Sei sulla pagina 1di 38

€ 38,00

MAT E R I A
E ARTE
ISSN 2421-3578
ISBN 978-88-7814-890-1
e-ISBN 978-88-7814-891-8

4
MA-4

I  l volume Una favola breve riunisce una serie di contributi scientifici che in prospet-
tiva diacronica affrontano il tema della salute dell’infanzia, dell’abuso sul minore

UNA FAVOLA BREVE  Archeologia e antropologia per la storia dell’infanzia


e della morte prematura, dal mondo antico (greco, italico e romano) fino all’era mo-
derna. Il volume è parte di un più ampio progetto, intitolato Mors immatura, nato nel
2017 con l’obiettivo di costruire un fecondo dialogo interdisciplinare su temi delica-
ti e non privi di ricadute nell’attualità: archeologia, antropologia, storia del diritto e
della medicina possono scrivere pagine importanti sull’infanzia, contribuendo alla
formazione di una coscienza civica e di un’attenta responsabilità sociale rispetto a
tematiche tuttora di grande urgenza.

S  e di bambini vissuti secoli o decenni fa è spesso molto difficile, se non impossi-


bile, ricostruire sentimenti, paure ed emozioni, è vero che dei subadulti ci resta
spesso il corpo, lo scheletro, che non è solo un’entità materiale, ma è anche un pro-
dotto culturale, da cui dedurre informazioni dirette (non mediate quindi dal mondo
degli adulti) sullo sviluppo biologico, sullo stato di salute e sulle forme di interazione
socio-culturale con il mondo esterno

Una favola breve


Archeologia e antropologia
per la storia dell’infanzia
a cura di Claudia Lambrugo
Una favola breve

Archeologia e antropologia
per la storia dell’infanzia

a cura di
Claudia Lambrugo
Direttore della Collana
Fabrizio Slavazzi (Università degli Studi di Milano; Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali)

Vicedirettore
Claudia Lambrugo (Università degli Studi di Milano; Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali)

Comitato scientifico
Elena Calandra (Direttore dell’Istituto Centrale per l’Archeologia, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo)
Fulvia Ciliberto (Università degli Studi del Molise)
Mauro Menichetti (Università degli Studi di Salerno)
Fabrizio Pesando (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”)

Volume sottoposto a processo di peer review prima della pubblicazione.

In prima di copertina: elaborazione di Valentino Albini (Università degli Studi di Milano, Dipartimento di Beni Culturali e
Ambientali).
In quarta di copertina: Miniatura tratta dalla Vie de Saint Louis; Guillaume de Saint Pathus; metà del XIV secolo; quattro
madri conducono i loro figli, affetti da forme diverse di paralisi degli arti, in pellegrinaggio alla tomba di san Luigi; Paris,
Bibliothèque Nationale de France, ms. fr. 5716, fol. 573 (da Cassagn es-Broquet 2009, p. 63).

Edizione e distribuzione
Edizioni All’Insegna del Giglio s.a.s.
via Arrigo Boito, 50-52, 36; 50019 Sesto Fiorentino (FI)
tel. +39 055 6142 675
e-mail redazione@insegnadelgiglio.it; ordini@insegnadelgiglio.it
sito web www.insegnadelgiglio.it

ISSN 2421-3578
ISBN 978-88-7814-890-1
e-ISBN 978-88-7814-891-8
© 2019 All’Insegna del Giglio s.a.s.
Stampato a Sesto Fiorentino, giugno 2019
Tecografica Rossi
Indice

Saluto del Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali


Alberto Bentoglio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . VII
Una favola breve: il progetto Mors immatura
Claudia Lambrugo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IX
A short-lived fairy tale: the Mors immatura project
Claudia Lambrugo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XII

Parte I – Stato di salute e vita (breve) dei bambini nel mondo antico:
qualche approfondimento
1. Bambini non desiderati e bambini non nati:
l’aborto nella Grecia classica tra teorie mediche e pratica sociale
Valeria Andò . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
2. Allattamento e co-allattamento nel mondo greco e romano
Giulia Pedrucci. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
3. Alimentation infantile: pratiques et culture matérielle dans la société grecque
Céline Dubois . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
4. Sweet honey and hare’s brains: ancient pharmacology for children’s diseases
Laurence Totelin. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
5. Le “bébé dans la marmite” ou l’usage de contenants non funéraires pour inhumer
les tout-petits dans le monde grec
Céline Dubois . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
6. I minori e il diritto in Grecia e a Roma
Laura Pepe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51

Parte II – La salute del bambino: casi di studio in Grecia, Magna Grecia e Sicilia
7. L’infanzia e la morte alle soglie del mondo miceneo: la documentazione
dell’Argolide
Massimo Cultraro, Erica Abate. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
8. Archeologia dei soggetti ‘invisibili’: per un’indagine sulla mortalità infantile
nella Sicilia pre-protostorica
Massimo Cultraro, Simona Sirugo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
9. La pathologie des sujets immatures dans la nécropole méridionale
de Mégara Hyblaea (Sicile)
Henri Duday, Reine-Marie Bérard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
10. Dati preliminari sulle sepolture infantili della necropoli di Camarina-Passo Marinaro
(RG, Sicilia). Scavi 1980-1983
Giovanni Di Stefano, Giorgia Tulumello. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
11. Gli esemplari subadulti della necropoli punica di Palermo.
Dati archeologici e antropologici
Francesca Spatafora, Rosaria Di Salvo, Vittoria Schimmenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
12. Sepolture infantili del VI-VII sec. d.C. nel Quartiere Ellenistico-Romano di Agrigento.
Osservazioni preliminari
Maria Concetta Parello, Maria Serena Rizzo, Zelia Di Giuseppe, Raffaele Fanelli,
Michelle Alexander . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
13. Sepoltura in anfora di infans dall’Emporion di Agrigento
Valentina Caminneci, Zelia Di Giuseppe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .109
14. Mors immatura in Peucezia. I bambini di Jazzo Fornasiello (Gravina in Puglia – BA)
Claudia Lambrugo, Alessandra Mazzucchi, Michela Zana, Marco Caccianiga. . . . . . . . . . . . 117
Parte III – La salute del bambino: casi di studio in Lombardia
15. I bambini di Milano tra l’epoca romana e quella moderna
Anna Maria Fedeli, Cristina Cattaneo, Mirko Mattia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
16. Sepolture infantili di età rinascimentale con obolo monetale dai dintorni di Milano:
i casi di Biassono e Cornaredo
Anna Maria Fedeli, Roberto Mella Pariani, Emanuela Sguazza, Davide Porta, Cristina Cattaneo. . . 141
17. I bambini scomparsi di Merlino (LO). Un interessante caso di studio
Stefania De Francesco, Laura Breda, Emanuela Sguazza, Debora Mazzarelli, Cristina Cattaneo. . . 149
18. Mors immatura nel Bresciano tra Protostoria e Alto Medioevo
Serena Solano, Leonardo De Vanna, Alessandra Mazzucchi, Maurizio Marinato . . . . . . . . . . 157
19. I bambini della provincia bergamasca tra età romana e Medioevo
Alessandra Mazzucchi, Maria Fortunati, Maurizio Marinato, Chiara Ficini, Emiliano Garatti,
Angelo Ghiroldi, Omar Larentis, Caterina Pangrazzi, Mariagrazia Vitali, Cristina Cattaneo. . . . . 71
20. I bambini di Castelseprio. Alcune sepolture nell’avancorpo della chiesa
di San Paolo
Francesco Muscolino, Emanuela Sguazza, Fausto Simonotti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
21. Storie di infanti dalla Ca’ Granda di Milano
Emanuela Sguazza, Paolo M. Galimberti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .189
22. La favola breve: morire giovani nella Milano sforzesca
Folco Vaglienti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193

Parte IV – Bambini speciali


23. Il bambino del Lucone di Polpenazze (BS). Un culto dei crani in una palafitta
dell’antica età del Bronzo?
Marco Baioni, Alessandro Canci. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
24. Il caso del “bambino della Civita” di Tarquinia
Giovanna Bagnasco Gianni, Giulio M. Facchetti, Cristina Cattaneo,
Emanuela Maderna, Valeria Ricciardi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211

Parte V – Alcune conclusioni


25. Sullo stato di salute del bambino nel mondo antico e sulla dignità del feto.
Alcune osservazioni conclusive
Claudia Lambrugo, Cristina Cattaneo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .227

Tavole a colori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241


Gli Autori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
Indice analitico (autori antichi, personaggi, luoghi geografici e cose notevoli)
a cura di Claudia Lambrugo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
211

24.  Il caso del “bambino della Civita” di Tarquinia


Giovanna Bagnasco Gianni, Giulio M. Facchetti, Cristina Cattaneo, Emanuela Maderna, Valeria Ricciardi

I. Terela al ‘complesso monumentale’ Il significato di teraš della lamina è rimasto per un certo perio-
do in sospeso per una condivisa perplessità nei confronti della
In occasione delle più recenti analisi, condotte nel Laborato- proposta di M. Pallottino del 196610 ed era rimasto un hapax
rio di Antropologia e Odontologia Forense (Labanof ) dell’Uni- fino alla comparsa del recente têršna (<*têrašna) della Tabula
versità degli Studi di Milano, che comprovano l’encefalopatia Cortonensis (III-II sec. a.C.), già accostato in letteratura a teraš11.
del bambino del ‘complesso monumentale’ della Civita (IX sec. Ora la possibilità di porre in parallelo più serie testimoniali che
a.C.) e la conseguente sintomatologia di tipo epilettico1, è par- convergono sulla ben nota eccezionalità del “bambino del-
so opportuno proporre la rilettura di due frammenti iscritti, a la Civita” costringe a riprendere la proposta pallottiniana per
suo tempo editi separatamente (– ter[ e ]ela -)2, rinvenuti vici- quanto concerne sia il rapporto fra teraš etrusco e τέρας greco
no al bambino e alla cavità naturale che si trova al centro del sia, in un quadro più ampio, la radice ter- che li accomuna an-
‘complesso’. A seguito di una recente revisione dei materiali che a altri lemmi che, nel lessico etrusco, riportano alla seman-
epigrafici a cura di chi scrive, essi si sono rivelati invece parti del tica della manifestazione del divino, come viene discusso da
piede a tromba di una kylix attica (tipo Bloesch C, 520-490 a.C.), G.M. Facchetti in questa sede.
e di una unica iscrizione integra e isolata: terela (Fig. 1). Lo scarto
I.1 Cenni sulla traiettoria semantica di τέρας greco
cronologico fra queste evidenze costituisce uno dei nuclei del
e il parallelo con monstrum latino
presente contributo e verrà argomentato oltre.
Il lemma non ha confronti diretti nel lessico etrusco conosciuto, Restando vicini alla quota cronologica della testimonianza
a parte una certa assonanza riscontrabile con teraš3, presente pyrgense, un recente lavoro dedicato alla rappresentazione di
nel testo della lamina bronzea (fine VI sec. a.C.) rinvenuta insie- “mostri”, intesi come creature fuori dal comune, nella poesia
me con le due auree nell’area C del santuario pyrgense. In occa- esametrica arcaica permette di osservare da vicino la traiettoria
sione dell’editio princeps della lamina bronzea (1966), M. Pallot- semantica di termini quali τέρας, πέλωρ, nonché di monstrum,
tino aveva proposto per questo lemma una lettura etimologica che ha portato all’accezione contemporanea di “mostro”12.
basata sul greco τέρας riferibile a monstrum, prodigium4. Tale Nella poesia esametrica i primi due termini indicano sempre
proposta si basava sulla lettura del segmento “spuriazes.ter[aš] manifestazioni fuori dall’ordinario, seppur con statuto diverso.
// teraš spu[r]iaze[s” come «singolare iterazione chiastica»5 e su Sebbene gemmino secondo P. Chantraine dalla medesima
una possibile concordanza fra i due elementi, nonostante la dif- radice *kwer-ór, ma l’ascrivibilità all’indeuropeo permane asso-
ferenza delle sibilanti che rendeva allora difficile, e oggi impossi- lutamente nel dubbio13, τέρας continua nella lingua parlata
bile, legare teraš e spuriazes intesi come concordati al genitivo6. mentre πέλωρ rimane per lo più limitato ai poemi. Entrambi
A tal proposito lo Studioso si interrogava sulla possibilità che la i termini, a prescindere dall’ipotetica connessione etimologica,
parola τέρας fosse stata accolta nel vocabolario tecnico-sacrale sono usati tuttavia per indicare eventi di varia natura e fuori
della lamina nella forma etrusca teraš e fosse perciò stata con- dall’ordinario, dalle nascite anomale ai fenomeni metereolo-
trassegnata da una grafia speciale nella sua terminazione7. gici; rientrano dunque in una dimensione semantica unitaria,
Pur giungendo a un non liquet, M. Pallottino, avendo ricono- misurabile nelle sue varie declinazioni, e sono portatori di un
sciuto in spuriaze un «derivato di spur» (città)8, non si era co- messaggio divino da interpretare. Diverso è il caso di quelle
munque sottratto alla possibilità di riconoscere nella struttura creature che, con accezione moderna, possiamo definire “mo-
chiastica della lamina la struose” e sono nominate nella poesia esametrica in base ai
loro attributi caratterizzanti, senza che vi sia per esse menzione
«menzione di un prodigio, e forse di un prodigio interessante di una categoria unica di riferimento14.
la città o la vita dello Stato o implicante una solenne espiazione
Il significato di τέρας come presagio da decifrare è particolar-
pubblica (publicum prodigium riferito esplicitamente agli Etru-
mente evidente nella poesia esametrica e permane nel tempo,
schi da Livio I, 56, 5 = spuriazes teraσ?) dal quale avrebbero
avuto appunto origine gli atti sacri o i responsa eventualmente anche a seguito della categorizzazione aristotelica centrata sul-
riportati nel testo della iscrizione»9. la formazione della biodiversità (Generazione degli animali). Qui
sono inclusi esempi di terata, ovvero individui che non assomi-
gliano ai propri genitori, segni inquietanti che appartengono al
1.  Vd. § III in questo contributo. Per le precedenti analisi rimando ai testi di G. Forna-
ciari e F. Mallegni presentati e discussi da M. Bonghi Jovino (2009; 2010).
2.  Bagnasco Gianni 1987, pp. 202-204; Bagnasco Gianni 2001a.
3.  Nel corso dell’articolo per le sibilanti adotteremo la trascrizione fonetica (cfr. ET 10.  Colonna 2002, pp. 300-301; seguito da Maggiani 2005, p. 145 («teraš di significato
I, pp. 38-39) invece di quella epigrafica: s per grafia etrusca meridionale s e setten- ignoto») e Maras 2009, p. 365 (possibilità «forse solo illusoria»); Colonna 2016, pp.
trionale ś; š per grafia etrusca meridionale ś (e le altre come il sigma a quattro tratti 162-165.
eccetera) e settentrionale s. 11.  Rimando a G.M. Facchetti (§ II in questo contributo) per la discussione di tutte le
4.  Pallottino 1966. attestazioni che possono essere confrontate con teraš.
5.  Ivi, pp. 192, 200. 12.  Zanon 2016.
6.  Ivi, p. 200. 13.  Chantraine 1968-1980, s.v. τέρας, pp. 1105-1106; C.A. Zanon (2016, p. 65, nt. 10)
7.  Ivi, p. 201. cita il diverso parere di Pizzani (2000, pp. 534-535); v. inoltre Beekes 2010, 2, s.v. Sul
8.  Ivi, p. 200. quadro interlinguistico vd. § II in questo contributo.
9.  Ivi, pp. 201-202; nella citazione è rispettata la grafia pallottiniana. 14.  Zanon 2016, pp. 91-214, con tabella delle occorrenze a pp. 269-270.
212 G . B a gna s co G ianni, G . M . Facc h e t t i, C . C at t an e o, E . M a d er na, V. R icc iardi

Fig. 1 – Tarquinia, ‘complesso monumentale’,


frammento con iscrizione terela, apografo
(di G. Bagnasco Gianni) e fotografia (di A.
Pola).

campo della percezione15, i quali «grazie alla loro phusis posso- nome parlante, secondo P. Chantraine, indica “l’indovino che
no beneficiare di un sapere speciale»16. Questa svolta aristote- interpreta i segni” (τείρεα)22.
lica in senso scientifico non esclude comunque la valenza per Nonostante le differenze messe in evidenza da C. Santi, sembra
questi eventi di indicatori di una rottura nell’ordine del reale, possibile proporre anche per Roma, almeno a partire dall’istitu-
ripreso in seguito in questa forma da Cicerone, lettore di Ari- zione dei viri sacris faciundis (metà del V sec. a.C.), capaci di con-
stotele e suo erede17. In questa fattispecie i monstra diventano frontare gli eventi eccezionali con il corpus documentale dei
elemento di comparazione con i terata e si configurano come libri sibillini, un analogo riferimento alla dimensione pubblica
fenomeni praeter naturam e praeter consuetudinem. Anche il in cui queste figure si dovevano muovere per essere ricono-
parricidio – definito monstrum, prodigium, portentum – costi- sciute23. Nello specifico caso del destino dei nuovi nati portato-
tuisce annuncio di eventi disastrosi18 e così monstrum inizia a ri di deviazioni rispetto alla specie umana, la loro sorte dipen-
assumere il valore polisemico e metaforico che attribuiamo a deva dal Senato che, nel quadro della procuratio prodigiorum,
“mostro” nella contemporaneità19. metteva in atto una serie di misure per preservare la città da
Pur con traiettoria differente, anche τέρας assumerà nel tem- catastrofi24. Una diversità di trattamento tra i vari casi possibili
po, con spostamento semantico verso il grandioso assimilato è data per esempio dalla categoria del puer senex, frequente-
dall’analogo πέλωρ in epoca tardoantica, il significato con- mente ricordata nella letteratura latina: in Cicerone, il carattere
temporaneo di mostruoso andando a definire la categoria di infantile combinato con i tratti imputabili alla sapientia propria
lessico che gemma per l’appunto dalla radice terat-. Nasco- della vecchiaia era considerato positivamente25.
no così i ‘nostri’ mostri, ovvero costrutti culturali e categorie
I.2 Un cenno sul contesto
culturalmente determinate, che iniziano a configurarsi dunque
già a partire dalla categorizzazione aristotelica che, come si è Entrambi i frammenti provengono dal saggio G, scavato nel
detto, aveva aperto il dibattito all’indagine in senso ‘scientifico’. 1985, che definiva un’area al di sopra e attorno a quella che,
Sgombrato dunque il campo dai significati che richiamano un in seguito, si è rivelata essere la cavità naturale, formatasi nel
senso di orrore e terrore (Monster Studies, Bestiari ecc.20), si può banco calcareo. Uno dei due frammenti (C 8/2) proviene dal
tornare al significato di τέρας in epoca arcaica come messag- tessuto del piano stradale (unità stratigrafica 9), inquadrabile in
gio che dalla dimensione divina si indirizza verso quella uma- un’epoca che scende al primo ellenismo26, mentre l’altro (3/38)
na. Per quanto riguarda la Grecia classica, I. Chirassi Colombo dagli strati superficiali adiacenti.
ha recentemente ribadito che, nonostante esistesse un tipo di Come è noto il ‘complesso monumentale’ è un’area sacra del
profezia itinerante, ispirata e indipendente (atechnos), l’unica Pianoro della Civita con continuità di vita plurisecolare, fre-
accettata era quella istituzionale agita nella pratica regolare dei quentata dal X sec. a.C. La cavità naturale attorno alla quale l’a-
santuari da figure preposte allo scopo e riconosciute dalla co- rea sacra si sviluppa è da considerarsi il fulcro dell’aggregazione
munità21. Ciò sembrerebbe manifesto nel caso di Tiresia il cui della comunità tarquiniese, alle sue origini, all’inizio dell’età del
Ferro27. In questo luogo e per queste ragioni, si sarebbero for-
15.  Chirassi Colombo 2012, p. 223. mati culti che trovano ragione di esprimersi in favore di una
16.  Ivi, p. 231.
17.  Su questo tema, con bibliografia: Zanon 2016, pp. 39-41. Per un interessante
confronto delle nascite anormali trattate in Cicerone con riferimento alla sua cono- posizione di Aristofane che ridicolizza il “cresmologo” si veda p. 45).
scenza delle diverse pratiche divinatorie di ambito mediterraneo e vicino-orientale: 22.  Chantraine 1968-1980, s.v. τέρας, p. 1106; Dietrich 1990, p. 165. Per i problemi re-
Jacobs 2010, pp. 320-328. lativi ai contatti interlinguistici inerenti a questo nome rimando al contributo di G.M.
18.  Allély 2003, p. 152; Zanon 2016, pp. 38-43. Facchetti, mentre per le sue attestazioni in etrusco ricordo le due bilingui figurate in
19.  Tuttavia il termine non perde ancora con Cicerone quella valenza di indicatore cui compare l’ombra (hinthial) dell’indovino Tiresia: Terašias su uno specchio da Vulci
di squilibrio che verrà definitivamente cancellata, secondo C. Zanon, solo nel XIX di produzione perugina, inscritto in grafia settentrionale e databile al primo quarto
secolo con I.G. de Saint-Hillaire: Zanon 2016, p. 89. del IV sec. a.C. (Bonamici 2002, pp. 442-444, fig. 24 a-b), e Teriasals sulla parete sinistra
20.  Per i Monster Studies: Baglioni 2013; Zanon 2016, pp. 50-56. Per un’applicazione della tomba dell’Orco II di Tarquinia, databile al terzo quarto del IV sec. a.C. (Marzullo
pratica degli studi sui Mischwesen e i Bestiari: Bestiario fantastico 2012; Nuovi Studi 2016, pp. 261-262).
Bestiario 2016. 23.  Santi 2006, p. 177; Chirassi Colombo 2012, p. 235.
21.  Chirassi Colombo 2012, pp. 233-234; dal punto di vista delle iconografie mi è parso 24.  Allély 2003, p. 156.
di riscontrare questo tratto anche sul repertorio vascolare greco arcaico (Bagnasco 25.  Briquel 1991, pp. 163-164.
Gianni 2009, pp. 49-50). Per una visione differente che prescinde dagli aspetti sociali 26.  Chiaramonte Treré 1997, p. 215.
del problema e si concentra più sugli aspetti di tecnica divinatoria appiattendo la 27.  Da ultimo con discussione e rimandi all’ampia bibliografia precedente della Stu-
differenza fra indovini autorizzati e non: Suàrez de la Torre 2005, pp. 31-35 (ma per la diosa ricordo: Bonghi Jovino 2008, pp. 776-779; Bonghi Jovino 2017, pp. 9-10.
24.  Il caso del “bambino della Civita” di Tarquinia 213

grande divinità della natura dai contorni ctoni28, fatta segno di quanto conosciamo per il mondo etrusco in merito ai bambini
devozione come attestano alcuni indicatori rilevanti. Tra questi che possono considerarsi per l’appunto anomali e in qualche
sono parti di corna di cervo segate rinvenute in determinati modo dotati di aspetti che potevano definirsi “prodigiosi”.
contesti rituali delle fasi iniziali di frequentazione, interpretabili
I.3 Tradizione etrusca e bambini prodigiosi
nell’ambito della pratica divinatoria29. In questa direzione si at-
testa anche una ben riconoscibile fattispecie epigrafica che se- Secondo D. Briquel, per quei personaggi caratterizzati fin dal-
gna il repertorio dei vasi utilizzati nel corso del tempo nell’area la nascita da tratti senili allusivi al loro acume e saggezza, così
sacra, formata dal segno a croce iscritto nel cerchio (forma qua- come indicato da Strabone per Tarconte e da Giovanni Lido
drans in circulo), verosimile rappresentazione grafica dello spa- per Tagete, esiste la possibilità di riportare a una genuina tra-
zio sacro etrusco e delle pratiche divinatorie a esso connesse30. dizione etrusca, verosimilmente agli Ostentaria Tusca, anche la
Nel corso del periodo arcaico la divinità ancestrale e ctonia condizione in tutto assimilabile a quella dei bambini prodigiosi
prende forma nelle sembianze di Uni, riconoscibile grazie a un classificabili fra gli ostenta e fatti segno con la qualifica di puer
certo numero di evidenze, dal nome completo alla citazione senex. Questi esempi riportati dalle fonti sembrerebbero raffor-
della sua sola parte iniziale, cui si aggiunge la qualificazione di zati da alcune scene raffigurate su cinque specchi di epoca tar-
χia, iscritta su un’olla di impasto e identica a quella che viene doclassica, di cui uno perduto, con al centro Eracle che tiene in
conferita a Uni nella lamina bronzea pyrgense sopra ricordata. braccio un bambino alla presenza di Menerva36. Su tre di essi il
Si conferma dunque da un lato la presenza di Uni al ‘complesso’ bambino è definito Epiur/Epeur mentre negli altri due, in assen-
e dall’altro quanto proposto negli studi precedenti a proposito za di didascalia, presenta un’evidente calvizie. Sempre secondo
di una grande divinità ctonia che attraversa nel tempo fissazio- D. Briquel si tratterebbe di un riferimento al puer senex, mentre
ni differenti del proprio profilo, legato alla dimensione terrestre secondo altri studiosi si tratterebbe proprio della sua fattispe-
e al ciclo vitale, attraendo a sé apparati e attributi di volta in cie tagetica, in una scena di apoteosi di Eracle connessa alle
volta a essa correlati31. sue prerogative divinatorie sancite dalla presenza di Menerva,
Alla fine del IX sec. a.C., si inserisce in questo quadro il bambi- divinità oracolare per eccellenza37.
no encefalopatico sepolto accanto alla cavità con il capo volto La declinazione tagetica di questi bambini potrebbe così sta-
a Oriente32. Per le potenzialità date dalla sindrome dalla quale gliarsi sullo sfondo dato dalle rappresentazioni di bambini
era affetto il bambino, M. Bonghi Jovino è tornata a più riprese sugli specchi etruschi ai quali è stata riconosciuta nei diversi
sulla loro portata sul piano sacro-istituzionale nel quadro della ambiti un’allusione alle generazioni future o alla funzione di
società alla quale il bambino apparteneva. Le ultime posizio- genius loci38. La presenza del bambino “tagetico” al cospetto
ni alle quali è pervenuta la Studiosa, configurano il bambino di Menerva e in stretta relazione con Eracle può infatti essere
quale fenomeno recepito sia in una dimensione precivica sia analizzata nel quadro dei summenzionati aspetti caratterizzan-
nel quadro delle forme religiose etrusche, notoriamente cen- ti della scienza divinatoria etrusca. In altri termini le modalità di
trate sugli aspetti divinatori, collegandolo alla pratica rituale e rappresentazione del bambino in sé e dei personaggi di con-
all’origine della Etrusca Disciplina attraverso la storia di Tagete e torno sembrerebbero suggerire di distinguere fra situazioni
Tarconte33, già richiamata da N. de Grummond per questo spe- in cui i bambini rivestono il ruolo di genius loci e bambini che
cifico rinvenimento34: appaiono prodigiosi, o meglio “tagetici”. In quest’ultimo caso
la differenza sarebbe sottolineata dal nome Epiur/Epeur, possi-
«…una chiave interpretativa che ha indotto a pensare ad una bile resa etrusca del nome di Tagete, e anche, secondo i mezzi
sepoltura rituale, figura sovrannaturale, e infine ad un prodi-
disponibili agli incisori di specchi, dalla resa di una calvizie al-
gium alle origini della storia precivica. In altri termini il bambino
lusiva alla vicenda di Tagete e alla sua antica saggezza. Su un
‘anomalo’ venne accolto dalla comunità che, con un processo
di simbolizzazione a priori, lo inserì nel tessuto architettonico sesto specchio da Vulci è indicato del resto con lo stesso nome,
della sacralità tarquiniese degli albori tanto da farlo combacia- Epiur, un adolescente che Eracle, secondo la convincente rico-
re con l’origine tagetica della Etrusca disciplina» 35 struzione di F.H. Massa Pairault, estrae dalla terra come una sors,

A partire da questi aspetti interpretativi, che poggiano su un’e- 36.  Per questa specifica interpretazione e rimandi specifici alle fonti discusse: Briquel
videnza archeologica eccezionale, sembra possibile dunque 1991, pp. 161-167; Allély 2003, pp. 142-143; per i riferimenti bibliografici relativi a
attribuzione e cronologia degli specchi: Domenici 2009, pp. 229-230. Nella disami-
esplorare il concetto di monstrum, prodigium, nel quadro di na di A. Maggiani (2005, p. 66), dedicata agli ambiti di competenza degli aruspici
e relativamente alla soppressione di individui anomali alla nascita, ma anche oltre
(citazione 121), non sembrano comparire bimbi o fanciulli con tratti assimilabili a
28.  Bonghi Jovino 2010, pp. 9-10. quelli di un puer senex.
29.  Su questo tema si veda recentemente: Bonghi Jovino 2017, pp. 19-20. 37.  Quest’ultima posizione è sostenuta in letteratura da M. Torelli (1986, p. 193) e
30.  Bagnasco Gianni 2012, pp. 28-29; Bagnasco Gianni et Alii 2016. F.-H. Pairault Massa (2000, pp. 199-200, con riferimenti precedenti) con la quale mi
31.  Il quadro (Bagnasco Gianni 2014a) complessivo comprende anche l’iscrizione ri- trovo d’accordo, come ho manifestato in un mio precedente contributo (2014b, pp.
costruibile come epiteto di Eracle alla quota cronologica in cui si riscontra la presen- 51-57). Per una diversa lettura rimando all’accurata disamina di I. Domenici (2009,
za di una divinità femminile di contorni di Astarte (ivi, pp. 26-27). pp. 197-231) sulla quale mi sono espressa sia in merito alle incertezze sull’interpre-
32.  Bonghi Jovino 2009, pp. 471-472, con ampia bibliografia precedente. tazione della calvizie negli specchi etruschi (Domenici 2009, p. 79), da risolvere con la
33.  Oltre ai contributi editi summenzionati, ho potuto consultare anche quelli in natura di questo tipo di supporto epigrafico che presuppone il solo uso dell’incisio-
corso di stampa (Bonghi Jovino c.s.a; c.s.b), per i quali ringrazio l’Autrice. Rimando a ne non permettendo l’uso del colore per esprimere canizie (Bagnasco Gianni 2014b, p.
questi per ulteriori approfondimenti e per la discussione sulle diverse interpretazioni 54, specchi nn. 10 e 11), sia per quanto riguarda la verosimiglianza di accettare Epiur/
avanzate dagli studiosi per definire il bambino, che vanno dal prodigio al fenomeno Epeur come possibile resa etrusca del nome di Tagete (ivi, p. 53, nt. 2).
eccezionale. 38.  Importante per questo argomento il contributo di N. de Grummond (2006, p.
34.  Thomson de Grummond 2006, p. 28; ripreso in seguito con altri argomenti in: Ron- 423) che propone la possibilità di individuare in questi bambini dei genii legati a
calli 2009, p. 243. luoghi specifici, come attesterebbe nel caso di Tarquinia l’iscrizione Genio iuvenum
35.  Bonghi Jovino c.s.b, con citazione da Bonghi Jovino 2009, p. 476. Tarquin(iensium).
214 G . B a gna s co G ianni, G . M . Facc h e t t i, C . C at t an e o, E . M a d er na, V. R icc iardi

chiudendo così il cerchio sugli aspetti divinatori già chiamati in accanto al bambino “tagetico” impone tuttavia di chiamare in
causa per i bambini con questo nome39. causa Tarconte che già a questa quota cronologica le fonti at-
Del resto, come osservato da F. Roncalli, un tratto specifico del- traggono nella sua sfera45.
la scienza divinatoria etrusca si sostanzierebbe anche nel ricor- Riassumendo, queste testimonianze sono evocative del ruolo
rere di coppie – adulto/bambino, maestro/allievo, padre/figlio di un fanciullo prodigioso che si configura in qualche modo
– attivandosi proprio nell’osservazione di un τέρας come di- sempre all’interno di una relazione e, pur tenendo presente la
mostrano episodi narrati (Caput Oli) o rappresentati (specchio distanza cronologica che le separa dal rinvenimento del ‘com-
di Tuscania). Questo sdoppiamento adombrerebbe, secondo plesso monumentale’, potrebbero gettare luce proprio su que-
lo Studioso, proprio la condizione bipolare del fanciullo prodi- sta realtà tarquiniese.
gioso, che riassume in sé la sintesi ottimale fra stato giovanile
I.4 Terela al ‘complesso monumentale’
e sapienza dell’anziano. Nello specifico della storia di Tagete, è
posto l’accento sul passaggio dalla bipolarità dei tratti di sag- L’insieme rinvenuto al ‘complesso monumentale’ – cavità na-
gezza e giovinezza combinati in un unico personaggio alla di- turale come tramite con il mondo soprannaturale, indicatori
stinzione fra due personaggi, in questo caso lo sdoppiamento di pratiche divinatorie, bambino caratterizzato da comporta-
fra Tagete e il suo interlocutore Tarconte40. menti divergenti rispetto alla norma e vicino alla sfera degli
Si tratterebbe del resto di un rapporto che adombra uno spe- Ostenta – ha offerto il punto di partenza per analizzare la nuova
cifico funzionamento della Disciplina etrusca a fronte della co- iscrizione terela, ivi rinvenuta, nella prospettiva pallottiniana di
munità nella quale di volta in volta l’azione divinatoria si espli- un possibile nesso fra teraš etrusco e τέρας greco nel senso di
ca: la comunicazione che procede dalla dimensione sopranna- monstrum, prodigium.
turale a quella umana necessita di un momento interpretativo Dal contributo di G.M. Facchetti, precisamente, emerge una più
forte, affidato a figure in grado di sostenerlo, così come accade verosimile radice comune ter- accostabile ontologicamente
anche per le voci della natura che dovevano essere raccolte da alla semantica della manifestazione divina nei contesti etruschi
figure profetiche capaci di dispiegarne il senso41. in cui compaiono lemmi a essa riconducibili, così come paral-
Tornando alla storia di Tagete, la tesi di J.R. Wood sostiene l’u- lelamente accade sul versante greco con τέρας, esplorato per
nitarietà di una tradizione facente capo a una affidabile tra- l’epoca arcaica nel summenzionato lavoro di C.A. Zanon.
dizione, che sarebbe confluita nei libri etruschi e riportata da Si guadagna così all’interno dell’etrusco un’importante acquisi-
Tarquizio Prisco, traduttore di quelli riferiti ai prodigi. Questa zione sul piano del lessico talché è possibile proporre per terela
tradizione si sarebbe conservata nel tempo anche nella versio- il significato di “relativo a colui del prodigio” che, nello specifico
ne spregiativa di Cicerone, l’unica che rappresenti un bubulcus del ‘complesso monumentale’, trova il suo contesto culturale
quale interlocutore di Tagete, dovuta alla sua diffidenza nei più atteso, aprendo interessanti spunti per l’indagine sulla pra-
confronti della Disciplina etrusca42. tica religiosa che vi si svolgeva.
Secondo D. Briquel, Cicerone sarebbe invece da considerare Alla fine del VI sec. a.C. l’iscrizione terela si inserisce dunque in
latore del nucleo più genuino della tradizione, mentre sareb- questo quadro quale indicatore evidente di una memoria che,
be indizio di tradizione secondaria l’inserimento di Tarconte a distanza di circa tre secoli, continua a essere mantenuta, se-
nell’episodio riportato da Giovanni Lido. La cronologia dell’in- condo una consapevolezza della dimensione temporale che
troduzione del fondatore di Tarquinia nell’episodio, ancorché del resto caratterizza Tarquinia, unica città etrusca finora nota
non la si possa riportare a quella delle fonti di Strabone (del IV che rivendichi le glorie del proprio passato sicuramente fino
sec. a.C.), potrebbe comunque non essere tanto tarda e dovuta alla prima età imperiale46.
soprattutto a una elaborazione tarquiniese nel momento in cui Ciò posto, è forse possibile spingersi oltre nell’indagine e ten-
la città mira a rinsaldare il collegamento con gli interlocutori tare di configurare per il “bambino della Civita” l’altro elemento
greci43. cardine della sua funzione di portatore della manifestazione
Il dettato di Tagete viene comunque raccolto almeno da uno divina, ovvero il suo o i suoi interlocutori.
o più interlocutori, sia egli il bubulcus di Cicerone, il Tarconte di Se per quanto riguarda le fasi più remote è difficile far emerge-
Giovanni Lido o siano essi i primati della comunità44. Nello spe- re queste figure, a partire almeno dal periodo orientalizzante,
cifico della testimonianza degli specchi, la presenza di Eracle attraverso la figura di Eracle, va configurandosi la possibilità di
recuperare un’appartenenza per Tarconte, ovvero l’interprete
39.  Massa Pairault 2000, pp. 199-200. di Tagete riconosciuto da alcune fonti, come più sopra accen-
40.  Roncalli 2010, pp. 117-121.
41.  Il tema è molto noto, ma nell’ampia bibliografia si fa qui riferimento ai lavori di nato47. Osservando quanto emerge dall’analisi delle evidenze
D. Briquel (1993; Briquel 1997, pp. 446-449) e A. Maggiani (2005, in part. pp. 73-74 con iconografiche e archeologiche correlate alla decorazione tem-
riferimento ai suoi precedenti lavori); sulla ninfa Vegoia come tramite per Tina: Ron-
calli 2006, pp. 235, 243. Mi sono occupata della questione, nel caso specifico delle
plare del santuario dell’Ara della Regina, la presenza di Tarconte
sortes (Bagnasco Gianni 2001b). in collegamento con Eracle, in quanto suo referente mitico,
42.  La tesi è espressa da J.R. Wood (1980, pp. 338-343) cui si rimanda per i rimandi
specifici alle fonti discusse. Su questo aspetto: Bonghi Jovino c.s.b.
43.  Questo argomento trova ampio spazio nel trattato di D. Briquel al quale si ri-
manda per una disamina completa, mentre si possono ricordare qui alcuni passi: 45.  La marca tarquiniese della storia di Tarconte riportata da Strabone è stata am-
Briquel 1991, pp. 161-162, 172-177, 199-200. piamente trattata da D. Briquel (1991) nei passi sopra menzionati, in particolare: pp.
44.  Wood 1980, p. 336, argomenti nn. 20-21. Per l’accostamento già avanzato in let- 172-177; Bagnasco Gianni 2014b, pp. 51-57.
teratura all’episodio, che Cicerone e Censorino ambientano a Tarquinia (ivi, p. 331, 46.  Sordi 2003, pp. 717-719.
argomento n. 5) e della nascita prodigiosa di Tagete dalla terra da cui viene per lo 47.  In Tarconte confluiscono infatti sia il ruolo di contadino anonimo, che ara nel
più “arato fuori” (ivi, p. 331, argomento n. 4; per Isidoro in particolare e una proposta campo e provoca la fuoruscita del fanciullo, sia quello di coloro che raccolgono i
di integrazione in tal senso: Borghini 2006). suoi insegnamenti (Briquel 1991, pp. 341-342).
24.  Il caso del “bambino della Civita” di Tarquinia 215

sembrerebbe sostenibile fin dall’epoca arcaica48. Le aree sacre Più di recente Colonna ha presentato un tentativo di integra-
finora meglio note, il ‘complesso monumentale’ e il santuario zione massiccia della lamina Cr 4.355, contenente analisi inte-
dell’Ara della Regina, potrebbero così configurarsi quali ele- ressanti di alcuni termini del frammentario documento. In tale
menti fondanti del tessuto simbolico e comunicativo messo in ricostruzione il termine teraš comparirebbe addirittura quattro
essere dalla comunità tarquiniese fin da epoca remota. volte. Il procedimento restitutivo è tuttavia molto ardito e si
G.B.G. allontana abbastanza dalla prudenza condivisibile delle sup-
posizioni di Pallottino 1966 (si veda per es. la discussione sulle
lacune della prima riga superstite, p. 190 ss.). Un punto debole
II. La radice etrusca ter-: considerazioni linguistiche preliminare mi sembra l’indimostrabilità del fatto, dato per ac-
quisito da Colonna, che la prima riga leggibile sia effettivamen-
La nuova iscrizione tarquiniese terela, assai rilevante sul piano te stata la prima riga del testo. Per il resto ricostruzioni come
qualitativo, consente di aprire una discussione più fondata, a [nun]ur alla fine (e relativa ermeneusi), o i due nuovi teraš rein-
livello propriamente linguistico, a proposito della radice etru- tegrati, o il [θvari]e[nas] della seconda riga, congiuntamente
sca ter-. ad affermazioni piuttosto perentorie (come var = “ascoltare”)56
Finora la situazione dei testi ci aveva fornito del materiale (in rendono difficile seguire questi percorsi interpretativi che poi
ambito non-onomastico) quasi inconsistente49: riducono il testo, quasi esclusivamente, a una lista di epiteti
– una presumibile forma verbale di preterito ter[.]ice da un lun- divini (si paragoni, ancora, la più opportuna trattazione di Pal-
go epitaffio su parete sepolcrale (ET, Ta 1.171; III sec. a.C.), ricor- lottino 1966, p. 199, circa i dubbi perfino sull’effettiva presenza
rente tuttavia in un punto troppo lacunoso per potersi cavare del teonimo Tinia “Zeus” nel testo). Tali dubbi, collegati con la
qualsiasi indizio sul significato; possibile individuazione della radice tin- “giorno”, invece del te-
– un’iscrizione su cippo, in neoetrusco (ET, OA 0.6):?] heva terum onimo Tin(i)a(-) “Zeus”, restano a mio parere altamente motiva-
“] qui? / ecco? Il terum”, con un probabile sostantivo terum mar- ti, specialmente in considerazione di quanto si legge nell’altra,
cato col suffisso –um, tipico di una classe di nomi inanimati50; più o meno coeva, lamina bronzea pyrgense ET Cr 4.32, all’inizio
– il termine teraš, forse ripetuto due volte, nel contesto sacrale- della seconda riga:
dedicatorio della lamina C (bronzea) di Pyrgi (ET, Cr 4.3; fine VI
sec. a.C.): il contesto, lacunoso, non è affatto risolutivo (ma tor- hutila tina etiasas acalia[s
“il sesto giorno della (festa) etiasa- di giugno”.
neremo tra poco sul punto);
– il derivato aggettivale di quest’ultimo termine terš-na (< *ter- Il numerale ordinale hut-ila, l’aggettivo in –ia- da acal- “giugno”,
aš-na, con regolare sincope neoetrusca) che compare sulla Ta- il confronto stringente con altre forme di datazione (in cui ritro-
vola di Cortona51. viamo scansioni calendariali connotate dal suffisso –asa-: ilacve
Massimo Pallottino, nel pubblicare la lamina C di Pyrgi52, aveva tulerase, ilacve alšase, proprio sulla lamina aurea ET Cr 4.4 di
ipotizzato (p. 201 s.), per il teraš ivi ricorrente, il confronto con Pyrgi)57 impongono per questo tina l’ermeneusi “giorno” (< *tin-
gr. τέρας (normalmente tradotto con lat. monstrum, prodigium), na, in origine aggettivo: “(tempo) diurno”; il senso di tin- “gior-
vocabolo tecnico di ambito religioso di non chiara etimologia no” è altrimenti ben accertato) ed escludono che possa riferirsi
indeuropea53, nell’àmbito di un flusso di termini specialistici al nome dello Zeus etrusco. A ulteriore garanzia di ciò abbia-
condivisi tra greco ed etrusco, per cui Pallottino richiamava mo che il caso zero del teonimo è sempre Tinia; diversamente,
esplicitamente, in ambito pyrgense, etr. heram- “statua”54. sulla lamina Cr 4.3 (che contiene teraš), tinas potrebbe essere,
A ulteriore sostegno della proposta egli si chiedeva se la se- morfologicamente parlando, sia genitivo di Tinia, sia genitivo
quenza chiastica ] spuria[z]es ter[a]š / teraš spuriaze[s?, leggibile di questo tina “giorno”: il contesto frammentario non consente
tra la fine della seconda e l’inizio della terza linea superstite di di determinarlo con sicurezza58.
Cr 4.3, non potesse contenere un richiamo a qualcosa di simile In conclusione, neanche l’ipotesi di Colonna teraš = “bontà??”,
al publicum prodigium che un passo di Livio (I, 56, 11) riferisce come risultato della sua ermeneutica complessiva della lamina,
direttamente agli Etruschi, tenuto conto che spuriaze è ovvia- appare accettabile (oltretutto sappiamo che un termine etru-
mente un derivato di spura “città”. sco per “bontà”, “bellezza” era mlaχuc)59.
Torniamo allora a Pallottino 1966: che dire dell’idea di un con-
48.  Ho ripreso recentemente l’argomento in Bagnasco Gianni 2017. tatto etr. teraš /gr. τέρας?
49.  Dal repertorio delle attestazioni di ter- espungiamo l’iscrizione neoetrusca ET, Ad Francamente la lamina Cr 4.3 contiene certo un testo sacro o
6.1, in scriptio continua, su vaso: kulsnuteras sminθ i akske “Sminθi portò (questo vaso)
ai Guardiani della Porta” (Rix 1986, p 29 s.). La segmentazione di ET è senz’altro quella dedicatorio, ma il suo stato frammentario e l’oscurità di vari ter-
accettabile per la piena coerenza morfosintattica del testo, anche in considerazione mini la rendono comunque inutilizzabile per avvalorare combi-
che un composto kuls-nute-ra-s (lett. “di coloro che ascoltano alla porta”: {“porta”-
“udire”-plur-gen}) è ora trasparentemente analizzabile, accettando l’intuizione di Mag-
natoriamente il significato di etr. teraš, anche solo per elevarne
giani 2001 circa nuθ /t- “udire”, “ascoltare”.
50.  Agostiniani 1995.
51.  Il rapporto di derivazione è stato giustamente delineato, e rafforzato con det- 55.  Colonna 2016, pp. 162-165 e bibliografia ivi citata.
tagliate osservazioni circa il trattamento fonetico, fin dall’editio princeps (Agostiniani, 56.  Colonna 2016, p. 165: «Quanto al termine var la corrispondenza all’esortazione
Nicosia 2000, p. 100 s.), senza che però si potessero trarre più precisi indizi di natura imperativa audi, audite … è fuori discussione»; ma etr. var non compare finora con
semantica. morfologia verbale, o anche solo in contesti da cui possa chiaramente dedursi una
52.  Pallottino 1966. funzione predicativa. Un più verosimile candidato come verbum audiendi è etr. nuθ -
53. Cfr. Beekes 2010, s.v. (cfr. nella Tavola di Cortona: nuθ e malec “ascoltarono? e osservarono”; Maggiani 2001).
54.  Per una rivalutazione, anche alla luce di nuovi elementi, di questo significato, 57.  Per un’accurata analisi morfologica: Bagnasco Gianni, Facchetti 2015, p. 51.
più recentemente contestato da alcuni interpreti, rimando al mio contributo in 58.  Vd. anche Facchetti 2002, p. 14.
Facchetti c.s. 59.  Maggiani 1996.
216 G . B a gna s co G ianni, G . M . Facc h e t t i, C . C at t an e o, E . M a d er na, V. R icc iardi

uno al grado di “probabile”. La rassomiglianza formale di gr. In tali casi il gentilizio Ramaitela, concordato con nomi maschi-
τέρας è suggestiva, ma potrebbe essere puramente casuale. li, è formato tramite un raro suffisso –la; l’appellativo Ramaite-,
Quanto alla sequenza ] spuria[z]es ter[a]š / teraš spuriaze[s? la con- che sta all’origine della derivazione, ha l’aspetto di un etnico
frontabilità con lat. publicum prodigium, o simili, è, a vero dire, (in –te: cfr. ruma-te- “romano”; velχa-t(e)- “vulcense” kaiseri-θe-
compromessa dall’analisi morfologica di spuriazes. Infatti, come “ceretano”), che ha attraversato un percorso di risuffissazione
termine non onomastico, si configurerebbe un’analisi cosiffatta: di natura probabilmente interlinguistica (qui entrano in gioco
i suffissi derivativi concorrenti etr. –ie, corrispondente a latino-
spur(a)- -ia-62 -z(a)- -e- -s italico –io-, e –te già menzionato).
“città” agg. di pertinenza diminutivo maschile genitivo Il modello è lo stesso di Velχa-i-te < *Velχa-ie-te (i gentilizi ex-
etnici Velχa-(i)e e Velχa-i-te sono entrambi attestati ed eviden-
Una possibile traduzione, che tiene conto del fatto che –za è temente costruiti sul poleonimo Velχa- “Vulci”); il parallelismo è
annesso a spuri(e)- “colui della città”, sarebbe “del piccolo/gio- stringente e chiaro:
vane (maschio) nato in città” o “del piccolo/giovane (maschio)
appartenente alla città” e dunque spuria[z]es ter[a]š sarebbe cir- Velχa-i-te < *Velχa-ie-te
ca “il prodigio?? Del piccolo nato in città/del giovane cittadino”.
Rama-i-te < *Rama-ie-te.
Un’altra eventualità è che spuriaze(s) possa essere un titolo, un
epiteto divino oppure un nome proprio di persona. Si osservi, per la fonetica, che il passaggio –ie- > -i- per la fase
In quest’ultimo caso dobbiamo far presente che Spuriaza (sen- (tardo)arcaica non comporta la necessità di postulare un’anti-
za rimarcatura –e del maschile) è effettivamente attestato, in cipazione degli effetti della sincope postonica, successiva al V
etrusco arcaico (a Cerveteri e a Chiusi) come diminutivo del sec. a.C. In questi specifici contesti si ha una semplice caduta
prenome maschile Spurie61. di [j] intervocalica determinante la trafila *-aie- > -ae- > -ai-: il
Proprio la comparsa di questo terela tarquiniese giunge ora a passaggio –e- > -i- in sillaba interna è d’altronde ben noto in
gettare un po’ di luce sulla difficile questione. Il documento, età arcaica (cfr. Turšiki-na [VII sec. a.C.] < *Turš(i)ke-na, su latino-
integro e costituito da una parola isolata incisa su kylix, è da- italico *turs-co- “etrusco”: la corrispondenza interlinguistica tra
tabile tra la fine del VI e l’inizio del V sec. a.C.: il suo peso sul temi tematici latino-italici in –o- e suffisso etr. Per idionimi ma-
piano qualitativo deriva dal contesto del ritrovamento, nell’am- schili –e è la norma).
bito del ‘complesso monumentale’, in prossimità della sepol- Quanto al candidato toponimo Rama, così enucleato, mi
tura rituale del bambino encefalopatico, sulla cui bibliografia domando se non abbiamo qui recuperato la prova diretta
rimando alla parte scritta nel presente volume da Giovanna dell’esistenza di una variante etr. arcaica Rama per il più tardo
Bagnasco Gianni62. Ruma “Roma”, come avevo postulato per dar conto dell’origi-
L’indicazione semantica emergente dal legame contestuale ne etrusca dei nomi delle tre tribù originarie dei Tities, Ramnes,
di un’epigrafe etrusca recante ter- con l’effettivo ambito cul- Luceres63.
tuale di un τέρας (cioè la sepoltura cerimoniale del bambino Altri rari esempi arcaici di tale suffisso –la per la formazione di
encefalopatico) suggerisce ora di riconsiderare in una nuova gentilizi o “nomi aggiunti” sono costituiti da:
prospettiva la rassomiglianza formale tra gr. τέρας e il termine
etrusco teraš (rilevata in Pallottino 1966, p. 201 s.), occorrente in ET, Cm 2.3 (vaso; VII sec. a.C.)
[mi v]etes χielas
un documento proveniente da un’area sacra come Pyrgi. Dopo
“[io (sono)] di [V]ete Χiela”
quest’ultimo rinvenimento tarquiniese e a questo stato della
documentazione si ripropone insomma, su basi di maggior Pe 1.1355 (cippo tombale; età arcaica)
fondatezza, l’associazione tra etr. teraš e gr. τέρας = lat. mon- mi lauχumeša katilas
strum, prodigium. “io (sono) quello (= il figlio) di Lauχume Katila”
L’analisi morfologica di etr. arc. terela è accessibile in base ad
alcuni pochi ma chiari esempi di impiego di tale suffissazio- Il primo documento, come si vede, è peraltro frammentario.
ne. Il punto di partenza sono gli epitaffi incisi (fine VI-inizio V In un’altra testimonianza dall’Etruria campana non è chiaro
sec. a.C.) all’ingresso di alcune tombe volsiniesi, per marcarne quale dei due elementi funga da prenome:
la proprietà:
Cm 2.118 (vaso; V sec. a.C.)
ET, Vs 1.6 satilas raimies
mi mamarces ramaitelas “di Satila Raimie” 64.
“io (sono) di Mamarce Ramaitela”

Vs 1.25 e 1.53
mi aranθia ramaitelas 63.  Facchetti 2004.
“io (sono) di Aranθ Ramaitela” 64.  Tralasciamo in questa sede il caso di titela-, nome individuale in Cr 2.9 (vaso; VII
sec. a.C.) mi titelas θ i[na] / {mla} mlaχ mlakas “io (sono) il vaso di Titela (cosa) buo-
na per una (persona) buona”, a causa del peculiare ambito di rinvenimento (tomba
60.  Potrebbe essere da -ie-, quantunque esista il suffisso derivativo -ia-, omografo, femminile, da cui proviene un altro vasetto con iscrizione luea mi tita: vd. Bagnasco
ma distinto, rispetto al morfema del genitivo II arcaico (per etr. arc. -a- > -e-, vd. co- Gianni 1996, p. 51 s.). In altra sede approfondirò il rapporto tra titela- e tita in tale con-
munque Poetto, Facchetti 2009). testo (cfr. le proposte di Colonna 2009, p. 405 s.), considerato appunto che titela- (se
61.  Su quest’ultimo, e sul rapporto con lat. Spurius, vd. Watmough 1997, pp. 50-52. femminile) potrebbe non essere pertinente alla formazione etr. -e-la, di cui stiamo
62.  Vd. § I in questo contributo. trattando (risultando forse una forma di origine latino-italica meramente omonima).
24.  Il caso del “bambino della Civita” di Tarquinia 217

Siamo in grado di dire qualcosa sull’origine del raro suffisso de- reputare la radice etr. ter- collegabile al concetto di monstrum,
rivativo etr. –la? prodigium, nel quadro di un nesso etimologico con gr. τέρας.
Esiste in verità un morfema quasi omonimo –ila, impiegato per Se questo è vero, allora ter-e- è “colui del prodigio”, esattamen-
la formazione dei numerali cardinali, sicuramente dall’epoca te come ušil-e è “colui del sole” e avil-e “colui dell’anno” (questi
arcaica: ultimi due termini alla base di due prenomi etruschi maschili).
Di conseguenza, tirando tutte le fila delle precedenti discussioni:
hut-ila “sesto”;
macv-ilu- “quinto” (-ilu- è normale variante di –ila- nell’etrusco ter-e-la
campano)65; “relativo a colui del prodigio”.
neoetr. sar-le “nel decimo” (< *sar-ila-i).
In subordine, se –la conservasse qualche valore di suffisso va-
Un differente suffisso (-sna) si ritrova, specie in neoetrusco, con lutativo, si potrebbe tradurre “piccolo (maschio) del prodigio”,
altri numerali: o simili, ma questa eventualità, come visto, mi sembrerebbe
meno probabile.
θun-sna “primo”; Qual è, a questo punto, il rapporto con il teraš della lamina Cr
ki-sne “nel terzo” (< *-sna-i; V. sec a.C.);
4.3? Formalmente un suffisso –aš è già noto dalla lamina aurea
zaθrum-sne “nel ventesimo” (< *-sna-i).
Cr 4.4, dal confronto tra heram-aš-va “statue” e heram(u)-ve. “sul-
Questo –ila, formante numerali cardinali, è utile per spiegare le statue”. Per i dettagli morfologici rimando a un mio recente
l’etimologia del –la delle formazioni dei nomi personali in etru- studio67; qui basti sottolineare che –aš è suffisso che definisce
sco? Si tratta cioè di un antico suffisso derivativo genuinamen- (nel caso di heram-aš-) un oggetto inanimato68. Sarebbe con
te etrusco formante aggettivi di pertinenza, incluso nella serie ciò possibile instaurare un’opposizione:
–na, -ia, -ra, -sa, -va (in cui il primo è di gran lunga il più comu-
ne e di vastissimo impiego), e poi specializzatosi per i numerali ter-e- “soggetto animato maschile collegato al prodigium”
ter-aš “oggetto inanimato collegato al prodigium”.
(come –za per i diminutivi)? Oppure si possono ipotizzare altre
spiegazioni, indipendenti da etr. –ila, come, per esempio, la na- Chiariamo a questo punto che nel contatto linguistico greco-
scita di tale –la nell’ambito dei vitali fenomeni di contatto lin- etrusco non dobbiamo dare per scontate le direzioni del pre-
guistico operanti nel campo dell’onomastica personale, dove si stito: se gr. τέρας non è indeuropeo, come suggerito, allora è
instaurò un processo di circolazione e acclimatamento di mor- ovvio che il flusso può essere dall’etrusco (o dal “tirrenico”);
femi derivativi? Può dunque tale –la essere sorto in rapporto questa scelta si impone ovviamente se nell’analisi vogliamo e
a una correlazione con il suffisso latino-italico –lo- (usato per dobbiamo includere ter-e-la, e dunque una radice etr. ter-; inol-
diminutivi), in parallelo a una possibile correlazione, altrimenti tre lo stesso heram-aš(a)-, rispetto a gr. mic. hermaha-, si muove
ipotizzata66, tra etr. –na e latino-italico –no-, prescindente dalla nella stessa direzione (radice e suffisso etimologicamente non
normale resa etr. in –e dei temi in –o- latino-italici? greci).
Non esistono dati sufficienti per una risposta certa. Il fatto che In concreto questo ter-aš di Cr 4.3 potrebbe dunque significare
–la operasse, oltre che con gentilizi, anche per formare nomi l’atto espiatorio e le cerimonie collegate, oppure la qualità stes-
individuali, come probabilmente Satila, è un elemento che sa di monstrum, prodigium. Secondo queste prospettive, tenu-
potrebbe suggerire la conservazione di un tratto semantico di to conto delle complessità culturali dell’intera questione (ap-
valutatività (diminutivo): “piccolo Sati (< *Sate)”, e denunciarne profondite da Giovanna Bagnasco Gianni), si potrebbe tentare
l’origine connessa (o ibridata) con il –lo- latino-italico, ma i dati, di precisare il senso di spuriaze (v. supra) nel mutilato contesto.
come detto, sono insufficienti per raggiungere un più alto livel- Nel contesto della Tavola di Cortona teršna69 è certamente un
lo di verosimiglianza. aggettivo qualificante una delle porzioni di terreno oggetto
Su un piano formale, comunque, negli esempi dell’età arcaica del negozio giuridico. A prescindere dagli specifici dettagli
troviamo il suffisso aggettivale –la costantemente annesso a linguistico-culturali dell’importante documento (che potranno
nomi marcati dal suffisso etrusco –e (eventualmente > -i- già essere complessivamente revisionati in altra sede), in relazione
in epoca arcaica: v. supra) caratterizzante una classe di nomi all’ipotesi che stiamo qui sviluppando (etr. ter- “manifestazione
maschili: divina”; ter-aš “atto connesso alla manifestazione divina”: v. su-
pra), si ottiene per teršna (<* teraš-na, per sincope post V sec.
Ramaite-la a.C.) la struttura semantica basilare di “relativo all’atto connesso
Χie-la
alla manifestazione divina”, che si può condensare in un senso
Kati-la
analogo a “votivo” o simili.
Sati-la
La proposta, in particolare, è notevolmente rafforzata dalla
e la nuova acquisizione tarquiniese di tere-la si inscrive regolar- presenza, in retico, del termine terisna, ben delineato formal-
mente nello stesso modulo compositivo. mente nonostante la scriptio continua dei documenti perché
Passando al piano del contenuto, si è visto sopra come esista
ormai un forte indizio (cioè proprio il contesto tarquiniese) per
67.  Facchetti c.s.
68.  Lo stesso potrebbe dirsi di ter-um (ET, OA 0.6: v. supra), recante un ben più noto
e studiato suffisso per inanimati (Agostiniani 1995).
69.  A differenza di quanto talora asserito, la lettura **zeršna è assolutamente impos-
65.  Facchetti 2015, p. 144 s. sibile: cfr. la fotografia di Agostiniani, Nicosia 2000, p. 153, rispetto al netto tracciato del
66.  Poetto, Facchetti 2009. tratto orizzontale inferiore di tutte le zeta dell’epigrafe.
218 G . B a gna s co G ianni, G . M . Facc h e t t i, C . C at t an e o, E . M a d er na, V. R icc iardi

ricorrente in molti contesti. Il margine semantico che se ne de- precedentemente enumerati. Non insisto, in questa sede, su
linea, in rapporto alla pura analisi combinatoria, è quello di “sa- come la più intelligibile determinazione del valore di teršna in-
cro”, come qualifica di oggetti offerti in santuari: vediamo ora duca fattori di conferma e chiarimento circa la validità di prece-
che “votivo” (nel senso specifico di “toccato da o legato a un denti constatazioni e ipotesi interpretative di altri termini col-
atto di manifestazione divina”, che origina il voto, appunto) può legati con la sacralità dell’Etrusca disciplina (pavac, tarχ ianês) e
essere una migliore specificazione. Si considerino per esempio significativamente compresenti nell’atto giuridico dell’epigrafe
le testimoniante isolate di ret. terisna delle epigrafi NO-13 e SL-1 cortonese76.
(quest’ultima su un elmo bronzeo) e inoltre il contesto di BZ-4 Il contesto indubitabilmente sacrale dell’attestazione di etr.
(su elemento bronzeo)70: teraš, del nuovo terela, di ret. terisna, e il richiamo di gr. τέρας,
consolidano, in una visione unitaria, la proposta interpretativa
tevašniχ esi utiku θ iuθ is aχvil iti terisna θ i per la radice etr. ter-.
offerto da Tevašniχ e in dono a(l dio) Θ iuθ i, iti votivo θ i
Ci si chiede, con tutto ciò, se la resa etrusca del nome dell’indo-
Non entro nelle peculiarità dell’interpretazione (ret. uticu “of- vino Tiresia, ovvero Terasia-, sempre con Ter- (rispetto al greco
ferto” e aχ vil “dono” sono termini ricorrenti di significato acqui- Τειρεσίας), non possa risentire proprio della contaminazione
sito e con chiare connessioni in etrusco)71, considerato che la della radice etr. ter-, come definita in questa sede.
segmentazione aχ vilititerisnaθ i potrebbe essere soggetta a Esiste infine un altro dato a sostegno del nostro ragionamen-
discussione72. to, passato finora inosservato, e tuttavia di notevole rilevanza:
Ai fini del nostro ragionamento è bastato mostrare come ret. mi riferisco al tiri(i)a della Tegola di Capua. Questo termine può
terisna, nei contesti di ricorrenza, è pienamente compatibile infatti essere a buon diritto fatto rientrare nel dossier relativo a
con quanto ora scritto su etr. teršna. Quest’ulteriore rimarche- etr. ter-, dal momento che il passaggio –e- > -i- in sillaba toni-
vole dato, di natura comparatistica, emerge parallelo e indi- ca iniziale è senza alcun dubbio un tratto distintivo essenziale
pendente dagli studi condotti su una lingua geneticamente dell’etrusco campano77.
connessa con l’etrusco, e corrobora il percorso ermeneutico e I punti in cui troviamo tiri(i)a nel calendario rituale della Tegola
ricostruttivo su entrambi i fronti. di Capua:
Come si inserisce quindi il senso di “(terra) votiva” (ossia “toccata
da un atto di manifestazione divina” o simili) nel piano interpre- TC 2-4 (sezione di marzo)
(…) savcnes sa tiria saχ iie[ (…) leθ amsul ci tar tiria cim cleva (…)
tativo della Tavola Cortonese?
“(…) a(l dio) Savcne quattro propiziatòri saχ iie[ (…) a(l dio)
Il tema dell’esistenza di parti di terreno assoggettate a norme
Leθ ams tre tar propiziatòri e tre cleva (…)”
e vincoli di diritto divino è un fenomeno consueto nell’anti-
chità. Tali rapporti, emergenti, per esempio nel testo giuridico TC 14-16 (sezione di aprile)
del Cippo di Perugia, in relazione alla presenza del termine (…) apertule aφ es ilucu (…) aφ es ci tar tiria ci turza (…)
muni- (altrimenti di ambito sacrale), sono da tempo stati enu- “(…) nel giorno aper- (c’è) la festa d(el dio) Aφ e (…) ad Aφ e tre
cleati (anche in rapporto con parallelismi del mondo giuridico tar propiziatòri, tre turza (…)”
romano)73.
TC 26-27 (sezione di giugno)
Queste constatazioni sono ancora più pertinenti per il diritto
(…) tar tiriia fanusei pepθ iai ratu ceχ iniai tei turza esχ aθ ce (…)
etrusco, certamente imbevuto di elementi di sacralità, attesa “(…) eseguì?? Il tar propiziatorio con la dichiarazione? pepθ ia-
l’incontestabile esistenza dei testi rivelati dell’Etrusca discipli- (e) ugualmente?, il turza con quella superiore (…)”
na74. Il confronto con tradizioni culturali fortemente connotate
dalla presenza di libri sacri rivelati, conferma l’inquadramento, TC 28 (sezione di luglio)
generale e specifico, della questione. L’antico diritto ebraico, parθ umi ilucve išveitule tinunus šeθ umsalc ilucu perpri cipen tar
per es. (in Levitico, 27) stabiliva precise regole concernenti il tiria vaci(l) fulinušn[
“nelle feste in luglio: nelle idi (c’è) la festa d(egli dèi) Tinun e
passaggio di proprietà e l’eventuale riscatto di cose (mobili o
Šeθ ums; il sacerdote (è) a (= ha da) compiere? Il tar propiziato-
immobili) consacrate per soddisfare un voto, differenziando la rio, la lode? fulinušn[ (…)”
disciplina giuridica di un campo qòdeš “consacrato” da quella di
un campo chèrem “votato” (Lev., 27, 16-24). sono compatibili con un significato dedotto dalla struttura di
Sulla tavola di Cortona si rinviene dunque menzione di una cer- tir-ia, un aggettivo in –ia costruito su tir- < ter- “manifestazione
ta estensione di campi “votivi” (teršna) “in mezzo a quelli” (clθ il)75 divina”, e quindi, tenuto conto che l’aggettivo è riferito a offerte
per gli dèi, qualcosa come “finalizzato alla manifestazione divi-
70.  Per le iscrizioni retiche citate, vd. Schumacher 2004, pp. 153, 179, 329, 377. na”, cioè “propiziatorio” o simili.
71. Cfr. Facchetti 2000, p. 48 s. e Facchetti 2015, p. 172 s.
72.  In effetti, atteso che un etr. iti (significato non precisato) è segmentabile sulla
Al di là dei dettagli, comunque, per tiri(i)a la funzione di agget-
Tavola di Cortona (TC 10), e che terisnaθ i potrebbe essere un ulteriore derivato di tivo riferito a doni sacri è fuori discussione, ciò che costituisce
terisna sostantivizzato come “voto” (con suffisso per aggettivi -θ i, da non confondere un’ulteriore, pesante, riconferma della linea di analisi qui con-
con la posposizione), si ricaverebbe: iti terisnaθ i “(come) iti votivo”; d’altra parte, allo
stato attuale delle conoscenze del retico, non sarebbe lecito escludere altre soluzio- dotta riguardo a etr. ter-.
ni, come, ad esempio: aχ vil-i-ti terisna θ i “nel dono (c’è) l’acqua votiva” (considerando G.M.F.
che il dono, di cui ora rimane solo il frammento iscritto, potesse essere stato un
recipiente).
73. Cfr. Facchetti 2000, pp. 23-26 e 2011, p. 273 s.
74.  Per una trattazione più ampia rimando a Facchetti 2000, passim.
75.  Sugli equivoci, di lettura e di interpretazione, cui è soggetta la forma clθ il, vd. 76.  Facchetti 2000, pp. 68-70, con revisioni su peš e šparza “tavoletta”.
Facchetti c.s. 77.  Per i dettagli vd. da ultimo Facchetti 2015, p. 144 s.
24.  Il caso del “bambino della Civita” di Tarquinia 219

Fig. 2 – Tarquinia, ‘complesso monumentale’, disposizione anatomica degli elementi ossei repertati dell’individuo US 189 (Archivio Labanof ).

III. Il caso del “bambino della Civita” di Tarquinia: completamente al raggiungimento dell’età matura. Valutando lo
analisi antropologica, profilo biologico stadio di ossificazione è possibile stimare l’età di morte dei giova-
ni individui in base allo studio dei vari distretti anatomici81.
Il materiale osteologico oggetto d’esame è giunto in laboratorio In tutti questi casi, la stima dell’età non può essere valutata senza
(Labanof), privo di sedimento in una scatola contenente le ossa un confronto con le tabelle standard della popolazione di riferi-
in sacchetti di plastica. I resti in esame (US 189) appartengono ad mento adeguate da un fattore di correzione che tiene conto della
uno dei cinque individui subadulti rinvenuti durante gli scavi di razza e dei fattori ambientali. Anche per quanto concerne la stima
Tarquinia e documentati in una pubblicazione di Fornaciari e Mal- della statura per i subadulti i metodi sono poco utilizzati perché
legni78. L’individuo US 189 si è rivelato come il più interessante dal non rappresentano un fattore chiave di identificazione. È possi-
punto di vista paleopatologico. bile prevedere la stima approssimativa dell’altezza utilizzando le
Il materiale è stato sottoposto all’analisi antropologica finalizzata tabelle basate sullo studio di crescita di Harvard che forniscono
a determinare il profilo biologico dell’individuo. I resti ossei, dap- statura, lunghezza di tibia e lunghezza femorale per ragazzi e ra-
prima sottoposti a pulitura e restauro, sono stati collocati in posi- gazze da 8 a 18 anni, o utilizzando la tavola a Pritchett82 che forni-
zione anatomica ed è stata effettuata l’analisi antropologica (studi sce la statura, la lunghezza dell’omero, del radio e dell’ulna dai 7
morfologici e metrici) con la relativa documentazione fotografica ai 15 anni per le ragazze, dai 7 ai 17 anni per i ragazzi basati su uno
(Fig. 2). Per la determinazione dell’età dell’individuo, del sesso e studio dei dati di Denver.
della statura sono state applicate le metodiche antropologiche Dall’analisi antropologica i resti scheletrici dell’individuo US 189
in uso. La determinazione dell’età alla morte di un individuo gio- risultano appartenere ad un bambino. Tutti i distretti scheletrici
vane si basa sul riconoscimento di diversi stadi di maturazione sono rappresentati, tuttavia la frammentarietà dei resti ossei non
dentaria e scheletrica che si modificano durante lo sviluppo in ha permesso ulteriori analisi circa l’altezza e la razza. Sono stati
relazione all’età. analizzati i seguenti resti osteologici: cranio, mandibola, clavicola
Classicamente, i subadulti sono divisi come segue: feto, neonato destra e sinistra, frammenti di entrambe le scapole, omero destro
(0-6 anni), bambino (7-12) e adolescente (13-20). I metodi di stima e sinistro, ulna destra e sinistra, radio destro, frammenti di verte-
dell’età dei subadulti si basano principalmente sullo stato di for- bre cervicali, toraciche, lombari e sacrali. Alcuni frammenti di ileo,
mazione ed eruzione dentaria; dai dati di letteratura ci sono ta- in prossimità della superficie auricolare, destro e sinistro, pube
belle e grafici di stima dell’età79. Il metodo Ubelaker si basa sulla destro e sinistro, infine frammenti del femore sinistro. La stima
valutazione dello stadio di sviluppo e di eruzione di ogni dente dell’età è stata calcolata attraverso l’utilizzo di metodi riguardanti
deciduo e permanente; lo schema consente di avere classi di età lo studio della fusione delle epifisi e lo sviluppo dentario83; i risul-
piuttosto ristrette, con un errore che va dai +/- 2 mesi per i primi tati attribuiscono un’età compresa tra i 6 e gli 8 anni (Fig. 3).
3 stadi fino a +/- 36 mesi per quelli finali.80 La correlazione fra età I distretti scheletrici sono stati sottoposti a uno scrupoloso esame
dentale e scheletrica è sempre necessaria per corroborare i risul- macroscopico per evidenziare elementi indicativi di possibili pa-
tati (e verificare eventuali discrepanze), così come per avere indi- tologie o traumi di natura ante, peri- o post mortale. L’analisi pa-
cazioni sul profilo biologico tenendo in considerazione che i ma- leopatologica ha evidenziato alcuni elementi di interesse: a livello
schi hanno un ritardo nella crescita scheletrica rispetto alle fem- cranio-encefalico nella parte endocranica dei parietali nei pressi
mine. Durante la crescita le ossa aumentano di dimensione gra- della regione bregmatica, in prossimità del punto di incrocio tra la
zie alla presenza di cartilagini di accrescimento che si ossificano sutura coronale e sagittale, si osservano dei piccoli solchi di forma

78. In Etruschi di Tarquinia 1986. 81.  Conceincao Cardoso 2010; Scheuer et Alii 2008; Maresh 1970; Fazekas 1978.
79.  Ubelaker 1989; Moorrees 1963; Alqahtani 2010; Mincer 1993. 82.  Pritchett 1988.
80.  Van Beek 1983. 83.  Hillson 1997.
220 G . B a gna s co G ianni, G . M . Facc h e t t i, C . C at t an e o, E . M a d er na, V. R icc iardi

Fig. 3 – Tarquinia, ‘complesso monumentale’ individuo US 189: dettagli dello svilup-


po dentario rispettivamente di: mascellari (visione esterna e interna), mandibolare Fig. 4 – Individuo US 189. a) Visione endocranica. b) Dettaglio dei solchi (Archivio
(visione superiore e postero mediale e anteriore) con il corrispettivo stadio di denti- Labanof ) (Tav. XV, 3).
zione secondo AlQatani ref. 81 (Archivio Labanof ).

circolare di pochi millimetri di diametro (Fig. 4a-b). L’analisi ma- (disturbo nel riconoscimento di stimoli visivi), astereognosico
croscopica dei solchi non mostra segni di rimodellamento osseo. (incapacità di riconoscere gli oggetti al tatto e le forme). L’area
Inoltre l’individuo mostra dei segni riconducibili alla cribra orbita- BA3 infatti riceve gli stimoli propriocettivi dal talamo e li trasmette
lia, un marcatore di stress, conseguente ad una carenza nutrizio- alle aree BA1 e BA2; lesioni in queste zone comportano alterazio-
nale di ferro nel periodo infantile, spesso associato a uno stato ne della percezione di sensazioni e stimoli85. Il danno delle fibre
generale di malnutrizione o ad anemia (Fig. 5). talamo-corticali riduce la sensibilità agli stimoli.
Infine i reperti scheletrici di natura paleopatologica, in particolare L’eziologia dell’epilessia in alcuni casi può essere associata a lesio-
il distretto cranio-encefalico, sono stati contestualizzati nel qua- ni e malformazioni vascolari (dei vasi terminali). I sintomi dell’epi-
dro della letteratura moderna in ambito clinico-epidemiologico lessia sono diversi a seconda dell’area colpita. Se consideriamo i
e neuropatologico. L’individuo US 189 è un bambino di circa 7-8 segni endocranici come ectasie dell’arteria meningea è possibile
anni che certamente presenta qualche anomalia cranica di diffi- ipotizzare una sintomatologia epilettica correlata a alterazioni
cile interpretazione. Sulla superficie endocranica a livello del pa- vascolari congenite; nell’area motoria prerolandica le crisi si ma-
rietale sinistro si osservano infatti delle modificazioni pressoché nifestano con clonie (ovvero scosse) di volto, braccia e gambe:
in corrispondenza del bregma. Le modificazioni si presentano sino alla marcia bravais-jacksoniana (la crisi coinvolge progressi-
come solchi tondeggianti in corrispondenza dell’estremo termi- vamente: spalla, braccio, avambraccio, mano), con possibile con-
nale dell’arteria meningea media (ramo frontale). seguente paralisi (paralisi di Todd: paralisi centrale e di breve dura-
Al fine di poter meglio comprendere le implicazioni neurologi- ta). Nell’area parietale retro-rolandica (sensitiva), il male epilettico
che di tale lesione è bene premettere alcuni concetti. La corteccia si manifesta con parestesie, con possibili illusioni somatiche (area
cerebrale corrispondente all’area della depressione endocranica parietale posteriore).
oggetto dell’approfondimento include, dal punto di vista neu- Le ipotesi diagnostiche possono così riassumersi:
rofunzionale, la corteccia somato-sensoriale primaria post-cen- – L’ipotesi che possa trattarsi di granulazioni aracnoidee, e quindi
trale84 (Brodmann Area/BA1-2-3) e probabilmente la corteccia tratti variabili dell’anatomia, è stata esclusa per l’età dell’individuo
motoria pre-centrale (Brodmann Area/BA4) (Fig. 6). Ipotizzando e per la dimensione delle invaginazioni; è noto infatti che le gra-
una compressione cerebrale di queste aree corticali in corrispon- nulazioni del Pacchioni, estroflessioni dell’aracnoide formate da
denza della scissura rolandica, le conseguenze sintomatologiche proliferazione di tessuto fibroso, a cui sono collegate mediante
principali riguardano l’alterazione nell’elaborazione degli stimoli un peduncolo e che spingono sulla dura madre, aumentano con
somato-sensoriali e motori con disturbi di tipo aprassico (inca- l’età in numero, grandezza e complessità e svolgono un ruolo
pacità di compiere sequenze motorie significative), agnosico chiave nel riassorbimento del liquido cefalo-rachidiano.

84.  Brodmann 1909. 85.  Penfield, Rasmussen 1950.


24.  Il caso del “bambino della Civita” di Tarquinia 221

tra i 20 e i 40 anni, con una localizzazione sopratentoriale (85%)


prevalente su quella sottotentoriale (15%).
– Gli aneurismi intracranici pediatrici sono molto rari (incidenza
0,5-5% sul totale di aneurismi cerebrali) e di solito insorgono nel
contesto di malattie sistemiche. Sotto i 10 anni la percentuale è
del 18,2%, mentre è praticamente pari a zero nei primi 5 anni di
vita. Anatomicamente, la più alta percentuale di aneurismi pedia-
trici si riscontra a livello dell’arteria caroditea interna, dell’arteria
comunicante anteriore e dell’arteria cerebrale media.
– Il Moyamoya è una rara malattia cerebrovascolare caratteriz-
zata dalla progressiva occlusione delle arterie più importanti
che portano sangue al cervello. In particolare, nei pazienti con
Fig. 5 – Individuo US 189: dettaglio della cribra orbitalia (Archivio Labanof ). Moyamoya si assiste a una chiusura progressiva del tratto distale
della carotide intracranica e dei suoi rami principali. Il cervello e
le arterie reagiscono alla progressiva riduzione del flusso sangui-
gno che ne deriva cercando di formare nuovi circoli collaterali di
compenso; alcuni di questi, i più caratteristici, assumono l’aspetto
di una “nuvoletta di fumo che volteggia nell’aria”; l’aspetto di que-
ste arterie di compenso è caratteristico e da esse deriva il nome
della malattia. Poiché le arterie neoformate sono spesso fragili, il
paziente è a rischio sia di eventi ischemici che emorragici. I sinto-
mi più frequenti con cui la malattia si presenta sono gli attacchi
ischemici transitori, la cefalea, le crisi epilettiche. Le complicanze
acute più gravi sono l’ictus cerebri e l’emorragia cerebrale. La ma-
lattia può colpire sia gli adulti che i bambini.

Tuttavia non possiamo escludere in diagnosi differenziale le le-


sioni benigne che coinvolgono il distretto osseo in questione, in
particolare:
– La cisti aneurismatica dell’osso è un amartoma osseo (malfor-
Fig. 6 – Disegno schematico dell’area del cranio del bimbo con le lesioni e delle mazione) che consiste in tessuto emorragico reattivo che cresce
corrispondenti regioni del cervello sottostante probabilmente implicate, indicate all’interno di un osso. Clinicamente, lo sviluppo e la crescita di una
rispettivamente come Area di Brodmann 4 (giallo) corteccia motoria primaria e Area
di Brodmann 1-2-3 (verde), corteccia somato-sensoriale primaria. Questa patologia cisti ossea aneurismatica è variabile e può essere estremamente
che premeva sul cervello, compatibilmente con la sede anatomica, provocava cri- lento, anche anni, oppure assai rapido nelle forme più aggressive
si epilettiche convulsive e motorie con movimenti spasmodici e inattesi degli arti
superiori e inferiori e illusioni somatiche. Il bambino di Tarquinia era affetto proba-
che raggiungono anche grandi dimensioni.
bilmente da disturbi comportamentali e sensoriali di natura epilettica quali allucina- – Granuloma eosinofilo: lesione solitamente benigna dell’osso
zioni e convulsioni (Tav. XV, 4). caratterizzata dalla presenza di cellule mononucleate e da eosi-
nofili, che si localizza nel 43-80% dei casi a livello della teca crani-
ca. Viene classificato come la forma più lieve dell’Istiocitosi X che
– Le lesioni espansive della teca cranica costituiscono 1-2% di include anche granulomi eosinofili multifocali (malattia di Hand-
tutte le masse ossee, queste lesioni possono essere suddivise Schuller-Christian) e la Sindrome di Letterer Siwe (un linfoma ma-
in neoplasie primitive e secondarie, benigne e maligne e mas- ligno, fulminante dell’infanzia).
se non neoplastiche. Nel nostro caso è possibile escludere, dal – Erniazione cerebrale: recentemente sono state descritte in
tipo di morfologia dell’anomalia dell’endocranio, i tumori maligni radiologia le erniazioni a livello del parenchima cerebrale e le
e le metastasi del cranio che presentano lesione ossee litiche e compressioni del fluido cerebrospinale circostante (CSF) nei seni
molto più estese, nonché i meningiomi che solitamente erodono venosi della dura o del calvario, senza apparenti difetti ossei nel
entrambi i tavolati cranici. Per la forma circolare ed ectasica dei tavolato esterno del cranio. Se le granulazioni aracnoidee nei seni
solchi e per la localizzazione in prossimità del circolo arterioso trasversi e sigmoidali e nel tavolato interno del cranio sono consi-
meningeo, l’anomalia è piuttosto del tutto compatibile con una derate varianti anatomiche normali e sono comunemente riscon-
patologia vascolare. Tra le patologie neuro-vascolari sono a que- trate, le erniazioni del parenchima cerebrale nei seni venosi della
sto punto da considerare: dura sono rare e controverse in significato. Sembra ragionevole
– Le malformazioni arterovenose (MAV) che rappresentano circa postulare che la presenza di granulazioni aracnoidee preesistenti
il 25% delle malformazioni vascolari cerebrali, con un’incidenza faciliti la formazione di un’erniazione cerebrale nei seni venosi
nella popolazione compresa tra lo 0,6 e il 7%; in questo gruppo della dura o nel calvario adiacente. Si pensa che le ernie del pa-
rientra anche la malformazione aneurismatica della vena di Gale- renchima cerebrale nelle granulazioni arachnoidee si manifestino
no (MAVG) che rappresenta circa l’1% di tutte le MAV intracraniche spontaneamente o come conseguenza di una maggiore pressio-
dell’età pediatrica. I due sessi sono colpiti in egual misura; le ma- ne intracranica. L’incidenza delle erniazioni è molto bassa 0,32%
nifestazioni cliniche sono prevalenti in un range d’età compreso e queste ernie sono state riscontrate più frequentemente nelle
222 G . B a gna s co G ianni, G . M . Facc h e t t i, C . C at t an e o, E . M a d er na, V. R icc iardi

aree postero-inferiori della cavità intracranica, in particolare a li- può essere considerata causa diretta del decesso dell’individuo,
vello occipitale. che rimane ignota. In accordo con Fornaciari e Mallegni, sembra
– Sinus Pericranii: consiste in una comunicazione anomala tra il avvalorata una condizione patologica a carico del sistema vasco-
drenaggio venoso intracranico ed extracranico, è una caratteri- lare meningeo, con conseguente compressione della corteccia
stica congenita che si manifesta come una massa nello scalpo. cerebrale adesa all’area coinvolta e sintomatologia caratterizzata
da crisi epilettiche focali. È possibile affermare che, molto pro-
L’approfondimento neuropatologico di questo caso ha pertanto babilmente, indipendentemente dalla causa di questa patolo-
riguardato un quadro molto ampio di ipotesi diagnostiche pato- gia che premeva sul cervello, gli effetti sono stati origine di crisi
logiche e varianti non patologiche inerenti le fossette riscontrate epilettiche convulsive motorie che avrebbero creato movimenti
a livello dell’endocranio86. spasmodici e inattesi degli arti superiori e inferiori e illusioni o
Valutiamo ora le varie ipotesi diagnostiche relative all’anomalia allucinazioni somatiche. Lo studio dello scheletro non rivela poi
cranica del soggetto in analisi. altro di patologico, a parte la già citata anemia da carenza di ferro
Le malformazioni vascolari sono congenite e generalmente pre- di probabile origine nutrizionale.
senti alla nascita. La crescita è proporzionale a quella del bam- Dall’analisi degli elementi scheletrici non sono poi emersi chiari
bino; possono ingrandirsi in seguito a traumi, infezioni o modifi- segni patologici che possano ricondurre all’ipotesi che il bambi-
cazioni dell’assetto ormonale. L’incidenza è uguale nei due sessi. no fosse affetto da altre patologie suggerite da qualche studioso
A differenza degli emangiomi, non hanno tendenza a regredire quale la progeria (sindrome di Hutchinson-Gilford) ovvero sindro-
spontaneamente. Si possono formare da un anormale sviluppo me genetica che causa invecchiamento precoce. Prima del tardo
di capillari, arterie, vene e vasi linfatici con o senza fistole. Le mal- XX secolo, si avevano pochissime informazioni sulla Sindrome
formazioni vascolari, a flusso lento, possono provocare alterazio- di Hutchinson-Gilford. Si tratta di una malattia progressiva i cui
ni scheletriche quali deformazioni, ipertrofia o ipoplasia, mentre sintomi diventano più marcati con gli anni: sclerodermia, artero-
quelle a flusso rapido possono causare erosioni, deformazioni ed sclerosi, insufficienza renale, perdita della vista e problemi cardio-
iperplasia. vascolari. La sclerodermia, un indurimento della pelle sul tronco
Le ipotesi diagnostiche di lesioni tumorali maligne o metastati- e sulle estremità del corpo, è prevalente. Le persone con questa
che si possono francamente escludere, come anche le fratture diagnosi di solito hanno corpi fragili e piccoli, proprio come se
rimodellate o fenomeni di osteomielite, mentre sembra avvalo- fossero anziani. La faccia è solitamente rugosa, con una testa più
rata una condizione patologica a carico del sistema vascolare a grande rispetto al corpo e una faccia stretta, il sistema muscolo-
livello meningeo in particolare dell’arteria meningea media com- scheletrico degenera progressivamente con rigidità articolare,
patibile con ectasia arteriosa, con conseguente compressione lussazioni dell’anca e altri sintomi. Le anomalie scheletriche sono
della corteccia cerebrale adesa all’area coinvolta. Tuttavia occorre comuni nella progeria e possono riflettere il deficit di osteogenesi
precisare che da dati in letteratura la probabilità di un aneurisma principalmente nelle estremità, displasia mandibolare e cranica
dell’arteria meningea media in età pediatrica è praticamente con crescita disorganizzata, deformità nella dentizione e soprat-
nulla. In diagnostica differenziale in questo quadro non sono da tutto severa osteolisi. L’osteoporosi generalizzata è una caratte-
escludere le ipotesi di una cisti dermoide della fontanella a livel- ristica costante; tuttavia, recenti pubblicazioni sulle valutazioni
lo parietale para-rolandico o di una variante vascolare congenita della patologia ossea hanno suggerito che le anomalie dell’osso
non patologica detta sinus pericranial. L’esame radiografico infatti sono principalmente legate allo sviluppo anomalo dell’osso e alla
ha mostrato assenza di reazione ossea intorno alla lesione e di displasia, piuttosto che all’invecchiamento precoce dell’osso stes-
aree circostanti di condensazione e ha permesso di escludere so e all’osteoporosi. Alcuni dati radiografici descrivono le spropor-
anche l’ipotesi di cisti aracnoidea e di granuloma eosinofilo, en- zioni craniofacciali con ipoplasia mandibolo-facciale, numerose
trambe caratterizzate da un pattern radiografico peculiare con ossa intrasuturali, suture aperte persistenti, riassorbimento par-
espansione dell’osso corticale nel primo caso e “radiolucenza” nel ziale o completo delle clavicole e delle coste. Nelle ossa lunghe
secondo. sono stati riportati cambiamenti sclerotici con rapporto ridotto
cortico-midollare e fratture patologiche. L’individuo identificato
come US 189 non mostra però i segni scheletrici caratteristici di
IV. Conclusioni questa sindrome.
Pertanto possiamo immaginare questo soggetto di Tarquinia
In conclusione si può ipotizzare che nessuna delle patologie in- come un bambino di 6-8 anni affetto da anemia carenziale e
vestigate in questa disamina, compatibilmente con le alterazio- probabilmente da disturbi comportamentali e sensoriali di na-
ni morfologiche endocraniche dell’individuo oggetto di studio, tura epilettica (allucinazioni, convulsioni).
C.C.; E.M., V.R.
86.  Pemmaiah, Bhattacharjee 2015.

Riassunto
Il contributo fonda da un lato sulle più recenti analisi antropolog- sintomatologia di tipo epilettico, e dall’altro sulla rilettura di due
iche, che comprovano l’encefalopatia del bambino del ‘complesso frammenti iscritti (fine VI-inizi del V sec. a.C.). Rinvenuti in prossimità
monumentale’ della Civita di Tarquinia (IX sec. a.C.) e la conseguente del bambino e a suo tempo editi separatamente, essi compongono
24.  Il caso del “bambino della Civita” di Tarquinia 223

invece un unico lemma isolato terela. La disamina della radice riferimenti simbolici e culturali della comunità tarquiniese. Si pro-
etrusca –ter indirizza a un significato accostabile al greco τέρας e al pone quindi per il “bambino della Civita” di confermarne la natura di
latino monstrum, prodigium, come a suo tempo proposto da M. Pal- fanciullo prodigioso, secondo una concezione etrusca rintracciabile
lottino per teraš etrusco. Lo scarto cronologico fra le due evidenze nelle fonti letterarie e negli aspetti dell’immaginario deducibile dalla
dal ‘complesso monumentale’ viene argomentato nel quadro dei serie degli specchi etruschi.

Abstract
Our contribution is based on the results of recent anthropological meaning close to Greek τέρας and Latin monstrum, prodigium, as M.
analyses of the child found at the “monumental complex” of Tarquin- Pallottino already suggested for Etruscan teraš. The chronological gap
ia, Civita (9th century BCE). Such analyses confirm he was suffering between the two pieces of evidence from the “monumental complex”
from encephalopathy with epileptic symptoms. It is also based on a is discussed in the symbolic and cultural framework of the Tarquinian
rereading of two inscribed fragments (end of the 6th-beginning of community. The prodigious nature of the “Civita-child” is confirmed
the 5th century BCE) found in the near byes of the child. They were according to an Etruscan concept, which can be recognized through
published separately at first, but they actually form a complete and literary sources and some aspects of the Etruscan imaginary reper-
isolated lemma: terela. The exam of the Etruscan root ter- addresses a toire depicted on mirrors.

Bibliografia

Agostiniani L. 1995, Genere grammaticale, genere naturale e il trattamen- Bagnasco Gianni G. 2017, Quale Hercle nella Roma di Tarquinio il Superbo?,
to di alcuni prestiti lessicali in etrusco, in Studi linguistici per i 50 anni in P.S. Lulof, C.J. Smith (eds.), The Age of Tarquinius Superbus. Central
del circolo linguistico fiorentino, Firenze, pp. 9-23. Italy in the Late 6th Century, Proceedings of the Conference The Age
Agostiniani L., Nicosia F. 2000, Tabula Cortonensis, Roma. of Tarquinius Superbus, A Paradigm Shift? (Rome, 7-9 November
Allély A. 2003, Les enfants malformés et considérés comme prodigia à 2013), “BABesch” Suppl. 29, pp. 159-167.
Rome et en Italie sous la République, in “Revue des Études Ancien­ Bagnasco Gianni G., Facchetti G.M. 2015, Considerazioni sulla rilettura di
nes” 105, 1, pp. 127-156. CIE5992, in “Alessandria” 8 (2014), pp. 27-56.
Alqahtani S.J. 2010, The London Atlas of human tooth development and Bagnasco Gianni G., Gobbi A., Scoccimarro N. 2016, Segni eloquenti in
eruption, in “American Journal of Physical Anthropology”, pp. 481- necropoli e abitato, in M.L. Haack (éd.), L’écriture et l’espace de la mort.
490. Epigraphie et nécropoles à l’époque préromaine, Roma, pp. 253-302.
Baglioni I. 2013, Note alla terminologia e al concetto di “mostruoso” Beekes R. 2010, Etymological dictionary of Greek, 1-2, Leiden-Boston.
nell’antica Grecia, in I. Baglioni (a cura di), Monstra. Costruzione e per- Bestiario fantastico 2012, Giovanelli E., Biella M.C., Perego L.G. (a cura di), Il
cezione delle entità ibride e mostruose nel Mediterraneo antico, Atti bestiario fantastico di età orientalizzante nella penisola italiana (Ari-
del I Incontro sulle religioni del Mediterraneo antico (Velletri 8-11 stonothos. Scritti per il Mediterraneo antico. Quaderni, 1), Trento.
giugno 2011), 2. L’antichità classica, Roma, pp. 15-32. Bonamici M. 2002, Contributo agli specchi perugini, in “AnnFaina” IX
Bagnasco Gianni G. 1987, Tarquinii, in “Rivista di Epigrafia Etrusca” LIII (2001), pp. 435-474.
(1985), pp. 201-205. Bonghi Jovino M. 2008, L’ultima dimora. Sacrifici umani e rituali sacri in
Bagnasco Gianni G. 1996, Oggetti iscritti di epoca orientalizzante in Etruria, Etruria. Nuovi dati sulle sepolture nell’abitato di Tarquinia, in Sepolti
Firenze. tra i vivi. Evidenza ed interpretazione di contesti funerari in abitato,
Bagnasco Gianni G. 2001a, Le iscrizioni nei contesti stratigrafici, in M. Bon- Convegno Internazionale (Roma 26-29 aprile 2006), in “ScAnt” 14,
ghi Jovino (a cura di), Tarchna III. Tarquinia. Scavi sistematici nell’abita- 2 (2007-2008), pp. 771-793.
to. Campagne 1982-88. I materiali 2, Roma, pp. 521-524. Bonghi Jovino M. 2009, A proposito del bambino epilettico di Tarquinia:
Bagnasco Gianni G. 2001b, Le sortes etrusche, in F. Cordano, C. Grottanelli una rivisitazione, in “Athenaeum” XCVII, II, pp. 471-476.
(a cura di), Sorteggio pubblico e cleromanzia dall’Antichità all’Età Bonghi Jovino M. 2010, Tarquinia. Types of Offerings, Etruscan Divinities and
Moderna, Atti della Tavola Rotonda (Milano 26-27 gennaio 2000), Attributes in the Archaeological Record, in L.B. van der Meer (ed.), Mate-
Milano, pp. 197-220. rial Aspects of Etruscan Religion, Proceedings of the International Col-
Bagnasco Gianni G. 2009, The importance of being Umaele, in J. Swaddling, loquium (Leiden, May 29 and 30 2008), “BABesch” Suppl. 16, pp. 5-16.
P. Perkins (eds.), Etruscan by Definition, Papers in Honour of Sybille Bonghi Jovino M. 2017, Il contesto nella riflessione teorica, in M. Bonghi
Haynes, MBE, London, pp. 82-90. Jovino (a cura di), “L’uomo di mare” di Tarquinia. un sacrificio uma-
Bagnasco Gianni G. 2012, Tarquinia, tra spazio e tempo. Appunti da una no nel contesto abitativo tra riflessione teorica e documentazione
ricerca in corso, in C. Chiaramonte Treré, G. Bagnasco Gianni, F. Chiesa (a archeologica (Tarchna Suppl. 5), Milano, pp. 1-15.
cura di), Interpretando l’Antico. Scritti di Archeologia offerti a Maria Bonghi Jovino M. c.s.a, Defunti atipici a Tarquinia tra archeologia e antro-
Bonghi Jovino, Milano, pp. 23-34. pologia. Questioni aperte, in corso di stampa.
Bagnasco Gianni G. 2014a, Una nuova iscrizione dal ‘complesso Bonghi Jovino M. c.s.b, Senex insipiens et puer sapiens. Mito tagetico e
monumentale’ della Civita di Tarquinia, in E. Benelli (a cura di), Cên zic riflessioni in margine, in corso di stampa.
ziχuχe. Per Maristella Pandolfini, Roma, pp. 21-26. Borghini A. 2006, La nascita di Tages. Una congettura a Isidoro, ET. 8, 9,
Bagnasco Gianni G. 2014b, Lo specchio della tomba 65 del Fondo Scata- 34-35, in “Athenaeum” 1, pp. 271-273.
glini e la questione dell’apoteosi di Hercle a Tarquinia, in M.D. Gentili, Briquel D. 1991, L’origine lydienne des Étrusques. Histoire de la doctrine
L. Maneschi (a cura di), Studi e ricerche a Tarquinia e in Etruria. Atti dans l’Antiquité, Roma.
del simposio internazionale in ricordo di Francesca Romana Ser- Briquel D. 1993, Les voix oraculaires, in O. de Cazanove, J. Scheid (éds), Les
ra Ridgway (Tarquinia 24-25 settembre 2010), Mediterranea XI, bois sacrés, Actes du Colloque International (Naples, 23-25 novem-
Roma, pp. 41-62. bre 1989), Napoli, pp. 77-90.
224 G . B a gna s co G ianni, G . M . Facc h e t t i, C . C at t an e o, E . M a d er na, V. R icc iardi

Briquel D. 1997, Le cas étrusque. Le prophétisme rejeté aux origines, in J.-G. gurati. Atti dell’incontro internazionale di studio (Roma 2-4 maggio
Heintz (éd.), Oracles et prophéties dans l’antiquité, Actes du colloque 1997), Roma, pp. 181-207.
de Strasbourg (15-17 juin 1995), Paris, pp. 439-455. Mincer H.H. 1993, The ABFO study of third molar development and its use as
Brodmann K. 1909, Vergleichende Lokalisationslehre der Grosshirnrinde, an estimation of chronological age, in “Journal of Forensic Sciences”,
Leipzig. pp. 379-390
Chantraine P. 1968-1980, Dictionnaire étymologique de la langue grecque: Moorrees C.F.A. 1963, Age variation of formation stages for the permanent
Histoire des mots, Paris. teeth, in “Journal of Dental Research”, p. 1490.
Chiaramonte Treré C. 1997, Considerazioni sulla stratigrafia e ipotesi interpre- Nuovi Studi Bestiario 2016, Giovanelli E., Biella M.C. (a cura di), Nuovi stu-
tative dall’Orientalizzante recente ad età ellenistica, in M. Bonghi Jovino, di sul bestiario fantastico di età orientalizzante nella penisola italiana
C. Chiaramonte Treré (a cura di), Tarchna I. Tarquinia. Scavi sistematici (Aristonothos. Scritti per il Mediterraneo antico. Quaderni, 5), Trento.
nell’abitato. Campagne 1982-88, Roma, pp. 183-216. Pallottino M. 1966, I frammenti di lamina di bronzo con iscrizione etrusca
Chirassi Colombo I. 2012, Teras ou les modalités du prodige dans le discours scoperta a Pyrgi, in “StEtr” 34, pp. 206-209.
divinatoire grec. Une perspective comparatiste, in S. Georgoudi, P. Renée Pemmaiah, Bhattacharjee 2015, Osteolytic lesions of skull in pediatric age
Koch P., F. Schmidt (éds.), La raison des signes. Présages, rites, destin dans group, IOSR-JDMS, Vol, 14, pp. 68-72.
les sociétés de la Méditerranée ancienne (Religions in the Graeco-Ro- Penfield W., Rasmussen T. 1950, The Cerebral cortex of man, New York, N. Y.
man world, 174), Leiden-Boston, pp. 221-251. Pizzani U. 2000, Qualche osservazione sulla terminologia «teratologica» in
Colonna G. 2002, Il santuario di Pyrgi dalle origini mitistoriche agli altorilievi Omero, in M. Cannatà Fera, S. Grandolini (a cura di), Poesia e religione in
frontonali dei Sette e di Leucotea, in “ScAnt” 10 (2000), pp. 251-336. Grecia: studi in onore di G. Aurelio Privitera, Napoli, pp. 526-539.
Colonna G. 2009, Scheda n. 34 della Rivista di epigrafia etrusca, in “StEtr” Poetto M., Facchetti G.M. 2009, L’aryballos di Araθ Numasiana, in “Oebalus”
73, pp. 404-405. 4, pp. 365-376.
Colonna G. 2016, Ancora sulle lamine di Pyrgi, in V. Bellelli, P. Xella (a cura Pritchett J.W. 1988, Growth and predictions of growth in the upper extremi-
di), Le lamine di Pyrgi. Nuovi studi sulle iscrizioni in etrusco e in fenicio nel ty, in “The Journal of Bone and Joint Surgery”, PP. 70-A:520-525.
cinquantenario della scoperta (SEL 32-33), Verona, pp. 157-171. Rix H. 1986, Etruskisch culs ‘Tor’ und der Abschnitt VIII 1-2 des Zagreber liber
Conceicao Cardoso H.F.V. 2010, Estimating age at death from the size of the linteus, in “Vjesnik Arheološkog Muzeja u Zagrebu” (3. Serija) 19, pp.
growing epiphyses and metaphyses of the femur and the tibia at the 17-40.
knee, in Acta Medicinae Legalis et Socialis, pp. 33-38. Roncalli F. 2006, L’anello di Vegoia, in “Mediterranea” III, pp. 231-255.
de Grummond N. 2006, Mariś, the Etruscan Genius, in E. Herring, I. Lemos, F. Roncalli F. 2009, Mito, leggenda e disciplina etrusca visti da Roma, in “Ann-
Lo Schiavo, L. Vagnetti, R. Whitehouse & J. Wilkins (eds.), Across Frontiers. Faina” XVI, pp. 239-259.
Etruscans, Greeks, Phoenicians & Cypriots. Studies in honour of David Roncalli F. 2010, Between divination and magic: role, gesture and instru-
Ridgway and Francesca Romana Serra Ridgway (Accordia 6), London, ments of the Etruscan haruspex, in L.B. van der Meer (ed.), Material As-
pp. 413-426. pects of Etruscan Religion, Proceedings of the International Colloqui-
Dietrich B.C. 1990, Oracles and Divine Inspiration, in “Kernos” 3, pp. 157-174. um (Leiden, May 29 and 30 2008), “BABesch” Suppl. 16, pp. 117-126.
Domenici I. 2009, Etruscae Fabulae. Mito e rappresentazione, Roma. Santi C. 2006, I viri sacris faciundis tra concordia ordinum e pax deorum,
ET = G. Meiser (Hrsg.), Etruskische Texte. Editio minor, 1-2, Hamburg 2014. in M. Rocchi, P. Xella, J.-A. Zamora (a cura di), Gli operatori cultuali, Atti
Etruschi di Tarquinia 1986, Bonghi Jovino M. (a cura di), Gli Etruschi di Tarqui- del II Incontro di studio organizzato dal ‘Gruppo di Contatto per lo
nia, catalogo della mostra (Milano 1986), Modena. studio delle religioni mediterranee’ (Roma 10-11 maggio 2005), Ve-
Facchetti G.M. 2000, Frammenti di diritto privato etrusco, Firenze. rona, pp. 171-184.
Facchetti G.M. 2002, Appunti di morfologia etrusca. Con un’appendice sulla Scheuer L. et Alii 2008, Juvenile osteology, London.
questione delle affinità genetiche dell’etrusco, Firenze. Schumacher S. 2004, Die rätischen Inschriften. Geschichte und heutiger
Facchetti G.M. 2004, Titiēs Ramnēs Lūcerēs, in “Incontri Linguistici”, 25, pp. Stand der Forschung (2nd, extended edition), Innsbruck.
176-178. Sordi M. 2003, I saecula degli Etruschi e gli ostenta, in “Rivista Storica Italia-
Facchetti G.M. 2015, Tinas cliniiaras, in “AIΩN” n.s. 4, pp. 141-182. na” CXIV (2002), 3, pp. 715-725.
Facchetti G.M. c.s., Contatti interlinguistici e interculturali: il caso dei Pulena, Suàrez de la Torre E. 2005, Forme e funzioni del fenomeno profetico e divina-
in Etruskische Sozialgeschichte revisited (Universität Wien, 8.-10. Juni torio dalla Grecia classica al periodo tardo-antico, in G. Sfameni Gasparro
2016), in corso di stampa. (a cura di), Modi di comunicazione tra il divino e l’umano: tradizioni pro-
Fazekas I.G. 1978, Forensic fetal osteology, Budapest. fetiche, divinazione, astrologia e magia nel mondo mediterraneo anti-
Hillson S. 1997, Dental anthropology, Cambridge University Press. co, Atti del Seminario internazionale (Messina 21-22 marzo 2003),
Jacobs J. 2010, Traces of the omen series šumma izbu in Cicero, De Divi- Hierá 7, Cosenza, pp. 29-106.
natione, in A. Annus (ed.), Divination and Interpretation of Signs in the Thomson de Grummond N. 2006, Prophets and Priests, in N. Thomson De Grum-
Ancient World, Chicago, pp. 317-339. mond, E. Simon (eds.), The Religion of the Etruscans, Austin, pp. 27-44.
Maggiani A. 1996, Appunti sulle magistrature etrusche, in “StEtr” 62, pp. 95- Torelli M. 1986, La religione, in G. Pugliese Carratelli (a cura di), Rasenna.
138. Storia e civiltà degli Etruschi, Milano, 159-237.
Maggiani A. 2001, Dagli archivi dei Cusu. Considerazioni sulla tavola bron- Ubelaker D.H. 1989, Human skeletal remains. Excavation, analysis, interpre-
zea di Cortona, in “RdA” 25, pp. 94-114. tation, Washington.
Maggiani A. 2005, La divinazione in Etruria, in ThesCRA III, pp. 52-78. Van Beek G.C. 1983, Dental morphology, Bristol.
Maras D.F. 2009, Il dono votivo. Gli dei e il sacro nelle iscrizioni etrusche di Watmough M.T. 1997, Studies in the Etruscan Loanwords in Latin, Firenze.
culto, Pisa-Roma. Wood J.R. 1980, The myth of Tages, in “Latomus” 39, 2, pp. 325-344.
Marzullo M. 2016, Grotte Cornetane. Materiali e apparato critico per lo stu- Zanon C.A. 2016, Onde vivem os monstros: criaturas prodigiosas na poe-
dio delle tombe dipinte di Tarquinia (Tarchna Suppl. 6), Milano. sia hexamétrica arcaica, São Paulo: Faculdade de Filosofia, Letras e
Massa Pairault F.H. 2000, Problemi ermeneutici a proposito degli specchi. Ciências Humanas, University of São Paulo, 2016. Doctoral Thesis in
Esame di alcune scene connesse con il mito di Eracle, in M.D. Gentili (a Letras Clássicas. [cited 2017-06-28]: http://www.teses.usp. br/teses/
cura di), Aspetti e problemi della produzione degli specchi etruschi fi- disponiveis/8/8143/tde-13022017-130921/en. php
Tavole a colori
Tavole a colori 243

2
Tav. I – 1. Scena di allattamento dal sarcofago di Marco Cornelio Stazio; epoca imperiale (150 d.C. circa); ritrovato a Ostia (?), attualmente al
Museo del Louvre (da https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=8911091); 2. a) Les “biberons”: “Biberon-tasse” attique à figures
rouges, fin du Ve s. Athènes, Musée national 18554; donation Empédokle (cliché: Auteur). b) “Biberon-tasse” attique à figures rouges, v. 420-410;
Cambridge, Fitzwilliam Museum GR.6.1929 (Photographie: © 1998-2015 Fitzwilliam Museum; dessin: Auteur).
244 Tavole a colori

2
Tav. II – 1. Wormwood (Artemisia absinthium L.); MS Vienna, Österreichische Nationalbibliothek medicus graecus 1, fol. 20r; 512 CE; 2. Bats in the
Arabic Book of the Characteristics of Animals; MS London, British Library, Oriental 2784, fol. 56r; 13th century (Courtesy of the British Library).
Tavole a colori 245

3
Tav. III – 1a-b. Types de sépultures utilisés pour les enfants en bas âge dans la nécropole d’Ammolofos à Abdère; 2. Mortalità infantile nella Sicilia pre-protostorica: incidenze
patologiche nel campione esaminato; 3. Pianta di Camarina: sono indicate le necropoli di Rifriscolaro e Passo Marinaro (da Di Stefano 2008, fig. 4).
246 Tavole a colori

2
Tav. IV – 1. Palermo, necropoli punica: a) Sarcofago litico. b) Sarcofago entro tomba a camera ipogeica (Archivio Fotografico Soprintendenza Beni Culturali – Palermo); 2. La T.
1 con bambina in posizione prona (Archivio Fotografico Museo “A. Salinas” – Palermo).
Tavole a colori 247

2 3
Tav. V – 1. Agrigento, Quartiere Ellenistico-Romano, Insula II, Casa II D, vani a-a1, Tomba 5/2013. a) rilievo della tomba (F. Giannella). b) US48L, sepoltura più recente indicante
l’ultima fase di utilizzo della tomba (Fotografia di E. Cicala). 2. Quartiere Ellenistico-Romano, Insula I, Casa I C, vano r, Tomba 1/2014, sepoltura triplice di un individuo adulto di
sesso femminile (linea rossa) inumato con due infanti accolti tra le gambe (linee verde e blu) (Fotografia e rielaborazione di R. Fanelli). 3. Agrigento, area dell’antico Emporion;
necropoli ad enchytrismòs; tomba 5 (Fotografia di M. Nocito).
248 Tavole a colori

Tav. VI – Abitato peuceta di Jazzo Fornasiello (Gravina in Puglia). a) “Complesso Alfa”, area scavata fino al 2016 (seconda metà IV-inizi III sec. a.C.); i bolli gialli indicano gli en-
chytrismòi di IV-III sec. a.C.; i bolli rosa quelli di VI sec. a.C.; i rettangoli rosa sono le inumazioni in fossa terragna di adulti di VI sec. a.C.; i bolli rossi indicano i punti di fuoco nel
vano F (probabile cucina del complesso). b) Spiedo in ferro e set di vasi per le pratiche di commensalità collettiva, il consumo cerimoniale del vino e i rituali libatori dall’edi-
ficio centrale a megaron del “Complesso Alfa” (Archivio Fotografico Università degli Studi di Milano, scavo Jazzo Fornasiello).
Tavole a colori 249

Tav. VII – Abitato peuceta di Jazzo Fornasiello (Gravina in Puglia); 1. Rilievo cartografico ed interpretazione della giacitura dei piccoli defunti all’interno
degli enchytrismòi. a) Rilievo cartografico di soggetto rannicchiato sulla schiena, con capo e arti inferiori raccolti sul petto nella T. X. b) Localizzazione
nel cortile della “Casa dei Dolii” dell’enchytrismòs plurimo, T. II e ricostruzione tafonomica della posizione dei tre neonati più recenti (Archivio Fotografico
Università degli Studi di Milano, scavo Jazzo Fornasiello e Labanof ); 2. 1-3) Sezioni trasversali dei campioni di carbone al microscopio ottico (Leica DMRB)
a luce riflessa; 4) i campioni allo stereoscopio (Leica zoom 2000) (Fotografie di M. Caccianiga).
250 Tavole a colori

1 2

Tav. VIII – 1. Milano, viale Sabotino, fossa con deposizione collettiva e frettolosa di scheletri nei quali le indagini biomolecolari hanno rintracciato il DNA del batterio Yersinia
pestis (Archivio Fotografico Soprintendenza Archeologia Lombardia); 2. Chiesa di S. Pietro all’Olmo di Cornaredo (MI); T. 10, inumato di età perinatale entro coppo, con obolo
monetale tra le mani (Archivio Fotografico Soprintendenza Archeologia Lombardia); 3. T. 10, particolare della moneta deposta tra le mani dell’infante, all’interno della fascia-
tura in tessuto, con bambagia (Archivio Fotografico Soprintendenza Archeologia Lombardia).
Tavole a colori 251

2
Tav. IX – 1. Carta archeologica del territorio al limite settentrionale della provincia di Lodi, con posizionamento della necropoli di Merlino e di quella di Paullo (elaborazione
di S. De Francesco su base CTR della Lombardia). 2. Necropoli infantile di Merlino (LO). a) Particolare della tomba 1 a coppi contrapposti. b) Particolare della tomba 5 alla
cappuccina (Archivio Fotografico Soprintendenza Archeologia Lombardia).
252 Tavole a colori

Tav. X – 1. Urago d’Oglio (BS); tomba 4, cremazione: ricostruzione ipotetica della deposizione nel pozzetto (di-
segno di P.L. Dander); 2. Urago d’Oglio (BS), tomba 49, inumazione: ricostruzione ipotetica della cerimonia di
deposizione della bambina (disegno di P.L. Dander); 3. Brescia, area del Capitolium; ricostruzione ipotetica dell’area
in età longobarda (disegno di P.L. Dander).
Tavole a colori 253

1 2
Tav. XI – 1. Lovere (BG), via Martinoli, necropoli romana. a) Scavo 1996, corredo della
T. 9 (inumazione plurima di 4 individui, tra cui una bambina di 1-2 anni); il corredo era composto di un’anforetta, un’olpe, una brocca, un boccale biansato, un bicchiere in
ceramica e uno a calice in vetro, quattro vaghi di collana in pasta vitrea, una fibbia in bronzo del tipo a “pelta”, un elemento ad anello in bronzo, uno stilo in ferro, un osso di
camoscio con foro circolare, un pendente e una moneta in bronzo (Antoniniano di Claudio II il Gotico, 268-270 d.C., zecca di Roma); fine III-inizi IV sec. d.C. (Fotografia di L.
Caldera e di L. Monopoli, Archivio Fotografico Soprintendenza Archeologia Lombardia). b) Scavo 2015, T. 40: inumazione di un bambino sopra il bacino, forse tra le braccia,
di un adulto; età tardoromana (Archivio Fotografico Soprintendenza Archeologia Lombardia); 2. Covo (BG), T. 5: sepoltura di un bambino di età compresa tra 2 e 4 anni; età
tardoantica-altomedievale (Archivio Fotografico Soprintendenza Archeologia Lombardia).
254 Tavole a colori

2
Tav. XII – 1. Castelseprio (VA), chiesa di San Paolo: tomba 4 (Archivio Fotografico Soprintenden-
za Archeologia Lombardia); 2. Castelseprio (VA), San Paolo: tomba 7; (in alto) ramo ischiatico
sinistro, di cui si osserva la non completa fusione; (in basso) carie penetrante occlusale sul
terzo molare superiore sinistro (a sinistra); immagine radiografica del mascellare destro in cui si
osserva la mancata eruzione del canino permanente (a destra).
Tavole a colori 255

2
Tav. XIII – 1. Sepolcreto dell’Ospedale Maggiore (Ca’ Granda) di Milano, camera O: visione d’insieme di una delle camere ipogee (Fotografia di E. Sguazza); 2. Pittore lombardo,
Il cortile dell’Ospedale Maggiore, 1670-1690 circa; olio su tela (194×344 cm); quadreria dell’Ospedale Maggiore di Milano.
256 Tavole a colori

Tav. XIV – 1. Miniatura tratta dal Livre des Statuts; Madri infanticide; 1450-1460; per povertà o per vergogna, perché frutti
di relazioni adulterine o illecite, i bambini indesiderati venivano abbandonati in luoghi pubblici o, peggio, annegati
nei corsi d’acqua; Dijon, Archives hospitalières de l’Hopital du Saint-Esprit, A mH 4 (da Cassagnes-Broquet 2009, p. 66); 2.
Archivio di Stato di Milano, Atti di Governo, Popolazione Parte Antica (P. A.), Registri dei Morti di Milano, cart. 76.III, die veneris
iiii Jullii [1483].
Tavole a colori 257

Tav. XV – 1. Lucone di Polpenazze del Garda (BS); il livello di crollo degli alzati della
palafitta (US 231) causato dall’incendio dell’abitato nella porzione occidentale del
Settore 1 dello scavo del Lucone D (Fotopiano realizzato da C. Mangani); 2. (in alto)
Il forame di Huschke ancora pervio nel cranio del bambino di Lucone; (in basso) Il
cranio al momento del ritrovamento in cui si può osservare la connessione ana-
tomica fra le due metà dell’osso frontale attraverso la sutura metopica (Fotografie
di M. Baioni, A. Canci); 3. Tarquinia, ‘complesso monumentale’; individuo US 189. a)
Visione endocranica; b) Dettaglio dei solchi (Archivio Labanof ). 4. Disegno schema-
tico dell’area del cranio del bimbo dal ‘complesso monumentale’ di Tarquinia con le
lesioni e delle corrispondenti regioni del cervello sottostante probabilmente impli-
cate, indicate rispettivamente come Area di Brodmann 4 (giallo) corteccia motoria
2 primaria e Area di Brodmann 1-2-3 (verde), corteccia somato-sensoriale primaria.
258 Tavole a colori

1 2

3
Tav. XVI – 1. Stele funeraria dipinta a tempera su marmo da Demetrias-Pagasai; raffigura la giovane Hediste morta di parto insieme al neonato, il cui corpicino avvolto in fasce
(spargana) compare in braccio alla nutrice in secondo piano; prima metà II sec. a.C. Volos, Museo Archeologico (Fotografia dell’Autore); 2. Croce Armonia, Pane amaro, grafica
acquerellata; Riesi (CL), Museo delle Solfare Trabia e Tallarita (Per gentile concessione dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana – Polo Regionale di
Gela e Caltanissetta e per i siti culturali - Museo delle Solfare di Trabia Tallarita); 3. A sinistra una tomba infantile di inizio Novecento con sonaglio (Archivio Labanof ); a destra
un’area cimiteriale destinata a sepolture di bambini nella periferia di Berna (Fotografia dell’Autore, autunno 2005).
€ 38,00

MAT E R I A
E ARTE
ISSN 2421-3578
ISBN 978-88-7814-890-1
e-ISBN 978-88-7814-891-8

4
MA-4

I  l volume Una favola breve riunisce una serie di contributi scientifici che in prospet-
tiva diacronica affrontano il tema della salute dell’infanzia, dell’abuso sul minore

UNA FAVOLA BREVE  Archeologia e antropologia per la storia dell’infanzia


e della morte prematura, dal mondo antico (greco, italico e romano) fino all’era mo-
derna. Il volume è parte di un più ampio progetto, intitolato Mors immatura, nato nel
2017 con l’obiettivo di costruire un fecondo dialogo interdisciplinare su temi delica-
ti e non privi di ricadute nell’attualità: archeologia, antropologia, storia del diritto e
della medicina possono scrivere pagine importanti sull’infanzia, contribuendo alla
formazione di una coscienza civica e di un’attenta responsabilità sociale rispetto a
tematiche tuttora di grande urgenza.

S  e di bambini vissuti secoli o decenni fa è spesso molto difficile, se non impossi-


bile, ricostruire sentimenti, paure ed emozioni, è vero che dei subadulti ci resta
spesso il corpo, lo scheletro, che non è solo un’entità materiale, ma è anche un pro-
dotto culturale, da cui dedurre informazioni dirette (non mediate quindi dal mondo
degli adulti) sullo sviluppo biologico, sullo stato di salute e sulle forme di interazione
socio-culturale con il mondo esterno

Una favola breve


Archeologia e antropologia
per la storia dell’infanzia
a cura di Claudia Lambrugo

Potrebbero piacerti anche