Sei sulla pagina 1di 20

CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO

DELLE OPERE CIVILI


PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 2 di 20
SEZIONE 16

INDICE

16.1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE ................................................................................. 4


16.2. DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO .......................................................................... 4
16.2.1. NORMATIVA NAZIONALE ................................................................................................... 4
16.2.2. NORMATIVA EUROPEA ........................................................................................................ 5
16.2.3. DOCUMENTAZIONE TECNICA .......................................................................................... 5
16.3. DEFINIZIONI.......................................................................................................................... 6
16.4. ABBREVIAZIONI .................................................................................................................... 6
16.5. PRESCRIZIONI ED ONERI GENERALI .............................................................................. 6
16.6. PRESCRIZIONI TECNICHE PARTICOLARI ...................................................................... 7
16.6.1. RETI DI DISTRIBUZIONE .................................................................................................... 7
16.6.1.1. Scavi .................................................................................................................................................................. 7
16.6.1.1.1. Generalità ..................................................................................................................................................... 7
16.6.1.1.2. Difesa dalle acque .......................................................................................................................................... 8
16.6.1.1.3. Utilizzazione dei materiali di risulta.............................................................................................................. 8
16.6.1.1.4. Rimozione di trovanti .................................................................................................................................... 8
16.6.1.2. Particolari tipi di scavo ................................................................................................................................... 9
16.6.1.2.1. Scavi per attraversamenti speciali.................................................................................................................... 9
16.6.1.2.2. Scavi per la manutenzione di tubazioni e opere accessorie ................................................................................ 9
16.6.1.3. Movimentazione e stoccaggio dei materiali ................................................................................................ 9
16.6.2. POSA IN OPERA DELLE RETI INTERRATE .................................................................... 10
16.6.2.1. Posa in opera cavi interrati .......................................................................................................................... 10
16.6.2.2. Posa in opera di tubazioni interrate ........................................................................................................... 10
16.6.2.3. Modifiche di reti esistenti............................................................................................................................. 11
16.6.2.4. Riempimenti................................................................................................................................................... 11
16.6.2.4.1. Generalità ................................................................................................................................................... 11
16.6.2.4.2. Materiali ..................................................................................................................................................... 11
16.6.3. MANUFATTI PER TOMBINI E SOTTOPASSI ................................................................... 13
16.6.4. TUBAZIONI PER DRENAGGI ............................................................................................. 13
16.6.4.1. Tubazioni eseguite con casseforme pneumatiche .................................................................................... 13
16.6.4.2. Tubazioni eseguite con elementi prefabbricati ......................................................................................... 13
16.6.4.2.1. Tubi prefabbricati in calcestruzzo non armato .............................................................................................. 13
16.6.4.2.2. Tubi prefabbricati in calcestruzzo armato ..................................................................................................... 13
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 3 di 20
SEZIONE 16

16.6.5. RECINZIONI .......................................................................................................................... 14


16.6.5.1. Recinzione con paletti in c.a.p. e rete metallica ........................................................................................ 14
16.6.5.2. Recinzione formata con lastre prefabbricate in c.a. vibrato ................................................................... 14
16.6.5.3. Recinzione con muretto di base e sovrastante grigliato.......................................................................... 14
16.6.5.4. Recinzione con muretto e sovrastante rete elettrosaldata zincata ......................................................... 15
16.6.5.5. Recinzione con paletti in profilato di ferro e rete zincata ...................................................................... 15
16.6.6. BARRIERE ANTIVENTO ...................................................................................................... 15
16.6.6.1. Materiali .......................................................................................................................................................... 15
16.6.6.1.1. Acciai da carpenteria ................................................................................................................................... 15
16.6.6.1.2. Tirafondi ..................................................................................................................................................... 16
16.6.6.1.3. Rivetti.......................................................................................................................................................... 16
16.6.6.1.4. Saldature ..................................................................................................................................................... 16
16.6.6.1.5. Rivestimenti protettivi .................................................................................................................................. 16
16.6.6.1.6. Prove sui materiali ....................................................................................................................................... 16
16.6.6.2. Conglomerato cementizio............................................................................................................................ 17
16.6.6.3. Acciaio per cemento armato ....................................................................................................................... 17
16.6.6.4. Acciaio da carpenteria metallica per micropali ......................................................................................... 17
16.6.6.5. Operazioni di montaggio ............................................................................................................................. 17
16.6.6.5.1. Messa in opera tirafondi............................................................................................................................... 17
16.6.6.5.2. Messa in opera del montante ........................................................................................................................ 18
16.6.6.5.3. Messa in opera dei pannelli .......................................................................................................................... 19
16.7. COLLAUDI .............................................................................................................................. 20
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 4 di 20
SEZIONE 16

1.1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE


La presente sezione è parte integrante del Capitolato Generale Tecnico di Appalto delle Opere Civili (RFI
DTC SI SP IFS 001) e sostituisce la Sezione 16 della parte II del precedente Capitolato (cod. RFI DTC SI CS
SP IFS 010 C - del 21/12/2018).
Oggetto della presente Sezione del Capitolato è l'insieme delle tipologie di lavoro non incluse e/o non
contemplate in altre sezioni del presente Capitolato.
Esse consistono in:
 reti di distribuzione;
 manufatti per tombini e sottopassi;
 tubazioni per drenaggi;
 recinzioni;
 barriere antivento.
Si precisa che, nel rispetto dei principi generali di tutela ambientale, la gestione dei materiali di risulta e dei
materiali da utilizzare per l’esecuzione delle lavorazioni oggetto del presente Capitolato potrà essere
assoggettata ai disposti normativi per la gestione degli stessi in qualità di rifiuti o in esclusione dal regime dei
rifiuti, per i quali si rimanda ai documenti specialistici di riferimento (progetto e documenti contrattuali)
nonché a quanto disciplinato dalla normativa ambientale vigente (D.Lgs. 152/06 e s.m.i., D.P.R. 13 giugno
2017, n.120 D.M. 161/2012, L. 98/2013, D.M. 05/02/98 e s.m.i., D.M. 27/09/2010 aggiornato con il D.M.
24/06/2015 , etc.).
1.2. DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO
I lavori saranno eseguiti in accordo alle norme di legge, istruzioni e normative tecniche applicabili, nonché a
tutte quelle indicate nel presente documento e nelle sezioni di Capitolato richiamate nel testo. Si elencano di
seguito la principale normativa e documentazione di riferimento.

1.2.1. NORMATIVA NAZIONALE


 Decreto Min. Infrastrutture e Trasporti 30/4/1992 n. 285 “Nuovo codice della strada” e s.m.i.;
 D.P.R. 16/12/1992 n. 495 “Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada” e
s.m.i..
 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 “Testo unico per l’edilizia” e sm.i.;
 D.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 “Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE
sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti
erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché' per il riordino della
disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture.” e s.m.i.
 D.Lgs. 3/4/2006 n. 152 “Norme in materia ambientale” e s.m.i.;
 Decreto Min. Infrastrutture e Trasporti 17/01/2018 – Aggiornamento delle Norme Tecniche per le
Costruzioni (NTC18);
 D.Lgs. 9/4/ 2008 n. 81 “Attuazione dell'articolo 1 della legge 3/8/2007, n. 123, in materia di tutela della
salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”
 Circolare 21 gennaio 2019, n.7 C.S.LL.PP. Istruzioni per l’applicazione dell’ Aggiornamento delle “Norme
tecniche per le costruzioni” di cui al decreto ministeriale 17 gennaio 2018;
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 5 di 20
SEZIONE 16

 D.P.R. 5/10/2010 n. 207 “Regolamento di esecuzione e attuazione del decreto legislativo 12/4/2006, n.
163, recante Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive
2004/17/CE e 2004/18/CE”;
 D.P.R. 13 giugno 2017, n.120 “Regolamento recante la disciplina semplificata della gestione delle terre e
rocce da scavo, ai sensi dell'articolo 8 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con
modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164”;
 Decreto Min. Infrastrutture e Trasporti 4/4/2014 n. 137 “Norme Tecniche per gli attraversamenti ed i
parallelismi di condotte e canali convoglianti liquidi e gas con ferrovie ed altre linee di trasporto”.

1.2.2. NORMATIVA EUROPEA


 UNI EN 1916 –2004 - Tubi e raccordi di calcestruzzo non armato, rinforzato con fibre di acciaio e con
armature tradizionali;
 UNI EN ISO 1461 – 2009 - Rivestimenti di zincatura per immersione a caldo su prodotti finiti ferrosi e
articoli di acciaio - Specificazioni e metodi di prova;
 UNI EN ISO 3210-2018 - Anodizzazione dell’alluminio e sue leghe - Valutazione della qualità del
fissaggio degli strati di ossido anodico mediante misurazione di perdita di massa dopo immersione in
soluzioni fosfo-cromiche acide;
 UNI EN ISO 8744-1999 - Spine ad intagli conici su tutta la lunghezza;
 UNI EN ISO 9227-2017 - Prove di corrosione in atmosfere artificiali - Prove di nebbia salina;
 UNI EN 10025 1/2-2005 - Prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali. Condizioni tecniche
generali di fornitura. Condizioni tecniche di fornitura di acciai non legati per impieghi strutturali;
 UNI EN 10048 –1998 - Nastri stretti di acciaio laminati a caldo - Tolleranze sulle dimensioni e sulla
forma;
 UNI EN 10143-2006 - Lamiere sottili e nastri di acciaio con rivestimento applicato per immersione a
caldo in continuo - Tolleranze sulla dimensione e sulla forma;
 UNI EN 10263 1-2017 - Vergella, barre e filo di acciaio per ricalcatura a freddo ed estrusione a freddo
Parte 1: Condizioni tecniche generali di fornitura;
 UNI EN 10263 5-2018 - Vergella, barre e filo di acciaio per ricalcatura a freddo ed estrusione a freddo
Parte 5: Condizioni tecniche di fornitura degli acciai inossidabili
 UNI EN 10346-2015 - Prodotti piani di acciaio rivestiti per immersione a caldo in continuo - Condizioni
tecniche di fornitura;
 UNI EN 13055-2016 - Aggregati leggeri.

1.2.3. DOCUMENTAZIONE TECNICA


 UNI 3740-1999- Elementi di collegamento filettati di acciaio;
 UNI 9202 – 2011 - Rivetti tubolari filettati con testa svasata;
 UNI 11013-2002- Aggregati leggeri - Argilla e scisto espanso - Valutazione delle proprietà mediante prove
su calcestruzzo convenzionale;
 UNI 14399–4–2015 - Bulloneria strutturale ad alta resistenza a serraggio controllato - Parte 4: Sistema
HV-Assieme vite e dado esagonali;
 UNI 14399–6 – 2015 - Bulloneria strutturale ad alta resistenza a serraggio controllato - Parte 6: Rondelle
piane smussate.
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 6 di 20
SEZIONE 16

1.3. DEFINIZIONI
Contratto: l’accordo tra il Committente e Appaltatore per l’esecuzione dei lavori descritti nel Contratto
d’appalto contenente l’indicazione del corrispettivo pattuito o tra il Committente e il Fornitore per
l’esecuzione delle forniture;
Direzione lavori: ufficio preposto alla direzione ed al controllo tecnico, contabile e amministrativo
dell'esecuzione dell’intervento nel rispetto degli impegni contrattuali;
Direttore Lavori: figura incaricata di esercitare, per conto del Committente, tutte le attività finalizzate alla
direzione ed al controllo tecnico, contabile ed amministrativo dell’esecuzione dei contratti di appalto curando
che i lavori siano eseguiti a regola d’arte, in conformità del progetto e del contratto e nel rispetto della
normativa vigente.

ESECUTORE: Soggetto incaricato dell’esecuzione dei lavori (Appaltatore, General Contractor, Contraente
Generale);
FERROVIE: Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. o chi agisce in nome e per conto di Rete Ferroviaria Italiana
S.p.A. (Direzione Lavori, Alta sorveglianza)
Prova: forma di verifica che si effettua in ragione del contratto, delle disposizioni normative, delle
disposizioni delle FERROVIE.

1.4. ABBREVIAZIONI
ASTM: American Society for Testing and Materials
c.a.: conglomerato cementizio armato;
cls: conglomerato cementizio;
CNR: Consiglio Nazionale delle Ricerche
HV: Hardness Vickers (durezza Vickers);
NTC: Norme Tecniche per le Costruzioni
PEAD: Polietilene ad Alta Densità
PRFV: Plastica Rinforzata con Fibre di Vetro
PVC: Polivinile Cloruro
RFI: Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.;
UNI: Ente Nazionale Italiano di Normazione

1.5. PRESCRIZIONI ED ONERI GENERALI


L'ESECUTORE dovrà fornire tutti i materiali di consumo necessari per l'esecuzione dei lavori e per la
realizzazione delle opere.
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 7 di 20
SEZIONE 16

Quindi, a titolo indicativo e non esaustivo, saranno a carico dell’ESECUTORE i carburanti e lubrificanti per
le proprie macchine, grassi, solventi e quant’altro necessario. Dovrà quindi provvedere ai materiali per la
realizzazione delle giunzione dei tubi (come elettrodi, ossigeno e acetilene), ai materiali per la costruzione di
opere murarie ed accessorie (come mattoni, cemento e inerti) e per l’ancoraggio delle tubazioni (come
cemento e zanche), alle armature di sostegno e ai ponteggi (come tavole, reggette, chiodi e gattelle), ai
materiali per rinterri e ripristini (come sabbia, ghiaia, pozzolana, pietrisco e bitume).
I materiali forniti dall'ESECUTORE dovranno essere conformi a quanto indicato dalle leggi vigenti, dal
progetto e dalle specifiche tecniche applicabili.

1.6. PRESCRIZIONI TECNICHE PARTICOLARI

1.6.1. RETI DI DISTRIBUZIONE


Il presente capitolo riguarda tutti quei lavori connessi con la costruzione di reti di distribuzione o di raccolta
di qualsiasi tipo, connesse con la costruzione di fabbricati.
Riguarda altresì la deviazione e/o i rifacimenti di reti esistenti ed interferenti con la linea ferroviaria e/o con le
reti in costruzione.

1.6.1.1. Scavi
La gestione delle terre e rocce da scavo dovrà avvenire secondo quanto prescritto dal D.Lgs. 152/06 Norme
in materia ambientale e s.m.i., e secondo quanto prescritto nella Sezione 5 “Opere in terra e scavi” e nella
sezione 20 “Gestione delle rocce e terre da scavo” del presente Capitolato Generale Tecnico di Appalto delle
Opere Civili.

1.6.1.1.1. Generalità
L'ESECUTORE accerterà, a sua cura e spese, la presenza di tutti quei servizi che possono interessare Io
scavo e li segnalerà sul terreno.
L'ESECUTORE eseguirà poi il tracciato dello scavo sia come larghezza sia come andamento dell'asse, in
modo che lo scavo risulti il meno possibile interessato dai servizi individuati.
L'ESECUTORE non dovrà, in alcun caso, manomettere, spostare o tagliare cavi o qualsiasi tubazione
interrata o quant'altro interferente con lo scavo, prima di averne accertata la natura e la funzione e prima di
aver avuto le necessarie autorizzazioni dal proprietario/esercente; in ogni caso il tutto dovrà essere sempre
segnalato alla DIREZIONE LAVORI.
Il taglio dell'eventuale manto stradale e della fondazione o la demolizione della pavimentazione di qualsiasi
tipo e spessore dovranno essere effettuati con adatti mezzi d'opera. Il taglio del manto di usura e della
fondazione dovrà essere eseguito in modo da evitare danni, non strettamente necessari, alla pavimentazione e
non dovrà avere, di norma, una larghezza superiore di 20 cm. rispetto a quella dello scavo. L’Esecutore
provvederà direttamente a richiedere le autorizzazioni che si rendessero necessarie al proprietario/gestore di
una opera su cui si dovrà intervenire, senza alcun tipo di onere aggiuntivo da corrispondere da parte delle
Ferrovie.
Gli scavi per qualsiasi genere di lavoro, eseguiti a mano e/o con mezzi meccanici, in terreni e/o materiali di
riporto di qualsiasi natura e consistenza, sia all'asciutto che in acqua, dovranno essere eseguiti così come
impongono le leggi vigenti in materia di sicurezza su lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e la buona tecnica. Essi
avranno dimensioni tali da consentire la posa delle tubazioni interrate secondo la normativa vigente.
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 8 di 20
SEZIONE 16

Sarà cura e onere dell'ESECUTORE evitare franamenti delle pareti dello scavo, per tutto il tempo durante il
quale gli scavi rimarranno aperti; a tale scopo Egli dovrà provvedere ad effettuare le necessarie ed idonee
opere provvisionali a sostegno delle pareti dello scavo.
Resteranno a totale carico dell'ESECUTORE tutti gli oneri connessi con i lavori necessari alla rimozione di
eventuali materiali franati nello scavo già eseguito e il riempimento della maggiore sezione di scavo con
materiale e modalità idonei. L'ESECUTORE risponderà dei danni arrecati a persone o cose a seguito di frane
e smottamenti.

1.6.1.1.2. Difesa dalle acque


L'ESECUTORE dovrà provvedere a sua cura e spese:
 alla realizzazione e manutenzione delle opere necessarie affinché le acque, anche piovane, che
eventualmente scorrono sulla superficie del terreno, siano deviate in modo da non riversarsi negli scavi;
 alla rimozione di ogni impedimento che si opponga al regolare deflusso delle acque e di ogni causa di
rigurgito, anche ricorrendo all'apertura di fossi di guardia, di canali fugatori, scoline, pozzi perdenti ecc.
Il tutto sarà eseguito senza provocare danni ad altri manufatti od opere e senza causare interruzioni nei lavori
degli impianti in genere. In ogni caso, i materiali destinati alla costruzione delle reti non dovranno essere usati
per la creazione di fossi o canali per il convogliamento di acque e per la copertura, anche provvisoria, di
fossati.

1.6.1.1.3. Utilizzazione dei materiali di risulta


I materiali provenienti dagli scavi di ogni genere o dalle demolizioni potranno essere riutilizzati per i rinterri,
ove ritenuti idonei, nel rispetto di quanto prescritto dalla normativa vigente in materia e dalla sezione 5
“Opere in terra e scavi “ e dalla sezione 20 “Gestione delle terre e rocce da scavo” del presente Capitolato.
L'ESECUTORE dovrà eseguire i lavori di scavo e di rinterro in modo tale da non creare situazioni di pericolo
e non recare danno ai fabbricati e alle opere limitrofe. Dovrà inoltre aver cura di non danneggiare la
pavimentazione stradale con il movimento dei propri mezzi e/o le colture non direttamente interessate
dall'esecuzione dei lavori.
L'ESECUTORE dovrà pertanto adottare, a sua cura e spese, tutti i provvedimenti atti ad evitare danni e a
garantire l'incolumità di persone e cose restando di tali rischi l'unico responsabile.

1.6.1.1.4. Rimozione di trovanti


Nel caso di rinvenimento nello scavo di trovanti l'ESECUTORE dovrà, previa autorizzazione da parte del
Direttore dei Lavori, provvedere alla loro frantumazione e rimozione, qualora gli stessi non siano asportabili
con i normali mezzi di scavo, e provvedere al riutilizzo/smaltimento del materiale secondo le disposizioni di
norma e della DL.
Per tale lavoro potrà usare mezzi preventivamente autorizzati dalla Direzione Lavori.
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 9 di 20
SEZIONE 16

1.6.1.2. Particolari tipi di scavo

1.6.1.2.1. Scavi per attraversamenti speciali


Saranno eseguiti a mano o con mezzi meccanici a seconda della natura del terreno attraversato e delle
difficoltà di esecuzione.
Nel caso di attraversamenti subalveo di fiumi, torrenti o canali, lo scavo dovrà essere effettuato con mezzi
adeguati alla difficoltà di esecuzione connesse con l'ampiezza dell'attraversamento e la natura del terreno.
Il fondo scavo, alla profondità di progetto, dovrà avere un andamento orizzontale e sarà mantenuto in tali
condizioni per tutta la durata del varo della tubazione. In golena, la larghezza in sommità della trincea e la
pendenza delle pareti saranno adeguate alla consistenza e alle caratteristiche del terreno.

1.6.1.2.2. Scavi per la manutenzione di tubazioni e opere accessorie


Questi lavori saranno normalmente eseguiti per rendere possibile interventi su reti esistenti (riparazioni
dispersioni, collegamenti, adeguamento di reti, ecc..).
L'ESECUTORE, oltre ad osservare tutte le modalità precedentemente descritte, dovrà usare particolari
accorgimenti per non danneggiare la rete già posta in opera.
In particolare:
 nelle fasi iniziali di scavo, si dovrà operare con la massima cura e attenzione in modo tale da individuare
esattamente la posizione e la profondità della rete e degli eventuali servizi adiacenti;
 potranno essere usati mezzi meccanici per lo scavo avendo sempre cura che gli stessi non vengano mai a
contatto con la rete; la restante parte dello scavo dovrà essere eseguita a mano;
 dovranno essere messi in atto tutti gli accorgimenti atti ad evitare deformazioni dell'asse geometrico della
rete, abbassamenti e/o galleggiamenti che possano provocare danni alla rete esistente o in costruzione.

1.6.1.3. Movimentazione e stoccaggio dei materiali


Tutti i materiali dovranno essere stoccati in maniera tale da evitare qualsiasi tipo di danno al materiale stesso
e/o al loro rivestimento. In particolare si dovrà:
 stoccare al chiuso o in area coperta tutti quei materiali che possono danneggiarsi per esposizione alle
intemperie (sole, polvere, gelo, etc.);
 non accatastare in pila i materiali, e in ogni caso interporre tra gli strati opportuni distanziatori;
 movimentare i materiali con mezzi opportuni e con l’uso di braghe a fascia di larghezza opportuna;
 è escluso in ogni caso lo scarico dei materiali mediante caduta dello stesso dal mezzo di trasporto. In casi
particolari è tollerato l'uso di scivoli inclinati, purché il materiale da scaricare sia opportunamente
trattenuto;
 nel caso il materiale venga predisposto a piè d'opera per ulteriori lavorazioni si dovranno adottare tutti gli
accorgimenti atti ad evitare danneggiamenti al materiale o al suo rivestimento;
 nel caso di stoccaggio di materiali pericolosi (infiammabili, esplodenti, etc.) dovranno adottarsi tutte le
misure imposte dalle normative vigente quali, ma non limitatamente:
 ventilazioni dei magazzini chiusi;
 protezioni dai raggi del sole;
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 10 di 20
SEZIONE 16

 recinzioni particolari;
 zone di rispetto.

1.6.2. POSA IN OPERA DELLE RETI INTERRATE

1.6.2.1. Posa in opera cavi interrati


La posa in opera dei cavi interrati riguarda il tiraggio dei cavi posti in trincea, dei cavi direttamente interrati,
dei cavi posati in cunicoli di cemento, dei cavi tirati in tubo.
Tutti i cavi in matasse o bobine dovranno essere trasportati e posati in modo da evitare danneggiamenti. Non
è consentito il rotolamento delle bobine, tranne per i piccoli spostamenti e per la sistemazione delle bobine
sui cavalletti.
Ogni cavo sarà posato in trincee o canalette in cemento sopra uno strato di sabbia, in accordo ai disegni di
progetto.
Lo svolgimento del cavo dovrà essere eseguito con le bobine sul carrello o su cavalletti che ne consentano la
facile rotazione e tirando il cavo in modo che lasci la bobina dal basso.
Durante la posa il cavo deve appoggiare su rulli posati tra di loro a una distanza tale che il cavo non strisci sul
terreno o sulla sabbia.
Il tiraggio dei cavi sarà eseguito a mano o mediante adatte macchine tiracavi rispettando il massimo sforzo di
trazione ammesso dal costruttore dei cavi stessi. L'ESECUTORE deve accertarsi presso il fornitore in merito
ai valori di cui sopra.
Il taglio a misura dei cavi dovrà essere fatto all'atto della posa in opera degli stessi, lasciando conveniente
margine per l'esecuzione delle terminazioni.
Una volta eseguito il taglio della pezzatura della bobina, i terminali del cavo e quello rimasto sulla bobina
dovranno essere sigillati in maniera corretta.
La posa dei cavi dovrà essere effettuata in accordo alle sezioni ed ai disegni di progetto.
La spaziatura tra i cavi dovrà essere realizzata in accordo al progetto.
Tutti i cavi dovranno essere identificati lungo il loro percorso mediante fascette in plastica o in piombo
collocate ogni 30/40 m, recanti il contrassegno del cavo in accordo con l'Elenco Cavi del Progetto.
Nel caso in cui il cavo debba essere posato in apposito tubo, tutte le tubazioni portacavi dovranno essere
accuratamente pulite e soffiate con aria prima dell'infilaggio. I cavi saranno infilati sui tubi portacavi già
completi e fissati in tutte le loro parti.
Nel caso di posa su apposite canalette portacavi, ogni cavo dovrà essere posato su passerelle già complete e
fissate in ogni loro parte. I cavi dovranno essere posati in maniera da assumere un andamento il più possibile
rettilineo e dovranno essere fissati con fascette fermacavo in PVC o con morsetti metallici nel caso di
passerelle verticali.

1.6.2.2. Posa in opera di tubazioni interrate


La posa in opera delle tubazioni interrate riguarda le operazioni connesse con la stesura dei tubi, sigillatura dei
giunti e collaudo delle linee interrate così come indicato sui disegni di progetto.
Le tubazioni potranno essere in acciaio, PVC, PRFV, PEAD cemento e del tipo ovoide in cemento armato
vibrato o comunque come mostrato sui disegni di progetto. Le linee dovranno essere poste in opera con le
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 11 di 20
SEZIONE 16

pendenze indicate, poggiate su idoneo sottofondo in modo da non danneggiare la tubazione e/o il suo
rivestimento.
Tutti i materiali saranno forniti da qualificati rivenditori in grado di assicurare e fornire i quantitativi di
materiali congrui con l'opera da eseguire e le relative certificazioni.
Le tubazioni prima del collaudo dovranno essere pulite mediante soffiaggio e nel caso di acqua potabile o
sanitaria mediante lavaggio.
L'ESECUTORE dovrà predisporre tutta l'attrezzatura necessaria per le operazioni sopra descritte.
Per tutte le tipologie di materiali usati, ove non già definito in progetto, l'ESECUTORE dovrà comunicare
alla DIREZIONE LAVORI le procedure di connessione (giunti saldati, giunti incollati, giunti a bicchiere,
etc.) che intende utilizzare.
Per tubazioni convoglianti liquidi e gas attraversanti la ferrovia o poste in parallelo ad essa dovranno adottarsi
tutti gli accorgimenti e prescrizioni dettati dal D. Min. Infrastrutture e Trasporti 04/04/2014 “Norme
Tecniche per gli attraversamenti ed i parallelismi di condotte e canali convoglianti liquidi e gas con ferrovie ed
altre linee di trasporto”.

1.6.2.3. Modifiche di reti esistenti


Nel caso di interferenze con reti esistenti, interrate e non interrate, tali da richiedere una modifica di tracciato
della rete esistente l’ESECUTORE provvederà direttamente a produrre le necessarie autorizzazioni, a
prendere i necessari accordi con l’Ente proprietario delle reti, a concordare le modalità operative di
intervento, informando comunque e costantemente la Direzione Lavori, senza alcun tipo di onere aggiuntivo
da corrispondere all’ESECUTORE.
Resta inteso che la modifica di tracciato sarà eseguita rispettando tutte le norme, specifiche e procedure in
vigore presso l'Ente proprietario.

1.6.2.4. Riempimenti

1.6.2.4.1. Generalità
Nel caso di scavi all’interno dei quali siano presenti tubazioni e/o cavi, il rinterro dovrà essere eseguito con
modalità e materiali di riempimento idonei come per legge; in particolare l'ESECUTORE dovrà evitare che
sassi, massi, materiali di risulta, spezzoni di altre tubazioni, siano gettati all'interno dello scavo. Il rinterro di
scavi, all'interno dei quali siano presenti tubazioni in polietilene, deve essere effettuato in maniera tale da
consentire che il tubo si assesti assumendo la temperatura del terreno. In particolare una delle estremità della
tratta della condotta dovrà essere mantenuta libera di muoversi curando che il riempimento dello scavo abbia
inizio dalla parte opposta.
Sono ammessi rinterri parziali nel caso sia necessario "bloccare" la tubazione; in ogni caso dovranno rimanere
scoperte ed ispezionabili tutte le giunzioni, fino ad effettuazione con esito positivo dei collaudi previsti.

1.6.2.4.2. Materiali
Si definiscono due classi di materiale di riempimento:
 materiale di riempimento di tipo A, posato immediatamente sotto, sopra e di fianco alla rete secondo le
modalità e gli spessori di progetto;
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 12 di 20
SEZIONE 16

 materiale di riempimento di tipo B, posato al di sopra del materiale di tipo A fino alla quota del piano di
campagna o alla quota di inizio della sottofondazione della pavimentazione e, comunque, non a contatto
con la rete.
Il materiale di tipo A dovrà essere un materiale prevalentemente costituito da sabbia o pozzolana o comunque
come previsto in sede di progetto e dovrà rispondere ai seguenti requisiti:
 almeno il 95% in peso del materiale dovrà avere dimensioni inferiore a 6 mm;
 almeno il 70% in peso del materiale dovrà avere dimensioni inferiori a 2 mm;
 non più del 5% in peso del materiale dovrà avere dimensioni inferiori a 0,063 mm (UNI 11531-1);
 dovrà essere esente da detriti, materiale organico, pietre o qualsiasi altro materiale estraneo.
Il materiale di riempimento di tipo B dovrà essere preferibilmente costituito da sabbia, ghiaia e ciottoli o
pozzolana, onde precostituire un buon sottofondo per le pavimentazioni stradali.
Ove non esistessero problemi di pavimentazione e/o di servizi vicini potrà essere utilizzato, nel rispetto delle
norme vigenti, materiale di risulta, il quale dovrà comunque essere esente da detriti, materiale organico e
pietre di grosse dimensioni (> di 20 cm).
La posa in opera del materiale di rinterro di tipo A dovrà avvenire secondo le modalità indicate di seguito:
 strato di fondazione sotto la rete: deposto sul fondo dello scavo a strati di spessore non superiore di 15
cm, compattato a mano con cura ordinaria mediante l'utilizzo di pala. Il materiale dovrà essere posto in
opera per tutta la larghezza della trincea. Lo spessore minimo finale dello strato al di sotto della rete dovrà
essere come da progetto e comunque non inferiore a 7 cm;
 strato o strati di rinfianco: la compattazione dello stesso sarà prescritta in fase di progetto;
 strato di copertura: dovrà essere posto in opera senza compattazione realizzando lo spessore di progetto e
comunque uno spessore non inferiore a cm 15.
La posa in opera del materiale di tipo B dovrà sempre avvenire in modo tale da evitare che venga meno lo
spessore di ricoprimento minimo di progetto per il materiale di tipo A. Una compattazione a strati di spessore
non superiori a 30 cm con piastra vibrante o similare dovrà essere eseguita laddove è previsto l'uso di
materiale granulare grossolano sotto a pavimentazioni stradali. Una compattazione ordinaria è da prevedersi
in casi diversi.
L'ESECUTORE dovrà sempre accertare che il rinterro sia eseguito in modo tale che non vi siano cavità
superficiali o interne al materiale di rinterro che possono costituire pericolo alle persone e/o animali e mezzi.
Considerata l’attenzione che deve essere posta nel posizionamento dei tubi, l’ESECUTORE dovrà curare
particolarmente l'alloggiamento dei giunti in modo tale da garantire che la reazione del terreno sia distribuita
lungo tutto il tubo e non sia concentrata in corrispondenza degli elementi di giunzione. Nel caso di giunti a
bicchiere dovranno essere previste, in corrispondenza di ciascun giunto, opportune sedi preparate nello strato
sabbioso di base. Qualora risultasse necessario procedere in modo diverso da quanto sopra specificato
l’ESECUTORE dovrà comunque evitare il ricorso a blocchi o mattoni o mucchi di sabbia, mentre è
consentito l’impiego di sacchetti di sabbia.
L'ESECUTORE dovrà curare la manutenzione continua dei rinterri in modo da mantenere il piano viabile
perfettamente piano, senza avvallamenti o convessità, tale da garantire la viabilità e la sicurezza della sede
stradale fino al ripristino della pavimentazione, fatte salve diverse prescrizioni degli Enti locali interessati.
Alla profondità prevista in progetto, e ove richiesto dal progetto o dalla DIREZIONE LAVORI, dovranno
essere posti in opera un opportuno segnale di presenza e identificazione della rete, realizzato con rete, nastro,
mattoni in cotto o cls, secondo la tipologia prevista dal progetto.
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 13 di 20
SEZIONE 16

1.6.3. MANUFATTI PER TOMBINI E SOTTOPASSI


Per i manufatti per tombini e sottopassi realizzati in opera valgono le prescrizioni contenute nella Sezione 6
“Opere in conglomerato cementizio armato” del Capitolato generale tecnico di appalto delle opere civili di
RFI.
Il rinterro dell'opera dovrà realizzato tenendo conto delle disposizioni legislative vigenti e delle prescrizioni
riportate nella Sezione 5 “Opere in terra e scavi” e della sezione 20 “Gestione delle terre e rocce da scavo” del
presente Capitolato e in particolare, ove applicabile, di quanto previsto nella parte rilevato in prossimità delle
opere d'arte.
Per quanto riguarda la spinta di manufatti sotto la sede ferroviaria, si dovrà fare riferimento a quanto
prescritto nella Sezione 12 “Ponti, viadotti e sottovia” del presente Capitolato.

1.6.4. TUBAZIONI PER DRENAGGI


Le tubazioni in cemento saranno eseguite impiegando casseforme pneumatiche oppure tubi prefabbricati, in
conformità ai tipi normali e agli spessori indicati nei disegni tipo di progetto.

1.6.4.1. Tubazioni eseguite con casseforme pneumatiche


Il calcestruzzo impiegato per la costruzione della platea, i rinfianchi e la volta sarà del tipo IV secondo le
NTC 2008.

1.6.4.2. Tubazioni eseguite con elementi prefabbricati


A seconda delle condizioni d’uso, potranno essere utilizzati tubi in calcestruzzo vibrocompresso non armato
o armato, con le caratteristiche e le specifiche riportate nei paragrafi seguenti.

1.6.4.2.1. Tubi prefabbricati in calcestruzzo non armato


Saranno previsti tubi con classe di resistenza a rottura≥ 60 kN/m
I tubi prefabbricati saranno realizzati a sezione circolare in calcestruzzo vibrocompresso non armato,
conformi alla normativa europea UNI EN 1916, confezionati con inerti di cava e di fiume vagliati e lavati per
ottenere un calcestruzzo di classe > 40 N/mm2.
I tubi dovranno essere di lunghezza non inferiore a m 2, con giunto a bicchiere esterno con anello di tenuta in
gomma, conforme alle norme UNI EN 681, incorporato nel getto e saldamente ancorato al tubo.
I tubi dovranno essere autoportanti e saranno posti in opera in scavo a trincea stretta per profondità di
interramento variabili da 1 a 3 m, calcolati dall'estradosso superiore del tubo.
I tubi saranno prefabbricati in stabilimento specializzato con impianti automatici; controllati, collaudati e
certificati secondo la normativa vigente, con impressa la marcatura secondo quanto indicato nel punto 8 della
norma UNI EN 1916.

1.6.4.2.2. Tubi prefabbricati in calcestruzzo armato


Saranno previsti tubi con classe di resistenza a rottura ≥ 90kN/mt e con classe di resistenza a rottura≥
1350kN/m
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 14 di 20
SEZIONE 16

I tubi prefabbricati saranno realizzati a sezione circolare di calcestruzzo vibrocompresso armato con gabbia
rigida in acciaio BE 450 C, con classi minime di resistenza indicate nella normativa europea UNI EN 1916,
confezionati con inerti di cava e di fiume vagliati e lavati per ottenere un calcestruzzo di classe > 45 N/mm2.
I tubi dovranno essere di lunghezza non inferiore a 2 m, con giunto a bicchiere e anello di tenuta in gomma,
conforme alle norme UNI EN 681, incorporato nel getto e saldamente ancorato al tubo.
I tubi dovranno essere autoportanti e saranno posti in opera in scavo a trincea stretta per profondità di
interramento variabili da 1 a 4 m, calcolati dall'estradosso superiore del tubo.
I tubi saranno prefabbricati in stabilimento specializzato con impianti automatici; controllati, collaudati e
certificati secondo la normativa vigente, con impressa la marcatura secondo quanto indicato nel punto 8 della
norma UNI EN 1916.

1.6.5. RECINZIONI

1.6.5.1. Recinzione con paletti in c.a.p. e rete metallica


La recinzione sarà costituita con fili di acciaio zincato del diametro di 3 mm a maglia di 6x6cm e altezza di130
cm, montati su sostegni di conglomerato cementizio armato prefabbricato e precompresso di dimensioni di
cm 8x8 e posti ad interasse di cm 250, con fili di irrigidimento e tiranti, ancorati al terreno mediante blocco di
base in conglomerato cementizio con classe di resistenza C16/20 e delle dimensioni di cm 25x25x50. I
sostegni in cemento armato precompresso dovranno essere in grado di sopportare una forza orizzontale in
sommità di 100 daN.
I cancelli pedonali dovranno essere muniti di serratura.
Sulla recinzione dovranno essere predisposti cartelli monitori di cm 25x15 ogni 100 m in materiale plastico
pesante di colore nero con stampate in rilievo la dicitura di colore bianco: “Proprietà RFI Vietato l'accesso”.
Quanto detto per i cartelli monitori vale anche per le tipologie di recinzione descritte ai successivi punti.

1.6.5.2. Recinzione formata con lastre prefabbricate in c.a. vibrato


La recinzione sarà formata con lastre prefabbricate in c.a. vibrato dello spessore di 6 cm, con una faccia liscia
e una nervata, posta in opera a incastro in pilastri prefabbricati in c.a. vibrato con sezione a doppio T.
I pilastri devono essere posti ad interasse di 3,10 m e fissati al terreno per un'altezza non inferiore a 0,50 m
mediante blocco di base o cordolo di fondazione in conglomerato cementizio.
Tutte le connessioni devono essere sigillate con malta cementizia.

1.6.5.3. Recinzione con muretto di base e sovrastante grigliato


Il muretto sul quale andrà montata la recinzione sarà in cemento armato, a faccia a vista.
La parte fuori terra di detto muro non sarà inferiore a 70 cm e non sarà superiore a 100 cm e avrà una
larghezza di 30 cm.
Nel muro di cui sopra andranno incastrate le piantane in ferro piatto a sostegno degli elementi modulari della
griglia.
L'altezza del grigliato sarà di 1,70 m circa; l'interasse delle piantane sarà, di norma, pari a 2m.
Il peso del grigliato sarà di 15 Kg/m 2 ± 20% e comunque in conformità ai documenti di progetto.
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 15 di 20
SEZIONE 16

Sia le piantane che il grigliato saranno protetti con un trattamento protettivo di zincatura a caldo conforme
alle norme UNI EN ISO 1461. La bulloneria per il fissaggio dei pannelli alla piantana dovrà essere in acciaio
inox, antifurto con dado a strappo.

1.6.5.4. Recinzione con muretto e sovrastante rete elettrosaldata zincata


Il muretto avrà caratteristiche uguali a quelle descritte per la recinzione del tipo precedente.
Le piantane per questo tipo di recinzione, la cui altezza misurata dalla sommità del muretto sarà di 1,80 m,
saranno poste a un interasse di metri 1,50.
La rete elettrosaldata da infiggere sarà zincata a caldo e avrà diametro spaziatura dei ferri tale da raggiungere il
peso di 3,5 Kg/m2 ± 15%.

1.6.5.5. Recinzione con paletti in profilato di ferro e rete zincata


Sarà costituita da:
 paletti intermedi in profilato di acciaio (A34UNI EN 10048) zincato, con sezione a T 40 x 40 mm, di
spessore 5 mm, con altezza 170 cm e interasse pari a 2,5 m. Saranno fissati nel terreno per una profondità
di m 0,50 mediante blocco di cemento magro a rapida presa aventi dimensioni minime 25 x 25 x 50 cm;
 rete a maglia quadra 60 x 60 elettrosaldata, in filo zincato crudo 3 mm, per un’altezza totale, comprese le
sporgenze, di m 1,85, del peso di circa Kg 7/m2 completo di n 3 fili di tensione in acciaio zincato.
La recinzione sarà completata dai fili per legature, dai bulloni in acciaio zincato, compreso gli scavi e il
calcestruzzo per le fondazioni.

1.6.6. BARRIERE ANTIVENTO


Le barriere antivento, da posizionare e costruire in accordo con lo standard “Barriere antivento per impieghi
ferroviari” di cui alla Sezione 3 della Parte II del Manuale di Progettazione delle Opere Civili, sono costituite
da una struttura di sostegno (montante) e pannelli in distribuzione spaziale.
Tale barriera potrà essere utilizzata su linee ferroviarie con velocità V300 km/h., con velocità del vento
prevista< di 45m/s (162 km/h), e con caratteristiche geotecniche del terreno non inferiori di quelle adottate
in progetto.

1.6.6.1. Materiali
I materiali costituenti le barriera dovranno corrispondere alle caratteristiche seguenti.

1.6.6.1.1. Acciai da carpenteria


 Acciaio per montanti metallici, piastre e irrigidenti saldati tipo S355J2 UNI EN 10025
 Acciaio per montanti metallici, piastre e irrigidenti non saldati tipo S355J0 UNI EN 10025
 Acciaio per le lamiere dei pannelli tipo S355J0 UNI EN 10025
Le lamiere costituenti i pannelli, compresi i profili a C, devono essere piegate a caldo
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 16 di 20
SEZIONE 16

1.6.6.1.2. Tirafondi
Barre interamente filettate con filettatura metrica ISO a passo grosso, di caratteristiche meccaniche
equivalenti alla classe 8.8 secondo UNI EN ISO 898 parte I
 dadi con caratteristiche meccaniche equivalenti alla classe 8, conformi per le caratteristiche dimensionali
alla UNI 14399-4;
 rosette in acciaio temperato e rinvenuto HV 300÷370 conformi per le caratteristiche dimensionali alla
UNI 14399-6;
 coppie di serraggio tali da garantire un tiro pari al 60% dei valori della NTC 2018.
Barra filettata, dado e rosetta dovranno essere forniti da un unico produttore
I tirafondi dovranno essere montati con una rosetta sotto il dado e con dado e controdado

1.6.6.1.3. Rivetti
Rivetti a strappo a testa tonda UNI 9202 in acciaio inox AISI 304

1.6.6.1.4. Saldature
Le saldature dovranno essere eseguite e controllate nel rispetto della nel rispetto della indicazioni contenute
nella sezione 6 della parte II del Capitolato Generale Tecnico di appalto delle Opere Civili, con le seguenti
precisazioni:
 tra i procedimenti di saldatura applicabili di cui al punto II.3.3 si può utilizzare anche il filo continuo
pieno, purché le saldature siano prive di difetti, quali incollature, ben raccordate al piede e comunque
previo consenso dell’Ente preposto al controllo delle saldature
 relativamente ai controlli, fermo restando che il costruttore dovrà eseguire e certificare i controlli visivi,
dimensionali e magnetoscopici nelle percentuali previste al punto II.9.1 e II.9.2, in sede di collaudo,
trattandosi di produzione di serie, l’Ente preposto ai controlli potrà definire nelle specifiche tecniche da
approvare per ciascun fornitore, delle percentuali variabili in funzione degli esiti degli accertamenti su lotti
simili, fatto salvo che la certificazione (nel rispetto della indicazioni contenute nella sezione 6 della parte II
del Capitolato Generale Tecnico di appalto delle Opere Civili) dovrà essere relativa a tutti i lotti di
produzione da spedire in cantiere.
Le saldature si intendono continue e a cordone d’angolo (salvo diversa indicazione).

1.6.6.1.5. Rivestimenti protettivi


Tutte le parti metalliche dovranno essere sottoposte a zincatura a caldo in accordo a quanto riportato nella
norma UNI EN ISO 1461.
Tirafondi zincati a caldo in accordo a quanto riportato nella norma UNI EN ISO 10684.
Ulteriore trattamento protettivo della superficie con cicli omologati come da indicazioni contenute nella
sezione 6 della parte II del Capitolato Generale Tecnico di appalto delle Opere Civili.

1.6.6.1.6. Prove sui materiali


Tutti i materiali impiegati relativi ai montanti, alle piastre e ai pannelli dovranno essere approvvigionati in
accordo al D.M. 14/01/2008 e dovranno avere la marcatura CE. Sugli stessi dovranno essere eseguite 3 prove
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 17 di 20
SEZIONE 16

ogni 30 ton (o frazione) per materiali omogenei, avendo cura comunque di provare almeno un campione per
ogni singola colata approvvigionata.
Per quanto riguarda tirafondi, bulloni ed elementi diversi, gli stessi potranno essere forniti di un certificato di
controllo secondo quanto previsto dalla norma UNI EN 10204 punto 3.1. Su questi ultimi FERROVIE si
riserva di eseguire prove integrative (trazione, resilienza, durezza, ecc.).
Controllo dei materiali lavorati
Prima della spedizione in opera, gli elementi costruiti dovranno essere sottoposti da parte di personale FS,
oltre ai controlli previsti sulle saldature, ai controlli dimensionali e visivi, nonché a quelli sul rivestimento in
ragione del 30% degli elementi prodotti per ciascun lotto di produzione; tali controlli potranno essere estesi in
funzione dell’esito dei controlli, fino al 100% degli elementi stessi.
Le tolleranze di tutti i materiali lavorati dovranno essere in linea con quelle previste nelle normative di
riferimento dei singoli elementi costituenti.
Controllo in opera
Dopo il montaggio in opera saranno effettuate a campione da parte delle FS verifiche di posizionamento dei
montanti e delle coppie di serraggio; tali controlli potranno essere estesi in funzione dell’esito degli stessi, fino
al 100% degli elementi stessi. Infine saranno effettuati controlli sulla finitura del rivestimento.
Deve essere curata la verticalità dei montanti; è ammesso uno scostamento massimo di 5 mm, misurato in
sommità, sia nel senso trasversale che longitudinale della barriera.

1.6.6.2. Conglomerato cementizio


Le caratteristiche dei conglomerati cementizi, da utilizzare per la realizzazione delle fondazioni delle barriere
antivento, sono contenute nella Sezione 6 – Opere in conglomerato cementizio - del presente Capitolato.

1.6.6.3. Acciaio per cemento armato


Per il cemento armato saranno previsti i seguenti acciai:
 Acciaio tipo B450C ad aderenza migliorata saldabile qualificato per cemento armato (barre e reti
elettrosaldate);
 Per tutti gli acciai per conglomerato cementizio armato valgono le seguenti prescrizioni:
f/y = tensione nominale di snervamento = 450 N/mm2
f/t = tensione nominale di rottura = 540 N/mm2

1.6.6.4. Acciaio da carpenteria metallica per micropali


ACCIAIO S275JR UNI EN 10025/05 (f/yk=275 N/mm2, f/tk=430 N/mm2)

1.6.6.5. Operazioni di montaggio

1.6.6.5.1. Messa in opera tirafondi


La tolleranza massima prevista per le seguenti grandezze:
 distanza relativa fra i baricentri delle coppie di tirafondi
CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 18 di 20
SEZIONE 16

 distanza fra il baricentro delle coppie di tirafondi e bordo del manufatto: ±5 mm.
Per la corretta messa in opera dei tirafondi si può utilizzare una “doppia dima” (asta di stanziatrice).

1.6.6.5.2. Messa in opera del montante


Il montante è costituito da un HEA180 di lunghezza circa 3.00m alla cui estremità è saldata una piastra di
base opportunamente irrigidita per consentirne l’ancoraggio alle sottostrutture tramite tirafondi. Si tratta di
manufatti relativamente leggeri e pertanto facilmente movimentabili. Gli aspetti di maggiore rilievo nella
messa in opera del montante sono quelli legati al conseguimento della verticalità.
Posizionamento montanti:
 A partire dal punto iniziale del tracciamento, tendere un filo ogni 10 m, utilizzando per questa
operazione due chiodi infissi nel plinto in c.a. come estremi di ancoraggio del filo. L'altezza di cui deve essere
sollevato il filo lungo il chiodo rispetto all'estradosso del plinto é pari a 20 mm, in modo che tale altezza dal
plinto rimanga costante (ved. Fig. 16.6.1).
 Tagliare un elemento di legno a forma di parallelepipedo avente base 40x40 mm e altezza pari alla
distanza tra il filo e l'estradosso plinto.
 Posizionare l'elemento in legno al centro della piastra. Posizionare la colonna collocandola piastra di base
stessa sui tirafondi già inghisati, in modo che la piastra/colonna poggi sull'elemento in legno e la verticalità
della colonna stessa (bolla verticale) sia regolata agendo sui dadi di serraggio.

Fig. 16.6.1 Posizionamento montanti e realizzazione baggiolo di allettamento.


CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 19 di 20
SEZIONE 16

Realizzazione del baggiolo di allettamento


 Dopo aver posizionato definitivamente le colonne, posizionare il cassero in modo tale da lasciare una
distanza di circa 40 mm lateralmente dalla piastra di inghisaggio per ogni lato.
 Realizzare il baggiolo per colaggio di malta fluida.
 Dopo aver atteso il tempo sufficiente di maturazione della malta, scasserare, togliere la rondella utilizzata
per il montaggio ed inserire in serie la rondella dielettrica, la rondella speciale, la rondella standard e il dado.
 Serrare i dadi con la coppia di progetto.
 Riserrare dopo 10 e 20 giorni.
 Serrare il controdado sul dado con una coppia pari al 10% della coppia del dado.
 Inserire la piastrina con funzione di antisvitamento, fissata con vite dielettrica alla piastra di base.

1.6.6.5.3. Messa in opera dei pannelli


Una volta predisposti i montanti, si procede alla messa in opera dei pannelli già assemblati come descritto nei
paragrafi precedenti e già muniti di guarnizione, (ved. Fig. 16..6.2). Questi verranno calati dall’alto mediante
adeguati dispositivi di sollevamento, operando dal lato esterno binario o dal lato interno. Per agevolare la
messa in opera dei pannelli e non rovinarne le guarnizioni, saranno predisposte delle guide laterali in lamiera
con spigoli arrotondati da istallare sulla testa del montante, che forniscono un invito per fare in modo che il
pannello si posizioni nell’apposito spazio tra le ali del profilo HEA180.

Figura 16.6.2 –Messa in opera pannello.


CAPITOLATO GENERALE TECNICO DI APPALTO
DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 16
OPERE VARIE

CAPITOLATO - PARTE II -
Codifica: RFI DTC SI CS SP IFS 010 D FOGLIO 20 di 20
SEZIONE 16

Figura 16.6.3 –Messa in opera pannello.

1.7. COLLAUDI
Tutte le opere saranno soggette, per quanto necessario e di pertinenza, a Collaudi Statici, Collaudi Tecnici-
Amministrativi, Certificati di Regolare Esecuzione secondo quanto prescritto dalle attuali normative vigenti in
materia.

Potrebbero piacerti anche