Sei sulla pagina 1di 1

[21:57, 17/7/2021] Vincenzo Di Gioia: "I was jamming in a chili house on Seventh Avenue between 139th

and 140th. It was December 1939. Now I'd been getting bored with the stereotyped changes that were
being used all the time at the time, and I kept thinking there's bound to be something else. I could hear it
sometimes but I couldn't play it... Well, that night I was working over 'Cherokee' and, as I did, I found that
by using the higher intervals of a chord as a melody line and backing them with appropriately related
changes, I could play the thing I'd been hearing. I came alive."

[21:59, 17/7/2021] Vincenzo Di Gioia: usare gli intervalli più alti degli accordi per cadere cromaticamente
sulle note delle triadi (o al massimo accordi di sesta o tutti quelli di settima)

[21:59, 17/7/2021] Vincenzo Di Gioia: questo è quello che capì quella sera del 1939...

[22:00, 17/7/2021] Vincenzo Di Gioia: non se hai inteso...non ci avevo mai pensato

[22:03, 17/7/2021] Vincenzo Di Gioia: se ci rifletti capisci che questo è quello che lui ha sempre voluto fare
e ha fatto... per me è un modo COMPLETAMENTE nuovo e diverso di vedere le cose, questa è la chiave
insieme a tutta la teoria di Barry e le registrazioni che abbiamo di Charlie Parker..QUESTA è la chiave Raffae

[22:04, 17/7/2021] Vincenzo Di Gioia: l'ho appena capita questa cosa.