Sei sulla pagina 1di 3

IMPRESA E IMPRENDITORE

Nel sistema economico le imprese svolgono un ruolo primario di crescita in quanto


generano progresso, occupazione e benessere.

L’impresa è l’attività economica svolta dall’imprenditore.

La definizione di imprenditore è contenuta nell’art. 2082 del codice civile:


“è IMPRENDITORE colui che esercita professionalmente un’attività economica
organizzata al fine della produzione e/o dello scambio di beni e/o di servizi”
Nella definizione di imprenditore occorre mettere in evidenza alcune caratteristiche
dell’attività da lui svolta: professionalità, economicità, organizzazione, produzione
e/o scambio di beni e/o di servizi.

Professionalità: un’attività è svolta professionalmente quando viene svolta in modo


abituale e non occasionale. Ciò non significa che l’attività debba essere svolta
necessariamente in modo continuativo cioè tutti i giorni dell’anno.
Per esempio: è imprenditore chi gestisce uno stabilimento balneare o un impianto
sciistico anche se svolge l’attività solo in una parte dell’anno (attività stagionali)
Invece non è imprenditore colui che in occasione di una fiera acquista un certo
quantitativo di castagne e le rivende in quanto si tratta di un unico atto economico.

Economicità: un’attività è considerata imprenditoriale quando i costi sono coperti


dai ricavi (Ricavi maggiori dei costi, la cui differenza da un profitto). Dal punto di
vista giuridico non è necessario che l’impresa consegua un profitto, anche se
produrre un profitto (cioè lo scopo di lucro) è considerato lo scopo principale
dell’attività d’impresa.
Per esempio sono considerate imprese anche quelle che non hanno scopo di lucro
come le cooperative che svolgono la propria attività con finalità mutualistiche cioè
con lo scopo di garantire dei vantaggi ai propri membri.

Organizzazione: organizzare un’attività economica significa combinare insieme in


modo coordinato i fattori produttivi.
I fattori produttivi sono tutti gli strumenti utilizzati dall’imprenditore sia all’inizio sia
durante la sua attività. Essi sono: Terra, Lavoro e Capitale e l’imprenditore per
procurarseli deve sostenere una spesa infatti essi devono essere remunerati.
Il fattore Terra ha due significati
Terra intesa come luogo fisico dove situare l’attività d’impresa.
Terra intesa come materie prime che servono per svolgere l’attività produttiva
Per Lavoro si intende l’attività manuale o intellettuale svolta sia dall’imprenditore
sia dai lavoratori subordinati.
Il fattore Capitale ha due significati
Capitale inteso come quantitativo di denaro necessario per avviare e,
successivamente durante la vita dell’impresa, per svolgere l’attività imprenditoriale.
Questo può essere proprio dell’imprenditore oppure chiesto in prestito a terzi.
Oppure Capitale inteso come capitale reale cioè quello costituito dai beni
dell’impresa.

Produzione e/o scambio di beni e/o di servizi:


L’attività economica dell’imprenditore può creare ricchezza producendo nuovi beni
oppure aumentando l’utilità* di quelli già presenti sul mercato attraverso una loro
trasformazione materiale, come avviene per le imprese manifatturiere.
*Un bene è utile quando va a soddisfare un numero maggiore di bisogni.
È considerata attività d’impresa anche la produzione di servizi come attività di
trasporto e lo scambio di beni svolto ad esempio dai negozi.
La trasformazione infatti può essere di tre tipi:
materiale: cioè la trasformazione delle materie prime in prodotti finiti.
temporale: cioè i beni vengono conservati per essere immessi nel mercato nel
momento in cui scarseggiano;
spaziale: spostamento o trasporto dei beni dal luogo di produzione a quello di
consumo dove i beni per es. scarseggiano.
Le attività d’impresa devono essere sempre destinate al mercato; non è infatti
imprenditore chi produce per l’autoconsumo.
Inoltre l’imprenditore deve avere Capacità imprenditoriale che significa prendere
l’iniziativa economica (cioè avere un’idea di un’attività economica e dare avvio a
questa attività) ed essere anche in grado di rispondere alle seguenti domande:
Cosa produrre?
Per chi produrre?
Dove produrre?
Come, cioè con quali tecnologie produrre?

Art 41 della Costituzione


L’iniziativa economica privata è libera.
Art 42
La proprietà è pubblica o privata
Quindi possiamo dire che il sistema giuridico italiano tutela le attività economiche
private e anche la proprietà; ciò significa che ogni individuo, nel rispetto delle
condizioni stabilite dalla legge, può intraprendere un’attività imprenditoriale
autonoma.

Potrebbero piacerti anche