Sei sulla pagina 1di 23

Anno di formazione e prova per

docenti neoassunti e docenti con


passaggio di ruolo

Anno scolastico 2021/22

BILANCIO INIZIALE DELLE


COMPETENZE

neoassunti.indire.it
1
Indice

Introduzione 2
Il Bilancio delle competenze nel contesto della formazione Neoassunti 3
Come compilare il Bilancio iniziale 3
Il Bilancio iniziale in breve: normativa, oggetto, impegno previsto e tempi 5
Struttura del Bilancio iniziale delle competenze 5
Il Bilancio attività da svolgere nell’ambiente online 6

2
Introduzione

Il Bilancio iniziale ha una doppia valenza:

● informare su quali siano le competenze che la ricerca in ambito educativo a livello


nazionale e internazionale, ritiene proprie della professionalità del docente;
● favorire la riflessione su queste competenze al fine di individuare i propri punti di
forza o, al contrario, di debolezza, in un processo di auto-valutazione in cui il
docente dovrebbe auspicabilmente essere sostenuto dal tutor e dovrebbe condurlo
alla definizione delle attività formative dell’anno di prova. Le domande guida che
accompagnano ogni descrittore di competenza hanno la funzione di chiarirne il
significato.

La redazione del Bilancio iniziale rappresenta, dunque, la premessa sulla base della quale
elaborare, con il supporto del tutor e del Dirigente scolastico, il Patto formativo. In
quest’ultimo devono essere indicate le azioni formative che s’intendono intraprendere
durante l’anno di prova e i corrispondenti obiettivi formativi (art. 5, DM 850/2015; art. 4,
CM 36167/2015).
Il Patto formativo dovrà essere elaborato sulla base del modello in uso nel proprio istituto
(nel Toolkit sono resi disponibili dei modelli di Patto formativo condivisi dalle scuole negli
anni passati).

Il Bilancio delle competenze nel contesto della formazione Neoassunti

Il Curriculum formativo, il Bilancio iniziale delle competenze e il Patto formativo definiscono


la traiettoria formativa del docente durante l’anno di prova e costituiscono utili indicazioni
anche per il tutor affinché, in particolare durante la fase peer to peer, supporti il docente a
comprendere meglio il proprio stile di insegnamento, a valorizzare i propri punti di forza e/o
a potenziare quelli di debolezza.

Un’elaborazione accurata del Bilancio consente al docente di:


● auto-valutare le proprie competenze;
● individuare elementi sui quali far convergere l’attenzione del tutor;
● predisporre una documentazione didattica chiara e coerente con i propri bisogni
(dal Patto formativo ai Bisogni futuri);
● conoscere le dimensioni della professionalità docente emerse dalla ricerca
internazionale;
● agevolare la preparazione della fase istruttoria curata dal tutor di fronte al comitato
di valutazione (art. 13, DM 850/2015).

Si sottolinea, infine, che il Bilancio iniziale non ha un carattere valutativo ma è pensato per
supportare il docente in un personale processo di auto-valutazione.
3
Come compilare il Bilancio iniziale

● Per ciascun ambito ti chiediamo di selezionare fino a un massimo di tre descrittori


di competenza e di elaborare un testo di massimo 3.000 battute spazi inclusi, per
motivare le ragioni della tua scelta e il livello di competenza percepito.
● I descrittori delle competenze sui quali ti chiediamo di riflettere sono stati pensati
unitariamente. Tuttavia abbiamo ritenuto utile proporre lievi differenziazioni per i
diversi ordini di scuola e per il sostegno. Dove non diversamente specificato i
descrittori sono rivolti a TUTTI i docenti.
● Le domande guida che accompagnano ciascun descrittore di competenza, sono
intese a chiarire il contesto, il significato e l’articolazione della competenza
corrispondente, oltre a costituire una potenziale traccia per il testo libero da
comporre alla fine di ogni ambito.
● Per selezionare i descrittori di competenze puoi utilizzare i seguenti 3 criteri:

1. competenze non possedute che, però, si ritengono importanti e si


vorrebbero acquisire;
2. competenze note, ma che di cui si vorrebbero approfondire alcuni
aspetti;
3. competenze che si ritiene di possedere a un livello adeguato o nelle
quali ci si percepisce come esperti.

4
5
Il Bilancio iniziale in breve: normativa, oggetto, impegno previsto e tempi

Informazioni disponibili nell’ambiente Impegno in ore e


Oggetto dell’attività e riferimenti online di supporto all’anno di formazione tempistica
normativi e prova 2019/2020

Il Bilancio iniziale consente un’auto-valutazione Nella sezione Bilancio iniziale si accede allo Impegno
delle proprie competenze in relazione al strumento che consente la lettura e la previsto:
complesso delle competenze professionali del scrittura del proprio Bilancio delle o 3 ore (stima)
docente come identificate dal gruppo di ricerca del competenze, vi si trovano informazioni su: Tempistica:
MIUR. È’ un’attività funzionale alla o Come utilizzare lo strumento o Entro il
personalizzazione del percorso formativo dell’anno o Come redigere il Bilancio secondo
di prova (le competenze indicate come deboli coerentemente con i suoi obiettivi mese dalla
potrebbero essere oggetto dei laboratori, delle formativi e auto-valutativi (queste presa di
visite o della collaborazione con il tutor). indicazioni per la compilazione) servizio.
Il Bilancio iniziale è una delle attività descritte con o Quali domande ricorrenti hanno posto
maggiore dettaglio dalla normativa, che ne indica: gli utenti delle passate edizioni (FAQ).
o l’obiettivo: auto-valutazione (DM 850, art.5,
c.1)
o la funzione: redigere il patto formativo (CM
36167/2015)
o la tempistica: entro il secondo mese dalla
presa di servizio (DM 850, art. 5, c.2)
o la durata: 3 ore (C.M. n°36167/2015)
o chi è coinvolto: docente, tutor (DM 850, art.
5, c.1)
o dove svolgere l’attività: ambiente
online/Indire (C.M. n°36167/2015).
Dal DM 850/2015
Art. 5 (Bilancio delle competenze, analisi dei
bisogni formativi e obiettivi della formazione)
1. Ai fini della personalizzazione delle attività di
formazione, anche alla luce delle attività didattiche
svolte, il docente neo-assunto traccia un primo
bilancio di competenze, in forma di
autovalutazione strutturata, con la collaborazione
del docente tutor.
2. Il bilancio di competenze, predisposto entro il
secondo mese dalla presa di servizio, consente di
compiere una analisi critica delle competenze
possedute, di delineare i punti da potenziare e di
elaborare un progetto di formazione in servizio
coerente con la diagnosi compiuta.

Struttura del Bilancio iniziale delle competenze

Il Bilancio è strutturato in 3 aree; ogni area è a sua volta articolata in 3 ambiti, per un
totale di 9 ambiti. Aree e ambiti costituiscono “le dimensioni generative” delle competenze
che il docente interpreta ed esprime nell’esercizio quotidiano della propria professione.
Ogni ambito raccoglie infatti un numero variabile di competenze (o descrittori di
competenza). La definizione di ciascuna competenza è stata dedotta dalla letteratura
nazionale ed internazionale in ambito educativo e adattata al contesto italiano dagli esperti

6
del MIUR, anche alla luce del quadro normativo vigente (TU 297/1994; CCNL 2006-2009;
Legge 107/2015; DM 850/2015).

1. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALL’INSEGNAMENTO (Didattica)

a) Organizzare situazioni di apprendimento


b) Osservare e valutare gli allievi secondo un approccio formativo
c) Coinvolgere gli allievi nel processo di apprendimento

2. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALLA PARTECIPAZIONE ALLA VITA


DELLA PROPRIA SCUOLA ( Organizzazione)

d) Lavorare in gruppo tra docenti


e) Partecipare alla gestione della scuola
f) Informare e coinvolgere i genitori

3. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALLA PROPRIA FORMAZIONE


(Professionalità)

g) Affrontare i doveri e i problemi etici della professione


h) Servirsi delle nuove tecnologie per le attività progettuali, organizzative e formative
i) Curare la propria formazione continua

Il Bilancio attività da svolgere nell’ambiente online

1. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALL’INSEGNAMENTO (Didattica)

a) Organizzare situazioni di apprendimento

Selezionare fino a 3 competenze

COMPETENZE DOMANDE GUIDA

● 1. Individuare con chiarezza le Ritieni di essere in grado di individuare


competenze che gli allievi devono con facilità contenuti e relativi obiettivi di
sviluppare apprendimento adeguati alla tua classe?
Se hai difficoltà e incertezze, quali ne
sono le cause?

7
● 2. Rendere operativi gli obiettivi Ritieni di saper ricostruire chiaramente la
di apprendimento individuati, in relazione tra contenuti e obiettivi di
modo da verificarne il apprendimento?
conseguimento

● 3. (PRIMARIA, Ritieni di padroneggiare sufficientemente


SECONDARIE) i concetti chiave della tua disciplina in
Conoscere in maniera maniera tale da porli in relazione
adeguata i concetti chiave coerente con un percorso formativo
della disciplina adeguato al singolo allievo e/o alla
classe nel suo complesso?

● 4. Progettare le attività Ritieni che le conoscenze pregresse dei


didattiche e le attività e gli tuoi alunni influenzino il modo in cui
strumenti di valutazione progetti le attività e valuti
tenendo conto delle l’apprendimento? Se sì, come le rilevi?
conoscenze pregresse degli
studenti  

● 5. (INFANZIA) Collegare i campi Riesci a connettere i campi di esperienza


di esperienza alle attività con obiettivi e traguardi in una visione
didattiche complessiva delle competenze da
sviluppare?
● 6. (SOSTEGNO) Elaborare piani Ritieni di riuscire a collaborare
educativi inclusivi (PEI, PEP, PDP) per proficuamente con i tuoi colleghi, al fine
gli studenti che ne hanno necessità, in di elaborare un piano personalizzato che
modo da essere coerenti con il favorisca l’inclusione degli alunni che ne
percorso hanno uno specifico bisogno?

● 7. Progettare le attività della Ritieni di essere in grado di


classe, affinché queste tengano co-progettare percorsi educativi adeguati
conto delle necessità degli allievi ad allievi con particolari problematiche?
con bisogni speciali in modo da Riesci ad individuare agevolmente gli
favorirne l’integrazione obiettivi specifici su cui lavorare per
favorire la progressione di allievi con
particolari problematiche?

● 8. Verificare l’impatto dell’intervento Ritieni di riuscire ad individuare,


didattico in modo da coglierne le azioni all’interno di un’attività, che cosa è stato
più incisive particolarmente funzionale nel favorire
l’apprendimento?

8
● 9. Utilizzare le tecnologie e le Ritieni di avere un adeguato bagaglio di
opportunità offerte dalle tecnologie e conoscenze e strategie per supportare
dai linguaggi digitali per migliorare i gli allievi nell’uso delle tecnologie digitali
processi di apprendimento per favorire l’apprendimento? Ritieni di
saper guidare gli allievi ad un uso delle
tecnologie che crei un reale valore
aggiunto alla didattica? Se sì, di quale
valore aggiunto si tratta?

● 10. Progettare attività in cui lo studente Ritieni di riuscire a proporre attività nelle
sia al centro del processo di quali gli allievi sono protagonisti di
apprendimento e di costruzione delle processi volti a costruire conoscenze e/o
conoscenze risolvere problemi? Se no, perché? Quali
sono le difficoltà che incontri?

● 11. Prefigurare i possibili ostacoli Durante la fase di progettazione di


all'apprendimento e predisporre un’attività ritieni di prevedere quali
adeguate strategie di intervento potranno essere gli ostacoli
all'apprendimento che incontreranno gli
allievi.

Se sì, sai individuare le ragioni di tali


ostacoli dopo aver analizzato una
lezione già realizzata?

Descrivere, eventualmente utilizzando le domande guida, le ragioni della/e scelta/e


della/e competenza/e selezionata/e. Si consiglia di prendere in esame fino ad un
massimo di 3 competenze per ogni ambito.

La musica accompagna i nostri alunni in molti momenti della giornata. Non c’è più un momento
specifico per fermarsi ad ascoltarla. Oggi la musica è la colonna sonora della loro vita. Per
questo motivo ritengo che sia fondamentale far acquisire agli alunni competenze specifiche per
educarli all’ascolto musicale. Riconoscere vari generi musicali, riuscire ad individuare ritmo e
velocità nelle canzoni che ascoltano quotidianamente. Educarli all’ascolto musicale, permetterà
loro di acquisire o potenziare la capacità di ascoltare la musica con consapevolezza, ma
soprattutto di imparare ad ascoltare il prossimo. La progettazione didattica sarà organizzata
tenendo conto di eventuali lacune tecniche e teoriche dei singoli alunni. I sistemi informatici e
tecnologici messi a disposizione dalla scuola, uniti a supporti audio-visivi in mio possesso,
saranno strumenti fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi didattici prefissati. Gli alunni
potranno sperimentare nuove forme di ascolto musicale, e di creazione musicale.

9
1. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALL’INSEGNAMENTO (Didattica)
b) Osservare e valutare gli allievi secondo un approccio formativo

Selezionare fino a 3 competenze

COMPETENZE DOMANDE GUIDA

● 12. Considerare gli obiettivi di Ritieni di avere chiarezza in merito


apprendimento coerentemente all’organizzazione del curricolo
con uno sviluppo verticale del verticale? Se no, quali sono i problemi
curricolo che ti poni, i dubbi che hai?

● 13. Rendere gli studenti Ritieni di possedere adeguati strumenti


consapevoli dei loro progressi per osservare come gli allievi
rispetto agli obiettivi di apprendono? Riesci a fornire un
apprendimento riscontro agli studenti che consenta loro
di fare il punto sulle loro conoscenze e
competenze e individuare che cosa,
eventualmente, modificare (valutazione
formativa)?

● 14. Progettare attività di Ritieni di possedere un’adeguata


valutazione formativa conoscenza delle tecniche e degli
utilizzando una pluralità strumenti per proporre una valutazione
di strumenti e tecniche che potenzi in ogni allievo la capacità di
progettare e monitorare il proprio
apprendimento?  Ritieni di conoscere
differenti strumenti e tecniche per
favorire l’autovalutazione, la
valutazione tra pari, la co-valutazione
con il docente?

10
● 15. Progettare attività per Ritieni di saper progettare attività per la
la verifica delle verifica delle soft skills (problem
competenze trasversali solving, pensiero strategico, autonomia,
(soft skills) ecc.) anche attraverso la
predisposizione di “compiti di realtà”?
Descrivere, eventualmente utilizzando le domande guida, le ragioni della/e scelta/e
della/e competenza/e selezionata/e. Si consiglia di prendere in esame un massimo di 3
competenze per ogni ambito.

La valutazione degli alunni, risulta di fondamentale importanza sia per il docente, che per
l’alunno. Essa permette di tenere traccia dei progressi effettuati, sia per ogni singolo alunno, sia
per l’intera classe.
Nel valutare un alunno, tengo sempre in considerazione più fattori. Oltre alle verifiche in classe
ed alle interrogazioni, risulta fondamentale tenere conto anche dell’impegno mostrato dall’alunno,
del contesto sociale in cui vive, dei limiti oggettivi strutturali ( senso del ritmo, musicalità,
intonazione ). Ogni alunno è chiamato ad esprimere il proprio punto di vista ed a sottolineare sia i
punti di forza che quelli da migliorare. Ritengo che questo sia utile per spronare allo spirito critico
e alla consapevolezza circa il raggiungimento delle proprie abilità/competenze. Inoltre, queste
discussioni favoriscono la socializzazione e rafforzano il gruppo creando anche una positiva e
sana competizione incentivandosi l’uno con l’altro per il raggiungimento dell’obiettivo comune.
Destinando alla valutazione una forte vocazione formativa, sarebbe di mio interesse ampliare la
conoscenza di tecniche di valutazione efficaci come incentivo all’apprendimento.

1. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALL’INSEGNAMENTO (Didattica)


c) Coinvolgere gli allievi nel processo di apprendimento

Selezionare fino a 3 competenze

COMPETENZE DOMANDE GUIDA

● 16. Costruire un ambiente di Ritieni di essere in grado di attivare


apprendimento capace di situazioni didattiche che coinvolgano gli
sollecitare partecipazione, studenti in attività che stimolino
curiosità, motivazione e partecipazione, curiosità, motivazione e
impegno degli studenti

11
impegno (ad es. attività definite di
problem solving)?

● 17. Sviluppare la Ritieni di essere in grado di progettare e


cooperazione fra studenti e gestire situazioni nelle quali gli studenti
forme di mutuo siano impegnati nel costruire conoscenza
insegnamento attraverso processi collaborativi e
cooperativi, anche tramite forme di mutuo
insegnamento?

● 18. Progettare attività per Ritieni di saper elaborare adeguati


“imparare ad imparare” supporti e processi che potenzino negli
allievi autonomia, autoregolazione ed
elaborazione di strategie di studio
personali?

● 19. Costruire e condividere con Ritieni di saper gestire la discussione con


la classe regole chiare e tra gli allievi per stabilire regole
condivise o per prendere decisioni relative
al funzionamento scolastico? Ritieni di
gestire efficacemente con il gruppo classe
il rispetto di quanto deciso in modo
condiviso?

● 20. (INFANZIA) Curare Ritieni di saper progettare la sequenza


l’organizzazione di una giornata delle attività della giornata in modo tale
educativa equilibrata, ricca di che i bambini possano ottimizzare le loro
momenti di accoglienza, potenzialità in rapporto anche ai loro
relazione, gioco, bisogni fisici, emotivi, di conoscenza, di
apprendimento, vita pratica sperimentazione e movimento?

Descrivere, eventualmente utilizzando le domande guida, le ragioni della/e scelta/e


della/e competenza/e selezionata/e. Si consiglia di prendere in esame un massimo di 3
competenze per ogni ambito.

Una delle attività didattiche in grado di incentivare e stimolare l'apprendimento, sono la


progettazione e la preparazione di esecuzioni dal vivo di fronte alla classe. Mi piace coinvolgere
gli alunni non solo nella preparazione dei brani che verranno eseguiti ma in tutta la composizione
delle fasi che precedono la performance. Tra le Unità Didattiche di Apprendimento più
interessanti emerge quella della creazione, registrazione ed esecuzione di un brano. Si progetta
e si realizza qualcosa di pratico che andrà a configurarsi nella realtà come un evento concreto
fatto di variabili da considerare e da risolvere. In tal modo si andrà a generare tutta una serie di
processi collaborativi dettati dallo sforzo di ottenere un risultato condiviso frutto della reciproca
12
collaborazione. L'insegnante dovrà essere in grado di assegnare gli incarichi cercando di
valorizzare le specificità di ognuno rendendo ogni elemento utile e prezioso al conseguimento del
risultato condiviso.

13
2. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALLA PARTECIPAZIONE ALLA VITA
DELLA PROPRIA SCUOLA (Organizzazione)

d) Lavorare in gruppo tra docenti

Selezionare fino a 3 competenze

COMPETENZE DOMANDE GUIDA

● 21. Elaborare e negoziare un Ritieni di saper partecipare


progetto educativo di gruppo, produttivamente all’elaborazione di
costruendo prospettive progetti di gruppo che tengano conto
condivise sui problemi della delle posizioni individuali per giungere a
comunità scolastica soluzioni collettivamente accettate?

● 22. Partecipare a gruppi di Ritieni di aver sviluppato adeguate


lavoro tra docenti, condurre competenze per animare dei gruppi di
riunioni, fare sintesi lavoro o per condurre delle riunioni?

● 23. Proporre elementi di Ritieni di essere in grado di individuare


innovazione didattica da gli elementi di innovazione dei quali
sperimentare in avrebbe bisogno il tuo contesto
collaborazione con i colleghi scolastico? Se sì, come riesci a
individuarli?

● 24. Innescare ed avvalersi di Ritieni di essere disponibile al confronto


attività di valutazione e sulle tue pratiche professionali? O solo
apprendimento tra pari su alcuni aspetti di esse? Ritieni di
(peer-review e peer-learning) essere in grado di individuare domande
o problemi sui quali costruire, insieme ai
colleghi, attività di ricerca volte a
modificare le pratiche professionali?

● 25. (SOSTEGNO) Focalizzare Ritieni di aver chiaro il concetto di


l’attenzione dell’intero gruppo inclusione e le sue implicazioni in termini
docente (team, consiglio di di progettazione collegiale? Ritieni di
classe, ecc.) sui temi aver sperimentato strategie interessanti
dell’inclusione per confrontarti a livello collegiale sul
tema dell’inclusione?

14
Descrivere, eventualmente utilizzando le domande guida, le ragioni della/e scelta/e
della/e competenza/e selezionata/e. Si consiglia di prendere in esame un massimo di 3
competenze per ogni ambito.

Lo sviluppo di una buona relazione professionale, diviene nella professione docente una
caratterista indispensabile, soprattutto quando la necessità del lavoro di gruppo non è solo
auspicabile ma diviene, come nel caso dell’educazione musicale, componente obbligatoria.
Ormai è mia abitudine progettare laboratori musicali che coinvolgono anche altre materie;
durante l’approfondimento degli strumenti musicali ad esempio, oltre ad illustrare le
caratteristiche degli strumenti, tramite l’ascolto e lo studio tecnico, risulta molto stimolante far
disegnare agli alunni lo strumento che si è trattato, in modo da approfondirne anche le
caratteristiche fisiche. Coinvolgo sempre il docente di arte, quando si tratta di spiegare la “musica
descrittiva”, facendo disegnare gli alunni mentre ascoltano un brano descrittivo. Un esempio è il
brano “le danze macabre”, sviluppato in occasione di Halloween.
Ritengo di aver immagazzinato abbastanza esperienza nella gestione delle attività con i colleghi,
ma sarei propenso a migliorare gruppi di lavoro con i colleghi di altre discipline non musicali.

2. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALLA PARTECIPAZIONE ALLA VITA


DELLA PROPRIA SCUOLA (Organizzazione)

e) Partecipare alla gestione della scuola

Selezionare fino a 3 competenze

COMPETENZE DOMANDE GUIDA

● 26. Contribuire alla gestione Ritieni di saper partecipare fattivamente


delle relazioni con i diversi e produttivamente alla gestione delle
interlocutori (parascolastici, relazioni indicate?
enti, associazioni di genitori,
ecc.)

● 27. (SOSTEGNO) Curare i Ritieni di saper gestire i rapporti con le


rapporti con le équipe équipe e i servizi territoriali al fine di

15
multidisciplinari ed i servizi costruire sinergie positive utili agli allievi
specialistici e alle loro famiglie?

● 28. Organizzare e far evolvere, Ritieni di saper proporre, valorizzare e


all’interno della scuola, la gestire situazioni di confronto tra allievi,
partecipazione degli allievi affinché emergano proposte utili a
migliorare l’organizzazione della scuola?

● 29. Partecipare ai processi di Ritieni di avere adeguate conoscenze sul


autovalutazione della scuola, processo di autovalutazione della scuola
con particolare riferimento al e sulla funzione che esso può assolvere
RAV ai fini del miglioramento?

● 30. Impegnarsi negli interventi Ritieni di avere adeguate conoscenze sul


di miglioramento funzionamento dell’organizzazione della
dell’organizzazione della scuola?
scuola Ritieni di poter contribuire al
miglioramento dell’organizzazione della
scuola su aspetti precedentemente
definiti dal RAV o da te rilevati?

Descrivere, eventualmente utilizzando le domande guida, le ragioni della/e scelta/e


della/e competenza/e selezionata/e. Si consiglia di prendere in esame un massimo di 3
competenze per ogni ambito.

Essendo un insegnante di musica, ho collaborato per molti anni con scuole private di
strumento musicale. Ho imparato, durante questi intensi anni di insegnamento, a gestire
rapporti con vari enti esterni alla scuola, partendo dunque dal presupposto che Istruzione
e mondo produttivo, costruiscono insieme le competenze per la vita.
Ogni anno ho dovuto gestire relazioni con enti esterni, per la realizzazione dei saggi di
natale e fine anno, scegliendo la location, gli allestimenti ed organizzando la “stage line”.
Certamente, la disponibilità a cooperare, la propensione a condividere, la capacità di
rispondere alle difficoltà e ai momenti di crisi attivandosi e attivando tutte le risorse
disponibili, sono le caratteristiche che ha modo di riscontrare chi si trova ad operare in
questa realtà.

16
2.AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALLA PARTECIPAZIONE ALLA VITA
DELLA PROPRIA SCUOLA (Organizzazione)

f) Informare e coinvolgere i genitori

Selezionare fino a 3 competenze

COMPETENZE DOMANDE GUIDA

● 31. Coinvolgere i genitori nella vita Ritieni di saper attuare strategie per un
della scuola efficace coinvolgimento dei genitori nella
vita della scuola?

● 32. Organizzare riunioni Ritieni di aver chiari i “saperi” che


d’informazione e di dibattito caratterizzano “il futuro cittadino” o le
sui problemi educativi problematiche educative più frequenti nel
panorama sociale odierno? Ritieni di
saper gestire un gruppo di genitori su
questi temi?

● 33. Comunicare ai genitori Ritieni di saper di comunicare


obiettivi didattici, strategie di chiaramente ai genitori il tuo progetto
intervento, criteri di educativo-didattico, le strategie di
valutazione e intervento poste in atto o ipotizzate per
risultaticonseguiti affrontare i problemi, e i criteri che
fondano le tue modalità di valutazione in
itinere e finali?

● 34. (INFANZIA) Assicurare un Ritieni di saper mettere in atto un


rapporto personalizzato e continuativo rapporto con le famiglie in
accogliente dei genitori modo tale da costruire un clima
collaborativo per elaborare i progetti
educativi dei bambini?
Descrivere, eventualmente utilizzando le domande guida, le ragioni della/e scelta/e
della/e competenza/e selezionata/e. Si consiglia di prendere in esame un massimo di 3
competenze per ogni ambito.

La personalizzazione del percorso didattico è indispensabile per il successo formativo in


quanto, ogni individuo può avere punti di forza come difficoltà individuali durante il
processo di apprendimento.

17
Per queste ragioni, è fondamentale nonché basilare, avere una positiva comunicazione
con i genitori di ogni singolo allievo, un interscambio di opinioni quindi, che può essere
utile e di supporto al progresso del proprio figlio.
Tutti formiamo una squadra ed è per questo motivo che lavorare insieme,
insegnante-allievo-genitore, tutti navigando per il raggiungimento degli stessi obiettivi, è
la strada migliore per lavorare in serenità in qualsiasi disciplina. L’atteggiamento nei
confronti della musica e le possibilità esperienziali promosse dalla famiglia hanno un
ruolo fondamentale già da piccolissimi. In adolescenza e da adulti si aggiunge l’influenza
di coetanei, di amici e delle informazioni acquisite dai media e dai canali social di
discussione e di sharing.
Personalmente, ritengo di avere buona capacità relazionale con le famiglie, cerco di
mettere sempre in primo piano l’umiltà, cercando di cogliere e di adattarmi al tessuto
culturale della famiglia che mi si pone dinnanzi perché importante ai fini della
pianificazione del percorso formativo e allo sviluppo degli annessi strumenti didattici
efficaci.

3. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALLA PROPRIA FORMAZIONE


(Professionalità)

g) Affrontare i doveri e i problemi etici della professione

Selezionare fino a 3 competenze

COMPETENZE DOMANDE GUIDA

● 35. Rispettare regole, Ritieni di espletare con regolarità ed


ruoli e impegni assunti efficacia gli impegni assunti all’interno
all’interno del proprio della tua scuola?
contesto professionale

● 36. Ispirare la propria azione a Ritieni di porre alla base delle tue scelte
principi di lealtà, professionali i principi di lealtà,
collaborazione, reciproca collaborazione, reciproca fiducia?
fiducia tra le diverse Ritieni di porre questi principi anche a
componenti fondamento del rapporto con gli
studenti?

18
● 37. Contribuire al Posto che il rispetto dell’altro è un valore
superamento di culturalmente condiviso, ritieni di saper
pregiudizi e elaborare strategie ed interventi affinché
discriminazioni di si realizzi la comprensione e il rispetto di
natura sociale, culturale questo valore all’interno della comunità
o religiosa scolastica?

● 38. Rispettare la privacy Ritieni che i vincoli derivanti dal rispetto


delle informazioni della privacy possano creare difficoltà
acquisite nella propria nel tuo lavoro?
pratica professionale

Descrivere, eventualmente utilizzando le domande guida, le ragioni della/e scelta/e


della/e competenza/e selezionata/e. Si consiglia di prendere in esame un massimo di 3
competenze per ogni ambito.

La musica è lo specchio della società e quindi, in un contesto scolastico riflette le


differenze socio-culturali degli allievi. Anche ascoltando le canzoni preferite degli alunni,
si evidenzia da subito, l’enorme quantità di pregiudizi riguardo i loro gusti musicali. In
qualità di insegnante di musica, cerco sempre di far comprendere ai ragazzi l’importanza
del rispetto verso gli altri, del proprio spazio, della collaborazione,della cooperazione,
attraverso la partecipazione attiva all’ascolto musicale. In tutte le classi, creo delle
playlists musicali, contenenti tutti i brani preferiti degli alunni. Così facendo, facilito il
processo di educazione all’ascolto, in modo tale che gli alunni impareranno ad ascoltare
e comprendere anche i gusti musicali dei compagni.
Dalle playlists emergono sostanziali differenze in quanto a gusti musicali e questo è a
mio avviso un’eccezionale spunto per affrontare tematiche delicate specie in età
adolescenziale come la discriminazione culturale, sociale e religiosa.

3. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALLA PROPRIA FORMAZIONE


(Professionalità)
19
h) Servirsi delle nuove tecnologie per le attività progettuali, organizzative e
formative

Selezionare fino a 3 competenze

COMPETENZE DOMANDE GUIDA

● 39. Utilizzare efficacemente le


tecnologie digitali per migliorare la Ritieni di saper utilizzare efficacemente
propria professionalità le potenzialità fornite dalle attuali
tecnologie digitali (strumenti,
applicazioni, ambienti) per curare la tua
formazione continua?
● 40. Utilizzare le tecnologie digitali
per costruire reti e scambi con altri Ritieni di saper sfruttare le potenzialità
colleghi anche nell’ottica di una dei dispositivi tecnologici e di internet per
formazione continua costruire scambi efficaci e produttivi con
altri colleghi e/o con esperti?
● 41. Esplorare le potenzialità
didattiche dei diversi dispositivi Ritieni di avere un adeguato bagaglio di
tecnologici e dei linguaggi digitali conoscenze e di saper attuare strategie
per supportare gli allievi nell’uso delle
tecnologie digitali a fini didattici?

Descrivere, eventualmente utilizzando le domande guida, le ragioni della/e scelta/e


della/e competenza/e selezionata/e. Si consiglia di prendere in esame un massimo di 3
competenze per ogni ambito.
Nel mio metodo di lavoro, la tecnologia assume un ruolo molto importante. In tutte le mie
lezioni mi aiuto sempre con supporti tecnologici: iPad, sistema hifi portatile, tastiera midi,
Lim. Ritengo che l’uso di suddette tecnologie, stimolano e favoriscono la curiosità degli
alunni. Grazie alle tecnologie digitali riesco ad attivare diversi laboratori musicali,
direttamente in classe: ascolto musicale, riproduzione ritmica , esecuzione musicale su
tastiera, registrazione musicale, missaggio.
Oggi la tecnologia è in continua evoluzione, per questo motivo ritengo necessario
approfittare di eventuali corsi o approfondimenti nel futuro prossimo, per evitare lacune in
questo senso.

20
3. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALLA PROPRIA FORMAZIONE
(Professionalità)
i) Curare la propria formazione continua

Selezionare fino a 3 competenze

COMPETENZE DOMANDE GUIDA

Ritieni di saper documentare in modo


● 42. Documentare la propria pratica efficace la tua pratica didattica per
didattica presentarla ai diversi destinatari (DS,
colleghi, genitori, ecc.)?

● 43. Utilizzare le proprie esperienze Ritieni di saper riflettere sulla tua pratica
per riprogettare l’azione didattica per trarre precise informazioni o
indicazioni per riprogettare nuove
situazioni didattiche?

● 44. Aggiornare il proprio Bilancio delle Ritieni di saper orientare il tuo sviluppo
competenze ed elaborare un proprio professionale in rapporto agli obiettivi
progetto di sviluppo professionale emersi dall’analisi del tuo percorso
formativo/esperienziale e dai bisogni
della scuola nella quale operi?

● 45. Partecipare a programmi di Ritieni di saper scegliere le situazioni


formazione personale con colleghi, formative che possono apportare un
gruppi, comunità di pratiche reale contributo a te e alla tua capacità di
lavorare con i colleghi?

● 46. Essere coinvolto in attività di ricerca Ritieni di avere adeguate competenze


didattica, anche in forma collaborativa per fare ricerca sulla tua pratica didattica
individualmente e/o collettivamente?

21
● 47. Utilizzare i risultati della ricerca per Ritieni di essere adeguatamente
innovare le proprie pratiche didattiche informato/a sui risultati della ricerca in
relazione ai problemi che risultano oggi
pregnanti per un docente? Ritieni di
riuscire a ricavare dalla ricerca gli
elementi utili a innovare la tua pratica
didattica?

● 48. Essere capaci di utilizzare le Credi di essere sufficientemente


opportunità offerte dai progetti informata/o sulle opportunità formative
europei per sviluppare il proprio offerte nell’ambito dei programmi
percorso di formazione europei? Hai partecipato ad esperienze
di questo tipo?

Descrivere, eventualmente utilizzando le domande guida, le ragioni della/e scelta/e


della/e competenza/e selezionata/e. Si consiglia di prendere in esame un massimo di 3
competenze per ogni ambito.

Risulta improrogabile l’esigenza di fornire una specifica formazione, tale da garantire


l’acquisizione di quelle competenze (di carattere musicale, metodologico, didattico e
psicopedagogico) indispensabili per affrontare con serietà e professionalità
l’insegnamento dell’educazione musicale. Il rapporto che ognuno di noi ha con la musica
si costruisce nel tempo in base alle esperienze
vissute con la famiglia, la scuola, le persone frequentate e i social media, oltre che con
l’apporto della casualità. Nel caso degli insegnanti di educazione musicale, è molto facile
poter documentare il proprio metodo di lavoro e dimostrarne i frutti, in quanto i ragazzi
sono chiamati ad esibirsi in vari momenti dell'anno scolastico, dalla prima alla terza
media.
E’ molto semplice dimostrare agli alunni, con esempi sia teorici sia pratici, quello che
avviene nella reale vita del musicista e riportare in classe questi esempi significa fare
tesoro di questa realtà utile per formare i buoni musicisti del domani. Per quanto riguarda
la formazione, è una parte molto importante per la crescita professionale. Pertanto, in
futuro vorrei dedicarmi alla formazione in maniera più significativa, per approfondire o
colmare alcune mie lacune.

22
NAPOLI,

FIRMA DEL DOCENTE NEO-IMMESSO FIRMA DEL DOCENTE TUTOR

23

Potrebbero piacerti anche