Sei sulla pagina 1di 21

Integrali impropri: esercizi svolti

Esercizio 1. Usando la definizione, calcolare i seguenti integrali impropri:


∫ ∫ ∫
+∞ x3 +∞ x +∞
(a) √ dx (b) dx (c) e−x sin x dx
0 4 + x4 0 9 + x4 0

Esercizio 2. Usando la definizione di integrale improprio, dimostrare che, se α > 0,


allora ∫ {
+∞ log x converge se α > 1
dx
1 xα diverge se α ≤ 1.

Esercizio 3. Discutere la convergenza dei seguenti integrali impropri:


∫ +∞ ∫ +∞
x x+2
(a) √ dx (b) √ √ dx
1 (x2 + 5)3 0 x+ x+1
∫ +∞ ∫ +∞
1 9x + 8
(c) √ dx (d) dx
1/2 2x (2x + 1) 0 (x + 2)(x2 + 1)
∫ +∞ ∫ +∞
x x arctan x
(e) √ √ dx (f ) dx
3 x − 3 2x + 3
2 1 log(ex2 + 3)
∫ +∞ ∫ +∞
−x
(g) x dx (h) x10 e−x dx
0 0
∫ +∞ ∫ +∞
sin x sin x + cos x
(i) 2
dx (j) dx
0 x +x+1 −4 x2 + 8x + 17

Esercizio 4. Usando la definizione, calcolare i seguenti integrali impropri:


∫ ∫ ∫
2 1 3 2x − 1 e 1
(a) √ dx (b) √ dx (c)
1 x x 1 x2 − x 1 x log2 (x)


c 2017 Politecnico di Torino
2 Integrali impropri: esercizi svolti

Esercizio 5. Usando la definizione di integrale improprio, dimostrare che, se α > 0,


allora ∫ {
1 log x converge se α < 1
dx
0 xα diverge se α ≥ 1.

Esercizio 6. Valutare se gli integrali proposti sono integrali di Riemann o integrali


impropri; nel secondo caso, discuterne la convergenza.
∫ √ ∫ √
5 e3 x+1 2 3
e−x−1
(a) √ dx (b) √ dx
0 x e−1
3
log (e − x)
∫ ∫
1 sin2 x + cos 2x − 1 2 1
(c) √ dx (d) √ dx
0
3
x5 0 4 − x2
∫ ∫ √
5 1 − 3x 1 log(1 + x)
(e) √ dx (f ) dx
4 x−2 0 sin x
∫ ∫ √
cos x2 − 1
1 π 3

(g) log2 x dx (h) dx


0 0 x3 sin x
∫ √ ∫ √
3
(ex − e) 1 − x2 e x −1
1 1 2

(i) dx (j) √ dx
0 x log3 x 0 x log(1 + 1 − x)

Esercizio 7. Discutere la convergenza dei seguenti integrali impropri:


∫ +∞ √ ∫ +∞
x+ x log(x2 + 1) + x3
(a) dx (b) √ dx
0 x3 + x 0
3
3 x2 sin x + x4
∫ ∫
+∞ 1 − cos x +∞ 1
(c) √ dx (d) √ √ dx
0 x2 log(1 + 3 x) 1 x + 3 5 (x − 1)3
2

∫ +∞ x
Esercizio 8. Calcolare √ dx per il più piccolo valore di n ∈ N per cui
2 ( x + 3)n
2
l’integrale converge.

Esercizio 9. Determinare per quali α ∈ R converge il seguente integrale improprio;


calcolarlo per α = 0 ( )α
∫ 3 x sin(x − 2)
√ dx .
2 x2 − 4

Esercizio 10. Determinare per quali α ∈ R converge il seguente integrale improprio


∫ +∞ |x2 − 2x − 3| − x2 − 2x − 3
dx .
0 xα


c 2017 Politecnico di Torino
Integrali impropri: esercizi svolti 3

Esercizio 11.
∫ +∞ 1
(a) Determinare tutti i valori di α, β ∈ R per i quali dx con-
0 xα (4 + 9x)β+1
verge.
∫ +∞ 1
(b) Calcolare √ dx .
0 x (4 + 9x)

Esercizio 12.
∫ +∞ 1
(a) Dire per quali valori di α ∈ R converge √ dx .
α (x − 2) |x − 3|
(b) Calcolare l’integrale precedente per α = 6.

Esercizio 13. Dire se la funzione integrale ha asintoto orizzontale destro e/o sinistro
∫ x
e−t
2
(a) F (x) = dt
2

∫ x t2 + cos t
(b) F (x) = dt
−1 t4 + e−2t
∫ x 3
(c) F (x) = dt
−2 (t2 + 1) log(e−t + 4)

Esercizio 14. Calcolare i seguenti limiti:


∫ ∫
sin t + 5t2
x x log t + t
√ dt √3 2
dt
5
(a) lim ∫ x2 ( t + 6 ) (b) lim 1 t +2
x→+∞
1 − cos
1
dt
x→+∞ x2
2 t
∫ x t3
+1
2 dt
x log x +2 t4
(c) lim ∫ x (d) 0
lim ∫ x ( )
x→+∞ 1 x→+∞ 1 2
t sin 3 dt t sin dt
1 t 1 t

∫ +∞
Esercizio 15. Stabilire la convergenza di sin(x2 ) dx .
1
∫ +∞

−x2 π
Esercizio 16. Sapendo che e dx = , calcolare
0 2
∫ +∞ 1 − 12
I= e x dx .
0 x2


c 2017 Politecnico di Torino
4 Integrali impropri: esercizi svolti

SVOLGIMENTI

Esercizio 1.

1a) Per definizione di integrale improprio:


∫ ∫
+∞ x3 t x3
√ dx = lim √ dx
0 4 + x4 t→+∞ 0 4 + x4
[ √ ]t
1
= lim 4 + x4
t→+∞ 2 0
( √ )
1 1√
= lim 4 + t4 − 4 = +∞.
t→+∞ 2 2

L’integrale improprio diverge.

1b) Per definizione di integrale improprio:


∫ +∞ ∫ t
x x
dx = lim dx
0 9 + x4 t→+∞ 0 9 + x4
[ ]t
1 x2
= lim arctan
t→+∞ 6 3 0
1 1 π t2
π
= lim arctan = · = .
t→+∞ 6 3 6 2 12

L’integrale improprio converge.

1c) Per definizione di integrale improprio:


∫ +∞ ∫ t
e−x sin x dx = lim e−x sin x dx
0 t→+∞ 0
[ t ]
1
= lim − e−x (sin x + cos x)
t→+∞ 2 0
( )
1 −t 1 1
= lim − e (sin t + cos t) + = .
t→+∞ 2 2 2

L’integrale improprio converge.


c 2017 Politecnico di Torino
Integrali impropri: esercizi svolti 5

Esercizio 2. Distinguiamo il caso di α = 1 da quello di α ̸= 1. Nel primo caso si ha


∫ +∞ ∫ t [ ]t
log x log x 1
dx = lim dx = lim log2 x
1 x t→+∞ 1 x t→+∞ 2 1
( )
1
= lim log2 t − 0 = +∞.
t→+∞ 2
Nel secondo caso integriamo per parti prendendo x−α come fattor differenziale:
∫ +∞ ∫ t
−α
x log x dx = lim x−α log x dx
1 t→+∞ 1
[( )t ∫ ]
1 1 t
−α+1 1
= lim x−α+1 log x − x dx
t→+∞ −α + 1 1 −α + 1 1 x
[ ]
1 log x 1 1 t
= lim −
t→+∞ −α + 1 xα−1 (1 − α)2 xα−1 1
( )
1 log t 1 1 1
= lim − +
t→+∞ −α + 1 tα−1 (1 − α)2 tα−1 (1 − α)2

 1

 se α > 1
(1 − α)2
=



+∞ se α < 1.

Esercizio 3.

x
3a) La funzione integranda √ 2 ha dominio R. Poiché nell’intervallo [1, +∞) la
(x + 5)3
funzione f (x) è continua, dobbiamo studiare l’integrale improprio a +∞. Studiamo
il comportamento della funzione integranda per x → +∞:
x 1
f (x) = √ 2 3
∼ 3 , per x → +∞.
(x + 5) x
∫ +∞
1
Poiché l’integrale dx è convergente, l’integrale improprio dato è conver-
1 x3
gente per il criterio del confronto asintotico.

3b) La funzione integranda è continua su [0, +∞).


Studiamo il comportamento asintotico della funzione integranda, per x → +∞:
x+2 x + o(x)
f (x) = √ √ =√ ∼ x1/2 .
x+ x+1 x + o(x)

Per il criterio del confronto asintotico l’integrale improprio diverge.


c 2017 Politecnico di Torino
6 Integrali impropri: esercizi svolti

3c) La funzione integranda è continua sul suo dominio (0, +∞). Dobbiamo studiare
l’integrale improprio a +∞.

1 1
f (x) = √ ∼ √ 3/2 , per x → +∞.
2x (2x + 1) 2 2x

Poiché 2 > 1, per il criterio del confronto asintotico l’integrale improprio converge.

3d) La funzione integranda è continua sul suo dominio (−∞, −2) ∪ (−2, +∞).

Dobbiamo studiare l’integrale improprio a +∞.

9x + 8 9
∼ , per x → +∞.
(x + 2)(x2 + 1) x2

Poiché 2 > 1, per il criterio del confronto asintotico l’integrale improprio dato
converge.
√ √
3e) La funzione integranda è continua su [3, +∞) ⊆ domf = (−∞, − 3) ∪ ( 3, +∞).

Dobbiamo studiare l’integrale improprio a +∞.

x 1
√ √ ∼ √ 1 , per x → +∞.
x − 3 2x + 3
2
2 · x2
1
Poiché 2 < 1, per il criterio del confronto asintotico l’integrale improprio dato
diverge.

3f ) La funzione integranda è continua su [1, +∞) ⊆ domf = (−∞, 0) ∪ (0, +∞).

Dobbiamo studiare l’integrale improprio a +∞.

x arctan x π 1
∼ · , per x → +∞.
log(ex2 + 3) 2 x
∫ +∞
1
Poiché dx diverge, per il criterio del confronto asintotico l’integrale
1 x
improprio dato diverge.

3g) La funzione integranda è continua su domf = (0, +∞).

Poiché lim x−x = lim e−x log x = 1, f è localmente limitata in x = 0 e l’integrale


∫ +∞
x→0 x→0

e−x log x dx è improprio solo rispetto a +∞.


0
Osserviamo che, per ogni x > e, x log x > x, quindi

x−x = e−x log x < e−x ∀x > e.


c 2017 Politecnico di Torino
Integrali impropri: esercizi svolti 7

∫ +∞ ∫ e ∫ +∞
−x −x
Decomponendo allora l’integrale come x dx = x dx + x−x dx ,
0 0 e
abbiamo che:

- il primo integrale è un integrale di Riemann;

- il secondo integrale converge per il criterio del confronto, con


∫ +∞ ∫ +∞
e−x log x dx < e−x dx .
e e

Quindi l’integrale proposto converge.

3h) L’integrale è improprio solo per x → +∞. Per studiarne la convergenza osserviamo
10 −x è un infinitesimo di ordine superiore
che )α x → +∞ la funzione f (x) = x e
( per
1
a qualsiasi sia α > 0. Infatti si ha
x
( )
x10 e−x x10+α 1
lim 1 = lim = 0 ∀α > 0 =⇒ x10 e−x = o x → +∞ ∀α > 0.
x→+∞ x→+∞ ex xα

( )
1
In particolare si ha, ad esempio, x10 e−x = o per x → +∞. Essendo 2 > 1,
x2
l’integrale proposto converge per il criterio del confronto asintotico.
sin x
3i) La funzione integranda f (x) = è continua su R, per cui l’integrale
x2 + x + 1
è improprio solo a +∞.

Studiamo il comportamento dell’integrale improprio
+∞
|f (x)| dx . Poiché
0
| sin x| 1
0≤ ≤ 2 , ∀x ∈ R,
x2+x+1 x +x+1
∫ +∞
1 1 1
e 2 ∼ 2 , per x → +∞, l’integrale improprio dx
x +x+1 x 0 x2 +x+1
converge.
∫ +∞
Per il criterio del confronto |f (x)| dx converge. Ne segue che l’integrale
0
assegnato converge assolutamente, e quindi converge.
sin x + cos x
3j) La funzione integranda f (x) = è continua sull’intervallo [−4, +∞),
x2 + 8x + 17
dunque l’integrale è improprio solo a +∞. Utilizziamo il criterio del confronto per
studiare la convergenza assoluta:

sin x + cos x 2 2

|f (x)| = 2
≤ 2 = , ∀x ∈ [−4, +∞).
x + 8x + 17 x + 8x + 17 2
x + 8x + 17
∫ +∞
2 2 1
Poiché 2 + 8x
∼ per x → +∞ e poiché l’integrale dx converge,
∫x +∞
+ 17 x2 −4 x2
2
anche dx converge; per il criterio del confronto l’integrale
−4 x2 + 8x + 17
proposto converge assolutamente, e dunque converge.


c 2017 Politecnico di Torino
8 Integrali impropri: esercizi svolti

Esercizio 4.

4a) Il dominio della funzione integranda è domf = (0, +∞). Poiché f è localmente
illimitata in x = 0, l’integrale è improprio.

Per definizione di integrale improprio:


∫ 1 ∫ 1 [ ]1 ( )
1 1 2 2
√ dx = lim √ dx = lim − √ = lim −2 + √ = +∞.
0 x x t→0+ t x x t→0 + x t t→0+ t

L’integrale improprio diverge.

4b) La funzione integranda è continua su domf = (−∞, 0) ∪ (0, +∞), ed è localmente


illimitata in x = 1.

Per definizione di integrale improprio:


∫ ∫
3 2x − 1 3 2x − 1
√ dx = lim √ dx
1 x2 − x t→1+ t x2 − x
[√ ]3
= lim x2 − x
t→1+ t
(√ √ ) √
= lim 9 − 3 − t2 − t = 6.
t→1+

L’integrale improprio converge.

4c) La funzione integranda è continua su domf = (0, 1) ∪ (1, +∞), ed è localmente


illimitata in x = 1.

Per definizione di integrale improprio:


∫ e ∫ e [ ]e ( )
1 1 1 1
= lim = lim − = lim −1 + = +∞.
1 x log2 (x) t→1+ 1
2
x log (x) t→1+ log x 1 t→1+ log t

L’integrale improprio diverge.

Esercizio 5. Procediamo come nell’Esercizio 2. Per α = 1 si ha


∫ 1 ∫ 1 [ ]1 ( )
log x log x 1 1
dx = lim dx = lim log2 x = lim 0− log2 t = −∞.
0 x t→0 t x t→0+ 2 t t→0+ 2


c 2017 Politecnico di Torino
Integrali impropri: esercizi svolti 9

Per α ̸= 1 si ha
∫ 1 ∫ 1
−α
x log x dx = lim x−α log x dx
t t→0+ t
[ 1 ]
1 1
= lim · x1−α · log x − · x 1−α
t→0+ −α + 1 (1 − α)2 t
( )
1 1 1
= lim − − · t 1−α
· log t + · t 1−α
t→0+ (1 − α)2 −α + 1 (1 − α)2

 1
 −
 se α < 1
(1 − α)2
=



−∞ se α > 1.

Esercizio 6.

6a) La funzione integranda è √continua su domf = (0, +∞), ed è localmente illimitata


e3 x + 1
in x = 0. Infatti lim √ = +∞. Inoltre f (x) > 0, per ogni x > 0, quindi
x→0+ x
l’integrale non può essere indeterminato.

Per x → 0+ si ha √
e3 x+1 2
f (x) = √ ∼ 1/2
x x
1
e poiché 2 < 1, per il criterio del confronto asintotico l’integrale converge.

6b) Osserviamo che il denominatore si annulla in x = e − 1.

Per x → e − 1 poniamo x − e + 1 = t =⇒ x = e − 1 + t.
√ √
3
e−e+1−t−1 3
1−t−1
g(t) = √ = √ .
3
log (e − e + 1 − t) 3
log (1 − t)

Per t → 0 si ha

− 13 t + o(t)
g(t) = √ ∼ t2/3 .
3
−t + o(t)

Ne segue che lim f (x) = 0; dunque f è limitata e continua in (e − 1, 3]: come


x→(e−1)
tale, è integrabile secondo Riemann e l’integrale non è improprio.


c 2017 Politecnico di Torino
10 Integrali impropri: esercizi svolti

sin2 x + cos 2x − 1
6c) La funzione integranda f (x) = √
3
è continua in (0, 1].
x5
Per x → 0+ si ha
sin2 x + cos 2x − 1 x2 + 1 − 12 4x2 − 1o(x2 )

3
= 5/3
∼ −x1/3 .
x5 x

Dunque lim f (x) = 0, f è continua e limitata in (0, 1] e come tale è Riemann-


x→0
integrabile. Perciò l’integrale assegnato non è un integrale improprio.

6d) Per x → 2− si ha
1 1 1 1
√ =√ √ ∼ · .
4−x2 2−x· 2+x 2 (2 − x)1/2
1
Dunque l’integrale è improprio; poiché 2 < 1, per il criterio del confronto asin-
totico, l’integrale converge.


(1 − 3x)( x + 2)
6e) Osserviamo che f (x) = è continua in (4, 5] e
x−4

(1 − 3x)( x + 2)
lim = −∞.
x→4+ x−4
Dunque l’integrale assegnato è improprio per x → 4+ . Razionalizzando otteniamo
che, per x → 4+ :
√ √
(1 − 3x)( x + 2) (1 − 3x)( x + 2) −44
f (x) = = ∼ .
x−4 x−4 x−4
1
Dunque f ha ordine di infinito 1 rispetto a , per x → 4: per il criterio del
x−4
confronto asintotico, l’integrale improprio diverge.


log(1 + x)
6f ) Osserviamo che f (x) = è continua in (0, 1]. Inoltre
sin x
√ √
log(1 + x) x
lim = lim = +∞.
x→0 sin x x→0 x

1
Dunque l’integrale è improprio. Poiché f (x) ∼ √ , per x → 0, l’integrale impro-
x
prio converge.

6g) f (x) = log2 x è continua su (0, 1] e localmente illimitata in x = 0, quindi l’integrale


è improprio per x → 0+ .


c 2017 Politecnico di Torino
Integrali impropri: esercizi svolti 11

)αper x → 0 la funzione f (x) = log x è un infinito di ordine


+ 2
Osserviamo( che
1
inferiore a qualsiasi sia α > 0. Infatti si ha
x

log2 x
lim = lim xα log2 x = 0 ∀α > 0.
x→0 1/xα x→0

( )
1
Per esempio, log x = o √
2
per x → 0+ . Essendo 1/2 < 1, l’integrale proposto
x
converge per il criterio del confronto asintotico.

6h) Osserviamo che f non è definita in x = 0 e in x = π. Inoltre


√ √
3
cos x2 − 1
3
1 − 12 x4 + o(x4 ) − 1
lim = lim =
x→0 x3 sin x x→0 x4 + o(x4 )
( )
1
3 − 12 x4 + o(x4 ) − 16 x4 + o(x4 ) 1
= lim = lim =− .
x→0 x4 + o(x4 ) x→0 4
x + o(x ) 4 6
Dunque f è localmente integrabile in [0, π).

Poiché sin x = sin(x − π + π) = − sin(x − π) = −(x − π) + o(x − π), per x → π, si


ha che, per x → π:
√ √ √
cos x2 − 1 cos π 2 − 1 + o(1) cos π 2 − 1 −1
3 3 3

= ∼ · .
3
x sin x (π + o(1))[−(x − π) + o(x − π)]
3 π 3 x−π
Dunque l’integrale è improprio per x → π, ed è divergente, perché f ha ordine di
1
infinito 1 rispetto a , per x → π.
x−π


(ex − e) 1 − x2
6i) Osserviamo che f (x) = è continua in (0, 1). Inoltre
x log3 x

lim f (x) = 0,
x→1−
1−e
lim f (x) = lim = +∞.
x→0 x→0 x log3 x

Dunque f è localmente integrabile in (0, 1] e l’integrale è improprio per x → 0+ .

Poiché
1
f (x) ∼ (1 − e) per x → 0+
x log3 x
∫ 11
e 3 dx converge (vedi Esercizi proposti), anche l’integrale assegnato con-
0 x log x
verge per il criterio del confronto asintotico.


c 2017 Politecnico di Torino
12 Integrali impropri: esercizi svolti


3 2
e x −1
6j) Osserviamo che f (x) = √ è continua in (0, 1). Inoltre
x log(1 + 1 − x)

3 2 √
e x −1
3
x2
lim √ = lim = +∞,
x→0+ x log(1 + 1 − x) x→0+ x log 2

e−1
lim f (x) = lim √ = +∞.
x→1− x→1− x log(1 + 1 − x
Dunque l’integrale è improprio per x → 0+∫ e per x → 1−∫. Dobbiamo quindi stu-
1/2 1
diare separatamente gli integrali impropri f (x) dx e f (x) dx. L’integrale
0 1/2
assegnato converge soltanto se entrambi gli integrali convergono.

Per quanto osservato in precedenza:


∫ 1/2
1
• Per x → 0+ , f (x) ∼ , quindi f (x) dx converge.
x1/3 log 2 0
∫ 1
− e−1
• Per x → 1 , f (x) ∼ , quindi f (x) dx converge.
(1 − x)1/2 1/2

Ne segue che l’integrale assegnato converge.

Esercizio 7.

x+ x
7a) f (x) = 3 è continua in (0, +∞) ed è localmente illimitata in x = 0. Per
x +x
studiare l’integrale improprio assegnato, scriviamo
∫ +∞ √ ∫ 1 √ ∫ +∞ √
x+ x x+ x x+ x
dx = dx + dx
0 x3 + x 3
0 x +x 1 x3 + x
e studiamo separatamente i due integrali impropri.

Per x → 0+ si ha √ √
x+ x x 1
3
∼ = 1/2 .
x +x x x
1
Poiché < 1, per il criterio del confronto asintotico il primo integrale improprio
2
converge.

Per x → +∞ si ha √
x+ x 1
∼ 2.
x3 + x x
Poiché 2 > 1, per il criterio del confronto asintotico il secondo integrale improprio
converge.

Dunque l’integrale assegnato converge.


c 2017 Politecnico di Torino
Integrali impropri: esercizi svolti 13

log(x2 + 1) + x3
7b) f (x) = √
3
è continua in (0, +∞). Poiché per x → 0+ si ha
3 x2 sin x + x4
log(x2 + 1) + x3 x2 + o(x2 ) 1

3
= 5/3 + o(x5/3 )
∼ x1/3 ,
2
3 x sin x + x 4 3 x 3
f è localmente limitata in x = 0 e l’integrale è improprio soltanto a +∞.

Per x → +∞ si ha
log(x2 + 1) + x3 x3 + o(x3 ) 1

3
= 4 4
∼ .
3 x2 sin x + x4 x + o(x ) x
Per il criterio del confronto asintotico l’integrale improprio diverge.
1 − cos x
7c) f (x) = √ è continua su (0, +∞). Inoltre
x2 log(1 + 3 x)

1 − cos x 1 2 2)
2 x + o(x √
lim √ = lim √ = +∞.
x→0 x2 log(1 + 3 x) x→0 x2 3 x + o(x2 3 x)
Dobbiamo dunque scrivere
∫ ∫ ∫
+∞ 1 − cos x β 1 − cos x +∞ 1 − cos x
2
√ dx = 2
√ dx + √ dx
0 x log(1 + 3 x) 0 x log(1 + 3 x) β x2 log(1 + 3 x)
e studiare separatamente i due integrali. L’integrale dato converge se entrambi gli
integrali convergono.

Poiché
1 − cos x 1
√ ∼ √ , per x → 0,
x2 3
log(1 + x) 23x
il primo integrale improprio converge.

Per studiare la convergenza del secondo integrale improprio utilizziamo il criterio


del confronto. Si ha
1 − cos x 2 2
√ ≤ 2 √ ≤ 2
x2 log(1 + 3 x) x log(1 + 3 x) x

per x abbastanza grande
∫ +∞
(deve essere log(1 + 3 x) ≥ 1, cioè x ≥ (e − 1)3 ). Poiché
1
l’integrale improprio dx converge, anche il secondo integrale improprio
β x2
converge.

Pertanto l’integrale assegnato è convergente.


1
7d) f (x) = √ √ è continua su (1, +∞) ed è localmente illimitata in
x + 3 5 (x − 1)3
2
x = 1. Dobbiamo quindi scrivere
∫ +∞ 1
√ √ dx =
1 x + 3 5 (x − 1)3
2


c 2017 Politecnico di Torino
14 Integrali impropri: esercizi svolti

∫ 2 ∫ +∞
1 1
= √ √ dx + √ √ dx
1 x + 3 5 (x − 1)3
2 2 x + 3 5 (x − 1)3
2

e studiare separatamente i due integrali impropri ottenuti. Per x → 1+ si ha


1 1
√ √ ∼ 3 .
x + 3 (x − 1)
2 5 3
2 (x − 1) 5
3
Poiché < 1, per il criterio del confronto asintotico il primo integrale improprio
5
converge.

Per x → +∞ si ha
1 1
√ √ ∼ 3 .
x + 3 (x − 1)
2 5 3 1+
x 5
3
Essendo 1 + > 1 per il criterio del confronto asintotico il secondo integrale
5
improprio converge.

Dunque l’integrale assegnato converge.

Esercizio 8 . Per x → +∞ si ha
x 1
∼ n−1
(x2 + 3)n/2 x
quindi l’integrale converge se e solo se n − 1 > 1 , cioè n > 2. Pertanto il più piccolo
valore di n ∈ N per cui l’integrale converge è n = 3. In tal caso:
∫ ∫
x 1 1
√ dx = 2x(x2 + 3)−3/2 dx = − √ +c
(x2 + 3)3 2 2
x +3
e dunque
∫ +∞ ∫ t
x x
√ dx = lim √ dx
2 (x + 3)3
2 t→+∞ 2 (x2 + 3)3
[ t ]
1
= lim −√
t→+∞ x2 + 3 2
( )
1 1 1
= lim − √ t +√ =√ .
t→+∞ x +3 7 7

x( sin(x − 2))α
Esercizio 9. f (x) = √ è continua in (2, +∞). Inoltre, per x → 2+ :
x2 − 4
x( sin(x − 2))α x[(x − 2)α + o((x − 2)α )
√ = ∼ (x − 2)α−1/2 .
x2 − 4 (x + 2)1/2 (x − 2)1/2


c 2017 Politecnico di Torino
Integrali impropri: esercizi svolti 15

1
Se α− ≥ 0, la funzione è limitata in un intorno di x = 2, e dunque l’integrale assegnato
2
è un integrale di Riemann.
1
Se α − < 0, f è localmente illimitata in x = 2 e l’integrale è improprio. Per il
2
1
criterio del confronto asintotico, l’integrale converge se −1 < α − < 0 e diverge se
2
1
α − ≤ −1.
2
Riassumendo:
1
• α ≥ , si ha un integrale di Riemann.
2
1 1
• − < α < , si ha un integrale improprio convergente.
2 2
1
• α ≤ − , si ha un integrale improprio divergente.
2

Esercizio 10. La funzione




 2x2

 − 0<x<3
|x2 − 2x − 3| − x2 − 2x − 3  xα
f (x) = =
xα 


 −4x − 6
 x≥3

è continua in (0, +∞), per ogni α ∈ R. Se α ≤ 2, f è localmente limitata in un intorno
destro di x = 0. Altrimenti l’integrale risulta improprio sia per x → 0 che per x → +∞.
Dobbiamo quindi scrivere
∫ ∫ ∫
+∞ 3 −2x2 +∞ −4x − 6
f (x) dx = dx + dx .
0 0 xα 3 xα
∫ 3 −2x2
L’integrale dx è tale che:
0 xα
• Se α ≤ 2, è un integrale di Riemann.

• Se 2 < α < 3, è un integrale improprio convergente.

• Se α ≥ 3, è un integrale improprio divergente.

Per quanto riguarda il secondo integrale, poiché f ha lo stesso ordine di infinitesimo


1
di α−1 per x → +∞, l’integrale converge se e solo se α > 2.
x
L’integrale assegnato converge quando entrambi gli integrali convergono, cioè per
α ∈ (2, 3).


c 2017 Politecnico di Torino
16 Integrali impropri: esercizi svolti

Esercizio 11. La funzione integranda non è definita in x = 0. Scriviamo


∫ +∞ ∫ 1 ∫ +∞
1 1 1
dx = dx + dx .
0 x (4 + 9x)β+1
α
0 x (4 + 9x)β+1
α
1 xα (4 + 9x)β+1
11a) Per x → 0+ si ha
1 1
∼ β+1 α
xα (4
+ 9x)β+1 4 ·x
quindi il primo integrale non è improprio se α ≤ 0, ed è un integrale improprio
convergente se 0 < α < 1.

Per x → +∞ si ha
1 1
∼ b+1 α+β+1
xα (4 + 9x)β+1 9 ·x
quindi il secondo integrale converge se α + β + 1 > 1, cioè se β > −α.

L’integrale assegnato converge per α < 1 e β > −α.



11b) Ponendo x = t, abbiamo
∫ k ∫ k2 ∫ k2
1 2t 2
√ dx = dt = dt .
0 x(4 + 9x) 0 t(4 + 9t2 ) 0 4 + 9t2
Ponendo z = k 2 , abbiamo
∫ k ∫ z
1 2
t lim √ dx = lim dt
k→+∞ 0 x(4 + 9x) 4 + 9t2
z→+∞ 0
[ ]
2 3t z
= lim arctan
z→+∞ 6 2 0
( )
1 3z 1 π π
= lim arctan −0 = · = .
z→+∞ 3 2 3 2 6

Esercizio 12.
1
12a) Se α ≤ 2, l’integrale diverge, data la presenza del fattore . Se α > 2,
x−2
l’integrale non dà problemi di integrazione al finito, mentre per x → +∞ la frazione
1
integranda si comporta come 3/2 . Dunque l’integrale converge se e solo se α > 2.
x

12b) Per α = 6, mediante la sostituzione x − 3 = t da cui x = 3 + t2 , dx = 2t dt ,
otteniamo:
∫ ∫ √
k 1 k−3 2t
√ dx = √ dt
6 (x − 2) x − 3 3 t (1 + t2 )
∫ √k−3
2
= √ dt
(1 + t2 )
3
( √ √ )
= 2 arctan k − 3 − arctan 3 .


c 2017 Politecnico di Torino
Integrali impropri: esercizi svolti 17


Ponendo z = k − 3 abbiamo
∫ k ∫ z
1 2
lim √ dx = lim √ dt
k→+∞ 6 (x − 2) x − 3 z→+∞ 3 1 + t2
( √ ) π
= lim 2 arctan z − 2 arctan 3 = .
z→+∞ 3

∫ x
Esercizio 13. Osserviamo che una funzione integrale F (x) = f (t) dt ha asintoto
∫ +∞
x0

orizzontale per x → +∞ se e solo se f (t) dt converge. Infatti


x0
(∫ x )
lim F (x) = l ∈ R ⇐⇒ lim f (t) dt = l ∈ R.
x→+∞ x→+∞ x0

La retta y = l è l’asintoto

orizzontale destro di F . Analogamente F ha asintoto orizzon-
x0
tale sinistro se e solo se f (t) dt converge.
−∞

13a) f (t) = e−t è continua su R, quindi domF = R. Inoltre


2

( )
−t2 1
f (t) = e =o 2 per t → +∞ e per t → −∞.
t
∫ +∞ ∫ 2
−t2
e−t
2
Ne segue che gli integrali impropri e dt e dt convergono e
2 −∞
F (x) ha asintoto orizzontale destro e sinistro.

13b) La funzione integranda è continua su R, quindi domF = R.


Per t → +∞ si ha:
t2 + cos t 1
f (t) = 4 −2t
∼ 2.
t +e t
∫ +∞
Dunque f (t) dt converge, e F ha asintoto orizzontale destro.
−1
Per t → −∞ si ha:
t2 + cos t t2
f (t) = ∼ .
t4 + e−2t e−2t
( ) ∫ −1
1
Ne segue che f (t) = o 3 per → +∞, e f (t) dt converge. Dunque F ha
t −∞
asintoto orizzontale sinistro.


c 2017 Politecnico di Torino
18 Integrali impropri: esercizi svolti

3
13c) f (t) = è continua su R, quindi domF = R.
(t2 + 1) log(e−t + 4)

3 3
Per t → +∞ si ha: −t
∼ 2 .
(t2 + 1) log(e + 4) t log 4
∫ +∞
Dunque f (t) dt converge, e F ha asintoto orizzontale destro.
−2

Per t → −∞ si ha:
( )
(t2 + 1) log(e−t + 4) = log e−t (1 + 4et ) = −t + log(1 + 4et ) = −t + o(1).

3 3
Dunque f (t) = −t
∼ − 3 per t → +∞.
(t2 + 1) log(e + 4) t
∫ −2
Quindi f (t) dt converge e F ha asintoto orizzontale sinistro.
−∞

Esercizio 14.

14a) Consideriamo i due integrali impropri


∫ +∞ sin t + 5t2
∫ +∞ ( 1
)
√ dt e 1 − cos dt .
2 t5 + 6 2 t

sin t + 5t2 1
Osserviamo che √ > 0 e 1 − cos ≥ 0 ∀t ≥ 2. Inoltre per t → +∞ si ha
5
t +6 t

sin t + 5t2 5
√ ∼ 1/2 .
t t4 + 6 t
1
Poiché 2 < 1, per il criterio del confronto asintotico il primo integrale improprio
diverge positivamente.

Per t → +∞ si ha ( )
1 1 1
1 − cos ∼ · .
t 2 t2
Poiché 2 > 1, per il criterio del confronto asintotico il secondo integrale improprio
converge ad un valore positivo.

Quindi

sin t + 5t2
x
√ dt
2 t 5+6
lim ∫ x( ) = +∞.
x→+∞ 1
1 − cos dt
2 t


c 2017 Politecnico di Torino
Integrali impropri: esercizi svolti 19

14b) Osserviamo che


log t + t
√3 2
> 0 ∀t ≥ 1 e lim f (t) = +∞.
t +2 x→+∞

Ne segue che ∫ x
lim f (t) dt = +∞.
x→+∞ 1

Inoltre lim x2 = +∞.


x→+∞

Dunque il limite proposto è una forma indeterminata; poiché il numeratore e il


denominatore sono derivabili, possiamo applicare il teorema di De L’Hopital, ri-
cordando che, per il teorema fondamentale del calcolo integrale
(∫ x )
d log x + x
f (t) dt = f (x) = √3
.
dx 1 x2 + 2
Poiché
log x + x

lim
3
x2 + 2 = lim x√ + o(x)
=0
x→+∞ 2x x→+∞ 2x 3 x2 + 2

si ha che ∫ x log t + t
√3 2
dt
lim 1 t +2 = 0.
x→+∞ x2
14c) Consideriamo l’integrale improprio
∫ +∞ 1
t sin dt .
1 t3
1
Per t ≥ 1, t sin > 0; inoltre, per t → +∞ si ha
t3
1 1
t sin ∼ 2.
t3 t
Poiché 2 > 1, per il criterio del confronto asintotico l’integrale improprio converge
(ad un valore strettamente positivo).

Il numeratore tende a infinito per x → +∞.

Quindi
x2 log x
lim ∫ x = +∞.
x→+∞ 1
t sin 3 dt
1 t
∫ x t3 +1 t3 + 1 1
14d) Sia F (x) = dt . Poiché ∼ per t → +∞,
0 t4 + 2 t4 + 2 t
lim F (x) = +∞.
x→+∞


c 2017 Politecnico di Torino
20 Integrali impropri: esercizi svolti

∫ x ( )2 ( )2 ( )2
1 1 1
Sia G(x) = t sin . Poiché t sin > 0 per ogni t ≥ 1 e t sin ∼
1 t t t
1 1
t· 2
= per t → +∞,
t t
lim G(x) = +∞.
x→+∞

F (x)
Dunque lim è una forma indeterminata, a cui possiamo applicare il Teo-
G(x)
x→+∞
rema di De L’Hopital
x3 + 1 1
F ′ (x) x4 + 2 = lim x = 1.
lim = lim ( )
x→+∞ G′ (x) x→+∞ 1 2 x→+∞ 1
x sin x
x
Ne segue che
F (x) F ′ (x)
lim = lim = 1.
x→+∞ G(x) x→+∞ G′ (x)

Esercizio 15. Effettuiamo un cambiamento di variabile ponendo


√ 1
x2 = t =⇒ x = t =⇒ dx = √ dt . Allora
2 t
∫ ∫ ∫ ( )
1 1 1
sin x 2
dx = √ sin t dt = − √ cos t + − 3/2 cos t dt
2 t 2 t 4t

1 1 1
= − √ cos t − cos t dt ,
2 t 4 t3/2

∫ ∫ √
k k 1
lim sin x 2
dx = lim √ sin t dt .
k→+∞ 1 k→+∞ 1 2 t

Ponendo z = k, otteniamo
∫ k ([ ]z ∫ z )
1 1 1
lim sin x2 dx = lim − √ cos t − cos t dt
k→+∞ 1 z→+∞ 2 t 1 4 1 t3/2
dove [ ]z ( )
1 1 1 1
lim − √ cos t = lim − √ cos z + cos 1 = cos 1.
z→+∞ 2 t 1
z→+∞ 2 z 2 2

cos t 1 +∞ 1
Poiché 3/2 ≤ 3/2 ∀t > 1 e dt converge, per il criterio del confronto
t∫ t 1 t3/2
+∞ 1
l’integrale 3/2
cos t dt converge assolutamente.
1 ∫t
k
Dunque lim sin x2 dx esiste finito e l’integrale converge.
k→+∞ 1


c 2017 Politecnico di Torino
Integrali impropri: esercizi svolti 21

Esercizio 16.
∫ +∞ ∫ 1 ∫ +∞
1 1 1
· e− x2 dx · e− x2 dx + · e− x2 dx .
1 1 1

2
= 2 2
0 x 0 x 1 x

Studiamo separatamente i due integrali


∫ 1 1 1 ∫
1
· e− x2 dx = lim · e− x2 dx .
1 1
(a) 2 2
0 x z→0+ z x
1 1 1
Se poniamo t = . Allora dt = − 2 dx =⇒ dx = − 2 dt .
x x t
Se x = 1 =⇒ t = 1, se x = z =⇒ t = 1/z. Allora
∫ 1 ∫ 1 ( ) ∫ 1/z
1 −1/x2
−e−t e−t
2 2
lim e dx = lim dt = lim dt
z→0+ z x2 z→0+ 1/z z→0+ 1
∫ +∞ ∫ 1
−t2
e−t
2
= e dt − dt
√0 ∫ 1
0
π
e−t
2
= − dt .
2 0

(b) Usando le stesse sostituzioni usate al punto (a), abbiamo


∫ +∞ ∫ z ∫ 1/z ( )
1 1
· e− x2 dx · e− x2 dx = lim
1 1
− e−t
2
2
= lim 2
dt
1 x z→+∞ 1 x z→+∞ 1
∫ k ( ) ∫ 1
−t2
e−t
2
= lim −e dt = lim dt
k→0+ 1 k→0+ k
∫ 1
e−t
2
= dt .
0

Dunque
∫ +∞ ∫ +∞ ∫ 1 ∫ 1
1
· e− x2 dx
1
−t2 −t2
e−t
2
2
= e dt − e dt + dt
0 x 0 0 0
∫ +∞

π
e−t
2
= dt = .
0 2


c 2017 Politecnico di Torino

Potrebbero piacerti anche