Sei sulla pagina 1di 48

BIMESTRALE - ANNO 1 - NEW BUSINESS MEDIA S.R.L. - VIA ERITREA 21 - 20157 MILANO - POSTE ITALIANE S.P.A.

- ISSN 2785-1109

n°03 | 2021

10003>
WWW.TRANSIZIONEECOLOGICAITALIA.IT ANALISI, ESPERIENZE E STRUMENTI PER LA SOSTENIBILITÀ 9 772785 110007

#EDITORIALE
#PARLA EDO RONCHI, PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE
Necessarie
prospettive
fra pubblico
Alert ambiente
e privato è ora di cambiare Ivano Visintainer
direttore tecnico

L
del CEI

E
s it a z io n i? I l t e m - no avuta, parlando di un La pressione sul Pianeta pagare bollette più salate
a transizione ecolo- po è scaduto. Non argomento così delicato dovuta a uno sviluppo e- e, nello stesso momento,
#E-MOBILIY
gica è un’importante è più il momento di che riguarda tutti, nessu- conomico fuori control- far male anche all’ambien-
prospettiva e, prima temporeggiare, occor- no escluso. Ronchi pun- lo e a un costamente au- te. Ma, al di fuori dell’am-
ancora, un vincolo per at-
tuare progetti ambiziosi e
re agire e agire in fretta.
Edo Ronchi, presidente
ta dritto al tema centra-
le quando afferma che la
mento della popolazione
mondiale devono spinge-
bito domestico, gli inter-
venti devono essere su Futuro
elettrico
strategici. Il piano nazio- della Fondazione per lo transizione ecologica in- re a ripensare il modo di più vasta scala: azzerare
nale di ripresa e resilienza sviluppo sostenibile e già dica un cambiamento pro- produrre e di consumare. le fonti di energia fossile
(Pnrr) e l’importante con- ministero dell’Ambiente, fondo e di vasta portata. Sì, ma come? Alcune idee per sostituirle con quelle
nesso movimento di risorse non usa mezze misure: i La sostenibilità - in que- di sfondo vanno cambiate rinnovabili, innanzi tutto.
ne sono l’emblema. “se” e i “ma” non hanno sta delicata fase storica radicalmente (e in parte già Scelte globali, dunque, Entro il 2025, in Italia,
La disciplina ambientale più diritto di cittadinan- - è un obiettivo da consi- sta succedendo). Due fra ma anche individuali (e saranno installate oltre
sviluppatasi nel nostro Pa- za, sempre che l’abbia- derare imprescindibile. tutte. La prima: il benes- l’evoluzione tecnologi- 100 mila infrastrutture
ese negli ultimi anni, che se non coincide con l’au- ca ci viene in aiuto, basta di ricarica per veicoli
ha contribuito a garantire mento del consumismo. informarsi e acquistare elettrici e ibridi “plug
sostenibilità e sensibilizza- La seconda: gli sprechi prodotti a basso consu- in”. Uno scenario che
zione ai temi ambientali, ha devono essere eliminati. mo - in alcuni casi sono non vedrà soltanto un
tuttavia trovato importante E fra tutti gli sprechi, addirittura previsti sgravi aumento quantitativo
ostacolo nel proliferare di a- spiccano quelli energeti- fiscali e finanziamenti). E dei punti di ricarica,
dempimenti, procedimenti, ci. Dissipare energia nelle poi, inevitabilmente, il di- ma anche la loro
istruttorie e oneri. Non di- nostre abitazioni significa scorso scivola sul terreno tipologia. Al centro
verso l’ambito degli appalti rifiuti. Occorre cambiare dell’attenzione
pubblici, in cui soluzioni e- lo schema di gioco, per anche l’evoluzione
Edo Ronchi
mergenziali non sempre ef- presidente utilizzare una metafora tecnologica sia per
ficaci hanno contribuito alla della Fondazione calcistica, passare cioè da quanto riguarda le
per lo sviluppo
disarticolazione della disci- sostenibile modelli economici “line- batterie sia per quanto
plina. Il Pnrr, in merito ai ari” a modelli “circolari”: riguarda le colonnine.
rapporti tra privato e PA ri- recuperare, riciclare e riu- A offrire questo
tiene strategico intervenire tilizzare. In queste tre “R” sguardo prospettico
su competenze, snellimen- è possibile sintetizzare il è Ivano Visintainer
to delle procedure, digita- senso di un mutamento di dall’osservatorio
lizzazione, coordinamento mentalità (e di produzione, privilagiato del
tra le amministrazioni e ma anche di vita) che potrà Comitato elettrotecnico
semplificazione normati- consentirci di trasformar- italiano, che ha istituto
va. Servono interventi mi- ci da scomodi inquilini di un “tavolo” dedicato
rati ed efficaci, per evitare questo Pianeta a soggetti proprio all’e-mobility
l’improvvida stratificazione consapevol (pagina 6). (pagina 11).
normativa degli ultimi anni.
Canali e percorsi ammini-
strativi chiari sono infatti la
base per attuare la “rivolu-
zione verde” e attirare pro-
getti ambiziosi, investimen- #VIAGGIO NELLA RICERCA AL SERVIZIO DELLA TRANSIZIONE
ti e risorse.

Attilio Balestreri
B&P Avvocati “Cervelli”al lavoro negli atenei italiani
Bologna, Torino, Trento. Tre atenei, bene anche all’ambiente, sia sotto ora però si è deciso di spingere logica del risparmio di risorse. Il
tre esempi di centri pulsanti al il profilo del business sia - cosa sull’acceleratore per realizzare che si traduce in modelli di nuova
servizio della transizione ecologica tutt’altro che trascurabile - della un polo nazionale. Torinio capitale concezione per il ricambio e la
(e quindi delle imprese e delle sicurezza del lavoro. dell’idrogeno, dunque? L’obiettivo purificazione dell’acqua utilizzata
pubbliche amministrazioni). Torino: un accordo fra Università è chiaro come sono evidenti le negli allevamenti ittici.
Bologna: da una ricerca condotta degli Studi e Politecnico punta allo competenze espresse dal terriorio. Un’idea così vincente che è stata
INQUADRA QUI PER ISCRIVERTI da Liuc - Università Cattaneo studio di progetti che sfruttino Trento: nessuna teoria, ma subito adottata anche in Scozia.
ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI
TRANSIZIONE ECOLOGICA ITALIA emerge con chiarezzza che le le potenzialità dell’idrogeno. applicazioni pratiche per Risparmio ed efficienza, questo è il
https://bit.ly/3BTMuUJ politiche tese alla sostenibilità fanno Non è soltanto storia di oggi , supportare l’itticoltura nella binomio (pagine 12, 14 e 16).

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 1
#ANALISI

Non è questione di “se”


È QUESTIONE DI “COME”
▼ gio, in comunicazioni boo-
merang come il “greenwa-
shing”, senza comprender-
ne realmente gli straordina-
vizio. Lo studio LCA è un
grado di conoscenza avan-
zata che consente di valuta-
re, in modo ampio e oggetti-
di giudizi sommari (vede il
caso della plastica e della
chimica: utili alleati se uti-
lizzate correttamente).
di Prodotto” (EPD), che pur
non comprendendo vincoli
di obiettivi di sostenibilità,
comprende la verifica e la
LA SOSTENIBILITÀ ri scenari di sviluppo e cre- vo, il reale contributo di un registrazione dei dati e dei
DEVE ESSERE scita per la propria impresa. sistema di produzione, pro- UN METODO parametri di impatto am-
UNA STRATEGIA La sostenibilità, invece, dotto o servizio in relazio- DI VALUTAZIONE bientale del prodotto stesso
deve essere una strategia, ne agli aspetti ambientali, Il metodo di valutazione “così come sono”.
UN PRODOTTO
un prodotto, un servizio senza criminalizzare una o LCA è anche la base per la Attenzione: le regole della
O UN SERVIZIO per restituire ai consumato- l’altra soluzione sulla base “Dichiarazione Ambientale dichiarazione EPD non in-
PER RESTITUIRE ri qualcosa di tangibile; se cludono requisiti di prodot-
AI CONSUMATORI non c’è questo “contenuto” to ecosostenibile.
QUALCOSA DI TANGIBILE. le imprese hanno solo con- Per dirla in modo ancora
sumato inutilmente risorse più chiaro: sono un metodo Gennaro Durante
SENZA QUESTO Founder e Ceo
finanziarie per raccontare di rilevazione e comunica- di Forethinking Srl
“CONTENUTO”
o illudere temporaneamen- zione (ISO 14025) che as-
LE IMPRESE HANNO SPESO te i consumatori e, alla fine, sicura la sostanza dei dati e
RISORSE FINANZIARIE rimangono miopi rispetto la veridicità della dichiara- re, sin dall’inizio, una co-
PER ILLUDERE alle nuove competenze che zione. municazione basata su con-
E, ALLA FINE, RIMANGONO cambieranno il mondo. Nell’era della sostenibili- creti vantaggi competitivi.
MIOPI RISPETTO tà avere una dichiarazione Prima di tutto la conoscen-
QUALE “PATENTE” ambientale (EPD) di pro- za. In secondo luogo la tra-
ALLE NUOVE COMPETENZE
Ma cosa determina se un dotto realizzata su solide sparenza.
UTILI AL CAMBIAMENTO prodotto è effettivamente basi scientifiche è im- In questo scenario, le im-
IN ATTO eco-sostenibile? Due fat- portante, ma la ve- prese familiari del made in
tori possono essere ra differenza è il Italy, dinamiche e resilienti
considerati discri- “contenuto” per natura, hanno le miglio-
minanti per defi- dichiarato e con- ri condizioni strategiche
nire una mappa di frontabile. per vincere e possono ra-
convergenza verso pidamente orientare la lo-
di Gennaro Durante la piena sostenibili- LA SFIDA ro tensione all’innovazione
tà di prodotti e servizi: La sfida delle imprese, verso le nuove esigenze di

L
a questione non è “se” la la reale circolarità del quindi, è l’integrazione segmenti crescenti di con-
sostenibilità sia o meno prodotto e dei materia- di nuove competenze sumatori sensibili all’ecoso-
un’opportunità, rimane li, e una comunicazio- quali le scienze ambien- stenibilità.
solo il dubbio sul “come” ne trasparente sempre tali, chimica e scienza dei Tutto passa dalla loro cul-
trasformare l’impresa e le supportata da una analisi materiali, design industria- tura e dalla capacità di in-
sue routine in una realtà approfondita degli impatti le e tecnologie 4.0, per la tegrare nuova conoscenza
innovativa in questa nuova ambientali. Un’attività vir- riprogettazione di prodotti in un percorso ben diverso
tendenza. La confusione è tuosa realizzabile in tutti e servizi di nuova genera- dalla semplice comunica-
tanta, e il rischio è rimane- i settori è lo studio LCA zione. zione greenwashing che in-
re impantanati in un dedalo (Life Cycle Assessment) Una volta compresi gli o- vece non può garantire soli-
di “etichette green”, o peg- di qualsiasi prodotto o ser- biettivi è possibile sostene- de basi di sviluppo.

Un libro per amico


Gennaro Durante Per le aziende che materia e collaboratore visione di cultura e ambientali e strategia occupa da trent’anni di visiting lecturer per
vogliono raggiungere di Transizione ecologica struttura di impresa integrati in un processo strategia e innovazione la «Scuola Design»
vogliano raggiungere concreti obiettivi
Gennaro Durante

etitivo c’è un’unica scelta possibile per il


sostenibilità. La questione non è quindi
no un’opportunità da cogliere, rimane
ome trasformare l’impresa e le sue
La transizione
ecologica obiettivi di vantaggio Italia - nel volume «La per affrontare le di innovazione definito per le imprese del Politecnico Milano
e.
nta e il rischio è rimanere impantanati
chette green” senza comprenderne gli
i di sviluppo e crescita. La sostenibilità,
Il percorso dell’impresa consapevole
La transizione ecologica

una strategia, un prodotto o un servizio

competitivo c’è un’unica transizione ecologica - Il sfide dell’innovazione, metodo «ForeThinking» familiari del made in e il Dipartimento di
onsumatori qualcosa di tangibile; se non
uto” nei progetti le imprese avranno solo
ente risorse.
n questo volume fornisce una visione
ra di impresa per affrontare le sfide

scelta possibile per percorso dell’impresa oltre a proporre applicato in numerose Italy. Ha ricoperto ruoli Chimica dell’Università
ltre a proporre strumenti operativi
ne e realizzazione di nuovi concept
zi di nuova generazione ecosostenibili.
ienze ambientali e strategia

il prossimo futuro: la sostenibile» (Tecniche strumenti operativi aziende come guida direzionali per aziende di Bari; fondatore della
esso di innovazione definito metodo
cato in numerose aziende come guida
onsapevole e costruttivo nell’era della
ca, con esperienze descritte nel volume.

14,90 €
sostenibilità. Gennaro Nuove, pagine 144, € per la pianificazione per un approccio leader nei settori dei società di consulenza
Durante - esperto della 14,90) fornisce una e realizzazione di consapevole e materiali per edilizia, ForeThinking (www.
ISBN 978-88-481-4389-9

9 788848 143899

nuovi concept di costruttivo nell’era di arredamento e di forethinking.com),


agine 13/07/21 14:45

prodotto e servizi di della transizione consulenza. Tutor start-up per lo

ANALISI
nuova generazione ecologica, con marketing strategico sviluppo di programmi
ecosostenibili.  Design, esperienze descritte del ministero dello d’innovazione per la
chimica, scienze nel volume. L’autore si Sviluppo economico; sostenibilità.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 2
#IL PIANO

Nel Pnrr obiettivi ambiziosi per il recupero


Il piano nazionale di direzioni: in primo luogo, luogo, realizzando carta (target 85%), (insufficiente e non Proprio per questo è sostituzione delle
ripresa e resilienza rafforzando, sviluppando progetti di punta dell’elettronica (55%), efficiente) con l’obiettivo necessario agire anche materie prime critiche,
(Pnrr) individua la e ammodernando le altamente innovativi della plastica (65%), di recuperare sulla sulla produzione. In tracciabilità dei
circular economy tra gli infrastrutture per la per specifiche del tessile (100%). Gli tabella di marcia per questo senso, la nuova materiali. L’obiettivo è
strumenti prioritari. Uno raccolta differenziata, tipologie di rifiuti. Tra investimenti previsti, raggiungere gli obiettivi strategia nazionale per quindi di passare da una
tra i principali obiettivi il trattamento rifiuti i settori individuati molti dei quali destinati del “pacchetto economia l’economia circolare (da logica di singolo impianto
del piano è, infatti, quello e i cicli di gestione come strategici, con al centro-sud, mirano a circolare”. A monte adottare entro il 2022) a una di filiera per
di promuovere economia (riducendo anche il obiettivi di recupero colmare i gap di gestione della filiera di gestione contemplerà misure in efficientare il percorso
circolare e agricoltura divario tra le regioni estremamente dei rifiuti relativi alla dei rifiuti si pongono, tema di eco-prodotti, del materiale nell’intero
sostenibile agendo in due italiane); in secondo ambiziosi, quelli della capacità impiantistica poi, le filiere produttive. eco-design, bioeconomia, ciclo vita. (A.B.)

#SVILUPPI

PER L’END OF WASTE


stata condivisa e accolta con
favore sia dagli operatori di
settore che dalle ammini-
strazioni centrali, nelle aule

luce in fondo al tunnel?


dei tribunali amministrativi
le sorti sono state diverse.
Tra il 2016 ed il 2019, infat-
ti, si è sviluppato – giungen-
do fino al Consiglio di Stato
– un percorso giurispruden-


di Attilio Balestreri condizioni generali per la la maggior parte delle au- ziale altalenante e incerto
trasformazione del rifiuto in torizzazioni oggi in vigore a valle del quale è stata, di

R
ecuperare materia dai risorsa. A partire dal 2010 in Italia trae riferimento da fatto, negata la possibilità
rifiuti è l’attività che, questa disciplina ha trovato risalenti fonti regolamentari alle amministrazioni di in-
DAL 2008, IN EUROPA nell’immaginario col- ingresso nel nostro ordina- (D.M. 5/2/1998) all’origine tervenire “caso per caso”,
LA DISCIPLINA HA DETTATO lettivo, concretizza mag- mento (art. 184-ter, D.Lgs. emanate per differenti fina- dettando le condizioni per il
giormente il concetto di n. 152/2006) demandando lità. In questo contesto, ne- recupero di materia da rifiu-
CRITERI E CONDIZIONI economia circolare. La a specifici regolamenti e gli anni di prima attuazione ti. L’effetto di ciò è stata la
GENERALI spinta “green” dell’ultimo decreti la determinazione della disciplina alcune am- completa stasi del settore in
PER LA TRASFORMAZIONE decennio e la stringente e- di dettaglio. Negli anni, tut- ministrazioni, effettuando cui molti progetti sono stati
DEL RIFIUTO IN RISORSA sigenza di ridurre il quan- tavia, si è registrata – tan- scelte indipendenti e slega- abbandonati (dagli operato-
E, DAL DAL 2010, titativo di rifiuti prodotti e to a livello europeo quan- te da precise disposizioni ri) o rigettati (dalle ammini-
HA TROVATO INGRESSO smaltiti nonché di garan- to nazionale – la difficoltà normative, ma pienamente strazioni).
tire maggiore sostenibilità nell’individuare, per speci- in linea con gli obiettivi ed All’indomani dell’emana-
NEL NOSTRO ORDINAMENTO (tecnico-ambientale-eco- fiche categorie di rifiuti, le i criteri di legge, avevano zione del “pacchetto econo-
CON IL D.LGS. nomica) delle filiere di pro- condizioni tecniche per il rilasciato “caso per caso” mia circolare” Ue del 2018
N. 152/2006 duzione, hanno comportato recupero finale. In oltre un specifiche autorizzazioni, a (attuato poi in Italia nel
Attilio Balestreri
l’individuazione di obiettivi partner di B&P Avvocati decennio, infatti, sono as- valle di approfondite istrut- 2020) e dopo un travaglia-
ambiziosi in termini di ri- sai limitati gli ambiti che torie tecniche e nell’ottica di to percorso normativo, sol-
ciclaggio e recupero di ma- hanno trovato una puntuale approvare progetti innova- tanto nel 2019 con il decreto
teria. Dal 2008, in Europa, disciplina e, conseguente- tivi per concretizzare il re- “Salva-imprese” il contesto
la disciplina dell’“end of mente, una effettiva attua- cupero di materia dai rifiuti. è mutato e la facoltà conces-
waste” ha dettato criteri e zione. Basti considerare che Se all’origine questa scelta è sa alle amministrazioni di
autorizzare progetti inno-
vativi di recupero anche in
#END OF WASTE mancanza di decreti o re-
golamenti specifici è stata
codificata, con l’effetto di

Procedimenti autorizzativi: prospettive e criticità ridare vigore a progetti ed


obiettivi da tempo sopiti.
Sulla nuova onda normativa
sono, inoltre, stati emanati
Per attuare la disciplina e ambientale, d’altro la durata delle procedure sistemi basati su introducendo percorsi in tempi recenti diversi de-
sul recupero dei lato spesso costituisce di autorizzazione, autocertificazioni, accelerati e snellendo creti ministeriali per spe-
rifiuti (end of waste) è lo scoglio principale determinata sia dalla unificazione dei alcuni passaggi delle cifiche categorie di rifiuti e
necessario, nel nostro per l’approvazione dei mancanza di competenze procedimenti (once procedure esistenti. Altre linee guida del Snpa fonda-
Paese, passare attraverso progetti. Il Pnrr, proprio tecniche e amministrative only), digitalizzazione suscitano perplessità, mentali per unificare la di-
procedimenti autorizzativi nella parte dedicata delle autorità preposte dei processi. L’attuazione come la previsione di un sciplina in tema di controlli
ambientali. Se da un alle riforme in tema di sia dalla disorganicità di interventi in ambito obbligatorio parere delle e autorizzazioni. Il tema è
lato ciò è garanzia economia circolare, indica e complessità della autorizzativo è strategica agenzie ambientali per il anche al centro del Pnrr (ve-
della determinazione che uno dei principali disciplina di riferimento. e necessaria per dare una rilascio di autorizzazioni di sopra) che ne fa un am-
di condizioni operative ostacoli alla costruzione Molte azioni sono previste spinta ai progetti “green”, per l’end of waste che, in bito strategico per la ripar-
monitorate e verificate di nuovi impianti di nel piano per intervenire altrimenti destinati a caso di ritardi, potrebbe tenza sostenibile. Restano,
sotto il profilo tecnico trattamento dei rifiuti è su tali criticità: riduzione perdersi nei meandri compromettere la rapida ancora, rilevanti difficoltà
delle tempistiche dei della burocratizzazione. ed efficiente attuazione dei nello sviluppo dei procedi-
procedimenti, percorsi I primi interventi sono progetti. Ulteriori novità menti amministrativi (vedi

L’ANALISI
accelerati per progetti stati previsti nel decreto sono attese nei prossimi a lato), ma le mutate pro-
strategici, creazione di “Semplificazioni-bis”, mesi. Andrà, dunque, spettive danno nuovo vigo-
strutture di supporto convertito in legge a fine attentamente monitorata re a una disciplina strategi-
per le amministrazioni, luglio scorso. Varie misure la prima attuazione della ca per l’attuazione dell’eco-
valorizzazione di in linea con gli obiettivi, nuova disciplina. (A.B.) nomia circolare.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 4
BOLLETTA WEB
DIVENTA
INTERATTIVA
INNOVATIVA

SOSTENIBILE

FACILE
DA CONSULTARE

NAVIGABILE

FACILE COME VUOI TU


Da oggi Bolletta Web si trasforma in un minisito facile da navigare, intuitivo, organizzato in aree tematiche per
accedere in modo semplice e digitale alle informazioni sulla tua fattura idrica. Un cambiamento che segue il
restyling della bolletta cartacea e che ti offre un’esperienza di lettura agile e interattiva: puoi controllare i tuoi
consumi, il dettaglio dei costi in bolletta, accedere ai servizi digitali e tanto altro. Troverai anche uno spazio per
saperne di più sulla tua acqua e lasciare un commento su questo nuovo servizio. In più Bolletta Web aiuta
l’ambiente perché riduce il consumo di carta e le emissioni di CO₂.

NON L’HAI ANCORA ATTIVATA?


PUOI FARLO SUBITO E IN AUTONOMIA REGISTRANDOTI ALL’AREA CLIENTI MYACEA.

WWW.MYACEA.IT
#L’INTERVISTA

Clima e consumi
niente più esitazioni
viso, che siano riciclabili o
con una percentuale mag-
giore di materiali riciclati.

Se riuscissimo a ipotizzare
una graduatoria delle
priorità, quali sarebbero i
cambiamenti più urgenti?
Intanto occorre capire che
ci sono delle priorità. Trop-
po spesso ci comportiamo
come bambini che voglio-
no tutto e subito. Sono an-
cora in tanti a non voler ca-
pire che la crisi climatica
ed ecologica è una minac-
cia ancora più grave della
pandemia da Covid. Che il
tempo a disposizione per
contenere la precipitazione


di Dario De Andrea neutrale e compatibile con le bevande. Ma anche che della grande crisi climatica
la resilienza dei sistemi na- gli sprechi alimentari sono ed ecologica è ormai breve,

S
u cambiamenti clima- turali. Il termine “ecologi- sempre più sbagliati. E che che dobbiamo agire subi-
tici e nuovi modelli di ca” è legato al fatto che, per magiare troppa carne, spe- to. Che troppi “se” e troppi
consumo il tempo delle la prima volta nella storia cie quella rossa, fa male al- “ma” sono un lusso che non
PER LA PRIMA VOLTA
esitazioni è finito. Le mi- dell’umanità, limiti ecolo- la salute, ma anche all’am- possiamo più permetterci.
NELLA STORIA sure da prendere non sono gici globali, dell’accumulo biente. Sprecare energia Le misure da prendere non
DELL’UMANITÀ una passeggiata, sono im- di gas serra in atmosfera e nelle nostre abitazioni non sono una passeggiata, sono
LIMITI ECOLOGICI GLOBALI, pegnative. Se troviamo ra- delle risorse naturali dispo- solo ci fa pagare bollette impegnative. Se troviamo
DELL’ACCUMULO DI GAS gioni per rinviarle, stiamo nibili, hanno assunto un più care, ma danneggia il ragioni per rinviarle, stia-
SERRA IN ATMOSFERA sbagliando, anche se sem- ruolo decisivo, imprescin- clima. E per evitare sprechi mo sbagliando, anche se
brassero buone ragioni. A dibile. La globalizzazione energetici oggi possiamo sembrassero buone ragioni.
E DELLE RISORSE NATURALI
dirlo è Edo Ronchi, presi- dello sviluppo economico fare molto: basta informarsi Le priorità sono: i cambia-
DISPONIBILI dente della Fondazione per in un Pianeta ormai den- sui prodotti a bassi consu- menti di modello energeti-
HANNO ASSUNTO lo sviluppo sostenibile e samente popolato da circa mi per l’illuminazione, per co, con un rapido sviluppo
UN RUOLO DECISIVO già ministro dell’Ambien- 7,6 miliardi di persone, pe- Edo Ronchi varie apparecchiature elet- delle misure per l’efficien-
presidente della Fondazione
E IMPRESCINDIBILE te. Con lui abbiamo parla- raltro in costante aumento, per lo sviluppo sostenibile triche ed elettroniche, sulle za energetica e una rapida
to di priorità, interventi da non può più essere fondato possibilità di interventi che sostituzione delle fonti fos-
sostenere, ma anche azioni sull’utilizzo massiccio di e- godono di incentivi fiscali sili con quelle rinnovabili;
che ognuno di noi può già nergia di origine fossile (di su risorse rinnovabili o co- e finanziamenti per l’effi- una rapida conversione del
intraprendere. Anzi deve. petrolio, di gas e di carbo- munque riciclabili, ricicla- cienza energetica. Anche le modello lineare in model-
Perché ormai il tempo dei ne), perché questo utilizzo te e, in genere, utilizzate in possibilità di usare energia lo circolare di produzione e
“se” e dei “ma” è finito. E la sta portando verso un cata- modo più sobrio. generata da fonti rinnova- di consumo. I cambiamenti
posta in gioco è altissima. strofico riscaldamento glo- bili non mancano: installare sono in atto, ma sono troppo
bale. E nemmeno su un mo- Quindi un taglio netto pannelli fotovoltaici, unirci lenti. Procedendo di questo
Transizione ecologica: dello lineare di produzione con il passato. Ma cosa in comunità energetiche per passo arriveremo troppo
non un semplice slogan, e di consumo che richiede dobbiamo lasciarci alle produrre e utilizzare fon- tardi: corriamo seri rischi
ma un processo molto un’enorme prelievo di ma- spalle del vecchio modo ti rinnovabili, privilegiare di essere, in pochi decenni,
strutturato. Al di là teriali (minerali, metalli, di intendere e gestire fornitori che assicurino l’u- travolti dalla grande crisi
dei temi ambientali ed combustibili fossili e bio- l’ambiente e l’energia? so di fonti rinnovabili. Dob- climatica ed ecologica. La
energetici, quali altre masse) che genera grandi Vanno cambiate - e in parte biamo anche ridurre i rifiuti crisi sicuramente è globale,
componenti dobbiamo quantità di sprechi, di rifiuti sta già succedendo - alcu- e, certamente, conferirli in ma non è possibile che tutto
considerare? e di impatti sull’ambiente. ne idee di fondo: l’idea che modo differenziato con cu- il mondo agisca contempo-
Il termine “transizione” Dobbiamo, rapidamente, il benessere coincida con ra. Dobbiamo cercare di più raneamente per risolverla.
indica un cambiamento di in pochi decenni, passare l’aumento del consumismo prodotti riciclati e anche ri- Se aspettiamo che tutti si
vasta portata, solitamente a una economia, a sistemi e degli sprechi va superata. utilizzati.Troppe auto, usate muovano simultaneamen-
storica: la transizione eco- di produzione, di consumo, Si deve - e si può - vivere per ogni spostamento, non te, staremo fermi in attesa
logica dovrebbe segnare il di mobilità, di abitazione e, meglio in modo sobrio e re- sono più sostenibili: meno degli impatti certi di questa
passaggio da uno sviluppo in genere, a stili di vita e di sponsabile. Sappiamo che auto, più bicicletta, più spo- grande crisi. Se ciascuno
economico e sociale diven- benessere, basati sull’uso una buona alimentazione stamenti a piedi, con mezzi - singolarmente, nella pro-
tato insostenibile per il cli- efficiente e il risparmio di non significa abbuffarsi, pubblici e condivisi. Grandi pria città, nel proprio Paese
ma e le risorse naturali a u- energia e di risorse naturali, ma moderazione, scelta ac- cambiamenti riguardano le - si muoverà nella direzio-
no sviluppo climaticamente sulle energie rinnovabili e curata degli alimenti e del- produzioni in tutti i settori: ne della transizione ecolo-
bisgona passare da modelli gica e aumenterà il ritmo
lineari a modelli circolari e del cambiamento in atto,

ESPERIENZE E FATTI
rigenerativi, con prodotti di cresceranno di pari passo
lunga durata, che generino le probabilità di alimentare
minori rifiuti, che siano più un cambiamento generale e,
riparabili e riutilizzabili e/o quindi, anche quelle di po-
utilizzabili in modo condi- tercela fare.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 6
#ZOOM

Quando si vince
CON IL “SISTEMA”

di Flora Vallone* se disponibili: non solo i ri- lazioni e mostre tra le vie
fiuti (trattati in lotti di smal- e nelle chiese), segnalando

T
ra le colline pisane, timento, impianti di depu- percorsi e accessibilità pro-
nell’iconico paesaggio razione, biometano e coge- gettate ad hoc, in un circui-
toscano di borghi sto- nerazione), non solo fonti to per la mobilità sostenibi-
TRANSIZIONE ECOLOGICA
rici, campi agricoli, boschi, rinnovabili (tra fotovoltaico le - e debole - arricchitosi di
cipressate, si trova un la- E AREE INTERNE: e eolico) ma anche lo stesso passerelle aeree che raccor-
boratorio di resilienza am- UN BINOMIO PREZIOSO paesaggio, rimodellato tra dano il borgo in collina alle
bientale, economica e so- SE REALIZZATO IN SINTONIA opere di mitigazione e land aree urbane di pianura tra
ciale di grande efficacia. È CON L’AMBIENTE art sino a realizzare, nel sito parcheggi e ascensori. Ulti-
il borgo di Peccioli - «Ban- IL PAESAGGIO della discarica, un anfitea- ma e coraggiosa iniziativa è
diera arancione» Tci - dove tro per eventi e spettacoli, il «Palazzo senza Tempo»,
E LE COMUNITÀ LOCALI
da una ventina d’anni si so- tra sculture e affreschi co- progetto di Mario Cucinel-
no affermati i temi dell’e- TRA PNRR, PIANO BORGHI lorati (di Naturaliter, Stai- la Architects che ha recupe-
conomia circolare, della E RELATIVI CONTRIBUTI no, Tremlett). Riattivando e rato un complesso quattro-
sostenibilità ambientale e AD HOC. A PECCIOLI, potenziando, così, i servizi centesco riorganizzandone
delle fonti energetiche rin- IN PROVINCIA DI PISA, ecosistemici e relativi be- gli spazi interni per resi-
novabili in sintonia con le UN CASO EMBLEMATICO nefici (habitat, regolazione, denze artisti, coworking,
popolazioni locali. Il punto produzione, cultura, benes- mostre, un’emeroteca, un
di partenza? Una discarica sere, sicurezza). auditorium e un caffè risto-
di rifiuti solidi urbani che rante, e - sul fronte ester-
da criticità è stata trasfor- E PER GUIDA no affacciato sulla Valle
mata in un’opportunità, UNA APP dell’Era – un’ampia e sotti-
contestualmente, di rige- Il «sistema Peccioli» è di- le terrazza panoramica pro-
nerazione paesaggistica ed sin dal 1997, il cosiddet- ventata una app che guida tesa nel paesaggio.
economica. to «Sistema Peccioli», con i visitatori tra eventi e altre Inaugurata nel luglio scor-
l’attivazione una società ad “contaminazioni” anche so è già divenuta meta di
UN PATTO hoc (la società Belvedere materiali (sculture, wall turismo, interessato a visi-
CHE FUNZIONA Spa) per la gestione della drawings, spazi per musi- tare anche le installazioni
Cinquemila abitanti e una discarica e il relativo recu- ca e poesia) in un circuito artistiche (Buren e altri)
amministrazione c omu- pero ambientale impostato sempre più esteso che coin- dell’immediato intorno.
nale attenta e determinata sul riutilizzo e la corretta ri- volge frazioni e comuni li-
hanno costruito insieme, organizzazione delle risor- mitrofi, altri artisti (instal- * architetto e paesaggista

#NEL DETTAGLIO

L’approccio olistico
Peccioli (nelle foto - anche integrando quella conoscenza ai commercianti, olistica e complessa
a sinistra di Flora agricoltura e appartenenza che partecipa a studi su che, superando
Vallone) è un caso innovativa, produzione generano benessere e robotica e domotica l’intervento spot e
Borgo di Peccioli, sulle colline pisane: qui, da una ventina d’anni
si è affermato un modello di economia circolare nato dall’esigenza
virtuoso, costruito energetica, sicurezza. con la Scuola di settoriale, renda
di recuperare una dicarica e presto diventato un modello sostenibile
di gestione del territorio. Il tutto con l’apporto di interessanti stimoli culturali
nel tempo, con integrazione sociale. Oltre all’app Sant’Anna di Pisa possibile aggiungere
coralità di intenti Ed è arrivato in «sistema Peccioli», e il Cnr, accoglie anche nelle aree
basato anche su un Biennale Architettura, il Comune ha attivato idee e competenze interne - spesso
forte partnerariato Padiglione Italia, la «Fondazione anche professionali territori a elevata
pubblico-privato e portando con Peccioliper» (servizi, in working village a sensibilità ambientale
che, sin dai primi anni, sé anche i suoi comunicazione), edita ospitalità gratuita. e ancora “vergini”
ha generato nuova cittadini (viaggi il periodico «Peccioli Questo, come diversi - innovazione
economia e valori in bus organizzati notizie», il «Rapporto altri casi analoghi in compatibile e
identitari condivisi dal Comune) per di Sostenibilità Italia e nel mondo, sostenibile proprio
tra le popolazioni assistere agli Ambientale Economica rappresenta il perché fondata
locali, estendendone il approfondimenti e talk e Sociale» promuove corretto leitmotiv sulle stesse
beneficio ben oltre il tematici che dicono la mobilità sostenibile per le ulteriori caratteristiche e
punto di partenza - la del loro territorio, anche fornendo future strategie e necessità/opportunità
discarica abusiva incrementando veicoli elettrici azioni da mettere del luogo, e su queste
in campo per la costruisce qualità,

ESPERIENZE E FATTI
transizione ecologica. economia, benessere.
In una dimensione (F.V.)

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 8
VMF & SISTEMA CASA

IL SISTEMA INTELLIGENTE
PER LA CLIMATIZZAZIONE
DELLA CASA
Aermec presenta la soluzione completa, innovativa ed efficiente per la climatizzazione degli ambienti residenziali.
Grazie al semplice pannello touch screen del sistema VMF è possibile gestire completamente l’impianto idronico,
sia localmente che in maniera centralizzata, garantendo le migliori prestazioni energetiche ed il massimo comfort
in ogni ambiente e durante tutto l’anno. Il sistema si completa con BHP, la pompa di calore di tipo split a gas ecologico
R32 e OMNIA SLIM, il silenzioso ventilconvettore a ridotta profondità.

BHP
Pompe di calore

Ventilconvettore
Omnia Slim
Pannello da incasso
VMF-E6 Pumps

Aermec S.p.A. via Roma, 996 - 37040 Bevilacqua (VR)


T. +39 0442 633111 www.aermec.com
#MODELLI #PROFILI

di massimizzare i benefici
Il prosumer
derivanti da questo approc-
cio collegiale grazie all’im- Il prosumer (termine
plementazione di soluzioni
tecnologiche poli-generati-
composito, formato dalle
ve per la generazione distri- parole inglesi producer -
buita di energia e alla ge- produttore - e consumer
stione intelligente dei flussi
energetici. La ricerca di so-
- consumatore) è
luzioni progettuali e gestio- l’utente finale che
nali per una comunità ener- produce in proprio una
getica locale integrata è un
processo decisionale com-
parte dell’energia che
plesso che coinvolge diversi consuma, ottenendo un
stakeholder ed è, pertanto, beneficio economico e
caratterizzata dalla presen-
za di obiettivi spesso in con-
una relativa autonomia.
flitto tra loro. Una soluzione Attraverso questa
che minimizza i costi di in- figura, l’utente finale
vestimento e di gestione - ri-
diventa un consumatore

Le comunità
sultato di un’ottimizzazione
di design e/o operazionale attivo, consapevole
puramente economica, e di delle proprie esigenze

energetiche
interesse dei gestori del si-
stema - potrebbe non garan-
di consumo e dei benefici
tire la sostenibilità a lungo che possono derivare
termine dell’approvvigio- dall’uso delle fonti
namento energetico; obiet-
di energia rinnovabile

INTEGRATE
tivo, quest’ultimo, otteni-
Marialaura Di Somma
dipartimento Tecnologie energetiche bile mediante la riduzione
e fonti rinnovabili, ENEA dell’utilizzo delle fonti fos-
sili e dell’impatto ambien-
Giorgio Graditi tale. eNeuron propone un
dipartimento Tecnologie energetiche
e fonti rinnovabili, ENEA approccio multi-obiettivo
per identificare delle solu-
di Marialaura Di Somma* bito della transizione ener- grazie alla realizzazione di zioni di compromesso tra ovvero la microrete energe-
e Giorgio Graditi* getica, grazie alla possibili- strumenti innovativi per la obiettivi a breve e a lungo tica di Montedago ad An-
tà di prendere decisioni au- pianificazione di sistemi e- termine, di interesse dei di- cona messa a disposizione
tonome su come produrre, nergetici integrati locali in versi stakeholder coinvolti, dall’Università Politecnica

L
a transizione energeti- immagazzinare, vendere o presenza di poli-generazio- a vario titolo e livello, nella delle Marche, la base navale
ca in atto offre nuove condividere la propria ener- ne distribuita e con elevati transizione energetica, ga- di Lisbona della Marina mi-
opportunità per l’inte- gia. livelli di penetrazione di rantendo la sostenibilità e- litare portoghese, il labora-
grazione delle risorse ener- fonti rinnovabili. Coordina- conomica e ambientale del- torio LEDE dell’omonimo
getiche distribuite a livello IL PROGETTO to dall’ENEA nella perso- la energy community. operatore della rete elettrica
locale e per l’evoluzione Il progetto eNeuron (greeN na dell’ingegner Marialaura di distribuzione norvegese
del ruolo degli utenti fina- Energy HUbs for Local In- Di Somma del Dipartimen- L’OBIETTIVO e la municipalità di Byd-
li da consumatori passivi a tegRated Energy COmmu- to Tecnologie Energetiche L’obiettivo principale del goszcz in Polonia, gestita
prosumer in grado di pro- nities OptimisatioN; https:// e Fonti Rinnovabili, il pro- progetto di innovation dall’operatore della rete e-
durre in loco l’energia di eneuron.eu/), iniziato a no- getto vede la partecipazio- action è di sviluppare uno lettrica di distribuzione E-
cui necessitano. Le energy vembre 2020 e finanziato ne di 17 partner europei IEn, IREC, SINTEF, TEC- strumento per la progetta- NEA Operator.
community concretizzano con circa 6 milioni di euro provenienti da Italia, Cipro, NALIA e EPRI Europe, il zione e la gestione ottimale
pienamente il concetto di nell’ambito del program- Germania, Irlanda, Norve- gruppo FOSS dell’Univer- di comunità energetiche lo- LE ASPETTATIVE
democratizzazione dell’ap- ma H2020, si inserisce nel gia, Polonia, Portogallo e sità di Cipro, l’Università cali, che si rivolge a diversi Gli impatti attesi del proget-
provvigionamento energe- quadro di policy europeo e Spagna. In dettaglio, il par- Politecnica delle Marche, stakeholder, tra cui: to eNeuron sono:
tico, promuovendo il ruolo nazionale per lo sviluppo tenariato è costituito dagli l’Università Politecnica di - i prosumer locali che po- - validare soluzioni per la
attivo dei cittadini nell’am- delle comunità energetiche, istituti di ricerca ENEA, Madrid, il gruppo porto- tranno trarre vantaggio decarbonizzazione dei si-
ghese EDP, i distributori di dalla riduzione dei costi stemi energetici locali;
energia LEDE ed ENEA dei vettori energetici gra- - m igliorare il coinvolgi-
OPERATOR, la PMI por- zie a una gestione otti- mento dei consumatori e
#NEL DETTAGLIO toghese ENEIDA, la so- mizzata delle risorse; dei produttori di energia
cietà italiana Fondazione - i gestori delle reti di di- locali testando nuovi mo-
Una realtà ai raggi X ICONS, la Marina militare
portoghese e la municipali-
stribuzione che trarranno
vantaggio dalla riduzione
delli di business;
- sviluppare e validare stra-
tà di Bydgoszcz in Polonia. delle congestioni, ritar- tegie e strumenti per siste-
Destinate a svolgere energetici con il sistema e del raffrescamento, dando anche potenziali mi energetici locali inte-
LA VISIONE investimenti per il poten- grati attraverso la gestio-
un ruolo significativo elettrico come spina supportate dall’accumulo di Il progetto eNeuron inten- ziamento della rete; ne ottimizzata di vettori
nella transizione dorsale, caratterizzate energia nelle varie forme de la comunità energetica - i decisori politici e gli enti energetici multipli al fine
energetica, sono intese dall’accoppiamento delle e tipologie, inclusi i veicoli locale integrata come una regolatori che otterranno di massimizzare la quo-
serie di utenze energetiche benefici nel garantire si- ta di penetrazione della
come un’infrastruttura reti elettriche con quelle elettrici e i processi di che decidono di fare scelte stemi di approvvigiona- componente rinnovabile;
integrata per tutti i vettori del gas, del riscaldamento conversione Power-to-X. comuni per il soddisfaci- mento energetico sempre - definire soluzioni di ben-
mento del proprio fabbiso- più sostenibili e sicuri, as- chmark e modelli di bu-
gno energetico. Lo scopo è sicurando la fornitura di siness che possano essere
energia a prezzi accessibi- replicati in Europa e che
li per tutti gli utenti. risultino accettabili dagli

ESPERIENZE E FATTI
La piattaforma eNeuron utenti locali.
di gestione delle comunità
energetiche locali integra- * dipartimento Tecnologie
te sarà testata e validata in Energetiche e Fonti
quattro siti pilota in Europa, Rinnovabili, ENEA, Roma

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 1 0
#TRANSIZIONE ENERGETICA

Dal componente al sistema


futuro sempre più elettrico
▼ dell’elettricità tenendo con-
to del consumo (kWh), del
costo (€/kWh), della tecno-
logia e dell’impatto ambien-
In materia, per far fronte
sempre di più alle esigenze
degli stakeholder, il CEI ha
recentemente istituito il ta-
#IL COMITATO

Storia
ENTRO IL 2025 SARANNO
INSTALLATE IN ITALIA
tale.
Un approccio molto affine
volo di confronto “E-mobi-
lity”, che coordina i diversi
antica
OLTRE 100 MILA al D.M. 26 giugno 2015, attori intorno al tema della norme
che ha stabilito i requisiti mobilità elettrica, al fine di
INFRASTRUTTURE
DI RICARICA DEI VEICOLI
minimi per gli edifici non identificare le diverse ne- moderne
residenziali, tra cui l’appli- cessità in chiave normativa.
ELETTICI E IBRIDI PLUG IN cazione di un sistema di ge- Il tavolo, inoltre, non solo
LA CUI DIFFUSIONE stione automatica degli edi- garantisce il collegamento Il CEI – comitato
NON RIGUARDERÀ SOLO fici e degli impianti confor- con il network di AVERE, elettrotecnico italiano è
IL NUMERO DEGLI me al livello B della norma l’associazione europea per un’associazione di diritto
EN 15232 e alla direttiva l’elettromobilità, organiz-
ESEMPLARI REALIZZATI privato, senza scopo di
844/2018/Ue sull’efficien- zata in 16 sezioni nazionali
MA ANCHE LA VARIETÀ za e prestazione energetica con oltre 1.000 operatori in- lucro, responsabile in
DEI MODELLI degli edifici, recepita in Ita- dustriali e istituzionali, ma
E DELLE TECNOLOGIE lia dal decreto legislativo 10 è anche collegato a diversi
ambito nazionale della
UTILIZZATE giugno 2020, n. 48. comitati tecnici CEI: normazione tecnica in
SIA PER LE BATTERIE La direttiva modifica il “si- · CT 312 “Componenti e si- campo elettrotecnico,
stema tecnico per l’edilizia” stemi elettrici ed elettroni-
SIA PER LE COLONNINE elettronico e delle
(art. 3) e aggiunge – tra le so- ci per veicoli elettrici e/o
DI RICARICA STANDARD luzioni per l’efficienza (art.
Ivano Visintainer
ibridi per la trazione elet- telecomunicazioni,
direttore tecnico del CEI
RAPIDE E ULTRARAPIDE 3bis) – il «sistema di auto- Parlando di e-mobility, trica stradale”;
mazione e controllo dell’e- al di là degli indiscutibili · CT 2 “Macchine rotanti”;
con la partecipazione
dificio», ossia «il sistema vantaggi per l’ambiente, · CT 13 “Misura e controllo diretta – su mandato
comprendente tutti i pro- devono essere considerati dell’energia elettrica”; dello Stato Italiano –

#
dotti, i software e i servizi aspetti (ad esempio lo · CT 20 “Cavi elettrici”; CT
tecnici che contribuiscono smaltimento delle batterie) 21/35 “Accumulatori a pi- nelle corrispondenti
al funzionamento sicuro, e- che potrebbero generare le”; organizzazioni di
conomico ed efficiente sot- impatti negativi. La · CT 23 “Apparecchiatura a
to il profilo dell’energia dei ricerca e lo sviluppo nel bassa tensione”;
normazione europea
PER FAR FRONTE SEMPRE
di Dario De Andrea sistemi tecnici per l’edilizia comparto elettrotecnico
DI PIÙ ALLE ESIGENZE · CT 69 “Macchine elettri- (CENELEC) e
tramite controlli automatici come stanno tentando di che dei veicoli stradali e- internazionale (IEC).

I
l Comitato elettrotecni- e facilitando la gestione ma- risolvere questa criticità? DEGLI STAKEHOLDER lettrici”;
co italiano (CEI) è l’as- nuale di tali sistemi». Premetto che, come eviden- IL CEI HA RECENTEMENTE · CT 105 “Celle a combusti- Fondato nel 1909, il
sociazione responsabile, ziato, la mobilità elettrica si ISTITUITO IL TAVOLO DI bile”; CEI propone, elabora,
in ambito nazionale, delle In questo processo, quale sta sempre più sviluppando CONFRONTO “E-MOBILITY”, · CT 111 “Aspetti ambien-
pubblica e divulga
norme tecniche in campo supporto può offrire in nel campo dei veicoli elet- CHE COORDINA I VARI tali di prodotti elettrici ed
elettrotecnico, elettronico e genere il comparto della trici e ibridi plug-in a batte- elettronici”; norme tecniche
ATTORI INTORNO
delle telecomunicazioni che normativa tecnica? ria, più efficienti e rispetto-
AL TEMA DELLA MOBILITÀ
· CT 316 “Regole di connes- che costituiscono
definiscono la presunzione In questo contesto, come è si dell’ambiente rispetto ai sione alle reti”.
di conformità alla “regola facile intuire, la componen- veicoli diesel e benzina. Lo ELETTRICA, AL FINE il riferimento per
dell’arte” di prodotti, pro- tistica elettronica – e in ge- sviluppo massivo dei vei- DI IDENTIFICARE Per quanto riguarda gli a- la presunzione di
cessi, sistemi e impianti e- nerale l’elettronica – gioca coli elettrici e ibridi potrà, LE DIVERSE NECESSITÀ spetti che potrebbero ge- conformità alla “regola
lettrici. Inevitabile, quindi, un ruolo fondamentale per infatti, consentire di ridurre IN CHIAVE NORMATIVA nerare impatti negativi (ad
confrontarsi con loro su un le misure legate all’EEE: la dipendenza dal petrolio e esempio lo smaltimento dell’arte” di prodotti,
ampio spettro di temi legati automazione dell’impianto le emissioni di anidride car- delle batterie), la ricerca e processi, sistemi
alla transizione ecologica, di illuminazione, riscalda- bonica nell’atmosfera nel lo sviluppo in questo com-
dall’efficientamento ener- mento, condizionamento, periodo che andrà dal 2030 parto sono in continua evo-
e impianti elettrici.
getico alla mobilità soste- produzione acqua calda, al 2050, come descritto nel luzione e sicuramente po- Le norme CEI, in
nibile. Ne abbiamo parlato ventilazione, rifasamento, rapporto dell’International tranno essere individuate larga maggioranza
con Ivano Visintainer, di- posizionamento ottimale energy agency (Iea) in te- soluzioni tecnologiche che
rettore tecnico del CEI. della cabina elettrica e dei ma di Electric and Plug-In risolveranno le criticità se- recepimenti di documenti
quadri elettrici principali, Hybrid vehicles roadmap. gnalate; e la normativa, normativi internazionali,
La rivoluzione, spesso, misure e gestione ottimale Si stima, infatti, che, entro come sempre, contribuirà
sta nelle piccole cose: e razionale dell’energia e- il 2025, saranno installate a raggiungere questo obiet-
costituiscono anche
questo concetto potrebbe lettrica. in Italia oltre 100.000 in- tivo. uno strumento univoco
descrivere il rapporto Per i progettisti di impianti frastrutture di ricarica dei In questo senso, citiamo e ben codificato per
tra l’efficientamento elettrici e per gli operatori veicoli elettici e ibridi plug l’attività del comitato tec-
energetico e il mondo del settore risulta, quindi, in, la cui diffusione non ri- nico CT CEI 111 “Aspetti soddisfare le prescrizioni
della componentistica fondamentale la conoscen- guarderà solo il numero de- ambientali di prodotti e- di natura obbligatoria
elettronica? za del quadro legislativo e gli esemplari realizzati, ma lettrici ed elettronici” che
Direi di sì: in termini elet- normativo vigente per pro- anche la varietà dei modelli sviluppa normative legate
previste dalla legislazione
trici, la “EEE” (Electrical gettare e realizzare a regola e delle tecnologie utilizzate agli sviluppi delle direttive nazionale ed europea.
energy efficiency) è un ap- d’arte e in sicurezza gli im- sia per le batterie sia per le ambientali europee RoHS
proccio di sistema per ot- pianti elettrici ed elettroni- colonnine di ricarica stan- e WEEE, EuP e al regola-
timizzare l’uso efficiente ci. dard, rapide e ultrarapide. mento REACH.
#ECCELLENZE

Itticoltura sana
COME UN PESCE
duttore che a sua volta inne- #RISULTATI
sca una serie di reazioni ra-
dicali che portano non solo
alla completa degradazione
di sostanze inquinanti, ma
E ci guadagna
anche all’inattivazione di a- anche il conto
genti patogeni quali virus e
batteri». economico
Il sistema è quindi un otti-
mo alleato per sviluppare È possibile ottimizzare il
un’acquacoltura sostenibile
in impianti a terra, con si- processo accoppiato in
stemi a ricircolo continuo. modo da renderlo fino al
In questo modo si salva- 60% più efficiente rispetto
guardano gli ecosistemi i-
drici naturali fluviali e ma- ai due processi agenti
rini, attualmente minacciati separatamente: è questa
da allevamenti intensivi ad la chiave del risparmio
alto impatto ambientale e
che fanno largo uso di anti- economico. Inoltre,
biotici. Così i salmoni pos- l’uso di ozono consente
Annachiara Berardinelli
sono continuare a nuotare l’agglomerazione di solidi Ricercatrice dell’università
e crescere in un ambiente di Trento
sospesi e quindi rende


di Floriana Morrone dotti, in molti casi l’acqua pulito e sano, per il benes-
è sporca e inquinata e sono sere loro e dei consumatori. più semplice e ancora più

È economica la separazione a
una scoperta importante esposti a malattie, infezio- Il coordinamento organiz-
che potrebbe rivoluzio- ni e parassiti. Per porre ri- zativo del gruppo di ricerca-
nare il mondo dell’al- medio, gli allevatori, nella tori viene messo a disposi- opera dei filtri tradizionali.
UTILIZZARE MODELLI
DI NUOVA CONCEZIONE
levamento ittico. Arriva maggior parte dei casi, uti- zione dalla fondazione HIT Il processo non necessita
PER IL RICAMBIO
dall’Università di Trento. I lizzano prodotti chimici e - Hub Innovazione Trentino di elevate temperature o
ricercatori Francesco Par- antibiotici che possono es- che si occuperà anche della
E LA PURIFICAZIONE rino e Annachiara Berardi- sere dannosi per l’ambiente promozione dei risultati del pressioni perché si svolge
DELL’ACQUA GARANTISCE nelli, in collaborazione con marino, per i consumatori progetto in linea con la sua a temperatura ambiente, si
UNA MIGLIORE QUALITÀ Hub Innovazione Trentino, e per il benessere dei pesci missione di ente per il tra- basa su energia rinnovabili,
NEGLI ALLEVAMENTI. hanno realizzato il progetto stessi. «Il problema ambien- sferimento tecnologico dal-
EIT Food “Sustainable A- tale e della salute del pesce la ricerca al mercato e cata- il sole, non fa uso di
ACCADE A DUNKELD, quaculture”, utilizzando u- in gabbie in mare si risolve - lizzatore di innovazione sul agenti chimici persistenti
Francesco Parrino
Ricercatore dell’università
IN SCOZIA, GRAZIE di Trento e titolare del progetto
A UNA TECNOLOGIA
na particolare tecnica soste- afferma il professor France- territorio. poiché l’ozono residuo
nibile per la purificazione sco Parrino, titolare del pro-
INNOVATIVA IDEATA dell’acqua basata sulla luce getto - portando le vasche a LA TECNOLOGIA viene minimizzato grazie
DA DUE RICERCATORI che oggi è già stata proposta terra. Però in questo modo L’ozonizzazione fotocatali- a precisi calcoli cinetici.
ITALIANI DELL’UNIVERSITÀ con successo ad un’azienda si formano specie chimi- tica consiste nell’accoppia- Inoltre l’ozono viene
internazionale di alleva- che di origine batterica che mento di due processi di os-
DI TRENTO mento ed esportazione del rendono il pesce di qualità sidazione avanzata (fotoca- trasformato in ossigeno e,
pesce, la FishFrom Ltd, a organolettica di gran lunga talisi e ozonizzazione) che grazie alla contemporanea I RICERCATORI
Dunkeld, in Scozia. inferiore. Quindi è necessa- agiscono simultaneamente. azione della fotocatalisi, HANNO DIMOSTRATO
rio un sistema di purifica- Il processo della fotocatalisi
IL PROBLEMA zione dell’acqua efficiente si basa sulla capacità di al- non vengono prodotti CHE LA PRODUZIONE
E LA SOLUZIONE ed economico: qui entra in cuni ossidi semiconduttori intermedi di ossidazione DI BROMATO
Ma vediamo perché. Più gioco l’ozonizzazione foto- di essere attivati dalla luce tossici. I ricercatori VIENE INIBITA
della metà del pesce con- catalitica». e di produrre in acqua e in
hanno dimostrato che la DALLA FOTOCATALISI.
sumato dal mercato inter- condizioni blande specie UN ACCOPPIAMENTO
nazionale proviene dall’ac- COME FUNZIONA altamente ossidanti che di- produzione di bromato, SOSTENIBILE
quacultura, prevalentemen- Il sistema di ozonizza- struggono molecole inqui- un agente altamente SIA ECONOMICAMENTE
te dagli allevamenti ittici zione fotocatalitica riesce nanti e agenti patogeni. In
intensivi industriali. Nel a mantenere un’elevata presenza di ozono l’intera- tossico, che si riscontra SIA DAL PUNTO DI VISTA
2015, nel solo continente qualità dell’acqua usando zione tra ozono e fotocata- quando l’ozono agisce DELL’IMPATTO
europeo, secondo le stime la luce solare come fon- lisi rende il processo più ef- da solo, viene inibita AMBIENTALE
del Wwf, circa un miliardo te di energia rinnovabile. ficiente e allo stesso tempo
di pesci sono stati allevati «Alla base - chiarisce Par- inibisce completamente la dalla fotocatalisi. Un
in gabbie subacquee. I pe- rino - c’è la proprietà della formazione di intermedi di accoppiamento sostenibile,
sci sono stipati in spazi ri- luce di attivare un semicon- ossidazione tossici. economicamente e
ambientalmente,

ESPERIENZE E FATTI
e senza rischi per la
salute. (F.M.)

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 1 2
R32

ENZA STAG
CI I

FI

ON
• EF
IN RAFFR
ES

ALE •
E RISCAL CAMENTO
PERFERA PAVIMENTO FVXM-A SCOP 4,7
DAMENT
O

PI Ù A
UNA NUOVA ESPERIENZA DI BENESSERE

TO
TA A

L
D EL ER C
M

L’UNICO CHE TI DONA UNA FRESCA CAREZZA D’ESTATE


E UN CALDO ABBRACCIO D’INVERNO
Raffresca o riscalda con l’Efficienza Stagionale più alta del mercato (SCOP 4,7).
Trasmette la sensazione di comfort personale simile IENZA STAG
a quella generata da un elemento radiante, come un termosifone.
C I

FI

ON
• EF
Il riscaldamento è immediato con distribuzione del calore sia dalla parte superiore IN RAFFR
ES

ALE •
che direttamente sul pavimento, per un comfort ottimale. E RISCAL CAMENTO
DAMENT
SCOP 4,7 O

PI Ù A

TO
TA A
L
Seasonal Efficiency Floor warming Heat plus
D EL C
M ER

www.daikin.it
#RICERCA

Torino, motore Verde


grigio
DELL’IDROGENO e blu
Le tecnologie legate
all’uso dell’idrogeno


ricerca e formazione la Re- per la sintesi di idrocarbu- zioni pulite, efficienti e con- saranno un tassello
gione Piemonte, ma anche ri mediante idrogenazione venienti, che sfruttino il po- essenziale per la
altre istituzioni e le aziende dell’anidride carbonica. tenziale dell’idrogeno come transizione ecologica,
private. In ambito geologico, l’o- vettore energetico. L’ accor- in particolare per la
biettivo ora è identificare i do torinese tra Università decarbonizzazione
UN ACCORDO
I MOTIVI luoghi dove stoccare grandi degli Studi e Politecnico dei trasporti e di
FRA UNIVERSITÀ DI UNA SCELTA quantità di questo gas. Sot- intende fornire un supporto molti processi
DEGLI STUDI E POLITECNICO Ma perché proprio l’idro- to la guida dell’Università in particolare alle iniziati- produttivi. Il ciclo
PUNTA A SVILUPPARE geno? «È il primo elemento di Torino, grazie al progetto ve della Regione Piemonte dell’idrogeno prevede
PROGETTI CHE SFRUTTINO della tavola periodica e og- HyCARE – di cui Baricco e della Città di Torino, con la sua produzione, la
IN PIENO LE POTENZIALITÀ gi viene visto come una via è Project Coordinator e che l’obiettivo finale di costitui- gestione, la logistica
per la decarbonizzazione coinvolge in particolare a- re un Polo Nazionale per la e l’uso in diverse
DEL GAS. L’IMPEGNO
dei processi industriali e dei ziende italiane e tedesche Ricerca sull’Idrogeno, a cui applicazioni finali.
DEGLI ATEI NON È STORIA trasporti, per distribuire l’e- - si sta sviluppando un si- hanno già aderito oltre agli Ma l’idrogeno può
DI OGGI, ORA PERÒ nergia rinnovabile, ma sen- stema di stoccaggio basato atenei piemontesi, alcune i- essere prodotto con
SI È DECISO DI SPINGERE za far uso di combustibili su idruri, integrato con elet- stituzioni e molte aziende.  processi più o meno
SULL’ACCELERATORE. fossili. Con l’idrogeno non trolizzatori e celle a combu- Marcello Baricco «La nascita di un Polo na- puliti. Il più ambizioso
Professore ordinario di Scienza
OBIETTIVO: REALIZZARE si immette anidride carbo- stibile. Il gas, infatti, viene e Tecnologia dei materiali zionale di Ricerca per l’I- ed ecologico è quello
nica in atmosfera, perché la proposto come stabilizza- all’Univesità degli Studi di Torino drogeno - spiega Stefano che porta all’idrogeno
UN POLO NAZIONALE
sua trasformazione in ener- tore di reti elettriche basate Geuna, Rettore dell’Uni- verde: con l’elettrolisi
PER ESSERE DI SUPPORTO gia produce acqua e non a- sulle energie rinnovabili. versità degli Studi di Torino dell’acqua, un

#
AD AZIENDE E ISTITUZIONI nidride carbonica. Non solo - rappresenterebbe un altro processo relativamente
per la transizione ecologi- LA PROSPETTIVA importante tassello strate- semplice, si
ca - prosegue Baricco - ma FUTURA gico per la crescita di una separano idrogeno e
anche per una motivazione E allora, che cosa possono città e una regione sempre ossigeno, rilasciando
di Manuela Lozza economica: L’Unione euro- fare le università che non QUESTO TERRITORIO più orientate ai temi della quest’ultimo in
pea ha stanziato 800 milio- stiano già facendo? «Essere sostenibilità e della transi- atmosfera. L’energia

T
È CARATTERIZZATO
orino capitale dell’idro- ni di euro per progetti lega- di supporto ad aziende e i- zione energetica, con l’in- elettrica è trasformata
geno. Stefano Geuna, ti alla parola idrogeno. Lo stituzioni. Le aziende fanno DA COMPETENZE tento di favorire una sempre in idrogeno, che
Rettore dell’Universi- stesso PNRR la cita più di gli investimenti sugli im- DI ALTO LIVELLO più strutturata interazione viene stoccato per
tà degli Studi, e Guido Sa- 80 volte. Dobbiamo essere pianti, mentre le università IN DISCIPLINE SPECIFICHE tra enti di ricerca e settori ritrasformarlo in
racco, Rettore del Politec- in grado di intercettare que- ci mettono la conoscenza. FRA CUI NON MANCANO produttivi». energia al bisogno.
nico, hanno firmato un ac- sti fondi». Questo modus ci permette QUELLE RELATIVE Aggiunge Guido Saracco, Oggi, per la
cordo di coopetizione tra i anche d’intercettare finan- Rettore del Politecnico: «Il maggior parte, viene
ALLA SOSTENIBILITÀ
due atenei sul tema. «Di per UN PERCORSO ziamenti pubblici, sia na- nostro territorio è forte- prodotto “idrogeno
sé - spiega Marcello Baric- GIÀ COMINCIATO zionali sia europei». ENERGETICA. mente caratterizzato dalla grigio”: risultato
co, Professore ordinario di In realtà, infatti, sono an- L’esempio sono i molti pro- LA SINERGIA presenza di competenze di di combustione
Scienza e Tecnologia dei ni che le università torinesi getti finanziati dalla Ue, FRA I VARI ATTORI livello su tematiche speci- del metano, genera
Materiali all’Università de- portano avanti progetti che in particolare attraverso la COINVOLTI fiche, tra cui sicuramente la anidride carbonica.
gli Studi di Torino - è una hanno come fulcro l’idroge- piattaforma “Fuel Cells and PUÒ ESSERE DEFINITA ricerca relativa all’idrogeno. In mezzo c’è il blu, in
materia interdisciplinare, no. In particolare, sono da Hydrogen Joint Underta- La forza che un Polo nazio- cui viene sì prodotta
EFFICACEMENTE
che coinvolge la scienza e tempo in corso studi sulla king – FCH JU”, che vede nale potrebbe avere è data anidride carbonica, ma
l’ingegneria. Per questo mo- sua produzione per elettro- Baricco fra i sette membri “CORAGGIO proprio dalla capacità delle catturata e non buttata
tivo è particolarmente im- lisi dell’acqua, con tecnolo- internazionali del comitato DELLA CONCORDIA” nostre istituzioni di lavorare in atmosfera. (M.L.)
portante la collaborazione gie termochimiche e da bio- scientifico. In questo caso, insieme in modo comple-
fra i due nostri due atenei, masse. Attraverso lo svilup- il partenariato pubblico-pri- mentare su queste temati-
con le loro specifiche com- po di catalizzatori avanzati vato sostiene le attività di che complesse: un “corag-
petenze». altamente selettivi, viene ricerca e sviluppo tecnolo- gio della concordia” che
Lo scopo è di sostenere con studiato l’uso dell’idrogeno gico, per incrementare solu- credo caratterizzi le nostre
università, il sistema delle
istituzioni e anche il com-

ESPERIENZE E FATTI
parto produttivo nel territo-
rio di Torino e del Piemon-
te, che rappresenta un valo-
re aggiunto per un progetto
come questo».

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 1 4
#STUDI

Senza trascurare
Per misurare la performan-
ce organizzativa – prosegue
Giovanna Afeltra - è stato
invece considerato un indi-

LA CONVENIENZA
catore non finanziario che
include la capacità delle a-
ziende di fidelizzare i propri
clienti, di attrarne di nuovi,
la reputazione dell’azienda
nei confronti dei principali


Giovanna Afeltra stakeholder: clienti, forni-
Ricercatrice
della LIUC tori, governo. La capacità
Università Cattaneo di instaurare eccellenti re-
lazioni con i fornitori gra-
DA UNA RICERCA zie a una forte fiducia e tra-
CONDOTTA DA LIUC sparenza. Questo indicatore
prende anche in considera-
UNIVERSITÀ CATTANEO zione l’ambiente lavorativo
(IN COLLABORAZIONE CON dei dipendenti, la loro pro-
L’UNIVERSITÀ DI BOLOGNA duttività, il loro coinvolgi-
E TNO-STRATEGIC mento nel raggiungimento
ANALYSIS AND POLICY) degli obiettivi aziendali e
Uno scorcio
EMERGE CON CHIAREZZA nifatturiero, data anche la della sede altri aspetti».
crescente sensibilità di tutti della LIUC L’obiet t ivo p r i nc ipa le
CHE LE POLITICHE TESE gli stakeholder verso queste
Università Cattaneo
dell’indagine, dunque, è
ALLA SOSTENIBILITÀ specifiche tematiche. stato dimostrare con u-
FANNO BENE ANCHE Tuttavia, non sempre sono Il parco che ospita
la sede della LIUC no studio empirico quanto
ALLE AZIENDE, SOTTO chiare le conseguenze che Università Cattaneo precedentemente emerso
IL PROFILO DEL BUSINESS eventuali cambiamenti a- dalla letteratura - cioè che
E DELLA SICUREZZA ziendali mossi da una mag- essere sostenibili conviene -
giore attenzione alla soste- concentrandosi soprattutto
nibilità - come l’ottimizza- sulle azioni concrete che le
zione dei processi, la pro- aziende attuano per rispet-
di Antonia Solari posta di prodotti durevoli, il tare e tutelare l’ambiente,
contenimento dei consumi inteso anche come ambien-

«E
ssere sostenibili possono avere sulle presta- te lavorativo legato al be-
conviene». A con- zioni aziendali. nessere. Attraverso i risul-
fermarlo è l’inda- tati si intende sensibilizzare
gine sulle imprese del siste- IL QUESTIONARIO gli imprenditori sulle con-
ma manifatturiero italiano L’indagine si è basata su un seguenze legate alla promo-
«Sustainable Innovation questionario somministrato zione di processi di cambia-
and Organizational Perfor- a un campione di aziende i- mento votati a una maggio-
mance: beyond anecdotal taliane estratte casualmente re sostenibilità. Grazie al
evidence», condotta dalla fra le nove mila realtà inclu- LE TRE DIMENSIONI mensione ambientale mira dei dipendenti. Infine, la di- miglioramento di prodotti e
LIUC - Università Catta- se nel database dell’AIDA Ma cosa si intende, nello a investigare se le aziende, mensione economica pren- processi i che hanno previ-
neo in collaborazione con Bureau van Dijk. specifico, per rapporto fra negli anni, hanno miglio- de in considerazione gli in- sto la riduzione degli spre-
l’Università di Bologna e T- I questionari compilati so- sostenibilità e prestazio- rato i processi produttivi vestimenti effettuati negli chi, il risparmio energetico,
no-Strategic Analysis and no stati 371 e a rispondere ni organizzative delle im- per ridurre l’uso di materie ultimi anni per l’innovazio- la riduzione nell’emissione
Policy. sono stati per lo più i CEO prese? «Nell’indagine - ri- prime, di energia, l’emissio- ne dei processi che mirino di sostanze pericolose e ri-
delle aziende (oltre il 44%), sponde Giovanna Afeltra, ne di sostanze nocive o la a ridurre l’impatto sull’am- fiuti tossici, infatti, secon-
LE CONSEGUENZE seguiti da Innovation/R&D ricercatrice di LIUC - la produzione di rifiuti anche biente e migliorino gli ef- do quanto emerso dall’in-
Gli aspetti di sostenibilità manager, Production mana- sostenibilità è stata misura- tossici. Per quanto riguar- fetti sociali, che abbiano dagine di LIUC, le aziende
ambientale e sociale, oltre ger, Business Development ta includendo in modo inte- da la sostenibilità sociale continuamente sviluppato risultano più attrattive agli
che economica, sono sem- manager. L’81% dei parteci- grato le sue tre dimensioni si è posta l’attenzione cir- e commercializzato nuovi occhi dei consumatori e più
pre più importanti per le im- panti proviene per lo più da principali: ambientale, so- ca l’impatto aziendale sul- prodotti che offrono benefi- affidabili nei confronti dei
prese parte del sistema ma- piccole imprese, i ciale ed economica. La di- la comunità e il benessere ci sia ambientali che sociali. fornitori.

#PREVENZIONE

E l’ambiente (di lavoro) ne esce migliorato


La ricerca «Sustainable Tno-Strategic Analysis and emerso - racconta Giovanna risultati possono avere professionali. Inoltre, problematiche ambientali».
Innovation and Organizational Policy) ha confermato quanto Afeltra, ricercatrice di importanti risvolti pratici attraverso l’introduzione Non ultimo, dalla ricerca
Performance: beyond l’attuazione di politiche LIUC - che le aziende che se gli imprenditori pongono di appropriati meccanismi è anche emerso che
anecdotal evidence» sostenibili vada di pari passo hanno una performance maggiore attenzione di incentivazione e training attraverso il miglioramento
(condotta dalla LIUC con il valorizzare le risorse organizzativa maggiore sono all’ambiente lavorativo continui, è possibile dei processi di produzione
- Università Cattaneo umane e quanto, anche in anche quelle più attente e migliorano i processi ridurre l’assenteismo e è possibile ridurre gli
in collaborazione con questo ambito, le ricadute all’ambiente lavorativo e di produzione riducendo migliorare la produttività infortuni e le malattie
l’Università di Bologna e siano incoraggianti. «È infatti al capitale umano. Questi gli infortuni e le malattie dei dipendenti. È emerso, professionali, migliorando
inoltre, che i dipendenti l’ambiente lavorativo e
sono maggiormente coinvolti aumentando la produttività

ESPERIENZE E FATTI
nel raggiungimento degli del personale con una
obiettivi aziendali se l’azienda riduzione, nel contempo,
mostra attenzione verso le dell’assenteismo. (A.S.)

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 1 6
#SOLUZIONI

E il “bio” è primo in sostenibilità


UNA RISORSA COMPLETAMENTE ANIDRIDE CARBONICA, E IN MINIMA CARBONICA (QUEST’ULTIMA PUÒ AGRICOLO. QUESTO SIGNIFICA CHE ENERGIA RINNOVABILE AL CENTO PAESI. «LA NOSTRA ASSOCIAZIONE
GREEN E UNA FONTE PRIMARIA PARTE DA OSSIDO DI CARBONIO, ESSERE RECUPERATA E DESTINATA L’ITALIA POTREBBE PRODURRE PER CENTO. OGGI, SUL TERRITORIO - SOTTOLINEA FLAVIO MERIGO,
RINNOVABILE E PROGRAMMABILE IDROGENO, AZOTO, VAPORE ACQUEO A UTILIZZI IN CAMPO ALIMENTARE AL 2030 FINO A 8,5 MILIARDI DI NAZIONALE SONO 24 GLI IMPIANTI PRESIDENTE DI ASSOGASMETANO
CHE SODDISFA I REQUISITI E IDROGENO SOLFORATO. IL BIOGAS E INDUSTRIALE), NASCE UN METRI CUBI DI BIOMETANO, PARI PER LA PRODUZIONE CON UNA - SI STA IMPEGNANDO PER
DELL’ECONOMIA CIRCOLARE, SI PRODUCE CON LA DIGESTIONE CARBURANTE CARBON FREE CON A CIRCA IL 12-13 PER CENTO PRODUZIONE, DI CIRCA 155 MILIONI TRASFORMARE I CONSORZI DI
CONSENTENDO DI DARE NUOVA VITA ANAEROBICA (PRIVA DI OSSIGENO) TUTTE LE CARATTERISTICHE DEL DELL’ATTUALE FABBISOGNO ANNUO DI METRI CUBI, TUTTI UTILIZZATI PRODUTTORI AGRICOLI DOTATI DI
AI RIFIUTI E MINIMIZZARE L’USO DELLE BIOMASSE: UN PROCESSO METANO FOSSILE. SECONDO DATI DI GAS NATURALE. SE IN FUTURO NEL SETTORE DEL TRASPORTO. IMPIANTI PER LA GENERAZIONE DI
DELLE RISORSE. IL BIOMETANO È ATTUATO DA MICRORGANISMI CHE FORNITI DAL CIB (CONSORZIO SI DESTINASSE INTERAMENTE UN BIOCARBURANTE MADE IN BIOMETANO, IN DISTRIBUTORI A
UN GAS CHE SI OTTIENE GRAZIE A PORTA ALLA DEGRADAZIONE DELLA ITALIANO BIOGAS) NEL NOSTRO AI TRASPORTI IL BIOMETANO ITALY CHE POTREBBE RIVELARSI SERVIZIO DELLA MOBILITÀ LEGGERA.
UN PROCESSO DI UPGRADING DEL SOSTANZA ORGANICA. DALLA SUA PAESE SONO OPERATIVI PIÙ DI POTENZIALMENTE PRODUCIBILE, SI FONDAMENTALE ANCHE PER CIÒ CONSENTIREBBE DI RENDERE
BIOGAS, MATERIALE COMPOSTO DEPURAZIONE, CON LA RIMOZIONE 1.500 IMPIANTI DI BIOGAS DI CUI RIUSCIREBBE AD ALIMENTARE UN RIDURRE LA DIPENDENZA DA DISPONIBILE QUESTO CARBURANTE
PRINCIPALMENTE DA METANO E DI IMPURITÀ, UMIDITÀ E ANIDRIDE OLTRE L’80 PER CENTO IN AMBITO TERZO DEL PARCO CIRCOLANTE CON COMBUSTIBILI FOSSILI DAGLI ALTRI ECOLOGICO ALLA FONTE». (C.P.)

#MOBILITÀ

Quando il metano
mezzi alimentati a metano,
supportando le aziende che
decidono di investire nello
svecchiamento del loro par-

TI METTE IN MOTO
co mezzi. Andrebbe anche
rafforzato il budget riserva-
to agli investimenti per chi
sceglie di comprare veicoli
alimentati a gas, nell’ambi-
to del rinnovo degli incenti-
vi ministeriali per l’acquisto
di veicoli commerciali. Infi-
ne, la nostra organizzazione
propone un sistema incen-
tivante anche per promuo-
vere misure che favoriscano
la conversione a gas delle
autovetture di classe Euro 4
ed Euro 5».

UN PROGETTO
PER L’IBRIDO
Flavio Merigo Un progetto, partito alla fi-
Presidente di Assogasmetano ne del 2020 in collaborazio-
ne con la società Ecomoti-
ve Solutions - azienda che
opera nella progettazione e
Secondo Assogasmetano andrebbe
anche rafforzato il budget riservato realizzazione di sistemi in-
agli investimenti per chi acquista novativi per l’uso dei carbu-
veicoli alimentati a gas
ranti alternativi – riguarda
l’attivazione della campa-
gna per promuovere l’uso

▼ di Costanza Peretti del gas naturale in veicoli


ibridi, in sostituzione alla

O
ggi, in Italia, sono ol- benzina, sfruttando così la
tre un milione i veicoli sinergia fra la trazione elet-
UN COMBUSTIBILE A BASSO circolanti alimentati a trica e un carburante più ri-
COSTO E A CONTENUTO metano, un gas naturale e- spettoso dell’ambiente.
IMPATTO AMBIENTALE. stratto senza bisogno di tra- «Nelle sedi opportune -
sformazioni o additivazioni conclude Merigo - abbia-
IN ITALIA, ALIMENTA
e con un impatto ambientale mo avanzato la proposta di
IL 2% DEI VEICOLI. molto basso. Un carburante sostenere questa iniziativa,
UNA PERCENTUALE conveniente anche per l’uti- con opportuni incentivi, te-
TRASCURABILE lizzatore: basti pensare che, nuto conto delle positive ri-
SE SI CONSIDERA lo scorso luglio, il prezzo cadute sull’economia delle
CHE È CONVENIENTE medio registrato nel nostro principali aziende che ope- LA DISTRIBUZIONE sta sia l’unica opzione so- famiglie e sull’ambiente. La
Paese è stato di 0,983 euro rano nel settore della distri- Oggi il metano viene distri- stenibile nel trasporto stra- collaborazione con Ecomo-
ANCHE PER L’UTILIZZATORE.
per chilogrammo. I mezzi buzione di metano, biome- buito nelle stazioni di servi- dale, in alternativa al diesel, tive Solutions ci consente
CON ASSOGASMETANO, di trasporto a metano, in I- tano e gas naturale lique- zio, sia in forma compressa per mezzi pesanti a lunga di mettere a punto offerte
IL PUNTO talia, rappresentano il 2,1 fatto per autotrazione. Una (Cng) sia in forma liquida percorrenza. Ecco perché commerciali competitive
DELLA SITUAZIONE per cento del totale. Non struttura che rappresenta (Gnl). Obiettivo prioritario crediamo nella necessità di per ridurre al minimo i costi
mancano, però eccezioni anche le autofficine specia- dell’associazione di catego- incentivare l’autotrasporto, di trasformazione e di poter
come le Marche - dove la lizzate nella gestione tecni- ria è attualmente quello di attraverso l’esenzione del- contare, allo stesso tempo,
percentuale sale al 10,4 - ca dei veicoli alimentati a incrementare l’utilizzo di la tassa automobilistica re- su di una rete di installato-
l’Emilia Romagna (5,8%) e gas naturale e collabora con veicoli alimentati a gas na- gionale e la riduzione del ri altamente qualificati, in
l’Umbria (5,7%). Sono da- gli organismi preposti alla turale liquefatto. pedaggio autostradale per i grado di offrire al cliente un
ti forniti da Assogasmeta- normazione - volontaria e «Siamo convinti - spiega mezzi Gnl. Un altro passo servizio completo e a costi
no, l’associazione - fondata cogente - a livello nazionale Flavio Merigo, presidente di importante - prosegue Me- standardizzati su tutto il ter-
nel 2008 - che raggruppa le e internazionale. Assogasmetano - che que- rigo - è favorire l’acquisto di ritorio nazionale».

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 1 7
#RAEE

LA SOSTENIBILITÀ
parte da lontano
#PROFILO

La transizione ecologica è fine vita, è un costo del pro-
un approccio che, da alcuni Fabrizio gresso stesso; di conseguen-
Longoni
anni, pervade e ispira il lavo- za, è necessario calcolarlo e
ro del legislatore europeo in
direttore generale
del Centro di non far finta di considerar- IL CDC
RAEE
Coordinamento
IL MODELLO CULTURALE una visione prospettica sul RAEE lo. In quest’ottica, l’impo-
futuro della nostra società e stazione della gestione dei
DELLA UE HA TROVATO
che ha già raccolto adesioni Raee domestici, che prevede
PIENO ACCOGLIMENTO, MA e orientamenti di alcune a- per i produttori che immet-
Il Centro di
È STATO AFFIANCATO DA ziende, che possiamo defini- tono sul mercato la gestione Coordinamento RAEE è
CARENZE E IMPRECISIONI re lungimiranti, che hanno dei costi del fine vita di ciò l’organismo centrale che
NORMATIVE CHE HANNO puntato a realizzare prodot- che viene dismesso, è un si occupa di ottimizzare
FRENATO QUELLA CHE ti e servizi ambientalmente concreto esempio di pieno
compatibili. Il legislatore i- successo di attribuzione dei
la raccolta, il ritiro e
POTEVA ESSERE UNA PIENA la gestione dei rifiuti
taliano a “suo modo” ha ac- costi.
“RIVOLUZIONE” DERIVANTE colto le obbligazioni prove- da apparecchiature
DALL’APPLICAZIONE nienti dall’Unione europea Quale ruolo può giocare elettriche ed
DAL PRINCIPIO DELLA e dato corso, da alcuni lustri, la componente Weee
RESPONSABILITÀ ESTESA a interpretazioni normative nella definizione delle
elettroniche in italia
DEL PRODUTTORE inserite nell’ordinamento i- strategie legate al Next anche attraverso la
taliano. Seppure i principi o- Generation Ue? gestione di un elenco
riginali promossi dall’Unio- Lo slogan che accompagna a cui devono iscriversi
ne europea si ritrovino tali la campagna dell’Unione
di Dario De Andrea e quali nella normativa ita- europea per Next genera-
tutti gli impianti di
liana, cosa che non potreb- tion Eu recita: «È giunto il trattamento di RAEE.

T
ransizione ecologica, di- be essere altrimenti, ottime se poi non viene favorito un adeguata lungo tutto l’ar- momento di metterci al la- È il punto di riferimento
gitalizzazione, Next Ge- impostazioni operative si al- reale mercato a valle? Se in co della vita. Molto è stato voro, di rendere l’Europa per tutti i soggetti
neration Ue sono le pa- ternano a carenze normative un ciclo produttivo conve- fatto e sarà ulteriormente più verde, più digitale e più
role chiave che stanno carat- e applicative. nisse economicamente im- rinforzato dagli sviluppi fu- resiliente». Si deve ritenere
coinvolti nella filiera
terizzando l’evoluzione degli In questo contesto, il mo- piegare una materia vergine turi per aumentare l’utiliz- che anche i rifiuti di appa- operando con essi
stili di vita e dei consumi dello culturale promosso anziché una prima seconda, zo efficiente dell’energia. recchi elettrici ed elettronici secondo regole definite
verso modelli di sostenibili- dall’Unione per i Raee, e a- perfettamente identica e pie- Si pensi ai consumi degli siano coinvolti da tutti e tre dall’assemblea dei soci
tà. La posta in gioco è riusci- nalogamente per le batterie namente alternativa, quale elettrodomestici o delle ri- gli aspetti che guidano que-
re a fare convivere il rispetto e gli accumulatori, ha trova- possibilità reale di successo sorse impiegate nella realiz- sto piano per il futuro del
e mediante procedure
dell’ambiente con la possibi- to pieno accoglimento, ma è avrà per l’industria l’impe- zazione e nell’utilizzo degli nostro continente. In questo e regolamenti derivanti
lità per i cittadini di disporre stato affiancato da carenze e gno profuso nel raccogliere apparecchi. Se lo sviluppo contesto, quindi, anche la da specifici accordi e
di beni e servizi in grado di imprecisioni normative che i rifiuti, trattarli adeguata- tecnologico richiede la di- componente Raee può es- convenzioni.
soddisfare tutte le loro ne- frenano quella che poteva mente e generare un prodot- smissione di una tecnologia sere, per la propria parte e
cessità. Paradigmatico è il essere una piena “rivolu- to? per una più efficiente, dob- per il proprio peso relativo,
Per info:
ruolo delle apparecchiature zione” derivante dall’appli- biamo accogliere questo determinante. Sul rendere https://www.cdcraee.it/
elettriche ed elettroniche (A- cazione dal principio della Uno dei pilastri della frutto del progresso tecno- l’Europa più verde la con-
ee) che, al pari di batterie e responsabilità estesa del transizione ecologica logico come un valore dello siderazione è immediata,
accumulatori, devono essere produttore. Più che nuove è la digitalizzazione, che sviluppo stesso, sempre che non serve dilungarsi sulla
progettati con lungimiranza modifiche sarebbe quindi comporta fisiologicamente all’adozione di qualcosa di necessità della gestione ot-
in modo da garantire un fine necessario colmare le lacu- un utilizzo intenso (e un nuovo corrisponda un riuti- timale del fine vita dei Raee. chiature elettriche ed elet-
vita a impatto zero. Sul te- ne normative così da inclu- conseguente turnover lizzo, se possibile, di ciò che Altrettanto vale per l’aspetto troniche sono poco presenti
ma abbiamo sentito Fabrizio dere non solo gli aspetti già altrettanto intenso, è obsoleto in quel contesto di digitalizzazione che ri- sul territorio dell’Unione o
Longoni, direttore generale definiti nelle impostazioni con un forte potenziale o l’avvio all’adeguato trat- chiede progresso tecnologi- richiederebbero un elevato
del Centro di Coordinamen- comunitarie, ma anche ren- impatto sull’ambiente) tamento di ciò che si è deci- co, diffusione di apparecchi impatto ambientale per es-
to RAEE. dere efficaci le previsioni del di dispositivi digitali: so di dismettere, puntando e tecnologie e che consente sere estratti. Ma non ne pos-
legislatore. In maniera mol- c’è il rischio che si venga coerentemente sul recupero ottimizzazione dei processi, siamo fare a meno, non ne
La transizione ecologica to pragmatica, una visione a creare una sorta di di materia. Esistono anche ma al tempo stesso impone può fare a meno lo sviluppo
è un processo quasi reale e concreta dell’econo- paradosso o si può possibilità concrete di riu- la gestione del loro fine vita, tecnologico; in questo sen-
rivoluzionario. Si può mia circolare che conduca evitare? tilizzo di componenti tec- come detto in precedenza. so la gestione ottimale del
dire che la legislazione a una transizione ecologica Non c’è paradosso nell’im- nologiche degli apparecchi Ma come si fa a essere più trattamento dei Raee può
(comunitaria e, di riflesso, non può avere corso se non postare consumi e utilizzo digitali sempre nel rispetto resilienti? Come fa un con- fornire un contributo essen-
italiana) in materia sono ricompresi allo stesso delle risorse in maniera ef- dei precetti di una corretta tinente a essere più resilien- ziale per soddisfare questa
di Raee e pile sia già tempo gli aspetti ambientali ficiente - e conseguente- economia circolare come te? Bisogna essere in grado esigenza e, al tempo stesso,
orientata verso un modello e quelli economici. Pertan- mente dotarsi dell’idonea precedentemente ricordato. di far convivere il rispetto contenere i danni ambien-
“culturale” improntato to, che senso avrebbe inve- strumentazione per poter In conclusione: l’impiego dell’ambiente con la possi- tali. Ecco perché esporta-
alla transizione ecologica stire in energie e risorse per raggiungere questa efficien- massiccio dei device digitali bilità per i cittadini europei re rifiuti tecnologici verso
o sono necessarie nuove recuperare materiali e pro- za - e al contempo gestire non arresta il progresso, ma di disporre di beni e servizi paesi non pronti a gestire
modifiche? dotti, si badi bene non rifiuti, questi strumenti in maniera si può e si deve gestire il loro in grado di soddisfare tutte in termini ambientalmente
le loro necessità. Questo può corretti le attività di tratta-
e deve essere un obiettivo di mento danneggia innanzi-

ESPERIENZE E FATTI
chi prima immette le Aee tutto l’ambiente, ma, in pro-
e poi ne gestisce il fine vita spettiva, priva l’Ue di risorse
una volta dismesse. Alcuni potenzialmente essenziali
dei materiali impiegati nella per i futuri sviluppi di beni
realizzazione delle apparec- e tecnologia.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 1 8
RIVISTA BIMESTRALE 6 NUMERI L’ANNO LA NUOVA PIATTAFORMA INFORMATIVA
UN SITO INTERNET FREE WWW.TRANSIZIONEECOLOGICAITALIA.IT PER CONSULENTI AMBIENTALI, ENERGY MANAGER, HSE MANAGER,
UNA NEWSLETTER PER NON PERDERE NEPPURE UN CONTENUTO ESCO FACILITY MANAGER E TECNICI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Abbonati
al presente
che si sta
facendo
futuro!

SCOPRI LE OFFERTE DI ABBONAMENTO SU WWW.TECNICHENUOVE.COM


SERVIZIO CLIENTI PERIODICI | + 39 02 02 9298 4440 - SERVIZIOCLIENTI.PERIODICI@NEWBUSINESSMEDIA.IT
#IMPRESE

Affrontare la sfida
A CARTE SCOPERTE
#L’ASSOCIAZIONE di Dario De Andrea carbonizzata necessita stru- e calore) con un quadro
Massimo
Medugno menti e tempi compatibili di regole certo e stabile,

N
el contesto cartario con lo sviluppo tecnologico. allineate con il contesto
Assocarta
direttore generale
di Assocarta
europeo, l’Italia rico- Innanzitutto va data attua- europeo in cui il settore
pre una posizione di zione agli strumenti ordi- cartario opera, che pre-

Il profilo eccellenza. Anche come


modello nella transizione
all’economia circolare. Per
nari.
Non possiamo migliorare le
performance ambientali dei
veda specifiche azioni a
supporto di questa tecno-
logia in grado di raggiun-
capire come il settore si stia nostri stabilimenti se non gere elevati livelli di effi-
Assocarta è stata preparando alla sfida, con- esistono soluzioni tecnolo- cienza;
fondata l’11 maggio del sapevole delle criticità che giche concrete che possano 2. i l settore utilizza com-
1888 con l’obiettivo di questa presenta, abbiamo sostituire le attuali. Lo sfor- plessivamente 2,5 miliar-
intervistato Massimo Me- zo delle imprese deve esse- di di m3 di gas. Il riciclo
«tutelare l’industria dugno, direttore generale di re quello di adottare le best in Italia e in Europa si
e il commercio Assocarta practice, compatibilmente svolge quasi esclusiva-
cartaceo italiano». con la tenuta economica mente in cartiere che u-
L’Italia è il terzo dell’impresa stessa, spe- tilizzano questa fonte di
L’Associazione, aderente produttore di carta in cialmente se operante in un energia;
a Confindustria, ha oggi Europa, ma è il secondo contesto di mercato interna- 3. il settore, in quanto prin-
lo scopo di coordinare utilizzatore europeo zionale. cipale utilizzatore di gas
di carta da riciclo: Siamo nella delicata fase naturale in Italia, rappre-
e promuovere gli
interessi di ogni settore
dell’industria cartaria in
cosa ci dicono questi
dati sul contributo
del settore cartario
al consolidamento
▼ investire in materie prime
rinnovabili (fibre vergini da
foreste certificate e amidi)
e di prendersi cura dei suoi
in cui l’evoluzione tecnolo-
gica mostra le innovazio-
ni che saranno disponibili
nei prossimi 10/20 anni e
senta anche il migliore
destinatario per l’impie-
go di idrogeno, assicu-
rando una solida base di
cui operino le imprese dell’economia circolare in CON UN INDICATORE prodotti reimmettendo nel al contempo efficiente, con consumo continuo e co-
associate, e di tutelarli Italia? DI CIRCOLARITÀ DI MATERIA ciclo produttivo carta e im- l’aiuto della digitalizzazio- stante nel tempo. A no-
sia a livello nazionale L’Italia nel 2020 è il ter- PARI A 0.79 (IN UNA SCALA ballaggio da riciclare. ne, i processi attualmente in stro avviso non è possi-
zo produttore europeo do- Il tasso di utilizzo (rapporto essere. bile pensare al solo idro-
che europeo attraverso po Germania e Svezia (dal
DA 0 A 1) IL SETTORE
tra consumo di carta da rici- Non possiamo pensare og- geno verde, ma anche a
Cepi, la confederazione quarto posto degli anni pre- CARTARIO È UN MODELLO clare e produzione di carte gi a fabbriche che abban- quello blu, combinandolo
europea dell’industria cedenti), nonostante l’ar- NELLA TRANSIZIONE e cartoni) e il tasso di rici- donano il gas naturale per con progetti di Ccs e Ccu
retramento produttivo del ALL’ECONOMIA CIRCOLARE, clo (rapporto tra consumo passare in modalità on/off a e rendendo gli impianti i-
cartaria (www.cepi.org), -4,1%. Insomma, ci si ritro- GRAZIE ANCHE AGLI di materia prima e consumo idrogeno o biocombustibile, donei all’utilizzo di idro-
di cui è socio fondatore. va sul podio, in conseguen- INVESTIMENTI IN MATERIE apparente di carte e cartoni) semplicemente perché que- geno da rete e/o auto-pro-
L’essenzialità dichiarata za dei maggiori arretramen-
PRIME RINNOVABILI (FIBRE hanno toccato nel 2020 i li- ste nuove tecnologie non durre idrogeno da fonte
ti degli altri Paesi. velli massimi, raggiungen- sono ancora disponibili su rinnovabile;
in fase di pandemia ha Anche se il settore cartario VERGINI DA FORESTE do rispettivamente il 61% scala industriale. 4. come si evince dai dati
riconosciuto il ruolo delle italiano è fatto da eccellen- CERTIFICATE E AMIDI) (56-57% nel biennio prece- Proprio per questo, il gas e dell’ultimo rapporto am-
produzioni dell’industria ze: ad esempio primo in E ALLA REIMMISSIONE dente) e il 53,3% (48-49% il suo utilizzo efficiente gui- bientale di Assocarta,
cartaria italiana ma Europa nella produzione di NEL CICLO PRODUTTIVO nei periodi precedenti), pa- deranno la transizione: le sono stati esportati 1,5
carte igienico e sanitarie e CARTA E IMBALLAGGIO rametro, quest’ultimo, che possibilità di efficientamen- milioni di tonnellate di
anche la funzione secondo nella produzione
DA RICICLARE nel packaging supera ormai to dei processi, del recupero carta da riciclare e tale
chiave che essa svolge di carta da involgere e da l’87%. Siamo oltre l’85% di tutta la sua entalpia, for- quota è potenzialmente
imballo. Il riconoscimento previsto nel 2030 dalle re- niranno, nei prossimi anni, destinata ad aumentare in
nell’economia circolare dell’ “essenzialità” del set- centi normative sul riciclo un contributo concreto al considerazione di tre fat-
del Paese e nella tore da parte del Governo ton, evidenziando un ca- degli imballaggi. contenimento delle emis- tori principali: l’aumento
transizione ecologica, (D.P.C.M. 22 marzo 2020) lo del 4,1% sul 2019, volu- sioni. delle raccolte finalizzato
ha permesso alle cartiere di me solo di poco superiore Tuttavia, la strada al raggiungimento degli
grazie a performances rimanere pienamente attive a quello del 2009 (8,4 mln verso la realizzazione Con il lancio del Pnrr, obiettivi di riciclaggio,
ambientali e circolari anche nei periodi di chiu- ton), l’anno interessato dalla di una reale transizione resilienza e ripresa sono l’obiettivo di riduzione
riconosciute anche sura. crisi economico-finanzia- ecologica sembra non ormai diventate i due dello smaltimento in di-
Un’ essenzialità conferma- ria, e prossimo a quelli di essere priva di ostacoli. paradigmi dello sviluppo scarica dei rifiuti urbani e
nell’ambito del Pnrr. ta soprattutto dagli ordini fine anni ‘90. Uno dei punti dolenti del sistema economico il divieto di collocamento
www.assocarta.it anche se, comunque, la pro- Con un indicatore di circo- sembra riguardare, italiano. Assocarta cosa si in discarica dei rifiuti de-
duzione di carte e cartoni larità di materia pari a 0.79 paradossalmente, propone di fare a supporto rivanti dalla raccolta dif-
ha presentato ridimensio- (in una scala da 0 a 1) il set- le politiche per il di questi processi? ferenziata. Bisogna però
namenti rispetto ai già non tore cartario è un modello contenimento delle In questo anno abbiamo evidenziare che nell’ul-
soddisfacenti volumi degli nella transizione all’eco- emissioni. Cosa ci può dire molto lavorato con i nostri timo anno in Italia sono
analoghi periodi 2019 col- nomia circolare. Un valo- al riguardo? associati sui temi riguar- stati avviati due nuovi
locandosi, nella sintesi dei re elevato, ottenuto grazie La transizione dell’indu- danti il piano nazionale di impianti di produzione di
12 mesi, poco oltre 8,5 mln alla capacità del settore di stria verso un’economia de- ripresa e resilienza e, in carta che utilizza carta da
particolare, su quattro pro- riciclare, per una capacità
poste; produttiva che a regime

ESPERIENZE E FATTI
1. è necessario sostenere raggiungerà le 800.000-
nuovo ciclo di investi- 900.000 tonnellate circa.
menti nella cogenerazio- Possiamo, quindi, preve-
ne (autoproduzione com- dere una costante ridu-
binata di energia elettrica zione delle esportazioni.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 2 0
Soluzioni
e strumenti
per la sostenibilità
ambientale
UN TABLOID (6 NUMERI L’ANNO) LETTO DA 295 MILA FRA IMPRESE E PROFESSIONISTI
UNA NEWSLETTER BIMESTRALE
UN SITO WEB FREE WWW.TRANSIZIONEECOLOGICAITALIA.IT RICCO DI SPUNTI E CONTENUTI

CONSULENTI AMBIENTALI
ENERGY MANAGER
HSE MANAGER, ESCO, MOBILITY
MANAGER E FACILITY MANAGER SEI INTERESSATO
ASPETTANO DI CONOSCERE A UN PIANO
LE TUE PROPOSTE DI COMUNICAZIONE MIRATO?
PER RISOLVERE
SCRIVI A COMMERCIALE@NEWBUSINESSMEDIA.IT
I LORO PROBLEMI AZIENDALI
O TELEFONA ALLO 02 92984- 541
#DISTRIBUZIONE #I VANTAGGI

Parola
PER I RIFIUTI EDILI d’ordine
efficienza
nasce il consorzio Rec Attenzione all’ambiente,
ma anche vantaggi
economici, dunque, e non
UN SISTEMA solo per le imprese. Nel
“WIN WIN” solo comune di Roma
«Il Consorzio - sottolinea
il presidente - va proprio a
circa 30 mila tonnellate
risolvere il tema della rac- di rifiuti da costruzione
colta, trasformando questa e demolizione sono ogni
parte del processo circola-
re in azione efficiente. È un
anno abbandonate o
sistema “win win” per gli buttate nei cassonetti
attori della filiera, le im- pubblici e nelle
prese edili, i rivenditori, gli
impiantisti, i trasportatori
piattaforme ecologiche,
eccetera. con un costo stimabile
Gli artigiani e le imprese in oltre quattro milioni
non dovranno più sostenere
lunghi viaggi, risparmiando
di euro. «Grazie ai
economicamente e riducen- Centri Preliminari di
do l’inquinamento. I ma- Raccolta consorziati a
gazzini potranno erogare
il servizio di conferimento
Rec, infatti – afferma
dei rifiuti da costruzione e Francesco Freri,
demolizione (codice Cer 17, presidente del Consorzio
quindi cemento, mattoni,
Rec - si ottiene una


di Francesca Malerba IL MODELLO ceramiche, legno, plastica,
La modifica alla norma sul vetro, metalli, miscele bi- riduzione dei rifiuti da
deposito temporaneo dei tuminose eccetera) miglio- costruzione e demolizione

U
n’iniziativa che ha su- rifiuti (art. 185-bis, D.Lgs. rando i fatturati - con incre-
scitato un grande inte- n. 152/2006), pubblicata in menti previsti fino al 10% -
avviati allo smaltimento
UN PROGETTO NATO
IN SENO A FEDERCOMATED resse da parte di tutti Gazzetta Ufficiale nel set- grazie alla maggior fideliz- o abbandonati e un
L’ASSOCIAZIONE
gli attori della filiera delle tembre del 2020, ha cre- zazione con le imprese. Non maggiore recupero di
costruzioni - ma che vede ato la figura giuridica del solo: i rivenditori hanno ora
DEI RIVENDITORI protagonisti principali i ri- «Deposito preliminare alla una nuova opportunità per
materiale. Il flusso è
DI MATERIALI venditori edili - e pone par- raccolta» consentendo ai migliorare la propria repu- semplice: le Pmi edili e gli
CHE FA CAPO ticolare attenzione ai temi magazzini di materiali per tazione come protagonisti artigiani conferiscono,
A CONFCOMMERCIO. all’economia circolare e l’edilizia di diventare pun- della transizione ecologica,
all’ambiente. ti di raccolta. «Il consorzio trasformandosi da esperti di
in modo differenziato,
L’OBIETTIVO È AFFRONTARE i rifiuti di costruzione
Si tratta del Consorzio Rec - prosegue Freri - organiz- prodotto a esperti di rifiuto,
E RISOLVERE IL TEMA
DELLA RACCOLTA
(“Recupero edilizia circo- za e predispone per tutti i ma anche di materiale rici- e demolizione presso i
lare”): costituito lo scorso propri associati un model- clato, perché diventeranno,
PER TRASFORMARE maggio in seno a Confcom- lo organizzativo e propone in un futuro prossimo, punti
“Centri preliminari di
QUESTO ASPETTO mercio a Milano, è un’oc- regole sicure e condivise di diffusione di eco-mate- raccolta” che li avviano
DA PROBLEMA casione per gli operatori di per lo svolgimento di que- riali qualificati e certificati agli impianti di recupero

{CHI È
partecipare alla nuova tran- sta attività. Chi da domani per l’edilizia, in ottica di e-
A OPPORTUNITÀ. RENDENDO
sizione ecologica in sicurez- vorrà operare come “Cen- conomia circolare.
e riciclo.
GLI STORE PROTAGONISTI za, operando in un contesto tro preliminare di raccolta” Gli impiantisti che potran- I materiali ottenuti
DEL CAMBIAMENTO IN ATTO guidato e protetto rispetto dovrà rispettare regole ben no godere di clienti (i riven- possono essere
ai possibili rischi di gestio- definite in un “disciplina- ditori) che seguono regole
ne dei rifiuti di costruzione re” che il Comitato tecnico
FRANCESCO FRERI
precise definite in discipli-
distribuiti e venduti
e demolizione. scientifico di Rec ha redat- È IL PRESIDENTE nare, avranno cura di stoc- attraverso la stessa
«È un progetto a cui lavo- to e ha preso l’impegno di DELLA NUOVA REALTÀ care rifiuti nel rispetto delle rete dei centri vendita
riamo da qualche anno in manutenere in concerto con NATA PER CONDURRE norme e saranno un giorno
del consorzio. Con
Federcomated (l’associa- i ministeri competenti e le TUTTA LA FILIERA la rete commerciale a cui
zione politico-sindacale dei istituzioni di controllo». SULLA STRADA gli impianti venderanno il la rete dei Cpr del
rivenditori di materiali edi- Il tema dei rifiuti da costru-
DELLA SOSTENIBILITÀ riciclato per immetterlo sul Consorzio Rec, grazie
li che fa capo a Confcom- zione e demolizione è rile- mercato. I trasportatori, so-
mercio, Nda) – dichiara vante. Ispra ha rilevato nel AMBIENTALE, CON REGOLE lo se autorizzati, faranno
anche a una piattaforma
Francesco Freri, presidente 2019 che quelli dell’edilizia CHIARE E CONDIVISE da trait d’union tra i vari di condivisione della
del Consorzio - per dare la costituiscono quasi il 48% soggetti. Al Consorzio Rec gestione dell’operatività,
possibilità ai punti vendita dei rifiuti speciali non pe- possono iscriversi non solo
associati di poter ritirare i ricolosi e il 44% dei rifiuti i centri vendita di materia-
si riducono gli sprechi.
rifiuti da costruzione e de- speciali prodotti in Italia. E li edili e gli impianti di re- I Cpr incrementano,
molizione all’interno dei sono in crescita (+43% dal cupero e di riciclo di tutti i infatti, il riciclo e
propri store». 2013 al 2019). rifiuti raccolti, ma possono
aderire anche i trasportato-
facilitano la diffusione
ri autorizzati e i produttori e la vendita di nuovi

ESPERIENZE E FATTI
di materiali per l’edilizia. È materiali riciclati di
aperto a tutti gli attori della
filiera che si vogliono impe-
qualità». (F. Ma.)
gnare sul terreno del riciclo
ambientale».

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 2 2
AMBIENTE SICUREZZA
IL PRIMO
SISTEMA INFORMATIVO
&
AGGIORNAMENTO GIURIDICO, NORMATIVA TECNICA E APPLICAZIO
APPLICAZIONI
NI

INTEGRATO
CARTA/WEB
o Una rivista mensile
o Una versione digitale
per tutti i device
o Una Banca Dati di contenuti
sempre aggiornati
o Una newsletter dedicata
o Webinar tematici

SCEGLI SISTEMA COMPLETO


ABBONAMENTO
CARTACEO ANNUALE
SISTEMA WEB
ABBONAMENTO
DIGITALE ANNUALE

LA FORMULA 11 fascicoli
+ 2 supplementi tematici
CONSULTAZIONE
DELLA BANCA DATI
CONSULTAZIONE ONLINE
CHE FA DELLA RIVISTA
E DELLA BANCA DATI

PER TE
249 EURO 189 EURO

Servizio clienti: Tel. 0292984440 – abbonamenti@newbusinessmedia.it


#IDROGENO #LUOGHI

La valle
dell’innovazione
Le hydrogen valley sono a 360 gradi, per
“ecosistemi” che includono accelerare ricerca e
la produzione e il consumo innovazione e mettere a
di idrogeno. Nelle loro disposizione dell’industria
sedi mettono in relazione infrastrutture hi-tech per
ricerca scientifica, mobilità arrivare a colmare il gap
sostenibile, usi industriali fra scala di laboratorio
e civili. I progetti per la e industriale», spiega
definizione di questi hub si Giorgio Graditi, direttore
stanno moltiplicando. Un del Dipartimento Tecnologie
esempio concreto è quello Energetiche e Fonti
della “hydrogen valley” alle Rinnovabili dell’Enea e
porte di Roma, un progetto rappresentante Enea
ideato da Enea che ha all’interno della European
investito 14 milioni di Clean Hydrogen Alliance.
euro per dar vita al primo In questo contesto
incubatore tecnologico avranno sede un insieme
italiano per lo sviluppo di infrastrutture
della filiera dell’idrogeno. per la ricerca e la

UN POTENZIALE «Si tratta di una


piattaforma polifunzionale,
inclusiva, in cui ci
sperimentazione,
spaziando fra produzione,
distribuzione, accumulo e

pronto allo sprint


occuperemo di idrogeno utilizzo. (A.S.)

▼ di Antonia Solari idrogeno e celle a combusti-


bile e sede di aggregazione
INDISPENSABILE
PER TUTTI
gine dell’idrogeno. Il tema
della sostenibilità ambien-

L
a filiera dell’idrogeno per grandi, medie e piccole Secondo la Commissione tale è legato a quello della
è in vivace e continuo imprese, centri di ricerca e europea, la quota di i dro- sostenibilità economica dei
GLI OBIETTIVI POSTI fermento. Obiettivo de- università che lavorano nel geno nel mix energetico eu- progetti: per abilitare gli in-
DALLA TRANSIZIONE gli operatori: divulgarne i settore - in quanto vettore ropeo crescerà entro il 2050 vestimenti è necessario un
ENERGETICA SEMBRANO vantaggi e sottolineare le energetico flessibile e soste- dall’attuale 2% al 13-14%. quadro normativo chiaro
sue opportunità di crescita, nibile, può giocare un ruo- Cifre che confermano per dove muoversi e una stra-
SPINGERE NELLA DIREZIONE
nonostante le barriere che lo molto importante e oggi l’idrogeno un ruolo impor- tegia che dia una visione
DI UN SUO DIFFUSO ancora ne ostacolano la dif- è considerato imprescindi- tante non solo per la transi- delle prospettive future. Le
UTILIZZO, SOPRATTUTTO fusione. bile per raggiungere questi zione energetica, ma anche linee-guida pongono un o-
SE LA PRODUZIONE obiettivi stringenti. Infatti, come chiave per aggiornare biettivo di installazione di
È AFFIDATA ALLE ENERGIE LA RISORSA Cristina Maggi è un vettore energetico che il tessuto industriale. elettrolizzatori al 2030 pari
RINNOVABILI. GRANDI CHE PIACE ALLA UE direttrice di H2IT non genera emissioni di ani- Se le aziende di grandi di- ad una potenza installata di
L’utilizzo dell’idrogeno è, dride carbonica. mensioni contribuiscono 5GW.
IMPRESE, MA ANCHE
infatti, fortemente spin- Inoltre – prosegue Cristi- in modo importante ad ag- Per produrre idrogeno ver-
PICCOLE E MEDIE POSSONO to dagli obiettivi europei na Maggi – se prodotto da giornare la propria filiera, de da elettrolisi sarà ne-
TRARNE BENEFICIO. relativi alla transizione e- fonti rinnovabili, è privo di in Italia è fondamentale che cessario installare impian-
A FARE IL PUNTO CI AIUTA nergetica e che impongono emissioni sia carboniche anche le piccole e medie ti rinnovabili dedicati che
L’ASSOCIAZIONE ITALIANA agli Stati membri di trova- sia inquinanti anche nella imprese seguano lo stesso si vanno ad aggiungere
IDROGENO E CELLE re soluzioni che possano sua produzione. Affinché percorso, in modo da parte- a quelli previsti per rag-
Alberto Dossi
contribuire in modo com- contribuisca alla neutralità cipare attivamente alla co- giungere gli obiettivi del
A COMBUSTIBILE presidente di H2IT
plementare e sinergica a- climatica, deve però rag- struzione di un nuovo mer- PNIEC».
gli obiettivi di decarboniz- giungere una scala molto cato e attrarre investimenti. Sono dunque necessari re-
zazione al 2030 e al 2050, più ampia di utilizzo e la Come fare per aiutarle? Cri- golamenti e normative in
come prevede la «Hydrogen sua produzione deve essere stina Maggi mette sul piatto linea con queste necessità,
strategy for a climate-neu- decarbonizzata. Oggi viene alcune proposte: «Per sup- semplificazioni dei pro-
tral Europe», lanciata dalla utilizzato nell’industria, ma portate la produzione di i- cessi e incentivi, affinché
Commissione europea l’8 non è l’unico settore dove drogeno da fonti rinnova- le aziende possano cresce-
luglio 2020. può essere un’opportunità bili - dice - sarà necessaria re e competere a livello eu-
per la decarbonizzazione: una serie di azioni: allinea- ropeo e internazionale con
SU PIÙ TAVOLI può avere un grande impatto re i piani strategici (aggior- prodotti, impianti tecnolo-
«L’idrogeno - specifica Cri- nel settore dei trasporti, nel nare al più presto il Piano gie e componenti; su questo
stina Maggi, direttrice di settore residenziale e nella energia e clima), semplifi- lavora H2IT che, anche at-
H2IT, Associazione italiana produzione di energia». care gli iter autorizzativi, traverso interventi alla Ca-
supportare l’industria degli mera dei Deputati – Com-
elettrolizzatori e mettere in missione Attività Produt-

ESPERIENZE E FATTI
atto azioni in ambito rego- tive, commercio e turismo
latorio. – sottolinea le grandi op-
Tutto questo a partire dal- portunità di crescita della
la definizione di un quadro filiera e quali barriere sono
relativo alle garanzie di ori- da superare.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 2 4
www.logisticanews.it
LA PIATTAFORMA PER GESTIRE LA SUPPLY CHAIN
NEL NUOVO CONTESTO ECONOMICO GLOBALE

DIRETTORI LOGISTICI
SUPPLY CHAIN MANAGER
SYSTEM INTEGRATOR
LOGISTIC ENGINEER
RESPONSABILI DEL MAGAZZINO
RESPONSABILI SPEDIZIONI E TRASPORTI
RESPONSABILI DELLA DISTRIBUZIONE
CUSTOMER SERVICE MANAGER
E-COMMERCE MANAGER
SCOPRI LE OFFERTE DI ABBONAMENTO SU
WWW.TECNICHENUOVE.COM
#BIM #SOLUZIONI

Che
Sostenibilità cos’è

e digitalizzazione
Il Building information
modeling (BIM) è
un metodo, basato
sull’utilizzo di un

UNA COPPIA D’ASSI apposito software,


per l’ottimizzazione
della pianificazione,
della realizzazione
e della gestione di

▼ manager «la progettazione


in ambiente BIM impone
agli utenti di interfacciarsi
continuamente con figure
costruzioni. Visto
come il “successore”
del precedente Cad
TRA I NUMEROSI ESEMPI diverse con background di- (Computer aided design),
DI SINERGIE VINCENTI versi, peraltro su temi, quali
ad esempio la sostenibilità, il Bim è sempre più
IL BUILDING INFORMATION
MODELING È QUELLO fisiologicamente pervasivi, utilizzato da parte di
PIÙ INTERESSANTE
perché riguardano molte fa- studi di progettazione e
si di vista dell’edificio, dal
ALLA LUCE DEI BENEFICI design alla costruzione fino società di engineering.
NON SOLO AMBIENTALI all’operatività e alla manu- Non a caso, nel 2020,
MA ANCHE ECONOMICI tenzione». oltre la metà di questi
Altro tasto dolente è la pro-
pensione agli investimenti. soggetti ha affermato
Non a caso, sempre secon- di conoscere e utilizzare
do Cristina Greco, «la spin- questo metodo, come
ta della digitalizzazione
non è più solo ambientale, ha rilevato Assobim,
ma sarà sempre dettata da l’associazione nata
Un momento dei lavori moderati
elementi finanziari, che de- con lo scopo di dare
vono però puntare su fattori
di Dario De Andrea di driver di una rinascita so- formazioni con altri sistemi
dall’architetto David Calas
dello studio Calas&Associate sociali, capitale umano e in- rappresentatività alla
stenibile, digitale e accessi- durante tutte le fasi di vita:
di Vienna, professore al GIU di
novazione». filiera “tecnologica”

T
Berlino e curatore di Klimahouse 4.0
ra gli assi portanti del bile, in grado di rispondere progettazione, costruzione, (credit foto: Marco Parisi) Infine, i vincoli normativi, del BIM. Un’evoluzione
processo di transizione alla crescita demografica e messa in funzione (facility che di certo non aiutano.
ecologica attualmente alle conseguenti disparità management), dismissione Anche se, qualche segnale, confermata dal quarto
in corso, la digitalizzazio- socio-economiche che ne e demolizione, dalla quale a livello comunitario, sta rapporto Oice sulle
ne riveste un ruolo cardine, derivano. devono derivare materiali iniziando ad arrivare: è il gare pubbliche che
tanto che quasi un terzo (il Non a caso, «la crescita de- da recuperare e reimpiega- caso del “nuovo Bauhaus
27%) delle risorse stanziate mografica» ricorda Mathil- re. È il concetto dell’urban europeo”, iniziativa della prevedono l’uso di
del Piano nazionale di ripre- de Marengo, Head of stu- mining, vale a dire riutiliz- Commissione europea for- queste metodologie nelle
sa e resilienza (Pnrr) sono dies advanced architecture zare l’ambiente costruito temente voluta dalla presi- procedure di affidamento
destinate proprio a questo group dell’Istituto per l’ar- come una sorta di poten- dente von der Leyen, che,
settore. Dove il connubio chitettura avanzata della ziale “miniera” per estrarre allo scopo di applicare le di servizi di ingegneria
“digitalizzazione-sosteni- Catalogna «sta spingendo materiali per nuovi edifici. indicazioni del Green De- e architettura, secondo
bilità” è già emerso da tem- a costruire nuovi spazi abi- Il processo di reimpiego, al nei luoghi di vita, punta il quale, nel 2020, sono
po è sicuramente il settore tativi» (1,6 miliardi di per- quindi, diventa continuo». a progettare e realizzare
della progettazione archi- sone vivono in condizioni Mariana Popescu, Assistant spazi inclusivi e accessibi- stati pubblicati 560 bandi
tettonica. Il ricorso sempre inadeguate) «con un ricorso professor of Parametric li, tramite soluzioni soste- di questo tipo (l’8,7%
più diffuso al BIM (buil- eccessivo alla standardiz- structural design and digi-
Mariana Popescu
nibili. del totale per questi
ding information modeling) zazione e un marcato im- tal fabrication alla facoltà Insomma, qualcosa si sta
permette oggi, infatti, di patto sull’ambiente, visto di ingegneria civile e ge-
Assistant professor of Parametric
structural design and digital muovendo. Ma per mette- servizi) per un importo
ottenere, dalla progettazio- che il settore dell’edilizia è o-scienze dell’Università di fabrication alla facoltà
di ingegneria civile e geo-scienze
re in atto un vero cambia- di affidamenti pari a
ne fino alla manutenzione, responsabile del 36% delle Tecnologia di Delft (Olan- dell’Università di Tecnologia
di Delft (Olanda)
mento sono necessari un 711,6 milioni di euro.
notevoli risultati dal punto emissioni di CO2». Il punto da), da un lato è consapevo- deciso scatto in avanti dal
di vista degli standard di di compromesso è l’interse- le dei tanti ostacoli ancora punto di vista “culturale”, Unitamente al ricorso a
efficienza e sicurezza, ma zione di tre linee: rapidità da superare: «Secondo uno investimenti certi e un sup- robotica, stampa 3D, IoT,
anche dell’ottimizzazione ed economicità; sostenibili- studio di McKinsey Global te inferiori, oltre a una mag- porto concreto da parte del- intelligenza artificiale e
di costi e processi, nell’ot- tà; soluzioni personalizzate. Institute del 2017, il settore giore facilità di trasporto. le istituzioni. Se ne parlerà
tica più ampia del raggiun- Il che richiede interventi su: delle costruzioni è uno dei sicuramente alla prossima realtà virtuale, il Bim è,
gimento di obiettivi precisi tecnologie, scienze dei ma- meno produttivi e ciò da UNO SGUARDO edizione di Klimahouse, di insomma, ormai uno dei
sul fronte energetico e am- teriali e progettazione. imputare al tasso di digita- AL FUTURO cui “Klimahouse 4.0 – Di- pilastri della “rivoluzione”
bientale. In tutto questo, quale ruolo lizzazione, ancora basso». Siamo quindi di fronte gitalization meets Sustaina-
può avere il Bim? Secondo Ma, dall’altro, è anche con- all’alba di una nuova era bility” ha costituito un’ide- che sta profondamente
IL PUNTO Steffen Feirabend, profes- sapevole, nonché protago- per l’edilizia? Tutt’altro. E ale anteprima, che si terrà modificando il panorama
Il recente convegno “Kli- sore di progettazione e co- nista in prima persona, di le difficoltà non sono poche. in Fiera Bolzano dal 26 al della progettazione
mahouse 4.0 – Digitaliza- struzione digitale all’Uni- possibili soluzioni che pos- In primis, la refrattarietà al 29 gennaio 2022 e che, con
tion meets Sustainability” versità di scienze applicate sano consentire di superare cambiamento culturale è un oltre 150 appuntamenti in dell’edilizia.
ha messo a fuoco uno sce- di Stoccarda «il Bim contie- questi ostacoli, come, ad e- dato incontrovertibile. E il quattro giorni, rappresenta
nario nel quale l’edilizia, da ne molte più informazioni sempio, la sostituzione delle Bim può diventare un poten- un appuntamento imper-
settore critico per l’ambien- rispetto al modello geome- casseforme tradizionali con te strumento per scardinare dibile per gli operatori del
te e ancora poco digitalizza- trico. Grazie ai digital twins membrane tessili, in grado questa resistenza. Secondo settore. Per info: https://
to, può e deve cambiare pel- è possibile creare modelli di garantire analoghe pre- Cristina Greco – fondatrice www.fierabolzano.it/it/kli-
le, appropriandosi del ruolo in grado di scambiare in- stazioni con costi nettamen- di Unlimited-Studio e BIM mahouse/home

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 2 6
#VETRO

LA RACCOLTA
non si ferma
di Manuela Lozza

L
a pandemia non ha fer-
mato l’incremento nella
raccolta e nel riciclo de-

gli imballi di vetro. Certo, la NONOSTANTE LA PANDEMIA,
curva ha subito una flessio- CHE HA BLOCCATO
ne importante, ma è sempre TURISMO E TOCCATO
in crescita. Se infatti fino al SENSIBILMENTE
2019 ogni anno il vetro che I CONSUMI NEI PUBBLICI
tornava a nuova vita era mi-
#BILANCI
nimo del 7% in più rispet-
ESERCIZI, I DATI DI COREVE
to all’anno precedente, nel
2020 l‘incremento è stato
solo del 2,6%. Colpa della
RACCONTANO
UNA REALTÀ IN POSITIVO.
L’ATTIVITÀ SEMBRA
Più qualità, meno costi
crisi sanitaria ed economi- CONSOLIDATA Il vetro è un materiale che qualitativamente spesso
ca. SU LIVELLI CHE NON HANNO si può riciclare al 100%, scarsa».
«La perdita del turismo - in modo anche semplice: Il vetro arriva
spiega Gianni Scotti, pre-
NULLA DA INVIDIARE fin dai primi tempi della nell’impianto, dove
sidente di CoReVe, il Con- AD ALTRE REALTÀ sua produzione, bottiglie sofisticate telecamere
sorzio per il Recupero del DELLA UE (ANZI) e contenitori venivano riconoscono i materiali
Vetro - e in generale la pro- Gianni Scotti riusati, se indenni, o diversi e potenti augelli “li
lungata chiusura di bar e Presidente di CoReVe, il consorzio rimessi nel forno, se rotti. soffiano via” dal nastro.
per il recupero del vetro
ristoranti, dove il consumo Da un vetro in frantumi, In primo luogo, vengono
di vetro per i liquidi è deci- se ne faceva uno nuovo esclusi i metalli ferrosi,
samente maggiore rispetto che non aveva perso poi quelli non ferrosi
a quello domestico, hanno infine buttati come indiffe- alcuna caratteristica (in particolare
determinato una flessione renziata. Un vero peccato, rispetto a quello l’alluminio), poi le
importante del consumo. per l’ambiente e per il porta- fabbricato a partire dalle macchine individuano
Nonostante ciò, c’è stato foglio dei Comuni. Il riciclo materie prime vergini. la ceramica e, infine,
comunque un incremento del vetro, infatti, soprattutto Addirittura, oggi, fondere riconoscono i cristalli
della raccolta che ci rende se ben fatto, garantisce agli il vetro necessita di meno che, contenendo piombo,
soddisfatti. Riteniamo che enti la possibilità di sostene- energie e quindi di meno non possono finire negli
il consuntivo 2021 potrà far re gran parte della raccolta. costi, rispetto a lavorare la imballi per alimenti.
registrare una crescita fra il materia prima. Ogni volta che le
7% e il 10%». VERSAMENTI Tutto facile, almeno macchine scartano un
IN AUMENTO finché la raccolta è fatta materiale, a quest’ultimo
UN’ITALIA Nel 2020 CoReVe ha ver- in modo ineccepibile. restano attaccati
DIVISA IN DUE sato alle amministrazioni Più complesso invece se frammenti di vetro che
Anche con la pandemia, tre milioni di euro in più negli impianti arrivano vanno perduti.
nel 2020 gli italiani hanno rispetto al 2019, per un to- tonnellate di materiale «Enorme è poi il
differenziato due milioni e tale di 86 milioni di euro. spurio. problema dei sacchetti di
396 mila tonnellate di rifiuti FRA I PRIMI LE CRITICITÀ «Il consorzio si preoccupa «Quando parliamo di plastica – conclude Scotti
d’imballaggio di vetro, fa- IN EUROPA In generale, se l’aumento di avviare al riciclo il vetro impianti per il riciclo del – che molti ancora usano
cendo aumentare ulterior- E a proposito di obiettivi, della raccolta porta a porta raccolto dai Comuni o dai vetro - spiega il presidente per buttare le bottiglie.
mente la resa pro capite: nel è confortante notare come a discapito di quella strada- suoi delegati - spiega il pre- di CoReVe, Gianni Scotti Se il sacchetto è integro,
2019 se ne raccoglievano l’Italia abbia già superato i le ha incentivato i cittadini a sidente Scotti - Ogni quat- - parliamo di strutture la macchina riconosce
in media 38,7 chilogrammi livelli imposti a livello eu- separare il vetro dagli altri tro anni, stipuliamo con che costano 20 milioni di l’opacità e lo esclude
per abitante, un anno più ropeo: «Siamo già ben al di materiali, contemporanea- Anci un accordo che stabi- euro ciascuna, soprattutto totalmente, gettando
tardi si è arrivati a 40,4 chi- là dei canoni fissati per il mente ha posto una serie di lisce il costo a tonnellata del in Italia dove gli impianti anche le bottiglie che
logrammi. 2030. L’obiettivo Ue è del problemi legati all’efficien- materiale che noi acquistia- sono estremamente contiene. Se invece è
C’è purtroppo una forte 75%, noi siamo oltre il 78% za. Per pigrizia o inconsa- mo. Ma questa cifra è sta- all’avanguardia, anche lacero, rischia addirittura
sperequazione tra Nord e degli imballi di vetro rici- pevolezza, a casa si è più in- bilita in base a cinque fasce per sopperire a una di rovinare l’impianto».
Sud. In Meridione, infatti, clati. clini a lasciare il tappo alla qualitative. Quindi, meglio raccolta abbondante, ma (M.L.)
la media si attesta a quasi L’Italia, seconda solo alla bottiglia dell’olio, a buttare è selezionato il rifiuto, più
10 chilogrammi in meno Germania, è tra i Paesi più anche il piatto rotto di cera- il Comune guadagna. In
per abitante: «Noi, tuttavia virtuosi. Da noi la raccolta mica e soprattutto a lascia- base all’ultimo accordo,
– continua Scotti – non ve- è fatta in modo massivo, il re il sacchetto di plastica abbiamo stabilito aumenti
diamo il Sud come un vago- prossimo step è però au- in cui si sono trasportate le annui che portino nel 2024
ne lento, ma come un baci- mentarne la qualità». bottiglie fino al bidoncino. le amministrazioni a soste-
no di possibilità. Il dato ci E su questo - occrre far no- Questa incuria grava forte- nere, con i proventi, l’80%
dice che è ancora altissimo tare - non viene rilevatapar- mente sui costi e ogni anno della raccolta. I Comuni più
il margine di miglioramen- ticolare differenza fra Nord fa perdere molti frammenti virtuosi, quelli nella fascia
to». e Sud. di vetro, che devono essere qualitativa massima, gua-
dagnano oggi 61 euro a ton-

RECUPERO
nellata, nel 2024 ne guada-
gneranno 73. È uno sforzo
molto singificativo per noi,
ma crediamo che sia una
scelta socialmente giusta».

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 2 7
L’onorificenza viene
consegnata ai nominati
dal Presidente della
Repubblica nel corso
di una solenne cerimonia
che si svolge ogni anno
al Quirinale nel mese
di ottobre

Le imprese guidate
dai Cavalieri del Lavoro
costituiscono un modello
importante per la capacità
di generare benessere
condiviso e di tradurre
in pratica i valori della
trasparenza, che significa
anche lotta alla corruzione,
dell’etica di impresa
e della sostenibilità

#LA FEDERAZIONE #IMPRENDITORIA


Il profilo
Nata come associazione
nel dicembre 1914
Cavalieri del lavoro
e trasformata in
federazione nel 1922,
la Federazione nazionale
dei Cavalieri del lavoro
ETICI e SOSTENIBILI
promuove iniziative
di approfondimento e
analisi sui principali temi
▼ di Lara Morandotti della sostenibilità. Carat-
teristiche che hanno per-
la validità e la convenienza
del fare azienda in modo
dello sviluppo sociale
I
Cavalieri del Lavoro sono messo, negli ultimi anni, di sostenibile. Forse un costo
imprenditori che si sono ottenere risultati superiori nell’immediato, ma sicura-
e imprenditoriale. Il SONO AZIENDE distinti grazie ai risultati in termini di occupazione e mente un investimento nel
consiglio dell’Ordine CHE HANNO DIMOSTRATO DI raggiunti nell’attività azien- di fatturato rispetto alle im- medio-lungo periodo».
è composto da 23 NON AVER CEDUTO dale, per la creazione di po- prese concorrenti. Si tratta Riassumendo in una frase
sti di lavoro e per l’impegno di dati rilevanti perché le a- il risultato della ricerca, le
membri e ogni anno ALLA TENTAZIONE
ad una responsabilità etica ziende sane, che producono aziende più trasparenti sono
possono essere DEL COSIDDETTO SOCIAL e sociale diretta al miglio- utili e creano occupazione, anche quelle maggiormen-
WASHING. AL CONTRARIO,
nominati fino a 25 ramento delle condizioni di portano valore aggiunto e te attente alla legalità e alla
HANNO COMPRESO vita e di lavoro. E in tutto migliorano la reputazione sostenibilità Esg - environ-
Cavalieri del lavoro, nei LA VALIDITÀ questo, c’è spazio per la so- del Paese, aumentandone la mental, social e governan-
settori dell’agricoltura, E LA CONVENIENZA stenibilità? La risposta è sì, credibilità a livello interna- ce.
dell’industria, del DEL FARE AZIENDA IN MODO tanto che la federazione na- zionale e rappresentando un
zionale dei Cavalieri del la- volano di impatto positivo GLI INDICATORI
commercio, turismo e SOSTENIBILE. voro ha commissionato sul di lungo periodo». Per la verifica dei parametri
FORSE Maurizio Sella
servizi, dell’artigianato e tema una specifica ricerca Presidente della Federazione di trasparenza e sostenibi-
dell’attività creditizia e UN COSTO alla Fondazione Etica. L’AMBIENTE Nazionale dei Cavalieri del Lavoro lità è stata verificata la pre-
NELL’IMMEDIATO COME VALORE senza sul sito web aziendale
assicurativa. LA RICERCA Un terzo del campione ana- di documenti, tenendo con-
MA SICURAMENTE

#
L’onorificenza viene UN INVESTIMENTO Trasparenza, etica e soste- lizzato ha ottenuto una va- to della loro facilità di indi-
consegnata ai nominati NEL MEDIO-LUNGO PERIODO
nibilità sono i tre asset e- lutazione alquanto positiva viduazione, della loro fru-
saminati dalla Fondazione sul tema della sostenibilità ibilità per gli stakeholder,
dal Presidente della Etica nell’ambito della ri- e risulta con chiarezza che della loro completezza e ag-
Repubblica nel corso cerca che ha coinvolto un non si tratta di una semplice LE IMPRESE giornamento cronologico.
di una cerimonia che campione di 342 aziende mossa di marketing, ma di
DEI CAVALIERI DEL LAVORO Tra gli indicatori di soste-
di Cavalieri del lavoro nei un investimento comples- nibilità ed Esg figurano l’a-
si svolge ogni anno settori dell’agricoltura, arti- sivo sul modo di concepire COSTITUISCONO desione al bilancio sociale,
al Quirinale nel mese gianato, commercio, credi- l’azienda nel suo rapporto UN MODELLO GRAZIE ALLA all’ISO 26000, alla respon-
di ottobre con la to, industria e servizi, ana- con la comunità a 360 gradi. CAPACITÀ DI TRADURRE sabilità sociale d’impresa
lizzando sia il quadro nor- In particolare, il 10% delle IN PRATICA I VALORI (Csr), ai principi di soste-
partecipazione delle mativo di riferimento per aziende raggiunge addirit- nibilità Esg, sostenibilità
DELLA TRASPARENZA,
autorità istituzionali e il settore dell’imprenditoria tura l’eccellenza grazie alla
DELL’ETICA DI IMPRESA ambientale e sociale e alle
di tutti i Cavalieri del privata sia la relativa appli- progettazione dell’intera at-
E DELLA SOSTENIBILITÀ,
United Nations Sustainable
cazione che traspare dai ri- tività economica sulla base Development Goals.
lavoro. Qualche nome spettivi siti web. della sostenibilità ambien- INNESTANDO PROPRIO In conclusione, trasparen-
di Cavalieri del Lavoro «Le imprese guidate dai tale, sociale e di governan- SU QUESTI VALORI LE za, etica del lavoro e soste-
del passato? Guglielmo Cavalieri del Lavoro» ha ce. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA nibilità sono i pilastri delle
affermato Maurizio Sella, «I risultati» ha commenta- imprese, ma anche i cardini
Marconi, Giovanni presidente della Federazio- to Paola Caporossi, vice- attorno a cui ruota l’onorifi-
Battista Pirelli, Giovanni ne nazionale dei Cavalieri presidente e fondatrice di cenza di Cavaliere del lavo-
Agnelli e Giovanni del lavoro «costituiscono un Fondazione Etica «mostra- merito delle tante azien- ro, che impone la necessità
modello importante per la no come le aziende si im- de capaci di andare oltre il di aver sempre tenuto una
Treccani. capacità di generare benes- pegnino quotidianamente mero adempimento forma- specchiata condotta civile
sere condiviso e di tradur- a tenere conto di numerose le. Sono aziende che hanno e sociale, l’aver adempiuto
re in pratica i valori della leggi e regolamenti anche dimostrato di non aver ce- a tutti gli obblighi contrat-
trasparenza, che significa complessi sulla trasparen- duto alla tentazione del co- tuali e aver contribuito a
anche lotta alla corruzio- za e sulla sostenibilità. Ciò siddetto social washing; al generare lavoro e crescita
ne, dell’etica di impresa e fa risaltare ancora di più il contrario, hanno compreso economica.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 2 8
I contenuti #PRESENTE&FUTURO
in sintesi
TUTELA
Cinque punti
DELLA BIODIVERSITÀ
Il «Manifesto» vuole promuovere un
processo in cui si superi la monocoltura
a favore
DEL LEGNO
attraverso una programmazione attenta e articolata
delle varie specie arboree. Non solo abete rosso:
è tempo di dare spazio ad altre specie adatte
alla costruzione e alle finiture, come pioppo, abete
bianco, castagno, robinia ed eucalipto

INNOVATIVO E VERSATILE
▼ ti Spa, Franco Laner, pro-
fessore dello Iuav, Domeni-
co Brugnoni, presidente di
Aiel, l’Associazione italia-
Franco Laner
architetto e
professore
all’Istituto
Il legno può essere la fonte primaria UN MATERIALE na energie agroforestali, A- Universitario di
Architettura
in grado di accelerare la sostituzione DA CONSIDERARE lessandro Tosato, presiden- di Venezia
“PATRIMONIO te di Lignum Consorzio di
della plastica e dei materiali derivanti tutela del Mobile di Verona)
dal petrolio in molte applicazioni DELL’UMANITÀ”. È (ANCHE)
il legno va riconosciuto co-
(prima fra tutte CON QUESTO SPIRITO me patrimonio dell’umanità
gli imballaggi) CHE È NATO IL per poi diventare protagoni-
«MANIFESTO», sta nell’edilizia ecologica e
UN’INIZIATIVA TESA nella transizione energetica
A SOSTENERE e base per l’economia circo-
lare. A monte, sarà necessa-
IL SUO UTILIZZO
rio approfondirne la cono-
E SOPRATTUTO
EFFICIENTE E SICURO LA SUA TUTELA.
scenza e far sì che diventi u-
PER L’EDILIZIA VERONAFIERE, UNIVERSITÀ
na risorsa gestita con criteri
scientifici.
Così recita il «Manifesto»: «Il legno va impiegato
E OPERATORI, UNITI
nell’edilizia con sempre maggior efficienza: anche se è QUALE ESIGENZA
PER GUARDARE AVANTI
una risorsa rinnovabile, è necessario studiare processi «Il Manifesto - spiega il
di maggior razionalità del suo uso sfruttando le direttore generale di Piem-

#
tecnologie dell’industria 4.0». di Antonia Solari meti Raul Barbieri - nasce to di altre anche più legate
dall’esigenza di dare visi- al territorio - sviluppare tec-

«C’
è l’imprescin- bilità a questo materiale, nologie sempre più innova-
dibile necessi- non sempre valorizzato a- tive ed efficaci per far sì che
tà di tutelare e deguatamente. Si parla di il legno diventi protagonista
promuovere la biodiversità, transizione ecologica, ma NON SEMPRE VALORIZZATO nel mondo delle costruzio-
programmare il futuro per si dimentica il legno che IN MODO ADEGUATO ni, nel campo della ricerca
agganciare una transizione da sempre accompagna NEL PRESENTE sui biomateriali e nei si-
EDUCAZIONE, RICERCA energetica che deve costru- la nostra vita e da sempre NIONOSTANTE LE SUE stemi per il riscaldamento
E CULTURA ire un nuovo modello di e- rimane un materiale in-
CARATTERISTICHE sono fra le proposte conte-
I firmatari del «Manifesto» si sono conomia nel medio periodo. novativo. Adatto alle co- nute nel «Manifesto per il
Tutto questo, in un Paese struzioni, all’arredo e alla È ADATTO SIA ALL’ARREDO Legno».
impegnati a promuovere l’insegnamento come l’Italia che vede la sua valorizzazione energetica, SIA ALLE COSTRUZIONI: «Il Manifesto - conclude
e la ricerca scientifica sul legno, a cui massa forestale aumentare, può a pieno titolo diventare PUÒ DIVENTARE Raul Barbieri - è stato ac-
oggi sono dedicate insufficienti risorse può essere fatto anche attra- protagonista del mondo di PROTAGOINISTA colto con entusiasmo non
verso una gestione forestale domani». DEL MONDO DI DOMANI. solo dalla filiera legno, bo-
sostenibile. Il patto tra tutti Barbieri precisa anche quali scaioli e produttori di mac-
PER QUESTI MOTIVI
i protagonisti della filiera è saranno le prossime tappe chine per la lavorazione, ma
fondamentale e ribadisce il in programma. Per amplia- È IMPORTANTE anche dal pubblico e dagli
ruolo centrale del legno per re il più possibile la sensibi- UN LAVORO esperti. Molto apprezzata,
RISORSA ENERGETICA una crescita sostenibile e lizzazione su questo tema, DI SENSIBILIZZAZIONE in particolare, la volontà di
PER IL PIANETA virtuosa». infatti, sono previste impor- mettere insieme le filiere le-
Per dare maggior spazio alla biomassa legnosa come Riassume così Franco La- tanti strategie di comunica- gno-edilizia, legno-arredo
fonte di calore ed energia è importante che venga ner, architetto e professore zione e puntuali attività di e legno-energia, per co-
all’Istituto Universitario di lobbying, in modo da met- struire il futuro di questo
prodotta da materia prima lavorata secondo l’approccio
Architettura di Venezia, tere a sistema le aziende che materiale insieme. Quella
“a cascata”, in grado di valorizzare gli scarti dell’industria oltre che fra i promotori fanno parte della filiera del del legno è una filiera mol-
di prima lavorazione del legno. Parallelamente dell’iniziativa, il significato legno. to ampia e frammentata:
è importante investire nelle tecnologie degli specifici del «Manifesto per il Le- il Manifesto è anche un for-
impianti di riscaldamento gno». LE PROSPETTIVE te strumento di comunica-
Per i firmatari del «Manife- Implementare la diffusio- zione, che crea un network e
sto» (Maurizio Danese, pre- ne di altre specie rispetto a riesce a mettere in contatto
(A.S.)
sidente di Veronafiere, Ado quella dell’abete rosso - og- persone e imprese molto di-
Rebuli, presidente Piemme- gi preponderante a discapi- stanti fra loro».

ESPERIENZE E FATTI
n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 2 9
TRANSIZIONE ECOLOGICA ITALIA PER SCHNEIDER ELECTRIC

Green & Digital:


questo è il futuro dell’energia
U
Con il quadro di media tensione n concentrato
di innovazione,
attraverso soluzioni
digitali – e allo stesso
AirSet può essere
equipaggiato,
SM AirSeT Schneider Electric mette che si fregia tempo contribuisce al ad esempio, con
sul mercato una soluzione che offre di tecnologie
brevettate uniche nel loro
necessario percorso di
transizione energetica
sensoristica avanzata
per il monitoraggio delle
connettività evoluta e sostenibilità, genere per incrementare in ottica di sostenibilità. condizioni ambientali,
l’intelligenza e la L’85% del gas SF6 oggi ricavando dati che
evitando l’utilizzo di gas fluorurati SF6 sostenibilità dei sistemi prodotto viene utilizzato permettono di realizzare
di distribuzione elettrica: in apparecchiature analisi sofisticate tramite
questo è SM AirSeT, il elettriche isolate in i software EcoStruxure
nuovo quadro di media gas, quindi avere la per realizzare strategie
tensione di Schneider possibilità di rimuoverlo di gestione degli asset
Electric connesso e da un componente predittive e preventive.
sostenibile, in quanto onnipresente come SM AirSeT è stato
evita del tutto l’uso il quadro di media implementato con
del gas SF6 per le tensione costituisce uno successo in numerosi
esigenze di isolamento. strumento decisivo per progetti pilota con utility
Mantenendo la la decarbonizzazione - quali E.ON in Svezia,
stessa compattezza dell’energia. GreenAlp in Francia,
dimensionale e gli stessi Oltre a contribuire EEC Engie in Nuova
meccanismi operativi alla sostenibilità, Caledonia; il primo
della gamma di quadri l’eliminazione del progetto nel settore
di media tensione gas SF6, che ha un dei trasporti è stato
SM6 tradizionali, SM potenziale climalterante realizzato proprio in Italia,
AirSeT, per sostituire il elevatissimo e ha quindi con ATM - Azienda
gas fluorurato, sfrutta bisogno di particolari Trasporti Milanesi che
la tecnologia Shunt accorgimenti nel ha scelto di adottare
Vacuum Interruption trattamento, rende più la soluzione SF6-
(SVI)™, introdotta semplice la gestione free per supportare il
da Schneider a fine del prodotto in tutto rinnovamento dei sistemi
2019, che combina il suo ciclo di vita: un di distribuzione elettrica
l’interruzione in vuoto ulteriore vantaggio per i in seno al progetto di
all’isolamento 100% in clienti che scelgano già trasformazione della
aria. Con SM AirSeT oggi di intraprendere sua flotta di ben 1.200
Schneider offre ai suoi un cambiamento bus elettrici. La scelta
clienti la possibilità anche considerando le di usare soluzioni che
di introdurre nei loro tendenze dell’evoluzione consentano, secondo
sistemi un quadro normativa europea e le stime fatte, di
smart – nativamente internazionale. evitare l’uso di ben
connesso per sfruttare Non meno importanti 560 tonnellate di gas
le opportunità di sono le potenzialità SF6, contribuisce agli
monitoraggio, controllo digitali già citate di obiettivi di sostenibilità
e ottimizzazione questo quadro. SM complessivi dell’azienda.

Più efficienza e sicurezza per persone e apparecchiature


Le capacità digitali la continuità di servizio intervento rapida e queste apparecchiature;
che caratterizzano SM e ridurre i costi di mirata. L’applicazione ad esempio consentendo
AirSeT e tutta l’offerta di manutenzione e i rischi, dedicata Easergy la connessione a device
quadri di media tensione sfruttando al meglio Thermal Connect offre di monitoraggio delle
di Schneider Electric le funzionalità della un modo semplice sottostazioni, oppure
forniscono strumenti per piattaforma EcoStruxure ed economico per l’utilizzo di applicazioni
gestire i sistemi in modo Power. Oltre a rilevare effettuare il monitoraggio di Realtà Aumentata
sicuro e monitorato in i dati sulle prestazioni termico, rilevando il (EcoStruxure Augmented
tempo reale, ottenendo dell’interruttore, valore di temperatura Operator Advisor)
la massima sicurezza e al monitoraggio delle connessioni che consentono di
per le persone e per gli ambientale è possibile cavo per individuare incrementare la sicurezza
asset e la possibilità di attivare, grazie a una precocemente i punti per gli operatori
ottimizzare le prestazioni sensoristica wireless deteriorati. La gamma di grazie alla lettura di
in ottica di efficienza. incorporata, anche il quadri di media tensione variabili elettriche e
Grazie alla connettività monitoraggio termico connessi e digitali di documentazione, senza
si ottiene visibilità su dati – con grandi vantaggi Schneider Electric offre dover fisicamente
chiave che diventano per la prevenzione inoltre numerose altre accedere all’interno
preziose informazioni di guasti e incendi e funzionalità smart adatte dei locali di una cabina
Per informazioni: www.se.com/it decisionali per aumentare per una capacità di alle diverse applicazioni di elettrica.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 3 0
#E-LEARNING

L’alta formazione
CRESCE A BOLOGNA
▼ di Floriana Morrone MODALITÀ
E-LEARNING

Q
uella di quest’anno è La prima esperienza del
la prima edizione di corso (26 novembre 2021, 4
UN’INIZIATIVA NATA SAFTE. febbraio 2022) prevede otto
CON L’APPORTO «Una scuola di alta forma- settimane di lezioni. Quat-
DELL’UNIVERSITÀ zione - come spiega Fabri- tro unità tematiche da due
zio Passarini professore or- settimane ciascuna, per un
DI ECOMONDO E DI IEG
dinario al dipartimento di totale di 128 ore di attività
E L’OBIETTIVO Chimica Industriale “Toso formativa nella modalità
DI CREARE CULTURA Montanari”- che si inse- e-learning, con incontri in-
NELL’AMBITO risce all’interno di un più terattivi in confronto diret-
DELLA TRANSIZIONE ampio accordo quadro. Un to con i docenti e altre unità
ECOLOGICA. IL MOTIVO? quadro nato fra l’Universi- formative che i partecipanti
tà di Bologna e IEG (Italian potranno gestire autonoma-
COGLIERE AL VOLO
Exhibition Group), che si mente attraverso un servizio
LE OPPORTUNITÀ propone di sviluppare di- streaming dalla piattaforma
DI CRESCITA verse iniziative di forma- dedicata. Otto settimane
DEL MERCATO zione alle imprese e ai liberi composte ognuna di 16 ore,
professionisti, nonché atti- suddivise in quaddro ore di
vità di social responsibility, conferenze live e le altre 12
per una crescita di consape- video registrate, che affron-
volezza nel territorio e nella tano temi specifici di ogni
società sui temi legati alla unità. Le video registrazio-
transizione ecologica. ni saranno rese disponibili
Come si vede ci sono quindi UNA DOMANDA ce alle domande poste dalla ne, distribuzione, consumo a partire dalla conclusione
diversi progetti in cantiere, UNA RISPOSTA transizione in atto. e recupero dei materiali e di ogni conferenza live, cor-
tra cui questa iniziativa che Si chiama SAFTE, acroni- Entrano, infatti, nell’ordi- dell’energia e l’economia redate da materiali di studio
cercherà di supportare gli mo di “Scuola di Alta For- namento le nuove direttive circolare diventa un ambito e da test di verifica. Il corso
operatori interessati in un mazione per la Transizione europee che dettano regole di formazione specifico che per una singola frequenza
momento così importante Ecologica” e nasce dall’esi- vincolanti e generalizzate integra saperi diversi in una costa 3.500 euro ma sono
di trasformazione del no- genza, sempre più urgente, per una diversa organizza- nuova disciplina dei flussi previsti pacchetti fino a 10
stro Paese. di dare una risposta effica- zione dei cicli di produzio- di materia. frequenze.

#L’INTERVISTA

Una sinergia fondamentale


«La Scuola di Alta incontro alla domanda materiali. Ci sono anche scientifici, normativi, Università di Bologna temi. Inoltre, sia nel
Formazione per la di formazione di vari nuove opportunità organizzativi ed ha la responsabilità comitato scientifico sia
Transizione Ecologica – settori economici di finanziamento, economici. Per questo, della direzione e fra i docenti di SAFTE
dice Fabrizio Passarini e di diverse filiere che servono ad il percorso della Scuola del coordinamento ci sono rappresentanti
professore ordinario produttive, che ora accompagnare le si compone di diverse scientifico, oltre a di ISPRA, dei
al dipartimento di vengono interpellati, imprese in questa unità formative, utili svolgere, mediante i ministeri della
Chimica Industriale come tutti, dall’urgenza transizione, che vanno a integrare i diversi suoi docenti, la maggior Transizione ecologica
“Toso Montanari” di intraprendere una assolutamente colte». aspetti in un approccio parte delle ore di e dell’Istruzione e di
e direttore del svolta nella propria interdisciplinare. didattica. Tuttavia, è importanti istituzioni
nuovo corso - nasce attività, nella direzione Quali sono le stata di fondamentale europee. Infine, anche
dalla pluriennale appunto di una figure professionali Perché è importante la importanza il mondo delle imprese
collaborazione transizione ecologica. interessate? sinergia tra il mondo l’interazione con altri sarà rappresentato, con
dell’Università C’è una nuova agenda Il corso si rivolge delle imprese soggetti, in particolare alcune testimonianze
di Bologna con non solo europea, in particolare al e l’Università? Fabrizio Passarini Ecomondo, che come aziendali volte a
Ecomondo, un ma anche mondiale, management incaricato L’iniziativa è stata professore ordinario dicevo è un luogo mostrare percorsi
al dipartimento di Chimica
appuntamento centrale che detta stringenti e di far compiere alle promossa da IEG, Industriale “Toso Montanari” di partecipazione virtuosi e buone prassi
per il nostro Paese sui sfidanti obiettivi per imprese il fondamentale mentre l’Alma e direttore del nuovo corso fondamentale per chi di economia circolare e
temi dell’economia ridurre drasticamente salto di qualità Mater Studiorum - è interessato a questi sostenibilità. (F.M.)
circolare e della i consumi di risorse richiesto dalle attuali
transizione ecologica, e non rinnovabili, per strategie italiane ed

ESPERIENZE E FATTI
con il gruppo fieristico limitare le emissioni di europee, offrendo
che lo ospita (IEG, gas climalteranti, per nuovi strumenti mirati
Italian Exhibition introdurre una sempre all’innovazione e
Group). L’idea alla maggiore circolarità all’integrazione dei
base è di andare nella gestione dei modelli tecnico-

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 3 1
#SOSTENBILITÀ

TURISMO E AMBIENTE
Una coppia di successo

Lara Morandotti

di Lara Morandotti

Q
uanto pesa sull’am-
biente la nostra scelta
di concederci una va-
LA PANDEMIA È STATA
canza? Un report sui viag-
gi sostenibili per il 2021 IL PUNTO DI SVOLTA
ha rivelato che c’è un cam- CHE HA PORTATO
biamento in atto e che le I CONSUMATORI
persone stanno iniziando a A IMPEGNARSI
viaggiare in modo più so- CONCRETAMENTE
stenibile. Siamo davvero a
NEL VIAGGIARE IN MODO
un punto di svolta?
PIÙ SOSTENIBILE: IL 92%
IL SUSTAINABLE DEI VIAGGIATORI ITALIANI
TRAVEL REPORT INTERVISTATI PENSA
Lo scorso giugno Booking. CHE QUESTA PRATICA
com ha pubblicato una ri- SIA DI IMPORTANZA VITALE,
cerca i cui risultati riportano
MENTRE IL 57%
le informazioni provenienti
da oltre 29.000 viaggiatori HA AFFERMATO
in 30 Paesi. Dai dati è mer- CHE ADOTTERÀ QUESTO
so come la pandemia sia MODELLO IN FUTURO
stata il punto di svolta che
ha portato i consumatori a
impegnarsi concretamente
nel viaggiare in modo più
sostenibile: il 92% dei viag-
giatori italiani intervistati
pensa che questa pratica sia vorrebbe che l’impatto eco- proprio viaggio, mentre il viaggiatori già nelle prime #IL CASO
di importanza vitale, men- nomico del settore fosse di- 28% non sa nemmeno come fasi del processo di preno-
tre il 57% ha affermato che stribuito equamente a tutti i reperirle. tazione.
adotterà questo modello in livelli della società. Inoltre, Infatti, più della metà (59%) Dal suo canto, per aumenta- Quando la sostenibilità
futuro.
Entrando più nel dettaglio
il 76% degli intervistati dice
di voler evitare le destina-
degli intervistati crede in-
vece che nel 2021 non ci si-
re la visibilità delle opzioni
di soggiorno più sostenibili,
fa beneficenza
del sondaggio, l’89% dei zioni e attrazioni più popo- ano ancora abbastanza op- Booking.com al momento Rigenerarsi immersi nella in un’oasi che fa sentire
viaggiatori italiani intende lari per non contribuire al zioni di viaggio sostenibili sulla propria piattaforma ri-
ridurre i rifiuti in generale, sovraffollamento, aiutando disponibili. porta oltre 30 certificazioni natura è ciò che offre parte di un ecosistema
l’86% vuole diminuire il così le destinazioni meno In termini di consapevolez- ufficialmente approvate dal l’Oasy Hotel, progetto di da amare, rispettare e
proprio consumo energeti- visitate e le relative comu- za e intenzioni, i viaggiatori Global sustainable tourism Oasi Dynamo affiliata WWF, proteggere.
co - ad esempio spegnendo nità a trarre beneficio dagli e le strutture ricettive sem- council (GSTC), Green tou-
l’aria condizionata e le lu- effetti positivi dei viaggi. brano essere allineati, come rism ed Eu Ecolabel, e altri una riserva protetta dove In armonia con una natura
ci se non si è presenti nella rivela una nuova ricerca se- programmi di sostenibilità riconquistare la propria rigogliosa di flora e fauna,
stanza di hotel o nella casa DALLA TEORIA condo cui l’82% delle strut- delle catene alberghiere. dimensione lontanato dalla è possibile svolgere diverse
vacanza - e l’85% deside- ALLA PRATICA? ture partner di Booking. «Nel corso dei sei anni
ra spostarsi in modo più Anche se l’87% dei viag- com intervistate ritiene che in cui abbiamo condotto tecnologia e con una logica attività: trekking, biking,
rispettoso dell’ambiente, giatori afferma di voler sog- la sostenibilità nel settore questa ricerca» ha affer- zero sprechi. Si tratta di orienteering, yoga, kayak,
per esempio camminan- giornare in un alloggio so- dell’ospitalità sia importan- mato Marianne Gybels, un’area di 1.000 ettari dove farming per produrre
do, andando in bicicletta o stenibile nel prossimo anno, te. director of Sustainability
prendendo i mezzi pubbli- non mancano gli ostacoli Tuttavia, sebbene tre strut- di Booking.com « è stato si concretizzano progetti di formaggio o godersi un
ci. Altro dato molto positi- alla realizzazione di questi ture partner su quattro af- stimolante vedere crescere ricerca scientifica ed eco- massaggio nella zona relax.
vo riguarda il rispetto per propositi. fermino di aver già imple- costantemente la consape- turismo. Oltre al plus ecologico c’è
le comunità locali: il 79% In effetti, considerando solo mentato misure sostenibili, volezza dell’importanza dei
degli italiani ha dichiarato il 57% dei viaggiatori italia- solo un terzo comunica i viaggi sostenibili, sia per i Il leitmotiv del luogo è anche un importante aspetto
di voler vivere esperienze ni che ha detto di non aver propri sforzi in modo pro- nostri clienti come anche “tornare a una dimensione sociale: parte dei proventi
autentiche e rappresentative soggiornato in una struttu- attivo ai potenziali ospiti, ora con i nostri partner. Le selvaggia”, a contatto con la dell’oasi hotel vanno a
della cultura locale durante ra sostenibile nell’ultimo in particolare al momento buone intenzioni ci sono tra
i propri viaggi, il 92% che anno, il 31% di questi non del check-in. Ci sono, quin- tutte le parti coinvolte, ma natura, immersi nel verde e finanziare Dynamo Camp, un
pensa sia cruciale aumenta- sa nemmeno che esistesse di, ancora sfide significative c’è ancora molto lavoro da in logiche sostenibili, amiche camp di terapia ricreativa
re la comprensione cultura- questo tipo di scelta. Inoltre, da risolvere per rendere le fare per rendere i viaggi so- dell’ambiente e della salute che offre vacanze gratuite a
le e la conservazione del pa- il 34% non ha trovato opzio- informazioni sulla sosteni- stenibili una scelta davvero
trimonio culturale e l’88% ni sostenibili nella meta del bilità di facile accesso per i facile per tutti». dell’uomo. Le lodge per il bambini affetti da patologie
soggiorno sono dotate di gravi e croniche dai 6 ai 17
tutti i dettagli e i servizi di un anni e a famiglie con bambini

ESPERIENZE E FATTI
resort di lusso: è quindi un con gravi disabilità, durante
modo comodo e chic di vivere tutto l’anno. (L.M.)

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 3 2

COME FAR EVOLVERE
LO SVILUPPO
DELLA MOBILITÀ ELETTRICA
NEI DIVERSI COMUNI
IN MODO CHE L’ACQUISTO
DI UN VEICOLO A ZERO
EMISSIONI POSSA ESSERE
UNA SCELTA COMODA
E PREMIANTE?
LA RISPOSTA PIÙ OVVIA È:
INCREMENTANDO
LA PRESENZA
DI INFRASTRUTTURE
DI RICARICA

#ACEA #SERVIZI

Multiutility Una App


al servizio
dell’utente
CHE VANNO OLTRE ACEA Energia ha
lanciato l’App “Acea e-
mobility” che consente
di Lara Morandotti L’ESEMPIO DI ROMA… di ricaricare il veicolo
Nell’ambito del “Piano elettrico su oltre 10 mila

«N
ei prossimi anni mobilità elettrica di Ro- punti abilitati in Italia,
– afferma Giu- ma Capitale”, la Conferen- grazie agli accordi
seppe Gola, ad del za dei Servizi già alla fine di interoperabilità
Gruppo ACEA - investire- del 2020 aveva approvato con altri operatori
mo nella mobilità elettrica il progetto di ACEA che, del settore. L’App
con l’obiettivo di diventare nella sua fase iniziale, in- è stata sviluppata
uno dei principali player cludeva l’installazione di per fornire un utile
per l’e-mobility. L’ingresso oltre cento colonnine di ri- strumento per una
in questo mercato è in li- carica per veicoli elettrici su facile gestione di tutte
nea con la nostra strategia tutto il territorio della città. le fasi del servizio: sarà
che punta a supportare la A oggi, nella Capitale sono possibile localizzare le
transizione energetica per oltre 300 le infrastrutture colonnine disponibili,
favorire uno sviluppo della di ricarica ACEA autoriz- prenotarle, ricaricare
mobilità sostenibile, in par- zate, più di cento quelle già il veicolo elettrico o
ticolare all’interno dei gran- installate. Il progetto è par- plug-in, monitorare lo
di centri urbani dove è più te del piano di sviluppo nel …E NON SOLO que anni. L’iniziativa si in- stato di avanzamento
forte l’impatto ambientale, settore della mobilità elet- La mobilità elettrica è un quadra nel processo di svi- della ricarica e gestire
in coerenza con gli obiet- trica che l’azienda intende settore di interesse per A- luppo integrato di progetti i pagamenti con i
tivi del Green Deal e con i portare avanti nei prossimi CEA anche fuori Roma. di energy e waste transi- principali canali
valori dell’azienda. Per fa- anni e che prevede entro Sono già diversi gli accordi tion, con il coinvolgimento DA TARANTO A TERNI a disposizione. La
vorire questo passaggio – il 2024 l’installazione a li- che stanno consentendo lo anche degli stakeholders A BALSEGA DI PINÈ prenotazione del punto
conclude l’ad di ACEA - è vello nazionale di 2.200 sviluppo e la diffusione del- locali, in vista delle Olim- (FRA LE SEDI di ricarica attraverso
prioritario sviluppare nelle colonnine elettriche per un le infrastrutture di ricarica. piadi Invernali del 2026 di l’App sarà gratuita fino
nostre città infrastrutture di investimento complessivo Ad esempio, il protocollo cui Baselga di Piné sarà una
DELLE PROSSIME al 31 dicembre 2021.
ricarica capillari, sorrette di 29 milioni di euro. Le co- tra ACEA Innovation e il delle sedi. Un’altra intesa è OLIMPIADI 2026) (L.M.)
da una rete di distribuzione lonnine installate erogano Comune di Taranto verso la quella relativa al Comune I PUNTI DI RICARICA
intelligente, flessibile e re- energia prodotta esclusiva- concreta attuazione del Pia- di Benevento, dove è pre- STANNO NASCENDO
siliente». mente da fonti rinnovabi- no strategico di transizione visto lo sviluppo di un pia- VELOCEMENTE
L’implementazione delle li e utilizzano due diverse verso la Taranto resiliente no di mobilità sostenibile NELLA LOGICA
colonnine è realizzata da A- tecnologie, una a corrente del 2030 ( “Ecosistema Ta- con l’installazione, entro il
CEA Innovation, la società alternata, “Quick”, per una ranto”), che avrà un impatto 2023, di 21 colonnine, per
DELLA MOBILITÀ
del Gruppo che si occupa ricarica standard, e l’altra a su larga scala con interventi un totale di 42 punti di ri- SOSTENIBILE
della gestione delle infra- corrente continua, “Fast”, di mobilità elettrica, eco- carica. È da citare anche
strutture di ricarica (Charge per una ricarica più veloce nomia circolare, efficienza TER - Terni Electric Re-
Point Operator), specializ- ed efficiente. La gestione energetica e soluzioni per charge - bando del Comune
zata nell’ideazione e realiz- delle infrastrutture di rica- l’innovazione tecnologica. di Terni che si è aggiudica-
zazione di progetti, prodotti rica è a cura di ACEA Inno- Si prevede l’installazione di ta Umbria Energy, (Gruppo
e servizi smart per fornire vation, che ha recentemente 80 punti di ricarica. Un’al- ACEA), insieme ad ASM,
soluzioni ai clienti retail e acquisito “Electric Drive tra partnership già siglata è grazie anche ad Acea Inno-
business nella vita di tutti Italia”, società specializza- quella per la realizzazione vation, partner tecnologico:
i giorni, secondo i principi ta nel campo della proget- del “Piano di mobilità so- prevista l’installazione di 47
delle smart city e della cir- tazione e realizzazione di stenibile” del Comune di colonnine doppie per com-
cular economy, in linea con piattaforme gestionali ICT Baselga di Piné, con l’im- plessivi 94 punti di ricarica,
gli obiettivi dell’agenda eu- per l’erogazione di servizi plementazione di 52 punti in 28 macroaree strategiche
ropea 2030 e del Pniec. per la mobilità elettrica. di ricarica nei prossimi cin- della città di Terni.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 3 3
#RISORSE

Colorare i tessuti
RISPARMIANDO ACQUA
#ZOOM

▼ Un unico
DEPURAZIONE
COME PRECONDIZIONE processo
AL RIUTILIZZO INDUSTRIALE.
NON SI TRATTA SOLO tanti
DI UN DOVERE VERSO
L’AMBIENTE, MA ANCHE vantaggi
DI UNA STRATEGIA
PER MIGLIORARE Nello stabilimento di
L’EFFICIENZA PRODUTTIVA Osijek si effettuano
RIDUCENDO I COSTI cicli di tintura e
DA BENETTON fissaggio di fibre tessili,
UN’ESPERIENZA soprattutto di cotone e
INTERESSANTE COME lana. L’azienda ha 290
dipendenti e produce
CASO STUDIO APPLICABILE otto mila chilogrammi
ANCHE IN ALTRI AMBITI di filato al giorno.
Nel corso del 2020 è
stato recuperato il 62
per cento dell’acqua
necessaria alla tintoria
di Costanza Peretti tex (Water Saving Proces- chimiche e fisiche adat- e il consumo di
ses for Texile Production), te ai processi di lavaggio metano si è ridotto di

I
l processo di tintura delle finalizzato a ottenere me- e risciacquo dei tessuti, in un milione e 750 mila
fibre tessili rappresenta u- diante la depurazione dei primis la rimozione totale kWh. Un risparmio
na delle attività industriali reflui dell’industria tessile della salinità. energetico reso
a più alto impatto ambien- acqua da poter riutilizzare possibile perché l’acqua
tale per l’elevato consumo nel ciclo di produzione in- AZIONE POTENZIATA purificata che viene
di acqua che, una volta uti- dustriale. Un progetto co- Con il progetto Wasatex il restituita all’impianto
lizzata, si carica di sostan- finanziato dall’Unione eu- sistema di depurazione bio- a una temperatura di
ze tossiche riversandosi ropea che ha mosso i primi logica è stato potenziato, circa 25/30 gradi, a
nei fiumi e nei mari. Basti passi nel 2014 e ha ricevuto grazie all’introduzione di u- differenza di quella
pensare che il 20 per cento nel 2016 il «Premio Inno- na serie di tecnologie inno- di falda molto più
dell’inquinamento globale vazione Smau» e l’anno se- vative in grado di separare fredda (non supera i 15
delle acque industriali deri- guente il «National Energy completamente i diversi tipi gradi). L’acqua trattata,
va proprio dalla colorazione Globe Award». Nato dalla di impurità. Tra queste, al- quindi, si può da subito
dei tessuti. Nello specifico, collaborazione fra l’impre- dell’avvio del progetto Wa- cuni filtri specifici per puri- utilizzare nei processi
le fasi di tintura e fissaggio sa tessile Olimpias Group e satex lo stabilimento faceva ficare l’acqua dalle materie di tintura senza
dei pigmenti sui materiali due aziende italiane di inge- fronte al fabbisogno idrico organiche, da pigmenti di bisogno di scaldarla
tessili, oltre a esigere grandi gnerizzazione e produzione con l’estrazione dell’acqua colore e tensioattivi, da cal- ulteriormente.
volumi d’acqua richiedono di impianti di depurazione freatica e i reflui venivano cio, magnesio e alcalinità Oltre alla riduzione
anche un forte consumo di (Europrogetti e Aspel» il IN PRINCIPIO solo parzialmente trattati e e sistema a osmosi inversa dell’uso dell’energia,
energia. progetto Wasatex punta al L’ACQUA poi rilasciati nelle fognatu- per rimuovere i sali solubili. questo processo
recupero del cento per cento ERA ATTINTA DAI POZZI re. Infatti, l’unico sistema Le acque reflue trattate con garantisce un notevole
UN ESEMPIO delle acque di scarto inqui- E QUESTO SIGNIFICAVA di depurazione presente era questo processo diventano risparmio economico:
Ad Osijek, città della Cro- nate attraverso un sofistica- di tipo biologico, una tecno- pulite al punto da poter es- in Croazia, infatti,
azia nord-orientale vicina to processo di filtraggio.
CIRCA 1.600 logia in grado di rimuovere sere impiegate anche nelle l’acqua ha un prezzo
al confine con l’Ungheria METRI CUBI efficacemente tensioattivi, lavorazioni che richiedo- alto perché viene pagata
e la Serbia, da tempo si sta TECNOLOGIA AL GIORNO, PARI oli e grassi, fosforo e soli- no purezza, bassa salinità al metro cubo, mentre
lavorando alla risoluzione SOFISTICATA AL FABBISOGNO di in sospensione, ma non e durezza, come nel caso in gran parte d’Italia,
di questo problema con ri- In origine, alla Olimpias QUOTIDIANO DI CIRCA i componenti inorganici, della sbianca o dei bagni quando si attinge
sultati molto interessanti. Tektil, l’acqua necessaria 10 MILA 600 PERSONE. quindi le sostanze alcali- di tintura. L’altro vantag- l’acqua dai fiumi o
Qui ha sede la società O- per i processi industriali ve- ne, la silice, i cloruri, i sol- gio riguarda i colori che sui dalla falda, si paga solo
limpias Tektil, stabilimento niva esclusivamente attinta
ORA LA SITUAZIONE fati e i metalli pesanti. Un filati e tessuti risultano più una concessione - con
di maglieria che fa parte del dai pozzi: questo signifi- È COMPLETAMENTE trattamento solo parziale stabili e - grazie all’assenza un costo contenuto - e
Gruppo Benetton, dove da cava un consumo di circa CAMBIATA che impediva il riutilizzo di sali - anche più brillanti. non il consumo. Anche
alcuni anni è partito - prima 1.600 metri cubi al giorno, dell’acqua depurata nella Quest’acqua depurata può sotto questo profilo, il
in fase sperimentale e ora a pari al fabbisogno quotidia- produzione. Era necessario essere utilizzata anche nelle riutilizzo delle acque
regime - il progetto Wasa- no di 10.600 persone. Prima quindi sottoporre l’acqua caldaie, consentendo di li- di scarto purificate
trattata biologicamente ad mitare notevolmente l’uso in ambito industriale

CASI
altre operazioni indispen- di prodotti chimici. Inoltre, rappresenta una
sabili per rimuovere i com- ha il vantaggio di non spor- significativa risorsa.
posti solidi sospesi per far care i tubi dello scambiatore (C.P.)
sì che questo bene prezioso di calore, quindi riduce e ot-
acquisisse le caratteristiche timizza i consumi.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 3 4
#RINNOVABILI #SVILUPPO SOSTENIBILE

Fotovoltaico
in continua
evoluzione
di Lara Morandotti

L
e tecnologie legate a-
gli impianti rinnovabili
cambiano in modo ve-
loce. Per questo, chi decide
Gli investimenti
di ricorrere a questo tipo di L’investimento di e 3.000 iscritti a livello
fonte energetica deve ac- CHINT nel mondo internazionale.
certarsi di trovarsi di fronte delle rinnovabili è Lo sviluppo sostenibile
alla più recente soluzione, accompagnato da è una tema di interesse
talvolta dovendosi orienta- un impegno sempre globale e più di 100 paesi
re tra tantissime offerte. In maggiore nello in tutto il mondo sono
questo senso, l’unico aiuto sviluppo sostenibile. attualmente impegnati
valido è la corretta scelta del La multinazionale ha nel raggiungere l’obiettivo
giusto interlocutore, quin- recentemente aderito al comune della “Carbon
di un produttore in grado di United nations global neutrality” mediante
offrire sistemi completi per compact (Ungc), una delle la promozione di una
il risparmio energetico e so- La gamma AstroSemi presenta moduli da 120,
più grandi iniziative di serie di cambiamenti
luzioni per la gestione intel- 144 e 156 celle, con efficienza massima fino al sostenibilità aziendale al economici e sociali in
ligente dell’energia. Uno di 21,5%. Il più richiesto dal mercato è il modello mondo, fondata nel 2000, diversi ambiti, tra cui
con potenza 370-380W, con 120 celle da 166 mm,
essi è la multinazionale di particolarmente indicato per applicazioni di tipo che a oggi conta più di l’economia, l’energia,
origine asiatica Chint. residenziale e commerciale 9.500 aziende aderenti l’ambiente e il clima.
Il modulo di potenza intermedia, AstroSemi da
Il nuovo modulo compatto Astro 5 s è 440-455W, con 144 celle da 166 mm e notevoli
L’OFFERTA disponibile nelle versioni con cornice dimensioni si è dimostrato invece più adatto per
argento e con cornice black per una applicazioni in ambito commerciale, per impianti
All’inizio del 2020, Chint maggiore integrazione architettonica industriali e per grandi impianti fotovoltaici
ha introdotto nel mercato
italiano una nuova offerta

#
legata alle energie rinno- #CONTROINDICAZIONE mi CHSM60M-HC 370- riori. L’ultimo trimestre del
vabili, ampliando in modo 380W, con 120 celle da 2021 si è chiuso, invece, con
significativo il proprio ca-
talogo che già includeva ap-
L’effetto mismatch 166 mm e dimensioni di
1765x1048x35 mm, par-
l’introduzione di un nuovo
modulo monocristallino
parecchiature elettriche di CHINT È STATA FONDATA ticolarmente indicato per dalle caratteristiche decisa-
bassa tensione, sistemi per È un fenomeno legato al fatto che, in una catena di pannelli NEL 1984 A WENZHOU applicazioni di tipo residen- mente performanti.
la trasmissione e la distribu- ziale e commerciale. Si tratta di Astro 5 s, con
zione dell’energia in media
collegati in serie, la produzione di ogni unità si adegua IN CINA, MENTRE IN ITALIA Il modulo di potenza in- 108 celle da 182 mm e po-
e alta tensione, strumenti a quella della più debole. Il risultato è un rendimento È PRESENTE DA OLTRE termedia, AstroSemi CH- tenza fino a 410Wp, dispo-
di misura, componenti per medio dell’impianto fotovoltaico inferiore a quello 10 ANNI. GRAZIE SM72M-HC 440-455W, nibile nella versione con
l’automazione industriale e
medio dei singoli pannelli A UN’AMPIA GAMMA con 144 celle da 166 mm cornice silver e in versione
componenti elettrici per il DI PRODOTTI DISPONIBILI e d i mension i not evol i black per una maggiore in-
settore residenziale. (2108x1048x35 mm), si è tegrazione architettonica.
A MAGAZZINO E A UNA
Grazie all’integrazione tra dimostrato, invece, più a- La caratteristica distintiva
le divisioni specializzate, PIATTAFORMA LOGISTICA datto per applicazioni in è la dimensione compat-
tra cui Astronergy (moduli CONDIVISA CON LA CASA ambito commerciale, per ta (1078x1133x30 mm): il
fotovoltaici ad alta efficien- fotovoltaici monocristalli- ne la resistenza. Il modulo MADRE, CHINT ITALIA impianti industriali e per nuovo modulo si sviluppa in
za) e Chint Power Systems ni ad alta efficienza Astro- continua a essere efficiente È IN GRADO DI OFFRIRE grandi impianti fotovoltai- larghezza e si riduce in al-
(inverter e sistemi di accu- Semi by Astronergy, con anche in caso di ombre pro- SOLUZIONI PERSONALIZZATE ci. Dal secondo semestre tezza, mantenendo un’effi-
mulo), l’azienda è oggi in potenze fino a 595Wp, in iettate sulla superficie, con 2021 i riflettori sono puntati cienza elevata fino a 21.3%
PER QUALSIASI ESIGENZA,
grado di fornire soluzioni grado di garantire massima riduzione dell’effetto mi- anche su altri due prodotti e garantendo ottime presta-
a 360 gradi come moduli robustezza, tecnologie in- smatch; inoltre, l’impiego di CHE SPAZIANO DALLA della stessa gamma: Astro- zioni con un’occupazione
fotovoltaici mono e policri- novative e alti livelli di resi- celle multi-Busbar riduce il COMPONENTISTICA Semi CHSM78M-HC 580- minore superficie.
stallini, inverter, cavi sola- stenza anche in condizioni rischio di microfratture in- ELETTRICA PER LA BASSA, 595W e AstroSemi CHSM-
ri, sistemi di protezione DC climatiche impervie. In par- terne, con conseguente au- MEDIA E ALTA TENSIONE 60M(BL)-HC 355-365W. UN FUTURO SEMPRE
e AC, quadri stringa e lato ticolare, i moduli sono testa- mento dell’output generale. ALL’AUTOMAZIONE PIÙ GREEN
AC e sistemi di ricarica per ti per resistere all’urto della La gamma AstroSemi pre- MODULI BIFACCIALI In qualità di fornitore di
INDUSTRIALE
veicoli elettrici. grandine (sfere di 25 mm senta moduli da 120, 144 E COMPATTI soluzioni intelligenti per la
di diametro alla velocità di e 156 celle, con efficienza E AL FOTOVOLTAICO Nel corso del 2021 un certo Green Energy, Chint è atti-
I MODULI 23 m/s), con carico mecca- massima fino al 21,5%. La interesse ha coinvolto anche vamente coinvolta nella re-
MULTI-BUSBAR nico massimo di 5400 Pa. dimensione delle celle varia la gamma di moduli bifac- alizzazione di prodotti che
HALF-CUT CELL L’innovativa tecnologia da 158.75 mm a 166 mm fi- ciali AstroTwins, in grado impiegano fonti rinnovabili
Tra i prodotti maggiormen- half-cut cell consente di no a 182 mm nelle versioni di catturare la luce solare da e si sta adoperando per una
te apprezzati dal mercato aumentare la potenza del più potenti. entrambi i lati, garantendo transizione verso la produ-
nazionale nel primo seme- modulo e ridurre lo stress Il modulo più richiesto così maggiore efficienza e zione di energia a basse e-
stre 2021 spiccano i moduli della cella, aumentando- dal mercato è AstroSe- livelli di produzione supe- missioni di carbonio.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 3 5
#TEXTILSHARING

Acqua
Tessili Grazie a una speciale
Il riutilizzo consente di tecnologia a cascata, l’acqua
risparmiare risorse primarie proveniente dal processo
e di ridurre la produzione di lavaggio e risciacquo
di rifiuti, e il lavaggio principale viene filtrata, trattata
industriale efficiente e riutilizzata: un sistema
consuma meno risorse a circuito chiuso riduce i
del lavaggio domestico consumi fino al 50% rispetto ai
processi convenzionali

Abiti da lavoro Lavanderia


Dal 1908 MEWA opera in L’azienda lava,
base all’ idea che sia più ricondiziona e gestisce
economico, più ecologico gli aspetti logistici degli
e più conveniente per un indumenti e dei tessuti
cliente non possedere i e utilizza tecnologie
panni e gli indumenti da e impianti di lavaggio
lavoro, ma noleggiarli, studiati internamente per
sempre puliti e pronti ridurre il più possibile
per l’uso l’impatto ambientale

Noleggiare fa bene
to che vengono poi fornite
all’industria dell’auto come
materiale isolante. «Se non
esistesse il sistema dei panni

ALL’AMBIENTE
MEWA e si utilizzassero so-
lo panni usa e getta, avrem-
mo un enorme quantitativo
in più di rifiuti».

TECNOLOGIE
ECOSOSTENIBILI
Tutte le tecnologie e gli im-
di Lara Morandotti CONDIVIDERE FA dere è più libero e agisce pianti di lavaggio MEWA
Velko Winters
BENE ANCHE AL B2B in modo più flessibile, può sono stati studiati interna-

È
amministratore
da lineare a circolare la delegato della sede Un cambio di valori sta ca- scegliere, rispettando na- mente per ridurre il più pos-
italiana di MEWA
transizione verso mo- ratterizzando la nostra epo- turalmente gusti e necessi- sibile l’impatto ambientale.
delli alternativi, nei qua- ca: la consapevolezza che, tà specifiche, tra un’ampia Per questo motivo l’azienda
li la condivisione si delinea per utilizzare qualcosa, non gamma di prodotti tessili adotta una speciale tecnolo-
come formula ecologica ba- occorra necessariamente forniti e gestiti da MEWA, gia a cascata in cui l’acqua
sata sul principio del riuti- possederla, ma sia più con- professionista del Textil- proveniente dal processo di
lizzo. veniente, per molti motivi, sharing. Questa formula lavaggio e risciacquo prin-
Un esempio su tutti è il no- noleggiarla o condividerla. gli consente di concentrarsi cipale viene filtrata, trattata
leggio degli abiti da lavoro, Dalle auto alle attrezzature tranquillamente sul proprio e riutilizzata. Questo siste-
detto Textilsharing. Si tratta da giardino, dagli apparta- core business». ma a circuito chiuso riduce
di una pratica che si inseri- menti alla musica, è in atto il consumo di acqua fino
sce nel concept di economia una tendenza in molti ambi- UN MODELLO A 360° al 50% rispetto ai processi
circolare legata all’ esigen- ti della vita privata e profes- Il modello circolare e il convenzionali. «Grazie a
za di conciliare lo sviluppo sionale. «Non è il possesso principio del riutilizzo ulteriori sviluppi, MEWA
economico e tecnologico di un bene che rende sod- MEWA svolgono un doppio ha migliorato la tecnologia
con il rispetto per l’ambien- disfatti, perché comporta ruolo ai fini della protezione del trattamento delle acque
te. una serie di oneri. Condi- dell’ambiente: reflue a tal punto che può
In risposta a questa esigen- videre rende più liberi, più - i l riutilizzo dei prodotti raggiungere un grado di de-
za MEWA, tramite le sue leggeri e offre maggiore tessili consente di rispar- purazione del 99,8%. In ter-
45 sedi in tutta Europa, flessibilità. In questo senso miare risorse primarie e mini di protezione delle ac-


fornisce alle aziende pan- re soluzioni alternative allo MEWA ha colto lo spirito di ridurre la produzione di que, MEWA va quindi ben
ni, abbigliamento da lavoro schema tipico dell’econo- del tempo: Textilsharing è rifiuti; oltre i requisiti di legge e gli
e protettivo, tappeti assor- mia lineare “estrarre, pro- un modo nuovo per defini- - il lavaggio industriale ef- standard industriali».
bi olio e zerbini, incluso il durre, utilizzare e gettare”. re un’attività che, di fatto, ficiente consuma meno I consumi energetici ven-
servizio di lavaggio, ripara- I CONSUMI ENERGETICI Tutto questo oggi è molto MEWA porta avanti dal risorse del lavaggio do- gono ottimizzati grazie a
zione, stoccaggio e logisti- chiaro, ma stupisce scopri- 1908. Perché, fin da allora, mestico. un’asciugatrice a più stadi e
VENGONO OTTIMIZZATI
ca. L’intera attività MEWA, re che un’idea pionieristica opera in base all’idea che sia «Questo modello di Textil- alla valorizzazione termica
di cui ci ha parlato Velko GRAZIE A UN’ASCIUGATRICE di economia circolare fosse più economico, più ecolo- sharing comporta anche la delle sostanze impure deri-
Winters, amministratore A PIÙ STADI già presente in nuce in Ger- gico e più conveniente per condivisione di competenze vate dal lavaggio dei panni
delegato della sede italiana, E ALLA VALORIZZAZIONE mania nel 1908. un cliente non possedere i con il cliente, che si rifletto- che contribuiscono a copri-
ruota intorno al concetto di TERMICA DELLE SOSTANZE «Un brillante e lungimi- panni e gli indumenti da la- no in un ulteriore vantaggio re fino all’80% dell’energia
circolarità e di riutilizzo e IMPURE DERIVATE rante imprenditore tede- voro, ma noleggiarli, sem- per l’ambiente. MEWA, in- necessaria per i processi di
l’azienda è considerata pio- sco, Hermann Gebauer, nel pre puliti e pronti per l’uso». fatti, gestisce per il cliente lavaggio e asciugatura.
DAL LAVAGGIO DEI PANNI
niera del Textilsharing. pieno del boom industriale MEWA si occupa di tutto: l’intero asset dei tessili a-
CHE CONTRIBUISCONO dell’epoca ebbe un’idea ge- li lava, li ricondiziona e ge- ziendali, garantendo il ri- UNO SGUARDO
L’ECONOMIA A COPRIRE FINO ALL’80% niale: sostituire ai panni in stisce gli aspetti logistici. spetto delle normative e la AL FUTURO
CIRCOLARE? DELL’ENERGIA NECESSARIA carta o stracci usa e getta Un circolo virtuoso di ge- tutela delle risorse». Condivisione, risparmio
È NATA NEL 1908 PER I PROCESSI DI per la pulizia industriale un stione dei servizi tessili, in La sostenibilità del modello delle risorse e sostenibili-
La crescente domanda di LAVAGGIO E ASCIUGATURA panno in tessuto di qualità, cui confluiscono i concetti, circolare inizia dal prodotto. tà sono quindi i trend che
materie prime che, natural- che può essere lavato molte perfettamente integrati fra Il panno MEWA è, infatti, consentiranno di guardare
mente, non sono disponibi- volte. Oggi MEWA si assu- loro, di Textilsharing e di riutilizzabile fino a 50 vol- al futuro con maggior otti-
li all’infinito, nonché l’im- me l’intera gestione, dalla Textil-Management, e che te ed è realizzato per il 50% mismo, seguendo il motto
patto della produzione sul fornitura al ritiro dei panni sottolinea il modo con cui con filati riciclati. Inoltre, “Sharing is caring”. E Il
consumo di energia, sulle sporchi, al lavaggio con tec- questo modello viene con- nella fase di produzione del Textilsharing gioca un ruo-
emissioni di CO2 e sul cli- nologie e prodotti ecologici, cretamente attuato. panno vengono riutilizzate lo rilevante in ambito indu-
ma ci costringono a cerca- alla riconsegna». «Chi utilizza senza posse- anche le lanugini di scar- striale.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 3 6
#EMISSIONI

Sulla decarbonizzazione
ITALIA DA PODIO Il carbon border #MECCANISMI

adjustment:
▼ di Lara Morandotti

il costo della CO2


I
l processo di riduzione del
rapporto carbonio-idro-
L’INTENSITÀ CARBONICA geno nelle fonti di ener-
(IL RAPPORTO gia è fondamentale al fine Il meccanismo di scelta di adeguarsi o di
TRA L’EMISSIONE DI GAS di abbattere le emissioni di adeguamento delle essere soggette a tasse
CO2 e tracciare la giusta di-
SERRA E IL PRODOTTO
rezione per contenere il sur-
emissioni importate, di importazione». L’idea di
INTERNO LORDO) IN ITALIA riscaldamento del Pianeta. chiamato in ambito europeo base è quindi far diventare
SI ATTESTA AL DI SOTTO Oltre a condurre diversi stu- carbon border adjustment conveniente produrre, già
DELLA MEDIA EUROPEA DEL di sul tema, Deloitte, azien-
15%. INOLTRE da di consulenza strategica,
mechanism è un’imposta computando un costo alla
LA PERCENTUALE da sempre accompagna le introdotta per proteggere CO2, ma si tratta di un
DI ENERGIA PRODOTTA imprese di tutto il mondo a l’industria europea in percorso ancora lungo; una
raggiungere gli obiettivi di
DA RINNOVABILI business, anche in ottica di
fase di decarbonizzazione proposta che deve essere
SUL TOTALE DELLA sostenibilità. Con Angelo da player esterni che declinata e recepita dai
GENERAZIONE ELETTRICA Era, partner Deloitte, abbia- non sono soggetti ai vari Stati.
È INTORNO AL 43% mo analizzato il punto della
rigidi obiettivi climatici «C’è un iter che durerà
CONTRO LA MEDIA situazione proprio sulla de-
EUROPEA PARI AL 38% carbonizzazione e il futuro dell’Unione europea. mesi e anni. Alcune misure
dell’energia, in uno scena- nica, quindi il rapporto tra diventare smart e riuscire La proposta di inserire saranno veloci, altre meno,
rio contraddistinto sempre l’emissione di gas serra e il a bilanciare la produzione
più dallo spostamento del prodotto interno lordo. In I- intermittente, consentendo
delle tasse per tutte le ma siamo convinti che le
mix energetico dai com- talia questo valore si attesta di consumare e produrre importazioni in Europa da leve applicate siano quelle
bustibili fossili alle energie al di sotto della media eu- energia da prelevare o im- parte di Paesi che non giuste e quindi siamo
rinnovabili. ropea del 15%. Inoltre, un mettere in rete, secondo
altro valore che sottolinea necessità». Nell’ottica della
applicano costi alla CO2, sul percorso corretto.
IN PRIMA FILA il nostro trend positivo è la decarbonizzazione, inoltre, ha l’obiettivo di evitare L’Italia non deve essere
Buone notizie per l’Italia percentuale di energia pro- occorre potenziare le colon- che le attività economiche affatto spaventata poiché
che, a differenza di ciò che dotta da rinnovabili sul to- nine ricarica che devono es-
si potrebbe comunemente tale della generazione elet- sere più veloci.
vengano trasferite dove siamo a buon punto, non
pensare, è tra le aree geo- trica: siamo intorno al 43% la CO2 prodotta non subiremo conseguenze
grafiche che sta più veloce- contro la media europea pa- INDUSTRIA “POWER” costa nulla. Ciò significa dall’eventuale carbon
mente e più concretamente ri al 38%. Quindi possiamo «La nostra industria nel set-
procedendo nella direzione affermare di essere in un tore “power”» prosegue E-
per le aziende estere la border adjustment».
della transizione ecologica. contesto avanzato in termi- ra «ha abbracciato in modo
«Siamo messi bene» dice ni di decarbonizzazione». convinto e con investimen-
Angelo Era «l’indicatore ti importanti la transizione
principale di questa tran- LE DUE LEVE verso il rinnovabile, molto
Angelo Era sizione è l’intensità carbo- STRATEGICHE più di altri Paesi. Se nell’au- debolezza dell’obiettivo del trificazione dell’auto è un
partner Deloitte «Abbiamo realizzato diver- tomotive siamo indietro, sul solo 40%, non in linea con fattore determinante e pur-
si studi sulla transizione e- “power” siamo decisamen- la visione al 2050 dell’ac- troppo, l’Italia sta facendo
nergetica» continua Angelo te messi bene, con le reti più cordo di Parigi. registrare pochi progressi».
Era «coinvolgendo i diversi avanzate del mondo, così E «proprio di recente, il In questo contesto, infatti,
settori (trasporto, building, come è aumentata la diffu- nuovo piano proposto dal- l'Italia ha ancora molto da
industria), poiché il discor- sione del contatore elettrico la commissione europea ha fare poiché, rispetto ad al-
so si amplia e articola in più per le utenze finali. Si tratta innalzato in modo impor- tri colossi europei, l’indu-
ambiti. Volendo fare una di un primato tecnologico tante gli obiettivi di decar- stria automotive italiana si
sintesi, si può parlare di due che dobbiamo mantenere». bonizzazione. Inizialmente è mossa timidamente e ora
leve: il risparmio energeti- Un ruolo chiave è stato e- si era stabilito di arrivare si trova in una posizione
co e l’elettrificazione». Per sercitato dagli incentivi - al 40% di riduzione delle decisamente arretrata. Ma
il primo asset, l’obiettivo è peraltro in evidente fase di emissioni al 2030, mentre senza dubbio, il trend che
aumentare la produzione riduzione - in funzione dei la proposta in questi giorni l’automotive ha stabilito è il
utilizzando meno energia, risultati ottenuti. «Negli ul- è un salto importante: spo- passaggio totale all’elettri-
quindi ridurre l’energia che timi 5 anni» prosegue Era stare questo obiettivo dal 40 co. Altro “tema caldo” è il
serve per la fabbricazione «la percentuale di energia al 55%». riscaldamento, specialmen-
dei prodotti e per tutte le elettrica da rinnovabili in- La domanda è: cosa fare per te del terziario. «In ambito
attività umane. La seconda centivata è passata dal 61 al andare incontro a questo ri- europeo ci sono interventi
leva si può, invece, concre- 53% perché, pian piano, le alzo di asticella? Si può a- importanti con obiettivi ben
tizzare con lo sviluppo delle tecnologie come l’eolico e il gire su più fronti. Il primo definiti e più recentemente
reti di distribuzione dell’e- fotovoltaico, grazie al loro è l’ambito dei trasporti con si sta parlando di una revi-
nergia elettrica che «devono progresso, iniziano a diven- la riduzione del 55% delle sione dei meccanismi per
tare competitive e non han- emissioni e i relativi sotto- andare a definire un prezzo

GRANDI IMPRESE
no più bisogno di incentivi». settori, quindi automobili, della CO2. Si pagheranno
trasporto merci leggero e ancora di più le emissioni e
OBIETTIVI PIÙ ALTI pesante, trasporto navale e si amplieranno i settori sot-
Da studi condotti da Deloit- aereo. «In questo segmen- toposti al pagamento delle
te nel 2017, era già emersa la to» conclude Era «l’elet- emissioni oggi esclusi».

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 3 7
#PRODUZIONI #LA CAMPAGNA

I DATI
ZUCCHERO 2021

a impatto zero
Avviata lo scorso luglio,
la campagna bieticolo
saccarifera ha ottenuto
risultati positivi se si
pensa che l’andamento
climatico è stato avverso
di Lara Morandotti sibile impostare la guida
dei trattori affinché non av-
alla coltivazione per le

C
he vita sarebbe sen- venga una sovrapposizione alte temperature e le
za un po’ di zucchero? dei trattamenti, ottenendo scarse precipitazioni.
Tutti d’accordo che sia, un risparmio sia in termini
nelle quantità stabilite, un a- ambientali che di costi dei
Questo risultato è stato
limento prezioso per il cor- prodotti. L’impegno dell’a- possibile grazie all’alto
po umano. Ma, dal punto di zienda verso un’agricoltura tasso di innovazione
vista della sua produzione, sempre più innovativa è te-
è sostenibile per l’ambien- stimoniato anche dalla cer-
lungo tutta la filiera.
te? In Italia la risposta affer- tificazione Sqnpi - Sistema Una sfida che inizia
mativa arriva da Italia Zuc- di qualità nazionale di pro- nei campi dove sono
cheri Coprob, l’unica filiera duzione integrata, che con-
dello zucchero italiano, ri- sente di “convertire” il con-
protagoniste la nuova
serva strategica di una delle venzionale in un’agricoltura genetica tollerante a
materie prime più impor- 100% sostenibile. Con un fitopatogeni e resistente
tanti per il funzionamento piccolo, ma significativo,
del nostro sistema agri-food valore in più: anche il pack
al cambiamento
e che garantisce alto tasso che contiene lo zucchero è climatico, l’agricoltura
di innovazione lungo tutta altrettanto sostenibile poi- di precisione, l’utilizzo
la filiera. In Italia la barba- ché è realizzato in carta to-
bietola da zucchero rappre-
La barbabietola da zucchero è una tra le eccellenze italiane
talmente riciclabile.
della robotica e della
da cui si ricava lo zucchero 100% italiano di Italia Zuccheri:
senta un’innovazione, una una coltura fondamentale per la sostenibilità agricola e per meccatronica;
l’economia del settore agri-food italiano
coltura fondamentale per la
Grazie ai sistemi di mappatura satellitare è possibile
LE TECNOLOGIE e che prosegue negli
sostenibilità agricola e per Per poter fare centro con
la relativa economia, dove
impostare la guida dei trattori affinché non avvenga una
sovrapposizione dei trattamenti, ottenendo un risparmio sia gli alti obiettivi posti, Italia
stabilimenti frutto di
entra in gioco la tecnologia
in termini ambientali che di costi dei prodotti
Zuccheri Coprob ha messo efficientamenti
più moderna e all’avanguar- in atto un processo di alta e adeguamenti
dia: si parla ormai di “bie- innovazione lungo tutta la
ticoltura 4.0”, un modello filiera; una sfida che inizia
tecnologici che da anni
tanto innovativo da essere nei campi con tecnologie Coprob porta avanti e
precursore e modello del robotiche e meccatroniche. che la proietta in un
settore. «Da sempre» ha afferma-
to Cenacchi «investiamo
futuro sempre più votato
100% MADE IN ITALY in queste tecnologie tanto alla sostenibilità.
Italia Zuccheri Coprob è da rappresentare di fatto Ad esempio, in occasione
in prima linea per la tutela un modello virtuoso rico-
di 7000 aziende agricole e nosciuto a livello europeo.
della campagna in corso
rappresenta l’unica realtà a- Con questi sistemi di ge- che ha interessato
gro-industriale del compar- stione agricola rivoluziona- 28.500 ettari di
to saccarifero nazionale. ri, abbiamo la possibilità di
Presente sul mercato con effettuare analisi costanti e
terreno coltivato, di
il marchio Italia Zuccheri, Massimiliano puntuali dei dati che con- cui 1.900 riservati alla
l’azienda può contare su cir- Cenacchi
direttore agricolo di Italia
sentono il monitoraggio e barbabietola biologica,
ca 30.000 ettari di terreno la massima efficienza nella
coltivato, dai quali ogni an-
Zuccheri Coprob
gestione del terreno e delle
l’azienda ha integrato
no nasce un’ampia gamma risorse impiegate». nel processo agricolo
di prodotti 100% Made in LA BIETICOLTURA vandola, è come se ogni an- agricolo di Italia Zucche- Importanti nell’agricoltura un robot alimentato ad
Italy. BIOLOGICA no avessimo 30.000 ettari di ri Coprob «di una coltura 4.0 sono anche i droni, le
Grazie al prezioso lavoro La barbabietola da zucche- bosco in più. Ma non solo: è “miglioratrice” in grado di sonde e i sensori “di cam-
energia solare in grado
degli agricoltori, uniti dal ro è una tra le eccellenze una coltura di importanza arricchire i campi dopo la po” che possono essere di seminare 2 ettari al
1962 in cooperativa per la italiane da cui si ricava lo strategica nell’ambito del- raccolta, aumentandone la sfruttati al meglio a suppor- giorno e di memorizzare,
coltivazione della barbabie- zucchero 100% italiano di la rotazione agricola grazie resa produttiva, e “da rin- to degli agricoltori.
tola e impegnati nella sal- Italia Zuccheri: una coltura alla sua capacità di con- novo” per le lavorazioni e le Inoltre, occorre gettare luce
a distanza di tempo, il
vaguardia e nel rispetto del fondamentale per la soste- correre al mantenimento fertilizzazioni di inizio ci- anche sul grande passo in a- punto preciso di semina
territorio agricolo, la pro- nibilità agricola e per l’eco- dell’equilibrio dei nutrienti clo rotazionale. Se introdot- vanti compiuto dalla geneti- per ritornarci dopo
duzione di Italia Zuccheri nomia del settore agri-food e dello stato fitosanitario e ta nel processo di rotazione, ca con le novità varietali tol-
Coprob copre oggi il 15% italiano. La sua coltivazione microbiologico del suolo, riduce sensibilmente l’im- leranti al fungo cercospora
mesi per la sarchiatura.
del fabbisogno nazionale; ha il valore aggiunto di es- contribuendo in generale patto ambientale dell’attivi- che porta alla degradazio- Un’innovazione di
che, numeri alla mano, am- sere una delle più virtuose alla fertilità del terreno. «Si tà agricola». ne dell’apparato fogliare precision farming che
monta a 1,7 milioni di ton- in termini di emissioni di tratta» ha spiegato Massi- Inoltre, grazie ai sistemi di che incide negativamente
nellate. gas serra: in pratica, colti- miliano Cenacchi, direttore mappatura satellitare è pos- sulla produzione in termi-
permette di pulire le
ni quantitativi e qualitativi. infestanti attorno al
«Queste varietà» conclude seme senza danneggiarlo,

AGRICOLTURA
Cenacchi «sono un grande
aiuto perchè la sostenibilità
migliorando l’efficienza
economica per l’agricoltore della coltivazione. (L.M.)
sta alla base di quella am-
bientale e sociale»

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 3 8
#MOBILITÀ

Per spingere l’elettrico


SERVONO INFRASTRUTTURE
Gaetano Belluccio
Managing Director
e-mobility di Fimer

#FINANZIAMENTI

Quali
incentivi
dallo Stato
«In Italia - spiega

di Manuela Lozza
▼ Quali sono i passi più re-
Gaetano Belluccio,
Managing Director
e-Mobility di

F
imer, azienda di ser- centi della tecnologia lega- FIMER - gli incentivi
vizi energetici, inizia LA SENSIBILITÀ AL TEMA ta alla ricarica delle auto statali contenuti
a lavorare nel campo È DI SICURO AUMENTATA elettriche? nell’ecobonus 110%
dell’e-mobility a partire dal NEGLI ULTIMI ANNI Il mercato è così veloce ed stanno fortemente
2017 come fornitore, ma esigente che non c’è il tem- direzionando il
E A ESPRIMERLA
già due anni dopo si impo- po di rilasciare una nuova mercato, dando la
ne con una propria gamma SONO SIA LE AZIENDE funzionalità, che subito possibilità di acquistare
di prodotti. Ma come van- SIA I CONSUMATORI. questa viene superata da un’infrastruttura di
no le cose nel nostro Paese? MA MENTRE L’EUROPA altre. Le principali feature ricarica e addirittura
Siamo davvero pronti per CORRE, L’ITALIA INSEGUE. che oggi vedono indispen- quella di creare un vero
questa trasformazione del- I MOTIVI LI SPIEGA sabili l’installazione e la e proprio pacchetto
la mobilità individuale? Lo gestione delle infrastrutture green: FIMER riceve
GAETANO BELLUCCIO,
abbiamo chiesto a Gaetano di ricarica sono mirate tut- sempre più richieste di
Belluccio, Managing Di- MANAGING DIRECTOR te all’integrazione in am- installazioni in ambito
rector e-mobility di Fimer. E-MOBILITY DI FIMER. bito domestico del sistema residenziale di sistemi
«La pandemia e la crisi am- COME RECUPERARE oppure all’integrazione e del tutto integrati, che
bientale- spiega Belluccio TERRENO? all’efficientamento dell’e- prevedono un inverter
- hanno contributo ad ac- nergia prodotta e accumu- fotovoltaico, batterie di
crescere la sensibilità verso lata nella propria abitazione accumulo oltre che la
salute e sostenibilità. Ciò si mediante sistemi integrati WallBox di ricarica».
è tradotto in un percorso di con inverter fotovoltaici. Molti altri Paesi
transizione ecologica intra- hanno scelto di
preso dai singoli, dai gover- Come saranno le auto e- supportare il passaggio
ni e dalle imprese, nel quale lettriche del 2030 a una mobilità green
la produzione di energia da Avranno maggiori presta- tramite incentivi
fonti rinnovabili pulite e a zioni in termini di capacità sull’acquisto di veicoli
impatto zero ha assunto un di percorrenza. Saranno più o sull’istallazione
ruolo centrale». sto spesso dipende da una pillarità infrastrutturale e le soluzioni connesse alle accessibili in termini eco- di colonnine di
mentalità che interpreta o- quindi soluzioni residenzia- piattaforme remote di ge- nomici, visto che la com- ricarica. Germania,
Una maggiore sensibilità gni cambiamento come un li, commerciali, aziendali stione e contabilizzazione. petitività e l’esperienza ini- Francia, Spagna,
al problema, quindi. ostacolo, ma anche al ritar- che rendano più semplice ziano a essere consolidate Inghilterra, ma anche
Sì, è aumentata l’attenzio- do nell’erogare incentivi per caricare il veicolo, in par- In questo quadro, che co- e affermate. Prevederanno, Australia, Usa, Cile.
ne nei confronti della mo- l’acquisto di veicoli green. ticolar modo nelle princi- sa è davvero importante inoltre, una tecnologia sem- E la vicina Svizzera
bilità generata da fonti non E poi pesa pure la scarsa ca- pali aree di permanenza: per una stazione di rica- pre più mirata a semplifica- sogna un futuro,
a combustione, ma total- pillarità delle infrastrutture casa e lavoro. Le soluzioni rica? re la comunicazione e l’u- non troppo lontano,
mente green (full electric) di ricarica. Riguardo agli che FIMER ha sviluppato Le soluzioni devono essere tilizzo da parte degli uten- completamente green:
o ibride (plug-in). Una ten- obiettivi dell’Agenda 2030, sono indirizzate a coprire mirate a rendere semplice ti. Allo stesso tempo, sarà la Confederazione ha
denza che in Italia, soprat- siamo ancora molto indietro ogni segmento di mercato ed economico il “riforni- fondamentale per le stazio- infatti iniziato a erogare
tutto in questi mesi, è stata in confronto ad altri Paesi con funzionalità mirate a mento”, nonché a dare le ni di ricarica aumentare la incentivi a favore della
guidata anche dagli impor- europei ed extra-europei, soddisfare le esigenze delle informazioni relative allo propria capacità in termini mobilità sostenibile
tanti incentivi statali (ad e- ma credo che la grave e- aziende (ad esempio le solu- stato di ricarica, ad esempio di semplicità d’utilizzo, in- per i privati cittadini
sempio l’ecobonus 110%), mergenza pandemica abbia zioni Load Management e mediante una connessione tegrazione nel contesto a- già nel 2019 e a oggi
che prevedono un supporto suscitato in tutti la voglia di Master/Slave), del residen- locale via App. Altro fattore ziendale, commerciale e re- sostiene tanto l’acquisto
consistente per l’acquisto aiutare il pianeta prima che ziale (Standalone, Inverter decisivo sono gli spazi e la sidenziale oltre che solidità dei veicoli, quanto
di veicoli elettrici. Questo sia tardi. Net, Load Management), semplicità di installazione, nella continuità di servizio. l’istallazione a cosa o in
sostegno ha generato un in- dei centri commerciali e dei un elemento importante, ad Infine, diventerà indispen- azienda delle postazioni
cremento straordinario del- Quali sono le principali parcheggi, con una gestione esempio per le WallBox, e sabile avere una propria in- di ricarica. (M.L.)
le vendite. In confronto con richieste che arrivano dal multi punto simile a quelle capace di fare la differenza frastruttura di ricarica, spe-
altri Paesi, siamo però an- mercato? delle stazioni carburante, in termini di costi e opere cialmente una WallBox, a
cora in netto ritardo. Que- Si chiede soprattutto ca- e infine del pubblico, con civili di installazione». casa propria.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 3 9
#SERVIZI

Lungo un cammino
ARTICOLATO ti sulle tecniche Lca (Life na contestualizzazione e un
Cycle Assessment) o su pro- approccio multidisciplinare
cedure condivise e approva- allo studio».
te da gruppi di soggetti in-
teressati. Metodologie che NO AL
consentono di ottenere va- GREEN WASHING
lutazioni oggettive, ricono- Da qui, la scelta di TÜV Ita-
sciute e confrontabili tra ca- lia di investire in una squa-
tegorie di prodotti e proces- dra di esperti, in grado di u-
si, e una valutazione quanti- nire le varie discipline della
tativa dell’impronta ecolo- sostenibilità e dare risposte
gica di attività e servizi che alle crescenti richieste dei
permette di raccogliere le clienti. Il processo di ade-
informazioni necessarie per guamento alle normative
redigere, per esempio, una per l’ottenimento delle cer-
“Dichiarazione ambientale tificazioni non è un percor-
di prodotto” (Edp) e ottene- so lineare, naturalmente, e

▼ di Costanza Peretti l’ambiente dai pericoli lega- re la certificazione relativa. spesso le aziende si trovano
ti al progresso tecnologico. Oppure, di sviluppare un di fronte a una serie di criti-

L
a storia parte da lontano TÜV Italia è un ente indi- progetto di gestione delle cità da superare.
quando - nel 1866 - al- pendente di certificazione, emissioni basato sulla car- «Oggi la disponibilità di
UN ENTE DI CERTIFICAZIONE cuni imprenditori e tec- ispezione, testing, collaudi bon footprint restituita dai competenze - continua
CON UN OBIETTIVO CHIARO nici bavaresi, preoccupati e formazione. La società modelli di calcolo. «Tutta- Scarlata - è il primo proble-
per le frequenti esplosioni offre servizi negli ambiti via - sottolinea Francesco ma: assistiamo a un’esplo-
CONSENTIRE IL PROGRESSO che coinvolgevano i gene- della qualità, dell’energia, Scarlata – una valutazione sione di richieste di specia-
TUTELANDO LE PERSONE ratori e i serbatoi a pressio- dell’ambiente, della sicurez- quantitativa non è sufficien- listi e il mercato del lavoro
L’AMBIENTE E LE RISORSE ne, crearono una specifica za e del prodotto, oltre a una te: vanno infatti inseriti an- è ricco di professionisti che
DAI RISCHI CONNESSI associazione di ispezione. gamma completa di servi- che criteri qualitativi perché affrontano questi temi in
ALLA TECNOLOGIA. Il modello ebbe successo e zi a 360° durante l’intero l’analisi sia completa. An- un’ottica verticale, ciascuno
OGGI TÜV ITALIA ASSOLVE divenne il punto di partenza ciclo di vita aziendale, in che una sonata di Mozart al è esperto cioè in un ambito
per la nascita di altre asso- qualunque settore operino: pianoforte può essere perce- specifico e questo non ba-
IL COMPITO DI SUPPORTARE ciazioni tecniche di control- energia, industria chimica, pita in modo molto diverso, sta a supportare chi gestisce
LE AZIENDE NEL PERCORSO lo in tutta la Germania. Da comparto dei combustibili a seconda di chi l’ascolta: un’azienda nella definizione
DI TRANSIZIONE VERSO allora TÜV - di cui fa parte fossili, sanità, infrastruttu- sarà apprezzata dai più, ma di strategie di sostenibilità
Francesco Scarlata
LA SOSTENIBILITÀ TÜV Italia - ha continuato re e reti ferroviarie, energie Managing director della Divisione a chi è afflitto da un forte coerenti con le aspettative
a seguire l’evoluzione di un rinnovabili, per citarne sol- Business Assurance di TÜV Italia mal di testa potrà risultare di tutte le parti in gioco e
mondo che è andato sem- tanto alcuni. addirittura fastidiosa. Vo- con le caratteristiche dei
pre avanti, con lo svilup- glio dire che le variegate propri processi e prodotti.
po dell’energia nucleare, il COME SI VALUTA ne Business Assurance di sensibilità verso l’ecosiste- Invece, per definire un per-
boom delle industrie auto- L’IMPATTO TÜV Italia. Infatti - spiega - ma possono fare la differen- corso sostenibile vanno svi-
mobilistica e petrolchimi- AMBIENTALE? l’impatto ambientale è mol- za, queste sono addirittura luppate robuste valutazioni
ca, l’avvento del digitale e Non è così semplice stabi- to difficile da quantificare, mutevoli a seconda delle di materialità per evitare di
i primi esperimenti con le lire quali siano i settori di sono necessarie competen- condizioni in cui l’ambien- esporre l’azienda al rischio
energie rinnovabili. Un per- attività a più alto rischio e- ze multidisciplinari. Sul te o le persone che vi abita- di green washing da un lato
corso lungo e articolato con cologico. Ad affermarlo è piano strettamente tecnico, no si trovano. Ecco, quindi, e, dall’altro, di attacchi me-
al centro sla stessa misssio- Francesco Scarlata, mana- esistono strumenti di anali- che parlare di settori più o diatici che ne minerebbero
ne: preservare le persone e ging director della divisio- si evoluti come quelli basa- meno impattanti richiede u- la reputazione».

#RINNOVABILI

Solare ed eolico ad alta efficienza


Nel campo delle coprono ogni fase del smaltimento. Lo scopo è organizza anche corsi auditor o lead auditor che lavorano nella manager, tecnici delle
rinnovabili, la società processo: dall’analisi garantire adeguati livelli specifici, iniziando da di sistemi di gestione progettazione del ESCo, e comunque
TÜV ha messo a costi/benefici alla di sicurezza, qualità e quelli per gli esperti in dell’energia. risparmio energetico per quanti desiderano
disposizione delle progettazione degli prestazioni. gestione dell’energia, Questi percorsi come responsabili acquisire nozioni sul
aziende che si sono impianti, dalle ispezioni Per i tecnici diagnosi e audit formativi offrono tecnici della gestione contesto normativo
incamminate su questa periodiche per la che lavorano energetico fino a diversi livelli di energetica, responsabili di riferimento per il
strada una gamma manutenzione durante nell’efficientamento quelli per coloro che approfondimento sistema qualità e settore energetico.
completa di servizi che l’attività fino allo energetico, TÜV Italia desiderano diventare per i professionisti ambiente, energy (C.P.)

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 4 0
L’identikit
Baxi Spa ha una lunga tradizione e negli anni ha affinato
il know-how nel settore del riscaldamento e della
climatizzazione. Azienda innovativa, green oriented e
pioniera nel concetto di sistema ibrido, Baxi offre una
gamma completa di prodotti energeticamente efficienti per
garantire massimo comfort e risparmio che si è evoluta
negli anni passando dall’offerta di singolo prodotto a
sistema integrato con fonti rinnovabili. Il suo portfolio,
oltre a offrire proposte dedicate al residenziale, comprende
sistemi ibridi commerciali con ampia flessibilità di scelta
della configurazione impiantistica, caldaie e pompe di
calore di alta potenza con elevata modularità e possibilità di
gestione dei generatori in cascata. (M.L.)

#SOLUZIONI

Una tecnologia
#ARIA INDOOR

Quale ruolo
IN PRIMA LINEA nella prevenzione
Le pompe di calore futuro - prosegue Dal
di Manuela Lozza
▼ Alberto
Dal Cason
possono avere effetti
anche sul controllo della
Cason - mi aspetto una
migliore integrazione dei

P
ompe di calore e transi- Product Marketing
zione ecologica: come
Manager qualità dell’aria e in sistemi per il trattamento
Commercial di Baxi
influirà questa tecnolo- IL PNIEC ITALIANO PREVEDE materia di prevenzione e il rinnovo dell’aria in
gia nella corsa per raggiun- UNA RIDUZIONE sanitaria? «Il tema della ambienti interni con
gere gli obiettivi 2030? Lo DEI CONSUMI AL 2030
abbiamo chiesto ad Alberto
qualità dell’aria - spiega dispositivi di elevata
PARI AL 43% DELL’ENERGIA Alberto Dal Cason, filtrazione. La nuova
Dal Cason, Product Marke-
PRIMARIA E AL 39,7% 
ting Manager Commercial
DI QUELLA FINALE.
Product Marketing normativa in materia,
di Baxi, un’azienda con 90
anni di storia. E QUESTO È POSSIBILE Manager Commercial di inoltre, fa un primo passo
«Le pompe di calore - spie- SOLO CON UN MASSIVO Baxi - è esploso con la sulla sensibilizzazione
ga Alberto Dal Cason - a- INTERVENTO pandemia, ma in realtà era dell’efficienza dei filtri
vranno un ruolo di primo
piano nel soddisfacimen-
DI RIQUALIFICAZIONE importante già prima, ad d’aria, in modo da guidare
to degli obiettivi fissati ENERGETICA DEGLI EDIFICI esempio dove superiamo l’utente verso una scelta
dall’Europa. Il PNIEC ita- ESISTENTI. LE POMPE abbondantemente i consapevole, in base alle
liano prevede una riduzione DI CALORE POSSONO
dei consumi al 2030 pari al ESSERE UNO STRUMENTO
limiti di qualità dell’aria polveri sottili che vengono
43% dell’energia primaria e EFFICACE, COME SPIEGANO previsti dall’Europa. In limitate». (M.L.)
al 39,7% dell’energia fina-
IN BAXI SPA
le e questo è possibile solo
con un massivo intervento
di riqualificazione energe-
tica degli edifici esistenti.
Riqualificazione che passa si supera la concentrazione tà di cessione del credito dalle caldaie in sostituzio- to pre e post-intervento. L’i- Quali sono i prodotti più
attraverso interventi sull’in- ammessa di polveri sottili». in fattura sia la strada più ne di vecchi generatori non solamento termico dell’in- linea con il 2030?
volucro edilizio, per la ridu- semplice e conveniente per a condensazione, la vera volucro riduce chiaramente Molti. Ad esempio il si-
zione del fabbisogno ener- Quali sono, oggi, gli efficientare l’edificio a prez- transizione energetica verrà il fabbisogno dell’edificio, stema Hybrid AURIGA
getico, e di interventi di rin- incentivi per acquistare zo sostenibile. L’incentivo fatta con il rapporto tra rin- ma questo non va di pari che unisce i vantaggi della
novo dell’impianto termico, climatizzatori più idonei? al 110% ha rivoluzionato il novo dell’involucro edilizio passo con la riduzione della compattezza di un sistema
per migliorare la conver- E quale impatto sta mercato, spingendo con de- e rinnovo dell’impianto ter- temperatura dell’acqua de- interno, con dimensioni ri-
sione di energia a servizio avendo il Superbonus cisione le soluzioni ibride, mico. Nel caso di ristruttu- stinata ai terminali ad alta conducibili a una caldaia,
dell’impianto. La pompa di 110%? soprattutto in applicazioni razione, il fabbisogno di e- temperatura. Il progettista all’efficienza della regola-
calore, in questo momen- Il Superbonus, laddove ap- residenziali autonome. nergia per il riscaldamento deve necessariamente cal- zione modulante della pom-
to, è la migliore tecnolo- plicabile, è il contributo è destinato sempre più a di- colare le nuove temperature pa di calore e della caldaia
gia: consente una riduzione con la maggior appetibilità. Il che modo la tecnologia minuire. In questo scenario di mandata per soddisfa- nel soddisfacimento delle
dell’energia primaria oltre Comunque, per bilanciare delle pompe di calore può le pompe di calore possono re il carico richiesto e solo richieste di impianto. Il si-
ad annullare le emissioni la relazione tra costi, bene- essere acceleratore della svolgere un ruolo impor- successivamente deve pre- stema ibrido CSI invece è
locali di inquinanti. Questo fici e tempi di realizzazio- transizione ecologica? tante, perché consentono vedere il giusto generatore. dedicato a riqualificazioni
è un aspetto fondamenta- ne, credo che lo strumento Dando per assodato l’im- efficienze molto elevate, so- In questa configurazione, importanti, nelle quali si
le, soprattutto dove spesso del 65% con la possibili- portante contributo offerto prattutto se i terminali sono Baxi propone un’ampia vuole avere una soluzio-
a bassa temperatura. Qua- offerta di soluzioni ibride, ne integrata che combina i
lora vi sia la richiesta di una che combinano in modo ef- principali componenti del

GRANDI IMPRESE
potenza superiore oppure in ficiente caldaie e pompe di sistema di generazione:
presenza di terminali ad al- calore, proponendo diverse pompa di calore, caldaia,
ta temperatura, è necessario soluzioni in base al conte- bollitore sanitario e distri-
fare un’analisi dettagliata sto installativo richiesto dal buzione primaria con accu-
del sistema edificio impian- progettista. mulo inerziale integrato.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 4 1
#SOLUZIONI

LA MANUTENZIONE
fa la differenza
di dati di produzione e per- #PROSPETTIVE
formance degli impianti e
di trouble ticketing (ovvero,
gestione e il tracciamento
degli interventi di manuten-
Guardando al futuro
zione straordinaria). Tutte le
operazioni vengono, in so-
stanza, gestite da un unico
vincendo le diffidenze
centro di elaborazione dati,
il dipartimento R&D-Per-
L’Italia, con oltre un terzo allo sviluppo anche di
formance Analysis, e que- della produzione di energia grandi impianti su terreno.
sto consente di avere uno elettrica proveniente I clienti istituzionali e
storico completo di dati e
performance di ogni opera-
da fonte rinnovabile, è industriali, nostro target
zione di assistenza. uno dei Paesi europei a di riferimento, continuano
«Lo sviluppo di questi si- maggiore diffusione, anche infatti a investire in fonti
stemi - spiega Massimo
La Gioia, amministratore
se la strada per arrivare rinnovabili, anche se
al cento per cento dei bisognerebbe sensibilizzare

di Costanza Peretti cessariamente a evolversi, delegato del Gruppo - ci
digitalizzarsi e diventare e- permette di offrire un ser- consumi è ancora lunga. maggiormente chi ancora

D
opo essersi lasciata al- sperte non solo nell’indivi- vizio sempre più completo
le spalle una prima fa- duazione e riparazione dei e trasparente ed evidenzia-
Mentre nei primi anni di non si fida di questa
se di sperimentazione e guasti, ma soprattutto nella re i principali parametri sviluppo questa nicchia di tecnologia. Molte aziende,
NEL CAMPO
DEL FOTOVOLTAICO
tentativi non sempre andati prevenzione dei possibili dell’impianto e i singoli in- mercato era supportata infatti, ancora non hanno
a buon fine, con un’alter- malfunzionamenti con at- terventi svolti. Inoltre, gra-
E DELLA PRODUZIONE nanza di rapide espansioni tività di diagnostica ad alto zie ai dati raccolti, i nostri
da sostanziosi incentivi, installato un impianto
DI BIOGAS QUESTO TIPO e improvvisi fallimenti, il livello, anche da remoto. tecnici sono in grado di ef- oggi gli impianti di energia sulla loro copertura e
DI ATTIVITÀ STA FACENDO comparto dell’energia fo- LT Rinnovabili è un’azien- fettuare analisi predittive e pulita si costruiscono questo lascia spazio a
PASSI DA GIGANTE, GRAZIE tovoltaica sta attraversando da che dal 2001 offre ser- anticipare, così, probabili
una fase di radicale trasfor- vizi di assistenza e gestio- guasti e sviluppare proposte
soprattutto in grid parity. un ulteriore sviluppo del
SOPRATTUTTO «Per quanto riguarda gli business in futuro. Nel
mazione e forte crescita. ne tecnica, amministrativa di miglioramento delle pre-
ALLO SVILUPPO Oggi questa tipologia di e burocratica agli impianti stazioni che sono il risultato impianti fotovoltaici – comparto di produzione
DELLE TECNOLOGIE DIGITALI impianti viene costituita fotovoltaici. La sua mis- di un’accurata analisi tecni-
E ALL’OFFERTA in grid parity: nel punto di sione è alzare lo standard ca, economica e burocrati-
afferma Massimo La Gioia, di biogas, con la fine
DI SERVIZI INNOVATIVI pareggio cioè fra il costo qualitativo e di rendimen- ca. Lo scopo - prosegue La amministratore delegato degli incentivi, l’interesse
CHE GARANTISCONO di produzione dell’energia to degli impianti attraverso Gioia - è presentare al clien- del Gruppo LT Holding - si sta spostando sulla
da fonte rinnovabile e il co- una costante innovazione te un prodotto che, di volta
UN CONTROLLO IN TEMPO
sto di acquisto dell’energia tecnologica e di servizio. in volta, sia sempre confor-
la convenienza rimane conversione degli impianti
REALE DELLE PRESTAZIONI prodotta da fonti conven- L’obiettivo è diventare un me ai requisiti del conto e- principalmente su quelli in per la produzione di
DEGLI IMPIANTI. zionali, prevalentemente punto di riferimento nel nergia di riferimento e dei autoconsumo che riescono biometano. Nei prossimi
LO TESTIMONIA fossili e grazie al notevole settore delle energie pu- vari iter autorizzativi».
a garantire un miglior anni, oltre alla gestione
MASSIMO LA GIOIA ribasso avvenuto nei costi lite. Con questo spirito, Recentemente, l’azienda ha
AD DI LT RINNOVABILI di fornitura delle principa- nel 2015 la società acqui- anche introdotto i visori a ritorno dell’investimento e manutenzione, che
li componenti di impianto. sisce Enerray e Symbio- realtà aumentata che vengo- soprattutto per le aziende rappresenta la principale
Se, da un lato i prezzi di pe- sis, impegnate, rispettiva- no dati in dotazione ai tec-
trolio, gas e carbone con- mente, nel comparto del nici di campo.
energivore. Stiamo attività del Gruppo,
tinuano ad aumentare, il fotovoltaico e del biogas. Si tratta di strumenti molto comunque assistendo a ci potranno essere
fotovoltaico è divenuto più Nasce così il Gruppo LT utili per tutte le verifiche re- una ripresa del mercato numerose opportunità di
conveniente grazie alla sua Holding che attualmente lative agli obblighi in mate-
diffusione e all’innovazio- gestisce un portafoglio di ria di sicurezza, ambiente e
in generale con interesse riconversione».(C.P.)
ne che contraddistingue il impianti da oltre 500 MVp salute dei lavoratori.
comparto. di potenza installata. Sono utilizzati per gli in-
terventi più delicati, come
NON SOLO GUASTI LARGO AL NUOVO le riparazioni in media ten-
A guardare con ottimismo In questi anni la società ha sione o per l’assistenza in
al futuro e raccogliere la investito molto nello svilup- tempo reale e per effettuare
sfida sono anche le società po di servizi innovativi e, in “visite virtuali” ai clienti. I
specializzate in O&M (O- particolare, nella creazione dispositivi a realtà aumen-
peration&Mainteinance) di piattaforme proprietarie tata permettono una comu-
che operano nel campo di monitoraggio web-based nicazione visiva tra le varie
delle rinnovabili, spinte ne- per l’analisi e il consumo parti coinvolte.

GRANDI IMPRESE n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 4 2
#MODELLI

La filiera corta
Le “family farm”, piccole spesso svantaggiato dalle distanza fra produttori e della filiera; piccoli produttori e grande andando ad associare ai flussi
realtà a conduzione familiare, dimensioni ridotte e lo scarso consumatori lungo la filiera: - la determinazione distribuzione. di prodotti ai vari stati della
rappresentano il 90% potere contrattuale. - la formazione dei congiunta di un prezzo Le filiere corte sostenibili filiera un set di informazioni
del totale delle aziende di L’osservatorio (vedi sotto) produttori; equo, attraverso accordi si basano sulla prossimità di valore per costruire una
produzione agricola, un anello ha identificato tre iniziative - la condivisione dei benefici e specifici, che ridurrebbe territoriale, ma anche sulla supply chain trasparente.
fondamentale della filiera, in grado di accorciare la dei rischi a monte e a valle il divario esistente fra prossimità informativa, (L.M.)

#STARTUP

Le AGRIFOOD SOSTENIBILI?
Crescono come funghi
▼ IL BOOM
DELLE STARTUP
Nel 2020 si è verificato un
Raffaella Cagliano, respon-
sabile scientifico dell’Os-
servatorio food sustaina-
#CHI SONO

SI TRATTA
boom davvero consistente
di startup agrifood soste-
bility sottolinea che «Il
traguardo di una transizio- Gli
DI UN GRANDE FERMENTO
INNOVATIVO DEL SETTORE
nibili: ne sono nate 1.808 a
livello internazionale fra il
ne sostenibile e inclusiva
“from farm to fork” si po- osservatori
digital
2016 e il 2020, il 25% del to- trà raggiungere solo lavo-
AGROALIMENTARE tale delle startup dell’agro- rando sulla circolarità del-
CON NUOVE IMPRESE alimentare che sono 7.120. le risorse, sull’integrazione
CHE PROPONGONO
SOLUZIONI DI ECONOMIA
Un quarto di esse persegue
obiettivi di sostenibilità, so-
delle diverse innovazioni
disponibili, sullo sviluppo innovation
CIRCOLARE E PERSEGUONO prattutto produzione e con- e aggiornamento delle com-
sumo responsabili, lotta alla petenze degli operatori del Gli osservatori digital
UNO O PIÙ DEGLI
fame e crescita economica settore e sulla costruzione innovation della
OBIETTIVI DI SVILUPPO sostenibile e inclusiva. di relazioni più solide e di- School of Management
SOSTENIBILE (SDG) FISSATI Si tratta di un grande fer- rette fra i diversi attori della del Politecnico di
DALL’AGENDA 2030 mento innovativo del setto- filiera agroalimentare». Milano sono nati nel
DELL’ONU. re agroalimentare, con nuo- 1999 con l’obiettivo
L’ITALIA È AL 12° POSTO ve imprese che propongono IL PACKAGING di fare cultura in tutti
soluzioni di economia cir- “PARLANTE” i principali ambiti di
NELLA CLASSIFICA
colare e perseguono uno o Ha un ruolo sempre più im- innovazione digitale,
MONDIALE più degli obiettivi di svilup- Marco Melacini portante nella prevenzione un fattore essenziale
PER CONCENTRAZIONE po sostenibile (Sdg) fissati responsabile scientifico
dell’Osservatorio food sustainability e riduzione delle eccedenze per lo sviluppo del
dall’agenda 2030 dell’Onu. alimentari e la sua progetta- Paese. Le attività sono
I paesi con la più alta con- zione incide in tutte le fasi svolte da un team di
di Lara Morandotti centrazione di startup agri- me, raggiungere la sicurez- prevenzione attraverso la del ciclo di vita del prodotto oltre 100 tra professori,
food sostenibili sono Nor- za alimentare e promuovere programmazione flessibile alimentare. Stiamo parlan- ricercatori e analisti

L
a pandemia ha avuto un vegia, Israele e Uganda, un’agricoltura sostenibile, della capacità produttiva, do del packaging, che di- impegnati su più di 40
forte impatto sul sistema mentre l’Italia è al dodice- garantire modelli sosteni- a seguire il miglioramen- venta “sostenibile” quando differenti osservatori
agroalimentare mondia- simo posto con 22 aziende bili di produzione e di con- to della previsione della promuove comportamenti che affrontano i temi
le. e 23 milioni di dollari rac- sumo e incentivare una cre- domanda, l’adozione di virtuosi da parte del con- chiave dell’innovazione
Come è possibile rimettere colti. Le agrifood, a livello scita economica duratura, soluzioni di packaging in- sumatore grazie a diverse digitale nelle imprese.
in sesto la situazione? Sul globale, hanno raccolto 5,6 inclusiva e sostenibile e un novativo e tecnologie per caratteristiche, tra cui la (L.M.)
tema molto è emerso dagli miliardi di dollari di finan- lavoro dignitoso per tutti». migliorare la conservabilità sua facilità di uso, la risigil-
studi condotti dall’osserva- ziamenti, pari a un investi- dei prodotti. labilità, il porzionamento,
torio Food Sustainability, mento medio di 7,7 milioni RIDURRE «Nel comparto della tra- la standardizzazione o l’ef-
promosso dalla School of (2,5 milioni in più rispetto GLI SPRECHI sformazione» spiega Mar- ficienza di manipolazione.
Management del Politec- al 2019). Le imprese stanno adottan- co Melacini, responsabile Un altro tratto distintivo
nico di Milano nel 2017 e «L’emergenza» ha spiegato do iniziative per recuperare scientifico dell’Osservato- che sta acquisendo impor-
giunto quest’anno alla terza Paola Garrone, responsabi- e valorizzare le eccedenze rio food sustainability «c’è tanza è il suo saper essere
edizione. le scientifico dell’osserva- generate con una logica di un’attenzione crescente alla “parlante”, cioè sfruttare
Si tratta di un gruppo di ri- torio Food Sustainability economia circolare, defi- prevenzione degli sprechi tecnologie innovative per
cerca impegnato sui temi «non ha arrestato il fermen- nendo priorità strategiche alimentari, ma la misura- condividere in tempo reale
della riduzione dello spre- to innovativo del settore, e criteri di gestione. Su 109 zione delle eccedenze non informazioni che consen-
co alimentare e dell’inno- con una crescita di startup centri di trasformazione di è ancora sistematica nel- tano di ottimizzare la con-
vazione per la sostenibilità agrifood che propongono imprese con fatturato supe- le diverse fasi del ciclo del servazione e preservare la
che ha mappato le pratiche nuove soluzioni orientate riore a 50 milioni di euro, prodotto e resta un ambito qualità del cibo, ma anche
e i modelli di business inno- agli obiettivi di sviluppo so- l’attenzione del comparto su cui lavorare e investire migliorare la tracciabilità e
vativi del sistema agroali- stenibile. Si tratta, in parti- della trasformazione ali- per introdurre processi più utilizzare materiali ad alte
mentare. colare, di porre fine alla fa- mentare si concentra sulla strutturati ed efficaci». prestazioni.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 4 3
#SOSTENIBILITÀ D’IMPRESA

È TEMPO
alla crescita, ma nemmeno parte ancora sperimentali.
solo un elemento aggiun- Quelli che si sono afferma-
tivo, che aumenta l’appeal ti su larga scala sono po-
dell’impresa, quasi fosse la chissimi. Mi rendo conto

di scegliere
ciliegina sulla torta. In al- che questi discorsi possano
tre parole, il punto non è ri- apparire vaghi e astratti. È
durre le esternalità negati- naturale, quando si parla di
ve, ma generare un impatto qualcosa che non c’è, di cui
positivo. si intravvedono solo deboli
È il core business che deve segnali. Ma sono convinto
essere intrinsecamente so- che il cambiamento sia alle
stenibile. Un imprenditore porte e, quando vincerà l’i-

▼ Ne è convinto Davide Dal


Maso, partner di Avanzi,
società che da 25 anni gui-
da e sostiene le imprese e le
Davide Dal Maso
partner e amministratore
delegato
di Avanzi SpA
dovrebbe chiedersi «quel-
lo che faccio contribuisce a
risolvere le grandi sfide so-
ciali e ambientali del nostro
nerzia, si realizzerà in tem-
pi rapidissimi. Per questo è
importante assumerne con-
sapevolezza e cominciare a
LE IMPRESE DEVONO amministrazioni pubbliche tempo? ». testare nuove formule. Noi
CAPIRE CHE NULLA SARÀ nei processi di cambiamen- Se la risposta è no, credo di Avanzi organizziamo
PIÙ COME PRIMA. to in questa direzione che si debba porre delle do- frequentemente sessioni di
mande importanti – ma non induction per i consigli di
NEL PROSSIMO DECENNIO,
I programmi di per motivi etici, ma perché amministrazione e per il
SI VERIFICHERÀ investimento europei e significa che quel business top management delle im-
UN CAMBIAMENTO MOLTO nazionali hanno al centro non sarà più accettato, che prese, perché crediamo che
PROFONDO E, COME la transizione ecologica verrà a mancare la licence la sostenibilità sia una que-
IN TUTTE LE SITUAZIONI e uno sviluppo più equo. to operate. Oggi chi investi- stione che va affrontata a li-
DEL GENERE, CI SARANNO Questo come si traduce in rebbe in una nuova impre- vello di strategia aziendale.
termini di responsabilità, sa che produce automobili? Penso che la prima respon-
VINCITORI E VINTI.
ma anche di opportunità, Evidentemente nessuno, e sabilità di un amministra-
LE OPPORTUNITÀ CI SONO, per le imprese? non solo perché è un merca- tore sia quella di assicurare
E SONO ENORMI, MA NON Siamo di fronte a un quadro to maturo e chiuso, ma per- la continuità dell’impresa e
TUTTI SARANNO IN GRADO molto complesso: ciascun ché è chiaro a chiunque che oggi la minaccia più grande
DI COGLIERLE. gruppo di attori ha un ruolo la mobilità del futuro non al raggiungimento di questo
CHI NON SAPRÀ INNOVARE fondamentale, ma nessuno può essere basata su mezzi obiettivo sta proprio nel ri-
può raggiungere risultati privati individuali, inqui- schio di non comprendere
È INEVITABILMENTE
significativi da solo. La di- non tutti saranno in grado quello di passare dall’enun- nanti e inefficienti. Sarebbe il cambiamento in atto. Go-
DESTINATO ALL’ESTINZIONE mensione della partnership di coglierle. Chi non saprà ciazione di principi (su cui, come puntare sui dinosauri vernare significa prevedere,
è quella che, a mio avviso, innovare è inevitabilmente appunto, siamo tutti d’ac- proprio quando sta arrivan- cioè vedere prima e, quindi,
più di ogni altra segnerà gli destinato all’estinzione. cordo) ai comportamenti do l’asteroide. Il problema prepararsi per tempo.
anni a venire. Detto questo, La buona notizia è che ci agiti. è che l’alternativa non è del
di Dario De Andrea è scontato che il settore pri- troviamo in una congiun- tutto chiara. Chi indovinerà E poi c’è il rischio del
vato debba fare la propria tura particolarmente favo- Come deve cambiare il la risposta, farà saltare il greewashing …

L
a rivoluzione in atto por- parte – e con un impegno revole: della necessità di modello organizzativo e di banco. Quello c’è sempre stato e
terà sicuramente oppor- molto più significativo ri- un’inversione di rotta sono business delle imprese che oggi è più forte di prima,
tunità e sfide che non spetto al passato. Le impre- convinti tutti, almeno in vogliono cogliere la sfida? È possibile dimensionare perché, a differenza del pas-
tutti gli attori saranno in se devono capire che nulla teoria. Lo sono i governi Questa è una questione quanto sia già stato fatto sato, la sostenibilità paga
grado di cogliere o vincere. sarà più come prima. Nel (come testimoniano le poli- fondamentale: non si tratta e quanto, viceversa, resti anche in termini di comu-
Le imprese, in particola- prossimo decennio, si ve- tiche pubbliche a livello in- più di realizzare azioni di da fare? nicazione. Però, ripeto, qui
re, devono capire che nulla rificherà un cambiamento ternazionale, europeo e na- responsabilità sociale; oc- Io credo che siamo solo non si tratta di ammiccare
sarà più come prima. E che, molto profondo e, come in zionale), lo sono le imprese, corre agire sui modelli di all’inizio. Certo, se guar- al consumatore per vendere
oggi più che mai, è necessa- tutte le situazioni del ge- lo sono le istituzioni finan- business, cioè sulle logiche diamo indietro (e noi ci un prodotto in più. Ci sarà
rio agire sui modelli di busi- nere, ci saranno vincitori ziarie e, soprattutto, lo sono di creazione del valore. La occupiamo di questi temi chi lo fa e può anche darsi
ness in modo che diventino e vinti. Le opportunità ci i cittadini consumatori. Lo sostenibilità non può più es- da quasi 25 anni), non si che ci riesca. Ma sono truc-
intrinsecamente sostenibili. sono, e sono enormi, ma sforzo che dobbiamo fare è sere considerata un vincolo possono non registrare dei chi di breve termine. Qui
miglioramenti enormi. Ma è in gioco la sopravviven-
la parte di gran lunga pre- za del sistema economico.

PROFESSIONISTI
ponderante dell’economia Molte imprese hanno com-
funziona ancora secondo preso che stiamo tagliando
logiche novecentesche. I il ramo su cui siamo seduti.
nuovi modelli di business di E far finta di niente non con-
cui si parlava sono in gran viene a nessuno.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 4 4
#FORMAZIONE

Una direzione
INEVITABILE SOSTENIBILITÀ

▼ mitanti finalità non legate a


un ritorno in termini di ca-
pitale, mostrando, in alcuni
casi, una notevole vocazio-
SAPPIAMO BENE ne alla sostenibilità.
CHE LA SOSTENIBILITÀ Vediamo aziende che na-
SARÀ UNO DEI PRINCIPALI scono con una vocazione
prettamente orientata al
DRIVER ECONOMICI,
profitto che, sempre all’in-
SOCIALI E TECNOLOGICI
DEL PROSSIMO FUTURO.
terno dell’ottica della soste-
nibilità e dell’impatto ester- MERCATO
CERTAMENTE QUESTO no, implementano attività
PROCESSO VERSO con risvolti sociali, slegati
UN MODELLO DIFFERENTE quindi dal core business e
dai profitti.
DALL’ATTUALE È GIÀ
INIZIATO E POSSIAMO
OSSERVARE COME
DUE SFERE
IMPRESCINDIBILI
SOCIALE
NEI PRINCIPI EMERGENTI In questo momento vedia-

AMBIENTE
NON MANCA L’ETICA mo come stanno prendendo
sempre maggiore impor-
tanza due sfere: l’impresa
etica e l’economia circolare.
a cura di Quando parliamo di impre-
Accademia Tecniche Nuove sa etica ci riferiamo a un’or- decide di abbracciarle, rap- Il mondo delle imprese, così
ganizzazione che agisce te- presentano una sfida per come era stato fino a poco

G
uardando alla sosteni- nendo in considerazione de- quanto concerne il modello fa, ormai non è più attuale:
bilità con un approc- terminati valori che non so- di business e di organizza- il modello è entrato ormai
cio dal punto di vista no ascrivibili a una vision, IL RETROTERRA la via della circolarità deve zione dei processi interni. in crisi e stiamo vivendo a
dell’etica, vediamo che non ma che vengono considerati CULTURALE essere consapevole del suo La domanda che sorge tutti gli effetti un processo
acquistano significato sola- come un vero e proprio im- Spesso, però, il riferimen- ruolo ambivalente: da un la- spontanea è quindi: quali di profondo cambiamento
mente le azioni che si riper- pegno dettagliato che viene to a questo concetto non è to dare al consumatore un sono, in sostanza, i vantaggi che parte dal mercato.
cuotono direttamente all’e- reso manifesto tramite la accompagnato da un back- prodotto che sia sostenibile per cui valga la pena effet- L’azienda ha quindi bisogno
sterno nell’operato dell’or- stesura del codice etico. groud culturale dell’opi- e circolare e dall’altro, pa- tuare questo sforzo? di trovare nuovi modelli che
ganizzazione, bensì anche i Per quanto concerne invece nione pubblica sufficiente a rallelamente, educarlo an- A oggi non ci troviamo in le permettano di muoversi
processi interni e non da ul- il concetto di economia cir- valutare l’effettivo impatto che sui risvolti e sui fini che una situazione di transitoria con efficacia ed efficienza,
timo anche le relazioni con colare, questo tema sembra delle azioni comunicate nei ci sono dietro al prodotto contingenza in cui il concet- trovando quelle soluzioni
stakeholder e istituzioni. essere molto trattato e oggi messaggi pubblicitari. stesso. to di sostenibilità può essere che si tradurranno poi in
È importante evidenziare è un termine quasi inflazio- Pertanto, è opportuno fa- L’etica e la circolarità rap- considerato come una sem- processi che porteranno a
che sempre più aziende, pur nato, che ritroviamo spesso re chiarezza sul significato presentano quindi due sol- plice tendenza: oggi stiamo una condizione di equili-
essendo collocate nell’uni- anche nei messaggi veicola- profondo del termine e l’a- lecitazioni importanti per affrontando un vero e pro- brio, la cosiddetta fase di
verso profit, hanno conco- ti tramite le pubblicità. zienda che decide di seguire un’organizzazione che, se prio cambio di paradigma. new normal.

#STRUMENTI

Per andare sulla strada giusta


“I tre pilastri per etica e sostenibile. Il corso trattazione dello statuto una dimensione etica. trattazione degli aspetti
un’impresa etica” è il titolo si svolge in modalità Fad, benefit; non mancano poi Viene presentato e teorici sul tema, speciifiche
del nuovo corso di WISE-ING quindi online e asincrona, ed i riferimenti normativi al perseguito un sistema di sessioni di coaching e
organizzato in partnership è fruibile da pc, smartphone modello organizzativo D.Lgs. iImpresa etica”, guidata da mentoring.
con Accademia Tecniche e tablet. La durata stimata è n. 231/2001 (anticorruzione) una leadership sostenibile Ogni partecipante verrà
Per informioni
Nuove. di circa 20 ore per un costo e ai sistemi di gestione. e in cui tutte le risorse supportato nello sviluppo e iscrizioni al corso
visita il sito
Il percorso è articolato in complessivo di 400 euro Iva Lo scopo del corso non si sentono responsabili e di un project work https://bit.ly/3bfep6z
quattro moduli di videolezioni inclusa. è tanto fornire elementi garanti della tutela di aspetti implementativo o migliorativo
che trattano i temi rilevanti Il percorso inizia con una formali di conoscenza, sociali e ambientali. di uno dei sistemi 231 o
per un’azienda che decide di panoramica delle tendenze e bensì accompagnare in un Perseguendo questa finalità benefit applicabile al proprio
compiere la trasformazione delle opportunità emergenti, processo di riflessione sulle la strutturazione del contesto lavorativo. (A.T.N.)
e diventare un’organizzazione per passare poi alla prassi aziendali alla luce di corso prevede, oltre alla

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 4 5
LA PLASTIC TAX SI
ALLONTANA ANCORA
In sede di Consiglio dei Mi-
nistri del 19 ottobre 2021,
n. 42 per l’approvazione del
documento programmatico
di bilancio per il 2022 è sta-
ta prorogata ulteriormente
l’entrata in vigore della Pla-
#IN BREVE stic tax al 1° gennaio 2023.
Il motivo principale risie-
derebbe nell’assenza di due

RADAR
determinazioni di Adm – a-
genzia dogane e monopoli
e Ae – agenzia delle entrate
sulle modalità di versamen-

NORMATIVO
to dell’imposta e, in partico-
lare, sulle informazioni da
indicare in fattura (comma
651, legge n. 160/2019).
Si ricorda che la previsio-
ne contenuta nella legge
di bilancio 2020 (legge n.

▼ bility manager istituiti per


le realtà indicate dal D.L. n.
34/2020, convertito in leg-
ge dal D.L. n. 34/2020, do-
fettivamente sostenibile nel
tempo e ad ampio raggio.
(Decreto del ministero del-
la Transizione ecologica
160/2019) era già stata pro-
rogata dal D.L. 34/2020
al 1° gennaio 2021 e dal
decreto “Sostegni bis” 25
PIANO SPOSTAMENTI vranno seguire per la reda- 4 agosto 2021, n. 209) maggio 2021, n. 73, al 1°
CASA-LAVORO zione e l’implementazione gennaio 2022.
• dei piani degli spostamenti CONFERMATE Un’ulteriore precisazione
casa-lavoro (Pscl). LE LINEE GUIDA d’obbligo va dedicata al-
LINEE GUIDA SNPA
Il mobility manager do- SNPA SULLA la distinzione tra “Plastic
SULLA CLASSIFICAZIONE vrà procedere, tramite la CLASSIFICAZIONE tax” europea (0,80 euro/
DEI RIFIUTI raccolta dei dati forniti da Il decreto del ministero del- kg) il cui prelievo incide a
• ciascun dipendente in me- la Transizione ecologica 9 valle sul rifiuto in plastica
PLASTIC TAX rito a turnazione, luogo di agosto 2021, n. 47 ha ap- non riciclata e la Macsi (im-
residenza e domanda di tra- provato le linee guida sul- posta sui manufatti con sin-
sporto, alla creazione di un la classificazione dei rifiuti golo impiego) italiana che

#
database su cui effettuare le del Snpa ormai utilizzate da riconosciuto di aver ripor- prevede prelievo alla fonte
prime valutazioni circa la tutti gli operatori del settore tato quanto già aveva avuto (non sul rifiuto ma all’im-
distribuzione sul territorio e già a partire dal 18 maggio modo di chiarire la corte di missione in commercio del
nel tempo della forza lavoro scorso, e integrate dal sot- Giustizia europea (decima prodotto).
in rapporto ai servizi di tra- to-paragrafo denominato sezione) con la sentenza 28 L’imposta è fissata nella
sporto esistenti, aziendali e «3.5.9 - Rifiuti prodotti dal marzo 2019, e cioè che «il misura di 0,45 euro per chi-
AL VIA L’INTEGRAZIONE
pubblici. trattamento meccanico/ detentore di un rifiuto che logrammo di materia pla-
Le misure da adottare, meccanico-biologico dei ri- CON IL SOTTO-PARAGRAFO può essere classificato sia stica vergine contenuta nel
Rubriche a cura di quindi, dovranno tenere fiuti urbani indifferenziati», DENOMINATO con codici corrispondenti prodotto e diviene esigibile
Sabrina Suardi* opportunamente conto an- da introdurre al capitolo 3 «3.5.9 - RIFIUTI PRODOTTI a rifiuti pericolosi sia con all’atto della sua immissio-
che delle risorse aziendali delle stesse, costituendone DAL TRATTAMENTO codici corrispondenti a ri- ne in consumo nel territorio

P
scl; classificazione ri- disponibili oltre che della parte integrante e sostan- MECCANICO/MECCANICO- fiuti non pericolosi, ma la dello Stato o al momento
fiuti; plastic tax. Queste propensione dei dipendenti ziale. cui composizione non è im- dell’importazione.
BIOLOGICO
le principali novità le- al cambiamento. Difatti, a seguito delle mo- mediatamente nota, deve, ai A fronte di una definizio-
gislative di questo numero. Fondamentale sarà, infine, difiche alla parte quarta del DEI RIFIUTI URBANI fini di tale classificazione, ne così vaga dela Macsi, le
il ruolo del mobility mana- D.Lgs. 152/2006 introdotte INDIFFERENZIATI» determinare detta composi- esclusioni espressamente
PIANO SPOSTAMENTI ger d’area (figura istituzio- dal D.Lgs. n. 116/2020, l’ar- zione e ricercare le sostan- previste si riducono a:
CASA LAVORO nalizzata a livello munici- ticolo 184, comma 5, oggi ze pericolose che possano - plastica riciclata;
PUBBLICATO pale) che avrà il compito e recita: «La corretta attribu- la protezione e la ricerca ragionevolmente trovarvisi - prodotti certificati compo-
IL VADEMECUM la responsabilità di riuscire zione dei Codici dei rifiuti e ambientale ed approvate onde stabilire se tale rifiu- stabili;
Con decreto dirigenziale a comprendere i Pscl redat- delle caratteristiche di pe- con decreto del Ministero to presenti caratteristiche - dispositivi medici prede-
4 agosto 2021, n. 209, so- ti dalle varie imprese che ricolo dei rifiuti è effettua- dell’ambiente e della tutela di pericolo, e a tal fine può finiti;
no state pubblicate sul sito ricadono sotto la sua com- ta dal produttore sulla base del territorio e del mare». utilizzare campionamenti, - imballi adibiti a contenere
istituzionale del ministero petenza territoriale per po- delle Linee guida redatte, Queste linee guida costitu- analisi chimiche e prove». È e proteggere preparati me-
della Transizione ecologi- ter poi definire e attuare un entro il 31 dicembre 2020, iscono un importante vade- evidente che l’approvazione dicinali;
ca le linee guida che i mo- piano di mobilità che sia ef- dal Sistema nazionale per mecum cui fare riferimento definitiva delle linee guida - i Macsi ceduti o esporta-
per l’attività più importante avvenuta con il decreto ri- ti per il consumo in altri
che va fatta sui rifiuti per- chiamato chiude definitiva- Paesi.

LEGISLAZIONE
ché determina la correttez- mente l’annosa querelle sul (Consiglio dei Ministri
za dell’intera successiva ge- punto. 19 ottobre 2021, n. 42)
stione. (Decreto del ministero del-
Queste, peraltro, hanno a- la Transizione ecologica
vuto il pregio largamente 9 agosto 2021, n. 47) * consulente legale ambientale

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 4 6
www.transizioneecologicaitalia.it
Anno 1° - n. 03 - novembre 2021

DIRETTORE RESPONSABILE
Ivo A. Nardella
REDAZIONE
Massimo Cassani (direttore editoriale)
Dario De Andrea (coordinatore editoriale)
GRAFICA E IMPAGINAZIONE

#IN BREVE Grafica Quadrifoglio S.r.l. - Milano


SEGRETERIA DI REDAZIONE
Anna Alberti, Paola Melis

LE SCADENZE
COLLABORATORI
Attilio Belestreri, Marialaura Di Somma, Gennaro
Durante, Giorgio Graditi, Manuela Lozza, Francesca
Malerba, Lara Morandotti, Floriana Morrone, Costanza
Peretti, Antonia Solari, Sabrina Suardi, Flora Vallone

FOTO
Adobe Stock, Shutterstock

in agenda
PROGETTO GRAFICO
Elisabetta Delfini
PROPRIETARIO ED EDITORE
New Business Media Srl
AMMINISTRATORE DELEGATO
Ivo A. Nardella
SEDE LEGALE E OPERATIVA

P
Via Eritrea, 21 - 20157 Milano
Tel. +39 02 92984 1
scl, nuova etichettatura Una volta formalmente a- nella definizione di “imbal- emergenziale in atto.
per gli imballaggi, di- dottato entro 15 giorni deve laggio” di cui all’art. 218 del La ratio che sottende i due
chiarazione pile e Raee essere trasmesso al mobility medesimo decreto, nessuna adempimenti è la medesi- UFFICIO COMMERCIALE
2022: gli adempimenti. manager d’area del Comu- eccezione. ma, tanto che ci si riferisce Cesare Gnocchi (direttore)
ne territorialmente compe- Dunque, per gli imballag- a questi come a due sistemi cesare.gnocchi@tecnichenuove.com
PRIMO CAPODANNO tente che, valutati i dati re- gi destinati al canale pro- gemelli. Anna Boccaletti (coordinamento)
anna.boccaletti@newbusinessmedia.it
PER IL PSCL lativi agli spostamenti, gli fessionale (B2B) l’etichetta In entrambi i casi, difat- Tel. +39 02 92984.541
Quest’anno alle consuete orari di ingresso/uscita rela- riporterà esclusivamente ti, si richiama il principio Carlo Rosa
scadenze di fine anno se ne tivi alle diverse realtà azien- la codifica alfa numeri- della responsabilità estesa carlo.rosa@newbusinessmedia.it
Tel. +39 02 92984.548
aggiunge una particolar- dali chiamati a presentare ca prevista dalla decisione del produttore al quale si ri-
mente attesa. il piano annuale, procederà 129/97/Ce, mentre per quel- chiede di partecipare al fi- STAMPA
I mobility manager nomi- alla riprogrammazione più li destinati al consumatore nanziamento della gestione Arti Grafiche Boccia spa
Via Tibero Carlo Felice, 7
nati per la gestione degli efficiente dei servizi pubbli- finale (B2C) si aggiunge del fine vita dei prodotti che 84131 Salerno
spostamenti casa-lavoro dei ci di trasporto, comunali e anche l’indicazione del de- per primo, in qualità di pro-
dipendenti delle realtà su regionali, già erogati. stino a fine vita in raccolta duttore materiale oppure di UFFICIO ABBONAMENTI:
Conto corrente postale n. 1017908581
cui gravano i nuovi obbli- (Decreto del ministero del- differenziata secondo le di- importatore, immette sul Bonifico su Banca Intesa San Paolo Ag. 2122
ghi in tema di mobilità so- la Transizione ecologica 12 sposizioni del Comune ter- mercato nazionale. IBAN IT98G0306909504100000009929
stenibile (imprese e Pa con maggio 2021, n. 179) ritorialmente competente. Il calcolo del contributo vie- Intestato a New Business Media Srl
L’abbonamento avrà inizio dal primo numero raggiungibile.
singole unità locali con più Per orientarsi sono dispo- ne fatto sul dato di immesso
di 100 dipendenti ubicate in NUOVA nibili oltre alle linee guida (in termini di unità e peso), SERVIZIO CLIENTI PERIODICI:
un capoluogo di Regione, in ETICHETTATURA Conai anche i più recenti riferito all’anno precedente, Tel. +39 02 9298 4440
servizioclienti.periodici@newbusinessmedia.it
una Città metropolitana, in PER GLI IMBALLAGGI chiarimenti del MiTE (cir- dichiarato sul registro pile Attivo tutti i giorni, per informazioni sullo stato del
un capoluogo di Provincia Il 2022 si apre con la nuo- colare 17 maggio 2021, n. e sul registro Aee entro le proprio abbonamento
ovvero in un Comune con va etichettatura obbligato- 52445). predette scadenze. e per supporto ai nuovi ordini
Costo singola copia € 1,50 - arretrato € 3,00 (presso
popolazione superiore a ria degli imballaggi. Dopo (Art. 219, comma 5, D.Lgs. È sufficiente accedere alle l’editore). Arretrati 1,40 euro.
50.000 abitanti) dovranno un’ulteriore proroga dispo- 152/2006) scrivanie telematiche au- Prezzo di un abbonamento Italia 29 euro. Biennale 48
presentare il piano entro il sta dalla legge 21 maggio tonomamente oppure per euro. Digitale 15 euro
Registrazione Tribunale di Milano n. 95 del
31 dicembre di ogni come 2021, n. 69 (di conversione, DICHIARAZIONE PILE il tramite del Consorzio 20.04.2021
previsto dall’art. 3, comma con modificazioni del D.L. E RAEE 2022 – Sistema collettivo cui si R.O.C. 24344 dell’11 marzo 2014
1, D.M. n. 179/2021. n. 41/2021), dal 1° gennaio Le dichiarazioni “Pile” e è iscritti per presentare la ISSN 2785-1109

L’adozione del Pscl – pia- 2022 sarà vigente quanto “Raee” devono essere pre- dichiarazione, usufruendo
no spostamenti casa lavoro, disposto dal quinto com- sentatre, rispettivamente, dei manuali predisposti in
appunto, passa attraverso ma dell’art. 219, D.Lgs. n. entro il 31 marzo e il 30 a- collaborazione con Union-
un atto formale interno che 152/2006, ossia l’obbligo prile di ogni anno, salvo camere. (D.Lgs. 20 novem- Responsabilità. La riproduzione delle illustrazioni e ar-
ticoli pubblicati dalla rivista, nonché la loro traduzione è
dimostra l’adempimento di etichettare opportuna- proroghe dell’ultimo minu- bre 2008, n. 188; D.Lgs. 14 riservata e non può avvenire senza espressa autorizza-
zione della Casa Editrice. I manoscritti e le illustrazioni
normativo. mente tutto ciò che rientra to a causa della situazione marzo 2014, n. 49) inviati alla redazione non saranno restituiti, anche se
non pubblicati e la Casa Editrice non si assume respon-
sabilità per il caso che si tratti di esemplari unici.
La Casa Editrice non si assume responsabilità per i casi

ADEMPIMENTI
di eventuali errori contenuti negli articoli pubblicati o
di errori in cui fosse incorsa nella loro riproduzione
sulla rivista.

n o v e m b r e 2 0 2 1   PA G I N A 4 7
Dicono che l’elettrico
costi troppo per un’azienda.

Da oggi questa tesi


non è più sostenibile.

Il futuro non è un luogo comune.


Se acquisti stazioni di ricarica elettriche puoi contare su
tante agevolazioni, come ad esempio gli incentivi statali.
E ammortizzare così i costi prima di quanto pensi.

Inquadra il QR code con il tuo smartphone


e scopri la Mobilità Aumentata su solutions.abb/mobilitaaumentata

Potrebbero piacerti anche