Sei sulla pagina 1di 6

Università "La Sapienza" di Roma – Facoltà di Ingegneria (sede di Latina)

Corso di laurea in Ingegneria dell’Informazione (indirizzi EL e TLC)


Corso di Campi elettromagnetici I – seconda parte
A.a. 2009/2010 – Ing. Paolo Burghignoli

Esercizi sulle linee di trasmissione


7 dicembre 2009

Esercizio 1
Determinare l’impedenza d’ingresso Z in e il relativo coefficiente di riflessione della

tensione SVin per i seguenti circuiti:

R R = 50 éWù
êë úû
Z 0 = 50 éëêWùûú
kz Z 0 kz¢ Z 0¢
 = l¢ / 8
 Z 0¢ = 100 éêëWùúû
Z in SVin
(a)

Z 0 = 50 éëêWùûú
0.01 é ù
kz Z 0 L1 kz Z 0 L2 L1 = mH
2p êë úû
0.1 é ù
L2 = mH
 2p êë úû
Z in SVin f = 1 éëêGHzùûú
(b)
=l/4

Esercizio 2

Una linea di trasmissione di lunghezza  = 37.5 éêë m ùúû ha impedenza caratteristica

Z 0 = 50 éêëWùúû e costante di propagazione kz = 2p éêë rad/m ùúû . La linea è eccitata da un

generatore di tensione di impedenza interna Z g = 50 éëêWùûú ed è chiusa su un carico di

impedenza Z L . I valori di tensione e corrente misurati all’ingresso della linea sono

V = (270 + j 230) éêë V ùúû e I = 2 éêë Aùúû . Si calcolino:

1) I valori dell’impedenza Z in e del coefficiente di riflessione della tensione SVin

alla sezione di ingresso della linea e la tensione fornita a vuoto dal generatore.
2) Il rapporto d’onda stazionaria (ROS) della linea e l’impedenza Z L del carico.

3) Il valore della potenza attiva dissipata sul carico.


Soluzioni

Esercizio 1
Caso (a)
L’impedenza d’ingresso richiesta risulta dalla connessione serie tra la resistenza R e
l’impedenza d’ingresso Z in¢ del tratto di linea di lunghezza  chiuso in corto circuito.

Conviene dunque lavorare con le impedenze anziché con le ammettenze. Calcoliamo


allora Z in¢ :

- 0
z Z (0) = 0 (corto circuito)

kz¢ Z 0¢ ( )
Z - + = Z in¢ = jZ 0¢ tan (kz¢ )

Z in¢

Poiché kz¢ = 2p / l ¢ e  = l ¢ / 8 si ha

æ 2p l ¢ ö p
Z in¢ = jZ 0¢ tan (kz¢ ) = j 100 tan ççç ⋅ ÷÷÷ = j 100 tan = j 100 ëêéWûúù
è l¢ 4 ø ÷ 4

In corrispondenza della sezione z = - la corrente è continua, essendo la resistenza


disposta in serie alla linea di trasmissione, mentre la tensione è discontinua:

( ) ( )
V -- -V - + = R ⋅ I (- )

dunque anche l’impedenza in z = - è discontinua:

( )
Z -- = R + Z - + ( )

cioè

Z in = R + Z in¢ = 50 + j 100 éêëWùúû

Nota Z in possiamo calcolare SVin :


Z in - Z 0 (50 + j100) - 50 j 100
SVin = = = =
Z in + Z 0 (50 + j100) - 50 100 + j100
j j (1 - j ) 1 + j 1 j
p
= = = = e 4
1+ j 2 2 2

Caso (b)
In questo caso l’induttanza L1 è posta in parallelo alla linea, quindi conviene

lavorare con le ammettenze. L’ammettenza dell’induttanza L2 è:

1 1 1
YL 2 = = = = -j 0.01 éëêSùûú
j wL2 j 2p ⋅ f ⋅ L2 0.1
j 2p ⋅ 109 ⋅ ⋅ 10-6
2p

Essendo  = l / 4 (trasformatore in quarto d’onda) risulta

- 0

Y02
Y -( +
)=Y kz Z 0 L2
L2
Y - + ( ) 
dove Y0 = 1 / Z 0 = 0.02 éëêSùûú , quindi

(0.02)
2
4 ⋅ 10-4
Y -( +
) = =
-j 0.01 -j 10 -2
= j 4 ⋅ 10-2 éëêSùûú

Osserviamo che il trasformatore in quarto d’onda ha cambiato la natura

dell’ammettenza da induttiva (sul carico, YL 2 = Y (0) ) a capacitiva (all’ingresso,

( ) ( )
Y - + ). Nel parallelo fra L1 e Y - + la tensione è continua in z = - mentre non

lo è la corrente:

V (- )
( )
I -- - I - + = ( ) j wL1

dunque anche l’ammettenza in z = - è discontinua:


( )
Y -- = j wL1 + Y - + ( )

Poiché

1 1 1
= = = -j 0.1 éêëSùúû
j wL1 j 2p ⋅ f ⋅ L1 0.01
j 2p ⋅ 109 ⋅ ⋅ 10-6
2p

si ha

( )
Yin = Y -- = j 4 ⋅ 10-2 - j 0.1 = -j 0.06 éêëSùúû

Pertanto

1 1 j
Z in = = = @ j 16.67 éêëWùúû
Yin -j 0.06 0.06

e infine

j j 100
Z in - Z 0 - 50 - 50
SVin = = 0.06 = 6 =
Z in + Z 0 j j 100
+ 50 + 50
0.06 6
j - 3 ( j - 3)(3 - j ) 8 - 6j 4 3
= = =- = - + j = e jf
j +3 10 10 5 5

dove f = cos-1 (-4 / 5) @ -2.498 éëê radùûú @ 143.13 éëêùûú . Osserviamo che in questo caso b)

l’impedenza d’ingresso Z in è puramente immaginaria e pertanto SVin = 1 (riflessione

totale), mentre nel caso a) la presenza di un elemento dissipativo (la resistenza) fa sì

che SVin < 1 .


Esercizio 2
Lo schema del circuito è il seguente:

- 0
z

Vg Zg kz Z 0 ZL

(a)

L’impedenza d’ingresso Z in = Z (- ) si calcola semplicemente come il rapporto fra la

tensione e la corrente all’ingresso della linea, che sono noti:

V (- ) 270 + j 230


Z in = Z (- ) = = = 135 + j 115 éêëWùúû
I (- ) 2

Il relativo coefficiente di riflessione è

Z in - Z 0 (135 + j115) - 50 85 + j115


SVin = = = =
Z in + Z 0 (135 + j115) + 50 185 + j115
17 + j 23 (17 + j 23)(37 - j 23) 1158 + j 640
= = = @ 0.61 + j 0.24 @ 0.656 ⋅ e jf
37 + j 23 2
37 + 23 2
1898

dove f @ 0.378 éëê radùûú @ 21.665 éëêùûú .

La tensione Vg fornita a vuoto dal generatore risulta, dal circuito:

Vg = V (- ) + Z gI (- ) = (270 + j 230) + 50 ⋅ 2 = 370 + j 230 éWù


êë úû

(b)

Il ROS si calcola a partire dal modulo del coefficiente di riflessione, SV , che è

costante lungo la linea essendo questa priva di perdite:

1 + SV 1 + SV (- ) 1 + 0.656
ROS = = = @ 4.82
1 - SV 1 - SV (- ) 1 - 0.656
Per calcolare l’impedenza del carico calcoliamo preliminarmente la quantità kz  :

75p l
kz  = 2p ⋅ 37.5 = 75p  = = 75
kz 2

Poiché l’impedenza lungo una linea di trasmissione è una funzione periodica di z


con periodo l / 2 , risulterà

Z L = Z (0) = Z (- ) = 135 + j 115 éêëWùúû

(c)

Per calcolare la potenza attiva dissipata sul carico potremmo calcolare V (0) e I (0)

(tensione e corrente sul carico) e ottenere

ì
ï1 ü
ï ì
ï1 ü
ï
{ }
PA (0) = Re P (0) = Re ï
í V (0) I (0)ï
ï
*
ý = Re ï
ï
í Z (0) I (0) I (0)ï
ï
*
ý=
ï
ï2
î ï
þ ï2
î ï
þ
1
{ }
2
= Re Z (0) I (0)
2

Alternativamente, osserviamo che la linea è priva di perdite, dunque la potenza


attiva sul carico deve essere uguale alla potenza attiva all’ingresso della linea, che si
calcola subito con i dati del problema:

ì1
ï ü
ï
{ }
PA (0) = PA (- ) = Re P (- ) = Re ï
í V (- ) I (- )ï
ï 2
*
ý=
ï
ï
î ï
þ
1
{ }
= Re (270 + j 230) ⋅ 2 = 270 ëéê Wûùú
2