Sei sulla pagina 1di 2

Partecipazione maggio 2011 Tante altre notizie su

Informatore politico a cura del circolo del www.pdosiosopra.it


PARTITO DEMOCRATICO di Osio Sopra e scrivici a
info@pdosiosopra.it
La Costituzione italiana
Art. 2: La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo, sia
nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri
inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

LEGA NORD: Partito di governo, di opposizione o di potere? Riflessione di Rossano Artini (segr.PD Osio Sopra)

Mi capita spesso, essendo a contatto giornalmente con tante persone, di discutere gli eventi e le notizie che tutti i giorni
stampa e tv riportano. Le più animate naturalmente sono quelle politiche perchè ci toccano nel vivo in un momento così delicato
i problemi come la disoccupazione, il precariato, i profughi, la guerra, la scuola, chi non arriva a fine mese, le tasse ecc… .
Problemi reali che non hanno colore politico e che quindi ci accomunano.
Le differenze iniziano quando si cerca poi di dare meriti o demeriti alle
scelte del governo che provocano queste situazioni e qui ciò che emerge è che la A proposito dell’art. del numero scorso
colpa o è dell’opposizione, e questo francamente mi rimane difficile crederlo, o di Partecipazione “vergogna per insulti
di Berlusconi (qui sono già più convinto). a parlamentare portatrice di handicap”
Lungi da me voler difendere Berlusconi, ma mi viene spontanea una domanda: e la Lega locale risponde, con proprio
la Lega? Cosa è la Lega? Governo, opposizione o potere? volantino, dichiarando“informazioni
Penso che sia giunto il momento di mettere in risalto la contraddizione false prese da giornali di sinistra”
di un partito (la Lega) mai responsabile di errori del governo, benché garantisca Rispondiamo: Siamo alle solite.
pieno appoggio a Berlusconi, condividendone le scelte . Quando la notizia non piace è colpa dei
È vero che spesso e volentieri Bossi cerca di smarcarsi, alza la voce, giornali di sinistra. Non sapevamo che
minaccia crisi, contraddice il capo sui bombardamenti in Libia o sul giudizio dei anche l’Eco di Bergamo, che ha
magistrati e si è schierato varie volte con il Presidente della Repubblica nello riportata la notizia, fosse di sinistra.
scontro istituzionale messo in atto in vari modi da Berlusconi, ma tutti i giorni
assistiamo a dichiarazioni forti come federalismo, guerra civile o proposte come Quando si dice la verità non bisogna
“…ci vogliono 20 eserciti regionali…” , o il colorato “Fora di bal” rivolto ai dolersi di averla detta. La verità è
profughi. Poi però ci sono le famose cene di Arcore che sono come quegli spray sempre illuminante. Ci aiuta ad
miracolosi spruzzati sulle caviglie dei giocatori infortunati, che subito ti essere coraggiosi. Aldo Moro
rimettono in piedi; cene nelle quali si elaborano escamotage che rasentano il
ridicolo e trasformano, per citare un esempio, la contrarietà della Lega ai bombardamenti in Libia in bombardamenti a tempo
determinato, perchè Bossi, diventato improvvisamente pacifista, si è dimenticato di avvisare Castelli, che dichiara “…potremmo
affondare qualche barcone…”, e Speroni che afferma “…usiamo la mitragliatrice...”.
La mia domanda è quanto potranno durare tutte queste messinscena e quando ci renderemo conto che, al di là delle
parole, il dato di fatto è che la Lega in questi due anni ha votato tutte le scelte del governo Berlusconi, dallo scudo fiscale, alle
quote latte dei furbetti della stalla pagate con i soldi dei contribuenti, umiliando chi invece giustamente le aveva pagate, il
finanziamento dello stretto di Messina (6,3 miliardi di euro)
Votate tutte le leggi sulla cricca di Roma, voluto il “porcellum”(la legge
Lega parla, Silvio comanda elettorale con liste bloccate che non ti permette di scegliere il candidato), votata la
«Povera Lega. Faranno la voce privatizzazione dell’acqua, regalati soldi ai comuni “amici” tra cui Catania, Palermo e
grossa fino ai ballottaggi poi li Roma (800 milioni di euro), sprecati 350 milioni di euro per non avere accorpato il
premieranno con qualche voto amministrativo ai referendum, approvato il piano per il nucleare che
nomina e andranno avanti...». vorrebbero imporre ai territori; tutto questo in cambio di un federalismo che avrà
Vannino Chiti 13/05/11 come primo effetto nuove imposte per imprese e cittadini. Ma questo naturalmente
non importa, perché il risultato più importante la Lega lo ha ottenuto, occupando al
grido di “Roma ladrona” parecchie poltrone in RAI, ASSL, aeroporti, autostrade, holding pubbliche, con il risultato che il 30% dei
deputati leghisti ha il doppio, triplo e a volte quadruplo incarico.
Insomma, pare di vedere una Lega brutta e senz’anima, sempre più somigliante alla parte peggiore della Democrazia
Cristiana, che perlomeno non era razzista e non si era inventata una Patria fasulla (la Padania) per sfruttarne un’altra.
Chi pensava che l’ingresso di leghisti in tutti questi enti portasse una ventata moralizzatrice dovrà ricredersi, perché
ormai, oltre alla famosa banca del Nord il cui crack è stato sanato da Berlusconi, sono ormai frequenti gli scandali che
coinvolgono dirigenti e amministratori leghisti.
Ecco a cosa servono tutti gli strilli, le eccitazioni, i proclami: a mascherare queste situazioni, che cominciano ad affiorare
mettendo in difficoltà l’elettorato leghista, stanco della copertura quotidiana a Berlusconi e alle sue ormai note vicende e che
responsabilizza la Lega al pari di Berlusconi dell’inevitabile stallo in cui si trova il paese per una mancanza di cultura di governo,
che in due anni ha impegnato il parlamento a legiferare su leggi ad personam o federali, dimenticandosi dei veri problemi che
affliggono i cittadini al di là del proprio credo politico. Riflettete gente! Riflettete!
I!TERVISTA AL PRESIDE!TE DELLA POLISPORTIVA OSIO SOPRA
SIG!. FERRARI GIOVA!!I
La Polisportiva è senz’altro l’associazione più “vecchia” di Osio Sopra. Sa dirmi, più o meno a quando risale la costituzione?
In via ufficiosa nasce nell’autunno 1968 come USOS (Unione Sportiva Osio Sopra) e nella primavera 1969 si costituisce con l’attuale
denominazione e il primo presidente è stato il compianto Locatelli Alfredo

Secondo lei quali sono i risultati sportivi di maggior rilievo?


Fine anni 60 e inizio anni 70 l’atletica era molto ben strutturata e ben seguita con molti aderenti in particolare giovanile con
eclatanti risultati ad ogni livello. Basti ricordare che la nostra Polisportiva detiene tutt’ora il record nazionale femminile cadette per
staffetta 2000 mt. . Purtroppo questa disciplina piano piano si è dissolta a favore del calcio che tutt’ora sta avendo , specialmente a
livello di bambini e giovani, un grande successo e ci dà grande soddisfazione ed orgoglio.

In termini di numero quanti atleti gestite nel settore calcio e quali settori di età?
Solo nella sezione calcio i partecipanti sono 117 che vanno dai 6 ai 17 anni, e altri 26 atleti nel settore adulti.

Da anni gestite per conto del comune i campi da calcio e delle bocce. Quali sono i problemi che incontrate?
Per quanto ci riguarda fino ad oggi non abbiamo mai avuto dei grossi problemi grazie alla partecipazione di moltissimi volontari.
Tuttavia le problematiche di gestione dell’attività sono diverse. Dalla fiscalità alla gestione vera e propria dell’attività sportiva. Fare il
presidente comporta assumersi responsabilità che talvolta inducono a chiedersi “ma chi me lo fa fare?” che con tanto impegno c’è
sempre chi critica. Io ritengo che valga sempre il detto “chi fa fa, chi non fa critica” ma questo è il meno

In tanti anni si sono succedute diverse amministrazioni di diverso colore. Quale giudizio date del rapporto con quelle
amministrazioni e con l’attuale?
In linea generale c’è da sottolineare che da parte della Polisportiva c’è sempre stata massima disponibilità perché l’azione
del’associazione è rivolta non a se stessa ma alla comunità osiense. Senza venature polemiche, perché queste a nulla portano, c’è da
dire che in oltre 40 anni abbiamo mai goduto da parte delle varie amministrazioni (di qualsiasi colore politico) agevolazioni (vedi
utilizzo o gestione degli impianti) che altre amministrazioni di comuni vicinori hanno concesso alle società sportive del loro territorio.

La vostra festa dello sport è senz’altro una delle meglio riuscite. Quali sono i maggiori meriti che potete vantare
nell’organizzazione di una festa cosi partecipata?
Se si dovessero raccogliere le memorie dei fatti che hanno contribuito alle 34 edizioni passate, ci sarebbe da scrivere un libro.
Sicuramente il merito di tanto successo va dato alle tante persone volontarie che hanno operato con passione ammirevole malgrado le
tantissime ore di impegno gratuito. Senza di loro sarebbe stato impossibile farne una sola di feste. Colgo questa occasione per porgere
un enorme ringraziamento a tutte quelle persone a nome mio, di tutti gli atleti e dirigenti passati ed attuali.

L’amministrazione comunale si sta impegnando per realizzare lo spazio per le feste, voi pensate di poter utilizzare tale spazio
per la vostra festa?
8ulla di contrario.Ttuttavia ritengo che una risposta in un senso o nell’altro oggi sia prematura per tanti motivi. 8on vi sono
pregiudiziali: si tratta solo di comprendere l’opportunità sia logistica che organizzativa di una manifestazione cosi complessa come la
nostra Festa dello Sport.

STORIE DI TRAGEDIE, DI CUORE E PERSO!E CHE FA!!O GRA!DE L’ITALIA


Affare economico per l’organizzazione. Il viaggio costa750 euro a passeggero. Pagamento anticipato
Un barcone dopo l’altro. Il primo è colato a picco a Tripoli. Il secondo è arrivato con 800 profughi a Lampedusa. Il terzo è finito
sugli scogli. Tutti salvi i 500 a bordo grazie ai soccorsi italiani. Il plauso di Napolitano

IL RACCONTO DI UNA MADRE «È stato terribile, pensavamo di morire. Io a un certo punto ho perso mio figlio di quattro mesi,
Severin. Mi hanno trascinato sugli scogli perché ingoiavo acqua. L'ho ritrovato dopo alcune ore», si sfoga Madelein, 27 anni, col figlio,
adesso tra le braccia. E continua: «Siamo partiti quattro giorni fa dalla Libia. La barca era troppo piccola e noi eravamo in troppi. Non
c'era niente da mangiare fin dall'inizio. Un incubo».

GIOCO DI SQUADRA «È stata una bella operazione di squadra», ha commentato il comandante


della capitaneria di porto di Lampedusa, Antonio Morana. Momenti di forte emozione:
«Quello che non dimenticherò mai più sono gli occhi di quei bambini, anche di pochi mesi,
che mi venivano lanciati dal barcone che ondeggiava pericolosamente in acqua. Al momento
del distacco dalla madre o dal padre iniziavano a piangere, riferisce ancora scosso il
sottocapo Giuseppe Marotta - Mi sono tuffato con la muta da sub e ho dato una mano per
trasferire i profughi sulla terraferma

IL COMU!ICATO DEL COLLE. In serata la nota del Quirinale. «Desidero esprimere - dice
Napolitano - sincera ammirazione per le forze
dell’ordine e i volontari che hanno salvato centinaia di profughi africani - uomini, donne e
bambini – giunti in condizioni disperate nei pressi di Lampedusa». «L'Italia sta dando prova di solidarietà e spirito di accoglienza; tocca
all'Europa fare la sua parte e operare perché la Libia si dia un governo consapevole delle sue responsabilità»