 Parietale-Colon Trasverso

 Colon Trasverso-Fegato

 Achille-Achille

 Rene-Sacro

Seconda seduta

DRENAGGIO DEL FEGATO (TECNICA DI III LIVELLO)

OLOGRAMMA 2 (TECNICA DI II LIVELLO)

EVOLUZIONE DELLE SEDUTE

Vediamo le procedure e l’andamento delle sedute.

Nella prima seduta il test rivela un protocollo formato da coppie emozionali,


Ologramma e coppie biomagnetiche.

133
Biomagnetismo Integrale

Testiamo le coppie emozionali e ci compare la coppia Temporale-Temporale. Ques-


ta coppia a livello emotivo indica un carattere aggressivo (confermato dal cliente).
Applichiamo la coppia di magneti per un tempo di 12 min.

Nel secondo punto ci troviamo un Ologramma, in questo caso l’ologramma 2.


Cominciamo a vedere il concetto di Biomagnetismo olografico; costellazione di
coppie biomagnetiche che in questo caso non si comportano come coppie, ma come
punti chiave, punti di unione fra corpo/mente/spirito che si attivano (tutte insieme)
come risultato di un trauma psico-emotivo. Questi punti agiscono se applicati tutti
in contemporanea, altrimenti non avrebbero alcun effetto sulla persona.
Immaginiamo per un attimo qualche trauma che abbiamo vissuto nella nostra vita.
Il più delle volte proviamo una miriade di emozioni: ad esempio, se vengo accusato
ingiustamente da qualcuno e mi vivo questo evento in modo traumatico, può darsi
che provi rabbia e un senso di ingiustizia, ma posso anche provare vergogna nel
pensare che gli altri possano credere a queste accuse e potrei anche provare paura a
essere rimproverato. In altre parole, in ogni trauma posso trovare un ventaglio di
emozioni che, se non riesco a metabolizzare, si ripresenteranno più e più volte du-
rante la mia vita, ma non per forza insieme. Con gli ologrammi riusciamo a trattare
tutte le emozioni associate ad uno stesso evento contemporaneamente.

L’ologramma 2 in particolare parla di traumi dovuti a tradimenti, rifiuto e/o


frustrazione sessuale e separazioni sentimentali. In questo caso dobbiamo trattare
in contemporanea 11 coppie biomagnetiche con la polarità che ci indica il test e non
per forza la polarità abituale di queste coppie.

Ci sono un totale di 7 ologrammi ognuno con una tematica particolare e specifica.

In questo caso facciamo un'applicazione di 20 min.

134
Claudia Morandi

Nel terzo step di questa prima seduta troviamo una serie di coppie biomagnetiche
che ora vediamo nel dettaglio:

 Parietale-Colon Trasverso si associa generalmente a problemi intestinali,


dolore e distensione addominale, meteorismo, nausea e/o vomito. Può
supportare un parassita o risultare attiva dopo un’infestazione pregressa.

 Colon Trasverso-Fegato corrisponde con alterazioni digestive, dolore allo


stomaco, distensione addominale, colite, meteorismo, nausea, vomito e
cefalea.

 Achille-Achille può portare a sintomatologia simile alla salmonellosi nei casi


più acuti. Inoltre manifestazioni del tratto digestivo, retto e ano. Diarrea,
colite, nausea, distensione addominale, meteorismo. Può anche portare
dolore nella zona lombare e depressione.

 Rene-Sacro viene definita come una coppia speciale per meteorismo,


borborigmo, diarrea o stipsi.

Applichiamo le coppie per 10 min. In totale, i 3 passaggi, ci occupano 40min. circa.


Dopodiché fissiamo un nuovo appuntamento dopo 15gg.

Al nostro secondo incontro il cliente riferisce la scomparsa dei sintomi digestivi e


delle emorroidi. Questa volta il test rivela la necessità di attivare una depurazione
epatica e di lavorare nuovamente l’Ologramma 2.

Per il drenaggio epatico applichiamo normalmente una calamita in polarità nord sul
fegato e verifichiamo la dismetria della gamba. Siccome il fegato è un organo grande
e voluminoso, si deve cercare il punto in tutta la zona spostandosi con la calamita.
Dopo, con il polo sud di un’altra calamita, cerchiamo tutte le zone di risonanza che
possono annullare la dismetria provocata dalla prima calamita. Ora abbiamo una
calamita in polarità nord sul fegato e una o più calamite in polarità sud in altre zone
del corpo. Nel protocollo di III livello si studiano 12 punti di drenaggio epatico,
ognuno con una specifica caratteristica. Sebbene il cliente non abbia nessuna
patologia al fegato, chiunque abbia nozioni di Energetica Cinese e/o Naturopatia

135
Biomagnetismo Integrale

potrebbe avere qualche sospetto sulla funzionalità di quest'organo leggendo


l'anamnesi iniziale. Infatti, usando un protocollo specifico di kinesiologia olistica,
riscontriamo un blocco nella prima fase di depurazione epatica, cioè solfatazione.
Per questo motivo includiamo in ogni scheda un’anamnesi (nel nostro caso
l’anamnesi usata in energetica tradizionale cinese) che serve anche per verificare
l’andamento delle sedute e il ripristino dell’equilibrio energetico della persona
attraverso i segni soggettivi che riferisce il cliente e invitiamo chiunque userà il
Biomagnetismo a fare sempre una raccolta di questi dati. Sono molto utili.

Decidiamo di implementare l'ologramma di questa seduta con tecniche di rilascio


emotivo che studieremo in maniera approfondita nel III weekend di corso.

Conclusioni

Evidenziamo come in questo caso abbiamo utilizzato, prima di fare il solito


testaggio con il Biomagnetismo Classico, due tecniche che agiscono a livello
emozionale, ottenendo così una maggiore efficacia dell’azione dei magneti sulle
coppie biomagnetiche d’indole fisica e/o biochimica. Come possiamo constatare, il
numero di coppie era molto ridotto in confronto ad altri casi studiati, il tempo
d’applicazione molto minore e il risultato ottenuto in UNA SOLA SEDUTA,
sbalorditivo!! Questo è quello che può succedere usando le tecniche più avanzate.

CASO 7
DONNA 61 ANNI, GENGIVITE

Questa donna viene a fare un lavoro col Biomagnetismo indirizzata dal suo dentista
poiché presenta un problema di gengivite importante che mette a rischio lo stato
dei suoi denti.

136
Claudia Morandi

Premessa

“Per gengivite si intende infiammazione dei tessuti gengivali, caratterizzata da


gonfiore, arrossamento, calore e sanguinamento conseguenti all'accumulo di placca.
La malattia è reversibile dopo rimozione delle cause responsabili.

Tutte le specie batteriche che compongono la placca, depositandosi sulle superfici


dure del dente, possono causare la patologia. Quindi tutte le cause che possono
favorire l'accumulo della placca sono cofattori associati alla gengivite.

L'accumulo di placca lungo il margine gengivale scatena una reazione infiammatoria


dei tessuti molli. I batteri responsabili sono per lo più cocchi e bastoncelli Gram
positivi anaerobi facoltativi (streptococchi e actinomiceti). Il tartaro non sembra
svolgere un'azione diretta contro la gengiva, ma favorendo l'adesione e l'accumulo
batterico generalmente aggrava il quadro clinico.

Il deposito di batteri sulle superfici dentali è da solo responsabile dell'infiammazione.


Già dopo le prime 24 ore l'epitelio orale è stimolato dai microbi a produrre mediatori
proinfiammatori: aumenta la pressione sanguigna locale e la permeabilità vasale, si
forma un essudato con le cellule di difesa polimorfonucleate che raggiungono la sede
dell'infiammazione e si accumulano nella regione del solco gengivale.

I primi segni clinici si riscontrano dopo circa 7 giorni, quando oltre ai


polimorfonucleati la zona è raggiunta anche dai globuli bianchi, ed inizia la
degenerazione dei fibroblasti (probabilmente per morte cellulare) che sono
responsabili della compattezza del tessuto gengivale. Il gonfiore aumenta
gradualmente, fino a quando non viene rimosso lo stimolo. Superato un tempo limite,
variabile in funzione del sistema immunitario dell'individuo e dell'aggressività delle
specie batteriche coinvolte, la gengivite reversibile sfocia in parodontite irreversibile,

137
Biomagnetismo Integrale

in quanto l'infiammazione non è più contenuta nella gengiva bensì coinvolge tutti i
tessuti parodontali.

L'infiltrato infiammatorio determina edema (gonfiore); l'aumento di pressione del


microcircolo provoca rossore e calore; la degenerazione fibroblastica e la dilatazione
capillare determina una facilità al sanguinamento.”30

LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE

Dal colloquio si raccolgono altri dati

Questa signora segnala antecedenti famigliari di questa patologia, quindi non


dobbiamo scartare la possibilità di una predisposizione genetica. Inoltre lamenta
problemi digestivi con gonfiore addominale e alvo alterno (stipsi e diarrea), occhi
secchi e infiammati che la portano a usare dei colliri , insonnia distale con risveglio
alle tre del mattino, periartrite e una lesione alla caviglia che a volte le reca episodi
di dolore forte. Colecistectomia due anni prima.

 Sensibilità al freddo

 Predilige il sapore acido e amaro

 Rari episodi di palpitazioni e tachicardia

 Sospiri, respiro corto e umore alterno

 Memoria normale ma concentrazione scarsa

 Colesterolo e trigliceridi alti

 Osteoporosi

30Fonti:
http://it.wikipedia.org/wiki/Gengivite

138
Claudia Morandi

 Insoddisfazione lavorativa

 Stress famigliare

Prima seduta
INTERFERENZE (TECNICA DI II LIVELLO)

 Dente-Rene

COPPIE DI DEPURAZIONE EPATICA (TECNICA DI III LIVELLO)

COMPLESSO A (TECNICA DI III LIVELLO)

Seconda seduta

DEPURAZIONE ORGANI E TESSUTI (TECNICA DI III LIVELLO)

 Fosse nasali, Cavo orale, Fegato e Colon discendente


COMPLESSO B+C (TECNICA DI III LIVELLO)

Terza seduta

DISMETRIA INIZIALE (TECNICA DI I LIVELLO)

ALLINEAMENTO DELLA COLONNA VERTEBRALE (TECNICA DI II LIVELLO)

EVOLUZIONE DELLE SEDUTE

Andiamo a spiegare l’andamento delle sedute e le diverse tecniche utilizzate.

Nella prima seduta il test (kinesiologico) iniziale segnala tre passaggi.

139
Biomagnetismo Integrale

Nel primo troviamo un' interferenza energetica provocata in questo caso da un


focolaio o serbatoio di microrganismi localizzato in un dente in concreto nell’arcata
superiore dx. In questo caso particolare il serbatoio si localizza sul dente come polo
negativo e si compensa col rene della stessa parte in polarità positiva. Questi focolai
o serbatoi possono “distrarre” il nostro sistema immunitario e a volte è conveniente
testare le coppie Timo-Retto e Indice-Indice, in questo caso entrambe attive, per
dare un supporto prezioso alla nostra immunità.

Il secondo passaggio segnala la necessità di stimolare il fegato alla depurazione.


Non possiamo pensare a eliminare semplicemente le tossine accumulate nel nostro
corpo quando le vie di uscita sono intasate e in questo caso la tecnica di
depurazione del fegato e la tecnica di depurazione dei tessuti, che vedremo più
avanti, sono di grande aiuto.

In questo step con la calamita in polo nord sul fegato andiamo a cercare i punti di
risonanza, cioè quelli che annullano la dismetria; troviamo una risonanza con
Duodeno e con Costale. In questi due punti mettiamo la calamita in polarità sud e
testiamo il tempo di cui ha bisogno per attivare la depurazione.

Nel terzo passaggio troviamo i complessi. Nel sistema dei complessi biomagnetici si
lavora con una costellazione di coppie specifiche che si rinforzano a vicenda e
semplificano notevolmente le applicazioni del Biomagnetismo. Questi complessi
sono stati disegnati per potere integrare l’uso del Biomagnetismo in ambito
famigliare e sono una buona opzione per trattare alterazioni di salute di diversa
indole anche senza grandi conoscenze in materia.

Fondamentalmente consta di tre complessi base (nominati come A, B e C) che


normalmente si applicano in due sedute di corta durata e in generale hanno la

140
Claudia Morandi

funzione di equilibrare il pH nella sua totalità, rinforzare il sistema immune e


ristabilire il livello normale di energia nell’organismo.

Nella prima seduta si applicano tutte le 8 coppie del complesso A per un tempo di
circa 20min. Questa prima parte del complesso tratta le alterazioni fondamentali
del pH avendo una funzione di regolazione generale, normalizzando il terreno in
modo che un grande numero di microrganismi non trovino più un ambiente idoneo
a loro per svilupparsi e nel frattempo elimina tutte le tossine e scarti provocati da
questi microrganismi. Questo complesso da solo copre l’80% delle coppie
dell'elenco di punti del Biomagnetismo Classico. Aiuta inoltre a regolare il processo
digestivo e il sistema nervoso centrale.

Le coppie di questo complesso sono

 Pianta del piede-Pianta del piede (invertito)

 Nervo inguinale-Nervo inguinale (invertito)

 Gluteo-Gluteo

 Rene-Rene (invertito)

 Radio-Radio

 Diaframma-Diaframma (invertito)

 Sopraspinato-Sopraspinato

 Mandibola-Mandibola

La durata di questa prima seduta includendo anamnesi iniziale è di un’ora.

Nella seconda seduta la signora riferisce un miglioramento delle gengive (in sole
due settimane), verificato anche dal suo dentista. Dal test vengono fuori due
passaggi che sono, come abbiamo detto, il primo depurazione di organi-tessuti e il

141
Biomagnetismo Integrale

secondo i complessi. Dal test emerge inoltre che il focolaio nel dente non dà più
reazione biomagnetica (non è più attivo). Procediamo quindi con l’applicazione.

La prima tecnica consiste nell’individuare, mediante test kinesiologico o


applicazione del polo nord di una calamita, i tessuti corporei che presentano una
qualsiasi infiammazione o accumulo di tossine. Basta mettere il polo nord di una
calamita a contatto con queste zone che avremo una dismetria nella lunghezza delle
gambe. La risonanza la troviamo col rene dello stesso emilato del corpo in polarità
sud. In questo caso individuiamo Fosse nasali, Cavo orale, Fegato e Colon
discendente. Nel III livello del corso di Biomagnetismo Integrale troviamo una
mappa di tutti i punti da testare sul corpo con questa tecnica.

Per spiegare questa tipologia di coppia possiamo fare riferimento da una parte alla
medicina cinese e dall’altra alla medicina occidentale. La prima ci dice che
l’infiammazione in generale indica sempre un’alterazione dell’elemento Fuoco e in
questo caso usiamo l’elemento Acqua (Rene) per contrastarla. Per la medicina
occidentale il rene a livello fisiologico è l’organo deputato all'eliminazione degli
scarti di questa depurazione.

Applichiamo le coppie e verifichiamo il tempo che deve durare questa parte della
seduta; in questo caso 10 min.

Poi passiamo ai Complessi. Il test rivela che nella stessa seduta possiamo applicare
il Complesso B e il C. Ci sono dei casi particolari, per esempio persone debilitate,
convalescenti ecc. nei quali è opportuno fare una seduta per il complesso B e dopo
qualche giorno il C.

Il Complesso B e C generalmente si trattano dopo almeno una settimana


dall’applicazione del Complesso A, così da dare tempo all’organismo di eliminare
correttamente le tossine.

142
Claudia Morandi

Complesso B e C vanno applicati necessariamente in modo sequenziale e mai


insieme per non rischiare di annullarne gli effetti. Non dimentichiamo che i
microrganismi nel corpo si trovano in diverse fasi di evoluzione e la sequenza di
applicazione del Complesso B e C risponde a questo motivo.

Ecco la coppie del Complesso B:

 Dorso mano-Dorso Mano

 Stomaco-Pancreas

 Occipitale-Occipitale

Funzioni: ristabilisce il livello normale di energia, ha una azione antidepressiva,


migliora le articolazioni, agisce su milza, stomaco, polmoni, reni, timo, utero,
migliora l’attività enzimatica, diuretico, reduce la flatulenza, regola la formazione di
insulina, succo pancreatico, e migliora la peristalsi. Previene la presbiopia.

Le coppie del Complesso C:

 Duodeno-Occipitale dx

 Timo-Polmone dx

 Adduttore-Adduttore

Funzioni: ha una marcata azione sull’area polmonare, stomaco e intestino e, a


seconda della gravità della patologia, può essere interessante ripeterlo alcune volte,
agisce fortemente sulla vescica e sugli organi sessuali, ma in caso di infezione acuta
in quest’area è importante aggiungere delle coppie addizionali che agiscono più in
profondità su questi tessuti. Queste coppie addizionali sono:

 Pube-Pube

 Vagina o Testicolo dx-Vagina o Testicolo sx

143
Biomagnetismo Integrale

 Gluteo-Gluteo

Queste ultime si applicano invertite.

Applichiamo 20 min. il complesso B e 20 min. il complesso C (senza coppie


addizionali in questo caso). In totale la seduta dura 50min. circa.

Dopo due settimane incontriamo di nuovo la cliente che riferisce un completo


miglioramento gengivale, senza sanguinamento né infiammazione, digestione
normale, alvo regolare, non ha più usato colliri per idratare gli occhi e dorme senza
risvegli.

In questa terza seduta durante il test kinesiologico riscontriamo una dismetria


iniziale descritta dal Biomagnetismo Classico come risultato di un trauma fisico o
emotivo recente. Infatti la cliente riferisce un intervento su un impianto in bocca
che è risultato abbastanza traumatico. Usiamo in questo caso la coppia Parietale-
Rene (conosciuta come coppia Goiz) per 15 min per correggere questa dismetria.

Dopodiché non vi sono più coppie attive al test. In questa seduta abbiamo deciso di
fare un riallineamento della colonna che può aiutare il suo assetto posturale. Nel II
Livello del corso di Biomagnetismo Integrale si insegnano una serie di tecniche di
riallineamento posturale e strutturale con l’uso dei magneti che migliorano
notevolmente le problematiche in queste aree.

La cliente si ritiene molto soddisfatta del trattamento e così decidiamo di


programmare un appuntamento di controllo dopo un mese e mezzo per verificare
che i risultati rimangano stabili.

Anche in questo caso è evidente come col Biomagnetismo Integrale non si vada alla
ricerca del sintomo specifico, ma si vada direttamente alla causa. Dopo solo due

144
Claudia Morandi

sedute la signora riferisce un miglioramento totale del suo stato di salute e


benessere.

CASO 8
DONNA 70 ANNI, NEUROMA DI MORTON

Il motivo del consulto in questo caso è per dolori al piede. La signora arriva con una
diagnosi di neuroma di Morton.

Premessa

“Il neuroma di Morton è un tipo di fibrosi perinervosa con aumento di volume di un


nervo sensitivo interdigitale, solitamente quello passante nel terzo spazio
intermetatarsale, provocato da uno stimolo irritativo cronico di natura meccanica,
che causa la crescita di tessuto cicatriziale fibroso intorno al nervo stesso, subito pri-
ma della sua biforcazione alla radice delle dita.

L'eziologia del neuroma di Morton ha più fattori. Tra le cause più rilevanti
ricordiamo:

 utilizzo di calzature non adeguate (spesso nelle donne, l'indossare per molto
tempo calzature con tacchi a spillo di diversi centimetri o con le punte
eccessivamente strette, porta a questa anomalia)
 scompensi a livello posturale
 disturbi di tipo neurologico
 artrite reumatoide
 alluce valgo
 alluce rigido
 ipercarico avampodalico

145
Biomagnetismo Integrale

 particolari alterazioni morfologiche del piede (come piede piatto e il piede


cavo)
 lassità dei legamenti
 microtraumi delle ossa del piede, leggeri, ma ripetuti
I sintomi della sindrome di Morton sono molto chiari. Il dolore nevralgico è molto
forte, si sentono talvolta scosse elettriche e bruciori e l'impellenza di togliere le
calzature. Camminando il dolore è amplificato, ma esso viene avvertito anche a riposo.
Si incorre talvolta nella parestesia, nell'intorpidimento e nel calo della sensibilità dei
metatarsi.”31
LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE
Dal colloquio si raccolgono altri dati

 Tiroidite di Hashimoto (Eutirox)

 Ipertensione emotiva

 Dolore e bruciore ai piedi, soprattutto sx, dolore alle caviglie e alle ginocchia

 Patisce il caldo-umido

 Sudorazione abbondante e sudorazione notturna con clima umido

 Episodi di raucedine improvvisa che dopo poco torna normale

 Episodi di gastrite e dolore mediastinico

 Tendenza alla stipsi

 Episodi di tachicardia durante il periodo ipertiroideo

 Dolori alla schiena, zona lombare e dorsale

 Minzione scarsa di giorno, di notte si alza 2 volte a urinare

 Capogiri

31 Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Neuroma_di_Morton

146
Claudia Morandi

Prima seduta

PIANI CORPORALI (TECNICA DI II LIVELLO)

OLOGRAMMA 1 (TECNICA DI II LIVELLO)

TRATTAMENTO LOCALE (TECNICA DI I LIVELLO)

Seconda seduta

OLOGRAMMA 1 (TECNICA DI II LIVELLO)

COMPLESSO A (TECNICA DI III LIVELLO)

POLO ACIDO (TECNICA DI III LIVELLO)

TRATTAMENTO LOCALE (TECNICA DI I LIVELLO)

Terza seduta

COMPLESSO B (TECNICA DI III LIVELLO)

POLO ACIDO (TECNICA DI III LIVELLO)

TRATTAMENTO LOCALE (TECNICA DI I LIVELLO)

EVOLUZIONE DELLE SEDUTE

Vediamo le procedure e l’andamento delle sedute.

Il trattamento dei piani corporali consiste in un reset posturale per il quale si


posizionano le calamite in punti precisi del corpo. Questo trattamento non segue il
principio della coppia biomagnetica; le calamite si posizionano una per volta e si
verifica subito che quella polarità in quel determinato punto non provochi una
dismetria. Se quando metto un magnete in una zona riscontro una dismetria, allora

147
Biomagnetismo Integrale

inverto la polarità e verifico che sia corretta. Procediamo così fino a trovare la
polarità giusta per ogni zona: cervicale, dorsale, lombare, sacro, coccige, fronte,
cingolo scapolare, creste iliache. Ricordiamo che a seconda della polarità applicata
nella zona si può creare un effetto a livello muscolare di rilassamento o aumento di
tono. Con questo trattamento troviamo l’assetto posturale più congruo al processo
adattativo della persona in quel determinato momento. Non si segue un modello
fisiologico, ma è il corpo della persona ad indicarci quali cambiamenti è pronto ad
attuare in ogni momento. L’applicazione in questo caso è di 10 min.

Nei casi di studio precedenti abbiamo dato una spiegazione sulla tecnica olografica.
Con questa cliente abbiamo riscontrato attivo al test l’Ologramma 1 che parla di
shock, traumi o comunque esperienze forti che la persona non è riuscita a
metabolizzare. Per nostra esperienza, questo ologramma si trova attivo in persone
che si prendono le cose molto “di petto”. In qualche modo, questa costellazione di
calamite aiuta la persona a essere più morbida nel modo di affrontare la vita. Il
tempo d’applicazione è di 12 min.

Il trattamento locale, chiamato anche temporale, di zone dolenti, infiammate o che


presentano un accumulo locale di tossine, consiste nel posizionare una calamita in
polarità (generalmente) nord sulla zona interessata, in questo caso il metatarso, e
una calamita in polarità (generalmente) sud nel rene dello stesso emilato del corpo.
Qui, l’applicazione dura 20 min.

Al secondo appuntamento, 15 gg. dopo, la cliente riferisce una completa scomparsa


del dolore, ma rimane una strana sensazione di gonfiore e intorpidimento.

Ripetiamo l’Ologramma 1 in questa seduta, ma questa volta decidiamo di indagare


un pò mediante il test kinesiologico sulle possibile cause che lo hanno attivato;
cerchiamo quindi di individuare l’evento traumatico. Tante volte la persona non è

148
Claudia Morandi

pronta per aprire questa “scatola nera” e tanto meno per condividerla, ma anche
questo limite ci viene indicato dal test, perciò rispettiamo sempre i tempi della per-
sona. Ci limitiamo a posizionare le calamite per 10 min. e ad osservare.

Il complesso A lo abbiamo spiegato in un altro caso di studio. Ricordiamo che


questo complesso depolarizza l’80% delle coppie biomagnetiche, agilizzando di
molto il lavoro del Biomagnetismo. In questo caso, l’applicazione è di 20min. Nella
seduta successiva è importante verificare se va ancora applicato o si può passare a
trattare i complessi B e C.

La tecnica del polo acido consiste nel cercare una coppia nuova (che non troveremo
nelle mappature tradizionali) e che darà una risposta specifica alle problematiche
che presenta la persona. Quando facciamo un testaggio classico di coppie
biomagnetiche, prima testiamo il polo acido in tutti i punti di controllo. Per ognuno
di questi punti abbiamo uno o più punti con cui generalmente troviamo la
risonanza. Cioè, il primo punto della coppia mi crea una dismetria e il secondo la
corregge. Questa è la coppia biomagnetica. In questo caso individuiamo il primo po-
lo della coppia, ma ci rendiamo conto che non si corregge con nessuno dei punti
abituali di risonanza. In questo caso dobbiamo cercare in tutto il corpo dove si
localizza questo punto. Così, scopriamo una coppia nuova, non descritta
anteriormente, e che va a coprire qualche aspetto specifico della persona testata.

In questo caso troviamo due coppie nuove: Sciatico dx.-Sciatico dx., e Pianta del
piede-Coccige. Insieme a queste applichiamo il trattamento locale Metatarso(zona
colpita)-Rene per 15 min.

Alla terza seduta, 15 gg. dopo, la cliente riferisce che dolore e intorpidimento sono
completamente spariti, insieme ad un miglioramento generale dello stato di
benessere. La pressione si è normalizzata.

149
Biomagnetismo Integrale

Riferisce inoltre che ha avuto consapevolezza del fatto traumatico che le era
accaduto durante la sua infanzia che aveva attivato in lei una sorta di meccanismo
di difesa per il quale si è sempre data da fare per non dovere dipendere da nessuno.
In questa seduta, l’Ologramma non si rivela attivo al test.

Dal test risulta che possiamo procedere con l’applicazione del complesso B (ma non
del C) e ripetere le coppie del polo acido e trattamento locale. In totale la
applicazione dei magneti in questa seduta è di 30min.

Anche se la sintomatologia è molto migliorata, decidiamo di darci un altro


appuntamento per completare il complesso C.

Prendiamo in considerazione questo caso per riflettere su come il Biomagnetismo


Integrale sia una tecnica si, ma completamente personalizzabile e adattabile alle
circostanze specifiche di ogni singolo ricevente. Mediante il test abbiamo
informazione di quale tecnica sia la più appropriata in quel momento specifico per
la persona; ogni tecnica è completamente personalizzabile ed è il corpo attraverso
la risposta muscolare intelligente a dirci come vanno posizionate le calamite.
Abbiamo una risposta precisa della strada che la persona è pronta a percorrere per
la sua evoluzione così come il ritmo e il tempo di cui avrà bisogno. Come operatori,
non dobbiamo forzare e non forziamo nulla. Anche il sistema delle coppie è un
sistema con una mappatura precisa, ma siamo tutti unici e il Biomagnetismo
Integrale è unico per ognuno di noi.

150
Claudia Morandi

CAPITOLO 13

L'EFFICACIA NELLA SEMPLICITA'

ALTRI CASI DI STUDIO


A cura di José Luis Pachòn Reyes

CASO 9
DONNA 36 ANNI, AMENORREA DA CIRCA 6 MESI

Prima aveva un ciclo molto anticipato, scarso e senza dolore. A volte dolore
lombare. Caldane durante l’ovulazione e nel periodo premestruale.

LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE


Dal test di Biomagnetismo Integrale si evidenziano diversi passaggi:

 Interferenze emotive

 Depurazione del Fegato

 Revitalizzazione

 Coppie biomagnetiche

Il primo step evidenziato dal test viene chiamato nel Biomagnetismo Integrale
Interferenze emotive: risulta attivo quando la persona non riesce a prendere
decisioni, è bloccata in qualche ambito della sua vita a causa di condizionamenti
inconsci familiari e/o culturali.

Le coppie usate di solito per sbloccare questa situazione sono Condotto uditivo
dx/Ovaio dx e Pineale/Pineale.

151
Biomagnetismo Integrale

Curiosamente l’amenorrea inizia nel momento in cui lei e il suo compagno hanno
deciso di avere un figlio.

Nel secondo step troviamo le coppie che attivano una depurazione epatica. A tale
scopo, il Biomagnetismo Integrale si avvale di 12 coppie da testare, ognuna delle
quali ha una particolare azione sulle diverse fasi di depurazione epatica.

Le coppie attive in questo caso sono:

 Fegato-Costale

 Fegato-Nervo Inguinale

 Fegato-Pineale

La terza di queste coppie, Fegato-Pineale, si presenta attiva in periodi di stress che


coinvolgono la funzionalità di quest’organo.

Il terzo step è un ologramma o costellazione di punti che usati insieme donano o


apportano all’organismo maggiore energia e vitalità. Il corpo farà uso di
quest’energia lì dove ha più bisogno.

Nel quarto passaggio andiamo nello specifico delle coppie.

 Ovaio/Ovaio, si presenta attiva nelle disfunzioni ovariche, con


manifestazioni come mancanza di libido, difficoltà a rimanere incinta e
alterazioni del ciclo mestruale.
 Timo/Surrenali è una coppia speciale che si attiva in situazioni di
disfunzioni ormonali e ghiandolari. Equilibra e coordina il sistema
endocrino e la produzione di ormoni. Utile in disturbi della menopausa.
Aiuta ad attivare le ghiandole endocrine in persone sedentarie.
 Tuba/Tuba si attiva in problemi di infertilità, endometriosi, fibromi,
dismenorrea, amenorrea. Può essere presente anche in problemi lombari.

152
Claudia Morandi

Abbiamo trattato separatamente, uno per uno, tutti questi 4 step nella stessa seduta
con un' applicazione di circa 15 min per ogni passaggio. In totale la seduta dura
un’ora circa.

Il giorno dopo la cliente ci riferisce che il suo ciclo è tornato. Il mese dopo è arrivato
con un certo ritardo secondo i suoi canoni, perciò quasi nella norma. Fantastico!!
Ora ci aspettiamo solo buone notizie e le auguriamo in bocca al lupo per il suo
meraviglioso progetto!!

CASO 10
DONNA 33 ANNI, DOLORE DORSALE

La cliente arriva da noi con una forte contrattura a livello dorsale che la limita nei
movimenti. Questo dolore è iniziato in maniera molto lieve tre anni prima e
peggiorato moltissimo nell'ultimo periodo rendendo la cliente quasi impossibilitata
a svolgere il proprio lavoro e le normali attività quotidiane.

La cliente lavora come fisioterapista e avrebbe avuto la possibilità di intraprendere


altre strade diverse dal Biomagnetismo ma, visti i risultati ottenuti da noi in una so-
la seduta diversi anni prima per un problema alla caviglia, questa volta decide di
affidarsi immediatamente al Biomagnetismo, intenzionata a capire cosa si nasconde
dietro a questo malessere.

LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE


Ed ecco che andiamo ad analizzare l’andamento della seduta. Il test di
Biomagnetismo Integrale ci rivela due aspetti da trattare.

153
Biomagnetismo Integrale

Il primo, una interferenza dovuta a un trauma emotivo. Non entriamo a descrivere il


motivo di questa situazione, ma la cliente ci riferisce un avvenimento accaduto tre
anni prima e che coincide con l’insorgenza della sintomatologia.

Il secondo passaggio è il trattamento della schiena con Biomagnetismo.

Per il primo passaggio abbiamo lavorato con le coppie Nodo brachiale/Nodo


brachiale, Cervico/Sacro e la Tecnica 1-5:

 Nodo brachiale/Nodo brachiale si localizza nella parte inferiore del collo


sopra le clavicole bilateralmente. Questa è una coppia speciale per eliminare
blocchi energetici ed emotivi.
 Cervico/Sacro, o meglio terza cervicale e sacro, riequilibra il sistema
nervoso vegetativo e attiva il flusso del liquido cefalorachidiano. Inoltre
armonizza energeticamente il sistema dei chakra.
 La tecnica 1-5 fa riferimento al sistema di magnetismo di Bansal. Si
posiziona un polo nord sul palmo della mano dx e un polo sud sul palmo sx,
polo nord sulla pianta del piede dx e sud sul sx e infine un ultimo magnete in
polarità nord nel punto che si trova fra le sopracciglia. Questa tecnica ha un
forte effetto calmante e rilassante e aiuta a entrare in profondità
nell’inconscio e a pulire memorie cellulari di traumi passati.

Per il trattamento della schiena in Biomagnetismo prima si fa un riallineamento dei


segmenti vertebrali e in seguito si posizionano altri magneti per alleviare la
tensione e la contrattura. Perciò, posizioniamo una calamita in polarità nord sulla
C1 e una in polarità sud sulla C7, e così su ogni porzione vertebrale, prima e ultima
dorsale, prima e ultima lombare e sacro-coccigea. Una volta posizionate le calamite
in questo modo, andiamo a mettere delle calamite nella zona di corrispondenza del

154
Claudia Morandi

dolore, posizionandole in polarità nord sulla muscolatura paravertebrale a dx e in


polarità sud a sx.

Concluso il trattamento durato un’ora circa, fissiamo un appuntamento per


controllare l’evoluzione dopo una settimana.

Il risultato è che dopo due giorni il dolore è completamente sparito, non c'è stato
bisogno di una seconda seduta e la cliente, già fisioterapista, si è iscritta al corso di
Biomagnetismo Integrale perché rimasta affascinata dall'efficacia e dalla semplicità
di questa tecnica!!

CASO 11
DONNA 37 ANNI, DERMATITE ALLERGICA IN MANI E VISO

Dopo un po' di tempo dalla seconda gravidanza la cliente riprende ad avere qualche
avvisaglia del ritorno del ciclo mestruale e in concomitanza compare in modo
improvviso ed esplosivo una dermatite che colpisce il viso e le mani. Nello stesso
periodo la cliente riferisce di avere un grande numero di carie comparse in
pochissimo tempo.

LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE


Vediamo come procedono le sedute di Biomagnetismo Integrale.

Iniziamo col nostro test per verificare i passaggi da trattare

 Depurazione di organi e tessuti

 Ologramma 4

 Coppie biomagnetiche

155
Biomagnetismo Integrale

Il primo step consiste nell' attivazione di una depurazione di tossine accumulate. Gli
organi e tessuti coinvolti evidenziati col test sono Colon, Fegato e Cavità Orale.

Per aiutare il corpo nell’eliminazione delle sue tossine accumulate, posizioniamo


nelle zone evidenziate una calamita in polarità nord e una calamita in polarità sud
nel rene dello stesso emilato del corpo. Applichiamo i magneti per un tempo di 20
minuti circa per poi passare allo step successivo.

In questo passaggio troviamo un Ologramma. Gli ologrammi nel BMI si possono


definire come una costellazione di punti che si attivano tutti insieme come risposta
a un evento traumatico. Tutti questi punti vanno trattati in contemporanea per
avere l’effetto desiderato.

Per lavorare gli ologrammi in profondità possiamo andare a testare anche il periodo
preciso nel quale il corpo ha registrato e ha una memoria a livello cellulare
dell’evento. Così facendo abbiamo trovato un periodo intorno ai 12 anni nel quale la
cliente riferisce di avere avuto un periodo di forte acne che le provocava molta
vergogna e senso di inadeguatezza. Posizioniamo le calamite per quest’ologramma e
dedichiamo qualche minuto al rilascio emozionale con le tecniche apprese dalla
kinesiologia e applicate anche nell’ambito del Biomagnetismo emozionale.

Nel terzo step troviamo attive le seguenti coppie biomagnetiche:

 Mandibola/Mandibola si attiva in problemi di gengivite e periodontite.


Inoltre può essere presente in situazioni di artrite reumatoide, infezioni
urinarie e vaginali. Anche in casi di sclerodermia.

 Epiploon/Epiploon è una coppia che si attiva in problematiche di acne.

156
Claudia Morandi

 Clitoride/Clitoride si presenta attiva in vaginite, uretrite, ecc. Può essere


presente però anche in infezioni della pelle.

 Ascella/Ascella si attiva in problemi respiratori e del sistema nervoso e


soprattutto in problemi di allergia che si manifestano sulla pelle soprattutto
dalla vita in sù.

 Tibia/Tibia si attiva fondamentalmente in micosi sulla pelle.

La cliente ci riferisce che subito dopo la seduta e per un paio di giorni ha avuto una
riacutizzazione dei sintomi che dal terzo giorno in poi è cominciata a rientrare. Al
momento del nostro secondo incontro, dopo una settimana, i sintomi sono molto
migliorati. In questa occasione trattiamo di nuovo la depurazione di organi e tessuti
e un numero di coppie molto minore. L’ologramma non si presenta più attivo e la
cliente riferisce che anche a livello emotivo sta molto meglio.

Dopo la terza seduta i sintomi sono completamente scomparsi.

CASO 12
DONNA 36 ANNI, DISTORSIONE ALLA CAVIGLIA

L'ultima domenica di novembre abbiamo fatto una bella gita sulla via della costa
sopra l’Imperiese con amici. Quale migliore modo per rigenerarsi...purtroppo la
camminata è finita prima del previsto per una brutta storta alla caviglia sinistra di
Claudia. E' arrivata a stento a casa poiché non riusciva minimamente ad appoggiare
il piede per terra tant'è che ci siamo fermati prima in farmacia a comprare arnica e
fasciature e a chiedere un preventivo per delle stampelle. Una volta arrivati a casa
lettino e seduta di Biomagnetismo Integrale immaginando che anche dietro una
storta c'è un messaggio da capire...

157
Biomagnetismo Integrale

LE SEDUTE DI BIOMAGNETISMO INTEGRALE


In breve la seduta:

 Chakra

 Emozione Intrappolata

 Coppia biomagnetica temporale

Nella seduta di BMI si può chiedere attraverso la kinesiologia qual'è il chakra


principale da riequilibrare; in questa seduta è il primo che, come sappiamo, può
essere legato a problematiche degli arti inferiori.

Emozione Intrappolata: si testa qual'è l'emozione da lavorare con le varie tecniche,


si può fare una recessione di età per prendere consapevolezza dell'avvenimento
seme e infine si usano le calamite per cancellare la memoria cellulare e fare una
riprogrammazione.

Coppia biomagnetica temporale: si mettono una o più calamite in polarità nord sulla
zona del corpo dolente e/o infiammata e una calamita in polarità sud sul rene dello
stesso lato del corpo.

Risultato subito dopo la seduta, Claudia appoggiava il piede e zoppicava ancora un


po'. Il giorno dopo saltellava sulla sua gamba sinistra incredula e divertita

Non è stata necessaria nessun'altra applicazione di magneti!!!

158
Claudia Morandi

CONCLUSIONE

Henri Lindhlar32 nel suo “Natural Therapeutics” del 1922 afferma che:

“La salute dipende da una vita giusta, cioè dal modo di pensare, sentire, respirare,
mangiare, bere, fare ginnastica, fare il bagno e vestirsi, nonché dalle nostre attività
sociali e sessuali che devono porsi in relazione armoniosa e non antitetica con il
nostro essere. Se siamo portati alla purezza è giusto che facciamo vita monacale, se
siamo portati al godimento è giusto farlo, ma non alle spese di altre persone e quindi
cercandoci idonee controparti.

Concentrare lo sguardo sull'agente infettivo, prestando minima attenzione al tipo di


corpo colpito dall'infezione, è un errore madornale che ha già portato troppe
sofferenze al genere umano”.

Ho citato Lindhlar per un motivo semplice; è molto utile seguire tutti i consigli di
alimentazione, fare sport, passare del tempo all'aria aperta, ancora meglio se in
montagna o in campagna, scegliersi un buon operatore di Biomagnetismo che ci
aiuti a ripristinare l'omeostasi qualora si perda ecc, ma manca qualcosa...

Ognuno di noi è qui in questo mondo per un motivo, ha un dono unico e irripetibile,
ha delle caratteristiche uniche e irripetibili, ma se non le scopriamo e non le
mettiamo in atto, in poche parole se non seguiamo noi stessi e il nostro sogno per
paura o magari per seguire il sogno di qualcun'altro, potremo seguire tutti i consigli
del mondo, fare sport e avere un'alimentazione perfetta, ma la vita in qualche modo

32Henry Lindlahr è stato un medico statunitense, il pioniere-medico più

importante per la Naturopatia americana

159
Biomagnetismo Integrale

ci farà capire che stiamo sbagliando strada e, a volte, ce lo fa capire anche con
sintomi e malattie.

E' quindi di fondamentale importanza scoprire la propria “raison d'etre” che ci


riempia di passione e che ci spinga ad alzarci dal letto ogni giorno, per dedicarci con
felicità a ciò che amiamo. Ci sono persone che hanno trovato il proprio scopo e ne
sono pienamente consapevoli, e altre che lo stanno ancora cercando, anche se è già
dentro di loro. Il nostro scopo di vita, il nostro dono unico e irripetibile, si nasconde
nella parte più profonda del nostro essere e va ricercato con pazienza. Avere una
“ragione di essere” chiara e definita, una grande passione, ci rende felici e
soddisfatti e dà un senso alla nostra vita. Ci sono alcune popolazioni del Giappone,
in cui gli anziani si mantengono vitali anche dopo essere andati in pensione,
continuando a fare quotidianamente ciò che amano. In realtà molti anziani di queste
comunità non smettono mai davvero di lavorare, ma si dedicano alle loro passioni
finché le condizioni di salute glielo permettono. Di fatto in giapponese non esiste
proprio una parola che significhi esattamente “andare in pensione” nel senso di
“smettere per sempre di lavorare”, come l'intendiamo noi in Occidente; inoltre
queste popolazioni hanno una media di vita altissima e godono in genere di ottima
salute fino agli ultimi giorni della loro vita.

Sarebbe bello trovare qualcosa che ci piaccia talmente tanto fare, da non volere
assolutamente andare in pensione... non la pensate così anche voi? Bé sappiate che
questo è possibile e una volta che si percorre la cosiddetta “strada giusta” la vita
cambia radicalmente, sembra che... “Tutto l'universo cospiri affinché chi lo desidera
con tutto sé stesso possa riuscire a realizzare i propri sogni...” (L'Alchimista- Paulo
Coelho).

160
Claudia Morandi

Attenzione a non interpretare male questa frase, non vuol dire che una volta che
troviamo e decidiamo di percorrere la “strada giusta” sarà tutto facile, ci si
apriranno tutte le porte e questa strada sarà in discesa... anzi!!

Sarà la volta che più di tutte dovremo rimboccarci le maniche, ci saranno tante
prove da superare, dovremo dimostrare al mondo, ma soprattutto a noi stessi di
essere all'altezza, dovremo fare bagni di umiltà, cadere ed essere in grado di
rialzarci, fortificarci e non smettere mai di crederci... perché se non ci crederemo
noi per primi, nessuno lo farà al posto nostro!!

E' quando finalmente scegliamo la “nostra strada” che comincia la nostra vera
crescita; quel giorno noi mettiamo l'asticella dei nostri obiettivi più in alto, fuori
dalla nostra zona di comfort e da lì iniziano le prove, le prove che l'esistenza ci offre
per fortificarci e farci crescere, per essere quella persona in grado di raggiungere i
nostri obiettivi. Più in alto mettiamo l'asticella, più importanti saranno le prove da
superare. Mai pensare che la vita sia contro di noi; la vita ci aiuta a perseguire i
nostri sogni, ci fornisce le esperienze giuste al momento giusto... ha un'intelligenza
sublime!!!

Sta a noi porci degli obiettivi congrui con noi stessi e raggiungibili, come sta a noi
interpretare i messaggi che la vita ci regala tutti i giorni. E' molto bello ed
entusiasmante prendere tutto questo come una sfida che ci spinge a migliorarci e a
fare sempre meglio ogni giorno!! Vivere con la consapevolezza che ogni giorno
stiamo facendo un passo in più verso i nostri obiettivi e verso noi stessi!!

Il Biomagnetismo Integrale è un mezzo meraviglioso per fare questo. Ci aiuta a


togliere strati di corazze e condizionamenti che ci separano da noi stessi e dai nostri
obiettivi, e se ancora non hai trovato la tua “raison d'etre” è un ottimo modo per
scoprirlo!!!

161
Biomagnetismo Integrale

Detto questo, ricordiamoci sempre che non è facile; un contadino non potrebbe
avere delle mele se non avesse dei semi, e ancora non basta. Avere talento in
qualcosa non è mai sufficiente, non ci rende dei geni: dobbiamo scavare la terra,
piantare i semi, poi innaffiarli e prendercene cura, altrimenti non cresceranno.
Niente avviene in uno schiocco di dita, né la crescita degli alberi di mele né il
raggiungimento di un risultato. Dobbiamo continuare a scavare, piantare, innaffiare,
proteggere.

Pensate a Steve Jobs o a John Lennon... secondo voi è bastato avere talento più di
altri nella loro materia o si sono fatti il mazzo dedicando anima e corpo per anni e
anni con lacrime e sudore per arrivare dove sono arrivati?? Dovete sapere che John
Lennon andava male a scuola, non era un ottimo chitarrista, imparò a suonare tardi
ma ci lavorò con presenza e dedizione... la sua potenzialità era il saper essere
innovativo; questo, unito al grande ed intenso lavoro con estrema passione e
dedizione lo ha portato al grande successo. Steve Jobs, come tutti sapete, è partito
da un garage!!

Prima di tutto, però, dobbiamo prendere atto di avere delle potenzialità. Quali sono
le tue? In cosa sei bravo? Che cosa ami così tanto che lo faresti anche gratis?

E' quindi di vitale importanza fare un proprio percorso di evoluzione per imparare
a conoscersi, a far pace con il proprio bambino interiore e con le sue paure, per
riuscire piano piano ad essere sempre più noi stessi e a fare ciò per cui siamo
portati e che ci fa stare bene... ciò per cui siamo qui!!

E' proprio per questo che è nato il Biomagnetismo Integrale che parte dal
Biomagnetismo Classico (quello di Isaac Goiz) per diventare OLISTICO.

Il Biomagnetismo Integrale è un ottimo percorso evolutivo; tramite la kinesiologia


si testano gli squilibri della persona a livello emozionale, condizionamenti familiari,

162
Claudia Morandi

schemi di comportamento da cambiare, recessioni di età per elaborare e lasciare


andare emozioni bloccate che non permettono il salto evolutivo della persona, ma
non solo, si può lavorare sui chakra, sullo stress, sulle credenze limitanti, sulla
psiche e sul corpo e tanto altro ancora... e solamente applicando dei piccoli
magneti!! Inoltre, se si conoscono anche altri tipi di tecniche si possono
tranquillamente aggiungere dal momento che il Biomagnetismo Integrale si sposa
bene con quasi tutto; noi, come già scritto in precedenza lavoriamo molto con i
Rilasci Emozionali e io personalmente anche con la Bioenergetica ottenendo dei
risultati favolosi!!!

Abbiamo messo insieme il protocollo di Biomagnetismo Integrale con la


Kinesiologia Olistica, la Naturopatia, l’Energetica Cinese e le tecniche di Rilascio
Emozionale; il protocollo che è nato in questi mesi di duro lavoro, ma enorme
soddisfazione, è una vera bomba e promette di crescere ancora.

In Italia questo è il primo libro in commercio e noi siamo i primi e gli unici ad
insegnare questa tecnica meravigliosa!!!

E quindi cosa aspetti... facciamo corsi tutti gli anni a Genova e siamo disponibili a
farli in tutta Italia!!!

Impara anche tu questa tecnica semplice e super efficace che ha risolto


problematiche importanti con pochi trattamenti.

Ti invito ancora una volta a visionare l'esperimento con risultati eccezionali


avvenuto nella clinica del dott. Hilu a Marbella (Spagna) nel 2009, lo trovi qui:
Applicazioni mediche del Biomagnetismo-AGAltroGiornale.org (youtube) e vorrei
precisare che in quell'esperimento sono state usate solo le tecniche del primo
livello!!!

163
Biomagnetismo Integrale

Io e Luis siamo felici ed orgogliosi di potere diffondere questa tecnica in Italia e


impazienti che sempre più persone la conoscano e la mettano in pratica.

Non abbiamo mai conosciuto niente di così efficace, semplice ed immediato e siamo
sicuri che avrà molto successo e aiuterà tantissime persone.

Se anche tu ti sei innamorato del Biomagnetismo Integrale unisciti a noi, aiutaci a


farlo conoscere anche in Italia!!

Per maggiori info:

www.biomagnetismointegrale.it

Spero di vederti presto in uno dei nostri corsi!!

Un abbraccio

Claudia Morandi

164
Claudia Morandi

BIBLIOGRAFIA

1. Manual practico de Biomagnetismo Holistico, una perspectiva holistica del par


biomagnetico – Jorge Tapia Marquez – 2008 (PDF)

2. Guia de Biomagnetismo para terapeutas – Societat catalana de Biomagnetisme –


Mandala Ediciones - 2016

3. Pares Magneticos curativos y Biomagnetismo – Francisco Cuatrecasas – Mandala


Ediciones - 2016

4. Manual de Bioenergetica Holografica – Dr. Miguel Ojeda Rios – 2015 (PDF)

5. Magnetoterapia, cura por los campos energeticos – Dr H.L. Bansal – Continente


Ediciones - 1996

6. El par biomagnetico – Dr. Isaac Goiz Duran – 1992

7. Dispense Corso di Biomagnetismo Integrale livello 1

Dispense Corso di Biomagnetismo Integrale livello 2

Dispense Corso di Biomagnetismo Integrale livello 3

10. Il Miracolo del pH Alcalino – Robert O. Young, PhD Shelley Redford Young –
Nuova Editrice Apulia - 2010

11. The China Study – T. Colin Campbell e Thomas M.

Campbell – Macro Edizioni – 2012

165
Biomagnetismo Integrale

12. Alcalinizzatevi e Ionizzatevi, per vivere sani e longevi –Theodore A. Baroody e


Rocco Palmisano – Edizioni Bis –2014

13.Salvate il Vostro Corpo – Catherine Kousmine –Tecniche Nuove - 1992

14. Anatomia e Fisiologia dell’uomo – Johann S. Schwegler – Sperling & Kupfer


Editori - 1999

15. Enciclopedia della Medicina Naturale – Micheal Murray & Joseph Pizzorno –
Sperling & Kupfer Editori - 1990

16. La Salute attraverso l’eliminazione delle scorie – Dr. H.C. Peter Jentschura – Josef
Lohkamper – Verlag Peter Jentschura - 2006

17. Enciclopedia della Nutrizione – Michael Murray, Joseph Pizzorno, Lara Pizzorno

18. L’Equilibrio Acido Basico – Silvano Mantovani – Akros srl – 2005

19.Dispense Scuola Superiore di Naturopatia di Genova

20.Ricordati di Sorridere – Daniele Di Benedetti – Mondadori – 2018

21.A tu per tu con la paura – Krishnananda e Amana – Feltrinelli – 2006

22.Ikigai – Bettina Lemke – Giunti editore – 2017

23.Il metodo Ikigai – Hector Garcia e Francesc Miralles – Rizzoli - 2018

166
Claudia Morandi

SITI INTERNET CONSULTATI

1. www.phalcalino.it

2. www.acquaalcalina.it

3. www.scientific-training.it

4. www.turismodelbenessere.com

5. www.sanifutura.it

6. www.mednat.it

7. www.healingpyramidenergy.com

8. www.scienzaeconoscenza.it

9. www.wikipedia.org

10. www.naturopataonline.org

11. www.acidosi.it

12. www.phesalute.com

13. www.dionidream.com

14. www.naturopatia.it

15. www.biomagnetismo-italia.com

16. www.bibliotecapleyades.net

167
Biomagnetismo Integrale

17. www.treccani.it

18. www.pharmabiomagnetica.it

19. www.salud180.com

20. www.i-manes.com

21. www.medicinaecologica.it

22. www.risveglioplanetario.it

23. www.naturmuna.it

24. www.my-personaltrainer.it

25.www.wikipedia.org

26. www.alfadinamica.ch

27. www.lifegate.it

168
Claudia Morandi

Contattaci se vuoi partecipare ai nostril corsi:

info@biomagnetismointegrale.it

www.biomagnetismointegrale.it

Facebook – Biomagnetismo Integrale

169

Potrebbero piacerti anche