Sei sulla pagina 1di 49

Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001
5 11 2001

NORME FUNZIONALI E
GEOMETRICHE PER LA
COSTRUZIONE DELLE STRADE di
NUOVA COSTRUZIONE
(per ll’adeguamento
adeguamento delle strade
esistenti il DM 5.11.2001 costituisce
la
l “norma
“ di riferimento”)
if i t ”)
DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

Richiami del concetto di RETI STRADALI e di


CLASSIFICA FUNZIONALE delle strade

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

RETE STRADE CORRISPONDENTI SECONDO CODICE


in ambito extraurbano in ambito urbano
a - rete primaria autostrade extraurbane autostrade urbane
(di transito,
transito scorrimento) strade extraurbane principali strade urbane di scorrimento
b - rete principale strade extraurbane principali strade urbane di scorrimento
(di distribuzione)
c - rete secondaria strade extraurbane secondarie strade urbane di quartiere
(di penetrazione)
d - rete locale strade locali extraurbane strade locali urbane
(di accesso)

RETE PRIMARIA RETE PRINCIPALE RETE SECONDARIA

- movimento servito:- movimento servito: movimentodistribuzione


transito,-scorrimento servito: dalla rete primaria verso
penetrazione allala rete
secondaria
locale ed
- eentità dello
de o spostamento:
spos e o: e -LIVELLO
ddistanze
s g e delloTERMINALE
lunghe
uentità eventualmente
spostamento: alla localedistanza ridotta
RETE LOCALE
- entità dello spostamento:
- funzione nel territorio: nazionale- funzione media
e interregionale
nel indistanza
ambito extraurbano,
territorio: provinciale e interlocale in ambito extraurbano, di quartiere in
- movimento servito: sosta
- funzione
- movimento nel territorio:
servito: urbana interregionale
di intera areaaccesso in ambito urbano e regionale in ambito
ambito extraurbano, interquartiere
urbano
- componenti- di entità dello spostamento:
traffico: -- componenti
componenti entità
brevedello
limitate inspostamento:
diambito
distanza
traffico:urbano nullale componenti
tutte
- componenti
- funzione di traffico:
nel territorio: componenti
interlocale e comunalelimitate
in ambito extraurbano,
extraurbano interna al
- funzione nel territorio: locale
quartiere in ambito urbano
- componenti di traffico: tutte le componenti
- componenti di traffico: tutte le componenti, salvo limitazioni specifiche
DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

ELEMENTI COMPONENTI LO SPAZIO


STRADALE

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

VELOCITA’ DI PROGETTO

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

NOTE

C1 - F1 = strada extraurbana a traffico sostenuto


C2 - F2 = strada extraurbana a traffico limitato

* m 3,50 per una corsia per senso di marcia, se strada percorsa da autobus.
** nel caso di una strada a senso unico con una sola corsia, la larghezza complessiva
della corsia più le banchine deve essere non inferiore a 5,50 m, incrementando la
corsia sino ad un massimo di m 3,75 e riportando la differenza sulla banchina in destra.

(a) colonne 9 + (10x2).


(b) colonne 9 + 10 della strada di servizio + 11 o 12.
(c) in questo caso il livello di servizio non dipende solo dagli elementi geometrici, ma anche
dalla regolazione delle intersezioni (ad es, durata di un ciclo semaforico, tempo di verde).
(d) nell'ipotesi di flusso 100% in una direzione e percentuale di visibilità per il sorpasso 0%.
(e) nell'ipotesi di flussi bilanciati nei due sensi (percentuale di visibilità per il sorpasso 100%).

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

2
2E

K
E= [m] con K=45
R

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

Distanza di visibilità per l’arresto

(Informativo)
(Inf rmativ )

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

(Informativo)

Valori del coefficiente di aderenza longitudinale


impegnata prescritti dal DM 5.11.2001 in funzione
della classe di strada e della velocità
da assumere nel calcolo della distanza di arresto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

Distanza di visibilità per il sorpasso

Distanza di visibilità per il cambio corsia

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

Distanze di visuale libera richieste lungo le strade

Indipendentemente però dal tipo di strada e dall'ambito (extraurbano


o urbano), lungo tutto il tracciato deve essere assicurata la distanza
di visibilità
i ibilità per l’arresto
l’ t in
i condizioni
di i i ordinarie
di i o con ttempii di
reazione maggiorati.

Nelle strade extraurbane a unica carreggiata con doppio senso di


marcia, la distanza di visibilità per il sorpasso deve essere garantita
per una conveniente percentuale di tracciato, in relazione al flusso di
traffico smaltibile con il livello di servizio assegnato,
assegnato in misura comunque
non inferiore al 20%.

In p
presenza di più
p corsie per
p senso di marcia nonché in corrispondenza
p di
punti singolari (intersezioni, deviazioni ecc.) occorre assicurare la distanza
di visibilità per la manovra di cambiamento di corsia.
corsia.

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

Relazione per la definizione della geometria del tracciato stradale


in curva in relazione alla stabilità del veicolo in curva, dipendente
dalla velocità, dalla pendenza trasversale della sagoma stradale e
dal valore impegnato dell’aderenza
dell aderenza trasversale
trasversale.

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

(Informativo)
Valori del coefficiente di aderenza trasversale
impegnata prescritti dal DM 5.11.2001
5 11 2001 in funzione
della classe di strada e della velocità
da assumere nel calcolo del calcolo della velocità di
percorrenze delle curve in funzione del raggio e della
pendenza
p n nza trasversale
tra r a
Velocità km/h 25 40 60 80 100 120 140
aderenza trasv. max imp. ft max per
strade tipo A, B, C, F extra urbane, e - 0,21 0,17 0,13 0,11 0,10 0,09
relative strade di servizio
aderenza trasv
trasv. max imp.
imp ft max per
strade tipo D, E, F urbane, e relative 0,22 0,21 0,20 0,16 - - -
strade di servizio

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

Valori del raggio minimo delle curve circolari in funzione della classe di strada,
strada
della pendenza trasversale della sagoma stradale in curva e del valore del
coefficiente di aderenza trasversale impegnato (prescritto dal DM 5.11.2001)

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

(Informativo)

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

Elementi di transizione: CLOTOIDI

r×s = A 2

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

(Informativo)
Limiti funzionali per la scelta del
parametro A della clotoide

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

(Informativo)

RACCORDI CONVESSI

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

RACCORDI CONVESSI
h1=1,10 m
h2=0,10 m

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

RACCORDI CONVESSI
h1 1 10 m
h1=1,10
h2=1,10 m

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

(Informativo)

RACCORDI CONCAVI

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

RACCORDI CONCAVI

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

DM 5.11.2001 L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture
3 viarie e di trasporto
DIAGRAMMA DELLE CURVATURE

R= -1000
A1=550

A2=450

R= -820

R= -730

R= -546

R= -386
3

R=1500

A= 360

A= 360

A= 550

A= 450

A= 450

A= 450

A= 450
A= 450
R= 667

R= 880
Curvatura 1/R X 10
2

Verifiche 1

-1

finali
f -2

-3
3

D1 D2 D3 D4 D5 D6 D7

Progressive

DIAGRAMMA DELLE VELOCITA


VELOCITA'-PRIMA
PRIMA FASE
150

Velocità di prrogetto (km/h)


VP1 VP6
140
140 VP4 140
VP2 135
130 131 VP5
120
VP3 125
120
VP7
110
110

Diagramma 100

90
VP8
95

delle
80
Progressive

DIAGRAMMA DELLE VELOCITA'-FASE FINALE

Velocità
150
o (km/h)

VP1 VP6
140
140 VP4 140 V*
P6
VPmax = 140
VP2 135 135
130 131 VP5
cità di progetto

120
VP3 125
120
VP7
110
110
100 VP8
95
90
Veloc

80

1 2 3 4 5 6 7
DM 5.11.2001 Progressive verso di percorrenza L. Domenichini
Corso di Fondamenti di Infrastrutture viarie e di trasporto

Distanze di Visuale Libera


DIAGRAMMA ITINERARIO
BARBERINO - CARREGGIATA SUD
VERSO DI PERCORRENZA c.s.i.a. Data agg.to 02.05.2003
FIRENZE NORD IPOTESI I roma
via asiago, 2

Distanze di Visuale Libera 400 400


Dcambio corsia Dcambio corsia
D.V.L corsia n. 1 (CML) (Barberino) (Calenzano)
D V L corsia n.
D.V.L n 3 (CS)
300 300

Distanze di arresto (DM 05/11/01)


D.A. per pav. bagnata e Vp
200 200
D.A. con Vmax=120km/h
D.A.
D A per pav
pav. bagnata e
Vmax=110km/h
100 100
D.A. per pav asciutta e Vp

140

130
134 km/h
k /h 134 km/h
k /h

120
km/h

Diagramma velocità (Vp) 123 km/h

110

100

90

DM 5.11.2001 L. Domenichini