Sei sulla pagina 1di 2

Collaboratori del Preside: fino al 10% dei docenti

Di Nino Sabella

Facebook Twitter Telegram


Stampa

La legge n. 190 del 23 dicembre 2014 (legge di stabilità 2015) ha abolito gli esoneri e i semi
esoneri per i docenti con funzioni di vicario e/o collaboratore del dirigente scolastico,
come previsto dal decreto legislativo n. 297/94.

Questo quanto previsto dal comma 329 della citata legge:

“A decorrere dal 1º settembre 2015 e in considerazione dell’attuazione dell’organico


dell’autonomia, funzionale all’attività didattica ed educativa nelle istituzioni scolastiche
ed educative, l’articolo 459 del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n.
297, e’ abrogato.”

La legge di stabilità del 2015, dunque, ha abolito gli esoneri, previsti dall’articolo 456 del
D.lgs. n. 297/94, e allo stesso tempo ha rimandato all’attuazione dell’organico
dell’autonomia, introdotto successivamente dalla legge n. 107/2015.

La legge 107 ha quindi affrontato la questione del vicario e del collaboratore del dirigente
scolastico, facendo in pratica scomparire tali figure e prevedendo generiche figure di
collaboratori. Questo quanto dettato dal comma 83 della legge:

“Il dirigente scolastico può individuare nell’ambito dell’organico dell’autonomia fino al


10 per cento di docenti che lo coadiuvano in attività di supporto organizzativo e didattico
dell’istituzione scolastica. Dall’attuazione delle disposizioni del presente comma non
devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.”

Non si parla più di vicario e secondo collaboratore ma si prevede che il dirigente può
individuare, nell’ambito dell’intero organico dell’autonomia, sino al 10% dei docenti
affinché svolgano attività di supporto organizzativo e didattico, quindi i compiti svolti dal
vicario e dal collaboratore. Il tutto senza alcun onere a carico della finanza pubblica.

La legge non parla  di esoneri o semi esoneri, questione affrontata all’inizio dell’a.s.
2015/16 tramite la nota Miur n. 1875 del 3 settembre 2015, poi ripresa dalla nota n. 30549
del 21/09/2015.

La nota del 3 settembre è dedicata proprio alla questione degli esoneri e semi esoneri dei
collaboratori del dirigente scolastico. In essa si affronta il problema, creatosi all’inizio
dell’anno scolastico 2015/16, quando ancora non erano stati assegnati alle scuole i posti e i
docenti di potenziamento, arrivati poi con la fase C (del piano straordinario di immissioni
in ruolo) nel mese di Novembre, e gli istituti chiedevano gli esoneri. Con la nota, in attesa
dell’assegnazione dell’organico di potenziamento, si sono autorizzati gli esoneri,
sottolineando che tali posti sarebbero stati poi compresi nel fabbisogno di organico da
assegnare successivamente (quindi a Novembre con la predetta Fase C).

La successiva nota del 21 settembre ha ripreso quanto appena riportato  e prevedeva che
gli USR assegnassero alle scuole posti di potenziamento corrispondenti agli esoneri
concessi. Così, il collaboratore manteneva l’esonero e il docente di potenziamento andava
in classe.

Potrebbero piacerti anche