Sei sulla pagina 1di 3

LCF 9

LCF 5 LCF 6 LCF 7 LCF 8 Finalizzato LCF 10


LCF 4
LCF <3 Confuso Confuso Automatico Significativo appropriato: Finalizzato appropriato:
Confuso agitato
inappropriato appropriato appropriato appropriato supervisione su indipendenza
richiesta
- 2: il paziente non Ancora presenti disturbi cognitivi e Pz più responsivo,
è vigile. comportamentali moderati severi che collaborante e
L’obiettivo è comportano deficit linguistici. Si punta al appropriato. Deficit
facilitare un ripristino della postura, del tono specifici di
minimo contatto muscolare, della funzione linguaggio e
articolatoria/fonatoria, utilizzando anche comunicazione.
e facilitare il
supporti di CAA. Importante coinvolgere i Possibile iniziare
benessere del pz.
familiari. Si punta anche alla riduzione valutazione
- 3: c’è una minima
dell’anosognosia e ad aumentare la strutturata. Lavoro
attenzione motivazione e iniziativa comunicativa. sui deficit specifici.
spontanea ma
mezzi cognitivi
estremamente
limitati. Ci sono
riflessi, reazioni Raggiungimento di abilità adatte al
incostanti, reinserimento familiare e sociale
possibile
fissazione dello
sguardo. Si
procede con la
stimolazione
multimodale per
orientamento
temporale e
contestuale ed
emergere
dell’intenzionalit
à

ATTENZIONE
Attenzione non Inizia ad essere più Paziente vigile e Collabora ma Meno confuso e più Svolge i compiti Indipendente In grado di svolgere più
presente responsivo ma attento in grado di ancora confuso. appropriato, lavora familiari e si lavora nell’alternare i compiti
attenzione selettiva rispondere a L’attenzione piò sull’automatico ma sulla quantità di compiti, si lavora su contemporaneamente.
inesistente. Si comandi semplici. essere necessita tempo e attenzione stimolazione delle Si lavora su funzioni
lavora sul Altamente compromessa supervisione. Si divisa funzioni attentive attentive per aumentare
riorientamento distraibile e soprattutto in lavora sulle funzioni per reinserimento l’autonomia nei compiti
temporale e incapace di contesto non attentive in compiti lavorativo non di routine.
contestuale focalizzare routineario, non di routine e
l’attenzione su un mantenute le attenzione divisa
compito se non attività di cura di sé.
aiutato. Si lavora su Si lavora su
qualità e quantità accuratezza e
della memoria e velocità per
attenzione. attenzione e
memoria.

COMUNICAZIONE
Possibile Presenti deficit Produzioni Può essere fatta una Possono esserci
osservazione, cognitivi e automatiche in valutazione deficit specifici e
considerando comportamentali contesto facilitante. formale. Esegue residuano i disturbi
l’influenza dei deficit che portano a una Inizio ordini semplici e pragmatici. Si lavora
cognitivi e di verbalizzazione dell’intervento sui segue le indicazioni, su quest’ultimo per
Le rispose sono appropriate con assistenza minima e pensa in modo
responsività + possibili inappropriata e deficit specifici per possono esserci appropriatezza del
indipendente. Può presentare ancora latenza nel prendere decisioni.
disturbi specifici. confabulatoria. maggior autonomia risposte scorrette a reinserimento.
Si lavora sulla pragmatica per il reinserimento sociale e lavorativo e si
STIMOLAZIONE Lavoro su efficacia comunicativa causa di deficit
esegue un monitoraggio delle competenze.
MULTIMODALE per comunicativa, cognitivi. Si lavora
riorientare e stimolare anche con CAA e sui deficit specifici e
l’intenzionalità aumento tempi della
dell’intenzionalità comunicazione.

MEMORIA
Non si parla di Assenza di capacità Grave Memoria passato Memoria sulle 24 h. Ricordo e Utilizzo di ausili Si procura, costruisce
attenzione e di MBT. compromissione e migliore degli eventi residuano disturbi integrazione di mnesici per e usa i propri supporti
memoria confusione tra recenti. Qui termina delle funzioni eventi passati e ricordare attività da mnesici in modo
presente e passato. l’APT. Si lavora su attentive mnesiche recenti. Utilizzo di svolgere. indipendente. Si
Lavoro sulla consolidamento ed esecutive. Lavoro ausili mnesici per rinforza l’autonomia
memoria prospettica routine su memoria di eventi registrazione di info nel controllo delle
prospettica di eventi e iniziale lavoro su non routine e importanti da usare attività.
routinari memoria incremento della successivamente. Si
prospettica non capacità di lavora sulle capacità
routine. apprendimento. di apprendimento a
lungo termine
CONSAPEVOLEZZA
Solo a questo livello Inizio del trattamento di consapevolezza Incremento della Incremento della consapevolezza progettuale
si può iniziare dichiarativa consapevolezza in tutti i contesti. Riduzione dei meccanismi di
trattamento della progettuale e negazione
riduzione dei
consapevolezza meccanismi di
della malattia negazione
FUNZIONI ESECUTIVE
No attività di cura Può effettuare Esegue ordini Residuano deficit Inizia e porta avanti Inizia e porta avanti Svolfe più compiti
della persona. compiti appresi in semplici e segue le esecutivi, può azioni necessarie per azioni necessarie per contemporaneamente
Esegue attività precedenza ma non indicazioni. Può applicare nuove completare attività completare attività ma può ancora
motorie può apprendere eseguire compiti da abilità ma con familiari. Può familiari in modo richiedere pause
automatiche ma non nuove informazioni. solo dopo averlo difficoltà. Si modificare i piani indipendente. Si periodiche. Si lavora
in modo Si punta a un spiegato. Si lavora incrementa il lavoro con assistenza. lavora sempre sul sul rinforzo
intenzionale o su controllo sulla pianificazione sulle attività non Consolidamento consolidamento dell’autonomia nel
richiesta. Si lavora comportamentale e delle attività routinarie della pianificazione della pianificazione controllare le attività
sugli aspetti orientamento routinarie e un stimolando la delle attività non delle attività non non routinarie.
comportamentali e temporale (planning iniziale non previsione. routinarie routinarie
sull’orientamento della giornata e routinarie.
temporale e ripetizione delle
contestuale, routine)
analizzando i
comportamenti.

Potrebbero piacerti anche