Sei sulla pagina 1di 9

4.

FUNZIONI CONTINUE

Risoluzione

1 |x|
(1 + |x|) x − e x per x = 0
1. La funzione f (x) = è definita in ogni x ∈ R e continua
0 per x = 0
in ogni x = 0 essendo per tali punti differenza e composizione di funzioni continue. La
funzione è inoltre continua in x0 = 0 essendo lim f (x) = 0 = f (0). Infatti, ricordando
x→0
che lim (1 + αy )y = eα per ogni α ∈ R, ponendo y = 1
x otteniamo
y→±+∞

1 |x| 1
lim f (x) = lim (1 + |x|) x − e x = lim (1 + x) x − e = lim (1 + y1 )y − e = 0
x→0+ x→0+ x→0+ y→+∞
e
1 |x| 1
lim f (x) = lim (1 + |x|) x − e x = lim (1 − x) x − e−1 = lim (1 − y1 )y − e−1 = 0
x→0+ x→0− x→0− y→−∞

da cui lim f (x) = 0.


x→0

sin(2x)
se x = 0
2. La funzione f (x) = log(1+|x|) è definita in ogni x ∈ R ed è continua in ogni
2 se x = 0
x = 0 essendo per tali punti rapporto e composizione di funzioni continue ma non risulta
continua in x0 = 0. Infatti, ricordando che per y → 0, log(1 + y) ∼ y mentre sin y ∼ y,
abbiamo
sin(2x) 2x
lim = lim = ±2
x→0 log(1 + |x|)
± x→0 |x|
±

Quindi non esiste lim f (x), la funzione non è continua in x0 = 0 e presenta in tale punto
x→0
una discontinuità di prima specie.
cosh(2x)−1
per x > 0
sin2 x
3. La funzione f (x) = risulta definita in ogni x ∈ R e continua in
cos x + 1 per x ≤ 0
 0, essendo somma, prodotto, quoziente e composizione di funzioni continue.
ogni x0 =
Nel punto x0 = 0 abbiamo
lim f (x) = lim cos x + 1 = 2 = f (0)
x→0− x→0−

mentre per x → 0+ , dai limiti notevoli abbiamo cosh(2x) − 1 ∼ 2x2 e sin2 x ∼ x2 da cui
otteniamo
cosh(2x) − 1 2x2
lim f (x) = lim 2 = lim 2 = 2
x→0+ x→0 sin x x→0 x

Ne segue che lim f (x) = 2 = f (0) e dunque che la funzione è continua in x0 = 0.


x→0
4. FUNZIONI CONTINUE

log(1+x2 )+x sin x
x2
per x > 0
4. La funzione f (x) = √ è definita in tutto R e risulta continua
3
1+x per x ≤ 0
in ogni x = 0 essendo somma, prodotto, quoziente e composizione di funzioni continue.
Stabiliamo se risulta in x = 0 calcolando il limite lim f (x) e verificando che risulti uguale
x→0
a f (0) = 1. Abbiamo √
3
lim f (x) = lim 1+x=1
x→0− x→0−
mentre il limite
log(1 + x2 ) + x sin x
lim f (x) = lim
x→0+ x→0+ x2
presenta una forma indeterminata del tipo 0 . Per x → 0+ abbiamo
0

log(1 + x2 ) + x sin x = x2 + o(x2 ) + x(x + o(x)) = 2x2 + o(x2 )


e quindi
log(1 + x2 ) + x sin x 2x2 + o(x2 )
lim f (x) = lim = lim =2
x→0+ x→0+ x2 x→0+ x2
La funzione non è dunque continua in x = 0 e presenta in tale punto una discontinuità
di prima specie.

|x|1/x per x = 0
5. La funzione f (x) = risulta definita in ogni x ∈ R e continua in
0 per x = 0
ogni x = 0 essendo per tali punti composizione di funzioni continue. Nel punto x0 = 0
abbiamo che la funzione risulta continua se e solo se lim f (x) = f (0) = 0.
x→0
log |x|
Scrivendo f (x) = |x|1/x = e x per x = 0, ed essendo
log x
lim = lim − x1 log x1 = lim −y log y = −∞
x→0 + x x→0+ y→+∞
e
log(−x)
lim = lim − x1 log −x1
= lim y log y = +∞
x→0− x x→0− y→+∞
otteniamo
log x
lim f (x) = lim e x = 0
x→0+ x→0+
mentre
log(−x)
lim f (x) = lim e x = +∞.
x→0− x→0−
Quindi la funzione data non è continua in x0 = 0 e presenta in tale punto una disconti-
nuità di seconda specie.
1
1
x2
e− x se x > 0
6. Determiniamo per quali valori di α ∈ R la funzione fα (x) =
αex − 1 + sin x se x ≤ 0
è continua in x0 = 0. Abbiamo
lim fα (x) = lim αex − 1 = α − 1 = fα (0)
x→0− x→0−
4. FUNZIONI CONTINUE

per ogni α ∈ R. Mentre, ponendo y = x1 , dalla gerarchia degli infiniti abbiamo


1 − x1 y2
lim fα (x) = lim x2
e = lim y = 0.
x→0+ x→0+ y→+∞ e

Abbiamo che fα (x) risulterà continua in x0 = 0 se e solo se lim fα (x) = lim fα (x) =
x→0− x→0+
fα (0) e pertanto se e solo se α − 1 = 0 e dunque α = 1. Se α = 1 il punto x0 = 0
presenta invece una discontinuità di prima specie.


⎪ 2 1
⎨x log(1 + x ) + 1 se x > 0
7. Stabiliamo per quali valori di α ∈ R la funzione fα (x) = 1 se x = 0


⎩αe x1 + arctan 1 se x < 0
x
è continua in x0 = 0. Abbiamo che
Ä ä
lim fα (x) = lim x2 log 1 + 1
x +1
x→0+ x→0+
Ä ä
= lim x2 log x+1
x + 1 = lim x2 log(1 + x) − x log x + 1 = 1
x→0+ x→0+
a
essendo lim x log x = 0 per ogni a > 0. Mentre
x→0+
1
lim fα (x) = lim αe x + arctan x1 = − π2
x→0− x→0−
per ogni α ∈ R. Ne segue che la funzione non risulta continua in x0 = 0 qualunque sia
α ∈ R e tale punto risulta punto di discontinuità di prima specie.

⎨ α2 −1
e x se x > 0
8. La funzione fα (x) = risulta continua in x0 = 0 se lim fα (x) =
⎩x − α se x ≤ 0 x→0

fα (0) = −α. Abbiamo


lim fα (x) = lim x − α = −α = fα (0)
x→0− x→0−
mentre ⎧

⎪ se α2 > 1 ⇔ |α| > 1
α2 −1
⎨+∞
lim fα (x) = lim e x = 1 se α2 = 1 ⇔ |α| = 1
x→0+ x→0+ ⎪

⎩0 se α2 < 1 ⇔ |α| < 1
Possiamo allora concludere che la funzione risulta continua in x0 = 0 solo per α = 0 e
α = −1. Il punto x0 = 0 è un punto di discontinuità di seconda specie per ogni |α| > 1,
di prima specie se |α| ≤ 1 con α = 0; −1.


⎪ sin x
se x > 0
⎨ xα
9. Determiniamo per quali valori di α ∈ R la funzione fα (x) = α se x = 0 è


⎩ arcsin x se x < 0
x
continua in x0 = 0. Abbiamo che fα (0) = α e
arcsin x
lim fα (x) = lim =1
x→0− x→0− x
4. FUNZIONI CONTINUE

mentre, ricordando che sin x ∼ x per x → 0, risulta





sin x x ⎨+∞ se α > 1
lim fα (x) = lim = lim α = lim x1−α = 1 se α = 1
x→0 + x→0 + x α x→0 + x x→0+ ⎪

⎩0 se α < 1
Ne segue che la funzione risulta continua in x0 = 0 solo per α = 1, se α > 1 allora
x0 = 0 è punto di discontinuità di seconda specie, se α < 1 allora x0 = 0 è punto di
discontinuità di prima specie.

1+x−1
xα se x > 0
10. La funzione fα (x) = è continua in x0 = 0 se e solo se α < 1. Infatti,
αx se x ≤ 0
lim fα (x) = lim αx = 0 = f (0)
x→0− x→0−

per ogni α ∈ R. Mentre, ricordando che per x → 0 risulta 1 + x − 1 ∼ x2 , si ottiene

√ ⎪

1+x−1 1 ⎨+∞ se α > 1
lim fα (x) = lim = lim = 12 se α = 1
x→0+ x→0+ xα x→0+ 2xα−1 ⎪

⎩0 se α < 1
Dunque fα (x) risulterà continua in x0 = 0 se e solo se α < 1. Se invece α = 1 abbiamo che
x0 = 0 è punto di discontinuità di prima specie mentre se α > 1 è punto di discontinuità
di seconda specie.

1+x2 +cos x−α
se x > 0
11. Determiniamo per quali valori di α ∈ R la funzione fα (x) = x
ex − 1 se x ≤ 0
è continua in x0 = 0. Si ha
lim fα (x) = lim ex − 1 = 0 = fα (0)
x→0− x→0−
√ 2 2
Dato che per x → 0, risulta 1 + x2 = 1 + x2 + o(x2 ) e cos x = 1 − x2 + o(x2 ), otteniamo

√ ⎪

1 + x2 + cos x − α 2 − α + o(x2 ) ⎨0
se α = 2
lim fα (x) = lim = lim = +∞ se α < 2
x→0+ x→0+ x x→0+ x ⎪

⎩−∞ se α > 2

e dunque la funzione risulterà continua in x0 = 0 se e solo se α = 2, per gli altri valori


di α abbiamo che x0 = 0 è punto di discontinuità di seconda specie.

eαx −cos x
per x > 0
12. Per stabilire per quali valori di α ∈ R la funzione fα (x) = x è
cos x per x ≤ 0
continua nel punto x0 = 0 osserviamo che
lim fα (x) = lim cos x = 1
x→0− x→0−
4. FUNZIONI CONTINUE


Mentre, essendo per x → 0, eαx = 1 + αx + o(x) e cos x = 1 − x
2 + o(x) si ottiene
√ Ä ä
eαx − cos x = α + 12 x + o(x)
e dunque
√ Ä ä
1
eαx − cos x α+ 2 x + o(x) 1
lim fα (x) = lim = lim =α+ 2
x→0+ x→0+ x x→0+ x
per ogni α ∈ R. La funzione risulterà quindi continua in x0 = 0 se e solo se α = 12 , per i
restanti valori di α presenterà nel punto una discontinuità di prima specie.

sin2 x−2 log(1+αx2 )
x2
se x > 0
13. Determiniamo per quali valori di α ∈ R la funzione fα (x) =
tan x se x ≤ 0
è continua in x0 = 0. Abbiamo
lim fα (x) = lim tan x = 0 = fα (0)
x→0− x→0−

Dato che per x → 0, sin2 x = (x + o(x))2 = x2 + o(x2 ) e log(1 + αx2 ) = αx2 + o(x2 ), si
ottiene
sin2 x − 2 log(1 + αx) (1 − 2α)x2 + o(x2 )
lim fα (x) = lim = lim = 1 − 2α
x→0+ x→0+ x2 x→0+ x2
per ogni α ∈ R. Dunque fα (x) risulterà continua in x0 = 0 solo per α = 12 . Se invece
α = 12 , x0 = 0 è punto di discontinuità di prima specie.
cos x−x log(1+x)+α
se x > 0
14. Determiniamo i valori di α per cui la funzione fα (x) = sinh x
sin x se x ≤ 0
risulta continua in x0 = 0. Osserviamo innanzitutto che
lim fα (x) = lim sin x = 0 = fα (0)
x→0− x→0−

Dato che per x → 0 si ha


x2
cos x − x log(1 + x) + α = 1 − 2 + o(x2 ) − x(x + o(x)) + α = α + 1 − 32 x2 + o(x2 )
e sinh x ∼ x, otteniamo
cos x − x log(1 + x) + α
lim fα (x) = lim
x→0+ x→0+ sinh x

α + 1 − 2 x + o(x2 )
3 2
sgn(α + 1) · ∞ se α = −1
= lim =
x→0+ x 0 se α = −1
Dunque fα (x) è continua in x0 = 0 solo per α = −1, se invece α = −1 allora x0 = 0 è
punto di discontinuità di seconda specie.
4. FUNZIONI CONTINUE

cosh x−cos2 (αx)
x2
se x > 0
15. Determiniamo per quali valori di α ∈ R la funzione fα (x) = √
3
1+x se x ≤ 0
risulta continua nel punto x0 = 0. Abbiamo che

lim fα (x) = lim 3 1 + x = 1 = fα (0).
x→0− x→0−

Riguardo al limite per x → 0+ osserviamo che


x2 α 2 x2
cosh x − cos2 (αx) = 1 + 2 + o(x2 ) − (1 − 2 + o(x2 ))2
Ä ä
x2
=1+ 2 + o(x2 ) − (1 − α x + o(x2 )) =
2 2 1
2 + α2 x2 + o(x2 )
Otteniamo allora
Ä ä
1
cosh x − cos2 (αx) 2 + α2 x2 + o(x2 )
lim fα (x) = lim = lim = 1
2 + α2
x→0+ x→0+ x2 x→0+ x2
per ogni α ∈ R. La funzione risulterà continua in x0 = 0 se e solo se 12 + α2 = 1, cioè se
e solo se α = ± √12 , per i restanti valori di α presenterà invece un punto di discontinuità
di prima specie.

1+x2 −cosh(αx)
x2
per x > 0
16. La funzione fα (x) = 2 risulta continua in x = 0 se lim fα (x) =
e x per x ≤ 0 x→0

fα (0) = 1. Abbiamo
2
lim fα (x) = lim ex = 1
x→0− x→0−
mentre il limite √
1 + x2 − cosh(αx)
lim fα (x) = lim
x→0+ x→0+ x2
presenta una forma indeterminata del tipo 00 . Dai limiti notevoli per x → 0+ risulta
Ä ä
α 2 x2 α2
1 + x2 − cosh(αx) = 1 + x2 + o(x2 ) − 1 + 2 + o(x2 ) = (1 − 2 )x
2
+ o(x2 )
e quindi che
√ α2
1 + x2 − cosh(αx) (1 − 2 )x
2 + o(x2 )
lim fα (x) = lim = lim
x→0+ x→0+ x2 x→0+ x 2
⎧ α2 2

⎨ lim (1− 22 )x = 1 − α2
x 2 se α2 = 1
= x→0+ 2

⎩ lim o(x )
2 =0 se α2 = 1
x→0+ x

Possiamo pertanto concludere che la funzione risulta continua in x0 = 0 se e solo se


2
1 − α2 = 1 ovvero se e solo se α = 0. Se invece α = 0 avremo che x0 = 0 è punto di
discontinuità di prima specie.
4. FUNZIONI CONTINUE

⎨ x log(1+x)+e x2 −α
√ se x > 0
17. Verifichiamo per quali valori di α ∈ R la funzione fα (x) = 1+2x−1
⎩sin(x2 ) se x ≤ 0
risulta continua in x0 = 0. Abbiamo
lim fα (x) = lim sin(x2 ) = 0 = fα (0)
x→0− x→0−
2
mentre, ricordando che per x → 0, log(1 + x) = x + o(x) e ex = 1 + x2 + o(x2 ), per
x → 0+ otteniamo
2
x log(1 + x) + ex − α = x2 + o(x2 ) + 1 + x2 + o(x2 ) − α = 1 − α + 2x2 + o(x2 )

ed essendo 1 + 2x − 1 = x + o(x), si ottiene



x log(1 + x) + e − α x2
1 − α + 2x2 + o(x2 )
se α = 1 ⎨0
lim fα (x) = lim √ = lim = +∞ se α < 1
x→0+ x→0+ 1 + 2x − 1 x→0+ x + o(x) ⎪

⎩−∞ se α > 1

da cui possiamo dedurre che fα (x) è continua in 0 se e solo se α = 1. Se invece α = 1,


x0 = 0 risulta punto di discontinuità di seconda specie.

x2 +α2 −α
se x > 0
18. La funzione fα (x) = √ x risulta continua in x0 = 0 se e solo se α = 0.
1 + 2x se x ≤ 0
Infatti si ha

lim fα (x) = lim 1 + 2x = 1 = fα (0)
x→0− x→0−

2
Per x → 0+ , osserviamo innanzitutto che se α = 0 allora fα (x) = xx = 1 per ogni
x > 0 e che quindi fα (x) risulta continua in x0 = 0. Se α = 0, per x → 0+ abbiamo


⎨α( 1 + x2 − 1) ∼ x2
x2 se α > 0
x2 + α2 − α = |α| 1 + −α=
α2 2α
α2 ⎩α(− 1 + x2 − 1) ∼ −2α
α2
se α < 0

da cui

x2 + α 2 − α x
se α > 0
∼ 2α
x − 2α
x se α < 0
e dunque

x2 + α 2 − α 0 se α > 0,
lim fα (x) = lim =
x→0+ x→0+ x +∞ se α < 0.
Possiamo quindi concludere che fα (x) risulta continua in x0 = 0 se e solo se α = 0. Se
α > 0 allora x0 = 0 è punto di discontinuità di prima specie mentre se α < 0 allora
x0 = 0 è punto di discontinuità di seconda specie.
4. FUNZIONI CONTINUE
cosh(xα )−1
per x > 0
19. Stabiliamo per quali valori di α ∈ R la funzione fα (x) = x è
sinh(x2 ) per x ≤ 0
continua in x0 = 0. Abbiamo
lim fα (x) = lim sinh(x2 ) = 0 = fα (0)
x→0− x→0−

Riguardo al limite per x → 0+ osserviamo che xα → +∞ per α < 0 e xα = 1 per α = 0,


quindi
cosh(xα ) − 1
lim fα (x) = lim = +∞
x→0+ x→0+ x
per ogni α ≤ 0. Se invece α > 0 allora xα → 0 per x → 0+ e ricordando che cosh y − 1 ∼
y2
2 per y → 0 otteniamo


⎪ se α > 21
cosh(xα ) −1 x2α
x2α−1 ⎨0
2
lim fα (x) = lim = lim = lim = 12 se α = 12
x→0+ x→0+ x x→0+ x x→0+ 2 ⎪

⎩+∞ se 0 < α < 1
2

Dunque fα (x) risulterà continua in x0 = 0 solo per α > 12 . Se α = 12 allora x0 = 0 è


punto di discontinuità di prima specie mentre se α < 12 allora è punto di discontinuità
di seconda specie.
sinh(xα )
per x > 0
20. La funzione fα (x) = x è continua in x0 = 0 se e solo se α > 1.
1− ex per x ≤ 0
Infatti, abbiamo
lim fα (x) = lim 1 − ex = 0 = fα (0)
x→0− x→0−
Dai limiti notevoli della funzione sinh x abbiamo che se α > 0 allora per x → 0+ si ha
xα → 0 e quindi sinh(xα ) ∼ xα . Pertanto



sinh(xα )
se α > 1⎨0
α−1
lim fα (x) = lim = lim x = 1 se α = 1
x→0+ x→0+ x x→0+ ⎪

⎩+∞ se 0 < α < 1

Se invece α = 0 allora sinh(xα ) = sinh 1 per ogni x > 0 e dunque


sinh(xα )
lim fα (x) = lim = +∞
x→0+ x→0+ x
Infine, se α < 0 allora per x → 0+ si ha xα → +∞ e dato che se y → +∞ si ha
ey − e−y e2y − 1 ey
sinh y = = ∼
2 2ey 2
e quindi
α
sinh(xα ) ex
lim = lim = +∞
x→0+ x x→0+ x
4. FUNZIONI CONTINUE

Riunendo quanto ottenuto possiamo concludere che





⎨0 se α > 1
lim fα (x) = 1 se α = 1
x→0+ ⎪

⎩+∞ se α < 1

e fα (x) risulterà continua in x0 = 0 se e solo se α > 1. Abbiamo invece che x0 = 0


risulta punto di discontinuità di prima specie se α = 1, seconda specie se α < 1.

Potrebbero piacerti anche