Sei sulla pagina 1di 55

N° RIF. 00023904 Filename UNINI412601_2006_EEI.

pdf

UNI EN ISO 4126-1:2006 - 13-04-2006 - Dispositivi di sicurezza per la protezione contro le sovrapressioni - Parte 1: Valvole di sicurezza - Safety devices for protection against excessive pressure - Part 1: Safety valves

VALVOLE INDUSTRIALI;CTI

NORMA TECNICA UNI EN ISO 4126-1:2006


DATA 13/04/2006
AUTORI VALVOLE INDUSTRIALI;CTI

TITOLO ITALIANO Dispositivi di sicurezza per la protezione contro le sovrapressioni - Parte 1: Valvole di
sicurezza
TITOLO INGLESE Safety devices for protection against excessive pressure - Part 1: Safety valves
SOMMARIO La presente norma Þ la versione ufficiale in lingua inglese e italiana della norma europea
EN ISO 4126-1 (edizione febbraio 2004). La norma indica i requisiti generali per le valvole
di sicurezza indipendentemente dal fluido per il quale sono state progettate.Essa si applica
alle valvole di sicurezza che hanno un diametro di passaggio utilizzabile uguale o maggiore
di 6 mm per pressioni di taratura di 0,1 bar o maggiori. Non Þ prevista nessuna limitazione
per la temperatura.

TESTO DELLA NORMA

CLASSIFICAZIONE ICS 13.240


CLASSIFICAZIONE ARGOMENTO CEN/TC 69 - VALVOLE INDUSTRIALI

STATO VALIDITA' IN VIGORE


RIFERIMENTI INTERNAZIONALI EN ISO 4126-1:2004;ISO 4126-1:2004

LINGUA Inglese e Italiano


PAGINE 46
PREZZO NON SOCI 54,50
PREZZO SOCI 27,25
Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

NORMA Dispositivi di sicurezza per la protezione contro le UNI EN ISO


EUROPEA sovrapressioni 4126-1
Parte 1: Valvole di sicurezza

APRILE 2006

Safety devices for protection against excessive pressure


Part 1: Safety valves

La norma indica i requisiti generali per le valvole di sicurezza indi-


pendentemente dal fluido per il quale sono state progettate.
Essa si applica alle valvole di sicurezza che hanno un diametro di
passaggio utilizzabile uguale o maggiore di 6 mm per pressioni di
taratura di 0,1 bar o maggiori. Non è prevista nessuna limitazione
per la temperatura.

TESTO INGLESE E ITALIANO

La presente norma è la versione ufficiale in lingua inglese e italiana


della norma europea EN ISO 4126-1 (edizione febbraio 2004).

La presente norma sostituisce la UNI 9335:1991.

ICS 13.240

UNI © UNI
Ente Nazionale Italiano Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
di Unificazione può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
Via Battistotti Sassi, 11B il consenso scritto dell’UNI.
20133 Milano, Italia www.uni.com

UNI EN ISO 4126-1:2006 Pagina I


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua inglese e ita-
liana, della norma europea EN ISO 4126-1 (edizione febbraio 2004),
che assume così lo status di norma nazionale italiana.

La presente norma è stata elaborata sotto la competenza della


Commissione Tecnica UNI
Valvole industriali
e dell’ente federato all’UNI
CTI - Comitato Termotecnico Italiano

La presente norma è stata ratificata dal Presidente dell’UNI ed è


entrata a far parte del corpo normativo nazionale il 13 aprile 2006.

Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato
dell’arte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dell’applicazione di questa norma, di poter fornire sug-
gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dell’arte
in evoluzione è pregato di inviare i propri contributi all’UNI, Ente Nazionale Italiano di
Unificazione, che li terrà in considerazione per l’eventuale revisione della norma stessa.

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o
di aggiornamenti.
È importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possesso
dell’ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Si invitano inoltre gli utilizzatori a verificare l’esistenza di norme UNI corrispondenti alle
norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina II


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

EUROPEAN STANDARD
EN ISO 4126-1
NORME EUROPÉENNE
EUROPÄISCHE NORM February 2004

ICS 13.240

English version

Safety devices for protection against excessive pressure - Part 1: Safety valves
(ISO 4126-1:2004)

Dispositifs de sécurité pour protection contre les pressions Sicherheitseinrichtungen gegen unzulässigen Überdruck -
excessives - Partie 1: Soupapes de sûreté Teil 1: Sicherheitsventile (ISO 4126-1:2004)
(ISO 4126-1:2004)

This European Standard was approved by CEN on 16 May 2003.

CEN members are bound to comply with the CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate the conditions for giving this
European Standard the status of a national standard without any alteration. Up-to-date lists and bibliographical references con-
cerning such national standards may be obtained on application to the Central Secretariat or to any CEN member.

This European Standard exists in three official versions (English, French, German). A version in any other language made by
translation under the responsibility of a CEN member into its own language and notified to the Central Secretariat has the same
status as the official versions.

CEN members are the national standards bodies of Austria, Belgium, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland,
France, Germany, Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy, Latvia, Lithuania, Luxembourg, Malta, Netherlands, Norway, Poland,
Portugal, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom.

EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION


COMITÉ EUROPÉEN DE NORMALISATION
EUROPÄISCHES KOMITEE FÜR NORMUNG

Management Centre: rue de Stassart, 36 B-1050 Brussels

© 2004 CEN All rights of exploitation in any form and by any means reserved worldwide Ref. No. EN ISO 4126-1:2004: E
for CEN national Members.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina III


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

CONTENTS

FOREWORD 1

1 SCOPE 3

2 NORMATIVE REFERENCES 3

3 TERMS AND DEFINITIONS 3

4 SYMBOLS AND UNITS 7


table 1 Symbols and their descriptions ................................................................................................................ 7

5 DESIGN 9
5.1 General ........................................................................................................................................................... 9
5.2 End connections ..................................................................................................................................... 11
figure 1 Design of end connections ..................................................................................................................... 13
figure 1 a) Inlet ................................................................................................................................................................. 13
figure 1 b) Outlet ............................................................................................................................................................. 13
figure 1 c) Outlet ............................................................................................................................................................. 15
5.3 Minimum requirements for springs ............................................................................................... 15
5.4 Materials ..................................................................................................................................................... 15

6 PRODUCTION TESTING 15
6.1 Purpose ....................................................................................................................................................... 15
6.2 General ........................................................................................................................................................ 15
6.3 Hydrostatic testing ................................................................................................................................. 17
table 2 Minimum duration of hydrostatic test .................................................................................................. 17
6.4 Pneumatic testing .................................................................................................................................. 19
6.5 Adjustment of cold differential test pressure ........................................................................... 19
6.6 Seat leakage test ................................................................................................................................... 19

7 TYPE TESTING 19
7.1 General ........................................................................................................................................................ 19
7.2 Tests to determine operating characteristics .......................................................................... 23
7.3 Tests to determine flow characteristics...................................................................................... 25
7.4 Determination of the coefficient of discharge ......................................................................... 29
7.5 Certification of coefficient of discharge ...................................................................................... 29

8 DETERMINATION OF SAFETY VALVE PERFORMANCE 29


8.1 Determination of coefficient of discharge ................................................................................. 29
8.2 Critical and subcritical flow ............................................................................................................... 31
8.3 Discharge capacity at critical flow ................................................................................................. 31
8.4 Discharge capacity for any gas at subcritical flow ............................................................... 33
8.5 Discharge capacity for non-flashing liquid as the test medium in the turbulent
zone where the Reynolds number Re is equal to or greater than 80 000 .............. 33

9 SIZING OF SAFETY VALVES 33


9.1 General ........................................................................................................................................................ 33
9.2 Valves for gas or vapour relief ........................................................................................................ 33
9.3 Calculation of capacity ........................................................................................................................ 33

10 MARKING AND SEALING 35


10.1 Marking on the shell of a safety valve ........................................................................................ 35

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina IV


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

INDICE

PREMESSA 2

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 4

2 RIFERIMENTI NORMATIVI 4

3 TERMINI E DEFINIZIONI 4

4 SIMBOLI E UNITÀ 8
prospetto 1 Simboli e rispettive descrizioni ................................................................................................................. 8

5 PROGETTAZIONE 10
5.1 Generalità................................................................................................................................................... 10
5.2 Estremità di collegamento ................................................................................................................. 12
figura 1 Progettazione delle estremità di collegamento ................................................................................ 14
figura 1 a) Ingresso ........................................................................................................................................................ 14
figura 1 b) Uscita ............................................................................................................................................................. 14
figura 1 c) Uscita ............................................................................................................................................................. 16
5.3 Requisiti minimi per le molle ............................................................................................................ 16
5.4 Materiali ....................................................................................................................................................... 16

6 PROVA SULLA PRODUZIONE 16


6.1 Scopo ........................................................................................................................................................... 16
6.2 Generalità................................................................................................................................................... 16
6.3 Prova idrostatica..................................................................................................................................... 18
prospetto 2 Durata minima della prova idrostatica ................................................................................................ 18
6.4 Prova pneumatica.................................................................................................................................. 20
6.5 Regolazione della pressione di taratura al banco ................................................................ 20
6.6 Prova di tenuta della sede ................................................................................................................ 20

7 PROVA DI TIPO 20
7.1 Generalità................................................................................................................................................... 20
7.2 Prove per determinare le caratteristiche operative.............................................................. 24
7.3 Prove per determinare le caratteristiche di portata ............................................................. 26
7.4 Determinazione del coefficiente di scarico .............................................................................. 30
7.5 Certificazione del coefficiente di scarico ................................................................................... 30

8 DETERMINAZIONE DELLE PRESTAZIONI DELLE VALVOLE DI SICUREZZA 30


8.1 Determinazione del coefficiente di scarico .............................................................................. 30
8.2 Portata critica e sub-critica ............................................................................................................... 32
8.3 Capacità di scarico alla portata critica ........................................................................................ 32
8.4 Capacità di scarico per qualsiasi gas in condizioni di portata sub-critiche............. 34
8.5 Capacità di scarico dei fluidi non vaporizzabili quale mezzo di prova nella
zona turbolenta dove il numero di Reynolds, Re, è uguale a o maggiore di
80 000 ......................................................................................................................................................... 34

9 REGOLAZIONE DELLE VALVOLE DI SICUREZZA 34


9.1 Generalità................................................................................................................................................... 34
9.2 Valvole di scarico per gas o vapore ............................................................................................. 34
9.3 Calcolo della capacità ......................................................................................................................... 34

10 MARCATURA E SIGILLATURA 36
10.1 Marcatura sull’involucro di una valvola di sicurezza ........................................................... 36

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina V


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

10.2 Marking on an identification plate ................................................................................................. 35


10.3 Sealing of a safety valve .................................................................................................................... 35

ANNEX A EXAMPLES OF SIZING CALCULATIONS FOR VARIOUS FLUIDS 37


(informative)

ANNEX ZA RELATIONSHIP BETWEEN THIS EUROPEAN STANDARD AND THE


(informative) ESSENTIAL REQUIREMENTS OF EU DIRECTIVE 97/23/EC (PED) 45
table ZA.1 Correspondence between this European Standard and Directive 97/23/EC (PED) ........... 45

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina VI


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

10.2 Marcatura su una targhetta di identificazione ........................................................................ 36


10.3 Sigillatura di una valvola di sicurezza ......................................................................................... 36

APPENDICE A ESEMPI DI CALCOLI DI REGOLAZIONE PER DIVERSI FLUIDI 38


(informativa)

APPENDICE ZA RAPPORTO TRA LA PRESENTE NORMA EUROPEA E I REQUISITI


(informativa) ESSENZIALI DELLA DIRETTIVA UE 97/23/CE (PED) 46
prospetto ZA.1 Corrispondenza tra la presente norma europea e la Direttiva 97/23/CE (PED) .................. 46

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina VII


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

FOREWORD
This document (EN ISO 4126-1:2004) has been prepared by Technical Committee
CEN/TC 69 "Industrial valves", the secretariat of which is held by AFNOR, in collaboration
with Technical Committee ISO/TC 185 "Safety devices for protection against excessive
pressure".
This European Standard shall be given the status of a national standard, either by
publication of an identical text or by endorsement, at the latest by August 2004, and
conflicting national standards shall be withdrawn at the latest by August 2004.
This document has been prepared under a mandate given to CEN by the European
Commission and the European Free Trade Association, and supports essential
requirements of EU Directive.
For relationship with EU Directive, see informative annex ZA, which is an integral part of
this document.
According to the CEN/CENELEC Internal Regulations, the national standards
organizations of the following countries are bound to implement this European Standard:
Austria, Belgium, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland, France, Germany,
Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy, Latvia, Lithuania, Luxembourg, Malta,
Netherlands, Norway, Poland, Portugal, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland
and United Kingdom.
This standard for safety devices for protection against excessive pressure consists of
seven parts of which this is Part 1. The various parts are:
- Part 1 : Safety valves
- Part 2 : Bursting disc safety devices
- Part 3 : Safety valves and bursting disc safety devices in combination
- Part 4 : Pilot operated safety valves
- Part 5 : Controlled safety pressure relief systems (CSPRS)
- Part 6 : Application, selection and installation of bursting disc safety devices
- Part 7 : Common data
Part 7 contains data that is common to more than one of the parts of this standard to avoid
unnecessary repetition.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 1


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

PREMESSA
Il presente documento (EN ISO 4126-1:2004) è stato elaborato dal Comitato Tecnico
CEN/TC 69 "Valvole industriali", la cui segreteria è affidata all'AFNOR in collaborazione
con l’ISO/TC 185 "Dispositivi di sicurezza per la protezione contro gli eccessi di
protezione".
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o
mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro
agosto 2004, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro agosto 2004.
Il presente documento è stato elaborato nell'ambito di un mandato conferito al CEN dalla
Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio ed è di supporto ai
requisiti essenziali della/e Direttiva/e dell'UE.
Per quanto riguarda il rapporto con la/e Direttiva/e UE, si rimanda all'appendice
informativa ZA che costituisce parte integrante del presente documento.
In conformità alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti ad adottare la presente norma europea: Austria, Belgio, Cipro,
Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia,
Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo,
Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e
Ungheria.
La presente norma relativa ai dispositivi di sicurezza per la protezione contro gli eccessi
di protezione è composta di sette parti delle quali la presente costituisce la prima. Le varie
parti sono:
- Parte 1: Safety valves
- Parte 2: Bursting disc safety devices
- Parte 3: Safety valves and bursting disc safety devices in combination
- Parte 4: Pilot operated safety valves
- Parte 5: Controlled safety pressure relief systems (CSPRS)
- Parte 6: Application, selection and installation of bursting disc safety devices
- Parte 7: Common data
La parte 7 contiene i dati che sono comuni a più parti della presente norma per evitare
ripetizioni inutili.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 2


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

1 SCOPE
This part of this European Standard specifies general requirements for safety valves
irrespective of the fluid for which they are designed.
It is applicable to safety valves having a flow diameter of 6 mm and above which are for
use at set pressures of 0,1 bar gauge and above. No limitation is placed on temperature.
This is a product standard and is not concerned with applications for safety valves.

2 NORMATIVE REFERENCES
This European Standard incorporates by dated or undated reference, provisions from
other publications. These normative references are cited at the appropriate places in the
text and the publications are listed hereafter. For dated references, subsequent
amendments to or revisions of any of these publications apply to this European Standard
only when incorporated in it by amendment or revision. For undated references the latest
edition of the publication referred to applies (including amendments).
EN 1092-1 Flanges and their joints - Circular flanges for pipes, valves, fittings
and accessories PN designated - Part 1: Steel flanges
EN 1092-2 Flanges and their joints - Circular flanges for pipes, valves, fittings
and accessories PN designated - Part 2: Cast iron flanges
EN 1092-3 Flanges and their joints - Circular flanges for pipes, valves, fittings
and accessories PN designated - Part 3: Copper alloy flanges
prEN 1759-1 Flanges and their joints - Circular flanges for pipes, valves, fittings
and accessories, Class designated - Part 1: Steel flanges NPS ¹⁄₂
to 24
EN 12516-3 Valves - Shell design strength - Part 3: Experimental method
EN 12627 Industrial Valves - Butt welding ends for steel valves
EN 12760 Valves - Socket welding ends for steel valves
EN ISO 6708 Pipework components - Definition and selection of DN (nominal
size) (ISO 6708:1995)
ISO 7-1 Pipe threads where pressure-tight joints are made on the threads
- Part 1: Dimensions, tolerances and designation
ANSI B1.20.1 NPT threads

3 TERMS AND DEFINITIONS


For the purposes of this European Standard, the following terms and definitions apply.

3.1 safety valve: Valve which automatically, without the assistance of any energy other than
that of the fluid concerned, discharges a quantity of the fluid so as to prevent a
predetermined safe pressure being exceeded, and which is designed to re-close and
prevent further flow of fluid after normal pressure conditions of service have been
restored.
Note The valve can be characterised either by pop action (rapid opening) or by opening in proportion (not
necessarily linear) to the increase in pressure over the set pressure.

3.1.1 Types of safety valve

3.1.1.1 direct loaded safety valve: Safety valve in which the loading due to the fluid pressure
underneath the valve disc is opposed only by a direct mechanical loading device such as
a weight, lever and weight, or a spring.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 3


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE


La presente parte della norma europea specifica i requisiti generali per le valvole di
sicurezza, indipendentemente dal fluido per il quale sono state progettate.
Essa si applica alle valvole di sicurezza con diametro di passaggio di 6 mm e maggiore,
destinate ad essere impiegate a pressioni di taratura di 0,1 bar e superiori. Non è posto
nessun limite alla temperatura.
La presente norma è di prodotto e non si riferisce alle applicazioni per le valvole di
sicurezza.

2 RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente norma europea come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non
datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli
aggiornamenti).
EN 1092-1 Flanges and their joints - Circular flanges for pipes, valves, fittings
and accessories PN designated - Part 1: Steel flanges
EN 1092-2 Flanges and their joints - Circular flanges for pipes, valves, fittings
and accessories PN designated - Part 2: Cast iron flanges
EN 1092-3 Flanges and their joints - Circular flanges for pipes, valves, fittings
and accessories PN designated - Part 3: Copper alloy flanges
prEN 1759-1 Flanges and their joints - Circular flanges for pipes, valves, fittings
and accessories, Class designated - Part 1: Steel flanges NPS 2
to 24
EN 12516-3 Valves - Shell design strength - Part 3: Experimental method
EN 12627 Industrial Valves - Butt welding ends for steel valves
EN 12760 Valves - Socket welding ends for steel valves
EN ISO 6708 Pipework components - Definition and selection of DN (nominal
size) (ISO 6708:1995)
ISO 7-1 Pipe threads where pressure-tight joints are made on the threads
- Part 1: Dimensions, tolerances and designation
ANSI B1.20.1 NPT threads

3 TERMINI E DEFINIZIONI
Ai fini della presente norma europea, si applicano i termini e le definizioni seguenti.

3.1 valvola di sicurezza: Valvola che automaticamente, senza l’assistenza di un’energia


diversa da quella del fluido in questione, scarica una quantità di fluido al fine di prevenire
il superamento di una pressione di sicurezza predeterminata e che è progettata per richiu-
dersi e impedire un ulteriore flusso di fluido dopo che sono state ripristinate le condizioni
di esercizio a pressione normale.
Nota La valvola può essere caratterizzata da apertura a scatto (rapida) o da un’apertura proporzionale (non neces-
sariamente lineare) all’innalzamento della pressione oltre la pressione di taratura.

3.1.1 Tipi di valvole di sicurezza

3.1.1.1 valvola di sicurezza a peso diretto: Valvola di sicurezza nella quale il carico dovuto alla
pressione del fluido sottostante il disco della valvola è bilanciato solo da un dispositivo di
carico meccanico diretto quale un peso, una leva e un peso o una molla.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 4


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

3.1.1.2 assisted safety valve: Safety valve which, by means of a powered assistance mechanism,
may additionally be lifted at a pressure lower than the set pressure and will, even in the
event of failure of the assistance mechanism, comply with all the requirements for safety
valves given in this standard.

3.1.1.3 supplementary loaded safety valve: Safety valve which has, until the pressure at the inlet to
the safety valve reaches the set pressure, an additional force which increases the sealing
force.
Note 1 This additional force (supplementary load), which may be provided by means of an extraneous power source,
is reliably released when the pressure at the inlet of the safety valve reaches the set pressure. The amount of
supplementary loading is so arranged that if such supplementary loading is not released, the safety valve will
attain its certified discharge capacity at a pressure not greater than 1,1 times the maximum allowable pressure
of the equipment to be protected.
Note 2 Other types of supplementary loaded safety devices are dealt with in Part 5 of this standard.

3.1.1.4 pilot operated safety valve: Safety valve, the operation of which is initiated and controlled by
the fluid discharged from a pilot valve which is itself a direct loaded safety valve subject to
the requirement of this standard.
Note Other types of pilot operated safety valves with flowing, non-flowing and modulating pilots are in Part 4 of this
standard.

3.2 pressure: Pressure unit used in this standard is the bar (1 bar = 105 Pa), quoted as gauge
(relative to atmospheric pressure) or absolute as appropriate.

3.2.1 set pressure: Predetermined pressure at which a safety valve under operating conditions
commences to open.
Note It is the gauge pressure measured at the valve inlet at which the pressure forces tending to open the valve for
the specific service conditions are in equilibrium with the forces retaining the valve disc on its seat.

3.2.2 maximum allowable pressure, PS: Maximum pressure for which the equipment is designed
as specified by the manufacturer.

3.2.3 overpressure: Pressure increase over the set pressure, at which the safety valve attains
the lift specified by the manufacturer, usually expressed as a percentage of the set
pressure.
Note This is the overpressure used to certify the safety valve.

3.2.4 reseating pressure: Value of the inlet static pressure at which the disc re-establishes
contact with the seat or at which the lift becomes zero.

3.2.5 cold differential test pressure: Inlet static pressure at which a safety valve is set to
commence to open on the test bench.
Note This test pressure includes corrections for service conditions, e.g. back pressure and/or temperature.

3.2.6 relieving pressure: Pressure used for the sizing of a safety valve which is greater than or
equal to the set pressure plus overpressure.

3.2.7 built-up back pressure: Pressure existing at the outlet of a safety valve caused by flow
through the valve and the discharge system.

3.2.8 superimposed back pressure: Pressure existing at the outlet of a safety valve at the time
when the device is required to operate.
Note It is the result of pressure in the discharge system from other sources.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 5


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

3.1.1.2 valvola di sicurezza assistita: Valvola di sicurezza che, mediante un meccanismo di


assistenza motorizzato, può anche essere aperta ad una pressione minore della
pressione di taratura e che, anche nel caso di guasto al meccanismo di assistenza, è
conforme a tutti i requisiti relativi alle valvole di sicurezza riportati nella presente norma.

3.1.1.3 valvola di sicurezza a peso supplementare: Valvola di sicurezza che, fintanto che la pressione
all’ingresso della valvola di sicurezza non raggiunge la pressione di taratura, ha una forza
aggiuntiva che aumenta la tenuta.
Nota 1 Tale forza aggiuntiva (peso supplementare), che può essere fornita mediante una fonte di energia esterna, è
rilasciata in maniera affidabile quando la pressione all’ingresso della valvola di sicurezza raggiunge la
pressione di taratura. Il quantitativo di peso supplementare è disposto in modo che se tale peso supple-
mentare non è rilasciato, la valvola di sicurezza raggiunge la capacità di scarico certificata ad una pressione
non maggiore di 1,1 volte la pressione massima ammissibile dell’apparecchiatura da proteggere.
Nota 2 Altri tipi di dispositivi di sicurezza a peso supplementare sono descritti nella parte 5 della presente norma.

3.1.1.4 valvola di sicurezza comandata da pilota: Valvola di sicurezza, il cui funzionamento è iniziato
e comandato dal fluido scaricato da una valvola pilota che è essa stessa una valvola di
sicurezza a peso diretto, conforme ai requisiti della presente norma.
Nota Altri tipi di valvole di sicurezza comandate da pilota con pilota con portata, senza portata e modulante sono
descritti nella parte 4 della presente norma.

3.2 pressione: L’unità di pressione utilizzata nella presente norma è il bar (1 bar = 105 Pa),
citata rispettivamente come relativa (relativa alla pressione atmosferica) o assoluta, a
seconda dei casi.

3.2.1 pressione di taratura: Pressione predeterminata alla quale una valvola di sicurezza in
condizioni operative incomincia ad aprirsi.
Nota È la pressione relativa misurata all’ingresso della valvola alla quale la forza che tende ad aprire la valvola alle
condizioni di esercizio specifiche è in equilibrio con le forze che mantengono il disco della valvola nella sua
sede.

3.2.2 pressione massima ammissibile, PS: Pressione massima per la quale l’apparecchio è
progettato, come specificato dal fabbricante.

3.2.3 sovrapressione: Aumento di pressione oltre la pressione di taratura, a cui la valvola di


sicurezza raggiunge l’alzata specificata dal fabbricante, di solito espresso come percen-
tuale della pressione di taratura.
Nota Questa è la sovrapressione utilizzata per certificare la valvola di sicurezza.

3.2.4 pressione di richiusura: Valore della pressione statica di ingresso alla quale il disco rista-
bilisce il contatto con la sede o alla quale l’alzata diviene zero.

3.2.5 pressione di taratura al banco: Pressione statica di ingresso alla quale si tara l’inizio
dell’apertura di una valvola di sicurezza sul banco di prova.
Nota Tale pressione di prova include rettifiche per le condizioni di esercizio, vale a dire contropressione e/o tempe-
ratura.

3.2.6 pressione di scarico: Pressione utilizzata per il dimensionamento di una valvola di


sicurezza che è maggiore o uguale alla pressione di taratura più la sovrapressione.

3.2.7 contropressione generata: Pressione formatasi all’uscita di una valvola di sicurezza,


causata dal flusso attraverso la valvola e il sistema di scarico.

3.2.8 contropressione imposta: Pressione esistente all’uscita di una valvola di sicurezza quando
il dispositivo deve funzionare.
Nota È la pressione nel sistema di scarico dovuta ad altre cause.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 6


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

3.2.9 balanced bellows: Bellows device which minimises the effect of superimposed back
pressure on the set pressure of a safety valve.

3.2.10 blowdown: Fifference between set and reseating pressures, normally stated as a
percentage of set pressure except for pressures of less than 3 bar when the blowdown is
expressed in bar.

3.3 lift: Actual travel of the valve disc away from the closed position.

3.4 flow area: Minimum cross-sectional flow area (but not the curtain area) between inlet and
seat which is used to calculate the theoretical flow capacity, with no deduction for any
obstruction.
Note The symbol is A.

3.5 flow diameter : Diameter corresponding to the flow area.

3.6 Discharge capacity

3.6.1 theoretical discharge capacity: Calculated capacity expressed in mass or volumetric units
of a theoretically perfect nozzle having a cross-sectional flow area equal to the flow area
of a safety valve.

3.6.2 coefficient of discharge: Value of actual flowing capacity (from tests) divided by the
theoretical flowing capacity (from calculation).

3.6.3 certified (discharge) capacity: That portion of the measured capacity permitted to be used
as a basis for the application of a safety valve.
Note It may, for example, equal the:
a) measured capacity times the derating factor; or
b) theoretical capacity times the coefficient of discharge times the derating factor; or
c) theoretical capacity times the certified derated coefficient of discharge.

3.7 DN (nominal size): See EN ISO 6708.

4 SYMBOLS AND UNITS


table 1 Symbols and their descriptions

Symbol Description Unit


A Flow area of a safety valve (not curtain area) mm2
C Function of the isentropic exponent -
Kb Theoretical capacity correction factor for subcritical flow -
a)
Kd Coefficient of discharge -
Kdr Certified derated coefficient of discharge (Kd × 0,9) a)
-
Kv Viscosity correction factor -
k Isentropic exponent -
M Molar mass kg/kmol
n Number of tests -
po Relieving pressure bar (abs.)
pb Back pressure bar (abs.)
pc Critical pressure bar (abs.)
Qm Mass flow rate kg/h

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 7


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

3.2.9 soffietto di bilanciamento: Dispositivo a soffietto che minimizza l’effetto della contropres-
sione imposta sulla pressione di taratura di una valvola di sicurezza.

3.2.10 valore di richiusura: Differenza tra la pressione di taratura e la pressione di richiusura, di


solito espressa come percentuale della pressione di taratura per le pressioni minori di
3 bar quando il valore di richiusura è espresso in bar.

3.3 alzata: Distanza percorsa dal disco della valvola dalla posizione di valvola chiusa.

3.4 sezione di passaggio: Minima sezione trasversale di passaggio (ma non l’area tra la sede
e l’otturatore) tra entrata e sede, utilizzata per calcolare la portata teorica, senza alcuna
deduzione per eventuali ostruzioni.
Nota Il simbolo è A.

3.5 diametro di passaggio: Diametro corrispondente alla minima superficie di passaggio.

3.6 Capacità di scarico

3.6.1 capacità di scarico teorica: Capacità calcolata espressa in unità di massa o volumetriche,
di un ugello teoricamente perfetto con sezione trasversale di passaggio uguale alla
minima sezione di passaggio della valvola di sicurezza.

3.6.2 coefficiente di scarico: Valore della portata effettiva ricavata (dalle prove) diviso per la
capacità di portata teorica (desunta dai calcoli).

3.6.3 capacità (di scarico) certificata: Quella parte della capacità misurata di una valvola di
sicurezza che può essere considerata nell'installazione.
Nota Per esempio, può essere uguale:
a) alla capacità misurata moltiplicata per il fattore di correzione; o
b) alla capacità teorica moltiplicata per il coefficiente di scarico per il fattore di correzione; o
c) alla capacità teorica moltiplicata per il coefficiente di scarico certificato corretto.

3.7 DN (dimensione nominale): Vedere la EN ISO 6708.

4 SIMBOLI E UNITÀ

prospetto 1 Simboli e rispettive descrizioni

Simbolo Descrizione Unità


A Minima sezione di passaggio (non l'area tra sede e otturatore) mm2
C Funzione dell’esponente isentropico -
Kb Fattore teorico di correzione della capacità per la portata sub-critica -
a)
Kd Coefficiente di scarico -
Kdr Coefficiente di scarico certificato corretto (Kd × 0,9) a)
-
Kv Fattore di correzione della viscosità -
k Esponente isentropico -
M Massa molare kg/kmol
n Numero di prove -
po Pressione di scarico bar (ass.)
pb Contropressione bar (ass.)
pc Pressione critica bar (ass.)
Qm Portata massima kg/h

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 8


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

table 1 Symbols and their descriptions (Continued)

Symbol Description Unit


qm Theoretical specific discharge capacity kg/(h ⋅ mm2)
q’m Specific discharge capacity determined by tests kg/(h ⋅ mm2)
R Universal gas constant -
To Relieving temperature K
Tc Critical temperature K
µ Dynamic viscosity Pa · s
v Specific volume at actual relieving pressure and temperature m3/kg
x Dryness fraction of wet steam at the valve inlet at actual relieving pressure and temperatureb) -
Z Compressibility factor at actual relieving pressure and temperature -
a) Kd and Kdr are expressed as 0,xxx.
b) x is expressed as 0,xx.

5 DESIGN

5.1 General

5.1.1 The design shall incorporate guiding arrangements necessary to ensure consistent
operation and seat tightness.

5.1.2 The seat of a safety valve, other than when it is an integral part of the valve shell, shall be
fastened securely to prevent the seat becoming loose in service.

5.1.3 In the case of valves where the lift can be reduced to conform to the required discharge
capacity, restriction of the lift shall not interfere with the operation of the valve. The lift
restricting device shall be designed so that, if adjustable, the adjustable feature can be
mechanically locked and access sealed. The lift restricting device shall be installed and
sealed by the valve manufacturer.
Valve lift shall not be restricted to a value less than 30% of unrestricted lift or 1 mm
whichever is the greater.

5.1.4 Means shall be provided to lock and/or to seal all external adjustments in such a manner
so as to prevent or reveal unauthorised adjustments of the safety valve.

5.1.5 Safety valves for toxic or flammable fluids shall be of the closed bonnet type to prevent
leakage to atmosphere or if vented it shall be disposed of to a safe place.

5.1.6 Provision shall be made to prevent liquid collecting on the discharge side of the safety
valve shell.

5.1.7 The design stress of load carrying parts shall not exceed that specified in the appropriate
European Standard e.g. EN 12516-3.

5.1.8 In the case of failure of a balanced bellows, if any, the safety valve shall discharge its
certified capacity at not more than 1,1 times the maximum allowable pressure of the
equipment being protected.

5.1.9 The materials for adjacent sliding surfaces such as guide(s) and disc/disc holder/spindle
shall be selected to ensure corrosion resistance and to minimise wear and avoid galling.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 9


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

prospetto 1 Simboli e rispettive descrizioni (Continua)

Simbolo Descrizione Unità


qm Capacità di scarico specifica teorica kg/(h ⋅ mm2)
q’m Capacità di scarico specifica determinata dalle prove kg/(h ⋅ mm2)
R Costante gas universale -
To Temperatura di scarico K
Tc Temperatura critica K
µ Viscosità dinamica Pa · s
v Volume specifico alla pressione e alla temperatura di scarico effettive m3/kg
x Frazione del vapore umido all’entrata della valvola alla pressione e alla temperatura di scaricob) -
Z Fattore di comprimibilità alla pressione e alla temperatura di scarico -
a) Kd e Kdr sono espressi come 0,xxx.
b) x è espresso come 0,xx.

5 PROGETTAZIONE

5.1 Generalità

5.1.1 La progettazione deve includere i dispositivi di guida necessari a garantire un funziona-


mento coerente e la tenuta della sede.

5.1.2 La sede di una valvola di sicurezza, quando non è parte integrante dell’involucro della
valvola, deve essere fissata in modo sicuro per evitare che la sede si allenti durante
l’esercizio.

5.1.3 Nel caso di valvole dove l’alzata possa essere ridotta per conformarsi alla capacità di
scarico richiesta, la restrizione dell’alzata non deve interferire con il funzionamento della
valvola. Il dispositivo di restrizione dell’alzata deve essere progettato in modo che, se
regolabile, la funzione regolabile possa essere bloccata meccanicamente e l’accesso
sigillato. Il dispositivo di restrizione dell’alzata deve essere installato e sigillato dal fabbri-
cante della valvola.
L’alzata della valvola non deve essere limitata ad un valore minore del 30% dell’alzata non
limitata, oppure minore di 1 mm, a seconda del valore più grande.

5.1.4 Devono essere forniti mezzi per bloccare e/o sigillare tutte le regolazioni esterne, per
impedire o rivelare regolazioni non autorizzate della valvola di sicurezza.

5.1.5 Le valvole di sicurezza per fluidi tossici o infiammabili devono essere del tipo a cappello
chiuso, per impedire perdite nell’atmosfera oppure, se del tipo di sfiato, devono essere
collocate in un luogo sicuro.

5.1.6 Devono essere prese misure per impedire che il liquido si raccolga sul lato di scarico
dell’involucro della valvola di sicurezza.

5.1.7 La progettazione delle parti sotto carico non deve essere maggiore di quella specificata
nella corrispondente norma europea, per esempio EN 12516-3.

5.1.8 Nel caso di un guasto ad un eventuale soffietto di bilanciamento, la valvola di sicurezza


deve scaricare la capacità certificata ad una pressione non maggiore di 1,1 volte la
pressione massima ammissibile dell’apparecchio da proteggere.

5.1.9 I materiali per le superfici scorrevoli adiacenti quali guide e disco/contenitore


disco/mandrino devono essere selezionati in modo da garantire la resistenza alla corro-
sione e ridurre al minimo l’usura ed evitare il consumo.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 10


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

5.1.10 Sealing elements, which may adversely affect the operating characteristics by frictional
forces, are not permitted.

5.1.11 Easing gear shall be provided when specified.

5.1.12 Safety valves shall be so constructed that breakage of any part, or failure of any device,
will not obstruct free and full discharge through the valve.

5.2 End connections

5.2.1 Types
The types of end connections shall be as follows:
Butt welding EN 12627;
Socket welding EN 12760;
Flanged EN 1092-1;
EN 1092-2;
EN 1092-3;
prEN 1759-1;
Threaded ISO 7-1 or ANSI B1.20.1.
Other types of end connections are possible by agreement between the manufacturer and
purchaser.

5.2.2 Design of valve end connections


The design of valve end connections, whatever their type, shall be such that the internal
area of the external pipe or stub connection at the safety valve inlet is at least equal to that
of the valve inlet connection (see Figure 1 a).
The internal area of the external pipe connection at the safety valve outlet shall be at least
equal to that of the valve outlet, except those valves with female threaded outlet
connections (see Figure 1 b).
Note See clause 7 regarding type testing.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 11


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

5.1.10 Non sono ammessi elementi sigillanti, che possono influire negativamente sulle caratteri-
stiche operative con sollecitazioni di attrito.

5.1.11 Se specificato, deve essere fornita una leva di sollevamento.

5.1.12 Le valvole di sicurezza devono essere costruite in modo che la rottura di una qualsiasi
parte, o il guasto di qualsiasi dispositivo, non ostruiscano il libero e totale scarico attra-
verso la valvola.

5.2 Estremità di collegamento

5.2.1 Tipi
I tipi di estremità di collegamento devono essere i seguenti:
Estremità a saldare di testa EN 12627;
Estremità ad incastro a saldare EN 12760;
Estremità flangiata EN 1092-1;
EN 1092-2;
EN 1092-3;
prEN 1759-1;
Estremità filettata ISO 7-1 or ANSI B1.20.1.
Sono possibili altri tipi di estremità di collegamento mediante accordo tra il fabbricante e
l’acquirente.

5.2.2 Progettazione delle estremità della valvola


La progettazione delle estremità per il collegamento delle valvole, indipendentemente dal
tipo, deve essere tale che la superficie interna del tubo esterno o il collegamento di testa
all’ingresso della valvola di sicurezza sia almeno uguale a quella del collegamento di
ingresso della valvola [vedere figura 1a)].
La superficie interna del collegamento del tubo esterna all’uscita della valvola di sicurezza
deve essere almeno uguale a quella dell’uscita della valvola, tranne per quelle valvole con
collegamenti di uscita filettate femmina [vedere figura 1b)].
Nota Vedere punto 7 sulle prove di tipo.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 12


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

figure 1 Design of end connections


figure 1 a) Inlet
Key
1 Valve
2 Satisfactory
3 Unsatisfactory
4 Required internal diameter of the safety valve for the valve to function properly

figure 1 b) Outlet
Key
1 Valve
2 The nominal diameter of the pipe to be equal to the nominal diameter of the valve outlet
With this construction at the valve outlet, a suitable pipe shall be fitted during testing as specified
in 7.1.5

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 13


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

figura 1 Progettazione delle estremità di collegamento


figura 1 a) Ingresso
Legenda
1 Valvola
2 Soddisfacente
3 Insoddisfacente
4 Diametro interno richiesto della valvola di sicurezza per il corretto funzionamento della
valvola

figura 1 b) Uscita
Legenda
1 Valvola
2 Il diametro nominale del tubo deve essere uguale al diametro nominale dell’uscita della
valvola
Con questa costruzione all’uscita della valvola, deve essere montato un tubo idoneo durante la
prova, come specificato al punto 7.1.5

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 14


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

figure 1 c) Outlet
Key
1 Valve
With this construction at the valve outlet, no pipe is required during testing as specified in 7.1.5

5.3 Minimum requirements for springs


Springs shall be in accordance with Part 7 of this standard.

5.4 Materials
The materials for pressure retaining shells shall be in accordance with Part 7 of this
standard.

6 PRODUCTION TESTING

6.1 Purpose
The purpose of these tests is to ensure that all safety valves meet the requirements for
which they have been designed without exhibiting any form of leakage from pressure
retaining components or joints.

6.2 General
It is permissible to adopt an alternative test of equal validity (e.g. proof of design tests
associated with statistical sampling) to the hydrostatic test for valve shells with:
- threaded ends; and
- a maximum inlet diameter of 32 mm; and
- a ratio of bursting pressure to design pressure of at least 8; and
- a design pressure equal to or less than 40 bar; and
- for use with non-hazardous fluids;
and also for valves as above but with:
- a design pressure greater than 40 bar; and
- a ratio of bursting pressure to design pressure of at least 10; and
- material which is either wrought or forged.
All temporary pipes and connections and blanking devices shall be adequate to safely
withstand the test pressure.
Any temporary welded-on attachments shall be carefully removed and the resulting weld
scars shall be ground flush with the parent material. After grinding, all such scars shall be
inspected by using magnetic particle or fluid penetrant techniques.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 15


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

figura 1 c) Uscita
Legenda
1 Valvola
Con questa costruzione all’uscita della valvola, non è richiesto nessun tubo durante la prova, come
specificato al punto 7.1.5

5.3 Requisiti minimi per le molle


Le molle devono essere in conformità alla parte 7 della presente norma.

5.4 Materiali
I materiali per gli involucri a tenuta di pressione devono essere in conformità alla parte 7
della presente norma.

6 PROVA SULLA PRODUZIONE

6.1 Scopo
Lo scopo di queste prove è di garantire che tutte le valvole di sicurezza rispondano ai
requisiti per cui sono state progettate, senza presentare nessuna perdita dai componenti
o dai giunti a pressione.

6.2 Generalità
È possibile adottare una prova alternativa di validità equivalente (per esempio la prova
delle prove di progettazione associata ad un campionamento statistico) alla prova
idrostatica per gli involucri delle valvole:
- con estremità filettate,
- con diametro di ingresso massimo di 32 mm,
- con un rapporto tra pressione di rottura e pressione di progettazione di almeno 8,
- con una pressione di progettazione uguale o minore di 40 bar,
- da utilizzare con fluidi non pericolosi;
e anche per valvole come quelle precedenti ma con:
- una pressione di progettazione maggiore di 40 bar,
- un rapporto tra pressione di rotture e pressione di progettazione di almeno 10,
- un materiale che sia lavorato o forgiato.
Tutti i tubi, le connessioni e i dispositivi di tranciatura provvisori devono essere adeguati a
sopportare in maniera adeguata la pressione di prova.
Eventuali accessori provvisori saldati devono essere rimossi con attenzione e i risultanti
difetti di saldatura devono essere spianati a livello con il materiale originario. Dopo la
rettifica, tutti tali difetti devono essere ispezionati mediante le tecniche con particelle
magnetiche o con liquidi penetranti.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 16


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

6.3 Hydrostatic testing

6.3.1 Application
The portion of the valve from the inlet to the seat shall be tested to a pressure 1,5 times
the manufacturer’s stated maximum pressure for which the safety valve is designed.
The shell on the discharge side of the seat shall be tested to 1,5 times the manufacturer’s
stated maximum back pressure for which the valve is designed.

6.3.2 Duration
The test pressure shall be applied and maintained at the required magnitude for a
sufficient length of time to permit a visual examination to be made of all surfaces and
joints, but in any case for not less than the times given in Table 2. For tests on the
discharge side of the seat, the testing time shall be based on the pressure specified
in 6.3.1 and the discharge size.
table 2 Minimum duration of hydrostatic test

Nominal size Pressure rating

DN Up to 40 bar (4 MPa) Greater than 40 bar (4 MPa) up to 63 bar Greater than 63 bar (6,3 MPa)
(6,3 MPa)

Minimum duration in minutes


DN ≤ 50 2 2 3
50 < DN ≤ 65 2 2 4
65 < DN ≤ 80 2 3 4
80 < DN ≤ 100 2 4 5
100 < DN ≤ 125 2 4 6
125 < DN ≤ 150 2 5 7
150 < DN ≤ 200 3 5 9
200 < DN ≤ 250 3 6 11
250 < DN ≤ 300 4 7 13
300 < DN ≤ 350 4 8 15
350 < DN ≤ 400 4 9 17
400 < DN ≤ 450 4 9 19
450 < DN ≤ 500 5 10 22
500 < DN ≤ 600 5 12 24

6.3.3 Acceptance criteria


No leakage from the tested parts as defined in 6.3.1 is accepted.

6.3.4 Safety requirements


Water shall normally be used as the test medium. Where other liquids are used, additional
precautions may be necessary. Valve bodies shall be properly vented to remove
entrapped air.
If materials which are liable to failure by brittle fracture are incorporated in that part of the
safety valve which is to be hydrostatically tested, then both the safety valve, or part
thereof, and the testing medium shall be at a sufficient temperature to prevent the
possibility of such failure.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 17


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

6.3 Prova idrostatica

6.3.1 Applicazione
La parte della valvola dall’ingresso alla sede è sottoposta a prova ad una pressione di
1,5 volte la pressione massima dichiarata dal fabbricante per cui la valvola di sicurezza è
stata progettata.
L’involucro sul lato di scarico della sede deve essere sottoposto a prova ad una contro-
pressione 1,5 volte quella massima dichiarata dal fabbricante per cui la valvola è stata
progettata.

6.3.2 Durata
La pressione di prova deve essere applicata e mantenuta al valore richiesto per un
periodo di tempo sufficientemente lungo per permettere un esame visivo di tutte le
superfici e di tutti i giunti ma, in ogni caso, per una durata non minore di quelle riportate
nel prospetto 2. Per le prove sul lato di scarico della sede, il tempo della prova deve
essere basato sulla pressione specificata al punto 6.3.1 e sulle dimensioni di scarico.

prospetto 2 Durata minima della prova idrostatica

Dimensioni nominali Classi di pressione

DN Fino a 40 bar (4 MPa) Maggiore di 40 bar (4 MPa) Maggiore di 63 bar (6,3 MPa)
e fino a 63 bar (6,3 MPa)

Durata minima in minuti


DN ≤ 50 2 2 3
50 < DN ≤ 65 2 2 4
65 < DN ≤ 80 2 3 4
80 < DN ≤ 100 2 4 5
100 < DN ≤ 125 2 4 6
125 < DN ≤ 150 2 5 7
150 < DN ≤ 200 3 5 9
200 < DN ≤ 250 3 6 11
250 < DN ≤ 300 4 7 13
300 < DN ≤ 350 4 8 15
350 < DN ≤ 400 4 9 17
400 < DN ≤ 450 4 9 19
450 < DN ≤ 500 5 10 22
500 < DN ≤ 600 5 12 24

6.3.3 Criteri di accettazione


Non è accettata nessuna perdita dalle parti sottoposte a prova, come definito al
punto 6.3.1.

6.3.4 Requisiti di sicurezza


Come mezzo di prova deve essere generalmente utilizzata l'acqua. Ove si utilizzino altri
liquidi, possono essere necessarie precauzioni ulteriori. I corpi delle valvole devono
essere correttamente ventilati per eliminare l’aria intrappolata.
Se nella parte della valvola di sicurezza che deve essere sottoposta a prova idrostatica
sono inclusi materiali soggetti a rottura per fragilità, allora sia la valvola di sicurezza, o una
parte della stessa, sia il mezzo di prova devono essere ad una temperatura sufficiente a
impedire la possibilità di tale rottura.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 18


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

No valve or part thereof undergoing pressure testing shall be subjected to any form of
shock loading, for example hammer testing.

6.4 Pneumatic testing

6.4.1 Application and duration of test


Pressure testing with air or other suitable gas may be carried out in place of the standard
shell hydrostatic test with the agreement of all parties involved in the following cases:
a) valves of such design and construction that it is not practicable for them to be filled
with liquid; and/or
b) valves that are to be used in service where even small traces of water cannot be
tolerated.
The test pressure and duration of application shall be as specified in 6.3.

6.4.2 Safety requirements


The hazards involved in pneumatic pressure testing shall be considered and adequate
precautions taken.
Particular attention is drawn to some relevant factors as follows:
a) if a major rupture of the valve should occur at some stage during application of
pressure, considerable energy will be released; hence no personnel should be in the
immediate vicinity during pressure raising (for example a given volume of air
contains 200 times the amount of energy that a similar volume of water contains,
when both are at the same pressure);
b) the risk of brittle failure under test conditions shall have been critically assessed at
the design stage and the choice of materials for valves that are to be pneumatically
tested shall be such as to avoid the risk of brittle failure during test. This necessitates
provision of an adequate margin between the transition temperature of all parts and
the metal temperature during testing;
c) attention is drawn to the fact that if there is a reduction in gas pressure between the
high pressure storage and the valve under test, the temperature will decrease.

6.5 Adjustment of cold differential test pressure


Before adjusting a safety valve to the cold differential test pressure using air or other gas
as the test medium, it shall previously be subjected to a hydrostatic test (see 6.3).

6.6 Seat leakage test


The seat leakage test of a safety valve shall be carried out. The test procedure and
leakage rate shall be agreed between the manufacturer and the purchaser.

7 TYPE TESTING

7.1 General

7.1.1 Introduction
The operating and flow characteristics of safety valves shall be determined by type tests
in conformity with this clause.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 19


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Nessuna valvola, o parte della stessa, sottoposta a prova di pressione deve essere sotto-
posta a nessuna forma d’urto, come per esempio, l'uso del martello come mezzo di prova.

6.4 Prova pneumatica

6.4.1 Applicazione e durata della prova


La prova di pressione con aria o altro gas idoneo può essere eseguita al posto della prova
idrostatica normalizzata sull’involucro con l’accordo di tutte le parti coinvolte, nei seguenti
casi:
a) valvole di progettazione e fabbricazione tale che non sia idoneo riempirle con liquidi;
e/o
b) valvole che devono essere utilizzate in esercizi ove non possano essere tollerate
anche piccole tracce di acqua.
La pressione di prova e la durata dell’applicazione devono essere come specificato al
punto 6.3.

6.4.2 Requisiti di sicurezza


I pericoli implicati nella prova pneumatica della pressione devono essere presi in conside-
razione e devono essere prese le precauzioni necessarie.
Un’attenzione particolare deve essere riservata ai seguenti fattori rilevanti:
a) se si verifica una rottura significativa della valvola durante una delle fasi dell’applica-
zione della pressione, rilascerà un quantitativo considerevole di energia; per questo
motivo, il personale dovrebbe essere a debita distanza durante l’innalzamento della
pressione (per esempio, un dato volume di aria contiene 200 volte il quantitativo di
energia contenuto in un volume simile di acqua, quando entrambe sono alla stessa
temperatura);
b) il rischio di rottura per fragilità alle condizioni di prova deve essere valutato critica-
mente alla fase di progettazione e la scelta dei materiali per le valvole da sottoporre
a prova pneumatica deve essere tale da evitare il rischio di rottura per fragilità
durante la prova. Ciò richiede la fornitura di un margine adeguato tra la temperatura
di transizione di tutte le parti e la temperatura del metallo durante la prova;
c) prestare attenzione al fatto che se c’è una riduzione nella pressione del gas tra la
carica di alta pressione e la valvola sottoposta a prova, la temperatura diminuisce.

6.5 Regolazione della pressione di taratura al banco


Prima di regolare una valvola di sicurezza per la pressione di taratura al banco e con aria
o con un altro gas come mezzo di prova, occorre sottoporla precedentemente a prova
idrostatica (vedere punto 6.3).

6.6 Prova di tenuta della sede


Occorre eseguire la prova di tenuta della sede di una valvola di sicurezza. Il procedimento
di prova e la percentuale di perdita devono essere concordati tra il fabbricante e l’acqui-
rente.

7 PROVA DI TIPO

7.1 Generalità

7.1.1 Introduzione
Le caratteristiche operative e di portata delle valvole di sicurezza devono essere deter-
minate mediante prove di tipo, in conformità al presente punto.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 20


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.1.2 Application
This subclause applies to the types of safety devices defined in 3.1.1. For other types see:
- part 4 of this standard for other types of pilot operated safety valves;
- part 5 of this standard for controlled safety pressure relief systems (CSPRS).

7.1.3 Tests
The tests to determine the operating characteristics shall be in accordance with 7.2 and
the tests to determine the flow characteristics shall be in accordance with 7.3.
When these tests are carried out separately, the parts of the valve which influence fluid
flow shall be complete and installed in the valve.
The testing procedure, test rig and equipment shall be such that the operability and
capacity at the relieving pressure can be established in the conditions of back pressure.

7.1.4 Objective of tests


The objective of the tests is to determine, under specific operating conditions, the
following characteristics of the valves before opening, while discharging and at closing.
These are the major characteristics, there may be others:
a) set pressure;
b) overpressure;
c) reseating pressure;
d) reproducibility of valve performance;
e) mechanical characteristics of the valves determined by sight or hearing such as:
- ability to reseat satisfactorily;
- absence of chatter, flutter, sticking and/or harmful vibration;
f) lift at overpressure.

7.1.5 Procedure for testing


The tests shall provide suitable data from which the operational and flow characteristics
may be determined. For valves with internally screwed connections on the outlet with a
configuration as shown in Figure 1 b) a pipe, of appropriate thickness, at least
five diameters long shall be fitted during the test.

7.1.6 Results calculated from the tests


The theoretical flowing capacity is calculated in accordance with 8.3 or 8.4 and 8.5 as
applicable, using this value together with the actual flowing capacity at relieving pressure,
the coefficient of discharge of the valve is calculated in accordance with 8.1.

7.1.7 Design changes


When changes are made in the design of a safety valve in such a manner as to affect the
flow path, lift or performance characteristics, new tests shall be carried out in accordance
with clause 7.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 21


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.1.2 Applicazione
Il presente punto si riferisce ai tipi di dispositivi di sicurezza definiti al punto 3.1.1. Per gli
altri tipi, vedere:
- la parte 4 della presente norma, per gli altri tipi di valvole di sicurezza comandate da
pilota;
- la parte 5 della presente norma, per i sistemi di sicurezza controllati contro le sovra-
pressioni (CSPRS).

7.1.3 Prove
Le prove per determinare le caratteristiche operative devono essere conformi al punto 7.2
e le prove per determinare le caratteristiche di portata devono essere conformi al
punto 7.3.
Quando queste prove sono eseguite separatamente, le parti della valvola che influenzano
la portata del fluido devono essere complete e installate nella valvola.
Il procedimento di prova, il banco di prova e l’apparecchiatura devono essere tali che
l’operatività e la capacità alla pressione di scarico possano essere stabilite nelle condi-
zioni di contropressione.

7.1.4 Obiettivo delle prove


Obiettivo delle prove è di determinare, in condizioni operative specifiche, le seguenti
caratteristiche delle valvole prima dell’apertura, durante lo scarico e alla chiusura. Le
seguenti sono le caratteristiche principali; ve ne possono tuttavia essere altre:
a) pressione di taratura;
b) sovrapressione;
c) pressione di richiusura;
d) riproducibilità delle prestazioni della valvola;
e) caratteristiche meccaniche delle valvole determinate visivamente o acusticamente,
quali:
- capacità di richiusura soddisfacente,
- assenza di vibrazioni, oscillazioni, blocchi e/o vibrazioni pericolose;
f) alzata in sovrapressione.

7.1.5 Procedimento delle prove


Le prove devono fornire dati idonei da cui sia possibile determinare le caratteristiche
operative e di portata. Per le valvole con le estremità filettate internamente all’uscita, con
una configurazione come illustrato nella figura 1 b), durante la prova deve essere montato
un tubo di spessore appropriato, di lunghezza pari ad almeno cinque diametri.

7.1.6 Risultati calcolati dalle prove


La capacità di portata teorica è calcolata conformemente ai punti 8.3 o 8.4 e 8.5, a
seconda dei casi, utilizzando questo valore insieme all’effettiva capacità di portata alla
pressione di scarico; il coefficiente di scarico della valvola è calcolato conformemente al
punto 8.1.

7.1.7 Modifiche di progettazione


Quando sono apportate modifiche alla progettazione di una valvola di sicurezza tali da
influenzare la sezioni di passaggio, l’alzata o le caratteristiche di prestazione, devono
essere effettuate nuove prove conformemente al punto 7.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 22


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.2 Tests to determine operating characteristics

7.2.1 General requirements


The set pressures at which the operating characteristics are determined shall be the
minimum and maximum set pressures for which the spring is designed. Valves for air or
other gas service shall be tested using superheated steam with minimum 10°C superheat,
air or other gas of known characteristics. Valves for any steam service shall be tested on
steam, air or other gas of known characteristics. Valves for liquid service shall be tested on
water or other liquids of known characteristics.
The allowable tolerances or limits as applicable on the operating characteristics are as
follows:
a) set pressure: ±3% of set pressure or ±0,15 bar whichever is the greater;
b) lift: not lower than the value specified by the manufacturer;
c) overpressure: the value stated by the manufacturer but not exceeding 10% of set
pressure or 0,1 bar whichever is greater;
d) blowdown: not greater than the value stated by the manufacturer, but within the
following limits:
- compressible fluids: minimum: 2,0% (not applicable to safety valves with
proportional opening characteristics according to
7.2.1 f);
maximum: 15% or 0,3 bar, whichever is greater;
- incompressible fluids: minimum: 2,5% (not applicable to valves with
proportional opening characteristics according to
7.2.1 f);
maximum: 20% or 0,6 bar, whichever is greater;
e) overpressure and blowdown of restricted lift valves shall have the same tolerances or
limits as the unrestricted lift valves;
f) overpressure and blowdown of valves with proportional opening characteristic shall
be verified and be stable for various lifts between the minimum and maximum stated
by the manufacturer. A curve shall be established for valve lift versus overpressure.

7.2.2 Safety valve opening characteristics


The manufacturer shall specify the lift characteristic for all safety valves.

7.2.3 Test equipment


The error of pressure measuring equipment used during the test shall be not more
than 0,6% of the full-scale reading.
In the case of analogue pressure gauges, based on a Bourdon tube, the scale (range) for
steady pressures shall be chosen as follows:
- the minimum working pressure shall be not less than 35% of the maximum scale
value;
and
- the maximum working pressure shall not exceed 75% of the maximum scale value.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 23


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.2 Prove per determinare le caratteristiche operative

7.2.1 Requisiti generali


Le pressioni di taratura a cui sono definite le caratteristiche operative devono essere le
pressioni di taratura minima e massima per le quali è progettata la molla. Le valvole predi-
sposte per il funzionamento con aria o con altri gas devono essere sottoposte a prova
utilizzando vapore surriscaldato con un calore differenziale di almeno 10 °C, aria o altri
gas di caratteristiche note. Le valvole predisposte per il funzionamento con vapore
devono essere sottoposte a prova con vapore, aria o altri gas di caratteristiche note. Le
valvole predisposte per il funzionamento con fluidi devono essere sottoposte a prova con
acqua o altri fluidi di caratteristiche note.
La tolleranza o i limiti ammissibili, a seconda delle caratteristiche operative, sono i
seguenti:
a) pressione di taratura: ±3% della pressione di taratura o ±0,15 bar, a seconda del
valore più grande;
b) alzata: non minore del valore specificato dal fabbricante;
c) sovrapressione: il valore dichiarato dal fabbricante, ma non maggiore del 10% della
pressione di taratura o di 0,1 bar, a seconda del valore maggiore;
d) valore di richiusura: non maggiore del valore dichiarato dal fabbricante, tuttavia entro
i seguenti limiti:
fluidi comprimibili: minimo: 2,0% (non applicabile alle valvole di sicurezza con
caratteristiche di apertura proporzionale, conformemente al
punto 7.2.1 f);
massimo: 15% o 0,3 bar, a seconda del valore maggiore;
fluidi non comprimibili: minimo: 2,5% (non applicabile alle valvole di sicurezza con
caratteristiche di apertura proporzionale, conformemente al
punto 7.2.1 f);
massimo: 20% o 0,6 bar, a seconda del valore maggiore;
e) sovrapressione e valore di richiusura delle valvole ad alzata limitata devono avere
tolleranze e limiti uguali a quelli delle valvole ad alzata non limitata;
f) sovrapressione e valore di richiusura delle valvole con caratteristica di apertura
proporzionale devono essere verificati e devono essere stabili per diverse alzate tra
i valori minimo e massimo dichiarati dal fabbricante. Deve essere stabilita una curva
che indichi l’alzata della valvola rispetto alla sovrapressione.

7.2.2 Caratteristiche di apertura delle valvole di sicurezza


Il fabbricante deve specificare la caratteristica di alzata per tutte le valvole di sicurezza.

7.2.3 Apparecchiatura di prova


L’errore dell’apparecchiatura per la misurazione della pressione utilizzato durante la prova
non deve essere maggiore di 0,6% della lettura al fondo scala.
Nel caso di manometri analogici, basati su tubo di Bourdon, la scala (intervallo) delle
pressioni costanti deve essere scelta nel modo seguente:
- la pressione operativa minima non deve essere minore del 35% del valore massimo
della scala;
e
- la pressione operativa massima non deve essere maggiore del 75% del valore
massimo della scala.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 24


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.2.4 Valves used in the test programme


The safety valves tested shall be representative of the design, pressure and size range of
valves for which operating characteristics are required. The ratio of valve inlet to flow area
and the ratio of flow area to valve outlet shall be taken into account.
For size ranges containing seven or more sizes, tests shall be carried out on three sizes.
If the size range contains not more than six sizes, the number of sizes tested may be
reduced to two.
When a size range is extended so that the safety valves tested previously are no longer
representative of the range, further tests on the appropriate number of sizes shall be
carried out.
The tests shall be carried out using three significantly different springs for each size of
valve tested. This may be achieved by testing either one valve with three significantly
different springs or three valves of the same size with three significantly different springs.
Each test shall be carried out a minimum of three times in order to establish and confirm
acceptable reproducibility of performance.
In the case of valves of which one size only at various pressure ratings is being
manufactured, tests shall be carried out using four different springs, which shall cover the
range of pressures for which the valve is to be used.
Where the size range cannot be adequately covered then scale models shall be used
having a flow-diameter not less than the original flow diameter times 0,2 or 50 mm,
whichever is the greater.
All dimensions of the flow path in the model shall be strictly to scale with the
corresponding dimensions of the actual valve.
All dimensions of the parts that can affect the overall thrust exercised by the medium on
the moving parts shall be to scale.
In the case of bellows, it is permitted that the effective area only need be to scale.
Note Effective area is the area of the bellows from which end loads are calculated (piston area).
The overall spring rate of spring plus bellows, if any, of the model shall be to scale with the
overall rate of the actual valve.
The roughness of all surfaces of the flow path of the model shall not be less than that of
the corresponding surfaces of the actual valve.
Before tests are carried out it shall be verified that the model conforms to the above.

7.3 Tests to determine flow characteristics

7.3.1 Test requirements


After the operating characteristics (see 7.2) have been satisfactorily established, it is
acceptable to use steam, air or other gas of known characteristics as the fluid for flow
characteristic tests except for valves designed for liquid service. Valves for use with liquids
shall be tested with water or other liquid of known characteristics. Further, when
discharged quantities are being assessed, the valve disc shall be held at the lift as
determined by the operating characteristics test (see 7.2.1 b).

7.3.2 Valves used in the test programme


The safety valves tested shall be the same as, or identical to, those used for the operating
characteristics tests (see 7.2.4).

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 25


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.2.4 Valvole utilizzate nel programma di prova


Le valvole di sicurezza sottoposte a prova devono essere rappresentative della progetta-
zione, pressione e intervalli di dimensioni delle valvole per le quali le caratteristiche
operative sono richieste. Devono essere presi in considerazione il rapporto tra l’entrata
della valvola e la sezione di passaggio e il rapporto tra la sezione di passaggio e l'uscita
della valvola.
Per intervalli di dimensioni che contengono sette o più dimensioni, devono essere effet-
tuate prove su tre dimensioni. Se l’intervallo delle dimensioni contiene non oltre sei
dimensioni, il numero di dimensioni sottoposte a prova può essere ridotto a due.
Quando un intervallo di dimensioni è esteso per cui le valvole di sicurezza precedente-
mente sottoposte a prova non sono più rappresentative dell’intervallo, devono essere
eseguite ulteriori prove sul numero di dimensioni appropriato.
Le prove devono essere eseguite utilizzando tre molle significativamente differenti per
ciascuna dimensione delle valvole sottoposte a prova. Per fare ciò, è possibile sottoporre
a prova una valvola con tre molle significativamente diverse, oppure tre valvole della
stessa dimensione con tre molle significativamente diverse. Ciascuna prova deve essere
eseguita almeno tre volte per stabilire e confermare una riproducibilità accettabile delle
prestazioni.
Nel caso di valvole di cui si costruisce solo una dimensione a diverse classi di pressione,
le prove devono essere eseguite utilizzando quattro molle diverse, che devono coprire
l’intervallo di pressioni alle quali la valvola è utilizzata.
Qualora l’intervallo delle dimensioni non possa essere adeguatamente coperto, allora
devono essere utilizzati modelli di scala con diametro di passaggio non minore di quello
originale per 0,2 mm o 50 mm, a seconda del valore maggiore.
Tutte le dimensioni della sezione di passaggi nel modello devono essere precisamente in
scala con le dimensioni corrispondenti della valvola effettiva.
Tutte le dimensioni delle parti che possono influire sulla spinta complessiva sulle parti
mobili devono essere in scala.
Nel caso del soffietto, è possibile che la sola superficie effettiva sia in scala.
Nota Per superficie effettiva si intende la superficie del soffietto da cui sono calcolati i carichi finali (superficie del
pistone).
L’eventuale flessibilità complessiva di molla più soffietto del modello deve essere in scala
con la flessibilità complessiva della valvola effettiva.
La ruvidezza di tutte le superfici del percorso di portata del modello non deve essere
minore di quella delle superfici corrispondenti della valvola effettiva.
Prima di eseguire le prove, occorre verificare che il modello sia conforme a quanto sopra.

7.3 Prove per determinare le caratteristiche di portata

7.3.1 Requisiti di prova


Dopo avere stabilito in maniera soddisfacente le caratteristiche operative (vedere punto
7.2), si può utilizzare vapore, aria o un altro gas con caratteristiche note quale fluido per
le prove sulle caratteristiche di portata, tranne che per le valvole progettate per il funzio-
namento con fluidi. Le valvole predisposte per il funzionamento con fluidi devono essere
sottoposte a prova con acqua o altri fluidi di caratteristiche note. Inoltre, quando si
valutano i quantitativi scaricati, il disco della valvola deve essere mantenuto all’alzata,
come determinato dalla prova sulle caratteristiche operative [vedere punto 7.2.1 b)].

7.3.2 Valvole utilizzate nel programma di prova


Le valvole di sicurezza sottoposte a prova devono essere le stesse, o identiche, a quelle
utilizzate per le prove sulle caratteristiche operative (vedere punto 7.2.4).

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 26


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.3.3 Test procedure

7.3.31 Test conditions


A travel stop maybe fitted to limit the lift to that determined in accordance with 7.2.1 b).
The tests can be carried out with or without the spring fitted. When the spring is in the flow
path, the test shall be carried out with the spring fitted.
Tests shall be conducted at various pressures to establish that no variations of the
coefficient of discharge with the relevant positions(s) of the adjusting ring(s), if any,
occurs.

7.3.3.2 Number of test valves


The tests shall be carried out at three different pressures for each of three sizes of a given
valve design unless the size range contains not more than six sizes, when the number of
sizes tested may be reduced to two.
When a size range is extended from one containing less than seven sizes to one
containing seven or more sizes, then tests on three sizes of valves (a total of nine tests)
shall be carried out.
In the case of valves of either novel or special design of which one size only at various
pressure ratings is being manufactured, tests shall be carried out at four different set
pressures which shall cover the range of pressures for which the valves will be used, or as
determined by the limits of the test facility.

7.3.3.3 Restricted lift valves


For restricted lift valves the capacity at restricted lift may be determined immediately
following the tests to determine flow characteristics at full lift or determined later.
In the case of restricted lift, or valves with a proportional opening characteristic, a curve
shall be established for the coefficient of discharge versus valve lift.

7.3.3.4 Value of test pressure


Flow tests on a valve with the spring installed shall be carried out at a set pressure plus
overpressure as used to determine operating characteristics with atmospheric back
pressure.
When valves are tested without the spring, and a travel stop is fitted as in 7.3.3.1, the test
pressure may be reduced down to where the ratio of absolute back pressure to absolute
relieving pressure is less than 0,25. Tests at three different pressure ratios less than 0,25
shall then be carried out with atmospheric back pressure.
For compressible fluids when the ratio of absolute back pressure to absolute relieving
pressure exceeds the value of 0,25, the coefficient of discharge can be largely dependent
upon this ratio. Then tests shall be conducted at ratios between the pressure ratio of 0,25
and the maximum pressure ratio required to obtain curves or tables of coefficient of
discharge versus the ratio of absolute back pressure and absolute relieving pressure, this
curve may be extended to cover the tests with pressure ratios less than 0,25.
This curve shall be used for establishing the coefficient of discharge at any set pressure
and overpressure, it shall also be used for establishing the coefficient of discharge under
back pressure conditions.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 27


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.3.3 Procedimento di prova

7.3.3.1 Condizioni di prova


È possibile montare un arresto di corsa per limitare l’alzata a quella determinata, in
conformità al punto 7.2.1 b).
Le prove possono essere eseguite con la molla montata o senza. Quando la molla si trova
nella sezione di passaggio, la prova deve essere eseguita con la molla montata.
Le prove devono essere eseguite a diverse pressioni per stabilire che non si verifichi
nessuna variazione del coefficiente di scarico con la(e) posizione(i) rispettiva(e)
dell’(degli) eventuale(i) anello(i) di regolazione.

7.3.3.2 Numero di valvole da sottoporre a prova


Le prove devono essere eseguite a tre diverse pressioni per ciascuna delle tre dimensioni
di una data progettazione di valvola, a meno che l’intervallo delle dimensioni non
contenga meno di sei dimensioni, nel qual caso il numero di dimensioni da sottoporre a
prova può essere ridotto a due.
Quando l’intervallo delle dimensioni si estende da uno contenente meno di sei dimensioni
ad uno contenente sette o più dimensioni, le prove devono essere eseguite su tre dimen-
sioni delle valvole (per un totale di nove prove).
Nel caso di valvole di progettazione nuova o speciale, delle quali sia costruita solo una
dimensione a diverse classi di pressioni, devono essere eseguite prove a quattro diverse
pressioni di taratura, che devono coprire l’intervallo di pressioni al quale le valvole
saranno utilizzate, o come determinato dai limiti dei mezzi di prova.

7.3.3.3 Valvole ad alzata limitata


Per le valvole ad alzata limitata la capacità ad alzata limitata può essere determinata
immediatamente dopo le prove per determinare le caratteristiche di portata ad alzata
completa, oppure determinata successivamente.
Nel caso di alzata limitata, o di valvole con caratteristiche di apertura proporzionale, deve
essere stabilita una curva che rappresenti il coefficiente di scarico rispetto all’alzata della
valvola.

7.3.3.4 Valore della pressione di prova


Le prove di portata su una valvola con la molla installata devono essere eseguite alla
pressione di taratura più sovrapressione, come per determinare le caratteristiche
operative con la contropressione atmosferica.
Quando le valvole sono sottoposte a prova senza la molla, ed è installato un arresto di
corsa come al punto 7.3.3.1, la pressione di prova può essere ridotta fino al punto in cui il
rapporto tra contropressione assoluta e pressione di scarico assoluta è minore di 0,25. Le
prove devono essere eseguite a tre diversi rapporti di pressione minori di 0,25 con contro-
pressione atmosferica.
Per i fluidi comprimibili, quando il rapporto tra contropressione assoluta e pressione di
scarico assoluta è maggiore di 0,25, il coefficiente di scarico può dipendere ampiamente
da questo rapporto. Allora le prove devono essere eseguite a rapporti compresi tra il
rapporto della pressione di 0,25 e il rapporto massimo della pressione richiesto per
ottenere curve o prospetti del coefficiente di scarico rispetto al rapporto tra contropres-
sione assoluta e pressione di scarico assoluta; tale curva può essere estesa per coprire
le prove con rapporti di pressione minori di 0,25.
Tale curva deve essere utilizzata per stabilire il coefficiente di scarico a qualsiasi
pressione di taratura e sovrapressione; deve essere utilizzata anche per stabilire il coeffi-
ciente di scarico in condizioni di contropressione.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 28


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.3.3.5 Flow testing acceptance tolerance


In all the methods described for flow characteristics testing, all final results shall be
within ± 5 % of the arithmetic average.
Where these tolerances are not achieved when testing, to produce the curve of coefficient
of discharge versus the ratio of absolute back pressure and absolute relieving pressure
greater than 0,25, the curve illustrating the lowest coefficient of discharge versus this ratio
shall be accepted for the range of valves tested.

7.3.4 Adjustment during test


No adjustment to the valve shall be made during the tests. Following any changes or
deviation in the test conditions, a sufficient period of time shall be allowed to permit the
rate of flow, temperature and pressure to reach stable conditions before readings are
taken.

7.3.5 Records and test results


The test records shall include all observations, measurements, instrument readings and
instrument calibration records (if required) for the objective(s) of the tests. Original test
records shall remain in the custody of the test establishment that conducted the tests.
Copies of all test records shall be supplied to each of the parties concerned with the tests.
Corrections and corrected values shall be entered separately in the test record.
The manufacturer or his authorised representative shall keep a copy of the test records
and their additions for a period of ten years after the last of the safety valves has been
manufactured.

7.3.6 Flow test equipment


The test equipment shall be designed and operated such that the actual test flowing
capacity measurements shall be accurate to within ±2%.

7.4 Determination of the coefficient of discharge


For the determination of the coefficient of discharge Kd see 8.1.

7.5 Certification of coefficient of discharge


The certified derated coefficient of discharge Kdr of the safety valve shall be not greater
than 90% of the coefficient of discharge Kd determined by test:
Kdr = 0,9 Kd
Neither the coefficient of discharge nor the certified derated coefficient of discharge can
be used to calculate the capacity at a lower overpressure than that at which the tests to
determine the flow characteristics (see 7.3) were carried out, although they can be used
to calculate the capacity at any higher overpressure.

8 DETERMINATION OF SAFETY VALVE PERFORMANCE

8.1 Determination of coefficient of discharge


The coefficient of discharge Kd is calculated from the following:
n
q 'm
∑ ⎛⎝ ---------
qm ⎠
-⎞
l
K d = ---------------------
-
n

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 29


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.3.3.5 Tolleranza di accettazione della prova di portata


In tutti i metodi descritti per la prova delle caratteristiche di portata, tutti i risultati finali
devono essere entro ±5% della media aritmetica.
Qualora tali tolleranze non siano raggiunte durante la prova, per produrre la curva del
coefficiente di scarico rispetto al rapporto tra contropressione assoluta e pressione di
scarico assoluta maggiore di 0,25, la curva che illustra il coefficiente di scarico più basso
rispetto a tale rapporto deve essere accettata per la serie di valvole sottoposte a prova.

7.3.4 Regolazione durante la prova


Durante le prove non deve essere eseguita nessuna regolazione delle valvole. Dopo
qualsiasi cambiamento o scostamento dalle condizioni di prova, si deve fare trascorrere
un periodo di tempo sufficiente a consentire che portata, temperatura e pressione
raggiungano una condizione stabile prima di effettuare le letture.

7.3.5 Registrazioni e risultati delle prove


Le registrazioni delle prove devono includere tutte le osservazioni, le misurazioni, le letture
degli strumenti e le registrazioni della taratura degli strumenti (se richiesta) per l’/gli obiettivo/i
delle prove. Le registrazioni delle prove originali devono rimanere archiviate nello stabilimento
di prova che ha eseguito le prove. Copie di tutte le registrazioni delle prove devono essere
fornite per ciascuna delle parti interessate alle prove. Le correzioni e i valori corretti devono
essere inseriti separatamente nelle registrazioni delle prove.
Il fabbricante o il suo rappresentante autorizzato devono conservare una copia delle
registrazioni delle prove e relativi allegati per un periodo di dieci anni dopo la costruzione
dell’ultima valvola di sicurezza.

7.3.6 Apparecchiatura di prova per la portata


L’apparecchiatura di prova deve essere progettata e azionata in modo tale che le misura-
zioni della capacità effettiva della portata abbiano approssimazione compresa entro ±2%.

7.4 Determinazione del coefficiente di scarico


Ai fini della determinazione del coefficiente di scarico Kd vedere punto 8.1.

7.5 Certificazione del coefficiente di scarico


Il coefficiente di scarico certificato corretto, Kdr della valvola di sicurezza non deve essere
maggiore del 90% del coefficiente di scarico, Kd, determinato mediante prova:
Kdr = 0,9 Kd
Né il coefficiente di scarico, né il coefficiente di scarico certificato corretto possono essere
utilizzati per calcolare la capacità ad una sovrapressione minore di quella a cui le prove
per determinare le caratteristiche di portata (vedere punto 7.3) sono state eseguite,
sebbene possano essere utilizzati per calcolare la capacità a qualsiasi sovrapressione
maggiore.

8 DETERMINAZIONE DELLE PRESTAZIONI DELLE VALVOLE DI SICUREZZA

8.1 Determinazione del coefficiente di scarico


Il coefficiente di scarico, Kd, è calcolato dalla seguente:
n
q 'm
∑ ⎛⎝ ---------
qm ⎠
-⎞
l
K d = ---------------------
-
n

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 30


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

8.2 Critical and subcritical flow


The flow of a gas or vapour through an orifice, such as the flow area of a safety valve,
increases as the downstream pressure is decreased to the critical pressure, until critical
flow is achieved. Further decrease in downstream pressure will not result in any further
increase in flow.
Critical flow occurs when:
p b ⎛ 2 ⎞ ( k/ ( k – 1 ) )
------ ≤ -------------
p o ⎝ k + 1⎠
and subcritical flow occurs when:
p b ⎛ 2 ⎞ ( k/ ( k – 1 ) )
------ > -------------
p o ⎝ k + 1⎠

8.3 Discharge capacity at critical flow

8.3.1 Discharge capacity for steam


p
q m = 0,288 3 C -----o-
v

R 8,314 3
Note 1 0,288 3 = -------
10 =
- --------------------
10
This is applicable to dry saturated and superheated steam. Dry saturated steam in this
context refers to steam with a minimum dryness fraction of 98% where C is a function of
the isentropic exponent at the relieving conditions.

2 ( k + 1 )/ ( k – 1 )
C = 3,948 k ⎛⎝ -------------⎞⎠
k +1

3 600
Note 2 3,948 = -------------------
5
-
10 R
The value of k used to determine C shall be based on the actual flowing conditions at the
safety valve inlet and shall be determined from Table 1 in part 7 of this standard.

8.3.2 Discharge capacity for any gas under critical flow conditions

M p
q m = p o C ----------- = 0,288 3 C -----o-
ZTo v

( k + 1 )/ ( k – 1 )
C = 3,948 k ⎛⎝ -------------⎞⎠
2
k +1
(see Table 2 in part 7 of this standard for rounded figures).

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 31


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

8.2 Portata critica e sub-critica


Il flusso di un gas o di un vapore attraverso un orifizio, quale la sezione di passaggio di
una valvola di sicurezza, aumenta man mano che la pressione a valle diminuisce fino alla
pressione critica, fino a quando non si raggiunge la portata critica. Un’ulteriore diminu-
zione della pressione a valle non determina nessun ulteriore aumento della portata.
La portata critica si verifica quando:
p b ⎛ 2 ⎞ ( k/ ( k – 1 ) )
------ ≤ -------------
p o ⎝ k + 1⎠
e la portata sub-critica si verifica quando:
p b ⎛ 2 ⎞ ( k/ ( k – 1 ) )
------ > -------------
p o ⎝ k + 1⎠

8.3 Capacità di scarico alla portata critica

8.3.1 Capacità di scarico per il vapore


p
q m = 0,288 3 C -----o-
v

R 8,314 3
Nota 1 0,288 3 = -------
10 =
- --------------------
10
Questa equazione si applica al vapore secco saturo e al vapore surriscaldato. In questo
contesto, con vapore secco saturo si intende il vapore con una frazione di secchezza
minima del 98%, dove C è una funzione dell’esponente isentropico alle condizioni di
scarico.

2 ( k + 1 )/ ( k – 1 )
C = 3,948 k ⎛⎝ -------------⎞⎠
k +1

3 600
Nota 2 3,948 = -------------------
5
-
10 R
Il valore di k utilizzato per determinare C deve essere basato sulle condizioni di portata
effettive all’entrata della valvola di sicurezza e deve essere determinato dal prospetto 1
nella parte 7 della presente norma.

8.3.2 Capacità di scarico per qualsiasi gas in condizioni di portata critiche

M p
q m = p o C ----------- = 0,288 3 C -----o-
ZTo v

( k + 1 )/ ( k – 1 )
C = 3,948 k ⎛⎝ -------------⎞⎠
2
k +1
(vedere prospetto 2 nella parte 7 della presente norma per le cifre arrotondate).

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 32


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

8.4 Discharge capacity for any gas at subcritical flow


M p
q m = p o C K b ----------- = 0,288 3 C K b -----o-
ZT o v

2k p 2/k p ( k + 1 )/k
------------ ⎛ -----b-⎞ – ⎛ -----b-⎞
k – 1 ⎝ p o⎠ ⎝ p o⎠
Kb = ----------------------------------------------------------------------
( k + 1 )/ ( k – 1 )
-
⎛ 2 ⎞
k ⎝ -------------⎠
k +1

8.5 Discharge capacity for non-flashing liquid as the test medium in the turbulent zone where
the Reynolds number Re is equal to or greater than 80 000
p o – p b⎞
q m = 1,61 ⎛⎝ -----------------
-
v ⎠

3 600 2
Note 1,61 = ------------------5-
10 10

9 SIZING OF SAFETY VALVES

9.1 General
It is not permitted to calculate the capacity at a lower overpressure than that at which the
tests to determine flow characteristics were carried out, although it is permissible to
calculate the capacity at any higher overpressure (see 7.5).
Valves having a certified derated coefficient of discharge established on critical flow at the
test back pressure may not have the same certified derated coefficient of discharge at a
higher back pressure, see 7.3.3.4.

9.2 Valves for gas or vapour relief


No distinction is made between substances commonly referred to as vapours; the term
"gas" is used to describe both gas and vapour.
To calculate the capacity for any gas, the area and the coefficient of discharge shall be
assumed to be constant and the equations given in clause 8 shall be used.

9.3 Calculation of capacity


Note 1 The equation to be applied depends on the fluid to be discharged.
Note 2 See annex A for calculations.

9.3.1 Capacity calculation for (saturated or superheated) steam at critical flow


p
Q m = 0,288 3 C A K dr -----o-
v

9.3.2 Capacity calculations for wet steam


The following equation is applicable only to homogenous wet steam of dryness fraction of
90% and over.

p
0,288 3 C A K dr -----o-
v
Qm = -------------------------------------------------------
x

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 33


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

8.4 Capacità di scarico per qualsiasi gas in condizioni di portata sub-critiche


M p
q m = p o C K b ----------- = 0,288 3 C K b -----o-
ZT o v

2k p 2/k p ( k + 1 )/k
------------ ⎛ -----b-⎞ – ⎛ -----b-⎞
k – 1 ⎝ p o⎠ ⎝ p o⎠
Kb = ----------------------------------------------------------------------
( k + 1 )/ ( k – 1 )
-
⎛ 2 ⎞
k ⎝ -------------⎠
k +1

8.5 Capacità di scarico dei fluidi non vaporizzabili quale mezzo di prova nella zona turbo-
lenta dove il numero di Reynolds, Re, è uguale a o maggiore di 80 000
p o – p b⎞
q m = 1,61 ⎛⎝ -----------------
-
v ⎠

3 600 2
Nota 1,61 = ------------------5-
10 10

9 REGOLAZIONE DELLE VALVOLE DI SICUREZZA

9.1 Generalità
Non è consentito calcolare la capacità ad una sovrapressione minore di quella a cui sono
state eseguite le prove per determinare le caratteristiche di portata, sebbene sia possibile
calcolare la capacità ad una sovrapressione maggiore (vedere punto 7.5).
Le valvole con un coefficiente di scarico certificato corretto stabilito sulla portata critica
alla contropressione di prova possono non avere lo stesso coefficiente di scarico certi-
ficato corretto ad una contropressione maggiore, vedere punto 7.3.3.4.

9.2 Valvole di scarico per gas o vapore


Non è fatta distinzione tra le sostanze a cui si fa comunemente riferimento come
vaporose; il termine "gas" è utilizzato per designare sia il gas sia il vapore.
Per calcolare la capacità di qualsiasi gas, la superficie e il coefficiente di scarico devono
essere considerati come costanti e devono essere utilizzate le equazioni riportate al
punto 8.

9.3 Calcolo della capacità


Nota 1 L’equazione da applicare dipende dal fluido da scaricare.
Nota 2 Vedere appendice A per i calcoli.

9.3.1 Calcolo della capacità per il vapore (saturo o surriscaldato) a portata critica
p
Q m = 0,288 3 C A K dr -----o-
v

9.3.2 Calcoli della capacità per il vapore umido


La seguente equazione è applicabile solo al vapore umido omogeneo con frazione di
secchezza del 90% e maggiore.

p
0,288 3 C A K dr -----o-
v
Qm = -------------------------------------------------------
x

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 34


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

9.3.3 Capacity calculations for gaseous media

9.3.3.1 Capacity calculations for gaseous media at critical flow

M p
Q m = p o C A K dr ----------- = 0,288 3 C A K dr -----o-
ZTo v

Qm Qm
A = --------------------------------------
- = ------------------------------------------------
M p
p o C K dr -----------
ZTo 0,288 3 C K dr -----o-
v

9.3.3.2 Capacity calculations for gaseous media at subcritical flow

M p
Q m = p o C A K dr K b ----------- = 0,288 3 C A K dr K b -----o-
ZTo v
See equation in 8.4 and Table 3 in part 7 of this standard.

9.3.4 Capacity calculations for liquids


po – pb
Q m = 1,61 K dr K v A -----------------
-
v

10 MARKING AND SEALING

10.1 Marking on the shell of a safety valve


Marking on the shell of a safety valve may be integral with the shell or on a plate securely
fixed on the shell. The following minimum information shall be marked on all safety valves:
a) size designation (inlet), for example DN xxx;
b) material designation of the shell;
c) manufacturer's name or trade-mark;
d) an arrow showing the direction of flow where the inlet and outlet connections have
the same dimensions or the same pressure rating.

10.2 Marking on an identification plate


The following information shall be given on an identification plate securely fixed to the
safety valve:
a) set pressure, in bar gauge;
b) the number of this standard (EN ISO 4126-1);
c) manufacturer's type reference;
d) certified derated coefficient of discharge indicating reference fluid:
"G" for gas, "S" for steam and "L" for liquid;
Nota The designation of the fluid may be placed either before or after the certified derated coefficient of
discharge e.g. G-0,815.
e) flow area, in square millimetres;
f) minimum value of the lift, in millimetres, and corresponding overpressure, expressed
as, e.g. a percentage of set pressure.

10.3 Sealing of a safety valve


All external adjustments shall be sealed.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 35


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

9.3.3 Calcoli della capacità per i mezzi gassosi

9.3.3.1 Calcoli della capacità per i mezzi gassosi alla portata critica

M p
Q m = p o C A K dr ----------- = 0,288 3 C A K dr -----o-
ZTo v

Qm Qm
A = --------------------------------------
- = ------------------------------------------------
M p
p o C K dr -----------
ZTo 0,288 3 C K dr -----o-
v

9.3.3.2 Calcoli della capacità per i mezzi gassosi alla portata sub-critica

M p
Q m = p o C A K dr K b ----------- = 0,288 3 C A K dr K b -----o-
ZTo v
Vedere equazione al punto 8.4 e prospetto 3 nella parte 7 della presente norma.

9.3.4 Calcoli della capacità per i fluidi


po – pb
Q m = 1,61 K dr K v A -----------------
-
v

10 MARCATURA E SIGILLATURA

10.1 Marcatura sull’involucro di una valvola di sicurezza


La marcatura sull’involucro di una valvola di sicurezza può costituire parte integrante
dell’involucro o essere riportata su una targhetta fissata in modo sicuro sull’involucro. Le
seguenti informazioni minime devono essere marcate su tutte le valvole di sicurezza:
a) la designazione delle dimensioni (ingresso), per esempio DN xxx;
b) la designazione del materiale dell’involucro;
c) il nome o il marchio del fabbricante;
d) una freccia che indichi la direzione del flusso qualora le connessioni di ingresso e di
uscita abbiano le stesse dimensioni o la stessa classe di pressione.

10.2 Marcatura su una targhetta di identificazione


Le seguenti informazioni devono essere riportate su una targhetta di identificazione
fissata in modo sicuro alla valvola di sicurezza:
a) la pressione di taratura, in bar relativa;
b) il numero della presente norma (EN ISO 4126-1);
c) il riferimento del tipo del fabbricante;
d) il coefficiente di scarico certificato corretto indicante il fluido di riferimento:
"G" per gas, "S" per vapore e "L" per fluido;
Nota La designazione del fluido può essere posta prima o dopo il coefficiente di scarico certificato corretto,
per esempio: G-0,815.
e) la superficie di portata, in millimetri quadrati;
f) il valore minimo dell’alzata, in millimetri, e la sovrapressione corrispondente,
espressa, per esempio, come percentuale di una pressione di taratura.

10.3 Sigillatura di una valvola di sicurezza


Tutte le regolazioni esterne devono essere sigillate.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 36


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

ANNEX A EXAMPLES OF SIZING CALCULATIONS FOR VARIOUS FLUIDS


(informative)
Note For symbols and units refer to clause 4.

A.1 Capacity calculations for gaseous media at critical flow (see 9.3.3.1)
Example 1:
Calculate the flow area of a safety valve to be used on a vessel holding nitrogen gas with
a maximum allowable pressure, PS of 55 bar gauge.
Safety valve certified derated coefficient of discharge [Kdr] at 10% overpressure = 0,87.
Molar mass of the gas [M ] = 28,02
Isentropic exponent of the gas [k ] = 1,40
Gas relieving temperature = 20 °C
Required gas flow rate [Qm] = 18 000 kg/h
Set pressure = 55 bar
Back pressure atmospheric
T o = 20 + 273 = 293 K

p o = [ 55 ⋅ 1,1 ] + 1 = 61,5 bar (abs).

pb 2 ( k/ ( k – 1 ) )
Since ------ ≤ ⎛ -------------⎞ the flow is critical.
p o ⎝ k + 1⎠

Qm
The required area, A = --------------------------------------
-
M
p o C K dr -----------
ZTo

( 1,4 + 1 )/ ( 1,4 – 1 )
C = 3,948 1,4 ⋅ ⎛⎝ ------------------⎞⎠
2
= 2,7
1,4 + 1
Compressibility factor may be estimated from published data.
The calculation involved is as follows:
p
Reduced pressure, p r = -----o-
pc
where:
pc is the critical pressure = 33,94 bar (abs.) (from a thermodynamics handbook).
T
Reduced temperature, T r = ------o-
Tc
where:
Tc is the critical temperature = 126,05 K (from a thermodynamics handbook).
pr = 61,5/33,94 = 1,81
Tr = 293/126,05 = 2,32
Z = 0,975 (from Figure 1 of part 7 of this standard)
18 000 2
A = ------------------------------------------------------------------------------- = 397,85 mm
28,02
61,5 ⋅ 2,7 ⋅ 0,87 ⋅ -----------------------------
0,975 ⋅ 293

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 37


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

APPENDICE A ESEMPI DI CALCOLI DI REGOLAZIONE PER DIVERSI FLUIDI


(informativa)
Nota Per i simboli e le unità di misura, fare riferimento al punto 4.

A.1 Calcoli della capacità per i mezzi gassosi alla portata critica (vedere punto 9.3.3.1)
Esempio 1:
Calcolare la sezione di passaggio di una valvola di sicurezza da utilizzare su un vaso
contenente gas di azoto con pressione massima ammissibile PS di 55 bar relativa.
Coefficiente di scarico certificato corretto di una valvola di sicurezza [Kdr] a sovrapres-
sione del 10% = 0,87.
Massa molare del gas [M ] = 28,02
Esponente isentropico del gas [k ] = 1,40
Temperatura di scarico del gas = 20 °C
Portata del gas richiesta [Qm] = 18 000 kg/h
Pressione di taratura = 55 bar
Contropressione atmosferica
T o = 20 + 273 = 293 K

p o = [ 55 ⋅ 1,1 ] + 1 = 61,5 bar (abs).

pb 2 ( k/ ( k – 1 ) )
Poiché ------ ≤ ⎛ -------------⎞ la portata è critica.
p o ⎝ k + 1⎠

Qm
La superficie richiesta A = --------------------------------------
-
M
p o C K dr -----------
ZTo

( 1,4 + 1 )/ ( 1,4 – 1 )
C = 3,948 1,4 ⋅ ⎛⎝ ------------------⎞⎠
2
= 2,7
1,4 + 1
Il fattore di comprimibilità può essere calcolato dai dati pubblicati.
Il calcolo richiesto è il seguente:
p
Pressione ridotta p r = -----o-
pc
dove:
pc è la pressione critica = 33,94 bar (assoluta) (da un manuale di termodinamica).
T
Temperatura ridotta T r = ------o-
Tc
dove:
Tc è la temperatura critica = 126,05 K (da un manuale di termodinamica).
pr = 61,5/33,94 = 1,81
Tr = 293/126,05 = 2,32
Z = 0,975 (dalla figura 1 della parte 7 della presente norma)
18 000 2
A = ------------------------------------------------------------------------------- = 397,85 mm
28,02
61,5 ⋅ 2,7 ⋅ 0,87 ⋅ -----------------------------
0,975 ⋅ 293

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 38


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Example 2:
Where Kdr is certified at 5% overpressure and the relieving overpressure remains at 10%
as in example 1.
Calculate the flow area of a safety valve to be used on a vessel holding nitrogen gas with
a maximum allowable pressure, PS of 55 bar gauge:
Safety valve certified derated coefficient of discharge [Kdr] at 5% overpressure = 0,87
Molar mass of the gas [M ] = 28,02
Isentropic exponent of the gas [k ] = 1,40
Gas relieving temperature = 20 °C
Required gas flow rate [Qm] = 18 000 kg/h
Set pressure = 55 bar
Back pressure atmospheric
T o = 20 + 273 = 293 K

p o = [ 55 ⋅ 1,1 ] + 1 = 61,5 bar (abs).

pb 2 ( k/ ( k – 1 ) )
Since ------ ≤ ⎛ -------------⎞ the flow is critical.
p o ⎝ k + 1⎠

Qm
The required area, A = --------------------------------------
-
M
p o C K dr -----------
ZTo

( 1,4 + 1 )/ ( 1,4 – 1 )
C = 3,948 1,4 ⋅ ⎛⎝ ------------------⎞⎠
2
= 2,7
1,4 + 1
Compressibility factor may be estimated from published data. The calculation involved is
as follows:
p
Reduced pressure, p r = -----o-
pc
where:
pc is the critical pressure = 33,94 bar (abs.) (from a thermodynamics handbook)
T
Reduced temperature, T r = ------o-
Tc
where:
Tc is the critical temperature = 126,05 K (from a thermodynamics handbook).
pr = 61,5/33,94 = 1,81
Tr = 293/126,05 = 2,32
Z = 0,975 (from Figure 1 of part 7 of this standard)
18 000 2
A = ------------------------------------------------------------------------------- = 397,85 mm
28,02
61,5 ⋅ 2,7 ⋅ 0,87 ⋅ -----------------------------
0,975 ⋅ 293

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 39


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Esempio 2:
Dove Kdr è certificato ad una sovrapressione del 5% e la sovrapressione di scarico rimane
al 10% come nell’esempio 1.
Calcolare la sezione di passaggio di una valvola di sicurezza da utilizzare su un vaso
contenente gas di azoto con pressione massima ammissibile, PS, di 55 bar relativa.
Coefficiente di scarico certificato corretto di una valvola di sicurezza [Kdr] a sovrapres-
sione del 5% = 0,87.
Massa molare del gas [M ] = 28,02
Esponente isentropico del gas [k ] = 1,40
Temperatura di scarico del gas = 20 °C
Portata del gas richiesta [Qm] = 18 000 kg/h
Pressione di taratura = 55 bar
Contropressione atmosferica
T o = 20 + 273 = 293 K

p o = [ 55 ⋅ 1,1 ] + 1 = 61,5 bar (abs).

pb 2 ( k/ ( k – 1 ) )
Poiché ------ ≤ ⎛ -------------⎞ la portata è critica.
p o ⎝ k + 1⎠

Qm
La superficie richiesta A = --------------------------------------
-
M
p o C K dr -----------
ZTo

( 1,4 + 1 )/ ( 1,4 – 1 )
C = 3,948 1,4 ⋅ ⎛⎝ ------------------⎞⎠
2
= 2,7
1,4 + 1
Il fattore di comprimibilità può essere calcolato dai dati pubblicati. Il calcolo richiesto è il
seguente:
p
Pressione ridotta p r = -----o-
pc
dove:
pc è la pressione critica = 33,94 bar (assoluta) (da un manuale di termodinamica).
T
Temperatura ridotta T r = ------o-
Tc
dove:
Tc è la temperatura critica = 126,05 K (da un manuale di termodinamica).
pr = 61,5/33,94 = 1,81
Tr = 293/126,05 = 2,32
Z = 0,975 (dalla figura 1 della parte 7 della presente norma)
18 000 2
A = ------------------------------------------------------------------------------- = 397,85 mm
28,02
61,5 ⋅ 2,7 ⋅ 0,87 ⋅ -----------------------------
0,975 ⋅ 293

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 40


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

A.2 Capacity calculations for gaseous media at subcritical flow (see 9.3.3.2)
Example:
Using values from the previous example (i.e. critical flow) calculate the required discharge
area if the back pressure is increased from atmospheric to 36,0 bar gauge and the
certified derated coefficient of discharge is 0,80 in the new conditions.
pb 2 ( k/ ( k – 1 ) )
Since ------ > ⎛ -------------⎞ the flow is subcritical.
po ⎝ k + 1⎠

pb 36 + 1
Nota ------ = ------------------------------------
p o ( 55 ⋅ 1,1 ) + 1
The required area:
Qm
A = ----------------------------------------------
M
p o C K dr K b -----------
ZTo

2k p ( 2/k ) ⎛ p b⎞ ( k + 1 )/k
------------ ⎛ -----b-⎞ – ------
k – 1 ⎝ p o⎠ ⎝ p o⎠
Kb = --------------------------------------------------------------------------
( k + 1 )/ ( k – 1 )
= 0,989
k⎝ ⎛ 2 ⎞
------------
-
k + 1⎠
(Kb can be either calculated or obtained from Table 3 of part 7 of this standard).
18 000 2
A = ------------------------------------------------------------------------------------------- = 437,471 mm
28,02
61,5 ⋅ 2,7 ⋅ 0,8 ⋅ 0,989 -----------------------------
0,975 ⋅ 293

A.3 Capacity calculations for liquids (see 9.3.4)


Example:
Calculate the safety valve flow area, necessary to discharge oil given the following
conditions.
Safety valve certified derated coefficient of discharge [Kdr] at 10% overpressure = 0,65
Required oil flow capacity at 10%
overpressure [Qm] = 45 000 kg/h
Specific volume [v ] = 0,001 075 27 m3/kg = 1/density
Dynamic viscosity [ µ ] = 0,5 Pa · s
Set pressure = 30 bar gauge
Back pressure = 3 bar gauge
Applicable equation

po – pb
Q m = 1,61 K dr K v A -----------------
-
v
Calculate the flow area assuming a non-viscous fluid (i.e. neglecting viscosity).
Kv = 1
Qm ⎞
A = ⎛⎝ --------------------
v
------------------
1,61 K dr⎠ p o – p b

p o – p b = [ 30 ⋅ ( 1 + 10/100 ) + 1 ] – ( 3 + 1 ) = 30 bar

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 41


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

A.2 Calcoli della capacità per i mezzi gassosi alla portata sub-critica
(vedere punto 9.3.3.2)
Esempio:
Utilizzando le valvole dell’esempio precedente (vale a dire a portata critica) calcolare la
superficie di scarico se la contropressione aumenta dalla pressione atmosferica a 36,0 bar
relativa e il coefficiente di scarico certificato corretto è di 0,80 nelle nuove condizioni.
pb 2 ( k/ ( k – 1 ) )
Poiché ------ > ⎛ -------------⎞ la portata è critica.
p o ⎝ k + 1⎠

pb 36 + 1
Nota ------ = ------------------------------------
p o ( 55 ⋅ 1,1 ) + 1
La superficie richiesta:
Qm
A = ----------------------------------------------
M
p o C K dr K b -----------
ZTo

2k p ( 2/k ) ⎛ p b⎞ ( k + 1 )/k
------------ ⎛ -----b-⎞ – ------
k – 1 p o⎠ ⎝ ⎝ p o⎠
Kb = -------------------------------------------------------------------------- = 0,989
⎛ 2 ⎞ ( k + 1 )/ ( k – 1 )
k ⎝ -------------⎠
k +1
(Kb può essere calcolato o ottenuto dal prospetto 3 della parte 7 della presente norma).
18 000 2
A = ------------------------------------------------------------------------------------------- = 437,471 mm
28,02
61,5 ⋅ 2,7 ⋅ 0,8 ⋅ 0,989 -----------------------------
0,975 ⋅ 293

A.3 Calcoli della capacità per i fluidi (vedere punto 9.3.4)


Esempio:
Calcolare la superficie di portata di una valvola di sicurezza necessaria per scaricare l’olio
date le seguenti condizioni.
Coefficiente di scarico certificato corretto di una valvola di sicurezza [Kdr] a sovrapres-
sione del 10% = 0,65.
Capacità di portata olio richiesta
a sovrapressione del 10% [Qm] = 45 000 kg/h
Volume specifico [v ] = 0,001 075 27 m3/kg = 1/massa volumica
Viscosità dinamica [ µ ] = 0,5 Pa · s
Pressione di taratura = 30 bar relativa
Contropressione = 3 bar relativa
Equazione applicabile

po – pb
Q m = 1,61 K dr K v A -----------------
-
v
Calcolare la superficie di portata supponendo l’impiego di un fluido non viscoso (vale a
dire trascurando la viscosità).
Kv = 1
Qm ⎞
A = ⎛⎝ --------------------
v
------------------
1,61 K dr⎠ p o – p b

p o – p b = [ 30 ⋅ ( 1 + 10/100 ) + 1 ] – ( 3 + 1 ) = 30 bar

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 42


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

A = ⎛⎝ ---------------------------⎞⎠ ----------------------------------- = 257,43 mm


45 000 0,001 075 27 2
1,61 ⋅ 0,65 30
1) Select the next larger orifice A', in this case: A' = 380 mm2 and obtain the minimum
value of the viscosity correction factor.
Kvm = 257,43/380 = 0,68

2) Calculate the Reynolds number (Re) for the given flow capacity and the selected
orifice.
Qm ⎞ 4
R e = ⎛⎝ -----------
- ----------
3,6 µ⎠ πA '

= ⎛ ---------------------⎞ ----------------- = 1 447


45 000 4
⎝ 3,6 ⋅ 0,5⎠ π ⋅ 380

From graph in part 7 of this standard


Kv = 0,92 > 0,68
3) If, as in the example above, Kvm ≤ Kv the selected area is sufficient to discharge the
given flow rate. If this is not true, repeat 1) and 2) above.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 43


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

A = ⎛⎝ ---------------------------⎞⎠ ----------------------------------- = 257,43 mm


45 000 0,001 075 27 2
1,61 ⋅ 0,65 30
1) Selezionare il successivo orifizio più grande A', in questo caso: A' = 380 mm2 e si
ottiene il valore minimo del fattore di correzione della viscosità.
Kvm = 257,43/380 = 0,68
2) Calcolare il numero di Reynolds (Re) per la capacità di portata data e l’orifizio
selezionato.
Qm ⎞ 4
R e = ⎛⎝ -----------
- ---------
3,6 µ⎠ πA '

= ⎛ ---------------------⎞ ----------------- = 1 447


45 000 4
⎝ 3,6 ⋅ 0,5⎠ π ⋅ 380

Dal grafico nella parte 7 della presente norma


Kv = 0,92 > 0,68
3) Se, come nell’esempio precedente, Kvm ≤ Kv la superficie selezionata è sufficiente a
scaricare la portata data. In caso contrario, ripetere 1) e 2) sopra descritti.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 44


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

ANNEX ZA RELATIONSHIP BETWEEN THIS EUROPEAN STANDARD AND THE ESSENTIAL


(informative) REQUIREMENTS OF EU DIRECTIVE 97/23/EC (PED)
This European Standard has been prepared under a mandate given to CEN by the
European Commission and the European Free Trade Association to provide a means of
conforming to Essential Requirements of the New Approach Directive 97/23/EC (PED).
Once this standard is cited in the Official Journal of the European Communities under that
Directive and has been implemented as a national standard in at least one Member State,
compliance with the clauses of this standard given in Table ZA.1 confers, within the limits
of the scope of this standard, a presumption of conformity with the corresponding
Essential Requirements of that Directive and associated EFTA regulations.
table ZA.1 Correspondence between this European Standard and Directive 97/23/EC (PED)

Sub-clauses of this EN Essential Requirements of Directive 97/23/EC (PED)

Essential Requirements Annex I of PED


All Safety accessories 2.11
5 Design for adequate strength 2.1
6 Proof test 3.2.2
7 Performance test 2.2.4
8 and 9 Calculation method 2.2.3
10 Marking and labelling 3.3

WARNING - Other requirements and other EU Directives may be applicable to the


product(s) falling within the scope of this standard.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 45


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

APPENDICE ZA RAPPORTO TRA LA PRESENTE NORMA EUROPEA E I REQUISITI ESSENZIALI


(informativa) DELLA DIRETTIVA UE 97/23/CE (PED)
La presente norma europea è stata elaborata nell'ambito di un mandato conferito al CEN
dalla Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio e costituisce
un mezzo per conformarsi ai requisiti essenziali della Nuova Direttiva di
Approccio 97/23/CE (PED).
Quando la presente norma è citata nella gazzetta ufficiale delle Comunità Europee sotto
tale Direttiva ed è stata implementata come norma nazionale in almeno uno degli Stati
Membri, la conformità ai punti della presente norma riportata nel prospetto ZA.1 fornisce
un mezzo, nell’ambito dei limiti dello scopo e campo di applicazione della presente norma,
per soddisfare i requisiti essenziali specifici della Direttiva interessata e dei regolamenti
EFTA associati.

prospetto ZA.1 Corrispondenza tra la presente norma europea e la Direttiva 97/23/CE (PED)

Punti della presente EN Requisiti essenziali della Direttiva 97/23/CE (PED)

Requisiti essenziali Appendice I del PED


Tutti Accessori di sicurezza 2.11
5 Progettazione per una resistenza adeguata 2.1
6 Prova 3.2.2
7 Prova prestazionale 2.2.4
8e9 Metodo del calcolo 2.2.3
10 Marcatura ed etichettatura 3.3

AVVERTENZA: Altri requisiti e altre Direttive UE possono essere applicabili al/i prodotto/i
che rientra/rientrano nello scopo e campo di applicazione della presente norma.

UNI EN ISO 4126-1:2006 © UNI Pagina 46


Documento contenuto nel prodotto PED edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

UNI
Ente Nazionale Italiano Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 Nº 633 e successivi aggiornamenti.
di Unificazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

Potrebbero piacerti anche