Sei sulla pagina 1di 17

Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

Corso di
Fondamenti di Infrastrutture Viarie e di Trasporto

STABILIZZAZIONE
DELLE TERRE

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

Finalita’
Fi li ’ perseguite
i con il processo di
stabilizzazione delle terre

1. CORREZIONE DELLE TERRE: rendere un terreno meno


sensibile
ibil all’acqua
ll’ (riducendo
( id d la
l sua plasticità)
l ti ità) e costipabile.
ti bil
Rispetto alla 2a finalità, occorre utilizzare minori quantità di
sostanza stabilizzante pper ottenere l’obiettivo prefissato
p

2. STABILIZZAZIONE vera e propria DELLE TERRE:


conferire ad una terra una resistenza meccanica più elevata
e non influenzata da variazioni di umidità del terreno. Per
ottenere questo obiettivo occorre miscelare il terreno con
maggiori quantità di agente stabilizzante.

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

Ti i di stabilizzazioni
Tipi bili i i

1 GRANULOMETRICA
1.
2. CON AGGIUNTA DI UN LEGANTE
• Cemento
C
• Calce
• Calce + cemento
• Cemento + scorie d’alto forno
• Cemento, calce + ceneri volanti
• Emulsioni bituminose
• Sostanze chimiche

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

C
Correzione
i delle
d ll terre
Problemi che il provvedimento consente di risolvere:

¾ Utilizzazione di terre molto umide provenienti da scavi (w% > wott


tt)
per la realizzazione di rilevati

¾ Miglioramento degli effetti del costipamento del primo strato di


rilevato quando il piano di posa troppo umido;

¾ Miglioramento degli effetti del costipamento dello strato di


fondazione quando il sottofondo è troppo umido.

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

Impiego
I i di tterre molto
lt umideid
provenienti da scavi (w% > wott) per la
realizzazione
li i di rilevati
il ti

1. se il materiale ha poco fino: si procede all’aerazione del


terreno mediante erpici
2 se il materiale
2. t i l h ha molto
lt fi
fino:

¾ si trasporta a rifiuto il materiale e si realizza il rilevato


con materiale da cava di prestito;
¾ correzione con calce viva (CaO+H2O=Ca(OH)2 calce idrata).

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

Per ogni 1% di calce viva aggiunta si ha:

™ una riduzione
id i diretta
di tt di wnaturale% (circa
( i llo 0.8%)
0 8%) iin quanto:
t

• si ha consumo di acqua nelle reazioni;


• la reazione è esotermica (lo sviluppo di calore produce
l’evaporazione di parte dell’acqua presente nel materiale);
• la
l miscela
i l terra
t umida
id + calce
l secca comporta
t comunque un
wott% minore di quello della terra umida.

™ una riduzione indiretta di w% (circa lo 0.2-


0.2-0.7%) in quanto:

• la
l miscela
l è più
ù secca, piùù lavorabile,
l l piùù facile
f l da d
mescolare ed è quindi più facile l’aerazione.

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

Impossibilità di costipare correttamente il


primo strato di rilevato per
p p la presenza
p di
un piano di posa troppo umido

1. Correzione granulometrica: si incorpora materiale incoerente


2. Stabilizzazione con calce o con calce-
calce-cemento finalizzata
ad
d ottenere
tt resistenze
i t meccaniche
i h maggiorii i :
¾ un piano di posa più rigido facilita il costipamento degli
strati soprastanti;
p
3. Impiego di geotessili
¾ alta resistenza meccanica;
¾ permeabilità;
¾ potere filtrante.
filtrante

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

Impossibilità di stesa e costipamento dello


strato di f
fondazione della sovrastruttura
stradale perché il sottofondo e’ troppo umido.

occorre aumentare la rigidezza del sottofondo

¾ correzione con calce (viva se occorre anche ridurre wnaturale%


altrimenti spenta) o con calce-
calce-cemento ;

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

SCELTA DEL TIPO DI STABILIZZAZIONE in funzione delle


caratteristiche del terreno da stabilizzare

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

STABILIZZAZIONI
CON CEMENTO

INFLUENZA DELLA QUANTITA’


Q
DI CEMENTO SULLA
RESISTENZA A
COMPRESSIONE DI DIVERSI
TERRENI STABILIZZATI
(resistenza a 7 gg con
maturazione a 25
25°C
C e contenuto
d’acqua cost.)

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

EFFETTO DEL TEMPO SULLA


RESISTENZA DI DIVERSI
MATERIALI STABILIZZATI
COL 5% DI CEMENTO

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

PROPRIETA’ TIPICHE DEI


MATERIALI STABILIZZATI

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

STABILITA’
VOLUMETRICA DI UN
TERRENO
STABILIZZATO CON
CEMENTO

ESEMPIO DEI RISULTATI DI UN


TEST DI ERODIBILITA’

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

TIPICO EFFETTO DELLA


DENSITA’ SULLA
RESISTENZA DI UNA
ROCCIA FINA
FRANTUMATA

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

PERDITA DI RESISTENZA
DOVUTA AL RITARDO DI
COMPATTAZIONE PER UNA
ROCCIA FINA FRANTUMATA
STABILIZZATA CON 3% DI UNA
MISCELA DI CEMENTO E SCORIE
D’ALTO FORNO

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

STABILIZZAZIONI A CALCE
PROPRIETA’ DI DIVERSI TIPI DI CALCE

STABILIZZAZIONI L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di Trasporto

RESISTENZA A COMPRESSIONE IN
FUNZIONE DEL CONTENUTO DI
CALCE E DEL TEMPO

EFFETTO DEL CONTENUTO DI


CALCE SUL VALORE DELL’UMIDITA’
OTTIMA DI COSTIPAMENTO E
SULLA DENSITA’ SECCA

STABILIZZAZIONI L. Domenichini