Sei sulla pagina 1di 42

Set Domande

FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Generato il 05/03/2020 22:43:25


N° Domande Aperte 68
N° Domande Chiuse 81
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Indice
Indice Lezioni .......................................................................................................................... p. 2
Lezione 001 ............................................................................................................................. p. 4
Lezione 002 ............................................................................................................................. p. 5
Lezione 003 ............................................................................................................................. p. 7
Lezione 004 ............................................................................................................................. p. 8
Lezione 005 ............................................................................................................................. p. 10
Lezione 006 ............................................................................................................................. p. 11
Lezione 007 ............................................................................................................................. p. 13
Lezione 008 ............................................................................................................................. p. 14
Lezione 009 ............................................................................................................................. p. 15
Lezione 010 ............................................................................................................................. p. 17
Lezione 011 ............................................................................................................................. p. 18
Lezione 012 ............................................................................................................................. p. 19
Lezione 013 ............................................................................................................................. p. 20
Lezione 014 ............................................................................................................................. p. 21
Lezione 015 ............................................................................................................................. p. 22
Lezione 016 ............................................................................................................................. p. 23
Lezione 017 ............................................................................................................................. p. 24
Lezione 018 ............................................................................................................................. p. 25
Lezione 020 ............................................................................................................................. p. 26
Lezione 021 ............................................................................................................................. p. 27
Lezione 023 ............................................................................................................................. p. 28
Lezione 025 ............................................................................................................................. p. 29
Lezione 029 ............................................................................................................................. p. 30
Lezione 030 ............................................................................................................................. p. 31
Lezione 032 ............................................................................................................................. p. 32
Lezione 033 ............................................................................................................................. p. 33
Lezione 034 ............................................................................................................................. p. 34
Lezione 036 ............................................................................................................................. p. 35
Lezione 039 ............................................................................................................................. p. 36
Lezione 043 ............................................................................................................................. p. 37
Lezione 044 ............................................................................................................................. p. 38
Lezione 045 ............................................................................................................................. p. 39
Lezione 046 ............................................................................................................................. p. 40
Lezione 048 ............................................................................................................................. p. 41
Lezione 049 ............................................................................................................................. p. 42

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 2/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 3/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 001
01. Un recipiente di plastica del volume di V = 0,2 metri cubi viene riempito con acqua liquida. Assumendo come densità dell'acqua 1000 kg/m^3, si determini la
massa d'acqua contenuta nel recipiente.

1000 kg

500 kg

200 kg

350 kg

02. Un manometro contenente olio (densità 850 kg/m^3) è collegato a un recipiente riempito d'aria. Se il dislivello dell'olio tra le due colonne è 45 cm e la
pressione atmosferica è 98 kPa, si determini la pressione assoluta dell'aria nel recipiente.

98000 Pa

101300 Pa

1 bar

101.75 kPa

03. Un sistema adiabatico chiuso viene accelerato da 0 m/s a 30 m/s. Si determini la variazione di energia specifica di tale sistema, in kJ/kg

0.45 kJ/kg

0.45 kJ

450 kJ/kg

5J

04. Testo Domanda

Testo Risposta Errata

Testo Risposta Errata

Testo Risposta Corretta

Testo Risposta Errata

05. La temperatura corporea interna di una persona sana è 37°C. Si esprima questa temperatura in kelvin

150 K

300 K

215 K

310,15 K

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 4/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 002
01. Qual è l'unità di misura della potenza termica nel sistema internazionale?

cal/h

BTU/h

02. Quale affermazione sulle trasformazioni reversibili non è corretta?

trasformazione che può essere ripercorsa in senso inverso senza che se ne trovi traccia nell'ambiente circostante

il calore e il lavoro netti scambiati tra il sistema e l'ambiente sono uguali in valore e di segno opposto per le trasformazioni diretta e inversa

durante una trasformazione reversibile, il sistema passa attraverso una serie di stati di equilibrio

non è possibile individuare gli stati esatti attraverso cui il sistema passa durante la trasformazione, ma solo lo stato iniziale e finale

03. Una trasformazione in cui il volume rimane costante si dice

isoterma

isobara

isentalpica

isocora

04. A quanto corrisponde 1 bar?

10000 Pa

100 kPa

1.013 atm

10 Mpa

05. Quale tra queste è una proprietà fisica intensiva?

energia

volume

pressione

massa

06. Quale tra queste è una grandezza fisica derivata?

tempo

massa

velocità

temperatura

07. Quale tra queste è una grandezza fisica fondamentale?

temperatura

volume

energia

velocità

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 5/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

08. Si determini il volume specifico del vapore del refrigerante R-134a alla pressione di 1.4 MPa e alla temperatura di 140 °C.

0.0009 m^3/kg

0.02189 m^3/kg

0,9 dm^3/kg

0.02115 m^3/kg

09. Un sistema cilindro-pistone contiene 50 L di acqua liquida a 25 °C a 300 kPa. Si fornisce calore all'acqua a pressione costante finchè tutto il liquido non è
evaporato. Quanto vale la massa dell'acqua?

49.50 kg

49.96 kg

49.85 kg

50 g

10. Un sistema cilindro-pistone contiene 50 L di acqua liquida a 25 °C a 300 kPa. Si fornisce calore all'acqua a pressione costante finchè tutto il liquido non è
evaporato. Si determini la variazione totale di entalpia?

2410 J

126938 kJ

130627 kJ

107770 kJ

11. Un sistema cilindro-pistone contiene 50 L di acqua liquida a 25 °C a 300 kPa. Si fornisce calore all'acqua a pressione costante finchè tutto il liquido non è
evaporato. Quanto vale la temperatura finale dell'acqua?

25 °C

77 °F

133.54 °C

131.21 °C

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 6/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 003
01. Quale affermazione relativa alla superficie caratteristica (p, v, T) non è corretta?

rappresenta gli stati di equilibrio di un sistem v-p-T

le zone monofase della superficie caratteristica appaiono come superfici curve

le zone bifase della superficie caratteristica sono superfici cilindriche perpendicolari al piano p-T

è descritta dall'equazione di stato h = f(v, T)

02. Per l'acqua alle condizioni di T = 130 °C e titolo x = 0, si determini l'entalpia specifica che caratterizza il sistema

546.1 kJ/kg K

1415,19 kJ/kg

546.1 kJ/kg

2718.3 kJ/kg

03. Per l'acqua alle condizioni di T = 130 °C e titolo x = 1, si determini l'entalpia specifica che caratterizza il sistema

1415,19 kJ/kg

546.1 kJ/kg

100 W

2718.3 kJ/kg

04. Per l'acqua alle condizioni di T = 130 °C e titolo x = 0.4, si determini l'entalpia specifica che caratterizza il sistema

125 W

1414.98 kJ/kg

1633.63 kJ/kg

546 kJ/kg

05. Per l'acqua alle condizioni di T = 130 °C e titolo x = 0.4, si determini la pressione che caratterizza il sistema

1 bar

2.701 bar

3.131 bar

101300 Pa

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 7/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 004
01. Quanto vale il volume specifico dell'acqua surriscaldata a 1 bar e 150°C ? [m3/kg]

2776,4

2582,8

1,9364

7,6134

02. In che condizioni si trova l'acqua a pressione di 40 bar e temperatura di 260°C?

vapore saturo

vapore surriscaldato

liquido sottoraffreddato

gas

03. Si determini l'entalpia di acqua in condizioni di saturazione a 32 bar e x=0.5. [kJ/kg]

2380,5

2760,1

1400,2

1915,05

04. Si determini l'entropia di acqua in condizioni di saturazione a 30 bar e x=0.3. [kJ/kg K]

3,707

4,9

5,5

05. Quanto vale l'entalpia dell'acqua surriscaldata a 1 bar e 150°C ? [kJ/kg]

1,9364

2582,8

2776,4

7,6134

06. Quanto vale l'energia interna dell'acqua surriscaldata a 1 bar e 150°C ? [kJ/kg]

7,6134

2776,4

1,9364

2582,8

07. Utilizzando il piano P-T e le tabelle del vapor d'acqua saturo, si dica quali sono le fasi presenti nei sistemi costituiti da acqua nelle seguenti condizioni: T = 80
°C e P = 0.2530 bar

vapore saturo

liquido + vapore saturo

liquido sottoraffreddato

vapore surriscaldato

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 8/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

08. Quanto vale l'entropia dell'acqua surriscaldata a 1 bar e 150°C ? [kJ/kg K]

7,6134

1,9364

2582,8

2776,4

09. Quanto vale l'entalpia del vapore saturo di acqua in condizioni di saturazione a 240°C ?

6.1452 kJ/kg K

1036.9 kJ/kg

1768.2 kJ/kg

2805.1 kJ/kg

10. Quale tra le seguenti relazioni binomie non è corretta?

h = h_l + x (h_vs-h_l)

s = s_l + x (s_vs-s_l)

p = p_l + x (p_vs-p_l)

u = u_l + x (u_vs-u_l)

11. Determinare il titolo del vapore d'acqua che a 8 bar ha un?entalpia specifica di 2000 kJ/kg.

0,624

0,2

0,531

0,841

12. Utilizzando il piano P-T e le tabelle del vapor d'acqua saturo, si dica quali sono le fasi presenti nei sistemi costituiti da acqua nelle seguenti condizioni: T = 80
°C e P = 1.01 bar

liquido + vapore saturo

vapore surriscaldato

vapore saturo

liquido sottoraffreddato

13. Utilizzando il piano P-T e le tabelle del vapor d'acqua saturo, si dica quali sono le fasi presenti nei sistemi costituiti da acqua nelle seguenti condizioni: T = 80
°C e P = 0.4736 bar

vapore saturo

liquido + vapore saturo

liquido sottoraffreddato

vapore surriscaldato

14. Quanto vale l'entropia del vapore saturo di acqua in condizioni di saturazione a 240°C ?

6.1452 kJ/kg K

1036.9 kJ/kg

1768.2 kJ/kg

2805.1 kJ/kg K

15. Come viene definito il titolo di vapore e come viene impiegato?

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 9/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 005
01. Dell'azoto a 10 °C e 20.5 bar occupa 74.5 cm3; in seguito ad un riscaldamento si porta alla temperatura di 40° C ed alla pressione di 15.6 bar. Considerando
l'azoto un gas ideale, determinare il volume occupato nello stato finale.

0.108 dm3

100 cm3

10.8 cm3

108 dm3

02. Si determini la pressione dei vapor d'acqua alla temperatura di 315.6 °C e di volume specifico pari a 0.032 m3/kg utilizzando l'equazione di stato dei gas
perfetti (R = 0.4615 kJ/kg K)

8.49 bar

849 kPa

8.49 Mpa

849000 atm

03. Una massa di 200 g di acqua, inizialmente in condizioni di liquido saturo, è completamente vaporizzata alla pressione costante di 100 kPa. Determinare la
quantità di calore fornita all'acqua.

451300 J

45.13 kJ

83.46 kJ

534.76 kJ

04. Quanto vale la costante universale dei gas perfetti?

8.314 kJ/mol K

8.314 J/kmol K

8.314 kJ/kg K

8.314 kJ/kmol K

05. Quale tra queste non è una proprietà di un gas ideale?

Esistono forze repulsive tra le molecole

Sono trascurabili le forse di attrito tra le molecole e le pareti del contenitore

Gli urti tra le molecole sono perfettamente elastici

Le molecole sono di forma sferica

06. Una massa di 200 g di acqua, inizialmente in condizioni di liquido saturo, è completamente vaporizzata alla pressione costante di 100 kPa. Determinare la
variazione di volume

0,9 dm^3/kg

0.3386 m^3

0.00104 m^3

1.6930 m^3

07. Si enunci il princio degli stati corrispondenti.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 10/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 006
01. Per una trasformazione adiabatica per un gas ideale in un sistema chiuso si ha

pv^n=cost, n=k

pv^n=cost, n=0

pv^n=cost, n=1

pv^n=cost, n=infinito

02. Un dispositivo cilindro?pistone senza attrito contiene 0.05 kg di vapore d'acqua a 140 kPa e 160°C. Si fornisca calore al vapore finché la temperatura
raggiunge 200°C. Se il pistone è libero di muoversi e si sposta da un volume iniziale di V1=0.0714 m3 a un volume finale di V2= 0.0780 m3. Determinare il lavoro
di espansione

924 kJ

924 MJ

0.924 J

924 J

03. Per una trasformazione isocora in un sistema chiuso si ha

pv^n=cost, n=2

pv^n=cost, n=infinito

pv^n=cost, n=1

pv^n=cost, n=k

04. Quando durante una trasformazione il calore scambiato è nullo, la trasformazione si dice

isobara

isocora

adiabatica

isoterma

05. Il lavoro infinitesimo associato ad una variazione di volume in un sistema chiuso è dato da

dl = s dT

dl = v dp

dl = p dv

dl = T ds

06. Che cos'è il lavoro di pulsione?

è il lavoro necessario a mantenere il flusso di massa attraverso il volume di controllo

è il lavoro di variazione di volume in un sistema chiuso

è il lavoro utile assorbito dall'organo di compressione

è il lavoro utile prodotto dall'organo di espansione

07. Quando durante una trasformazione la temperatura rimane costante, la trasformazione si dice

isoterma

isobara

isocora

adiabatica

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 11/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

08. Quale affermazione relativa al lavoro non è corretta?

Il lavoro è una grandezza di scambio

Il lavoro è il trasferimento di energia associato all'effetto combinato di una forza e di uno spostamento

Si parla di scambio di lavoro se il flusso di energia in un sistema chiuso avviene per cause non riconducibili ad una differenza di temperatura

Per convenzione si assume positivo il lavoro entrante nel sistema

09. Quando durante una trasformazione la pressione rimane costante, la trasformazione si dice

isocora

isobara

isoterma

adiabatica

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 12/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 007
01. Un serbatoio rigido contiene un fluido caldo che si raffredda mentre viene rimescolato da un?elica. All'inizio, l'energia interna del fluido è 800 kJ. Durante la
trasformazione di raffreddamento, il fluido perde 500 kJ sotto forma di calore e l'elica compie un lavoro di 100 kJ sul fluido.
Si determini l'energia interna finale del fluido, trascurando l'energia immagazzinata nell'elica

1200 kJ

1400 kJ

200 kJ

400 kJ

02. Quanti sono i principi fondamentali della termodinamica?

03. Enunciare il primo principio della termodinamica per i sistemi aperti.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 13/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 008
01. Una stanza è riscaldata tramite un radiatore a resistenza come mostrato in figura. Il calore disperso attraverso la stanza in una giornata invernale è stimato
pari a 15000 kJ/h. La temperatura dell'aria rimane abbastanza costante se il radiatore funziona in modo continuo.
Determinare la potenza del radiatore.

4 kJ/h

54 W

4.2 kW

54 kW

02. Dimostrare come si ottiene la relazione di Mayer tra i calori specifici di gas perfetti.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 14/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 009
01. Quale delle seguenti affermazioni non è applicabile ad un espansore?

Sono macchine motrici utilizzate per fornire potenza meccanica all'ambiente esterno a spese della caduta di pressione di un flusso di vapore o gas

Sono trascurabili le variazioni di energia cinetica del fluido in un espansore

Il lavoro di un espansiore è l = h_e - h_u

Sono macchine operatrici utilizzate per innalzare la pressione di un flusso di gas a spese di potenza meccanica fornita dall'esterno da un'idonea macchina motrice

02. Una corrente di acqua calda a 80 °C entra in un miscelatore con una portata di 0.5 kg/s, mentre è miscelata con una corrente di acqua fredda a 20 °C. Se si
desidera che l'acqua esca dal miscelatore a 42 °C. determinare la portata massica necessaria per la corrente di acqua fredda.
Assumere che tutte le correnti siano ad una pressione di 250 kPa.

03. Il radiatore di un sistema di riscaldamento a vapore ha un volume di 15 litri ed è riempito con vapore surriscaldato a 200 kPa e 200 °C. In questo momento,
sia la valvola di entrata che di uscita sono chiusi. Determinare l'ammontare del calore che sarà trasferito alla stanza da riscaldare quando la pressione del vapore
scende a 100 kPa. Mostrare, inoltre, il processo su un piano P-v.

04. Un serbatoio rigido del volume di 0.1 m3 contiene inizialmente vapore a 120 °C. Il serbatoio è connesso tramite una valvola ad una linea che porta vapore a 1
MPa e 300 °C. La valvola viene aperta e il vapore della linea entra nel serbatoio. Durante il processo, il vapore nel serbatoio si mantiene alla temperatura costante
di 120 °C. La valvola si chiude automaticamente quando il volume del serbatoio è occupato per metà da acqua liquida. Determinare:
a) la pressione finale nel serbatoio;
b) l'ammontare del vapore che è entrato nel serbatoio;
c) l'ammontare del calore trasferito verso l'esterno.

05. Un dispositivo cilindro-pistone contiene 5 kg di R-134a a 800 kPa e 60 °C. Il refrigerante è ora raffreddato a pressione costante fino a che esso sia
completamente sotto forma liquida a 20 °C. Determinare l'ammontare del calore trasferito e mostrare il processo su un piano T-v.

06. Un dispositivo cilindro-pistone contiene 0.8 kg di azoto a 100 kPa e 300 K. L'azoto in seguito viene compresso lentamente secondo la legge del tipo PV1.3 =
costante fino a dimezzare il suo volume. Si determini:
a) il lavoro fatto durante tale trasformazione;
b) il calore trasferito durante tale trasformazione.

07. Una turbina a gas adiabatica fornisce la potenza di 5 MW alle condizioni di ingresso e uscita indicate in figura sotto. Considerando i gas che attraversano la
turbina come aria, si chiede di:
a) calcolare e confrontare tra loro Δh, Δec, Δep ;
b) determinare il lavoro compiuto per unità di massa dai gas caldi;
c) calcolare la portata massica dei gas.

08. In un ugello entra in modo stazionario vapore a 500 °C e 5 MPa con una velocità di 80 m/s ed esce a 400 °C e 2 MPa. L'area della sezione di ingresso è 38 cm2
e la perdita di calore è stimata pari a 90 kJ/s. Determinare:
a) il flusso di massa del vapore;
b) la velocità di uscita del vapore
c) la sezione di uscita dell'ugello.

09. CO2 entra in un compressore adiabatico a 100 kPa e 300 K con una portata massica di 0.5 kg/s ed esce a 600 kPa e 450 K. Trascurando la variazione di
energia cinetica e potenziale, determinare:
a) la portata volumetrica di CO2 all'ingresso del compressore;
b) la potenza in ingresso al compressore;

10. Una stanza di dimensioni 5 m × 6 m × 8 m è riscaldata da una resistenza elettrica posta in un piccolo condotto (vedi figura). Inizialmente la stanza è a 15 °C;
la pressione atmosferica locale è 98 kPa. La dispersione di calore della stanza è stimata pari a 300 kJ/min. Un ventilatore da 200 W è usato per distribuire l'aria
calda nella stanza tramite una portata massica media di 50 kg/min che attraversa il condotto. Il condotto può essere assunto adiabatico. Inoltre, non vi sono flussi
di massa entranti o uscenti attraverso la stanza. Se occorrono 15 min per portate la temperatura dell'aria da 15 °C fino a 25 °C, determinare:
a) la potenza della resistenza elettrica;
b) l'aumento della temperatura dell'aria ogni volta che esso passa attraverso la resistenza elettrica.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 15/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

11. Un sistema elettrico di riscaldamento è costituito da un condotto in cui passa l'aria che viene riscaldata da una resistenza elettrica della potenza di 15 kW. Se
la portata volumetrica dell'aria a 100 kPa e 17 °C è 2.5 m3/s, si determini la temperatura dell'aria in uscita, supponendo che nel passaggio attraverso il condotto si
abbiano dispersioni termiche quantificabili in 200 W.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 16/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 010
01. Si consideri una pompa di calore operante tra la temperatura di 22°C e la temperatura dell'ambiente di 1°C. Si calcoli il rendimento ideale di ciclo.

13,5

0,05

14,1

1,04

02. Si consideri una macchina frigorifera operante tra la temperatura della cella di -23°C e la temperatura dell'ambiente 25°C. Si calcoli il rendimento ideale di
ciclo.

5,2

0,48

0,19

6,2

03. Il rendimento ideale di una pompa di calore operante tra le temperature Th e Tc è

(Th-Tc)/Th

Tc/(Th-Tc)

(Th-Tc)/Tc

Th/(Th-Tc)

04. Il rendimento ideale di una macchina frigorifera operante tra le temperature Th e Tc è

(Th-Tc)/Th

Tc/(Th-Tc)

(Th-Tc)/Tc

Th/(Th-Tc)

05. Il coeffinciente di prestazione di una pompa di calore è sempre

strettamente maggiore del coefficiente di prestazione di una macchina frigorifera

minore o uguale al coefficiente di prestazione di una macchina frigorifera

maggiore o uguale al coefficiente di prestazione di una macchina frigorifera

strettamente minore del coefficiente di prestazione di una macchina frigorifera

06. Quale tra questi è l'enunciato del secondo principio della termodinamica di Kelvin - Plank?

Il secondo principio della termodinamica pone delle restrizioni al verso in cui può avvenire una trasformazione

E? impossibile realizzare una trasformazione termodinamica il cui unico risultato sia quello di assorbire calore da una sola sorgente e di trasformarlo integralmente in
lavoro

Il secondo principio della termodinamica enuncia la conservazione dell'energia

E? impossibile realizzare una trasformazione termodinamica il cui unico risultato sia quello di far passare calore da un corpo a temperatura minore ad un corpo a
temperatura superiore

07. Quale fra queste formulazioni non si riferisce al secondo principio della termodinamica?

E? impossibile realizzare una trasformazione termodinamica il cui unico risultato sia quello di far passare calore da un corpo a temperatura minore ad un corpo a
temperatura superiore

Il secondo principio della termodinamica pone delle restrizioni al verso in cui può avvenire una trasformazione

Il secondo principio della termodinamica enuncia la conservazione dell'energia

E? impossibile realizzare una trasformazione termodinamica il cui unico risultato sia quello di assorbire calore da una sola sorgente e di trasformarlo integralmente in
lavoro

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 17/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 011
01. Il rendimento di un ciclo di Carnot operante tra le temperature di 20°C e 800 K vale

1,025

1,73

0,63

0,975

02. La temperatura termodinamica

si misura in Kelvin

è indipendente dalle proprietà delle sostanze che vengono utilizzate per la sua determinazione

si usa per calcolare il rendimento di Carnot

è inferiore al grado Celsius di 273.15°C

03. Il ciclo di Carnot e composto dalle seguenti trasformazioni reversibili

2 adiabatiche e 2 isoterme

2 isocore e 2 isobare

2 isocore e 2 isoterme

2 adiabatiche e 2 isobare

04. Quale delle seguenti affermazioni non è corretta?

I rendimenti di tutti i motori termici reversibili che operino tra gli stessi serbatoi di calore sono gli stessi a prescindere dal tipo di fluido evolvente e dal ciclo seguito

Il COP di una pompa di calore irreversibile è sempre superiore a quello di una reversibile che operi tra i stessi due serbatoi di calore

Il rendimento di un motore termico irreversibile è sempre inferiore a quello di uno reversibile che operi tra gli stessi due serbatoi di calore

Il COP di una macchina frigorifera irreversibile è sempre inferiore a quello di una reversibile che operi tra i stessi due serbatoi di calore

05. Descrivere il ciclo di Carnot e disegnarlo sul piano pv e Ts

06. Si definisca la temperatura termodinamica

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 18/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 012
01. Un dispositivo cilindro-pistone contiene una miscela satura di acqua a 100 °C. Durante un processo a temperatura costante, 600 kJ di calore sono trasferiti
all'ambiente circostante che si trova a 25 °C. In conseguenza di ciò, si verifica una parziale condensazione del vapore presente nel cilindro. Determinare
la variazione di entropia dell'aria durante il processo.

2.01 kJ/kg K

-1.61 kJ/kg K

-1.61 kJ/K

2.01 kJ/K

02. Un dispositivo cilindro-pistone contiene una miscela satura di acqua a 100 °C. Durante un processo a temperatura costante, 600 kJ di calore sono trasferiti
all'ambiente circostante che si trova a 25 °C. In conseguenza di ciò, si verifica una parziale condensazione del vapore presente nel cilindro. Determinare
la variazione di entropia dell'acqua durante il processo.

-1.61 kJ/kg K

2.01 kJ/K

2.01 kJ/kg K

-1.61 kJ/K

03. Quale tra le seguenti affermazioni sull'entropia generata non è corretta?

L'entropia generata è sempre maggiore o uaguale a zero

L'entropia generata misura l'entità dell'irreversibilità dei processi

L'entropia generata dipende dalla trasformazione

L'entropia generata è una grandezza di stato

04. Quale tra le seguenti affermazioni sull'entropia non è corretta?

L'entropia è una grandezza termodinamica atta a misurare il disordine molecolare

L'entropia di una sostanza allo stato solido è più alta di quella allo stato gassoso

L'entropia è una grandezza di stato e ha un valore definito, a meno di una costante additiva arbitraria, per ogni stato di un sistema in equilibrio

L'entropia è una grandezza di stato estensiva

05. Fornire la definizione di entropia, come si ricava e spiegare il suo significato per trasformazioni irreversibili

06. Si consideri l'interazione termica tra due SET a differente temperatura: sia TA>TB e sia Q l'energia termica trasferita durante il tempo di osservazione. Il
sistema è isolato. E' possibile un'interazione termica che avvenga spontaneamente da una temperatura inferiore verso una superiore? Dimostrare perché.

07. In un impianto termoelettrico il fluido circolante è assoggettato ad una trasformazione ciclica. Ciascun chilogrammo riceve in caldaia come calore, 1200 kJ
per ciclo. L'energia meccanica trasferita all'ambiente è, per ciascun chilogrammo, 400 kJ per ciclo. Determinare
a) l'energia termica che l'impianto cede all'ambiente per ogni ciclo;
b) il valore del rendimento.

08. Un bruciatore fornisce una potenza termica di 80 MW a un motore termico. Se la potenza termica di scarico ceduta all'acqua di un fiume è pari a 50 MW, si
determinino:
a) la potenza netta prodotta;
b) il rendimento termico del motore.

09. Un motore per autovettura con una potenza utile di 50 kW ha un rendimento termico del 24 %. Si determini la portata di combustibile consumato da questa
autovettura sapendo che il combustibile utilizzato ha un potere calorifico di 44 MJ/kg

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 19/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 013
01. Si consideri un'espansione adiabatica irreversibile dallo stato 1 allo stato 2. L'espressione del rendimento isentropico è

(h2s-h1)(h1-h2)

(h1-h2)/(h1-h2s)

(h1-h2s)/(h1-h2)

(h2-h1)/(h1-h2s)

02. Quale tra queste affermazioni sulle curve isobare nel piano Ts non è corretta?

sono orizzontali all'interno della campana del vapore saturo

si confondono con le isoterme al di sotto della curva a campana

nella regione del liquido si addensano alla curva limite inferiore in quanto le proprietà della sostanza in fase liquida sono poco sensibili alla pressione

tendono a diventare orizzontali (come le isoterme) al crescere della temperatura.

03. Si consideri una compressione adiabatica irreversibile dallo stato 1 allo stato 2. L'espressione del rendimento isentropico è

(h2-h1)/(h2s-h1)

(h2s-h1)/(h2-h1)

(h2s-h1)/(h1-h2)

(h2-h1)/(h1-h2s)

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 20/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 014
01. Il ciclo reale di Hirn è composto dalle seguenti trasformazioni

2 isentropiche e 2 isoterme

2 adiabatiche e 2 isobare

2 isentropiche e 2 isobare

2 adiabatiche e 2 isoterme

02. Descrivere il ciclo Rankine-Hirn e disegnarlo sul piano termodinamico Ts

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 21/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 015
01. Si consideri un impianto motore a vapore funzionante secondo il ciclo Rankine semplice ideale. Il vapor d'acqua entra in turbina alla pressione di 3 MPa e
alla temperatura di 350 °C, e condensa alla pressione di 75 kPa. Calcolare l'entalpia del punto di uscita dalla pompa

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 22/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 016
01. Si consideri un impianto motore fisso funzionante secondo un ciclo Brayton ideale con un rapporto manometrico di compressione pari a 8. Sapendo che per
l'aria vale k=1.4, calcolare il rendimento del ciclo

0,324

0,448

0,52

0,401

02. Il ciclo di Brayton-Joule endoreversibile è composto dalle seguenti trasformazioni:

2 isentropiche e 2 isoterme

2 isentropiche e 2 isobare

2 adiabatiche e 2 isoterme

2 adiabatiche e 2 isobare

03. Si consideri un impianto motore fisso funzionante secondo un ciclo Brayton ideale con un rapporto manometrico di compressione pari a 10. Sapendo che per
l'aria vale k=1.4, calcolare il rendimento del ciclo

0,324

0,52

0,482

0,401

04. Descrivere il ciclo di Brayton-Joule e disegnarlo sul piano termodinamico Ts. Dimostrare l'espressione del rendimento

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 23/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 017
01. Un impianto motore fisso funzionante secondo un ciclo Brayton ideale ha un rapporto manometrico di compressione pari a 8. La temperatura del gas
all'ingresso del compressore è di 300 K mentre quella all'ingresso della turbina è di 1300 K. Con riferimento al ciclo ad aria standard, determinare la temperatura
del gas all'uscita del compressore e all'uscita della turbina.

02. Energia solare immagazzinata in larghi pozzi di acqua chiamati pozzi solari, è usata per generare energia elettrica. Se un tale impianto a energia solare ha un
rendimento termico del 3 % e la potenza netta utile è di 100 kW, determinare il valore medio dell'energia solare da immagazzinare, in kJ/h.

03. Consideriamo un impianto a vapore da 200 MW di potenza che opera secondo un ciclo di Rankine ideale. Il vapore entra in turbina a 10 MPa e 500 °C ed è
raffreddato nel condensatore alla pressione di 10 kPa. Mostrare il ciclo su di un piano T-s e assumendo i rendimenti isoentropici della pompa e della turbina pari
all'85 %, determinare:
a) il titolo del vapore all'uscita della turbina;
b) il rendimento termico del ciclo;
c) la portata massica di vapore.

04. Illustrare le differenze tra un ciclo inverso a compressione di vapore ideale e reale

05. Applicare il primo principio della termodinamica ai 4 componenti fondamentali di un ciclo inverso a compressione di vapore

06. Un ciclo di Carnot esegue un sistema chiuso come rappresentato in figura con 0.05 kg di aria. Le temperature limiti del ciclo sono 300 K e 1000 K. Le
pressioni massime e minime sono 20 kPa e 1800 kPa rispettivamente. Assumendo un calore specifico costante per l'aria, determinare il lavoro netto del ciclo.

07. Un frigorifero utilizza il refrigerante R134a come fluido evolvente e funziona con un ciclo inverso a compressione di vapore ideale tra le pressioni di 0.14
MPa e 0.8 MPa. Se la portata del refrigerante è 0.05 kg/s, determinare la potenza richiesta dal compressore.

08. Un frigorifero utilizza il refrigerante R134a come fluido evolvente e funziona con un ciclo inverso a compressione di vapore ideale tra le pressioni di 0.14
MPa e 0.8 MPa. Se la portata del refrigerante è 0.05 kg/s, determinare la potenza termica sottratta all'ambiente refrigerato.

09. Un impianto di potenza a vapore riceve calore da una caldaia con un valore di 280 GJ/h. La perdita di calore del vapore come esso passa attraverso i tubi e i
vari componenti è stimata pari a 8 GJ/h. Se il calore perso è utilizzato per raffreddare acqua ad un valore di 145 GJ/h, determinare:
a) la potenza netta utile prodotta dall'impianto;
b) il rendimento termico dell'impianto.

10. Un impianto di potenza a vapore con una potenza utile di 100 MW consuma carbone per una valore di 60 ton/h. Se il potere calorifico del carbone è 30000
kJ/kg, determinare il rendimento termico dell'impianto (1 tonn = 1000 kg).

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 24/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 018
01. Fornire la definizione delle seguenti grandezze che caratterizzano l'aria umida: Umidità specifica Umidità relativa Temperatura di rugiada Temperatura di
saturazione adiabatica

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 25/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 020
01. Schematizzare un diagramma psicrometrico e disegnare una trasformazione di riscaldamento sensibile e raffreddamento con deumidificazione

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 26/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 021
01. Un impianto motore fisso funzionante secondo un ciclo Brayton ideale ha un rapporto manometrico di compressione pari a 8. La temperatura del gas
all'ingresso del compressore è di 300 K mentre quella all'ingresso della turbina è di 1300 K. Con riferimento al ciclo ad aria standard, determinare:

a) la temperatura del gas all'uscita del compressore e all'uscita della turbina;


b) il rapporto tra lavoro di compressione e lavoro fornito dalla turbina;
c) il rendimento termico.
d) Se si installa un rigeneratore avente un'efficacia dell'80 %, quanto vale il rendimento termico ?
Mostrare, inoltre, il ciclo su un piano T-s.

02. Un ciclo Brayton avente aria come fluido di lavoro, ha un rapporto monometrico di compressione pari a 8. Le temperature minima e massima di ciclo sono
rispettivamente 310 K e 1160 K. Assumendo un rendimento isoentropico del compressore del 75 % e un rendimento isoentropico della turbina dell'82 %,
determinare:
a) la temperatura dell'aria all'uscita dalla turbina;
b) il lavoro netto del ciclo;
c) il rendimento termico del ciclo.
Mostrare, inoltre, il ciclo su un piano T-s.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 27/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 023
01. Un ciclo Otto ideale ha un rapporto volumetrico di compressione pari a 8. All'inizio della trasformazione di compressione l'aria si trova alla pressione di 100
kPa e alla temperatura di 17 °C; durante la trasformazione a volume costante viene fornita al fluido evolvente una quantità di calore pari a 800 kJ/kg. Mostrare il
ciclo su un diagramma P-v e determinare:
a) la massima temperatura e la massima pressione che si raggiungono nel ciclo;
b) il lavoro netto prodotto;
c) il rendimento termico;
d) la pressione media effettiva.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 28/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 025
01. Un frigorifero funzionante con refrigerante R-134a, cede calore all'esterno alla temperatura di 30 °C. La pressione dell'evaporatore è 120 kPa. Mostrare il
ciclo sul piano T-s e determinare:
a) il coefficiente di prestazione;
b) l'ammontare del calore assorbito dal ciclo frigorifero;
c) il lavoro netto di ciclo.

02. Un frigorifero utilizza il refrigerante R134a come fluido evolvente e funziona con un ciclo inverso a compressione di vapore ideale tra le pressioni di 0.14
MPa e 0.8 MPa. Se la portata del refrigerante è 0.05 kg/s, determinare:
a) la potenza termica sottratta all'ambiente refrigerato e la potenza richiesta dal compressore;
b) la potenza termica ceduta all'ambiente che si considera come pozzo termico;
c) il COP del frigorifero.
Mostrare, inoltre, il ciclo su un piano T-s.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 29/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 029
01. Schematizzare le principali trasformazioni dell'aria umida sul diagramma psicrometrico

02. Descrivere la trasformazione di riscaldamento e raffreddamento sensibile

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 30/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 030
01. Parlare del benessere termoigrometrico, specificando: cosa si intende, come si quantifica, quali parametri lo influenzano.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 31/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 032
01. Come avviene la conduzione termica e qual è la sua espressione analitica?

02. Come avviene il fenomeno dell'irraggiamento e qual è la sua espressione analitica?

03. Come avviene la convezione termica e qual è la sua espressione analitica?

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 32/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 033
01. La parete di un frigorifero è costituita da uno strato di lana di vetro racchiuso tra due lamine di alluminio spesse 0.8 mm (k = 204 W m-1 K-1). Le
conduttanze convettive medie unitarie relative alle superfici interna ed esterna valgono rispettivamente 10 e 7 W m-2 K-1. Si dimensioni lo spessore dello strato di
lana di vetro affinché il flusso specifico non superi i 20 W/m2.

02. Si consideri una finestra a doppio vetro alta 1.2 m e larga 2 m. I vetri [k = 0.78 W m-1 °C-1] hanno spessore di 3 mm e sono distanti 12 mm l'uno dall'altro.
Nello spazio tra i due vetri vi è il vuoto. Determinare la potenza termica trasmessa dalla finestra e la temperatura della sua superficie interna se la temperatura
interna della stanza è 24 °C e quella dell'ambiente esterno è - 5 °C.
Prendere i coefficienti di scambio convettivi interno ed esterno pari a hin = 10 W m-2 °C-1 e hest = 25 W m-2 °C-1 rispettivamente.

03. Olio lubrificante a 60 °C scorre alla velocità di 2 m/s su una piastra lunga 5 m e a temperatura di 20 °C. Determinare:
a) la forza totale di trascinamento;
b) la potenza termica scambiata per unità di larghezza dell'intera piastra.

04. Vapore a 320 °C fluisce in una tubazione di ghisa [k = 15 W m-1 °C-1] i cui diametri interno ed esterno sono D1 = 5 cm e D2 = 5.5 cm, rispettivamente. La
tubazione è rivestita da un isolante di lana di vetro [k = 0.05 W m-1 °C-1] di spessore 3 cm. Si ha trasmissione di calore verso l'ambiente circostante a T = 5 °C per
convezione naturale e radiazione, con un coefficiente di scambio termico combi¬nato di h2 = 18 W m-2 °C-1. Assumendo un coefficiente di scambio termico
all'in¬terno della tubazione h1 = 60 W m-2 °C-1, si determinino:
a) la potenza termica dissipata dal vapore per unità di lunghezza della tubazione;
b) le differenze di temperatura tra le superfici che delimitano la tubazione e quelle che delimitano l'isolante.

05. Una pallina sferica del diametro di 5 mm alla temperatura di 50 °C, è ricoperta da uno strato di plastica isolante [k = 0.13 W m-1 °C-1] dello spessore di 1
mm. La pallina è esposta in un ambiente alla temperatura media di 15 °C con un coefficiente di scambio combinato di convezione e irraggiamento pari a 20 W m-2
°C-1. Determinare se l'isolante di plastica aiuterà o meno il fenomeno dello smaltimento di calore verso l'ambiente esterno.

06. Enunciare la legge generale di Fourier per la conduzione

07. Calcolare la resistenza e la potenza termica che attraversano una parete (6 m × 3 m) di mattoni comuni (conducibilità termica k = 0.5 W m-1 K-1), spessa 120
mm ed avente una densità di 1800 kg/m3 le cui superfici esterne sono alla temperatura di 15 °C e 6 °C.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 33/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 034
01. Quali sono le relazioni che esprimono le resistenze in serie e in parallelo?

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 34/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 036
01. Si consideri una parete di superficie unitaria e spessa 0.3 m, di conducibilità termica k = 0.9 W m-1 °C-1. Le temperature delle superfici interna ed esterna
della parete, misurate in un certo giorno, risultano essere 16°C e 2°C, rispettivamente. Si determini la potenza termica dissipata attraverso la parete.

630 W

420 Wh

50 kW

42 W

02. Si consideri una finestra a doppio vetro alta 1.2 m e larga 2 m. I vetri [k = 0.78 W m-1 °C-1] hanno spessore di 3 mm e sono distanti 12 mm l'uno dall'altro.
Nello spazio tra i due vetri vi è aria in quiete (k = 0.026 W m-1 °C-1). Trascurando ogni trasferimento di calore per irraggiamento, determinare la potenza termica
trasmessa dalla finestra se la temperatura interna della stanza è 24 °C e quella dell'ambiente esterno è - 5 °C.

14,8 W

148 W

14,8 kW

15,05 kW

03. Come si esprimono le resistenze termiche per la convezione e l'irraggiamento?

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 35/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 039
01. Durante una fredda giornata invernale, vento a 55 km/h spira parallelamente a un muro di una casa alto 4 m e lungo 10 m. Se l'aria esterna è a 7°C e la
temperatura superficiale del muro è 13°C, determinare le proprietà dell'aria.

Pr = 0,713 [W/m*°C]; k=0,0242; v= 1,33E-05 [m^2/s]

Pr = 0,719 [W/m*°C]; k=0,0246; v= 1,4E-05 [m^2/s]

Pr = 0,711 [W/m*°C]; k=0,0250; v= 1,42E-05 [m^2/s]

Pr = 0,711 [kW/m*°C]; k=0,0250; v= 1,42E-05 [m^2/s]

02. Durante una fredda giornata invernale, vento a 55 km/h spira parallelamente a un muro di una casa alto 4 m e lungo 10 m. Se l'aria esterna è a 7°C e la
temperatura superficiale del muro è 13°C, determinare il numero di reynolds.

10758998

500000

1,09 E^07

4303599

03. Durante una fredda giornata invernale, vento a 55 km/h spira parallelamente a un muro di una casa alto 4 m e lungo 10 m. Se l'aria esterna è a 5 °C e la
temperatura superficiale del muro è 12 °C, determinare la potenza termica dispersa dal muro per convezione.
Cosa succede se la velocità del vento raddoppia ?
Assunzioni:
1) Si assumono condizioni di regime stazionario e si trascura l'influenza dell'irraggiamento
2) Si considera il numero di Reynolds critico pari a Recr = 5 × 105
3) L'effetto dell'irraggiamento è trascurabile
4) L'aria è un gas ideale con proprietà costanti

04. Una sfera di acciaio inossidabile con un diametro di 25 cm [? = 8055 kg/m3, cp = 480 J kg-1 °C-1] viene tolta dal forno a una temperatura uniforme di 300 °C.
Essa viene quindi investita da un flusso d'aria a 101325 Pa e 27 °C con velocità di 3 m/s. La temperatura superficiale della sfera alla fine del processo scende a 200
°C.
a) Determinare il coefficiente medio di scambio termico per convezione durante il raffreddamento.
b) Stimare la durata del processo di raffreddamento. Assunzioni:
1) La temperatura superficiale esterna della sfera è uniforme in ogni istante
2) La temperatura della sfera è pari alla temperatura media di (300 + 200)/2 = 250 °C
3) Si trascura il calore scambiato per irraggiamento

05. Una pentola profonda 12 cm e con diametro esterno di 25 cm contiene acqua bollente alla temperatura di 100 °C. La temperatura dell'aria e delle superfici
dell'ambiente circostante è 25 °C. L'emissività di tali superfici è di 0.95. Assumendo l'intera pentola ad una temperatura media di 98 °C, determinare la potenza
termica dispersa dalle superfici laterali per:
a) convezione naturale;
b) irraggiamento.
Se l'acqua bolle alla portata di 2 kg/h a 100 °C, determinare il rapporto tra la potenza termica persa per convezione-irraggiamento e quella persa per evaporazione.
Il calore di vaporizzazione dell'acqua a 100 °C è 2257 kJ/kg.Assunzioni:
1) Si assumono condizioni stazionarie
2) L'aria è un gas ideale
3) La pressione atmosferica locale è 1 atm

Proprietà:
Il numero di Nusselt è 0.59 Ra^(1/4)

06. La pressione atmosferica locale in una città (a quota 1610 m) vale 83.4 kPa. Aria a questa pressione e alla temperatura di 20 °C scorre con velocità di 8 m/s su
una piastra piana di dimensioni 1.5 m per 6 m alla temperatura di 134 °C. Calcolare la potenza termica ceduta dalla piastra nel caso in cui:
a) il flusso d'aria avvenga secondo il lato lungo 6 m;
b) il flusso d'aria avvenga secondo il lato lungo 1.5 m. Assunzioni:
1) Si assumono condizioni di regime stazionario e si trascura l'influenza dell'irraggiamento;
2) Si considera il numero di Reynolds critico pari a Recr = 5 × 105 e l'aria un gas perfetto.

07. I numeri adimensionali nella convezione: definizioni e perché si usano

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 36/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 043
01. Elencare e discutere tutti i tipi di onde che conosciamo dallo spettro elettromagnetico; a quali di questi tipi si associa la radiazione termica?

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 37/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 044
01. Cosa postula la legge di Lambert?

Una superficie emette energia in maniera tale che il flusso termico irraggiato in ogni particolare direzione è proporzionale al coseno dell'angolo tra la direzione in
considerazione e la normale alla superficie

Nessuna delle precedenti

Una superficie diffusa emette energia radiante in maniera tale che il flusso termico irraggiato è normale alla superficie

Una superficie diffusa emette energia radiante in maniera tale che il flusso termico irraggiato in ogni particolare direzione è proporzionale al coseno dell'angolo tra la
direzione in considerazione e la normale alla superficie

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 38/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 045
01. Descrivere la legge di Plank e distribuzione di Plank

02. Descrivere la legge dello spostamento di Wien

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 39/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 046
01. Quanti e quali sono le proprietà radiative dei corpi?

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 40/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 048
01. Il tubo interno di uno scambiatore di calore a doppio tubo (tubo e mantello) è di acciaio inossidabile [k = 15.1 W m-1 °C-1] e ha un diametro interno Di = 1.5
cm e diametro esterno De = 1.9 cm. Il tubo esterno è dello stesso materiale, ma ha un diametro esterno di 3.2 cm. Il coefficiente di convezione è hi = 800 W m-2
°C-1 sulla superficie interna e he = 1200 W m-2 °C-1 su quella estena. Nell'ipotesi di fattori di incrostazione sul lato tubo e lato mantello rispettivamente di Rd,i =
0.0004 m2 °C W-1 e di Rd,e = 0.0001 m2 °C W-1, si determino:
a) la resistenza termica dello scambiatore per unità di lunghezza;
b) i coefficienti globali di scambio termico Ui e Ue con riferimento rispettivamente alla superficie interna ed esterna del tubo.

02. Uno scambiatore di calore in controcorrente a doppio tubo viene adoperato per riscaldare una portata di 1.2 kg/s di acqua dalla temperatura di 20 °C a 80 °C.
Per il riscaldamento si utilizza l'energia termica dell'acqua calda proveniente dal sottosuolo e disponibile a 160 °C con una portata di 2 kg/s. Il tubo interno è di
spessore trascurabile ed ha un diametro di 1.5 cm. Se il coefficiente di scambio termico globale dello scambiatore è di 640 W m-2 °C-1, si determini la lunghezza
dello scambiatore di calore necessaria per riscaldare l'acqua ad 80 °C con il metodo della differenza media logaritmica.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 41/42
Set Domande: FISICA TECNICA
INGEGNERIA INDUSTRIALE (D.M. 270/04)
Docente: Moglie Matteo

Lezione 049
01. Come si dimensiona uno scambiatore di calore?

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Stampa 05/03/2020 22:43:25 - 42/42
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)

Potrebbero piacerti anche