Sei sulla pagina 1di 2

Dante Alighieri

 Firenze, tra il 21 maggio e il 21 giugno 1265- Ravenna, notte tra il 13 e il 14 settembre


1321
 poeta, scrittore, linguista, teorico, politico e filosofo italiano
 considerato il padre della lingua italiana
 la sua fama è dovuta alla Comedìa, divenuta celebre come Divina Commedia e
universalmente considerata la più grande opera scritta in italiano e uno dei maggiori
capolavori della letteratura mondiale

La data di nascita e il mito di Boccaccio

La data di nascita di Dante non è conosciuta con esattezza, anche se solitamente viene
indicata attorno al 1265. Tale datazione è ricavata sulla base di alcune
allusioni autobiografiche riportate nella Vita Nova e nella cantica dell'Inferno, che comincia
con il celeberrimo verso "Nel mezzo del cammin di nostra vita". Poiché la metà della vita
dell'uomo è, per Dante, il trentacinquesimo anno di vita e poiché il viaggio
immaginario avviene nel 1300, si risalirebbe di conseguenza al 1265. Alcuni versi
del Paradiso ci dicono inoltre che egli nacque sotto il segno dei Gemelli, quindi in un periodo
compreso fra il 21 maggio e il 21 giugno.

I primi studi
Della formazione di Dante non si conosce molto. Con ogni probabilità, egli seguì
l'iter educativo proprio dell'epoca, che si basava sulla formazione presso un grammatico con
il quale apprendere prima i rudimenti linguistici, per poi approdare allo studio delle arti
liberali, pilastro dell'educazione medioevale: teologia, filosofia, fisica, astronomia da un lato
(quadrivio); dialettica, grammatica e retorica dall'altro (trivio). Come si può dedurre
da convivio II, 12, 2-4, l'importanza del latino quale veicolo del sapere era fondamentale per
la formazione dello studente, in quanto la ratio studiorum si basava essenzialmente sulla
lettura di Cicerone e di Virgilio da un lato e del latino medievale dall'altro.
L'educazione ufficiale era poi accompagnata dai contatti "informali" con gli stimoli culturali
provenienti ora da altolocati ambienti cittadini, ora dal contatto diretto con viaggiatori e
mercanti stranieri che importavano, in Toscana, le novità filosofiche e letterarie dei rispettivi
Paesi d'origine. Dante ebbe la fortuna di incontrare, negli anni ottanta, il politico ed erudito
fiorentino Ser Brunetto Latini, reduce da un lungo soggiorno in Francia sia come ambasciatore
della Repubblica, sia come esiliato politico.

Il matrimonio con Gemma Donati


Quando Dante aveva dodici anni, nel 1277, fu concordato il suo matrimonio con Gemma, figlia di
Messer Manetto Donati, che successivamente sposò all'età di vent'anni nel 1285.

Potrebbero piacerti anche