Sei sulla pagina 1di 114

Il

Tempo nella Fisica dell’Oggi

Orologio Jaeger-LeCoultre Atmos, il più bell’inseguimento dell’utopia del moto perpetuo


Aforisma dell’esperto di leadership aziendale Michael Althsuler:

La cattiva notizia è che il tempo vola. La buona notizia è che sei il pilota.

A cura di Marco Gentili (marco.gentili@gmail.com)


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

ABSTRACT

Una passeggiata nella Fisica dell’Oggi, alla ricerca della comprensione del tempo tra:

• le confusioni temporali e causali della Fisica Classica;


• gli artificiosi equilibrismi per farlo scomparire e gli spontanei squilibri che lo ripropongono della
Meccanica Statistica;
• gli assolutismi ed i relativismi per unire il tempo allo spazio in un continuum con la Relatività;
• le indeterminazioni ed i dualismi per frammentare materia ed energia con la Meccanica
Quantistica;
• le multidimensionalità estreme e le quantizzazioni del continuum delle Teorie del Tutto o quasi.

Andando anche oltre la Fisica dell’Oggi, vagando tra Neuroscienze e Filosofia, per perdersi tra:

• Visioni Olistiche e Invasioni di Campo,


• Soggettivo e Oggettivo,
• Sensibilità e Forme a Priori,
• Essenza ed Esistenza,
• Uomo e Universo.

Per arrivare, alla fine della intellettualmente stremante passeggiata, ad un tempo dell’Universo:

• forse Ridondante
• sicuramente Comodo
• erroneamente Illuso
• speranzosamente Emergente

ad un tempo dell’Uomo ben differente da quello dell’Universo raccontato dalla Fisica dell’Oggi.


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

INDICE

Premessa ...................................................................................................................................................... 5
Divulgazione scientifica .................................................................................................................................... 6
Rapporto asimmetrico ed indissolubile tra Tempo e Spazio ............................................................................ 8
Come parlare del tempo in relazione alla Fisica dell’oggi ................................................................................. 8

Fisica dell’Oggi ......................................................................................................................................... 10


Teorie Fisiche, universalmente accettate ....................................................................................................... 10
Teorie del Tutto o quasi, ipotizzate ................................................................................................................ 11

Quadro sinottico della Fisica dell’Oggi ............................................................................................ 14


Fisica Classica ........................................................................................................................................... 15
Scoperta del tempo nella Fisica del Movimento Galileiana ............................................................................ 15
Uso del tempo nella Meccanica Classica Newtoniana .................................................................................... 20
Reversibilità Temporale .................................................................................................................................. 23
Determinismo ................................................................................................................................................. 24
Causalità Ingenua ............................................................................................................................................ 25
Causalità Parziale ............................................................................................................................................ 27
Contiguità Spaziale ......................................................................................................................................... 29
Antecedenza Temporale ................................................................................................................................. 30
Uso del tempo nella Meccanica Razionale ..................................................................................................... 31
Tempo Assoluto, Continuo, Misurabile, un poco Ambiguo ............................................................................ 34

Meccanica Statistica ............................................................................................................................... 36


Teoria degli Ensemble ..................................................................................................................................... 37
Uso del tempo all’Equilibrio ............................................................................................................................ 39
Uso del tempo nel non Equilibrio ................................................................................................................... 40
Freccia del Tempo, drammatizzazioni termodinamiche ................................................................................. 43
Freccia del Tempo, ottimismi teologici ........................................................................................................... 48
Tempo Assoluto, Continuo, Misurabile, Inutile .............................................................................................. 50

Relatività .................................................................................................................................................... 52
Universo di Minkowski .................................................................................................................................... 53
Uso del tempo nella Relatività Ristretta ......................................................................................................... 54
Universo di Schwarzschild .............................................................................................................................. 57
Universo della Befana ..................................................................................................................................... 60
Uso del tempo nella Relatività Generale ........................................................................................................ 62
Tempo Relativo, Continuo, Misurabile, Non Ambiguo ................................................................................... 66

Meccanica Quantistica ........................................................................................................................... 70


Principio di indeterminazione e Determinismo .............................................................................................. 72
Dualismo onda-particella ................................................................................................................................ 74
Uso del tempo nella Meccanica Quantistica .................................................................................................. 75
Fenomeno dell’Entanglement ........................................................................................................................ 77
Interpretazioni ed Esperimenti Ideali ............................................................................................................. 78
Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Storie di gatti vivi e morti ............................................................................................................................... 79


Tempo Assoluto, Continuo, Misurabile, un poco Incompreso ....................................................................... 81

Teorie del Tutto o Quasi ....................................................................................................................... 83


Uso del tempo nella Teoria delle Stringhe ...................................................................................................... 83
Rimbalzi temporali nella Cosmologia di Stringa ............................................................................................. 85
Uso del tempo nella Gravità Quantistica a Loop ............................................................................................ 88
Tempo Una Dimensione tra Tante, Ridondante, Emergente .......................................................................... 90

Emergenza o Illusione? ......................................................................................................................... 93


Livelli di rappresentazione dell’Universo ........................................................................................................ 93
Emergenza ...................................................................................................................................................... 95
Illusione .......................................................................................................................................................... 96

Oltre la Fisica ............................................................................................................................................ 98


Neuroscienze Cognitive .................................................................................................................................. 99
Tempo Oggettivo del Governo, Soggettivo Personale .................................................................................. 101
Invasione di campo ....................................................................................................................................... 102
Critica della Ragion Pura, Estetica Trascendentale ....................................................................................... 104
Tempo e Spazio, forme a priori .................................................................................................................... 106
Fenomenologia ............................................................................................................................................. 108
Tempo Fenomenologico dell’Esistenza ........................................................................................................ 110

Conclusioni ............................................................................................................................................. 112


Bibliografia minima ............................................................................................................................ 114


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Premessa
Nel 1973, al liceo G. B. Morgagni, ho iniziato a studiare fisica, fortunatamente inserito in una classe
sperimentale che si occupava di Relatività Ristretta, sotto il coordinamento del Prof. Giulio Cortini (1918-
2006) del Dipartimento di Fisica dell’Università La Sapienza. Nel 1976, in quinto liceo Scientifico ho tenuto il
mio primo seminario, rivolto a studenti del triennio sul concetto di tempo all’interno nell’ambito della Fisica
Classica, Relativistica e Quantistica.

Mi sarebbe piaciuto occuparmi di filosofia naturale, quell'amalgama di Filosofia e Fisica interrottasi nel
1638 con Galileo, che tracciò la rigida demarcazione tra le due discipline. Sono stato figlio dei miei tempi,
nel rispetto di quel metodo scientifico affermato da Galileo, ho scelto di studiare fisica teorica,
concedendomi il vezzo di pensare che, in una futura età di mezzo, mi sarei laureato in Filosofia della
Scienza, così da riunire, a mio modo, Fisica, Metafisica ed Epistemologia, in un unico interesse: quello per la
conoscenza.

Mentre studiavo Fisica all’università La Sapienza, quel primo seminario sul tempo è stato rivisto, è
cresciuto, è stato replicato diverse volte tra il 1978 ed il 1982, erogato a favore di Professori e Studenti
dello stesso Liceo Scientifico da cui ero uscito. Parallelamente è diventato un corso per studenti universitari
della facoltà di filosofia dell’Università La Sapienza, erogato per un semestre di due anni accademici
consecutivi, poco prima della mia laurea in Fisica conseguita nel 1982.

Il mio ultimo anno di Fisica, è stato quello in cui ho capito che la sequenza ininterrotta di 30 e 30 e lode,
l'ammirazione degli studenti della facoltà che mi vedevano, assieme a pochi coi quali ci alternavamo, essere
sempre i primi a dare l'esame con il massimo dei voti, il riconoscimento di molti professori, le ricche borse
di studio dell’Accademia dei Lincei che inanellavo, tutto ciò, non mi abilitava a fare il fisico. Ero un
eccellente studente di fisica ma non avevo l'istinto del fisico, mi mancava la favilla, ne ero finalmente
cosciente. Non ho realizzato il mio sogno, dopo la laurea in Fisica non ho fatto il fisico. Arrivato a quell’età
di mezzo la vita mi ha travolto, non mi sono iscritto a Filosofia come m’ero ripromesso da studente.

Nel lavoro ho avuto tante soddisfazioni, molti riconoscimenti ma non ho mai avuto l'intrigo, quel
solleticamento neuronale, quell'illuminazione, quella seduzione, quell'eros, quell’orgasmo intellettuale,
sorta di lampo di presuntuosa onniscienza, di comprensione profonda, che solo la fisica mi ha dato.

Lavorando e continuando sempre a leggere di fisica, nel tempo ho scoperto che l’avventura culturale della
Fisica non finisce con l’Università, prosegue tutta la vita, indipendentemente che si lavori come fisico, o si
faccia qualcosa d’altro. Diventato appassionato di fisica per hobby, ho continuato a leggere di fisica (e
filosofia), la mia passione non si è mai sopita, ma ho capito che ormai di fisica posso parlare solo con chi
non ci lavori in mezzo. Per questo ho preso a divulgare la fisica appena se ne presentasse l’occasione, che
fosse semplicemente tra amici, nell’ambito della formazione manageriale in cui mi sono sempre impegnato,
o rivolta a studenti appassionati della fisica.

Una delle più belle esperienze, sviluppatasi per un decennio tra il 2004 ed il 2014, inizialmente al
Dipartimento di fisica della terza università di Roma, Tor Vergata, poi presso diversi licei scientifici romani, è
stata una sorta di lezione rivolta agli studenti dell’ultimo anno delle superiori, per orientarli ad iscriversi alla
facoltà di Fisica dove fenomeno italiano ed europeo, le iscrizioni sono ormai costantemente in calo. Ne
uscirono fuori delle domande e le relative risposte: Perché studiare fisica? Come studiare fisica? Che
insegna la fisica … oltre alla fisica? Che lavoro può fare chi ha studiato Fisica?

A cura di Marco Gentili 5


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

L’avventura culturale più vibrante in tema di fisica si è svolta dal 2005 al 2012, quando sono andato, come
volontario, a insegnare fisica alle elementari, ad incontrare le III classi, poi successivamente allargando
l’intervento a IV e V, mi sono divertito molto ad interagire con i bambini, per il loro elevato interesse, per la
loro voglia di partecipare, di condividere ragionamenti, la loro impagabile spontaneità e simpatia.

Oggi che il tempo mi ha attraversato come Uomo, ovviamente lasciando il suo segno:

• ricordando che il tempo della Fisica m’ha intrigato il cervello, sin da quei primi lavori citati;
• godendo del tempo dell’Uomo, divertente, stimolante, appagante, gratificante, passato a leggere
per poi scrivere del tempo della Fisica;

mi diverto ad elaborare questa sorta di tesina sul tempo nella Fisica dell’Oggi, nella speranza che domani
divenga un seminario rivolto agli studenti degli ultimi anni delle superiori, magari proprio in quel liceo G. B.
Morgagni che ne ha ospitato la prima edizione.

Cosa che, prima d’iniziare mi porta a qualche precisazione metodologia in merito:

• all’approccio alla divulgazione scientifica;


• al rapporto asimmetrico ed indissolubile tra il tempo e lo spazio;
• a come parlare del tempo in relazione alla Fisica dell’Oggi.

Aforisma dello psichiatra e psicoanalista svizzero Carl Gustav Jung (1875-1961):

Non rimpiango le persone che ho perso col tempo,

ma rimpiango il tempo che ho perso con certe persone,

perché le persone non mi appartenevano,

gli anni sì.

Divulgazione scientifica
Bisogna sempre aver presente l’estrema difficoltà che il compito della divulgazione scientifica presenta.
Ritengo che una persona sia un buon divulgatore se la fatica fatta sia almeno pari a quella richiesta al suo
pubblico per giungere alla comprensione; una fatica maggiore presuppone da parte del divulgatore una non
sufficiente padronanza degli argomenti trattati; una fatica minore è invece indice di superficialità del
divulgatore.

A proposito del tempo la massima degradazione cui può giungere la pratica della divulgazione scientifica di
cui ho memoria risale all’inizio degli anni ’80, quando un fisico (a parere mio più un politico che un
ricercatore), un personaggio noto di cui per pietà non farò il nome, così si esprimeva sulle pagine di uno dei
quotidiani più diffusi sulla piazza romana:

La quarta dimensione, il tempo, è quella cosa che ci permette di bollire la pasta.

A cura di Marco Gentili 6


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Si rifiuta l’interpretazione del tempo come quarta dimensione per i motivi che si chiariranno in seguito,
ciononostante, anche tralasciando pietosamente questo aspetto, il contenuto semantico della precedente
affermazione sfugge completamente a chi scrive da ormai quarant’anni.

L’esempio citato rappresenta il fallimentare tentativo di giungere alla divulgazione riportando il discorso
scientifico nell’abituale, nel “concreto”, nel conosciuto. Questa cattiva divulgazione è talmente facile da
individuare che la sua pericolosità è irrisoria, basta evitarla.

Esiste un altro tipo di cattiva divulgazione, molto più sottile ed infida, è quella che chiamo divulgazione
enfatica tutta protesa verso il paradosso, l’inverosimile, l’appariscente, il fantastico. Tre sono i difetti di
questa pericolosa divulgazione:

• innanzitutto fa sembrare che tutta la fisica sia contenuta nelle Teorie del tutto, teorie che si
sostituiscono alle quattro oggi sperimentate, validate e per questo universalmente accettate, oggi
applicate separatamente (Relatività Generale, Meccanica Quantistica, Modello Standard)
sussumendole in se stessa;
• sfrutta l’identità di parole (non di significati) presenti nel linguaggio comune come in quello
scientifico, parole che nei due contesti assumono quasi sempre significati tra loro non confrontabili
(ad esempio come il colore, sapore, charm, dei quark; l’oscuro della materia e dell’energia);
• infine si limita a raccontare senza spiegare, descrive e basta.

E’ facile ascoltare o leggere questo tipo di divulgazione scientifica; generalmente si capisce poco ma si è
straordinariamente interessati.

Si conclude questa prima osservazione metodologica con una citazione tratta dalla prefazione del bel libro
di Troraldo di francia “L’indagine del mondo fisico”, Einaudi, 1976:

… Non ho soverchia simpatia per quel genere di divulgazione che presenta la scienza come scienza
per bambini.

In questo libro non si troverà la fisica per bambini, con gli obbligatori e stucchevoli riferimenti ad
Alice nel paese delle meraviglie. Si troverà una fisica per adulti; per adulti che se sono disposti ad un
serio impegno intellettuale per avvicinarsi alla filosofia, alla musica, alla poesia, contemporanee, un
altrettanto serio impegno devono dedicare alla cultura scientifica.

Aforisma del filosofo e teologo Agostino d’Ippona (354-430), più noto come Sant’Agostino.

Che cos’è il tempo? Se nessuno me lo domanda, lo so.

Se voglio spiegarlo a chi me lo domanda, non lo so più.

Il tempo non esiste, è solo una dimensione dell’anima.

il passato non esiste in quanto non è più,

il futuro non esiste in quanto deve ancora essere,

il presente è solo un istante inesistente di separazione tra passato e futuro.

A cura di Marco Gentili 7


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Rapporto asimmetrico ed indissolubile tra Tempo e Spazio


Nell’ambito della Fisica dell’Oggi è impensabile occuparsi del concetto di tempo prescindendo da quello
di spazio, cosa vera anche in un contesto non relativistico.

Al tempo stesso il rapporto tra spazio e tempo è connotato da una forte asimmetria: se è impossibile
scindere il tempo dallo spazio è possibilissimo fare il viceversa. Diversi gli esempi di discipline che fanno a
meno del tempo: geometria, statica, termodinamica.

Più in generale quando ci si occupa della fisica dell’equilibrio si può prescindere dal tempo e riferirsi
unicamente allo spazio: un sistema macroscopico in equilibrio non si evolve nel tempo, non modifica il suo
stato. La negazione del tempo è insita nella definizione di equilibrio macroscopico.

Motivo per cui di seguito si accennerà anche alla fisica del non equilibrio in cui il tempo gioca il ruolo di
parametro evolutivo del sistema verso l’equilibrio.

Aforisma del penultimo re di Francia, Luigi XVI di Borbone (1754-1793) che la sera del 14 luglio 1789 sul suo
diario giornaliero scriveva:

Oggi, niente di nuovo.

Proprio quel giorno i cittadini francesi presero la Bastiglia, evento che simbolicamente segna l'inizio della
Rivoluzione francese, cosa che a Luigi XVI fa perdere la testa, nel senso più letterale del termine.

Come parlare del tempo in relazione alla Fisica dell’oggi


Trattare del tempo nell’ambito della Fisica dell’Oggi può essere fatto in due distinti modi:

• si può delineare una storia del concetto di tempo, ovvero esaminare le idee filosofiche che filosofi e
fisici hanno cronologicamente proposto ed accettato, cosa che permette di dire qualcosa sul tempo
senza però parlare della fisica del tempo;
• in alternativa si può cercare di spiegare come il tempo è usato dalle diverse teorie fisiche.

Rigetto il primo approccio, non voglio parlare astrattamente del concetto di tempo in fisica, per cercare
invece di mostrare come tale concetto è utilizzato dalla fisica.

La fisica ricorre ad un linguaggio rigoroso ed astratto, la matematica, per descrivere il mondo


microscopico, il linguaggio comune essendo del tutto inadatto. Si vuole sottilizzare, è importante per il
proseguo, distinguendo tra:

• capire la Fisica, significa conoscere il formalismo matematico in cui è scritta, saperlo utilizzare per
fare conti e predizioni sul comportamento di sistemi fisici, un lavoro da fisici

• comprendere come interpretare la fisica, significa saper tradurre il linguaggio formale matematico
della fisica in significato esprimibile nel linguaggio comune del quotidiano, è quello che si tenta di
fare per correlare il significato di tempo ai formalismi matematici che lo utilizzano.

A cura di Marco Gentili 8


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Per fare seriamente didattica della fisica, spiegare della fisica, bisogna sporcarsi le mani con la fisica, per
questo si è scelto di calarsi in qualche formalismo matematico tanto da poterne trarre le conseguenze
relativamente al tempo ed arrivare a capire come la fisica lo usa.

Se, tanto per esemplificare, riuscirò a spiegare come Einstein, o qualunque altro fisico, utilizza il tempo e
non cosa Einstein pensa del tempo, avrò raggiunto il mio obiettivo, sarò stato un buon divulgatore.

Aforisma non si sa di chi.

Come si misura il tempo?

Chi pensa vada misurato in ore e minuti, non ha capito, lo si misura in trasformazioni.

A cura di Marco Gentili 9


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Fisica dell’Oggi
E’ tempo … di cominciare a parlare del concetto di tempo nella Fisica dell’Oggi, analizzandone uso e
significato all’interno:

• delle quattro teorie fisiche verificate sperimentalmente e per questo universalmente accettate,
applicate, in grado di generare ricadute sulla vita dell’Uomo, Fisica Classica, Relatività Generale,
Meccanica Quantistica e Modello Standard;
• delle tre principali Teorie del Tutto ipotizzate, senza che ancora se ne siano trovate verifiche
sperimentali, ad oggi prive di ricadute sulla vita dell’uomo, Teoria delle Stringhe, Supersimmetria,
Gravità quantistica a Loop.

Aforisma del naturalista e biologo britannico Charles Robert Darwin (1809-1882):

Un uomo che osa sprecare un’ora del suo tempo non ha scoperto il valore della vita.

Teorie Fisiche, universalmente accettate


Fisica Classica (1638-1905), i cui argomenti inizialmente appartengono alla filosofia greca (VII Secolo a.C. -
VI Secolo d.C), e si evolvono intrecciandosi con quelli di tutte le altre scienze (matematica, medicina, ecc.) e
delle non scienze (filosofia, alchimia, astrologia, ecc.), sotto la bandiera della Filosofia Naturale; sino al
1638, quando Galileo pubblica il trattato scientifico Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due
nuove scienze attinenti la meccanica e i moti locali, considerato lo spartiacque tra filosofia naturale e fisica
classica in senso proprio, che include tutte le teorie formulate prima del XX Secolo, sino ad essere confutata
dalla Relatività Ristretta (1905).

• Insieme di teorie non unificate che considerano esclusivamente i fenomeni che si collocano nel
livello macroscopico percepito dall’Uomo (non considerano i fenomeni descritti, a livello
cosmologico dalla Relatività Generale, a livello fondamentale dalla Meccanica Quantistica):
Meccanica, Meccanica Statistica, Termodinamica, Ottica, Elettromagnetismo.
• Basata su un formalismo matematico rigoroso.
• Verificata sperimentalmente innumerevoli volte con un'ottima precisione.

Relatività Ristretta e Generale (1905-1915), che utilizzando una matematica rigorosa e complessa (analisi
tensoriale e geometria differenziale) descrive la forza gravitazionale, come effetto della geometria curva
dello Spaziotempo, conseguenza della presenza di corpi dotati di massa o energia (una piccola massa a
grande velocità, o una grande massa in quiete hanno lo stesso effetto di curvatura per effetto
dell’equivalenza tra massa ed energia).

• Teoria non quantistica che unifica due branche della fisica classica: la Meccanica Classica di Galileo
e Newton; l’Elettromagnetismo (1865-1900) di Maxwell e Faraday.
• Basata su un formalismo matematico rigoroso.
• Verificata sperimentalmente molte volte con un'ottima precisione.

A cura di Marco Gentili 10


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Meccanica Quantistica (1913-1970), che, coerentemente alla relatività ristretta, descrive in modo unificato
il comportamento della materia e le reciproche interazioni con tre delle forze fondamentali note, forte,
debole, elettromagnetica.

• Teoria che include l’Elettrodinamica Quantistica (1920-1948), teoria quantistica e relativistica della
forza elettromagnetica e dell’interazione debole; la Cromodinamica Quantistica (1950-70), teoria
quantistica dell’interazione forte;
• Basata su un formalismo matematico rigoroso, utilizza un approccio di approssimazione per la
soluzione delle formule (teoria perturbativa).
• Verificata sperimentalmente molte volte con un'ottima precisione.

Modello Standard (1967-1970), che, coerentemente ala meccanica quantistica, descrive le particelle
elementari costituenti la materia (protoni e neutroni) e tre delle quattro forze fondamentali note (forte,
debole, elettromagnetica) e le rispettive particelle associate (rispettivamente: gluone; bosoni W, Z e di
Higgs; fotone).

• Teoria che non comprende la gravità e la particella ad essa associata (gravitone).


• Utilizza un approccio di approssimazione per la soluzione delle formule (teoria perturbativa).
• Verificata sperimentalmente con un'ottima precisione.

La fisica dell’Oggi è quindi costituita non da un’unica teoria ma quattro teorie, tra loro inconciliabili,
applicate sempre separatamente, a seconda del livello:

• Livello cosmologico, per cui si usa la Relatività Generale e le teorie cosmologiche su essa basate.
• Livello macroscopico, per cui si usa la Fisica Classica, che si ottiene come limite della Relatività
Generale alle basse energie e velocità.
• Livello microscopico e fondamentale, cui si applicano la Meccanica Quantistica ed il Modello
Standard.

Quattro teorie? Troppe!

Meglio una sola … Una Teoria del Tutto!

Aforisma del fisico britannico Stephen William Hawking (1942-2018):

Nella teoria della relatività non esiste un unico tempo assoluto, ma ogni singolo individuo ha una
propria personale misura del tempo, che dipende da dove si trova e da come si sta muovendo.

Teorie del Tutto o quasi, ipotizzate


Che cosa è una Teoria del Tutto? Una teoria che si sostituisca alle quattro teorie oggi sperimentate ed
accettate, Fisica Classica, Relatività Generale, Meccanica Quantistica, Modello Standard, oggi applicate
separatamente, sussumendole in se stessa.

A cura di Marco Gentili 11


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Il termine Teoria del Tutto si è iniziato ad utilizzare all’inizio degli anni ’80, all’inizio con intento ironico,
poi si è affermato per descrivere una teoria che possa essere in grado di spiegare interamente e tutti i
fenomeni fisici conosciuti unificando in un unico quadro concettuale tutte le interazioni fondamentali, o
forze fondamentali note:

• Forza gravitazionale, che spiega la gravità, l’attrazione tra masse, l’equivalenza tra massa ed
energia; che si tenta, non si può ancora dire che ci si sia riusciti, di unificare mediante una Teoria
del Tutto con le altre forze.
• Forza elettromagnetica, che spiega fenomeni naturali come l'elettricità, il magnetismo e la luce;
costituisce il primo esempio di unificazione di due diverse forze, quella elettrica e quella magnetica,
in una Teoria del (quasi) Tutto chiamata Elettromagnetismo (1864).
• Forza debole, che si lega ai processi di decadimento nucleare, quelli per cui gli atomi si trasformano
rilasciando energia radioattiva; unificata alla forza elettromagnetica in una Teoria del (quasi) Tutto
chiamata Interazione Elettrodebole (1960-70).
• Forza forte, che lega tra di loro i quark per formare protoni, neutroni e le altre particelle; unificata
alla forza elettromagnetica e debole in una Teoria del (quasi) Tutto chiamata Interazione
Elettronucleare (1950-70).

Per poter essere una teoria fisica accettabile una Teoria del Tutto deve essere:

• coerentemente formulata in modo matematicamente rigoroso, per questo priva di contraddizioni


interne;
• predittiva, capace di formulare previsioni che possano indirizzare la ricerca sperimentale di
verifiche in grado di confermare la teoria;
• sperimentabile, se le predizioni della teoria di cui sopra rientrano all’interno di energie, distanze,
tempi, sperimentalmente raggiungibili con le tecnologie oggi disponibili, o realizzabili nei prossimi
anni (acceleratori di particelle nell’infinitamente piccolo; radiotelescopi nell’infinitamente grande);

Oggi una Teoria del Tutto coerentemente formulata, predittiva, sperimentabile non c’è, ancora si vacilla
in parte sulle formulazioni coerenti, in parte sulla sperimentabilità.

Il problema principale nel produrre una Teoria del Tutto è che le due teorie fisiche fondamentali accettate
della fisica moderna, Meccanica Quantistica e Relatività Generale, sono ancora inconciliabili. Le Teorie del
Tutto oggi in auge che tentano di unificare Meccanica Quantistica e Relatività Generale, o quantomeno di
superarne le contraddizioni quando si tenta di applicarle entrambe (a livello cosmologico, o al livello
fondamentale), cercando una nuova concettualizzazione del concetto di tempo, sono tre.

Teoria delle stringhe (1968-Oggi):

• tenta di conciliare ed integrare la Meccanica Quantistica con la Relatività Generale, superando il


Modello Standard; ritiene che la materia (protoni e neutroni), le forze fondamentali (forte, gluone;
debole, bosoni; elettromagnetica, fotone; gravitazionale, gravitone), perfino lo Spaziotempo, siano
in realtà la manifestazione di entità fisiche fondamentali chiamate stringhe (cordicelle) o brane
(foglietti in 3 dimensioni, cubi in 4, ipercubi in n dimensioni), vibranti in un Universo costituito da
un numero di dimensioni tra le 10 e 26, fortunatamente riducibili, mediante il procedimento che
viene chiamato di compattificazione, alle 4 che sperimentiamo, lo spaziotempo della Relatività
Generale;

A cura di Marco Gentili 12


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

• si propone come una Teoria del tutto, comprendendo tutte le forze, inclusa la gravità, e la
struttura dello Spaziotempo;
• il suo formalismo matematico è ancora in fase di sviluppo, utilizza un approccio di
approssimazione per i calcoli matematici (teoria perturbativa);
• è priva di qualsiasi verifica sperimentale, per studiare le stringhe in laboratorio sarebbe necessario
disporre di energie alcuni miliardi di miliardi di volte maggiori di quelle attuali, per creare le quali si
dovrebbe costruire un sincrotrone grande quanto tutta la Galassia.

Supersimmetria (1970-80):

• come la Teoria delle Stringhe, riduce le particelle elementari, incluse quelle portatrici delle forze
fondamentali a modi di vibrazione di stringhe (cordicelle vibranti), dando origine per ogni particella
del Modello Standard (il cui nome finisce in “one”), ad una coppia di particelle dalle proprietà
simmetricamente correlate (dai nomi che terminano in “one” e “ino”: fotone e fotino; gluone e
gluino; gravitone e gravitino);
• si propone come una Teoria del tutto, essendo nata nel contesto della Teoria delle stringhe,
• la sua struttura matematica è stata applicata con successo in molte aree della fisica;
• non si sono osservate sperimentalmente le particelle supersimmetriche previste (fotino, gluino,
gravitino).

Gravità Quantistica a loop (1986-Oggi):

• tenta di conciliare ed integrare la Meccanica Quantistica con la Relatività Generale e la gravità,


come la Teoria delle Stringhe; ritiene che materia e radiazione siano costituiti da loop (anelli) di
dimensioni infinitesime e che lo Spaziotempo in cui accadono i fenomeni fisici sia quantizzato;
• non si propone come una Teoria del tutto, diversamente dalla Teoria delle Stringhe non cerca una
descrizione unificata di tutte le forze fondamentali;
• il suo formalismo matematico è ancora in fase di sviluppo;
• è priva di qualsiasi verifica sperimentale.

A cura di Marco Gentili 13


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Quadro sinottico della Fisica dell’Oggi


Costituenti Teoria Verifiche


Teoria Sviluppo Forze Matematica
Elementari del Tutto Sperimentali

Fisica 1638 Elettromagnetica Particelle Tantissime


NO Rigorosa
Classica 1905 Gravitazionale puntiformi Accuratissime

Meccanica 1850 Particelle Rigorosa Tantissime


Nessuna NO
Statistica 1910 puntiformi Calcoli Probabilistici Accuratissime

Relatività 1905 Elettromagnetica Particelle Numerose


NO Rigorosa
Generale 1915 Gravitazionale puntiformi Accurate

Meccanica 1913 Forte, Debole Particelle Rigorosa Numerose


NO
Quantistica 1966 Elettromagnetica puntiformi Calcoli Approssimati Accuratissime

Modello 1967 Forte, Debole Particelle Non Rigorosa Molteplici


NO
Standard 1970 Elettromagnetica puntiformi Calcoli Approssimati Accurate

Forte, Debole Stringhe


Teoria delle 1968 In via di sviluppo
Elettromagnetica Brane SI Nessuna
Stringhe Oggi Calcoli Approssimati
Gravitazionale D-Brane
Forte, Debole
Super 1970 Rigorosa
Elettromagnetica Stringhe SI Nessuna
simmetria 1980 Calcoli Approssimati
Gravitazionale

Gravita 1986
Gravitazionale Loop NO In via di sviluppo Nessuna
Quantistica Oggi

A cura di Marco Gentili 14


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Fisica Classica
Pensare ad una fisica senza tempo può sembrare impossibile, la percezione più diffusa della fisica la
identifica come la scienza dei movimenti nello spazio. E’ implicito nel nostro bagaglio culturale che l’idea di
movimento è indissolubilmente legata a quella di tempo, il movimento avviene infatti nel tempo anche se è
immerso nello spazio.

Eppure questa idea di movimento non è per nulla chiara all’alba della fisica moderna, all’inizio del ‘600: la
caratteristica più facilmente individuabile del movimento è, infatti, lo spostamento, la traiettoria, più che il
tempo trascorso a percorrerla. Questo fatto, unitamente al tipo di strumenti matematici all’epoca
disponibili, porta ad un’analisi del movimento in termini di spazio, eliminando il tempo dalla fisica.

Si vuole sostenere questa tesi: l’ingresso del concetto di tempo nella fisica del ‘600 non è una necessità
logica dello scienziato del tempo, bensì l’esemplificazione di un arduo superamento concettuale degli
strumenti d’indagine matematica di carattere prevalentemente geometrico in uso nell’epoca del
matematico francese René Descartes (1596-1650) e del fisico Galileo Galileo (1564-1642).

Aforisma di Leonardo da Vinci (1452-1519):

L’acqua che tocchi de’ fiumi è l’ultima di quelle che andò e la prima di quella che viene.

Così il tempo presente.

Scoperta del tempo nella Fisica del Movimento Galileiana


Nel 1604 Galileo formula la prima delle leggi della fisica classica (questa come tutte le seguenti citazioni, se
non diversamente indicato, sono tratte da Alexandre Koyré, Studi Galileiani, Einaudi, 1979), la legge della
caduta dei corpi, una legge sul movimento alla quale viene data una formulazione in termini temporali. In
una lettera indirizzata a Paolo Sarpi, datata 16 ottobre 1604, Galileo scrive:

Ripensando circa le cose del moto … mi son ridotto ad una proposizione la quale ha molto del
naturale e dell’evidente; et questa supposita dimostra poi il resto, cioè gli spazi passati dal moto
naturale esser in proporzione doppia dei tempi …

Galileo dimostra di conoscere già la legge di caduta dei gravi per cui lo spazio (x) è proporzionale al tempo
(t) al quadrato (proporzione doppia, x α t2).

Et il principio è questo: che il mobile naturale vadia crescendo di velocità con quella proporzione che
si discosta dal principio del suo moto …

Galileo cerca una spiegazione di questa legge rifacendosi retrospettivamente ad un principio fondamentale
per cui la velocità (v), acquisita dal corpo che cade, è proporzionale allo spazio (x) percorso (v α x). Tipico
del metodo galileiano:

• si presta fiducia ad osservazioni e leggi che possono essere spiegate teoricamente;


• Galileo pragmaticamente non si cerca la causa dell’accelerazione, del moto, egli vuole limitarsi a
capire.

A cura di Marco Gentili 15


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

L’errore di Galileo consiste nel fatto che dal principio fondamentale da lui proposto (v α x) non si può
arrivare alla legge del quadrato dei tempi (x α t2), infatti correttamente la velocità (v = x/t) è proporzionale
al tempo (v α t).

La confusione tra spazio e tempo è indotta in Galileo dalla Teoria dell’impetus di Giovanni Buridano (1300
circa – 1361) per cui applicando una forza a un corpo gli si trasferisce un impetus che gli consente di
continuare a muoversi con la stessa velocità se non è frenato dalla resistenza del mezzo.

Di conseguenza il movimento è l’effetto di una forza contenuta nel corpo, cosa che permette di trattare il
moto di un corpo isolandolo dall’universo circostante, il problema del moto è così slegato dall’idea del
luogo verso cui il corpo muove (il luogo naturale e la fisica di Aristotele sono così ripudiati). Per inciso si
osserva che la Teoria dell’impetus evidenzia un’incoerenza:

• all’inizio del moto l’impetus è considerato il prodotto di una causa esterna (l’attrazione
gravitazionale diremmo in termini moderni nel caso del corpo che cade);
• in seguito una causa del moto.

Nella Teoria dell’impetus aspetti temporali e spaziali sono entrambi presenti, a tal proposito Leonardo da
Vinci (1452-1519) afferma (Alexandre Koyré, Studi Galileiani, Einaudi, 1979):

La gravità che libera discende, in ogni grado di tempo acquista un grado di moto e in ogni grado di
moto acquista un grado di velocità.

Nonostante Leonardo distingua chiaramente questi diversi aspetti spaziali e temporali egli asserisce, come
Galileo, che la velocità dei corpi in caduta è proporzionale allo spazio (v α x). Leonardo considera questa
proposizione equivalente a quella che afferma la proporzionalità della velocità al tempo (v α t). Quando
egli pensa ad un moto prolungato nel tempo scivola da nozioni temporali a nozioni spaziali, da una durata
del movimento alla sua traiettoria. Come osserva lo storico della scienza e filosofo francese di origine russa
Alexandre Koyré (1892-1964), è stato:

E’ più facile, è più naturale, vedere, ossia immaginare, nello spazio che non pensare nel tempo.

I “fisici” del ‘600 si rifanno ad idee e ragionamenti geometrici, il loro pensiero è costituito da idee di
relazioni spaziali, una coordinata tempo non assume per loro nessun significato. Dipendendo
effettivamente la velocità finale dall’altezza da cui cade il grave (con una relazione funzionale al di sora
delle tecniche matematiche del periodo), il suggerimento che la velocità di un grave dipenda non dallo
spazio ma dal tempo sarebbe parso troppo complesso. Il tempo non sembra essere altro che una funzione
della velocità.

Si chiarisce così cosa comporta in Galileo l’abbandono della Teoria dell’impetus: uno dei meriti di detta
teoria è la dipendenza temporale (in ogni grado di tempo acquista un grado di moto). Il succedersi delle
azioni dell’impetus ha luogo prioritariamente nel tempo. Se ci si disinteressa della causa della caduta libera,
come fa Galileo ripudiando la Teoria dell’impetus, ci si allontana dallo schema temporale in cui tali cause
successivamente agiscono, con la conseguenza di ritrovarsi a fissarsi sul riferimento spaziale in cui il moto
risultante si manifesta. Galileo usa ancora il termine “impeto”, dandogli però un significato diverso:
riducendolo da oscura causa del moto ad effetto del moto. Per Galileo la velocità è l’unica proprietà che
definisce i corpi in movimento, questa proprietà non è sostenuta da nulla di più fondamentale.

A cura di Marco Gentili 16


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Interessante esaminare la notazione formale adottata da Galileo consistente in uno schema geometrico che
rappresenta il suo principio di cui alla seguente figura (Dialogo sopra I due Massimi Sistemi del Mondo
Tolemaico e Copernicano, Galileo Galilei, 1602):

• la linea verticale (AC) è la traiettoria del corpo che cade;


• le linee orizzontali le velocità che crescono al crescere degli spazi percorsi.

Le proprietà dei triangoli simili permettono di concludere da questa figura che la velocità è proporzionale
allo spazio percorso (v α x).

Questo tipo di notazione geometrica acceca Galileo, egli trasferisce allo spazio ciò che compete al tempo.
Avendo rappresentato con la linea AC ciò che vede, anziché la durata, è inevitabile che rappresenti la
velocità in relazione alle distanze e non ai tempi, non c’è più necessità logica di un parametro tempo.

Nel frattempo, intorno al 1619, il filosofo naturale olandese Isaac Beeckman (1588-1637), comprende gli
aspetti fisici del problema della caduta dei gravi, pur non essendo in grado di formalizzarne gli aspetti
matematici. Nel 1613 formula quella che potremmo chiamare una legge di conservazione del moto:

Degli oggetti, una volta messi in movimento, non si riducono mai alla quiete, a meno che non
incontrino degli ostacoli.

Beeckman non mette da parte (come invece fa Galileo) le idee causali del moto, seguendo le idee di
Johannes Kepler (1571-1630) egli afferma che i corpi cadono perché la Terra li attrae; essi accelerano
perché in ogni istante la Terra li attrae di nuovo, in ogni istante conferisce loro un grado addizionale di
moto. Così dimostrando di formulare un, seppur vago, principio d’inerzia. A causa della sua insufficienza
matematica Beeckman espone il suo problema al matematico francese René Descartes (1596-1650).

Descartes a differenza di Beeckman considera meramente ipotetiche le ipotesi fisiche avanzate, svolge il
ruolo di un “matematico puro”, un “geometra” che considera un problema di spazio fisico e di moto.
Descartes usa triangoli equivalenti a quelli di Galileo, anche per lui la linea verticale AC rappresenta la
traiettoria del corpo.

A cura di Marco Gentili 17


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Ancora una volta la geometrizzazione ad oltranza, la spazializzazione, l’eliminazione del tempo, la non
considerazione dell’aspetto fisico, causale, del processo, conduce Descartes allo stesso errore di Galileo per
cui la velocità è proporzionale allo spazio (v α x).

La nozione di movimento della fisica classica che Beeckman, implicitamente, tira in ballo si situa in qualche
modo, nella sottile frontiera che divide il matematico (il geometrico) dal fisico (il temporale). Osserva a tal
proposito Alexandre Koyré:

Il movimento cartesiano … non è, l’ha detto Descartes, il movimento dei filosofi. Ma non è neppure
quello dei fisici. Neppure dei corpi fisici.

E’ il movimento dei geometri e degli esseri geometrici: il moto del punto che traccia una linea retta,
il moto di una retta che descrive un cerchio …

Ma questi movimenti, al contrario di quelli fisici, non hanno velocità, non avvengono nel tempo.

La geometrizzazione ad oltranza – questo peccato originale del pensiero cartesiano – conduce


all’atemporale: conserva lo spazio, elimina il tempo. Esso dissolve l’essere reale nel geometrico. Ma
il reale si vendica.

Il fatto che Beeckman non si sia reso conto delle profonde differenze esistenti tra il suo linguaggio e quello
di Descartes può imputarsi al fatto che egli è uno scarso matematico cosa per cui pensa equivalente la sua
visione e quella del matematico.

Nel 1638, dopo ben 34 anni di riflessioni Galileo corregge il suo “errore”, divenuto anche quello di
Descartes: reintroduce il tempo nell’analisi del moto arrivando alla corretta soluzione dell’equazione del
moto (x α t2, v α t).

Galileo arriva alla corretta legge sulla caduta dei gravi per il differente atteggiamento assunto di fronte al
problema rispetto a Descartes: quello di Galileo non è puramente matematico, con linguaggio moderno lo
potremmo definire fisico-matematico. Galileo non formula ipotesi arbitrarie sui possibili moti accelerati,
egli cerca tramite le sue ipotesi di rappresentare il reale. Egli parte dall’idea base della sua filosofia: le leggi
della natura sono leggi matematiche. Invoca criteri di semplicità, non esclusivamente formale, ma conformi
alla natura essenziale del fenomeno studiato (ricordando in questo modo l’approccio successivo di Albert
Einstein alla relatività ristretta).

Per Galileo la realtà è il fenomeno oggetto di studio, questo fenomeno reale è il movimento. Di esso Galileo
non conosce la causa, non sa sotto l’azione di quale forza si produce l’accelerazione, non ha i mezzi
matematici per trattare l’attrazione terrestre di Kepler, per questo se ne disinteressa. In ogni caso per lui il
movimento non è un fittizio problema matematico, è un fenomeno naturale, un fenomeno che la natura
produce realmente, il che significa: qualcosa che si produce nel tempo.

Galileo riconosce alla fisica la caratteristica di scienza del movimento, in questo modo la nozione di tempo
svolge per lui la stessa funzione che per Kepler, Beeckman e Descartes gioca la reale causa del moto,
l’attrazione gravitazionale terrestre.

Si può concludere ancora citando Alexandre Koyré:

Il movimento è prima di tutto un fenomeno temporale. Avviene nel tempo.

A cura di Marco Gentili 18


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

E’ in funzione del tempo dunque che Galileo cercherà di definire l’essenza del moto accelerato e non più in
funzione dello spazio percorso: lo spazio non è che una risultante, non è che un accidente, non è che un
sintomo di una realtà essenzialmente temporale.

Non si può, è vero, immaginare il tempo. E ogni rappresentazione grafica rasenterà sempre il pericolo di
cadere nella geometrizzazione ad oltranza.

Ma lo sforzo sostenuto dall’intelletto, dal pensiero, concependo e comprendendo il carattere continuo del
tempo, potrà senza pericolo simbolizzarlo con lo spazio.

Aforisma del fisico statunitense John Archibald Wheeler (1911-2008):

Il tempo è ciò che impedisce alle cose di accadere tutte in una volta.

A cura di Marco Gentili 19


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Uso del tempo nella Meccanica Classica Newtoniana


La Fisica Classica è qualcosa di molto più ampio della Fisica del Movimento di Galileo, per due motivi:

• nel corso del tempo i possibili movimenti indagati sono aumentati e la loro trattazione è stata resa
più generale mediante leggi aventi un’importanza logica superiore alla legge di caduta dei gravi;
• la fisica classica può oggi essere chiamata fisica del mutamento piuttosto che del movimento, basti
pensare a tutti i fenomeni elettrici e magnetici.

Il mutamento, come il movimento, si svolge essenzialmente nel tempo anche se viene osservato nello
spazio, il ruolo da esso giocato è analogo.

Per inciso si può pensare di ridurre il mutamento al movimento, questo è quello che in sostanza va sotto il
nome di riduzionismo, concezione epistemologica che tende a formulare concetti e linguaggio di una teoria
scientifica nei termini di un’altra teoria considerata più fondamentale, quindi il movimento alla base del
mutamento (come accade in Termodinamica, dove la Meccanica Statistica rappresenta la congiunzione tra
movimento e mutamento).

Questa fisica classica del mutamento è una raccolta sistematica di leggi, ognuna delle quali copre un
diverso settore fenomenico, si hanno così la dinamica, la fluidodinamica, l’elettrodinamica, la
magnetodinamica, la termodinamica, ecc., dove ovviamente dinamico sta per “in mutamento”.

Tutte le leggi della Fisica Classica possono devono espresse in un formalismo matematico che deve
tenere presente il tempo riconducibile a quello delle “equazioni differenziali”. Inutile esaminarle tutte
(peraltro servirebbe un corso di fisica), perché l’apparato formale matematico utilizzato nei più disparati
ambiti della fisica classica può essere sempre lo stesso.

Il filosofo, logico, matematico, inglese Bertrand Arthur William Russell (1872-1970) nel 1927 è addirittura
arrivato ad affermare (B. Russel, La Causalità, Boringhieri, 1963) che:

Le leggi scientifiche possono venir espresse soltanto in equazioni differenziali.

Successivamente, nel 1948, la perentoria affermazione di Russel è stata da lui circoscritta alla sola fisica.

Non sono d’accordo con Russel, né con l’affermazione del 1927 che con quella del 1948: le leggi
scientifiche, fisiche in particolare, appartengono ad un vasto insieme di differenti categorie, di cui quella
delle equazioni differenziali è solo una. Per questo la mia affermazione è molto più cauta di quella di Russel:

• innanzitutto mi limito a parlare di fisica classica;


• poi affermo che le stesse leggi possono essere tradotte in diversi formalismi (ad esempio in “forma
integrale”).

Analizzare l’uso del formalismo delle equazioni differenziali in un caso specifico aiuta a capire come la fisica
classica usa il tempo, la legge scelta è nota come II Legge di Newton (F = ma), il corrispondente settore
fenomenico va sotto il nome di Meccanica Classica o Newtoniana.

Se Galileo si limitava ad indagare il moto di caduta dei corpi e pochi altri casi (tra cui quello famoso del
pendolo), formulando una specifica legge per ogni moto, si potrebbe pensare che la moderna Meccanica
Classica studi una raccolta ben più vasta di moti e per ognuno proponga una legge. In realtà si è andati ben
oltre questo semplice approccio di raccolta. Si è cercato di generalizzare, si è trovata la legge di tutti i moti,
applicabile ad ogni singolo caso specifico di moto.

A cura di Marco Gentili 20


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Dovendosi tale legge applicare a tutti i moti dei corpi, in essa dovranno essere contenute elementi, diversi a
seconda del tipo di moto, che specifichino il moto stesso. Perché un moto è diverso da un altro? Per due
diversi motivi:

• se un corpo può muoversi di moti diversi significa che lo stesso corpo può essere soggetto a diverse
“cause del moto”, modernamente chiamate Forze;
• se una medesima “causa del moto” muove in modo differente corpi diversi, significa che ogni corpo
reagisce alla stessa “causa del moto” in maniera disuguale; deve allora esistere un parametro che
distingua i diversi corpi determinandone per una forza fissata il movimento possibile; questo
parametro del corpo è stato chiamato massa.

Una legge generale dei moti di tutti i corpi dovrà allora contenere la forza agente e la massa, facile a questo
punto enunciare la II Legge di Newton per cui la forza applicata ad un corpo è proporzionale alla sua
accelerazione, essendo la costante di proporzionalità uguale alla massa del corpo, con la consueta
simbologia si scrive:

F = m Ÿ a
Scritta così è difficile rendersi conto che questa è un’equazione differenziale, se, come previsto, vi
compaiono la forza (F) e la massa (m), non vi appaiono esplicitamente né lo spazio, né il tempo, questi
ultimi sono indissolubilmente legati tra loro dal concetto di accelerazione (a).

L’accelerazione (a) non è altro che la variazione (derivata prima) della velocità (v) rispetto al tempo (t), la
velocità la variazione (derivata prima) di spazio (x, immaginando un movimento in una sola dimensione,
come quella verticale della legge di caduta dei gravi) rispetto al tempo, quindi l’accelerazione è la derivata
della derivata dello spazio (derivata seconda).

A cura di Marco Gentili 21


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Lo strumento matematico formale che descrive la differenza, la variazione, il mutamento, in questo caso
dello spazio rispetto al tempo (il movimento) è la derivata:

𝑑 𝑑 𝑑 𝑑 𝑑 𝑑!
𝑑𝑒𝑟𝑖𝑣𝑎𝑡𝑎 𝑣= 𝑥 𝑡 𝑎= 𝑣 𝑡 = Ÿ 𝑥 𝑡 = 𝑥 𝑡
𝑑𝑡 𝑑𝑡 𝑑𝑡 𝑑𝑡 𝑑𝑡 𝑑𝑡 !
La derivata fa ricomparire lo spazio (x, immaginando un movimento in una sola dimensione, come quella
verticale della legge di caduta dei gravi) ed il tempo (t), e, esprimendo differenza, da ragione del nome
equazione differenziale, per cui la II Legge di Newton si scrive:

𝑑 ! 𝑥(𝑡)
𝐹 =𝑚Ÿ
𝑑𝑡 !
La soluzione di questa equazione è una funzione, x(t), detta anche equazione oraria, rappresentabile con
una curva nel piano cartesiano (x, t), che dice come si muove (quale è la sua posizione x a partire dalla
posizione iniziale x0 e dalla velocità v0 iniziale) un corpo di massa m sottoposto alla forza F, al variare del
tempo t:

1
𝑥 𝑡 = 𝑥! + 𝑣! Ÿ 𝑡 + 𝑎 Ÿ 𝑡!
2
Si potrebbe allora pensare che un’equazione differenziale sia equivalente ad un grafico o ad una tabella
come quelli seguenti.

Questo è sbagliato, le informazioni fornite dall’equazione differenziale sono molte di più, corrispondono ad
un’infinità di grafici o di funzioni x(t). Ogni funzione/grafico descrive l’evoluzione dello stesso sistema (lo
stesso tipo di moto dello stesso corpo, sottoposto alla stessa forza) a partire da un differente stato iniziale
(le condizioni iniziali inerenti posizione e velocità). In questo modo un’equazione differenziale fornisce un
modello del sistema fisico definito dalla forza F e dal corpo di massa m, ovvero ne descrive tutti i possibili
comportamenti al variare della posizione e velocità di partenza (condizioni iniziali).

A cura di Marco Gentili 22


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Il significato di tempo in Meccanica Classica è esplicitamente contenuto nell’equazione fondamentale che


esprime la II Legge di Newton, vediamo di estrarlo prescindendo dall’approfondimento di cosa sia
un’equazione differenziale, cosa che ci porta ad approfondire i concetti di.

• Reversibilità Temporale;
• Determinismo;
• Causalità Ingenua;
• Causalità Parziale
• Contiguità Spaziale;
• Antecedenza Temporale.

Aforisma dello scrittore argentino Jorge Luis Borges (1899-1986):

L’uomo vive nel tempo, nella successione del tempo, e il magico animale nell’attualità,
nell’eternità costante.

Reversibilità Temporale
L’equazione differenziale adottata da Newton per rappresentare il suo II principio è reversibile, significa che
se la funzione 𝑥 𝑡 è una soluzione dell’equazione, allora lo è anche 𝑥(−𝑡).

Se 𝒙 𝒕 rappresenta il sasso che cade accelerando, cosa rappresenta 𝒙(−𝒕) ?

Semplice il sasso che risale decelerando, la stessa azione invertita rispetto al tempo! Entrambe soluzioni
della stessa equazione, cosa per cui la fisica classica sembrerebbe simmetrica rispetto al tempo: se mi tuffo
dal trampolino in piscina, posso anche riemergere dalla piscina per ritrovarmi sul trampolino.

Come mai l’equazione di Newton ammette questa reversibilità temporale?

Semplice, cambiando il segno del tempo (sostituendo t con –t) la derivata prima (la velocità) cambia segno,
ma la derivata seconda (l’accelerazione) ritorna al segno di partenza come accade ad una semplice
elevazione alla potenza di 2.

𝑑 𝑑 𝑑! 𝑑!
𝐹 =𝑚Ÿ Ÿ 𝑥 −𝑡 = 𝑚 Ÿ 𝑥 −𝑡 = 𝑚 Ÿ 𝑥 −𝑡
𝑑(−𝑡) 𝑑(−𝑡) 𝑑(−𝑡)! 𝑑𝑡 !

Per quanto ci si sia tuffati non è mai capitato di risaltare sul trampolino, perché?

Perché la realtà è sempre cosa ben diversa dalla modellazione che la fisica ne fa! Non è bene scordare
che qualunque modellazione fisica è sempre e solo un’astrazione capace di produrre previsioni sul
comportamento del reale sufficientemente precise per gli scopi di manipolazione del reale. La fisica
costruisce modelli matematici che costituiscono una rappresentazione semplificata della complessità del
sistema fisico reale.

A cura di Marco Gentili 23


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Nel caso del moto di corpi basti pensare:

• alla non considerazione degli attriti (forze dissipative), guarda caso proporzionali alla velocità,
quindi legati ad un derivata prima che non è invariante rispetto all’inversione del tempo;
• all’aver immaginato sia la massa del corpo che la forza che su di esso agisce costanti.

Il grande vantaggio della modellazione è che permette, proprio trascurando alcune complicazioni, come nel
caso esaminato, l’emergere di interessanti relazioni funzionali, 𝑥(𝑡), e strutturali, 𝐹 = 𝑚Ÿ𝑎, del reale. In
generale la validità della modellazione adottata (nel senso della sua produttività) può essere valutata in
base alla sua attitudine a far emergere relazioni e proprietà precedentemente non conosciute.

Nella Meccanica Classica le equazioni differenziali sono sempre reversibili rispetto al tempo ogni volta che
si considerano sistemi isolati (su cui non agiscono altre forze dipendenti dal tempo) e risultano trascurabili
gli effetti delle forze dissipative (quelle, come l’attrito, che trasformano l’energia meccanica in calore o
lavoro di deformazione).

Aforisma dello scrittore statunitense Jack London (1876-1916):

Riparate la ruota del mondo! Perché deve continuamente girare? Dove si trova la retromarcia?

Determinismo
Un modello della Fisica fondato su un’equazione differenziale reversibile come quella esemplificata viene
generalmente definito un modello deterministico, intendendo con ciò osservare che la conoscenza dello
stato iniziale di un sistema fisico arbitrario è sufficiente per predire il suo stato in un qualsiasi momento
successivo, come anche precedente al momento in cui si osserva grazie alla reversibilità rispetto al tempo.
A partire da ciò si sviluppa il concetto filosofico del cosiddetto principio deterministico, o determinismo
Laplaciano (L’immagine del mondo fisico, Einaudi, 1976), dal nome del matematico e fisico francese Pierre
Simon Laplace (1749-1827) che contribuì all’affermazione di questa concezione filosofica per cui in natura
nulla avviene per caso, invece tutto accade secondo ragione e necessità, fondata sulla teoria della causalità
e la negazione dell’esistenza del caso. Scrive a tal proposito Laplace nel 1814 (Giuliano Toraldo di Francia,
L’indagine del mondo fisico, Einaudi, 1976):

Un’Intelligenza che conoscesse, ad un istante dato, tutte le forze da cui è animata la natura e la
disposizione di tutti gli enti che la compongono, ed inoltre fosse sufficientemente profonda da
sottoporre questi dati all’analisi, abbraccerebbe in una stessa formula i movimenti dei più grandi
corpi dell’universo e degli atomi più leggeri; per essa nulla sarebbe incerto ed ai suoi occhi
sarebbero presenti il futuro ed il passato.

Alcuni hanno pensato che questa caratteristica deterministica della Meccanica Classica si fondi sulla
struttura matematica utilizzata, che quindi un’equazione differenziale implica il determinismo. Lo ritengo
erroneo, un’equazione differenziale:

• in se non esprime nessun significato, deterministico o meno;


• è una struttura vuota che deve essere completata da un’interpretazione che possa riempirla di
significato.

A cura di Marco Gentili 24


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

E’ questa interpretazione che può esprimere o no il determinismo:

• identificare la variabile x con una grandezza fisica, come la posizione di una particella nello spazio,
vuol dire dare un significato fisico alla struttura formale dell’equazione differenziale che esprime la
II Legge di Newton; questo significato fisico è compatibile con il determinismo.
• se diversamente alla variabile x viene assegnato un significato probabilistico, la stessa equazione ci
direbbe come questa probabilità evolve nel tempo; cosa che non consente l’emergere di istanze
deterministiche.

La cosa importante da affermare è che una struttura formale matematica (com’è un’equazione
differenziale) è suscettibile di interpretazioni fisiche diverse, la fisica non è assoluta ma relativa al contesto
fenomenico indagato.

Motivo per cui capire il ruolo del tempo nell’ambito della Fisica Classica non significa limitarsi ad indagare la
struttura matematica esemplificata, ma rendersi conto delle convinzioni, spesso non esplicite, che si hanno
a riguardo ad essa.

Aforisma dello scrittore britannico Charles John Huffam Dickens (1812-1870):

Il tempo. Il più grande e il più antico di tutti i tessitori.

Ma la sua fabbrica è un luogo segreto, il suo lavoro silenzioso, le sue mani mute.

Causalità Ingenua
Evidentemente il determinismo dei fisici esalta il ruolo delle condizioni iniziali nelle equazioni
differenziali usate dalla Meccanica Classica, cosa che inevitabilmente porta a confonderlo con il concetto
di causalità dei filosofi.

In filosofia la storia del concetto di causa è avvincente quanto quella del concetto di tempo in fisica, mi
astengo dal fare una trattazione delle molteplici formulazioni del Principio di Causalità, mi limito ad
elencare le principali formulazioni del principio di Causalità (indicando con C la causa e con E l’effetto).

• Formulazione Generale, che presuppone l’esistenza di C e E, dove C e E sono singoli elementi, C è


una causa sufficiente:

C, quindi E.

• Formulazione Generale Condizionale, che evidenzia la relazione tra C e E, dove C e E sono singoli
elementi, C è una causa sufficiente:

Se C, allora E.

• Congiunzione Costante, che esprime la condizione sufficiente, dove C e E sono classi di elementi, C
è una classe di fattori sufficienti:

Se C, allora E sempre.

A cura di Marco Gentili 25


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

• Congiunzione Costante Univoca, che esprime la condizione necessaria e sufficiente, dove C e E


sono classi di elementi, C è una classe di fattori necessari e sufficienti.

Se C, allora (e soltanto allora) E sempre.

• Produzione Costante, che mette in risalto l’evento fisico, dove C e E sono eventi fisici, C è l’insieme
di fattori necessari e sufficienti per produrre E:

Se C ha luogo, allora (e soltanto allora) E è sempre prodotto da C.

• Produzione Univoca, che mette in risalto l’elemento empirico, dove C e E sono eventi fisici:

Se C ha luogo nelle stesse condizioni, allora (e soltanto allora) E è sempre prodotto da C.

• Produzione Statistica, che mette in risalto l’elemento statistico, dove C e E sono eventi fisici:

Se C ha luogo nelle stesse condizioni, allora (e soltanto allora) E è nella maggior parte dei casi
sempre prodotto da C.

Di seguito, tra tutte le definizioni del Principio di Causalità presentate si adotta la definizione detta della
Produzione Costante che è quella che si ritiene più affine all’uso di causalità che si fa in Fisica:

Se C ha luogo, allora (e soltanto allora) E è sempre prodotto da C.

Tornando alla fisica, questo confuso rapporto tra determinismo e principio di causalità è ben evidenziato
dal fisico (poi fattosi anche filosofo) argentino Mario Augusto Bunge (1919) nel proporre una teoria del
tempo basata sulla causalità (Mario Bunge, La Causalità, Boringhieri, 1963). Bunge parte da una
riformulazione del principio deterministico:

La conoscenza dello stato iniziale d’un sistema è sufficiente per la predizione del suo stato in un
qualsiasi tempo ulteriore.

Poi evidenzia come i fisici siano generalmente pessimi filosofi: l’esaltazione della capacità predittiva porta
all’identificazione della connessione causale.

Gli stati di un sistema si succedono nel tempo in modo univoco e continuo.

Una formulazione di causalità questa che viene da chiamare “causalità ingenua”, in cui:

• la causa coincide con l’antecedente,


• si riconosce il nesso causale nella successione invariabile nel tempo,
• il rapporto causa-effetto diviene quello tra stato iniziale e stato finale.

Secondo questa interpretazione di causalità l’equazione di Newton esprime sicuramente il nesso causale, in
quanto, a partire da uno stato iniziale, definito dalle condizioni iniziali, produce una successione invariabile
di stati, simboleggiati dalle diverse posizioni del corpo riassunte dalla funzione 𝑥(𝑡).

Si potrebbe così affermare che in Meccanica Classica, una volta scelta un’interpretazione deterministica, la
causalità è espressa dall’uso di equazioni differenziali. Quindi la struttura causale della Meccanica Classica
diviene conseguenza del ruolo assegnato al tempo nel suo contesto.

A cura di Marco Gentili 26


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Non si è assolutamente d’accordo quella che si è chiamata “causalità ingenua”, si dissente dalla
identificazione della causalità con il determinismo.

Identificazione che attribuisce allo stato di un sistema fisico delle proprietà produttive che non gli
competono:

• lo stato di un sistema è una descrizione, non un evento;


• ogni stato è il prodotto di un insieme di agenti (le forze);
• uno stato non può essere causa di un altro stato, tra due stati diversi non è possibile scorgere un
nesso causale;
• l’unica cosa che si può dire di uno stato è che esso può essere l’antecedente o il successore di un
altro stato.

Rigettare la “causalità ingenua” intesa come successione regolare di stati nel tempo equivale a dire che le
equazioni differenziali non esprimono affatto il nesso causale, che non esprimono la causa dei
cambiamenti, piuttosto si limitano a mettere in relazione diversi cambiamenti (come quelli di spazio,
velocità, accelerazione e tempo).

Non è il passare del tempo che produce il movimento, il tempo è semplicemente il parametro evolutivo del
mutamento in corso, l’etichetta che contrassegna ogni stato della successione univoca e continua,
permettendoci così di catalogare la successione di posizioni nello spazio, fino a ricostruire l’identità
(traiettoria) del tipo di moto (uniformemente accelerato come nel caso della caduta dei gravi di Galileo).

La causalità di una legge fisica non è espressa dalla struttura formale matematica, deve essere aggiunta a
questa struttura così da riempirla di un’interpretazione fisica, solo così si passa dalla matematica alla fisica.

Non a caso, introducendo l’equazione di Newton (F = m Ÿ a) si è indicata come causa del moto la forza (F),
mentre in base al principio di “casualità ingenua” il ruolo di causa è assunto dall’antecedente, dalla
condizione iniziale. E’ invece la forza che riempie l’equazione di Newton di un preciso significato
introducendo le spiegazioni causali che occorrono alla fisica e non alla matematica.

Si riassume quanto detto affermando che non si può costruire una teoria causale sul tempo, piuttosto
che sono proprio le catene causali a generare il tempo, questo pragmaticamente utile parametro
catalogatore degli stati fisici di un sistema.

Aforisma del compositore francese Hector Louis Berlioz (1803-1869):

Il tempo è un grande maestro. Peccato che uccida tutti i suoi allievi.

Causalità Parziale
Rimane da chiedersi quali sono le implicazioni dell’assunzione della forza come causa del moto, in
particolare se la Meccanica Classica è una teoria causale.

D’accordo con Bunge, si sostiene che la Meccanica Classica non è una disciplina puramente causale, sin
dai tempi di Newton.

A cura di Marco Gentili 27


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Il poliedrico Isaac Newton (1642 – 1727), inglese non solo matematico e fisico, o filosofo naturale, ma
anche teologo e alchimista, amplia il concetto di forza, includendovi, oltre alle forze responsabili dei
cambiamenti di posizione, ogni azione che produca un cambiamento nello stato di moto di un corpo.

Rispetto alla fisica del filosofo, scienziato e logico greco antico Aristotele (383-4 a.C. - 322 a.C.), per cui la
forza è la causa del moto, per Newton la forza è la causa della variazione del moto.

Una differenza sostanziale, la cui conseguenza è che la fisica classica non richiede che il moto sia causato,
sia cioè provocato da agenti esterni. Il moto di un sistema non è mai solo il risultato delle forze esterne che
vi agiscono, dipende anche dal principio:

• scoperto da Galileo (Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo, 1632; Discorsi e dimostrazioni
matematiche intorno a due nuove scienze attenenti alla meccanica e i movimenti locali, 1638);
• enunciato formalmente da Newton (Philosophiae Naturalis Principia Mathematica, in italiano I
principi matematici della filosofia naturale, 1687).

Scrive Newton a proposito della I legge di Newton, nota anche come Principio d’Inerzia, non causale nella
maniera più assoluta:

La vis insita, o forza innata della materia, è il potere di resistere attraverso il quale ogni corpo, in
qualunque condizione si trovi, si sforza di perseverare nel suo stato corrente, sia esso di quiete o di
moto lungo una linea retta.

Si potrebbe considerare la massa causa del moto inerziale, questo a mio parere è insoddisfacente perché
equivale a considerare come causa una qualità, risultando un tentativo puramente verbale di salvare la
causalità. L’equazione della II legge di Newton Newton (F = m Ÿ a) esprime implicitamente il Principio
d’Inerzia, per questo non è completamente causale. Infatti in assenza di forza (F = 0) si riduce a

𝑑 ! 𝑥(𝑡) 𝑑 ! 𝑥(𝑡)
0=𝑚Ÿ 𝑑𝑎 𝑐𝑢𝑖 = 0
𝑑𝑡 ! 𝑑𝑡 !
La cui soluzione è quella di un moto rettilineo uniforme, come anche dell’assenza di moto (se v0 = 0):

𝑥 𝑡 = 𝑥! + 𝑣! Ÿ 𝑡 𝑥 𝑡 = 𝑥! 𝑠𝑒 𝑣! = 0
Questo doppio significato, causale e non causale, della II legge di Newton è reso possibile dalla struttura
matematica che la esprime, l’equazione differenziale (del secondo ordine perché utilizza una doppia
derivata). In ogni caso la componente causale è comunque rilevantissima: pur asserendo la possibilità che il
movimento di per se non comporti cause, questa legge afferma che ogni cambiamento di velocità (di
moto), ossia ogni accelerazione, è l’effetto di una forza.

L’aspetto non interamente causale della Meccanica Classica ha un preciso significato fisico: quiete e moto
inerziale (rettilineo uniforme) sono la stessa cosa. Al contempo è importante evidenziare come questa
legge non comporti un’antecedenza della causa rispetto all’effetto.

Diversamente la legge aristotelica per cui la forza è la causa del moto è interamente causale.

A cura di Marco Gentili 28


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Lo si capisce scrivendo la legge in termini moderni, con un’equazione differenziale (del primo ordine perché
utilizza una sola derivata, dove R esprime la resistenza al moto):

!"(!) !"(!)
𝐹=𝑅Ÿ Che nel caso di assenza di forza (F = 0) diviene = 0
!" !"

La cui soluzione è la quiete, l’assenza di movimento:

𝑥 𝑡 = 𝑥!

Aforisma del filosofo, logico, matematico, gallese Bertrand Arthur William Russell (1872-1970):

Il presente, come il punto, non è un entità quantificabile.

Essendo inconsistente è un’ astratta unità del pensiero.

Il passato è il nostro maestro, il futuro il nostro esaminatore.

Chi vive del presente fonda la sua esistenza su di un’illusione.

Contiguità Spaziale
Ribadito che la causalità non va confusa con il determinismo, ne tantomeno con una successione di stati
invariabile nel tempo, ne vanno indagati gli aspetti inerenti la contiguità spaziale, su cui ancora i fisici,
pessimi filosofi, appaiono confondersi intorno al 1850, in concomitanza con lo sviluppo della Teoria dei
Campi, gravitazionale ed elettromagnetico. C’è chi ritiene la causalità conseguenza del fatto che:

Le azioni si trasmettono nello spazio mediante una trasmissione continua chiamata azione per
contatto.

Come se il principio causale comportasse una continuità d’azione tra causa ed effetto, cosa per cui se si
presentano delle discontinuità nella catena causale esse devono essere imputate a cause ancora non
conosciute.

Nel proporre l’equazione del moto Newton presuppone che l’azione tra la forza e il corpo su cui agisce sia
un’azione a contatto, diversamente da quello che farà poi con la Legge di Gravitazione Universale dove
introdurrà l’azione a distanza (r, la distanza tra due corpi di massa m1 e m2), cosa che sembra contraddire
la ristrettiva interpretazione del principio causale legata alla contiguità spaziale:

𝑚! Ÿ 𝑚!
𝐹=𝐺Ÿ
𝑟!
L'azione a distanza è un'interazione (gravitazionale, elettromagnetica) che si verifica tra oggetti separati
nello spazio (negando la contiguità spaziale) e di cui sono ignoti i mediatori. Newton suppone che
l'interazione gravitazionale (G è la costante di gravitazione universale) tra le due masse m1 e m2 avvenga
istantaneamente, anche se sono distanti r, ovvero con velocità infinita.

A cura di Marco Gentili 29


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Solo gli sviluppi teorici successivi al 1905, con la Relatività Ristretta hanno permesso di superare la
contraddizione che l’infinito rappresenta sempre in fisica, classica e non, negando l’azione a distanza,
scoprendo i mediatori e la loro limitata, seppur alta, velocità di propagazione. Questo fa uscire dal
perimetro della Fisica Classica per entrare in quello della Relatività; curioso poi che dall’integrazione della
Relatività Ristretta con la Meccanica Quantistica, l’Elettrodinamica quantistica, emerga un'altra forma della
ripudiata azione a distanza, il cosiddetto fenomeno dell'Entanglement quantistico di cui si dirà
successivamente.

Tornando all’azione a contatto della II Legge di Newton, la contiguità spaziale trova una sua immediata
applicazione nel concetto di traiettoria, conseguenza non della causalità (non è una catena causale) ma
della valenza deterministica dell’equazione di Newton. La successione uniforme nel tempo e contigua nello
spazio delle posizioni di una particella che forma la sua traiettoria:

• non discende dall’ipotesi causale che limita a postulare la forza come causa della variazione del
moto;
• deriva dall’interpretazione deterministica dell’equazione differenziale che, per sua struttura
formale, evolve in modo continuo, a partire da date condizioni iniziali, la variabile dipendente dello
spazio (x), in funzione del parametro tempo (t).

Bisogna distinguere decisamente la contiguità spaziale d’azione dalla causalità; la confusione si genera
poiché solitamente causa ed effetto sono contigui, oppure, se lontani, sono connessi da una catena causale
intermedia (magari ancora sconosciuta).

Si sostiene che la causalità e l’azione per contatto sono due categorie logicamente indipendenti, che
possono essere assunte separatamente: la causalità è compatibile con la contiguità spaziale senza per
questo necessariamente presupporla.

Aforisma del dello scrittore, poeta, drammaturgo irlandese Samuel Barclay Beckett (1906- 1989):

Quando mi viene chiesto da quanto sono io qui, io rispondo “Un secondo…” o “Un giorno…” o “Un
secolo”. Tutto dipende da che cosa io intendo per “qui…” e “io…” e “sono”.

Antecedenza Temporale
Un altro aspetto della causalità su cui soffermarsi è quello che sempre i fisici pessimi filosofi chiamano
antecedenza temporale, per cui:

Tra causa ed effetto c’è sempre un ritardo temporale per cui la prima precede sempre il secondo.

Fisicamente parlando significa che tra due eventi separati spazialmente deve intercorrere un intervallo di
tempo affinché essi siano causalmente connessi, cosa che ancora una volta contraddice l’azione a
distanza introdotta da Newton con la Legge di Gravitazione Universale.

In fisica siamo pieni di esempi in cui l’effetto segue dopo un intervallo finito la causa, generalmente questo
è dovuto ad un’ “inerzia” del sistema fisico che solo in pochi casi può essere interpretata in senso
meccanico.

A cura di Marco Gentili 30


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Siamo talmente abituati a riscontrare empiricamente l’antecedenza temporale che spesso ne facciamo un
tutt’uno con il principio causale (eppure abbiamo accettato per un paio di secoli l’azione a distanza). Ovvio
che il problema emerga prepotente verso il 1850 con l’avvento della Teoria dei Campi, gravitazionale ed
elettromagnetico.

Nuovamente si sostiene che, come già per la contiguità spaziale, il principio causale e l’antecedenza
temporale godono di un’indipendenza logica: la priorità della causa sull’effetto la definirei di tipo
esistenziale più che temporale.

Nella II Legge di Newton, la causa è la forza, l’equazione differenziale produce una traiettoria ma non si
presuppone alcuna successione nel tempo di forza e movimento. La conclusione è ancora una volta che la
causalità è compatibile sia con collegamenti istantanei in un dato punto dello spazio; sia con collegamenti
istantanei tra punti separati dello spazio.

Nella Legge di Gravitazione Universale, la causa non è più una forza, localizzata in un preciso punto dello
spazio, ma il campo gravitazionale, con un valore definito in ogni punto nello spazio, senza alcun bisogno di
contiguità spaziale e antecedenza temporale.

La Legge di Gravitazione Universale e l’azione a distanza non rendono la Meccanica Classica non causale,
coerentemente alla definizione di causalità che si è chiamata della Produzione Costante del tutto
estranea ai concetti di contiguità spaziale e antecedenza temporale:

Se la causa ha luogo, allora (e soltanto allora) l’effetto è sempre prodotto dalla causa.

I collegamenti istantanei tra eventi spazialmente separati vanno eliminati perché poco fisici (come
l’infinito della velocità o di qualsiasi altra grandezza fisica), non perché non causali.

Aforisma del filosofo, teologo e letterato tedesco Johann Gottfried Herder (1744-1803:

Chi sono i due maggiori tiranni del mondo?

Risposta: Sono il caso e il tempo.

Uso del tempo nella Meccanica Razionale


La Fisica, operando pragmaticamente, si dedica all’interpretazione dell’esperienza sperimentale ed alla
teorizzazione del nuovo, nel far questo rinuncia spesso ad un approccio matematicamente rigoroso. La
rigorosa riformulazione delle teorie fisiche già affermate tipicamente le insegue nell’ambito della disciplina
nota come Fisica Matematica, volta alla soluzione di problemi ispirati dalla fisica in un ambito
matematicamente rigoroso.

Nell’ambito della Fisica Matematica, La Meccanica Razionale rappresenta la riformulazione astratta della
Meccanica Classica di Newton, fatta principalmente ad opera:

• del matematico e fisico svizzero Leonhard Euler, noto come Eulero (1707-1783);
• del matematico e astronomo italiano Joseph-Louis Lagrange (1736-1813), nato Giuseppe Lodovico
Lagrangia;
• del matematico, fisico, astronomo irlandese William Rowan Hamilton (1805-1865).

A cura di Marco Gentili 31


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Di queste riformulazioni astratte quella di Hamilton è stata essenziale per fondare la Meccanica Statistica e
la Meccanica Quantistica:

• la compatibilità tra probabilità e dinamica, uno dei problemi centrali della Meccanica Statistica, è
formulata in maniera più semplice con il formalismo Hamiltoniano;
• le regole di quantizzazione che esprimono il modo in cui si passa dalla Meccanica Classica a quella
Quantistica sono formulate usando una struttura algebrica soggiacente le equazioni di Newton
(parentesi di Poisson) esplicitata dal formalismo Hamiltoniano;
• lo sviluppo della Teoria delle Perturbazioni usata da Meccanica Statistica e Quantistica è facilitato
dal formalismo Hamiltoniano.

La Meccanica Razionale abbandona:

• le equazioni differenziali, come quella del moto di Newton, per introdurre i cosiddetti principi
integrali o variazionali, che consentono di riscriverle tipicamente nel formalismo di Hamilton;
• la descrizione del moto nello spazio reale per adottare uno spazio astratto, lo Spazio delle Fasi.

Scrive (Corso di fisica teorica, Volume I, Meccanica) il fisico tedesco Arnold Johannes Wilhelm Sommerfeld
(1868-1951):

I principi variazionali di cui dobbiamo parlare sono invece principi integrali: essi considerano gli stati
del sistema che si susseguono durante un intervallo di tempo finito, o, ciò che è lo stesso, lungo un
tratto finito della traiettoria, e li confrontano con certi stati virtuali contigui, ad essi associati.

Il principio di base della Meccanica Razionale è il Principio di Minima Azione, una grandezza (indicata con S)
che caratterizza in generale lo stato e l'evoluzione di un sistema, permettendo di studiarne il moto. La sua
formulazione più nota è quella del Principio Variazionale di Hamilton che afferma che la traiettoria di un
sistema nello Spazio delle Fasi, tra tutte quelle possibili, è quella che rende estrema minima l’Azione (S).

Attenzione non si parla della traiettoria di Newton nello spazio ordinario (tridimensionale) ma di quella
nello Spazio delle Fasi (solitamente indicato con la lettera greca Γ, tau maiuscola) di un dato sistema fisico
(lo spazio virtuale citato da Sommerfeld), i cui punti rappresentano univocamente tutti e soli i possibili stati
del sistema, cioè la rappresentazione grafica dello spazio di tutti gli stati possibili del sistema fisico preso in
esame.

Considerando, per semplificare, una particella in moto unidimensionale nella dimensione x i grafici seguenti
esprimono questo passaggio dalla spazio reale all’astratto Spazio delle Fasi.

A cura di Marco Gentili 32


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Significa passare:

• dalla descrizione del moto di una particella di massa m in un grafico (spazio, x; tempo t), data dalla
curva x(t), la soluzione dell’equazione del moto di Newton;
• alla descrizione in un grafico (quantità di moto, p; spazio, x), dove la quantità di moto è uguale al
prodotto della massa della particella per la sua velocità (mŸ v) data dalla curva:

𝑝 = 𝑚Ÿ 𝑣 𝑡

𝑥 = 𝑥(𝑡)
Lo Spazio delle Fasi Γ è quindi definito (per una particella in moto unidimensionale nella dimensione x) dalle
coordinatela quantità di moto p e posizione x, rimanendo il tempo t il parametro che descrive la traiettoria
nello spazio. Più in generale le dimensioni dello Spazio delle Fasi Γ sono uguali al doppio dei gradi di libertà
del sistema:

• per una particella in moto nello spazio tridimensionale le coordinate saranno 6;


• per N particelle indipendenti in moto nello spazio tridimensionale divengono 6Ÿ N.

Nello Spazio delle Fasi il tempo non compare esplicitamente, così assumendo ancor maggiormente
rispetto alla meccanica newtoniana il ruolo di parametro che disegna la traiettoria nello spazio (v, x).

Aggiunge ancora Sommerfeld (Corso di fisica teorica, Volume I, Meccanica) a dimostrazione della
confusione causale propria dei fisici pessimi filosofi:

Il Principio di Hamilton, come pure gli altri Principi di Minima Azione, contraddice alle nostre
esperienze causali, in quanto il divenire del sistema non viene determinato dal suo stato presente,
ma viene dedotto considerando alla stessa stregua il presente ed il futuro.

I principi integrali sono apparentemente non causali ma teleologici …

Teleologico è aggettivo riferito a teorie che considerino il mondo organizzato secondo fini determinati o
che ritengano di riscontrare finalità in alcuni ambiti della natura.

Per capire meglio la presunzione finalistica della Meccanica Razionale è bene porsi una provocatoria
domanda: possibile che un elettrone “ragioni”, ancora prima di muoversi, su quale traiettoria debba
seguire nello spazio delle fasi in modo da “risparmiare” l’Azione?

Aforisma dello scrittore tedesco Paul Thomas Mann (1875-1955):

Il tempo non ha nessuna divisione visibile che ne segni il passaggio, non una tempesta con tuoni,
né squilli di tromba che annuncino l’inizio di un nuovo mese o un nuovo anno.

Persino quando inizia un nuovo secolo siamo solo noi mortali che suoniamo le campane e
spariamo in aria con le pistole.

A cura di Marco Gentili 33


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Tempo Assoluto, Continuo, Misurabile, un poco Ambiguo


Nel corso dei secoli, l’idea di tempo che c’è data dall’intuito si è impoverita, con il progredire della Fisica i
“compiti” svolti dal tempo sono stati progressivamente assegnati ad altro.

Le leggi del moto di Galileo e Newton, di quella che oggi si chiama Fisica Classica, come visto esprimibili
mediante equazioni differenziali o principi integrali, richiedono che il tempo abbia molte caratteristiche
specifiche, soprattutto sia: Assoluto, Continuo, Misurabile, cui si aggiunge sulla base delle elucubrazioni
sinora svolte una caratteristica di Ambiguità legata all’azione a distanza.

Il tempo della Fisica Classica deve essere assoluto, così che:

• il tempo ordini tutti gli eventi dell’Universo, scorrendo come un flusso, fornendo una freccia grazie
alla quale si sa qual è la direzione dal passato al futuro;
• tutti gli osservatori concordino sull’ordine in cui si svolgono gli eventi, indipendentemente da
quando e dove si verifichi un evento; così che sia possibile dire oggettivamente se qualcosa è
avvenuto prima, dopo o simultaneamente a un qualsiasi altro evento nell’Universo.

Il tempo della Fisica Classica deve essere continuo:

• per poter definire velocità e accelerazione, rispettivamente come derivata prima e seconda dello
spazio rispetto al tempo;
• mediante l’Analisi Matematica, creata da Newton e Leibniz, la branca della matematica che tratta le
funzioni continue, per questo derivabili e soluzione di equazioni differenziali, come quella che
definisce lo spazio funzione del tempo, x(t), come soluzione dell’equazione del moto di Newton;

Il tempo della Fisica Classica deve essere misurabile:

• ovvero possedere quello che i fisici chiamano una metrica, per correlare il tempo al concetto di
durata, così da poter dire quanto sono lontani nel tempo due eventi;
• metrica adeguata affinché la durata tra due eventi sia anch’essa indipendente dagli osservatori
come la loro eventuale simultaneità (durata = 0).

L’uso del tempo che si fa in Fisica Classica è un poco ambiguo:

• il tempo è il parametro che evolve ogni corpo in moto e ne disegna la traiettoria, che non va intesa
come una catena causale; teorie fisiche che facciano a meno del concetto di traiettoria, come ad
esempio la Meccanica Statistica e la Meccanica Quantistica, potranno legittimamente essere teorie
causali, anche se non più deterministiche;
• tutto si muove nel tempo meno che l’azione a distanza, che infatti agisce nello spazio ma è al di
fuori del tempo.

Scrive Newton in una nota ai Principia Mathematica:

Il tempo assoluto, vero, matematico, in sé e per sua natura senza relazione ad alcunché di esterno,
scorre uniformemente, e con altro nome è chiamato durata;

quello relativo, apparente e volgare, è una misura (accurata oppure approssimativa) sensibile ed
esterna della durata per mezzo del moto, che comunemente viene impiegata al posto del vero
tempo: tali sono l’ora, il giorno, il mese, l’anno.

A cura di Marco Gentili 34


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Il tempo di Newton a pensarci bene è sorprendente, le sue numerose caratteristiche sono separabili dal
punto di vista logico, eppure si trovano tutte insieme nell’orologio universale che Newton ha chiamato
“tempo”. Questa unione di caratteristiche, ha avuto tanto successo da sopravvivere per quasi due secoli,
poi sono arrivati gli attacchi.

Alla fine del XIX secolo il fisico austriaco Ludwig Boltzmann (1844-1906), con i suoi studi afferenti alla
termodinamica ed alla meccanica statistica, attacca una delle proprietà del tempo assoluto newtoniano,
quello d’essere una freccia diretta dal passato al futuro, afferma che:

• il tempo non ha una freccia predefinita, visto che le leggi del moto di Newton funzionano
simmetricamente sia avanti (futuro), sia indietro (passato) nel tempo; basta pensare ad un
pendolo, la cui legge è uguale, sia nel moto di andata, sia in quello di ritorno; ironicamente, non a
caso, il pendolo è alla base dell’identificazione di una metrica temporale, serve infatti a costruire
orologi;
• la distinzione tra passato e futuro non è intrinseca al concetto di tempo, nasce dallo studio dei
fenomeni irreversibili, si lega alle asimmetrie presenti nella trasformazione di un tipo di energia in
un’altra (cosa che ad esempio rende l’energia elettrica più preziosa di quella termica perché più
versatile) che costringono ad introdurre un’altra grandezza l’entropia, questa solo, al suo
aumentare, segna la freccia del tempo che indica il passaggio da passato a futuro.

All’alba del XX secolo, nel 1905, Albert Einstein (1879-1955), continua l’attacco al tempo assoluto di
Newton, elimina l’idea di simultaneità universale con la Relatività Ristretta, afferma che:

• l’arena degli eventi non è il tempo o lo spazio, ma la loro unione, lo Spazio-Tempo, per cui spazio
e tempo sono concetti secondari, destinati a sbiadire fino a diventare semplici ombre come afferma
il matematico lituano naturalizzato tedesco Hermann Minkowski (1864-1909);
• la simultaneità di due eventi dipende dalla velocità a cui si muove chi osserva; due osservatori
che si muovono a velocità diverse sono in disaccordo su quando e dove si sia verificato un evento,
ma concordano sulla sua posizione nello Spazio-Tempo.

Sempre all’inizio XX secolo, le cose peggiorano nel 1915, Albert Einstein estende la Relatività Ristretta
alle situazioni in cui agisce la gravità, formulando la Relatività Generale, afferma che:

• il tempo è solo locale non globale, gli orologi di Newton si applicano solo a piccole zone dello
Spazio-Tempo o a singoli osservatori;
• la forza di gravità deforma il tempo, quindi il trascorrere di un secondo in due luoghi differenti può
non avere lo stesso significato; in generale non è possibile pensare al mondo come se evolvesse un
istante dopo l’altro, seguendo un unico parametro temporale.

E’ la fine della Fisica Classica!

Aforisma del fisico tedesco naturalizzato svizzero e statunitense Albert Einstein (1879-1955):

Quando un uomo siede vicino ad una ragazza carina per un’ora, sembra che sia passato un
minuto. Ma fatelo sedere su una stufa accesa per un minuto e gli sembrerà più lungo di qualsiasi
ora. Questa è la relatività.

A cura di Marco Gentili 35


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Meccanica Statistica
Si è visto come la Meccanica Classica newtoniana si concentra sulla caratteristica più facilmente
individuabile del movimento, lo spostamento, di conseguenza la traiettoria di un corpo di cui il tempo è il
parametro che ne definisce l’ordine di tutte le successive posizioni.

Al tempo stesso la Meccanica Classica è la fisica dei pochi corpi: già quando sono solo tre, soggetti
all'influsso della reciproca attrazione gravitazionale, calcolare l'evoluzione futura del macrosistema da essi
costituito, risolvendo analiticamente le equazioni differenziali della II Legge di Newton, così da pervenire ad
una legge del moto, è impossibile. A parte pochi peculiari casi particolari che semplificano i calcoli, così
consentendo di arrivare ad una soluzione analitica, le altre possibili soluzioni approssimate si suddividono
in:

• soluzioni basate su metodi perturbativi, una collezione di tecniche e metodologie matematiche


rigorose per determinare soluzioni approssimate di equazioni; spesso riproducono le caratteristiche
salienti del sistema descritto fornendo una base di partenza per soluzioni di tipo numerico;
• soluzioni di tipo numerico, elaborate tramite computer;

In entrambi i casi, il risultato trovato risulta valido solo per un determinato lasso di tempo, oltre il quale il
comportamento del sistema diverge dalla soluzione approssimata ottenuta in modo imprevedibile (si dice
che esibisce un comportamento caotico).

Se poi da 3 corpi si passa 6Ÿ1023, guarda caso quello che si definisce una Mole, l’unità di quantità di
sostanza, espressa dal Numero di Avogadro NA pari al numero di atomi di presenti in 12 grammi di carbonio
isotopo 12, diviene impossibile trattare il sistema con la Meccanica Classica, impossibile risolvere il gran
numero di equazioni differenziali anche solo approssimativamente.

Accade così che la Meccanica Classica passa la mano alla Meccanica Statistica che, applicando il
formalismo matematico della Teoria della Probabilità, fornisce un approccio in grado di collegare le
proprietà delle singole particelle alle proprietà macroscopiche (termodinamiche) del sistema che esse
compongono (calore, pressione, volume, ecc.); dalla Meccanica Statistica è infatti possibile ricavare tutte
le leggi termodinamiche.

Per far questo la Meccanica Statistica imbocca un “percorso” che costringe a rinunciare a qualcosa: alla
traiettoria e perfino allo spazio ordinario ed al tempo, in favore dello Spazio delle Fasi.

Diventa necessario allora capire il tempo che fine fa, per capirlo seguiamo le diverse tappe del “percorso”
che dai microstati porta al macrostato, grazie agli Ensemble introdotti dal fisico austriaco Ludwig Eduard
Boltzmann (1844-1906) e sviluppati dal fisico statunitense Josiah Willard Gibbs (1839-1903).

Aforisma dell’attore britannico Jeremy John Irons (1948):

Abbiamo tutti le nostre macchine del tempo.

Alcune ci riportano indietro, si chiamano ricordi.

Altre ci portano avanti, si chiamano sogni.

A cura di Marco Gentili 36


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Teoria degli Ensemble


Passo 1 Per arrivare agli Ensemble si parte da quello che già si conosce: il
moto di una singola particella (per semplicità sempre immaginato come moto
unidimensionale nella dimensione x) descritto mediante l’equazione del moto
di Newton della Meccanica Classica già vista precedentemente, x(t), che
esprime la dipendenza della posizione dal tempo nello spazio ordinario con
coordinate (x, t).

Passo 2 Poi si abbandona la descrizione nello spazio ordinario, con coordinate


(x, t), passando allo spazio μ (lo Spazio delle Fasi di un sistema costituito da
una singola particella indicato dalla lettera greca che i fisici pronunciano come
“mu”, quando i grecisti la chiamano “mi”, non si è mai capito perché), con
coordinate (p, x), in cui il tempo non compare esplicitamente.

Passo 3 Il passo successivo è sostituire la traiettoria nello spazio μ con un


insieme di “immagini” della particella in diversi tempi, come fossero i singoli
fotogrammi del film che mostra il movimento della particella.

Passo 4 Facile la generalizzazione ad un sistema di N particelle: l’evoluzione del sistema descrive in analogia
a quanto fatto per la singola particella: la storia del macrostato costituito da N particelle (1, 2, 3 …) è la
successione nel tempo dei diversi microstati (mi, i = 1, 2, 3 …).

Passo 5 Si presenta un problema: il numero di microstati mi, corrispondenti al macrostato M è infinito


come conseguenza della continuità in cui varia la quantità di moto e la velocita di ogni particella. La fisica
aborre l’infinito, come può rendersi finito il numero di microstati? Semplice basta quantizzare lo spazio μ
(una quantizzazione mero artificio matematico diversamente da quella operata dalla Meccanica
Quantistica). In questo modo i punti che cadono nella stessa cella (quanto di spazio) possono essere
considerati equivalenti. Di conseguenza il numero di microstati diviene finito, pur dipendendo dal
(iper)volume della cella in cui è stato suddiviso lo spazio μ, che, per ragioni di coerenza interna alla
Meccanica Statistica è assunto pari a h2N, dove h è la costante di Plank, introdotta dal fisico tedesco Max
Planck (1858-1947) nel 1900 studiando lo spettro della radiazione di corpo nero.

A cura di Marco Gentili 37


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Questo numero di microstati (mi, i = 1, 2, 3 …) che realizzano il macrostato M è chiamato probabilità


termodinamica, πM evidentemente corrisponde ad una regione limitata di volume dello Spazio delle Fasi Γ ,
ΔΓM , uguale al prodotto di πM per il volume della cella unitaria.

Passo 6 Come ulteriore astrazione si utilizza lo spazio astratto della Meccanica


Razionale, lo Spazio delle Fasi Γ in cui rappresentare l’evoluzione del
Macrostato, spazio in cui è possibile visualizzare l’evoluzione di un microstato
mi in un altro nel corso del tempo. Sia chiaro Γ è lo spazio dei microstati mi ;
dove μ è invece lo spazio delle particelle. Le coordinate dello Spazio delle Fasi Γ
s’indicano con 𝒑 e 𝒙 per rappresentare gli insiemi delle coordinate quantità
di moto e velocità delle N particelle (per un totale di 6Ÿ N coordinate) che
originano ogni singolo microstato mi, quindi:

Γ p, x
Passo 7 Infine, come ultimo passo del
“percorso” che dai microstati porta al
macrostato, si elimina il tempo del tutto: In
luogo dell’evoluzione temporale del
microstato nello Spazio delle Fasi Γ è più
conveniente considerare una collezione di
microstati mi corrispondenti al macrostato
M, l’Ensemble, distribuiti nello Spazio delle
Fasi Γ in una regione limitata di volume ΔΓM.
Per descrivere questa distribuzione si
utilizza una funzione esprimente la densità
dei microstati, ovvero il numero di
microstati per unità di volume, in ogni punto dello Spazio delle Fasi Γ : 𝝆 𝒑 , 𝒙 . Sommando le densità
dei microstati su tutto il volume dello Spazio delle Fasi da essi occupato (cosa che si esprime
matematicamente con un integrale, l'operazione inversa a quella di derivazione, una somma infinita di
addendi infinitesimali) si ottiene la probabilità termodinamica, ovvero il numero πM di microstati
corrispondenti al macrostato.

𝑖𝑛𝑡𝑒𝑔𝑟𝑎𝑙𝑒 𝜋! = ρ p, x ∙ 𝑑𝛤
!"!

A cura di Marco Gentili 38


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Evidentemente l’introduzione dell’Ensemble è utile per rappresentare matematicamente una situazione


in cui non si ha una conoscenza precisa di quelle condizioni iniziali alla base del determinismo della Fisica
Classica.

Aforisma dello psicologo e sociologo tedesco Erich Seligmann Fromm (1900.1980):

Nella modalità dell’avere, il tempo diviene il nostro dominatore.

Nella modalità dell’essere, il tempo è detronizzato, cessa di essere l’idolo che governa la nostra
vita.

Nella società industriale, il tempo domina sovrano.

Uso del tempo all’Equilibrio


Consideriamo un sistema macroscopico in equilibrio:

• termico, non gli si fornisce o si sottrae energia;


• meccanico, non se ne aumenta o diminuisce il volume;

questo assicura il mantenimento, al passare del tempo, dello stesso macrostato di partenza.

Se si “osservasse” il sistema da un punto di vista microscopico ci si accorgerebbe che il sistema stesso passa
in continuazione da un microstato all’altro. Uso il condizionale perché non si può fare anche se il moto
browniano ce ne d’à un’idea. Osservato nel 1827 e rigorosamente trattato da Albert Einstein nello stesso
anno in cui formula la Relatività ristretta, il 1905, è il moto disordinato di piccole particelle (diametro
dell'ordine di 10-6 metri, 1 micrometro) presenti in fluidi ed osservabile al microscopio.

Si può dire che il macrostato d’equilibrio esplora senza sosta tutti i microstati con esso compatibili.

Diversamente studiare il sistema macroscopicamente significa misurare un osservabile fisico, che in fisica è
una qualsiasi grandezza misurabile: direttamente tramite opportune operazioni e strumenti di misura,
oppure indirettamente attraverso calcolo analitico. Per esempio, considerato (assai ironicamente) il sistema
“acqua per bollire la pasta”, un osservabile fisico può essere la temperatura dell’acqua, o la pressione
esercitata dall’acqua sulle pareti della pentola.

Quando si misura un qualsiasi osservabile fisico si presentano quindi due punti di vista per interpretare la
misura:

• dal punto di vista macroscopico, posta la situazione d’equilibrio, il valore dell’osservabile fisico non
cambia (a parte inevitabili fluttuazioni), se si è attenti a non perturbare il sistema durante la misura,
quindi si può impiegare tutto il tempo che si vuole per eseguire la misura senza per questo
alterarla;
• da un punto di vista microscopico, durante l’atto di misura dell’osservabile fisico, che dura
necessariamente un tempo macroscopicamente finito, il sistema passerà attraverso numerosissimi
microstati compatibili col macrostato osservato.

A cura di Marco Gentili 39


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Si può riunificare i due punti di vista, macroscopico e microscopico, concludendo che la misura effettuata
è il risultato di una media dell’osservabile fisico su tutti i microstati esplorati dal sistema nel tempo
necessario per effettuare la misura.

La teoria degli Ensemble muove dalla stessa considerazione, seppure più astrattamente: ad un certo tempo
t immagina di replicare idealmente il sistema, ottenendone πM copie ipotetiche, tutte corrispondenti allo
stesso stato macroscopico ma distribuite tra tutti i microstati possibili con esso compatibili. L’insieme delle
πM copie è chiamato Ensemble, tutte queste copie ideali sono una possibile rappresentazione del sistema.

L’idea fondamentale della teoria degli Ensemble è ritenere che la media temporale sul singolo sistema
fisico originale, sia sostanzialmente equivalente alla media statistica sugli elementi costituenti
l’Ensemble, i microstati.

Cosa che richiede un postulato a priori, chiamato il Postulato dell'Equiprobabilità, imprescindibile assunto
della Meccanica Statistica (pur rigorosamente indimostrabile conduce a previsioni verificate
sperimentalmente):

• dato un sistema isolato in equilibrio, ogni microstato ha eguale probabilità di manifestarsi;


• che significa che un sistema isolato in equilibrio non ha nessuna preferenza per nessuno dei suoi
microstati possibili.

Et voilà il tempo è del tutto scomparso! Nella media statistica il tempo non compare, benvenuti nella
Meccanica Statistica dell’equilibrio, ovvero dei macrosistemi che non variano le loro caratteristiche
(osservabili fisici), che si sviluppa così in maniera del tutto indipendente dal tempo.

Aforisma del giornalista e scrittore italiano Romano Battaglia (1933-2012):

Il tempo è come un fiocco di neve, scompare mentre cerchiamo di decidere che cosa farne.

Uso del tempo nel non Equilibrio


Scrive chimico e fisico russo naturalizzato francese Ilya Prigogine (1917 – 2003), noto per i suoi contributi
alla Meccanica Statistica del non equilibrio ed alla Scienza della complessità, tra cui la creazione negli anni
‘60 del concetto di struttura dissipativa:

Il nostro universo fisico non ha più come simbolo il moto regolare e periodico dei pianeti, moto che è
alla base della meccanica classica.

E' invece un universo d’instabilità e fluttuazioni, che sono all'origine dell'incredibile ricchezza di
forme e strutture che vediamo nel mondo intorno a noi.

Abbiamo quindi bisogno di nuovi concetti e nuovi strumenti per descrivere una natura in cui
evoluzione e pluralismo sono divenute le parole fondamentali.

Per reintrodurre il tempo in argomentazioni di Meccanica Statistica ci si deve occupare del non-
equilibrio.

A cura di Marco Gentili 40


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Un sistema lontano dall’equilibrio potrà essere:

• isolato, che non interagisce in alcun modo con l'ambiente circostante, ovvero che non scambia
materia o energia (calore);
• aperto, che può interagire con l'ambiente esterno scambiando sia materia che energia (calore),
cosa che realizza una struttura dissipativa (la più bella, a tutti nota, è quel “magico” anello di fumo
che esiste in virtù dell’energia che lo attraversa provocata dalla sbuffata del fumatore).

Relativamente ad un sistema isolato non in equilibrio è facile immaginare cosa gli accade: raggiunge
l’equilibrio, per di più mettendoci del tempo, cosa che reintroduce l’antecedenza temporale tra causa ed
effetto (questa volta dovuta a quella che si chiama inerzia termica in analogia a quella che è l’inerzia per
il moto)!

Per un sistema isolato il già citato Postulato dell'Equiprobabilità, permette di concludere che, per un
sistema in equilibrio, il macrostato di equilibrio, lo stato termodinamico che può risultare dal maggior
numero di microstati è anche il macrostato più probabile del sistema.

Di conseguenza l’evoluzione nel tempo di un sistema isolato deve avvenire incrementando il numero di
microstati mi corrispondenti al macrostato M, quello che è stato chiamato probabilità termodinamica πM. In
altre parole in un sistema isolato la probabilità termodinamica πM non può mai diminuire.

In fisica la formulazione più ampiamente usata è quella che si basa sulla grandezza entropia S
(proporzionale alla probabilità termodinamica 𝑺 ∝ 𝝅𝑴 , dove la costante di proporzionalità è la costante di
Boltzmann, kb) che si collega ai microstati nello Spazio delle Fasi Γ, per un sistema isolato:

𝑆 = 𝑘! ∙ ln π! = 𝑘! ∙ ln ρ p, x ∙ 𝑑𝛤
!"!

Ricordando che lo strumento matematico formale che descrive la differenza, la variazione, il mutamento, in
questo caso dell’entropia (o della probabilità termodinamica) rispetto al tempo è la derivata, che in un
sistema isolato l’entropia S non possa mai diminuire nel tempo t si scrive ancora con un’equazione
differenziale (del primo ordine) che fa ricomparire il tempo

𝑑 𝑑
𝑑𝑒𝑟𝑖𝑣𝑎𝑡𝑎 𝑆 π! ≥ 0 𝑆 𝑝𝑢ò 𝑠𝑜𝑙𝑜 𝑎𝑢𝑚𝑒𝑛𝑡𝑎𝑟𝑒
𝑑𝑡 𝑑𝑡
Equazione nota come II Principio della Termodinamica, che non ha molto senso classificare come
simmetrica o asimmetrica rispetto al tempo (come fatto per le equazioni del moto in cui compaiono
derivate del secondo ordine) visto che l’entropia S non dipende dal tempo ma solo dal numero di
microstati nello Spazio delle Fasi Γ privo di tempo.

Diversamente dall’equazione, una simmetria si ritrova negli effetti fisici del II Principio della
Termodinamica che essa rappresenta, per cui:

• tornando indietro nel tempo (tempo che diminuisce) diminuisce l’entropia;


• mentre avanzando nel tempo (tempo che aumenta) aumenta, l’entropia.

A cura di Marco Gentili 41


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

L’asimmetria emerge solo nella negazione che si posano realizzare fenomeni per cui l’entropia diminuisce,
asimmetria che è stata interpretata spesso anche in termini di contrappostone tra:

• ordine (bassa entropia);


• disordine (alta entropia).

Si ritiene che reinterpretando il II Principio della Termodinamica, come transizione dall’ordine al


disordine si sia spesso generata qualche confusione tra:

• la definizione di ordine tipica del linguaggio comune;


• Il significato di ordine implicito nella Meccanica Statistica.

Nel Vocabolario Treccani si legge (quanto riportato in corsivo) una definizione di ordine che viene da
definire architettonica, pragmatica, giuridica, matematica, tutto meno che fisica:

• Definizione architettonica, estetica. Disposizione regolare di più cose collocate, le une rispetto alle
altre, secondo un criterio organico e ragionato, rispondente a fini di praticità, di opportunità, di
armonia.
• Definizione pragmatica, funzionale. Per estensione, con riferimento non alla distribuzione spaziale
ma allo stato in cui un oggetto o un ambiente è tenuto, in quanto sia più o meno rispondente a
determinate esigenze.
• Definizione giuridica, prescrittiva. Con senso più ampio, sistema organico di leggi che reggono
l’universo.
• Definizione matematica, ordinativa in crescente/decrescente. Modo con cui i varî elementi di una
serie si susseguono (o devono susseguirsi) nello spazio, nel tempo o in una successione ideale.

Il significato di ordine implicito nella Meccanica Statistica è ben distante da quello ben espresso dalle
definizioni tipiche del senso comune, come quelle precedentemente esposte, esso emerge dalla
definizione stessa di entropia:

• Bassa entropia, tipica del macrostato iniziale che evolve nel tempo verso quello di equilibrio,
equivale a bassa probabilità termodinamica, ad un limitato numero dei microstati corrispondenti al
macrostato; cosa che s’interpreta dicendo che lo stato del sistema è più ordinato, col significato di
meno disperso sulla molteplicità dei microstati, ci sono meno configurazioni possibili del sistema;
• Alta entropia, tipica del macrostato di equilibrio, corrisponde ad elevata probabilità
termodinamica, ad un grandissimo numero di microstati; cosa che s’interpreta dicendo che lo stato
del sistema è più disordinato, col significato di più disperso sulla molteplicità dei microstati, ci sono
moltissime configurazioni possibili del sistema.

Colpisce che nonostante la simmetria rispetto al tempo evidenziata dal II Principio della Termodinamica,
l’asimmetria ordine/disordine è stata spesso interpretata (non solo dai fisici pessimi filosofi) come
espressione della Freccia del Tempo come per ribadire una presunta antinomia tra i fenomeni microscopici,
che sono simmetrici rispetto al tempo (possibile invertire la traiettoria), e quelli macroscopici che invece
evolvono sempre in un’unica direzione (impossibile invertire la trasformazione), quella dell’entropia
crescente, ovvero del disordine. Freccia del Tempo che:

• fornisce la spiegazione del fatto che per quanto ci si sia tuffati non è mai capitato di risaltare sul
trampolino respinti dall’acqua.

A cura di Marco Gentili 42


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

• sancisce l'impossibilità di realizzare il moto perpetuo (di seconda specie), ovvero dispositivi in grado
di convertire il calore estratto da una sola sorgente a temperatura costante in lavoro; cosa che
spiega perché si ritenga l’orologio Jaeger-LeCoultre Atmos, raffigurato sulla copertina di questo
scritto, la più bella dimostrazione dell’inseguimento del moto perpetuo.

Nel 1928 l’ingegnere svizzero Jean-Léon Reutter crea un orologio che trae l’energia necessaria dalle
variazioni della temperatura circostante: la pendola Atmos che realizza un moto quasi perpetuo.

In una capsula ermeticamente chiusa è contenuta una


miscela gassosa che si dilata quando la temperatura sale e si
contrae quando questa scende.

Solidale alla molla di azionamento della pendola, la capsula


si deforma come il soffietto di una fisarmonica ricaricando
così il movimento interno.

Tra 15 e 30 gradi Celsius, basta una fluttuazione di


temperatura di un solo grado per garantire alla pendola
un’autonomia di funzionamento di circa due giorni.

Aforisma dello scrittore francese di origine italiana Antoine Rivaroli detto il conte di Rivarol (1753-1801):

Il tempo è come un fiume: non risale mai alla sorgente.

Freccia del Tempo, drammatizzazioni termodinamiche


Si ritiene il II Principio della Termodinamica ed il concetto di Freccia del Tempo che gli è associato uno di
quelli maggiormente “drammatizzati” nell’ambito della fisica, lo si è messo a confronto con praticamente
tutti i campi dello scibile umano, incluse biologia, neuroscienze, filosofia, teologia, ed in particolare con i
concetti di:

• neg-entropia,
• quantità d’informazione media,
• evoluzione biologica,
• morte termica dell’Universo.

Il concetto di neg-entropia è introdotto nel 1943 dal fisico austriaco Erwin Schrödinger (1887-1961) e dal
fisico francese Leon Brillouin (1899-1969), per indicare l'organizzazione degli elementi fisici che si oppone
alla tendenza naturale al disordine, ossia all'entropia, tipico delle strutture dissipative.

Il confronto tra entropia e neg-entropia è avviato nel 1929 dal fisico ungherese naturalizzato statunitense
Leó Szilárd (1898-1964) per trovare una soluzione al paradosso del diavoletto di Maxwell formulato dal
fisico scozzese James Clerk Maxwell (1831-1879) nel 1871. Un esperimento ideale che immagina un
congegno capace di agire a scala microscopica su singole particelle allo scopo di produrre una violazione
macroscopica del secondo principio della termodinamica.

A cura di Marco Gentili 43


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Ad esempio selezionando le molecole lente da quelle veloci ripartendole in due aree distinte del volume del
sistema complessivo. In questo modo producendo una differenza di temperatura tra diverse aree del
sistema senza alcuna spesa di energia, ed essendo in questo modo in grado di produrre un lavoro.

… se concepiamo un essere con una vista così acuta da poter seguire ogni molecola nel suo
movimento, tale essere, i cui attributi sono essenzialmente finiti quanto i nostri, potrebbe fare ciò
che è impossibile per noi.

Maxwell ipotizza quindi un sistema isolato costituito da due recipienti di uguale volume, riempiti di un gas
inizialmente alla stessa temperatura, collegati da una microscopica porticina manovrata dal diavoletto.

Il diavoletto, essendo in grado di vedere le molecole potrà separare le più lente dalle più veloci, aprendo e
chiudendo la porticina all’approssimarsi di una di queste. In questo modo in un certo tempo sarà in grado di
modificare la temperatura del gas nei due volumi (legata all’energia cinetica delle singole molecole), quindi
alla loro velocità, ad esempio confinando le molecole più lente in quello di sinistra (si abbassa la
temperatura rispetto a quella iniziale) e le più veloci in quello di destra (si alza la temperatura rispetto a
quella iniziale). Cosa che produrrà una paradossale progressiva differenza di temperatura tra i due volumi
senza nessun (apparente) consumo di energia, in netto contrasto con il II Principio della Termodinamica.

Il paradosso si smonta chiedendosi come faccia il diavoletto a vedere le molecole, ovvero ad acquisire
informazione sulle loro posizioni e velocità. Gli servirebbe una minuscola torcia luminosa, una sorgente di
energia non in equilibrio con il sistema gassoso nei due volumi. Dunque per creare la fase disentropica,
diminuire l’entropia o quindi creare neg-entropia che è il suo opposto, il diavoletto immette energia nel
sistema (la luce emessa dalla torcia, ma), energia che è il “prezzo” dell’informazione acquisita, ovvero della
neg-entropia generata. In questo modo Szilárd risolve il paradosso di Maxwell sviluppando una nuova
associazione, che si aggiunge a quella tra entropia e ordine/disordine, introducendo il concetto di
informazione, espressione del grado di conoscenza del sistema macroscopico:

• entropia alta è disordine è informazione negativa (scarsa conoscenza del sistema);


• entropia bassa è ordine è informazione positiva (elevata conoscenza del sistema).

Per cui entropia e conoscenza del sistema risultano inversamente proporzionali, cosa che lo porta ad
azzardare un identità del tipo: informazione = neg-entropia, ovvero entropia = neg-informazione.
L’entropia diventa informazione alla rovescia, non informazione, mancanza di conoscenza.

Si ritiene questa associazione, pure ricca di spunti speculativi, foriera di possibili fraintendimenti per gli
inconsci significati collaterali che s’associano nel sentire comune al concetto di informazione, quando
invece nella teoria dell’Informazione si parla semplicemente della quantità d’informazione, quella che si
misura in bit (la quantità minima di informazione che serve a discernere tra due possibili eventi
equiprobabili, come quelli associati al tasto di un telegrafo per messaggi in codice morse).

A cura di Marco Gentili 44


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Il concetto di quantità d’informazione media contenuto in un messaggio è definito nel 1948 dall’ingegnere
e matematico statunitense Claude Elwood Shannon (1916-2001) all’interno della Teoria dell'informazione,
per scrivere il I teorema di Shannon, o Teorema della codifica di sorgente, che stabilisce dei limiti alla
massima compressione possibile di un insieme di dati.

Shannon avrebbe voluto utilizzare la dizione di “incertezza dell’informazione” ma, su suggerimento del
matematico, fisico e informatico ungherese naturalizzato statunitense John Von Neumann (1903-1957),
adotta il termine di “entropia”. Racconta Shannon:

La mia più grande preoccupazione era come chiamarla. Pensavo di chiamarla informazione, ma la
parola era fin troppo usata, così decisi di chiamarla incertezza.

Quando discussi della cosa con John Von Neumann, lui ebbe un'idea migliore. Mi disse che avrei
dovuto chiamarla entropia, per due motivi: “Innanzitutto, la tua funzione d'incertezza è già nota
nella meccanica statistica con quel nome. In secondo luogo, e più significativamente, nessuno sa
cosa sia con certezza l'entropia, così in una discussione sarai sempre in vantaggio”.

Nella Teoria dell'Informazione l'entropia di una sorgente di messaggi è (semplificando) la quantità


d’informazione media (espressa in bit) contenuta in ogni messaggio emesso, tanto più grande quanto meno
probabile:

• un messaggio scontato, che ha un'alta probabilità di essere emesso dalla sorgente, contiene poca
informazione;
• un messaggio inaspettato, poco probabile, contiene una grande quantità di informazione.

Un’entropia quella della Teoria dell'informazione contraddistinta da un significato del tutto diverso da
quello della fisica motivo per cui si trova preferibile il termine informazione mediata. Si osserva che i due
concetti di entropia ed informazione mediata nascono in modo completamente autonomo, anche se
vengono rappresentati con formalismi matematici analoghi, solo perché entrambi derivati da un’unica
teoria matematica, la Teoria delle Probabilità.

Il principio di evoluzione biologica è avanzato nel 1858 dal naturalista e biologo britannico Charles Robert
Darwin (1809-1882), c’è chi oggi, in un impeto di dilagante antidarwinismo, lo vede antitetico al II Principio
della Termodinamica, in questo modo:

• da un lato prescindendo dalla differenza tra sistema isolato e aperto; l’essere vivente è una
struttura dissipativa per eccellenza attraversata da un flusso di energia che permette di creare una
fase disentropica (caratterizzata da entropia decrescente).
• dall’altro confondendo ordine fisico e ordine biologico; l’apparente disaccordo tra fisica e biologia
può spiegarsi con il diverso significato attribuito ad una medesima terminologia: si ritiene che una
situazione disordinata per il fisico potrà non esserlo per il biologo e viceversa.

Un esempio significativo è costituito dalla formazione di cristalli di ghiaccio (composizioni di molecole


reticolari, geometriche, assai regolari) a partire dall’acqua (un fluido con molecole in movimento),
all’abbassarsi della temperatura. Una trasformazione per cui diminuisce l’energia complessiva del sistema.

A cura di Marco Gentili 45


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Ad alta temperatura, la densità del sistema è bassa le molecole nel liquido hanno molto spazio per
muoversi, molti gradi di libertà e molti microstati, in confronto a quelli del solido: Il liquido è più disordinato
del solido. Al di sotto di una certa temperatura (al di sopra di una cerca densità dell’acqua) le cose
cambiano:

• per il fisico, l’entropia del cristallo solido


(curva blu) è maggiore di quella del
liquido (curva rossa), c’è più disordine nel
cristallo che nel liquido; nel cristallo le
molecole sono impacchettate meglio, lo
spazio libero è maggiore, e il numero dei
microstati a disposizione, pur diminuendo
(l’entropia del sistema complessivo acqua
e ghiaccio diminuisce), diminuisce meno
che nel liquido.
• per il biologo, tipicamente studioso di
strutture molecolari, potrebbe esserci più
ordine nella conformazione finale dei
cristalli, che in quella iniziale dell’acqua.

In ogni caso, sia il fisco che il biologo, evidenziano una linea evolutiva unica, valida al di là delle
discriminazioni terminologiche esistenti sul concetto di ordine/disordine.

L’idea di morte termica dell’Universo è proposta nel 1851 dal fisico britannico William Thomson, noto
come Lord Kelvin (182-1907). A livello cosmologico, se l’Universo fosse realmente un sistema isolato, il II
Principio della Termodinamica ne sancirebbe l’inesorabile fine, la morte termica: quando tutte le stelle
saranno spente e l’entropia avrà raggiunto il suo massimo valore.

La più bella descrizione di morte termica l’ha (inconsapevolmente) data il poeta italiano Giacomo Leopardi
(1798-1837) in quel libro di sogni poetici, d’invenzioni e di capricci malinconici, per usare le parole dello
stesso Leopardi, che sono le Operette Morali, alta espressione del pensiero leopardiano. In particolare
l’operetta morale intitolata Il cantico del gallo silvestre si conclude con un’efficace descrizione della morte
termica:

Tempo verrà, che esso universo, e la natura medesima, sarà spenta.

E nel modo che di grandissimi regni ed imperi umani, e loro maravigliosi moti, che furono
famosissimi in altre età, non resta oggi segno né fama alcuna;

parimente del mondo intero, e delle infinite vicende e calamità delle cose create, non rimarrà pure
un vestigio;

ma un silenzio nudo, e una quiete altissima, empieranno lo spazio immenso.

Così questo arcano mirabile e spaventoso dell'esistenza universale, innanzi di essere dichiarato né
inteso, si dileguerà e perderassi.

A cura di Marco Gentili 46


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Prima delle osservazioni inerenti materia ed energia oscura, la morte termica era uno dei gran finali
dell’Universo coerenti con la teoria cosmologica del Big Bang, il modello cosmologico oggi maggiormente in
auge, basato sull'idea verificata che l'Universo si sta espandendo e raffreddando. A tal proposito si osserva
come uno scenario di morte termica può verificarsi solo se l'Universo ha una geometria piatta o iperbolica,
per cui continua a espandersi per un tempo indefinito, ed è effettivamente un sistema isolato.

Quanto alla teoria cosmologica del Big Bang diverse sono le questioni aperte (Problema dell’Orizzonte,
Spazio-Tempo piatto, Materia ed Energia Oscure) alle quali si aggiunge il “peccato” più grande: tornando
indietro nel tempo, all’inizio dell’Universo, si arriva alla ipotetica singolarità iniziale, il grande botto,
espressa oltre che dal minimo dell’entropia da tutti gli infiniti possibili (curvatura dello spazio, temperatura,
densità) che la fisica aborre. Singolarità che papa Pio XII ha voluto interpretare, coerentemente al suo
mandato, come salvifico Fiat Lux (Discorso di alla Pontificia Accademia delle Scienze del 22 novembre
1951):

Pare davvero che la scienza odierna, risalendo d'un tratto milioni di secoli, sia riuscita a farsi testimone
di quel primordiale «Fiat lux», allorché dal nulla proruppe con la materia un mare di luce e di radiazioni,
mentre le particelle degli elementi chimici si scissero e si riunirono in milioni di galassie.

È ben vero che della creazione nel tempo i fatti fin qui accertati non sono argomento di prova assoluta,
come sono invece quelli attinti dalla metafisica e dalla rivelazione, per quanto concerne la semplice
creazione, e dalla rivelazione, se si tratta di creazione nel tempo.

I fatti pertinenti alle scienze naturali, a cui Ci siamo riferiti, attendono ancora maggiori indagini e
conferme, e le teorie fondate su di essi abbisognano di nuovi sviluppi e prove, per offrire una base sicura
ad un'argomentazione, che per sé è fuori della sfera propria delle scienze naturali.

Ciò nonostante, è degno di attenzione che moderni cultori di queste scienze stimano l'idea della
creazione dell'universo del tutto conciliabile con la loro concezione scientifica, e che anzi vi siano
condotti spontaneamente dalle loro indagini; mentre, ancora pochi decenni or sono, una tale «ipotesi»
veniva respinta come assolutamente inconciliabile con lo stato presente della scienza.

Invero la fisica può risalire all'indietro nel tempo solo fino al Tempo di Planck, il più breve intervallo di
tempo misurabile (10-44 secondi) che rende gli infiniti enormemente finiti, quando cioè le dimensioni
dell'universo sono così piccole e la densità dell’energia così elevata che le note e sperimentate leggi fisiche
non si vede più perché dovrebbero essere ancora valide. Retrocedere oltre nel tempo non è possibile se
non per via ipotetica.

La teoria del Big Bang descrive come l’Universo evolve, non come esso inizia!

Riguardo a queste “drammatizzazioni” esemplificate, si condividono le parole del fisico scozzese James
Clerk Maxwell (1831-1879) che, in una recensione pubblicata su Nature nel 1878, scrive:

La verità è che la seconda legge è … una verità statistica, non matematica, dal momento che
dipende dal fatto che i corpi con cui abbiamo a che fare consistono di milioni di molecole …

In realtà il secondo principio della termodinamica viene continuamente violato, ed anche in


considerevole misura, in ogni gruppo sufficientemente piccolo di molecole appartenenti a un corpo
reale.

A cura di Marco Gentili 47


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Aforisma dello scrittore tedesco Paul Thomas Mann (1875-1955):

Il tempo raffredda, il tempo chiarifica; nessuno stato d’animo si può mantenere del tutto
inalterato nello scorrere delle ore.

Freccia del Tempo, ottimismi teologici


Il già citato Ilya Prigogine è un fautore dalla Freccia del tempo (Ilya Prigogine, De l'etre au devenir, 1999,
relazione tenuta a Villa Erba di Cernobbio per la cerimonia inaugurale dell'Università dell'Insubria):

La fisica classica è deterministica e fino al XIX secolo ha conosciuto soltanto leggi che fondavano un
tempo reversibile.

Ho voluto e cerco di dimostrare che possiamo superare questa dimensione. Il mio personale
atteggiamento è quello di uno studioso convinto che si deve cambiare la visione della fisica.

In questa mia riflessione il ruolo del tempo è assoluto: sono arrivato alla conclusione che non siamo
noi a creare la direzione del tempo; siamo piuttosto i figli dell'evoluzione.

L'Uomo per Prigogine è il prodotto più alto dell’evoluzione dell’Universo (sembra quasi un ritorno alla
Terra messa al centro del Mondo): un punto di arrivo (cosa di cui si dubita profondamente).
Evidentemente la condizione fondamentale perché questo avvenga è il tempo: solo il tempo garantisce
che abbiano luogo processi che vanno verso maggiori livelli di complessità.

Per Prigogine La divisione tra passato, presente e futuro ha solo valore di un'ostinata illusione. (Ilya
Prigogine, La fine delle certezze, Bollati Boringhieri, 1997), la Freccia del tempo indica l'evoluzione rispetto
al caos, al disequilibrio e al molteplice, per lui il tempo rappresenta un elemento di "sensatezza"
dell’Universo, fatto della stessa pasta del divenire, del caos, del disequilibrio, della molteplicità, che si
dedica a orientare e organizzare. Un tempo come:

• risultante della mutevolezza dell’Universo, si origina del caos in un contesto non in equilibrio;
• presupposto della significatività ed organicità dell'Universo, in quanto ne orienta caoticità
dell’Universo ed imprime ad esso un equilibrio per cui anche l’Uomo, così come tutti gli altri suoi
enti, è figlio della Freccia del tempo.

Prigogine rigetta il concetto di morte termica, ritiene l'entropia un concetto dialettico, che crea il
disordine ma anche l' ordine.

Per lui l’Universo è morto al suo inizio, nella grande esplosione di entropia (eppure il Big Bang dovrebbe
essere lo stato più ordinato che l’Universo abbia conosciuto, soprattutto se ad esso si applica il II Principio
della Termodinamica) che l'ha fatto esistere, che ha istaurato i tre criteri indispensabili per far sorgere
strutture dinamiche, lontane dall'equilibro, come l’Uomo stesso:

• l’irreversibilità dei processi di trasformazione, raccontata come asimmetria rispetto al tempo;


• la probabilità, che esclude ogni rigido determinismo sopprimendo le incognite condizioni iniziali;
• la coerenza interna dei sistemi complessi.


A cura di Marco Gentili 48
Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Prigogine sostiene il primato ontologico del divenire sull'essere:

E' vero che nella prospettiva della filosofia presa nel suo insieme ciò che è fisso, immutabile,
atemporale gode di un privilegio ontologico. Il tempo sarebbe un essere dimezzato, una decadenza
dell'eternità. E così, a partire dal XIX secolo, il pensiero filosofico si è interrogato sempre più sulla
dimensione temporale della nostra esistenza, come testimoniano le opere di Hegel, Husserl, James,
Bergson, Whitehead o Heidegger. Allor che per i fisici, particolarmente per Einstein, il problema del
tempo si poteva considerare risolto, per i filosofi questa restava il problema per eccellenza, quello
dove si giocava il senso dell'esistenza umana (...)

Nella prospettiva attuale è precisamente il divenire l'elemento narrativo che diviene l'elemento
fondamentale. E infatti noi ci avviciniamo ai filosofi per il fatto che il divenire appare come la
sostanza stessa dell'Universo (...)

Il concetto di realtà associato alla meccanica classica era quello di un automa. La meccanica
quantistica non ha migliorato la situazione perché nella meccanica dei quanti è la misura che ci
farebbe scoprire la realtà, in assenza di misura, non si può propriamente parlare di realtà (…)

Come, allora, parlare di ontologia [dell’essere]? Noi arriviamo ora all'idea di un mondo in
costruzione. Un mondo in costruzione è un mondo che non è retto da certezze, ma da possibilità.
Allo stesso tempo, noi abbiamo la storia cosmologica, al cui interno si trova la storia della materia,
entro la quale si trova di nuovo la storia della vita e, finalmente, la storia dell'Uomo. Arriviamo
perciò a una ontologia associata al divenire. Sono parecchi i punti matematici che rimangono da
chiarire (...)

L'Universo si evolve verso stati di complessità (di ordine) sempre maggiori: mentre l'enorme entropia
iniziale, creata nel Big Bang, si concentra, nella radiazione, nell’energia, la materia si evolve, crea nubi di
gas, galassie, stelle, pianeti, vita e, con quest’ultima, perfino pensiero e coscienza. Tutti sistemi di crescente
complessità che Prigogine ritiene strutture dissipative, portatrici di ordine.

Cosa ha fatto allora nascere il tempo? E' anch'esso un prodotto del Big Bang che ha rigurgitato spazio,
energia e materia?

Per Prigogine col Big Bang non nasce il Tempo (con la maiuscola), ma solo il tempo (con la minuscola)
dell’Uomo, quello in cui spazio ed energia decadono in materia, l'era della morte termica e della nascita
della vita. Il grande botto originario, non sarebbe potuto accadere se un altro Tempo (sempre quello con la
maiuscola), il prerequisito, la condizione di possibilità del venire in essere del Tutto, non avesse partorito
l'Universo: questo Tempo è mistero.

La conclusione di Prigogine non è più purtroppo l’auspicato incontro di fisica e filosofia, è solo metafisica,
o peggio teologia; cosa che innalza il mistero del tempo e rischia di trasformare Prigogine in un suo
ministero (in termini cristiani, un servizio svolto da un fedele appartenente alla chiesa).

L’affermazione del privilegio ontologico del divenire, imposto dalla interpretazione di Freccia del tempo di
Prigogine, rimanda alla riflessione filosofica del filosofo francese Henri-Louis Bergson (1859-1941) sulla
teoria della evoluzione, l’evoluzione creatrice (L'Évolution créatrice, 1907):

Uno degli obiettivi dell'Evoluzione creatrice è di mostrare che il Tutto è della stessa natura di cui
sono fatto io (...)

A cura di Marco Gentili 49


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Si condivide con Prigogine la volontà di abbassare il ponte levatoio sul fossato che separa pensiero
filosofico e pensiero scientifico.

Aal tempo stesso si rigetta il senso teologico che emerge dalla sua considerazione finalistica del divenire
per cui, se ogni cosa tende a un fine da realizzare, dovrà necessariamente esservi, perché il movimento
non continui all'infinito, un fine ultimo; quell'assoluto divino totalmente estraneo a qualsiasi fisica.

Fisica che umilmente s’interroga esclusivamente sul tempo con la t minuscola.

Aforisma del giornalista e scrittore italiano Roberto Gervaso (1937):

Il tempo c’insegna tante cose, meno come farne buon uso.

Tempo Assoluto, Continuo, Misurabile, Inutile


Come già fatto per la Fisica Classica, si riepilogano le specifiche caratteristiche richieste al tempo dalla
struttura formale matematica in cui sono espresse le leggi della Meccanica Statistica, per cui il tempo deve
essere: Assoluto, Continuo, Misurabile; al tempo stesso l’utilizzo dell’Ensamble rende il tempo “poco utile”.

Il tempo della Meccanica Statistica deve essere assoluto, così che:

• il concetto di Freccia del Tempo associato al II Principio della Termodinamica ordini l’evoluzione
dell’Universo, scorrendo come un flusso, fornendo una freccia grazie alla quale si sa qual è la
direzione dal passato ordinato al futuro disordinato;
• il tempo garantisca che, fuori dall’equilibrio, abbiano luogo processi che vanno verso maggiori livelli
di complessità.

Il tempo della Meccanica Statistica deve essere continuo:

• per poter ancora scrivere un’equazione differenziale del primo ordine (quella esprimente il II
Principio della Termodinamica) che impone l’incremento dell’entropia (del disordine) nel tempo;
• così che la teoria sia causale, essendo la causalità assicurata dalle forze della Fisica Classica che
regolano l’interazione delle particelle costituenti i microstati corrispondenti al macrostato; seppure
non deterministica in conseguenza del fatto che le condizioni iniziali, le traiettorie, le equazioni del
moto x(t) non possono essere conosciute, cosa che porta all’adozione del concetto di Ensamble,
quello che si conosce è la probabilità termodinamica, ovvero il numero πM di microstati
corrispondenti al macrostato.

Il tempo della Meccanica Statistica deve essere misurabile:

• basato su una metrica assoluta affinché la durata tra due eventi sia anch’essa indipendente dagli
osservatori come la loro eventuale simultaneità (durata = 0); il tempo della misura dell’osservabile
fisico fatta dall’osservatore è interpretabile come quello del livello macroscopico dell’osservatore,
non quello dei microstati ad esso corrispondenti, per questo uguale a quello della Fisica Classica.

A cura di Marco Gentili 50


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

L’uso del tempo che si fa in Meccanica Statistica lo rende poco utile:

• perché la media temporale sul singolo sistema fisico originale è sostituita dalla media statistica sugli
elementi costituenti l’Ensemble, i microstati;
• perché la misura effettuata è il risultato di una media dell’osservabile fisico su tutti i microstati
esplorati dal sistema nel tempo necessario per effettuare la misura, quindi l’entropia S non dipende
dal tempo ma solo dal numero di microstati di uno Spazio delle Fasi Γ privo di tempo;

Aforisma del giornalista statunitense Doug Larson (1926-2017):

Tra gli atti di sparizione, nulla supera ciò che succede alle otto ore che presumibilmente ci
rimangono dopo le otto ore di sonno e le otto di lavoro.

A cura di Marco Gentili 51


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Relatività
Parlando di relatività bisogna ricordare che se ne parla sin dai tempi di Galileo, anche se, ovviamente, si
tratta di un tipo di relatività diversa da quella einsteiniana, giacché il tempo per Galileo è assoluto.

Che cos’è la relatività? Da cosa nasce l’esigenza relativistica?

Un fisico dell’Oggi direbbe che ci serve una fisica covariante, che anzi solo una fisica covariante si può
chiamare fisica. Fisica covariante significa una fisica le cui leggi valgono per diversi osservatori (in diversi
stati di moto), non sono alterate da specifiche trasformazioni che permettono di mettere in relazione
diversi osservatori. Se qualcuno costruisse una fisica legata unicamente al suo sistema di riferimento, non
avrebbe alcuna possibilità di confrontarsi con altre persone poste in altri sistemi di riferimento, si
perderebbe in questo modo quell’essenziale aggettivo che alla fisica compete: l’oggettività! L’esigenza
relativistica nasce dal bisogno di poter tenere conto delle differenti situazioni in cui si trovano diversi
osservatori, in modo tutti assieme di poter costruire la stessa fisica.

Il fisico tedesco naturalizzato svizzero e statunitense Albert Einstein (1879 -1955) nel 1905 non inventa
l’esigenza relativista, semplicemente, quanto innovativamente, realizza il passaggio dalla Relatività
Galileiana alla sua Relatività Ristretta. In questo passaggio l’Universo, inteso come Spazio-Tempo fisico in
cui accadono eventi, subisce importanti modificazioni e con lui i concetti di spazio e tempo.

Si vuole affrontare l’analisi del significato di tempo nella Relatività Ristretta in modo non consueto
partendo, invece che dall’impostazione datane da Einstein, dalla sua riformulazione in un’elegante veste
matematica, fatta verso il 1908 dal matematico lituano naturalizzato tedesco Hermann Minkowski (1864-
1909), quella dell’Universo minkowskiano descritto dal formalismo quadridimensionale dello Spazio-
Tempo costituito da 3 dimensioni spaziali ed una temporale.

Per capire le caratteristiche del nuovo Universo minkowskiano adottato da Einstein conviene metterlo a
confronto con quello di Newton, cosa che porta a prescindere inizialmente dal tempo per parlare di
geometria:

• euclidea, quella dell’Universo di Newton della Fisica Classica, con le sue due famose rette parallele
che non si raggiungono mai nemmeno prolungandole all’infinito;
• pseudo-euclidea, quella dell’Universo di Minkowski della Relatività Ristretta, ancora legata ad uno
spazio piatto che a perso la caratteristica di isotropia;
• non euclidea, quella dell’Universo di Schwarzild della Relatività Generale, che distingue uno spazio
curvo dove le parallele cessano di esistere perché le rette s’intersecano sempre prima o poi, non
omogeneo, ne isotropo.

S’introduce poi un concetto matematico astratto, quello di metrica, che permette di catalogare i diversi tipi
di geometrie, solo successivamente si reintroduce il significato fisico relato alle differenze riscontrate tra le
diverse metriche. Definire una geometria significa assegnare una prescrizione che permetta il calcolo della
distanza tra due punti arbitrari dell’Universo che consideriamo, quello che in matematica si dice definire la
metrica. Visto che poi si tornerà alla fisica questi punti vengono chiamati Eventi, le linee che questi punti
tracciano sono delle Linee d’Universo. La distanza tra due Eventi sarà invariante (non cambia) rispetto a
qualche tipo di operazione (gruppo di simmetria), ovvero eseguire questa operazione non modifica il valore
della distanza tra due Eventi. La geometria sarà così definita indifferentemente, o dalla regola per il calcolo
della distanza, la metrica, o dalle operazioni per cui la distanza è invariante.

A cura di Marco Gentili 52


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Volendo ricondurre questo astruso ed astratto discorso in un ambito più familiare cominciamo
dall’Universo newtoniano, che è quello di cui si ha diretta esperienza nel quotidiano, con il vantaggio che è
descritto da quella geometria euclidea che viene insegnata sin dalle elementari. La formula per calcolare la
distanza nella geometria euclidea è il noto teorema di Pitagora che in una geometria bidimensionale,
adottata per semplificare i ragionamenti, dato un Evento di coordinate E(dx, dy), dove dx e dy indicano un
punto infinitamente vicino all’origine O(0,0) ne calcola la distanza ds, anch’essa infinitesima, dall’origine del
sistema di riferimento. Per il teorema di Pitagora la distanza ds è:

𝑑𝑠 = 𝑑𝑥 ! + 𝑑𝑦 ! 𝑜 𝑑𝑠 ! = 𝑑𝑥 ! + 𝑑𝑦 ! da cui discende che è sempre 𝑑𝑠 ≥ 0


Le operazioni rispetto alle quali questa distanza è invariante sono le traslazioni (si sposta l’origine O) e le
rotazioni (si ruotano gli assi attorno all’origine O) del sistema di riferimento. Questa doppia invarianza di ds
si esprime dicendo che l’Universo di Newton è:

• omogeneo, perché invariante per traslazione;


• isotropo, perché invariante per rotazione.

Volendo generalizzare per un arbitrario Universo bidimensionale non euclideo la metrica si può esprimere
come segue prevedendo tutte le combinazioni delle coordinate dx e dy:

𝑑𝑠 ! = 𝑔!! Ÿ𝑑𝑥 ! + 𝑔!" Ÿ𝑑𝑥Ÿ𝑑𝑦 + 𝑔!" Ÿ𝑑𝑦Ÿ𝑑𝑥 + 𝑔!! Ÿ𝑑𝑦 !


L’insieme dei coefficienti che compaiono in questa equazione è chiamato tensore (una sorta di
generalizzazione del concetto di vettore) metrico g; confrontando l’espressione generale della metrica con
quella della geometria euclidea si conclude che il tensore metrico euclideo è:

𝑔!! 𝑔!" 1 0
𝑔= 𝑔 𝑔!! 𝑝𝑒𝑟 𝑙𝑎 𝑔𝑒𝑜𝑚𝑒𝑡𝑟𝑖𝑎 𝑒𝑢𝑐𝑙𝑖𝑑𝑒𝑎 𝑔=
!" 0 1

Aforisma del fisico e matematico britannico Stephen William Hawking (1942-2018):

Nella teoria della relatività non esiste un unico tempo assoluto, ma ogni singolo individuo ha una
propria personale misura del tempo, che dipende da dove si trova e da come si sta muovendo.

Universo di Minkowski
L’Universo di Minkowski è descritto da una geometria detta Pseudo-Euclidea; con ciò si vuole esprimere il
fatto che esistono somiglianze formali e significati fisici analoghi, tra i due Universi, di Newton e di
Minkowski. Il senso di questa similitudine è ben espresso dalla metrica Pseudo-Euclidea dove, sempre
limitandosi ad un Universo bidimensionale, al posto della coordinata spaziale y c’è la coordinata temporale
cŸ t, il tempo moltiplicato per la costante universale c che indica la velocità della luce per rendere
omogenee le unità di misura di spazio e tempo:

𝑑𝑠 = 𝑑𝑥 ! − 𝑐 ! 𝑑𝑡 ! 𝑜 𝑑𝑠 ! = 𝑑𝑥 ! + 𝑐 ! 𝑑𝑡 ! con 𝑑𝑠 > 0 , = 0, < 0

A cura di Marco Gentili 53


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Il tensore metrico di Minkowski è:

1 0 1 0
𝑔= 𝑠𝑖𝑚𝑖𝑙𝑒 𝑎 𝑞𝑢𝑒𝑙𝑙𝑜 𝑒𝑢𝑐𝑙𝑖𝑑𝑒𝑜 𝑔=
0 −1 0 1
Si ricorda che un postulato fondamentale della Relatività Ristretta è che la velocità della luce è una costante
universale, ciò significa che per qualsiasi osservatore, indipendentemente dal suo stato di moto la velocità
della luce è sempre c. Una diretta conseguenza di questo postulato è che non è possibile superare la
velocità c in alcun modo, di conseguenza è rigettata l’azione a distanza e rispettata quell’antecedenza
temporale come detto spesso confusa con il più generale principio filosofico di produzione costante.

La differenza sostanziale tra metrica euclidea e Pseudo-Euclidea è che quest’ultima introduce una
differenziazione tra le coordinate spaziali e temporali dell’Universo:

• le coordinate spaziali (x nell’esempio bidimensionale) sono caratterizzate da coefficienti positivi;


• la coordinata temporale (t) è caratterizzata da un segno negativo.

L’Universo di Newton non discrimina tra le coordinate, anzi in virtù della sua isotropia permette di
scambiarle (una rotazione di 90° trasforma x in y), quello di Minkowski si:

• questo è uno dei motivi fondamentali per rifiutare la definizione di IV dimensione parlando del
tempo;
• spazio e tempo hanno significati distinti che matematicamente corrispondono a segni diversi;
• il coefficiente negativo del tensore metrico implica uno Spazio-Tempo non isotropo.

Una diversa metrica origina una diversa geometria, essendo la distanza di Minkowski diversa da quella di
Pitagora è evidente che le operazioni che lasciano invariata questa distanza saranno differenti. Ora le
operazioni invarianti sono le traslazioni (si sposta l’origine O) e le Trasformazioni di Lorentz (di cui si chiarirà
il significato fisico più avanti). L’Universo di Minkowski è:

• omogeneo, perché invariante per traslazione, come già accadeva per l’Universo di Newton;
• non più isotropo, perché non invariante per rotazione.

Aforisma del fisico tedesco naturalizzato svizzero e statunitense Albert Einstein (1879-1955):

Il tempo è un’illusione.

Uso del tempo nella Relatività Ristretta


La mancanza d’isotropia è assai importante ed è evidenziata dal concetto di cono di luce che ripartisce
l’Universo di Minkowski in tre zone distinte, caratterizzate dai diversi segni della metrica ds:

• zona temporale, per ds < 0, ovvero x < cŸ t, accessibile ai corpi dotati di massa che possono
interagire con l’evento collocato nell’origine del cono di luce, per questo detta anche zona causale;
• zona luminosa, per ds = 0, ovvero x = cŸ t, accessibile alle particelle prive di massa, come i fotoni
che propagano la forza elettromagnetica che possono raggiungere l’evento collocato nell’origine
del cono di luce;

A cura di Marco Gentili 54


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

• zona spaziale, detta anche non-causale, per ds > 0, ovvero x > cŸ t, non interagente causalmente
con l’evento collocato nell’origine del cono di luce, per questo detta anche zona non causale.

L’origine nomi causale e non-causale di queste zone è diretta conseguenza del fatto che due eventi separati
dalla distanza x e dal tempo t, se x > cŸ t, non possono essere causalmente connessi nemmeno dal segnale
fisico più veloce, la luce. Di conseguenza essi non possono essere legati da un rapporto di causa-effetto in
un’interpretazione di causalità più restrittiva di quella che in filosofia il principio di produzione costante
richiede. La zona causale e quella non-causale sono nettamente distinte, come distinti sono spazio e tempo.
La struttura del cono di luce permette di definire chiaramente cosa siano il futuro, il presente ed il passato
di un qualsiasi oggetto fisico basandosi sulle possibili connessioni causali.

Nella Relatività Ristretta la vera “arena” degli Eventi è un Universo costituito dal blocco quadridimensionale
dello Spazio-Tempo, come se la Relatività spazializzasse il tempo, trasformandolo in un’ulteriore direzione
all’interno del blocco. Invero nella Relatività Ristretta il tempo ha una funzione distinta e importante,
distingue localmente tra:

• Direzioni di “tipo tempo” all’interno del cono;


• Direzioni di “tipo spazio” all’esterno del cono.

Le direzioni di “tipo tempo” possono collegare due eventi con un nesso causale che contempla
l’antecedenza temporale:

• sono questi eventi per cui un oggetto, o un segnale, può passare da uno all’altro, influenzando ciò
che accade;
• tutti gli osservatori concordano sulla successione degli eventi di “tipo tempo”, se un osservatore
percepisce che un evento può causarne un altro, allora lo percepiscono tutti gli osservatori.

Le direzioni di “tipo spazio” non possono collegare due eventi in modo causale:

• nessun oggetto o segnale può passare dall’uno all’altro;


• gli osservatori sono in disaccordo sulla successione degli eventi di “tipo spazio”.

A cura di Marco Gentili 55


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Tornando alle Trasformazioni di Lorentz, che permettono di relazionare osservatori diversi, uno in
movimento rispetto all’altro, la loro interpretazione grafica trasforma un sistema con assi ortogonali neri
(T=cŸ t, x) in un sistema con assi non più ortogonali blu (T’, x’) in movimento con velocità v < c rispetto al
primo.

Passando dalla geometria alla fisica, la prima evidente conseguenza della perdita di ortogonalità del sistema
di riferimento in movimento (l’angolo tra t’ e x’ è minore di 90°) è che l’evento P:

• è simultaneo a tutti gli eventi posti sul segmento nero PT nel sistema (T,x);
• è simultaneo a tutti gli eventi posti sul segmento blu PT’ nel sistema (T’,x’).

Cosa che esprime graficamente la relatività della simultaneità.

Con grafismi analoghi si potrebbe rendere conto degli altri due effetti legati alle Trasformazioni di Lorentz
per l’osservatore in movimento rispetto a quello fermo:

• la dilatazione dei tempi;


• la contrazione delle lunghezze.


A cura di Marco Gentili 56
Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Si evidenzia come questi effetti sono puramente cinematici, con questo intendendo diretta conseguenza di
osservazioni fatte da un osservatore in movimento.

La relatività è riferita alla relatività dell’osservare, dell’apparire, non alla relatività dell’oggetto osservato,
dell’evento, indipendentemente dall’osservazione.

In particolare il venir meno della simultaneità degli eventi non fa vacillare in alcun modo l’idea di causalità,
anzi la fa apparire come una diretta conseguenza dell’assunzione in fisica del principio di antecedenza
temporale di cui la filosofia della causalità sa fare a meno.

Una causalità che preveda l’antecedenza temporale appare molto più fisica che non l’azione a distanza.

Lo scotto da pagare è però alto: la relatività ristretta è incompatibile con la Legge della Gravitazione
Universale di Newton.

Può sembrare un ossimoro ma si ritiene la teoria della Relatività Ristretta esprima caratteristiche di
“assolutezza” assai positive per ogni osservatore:

• assolutezza di ciò che è causale o non causale;


• assolutezza della successione temporale degli eventi;
• assolutezza della distinzione tra le dimensioni di spazio e tempo.

Che l’Universo di Minkowski sia così assoluto è qualcosa che al fisico da molto più sollievo filosofico
dell’Universo di Newton così estraneo ed alieno all’indagine fisica.

E’ per questo che l’Entanglement della Meccanica Quantistica (di cui si parlerà successivamente), che
rievoca una qualche forma di azione a distanza, appare ai fisici inquietante.

Aforisma del fisico tedesco naturalizzato svizzero e statunitense Albert Einstein (1879-1955):

Tutto è relativo. Prenda un ultracentenario che rompe uno specchio: sarà felicissimo di sapere che
ha ancora sette anni di disgrazie.

Universo di Schwarzschild
Il passaggio dalla Relatività ristretta alla Generale, elaborata da Albert Einstein nel 1916 si concretizza
nell’estensione della classe di osservatori tra loro equivalenti:

• la Relatività Ristretta, come già precedentemente la Relatività Galileiana, limita questa classe di
osservatori equivalenti agli osservatori inerziali (fermi o in moto lineare uniforme);
• la Relatività Generale, amplia la classe degli osservatori equivalenti anche a quelli in caduta libera
all’interno di un campo gravitazionale (per questo in moto uniformemente accelerato).

Questa estensione degli osservatori equivalenti è diretta conseguenza dell’adozione del Principio di
Equivalenza, che può essere così formulato:

Un sistema in caduta libera si presenta localmente inerziale, ovvero in esso le forze gravitazionali
non compaiono.

A cura di Marco Gentili 57


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Cosa di cui si rendono facilmente conto tutti quelli, oltre un milione di persone, che dal 1993 si cimentano
nel bungee jumping, il salto con l’elastico, lanciandosi da un alto viadotto appesi per le caviglie ad una
corda elastica, nella manciata di secondi in cui si ritrovano senza peso, prima che la corda si tenda
facendogli riacquistare peso e al contempo salvandogli la vita.

Per inciso accettare il Principio di Equivalenza significa eliminare le forze gravitazionali dalle possibili cause
del moto, cosa che induce ad indagare il significato causale della Relatività Generale.

La Relatività Generale descrive la forza di gravità non più come azione a distanza fra corpi, come nella
Legge della Gravitazione Universale di Newton, ma come effetto di una legge fisica che lega la geometria
dell’Universo (in particolare la curvatura dello Spazio-Tempo) con la densità al suo interno di massa ed
energia (rese equivalenti dalla famosa formula, sempre di Einstein, E = m Ÿ c2).

La forza gravitazionale risulta in questo modo una forza apparente osservata nei riferimenti non inerziali
(non in caduta libera all’interno del campo gravitazionale).

La struttura matematica formale della Relatività Generale è rappresentata dalle Equazioni di Campo di
Einstein, equazioni differenziali e tensoriali che non ho la pretesa di spiegare e nemmeno di scrivere. Mi
limito ad evidenziare che la metrica della Relatività Generale, a differenza di quelle dell’Universo di Newton
e di Minkowski, non è stabilita a priori (in base al principio di costanza della velocità della luce ed alle
proprietà di omogeneità ed isotropia dello spazio) ma si ricava come soluzione delle Equazioni di Campo,
una volta specificata la natura fisica dell’Universo che si vuole descrivere.

La prima soluzione per la metrica delle Equazioni di Campo, trovata pochi mesi dopo la sua pubblicazione
della Relatività Generale, è quella del matematico e fisico tedesco Karl Schwarzschild (1873-1916): valida
per descrivere l’Universo, sempre inteso come Spazio-Tempo fisico in cui accadono eventi, attorno a una
massa sferica, non rotante e priva di carica elettrica. Questa metrica (sempre immaginando per semplicità
un Universo bidimensionale di coordinate x e cŸ t ) si scrive come segue:

1 2Ÿ𝐺Ÿ𝑀
𝑑𝑠 ! = Ÿ 𝑑𝑥 ! − 1 − Ÿ 𝑑𝑡 !
2Ÿ𝐺Ÿ𝑀 !
𝑐 Ÿ𝑥
1− !
𝑐 Ÿ𝑥
Dove:

• G è la Costante di Gravitazione Universale, l’unica cosa invariata rispetto alla Legge della
Gravitazione Universale di Newton;
• M è la massa dell’oggetto sferico che genera il campo gravitazionale (come il Sole nel caso del
sistema solare).

Il tensore metrico di Schwarzschild descrive l’Universo della Relatività Generale:

1
0
2Ÿ𝐺Ÿ𝑀
1−
𝑔= 𝑐 ! Ÿ𝑥
2Ÿ𝐺Ÿ𝑀
0 − 1−
𝑐 ! Ÿ𝑥

A cura di Marco Gentili 58


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

La prima cosa di cui è facile rendersi conto è che la metrica di Schwarzschild si riduce a quella Pseudo-
Euclidea di Minkowski della Relatività Ristretta (si dice che la metrica di Schwarzschild è asintoticamente
Pseudo-Euclidea):

• se l’Universo è privo dell’oggetto di massa M che genera la forza gravitazionale;


• a grandi distanze dall’oggetto di massa M che genera la forza gravitazionale, dove la forza si annulla
(quando quindi x diviene molto grande tendendo all’infinito).

2Ÿ𝐺Ÿ𝑀 1 0
𝑠𝑒 𝑀 → 0 𝑜 𝑥 → ∞ 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 1− = 1 𝑒 𝑔 =
𝑐 ! Ÿ𝑥 0 −1
Ancora, come già visto per il tensore metrico di Minkowski, il segno negativo del coefficiente della
coordinata temporale del tensore metrico rende lo Spazio-Tempo non isotropo, distinguendo nettamente
tra spazio e tempo. Un nuovo interessante aspetto del tensore metrico di Schwarzschild è che alcuni dei
suoi elementi dipendono da x, la distanza di un evento dal corpo massivo che genera la forza gravitazionale;
questo significa che:

• lo Spazio-Tempo non è più nemmeno omogeneo, come invece era nella Relatività Ristretta ed in
Fisica Classica;
• la distanza tra due Eventi dipende non più solo dalla loro posizione relativa ma anche dalla loro
posizione rispetto all’oggetto massivo sorgente del campo gravitazionale

Infine è da capire il significato dei coefficienti del tensore metrico diversi da 1, come invece sono quelli degli
Universi di Newton e Minkowski:

2Ÿ𝐺Ÿ𝑀
𝑠𝑒 𝑀≠0 𝑒 𝑥 𝑓𝑖𝑛𝑖𝑡𝑜 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 1− ≠ 1
𝑐 ! Ÿ𝑥
Una metrica con coefficienti diversi da 1 è espressione di uno Spazio-Tempo curvo nelle prossimità della
massa M ed asintoticamente piatto quando ci si allontana all’infinito e il coefficiente tende ad 1.

L’Universo di Schwarzschild della Relatività Generale s’identifica così con uno Spazio-Tempo curvo, non
omogeneo, non isotropo, asintoticamente e localmente Pseudo-Euclideo (piatto, omogeneo, non
isotropo).

A cura di Marco Gentili 59


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

La tabella seguente riepiloga e confronta le caratteristiche evidenziate degli Universi di Newton (Fisica
Classica), Minkowski (Relatività Ristretta) e Schwarzild (Relatività Generale).

Teoria Fisica Fisica Classica Relatività Ristretta Relatività Generale


Universo Newton Minkowski Schwarzild
Spazio-Tempo Euclideo Pseudo-Euclideo Curvo
Omogeneo SI SI NO

Isotropo SI NO NO

Piatto SI SI NO

La curvatura di questo spazio varia in funzione della posizione e dipende dalla massa presente sorgente
(quindi causa) del campo gravitazionale (i coefficienti del tensore metrico di Schwarzild dipendono dalla
posizione e dalla massa che genera la forza gravitazionale). La geometria dello Spazio-Tempo è così definita
dalla distribuzione fisica delle masse ed è variabile nel tempo perché le masse si muovono.

Un moto non rettilineo non è più conseguenza di una forza gravitazionale, ma conseguenza dei “binari
curvi” (geodetiche). Se già in Fisica Classica il moto rettilineo uniforme è non causale ora lo divengono
anche i moti gravitazionali. L’estensione della Relatività riduce il dominio causale della fisica!

Aforisma del 32º presidente degli Stati Uniti d'America, Franklin Delano Roosevelt (1882-1945):

Mai prima d’ora abbiamo avuto così poco tempo per fare così tanto.

Universo della Befana


Difficile avere un’immagine mentale di uno Spazio-Tempo quadridimensionale curvo generatore della forza
gravitazionale, come quello previsto dalla Relatività Generale, motivo per cui mi limito a citare un padre che
lo spiega a sua figlia Clelia ed ai suoi compagni di classe in IV elementare (Papà, perché il cielo di notte è
buio?, 1986).

La teoria della relatività di Einstein che spiega che lo spazio è curvato dalla materia che esso
contiene per dare origine alla forza di gravità è veramente complicata, ma possiamo fare un
esperimento per cercare di capirla meglio.

Per fare questo esperimento dobbiamo costruirci non tanto un nuovo strumento come abbiamo già
fatto, quanto addirittura un Universo, o meglio un modello di Universo. Per semplicità il nostro
modello di Universo avrà solo 2 dimensioni e non le 4 che sono le dimensioni dello Spazio-Tempo.
Devo anche avvertirvi che l’esperimento che faremo rappresenta solo un’analogia molto
semplificata, da non prendere alla lettera, di come si curva lo spazio tempo a causa della presenza
della materia.

L’Universo bidimensionale che costruiremo ho deciso di chiamarlo Universo della Befana, perché le
Befane sono le migliori conoscitrici delle calze e di come le calze si riempiono. Infatti per costruire
questo modello di Universo ci serve un vassoio di plastica ed una calza.

A cura di Marco Gentili 60


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Quello che dobbiamo fare è avvolgere il vassoio con la calza evitando che questa si smagli e facendo
si che sia tirata da tutte le parti sempre nello stesso modo. In questo modo quello che otteniamo è
che la calza si distenda a formare una superficie piana (A). Questo rappresenta lo stato
dell’Universo della Befana in assenza di Galassie, cioè vuoto.



A – Nessuna Massa
B – Piccola Massa




C – Grande Massa
Se chiediamo a Clelia una delle sue palline di vetro e gli chiediamo di poggiarla delicatamente sulla
superficie della calza, possiamo immaginare che quella pallina sia un pianeta, la Terra magari.
Essendo la pallina di piccola massa (sufficientemente leggera) non deforma il piano costituito dalla
calza tesa sul vassoio e rimane ferma. In altre parole se la massa è piccola lo spazio rimane piatto
come nella geometria di Euclide.

Chiediamo a Clelia di dare una piccola spinta alla sua pallina. Come si muove la pallina di vetro?
Come si muovono sempre le palline di vetro su un piano, secondo una linea retta nella direzione in
cui Clelia l’ha spinta.

Adesso ci serve una galassia da mettere all’interno dell’Universo della Befana. Come tutte le stelle
dovrà essere molto più pesante della pallina di vetro che rappresenta un pianeta.

Chiediamo a Giovanni di prestarci quella pesante pallina di metallo con la quale gioca sempre e
diciamogli di metterla sulla calza al centro del vassoio. Ora l’Universo della Befana, siccome c’è una
galassia, s’incurva (B). Più la pallina che rappresenta la galassia è pesante, più lo spazio si curva (C)
sotto l’effetto della grande massa della galassia. Ma per fare gli esperimenti è meglio utilizzare
Galassie di piccola massa.

Diciamo nuovamente a Clelia di poggiare la sua pallina di vetro lontano dalla galassia. Cosa succede
alla pallina di vetro? La pallina di vetro accelera verso la pallina di metallo, il pianeta è attratto dalla
Galassia e si muove verso di esso. Chiediamo ancora una volta a Clelia di dare una piccola spinta
alla sua pallina in modo da evitare la galassia. Come si muove la pallina di vetro? Non si muove
secondo una linea retta nella direzione in cui Clelia l’ha spinta, ma devia verso la galassia. A seconda
dei casi, se la velocità con cui Clelia ha lanciato la pallina non è troppo grande, la pallina si mette ad
orbitare intorno alla galassia. Il fatto che la pallina si avvicini sempre più alla galassia e si fermi
accanto ad essa è dovuto all’attrito tra la pallina di vetro e la calza di nailon che nell’Universo vero
ovviamente non esiste.

A cura di Marco Gentili 61


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

La curvatura dello spazio fa sì che la pallina si comporti come se ci sia un’attrazione gravitazionale
tra la galassia la pallina.

L’Universo della Befana spiega come funziona la Relatività Generale di Einstein.

Aforisma del filosofo greco antico Eraclito di Efeso (535 a.C. - 475 a.C.):

Il tempo è un gioco, giocato splendidamente dai bambini.

Uso del tempo nella Relatività Generale


Per capire l’uso del tempo nella Meccanica Razionale, analogamente a quanto già fatto per la Relatività
Ristretta, si parte dall’analisi della metrica.

Si è già visto che quando la metrica di Schwarzschild tende asintoticamente (𝑀 → 0 𝑜 𝑥 → ∞) a quella


Pseudo-Euclidea di Minkowski i coefficienti del tensore metrico delle coordinate spaziali sono ancora
caratterizzati da un segno positivo e quello della coordinata temporale da un segno negativo, il tensore
metrico si riduce a quello Pseudo-Euclideo:

1 0
𝑔=
0 −1
Al tempo stesso i coefficienti del tensore metrico di Schwarzschild dipendono dalla seguente espressione:

2Ÿ𝐺Ÿ𝑀
1−
𝑐 ! Ÿ𝑥
Espressione che può essere positiva o negativa in questo modo influenzando il segno dei coefficienti del
tensore metrico:

2Ÿ𝐺Ÿ𝑀 + 0 1 0
𝑠𝑒 1 − > 0 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 𝑔 = 𝑠𝑖𝑚𝑖𝑙𝑒 𝑎 𝑔=
𝑐 ! Ÿ𝑥 0 − 0 −1
2Ÿ𝐺Ÿ𝑀 − 0 1 0
𝑠𝑒 1 − < 0 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 𝑔 = 𝑑𝑖𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜 𝑑𝑎 𝑔 =
𝑐 ! Ÿ𝑥 0 + 0 −1
Nel secondo caso i segni dei coefficienti del tensore metrico delle coordinate spaziali e temporale appaiono
invertirsi, lo spazio negativo, il tempo positivo; come se la coordinata spaziale assumesse un significato
temporale (espresso dal segno) e viceversa.

Vediamo sotto quali condizioni questa inversione spazio-tempo può realizzarsi, la precedente espressione
diviene:

2Ÿ𝐺Ÿ𝑀 2Ÿ𝐺Ÿ𝑀
1− < 0 𝑜𝑣𝑣𝑒𝑟𝑜 𝑥 <
𝑐!Ÿ 𝑥 𝑐!

A cura di Marco Gentili 62


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Se immaginiamo che la massa M che genera il campo gravitazionale abbia forma sferica con raggio R
(motivo per cui x > R, per rimanere al di fuori della sorgente di campo gravitazionale), introducendo la sua
densità (ρ = M/V) e ricordando quale sia il volume di una sfera (V = 4/3πR2) si ha:

4 2Ÿ𝐺Ÿ𝑀 𝐺 8𝜋
𝑀= 𝜌 𝜋 𝑅 ! 𝑑𝑎 𝑐𝑢𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑒𝑔𝑢𝑒 𝑅 < 𝑥 < !
= !
Ÿ Ÿ𝜌 Ÿ𝑅 !
3 𝑐 𝑐 3
Da questa espressione, risolvendola rispetto alla densità ρ si ottiene la condizione per cui i coefficienti del
tensore metrico delle coordinate spaziali e temporale s’invertono:

𝑐! 3 1
𝜌 > 𝜌!"#"$% = Ÿ Ÿ
𝐺 8𝜋 𝑅 !
Si potrebbe paradossalmente pensare che quando la sorgente di campo gravitazionale ha una densità
così elevata da soddisfare la precedente condizione, l’inversione di segno dei coefficienti del tensore
metrico possa interpretarsi come sintomo dell’inversione di spazio e tempo.

Non che questo debba preoccupare chi abita la Terra e più in generale il Sistema Solare: considerando il
raggio della Terra e del Sole, questa densità limite che inverte il segno di spazio e tempo sarebbe molto
maggiore (1.000.000.000, un miliardo di volte maggiore) delle effettive densità di Terra e Sole.

𝑝𝑒𝑟 𝑙𝑎 𝑇𝑒𝑟𝑟𝑎 𝜌!"#"$% = 4Ÿ10!" 𝑘𝑔/𝑚! 𝑖𝑛𝑣𝑒𝑐𝑒 𝜌!"##$ = 6Ÿ10! 𝑘𝑔/𝑚!


𝑝𝑒𝑟 𝑖𝑙 𝑆𝑜𝑙𝑒 𝜌!"#"$% = 3Ÿ10!" 𝑘𝑔/𝑚! 𝑖𝑛𝑣𝑒𝑐𝑒 𝜌!"#$ = 1Ÿ10! 𝑘𝑔/𝑚!
Un’analisi fisica più attenta, basata sul concetto stesso di causalità, risolve il paradosso permettendo di
concludere che come già per la Relatività Ristretta, anche nella Relatività generale spazio e tempo non
possono scambiarsi, così mantenendo le ampie autonomie di significato necessarie per la costruzione di
una qualunque teoria fisica relativistica.

Per potersene rendere conto è necessario introdurre il concetto di velocità di fuga: la velocità minima che è
necessaria ad un oggetto arbitrario di massa m per poter sfuggire al campo gravitazionale generato dalla
massa M di raggio R. La velocità di fuga (vf) si determina eguagliando l’energia potenziale gravitazionale (U)
sulla superficie della massa che genera il campo gravitazionale con l’energia cinetica (E) dell’oggetto.

𝑀Ÿ𝑚 1
𝑈=𝐺Ÿ 𝐸= Ÿ 𝑚 Ÿ 𝑣!! 𝑠𝑒 𝑈 = 𝐸 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎
𝑅 2

𝑀Ÿ𝑚 1 2Ÿ𝐺Ÿ𝑀
𝐺Ÿ = Ÿ 𝑚 Ÿ 𝑣!! 𝑑𝑎 𝑐𝑢𝑖 𝑣! =
𝑅 2 𝑅

La stessa Relatività ci dice che le particelle più veloci sono i fotoni (quanti di luce) che si muovono alla
velocità della luce c.

Quale condizione deve essere soddisfatta affinché i fotoni possano sfuggire alla forza di gravità generata
alla massa M nell’Universo di Schwarzschild?

A cura di Marco Gentili 63


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Ovviamente c ≥ vf per cui:

2Ÿ𝐺Ÿ𝑀 2Ÿ𝐺Ÿ𝑀
𝑐 ! ≥ 𝑣!! = 𝑑𝑎 𝑐𝑢𝑖 𝑅≥ = 𝑅!
𝑅 𝑐!
Dove la lunghezza Rs è chiamata Raggio di Schwarzschild:

• se la condizione R ≥ Rs è soddisfatta, almeno i fotoni (segnali luminosi) possono fuggire dal campo
gravitazionale;
• se invece R < Rs né i fotoni , ne altre particelle o segnali che si propaghino con una velocità inferiore
a quella della luce possono fuoriuscire dal campo gravitazionale, cosa che tipicamente avviene
intorno ad un buco nero.

Per questo motivo la superficie sferica di raggio Rs è detta Orizzonte degli eventi, questa superficie separa
due regioni dello Spazio-Tempo non interagenti fisicamente, ovvero casualmente sconnesse.

Per il fisico matematico britannico Roger Penrose (1931) l'orizzonte degli eventi è (Roger Penrose, La strada
che porta alla realtà. Le leggi fondamentali dell'Universo, Rizzoli, 2004):

… una particolare superficie dello spazio-tempo che separa i posti da cui possono sfuggire segnali da
quelli da cui nessun segnale può sfuggire.

Che cosa accade se da una regione dell’Universo non riesce a fuggire nemmeno la luce? “Appare” come un
Buco Nero, termine introdotto dal fisico statunitense John Archibald Wheeler (1911-2008):

• buco, perché se qualcosa vi cade non ne può più riemergere;


• nero, perché non emette luce (a meno che non si consideri la meccanica quantistica ed il suo
concetto di vuoto quantistico, un ribollire di creazione ed annichilazione di coppie di
particella/antiparticella).

Utilizzando il Raggio di Schwarzschild, si scrive più semplicemente:

• la condizione che realizza l’inversione spazio-tempo 𝑅 < 𝑥 < 𝑅!


!
! 0
!! !
• oltre che il tensore metrico di Schwarzschild 𝑔= !
!!
0 − 1− !

Risultato per cui la regione dell’Universo di Schwarzschild in cui i segni dei coefficienti del tensore metrico
delle coordinate spaziali e temporale s’invertono (𝑅 < 𝑥 < 𝑅! ), il Buco Nero, è causalmente non connessa
a quella in cui si mantengono coerenti allo spazio Pseudo-Euclideo dell’Universo di Minkowski (𝑥 ≥ 𝑅! ).
Ciò permette di ridefinire le coordinate dx e cŸ dt in modo da riaggiustare i segni coerentemente alla
metrica Pseudo-Euclidea della Relatività Ristretta. Questo non significa più scambiare spazio e tempo ma
più semplicemente eseguire un’operazione puramente formale di scambio, utile solo per ragioni di
chiarezza, priva di qualsiasi significato fisico.

A cura di Marco Gentili 64


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

L’esistenza di “bolle”, non causalmente connesse con l’Universo circostante, che racchiudono le
singolarità (punti in cui la metrica diverge diventando indefinita come per x = 0) in esso presenti
permette di eliminare il paradosso costituito dall’inversione di spazio e tempo.

Anche in questo caso un problema che non appartiene a chi abita la Terra e più in generale il Sistema
Solare: considerando il raggio della Terra e del Sole, il Raggio di Schwarzschild che inverte il segno di spazio
e tempo sarebbe molto minore degli effetti raggi di Terra e Sole.

𝑝𝑒𝑟 𝑙𝑎 𝑇𝑒𝑟𝑟𝑎 𝑅! = 10!! 𝑚 𝑖𝑛𝑣𝑒𝑐𝑒 𝑅!"##$ = 6Ÿ10! 𝑚

𝑝𝑒𝑟 𝑖𝑙 𝑆𝑜𝑙𝑒 𝑅! = 10! 𝑚 𝑖𝑛𝑣𝑒𝑐𝑒 𝑅!"#$ = 7Ÿ10! 𝑚


Una volta introdotto l’Orizzonte degli Eventi, a cascata se ne generano altri:

• l’Orizzonte Cosmologico, o orizzonte degli eventi cosmico, Inteso come limite dell'Universo
osservabile, finito, indipendentemente da finitezza o infinitezza dell’intero Universo;
• l’Orizzonte di Particella, inteso come orizzonte degli eventi visibili per un dato osservatore
(l’intersezione del suo cono del passato con la singolarità iniziale t = 0); se questo sta sulla Terra il
suo orizzonte di particella coincide con il precedente orizzonte cosmologico.

Da questi orizzonti nasce una sorta di paradosso dell’orizzonte, una sorta d’incongruenza del modello
cosmologico standard del Big Bang basato sulla Relatività Generale. Se l’osservatore O osserva due parti
dell’Universo, A e B, in due direzioni opposte dello spazio (x) sufficientemente distanti, i coni di luce di A
(A1-A2) e B (B1-B2) possono non incontrarsi, gli Orizzonti di Particella di A e B non s’intersecano, cosa che
significa che le due regioni A e B non sono mai state causalmente connesse.


In senso più generale si può affermare che ci sono parti dell'Universo che sono visibili ad un osservatore,
ma non lo sono ad un altro, perché al di fuori del proprio orizzonte di particella; di conseguenza non è
possibile avere informazioni su tutte le regioni dell’Universo per quanto lungo sia il tempo di osservazione.

Il paradosso dell’orizzonte nasce dall'evidenza che regioni dell'Universo che non dovrebbero essere mai
entrate in contatto, a causa di una distanza tra esse superiore a quella che ha potuto percorrere la luce
nel tempo stimato dall'evento iniziale del Big Bang, sono caratterizzate da analoghe proprietà fisiche (in
primis temperatura ed energia). Come è possibile?

A cura di Marco Gentili 65


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Per risolvere il paradosso dell'orizzonte e per giustificare la piattezza su larga scala dell’Universo, all'inizio
degli anni ottanta è stata proposta la Teoria Inflazionaria (ad oggi ancora priva di verifiche sperimentali ed
esterna alla Relatività Generale) dal fisico sovietico Alexei Alexandrovich Starobinsky (1948) e
contemporaneamente dal fisico statunitense Alan Guth (1947).

La teoria ipotizza che l'Universo, un infinitesimo dopo il Big Bang (10-35 secondi), abbia attraversato una
breve (10-30 secondi) fase di espansione estremamente rapida, che ha aumentato il raggio dell'Universo di
un fattore enorme, di circa 1027 volte (un miliardo di miliardi di miliardi). Al termine della breve fase
inflazionaria l'espansione dell’Universo sarebbe ripresa al ritmo precedente previsto dalla cosmologia
standard ed in accordo con le attuali osservazioni inerenti il Red Shift delle galassie (lo spostamento verso il
rosso dovuto all’effetto Doppler che indica l’allontanamento delle galassie).

Durante l'inflazione l'Universo si è quindi espanso ad una velocità di gran lunga superiore a quella della
luce: questo non viola la Relatività che pone un limite alla velocità con cui un segnale qualunque propaga
nello spazio perché nella Teoria Inflazionaria a propagarsi più velocemente della luce è lo stesso Spazio-
Tempo.

Riguardo alla Teoria Inflazionaria mi piace quanto dichiarato dal già citato Roger Penrose (Ecco il Big bang
della fisica, intervista per il quotidiano La Repubblica di Luca Fraioli, 2016):

Quando ne sentii parlare la prima volta provai orrore. Serve a spiegare perché l'Universo è uniforme
e piatto: la fase di espansione rapidissima, chiamata inflazione e verificatasi pochi istanti dopo il Big
bang, avrebbe stirato e appiattito tutte le irregolarità.

Ma c'è bisogno di una fisica inventata ad hoc, a cominciare dall'inflatone, particella la cui esistenza
serve solo a giustificare l'inflazione. È una teoria "artificiale", che non risolve il problema
fondamentale sull'origine dell'Universo: cos'è davvero il Big bang?

L'esplosione da cui tutto ha avuto origine non è, come si potrebbe immaginare, l'inverso di un buco
nero che collassa su se stesso. Mentre nel collasso di un buco nero la massa è dominata dalla
gravità, nel Big bang la gravità è soppressa. E l'inflazione non spiega perché

La Teoria Inflazionaria ricorda quelle teorie delle variabili nascoste sviluppate (anche dallo stesso Albert
Einstein) ritenendo la Meccanica Quantistica una teoria incompleta per il suo carattere ontologicamente
probabilistico, allo scopo di ricondurla al determinismo.

Aforisma dello scrittore e medico indiano, autore di saggi "New Age" Deepak Chopra (1947):

Quando si lotta contro il momento presente, in realtà si lotta contro l’intero universo.

Tempo Relativo, Continuo, Misurabile, Non Ambiguo


Come già fatto per la Fisica Classica e la Meccanica Statistica, si riepilogano le specifiche caratteristiche
richieste al tempo dalla struttura formale matematica in cui sono espresse le leggi della Relatività Ristretta
e Generale, per cui il tempo deve essere: Relativo, Continuo, Misurabile; al tempo stesso la negazione
dell’azione a distanza elimina quella caratteristica di ambiguità che si è evidenziata nell’uso del tempo in
Fisica Classica.

A cura di Marco Gentili 66


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Il tempo della Relatività deve essere relativo, così che:

• il tempo ordini tutti gli eventi dell’Universo, ovvero le direzioni di “tipo tempo” colleghino due
eventi con un nesso causale che contempla l’antecedenza temporale; mentre le direzioni di “tipo
spazio” non colleghino due eventi in modo causale;
• la simultaneità di due eventi sia un fatto dipendente dall’osservatore e tutti gli osservatori
concordino sull’ordine in cui si svolgono gli eventi di “tipo tempo”, se un osservatore percepisce
che un evento può causarne un altro, allora lo percepiscono tutti gli osservatori; mentre gli
osservatori possono essere in disaccordo sulla successione degli eventi di “tipo spazio”.

Il tempo della Relatività deve essere continuo:

• per poter definire velocità e accelerazione, rispettivamente come derivata prima e seconda dello
spazio rispetto al tempo;
• come discende dalla struttura matematica formale della Relatività Generale rappresentata dalle
Equazioni di Campo di Einstein, equazioni differenziali e tensoriali che descrivono la curvatura dello
Spazio-Tempo in funzione della densità di materia ed energia, tra loro equivalenti.

Il tempo della Relatività deve essere misurabile:

• ovvero possedere quello che i fisici chiamano una metrica, per correlare il tempo e lo spazio al
concetto di distanza spaziotemporale, così da poter dire quanto sono lontani nello Spazio-Tempo
due Eventi;
• metrica dipendente dal moto dell’osservatore e dalla sua posizione nello spazio che rende la
simultaneità (durata = 0) di due eventi relativa e non più assoluta come per la Fsica Classica.

L’uso del tempo che si fa in Relatività non è ambiguo:

• il tempo è il parametro che evolve ogni corpo in moto e ne disegna la traiettoria, che non va intesa
come una catena causale;
• tutto si muove nel tempo perfino la luce e qualsiasi tipo d’interazione tra Eventi non locali.

Se già parlando della Fisica Classica si è sostenuto che teorie fisiche che facciano a meno del concetto di
traiettoria potranno legittimamente essere teorie causali, anche se non più deterministiche, lo stesso
può dirsi per la Relatività.

Lo si può intuire affettando lo Spazio-Tempo della Relatività, come fosse una “ciriola”, il pane romano per
eccellenza, un pane dal cuore soffice coperto da una "corazza" di crosta croccante, quasi portata
all’estinzione dalla milanese “rosetta” ormai prodotta in massa con mezzi meccanici. Ciriola che si può
affettare diversamente in funzione dei modi d’uso: in orizzontale, per farsi un panino; in verticale, per
ottenere fette di pane da trasformare in bruschetta.

Lo Spazio-Tempo, come la ciriola si può affettare rispetto alle due tipologie di direzioni definite dal cono di
luce:

• di “tipo tempo”, come il taglio orizzontale della ciriola (immagini in alto della figura);
• di “tipo spazio”, come il taglio verticale della ciriola (immagini in basso della figura).

Due modi di affettare profondamente diversi, sebbene siano entrambi possibili in linea di principio.

A cura di Marco Gentili 67


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Se si affetta lo Spazio-Tempo dal passato al futuro, nella direzione di “tipo tempo”: ogni fetta racchiude la
totalità tridimensionale degli eventi con una relazione di tipo spazio, non causale, in un istante del tempo.
E’ questo il modo familiare, ai fisici, come agli spettatori di un film, di trattare lo Spazio-Tempo:

• analogamente ai fotogrammi di un film, le fette di Spazio-Tempo, mostrano lo spazio in momenti


temporali successivi;
• gli appassionati di cinema capiscono, fotogramma dopo fotogramma, la trama del film, sanno
prevedere cosa accadrà, come finirà; allo stesso modo i fisici possono prendere una fetta dello
Spazio-Tempo e ricostruire cosa accade nelle altre fette, precedenti e successive, applicando le
leggi predittive della fisica.

In alternativa, se si affetta lo Spazio-Tempo verticalmente, da un lato dell’Universo, da sinistra a destra,


nella direzione di “tipo spazio”: ogni fetta è un amalgama di eventi con una relazione di tipo non causale e
causale, in un dato strato di spazio. Questo secondo modo non si lega ad un’analogia così semplice come
quella del film:

• una di queste fette nella direzione di “tipo spazio”: potrebbe essere la parete di una casa, insieme a
ciò che succederà in futuro su questa parete, la storia della parte su cui l’inquilino attaccherà un
quadro che successivamente la colf che spolvera farà staccare così da romperlo e rigare la parete
stessa;
• a partire da questa fetta, applicando le leggi della fisica si dovrebbe riuscire a ricostruire come è
fatto il resto della casa (dell’Universo), quali altri quadri vi abbia appeso l’inquilino e che altri danni
avrà fatto la colf che vi si aggira.

Sembra strano … Lo è! Non è per nulla ovvio se le leggi della fisica permettano veramente di farlo o no.

Nelle normali fette temporali, dal passato al futuro, i dati che è necessario raccogliere su una fetta di
Spazio-Tempo sono abbastanza facili da ottenere:

• si misurano le velocità e le posizioni di tutte le particelle (le mitiche condizioni iniziali);


• la velocità di una particella in una posizione è indipendente dalla velocità di un’altra particella in
una posizione diversa, cosa che rende semplici le due misurazioni.

A cura di Marco Gentili 68


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Il tempo è la direzione all’interno dello Spazio-Tempo in cui è possibile fare buone previsioni:

• la direzione in cui possiamo raccontare le storie più ricche di informazione;


• la narrazione dell’Universo non si sviluppa nello spazio, si sviluppa nel tempo.

Essendo possibili narrazioni diverse, magari tra loro incompatibili, il tempo è ciò che rende possibili le
contraddizioni e le incompatibilità, per esempio come quelle esistenti tra le narrazioni di Relatività e
Meccanica Quantistica.

Aforisma del compositore e pianista italiano naturalizzato tedesco Dante Michelangelo Benvenuto
Ferruccio Busoni (1866-1924):

Non ho mai capito perché noi esseri umani pensiamo al tempo come a una linea che va da dietro
in avanti, mentre potrebbe procedere in tutte le direzioni, come ogni altra cosa nel sistema del
mondo.

A cura di Marco Gentili 69


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Meccanica Quantistica
La Meccanica Quantistica fornisce una visione dell’Universo come costituito, da microscopiche particelle
(sia di luce, energia, che di materia), dette quanti, dal comportamento “stravagante”, perché presentano
una serie di fenomeni completamente estranei all'esperienza quotidiana. La Meccanica Quantistica nasce
nei primi decenni del Novecento, grazie al contributo di vari fisici tra cui i principali sono (nel mero ordine di
anno di nascita):

• il tedesco naturalizzato svizzero e statunitense Albert Einstein (1879 -1955),


• il tedesco Max Born (1882–1970),
• il danese Niels Henrik David Bohr (1885-1962),
• l’austriaco Erwin Schrödinger (1887-1961),
• il francese Louis De Broglie (1892-1987),
• l’austriaco Wolfgang Ernst Pauli (1900-1958),
• il tedesco Werner Karl Heisenberg (1901-1976),
• l’inglese Paul Dirac (1902–1984),
• il tedesco Ernst Pascual Jordan (1902-1980),
• lo statunitense Hugh Everett III (1930-1982).

Nasce come conseguenza di una serie di esperimenti volti ad analizzare le proprietà microscopiche della
materia, inspiegabili nell'ambito delle teorie fisiche note fino a quel momento, la Fisica Classica, la
Meccanica di Galileo e Newton e l’Elettromagnetismo di Maxwell e Faraday.

La Meccanica Quantistica è stata verificata in una miriade di esperimenti, tanto da essere oggi la teoria
scientifica più accurata a nostra disposizione. Ciò nonostante comprendere come interpretare la
Meccanica Quantistica, ovvero tradurre il linguaggio formale matematico in cui è espressa in significato
esprimibile nel linguaggio comune del quotidiano, presenta una grande difficoltà, anche ai fisici più
grandi, inclusi quelli che la Meccanica Quantistica l’hanno creata.

Se ne rende evidenza riportando le citazioni di alcuni dei creatori della Meccanica Quantistica.

• Albert Einstein

Nella fisica prequantistica, non c'era alcun dubbio sul modo di intendere queste cose: nella teoria di
Newton, la realtà era rappresentata da punti materiali nello spazio e nel tempo (…)

Nella meccanica quantistica, la rappresentazione della realtà non è cosi facile. Alla domanda se (…)
la teoria quantistica rappresenti una situazione reale effettiva, nel senso valido per un sistema di
punti materiali (…) si esita a rispondere con un semplice "si" o "no". Perché?

Più la teoria dei quanti ha successo, più sembra una sciocchezza. Dio non gioca a dadi con l'universo.

• Max Bohr

Non esiste alcun mondo quantistico. C'è solo una astratta descrizione fisica. È sbagliato pensare che
il compito della fisica sia di scoprire com’è la natura.

La fisica riguarda quello che noi possiamo dire a riguardo della natura ...

Piantala di dire a Dio che cosa fare con i suoi dadi (rispondendo ad Einstein).

A cura di Marco Gentili 70


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

• Erwin Schrödinger

Se questi dannati salti quantici dovessero esistere, rimpiangerò di essermi occupato di meccanica
quantistica! Non mi piace, e mi spiace di averci avuto a che fare.

• Richard Feynman

Penso si possa tranquillamente affermare che nessuno capisce la meccanica quantistica. Se credete
di aver capito la teoria dei quanti, vuol dire che non l'avete capita.

• Fritjof Capra

La meccanica quantistica ci costringe a vedere l'Universo non come una collezione di oggetti fisici
separati, bensì come una complicata rete di relazioni tra le varie parti di un tutto unificato.

La Meccanica Quantistica appare una fisica contro intuitiva, che fa a pugni con il senso comune,
dell’Uomo in generale come dei fisici stessi, con quell'immagine del mondo costruita nella mente
attraverso anni di percezioni date dai sensi, sin da quando l’Uomo esiste.

Questo accade perché la Meccanica Quantistica parla, grazie alla matematica, di un mondo microscopico
che l’Uomo non percepisce, o meglio esperisce, direttamente, inaccessibile alla esperienza sensoriale
diretta. Diversamente il linguaggio dell’Uomo ed i concetti su cui si fonda, sono afferenti ad un mondo
macroscopico che, pur costruito sulle aggregazioni di moltitudini di particelle microscopiche dal
comportamento fisico quantistico, esibisce “comportamenti mediati”, frutto dell’interazione di molte
particelle, del tutto diversi, caratterizzati:

• dalla rassicurante predominanza della materia, che appare facilmente caratterizzabile in termini di
massa, volume, pressione e temperatura.

• dalla utilitaristica interpretazione di continuità dei fenomeni, che ne facilita la previsione;

• dalla percezione di temporalità, che ci permette di immaginare movimento e traiettorie.

Per far capire meglio cosa s’intende per “comportamenti mediati”, ci si rifà ad un esempio attinente a
quello che si è detto a proposito della Meccanica Statistica (che non riguarda la Meccanica Quantistica). Si
pensi al concetto di Temperatura. Se si può misurare la temperatura di un qualsiasi oggetto, si potrebbe
immaginare di poterlo fare anche per un singolo atomo o per una delle particelle che lo costituiscono.
Invece non è possibile, la temperatura è un concetto esclusivamente macroscopico, non applicabile alla
singola particella. La temperatura è un esempio di “comportamento mediato” che come già visto trae
origine dal movimento degli atomi e delle particelle che costituiscono il sistema macroscopico, o meglio
dalla loro energia, che, non ha caso, è un concetto molto meno intuitivo per chi fisico non è.

Controprova è che dell’energia s’appropriano non solo le “scienze molli” ma perfino i misticismi di tutti i
generi. Basti pensare, a titolo d’esempio, all’Energia Orgonica, inventata alla fine degli anni ‘30 dallo
psichiatra e psicoanalista Wilhelm Reich (1897-1957), che secondo lui permeava tutto lo spazio, era di
colore blu ed era responsabile di certe malattie come conseguenza dell'impoverimento dell'energia
all'interno del corpo. Teoria che oggi è considerata inattendibile da tutta la comunità scientifica, in quanto
incompatibile con le attuali conoscenze scientifiche e priva di conferme sperimentali.

A cura di Marco Gentili 71


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Così allo stesso modo della temperatura, ritornando alla Meccanica Quantistica, anche altre grandezze
macroscopiche potrebbero emergere macroscopicamente, senza essere applicabili a livello microscopico,
tra cui come si vedrà il tempo.

Per interpretazione della Meccanica Quantistica s’intende l'insieme degli enunciati volti:

• a stabilire un ponte tra il formalismo matematico su cui è stata basata la teoria e la realtà fisica
che questa astrazione matematica dovrebbe rappresentare;
• a determinare il comportamento di tutto ciò che non è osservato in un esperimento, importante
perché in Meccanica Quantistica il processo di misura interagisce in maniera irreversibile con il
sistema stesso, in modo tale che non è possibile ricostruirne completamente lo stato originario;
secondo alcuni fisici questo rappresenta una limitazione insuperabile della nostra conoscenza del
mondo fisico, che sancisce una divisione fra quello che è possibile stabilire in merito al risultato di
un esperimento e la realtà oggetto dell'osservazione.

Usualmente una teoria fisica già vecchia di cento anni d’interpretazioni ne possiede solo una. Per la
Meccanica Quantistica paradossalmente non è così, se ne conoscono almeno 17, il dibattito tra fisici ancora
prosegue e le interpretazioni sono molteplici. Di seguito ci si limiterà all’esposizione delle due
interpretazioni più in voga:

• l’interpretazione di Copenaghen, derivata dalla visione di Bohr del 1927 e perfezionata negli anni
’50 del secolo scorso, il cui nome è dovuto al fatto che molti dei fisici che vi hanno contribuito sono
collegati, per diversi motivi, alla città di Copenaghen (Bohr, Heisenberg, Born, Jordan, Pauli).
• l'interpretazione a Molti Mondi, o Multiverso, elaborata nel 1957 da Hugh Everett III.

I principi fondamentali della Meccanica Quantistica evidenziano chiaramente questo pluralismo


interpretativo, motivo per cui li si esaminerà prima delle interpretazioni:

• Principio di indeterminazione, formulato da Heisenberg, nel 1927;


• Dualismo onda-particella, intuito da De Broglie nel 1924;
• Funzione d’onda, soluzione dell’equazione di Schrödinger formulata nel 1925;
• Entanglement, il cui significato letterale è groviglio, termine introdotto da Schrödinger per il
fenomeno che nasce dall'esperimento mentale di Einstein-Podolsky-Rosen del 1935.

Aforisma dello scrittore statunitense Henry van Dyke (1852-1933):

Il tempo è troppo lento per coloro che aspettano, troppo rapido per coloro che temono, troppo
lungo per coloro che soffrono, troppo breve per coloro che gioiscono, ma per coloro che amano il
tempo è eternità.

Principio di indeterminazione e Determinismo


Il principio di indeterminazione di Heisenberg afferma che:

Non è possibile conoscere simultaneamente la velocità e la posizione di una particella, poiché


quanto maggiore è l'accuratezza nel determinarne la posizione, tanto minore è la precisione con
la quale si può accertarne la velocità e viceversa.

A cura di Marco Gentili 72


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

L'indeterminazione non dipende dai limiti degli strumenti, che comportano necessariamente
un’interazione, più o meno grande, con l'oggetto da sottoporre a misurazione, bensì rappresenta una
caratteristica intrinseca della materia.

L’impossibilità di conoscere velocità, v, e posizione, x, (proprio quello da cui è partito Galileo per elaborare
la sua legge di caduta dei gravi) nega l’esistenza di traiettorie e di un’equazione oraria del moto x = x(t), per
questo la teoria che ne risulta, la Meccanica Quantistica, non è deterministica (pur rimanendo causale).

Per inciso l’assenza della traiettoria per un insieme di particelle identiche ha come conseguenza il principio
di indistinguibilità delle particelle che origina una Meccanica Statistica Quantistica diversa da quella Classica
(cambia il tipo e le proprietà dell’Ensamble).

Oltre alla posizione e alla velocità della particelle, il principio di indeterminazione pone limiti anche alla
misura simultanea di energia e tempo:

Se si cerca di determinare con precisione l'energia di una particella, diminuirà inevitabilmente il


grado di accuratezza con cui conosciamo la sua durata, e viceversa.

Tale aspetto produce una conseguenza del tutto incompatibile con l’esperienza ordinaria dell’uomo: un
vero e proprio atto di creazione spontaneo (una fluttuazione quantistica) che è stato verificato in
esperimenti di laboratorio.

Il grado d’indeterminazione esistente tra energia e tempo fa si che delle particelle, un esempio classico è
quello di una coppia elettrone-positrone (dove il positrone è un elettrone carico positivamente,
l’antiparticella dell’elettrone), possano emergere dal nulla per una frazione infinitesimale di tempo, prima
di svanire nuovamente annullandosi reciprocamente (annichilazione).

Heisenberg è ben consapevole dell’impatto epistemologico del suo principio, in un articolo del 1927 scrive
(W. K. Heisenberg, Sul contenuto intuitivo della cinematica e della meccanica nella teoria quantistica, vol.
43, nº 4, 1927):

Se si accetta che l'interpretazione della meccanica quantistica qui proposta sia corretta già in alcuni
punti essenziali, allora dovrebbe essere permesso di affrontare in poche parole le conseguenze di
principio.

(...) nella formulazione netta del principio di causalità: "se conosciamo in modo preciso il presente,
possiamo prevedere il futuro", non è falsa la conclusione, bensì la premessa. In linea di principio noi
non possiamo conoscere il presente in tutti i suoi dettagli.

(...) mediante la meccanica quantistica viene stabilita definitivamente la non validità del principio di
causalità.

Nel 1930 ritorna sul tema della non validità causale della Meccanica Quantistica ((W. K. Heisenberg, The
Physical Principles of Quantum Mechanics, Dover Publications 1930):

Anche se esiste un corpo di leggi matematiche "esatte", queste non esprimono relazioni tra oggetti
esistenti nello Spazio-Tempo; è vero che approssimativamente si può parlare di "onde" e
"corpuscoli", ma le due descrizioni hanno la stessa validità.

A cura di Marco Gentili 73


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Per converso, la descrizione cinematica di un fenomeno necessita dell'osservazione diretta; ma


poiché osservare significa interagire, ciò preclude la validità rigorosa del principio di causalità.

Ancora una volta un grande fisico pessimo filosofo: le relazioni d'indeterminazione implicano la non
validità del determinismo fondato sulla conoscenza delle condizioni iniziali, non della causalità;
determinismo e causalità sono, come già visto, cose ben differenti.

Se ne accorge Max Born che, inizialmente sulle stesse posizioni di Heisenberg, in seguito cambia opinione
(M. Born, Filosofia naturale della causalità e del caso, Boringhieri, Torino 1982), nella meccanica
quantistica:

(…) non è la causalità propriamente detta ad essere eliminata, ma soltanto una sua interpretazione
tradizionale che la identifica con il determinismo.

Aforisma del giornalista e scrittore statunitense Arthur "Art" Buchwald (1925- 2007):

Che sia il migliore o il peggiore dei tempi, è il solo tempo che abbiamo.

Dualismo onda-particella
Per la Meccanica Quantistica l'Universo è formato da luce e particelle che costituiscono gli atomi e
compongono la materia. Luce e particelle, a loro volta, sono costituiti da minuscoli concentrati di energia
detti Quanti. Questi Quanti esibiscono una duplice natura ondulatoria e corpuscolare:

• A livello microscopico la materia presenta le caratteristiche tipiche delle onde, solo all'atto
dell'osservazione assume un comportamento corpuscolare.
• All'atto dell'osservazione, emergono i comportamenti tipici della particella che occupano uno degli
stati probabilistici calcolabili con la Meccanica Quantistica e le onde corrispondenti alla particella.

Il Dualismo onda-particella, o onda-corpuscolo, definisce la duplice natura, sia corpuscolare sia


ondulatoria, del comportamento della materia e della radiazione elettromagnetica. Il Dualismo è
suggerito da alcuni esperimenti compiuti all'inizio ‘900:

• i fenomeni della diffrazione (come ad esempio la luce incidente sulla superficie di CD o di un DVD
che crea un effetto arcobaleno) ed interferenza (esperimento di Young della doppia fenditura, del
1801 con la luce, del 1961 con gli elettroni) conosciuti da tempo evidenziano chiaramente la natura
ondulatoria della luce (nelle foto in esempio si mostra un’analogia di diffrazione, a sinistra, e
interferenza, a destra, di onde sulla superficie dell’acqua).


A cura di Marco Gentili 74
Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

• l'effetto fotoelettrico, ovvero l'emissione di elettroni da una superficie, solitamente metallica,


colpita dalla luce suggerisce una natura corpuscolare della luce (fotone);

Il dualismo onda-particella non ha un particolare impatto sul concetto di tempo: come una particella è
contraddistinta da una traiettoria nello spazio che percorre in istanti di tempo successivi, così un’onda
viaggia nello spazio al passare del tempo.

Aforisma dello scrittore, poeta e drammaturgo tedesco. Johann Wolfgang (von) Goethe (1749- 1832):

Ogni secondo è di valore infinito, perché è il rappresentante di un’eternità tutta intera.

Uso del tempo nella Meccanica Quantistica


Il Principio d’Indeterminazione e il Dualismo onda-particella fanno si che in Meccanica Quantistica la
descrizione completa di una sistema (una singola particella, come di un sistema più complesso) sia data da
una funzione matematica, nel linguaggio dei fisici la Funzione d’onda Ψ, dipendente dallo spazio x e del
tempo t, Ψ(x, t), descrivente lo stato quantico del sistema che evolve nel tempo.

Il significato della Funzione d’Onda Ψ (i fisici parlano di ampiezza di probabilità) è espresso dal suo
quadrato, Ψ2, che indica la probabilità di rinvenire una particella in una posizione dello spazio x ad un
certo tempo t.

L’ “analogo” (si chiede l’indulgenza dei fisici) della II Legge di Newton o equazione del moto (F = m Ÿ a) in
Meccanica Quantistica è l’Equazione di Schrödinger, che esprime come la Funzione d’Onda Ψ(x, t) si evolve
nel tempo:

𝜕 ℎ 𝜕
𝑑𝑒𝑟𝑖𝑣𝑎𝑡𝑎 𝑖∙ ∙ Ψ x, t = 𝐻 Ψ(x, t)
𝜕𝑡 2𝜋 𝜕𝑡
Dove:

• come già visto la derivata è lo strumento matematico formale che descrive la differenza, la
variazione, il mutamento, in questo caso della Funzione d’onda rispetto al tempo (il cambiamento
di probabilità);
• i, h, π, sono costanti, rispettivamente è il numero immaginario −1, la costante di Planck, il noto
3,14 pi greco;
• Ψ è la Funzione d’onda, x rappresenta la posizione, t il tempo;
• 𝑯 è un oggetto matematicamente complesso, chiamato operatore hamiltoniano, associato
all'energia del sistema fisico che tiene conto sia dell'energia cinetica E (legata al movimento), che
dell'energia potenziale U (legata la posizione rispetto ad un campo elettromagnetico), del sistema.

Il Principio di corrispondenza, enunciato da Bohr all'inizio del ‘900, afferma che i risultati della Meccanica
Quantistica si riducono a quelli della Meccanica Razionale, riformulazione astratta della Meccanica
Classica.

A cura di Marco Gentili 75


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Questa corrispondenza tra Meccanica Quantistica e Meccanica Razionale permette di esprimere l’operatore
hamiltoniano in singoli casi specifici e trovare così l’equazione temporale che descrive l’evoluzione della
Funzione d’Onda Ψ in funzione del tempo t.

!
!(!!!) ℏ
Ψ x, t = Ψ(x) ∙ e
Grazie all’equazione di Schrödinger ed alla sua soluzione espressa dalla Funzione d’Onda Ψ(x, t) si calcolano
le probabilità di qualsiasi evento osservabile (sperimentabile) in qualsiasi istante, in una qualsiasi posizione.

La predittività della Meccanica Quantistica, come l’esito delle misure sperimentali, è di conseguenza solo
probabilistica.

Ad esempio, se facciamo passare un elettrone in un “apparecchio”, da cui sarà deviato, a destra o sinistra,
la meccanica quantistica può darci solo le probabilità dei vari esiti, per esempio una probabilità del 25% che
devi a sinistra, una del 75% che devi a destra. In più, due sistemi descritti da stati quantici identici possono
evolvere in modi diversi.

Dopo aver rinunciato all’equazione del moto di una particella x(t), ovvero l’evoluzione nel tempo della
sua posizione, per la Funzione d’Onda, Ψ2(x, t), ovvero la probabilità di trovarla in un certo punto ad un
certo tempo, emerge un’altra importante differenza formale tra l’equazione di Schrödinger e quella di
Newton:

• quella di Schrödinger è un equazione differenziale del primo ordine, nella sua soluzione Ψ(x, t)
compare la variabile tempo t;
• quella di Newton è un equazione differenziale del secondo ordine (la derivata è doppia), nella sua
soluzione x(t), compare la variabile tempo t ed il suo quadrato t2.

𝑑 ! 𝑥(𝑡) 1
𝐹 =𝑚Ÿ 𝑥 𝑡 = 𝑥! + 𝑣! Ÿ 𝑡 + 𝑎 Ÿ 𝑡!
𝑑𝑡 ! 2
La principale conseguenza della mancanza del tempo al quadrato nell’equazione di Schrödinger è ben
espressa dal Principio di sovrapposizione, come si vedrà basilare per garantire la buona salute dei gatti.
Principio per cui, proprio come per le onde sull’acqua:

• due o più stati quantistici possono essere sommati, "sovrapposti", producendo come risultante un
altro stato quantistico valido;
• al contrario ogni stato quantistico può essere rappresentato come somma di due o più altri stati
distinti.

In altre parole: se un sistema può trovarsi in due stati distinti, può trovarsi anche in una qualsiasi loro
combinazione (lineare).

Aforisma dello scrittore di fantascienza cyberpunk statunitense naturalizzato canadese William Ford Gibson
(1948):

Il tempo si muove in una direzione, i ricordi in un’altra.

A cura di Marco Gentili 76


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Fenomeno dell’Entanglement
Il Principio di sovrapposizione produce come sua conseguenza il fenomeno dell’Entanglement per cui, in
determinate condizioni, lo stato quantico di un sistema fisico, immaginiamo due particelle A e B, legato alla
sua Funzione d’onda ΨA+B, non può essere descritto singolarmente, ma solo come sovrapposizione di più
sistemi, quelli associati alle due particelle, relati alle Funzioni d’onda ΨA e ΨB, ovvero ΨA+B, = ΨA+ ΨB. Da
ciò consegue che la misura di un osservabile fisico (una qualsiasi grandezza misurabile) di un componente
determina istantaneamente il valore anche dell’altro dovendosi mantenere invariato il valore globale
iniziale dell’osservabile fisico. Semplificando il fenomeno dell’Entanglement può essere così descritto:

Se due particelle si fanno interagire per un certo periodo, quindi vengono separate, quando si
sollecita una delle due, in modo da modificarne lo stato, istantaneamente si manifesta sulla
seconda una analoga sollecitazione, a qualunque distanza si trovi rispetto alla prima.

In altre parole, le due particelle rimangono soggette a una correlazione a distanza che agisce in
maniera istantanea.

Per questo il fenomeno dell'Entanglement viola la contiguità spaziale e l’antecedenza temporale, tipiche
della Fisica Classica, per l’unione dei quali ciò che accade in un luogo non può influire immediatamente su
ciò che accade in un altro.

L’Entanglement è sorprendente perché sembra reintrodurre nella fisica quell’azione a distanza tipica
della Fisica Classica e della gravità di Newton, che tanto infastidiva René Descartes, che vi riconosceva
una sorta di azione magica, irriducibile al meccanicismo, che per lui era sempre e solo un’azione a
contatto; poi esorcizzata dalla Relatività di Albert Einstein, per cui un segnale non può propagarsi a
velocità maggiore di quella della luce.

L’Entanglement è inquietante perché, se le particelle agiscono simultaneamente l’una sull’altra, allora


l’Universo deve avere un orologio globale, negato esplicitamente dalla Relatività, come se il tempo della
Meccanica Quantistica fosse un ritorno al tempo della Fisica Classica .

La più spettacolare applicazione del fenomeno dell'Entanglement è il “teletrasporto quantistico”, una


procedura che permette di trasferire lo stato fisico di una particella a un'altra particella, anche molto
lontana dalla prima. Quindi un trasferimento d’informazione più che di materia. Non a caso negli ultimi anni
si è cominciato ad analizzare la Meccanica Quantistica in termini dell'informazione quantistica contenuta in
un sistema (anche relativamente all’entropia dei buchi neri), così l'Entanglement una sorta di conseguenza
di teoremi sull'informazione contenuta nei sistemi stessi.

Il fenomeno dell'Entanglement e del “teletrasporto quantistico”, sono stati dimostrati sperimentalmente


più volte a partire dal 1992. Differenti interpretazioni del fenomeno dell'Entanglement portano a differenti
interpretazioni della meccanica quantistica. Ad oggi se ne contano ben 17 ma di seguito ci si limiterà alle
due principali.

Aforisma dello scrittore tedesco naturalizzato svizzero Hermann Hesse (1877-1962):

Cosa sono i millenni? Un manciata di tempo.

Polvere in confronto a un unico sguardo dell’eternità.

A cura di Marco Gentili 77


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Interpretazioni ed Esperimenti Ideali


Passati in rassegna i principi fondamentali della Meccanica Quantistica se ne possono presentare le due
principali interpretazioni:

• l’interpretazione di Copenaghen del 1927;


• l'interpretazione a Molti Mondi, o Multiverso, del 1957.

Secondo l’interpretazione di Copenaghen le affermazioni probabilistiche della Meccanica Quantistica


sono irriducibili, nel senso che non riflettono la conoscenza limitata di qualche variabile nascosta come ad
esempio accadeva per la Meccanica Statistica.

Si ricorda che in Meccanica Statistica si ricorre alla probabilità, anche se il processo che caratterizza un
sistema è deterministico, solo per sopperire ad una conoscenza incompleta delle condizioni iniziali di un
dato sistema macroscopico (posizione e velocita delle particelle costituenti i microstati corrispondenti al
macrostato); condizioni iniziali che, con le equazioni fornite dalla Fisica Classica, permetterebbero di
calcolare l’evoluzione del sistema macroscopico nel tempo, cioè conoscere a priori come evolverà.

L'interpretazione di Copenaghen sostiene che in Meccanica Quantistica i risultati delle misurazioni sono
fondamentalmente non deterministici, ossia, anche conoscendo tutti i dati iniziali, è impossibile
prevedere il risultato di un singolo esperimento, perché l'esperimento stesso influenza il risultato.

Sono prive di senso domande come “Dov'era la particella prima che ne misurassi la posizione?”, in quanto
la Meccanica Quantistica studia esclusivamente quantità osservabili, ottenibili mediante processi di
misurazione. L'atto della misurazione, ad esempio della posizione di una particella, causa il “collasso” della
particella, più precisamente della funzione d’onda Ψ ad essa associata, nel senso che quest'ultima è
costretta dal processo di misurazione ad evolversi per trovarsi in uno specifico stato tra tutti quelli
permessi.

L'interpretazione a Molti Mondi rifiuta l'irreversibile e non deterministico collasso della funzione d’onda
Ψ associata ad una particella provocato dall'operazione di misura, come sostenuto dall'interpretazione di
Copenaghen, in favore di una descrizione in cui i sistemi microscopici oggetto di misura, come quelli
macroscopici di essi costituiti, si separano ripetutamente in storie mutuamente non osservabili, ovvero
universi distinti all'interno di un unico Multiverso.

L'interpretazione a Molti Mondi sostiene che, ad ogni atto di misurazione su una particella, l’Universo si
scinde in un insieme di Universi paralleli, che tutti complessivamente formano il Multiverso, uno per ogni
possibile risultato del processo di misurazione.

Per capire meglio le differenze tra le due interpretazioni, di Copenaghen e a Molti Mondi, si può ricorrere
ad un esperimento con un gatto, quello di Schrödinger. La fisica è sperimentale, si regge su una
fondamentale attività di osservazione, misurazione, ricerca di prove che hanno lo scopo di verificare o
falsificare la teoria proposta. Non temano gli animalisti si tratta solo di un esperimento ideale.

Talvolta tuttavia accade che l'esperimento sia soltanto immaginato: si parla allora, appunto, di
esperimento ideale, una peculiare espressione del pensiero scientifico dove più frequente è l'uso del
periodo ipotetico:

• sintatticamente manifesto, ovvero del tipo “Immaginate che …”;


• oppure cognitivamente soggiacente al ragionamento.

A cura di Marco Gentili 78


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Come può essere possibile conciliare l'alea dell'immaginazione con i verdetti della realtà?

Di fatto l’esperimento ideale si realizza come un'operazione di bricolage intellettuale, è la ricombinazione di


esperienze accumulate nella memoria e d’intuizioni, mescolate secondo una logica tributaria della fantasia.

Cosa garantisce la validità di questa azzardosa miscela?


L'esperimento ideale ha svolto un grande ruolo nello sviluppo del pensiero scientifico, soprattutto in quelle
“rivoluzioni scientifiche” , per citare il fisico ed epistemologo statunitense Thomas Samuel Kuhn (1922-
1996), in cui sono in atto conversioni radicali, mutamenti paradigmatici della conoscenza che l'esperimento
ideale produce o asseconda.
Anche se a prima vista sembra un atto incoerente con i protocolli della scienza moderna, un insopportabile
fossile metafisico, appropriato più per Aristotele che Galileo, la storia della rivoluzione scientifica
rinascimentale dimostra esattamente il contrario: l'esperimento ideale si addice più a Galileo (ai suoi
successori, alla fisica) che lo usa nel suo Dialogo sui massimi sistemi per dimostrare il principio di relatività
(il moto dei corpi è regolato dalle stesse leggi fisiche sia in un sistema di riferimento in quiete, sia in un
sistema di riferimento che si muova di moto rettilineo uniforme).

Aforisma dello scrittore e giornalista portoghese José de Sousa Saramago (1922-2010):

Il tempo, a volte, sembra che non passi, è come una rondine che fa il nido sulla grondaia, esce ed
entra, va e viene, ma sempre sotto i nostri occhi.

Storie di gatti vivi e morti


Nel 1953 da Schrödinger immagina un esperimento ideale il cui protagonista è un gatto, torna utile per
capire meglio le differenze tra le due interpretazioni, di Copenaghen e a Molti Mondi (E. Schrödinger, La
situazione attuale della meccanica quantistica, 1935):

Si possono anche costruire casi del tutto burleschi.

Si rinchiuda un gatto in una scatola d'acciaio insieme alla seguente macchina infernale (che occorre
proteggere dalla possibilità d'essere afferrata direttamente dal gatto): in un contatore Geiger si
trova una minuscola porzione di sostanza radioattiva, così poca che nel corso di un'ora forse uno dei
suoi atomi si disintegrerà, ma anche, in modo parimenti probabile, nessuno; se l'evento si verifica il
contatore lo segnala e aziona un relais di un martelletto che rompe una fiala con del cianuro.

Dopo avere lasciato indisturbato questo intero sistema per un'ora, si direbbe che il gatto è ancora
vivo se nel frattempo nessun atomo si fosse disintegrato, mentre la prima disintegrazione atomica
lo avrebbe avvelenato.

La funzione d’onda Ψ dell'intero sistema porta ad affermare che in essa il gatto vivo e il gatto morto
non sono degli stati puri, ma miscelati con uguale peso.

La Meccanica Quantistica può calcolare con precisione la probabilità che questo evento luttuoso avvenga
dopo un certo tempo. Così si può ingabbiare il gatto e fare in modo che, dopo un certo tempo, la
probabilità che il sensore sia scattato, dunque che il gatto sia morto, sia pari, ad esempio, al 50%.

A cura di Marco Gentili 79


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

O meglio che la probabilità di ciascuno dei due “stati” complementari sia il 50%:

• 50% atomo decaduto -> gatto morto;

• 50% atomo non decaduto -> gatto vivo.

Il povero animale si ritrova in uno stato di correlazione quantistica (entanglement) con un atomo, così,
secondo la matematica della Meccanica Quantistica, finché non si apre la macchina e si va a vedere cos’è
realmente successo, si esegue dunque una misura, il gatto è sia vivo che morto, ho meglio il gatto è la
sovrapposizione di due stati: un gatto vivo con probabilità al 50%; un gatto morto con la stessa probabilità
del 50%.

Secondo l'interpretazione di Copenaghen, è sufficiente considerare che l'apparato di misura esegue una
osservazione del sistema quantistico, il cui risultato è sempre ben definito. Finché l'atomo non decade, il
gatto è senz'altro vivo, e ciò è determinato senza alcun bisogno di un osservatore esterno che apra la
scatola.

La difficoltà di questa risposta è il confine arbitrario tracciato tra sistema microscopico, che si comporta
secondo le regole della Meccanica Quantistica, e osservatore macroscopico, che sembra ubbidire alle leggi
della Fisica Classica.

Secondo l'interpretazione a Molti Mondi le due possibili alternative, non più sovrapposizione di due stati
opposti, sono entrambe realizzate. Non è possibile rendersene conto solo perché la sovrapposizione di
“stati” riguarda, non solo il gatto, ma l'intero Universo.

• 50% Universo con atomo decaduto e gatto morto;

• 50% Universo atomo non decaduto e gatto vivo;

Un osservatore vede realizzarsi


solo una delle due alternative,
perché fa egli stesso parte di uno
dei due possibili stati dell'intero
Universo. Esistono infiniti Universi
paralleli che contengono tutte le
possibilità, ognuno di questi è un
Universo deterministico. Quando si
apre la scatola, si misura lo stato
del gatto, si entra, o nell’Universo
col gatto vivo, o in quello col gatto
morto, l’altro è precluso per
sempre.

Aforisma della scrittrice statunitense Tillie Learner Olsen (1912-2007):

L’orologio parlava ad alta voce.

L’ho buttato via, mi faceva paura quello che diceva.

A cura di Marco Gentili 80


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Tempo Assoluto, Continuo, Misurabile, un poco Incompreso


Come precedentemente fatto per la Fisica Classica la Meccanica Statistica e la Relatività, si riepilogano le
specifiche caratteristiche richieste al tempo dalla struttura formale matematica in cui sono espresse le leggi
della Meccanica Quantistica, per cui il tempo deve essere: Assoluto, Continuo, Misurabile; al tempo stesso
l’Entanglement che richiama l’azione a distanza evidenzia quella caratteristica di incomprensione che in
qualche modo, sebbene diversa, richiama l’ambiguità nell’uso del tempo che si è riscontrata in Fisica
Classica.

Il tempo della Meccanica Quantistica deve essere assoluto, cosi che:

• l’inquietante Entanglement, per cui particelle a distanza arbitraria agiscono simultaneamente l’una
sull’altra, possa interpretarsi basandosi su un concetto di simultaneità assoluta, cosa che
presuppone che l’Universo in cui ciò accade sia contraddistinto da un tempo assoluto come quello
della Fisica Classica; questo consente di associare l’Entanglement che istantaneamente correla due
particelle all’azione a distanza di Newton;
• l’ordine delle misurazioni quantistiche nel tempo sia il medesimo per tutti gli osservatori, visto che
il risultato delle misure è anticommutativo, ovvero cambia invertendone l’ordine temporale; si
supponga di far passare un elettrone in un apparecchio che prima lo deflette lungo la direzione
verticale, poi lungo quella orizzontale, quando l’elettrone riemerge se ne misuri una proprietà; si
ripeta l’esperimento, questa volta deflettendo l’elettrone prima orizzontalmente e poi
verticalmente, i valori della nuova misura saranno diversi da quelli della precedente.

Il tempo della Meccanica Quantistica deve essere continuo:

• per poter ancora scrivere un’equazione differenziale del primo ordine (l’equazione di Schrödinger)
che descriva l’evoluzione degli stati quantici nel tempo, ovvero come la distribuzione delle
probabilità (l’aspetto ondulatorio duale a quello corpuscolare rappresentato dalla Funzione d’onda
Ψ) di uno stato quantico (posizione o velocità di una particella) relativa a tutto lo spazio Ψ(x)
evolve nel tempo Ψ(x,t), per cui le probabilità di uno stato quantico (posizione o velocità di una
particella) si sommano rispetto al tempo, non rispetto ad una specifica posizione;
• così che la teoria sia causale, essendo la causalità assicurata dall’operatore Hamiltoniano legato
all’energia del sistema quantistico che ne determina l’evoluzione nel tempo per il tramite della
Funzione d’onda Ψ(x,t); seppure non deterministica perché, in conseguenza del Principio di
indeterminazione, quello che si conosce è la distribuzione delle probabilità di uno stato quantico
per tutto lo spazio in un dato istante; le condizioni iniziali, le traiettorie, le equazioni del moto x(t),
non esistono, che è cosa ben diversa che dire non possono essere conosciute.

Il tempo della Meccanica Quantistica deve essere misurabile:

• basato su una metrica assoluta affinché la durata tra due eventi sia anch’essa indipendente dagli
osservatori come la loro eventuale simultaneità (durata = 0); il tempo della misura dell’osservabile
fisico fatta dall’osservatore è interpretabile come quello del livello macroscopico dell’osservatore,
non quello del livello fondamentale, per questo uguale a quello della Fisica Classica;
• così che siano possibili atti di creazione dal nulla nel tempo (fluttuazioni quantistiche dell’energia),
conseguenti all’impossibilità della misura simultanea di energia e tempo, sancita dal Principio di
indeterminazione.

A cura di Marco Gentili 81


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

L’uso del tempo che si fa in Meccanica Quantistica ne evidenzia una sorta d’incomprensione:

• Il tempo continuo della Meccanica Quantistica, appare incongruo rispetto ai presupposti della
teoria, ma utile alla sua accuratissima predittività sulle misure dell’osservabile fisico fatte
dall’osservatore; anche il Modello Standard, coerente con la Meccanica Quantistica, prevede un
tempo continuo.
• l’Entanglement che richiama l’azione a distanza evidenzia qualche difficoltà interpretativa del
tempo della Meccanica Quantistica che in qualche modo, sebbene diversamente, richiama
l’ambiguità nell’uso del tempo che si è riscontrata in Fisica Classica in cui tutto si muove nel tempo
meno che l’azione a distanza, che come l’ Entanglement agisce nello spazio ma è al di fuori del
tempo.

La Meccanica Quantistica richiede che il tempo abbia proprietà in contraddizione con quelle previste
dalla Relatività, motivo per cui l’unificazione delle due teorie è tanto difficile, in particolare per il ruolo
centrale giocato dal tempo nell’Entanglement che riporta al tempo assoluto della Fisica Classica in
contrapposizione al tempo relativo della Relatività.

Aforisma dell’umorista statunitense Arthur Block (1948) creatore della nota legge di Murphy:

Quanto dura un minuto, dipende da quale lato della porta del bagno si è.

A cura di Marco Gentili 82


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Teorie del Tutto o Quasi


Si è detto che nella fisica dell’Oggi uno degli obiettivi ritenuti più importanti è l’unificazione, in un unico
quadro concettuale, delle quattro le interazioni fondamentali, o forze fondamentali note (il Tutto), o
almeno delle prime due (il quasi Tutto):

• Forza gravitazionale,
• Forza elettromagnetica,
• Forza debole,
• Forza forte.

Ci provano (non sono le sole) la Teoria delle Stringhe e la Gravità Quantistica a loop, tra loro ritenute
incompatibili a causa di profonde differenze concettuali:

• la Teoria delle Stringhe esplora il comportamento degli oggetti nello in uno spazio di elevata
multidimensionalità di cui una dimensione è il tempo; prevede la supersimmetria, una estensione
del Modello Standard delle particelle elementari in cui ad ogni particella corrisponde un
superparticella di massa maggiore, superparticelle non ancora avvistate (ad esempio al fotone si
contrappone il fotino).
• la Gravità Quantistica a loop studia la struttura dello Spazio-Tempo e non ha bisogno di dimensioni
extra rispetto allo Spazio-Tempo quadridimensionale; non contempla la supersimmetria

Queste ed altre differenze concettuali hanno separato i fisici teorici che si occupano delle due teorie, cosa
che ha prodotto una specializzazione estrema in campi di studio estremamente divergenti che ha fatto
venire meno, la volontà prima, la capacità poi, di parlarsi.

Se finora per cercare di capire il significato di tempo si è scelto di sporcarsi le mani con la fisica, dando
un’occhiata alle equazioni di base delle diverse teorie fisiche esaminate, per quanto riguarda le Teorie del
Tutto, espressione più della fisica matematica che della fisica teorica, contraddistinte da un formalismo
matematico ancora più astratto e complesso di quello messo in campo da Meccanica Classica, Razionale,
Relativistica, Quantistica, ci si limiterà all’espressione dei principali concetti evitando di presentare
equazioni la cui anche superficiale comprensione richiederebbe cenni a formalismi ancora non trattati
nemmeno nei corsi di metodi matematici della fisica.

Aforisma dello scrittore Guido Rojetti (1952) tratto dal suo libro di aforismi L’amore è un terno (che ti
lascia) secco (2014):

Il tempo è spesso puntuale nel farci capire molte cose in ritardo.

Uso del tempo nella Teoria delle Stringhe


La Teoria delle Stringhe si sviluppa a partire dal 1968 sino agli anni ’80, più che una singola teoria
rappresenta un “paesaggio” di teorie, tra loro correlate due e a due (dualità), che successivamente,
all’inizio degli anni ‘90 si è scoperto essere tutti casi particolari di una ulteriore teoria, la M-teoria.

A cura di Marco Gentili 83


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Per conciliare Relatività Generale e Meccanica Quantistica, ritiene che la materia, l’energia e, sotto certe
ipotesi, perfino lo spazio e il tempo, siano la manifestazione di entità fisiche fondamentali che, invece che
essere entità puntiformi come le particelle (di dimensione nulla) trattate in Meccanica Classica, Statistica,
relativistica, sono chiamate, in funzione del numero di dimensioni attribuitegli:

• stringhe (una dimensione), quindi come cordicelle, aperte o chiuse ad anello, di lunghezza
dell’ordine della costante di Planck, circa 10−35 metri;
• membrane (due dimensioni);
• D-brane (per un numero di dimensioni D maggiore di 2);

Le stringhe si muovono in un Universo molto più multidimensionale dello Spazio-Tempo


quadridimensionale della Relatività, contraddistinto da un numero di dimensioni compreso tra 10 e 26 (a
seconda della specifica teoria del “paesaggio” considerata), di cui solo una si lega al tempo, essendo tutte
le restanti spaziali, cosa che comporta la necessità di seguire l’evoluzione nel tempo di tutte quante
queste dimensioni. Il proliferare delle dimensioni è diretta conseguenza della teoria, non un’assunzione
aprioristica come è invece nel caso di Fisica Classica, Relatività e Meccanica Quantistica.

Dove sono tutte queste dimensioni extra rispetto alle 4 di cui si ha evidenza sperimentale? Come dicono i
fisici sono compattificate, ovvero arrotolate su se stesse entro lo spazio multidimensionale, così da risultare
ininfluenti per la fisica. Come uno spago che, pur essendo un oggetto tridimensionale, può essere
approssimato ad uno unidimensionale.

Roger Penrose rimane fortemente critico contro la teoria delle stringhe (Roger Penrose, Fashion, faith and
fantasy in the new physics of the universe, Princeton University Pres, 2016; Ecco il Big bang della fisica,
intervista per il quotidiano La Repubblica di Luca Fraioli, 2016):

Lo scopo principale della teoria delle stringhe era descrivere il mondo conciliando gravità e fisica
delle particelle. In realtà descrive un universo che non è quello in cui viviamo. Invece delle quattro
dimensioni che conosciamo (tre spaziali e una temporale) ne prevede ventisei. Ma allora perché non
le vediamo?

La risposta di chi sostiene la teoria delle stringhe è che si tratta di entità così piccole da non poter
essere percepite, che ci vorrebbe una energia grandissima per eccitare e far distendere le extra-
dimensioni normalmente raggomitolate su se stesse.

Può essere vero sulla Terra, ma non nell'Universo: ci sono fenomeni che sprigionano energie enormi,
si pensi all'interazione tra due buchi neri, e ne basterebbe una piccola frazione per eccitare le
dimensioni nascoste e renderle visibili. Eppure restano nascoste.

Riguardo all’Universo che disegna, la Teoria delle Stringhe:

• non prevede singolarità, ovvero il fatto che l’Universo si sia generato da una dimensione nulla (Big
Bang), o possa contrarsi fino ad assumere dimensioni nulle (Big Crunch), casi in cui grandezze
fisiche come l’energia, la curvatura, la densità e la temperatura, diventano scomodamente infinite;
• non prevede la morte termica, come visto conseguenza di un’indefinita espansione.

Secondo la Teoria delle Stringhe quando l’Universo scende al di sotto dell’infinitesima lunghezza h, che i
fisici chiamano costante di Planck, circa 10−35 metri, anziché diminuire ulteriormente, riprende a crescere
(cosa che elimina i fastidiosi infiniti che la fisica aborre).

A cura di Marco Gentili 84


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

La temperatura dell’Universo segue di pari passo la variazione delle sue dimensioni, ovvero: raggiunto un
valore massimo quando la dimensione dell’Universo è minima, alla fine della contrazione; inizia a diminuire,
quando l’Universo ricomincia nuovamente ad espandersi.

Questo è il Modello Cosmologico inflazionario, proposto nel 1991 dal fisico italiano, Gabriele Veneziano
(1942), che già nel 1968 con un suo articolo aveva contribuito alla nascita della Teoria delle Stringhe.
Modello che prevede l’esistenza di un Universo ciclico, aprendo le porte a possibili scenari detti del pre-Big
Bang:

• senza un inizio nel tempo e senza una fine,


• in un alternarsi ininterrotto di contrazioni e di espansioni (Big Bounce), rimbalzi che non arrivano
mai ad annullarne del tutto la dimensione.

Se esiste un “pre-”, qualcosa antecedente al momento in cui si è sempre pensato abbia avuto inizio tutto
l’Universo, compreso il tempo, questo significa che l’idea di tempo deve essere rimessa in discussione, così
come la posizione dell’Uomo nel contesto evolutivo dell’Universo, cosa che rimanda in qualche modo a
quel Tempo con la maiuscola di Prigogine.

Aforisma del fisico e suonatore di bongo, Richard Feynman (1918-1988) il fisico che si è maggiormente
apprezzato tra quelli approfonditamente studiati per la sua capacità didattica:

Il tempo è quello che succede quando non succede niente

Rimbalzi temporali nella Cosmologia di Stringa


Gabriele Veneziano racconta il Modello Cosmologico inflazionario (intervista per la rivista Asimmetrie
dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Antonella Varaschin, Il tempo prima del tempo, 2014):

Se e quando il nostro universo ha avuto inizio, è una domanda alla quale non sappiamo ancora
rispondere, ma negli ultimi trent’anni c’è stato un cambiamento importante nella descrizione della
sua storia (…)

Prima degli anni ’80, il modello convenzionale era quello del Big Bang, in cui tutto aveva avuto inizio
a un certo tempo “zero”, istante in cui tutte le distanze relative erano talmente contratte da
diventare nulle, dando così luogo a un completo collasso.

Tutto insomma avrebbe avuto inizio da una singolarità, come viene chiamata in gergo matematico,
in cui densità, temperatura e curvatura dell’universo erano infinite.

Dopodiché, un’espansione di tipo decelerato, quindi prima molto veloce e poi sempre più lenta, ci ha
portati fino a oggi.

Questo modello riportò numerosi successi ma lasciava aperti svariati problemi concettuali e
fenomenologici (…)

Nel nuovo modello inflazionario proposto all’inizio degli anni ’80 non è più così.

A cura di Marco Gentili 85


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

L’inflazione, infatti, è una fase di forte espansione accelerata dell’universo che ha portato, di
conseguenza, a un suo estremo raffreddamento.

A questo punto però è necessario far subentrare l’azione di un meccanismo fisico, chiamato appunto
“riscaldamento”, che ha fatto sì che alla fine dell’inflazione, l’universo ridiventasse caldo.

Il Big Bang del vecchio modello viene così rimpiazzato dal momento in cui termina l’inflazione: un
periodo molto breve, ma molto significativo che, per sua definizione, non ha niente a che vedere con
l’inizio del tempo.

Quello che è successo prima dell’inflazione è ancora oggetto di ricerca, non si ha per il momento una
risposta a questa domanda, anche perché l’inflazione ha la caratteristica di nascondere in modo efficace
tutto ciò che è avvenuto precedentemente. I fisici teorici stanno ancora cercando di capire da che cosa sia
scaturita l’era inflazionaria dell’Universo (anche ipotizzando una particella ad hoc, l’inflatone, rispetto al
quale come già detto Roger Penrose prova orrore) e si chiedono qual è la fisica rilevante per descrivere
quella fase:

• questa non può essere la Relatività Generale di Einstein, che è una teoria classica, deterministica,
che prescinde dagli effetti quantistici;
• quando invece si ha evidenza che la Meccanica Quantistica gioca un ruolo essenziale già durante
l’epoca inflazionaria.

Per la fase pre-inflazionaria servirebbe una teoria quantistica della gravità! Due sole le possibilità: una è la
Teoria delle Stringhe, l’altra è la teoria della Gravità Quantistica a Loop.

I fisici statunitense Paul J. Steinhardt (1952) e sudafricano Neil Geoffrey Turok (1958), partendo dalla Teoria
delle Stringhe dal Modello Cosmologico inflazionario di Veneziano, hanno elaborato per l’Universo un
ulteriore Modello Ecpirotico, col significato, risalente al greco antico, di uscito fuori dal fuoco, non tanto un
grande botto creativo, il Big Bang, quanto un grande schiacciamento, il Big Splat. Secondo il Modello
Ecpirotico, l’Universo:

• si sdoppia in due membrane quadridimensionali di usuale Spazio-Tempo (immaginabili in due


dimensioni come spessi cartoncini identici, piatti e paralleli);
• membrane quadridimensionali che fluttuano in una quinta dimensione entro la quale agisce
esclusivamente la forza di gravità, tutte le restanti dimensioni sono compattificate.

Questo spiegherebbe la minore intensità della gravità rispetto alle altre forze (elettromagnetica, forte,
debole), motivo per cui la si può trascurare nello studio di fenomeni microscopici che non coinvolgano
grandi massa: si diluisce in 5 dimensioni invece che solo nelle 4 dello Spazio-Tempo come le altre tre forze
elettromagnetica, debole, forte.

Le due membrane in cui si confina l’Universo possono anche collidere l’una con l’altra, alla conclusione di
una lunga fase di avvicinamento (contrazione dell’Universo); subito dopo rimbalzerebbero e si
allontanerebbero (espansione dell’Universo), per ritornare successivamente ad avvicinarsi in un processo
senza fine. Le particelle che stanno all’interno delle due membrane evolverebbero in modo indipendente,
anche interagendo attraverso la particella mediatrice della forza di gravità, il gravitone, il quale oltre che
agire all’interno delle membrana potrebbe passare da un Universo all’altro movendosi nella quinta
dimensione extra. Le particelle di una delle due membrane si comporterebbero come materia oscura (un
tipo di particelle non previsto dal Modello Standard) per l’altra membrana.

A cura di Marco Gentili 86


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

L’energia oscura (una forma di energia che non trova giustificazione teorica nel Modello Standard),
guiderebbe l’espansione accelerata cui l’Universo sembra essere soggetto.

Il problema è verificare se il Modello Cosmologico inflazionario si adatta bene alla realtà osservata, cosa
non semplice perché il modello stesso si poggia sulla Teoria delle Stringhe che a sua volta necessita di
verifiche sperimentali.

Appare importante evidenziare che per osservare stringhe delle dimensioni della costante di Planck
servirebbero concentrazioni di energia, non solo al di fuori della portata delle tecnologie dell’Oggi, ma
anche definitivamente di qualsiasi strumento futuro.

Non a caso il fisico statunitense Richard Phillips Feynman (1918-1988), che si ritiene il maggior fisico teorico
della seconda metà dello scorso secolo, esprime senza peli sulla lingua la sua opinione sui teorici delle
stringhe (James Gleick, Genius: The Life and Science of Richard Feynman, Pantheon Books, 1992):

Non mi piace il fatto che non calcolano alcunché (...)

Non mi piace che non verificano le loro idee (...)

Non mi piace che quando ci sono disaccordi con un esperimento, essi confezionano una spiegazione,
un aggiustamento, e poi dire,”Beh, potrebbe ancora essere giusta”.

Gabriele Veneziano rimane invece tutt’ora ottimista (Gabriele Veneziano, Intervista per Il fatto quotidiano
di Davide Patitucci, I primi 50 anni della Teoria delle stringhe, 2018):

Sono molto soddisfatto e sorpreso nel vedere quanta strada ha fatto la teoria delle stringhe,
partendo da un piccolo lavoro di ormai 50 anni fa. Non era certo nelle mie intenzioni iniziali pensare
a una Teoria del tutto (…)

Ci sono molti giovani entusiasti di questi particolari sviluppi della fisica. Sono molto preparati, ad
esempio dal punto di vista matematico, più degli scienziati della mia generazione. Come fisici, il
nostro obiettivo è capire la natura. Penso che grazie a questi giovani studiosi ci siano buone chances
per la teoria delle stringhe di superare lo scoglio della prova sperimentale, malgrado le numerose
difficoltà, soprattutto tecniche, che si devono ancora affrontare.

Giusto il richiamo di Veneziano all’energia intellettuale dei giovani fisici ma:

• dopo 50 anni dalla nascita della teoria;


• circa 35 dal rinnovato entusiasmo avvertito tra il 1980 e il 1986 quando i fisici la considerarono
l'idea più promettente per arrivare a unificare la fisica;
• 25 dall’ultimo rilancio provocato dall’avvento della Teoria M unificatrice del vasto paesaggio di
teorie;
• 0 verifiche sperimentali;

si potrebbe anche sicuramente parlare di stallo e forse perfino farsi venire il sospetto che non si tratti più
di fisica ma solo di elegantissima matematica e pura avvincente speculazione metafisica.

A cura di Marco Gentili 87


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Non si controribatta all’affermazione precedente affermando che per scoprire il Bosone di Higgs previsto
dal Modello Standard nel 1964 e rilevato per la prima volta nel 2012 ci si è messo quasi 50 anni, in attesa
dello sfuggente Bosone, il Modello ha ricevuto nel corso degli anni molte altre conferme sperimentali che
hanno spinto a continuare la ricerca del Bosone.

Aforisma dello scrittore e medico indiano, autore di saggi "New Age" Deepak Chopra (1947) premio Ig
Nobel per la fisica nel 1998 per la sua improbabile interpretazione della fisica quantistica:

Quando si lotta contro il momento presente, in realtà si lotta contro l’intero universo.

Uso del tempo nella Gravità Quantistica a Loop


Alla fine degli anni Sessanta i due fisici statunitensi John Wheeler (1911-2008) e Bryce DeWitt (1923-2004)
tentano di conciliare la Meccanica Quantistica con la Relatività Generale e la gravità, per far questo
applicano alla gravità le stesse idee usate per sviluppare la teoria quantistica dell’elettromagnetismo,
l’Elettrodinamica quantistica che ha unificato l’elettromagnetismo della fisica classica con la meccanica
quantistica. Riscrivono le equazioni di campo Einstein in un formalismo analogo a quello
dell’elettrodinamica quantistica:

• non riescono a formulare una teoria quantistica della gravità;


• ottengono un risultato molto strano, un equazione in cui manca la variabile temporale, l’equazione
di Wheeler-DeWitt.

Se la Relatività ha rinunciato al tempo assoluto di Newton, almeno ne ha creato vari sostituti parziali, quei
tempi locali che, presi insieme, si comportano come il tempo newtoniano, quando la gravità è debole e le
velocità relative sono basse. L’equazione di Wheeler-DeWitt è priva anche di questi sostituti, se la si prende
alla lettera significa che il tempo non esiste.

Com’è possibile che il tempo sparisca? Sarà mica una questione d’inconscio freudiano? Visto che
nell’inconscio freudiano il tempo non esiste.

Nel 1990, provano a rispondere il fisico italiano Carlo Rovelli (1956) e il fisico americano Lee Smolin (1955), i
fondatori della Gravità Quantistica a Loop (LQG, Loop Quantum Gravity). Abbandonate le stringhe,
l'Universo sarebbe ora costituito da loop (anelli) della solita lunghezza infinitesima dell’ordine della
costante di Planck, circa 10−35 metri. Anelli, ma le stringhe non erano anche ad anello? Si tratta di qualcosa
di completamente diverso, le stringhe si muovono nello spazio, i loop costruiscono essi stessi lo spazio
quantistico formando reti in modo tale che l’Universo nel suo insieme:

• conserva gli aspetti fondamentali della Relatività, come l'invarianza per trasformazioni che
permettono di relazionare osservatori diversi;
• è costituito da uno Spazio-Tempo, privo delle dimensioni aggiuntive compattificate, quantizzato alla
scala della costante Planck, caratteristica della Meccanica Quantistica;
• evita quegli infiniti che la fisica non sa trattare ne interpretare, l’uso dei loop che possono
contenere una certa quantità di energia in un quanto di spazio-tempo, piccolo ma non nullo, in
luogo delle particelle puntiformi adimensionali su cui è costruita la Relatività, permette di evitare le
scomode singolarità gravitazionali.

A cura di Marco Gentili 88


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

In questo senso la Gravità Quantistica a Loop, combina le due teorie, fa diventare lo Spazio-Tempo una
sorta di rete di “grani di spazio-tempo”: come se il “tessuto” continuo caratteristico della geometria
quadrimensionale della Relatività fosse sostituito ad ogni istante del tempo, da una geometria costituita da
“strutture discrete”; una fitta maglia caratterizzata da “nodi”, “collegamenti” unidimensionali
direzionalmente orientati ed etichettati a cui corrispondono specifiche proprietà quantistiche, chiamata
Rete di spin.

All’interno della Gravità Quantistica a Loop, il tempo non sembra essere più una buona variabile. Invece
di avere equazioni che descrivono come cambiano le cose “nel tempo” come in Meccanica Classica,
Razionale, Statistica, Relativistica, si usano equazioni che descrivono come cambiano le cose l’una
rispetto all’altra. Sembra quasi di essere così ritornati alla fisica di Galileo che pragmaticamente non
cerca la causa dell’accelerazione, ma vuole limitarsi a capire la caduta dei gravi rifacendosi
retrospettivamente all’osservazione fondamentale per cui la velocità, acquisita dal corpo che cade, è
proporzionale allo spazio percorso (v α x), un cambiamento senza bisogno alcuno del tempo.

Oggi i più illustri sostenitori dell’idea che il tempo a livello fondamentale non esiste sono Carlo Rovelli e il
fisico britannico Julian Barbour (1937), che cercano di riscrivere la meccanica quantistica facendo a meno
del tempo, come pare necessario per una teoria della gravità che sia in accordo con la Relatività Generale,
per la Gravità quantistica a Loop. E’ evidente che l’idea fascinosa di sbarazzarsi del tempo comporta
numerosi inconvenienti collaterali, in particolare richiede il ripensamento completo della Meccanica
Quantistica.

Per capire meglio la differenza tra Gravità Quantistica a Loop e Meccanica Quantistica, come già fatto per
analizzare le differenze tra le due interpretazioni di quest’ultima (Copenaghen <-> Molti Mondi), conviene
riutilizzare quel gatto che, in barba all’infernale macchina in cui è prigioniero, sopravvive tutt’ora, perfino a
chi ve lo ha rinchiuso nel 1953, Schrödinger è infatti morto nel 1961.

La Meccanica Quantistica afferma che il gatto è vivo o morto, in funzione del risultato di una misurazione.
Finché non si apre la macchina e si va a vedere cos’è realmente successo, si esegue dunque una misura, il
gatto è sia vivo che morto, ho meglio il gatto è la “sovrapposizione” dei due “stati quantici”: gatto vivo,
gatto morto.

A cura di Marco Gentili 89


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Diversamente per la Gravita Quantistica a Loop lo stato del gatto non si risolve mai, la povera bestia
potrebbe essere:

• morta rispetto a se stessa;


• viva rispetto a un essere umano che si trova nella stanza;
• morta rispetto a un secondo essere umano fuori dalla stanza e così via.

Una cosa è che il momento della morte del gatto dipenda dall’osservatore, come afferma la Relatività
(che così conferma il suo carattere di assolutezza in contrapposizione con il nome); un’altra, ancora più
sorprendente, è che il suo verificarsi o meno sia relativo, come suggerisce la Gravita Quantistica a Loop,
seguendo lo spirito della relatività.

Aforisma dello scrittore e sceneggiatore statunitense William Cuthbert Faulkner( 1897-1962):

Il tempo è morto fintanto che è scandito da piccoli ingranaggi.

Solo quando l’orologio si ferma il tempo prende vita.

Tempo Una Dimensione tra Tante, Ridondante, Emergente


Ogni osservatore rileva banalmente il cambiamento, qualunque esso sia: auto che si spostano, candele che
si consumano, tramonti che colorano il cielo, capelli che diventano sempre più grigi. Ogni osservatore
interpreta il cambiamento come mutamento, variazione di qualche proprietà di ciò che c’è nell’Universo,
Uomo incluso, rispetto al tempo.

Per la Teoria delle Stringhe, il tempo è una dimensione tra le tante (10, 11, 26) che descrivono l’Universo,
invece Rovelli e Barbour ritengono l’impresa di descrivere l’Universo senza tempo possibile: la Relatività
Generale, deprivata dall’equazione di Wheeler-DeWitt di un tempo globale, riesce a descrivere il
cambiamento correlando i sistemi fisici tra loro invece che a un’idea astratta di tempo assoluto:

• si può descrivere le variazioni nella posizione di un satellite in orbita attorno alla Terra in termini di
ticchettii dell’orologio di cucina;
• si può definire cosa sia un giro completo della lancetta corta sull’orologio della cucina, in termini di
un certo numero di orbite di un satellite intorno alla Terra.

Quel che così si fa nella Gravità quantistica a Loop è descrivere le correlazioni tra due fenomeni fisici,
satellite ed orologio di cucina, senza usare un tempo assoluto come intermediario.

Il tempo diventa ridondante, il cambiamento atemporale, perché può essere descritto senza tempo
mediante correlazioni tra sistemi fisici.

Al tempo stesso questo significa che, anche se l’Universo a livello fondamentale può essere privo di tempo,
se lo scomponiamo in varie parti (il satellite in orbita; l’orologio in cucina; l’osservatore di orologio e
satellite che li correla), alcune possono fare da orologio alle altre.

Il tempo emerge dall’assenza di tempo! L’Uomo percepisce il tempo perché è una di quelle parti
dell’Universo.

A cura di Marco Gentili 90


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

L’Universo non può sempre essere diviso in pezzi che facciano da orologi per gli altri, soprattutto per
quanto riguarda il livello fondamentale. Inevitabilmente per affrontare queste situazioni serve una Teoria
del Tutto che integri Meccanica Quantistica e Relatività Generale e un profondo ripensamento del tempo.

I fisici sono in grado di sintetizzare il funzionamento dell’Universo in termini di leggi fisiche che si svolgono
nel tempo: l’enorme rete di correlazioni dell’Universo è organizzata in modo ordinato, questo permette di
definire qualcosa chiamato “tempo” e riferire tutto a esso, senza tenere traccia di tutte le relazioni dirette.
Una gran comodità! Comodità che non deve ingannare: ovvero indurre a pensare che il tempo sia un
componente fondamentale della struttura dell’universo, il tempo potrebbe essere solo un utile artificio!

Si dice che il tempo è denaro, anche il denaro rende la vita molto più semplice, rispetto ai baratti in natura:
ma è solo un’etichetta inventata, che si assegna alle cose a cui attribuiamo un valore, non qualcosa di
fondamentale che per ha un valore di per sé. Si potrebbe sviluppare una teoria economica senza denaro,
come una fisica senza tempo, con una “metrica di valore”, correlata alla composizione di un paniere di beni
e servizi. Ad esempio:

• un ora di ripetizione di fisica si correla ad un chilo di gelato artigianale,


• un’ora di pulizie della casa a 330 grammi dello stesso gelato.

Cosa che permette di pensare che anche il tempo, come il denaro, sia un’invenzione comoda, che non
esiste al livello fondamentale dell’Universo più di quanto esista il denaro.

Se pure l’Universo è privo di tempo, tuttavia sembra che il tempo faccia parte dell’Universo.
Evidentemente spiegare perché il mondo sembra temporale è una questione pressante per chiunque
abbracci la Gravità quantistica a Loop priva di tempo.

I fisici:

• sono partiti con la Fisica Classica dal tempo altamente strutturato dell’esperienza soggettiva
dell’uomo, il tempo con un passato fisso, un presente (reale) e un futuro aperto;
• gradualmente hanno smantellato questo tempo soggettivo, prima per cercare un tempo oggettivo,
poi anche relativistico dell’universo, di cui rimane poco o nulla;
• ora devono invertire questo procedimento, ricostruire il tempo dell’Uomo, a partire dalla fisica del
livello fondamentale dell’Universo, che a sua volta va ricostruito a partire da una rete di
correlazioni tra le parti di un Universo fondamentalmente privo di tempo.

Rovelli e Barbour hanno proposto idee sul modo in cui il tempo, o meglio l’illusione del tempo, possa
comparire dal nulla in un Universo privo di tempo.

Invece Smolin, che pure nel 1990 ha contribuito con Rovelli a definire la Gravità Quantistica a Loop, nel
2014 ci ha ripensato mettendosi ad inseguire la rinascita del tempo:

Sono convinto che per capire il significato dell’immagine dell’Universo che le osservazioni
cosmologiche stanno componendo dobbiamo abbracciare la realtà del tempo in un modo nuovo.

Questo è ciò che intendo per “rinascita del tempo”.

Dalla Gravità quantistica a Loop nasce inevitabilmente un’intrigante domanda:

Il tempo è un’illusione?

A cura di Marco Gentili 91


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Negli ultimi anni la maggioranza dei fisici pensa che una Teoria del Tutto debba eliminare il tempo. Lo
testimoniano gli esiti di un concorso indetto nel 2008 dal Foundational Questions Institute (FQXi), istituto
che ha lo scopo di catalizzare, sostenere e diffondere ricerche su questioni fondate su fisica e cosmologia, in
particolare sulle nuove frontiere ed idee innovative. Il concorso, cui hanno partecipato numerosi grandi
nomi della fisica, richiedeva un saggio sulla natura del tempo:

• i fisici che ritengono che la Meccanica Quantistica fornisca le basi più solide, in cui il tempo è
centrale, e per questo propendono per la Teoria delle Stringhe sono stati restii a fare a meno del
tempo;
• i fisici che credono che il miglior punto di partenza sia la Relatività Generale, in cui il tempo è già
declassato, non essendo più assoluto, propendono per la Gravità Quantistica a Loop e sono più
aperti all’idea di una realtà senza tempo;
• molti fisici hanno sostenuto che una Teoria del Tutto, che possa superare Relatività Generale,
Meccanica Quantistica, Modello Standard, descriverà un mondo senza tempo;
• tutti i fisici sono stati d’accordo sul fatto che senza una riflessione profonda sul tempo potrebbe
essere impossibile procedere verso una Teoria del Tutto.

Aforisma del poeta e drammaturgo francese Paul Claudel (1868-1955):

Il tempo è il mezzo per essere che viene offerto a tutto ciò che sarà affinché non sia più.

A cura di Marco Gentili 92


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Emergenza o Illusione?
Le equazioni della fisica non ci dicono quali eventi si stanno verificando proprio adesso, sono come una
mappa senza l’indicazione “voi siete qui”; in queste equazioni non esiste il momento attuale, quindi
nemmeno il fluire del tempo. Da oltre un secolo la teoria della Relatività suggerisce, non solo che non esiste
un singolo presente speciale ma anche tutti i momenti sono ugualmente reali. In sostanza, il futuro non è
più aperto del passato! La differenza tra l’idea della fisica e la percezione quotidiana del tempo (si deve
ironicamente rimarcare nel corso del tempo, da Uomo, percettivo del tempo, che è chi scrive):

• ha appassionato pensatori di tutte le epoche passate;


• si è fatta sempre più grande nel corso del XX secolo, al procedere del lavoro dei fisici che hanno
privato il tempo della maggior parte delle proprietà che gli si attribuiscono nel quotidiano
dell’Uomo;
• oggi sembra raggiungere il suo apice, molti fisici teorici (non tutti) pensano che il tempo addirittura
non esista, che l’Universo sia privo di tempo;
• domani potrebbe arrivare alla sua conclusione logica?

Sia chiaro, per ora, che, relativamente all’affermazione della Fisica “il tempo non esiste”, non si può
parlare di teoria, ma solo di ipotesi di lavoro, peraltro ancora non suffragata da qualche osservazione
sperimentale inoppugnabile. Nella letteratura divulgativa della fisica il fatto che il tempo possa non
esistere, è tipicamente reso con due diverse espressioni:

• il tempo è un illusione, un’espressione puramente scenica che non spiega molto del perché il
tempo negato dalla fisica sia percepito dall’Uomo;
• il tempo emerge naturalmente, espressione che presuppone la ricerca di un qualche procedimento
fisico-matematico che faccia ricomparire il tempo passando dalle fondamenta dell’Universo
all’Uomo, che per questo permette di formulare analogie che diano l’intuizione di questa naturale
emersione del tempo.

Una qualunque teoria fisica che prescinda dal tempo deve spiegare perché osserviamo il cambiamento,
se invece l’Universo non sta cambiando, deve giustificare perché il tempo non esiste.

Alcune recenti ricerche tentano proprio di fornire questa spiegazione, sicuramente dovranno tenere conto
di quelli che si sceglie di chiamare i Livelli di rappresentazione dell’Universo.

Aforisma dello scrittore ed informatico statunitense Robeert Brault (1938):

Per secoli, l’uomo ha creduto che il sole girasse intorno alla terra. Secoli dopo, pensa ancora che il
tempo si muova in senso orario.

Livelli di rappresentazione dell’Universo


La fisica, applicando un metodo riduzionista, scompone l’Universo in livelli:

• stelle, galassie ed altri oggetti astronomici, appartengono ad un livello cosmologico, percepito


dall’Uomo molto limitatamente, sia guardando il cielo ad occhio nudo, come anche scandagliandolo
con il più potente dei radiotelescopi;

A cura di Marco Gentili 93


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

• la solita ironicamente ricorrente pentola d’acqua bollente, utile a cucinare una mitica carbonara (di
cui, a proposito di tempo ci si potrebbe chiedere quando è nata), appartiene sicuramente al livello
macroscopico, ben percepito dall’Uomo (affamato che divora la pasta);
• atomi e molecole, di fatto i costituenti del livello macroscopico, appartengono ad un livello
microscopico, non percepito dall’Uomo (volendo, al progressivo diminuire delle dimensioni in
gioco, si potrebbe parlare in successione di livelli molecolare, atomico, nucleare, subnucleare);
• atomi e molecole, sono a loro volta costituiti da altre entità, ingredienti ancora più elementari,
basilari come quarks, stringhe, loop, afferenti ad un livello fondamentale.

Si distingue provocatoriamente tra livello microscopico e livello fondamentale, solo perché nel corso del
tempo il livello microscopico è stato ridefinito più volte, i suoi costituenti si sono reiteratamente
scomposti, senza mai sapere davvero se si è raggiunto il livello fondamentale.

La fisica ambisce descrivere da oltre un secolo questo livello fondamentale, la filosofia da quasi tre millenni,
eppure … Ogni volta che s’ipotizza un ingrediente elementare, un costituente ultimo, una volta trovatolo
sperimentalmente, oggettivamente, s’ipotizza un costituente ancora più elementare, più ultimo, più
piccolo, che si rifugia inevitabilmente in ambiti sempre più irraggiungibili, dalle dimensioni sempre più
infinitesime, dalle energie sempre più estreme. E’ accaduto:

• all’atomo di Democrito, scomposto in particelle elementari (protoni, neutroni, elettroni);


• alle particelle elementari, scomposte in quarks, stringhe, loop, a seconda di quale teoria si scelga;
• accadrà ancora? Anche a quarks, stringhe, loop?

Per rendersi conto di questi livelli si consiglia un vecchio libro del 1986 che si ritiene oggi come allora (il
tempo è passato!) sempre innovativo, geniale, attuale, Potenze di dieci. Le dimensioni delle cose
nell'universo; per i più pigri, un filmato didattico su YouTube del 2008, che riusa l’idea del libro Potenze di
10. Entrambi esplorano l’Universo sulla “distanza” di 40 potenze di 10 (… 1/100, 1/10, 1, 10, 100, 1.000 …),
un 1 seguito da 40 zeri è veramente un grande numero.

I Livelli di rappresentazione dell’Universo servono a fare chiarezza su cosa significhino affermazioni come
“il tempo esiste” o “il tempo non esiste”, consentono di rendere, qualunque delle due precedenti
affermazioni si scelga, meno apodittica, più contestualizzata, più precisa, più significante.

Grazie ai Livelli dell’Universo possiamo infatti scrivere:

• per Galileo e Newton, per la Fisica Classica, per l’Uomo nel suo livello macroscopico, il tempo
esiste ed è reale. L’Universo ha un solo orologio universale, che ripartisce il mondo in istanti di
tempo, in modo unico e oggettivo, non legato alla soggettività di chi osserva (si evidenzia come gli
assunti sull’oggettività del tempo e sulla sua realtà sono soggettivi);
• Per Rovelli e Barbour, per la Gravità Quantistica a Loop, per l’Universo al suo livello
fondamentale, il tempo non esiste. Dovremmo iniziare a pensare il mondo in termini non
temporali, sebbene questo risulti difficile sul piano dell’intuizione, scrive Carlo Rovelli.

Non c’è nessuna contraddizione tra quest’ultima affermazione sul livello fondamentale e la precedente
sul livello macroscopico. Le due affermazioni contrappongono due diverse visioni del tempo correlandole a
livelli ben distinti:

• quella soggettiva dell’Uomo legata alla sua esperienza condotta al livello macroscopico,
• quella oggettiva della fisica legata al livello fondamentale.

A cura di Marco Gentili 94


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Conforta queste mie affermazioni il pensiero del filosofo francese Maurice Merleau-Ponty (1908-1961), un
esponente della disciplina filosofica chiamata Fenomenologia (di cui si dirò successivamente) per cui il
tempo in realtà non scorre di per sé; il suo scorrere apparente è un risultato del fatto che:

poniamo surrettiziamente nel fiume un testimone del suo corso (l’Uomo).

La tendenza a credere che il tempo scorra permettendoci di tracciare traiettorie potrebbe legarsi al
mancato inserimento della rappresentazione dell’osservatore ed al suo collegamento con l’Universo. La
Meccanica Quantistica che di questa interazione tra osservabile ed osservatore tiene conto non a caso
sostituisce la traiettoria nel tempo con una distribuzione di probabilità.

Aforisma dello scrittore spagnolo Jordi Doce (1967):

Gli orologi sono rispetto al tempo ciò che un dizionario è rispetto al linguaggio.

Emergenza
I Livelli di rappresentazione dell’Universo permettono di scrivere una frase come la seguente:

Al livello fondamentale o microscopico della fisica il tempo può non esistere, ma può emergere ai
livelli superiori percepiti dall’Uomo (macroscopico e cosmologico).

Di tutti gli esempi possibili di oggetti appartenenti al livello macroscopico percepito dall’Uomo, si è
ironicamente scelta una solida pentola d’acciaio piena d’acqua bollente. Non è stato un caso, non si stava
cucinando una mitica carbonara, non serviva (solo) a prendere in giro un cattivo divulgatore.

La solidità (della pentola) e la temperatura (dell’acqua), sono proprietà emergenti (collettive) dalle
proprietà degli atomi e molecole (cariche elettriche e forze elettromagnetiche inter atomiche o
molecolari; movimento e velocità) costituenti gli oggetti macroscopici (pentola, acqua ed anche Uomo).

• una pentola appare solida, sebbene al livello microscopico sia un insieme di variegati atomi
composto, per la maggior parte, da spazio vuoto;
• all’acqua in una pentola si associa una temperatura, che quando bolle definisce quelli che per noi
sono di 100 gradi, sebbene al livello microscopico esista solo il movimento scomposto dell’insieme
di molecole che la compongono che aumenta all’aumentare dell’energia termica che si trasferisce
all’acqua.

Analogamente il tempo potrebbe essere una proprietà emergente (come lo sono solidità e temperatura
ed anche colore ed attrito), degli ingredienti basilari che costituiscono l’Universo, legati al livello
fondamentale, quali che siano (quark, stringe o loop).

L’idea di tempo emergente ha lo stesso rivoluzionario potenziale della concettualizzazione del tempo
operata da Einstein nella Relatività (1905-15) che produce quel concetto di Spazio-Tempo di cui si è detto
ed abbatte il concetto di tempo assoluto, cosa per cui quello che è futuro per uno, potrebbe essere passato
per un altro. Un secolo dopo Einstein, quasi tutti i fisici ritengono che ridefinire il concetto di tempo sia di
nuovo centrale per superare l’impasse in cui versano le Teorie del Tutto.

A cura di Marco Gentili 95


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Si trova intrigante l’idea di Rovelli e Barbour del tempo che, assente al livello fondamentale
dell’Universo, si palesa in quello macroscopico dell’Uomo, come già la fisica ha dimostrato accadere per
la solidità e temperatura, come se il tempo risultasse da una sorta di media statistica fatta su qualche
proprietà della concitata, tumultuosa, aggrovigliata, interazione di tantissimi componenti fondamentali
(siano essi quark, stringhe, brane, loop o chissà quale altra diavoleria).

In aggiunta:

• si aderisce all’idea di chi pensa che il tempo si è già perso (almeno quello di Galileo, Newton,
Kant), da più di un secolo, dal 1915 per l’esattezza, con l’avvento della Relatività Generale, solo che,
evidentemente, ancora molti non se ne sono fatti una ragione;
• si ritiene che il tempo perde senso se non lo si può misurare, cosa che deriva dal ben ricordare che
Einstein arrivò alla relatività ristretta pensando operativamente a come sincronizzare due orologi se
la velocità della luce è finita;
• si tende ad assumere un atteggiamento pragmatico ed operativo riguardo al tempo, inteso come
quantità misurabile, con comodi orologi come oggi si fa, o con sistemi fisici tra loro correlati come
propone Rovelli e la Gravita Quantistica Loop;
• si assume un atteggiamento più da fisico che da filosofo, non ponendosi tanto la questione di che
cosa sia il tempo, che si prende come concetto primitivo, ma piuttosto di come misurarlo.

Aforisma del filosofo rumeno Emil M. Cioran (1911-1995):

Si avvicina all’essenza del Tempo soltanto chi sa sprecarlo. L’uomo di nessuna utilità.

Illusione
Il tempo è un’illusione? Leggere questa frase può far pensare che questo “momento attuale”, il “proprio
adesso”, è ciò che sta accadendo. Il “momento attuale” sembra speciale, reale: per quanto si ricordi il
passato, o si sappia anticipare il futuro, si vive nel presente. Il momento in cui si è letta la frase precedente,
adesso non è più in corso. Lo è questo, in cui, quel precedente momento, si archivia nel passato. Tutto
questo costruisce l’impressione (l’illusione?) che il tempo fluisca, nel senso che il presente si aggiorna di
continuo.

Il tempo:

• è considerato come atto della mente, della ragione, della percezione, dell'intuizione, dei sensi, della
memoria, della volontà, e di tutte le loro combinazioni e interferenze;
• è ritenuto un senso generale che accompagna ogni contenuto mentale, allo stesso modo delle
emozioni, del dolore e del piacere;
• è considerato anche come senso a sé, separato, speciale, disparato;
• è stato dichiarato a priori, innato, intuitivo, empirico, meccanico;
• è stato dedotto dall'interno e dall'esterno dell’Uomo, dalla terra e dal cielo dell’Universo, da diverse
altre cose difficili da immaginare.

A cura di Marco Gentili 96


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Si ha una profonda intuizione (facile da confondere con la verità oggettiva) del fatto che:

• il passato sia fisso, immutabile, per questo generatore di rimpianti;


• il futuro sia aperto, fino a quando non diventa presente, aperto quindi alla speranza;
• il fluire del tempo trasporti avanti nel tempo questa ripartizione, tra passato fisso, presente in
atto, futuro aperto.

Da questa struttura percettiva del tempo dipende il modo in cui si vive, questa struttura è parte integrante
del pensiero, del comportamento, del linguaggio, in sintesi dell’Uomo. Questo modo di pensare il tempo,
passato fisso/futuro aperto, è naturale, umano, studiato dalle Neuroscienze Cognitive, eppure non è una
verità della fisica.

Il fondamento scientifico di come pensare il tempo, il suo essere “vero”, almeno nell’ambito della fisica,
non può derivare dalla percezione dell’Uomo, o dalla sua fisiologia.

La fisica non parla mai del tempo come di un’illusione, nemmeno quando ne nega l’utilità al livello
fondamentale dell’Universo.

Aforisma dello scrittore statunitense Delmore Schwartz (1913-1966:

Il tempo è il fuoco in cui bruciamo.

A cura di Marco Gentili 97


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Oltre la Fisica
Non si sa se il tempo possa essere una proprietà emergente del livello macroscopico, non ci si può certo
stupire se qualcuno non sia d’accordo con questa ipotesi esprimendosi come segue:

Il tempo non è un’illusione perché è un prodotto del sapere soggettivo, esattamente come l’essere
che è prodotto dal dubbio, cioè da una forma di sapere sospeso (…)

Non è possibile né opportuno prendere congedo dal tempo (…)

Non è corretto parlare di “percezione” del tempo. Il tempo esiste.

È dentro di noi, e non possiamo cancellarlo, altrimenti si cancella il senso stesso dell’esistenza.

Il tempo è una categoria fondamentale della vita.

Evidentemente quest’interpretazione che nega l’illusorietà del tempo, può valere solo per l’Uomo e per il
livello macroscopico di rappresentazione dell’Universo in cui egli si colloca, che percepisce ed esperisce
costruendo il suo sapere soggettivo. Negare l’illusorietà del tempo per questo non significa
necessariamente rigettare l’ipotesi di non esistenza del tempo al livello fondamentale e di un
meccanismo che lo faccia emergere come proprietà macroscopica .

Il livello dell’Universo sul quale la fisica s’interroga, rispetto al quale ipotizza l’assenza del tempo, che la
parola illusione ad un livello che non sia quello umano è fuorviante, è tutt’altro, è il livello fondamentale:

• assai distante in termini di lunghezze e ed energie coinvolte da quello macroscopico dell’Uomo;


• un livello dove non esiste soggetto, cervello, neurone, ne la possibilità che qualcuno s’illuda
dell’esistenza di qualcosa.

Le precedenti affermazioni sintetizzano il tema centrale di un saggio intitolato Neurobiologia del tempo
(Raffaello Cortina, 2017), di Arnaldo Benini (1938), professore emerito di neurochirurgia e neurologia
presso l’Università di Zurigo che come medico ha passato una vita a studiare e curare il cervello umano.
Saggio in cui Benini afferma:

• che i biologi hanno scoperto che tutti gli esseri viventi dotati di sistema nervoso, anche semplice,
hanno il senso del tempo; cosa che anche chiunque legga Benini, semplicemente come
appartenente all’insieme Uomo, riesce ad immaginare pur non conoscendone i meccanismi;
affermazione che per i fisici evidentemente non implica nulla in merito alla fisica del livello
fondamentale;
• che la simultaneità è un’illusione, infatti ci si rende conto di cosa accade dopo circa mezzo
secondo, rispettando quell’antecedenza causale che rafforza il nesso causa-effetto; cosa su cui i
fisici s’interrogano sin dai tempi dell’azione a distanza di Galileo e Newton esi sono risposti ancora
prima che Einstein riformulasse la fisica a partire dalla finitezza della velocità della luce, visto che un
segnale elettrico impiega tempo a propagarsi su un filo di rame, un segnale acustico è più lento di
uno luminoso, a propagarsi in un mezzo.

Evidentemente Benini di storia della fisica sa poco. Del resto perché dovrebbe? Nessuno lo pretenderebbe,
se non fosse che si mette accesamente a contestare alcune affermazioni della fisica dell’Oggi, inapplicabili
all’Uomo ed al livello macroscopico in cui si colloca, descritto dalla Fisica Classica non certo dalla Gravità
Quantistica a Loop.

A cura di Marco Gentili 98


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Indipendentemente da quello che Benini pensa del tempo dell’Uomo, come riconosciuto esperto di
Neuroscienze Cognitive, colpisce che:

• parli di pressioni da parte dei fisici (su chi? Non certo lui!) per eliminare il tempo (non certo quello
dell’Uomo);
• si rivolga nel suo libro alla fisica, per contestare esplicitamente e specificatamente il pensiero di
Rovelli.

Sembra che Benini voglia provocatoriamente confondere:

• livello macroscopico/livello fondamentale,


• soggettivo/oggettivo,
• Neuroscienze Cognitive/Fisica.

S’immagina che questa provocazione di Benini contro la fisica gli serva a riportare lo sguardo sul cervello,
sui risultati delle neuroscienze cognitive che egli sintetizza con efficacia, oltre che a promuovere il suo libro.

Aforisma del poeta, saggista, drammaturgo statunitense naturalizzato britannico Thomas Stearns Eliot,
(1888-1965):

In un minuto c’è il tempo per decisioni e scelte che il minuto successivo rovescerà.

Neuroscienze Cognitive
Lo studio naturalistico dei meccanismi nervosi del senso del tempo inizia nel 1849, come conseguenza
imprevista di una ricerca, che si rivelerà fondamentale, condotta dal medico e fisico tedesco, Hermann Von
Helmholtz (1821-1894), che studia le contrazioni muscolari delle zampe delle rane. Von Helmholtz scopre
che fra applicazione dello stimolo elettrico e la contrazione muscolare, ritenute fino ad allora simultanee (la
Fisica Classica dell’epoca è ancora quella dell’azione a distanza), passa un certo tempo e che di questa
durata inevitabile e costante (che rimanda all’antecedenza temporale ingenuamente confusa con il
principio di causalità) la nostra coscienza non avverte nulla.

Le neuroscienze moderne, nate da un ramo della biologia, indicano l'insieme dei settori di studio sul
sistema nervoso: includono conoscenze di altri ambiti di studio quali matematica, fisica, chimica e statistica;
collaborano anche con filosofia, scienze cognitive, informatica, psicologia, linguistica, ingegneria.
Nell’ambito delle neuroscienze la riflessione sul tempo, fino al 1960 è sviluppata da Psicologi, Sociologi e
Filosofi.

Le neuroscienze cognitive si sviluppano a partire dal 1980, studiando le basi cerebrali del pensiero,
evidenziando i cambiamenti nel cervello associati alle principali svolte evolutive. Per le neuroscienze
cognitive il senso del tempo è presente in ogni esperienza, anche interiore, come riflettere, fare calcoli
mentali, ascoltare e fare musica, recitare mentalmente una poesia. Le neuroscienze cognitive localizzano il
tempo nel cervello, in esso cercano dove siano, come funzionino, i meccanismi che lo creano.

A cura di Marco Gentili 99


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

I meccanismi nervosi del tempo sono stati selezionati nel corso dell’evoluzione e lavorano secondo i principi
generali dei fenomeni cognitivi, per questo la ricerca può essere condotta:

• in parte, direttamente sugli animali, dove la mancanza di dati soggettivi è compensata, almeno in
parte, dalla genialità della strategia della ricerca.
• in un’altra parte rilevante, sui disturbi del senso del tempo dell’Uomo (alcuni particolarmente
drammatici), quando il cervello umano è leso, una conferma del tempo come meccanismo nervoso
che richiede l’integrità delle aree che lo elaborano.

Non ci sono problemi ad accettare quello che Benini racconta sulle basi neurologiche del tempo, non sono
un neurologo, o un esperto di neuroscienze, non sono queste affermazioni che collidono con la fisica. Lascio
la parola a Benini.

Il cervello è una macchina fisico-chimica che produce elettricità. Possiamo individuare tutta la
“filiera” che porta, ad esempio, a muovere un braccio: le aree motorie del cervello che si attivano, lo
stimolo nervoso che arriva fino ai muscoli.

Per il tempo si presuppone che non esistano aree circoscritte.

Il senso del tempo sembra dipendere da molte, forse da tutte le aree della corteccia, e anche dal
cervelletto, che sinora si riteneva regolasse solo la precisione dei movimenti (…)

Si è visto che, se siamo noi gli artefici della causa, il tempo soggettivo fra una causa e il suo effetto è
“compresso”, cioè ridotto, rispetto a quello misurato dall’orologio, Il tempo sembra scorrere
uniforme. Invece è elusivo, irregolare, “flessibile”.

Come medico, ho visto molti casi di alterazione del senso del tempo, soprattutto in pazienti affetti
da patologie tumorali ma anche da ictus.

C’è chi crede che sia trascorsa un’ora, quando sono passati 15 minuti, o viceversa. Fino ad arrivare a
lesioni che tolgono completamente il senso del tempo: una condizione inimmaginabile per una
persona sana.

L’esistenza del tempo come meccanismo cerebrale è confermata dal senso del tempo durante
l’incoscienza del sonno, acquisizione relativamente recente.

Come fisico so bene che un segnale non si propaga mai istantaneamente, ovvio che questo si applichi anche
al sistema nervoso. Quello che ci accade in risposta a qualcuno che ci tocca è lo stesso di quando alziamo gli
occhi al cielo per vedere le stelle, non le vediamo come sono oggi, ma come erano nel loro passato, tanto
più indietro nel tempo quanto sono più lontane. Lascio nuovamente la parola a Benini.

Se siamo toccati in una mano, siamo certi di esserne coscienti nel momento in cui ciò avviene? La
simultaneità è un’illusione, perché ne siamo coscienti solo dopo mezzo secondo.

Questo è il tempo che il sistema nervoso impiega per elaborare gli stimoli sensitivi (non solo quello
tattile) fino alla coscienza.

Questo tempo è, come si dice, “compresso”: dell’intervallo fra stimolazione e coscienza di essa non
si è coscienti (…)

A cura di Marco Gentili 100


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Dal momento che ci rendiamo conto della realtà dopo mezzo secondo, viviamo sempre e solo nel
passato. Il presente è un’illusione dovuta al meccanismo della compressione del tempo.

Essa è un evento chiave e costante dell’esperienza sensoriale e dei meccanismi cognitivi, cioè del
nostro rapporto con la realtà e con l’interiorità della riflessione e delle emozioni. Ed è dovuta alla
selezione evolutiva dei meccanismi nervosi del tempo.

Aforisma del filosofo tedesco Arthur Schopenhauer (1788-1860):

La gente comune si preoccupa unicamente di passare il tempo; chi ha un qualche talento pensa
invece a utilizzarlo.

Tempo Oggettivo del Governo, Soggettivo Personale


Per Benini (varrà anche più in generale per le neuroscienze cognitive?) esistono due aspetti del tempo:

• il tempo del governo, che regola la vita sociale (si suggerisce di aggiungere a questo tempo quello
che regola l’agricoltura), misurato da calendari ed orologi, che gli conferiscono una quantità
numerica;
• il tempo personale, sentito e vissuto da ogni Uomo, quello che a volte passa in fretta, altre non
passa mai, che varia a seconda dello stato affettivo (prodotto di meccanismi nervosi con particolare
intervento dei centri dell’affettività), della temperatura corporea (con la febbre il tempo personale
scorre più velocemente) e di quella dell’ambiente in cui il corpo si colloca.

Al di là delle etichette utilizzate da Benini, si è sostanzialmente d’accordo con questa ripartizione, anche se
si preferirebbe parlare di:

• tempo oggettivo, il tempo studiato ed utilizzato dalla fisica, relativo ai diversi livelli in cui essa
scompone l’Universo (lo stesso di quello dell’agricoltura nel caso della Fisica Classica applicata al
livello macroscopico dell’Uomo); che di fatto coincide con il tempo del governo di Benini,
limitatamente al livello macroscopico ed alla Fisica Classica di Galileo e Newton ad esso applicabile;
• tempo soggettivo, la percezione del tempo che ha l’Uomo, del tutto slegata dalla realtà esterna,
quella indagata dalla fisica, anche al tempo oggettivo del livello macroscopico in cui l’Uomo si
colloca; che sembrerebbe richiamare il tempo personale di Benini.

Perché quello che si è chiamato tempo soggettivo sembra richiamare il tempo personale di Benini ma non
lo è esattamente?

• Per Benini il tempo personale, sentito e vissuto da ogni Uomo, è reale, tanto che egli vede un
pericolo nelle teorie della fisica moderna che sostengono che il tempo non esiste, che dovremmo
iniziare a pensare il mondo in termini non temporali, sebbene questo risulti difficile sul piano
dell’intuizione (come scrive Rovelli); tanto spingere Benini ad aggiungere che Non si può sostenere
l’inesistenza del tempo, che è una caratteristica centrale di parte della natura vivente, in base a
formule matematiche.

A cura di Marco Gentili 101


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

• Per chi scrive il tempo soggettivo, la percezione del tempo che ha l’Uomo, non è nulla di reale al
livello fondamentale, solo il frutto del suo cervello, che agisce/interagisce nel/col livello
macroscopico in cui l’Uomo si colloca; cervello che percepisce solidità, temperatura e tempo,
avendo la fisica già ampiamente dimostrato che solidità e temperatura non sono concetti
applicabili al livello fondamentale, che non esistono in senso oggettivo, avulsi dalla percezione
dell’Uomo a questo livello.

Aforisma dello scrittore e giornalista portoghese José de Sousa Saramago (1922-2010):

Il tempo, a volte, sembra che non passi, è come una rondine che fa il nido sulla grondaia, esce ed
entra, va e viene, ma sempre sotto i nostri occhi.

Invasione di campo
Non si capisce cosa porti Benini ad uscire dal suo campo, quello del cervello dell’Uomo, delle
Neuroscienze Cognitive, per invadere quello della fisica ed attaccare idee inerenti il livello fondamentale
dell’Universo, forse non comprende che la fisica parla d’altro, non certo del cervello dell’Uomo.

Ancora a Benini la parola, evidenziando in grassetto il suo dire più contestabile.

Non si può sostenere l’inesistenza del tempo, che è una caratteristica centrale di parte della natura
vivente, in base a formule matematiche.

Il senso del tempo, come il senso dello spazio tridimensionale e della causalità, sono, per usare un
concetto di Immanuel Kant, a priori rispetto all’esperienza della realtà, che è fuori di noi.

I fisici hanno parlato e parlano del tempo senza chiedersi che cosa sia e da dove venga.

Salvo forse Einstein, la cui ambivalenza nei confronti del tempo è un capitolo suggestivo della
storia della scienza e della cultura.

Le neuroscienze e la biologia comparata, con i dati della ricerca e non con speculazioni teoriche,
dimostrano che il senso del tempo è dovuto a meccanismi cerebrali trasmessi da una generazione
all’altra per via genetica. Essi si sono sviluppati in un percorso evolutivo di milioni di anni. È una
caratteristica degli esseri viventi con sistema nervoso, anche dei più remoti e minuscoli, come quello
delle formiche.

Il senso del tempo, come il senso dello spazio tridimensionale e della causalità, sono, per usare un
concetto di Immanuel Kant, a priori rispetto all’esperienza della realtà, che è fuori di noi.

Noi inseriamo la realtà nelle categorie innate dello spazio e del tempo.

Dal terzo anno di vita abbiamo il senso del tempo: prima, adesso, dopo. Prima dei tre anni non sono
maturi i meccanismi della memoria episodica, ecco perché non ricordiamo niente di quel periodo.

Il senso del domani, nello sviluppo, precede quello dello ieri, del passato, che presuppone
meccanismi della memoria episodica già maturi.

A cura di Marco Gentili 102


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Il tempo è prodotto dal cervello, come il linguaggio, la cui grammaticale universale, per ricordare la
straordinaria intuizione di Noam Chomsky, è una caratteristica strutturale di aree particolari di tutti
i cervelli umani.

Chiedere di “cancellare” il tempo è chiedere di cambiare cervello.

Che poi è pretendere che i nostri cervelli cambino se stessi.

Non esiste necessità evolutiva per selezionare un cervello senza i meccanismi del tempo.

Il tempo è un meccanismo creato dal cervello. Per questo non è corretto parlare di “percezione”
del tempo.

Non esiste, nel cervello, un organo della percezione del tempo.

Il mondo si percepisce, il tempo si sente.

Di seguito si commenta qualcuna delle criticabili affermazioni di Benini precedentemente evidenziate:

• Non si può sostenere l’inesistenza del tempo … in base a formule matematiche; che differenza c’è
a sostenere che solidità e temperatura sono percezioni umane relate all’interazione di corpo e
mente con l’ambiente macroscopico in cui l’Uomo si colloca? Nessun fisico vuol affermare che
l’Uomo non senta la solidità, la temperatura, il tempo.
• I fisici hanno parlato e parlano del tempo senza chiedersi che cosa sia e da dove venga; i fisici si
chiedono da dove venga il tempo, ma non certamente in relazione al cervello dell’Uomo, piuttosto
in relazione ai costituenti ultimi dell’Universo, del suo livello fondamentale.
• Salvo forse Einstein, la cui ambivalenza nei confronti del tempo è un capitolo suggestivo della
storia della scienza e della cultura; frase che trovo prima incomprensibile poi irriverente.
• Chiedere di “cancellare” il tempo è chiedere di cambiare cervello; nessuno fisico chiede di
cambiare cervello all’Uomo, nessun fisico pensa che un cervello possa evolvere per diventare privo
di tempo; al tempo stesso che lo spazio dell’Universo non è quello Euclideo del cervello dell’Uomo è
stato dimostrato sperimentalmente, è un fatto reale;
• Il tempo è un meccanismo creato dal cervello. Per questo non è corretto parlare di “percezione”
del tempo; se il tempo è un meccanismo del cervello, non c’entra nulla con il livello fondamentale
dell’Universo, relativamente al quale i fisici ipotizzano possa non esserci; l’Uomo non percepisce il
tempo, lo crea dentro di se e tramite esso interpreta l’Universo.

Il percepito dell’Uomo non ha nulla a che vedere con la realtà della fisica dell’Universo, le sensazioni
prodotte dal cervello sono frutto dell’interazione di mente e corpo dell’Uomo con l’ambiente
macroscopico. Ad esempio:

• l’Uomo percepisce colori, la fisica parla di frequenza, lunghezza d’onda della luce, fotoni di diverse
energie;
• l’Uomo vede (percepisce) pochi colori (si potrebbe parlare anche di suoni e vibrazioni), rispetto alla
gamma di frequenze, lunghezze d’onda, energie, che la fisica ha scoperto manifestarsi nell’Universo
grazie agli strumenti messi a punto (lo spettro del visibile è poca cosa rispetto all’intero spettro
elettromagnetico).

A cura di Marco Gentili 103


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Aforisma del filosofo tedesco Immanuel Kant (1724-1804):

Tutti gli oggetti dei sensi, cadono nel tempo e stanno necessariamente fra di loro in rapporti di
tempo.

Critica della Ragion Pura, Estetica Trascendentale


Per quanto concerne le restanti affermazioni di Benini che si trovano criticabili:

• Il senso del tempo, come il senso dello spazio tridimensionale e della causalità, sono, per usare un
concetto di Immanuel Kant, a priori rispetto all’esperienza della realtà, che è fuori di noi.
• Il mondo si percepisce, il tempo si sente.

Si deve prima richiamare il concetto di tempo (e di spazio) elaborato da Kant nella Critica della ragion
pura.

Nella prima parte della Critica della ragion pura, detta Estetica trascendentale, il filosofo tedesco Immanuel
Kant (1724-1804) studia i princìpi a priori della sensibilità cioè lo spazio e il tempo, si confronta con le
posizioni assunte da chi l’ha preceduto:

• Newton (1642 – 1727), che suppone l'esistenza di uno spazio e di un tempo assoluti;
• Leibniz (1646-1716), che nega che spazio e tempo siano una realtà in se stessi e propone di
considerarli come semplici relazioni tra corpi.

Kant affronta questo problema tentando di conciliare le ipotesi di Newton e Leibnitz, per lui spazio e tempo
non sono né una realtà oggettiva in se stessa, né semplici relazioni tra oggetti.

L’incipit della Critica della ragion pura è coerente all’approccio della fisica alla conoscenza (Kant, Critica
della ragion pura, 1781):

Non c'è dubbio che ogni nostra conoscenza incomincia con l'esperienza; da che infatti la nostra
facoltà conoscitiva sarebbe altrimenti stimolata al suo esercizio, se ciò non avvenisse per mezzo
degli oggetti che colpiscono i nostri sensi e, per un verso, danno origine da sé a rappresentazioni,
per un altro, muovono l'attività del nostro intelletto a paragonare queste rappresentazioni, a
riunirle o separarle, e ad elaborare per tal modo la materia greggia delle impressioni sensibili per
giungere a quella conoscenza degli oggetti, che chiamasi esperienza?

Nel tempo, dunque, nessuna conoscenza in noi precede all'esperienza, e ogni conoscenza comincia
con questa.

A cura di Marco Gentili 104


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Kant interpreta l’Universo alla stregua di un meccanismo sottomesso alle leggi dell'Io penso da lui inteso
come appercezione trascendentale, funzionale al molteplice, che si attiva solo quando riceve dati da
elaborare, posto al vertice della conoscenza critica, perché unifica e dà un senso alle rappresentazioni del
mondo dell’uomo (Kant, Critica della ragion pura, 1781).

L'unificazione non è dunque negli oggetti, e non può esser considerata come qualcosa di attinto da
essi per via di percezione, e per tal modo assunto primieramente nell'intelletto; ma è soltanto una
funzione dell'intelletto, il quale non è altro che la facoltà di unificare a priori, e di sottoporre all'unità
dell'appercezione il molteplice delle rappresentazioni date; ed è questo il principio supremo di tutta
la conoscenza umana.

L'Io penso deve poter accompagnare tutte le mie rappresentazioni; ché altrimenti verrebbe
rappresentato in me qualcosa che non potrebbe essere per nulla pensato, il che poi significa
appunto che la rappresentazione o sarebbe impossibile, o, almeno per me, non sarebbe. Quella
rappresentazione che può esser data prima di ogni pensiero, dicesi intuizione. (...)

Io la chiamo appercezione pura, per distinguerla dalla empirica, o anche appercezione originaria,
poiché è appunto quella autocoscienza che, in quanto produce la rappresentazione Io penso, — che
deve poter accompagnare tutte le altre, ed è in ogni coscienza una e identica, — non può più essere
accompagnata da nessun'altra.

Il termine appercezione, introdotto dal matematico e filosofo tedesco Leibniz (1646-1716), definisce la
"percezione della percezione", ossia la percezione massima situata al più alto livello di autocoscienza,
indica una forma particolare di percezione mentale, che si distingue per chiarezza e consapevolezza di sé
(Leibniz, Scritti filosofici, 1684-1703).

La percezione della luce o del colore, della quale abbiamo appercezione, è composta da una
quantità di piccole percezioni, delle quali non abbiamo appercezione; ed un suono del quale
abbiamo percezione, ma al quale non poniamo attenzione, diventa appercepibile con una piccola
addizione o incremento. Infatti se ciò che precede non producesse nulla sull'anima, anche questo
piccolo incremento non produrrebbe nulla e la totalità neppure.

Per Kant spazio e tempo sono quindi forme a priori della sensibilità dell’Uomo, che condizionano ogni sua
esperienza sensibile in quanto le cose sono presentate all’Uomo sempre situate all'interno di uno spazio
e di un tempo (Kant, Critica della ragion pura, Analitica trascendentale, Deduzione trascendentale, 1781).

L'ordine e la regolarità dei fenomeni, che noi chiamiamo natura, siamo quindi noi stessi a introdurli.
D'altronde, noi non potremmo certo trovarli nella natura, se noi stessi (o la natura del nostro animo)
non li avessimo originariamente introdotti.

Da un lato spazio e tempo operano solo in presenza dei dati dell'esperienza, dall'altro sono ricavati per
astrazione dalla sensazione. L’intuizione empirica dell’Uomo costruisce un mondo dell'esperienza
organizzato nelle forme dello spazio e del tempo; nell’intuizione empirica l’Uomo sintetizza:

• i dati che provengono dalla sua sensibilità, che ha come caratteristiche fondamentali la passività e
la recettività;
• con le forme a priori che strutturano tali dati, correlate a struttura e funzionamento del cervello
dell’Uomo ci si permette di aggiungere dalla prospettiva della contemporaneità.

A cura di Marco Gentili 105


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Le operazioni conoscitive sono formulate attraverso giudizi sintetici a priori, l’Uomo conosce perché è
modificato dagli oggetti che agiscono sulla sua capacità di rappresentazione producendo una sensazione.
Attraverso questa sensazione però non conosce direttamente gli oggetti come sono in se stessi, ma solo
come appaiono dalle modificazione che provocano su l’Uomo stesso cioè attraverso il fenomeno. Nella
conoscenza sensibile che Kant chiama intuizione empirica vengono distinti due elementi:

• la forma, data a priori dall’intuizione pura, dalla sensibilità che non deriva dall’esperienza, che
ordina il contenuto della conoscenza secondo determinati rapporti;
• la materia, fornita a posteriori dall'esperienza, la modificazione sensibile della forma pura alla
base della nostra conoscenza.

Aforisma del filosofo tedesco Immanuel Kant (1724-1804):

Il tempo è una rappresentazione necessaria, che si trova a fondamento di tutte le intuizioni.

Tempo e Spazio, forme a priori


Kant definisce lo spazio una rappresentazione a priori, una rappresentazione intuitiva pura, come la
forma di tutti i fenomeni dei sensi esterni, cioè la condizione soggettiva della sensibilità, sotto la quale
soltanto ci è possibile l'intuizione esterna.

• Lo spazio è la forma a priori del senso esterno dell’Uomo, perciò non può essere ricavato
dall'esperienza, non è un concetto empirico, non è un concetto discorsivo, ma un'intuizione pura.
• Ci si può rappresentare solo uno spazio unico, i molti luoghi di cui si può parlare non sono altro che
parti di un unico e medesimo spazio.
• L’esperienza esterna è possibile solo se esiste la rappresentazione a priori dello spazio, quindi lo
spazio è una necessaria rappresentazione a priori che sta alla base di tutte le rappresentazioni
esterne.
• L’Uomo dispone nello spazio, secondo rapporti e relazioni tipici, le cose che sono esterne a lui;
osservando due oggetti e la loro distanza, si presuppone già la loro collocazione in un ordinamento
spaziale.
• Lo spazio ha tre dimensioni, spazi differenti non sono successivi, ma simultanei.

Per Kant la simultaneità o la successione delle esperienze non si presenterebbe neppure se come
fondamento a priori non vi fosse la rappresentazione del tempo:

• Il tempo è la forma a priori del senso interno dell’Uomo, dell'intuizione di se stesso e del suo stato
interno, perciò non può essere ricavato dall'esperienza, astraendo da una successione di fenomeni,
non è un concetto empirico, è un'intuizione pura che rende possibile che l’Uomo si rappresenti
determinati fenomeni in coesistenza o successione.
• Ci si può rappresentare solo un tempo unico, così come per lo spazio, tempi differenti sono solo
parti di un solo medesimo tempo.
• L’esperienza interna è possibile solo se esiste la rappresentazione a priori del tempo, quindi il
tempo è una necessaria rappresentazione a priori che sta alla base di tutte le intuizioni.
• L’Uomo ordina nel tempo tutti i dati della sua sensibilità, disponendoli unitariamente e
stabilmente secondo l'ordine della coesistenza o della successione.

A cura di Marco Gentili 106


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

• Il tempo ha una sola dimensione, tempi differenti non sono simultanei, ma successivi.

Per Kant, solo se lo spazio e il tempo sono intuizioni pure, che cioè hanno sede solo nel soggetto e
costituiscono la disposizione di esso a lasciarsi modificare da oggetti, è possibile:

• relativamente allo spazio, conoscere le proposizioni geometriche, che sono apodittiche, cioè
connesse con la coscienza della loro necessità;
• relativamente al tempo, conoscere la meccanica pura, o teoria generale del movimento.

Il concetto di tempo però ha una portata più ampia rispetto a quello di spazio perché è un'intuizione a
priori che sta alla base di tutte le intuizioni empiriche: se in modo diretto esso è la forma a priori del senso
interno; in modo indiretto lo è anche del senso esterno, poiché anche i dati del senso esterno ci giungono
solo tramite le modificazioni del senso interno.

Si è voluto evidenziare in dettaglio le caratteristiche del tempo e dello spazio di Kant, per rendere
evidente come le leggi dell’ Io penso, o autopercezione trascendentale, esprimente la sensibilità
dell’Uomo siano strettamente correlate a quel livello macroscopico dell’Uomo, descritto dalla Fisica
Classica, da Galileo e Newton, con spazio e tempo assoluti, invariabili, separati, piatto e di 3 dimensioni
l’uno, di 1 dimensione l’altro.

Correlazione che appare ragionevole correlate anche considerato il periodo storico in cui il pensiero di Kant
si sviluppa (1781). Chissà cosa penserebbe Kant della fisica dell’Oggi?

• Del tempo non unico, non assoluto, della Relatività Ristretta, che con il senso interno dell’Uomo e
l’intuizione pure mi pare abbia poco a che fare.
• Dello Spazio-Tempo curvo, non euclideo, della Relatività Generale, distorto in funzione della
presenza di massa, dilatato e contratto in funzione e della velocità dell’osservatore.
• Dello Spaziotempo pluridimensionale con troppe dimensioni, da 11 a 26 dimensioni, della Teoria
delle stringhe.
• Del tempo emergente a livello macroscopico dal livello fondamentale che descrive l’Universo della
Gravità Quantistica a Loop.

Oggi probabilmente Kant l’avrebbe pensata diversamente! Ecco perché le affermazioni di un pensiero
piccolo come quello evidenziato da Benini:

• Il senso del tempo, come il senso dello spazio tridimensionale e della causalità, sono, per usare un
concetto di Immanuel Kant, a priori rispetto all’esperienza della realtà, che è fuori di noi.
• Il mondo si percepisce, il tempo si sente.

non possono essere avvalorate da un pensiero grande come quello di Kant, grande ma inevitabilmente
datato dall’essere stato elaborato precedentemente allo sviluppo della fisica dell’Oggi, così dirompente ed
immaginifica rispetto:

• ai limitati sensi interno ed estero dell’Uomo;


• alle rappresentazioni a priori dell’Uomo;
• alla ristretta intuizione empirica dell’Uomo;
• alla diretta esperienza dell’Uomo.

A cura di Marco Gentili 107


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Oggi l’Uomo non conosce più solo perché è modificato dagli oggetti che agiscono sulla sua capacità di
rappresentazione producendo una sensazione.

Aforisma del filosofo tedesco Immanuel Kant (1724-1804):

Spazio e tempo ineriscono in modo assolutamente necessario alla nostra sensibilità, qualunque
sia il genere delle nostre sensazioni.

Fenomenologia
La contrapposizione tra fisica e neuroscienze che istiga Benini in relazione al concetto di tempo ricorda la
contrapposizione tra conoscenza scientifica e filosofica su cui il filosofo austriaco naturalizzato tedesco
Edmund Gustav Albrecht Husserl (1859-1938) ed il suo discepolo ed assistente il filosofo tedesco
Heidegger (1889-1976), costruiscono la disciplina filosofica della Fenomenologia enunciata nel 1907.
Peraltro richiamare il concetto di tempo elaborato nell’ambito della Fenomenologia aiuta ad evidenziare
che il tempo di cui parla Benini non è il tempo oggettivo della fisica, motivo per cui dovrebbe evitare di dire
ai fisici Non si può sostenere l’inesistenza del tempo!

L’idea di una realtà senza tempo è così sbalorditiva che è difficile da capire: quel che l’Uomo fa, lo fa nel
tempo; l’Universo in cui l’Uomo fa, è una serie di eventi collegati tra loro dal tempo. Data una frase come
quella precedente, che chiunque è disposto a condividere, c’è da chiedersi: Cos’è l’Universo per l’Uomo?
Forse sarebbe meglio parlare di “immagine dell’Universo”: una pura rappresentazione soggettiva
dell’oggetto inconoscibile Universo. E’ quello che sostengono Husserl e poi anche Heidegger, con la
Fenomenologia, che:

• assegna primaria rilevanza all'esperienza intuitiva,


• interpreta i fenomeni come un riflesso fenomenologico, indissolubilmente associato al punto di
vista dell’Uomo, come punti di partenza da cui estrarre le caratteristiche essenziali delle esperienze
e l'essenza di ciò che si sperimenta.

La Fenomenologia opera una sorta di "riduzione epistemologica" che elimina tutte le assunzioni inerenti
l'esistenza dell’Universo come esterno ed indipendente dalla coscienza dell’Uomo. Per Husserl la coscienza
non è fine a sé stessa ma è sempre diretta, tramite un atto di "puro guardare", a pensieri, puri fenomeni di
conoscenza assolutamente slegati dall'esistenza. Ripulita dalla presunzione dell'esistenza di una realtà
esterna, la coscienza può quindi accostarsi alla pura contemplazione dei suoi fenomeni interni, inutile dire
che il tempo è uno di essi.

Husserl si pone una domanda fondamentale: Come è possibile una conoscenza vera? La sua risposta (La
filosofia come scienza rigorosa, 1911) è costruita sulla nitida demarcazione tra:

• conoscenza scientifica, ingenua ed acritica perché assume come vera ed esistente a priori la realtà
esterna, non ponendosi il problema della "possibilità della conoscenza in assoluto" ovvero del
fondamento della conoscenza stessa;
• conoscenza filosofica, che si dedica a questo obiettivo fondamentale e fondante, il fondamento
della conoscenza stessa, la Fenomenologia stessa, "purificata" da assunzioni e pregiudizi superflui e
fuorvianti.

A cura di Marco Gentili 108


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Ogni scienza naturale è nei suoi punti di partenza ingenua. Per essa la natura che intende ricercare c'è
semplicemente.

La scienza è un valore tra altri valori di pari diritto.

Demarcazione che, seppure svilente nei confronti della fisica a favore della filosofia, si correla direttamente
alle diverse visioni del tempo che s’identificano e contestualizzano utilizzando i diversi Livelli di
rappresentazione dell’Universo già presentati:

• quella oggettiva della fisica legata al livello fondamentale;


• quella soggettiva dell’Uomo legata alla sua esperienza condotta al livello macroscopico.

Husserl riprende il concetto di sospensione del giudizio con cui il filosofo e matematico francese René
Descartes (1596-1650) fonda il procedimento che chiama dubbio metodico, per cui per capire cosa può
essere effettivamente vero, è necessario sospendere il giudizio dubitando di tutto ciò di cui è possibile
dubitare (Discorso sul metodo; Meditazioni metafisiche), riconoscendo esplicitamente il suo debito verso
Descartes:

Nessun filosofo del passato ha contribuito in modo così decisivo al senso della fenomenologia come
il maggior pensatore francese, Renato Descartes. È lui che la fenomenologia deve onorare come suo
patriarca.

Husserl propone di mettere tra parentesi (soprassedere su) tutto ciò che si conosce, ad esclusione di se
stessi intesi come coscienza. Coscienza che non è fine a sé stessa, piuttosto è sempre diretta, tramite un
atto di "puro guardare", a pensieri o percezioni (definiti cogitationes), puri fenomeni di conoscenza
assolutamente slegati dall'esistenza.

In questo modo Husserl evidenzia la distinzione tra:

• esistenza, che consiste nel fatto che l'oggetto di una percezione (cogitatio) esista realmente al di
fuori della coscienza del soggetto pensante;
• essenza, che è il senso oggettivo e immanente nella coscienza che viene intenzionalmente
attribuito alla percezione (cogitatio).

Heidegger, allievo di Husserl, va oltre, cerca di costruire un'ontologia fondamentale (lo studio dell’essere
in quanto tale) che ricerchi la natura costitutiva degli oggetti del mondo a partire dal soggetto e dalla
coscienza trascendentale (slegata dalla realtà dell’Universo) che in qualche modo li rende possibili.

Intende l'essere come progettare, cosa che modifica la concezione dell'essere degli oggetti:

• questi non sono più presenze che sussistono in maniera indipendente da noi, come induce a
credere il metodo scientifico;
• sono strumenti in funzione del progetto dell’essere, è il soggetto a creare l'oggetto, cosa che
riconduce alla Fenomenologia del suo maestro Husserl.

Husserl conosce i lavori di von Helmholtz che danno origine alle Neuroscienze, inevitabilmente il tempo
diviene uno dei temi centrali della sua ricerca filosofica.

A cura di Marco Gentili 109


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Aforisma del filosofo austriaco naturalizzato tedesco Edmund Gustav Albrecht Husserl (1859-1938):

Il tempo è la forma ineliminabile delle realtà individuali.

Tempo Fenomenologico dell’Esistenza


Husserl sviluppa il discorso sul tempo dalla fenomenologia della coscienza interna, vale a dire:

• non che il tempo sia idealisticamente creato dalla coscienza,


• ma che il tempo coincide con la vita coscienziale, con il suo flusso di vissuti.

Questo significa che il tempo originario che Husserl ricerca è come la vita allo stato puro, un elemento
virtuale che è sempre presente anche quando non è percepito e che rende possibile lo svolgersi e la
percezione degli eventi:

• il tempo è vita fungente;


• spazio virtuale, nel senso che possiede ad un tempo caratteri di realtà e indefinibilità;
• scenario imprescindibile e origine per il mondo spazio-temporale.

E’ così che l’analisi del tempo si svolge a partire dall’esperienza del presente, il punto-tempo qui ed ora, il
quale raccoglie in sé la ritenzione del passato e la protensione verso il futuro, in modo da creare una
situazione dialettica, mai semplice e definita, tra un discretum fra i diversi punti-ora e un continuum fra di
essi. Nella sua opera conclusiva, la Crisi delle scienze europee (1936) Husserl dispiega il senso più profondo
e forte della sua temporalità:

La fenomenologia conduce alla costituzione della storia secondo verità, alla costituzione
dell’essenza dell’esistenza temporale secondo l’orizzonte teleologico della verità. Questa verità è
vita intenzionale, e l’opposto contro il quale combatte è la morte.

La costituzione del tempo secondo verità non è dunque essere-per-la-morte ma essere-per-la-verità,


il che comporta che la verità non sia essere ma il senso dell’essere. Non più essere, ma senso
dell’essere.

Per la Fenomenologia il tempo:

• non è il tempo oggettivo della fisica (quello che Husserl chiama il tempo cosmico, misurabile, privo
di valore esistenziale perché non ha alcun riferimento alla contingenza del presente);
• non è il tempo soggettivo della conoscenza (quello percepito dall’Uomo);
• è il tempo fenomenologico dell'esistenza (che Husserl chiama "temporalità"), la forma unitaria dei
vissuti, delle esperienze di coscienza; il tempo come modalità dell'esserci dell'essere, il modo, non
soltanto attraverso cui l'essere conosce il mondo, ma sceglie di esistere nel mondo.

Non a caso Husserl scrive (Per la fenomenologia della coscienza interna del tempo, a cura di A. Marini,
Franco Angeli, 1981):

(…) il più difficile di tutti i problemi fenomenologici, il problema appunto dell’analisi del tempo (…)

Il tempo che per essenza inerisce al vissuto come tale, con i suoi modi di datità (nel linguaggio
filosofico, l’essere dato, il modo con cui un oggetto è “dato”, cioè si rivela, alla conoscenza)

A cura di Marco Gentili 110


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

dell'adesso, del prima, del dopo, con la simultaneità e la successione modalmente determinati dai
precedenti, non può essere misurato da nessuna posizione del sole, da nessun orologio, da nessun
mezzo fisico: in generale, non può essere affatto misurato.

La Fenomenologia in questo modo evidenzia la diversità tra il tempo della fisica, dell’Uomo e quello
fenomenologico, che non significa che essi siano assolutamente diversi, l’uno richiama necessariamente
l’altro:

• l’oggettività del tempo della fisica presuppone necessariamente che ogni istante venga prima o
dopo un altro istante;
• ugualmente il tempo fenomenologico richiede che ci sia qualcuno che lo percepisca, che riesca a
correlarlo col presente del vissuto.

La percezione del tempo fenomenologico comporta così la distinzione fra passato, presente e futuro,
determinando la memoria, la percezione e l’aspettativa.

La Fenomenologia, come già i Livelli di rappresentazione dell’Universo, è utile a fare chiarezza su cosa
significhino affermazioni come “il tempo esiste” o “il tempo non esiste”, consentendo di rendere,
qualunque delle due precedenti affermazioni si scelga, meno apodittica, più contestualizzata, più precisa,
più significante.

Se pure “il tempo non esiste”, questo non significa che non ci sia il tempo nella vita quotidiana dell’Uomo.
Significa solo che il tempo non è più un concetto utile quando si studia il livello fondamentale dell’Universo,
quello in cui non c’è l’irridente acqua per bollire la pasta, ma non per questo si deve rinunciare a farsi una
carbonara.

Aforisma del poeta inglese Lord Byron (1788-1824):

Il tempo! il correttore quando i nostri giudizi sbagliano.

A cura di Marco Gentili 111


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Conclusioni
Non si trova paradossale il contesto scientifico contemporaneo, caratterizzato :

• da un lato dalla fisica che ipotizza di fare a meno del tempo nello studio delle relazioni tra materia
ed energia al livello fondamentale dell’Universo, lasciandolo emergere come al livello
macroscopico;
• dall'altro dalle neuroscienze cognitive che svelano i meccanismi mentali ed il senso del tempo,
nello studio del cervello dell’Uomo, per provare a sentire e capire qualcosa che dichiara essere
dentro l’Universo, non solo nella natura dell’Uomo.

Quello che ad alcuni, tra cui Benini, appare paradosso, paradosso non è. Affermazione che consegue dal
fatto che fisica e neuroscienze non hanno mai preso in considerazione ambiti d’indagine, dati e riflessioni
dell’altra disciplina, in particolare sul tempo. La scienza contemporanea, a causa dell’estrema
specializzazione, è caratterizzata da visioni verticali, non trasversali, chi lavora alla frontiera di una ricerca
ignora ciò che avviene sulle altre frontiere. Conseguentemente fisica e neuroscienze hanno sviluppato un
linguaggio che nella contrapposizione tra le due discipline (fisica <-> neuroscienze), evidentemente diverge
nell’interpretazione di:

• oggettivo <-> soggettivo,


• livello cosmologico/macroscopico/microscopico <-> livello fondamentale,
• reale <-> immaginario.

Riguardo al tempo, non si crede che fisica, neuroscienze cognitive e filosofia si occupino dello stesso
concetto (evento naturale), si limitano a chiamarlo solo nello stesso modo:

• chi per studiarne l’esistenza o meno, in relazione allo stato fondamentale dell’Universo;
• chi per studiarlo sempre più a fondo, riducendolo ad eventi fisico-chimici nervosi che regolano la
vita di moltissime specie nel livello macroscopico dell’Universo.
• chi per studiarlo come modalità dell'esserci dell'essere, per cercarvi la forma unitaria delle
esperienze di coscienza il modo.

Ogni disciplina, nel tempo (tocca citarlo perché si appartiene all’insieme Uomo), tende a creare:

• curiose sovrapposizioni, degli strumenti concettuali di cui si è servita per studiare il proprio
oggetto;
• un felice senso di profonda incompletezza, non da intendersi come rinuncia dell'avventura
scientifica, ma come stimolo a porsi nuove domande.

Accade alla fisica, come alle neuroscienze cognitive ed alla filosofia.

Potrebbe un nuovo scenario di contaminazione tra fisica e neuroscienze essere fecondo? Sarebbe da
sperarlo perché vedo la fisica dell’Oggi in stallo da troppo tempo sull’interpretazione del livello
fondamentale, sulla ricerca di una Teoria del Tutto, ma si rimane scettici.

A cura di Marco Gentili 112


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Si può farsi tante domande sul tempo, è un sano indizio di curiosità:

• Che cos’è il tempo?


• A che serve il tempo?
• Come nasce il tempo?
• Come facciamo a percepirlo?
• Come fa il nostro cervello a misurarlo?

E’ sempre meglio scegliere la disciplina più corretta, tra fisica (tutt’altro che monolitica e quindi al suo
interno rimane da selezionare la teoria più pertinente), filosofia (anche qui le discipline tra cui scegliere non
mancano), neuroscienze cognitive, per avere le risposte.

Di certo la fisica non ha le risposte per tutto (anche se sa rispondere alla domanda Che cosa che permette
di bollire la pasta?), anzi alcune domande non devono nemmeno essere poste alla fisica.

Ad esempio se ironicamente ci si chiede: Che cosa c'era prima del Big Bang? Domanda legittima per il
cervello dell’Uomo, che percepisce, o produce come preferisce Benini, il tempo, assieme ai concetti di
prima e dopo.

Se il Big Bang è l’inizio dell’Universo, ed al tempo stesso dal Big Bang inizia anche la "storia" del tempo (e
dello spazio, dell’energia e della materia) così come lo conosciamo o tentiamo di conoscere, la domanda
inizia a vacillare.

Chiedersi cosa c'era prima del Big Bang è chiedersi cosa c'era prima della nascita del concetto di prima.

Il fisico britannico Stephen William Hawking (1942-2018) nell’articolo The Beginning of Time ha affermato:

Poiché gli eventi prima del Big Bang non hanno conseguenze osservazionali, si può anche escluderli
dalla teoria e dire che il tempo è iniziato al Big Bang.

Gli eventi prima del Big Bang, semplicemente non sono definiti, perché non c'è modo di misurare
quello che è successo a loro.

Si condivide quest’approccio ma qualche fisico gli effetti post Big Bang, causati da eventi pre Big Bang li sta
teorizzando e cercando.

Il tempo dell’Oggi non è più quello di una volta, verrebbe da dire per concludere al bar all’angolo, di
fronte ad una birretta, sicuramente non quello dei primi istanti dell'universo.

Aforisma dello scrittore israeliano David Grossman (1954):

La cosa più preziosa che puoi ricevere da chi ami è il suo tempo.

Non sono le parole, non sono i fiori, i regali. È il tempo.

Perché quello non torna indietro e quello che ha dato a te è solo tuo, non importa se è stata
un’ora o una vita.

A cura di Marco Gentili 113


Il Tempo nella Fisica dell’Oggi

Bibliografia minima
Monod J., Il caso e la necessità, Mondadori, 1970

Bunge M., La causalità, Boringhieri, 1970

Feynman R.P., La legge fisica, Boringhieri, 1971

Eddington A. S., Spazio, Tempo e Gravitazione, Boringhieri, 1971

Hesse M.B., Forse e Campi, Feltrinelli, 1974

Bunge, Halbawachs, Kuhn, Piaget, Rosenfeld, Le teorie della causalità, Einaudi, 1974

Toraldo di Francia G., L'indagine del mondo fisico Copertina flessibile, Einaudi, 1976

Einstein A., Relatività Esposizione Divulgativa, Boringhieri, 1977

Reichenbach H., Filosofia dello spazio e del tempo, Feltrinelli, 1977

Koyré A, Studi Galileiani, Einaudi, 1979

Jammer M., Storia del concetto di Forza, Feltrinelli, 1982

Morrison P. & P., Potenze di dieci. Le dimensioni delle cose nell'universo, Zanichelli, 1986

Koyré A, Dal Mondo chiuso all’universo infinito, Feltrinelli, 1988

Prigogine I., Stengers I., La nuova alleanza. Metamorfosi della Scienza, Einaudi, 1999

Gasperini M., L'universo prima del big bang. Cosmologia e teoria delle stringhe, Franco Muzzio, 2002

Barbour J., La fine del tempo. Einaudi, 2003

Greene B., La trama del cosmo. Spazio, tempo, realtà, Einaudi, 2004.

Susskind L., Il paesaggio cosmico. Dalla teoria delle stringhe al megaverso, Adelphi, 2007

Craig Callender, Il tempo è un’illusione? [o la decostruzione del tempo], Le Scienze, n. 504, agosto 2010

Rovelli C., La realtà non è come ci appare, Raffaello Cortina Editore, 2014

Smolin L., La rinascita del tempo, Einaudi, 2014

Brian Greene B., Bartocci C., L'universo elegante, Einaudi, 2015

Rovelli C., L’ordine del tempo, Adelphi, 2017

Benini A., Neurobiologia del tempo, Raffaello Cortina, 2017

A cura di Marco Gentili 114

Potrebbero piacerti anche