Sei sulla pagina 1di 1

RINASCIMENTO E NATURALISMO

L’INTERESSE PER LA NATURA: nel Rinascimento l’uomo si comprende come parte del mondo
e stabilisce che la sua posizione in esso è una posizione privilegiata, in quanto era simile a quella
di Dio, e stabilisce che il mondo è il suo regno.
L’indagine sulla natura, allora, diventa uno strumento indispensabile per la realizzazione dei fini
umani nel mondo; si possono distinguere due aspetti:
 La magia, che crede nell’animazione dell’universo e nella possibilità dell’uomo di riuscire
a dominare le forze naturali con lusinghe e incantesimi;
 La filosofia della natura, che considera la natura come un qualcosa retto da principi propri; e
la scoperta di questi principi è un compito della filosofia.

LA MAGIA E SCIENZE OCCULTE:


Cornelio Agrippa nacque nel 1486 e la sua opera fondamentale, Filosofia occulta, ammette
la presenza di tre mondi: il mondo degli elementi, il mondo celeste e il mondo intelligibile.
Essi sono collegati come se fossero legati da una corda tesa, se è toccata in un punto, subito
vibra tutta e questo è possibile grazie all’anima del mondo, che opera in tutte le parti
dell’universo visibile.
Agrippa crede che l’uomo è situato nel punto centrale dei tre mondi e occupa la posizione
del microcosmo, che gli permette di conoscere la forza spirituale del mondo e di servirsene
per operare azioni miracolose. Nasce così la magia che si divide in: magia naturale, magia
celeste e magia religiosa. La prima insegna a servirsi delle cose corporee per effettuare
azioni miracolose; la seconda utilizza le formule d’astronomia per operare miracoli; la terza
utilizza, per operare miracoli, le sostanze celesti e i demoni.

Teofrasto Paracelso nacque nel 1493, era un mago ma si può considerare come
l’anticipatore del metodo scientifico. Lui, infatti, affermava che l’uomo era stato creato per
conoscere le azioni miracolose di Dio e per operarne di simili: il suo compito è perciò la
ricerca. Ma questa ricerca si deve basare su teoria e pratica, che devono procedere
parallelamente e d’accordo.
Il principio che deve guidare la ricerca è la corrispondenza tra il macrocosmo (il mondo) e il
microcosmo (l’uomo). Nasce così la medicina, che si fonda su quattro colonne: teologia,
filosofia, astronomia e alchimia (hanno tutte un carattere magico).
Secondo Paracelso, l’edificio del cosmo è composto dall’unione di quattro elementi: Aria,
Terra, Fuoco e Acqua. Quest'unione fu stabilita in tre sostanze: Sale, Zolfo, Mercurio. La
forza che muove i quattro elementi è lo spirito animatore, l’Archeus. Ogni cosa del mondo
ha la sua quintessenza, che non è un quinto elemento, ma è l’elemento che domina sugli altri
e ne esprime la natura fondamentale.

Potrebbero piacerti anche