Sei sulla pagina 1di 19

TEORIA

MUSICALE

Elaborazione appunti: prof. Marco DE PREZZO


Dispensa di Ed. Musicale
Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 2

TEORIA MUSICALE

Le note musicali sono 12. Ecco le prime 7:

Notazione DO1 SI
DO2
RE MI FA SOL LA
ITALIANA
UT1 UT2
Notazione
ANGLOSASSONE
C1 D E F G A B C2

Suoni
GIÙ ç-------------- --------------è SÙ Suoni
GRAVI o BASSI ACUTI o ALTI


I nomi delle note, nella Notazione Italiana, derivano dai versi di una poesia in lingua latina, un INNO A SAN
GIOVANNI BATTISTA:

UT queant laxis
REsonare fibris
MIra gestorum
FAmuli tuorum
SOLve polluti
LAbii reatum
Sancte Iohannes

Il nome UT fu mutato in DO, probabilmente per renderne più facile la pronuncia durante il canto.

I nomi delle note, nella Notazione Anglosassone, sono indicati con le lettere dell’ ALFABETO. In Italia, il DO è
considerato la prima nota della SCALA (DO, RE, MI, FA, SOL, LA, SI, DO); nei paesi anglosassoni, invece, è il
LA (LA, SI, DO, RE, MI, FA, SOL, LA) ed è rappresentato dalla lettera A.
Le note musicali si scrivono sul RIGO MUSICALE o PENTAGRAMMA (PENTA = cinque; GRAMMA = linea),
formato da 5 RIGHE orizzontali e parallele e 4 SPAZI (tra una linea e l’altra):
Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 3


Le righe e gli spazi si contano partendo dal basso:

Righe Spazi



Il PENTAGRAMMA, come una MANO, ha 5 righe (o dita) e 4 spazi. Ricordiamocelo, presto ci tornerà utile:

= Righe
= Spazi


Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 4

Che nota è?



Le risposte ESATTE possibili sono 2:

“Questa scrittura NON HA SENSO”


“Questa figura può indicare QUALSIASI NOTA”

Per denominare le note sul pentagramma, occorre prima di tutto stabilire una NOTA DI RIFERIMENTO.
Per questo, sono stati inventati alcuni segni grafici, le CHIAVI MUSICALI; ogni CHIAVE assegna una
determinata nota a un preciso rigo del pentagramma; una volta fissata la nota di riferimento, si potranno
facilmente denominare tutte le altre. Le chiavi più usate sono:

Nome Chiave Rigo Nota abbinata Segno grafico Registro




SOL G
Chiave di SOL o Medio
II rigo
di VIOLINO Acuto

FA F
Chiave di FA Medio
IV rigo
o di BASSO Acuto


Quindi:


Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 5

SCHEMA RIASSUNTIVO
Tipo di CHIAVE

Nome Chiave di Chiave di Chiave di


TIPO DO FA SOL

Segno
grafico


Chiave di Chiave di Chiave di Chiave di Chiave di


SOPRANO MEZZO SOPRANO BARITONO BASSO VIOLINO



Nome
CHIAVE

Chiave di Chiave di
CONTRALTO TENORE




Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 6

DOPPIO PENTAGRAMMA (o RIGO DEL PIANOFORTE)


Poiché il pianoforte, generalmente, si suona con entrambe le mani, gli SPARTITI PIANISTICI sono scritti su
un DOPPIO PENTAGRAMMA. Esso è formato da 2 pentagrammi semplici uniti da una parentesi graffa:

Il rigo SUPERIORE, di solito, è assegnato alla MANO DESTRA (M. DX)


Il rigo INFERIORE, di solito, è assegnato alla MANO SINISTRA (M. SX)

Quale CHIAVE dovrà essere assegnata a ogni rigo?

La tastiera del PIANOFORTE ha un’ampia ESTENSIONE che inizia da suoni molto BASSI e termina con suoni
molto ACUTI (circa 88 tasti, tra bianchi e neri). Suddividiamo tale estensione in 3 SETTORI (o REGISTRI):

• Registro BASSO • Registro MEDIO (o CENTRALE) • Registro ACUTO

CHIAVE DI VIOLINO (o di SOL): registro MEDIO (o CENTRALE) + registro ACUTO (o ALTO)

CHIAVE DI BASSO (o di FA): registro MEDIO (o CENTRALE) + registro GRAVE (o BASSO)


Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 7

L’inserimento delle CHIAVI sul DOPPIO PENTAGRAMMA dipende dal COMPOSITORE:

Registro Descrizione Chiavi assegnate

Il brano pianistico è composto


GRAVE prevalentemente da suoni GRAVI:

(o BASSO) • M.DX: registro MEDIO-BASSO

• M.SX: registro BASSO

Il brano pianistico è composto


MEDIO prevalentemente da suoni CENTRALI:

(o CENTRALE) • M.DX: registro MEDIO-ALTO

• M.SX: registro MEDIO-BASSO

Il brano pianistico è composto

ACUTO prevalentemente da suoni ACUTI:

(o ALTO) • M.DX: registro ALTO

• M.SX: registro MEDIO-ALTO


Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 8

METODO DELLA MANO


(per la rappresentazione del doppio pentagramma)


Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 9

Metodo della MANO:

Chiave di SOL (Mano DESTRA o M.DX)


= Righe
= Spazi





Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 10

Metodo della MANO:

Chiave di FA (Mano SINISTRA o M.SX)


= Righe
= Spazi





Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 11

SCHEMA CHIRONOMICO RIASSUNTIVO

DO

Le note musicali sulla tastiera del PIANOFORTE:


Gruppo di 2 Gruppo di 3

Ogni DO si trova all’inizio di ogni GRUPPO DI 2 TASTI NERI:


Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 12

ENIGMISTICA MUSICALE
Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 13
Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 14

LE FIGURE MUSICALI

Sono un gruppo di diversi SEGNI GRAFICI che stabiliscono la DURATA precisa di un qualsiasi suono, scritto
sul PENTAGRAMMA. Le figure che useremo sono:

Durata
Nome figura Grafia Scansione Sillabica Pausa Scansione sillabica
(Impulsi)

UNO – DUE –
SEMI-BREVE TA – A – A – A 4
TRE – QUATTRO

MINIMA TA – A UNO – DUE 2

SEMI-MINIMA TA UNO 1

CROMA UN 1/2
TI – TI

SEMI-CROMA UN 1/4
TI – RI – TI - RI


Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 15

GLI INTERVALLI
In musica, l’INTERVALLO è la distanza tra un suono A e un suono B. Per misurare un intervallo si contano le
note (della scala) contenute nella distanza considerata, compresi il suono A e il suono B.

DO1 - RE Seconda DO1 RE

DO1 - MI Terza DO1 RE MI

DO1 - FA Quarta DO1 RE MI FA

DO1 - SOL Quinta DO1 RE MI FA SOL

DO1 - LA Sesta DO1 RE MI FA SOL LA

DO1 - SI Settima DO1 RE MI FA SOL LA SI

DO1 - DO2 Ottava DO1 RE MI FA SOL LA SI DO2


Il SEMITONO è il più piccolo INTERVALLO tra due suoni consecutivi della scala*

Il TONO è il più grande INTERVALLO tra due suoni consecutivi della scala*. E’ formato da 2 SEMITONI

Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 16

“Il semi-tono è il più PICCOLO intervallo tra 2 SUONI CONSECUTIVI della scala”

Osservando la particolare conformazione della tastiera del pianoforte, si nota che:

• I tasti BIANCHI formano una sequenza CONTINUA, AFFIANCATI l’uno con l’altro
• I tasti NERI formano una sequenza DISCONTINUA, NON AFFIANCATI l’uno con l’altro
• I tasti NERI sono ordinati in GRUPPI DI 2, ALTERNATI a GRUPPI di 3
• Alcune coppie di tasti BIANCHI consecutivi:

ü Sono separate da un tasto NERO, p.es.

ü Non sono separate da un tasto NERO, p.es.

• La parte alta della tastiera (del pianoforte), vista dall’alto, somiglia alla rappresentazione grafica di una
SCALA (in senso architettonico). Nello schema seguente, a ogni gradino è stato associato un numero:

1° 2° 3° 4° 5° 6° 7° 8° 9° 10° ecc.

I tasti 2° e 3° sembrano avere la stessa distanza dal tasto 1°, ma in base alle ultime considerazioni
(i gradini della scala), il tasto 2° È PIU’ VICINO e il tasto 3° È PIU’ LONTANO.
Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 17

• Questo significa che:


1° 2° 3° 4° 5° 6° 7° 8° 9° 10° 11° 12° 13° 14° ecc.

Tasti Intervallo Tasti Intervallo


1° - 2° 1° - 3°
2° - 3° Seconda 2° - 4° Seconda
Semi-tono Tono
5° - 6° MINORE 5° - 7° MAGGIORE

12° - 13° 12° - 14°

LE ALTERAZIONI
# = DIESIS = ALZA il suono indicato di 1 SEMITONO

b = BEMOLLE = ABBASSA il suono indicato di 1 SEMITONO

= BEQUADRO = ANNULLA l’effetto delle ALTERAZIONI


Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 18

LA SCALA CROMATICA
La SCALA CROMATICA è una sequenza di 12 suoni ORDINATI e tra loro EQUIDISTANTI un semitono.
Suonata al pianoforte, essa appare come una successione ORDINATA di TASTI BIANCHI e TASTI NERI.

Quindi, complessivamente, le note musicali sono 12:

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

DO1 DO# RE# FA# SOL# LA# DO2


ITA RE MI FA SOL LA SI
UT2 REb MIb SOLb LAb SIb UT2

UK C# D# F# G# A#
C1 D E F G A B C2
USA
Db Eb Gb Ab Bb

GIU’ç----------------- ----------------èSU’
Suoni Suoni
GRAVI ACUTI
Elaborazione Appunti: prof. Marco De Prezzo 19

LA SCALA DI DO
La SCALA DI DO è una sequenza di suoni ORDINATI, non sempre EQUIDISTANTI.
Suonata al pianoforte, essa è composta da soli TASTI BIANCHI.

T T ST T T T ST

La struttura intervallare della SCALA DI DO è il MODELLO su cui si basano tutte le altre scale.
Essa consente di costruire una SCALA partendo da una nota qualsiasi.

Potrebbero piacerti anche