Sei sulla pagina 1di 5

Prima guerra mondiale

competizione imperialistica tra potenze x materie prime


forti sentimenti nazionalistici.
● francia: sentimenti revanscisti vs germania consolidati da scontento sociale.
● Gran Bretagna: spirito nazionalista rafforzato dall’imperialismo Tedesco (imbero britannico in pericolo).
● Germania: espansione, politica aggressiva inasprisce rapporti con francia, gran bretagna e russia (mire
espansionistiche ostacolate).
Conflitti:
1. Marocco
2. Balcani
Inizio corsa agli armamenti → sviluppo aziende acciaio.

Germania potenzia la flotta → lo fa anche la Gran Bretagna.


Tedeschi aumentano tariffe doganali per favorire produzione nazionale.
Ottengono permesso per costruire ferrovia Istanbul-Baghdad → minaccia per interessi in medio oriente degli inglesi.

1904: Entente cordiale → francia ha l’assenso inglese per occupare il marocco e L’Inghilterra quello francese per l’Egitto.
Guglielmo II va a Tangeri e si fa garante dell’indipendenza marocchina: Prima crisi marocchina.
Convocazione conferenza di Algeciras: isolamento diplomatico della Germania.
Francia introdusse una nuova forza di polizia in Marocco e ne fece un protettorato francese.
Seconda crisi marocchina: occupazione francese del marocco → germania minaccia uno scontro militare e Inghilterra
minaccia la germania
Germania accetta il dominio francese sul Marocco.

Inghilterra e Russia si avvicinano: fronte Anti tedesco


Spartizione medio oriente: Afganistán all'Inghilterra e Persia alla Russia, non interferenza con il Tibet
Ente cordiale si espande alla Russia: triplice intesa
Germania, Austria, Italia: triplice Alleanza
Obblighi difensivi reciproci

Impero ottomano: rivoluzione porta al potere i Giovani Turchi (ufficiali esercito) → consenso ceti medi e minoranze
1909: rovesciano il sovrano Maometto V e costruiscono un regime parlamentare
Diverse nazionalità sotto l'impero aspirano all'autonomia

Bulgaria si dichiara indipendente


Austria annette la Bosnia-Erzegovina → si oppone la Serbia (voleva espandersi nei Balcani)
Serbia appoggiata dalla Russia

Italia sconfigge impero ottomano e riconosce la sovranità in Libia → nazioni iniziano a voler impossessarsi dei territori
dell'impero
I guerra balcanica: Grecia, Bulgaria, Montenegro, Serbia vs impero → deve cedere territorio europeo meno Istanbul e stretto
dei Dardanelli
Bosnia: accesso mar Egeo
Serbia: non si estende fino all'Adriatico per la proclamazione d'indipendenza dell'Albania
Seconda guerra balcanica: Bulgaria vs Serbia, Romania, impero ott.
Bulgaria perse, Turchi riprendono territori europei
Nasce lo stato autonomo albanese
Serbia Raff.
Guerre danno un duro colpo agli importi centrali, ma questo non portó all'equilibrio

Iniziano a diffondersi sentimenti nazionalistici:


- Difendersi dagli stranieri
- Minoranze = nemico interno
- Conquista altri popoli porterà ad un'epoca migliore
Strategie propagandistiche portano le tensioni sociali contro un avversario comune → rafforzare consenso
Es. Germania: isolamento commerciale portò a credere di essere circondati da nazioni ostili: giustifica la politica ostile di
Guglielmo II
2 GRUPPI
- Chi vuole la pace
- Chi crede che una guerra fosse inevitabile

28 giugno 1914: gavrilo princip uccide l'erede al trono Francesco Ferdinando a Sarajevo
Collegato alla "mano nera", organizzazione nazionalistica serba ispirata dal panslavismo
→ casus belli e appoggio della Germania

ultimatum alla Serbia → inchiesta doveva essere svolta da austriaci


Serbia rifiuta e Austria dichiara guerra
Germania chiede:
● alla russia di revocare l’appoggio dato alla serbia
● alla francia di rimanere neutrale
non accettano e dichiara guerra alle due
Invade Belgio (neutrale) per arrivare alla francia da Nord
GB interviene in aiuto dei francesi e dichiara guerra alla germania

Frenesia bellica alimentata da sentimenti nazionalistici


solidarietà nazionale porta i giovani ad arruolarsi → no differenze sociali, tutti contro i nemici per dimostrare valore nazione

socialisti: vogliono soluzioni pacifiste, In francia un esponente è ucciso

FRONTE OCCIDENTALE: Tedeschi non volevano una guerra su due fronti


piano Schlieffen: prevede guerra veloce vs francia per poi spostare le truppe in Russia
In Belgio però la popolazione oppose resistenza, e quando riuscirono a penetrare in Francia le truppe anglo-francesi
riuscirono a bloccare i tedeschi sulla Marna → diventa conflitto di logoramento (trincee, fortificazioni) e Germania affronta
una guerra su due fronti

FRONTE ORIENTALE: Russi avanzano verso Berlino ma vengono fermati a Tannenberg


Battaglia di Leopoli: tedeschi sconfitti
Entra nel conflitto l’impero ottomano con Germ. e Austria
Russia costretta a una guerra su due fronti: Germania prende le regioni sul mar Nero
ITALIA: Antonio Salandra (liberale) dichiara la neutralità dello stato italiano.
Triplice Alleanza debole → questione terre irredente con l’Austria, Austria aveva dichiarato guerra alla Serbia senza
interpellare Italia
Incertezza sul grado di preparazione dell’esercito
NEUTRALITA’:
liberali giolittiani = credevano che gli imperi centrali avrebbero premiato l’astensione dell’italia con territori
cattolici= Benedetto XV condanna l’intervento armato
sindacati= disinteresse per la guerra da parte dei lavoratori
INTERVENTISTI:
Mussolini: prima neutralista poi sostiene l’intervento → espulso dal partito socialista
sindacalisti rivoluzionari: conflitto=crollo istituzioni capitalistiche
interventisti democratici: guerra a fianco dell’Intesa per completare percorso risorgimentale
liberali di destra: guerra favorisce la svolta conservatrice. Partito di Salandra, appoggiati dal “corriere della sera” → in
contrasto con i liberali neutralisti di Giolitti ma facendo fronte comune con destra nazionalista

“sacro egoismo dell’italia”: l’italia avrebbe dato la disposizione a entrare in guerra con lo schieramento che le avrebbe
garantito più benefici
guerra = aumentare autorità stato e controllare tensioni sociali
Ministro degli esteri Sidney Sonnino avvia trattative con i due blocchi → decidono di entrare con l’intesa
26 aprile 1915 Salandra e Sonnino firmano il patto di Londra con l’Intesa in segreto: avrebbe ottenuto trentino, tirolo
meridionale, friuli venezia giulia, istria (no fiume), dalmazia, isole adriatiche

1 maggio: si comunica l'entrata in guerra con appoggio del re


Salandra da le dimissioni, ci furono rivolte (radiose giornate di maggio): vs giolitti, accusato di cospirare contro i tedeschi
Governo affidato a salandra
Paese diviso: neutralisti decidono di non intervenire in nessuna maniera (debolezza)
23 maggio: dichiarazione di guerra all’impero austro ungarico
industria tutta trasformata in industria bellica: sostenere propaganda nazionalista, guerra era un metodo per uscire dalla crisi.
Con l’intesa avrebbe avuto grandi rifornimenti di combustibile e materie prime, creato legami economici con francia e GB,
timore di bloccare rapporti marittimi con USA
garanzia per importazioni/esportazioni
molte aziende finanziarono giornali interventisti e industrie come la FIAT si assicurò commissioni belliche

Germania tenta sfondamento linee nemiche: concentra armate in Lorena (massacro)


1916 → battaglia sulla Somme (intesa attacca), uso carri armati.
Tedeschi indietreggiarono pochi chilometri ma fu un’ecatombe

Germania aveva investito per il rafforzamento della flotta


GB mise un blocco navale sulla manica per bloccare approvvigionamenti tedeschi
Germania inizia una guerra sottomarina
1915: affonda una nave civile (Lusitania), 128 vittime americane
1916: affronta la Royal Navy nella battaglia di Jutland → inglesi mantengono supremazia, tedeschi non si riprendono

FRONTE ORIENTALE
1915: rafforzamento imperi centrali
russi penalizzati dall’intervento bulgaro a fianco degli imperi centrali (serbia sconfitta)
Russi attaccano dalla galizia e bucovina per alleggerire il fronte italiano e francese
Romania entra in guerra con l’intesa → imperi centrali la vincono, paese occupato e ne attingono per rifornimenti petroliferi
si apre un fronte in medio oriente: inglesi innescano una rivolta nelle tribù arabe vs turchi (lawrence d’arabia paladino) per
l’indipendenza
Balcani: tenace resistenza dei turchi, inglesi non riescono ad arrivare ad istanbul

armeni: popolazione indoeuropea dentro all’impero ottomano, zar appoggia la loro indipendenza
“nemici interni” → campagna propagandistica contro di loro
si rifiutano di combattere per la guerra
sbarco alleato a gallipoli: eliminazione sistematica della minoranza
fucilati soldati armeni, deportazione di massa (morte per fame, stanchezza)
governo non ha ancora riconosciuto il genocidio

ITALIA
Salandra si aspetta un’offensiva breve
Esercito comandato da Cadorna, uomini da tutt’italia, comandanti in base al censo (no preparazione militare)
no sotto comandanti → rapporti difficili con i soldati, disciplina rigidissima
Attacchi continui sul fronte in venezia giulia: sfiancante
gerra di posizione sull’isonzo, riescono a prendere slo gorizia

Austria: spedizione punitiva (italia traditrice) → occupa altopiano di Asiago, italia però si riprende per la controffensiva
russa sull'altro fronte e riprende i territori
Cade governo Salandra, al potere Boselli → dichiara guerra alla germania
sconforto dei soldati: repressione da parte di cadorna (decimazione)

NUOVO CONFLITTO: grandezza mai vista prima


imperi centrali: ottomano, bulgaria
intesa: america latina, africa, colonie inglesi, stati uniti, cina
guerra coinvolge intera società: uomini reclutati, donne e ragazzi nell’apparato industriale
sforzo bellico ha ripercussioni sull’intera società

costi del conflitto aumentano la spesa pubblica = aumento tasse e prestiti di guerra (cittadini versavano denaro allo stato per
finanziare la guerra)
razionamento → aumento denutrizione, sviluppo mercato nero
nascita del fronte interno

azione propagandistica forte: slogan e immagini x denigrare nemico, invitare popolazione a ridurre consumi e impegnarsi
nella produzione per sostenere soldati (tecniche usate nella pubblicità)
limitazione libertà: no scioperi vs guerra, chi era contro la guerra era un traditore
censura, poche manifestazioni per la pace non ebbero frutto

governi controllano vita economica del paese: conversioni industrie in industrie belliche, pianificazione consumi, ricerca
scientifico-tecnologica solo per la guerra
reclutamento manodopera: donne iniziano la loro emancipazione sociale, lavoravano o si arruolavano nella croce rossa
restrizione diritti sindacali

RUSSIA
eserciti passano da un atteggiamento offensivo a uno difensivo, economie in calo, insubordinazione, malcontento in tutto il
paese,
8 marzo 1917: sciopero generale, soldati si aggiungono ai rivoltosi → fine regime zarista, sopravvento bolschevichi, governo
Lenin
armistizio 3 marzo 1918 → trattato di Brest Litovsk

Francia: protesta della fanteria repressa


Austria, Germania: rivolte
Italia: insorge torino, donne chiedono distribuzione di pane
Benedetto XV chiede ai governi di trovare un accordo di pace e tenessero conto delle volontà dei popoli
Capi di governo diventano forti e militaristi (clemenceau, dittatura in germania)

ITALIA
23-24 ottobre 1917: Caporetto, austriaci avanzano fino ad Udine, friuli e metà veneto sotto austriaci
resistenza si assesta sul piave
Esercito tenta di scagionarsi
cambio vertici: Vittorio Emanuele orlando al governo, appoggio socialisti
cadorna sostituito da Armando Diaz: concessioni alle truppe, ristruttura esercito
riorganizza la difesa

USA
america legata all’europa per rapporti commerciali
elargisce prestiti ai governi per finanziare la guerra
USA minacciati dai sottomarini tedeschi che affondavano navi commerciali, banchieri preoccupati che la vittoria della
germania avrebbe rallentato i rientri dei crediti
opinione pubblica si orienta per l’intervento
1917: sottomarini silurano mercantili USA, Wilson ottenne l’approvazione per entrare in guerra in virtù dei valori liberali e
democratici

FINE CONFLITTO
germania attacca un’ultima volta l’intesa (ultima occasione prima dello sbarco USA)
San Quintino: arrivano di nuovo alla marna, francesi si riorganizzano e contrattaccano
Americani attaccano tedeschi, battuti definitivamente ad Amiens
Italia conquista Trento e Trieste nella battaglia di vittorio Veneto
4 novembre Diaz annuncia la vittoria

impero ottomano: contestazioni opinione pubblica aumentano, sigla l’armistizio


Austria: ultimo tentativo per un governo federale, non sufficiente
si forma repubblica cecoslovacca, jugoslavia, ungheria
Germania: ammutinamento flotta tedesca, marinai e operai insorgono, “settimana rossa”, proclamata repubblica a Monaco e
Berlino
Si diffonde la spagnola (spagna diffondeva le notizie perchè non soggetta a censura, neutrale): + vittime della guerra

14 PUNTI WILSON x mantenere pace


● evacuazione truppe tedesche in belgio
● restituzione alla francia dell’alsazia e lorena
● sviluppo autonomo stati prima compresi nell’impero asburgico
● riconoscimento diritti alla romania e serbia (indipendenza politica)
● creazione stato polacco
questi nuovi paesi non dovevano unirsi alla russia e quindi far parte di un regime comunista
● no segretezza nella diplomazia
● no barriere per il commercio (x commercio petrolio ai loro prezzi)
● armamenti ridotti (solo sicurezza interna, però esiti guerra non erano piaciuti quindi si riarmano)
● rivendicazioni coloniali affrontate con spirito di equità
● formazione società delle nazioni per risolvere diplomaticamente screzi

potenze vincitrici volevano punire germania


1919: conferenza per la pace, 32nazioni vincitrici + russia
francia voleva addebitare alla germania le spese di ricostruzione, restituzione alsazia e lorena
gran bretagna: controllo possedimenti in asia e africa

Trattato di Versaille:
germania:
● cessione colonie
● restituzione als. e lor.
● cessione territori alla polonia (corridoio di danzica verso il mare)
● diritti di sfruttamento per 15 anni del bacino del saar per la francia
● riparazioni di guerra
● smilitarizzazione renania, industrie belliche riconvertite in civili
● occupazione sulla parte sinistra del reno da parte di truppe dell’intesa
● smantellamento flotta e aeronautica
● riduzione esercito

Trattato di Saint Germain:


austria:
● nascita + nazioni (austria, ungheria, rep. cecoslov., jugoslavia, resbia, croazia, slovenia
● cessioni territori a polonia, romania, italia (trentino, trieste, istria,
● riconosciuta indipendenza bulgara

Turchia cede alla GB controllo palestina e iraq, stretto bosforo e dardanelli, penisola araba, giordania

Russia:
● perdita repubbliche baltiche, ucraina, polonia, finlandia

SOCIETA’ DELLE NAZIONI: a ginevra, assemblea dei paesi indipendenti (no vinti) e consiglio permanente (italia, francia,
GB, USA, giappone)
fu debole (no esercito, USA si ritirano per ritorno all’isolazionismo)

TRATTATI DI PACE
● nuovi stati non eliminano minoranze (es. sudeti)
● umiliazione germania: crisi sociale e politica, scontento popolazione
● fallimento società delle nazioni: favorisce mire economiche vincitori
● fine imperi fa diventare instabile la politica internazionale
● rivoluzione russa condiziona quadro europeo negli anni 20

Potrebbero piacerti anche