Sei sulla pagina 1di 5

Accessorio di Frequenza della

Requisiti speciali
sollevamento verifica

 Catene
 Brache (catena);
 Grilli;
 Pinze per lamiere;
 Occhielli e
tornichetti;
 Capicorda a
cuneo;
 Ganci;  Grilli: Vite/dado imbullonato solo con copiglia.
Mesi 12 - 6 (per il
 Golfari e bulloni;  Ganci: Ganci di sicurezza con blocco meccanico di
sollevamento del
 Pinze per travi; sicurezza incorporato e perno di bloccaggio (o
personale)
 Bozzelli; bloccaggio meccanico secondario).
 Carrelli
monotrave;
 Teste di
sollevamento;
 Dadi di
sollevamento;
 Raccordi di
sollevamento.

 Terminazioni dal fornitore della fune.


Mesi 12 - 6 (per il  Scarto della fune quando sono visibili più di
Brache (fune
sollevamento del cinque fili rotti per una lunghezza pari a cinque
metallica)
personale2) volte il diametro o in presenza di tre o più fili rotti
strettamente raggruppati.

 Sono vietati il carico d'urto e il sollevamento a


strappi.
 Si fa riferimento anche alle limitazioni ambientali
offshore;
 Criteri di scarto:
o Etichetta originale del costruttore mancante o
illeggibile;
o Numero identificativo unico mancante;
o Data di ispezione valida mancante;
o Fori, strappi, tagli o sfilacciature;
o Cuciture rotte o usurate nelle giunzioni
portanti;
o Abrasione locale distinta dall'usura generale;
Brache sintetiche Mesi 6 o Danni da calore e attrito;
o Fori o indentature;
o Qualsiasi traccia di contatto con sostanze
chimiche o informazione sull'avvenuto
contatto;
o Nodi in qualsiasi parte della braca;
o Fusione o carbonizzazione di qualsiasi parte
della braca;
o Ogni altro danno visibile che faccia nascere dei
dubbi sulla resistenza della braca.

Per le brache sintetiche con WLL fino a 5 tonnellate, che


vengono utilizzate di frequente, è consigliabile un
periodo massimo di permanenza in uso di 1 anno.

Travi:

 Bilancini di
sollevamento;
 Bilancini Mesi 12 Avvertenze e istruzioni di sicurezza, se applicabili.
distanziali;
 Bilancini
equilibratori;
 Telai
distanziatori.
Accessorio di Frequenza della
Requisiti speciali
sollevamento verifica

Cestelli sospesi 6 Costruzione pienamente conforme a EN 14502-1 .

Accessori vari:
12 No
 Ganci per pallet;
 Pinze.

 Certificazione per l'utilizzo in operazioni di


Monorotaie e bilancini sollevamento;
12
di sollevamento fissi  Finecorsa sulla trave (se vengono utilizzati
carrelli).

1.4 Apparecchiature sollevate


Per le apparecchiature di nuova realizzazione i golfari e/o punti di presa devono essere
appositamente individuati dal costruttore. Per le apparecchiature in opera che devono
essere rimosse deve essere valutato a cura del Preposto responsabile del sollevamento,
caso per caso, l’adeguatezza ed affidabilità di golfari e punti di presa (tale aspetto deve
essere trattato nel piano di sollevamento, indicando eventualmente l’esigenza di
controlli non distruttivi).

I contenitori di carico e le loro basi con anello devono essere progettati/validati e


certificati da un'Autorità di certificazione secondo gli standard DNV 2.7-1, 2,7-2 o 2.7-
3 o equivalenti.

I contenitori del carico includono:


 Serbatoi a cestello "Tote";
 Contenitori per fusti;
 Contenitori per bombole di gas;
 Contenitore-serbatoio standard ISO;
 Cestello per materiali;
 Telai;
 Contenitori "Bulk bag"
 Skid.
Di seguito è riportata una breve descrizione delle suddette apparecchiature sollevate
con i rispettivi requisiti minimi.

1.4.1 Serbatoi a cestello "Tote"

L'IBC composito, che combina un serbatoio in polietilene


rotostampato con una gabbia in rete metallica ad alta
resistenza, rimane uno dei contenitori intermedi per
rinfuse più robusto e durevole per il trasporto o lo
stoccaggio di liquidi pericolosi. Questo serbatoio a
cestello può facilmente sopportare duri fattori ambientali
caratteristici delle applicazioni offshore, come la nebbia
salina e l'esposizione ad agenti chimici, e la caduta di
oggetti. Il telaio è progettato per essere sollevato in modo
sicuro tramite i golfari e può essere utilizzato insieme ad
imbracature a cavo.

Figura 22 – Serbatoi a cestello "Tote"


1.4.2 Contenitori per fusti

I contenitori per fusti sono progettati e


costruiti secondo le specifiche DNV 2.7-1 e
consentono di trasportare in sicurezza 4
fusti universali da 55 galloni contenenti
qualsiasi fluido.
Il telaio è progettato per essere sollevato
in modo sicuro tramite i golfari e può
essere utilizzato insieme ad imbracature a
cavo.

Figura 23 – Contenitori per fusti

1.4.3 Contenitori per bombole di gas

I contenitori per bombole di gas permettono il trasporto e


lo stoccaggio sicuro di bombole di gas industriali e per
respiratori per una vasta gamma di applicazioni offshore.
Questi contenitori per bombole sono progettati e costruiti
secondo i più alti standard internazionali di sicurezza
offshore (es. DNV 2.7-1, EN 12079).

Figura 24 – Contenitori per bombole di gas

1.4.4 Contenitore-serbatoio standard ISO

I contenitori-serbatoio standard ISO sono


grandi recipienti a pressione in acciaio inox
situati all'interno di un telaio ISO da 20 piedi e
sono utilizzati per il trasporto e lo stoccaggio di
rinfuse liquide.
Il telaio è progettato per essere sollevato in
modo sicuro tramite i golfari.

Figura 25 – Contenitore-serbatoio standard ISO

1.4.5 Cestelli per materiali e tubi

Una vasta gamma di cestelli, tra cui quelli


da carico offshore DNV 2.7-1 / EN 12079,
completi di brache e grilli certificati.

Figura 26 – Cestelli per materiali e tubi


1.4.6 Telai

Il telaio da trasporto può essere


tipicamente utilizzato per trasportare in
sicurezza contenitori intermedi standard
Liquitote™ per rinfuse o altri IBC con
capacità da 350 a 550 galloni in ambiente
off-shore.
Il telaio e i golfari (4) soddisfano tutti i
requisiti DNV 2.7-1.
Braca a 4 bracci con angolo di 45°.
Attacco per forklift a 4 vie.

Figura 27 - Telai

1.4.7 Contenitori "Bulk bag"

Si tratta di uno dei sistemi più comuni per


il trasporto di materiali solidi e liquidi.
I contenitori "Bulk bag" devono essere
utilizzati per un solo ciclo offshore
(devono essere riempiti una sola volta).
Tutti i contenitori "Bulk bag" devono
essere progettati, marcati, costruiti e
testati secondo l'ultima edizione della ISO
21898.
I contenitori "Bulk bag" pieni devono
essere trasferiti solo su autotreni e veicoli
da trasporto certificati e devono essere
sempre conservati al riparo dai raggi UV.

Figura 28 - Contenitori "Bulk bag"

1.4.8 Pallet

Il pallet, secondo la definizione generale contenuta


in BS ISO 445, è una piattaforma orizzontale di
altezza minima compatibile con la movimentazione
mediante transpallet e/o carrelli elevatori a forche
ed altre attrezzature di movimentazione
appropriate ed è utilizzato come base per
l'assemblaggio, lo stoccaggio, la movimentazione e
il trasporto di merci e carichi. Può essere costruito
o equipaggiato con una sovrastruttura.
I pallet devono essere sollevati con un carrello
elevatore o un altro accessorio certificato per il
sollevamento di pallet, come una forca per pallet.
Non utilizzare nessun tipo di pallet come dispositivo
di sollevamento (per esempio, è vietato posizionare
imbracature attraverso pallet di legno per sollevare
i pallet stessi e il loro contenuto).

Figura 29 - Pallet
1.5 Manutenzione periodica
Tutti gli apparecchi di sollevamento devono essere mantenuti in condizioni di efficienza
e sicurezza e in buono stato di funzionamento attraverso un sistema di manutenzione
programmata. Devono essere disponibili informazioni adeguate, come le istruzioni del
costruttore. Tutta la manutenzione deve essere effettuata da personale addestrato con
un'adeguata conoscenza delle procedure correnti e deve essere conforme agli standard
riconosciuti a livello internazionale. Per la frequenza e l'entità della manutenzione si
dovrebbe tener conto di tutti i fattori che influiscono sul funzionamento della gru.

Tutti mezzi di sollevamento devono essere mantenuti in condizioni di efficienza e


sicurezza e in buono stato di funzionamento attraverso un sistema di manutenzione
programmata. Tutti mezzi di sollevamento devono essere sottoposti a manutenzione
secondo il programma di manutenzione stabilito dell’Organizzazione proprietaria.

I Manuali di Uso e Manutenzione del costruttore raccomandano di svolgere attività


specifiche ad intervalli stabiliti, e questi periodi non devono essere superati.
Le attività operative di manutenzione sono assegnate a tecnici di manutenzione
addestrati e opportunamente valutati per il loro ruolo.
Il programma di manutenzione si deve basare sulle raccomandazioni del costruttore,
sull'esperienza operativa, sugli standard applicabili e sulle modalità di guasto.
Il Responsabile dell’Organizzazione proprietaria ha la responsabilità di rendere
disponibile un Piano di ispezione periodica e Manutenzione.

1.5.1 Registro delle apparecchiature


I mezzi di sollevamento devono essere elencati in un registro disponibile in sito e sul
Portale GST e accompagnati da una dichiarazione di conformità, dalle istruzioni per l'uso
e da un manuale contenente informazioni sul funzionamento, la manutenzione, il
montaggio, lo smontaggio e il trasporto.
Per tutti i mezzi di sollevamento dovranno essere inclusi, come minimo, i seguenti dati:
• Costruttore e descrizione;
• Numero di identificazione;
• SWL;
• Data in cui l'apparecchiatura è stata messa in uso per la prima volta;
• Particolari sui difetti e misure adottate per porvi rimedio;
• Data e numero dei certificati di prove, ispezioni ed esami e nome della persona
che li ha eseguiti;
• Date di scadenza dell'ispezione periodica precedente e successiva o periodicità
delle ispezioni.

Potrebbero piacerti anche