Sei sulla pagina 1di 12

Lo strumento dovrà essere collegato secondo le indicazioni della

115 Vca versione T050E1 ± 10% seguente tabella:


230 Vca versione T050E2 ± 10%
Alimentazione 24 Vca versione T050E3 ± 10% -E - ALIMENTAZIONE (NERO)
24 Vcc versione T050E4 ± 10% morsettiera M2
+E + ALIMENTAZIONE (ROSSO)
12 Vcc versione T050E5 ± 10% (collegamento celle di
carico) -S - SEGNALE (BIANCO)
Precisione di misura 0.01% del fondo scala +S + SEGNALE (VERDE)
Linearità 0.01% del fondo scala morsettiera M8
Trasmettitore di peso T050E Deriva in temperatura 0.005% / °C
~ LINEA
(alimentazione
Consumo strumento nelle versioni
~ LINEA
Manuale di installazione ed uso Temperatura di esercizio da –10 °C a +40 °C 1-2-3) TERRA
Versione SW 1.07 • 95% non condensante nel caso di
morsettiera M8
Umidità relativa
versione per barra DIN
(alimentazione + +12/24 Vcc
• non rilevante nel caso di versione strumento nelle versioni
in custodia IP65 4-5) - 0 Vcc
Alimentazione celle di 8 V con protezione contro i corto circuiti
carico e con riferimento di tensione interno I 4÷20 mA
morsettiera M3
Numero di celle collegabili (uscita analogica) V 0÷10 V
8 da 350 Ω C Comune
(4 conduttori)
Campo di misura da 0.5 a 2.5 mV/V TX TX-RS232 (primaria)
Velocità di conversione 56 conversioni / secondo RX RX-RS232 (primaria)
Numero di divisioni a morsettiera M9 TA TX-RS232 AUX (ausiliaria)
20000 (uscite seriali e C SGROUND
display
Sensibilità di lettura 1-2-5-10-20-50 ingresso ) K ZERO/ACK (ingresso)
Display 5 cifre LED A A-RS485
1 relè (4 nella versione L) doppio B B-RS485
Uscite digitali
contatto in scambio 1A @ 230 Vca morsettiera M4 C COMUNE
Uscita analogica (16 bit) 4..20 mA o 0..10 V (uscita relè doppio NA NORMALMENTE APERTO
• mm 184 x 128 x 74 scambio) NC NORMALMENTE CHIUSO
(versione per barra DIN EN 50022) C COMUNE
Dimensioni morsettiera M5
• mm 240 x 160 x 90
(uscita relè doppio NA NORMALMENTE APERTO
c display (versione in custodia IP65)
scambio) NC NORMALMENTE CHIUSO
d tasto F/INC (incrementa) morsettiera M6 C COMUNE
1. MESSA IN SERVIZIO DELLO STRUMENTO
e tasto DEC (decrementa) (uscita relè doppio NA NORMALMENTE APERTO
scambio)
f tasto ENT (conferma) Per la corretta messa in servizio dello strumento occorre
procedere nell’ordine con le seguenti operazioni:
NC NORMALMENTE CHIUSO
morsettiera M7 C COMUNE
g tasto ESC (annulla) (uscita relè doppio NA NORMALMENTE APERTO
h morsettiera cella M2 - eseguire o verificare i collegamenti elettrici (vedi paragrafo 2) scambio) NC NORMALMENTE CHIUSO
- impostare la scala di pesatura (vedi paragrafi 3 e 4)
i morsettiera alimentazione M8 - eseguire la calibrazione dei pesi (vedi paragrafo 5)
j morsettiera uscita analogica M3
Nel caso in cui l’impianto utilizzi più di una cella di carico, le celle
dovranno essere collegate ad una apposita cassetta di giunzione
k morsettiera uscite seriali e ingresso M9 2. COLLEGAMENTI ELETTRICI (ADOS modelli serie 1308), la cui uscita dovrà essere collegata
10-11-12-13 morsettiere uscite relè M4-M5-M6-M7 ATTENZIONE alla morsettiera M2 del T050E.
Per i collegamenti delle celle di carico, delle linee di segnale
- il collegamento non corretto dei cavi oppure l’inversione di analogico in uscita e delle linee seriali si raccomanda l’uso di
Con la presente polarità sull’alimentazione possono danneggiare il dispositivo cavo schermato e l'utilizzo di percorsi separati da segnali di
ADOS S.r.l., Via Lazio 25, 20090 Buccinasco (Mi) - per non danneggiare il dispositivo le tensioni di potenza.
dichiara che questo T050E è conforme ai requisiti essenziali ed alimentazione non devono superare i limiti previsti Il codice colori dei cavi cella riportato in tabella è quello utilizzato
alle altre disposizioni pertinenti stabilite dalle direttive: sulle celle ADOS standard. Verificare con attenzione la funzione
72/23/CEE-89/336/CEE e dalla norma UN EN 954-1:1998 dei conduttori nel caso in cui si utilizzino celle ADOS speciali
oppure celle di altri costruttori.

ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 1 di 12
sul display apparirà il valore del parametro con
2.2 Predisposizioni hardware ESEMPIO: per ottenere una scala di pesatura da 0 a 20000 unità, l’indicazione lampeggiante del nome del parametro
occorre impostare un valore di 10000 divisioni con una sensibilità
di 2 unità per divisione (10000 x 2 = 20000). In questo modo il utilizzare i tasti F/INC e DEC per modificare il valore del
JP2 peso verrà visualizzato con incrementi di 2. Un’altra soluzione, parametro (tenendo premuto il tasto per più di 3 sec si
meno efficiente, sarebbe quella di impostare un valore di 2000 attiva la funzione di auto-ripetizione)
divisioni con una sensibilità di 10 unità per divisione: in questo
modo però la variazione di peso minima apprezzabile sarebbe più premere il tasto E per confermare il valore impostato
scadente. oppure il testo C per annullare
Nel caso in cui il peso di fondo scala fosse 2000 Kg, impostando i
decimali a 0.0 il valore visualizzato a display andrebbe da 0.0 a
2000.0 Kg, con incrementi di 0.2 Kg.

ZS1 I valori disponibili sono:

DIVISIONI SENSIBILITA’ DECIMALI


1000 1 0

Uscita analogica
2000
3000
4000
5000
X
2
5
10
20
: 0.0
0.00
0.000
0.0000
JP2 Inserito uscita 0-10 V 10000 50
JP2 Estratto uscita 4-20 mA 20000

Uscita seriale principale NOTA: se la scala di pesatura desiderata non è ottenibile con la
combinazione dei valori di divisioni e sensibilità disponibili, il valore
ZS1 2-3 uscita RS232 dovrà essere approssimato per eccesso: ad esempio, nel caso di
ZS1 1-2 uscita RS485 una scala di pesatura da 0 a 7000 il più vicino valore ottenibile è
8000 (4000 x 2 = 8000).
3. IMPOSTAZIONE SCALA DI PESATURA
Prima di impostare la scala di pesatura bisogna, in relazione alle 4. CONFIGURAZIONE DEI PARAMETRI
celle di carico utilizzate, impostarne la sensibilità LC SE. Questo
dato è rilevabile per le celle di carico ADOS dal verbale di
collaudo. Il valore è espresso come mV su V di alimentazione per entrare in configurazione premere il tasto F/INC
(mV/V).

premere il tasto E per accedere ai parametri di


configurazione oppure il tasto C per annullare
Il valore numerico del peso presentato a display viene composto
dalla moltiplicazione di due parametri: DIVISIONI e SENSIBILITA’,
sul display apparirà il nome del primo dei parametri
con la possibilità di impostare il numero di DECIMALI necessario.
disponibili (ad esempio la selezione della sensibilità della
Il numero di divisioni rappresenta il numero di gradini in cui viene
divisa la scala di pesatura; tanto maggiore sarà il numero di
divisioni impostate e tanto più sarà possibile apprezzare piccole cella di carico)
variazioni di peso.
Il valore di sensibilità rappresenta invece il valore associato a utilizzare i tasti F/INC e DEC per passare rispettivamente
ciascun gradino della scala di pesatura, e dovrà essere scelto in al parametro successivo o a quello precedente
modo tale da ottenere la scala di pesatura desiderata.
Il valore dei decimali serve ad impostare la posizione del punto sul una volta individuato il parametro che si
display di lettura del peso, per leggere il valore peso con la corretta desidera modificare, premere il tasto E
unità di misura.

ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 2 di 12
I parametri di configurazione disponibili sono i seguenti: VAL 3 valore soglia assegnato al relè numero 3
(da -10% al 110% del valore della portata)
DLY S
Questo parametro permette di impostare un ritardo sulla
sensibilità cella di carico (mV/V) valore di isteresi assegnato al relè numero 3
LC SE (1.00 - 1.25 - 1.50 - 1.75 - 2.00 - 2.25 - 2.50 - 2.75
DB 3 (da 0 al 10% del valore della portata)
trasmissione seriale dei dati sulla linea seriale principale.
3.00 - 4.00)
DAL 3 tempo minimo per allarme relè numero 3 DLY R
numero di divisioni (da 0.0 a 50.0 sec)
DIVIS (1000 - 2000 - 3000 – 4000 - 5000 – 10000 - 20000) tempo minimo per ritorno a riposo relè numero 3
Questo parametro permette di impostare un time out sulla
DOH 3 ricezione seriale dei dati sulla linea seriale principale.
valore della sensibilità di lettura (da 0.0 a 50.0 sec)
SENSI (1 - 2 - 5 - 10 - 20 - 50) funzione del relè numero 4
BAUD
numero di decimali a display
FUN 4 (OFF - FAIL - LO AL - HI AL - FAILA - LOALA - Questo parametro permette di impostare la velocità di
DEC P (0 - 0.0 - 0.00 - 0.000 - 0.0000) HIALA - HORN - LOALG - HIALG) comunicazione sulla linea seriale principale.
AVER impostazione media dinamica e filtro
(1 - 4 - 8 - FIR 1 - FIR 2 - FIR 3 - FIR 4 - FIR 5)
VAL 4 valore soglia assegnato al relè numero 4 ID485
(da -10% al 110% del valore della portata)
Questo parametro permette di impostare l’indirizzo necessario per
Impostazione valore di auto zero valore di isteresi assegnato al relè numero 4
-0- (0 - 100.0%)
DB 4 (da 0 al 10% del valore della portata)
l’identificazione dello strumento su una linea multipunto RS-485.

SER impostazione della porta seriale principale


DAL 4 tempo minimo per allarme relè numero 4 DA 0
(MODBU - CON - BIDIR) (da 0.0 a 50.0 sec) Questo parametro permette di impostare il limite basso della scala
impostazione ritardo alla trasmissione tempo minimo per ritorno a riposo relè numero 4 dell'uscita analogica.
DLY S (0 - 200 mS)
DOH 4 (da 0.0 a 50.0 sec)
impostazione time out in ricezione
DA FS
DLY R (0 - 200 mS) Questo parametro permette di impostare il fondo scala dell'uscita
baudrate della porta seriale Il significato dei parametri LC SE,DIVIS, SENSI, analogica.
BAUD FUN 1-FUN 2-FUN 3-FUN 4
(1200 - 2400 - 4800 - 9600)
indirizzo per RS-485
e DEC P è stato descritto nel paragrafo 4.
AD485 (da 0 a 32)
OFF: il relè è escluso (sempre eccitato).

DA 0 impostazione zero fondo scala uscita analogica AVER FAIL: il relè si diseccita e viene presentato il messaggio “FAIL” sul
(da 0 al valore della portata) Questo parametro viene utilizzato per il filtraggio digitale del display nel caso in cui venga rilevato un guasto elettrico sui
impostazione fondo scala uscita analogica segnale peso, in modo da ridurre gli effetti indesiderati dovuti ad conduttori di segnale delle celle di carico.
DA FS (da 0 al valore della portata) esempio alle vibrazioni meccaniche che agiscono sul sistema di LO AL: il relè si diseccita solo se il valore del peso è minore o
funzione del relè numero 1 pesatura.
FUN 1 (OFF - FAIL - LO AL - HI AL - FAILA - LOALA - Più è alto il valore del parametro e tanto maggiore è la capacità di
uguale al set impostato (vedi parametri VAL 1-VAL 2-VAL 3
VAL4).
HIALA - HORN - LOALG - HIALG) filtrare le oscillazioni indesiderate, anche se a questo effetto
valore soglia assegnato al relè numero 1 corrisponde un maggiore ritardo nel visualizzare le variazioni del HI AL: il relè si diseccita solo se il valore del peso è maggiore o
VAL 1 (da -10% al 110% del valore della portata) segnale peso. uguale al set impostato (vedi parametri VAL 1-VAL 2-VAL 3
valore di isteresi assegnato al relè numero 1 VAL4).
DB 1 (da 0 al 10% del valore della portata)
-0-
Questo parametro se diverso da 0 consente di effettuare tramite FAILA: il relè si comporta come nella configurazione FAIL, la
tempo minimo per allarme relè numero 1
DAL 1 (da 0.0 a 50.0 sec) ingresso esterno un azzeramento del trasmettitore. L'azzeramento condizione di ritorno a riposo è subordinata alla chiusura
ha effetto sulla visualizzazione, sull'uscita seriale, sull'uscita dell'ingresso di ACK (parametro - O - impostato a 0.0).
tempo minimo per ritorno a riposo relè numero 1
DOH 1 (da 0.0 a 50.0 sec) analogica e sulla gestione dei valori di soglia (ad eccezione dei
casi di impostazione della funzione relè in LO ALG o HI ALG. LOALA: il relè si comporta come nella configurazione LO AL, la
funzione del relè numero 2
FUN 2 (OFF - FAIL - LO AL - HI AL - FAILA - LOALA -
L'impostazione è in decimi di punto percentuale. Nel caso di condizione di ritorno a riposo è subordinata alla chiusura
impostazione del valore a 0.0, l'ingresso (se viene abilitata la dell'ingresso di ACK (parametro - O - impostato a 0.0).
HIALA - HORN - LOALG - HIALG)
funzione dei relè di allarme con memorizzazione: LOALA, HIALA,
valore soglia assegnato al relè numero 2
VAL 2 (da -10% al 110% del valore della portata)
FAILA) ha la funzione di tacitazione allarme (ACK). HIALA: il relè si comporta come nella configurazione HI AL, la
condizione di ritorno a riposo è subordinata alla chiusura
DB 2 valore di isteresi assegnato al relè numero 2 SER dell'ingresso di ACK (parametro - O - impostato a 0.0).
(da 0 al 10% del valore della portata) Questo parametro permette di impostare il modo di utilizzo della
tempo minimo per allarme relè numero 2 porta seriale.
DAL 2 (da 0.0 a 50.0 sec) CON: viene abilitata la trasmissione continua in seriale della
HORN: il relè normalmente inattivo, viene eccitato quando si
verifica una situazione di allarme associata ad uno dei relè
tempo minimo per ritorno a riposo relè numero 2 stringa in protocollo ASCII ADOS
DOH 2 (da 0.0 a 50.0 sec) BIDIR: viene abilitata la trasmissione su richiesta in seriale della
configurato : FAILA, LOALA o HIALA.

funzione del relè numero 3 stringa in protocollo ASCII ADOS


FUN 3 (OFF - FAIL - LO AL - HI AL - FAILA - LOALA - MODBU: viene abilitata la modalità di trasmissione secondo
LO ALG: il relè si diseccita solo se il valore del peso è minore o
uguale al set impostato. Il set agisce indipendentemente dal valore
HIALA - HORN - LOALG - HIALG) protocollo MODBUS. azzerato (vedi parametri VAL 1-VAL 2-VAL 3 VAL4). Il peso

ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 3 di 12
assoluto (netto+azzerato) è visualizzabile tramite la pressione del
tasto E. utilizzando i tasti F/INC e DEC modificare il valore fino a
farlo corrispondere al valore del peso campione
HI ALG: il relè si diseccita solo se il valore del peso è maggiore o
uguale al set impostato. Il set agisce indipendentemente dal valore per procedere con la calibrazione del fondo scala
azzerato (vedi parametri VAL 1-VAL 2-VAL 3 VAL4). ). Il peso per eseguire la funzione di calibrazione dello zero
premere per 3 volte ENT (e attendere), per annullare premere E, per annullare l’operazione premere C
assoluto (netto+azzerato) è visualizzabile tramite la pressione del
tasto E. premere ESC

VAL 1-VAL 2-VAL 3-VAL 4


se appare la scritta
Questo valore rappresenta il valore della soglia di allarme
(impostabile tra -10 e 110% del valore di fondo scala.) se appare la scritta

DB 1-DB 2-DB 3-DB 4


Questo valore rappresenta il valore di isteresi (impostabile tra 0 e significa che la calibrazione di fondo scala è stata
10% del valore di fondo scala.) significa che la calibrazione di zero è stata conclusa in conclusa in modo corretto, se appare la scritta
modo corretto.
DAL 1-DAL 2-DAL 3-DAL 4 Premere C per uscire dalla calibrazione di zero. VERIFICARE I PROBLEMI E
La condizione di allarme si ha al raggiungimento del valore di RIPETERE LA CALIBRAZIONE
soglia e alla permanenza della condizione di allarme per un tempo
5.2 Calibrazione di fondo scala
maggiore o uguale al parametro DAL (impostabile tra 0 e 50.0 s) significa che la calibrazione non è stata eseguita
caricare il sistema di pesatura con un peso campione di (ad esempio a causa di errore di installazione o
cui si conosce con esattezza il valore, uguale o il più collegamento delle celle di carico.
DOH 1- DOH 2-DOH 3-DOH 4 vicino possibile al valore del fondo scala (divisioni x Premere C per uscire dalla calibrazione di zero.
Questo valore rappresenta il valore espresso in tempo del sensibilità) configurato (comunque non inferiore al 12.5%
perdurare della segnalazione di allarme (impostabile tra 0 e 50.0 s) del fondo scala).
dopo il rientro in condizioni di normalità. ATTENZIONE
premere il tasto F/INC fino a che non apparirà la Il sistema di pesatura può essere utilizzato solo se la entrambe le
seguente scritta calibrazioni sono state concluse in modo corretto
5. CALIBRAZIONE PESI
Dopo aver impostato la scala di pesatura desiderata occorre 5.3 Linearizzazione
procedere con le due fasi di taratura dell’impianto:
per proseguire con la funzione di calibrazione premere il sistema consente di linearizzare la curva di risposta del
• calibrazione di zero (vedi paragrafo 5.1) E, per annullare premere C sistema di pesatura introducendo quattro punti intermedi
• calibrazione di fondo scala (vedi paragrafo 5.2)
compresi tra la calibrazione di zero e la calibrazione di
• linearizzazione (vedi paragrafo 5.3) premere il tasto F/INC oppure il tasto DEC fino a che non
fondo scala. La linearizzazione risulta valida solo se
apparirà la seguente scritta
5.1 Calibrazione di zero vi è ripetibilità dell'errore.

premere il tasto F/INC fino a che non apparirà la


verificare che nessun peso sia caricato sul sistema di seguente scritta
pesatura (zero kg)

per eseguire la funzione di calibrazione del fondo scala


premere il tasto F/INC fino a che non apparirà la premere E, per annullare premere ESC
seguente scritta
per proseguire con la funzione di calibrazione premere
E, per annullare premere C

premere il tasto F/INC oppure il tasto DEC fino a che non


a questo punto viene visualizzato un valore apparirà la seguente scritta
per proseguire con la funzione di calibrazione premere assolutamente casuale (1234 nell’esempio), al posto del
E, per annullare premere C quale deve essere impostato il valore del peso campione
che è stato caricato sul sistema di pesatura
premere il tasto F/INC oppure il tasto DEC fino a che non
apparirà la seguente scritta
ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 4 di 12
l’uscita resterà fissa al massimo. Allo stesso modo per valori di 6.2 Compensazione del fondo scala analogico
per eseguire la funzione di linearizzazione premere E, peso negativi l’uscita analogica resterà fissa al minimo.
per annullare premere ESC La seconda fase si utilizza per allineare l’uscita analogica in modo
che lo zero (minimo valore possibile) sia esattamente a 0 V oppure La verifica dell'azione della procedura di
compensazione deve essere visionata sul sistema di
a 4 mA.
ricezione del segnale analogico trasmesso.
La terza fase si utilizza per allineare l’uscita analogica in modo che
lo span (massimo valore possibile) sia esattamente a 10 V oppure Diversamente non verrebbero considerate le cadute di
a questo punto viene visualizzato il valore del peso segnale dovute ai cavi.
a 20 mA.
rilevato dal sistema di pesatura
6.1 Compensazione dello zero analogico
utilizzando i tasti F/INC e DEC modificare il valore fino a premere il tasto F/INC fino a che non apparirà la
farlo corrispondere al valore effettivamente caricato La verifica dell'azione della procedura di seguente scritta
compensazione deve essere visionata sul sistema di
per confermare l'operazione premere E, per annullare ricezione del segnale analogico trasmesso.
l’operazione premere C Diversamente non verrebbero considerate le cadute di
segnale dovute ai cavi.
premere il tasto E successivamente F/INC fino a che non
apparirà la seguente scritta
se appare la scritta
premere il tasto F/INC fino a che non apparirà la
seguente scritta

per proseguire con la funzione di compensazione del


significa che la calibrazione è stata conclusa in modo fondo scala dell'uscita analogica premere E, per
corretto. annullare premere C
Premere C per uscire dalla procedura. per proseguire con la funzione di compensazione dello
La procedura è analoga per tutti i 4 punti di zero dell'uscita analogica premere E, per annullare
linearizzazione. premere C
Attenzione che:
• i quattro punti di linearizzazione devono essere a questo punto viene visualizzato un valore numerico,
compresi tra la calibrazione di zero e la proporzionale al valore di uscita in tensione o in corrente
calibrazione di fondo scala letto sul tester
• i valori immessi devono essere sempre per eseguire la funzione premere E, per annullare
superiori al valore precedentemente immesso e premere ESC tramite i tasti F/INC e DEC modificare tale valore fino a
inferiori al successivo. che sul tester non si leggerà esattamente 10 V oppure
20 mA

per uscire premere C


6. COMPENSAZIONE USCITA ANALOGICA a questo punto viene visualizzato un valore numerico,
Le funzioni di compensazione dell’uscita analogica sono identiche proporzionale al valore di uscita in tensione o in corrente
sia nel caso di uscita in tensione 0-10 V che in corrente 4-20 mA. letto sul tester

La compensazione dell’uscita analogica prevede 3 fasi: tramite i tasti F/INC e DEC modificare tale valore fino a
1. impostazione scala analogica (vedi parametri DA 0 e DA FS che sul tester non si leggerà esattamente 0 V oppure 4
nel paragrafo 4) mA
2. allineamento dello zero (vedi paragrafo 6.1)
3. allineamento del fondo scala (vedi paragrafo 6.2) per uscire premere C

La prima fase serve a definire a quale valore di peso deve


corrispondere il massimo valore dell’uscita analogica.
Ad esempio il fondo scala di pesatura potrebbe essere 5000, però
il valore massimo dell’uscita analogica (10 V e 20 mA) può essere
fissato a 3000.
In questo modo per valori di peso da 0 a 3000 l’uscita analogica si
muoverà da 0 a 10 V (oppure da 4 a 20 mA); per valori superiori

ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 5 di 12
7° carattere [PESO 5] come sopra 6° carattere [PESO 2] come sopra
7. Gestione linee seriali 8° carattere [PESO 6] come sopra 7° carattere [PESO 3] come sopra
9° carattere [PESO 7] come sopra 8° carattere [PESO 4] come sopra
Il T050E è equipaggiato con due linee seriali, una primaria 10° carattere [ERR] <SPAZIO> (Hex 20) nessun errore 9° carattere [PESO 5] come sopra
bidirezionale e una ausiliaria con la sola trasmissione. <> da (Hex 20) errore 10° carattere [PESO 6] come sopra
Le connessioni e le modalità di comunicazione sono gestite dallo 11° carattere [RELE'] 1 carattere Hex per lo stato dei relè. 11° carattere [PESO 7] come sopra
strumento secondo la seguente tabella: Bit=1 relè eccitato, Bit=0 relè 12° carattere [ERR] <SPAZIO> (Hex 20) nessun errore
disecciato. <> da (Hex 20) errore
BAUD Bit a peso 1 = relè 1 13° carattere [RELE'] 1 carattere Hex per lo stato dei relè.
PORTA CONNESSIONE MODALITÀ PARAM.
RATE Bit a peso 2 = relè 2 Bit=1 relè eccitato, Bit=0 relè
1200 Bit a peso 4 = relè 3 disecciato.
Continua 2400 8 bit Bit a peso 8 = relè 4 Bit a peso 1 = relè 1
Principale RS232/RS485 Bidirezionale 4800 No parity 12° carattere [STATO] <SPAZIO> (Hex 20) se lo strumento Bit a peso 2 = relè 21
Modbus 9600 1 stop è in condizioni operative normali Bit a peso 4 = relè 3
<F> (Hex 43) se lo strumento è in Bit a peso 8 = relè 4
8 bit stato di FAIL 14° carattere [STATO] <SPAZIO> (Hex 20) se lo strumento
Ausiliaria RS232 Continua 1200 No parity <S> (Hex 53) se lo strumento è in è in condizioni operative normali
2 stop fase di configurazione <F> (Hex 43) se lo strumento è in
<I> (Hex 45) se lo strumento non è stato di FAIL
mai stato calibrato <S> (Hex 53) se lo strumento è in
• TRASMISSIONE CONTINUA (Con) 13° carattere [CHK 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o fase di configurazione
Lo strumento trasmette continuamente la stringa dati ASCII da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) <I> (Hex 45) se lo strumento non è
senza nessuna richiesta ad un solo strumento (RS-232) ad indicare la parte alta del mai stato calibrato
oppure ad uno o più strumenti (RS-485). checksum (per il calcolo del 15° carattere [CHK 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o
• BIDIREZIONALE (Bidir) checksum vedi paragrafo 7.2) da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46)
Lo strumento invia la stringa dati ASCII solo a seguito di 14° carattere [CHK 2] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o ad indicare la parte alta del
richiesta da parte di un dispositivo collegato sulla linea da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) ad checksum (per il calcolo del
facente funzioni di master. indicare la parte bassa del checksum vedi paragrafo 7.2)
Il master può interrogare uno alla volta più slave connessi alla checksum 16° carattere [CHK 2] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o
stessa linea identificati con un ID 485 diverso (solo RS-485), 15° carattere <CR> (Hex 0D) fisso da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) ad
oppure un solo slave sulla linea (sia RS-232 che RS-485). indicare la parte bassa del
• MODBUS (Modbu) La lunghezza della stringa è diversa a nel caso del parametro checksum
Lo strumento trasmette in modalità bidirezionale utilizzando la ID485 diverso da 0. Questa stringa è valida solo per la porta 17° carattere <CR> (Hex 0D) fisso
versione RTU del protocollo MODBUS. principale.
7.1 Formato della stringa in modalità continua 7.2 Calcolo del checksum
• ID485 > 0 (lunghezza 17 caratteri)
La stringa ASCII trasmessa dallo strumento è uguale sia per la I due caratteri ASCII che identificano il checksum devono essere
porta principale sia per la porta ausiliaria. calcolati nel seguente modo:
1° carattere [STX] (Hex 02) fisso
• ID485 = 0 (lunghezza 15 caratteri) 2° carattere [ID485 H] da <0> (Hex 30) a <3> (Hex 33) 1. Calcolare lo XOR binario di tutti i caratteri a partire dal
ad indicare le decine del valore 1° compreso, fino al 12° compreso nel caso di stringa
1° carattere <STX> (Hex 02) fisso ID485 impostato lunga 15 caratteri (ID485 = 0) oppure al 14° compreso
2° carattere [SEGNO] <SPAZIO> (Hex 20) se il valore del 3° carattere [ID485 L] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) nel caso di stringa lunga 17 caratteri (ID485 > 0).
peso è positivo ad indicare le unità del valore ID485
<-> (Hex 2D) se il valore del peso è impostato 2. Separare il valore dello XOR così ottenuto in parte alta
negativo 4° carattere [SEGNO] <SPAZIO> (Hex 20) se il valore del (primi 4 bit) e parte bassa (ultimi 4 bit).
3° carattere [PESO 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) ad peso è positivo
indicare il valore numerico del peso <-> (Hex 2D) se il valore del peso è 3. Codificare secondo la tabella ASCII hex la parte alta, che
con eventualmente il punto decimale negativo diventerà il carattere scritto nella posizione [CHK 1]
<.> (Hex 2E) oppure 5° carattere [PESO 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) ad (13° carattere nel caso di stringa lunga 15 caratteri, 15°
<SPAZIO> (Hex 20) per cancellare indicare il valore numerico del peso nel caso di stringa lunga 17).
gli zeri non significativi davanti al con eventualmente il punto decimale Ad esempio il valore binario 5 (0101) diventerà il
numero <.> (Hex 2E) oppure carattere <5> (Hex 35), oppure il valore binario B (1011)
4° carattere [PESO 2] come sopra <SPAZIO> (Hex 20) per cancellare diventerà il carattere maiuscolo <B> (Hex 42).
5° carattere [PESO 3] come sopra gli zeri non significativi davanti al
6° carattere [PESO 4] come sopra numero
ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 6 di 12
4. Codificare secondo la tabella ASCII hex la parte bassa, ad indicare le unità del valore ID485 Nel caso di indirizzo 485 a 0 il 2° e il 3° carattere sono
che diventerà il carattere scritto nella posizione [CHK 2] impostato omessi.
(14° carattere nel caso di stringa lunga 15 caratteri, 16° 4° carattere [C] (Hex 43) fisso
nel caso di stringa lunga 17). 5° carattere [R] (Hex 52) fisso 1° carattere [STX] (Hex 02) fisso
(vedi esempio precedente) 6° carattere [n] da <0> (Hex 30) a <B> (Hex 42) 2° carattere [ID485 H] da <0> (Hex 30) a <3> (Hex 33)
7° carattere [CHK 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o ad indicare le decine del valore
7.3 Formato della stringa in modalità bidirezionale da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) ID485 impostato
ad indicare la parte alta del 3° carattere [ID485 L] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39)
La stringa ASCII di richiesta dei dati ha una lunghezza variabile in checksum (per il calcolo del ad indicare le unità del valore ID485
base al valore del parametro ID485. checksum vedi paragrafo 7.2) impostato
8° carattere [CHK 2] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o 4° carattere [C] (Hex 43) fisso
7.3.1 Comando di richiesta peso e comando di richiesta da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) ad 5° carattere [E] (Hex 45) fisso
azzeramento del peso indicare la parte bassa del 6° carattere [n] numero del parametro da <0> (Hex
checksum 30) a <B> (Hex 42)
<STX>[<ADDH><ADDL>]<CMD><DATI><CHKH><CHKL><CR> 9° carattere <CR> (Hex 0D) fisso 7° carattere [(] (Hex 28)
CMD = <P> (Hex 50) comando di richiesta peso 8° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
CMD = <Z> (Hex 5A) comando di azzeramento Il formato della risposta ha il seguente formato: 9° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
<DATI> Eventuali dati legati al comando 10° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
1° carattere [STX] (Hex 02) fisso 11° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
2° carattere [ID485 H] da <0> (Hex 30) a <3> (Hex 33) 12° carattere [)] (Hex 29)
• ID485 > 0 (lunghezza 7 caratteri) ad indicare le decine del valore 13° carattere [CHK 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o
ID485 impostato da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46)
1° carattere [STX] (Hex 02) fisso 3° carattere [ID485 L] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) ad indicare la parte alta del
2° carattere [ID485 H] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 33) ad indicare le unità del valore ID485 checksum (per il calcolo del
ad indicare le decine del valore impostato checksum vedi paragrafo 7.2)
ID485 impostato 4° carattere [C] (Hex 43) fisso 14° carattere [CHK 2] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o
3° carattere [ID485 L] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) 5° carattere [R] (Hex 52) fisso da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) ad
ad indicare le unità del valore ID485 6° carattere [n] numero del parametro da <0> (Hex indicare la parte bassa del
impostato 30) a <B> (Hex 42) checksum
4° carattere [DATO] 7° carattere [(] (Hex 28) 15° carattere <CR> (Hex 0D) fisso
5° carattere [CHK 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o 8° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) 9° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
ad indicare la parte alta del 10° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
checksum (per il calcolo del 11° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
checksum vedi paragrafo 7.2) 12° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4) Il formato della risposta ha il seguente formato:
6° carattere [CHK 2] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o 13° carattere [)] (Hex 29)
da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) ad 14° carattere [CHK 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o 1° carattere [STX] (Hex 02) fisso
indicare la parte bassa del da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) 2° carattere [ID485 H] da <0> (Hex 30) a <3> (Hex 33)
checksum ad indicare la parte alta del ad indicare le decine del valore
7° carattere <CR> (Hex 0D) fisso checksum (per il calcolo del ID485 impostato
checksum vedi paragrafo 7.2) 3° carattere [ID485 L] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39)
Nel caso di indirizzo 485 a 0 il 2° e il 3° carattere sono 15° carattere [CHK 2] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o ad indicare le unità del valore ID485
omessi. da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) ad impostato
In entrambi i casi la stringa di risposta ha lo stesso formato indicare la parte bassa del 4° carattere [C] (Hex 43) fisso
della modalità continua. checksum 5° carattere [R] (Hex 52) fisso
16° carattere <CR> (Hex 0D) fisso 6° carattere [n] numero del parametro da <0> (Hex
7.3.2 Comando di richiesta parametri di configurazione 30) a <B> (Hex 42)
Esempio 7° carattere [(] (Hex 28)
Nel caso di indirizzo 485 a 0 il 2° e il 3° carattere sono 8° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
omessi. Richiesta parametro Baud rate (parametro A) 9° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
Richiesta: <STX><C><R><A><52><CR> 10° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
1° carattere [STX] (Hex 02) fisso Risposta (1200 baud): 11° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
2° carattere [ID485 H] da <0> (Hex 30) a <3> (Hex 33) <STX><C><R><A><(><0><0><0><0><3><)><60><CR> 12° carattere [p] valore del parametro (vedi par. 4)
ad indicare le decine del valore 13° carattere [)] (Hex 29)
ID485 impostato 7.3.3 Comando di modifica dei parametri di configurazione 14° carattere [CHK 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o
3° carattere [ID485 L] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46)
ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 7 di 12
ad indicare la parte alta del 10° carattere [s] valore del set point 8° carattere [t] codice della funzione relè da <0>
checksum (per il calcolo del 11° carattere [s] valore del set point (Hex 30) a <9> (Hex 39)
checksum vedi paragrafo 7.2) 12° carattere [s] valore del set point 9° carattere [,] (Hex 2C) fisso
15° carattere [CHK 2] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o 13° carattere [s] valore del set point 10° carattere [s] valore del set point
da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) ad 14° carattere [s] valore del set point 11° carattere [s] valore del set point
indicare la parte bassa del 15° carattere [s] valore del set point 12° carattere [s] valore del set point
checksum 16° carattere [s] valore del set point 13° carattere [s] valore del set point
16° carattere <CR> (Hex 0D) fisso 17° carattere [,] (Hex 2C) fisso 14° carattere [s] valore del set point
18° carattere [b] valore dell'isteresi 15° carattere [s] valore del set point
7.3.4 Comando di richiesta parametri di configurazione 19° carattere [b] valore dell'isteresi 16° carattere [s] valore del set point
relè 20° carattere [b] valore dell'isteresi 17° carattere [,] (Hex 2C) fisso
21° carattere [b] valore dell'isteresi 18° carattere [b] valore dell'isteresi
Nel caso di indirizzo 485 a 0 il 2° e il 3° carattere sono 22° carattere [b] valore dell'isteresi 19° carattere [b] valore dell'isteresi
omessi. 23° carattere [b] valore dell'isteresi 20° carattere [b] valore dell'isteresi
24° carattere [b] valore dell'isteresi 21° carattere [b] valore dell'isteresi
1° carattere [STX] (Hex 02) fisso 25° carattere [,] (Hex 2C) fisso 22° carattere [b] valore dell'isteresi
2° carattere [ID485 H] da <0> (Hex 30) a <3> (Hex 33) 26° carattere [a] valore tempo per intervento allarme 23° carattere [b] valore dell'isteresi
ad indicare le decine del valore 27° carattere [a] valore tempo per intervento allarme 24° carattere [b] valore dell'isteresi
ID485 impostato 28° carattere [a] valore tempo per intervento allarme 25° carattere [,] (Hex 2C) fisso
3° carattere [ID485 L] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) 29° carattere [,] (Hex 2C) fisso 26° carattere [a] valore tempo per intervento allarme
ad indicare le unità del valore ID485 30° carattere [r] valore tempo per ritorno a riposo 27° carattere [a] valore tempo per intervento allarme
impostato 31° carattere [r] valore tempo per ritorno a riposo 28° carattere [a] valore tempo per intervento allarme
4° carattere [S] (Hex 53) fisso 32° carattere [r] valore tempo per ritorno a riposo 29° carattere [,] (Hex 2C) fisso
5° carattere [R] (Hex 52) fisso 33° carattere [)] (Hex 29) 30° carattere [r] valore tempo per ritorno a riposo
6° carattere [n] numero del relè da <0> (Hex 30) a 34° carattere [CHK 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o 31° carattere [r] valore tempo per ritorno a riposo
<4> (Hex 32) da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) 32° carattere [r] valore tempo per ritorno a riposo
7° carattere [CHK 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o ad indicare la parte alta del 33° carattere [)] (Hex 29)
da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) checksum (per il calcolo del 34° carattere [CHK 1] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o
ad indicare la parte alta del checksum vedi paragrafo 7.2) da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46)
checksum (per il calcolo del 35° carattere [CHK 2] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o ad indicare la parte alta del
checksum vedi paragrafo 7.2) da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) ad checksum (per il calcolo del
8° carattere [CHK 2] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o indicare la parte bassa del checksum vedi paragrafo 7.2)
da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) ad checksum 35° carattere [CHK 2] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) o
indicare la parte bassa del 36° carattere <CR> (Hex 0D) fisso da <A> (Hex 41) a <F> (Hex 46) ad
checksum indicare la parte bassa del
9° carattere <CR> (Hex 0D) fisso checksum
36° carattere <CR> (Hex 0D) fisso
n va da 1 a 4 (4 relè) 7.3.5 Comando di modifica parametri di configurazione Il formato della risposta ha il seguente formato è uguale a
relè quella del punto 7.1.4
Il formato della risposta ha il seguente formato:
Nel caso di indirizzo 485 a 0 il 2° e il 3° carattere sono
1° carattere [STX] (Hex 02) fisso omessi.
2° carattere [ID485 H] da <0> (Hex 30) a <3> (Hex 33)
ad indicare le decine del valore 1° carattere [STX] (Hex 02) fisso
ID485 impostato 2° carattere [ID485 H] da <0> (Hex 30) a <3> (Hex 33)
3° carattere [ID485 L] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39) ad indicare le decine del valore
ad indicare le unità del valore ID485 ID485 impostato
impostato 3° carattere [ID485 L] da <0> (Hex 30) a <9> (Hex 39)
4° carattere [S] (Hex 53) fisso ad indicare le unità del valore ID485
5° carattere [R] (Hex 52) fisso impostato
6° carattere [n] numero del relè da <0> (Hex 30) a 4° carattere [S] (Hex 53) fisso
<4> (Hex 32) 5° carattere [E] (Hex 45) fisso
7° carattere [(] (Hex 28) 6° carattere [n] numero del relè da <0> (Hex 30) a
8° carattere [t] codice della funzione relè da <0> <4> (Hex 32)
(Hex 30) a <9> (Hex 39) 7° carattere [(] (Hex 28)
9° carattere [,] (Hex 2C) fisso
ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 8 di 12
7.4 Modalità bidirezionale MODBUS La risposta è la seguente: Se il dato viene accettato la periferica rimanda lo stesso
messaggio:
Viene utilizzata la versione RTU del protocollo MODBUS. ADDR FUNC BYTE REG REG
COUNT 0 0 ADDR FUNC REG REG DATA DATA CHECK
Struttura delle stringhe trasmesse e ricevute HI LOW # # VALUE VALUE
HI LOW HI LOW
La struttura generale delle stringhe è la seguente:
01 03 06 00 0F 01 06 00 0C 00 36 C9 DF
ADRESS FUNCTION DATA CHECK
8 bits 8 bits N x 8 bits 2 x 8 bits REG REG REG REG CHECK NOTA Il comando non è accettato se il registro è
1 1 2 2 Read Only o a lunghezza doppia
ADDRESS 8 bit con valore da 1 a 32. HI LOW HI LOW
FUNCTION 8 bit che definiscono la funzione che lo slave Funzione 16 - Preset Multiple Registers
deve svolgere Consente all’host di modificare il contenuto di più registri del T050.
Sono previste le seguenti funzioni: 00 00 01 C0 74 B4
Codice 03 Read Holding Registers La stringa di forzamento alla periferica 01 dei valori 5, 0, 342 nei
Codice 05 Force Single Coil Il contenuto del registro 0 è 15, quello del registro 1 è 0 e quello registri 22,23,24 è la seguente:
Codice 06 Preset Single Register del registro 2 è 448.
Codice 16 Preset Multiple Registers ADDR FUNC STRT STRT # OF # OF BYT DATA
DATA Sono tutti i dati associati alla funzione richiesta Funzione 05 - Force Single Coil REG REG REG HI REG E VAL.
CHECK CRC-16 (Cyclic Redundancy Check) di Consente all’host di comandare relè sulla periferica. Nel T050E è HI LOW LOW CNT HI
validazione del contenuto della stringa utilizzato per il comando di ZERO e per il reset del POF da host.
Il comando è accettato solo se la funzione è abilitata e se il peso 01 16 00 16 00 03 06 00
Risposta a richieste illegali da azzerare è dentro ai limiti prgrammati.
Quando il trasmettitore riceve richieste illegali rimanda un DATA DATA DAT DAT DATA CHEC
messaggio di risposta composto da indirizzo, codice funzione, La stringa di comando è la seguente: VAL. VAL. A A VAL. K
codice di errore e checksum. LOW HI VAL. VAL. LOW
Per indicare che la risposta è la notifica di un errore il bit più ADDR FUNC COIL COIL DATA DATA CHECK LOW HI
significativo del codice funzione è forzato a “1”. # # VALUE VALUE
HI LOW HI LOW 05 00 00 01 56 4A A4
I codici di errore sono:
01 Funzione illegale 01 05 00 00 FF 00 8C 3A Se il dato viene accettato la periferica rimanda un messaggio
02 indirizzo dati illegale contenente il numero del primo registro e il numero di registri
03 valore dati illegale Se il dato viene accettato la periferica rimanda lo stesso caricati:
messaggio:
Funzioni supportate da T050E
ADDR FUNC STRT STRT # OF # OF CHECK
ADDR FUNC COIL COIL DATA DATA CHECK REG REG REG HI REG
Per una descrizione completa dei comandi MODBUS si rimanda
# # VALUE VALUE HI LOW LOW
alle documentazioni MODBUS specifiche.
HI LOW HI LOW
Di seguito viene riportata una breve descrizione delle funzioni
01 16 00 16 00 03 61 CC
supportate da T050E.
01 05 00 00 FF 00 8C 3A
Funzione 03 - Read Hording Registers NOTA Il comando non è accettato se indirizzato a
Consente il trasferimento verso host dei dati di peso, di stato e di registri Read Only o se il primo registro
configurazione del trasmettitore. Funzione 06 - Preset Single Register è il registro basso di una variabile a doppia
Tutti i registri possono essere trasferiti contemporaneamente in Consente all’host di modificare il contenuto di un registro del T050. lunghezza.
una unica richiesta.
La stringa di richiesta alla periferica 01 di trasferimento di 3 registri La stringa di forzamento alla periferica 01 del valore 54 nel registro Lista dei Registri del T050E
a partire dal registro 0 è la seguente: 12 è la seguente:
Il registro 0 è codificato a bit
ADDR FUNC REG REG DATA DATA CHECK Tutti i dati di peso (peso lordo, peso azzerato, soglie e bande
ADDR FUNC START START # OF # OF CHECK
# # VALUE VALUE morte) sono codificati su due registri consecutivi in complemento a
REG HI REG REG REG
HI LOW HI LOW 2.
LOW HI LOW
01 16 00 0C 00 36 C9 DF Per la codifica dei parametri di configurazione vale quanto decritto
01 03 00 00 00 03 05 CB
nel paragrafo “Configurazione”.
ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 9 di 12
15 14 13 12 11 10 9 8
I registri di tipo “R” sono di sola lettura, quelli di tipo POF F S Codice di autodiagnostica
“R/W” possono essere letti e scritti.
7 6 5 4 3 2 1 0
Numero Funzione Tipo I 0 0 0 R4 R3 R2 R1
Registro
0 Parola di stato R POF Power On Flag. Indica un ritorno di tensione
1-2 Peso lordo R allo strumento.Il flag viene forzato a 1 da
3-4 Peso azzerato R T050E e può essere resettato da host
5 Numero di divisioni R/W tramite forzamento di Coil 1
6 Sensibilità R/W F se = 1 indica la condizione di guasto
7 Posizione del punto decimale R/W connessioni cella
8 Medie R/W S se = 1 indica che lo strumento è in fase di
9 Limite di azzerabilità R/W configurazione, configurazione o test
10 Modalità porta seriale R/W I se = 1 indica che lo strumento non è calibrato
11 Ritardo alla trasmissione R/W Codice di
autodiagostica riporta il codice di errore nei parametri di
12 Time out in ricezione R/W
configurazione
13 Baude rate R/W R4, R3, R2,R1 se = 1 indicano che il relè è comandato
14 Indirizzo del trasmettitore R/W
15-16 Valore di Zero del D/A R/W
17-18 Valore di Fondo Scala del D/A R/W
19 Sensibilità della cella R/W
20 Tipo relè 1 R/W
21-22 Soglia relè 1 R/W
23-24 Banda morta relè 1 R/W
25 Tempo minimo per allarme relè 1 R/W
26 Tempo minimo per ritorno a riposo relè 1 R/W
27 Tipo relè 2 R/W
28-29 Soglia relè 2 R/W
30-31 Banda morta relè 2 R/W
32 Tempo minimo per allarme relè 2 R/W
33 Tempo minimo per ritorno a riposo relè 2 R/W
34 Tipo relè 3 R/W
35-36 Soglia relè 3 R/W
37-38 Banda morta relè 3 R/W
39 Tempo minimo per allarme relè 3 R/W
40 Tempo minimo per ritorno a riposo relè 3 R/W
41 Tipo relè 4 R/W
42-43 Soglia relè 4 R/W
44-45 Banda morta relè 4 R/W
46 Tempo minimo per allarme relè 4 R/W
47 Tempo minimo per ritorno a riposo relè 4 R/W

Lista dei Coil gestiti da T050E

Numero Funzione
Coil
0 Comando di ZERO
1 Comando di reset del Power On Flag
2 Comando di reset dello ZERO

ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 10 di 12
sulla relativa morsettiera e tramite l'accensione dei LED
DL1-DL2-DL3-DL4 posti sulla scheda.
8. TEST
Questa funzione consente di effettuare alcune verifiche premere il tasto E successivamente F/INC fino a che non
sul buon funzionamento dello strumento. apparirà la seguente scritta
Si possono verificare: il segnale generato dalle celle di
carico, il funzionamento dell'uscita analogica il
funzionamento e conseguentemente le connessioni delle
uscite relè.
• Test cella di carico (vedi paragrafo 8.1)
per proseguire con il test dell'uscita analogica premere
• Test uscita analogica (vedi paragrafo 8.2) E, per annullare premere C
• Test dei relè (vedi paragrafo 8.3)

8.1 Test cella di carico


premendo il tasto E si commuta alternativamente l'uscita
premere il tasto F/INC fino a che non apparirà la tra zero (4 nel caso di uscita in corrente) e fondo scala.
seguente scritta Utilizzando i tasti F/INC e DEC si possono generare
valori intermedi con step di 1/10 della scala.

per uscire dalla funzione di test premere il tasto C

8.3 Test uscite relè


per proseguire con il test della cella di carico premere E,
per annullare premere C premere il tasto F/INC fino a che non apparirà la
seguente scritta

lo strumento presenta il valore (lampeggiante) del


segnale proveniente dalla cella di carico espresso in
mV/V.
premere il tasto E successivamente F/INC fino a che non
apparirà la seguente scritta

8.2 Test uscita analogica


per proseguire con il test dei relè premere E, per
annullare premere C.
La scritta diventerà lampeggiante
Per eseguire il test dell’analogica collegare un tester ai
morsetti di uscita analogica dello strumento, prestando
attenzione alla correttezza dei collegamenti

Predisporre il tester per misure di tensione o di


corrente a seconda del tipo di uscita del T010E
ad ogni pressione del tasto E lo strumento attiverà in
sequenza un relè (tutti e quattro nel caso di strumento
premere il tasto F/INC fino a che non apparirà la versione L) . L'azione del relè può essere controllata
seguente scritta tramite verifica dell'effettiva commutazione dei contatti

ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 11 di 12
9. INIZIALIZZAZIONE STRUMENTO
Questa funzione permette di reimpostare i valori di fabbrica nel
caso in cui i parametri operativi dello strumento siano stati
danneggiati o modificati in modo non corretto.
Attenzione con l'operazione andranno persi anche i dati di
calibrazione.

premere il tasto F/INC fino a che non apparirà la


seguente scritta

per proseguire con l’inizializzazione dello strumento


premere E, per annullare premere C

confermare l’operazione premendo un’altra volta E,


oppure annullare premendo C. Lo strumento richiede
un'ulteriore conferma presentando la scritta
lampeggiante

per avviare la procedura di inizializzazione premere E,


per annullare premere C a questo punto lo strumento è
stato inizializzato.

Lo strumento visualizza il valore del segnale fornito


dalla cella di carico. Per ristabilire l'operatività lo
strumento andrà riconfigurato e ricalibrato.

L'indicatore ripresenterà un valore di peso solo dopo


aver effettuato entrambe le calibrazioni di zero e di
fondo scala.

ADOS S.r.l. - Via Lazio 25 - Buccinasco (Mi) 465-MTUT0504 - Rev.8 Manuale di installazione ed uso T050E Pagina 12 di 12

Potrebbero piacerti anche