Sei sulla pagina 1di 11

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA)

Tesi di laurea Magistrale

Il ruolo del trauma come nesso di causa tra immigrazione e criminalità

Relatore: Prof. Massimo De Mari Laureanda: Gabriella Spiga

Anno accademico 2019/2020


QUALE RAPPORTO INTERCORRE FRA IMMIGRAZIONE E CRIMINALITÀ?

Pulsione derivante dal


Trauma migratorio→ trauma identitario → slatentizzazione di un sottostante disturbo trauma che sfocia in
condotte impulsive e
antisociali

1. Preparazione
Le tre fasi del viaggio 2. Viaggio SHOCK CULTURALE e PRECESSI DI DESERTIFICAZIONE
3. Arrivo

Rottura del guscio identitario e cedimento della


struttura egoica che fragilizza tenuta identitaria

Esperienza migratoria in contesti deregolati e forme irregolari INSORGENZA CONDOTTE DEVIANTI


ACCESSO ALL’ISTITUZIONE CARCERARIA

CARCERE→ microcosmo che ripropone fatti, eventi e problemi presenti nella società, rappresentandoli in modo amplificato, è un

luogo in cui i fenomeni sociali si manifestano in maniera ancora più eclatante.

MIGRANTI→ spesso sprovveduti, dal punto di vista delle risorse fisiche e psicologiche → situazione di emarginazione e di

isolamento→ esasperazione del senso di solitudine e di depressione → ansia, stress, angoscia e spesso aggressività → in atti di

autolesionismo e nell’elevato numero di procedimenti disciplinari→ gravi perturbazioni psichiche

Carcere: cassa di risonanza per gli aspetti di sofferenza psicologica, disadattamento e deprivazione sociale e psicologica
RACCONTI DI MIGRANTI

OBIETTIVO→ valutare quanto l’esperienza traumatica della migrazione sia stata determinante nella messa in
atto di condotte criminali devianti

CAMPIONE→ otto uomini migranti, di età compresa tra i 23 e 35 anni, tutti ragazzi che facevano parte di un
centro di accoglienza gestito dalla Caritas Turritana di Sassari e che si trovavano in Italia da un periodo non
inferiore ai 3 anni.

METODOLOGIA→ Analisi Interpretativa Fenomenologica (IPA) con Interviste semi strutturate


Prima fase: ascolto e trascrizione dell’interviste audio registrate;
Seconda fase: analisi contenuto semantico e linguistico con tre tipologie di commenti (descrittivi,
linguistici, concettuali)
Terza fase: ricerca dei temi emergenti, ovvero di quei temi che hanno alto livello di ricorsività e di significato e
che raccontano qualcosa di importante in relazione alla domanda di ricerca.
TEMI EMERGENTI
1. ABBANDONARE LA PROPRIA TERRA E I PROPRI AFFETTI

“Sono partito nel 2015, sono stato in Libia, ho lavorato, non è facile, la vita è difficile, ma è la vita, la vita è

abbandonare la tua famiglia per trovare altro, ma anche per loro, perché sopra ci sono le bombe…”

“Nel 2017 ad agosto ho lasciato il mio paese, sono andato sul barcone, il viaggio è durato 2 giorni, ho lasciato tutta la

famiglia, mi ha fatto male…”

“…la cosa che mi ricordo è lasciare la mia casa, ho pensato non la vedrò mai più, questa è la fine di tutto, oppure era

l’inizio, io non lo sapevo, ma non c’era nessun futuro per me, e quindi neanche per gli altri.”

“La vita lì era diventata disumana, non so spiegare, non riesco a ricordare tutto, allora o dovevo morire lì o dovevo

morire in altro modo, ho scelto un altro modo, perché quello era disumano, non volevo più vederlo, allora la Libia, da lì

si parte, ma neanche quello è facile, però tutto per andare via da lì, capisci?”
2. DALLA LIBIA ALL’ITALIA: UN VIAGGIO TRA TRAUMA E RIMOZIONE

Del viaggio quello che io ricordo è che c’è uno stato in Libia che si chiama Sba, in italiano numero sette, io sono stato lì, c’è un

sistema, le persone che arrivano in Libia vanno in prigione, succede in tutta l’Africa occidentale, è come un business, devo

pagare soldi, se non pago sto lì, se non hai soldi lavori, ma non è un lavoro normale, come fate qui, lì siamo schiavi.”

“In Libia soffri un po’, anche quella è esperienza, sono stato a Tripoli vicino al mare, si chiama Sabrata, ho lavorato lì con libici,

l’esperienza in Libia non la posso ricordare, è brutta, lavori e ti picchiano, lavori e ti picchiano, in Italia si dice forzaforzaforza,

veloceveloce, devo lavorare tutti i giorni, questo per partire, non era facile, ma è la vita di un uomo.”

“Vuoi la verità? Io non mi ricordo quel viaggio, non so, forse è impossibile, forse dormivo, ricordo tanta acqua, ma forse perché

non vedevo, perché eravamo tutti troppo vicini, e ora quindi non posso aiutarti perché non posso dirti nulla.”

“..e non tutti sapevamo nuotare, e chi non riusciva a nuotare affogava, ne ho visti tanti muovere le braccia, e poi sono rimasti lì,

morti, ne abbiamo persi tanti.”


3. HO TOCCATO TERRA, NON CI CREDEVO

“…non capivo, come si dice, disorientato? Avevo paura.”

“Io sono finito in carcere due giorni dopo essere arrivato qui, te l’ho detto, ora sono qui da tre anni. Io sono finito in carcere per 6 mesi,

sono uscito perché non ero colpevole. Perché io neanche capivo la mia accusa, era furto, non lo so, ero lì, non capivo perché, non capivo

niente, dopo la Libia quello, era l’inferno. Ora sto ancora aspettando un rimborso. Sai perché? Perché uno del mio paese aveva fatto la

rapina, allora anche io ero colpevole, perché mi assomigliavo forse, io ora ho capito questo.”

“All’inizio è difficile capire se la strada è giusta o sbagliata, e poi togliersi dalla strada sbagliata è difficile.”

“…quando sei nigeriano sei un criminale. Perché parlano della comunità e non dell’individuo. Io sono nigeriano, non sono un

criminale, adesso sono uno studente, tu sei italiana, non sei una criminale, un altro italiano è criminale. Io quando torno in Nigeria non

dico che siete criminali, anche se ne ho conosciuto dieci. Io intendo questo, la persona, non la comunità…”
4. L’IMPORTANZA DELL’ISTRUZIONE E DEL LAVORO

“Se non lascio stare il mio paese non andrò avanti, ed è quello che io sto facendo. Quando sono arrivato qui tutte le cose erano strane,

ora sto conoscendo, devo fare le esperienze, cerco di trovare un lavoro, anche piccolo, lo faccio per me. Voglio conoscere tante cose, io

non sono come prima, cambio sempre.”

“Sì, ho degli obiettivi, ho iniziato a studiare, perché vorrei cominciare un processo professionale di aiuto, aiutare tante persone con

le mie idee, con quello che ho studiato.”

“…prima quando sono arrivato stavo in strada, facevo l’elemosina, perché non ho avuto altre possibilità, non avevo altre scelte, non

capivo dove andare, ero disorientato. Poi ho fatto qui un po’ di cose, anche la scuola di agricoltura, lavoro fondamentale, lavoro come

agricoltore.”

“…la prima motivazione è stata la lingua, imparare la lingua per imparare a capire, non mi piace che non riesco a esprimere quello

che voglio e a capire quello che mi dicono, perché così si creano i problemi.”
5. LA RETE SOCIALE

“Ora ho tante persone, come si cresce senza le persone? Ci vuole una rete, un ciclo, da soli non si fa niente. Io

sono stato un po’ fortunato perché ho incontrato le persone giuste, non esiste una persona da sola.”

“Incontrare le persone giuste mi ha salvato, te lo giuro. Si possono incontrare persone sbagliate e puoi fare tanti

errori, io ne ho fatti. Ma poi le persone giuste ti salvano, le persone che ti vogliono aiutare ti portano in alto,

anche dopo che sei scivolato giù.”

“…perché manca la relazione che avevo prima con le persone, quindi è stato difficile perché la comunità non ti

aiuta. L’integrazione, tutto il percorso per integrare, imparare la lingua, la cultura, ma se le persone sono chiuse

integrarsi è impossibile. Per questo molti nigeriani entrano nel percorso della delinquenza, trovano facile quella

strada rispetto a questa, noi umani cerchiamo sempre quella più facile. Magari sono uno e due, poi altri che

arrivano e non riescono, vanno alla strada più facile, che è l’unica.”
CONCLUSIONI

Non è possibile rintracciare un rapporto causa effetto tra immigrazione e devianza

MA

fattori che portano persone emarginate e traumatizzate a intraprendere percorso deviante

• È necessario dare valore alla storia dell’individuo, solo in questo modo è possibile rendersi
conto di come spesso la migrazione sia un percorso fortemente traumatizzante

• La relazione con l’altro e un percorso di integrazione sono fondamentali per garantire un


buon inserimento e rimarginare quel trauma che, se non elaborato, porta la persona a
cercare nella condotta deviante l’unica alternativa
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PADOVA
Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA)

Grazie per l’attenzione

Anno accademico 2019/2020

Potrebbero piacerti anche