Sei sulla pagina 1di 3

Diritto costituzionale

CAPITOLO 1 ORDINAMENTO E NORMA GIURIDICA

La norma giuridica e una regola precostituita che disciplina la condotta di consociati e presenta i seguenti
caratteri:

-generalita: in quanto si rivolge alla totalità degli individui

-astrattezza: disciplina casi astratti a cui dovranno ricondursi tutti i casi concreti

-intersoggettività: disciplina casi relativi alla condotta di un individuo nei confronti di terzo

-novità: propone prescrizioni prima inesistenti, le ripropone mutandone la disciplina.

-esteriorità: riguarda l'azione che il soggetto manifesta all'esterno

-coercibilità: la sua violazione è accompagnata dall'uso della forza

-positività perché vige in un determinato momento storico ed è emanata da organi e soggetti legittimati
dall'ordinamento.

Classificazione norme in base al contenuto:

-proibitive, se contengono un divieto

-precettiva, sei contengono un comando

-permissive, si concedono degli facoltà di cui il singolo può fare uso o meno.

In base alla derogabilità:

-dispositive, se regolano un rapporto, che può essere modificato dalle parti

-supplettive, si regolano un rapporto solo in mancanza di un'espressa volontà delle parti

-cogenti, se non possono essere disapplicate

In base alla sanzione:

-perfette se munite di sanzione

-imperfetta se prive di sanzioni.

EFFICACIA NORMA NEL TEMPO

L’efficacia è l'attitudine della norma a produrre i suoi effetti. Il termine entro il quale la norma produce i
suoi effetti è di 15 giorni detto vacatio legis.

L’abrogazione è la cessazione della sua efficacia, che si realizza per:

-dichiarazione espressa del legislatore

-dichiarazione tacita del legislatore

-referendum

-decisioni di illegittimità costituzionale pronunciata dalla Corte costituzionale

-cause intrinseche

EFFICACIA NORMA NELLO SPAZIO


L’ efficacia della norma nello spazio nasce nel caso in cui:

-perché una delle parti in causa è un cittadino straniero

-perché il bene su cui verte la causa è situato al di fuori del territorio dello Stato.

In particolare, tre sono i criteri di collegamento utilizzati nel nostro ordinamento:

-nazionalità del soggetto, per le materie che riguardano lo stato e la capacità delle persone

-il luogo in cui si trova il bene

-la volontà delle parti

ANALOGIA: nasce nel caso in cui il giudice, non potendo creare egli stesso la regola di diritto idonea a
colmare il vuoto normativo, può applicare la disciplina giuridica dettata per un caso simile o per una
materia analoga.

Il ricorso all'analogia non è ammesso per quanto riguarda:

-le leggi analisi favorevoli al reo

-le leggi eccezionali.

L’ analogia iuris è quella che fa riferimento ai principi dell'ordinamento giuridico dello Stato (articolo 12
delle preleggi).

Capitolo 2 STATO, FORME DI STATO E GOVERNO

Lo stato può essere definito come la forma di organizzazione del potere politico, rispetto al legittimo della
forza, esercitato su una comunità di persone all’interno di un determinato territorio.

ACCEZIONI STATO:

-STATO SOGGETTO: lo stato costituisce un centro di imputazioni di rapporti giuridici, per cui gli è
riconosciuta sia in ambito nazionale che internazionale, la personalità giuridica.

-STATO ISTITUZIONE: lo stato si serve sia di organi monocratici che collegiali.

Gli elementi costitutivi dello stato sono:

-popolo cioè la comunità di individui cui l’ordinamento giuridico attribuisce lo status di cittadino.

La cittadinanza si acquisisce per nascita, estensione cioè eventi successivi alla nascita, concessione dello
stato per bipolidia cioè quando un cittadino è cittadino di 2 stati diversi, apolidia, quando un soggetto non è
riconosciuto cittadino di nessun stato.

-il territorio è la sede su cui è stabilmente organizzata la comunità statale e sulla quale si estende la
sovranità dello stato. Esso comprende: terraferma, mare territoriale, piattaforma continentale, spazio
aereo, territorio fluttuante.

-la sovranità consiste nel potere supremo dello stato in determinato territorio rispetto a tutti gli altri poteri
all’interno dell’ordinamento.

Si parla di : sovranità esterna che riguarda il rapporto dello stato con gli altri stati.

Sovranità interna: riguarda i rapporti dello stato con gli altri individui che risiedono sul suo territorio.
CAPITOLO 3 LE FONTI DEL DIRITTO

LE FONTI DEL DIRITTO sono gli atti o i fatti dai quali traggono origine le norme giuridiche.

Potrebbero piacerti anche