Sei sulla pagina 1di 4

TEST – Termodinamica applicata e trasmissione del calore

Sezione domande a risposte multipla (1 pt a domanda, 10 pt totali, 20 min)

TERMODINAMICA APPLICATA

[1] Una grandezza estensiva è una grandezza


   
1) che non dipende dal volume del sistema
2) che è proporzionale all’estensione del sistema
3) che è proporzionale alla quantità di materia del sistema
4) che non dipende dalla quantità di materia del sistema
[2] Una portata di aria a 20 °C e 1 bar (cp=1000 J/(kg K)) viene
introdotta in un compressore. All’uscita l’aria è nelle condizioni
   
150 °C e 6 bar. Il lavoro massico del compressore è:
1) 130 kJ/kg
2) 130 kJ/(kg K)
3) -130 kJ/kg
4) -130 J/(kg K) solo se la trasformazione è reversibile
[3] La variazione di entropia è sempre maggiore o uguale zero:
   
1) per una trasformazione irreversibile
2) per un sistema chiuso
3) per un sistema isolato
4) per una trasformazione reversibile
[4] Due termostati rispettivamente alla temperatura T1 = 400 °C
e T2 = 120°C scambiano una quantità di calore pari a 100 kJ.
   
L’irreversibilità prodotta è:
5) 583.3 J/K
6) 105.8 J/K
7) 357.1 J/K
8) nulla perché i termostati sono sistemi reversibili
[5] In un ciclo frigorifero nella valvola di laminazione ha luogo
una trasformazione:
   
1) isoentropica
2) isoentalpica
3) isoterma
4) isobara
TEST – Termodinamica applicata e trasmissione del calore

TRASMISSIONE DEL CALORE

[6] Il flusso termico per conduzione secondo l’ipotesi di Fourier


è:
   
1) proporzionale al gradiente di temperatura
2) proporzionale allo spessore del materiale
3) inversamente proporzionale alla conducibilità termica
4) inversamente proporzionale al gradiente di temperatura
[7] In un condotto di diametro D=150 mm, scorre un fluido con
conducibilità termica 0.6 W/(m K). Se il numero di Nusselt vale
   
100, il coefficiente di scambio termico convettivo vale:

1) 0.4 W/(m2 K)
2) 25 W/(m2 K)
3) 400 W/(m2 K)
4) 120 W/(m2 K)
[8] Nel caso di moto laminare, il fattore di attrito f risulta essere:
   
1) una funzione del numero di Reynolds e della rugosità della
parete del condotto
2) una funzione del numero di Reynolds e del numero Prandtl
3) una funzione del numero di Reynolds
4) sempre costante
[9] Il flusso netto scambiato tra due superfici nere
rispettivamente alla temperatura di 200 °C e 150 °C è pari a
   
400 W. Se il fattore di forma F 1-2 è 0.195, ricordando che la
costante di Stefan-Boltzmann vale sigma=5.67·10-8W/m2K4, la
superficie 1 è:

1) 2 m2
2) 0.39 m2
3) 17.5 m2
4) 33.077 m2
[10] In uno scambiatore di calore operante in configurazione
controcorrente, le temperature del fluido caldo sono 175 °C e
   
80 °C, quelle del fluido freddo sono 13 °C e 55 °C. La
temperatura media logaritmica (Tlm) vale:

1) 79 °C
2) 64.9 °C
3) 73.3 °C
4) 90.9 °C

Sezione domande di teoria (4 pt, 15 min)


Psicrometria: introdurre le definizioni del titolo e dell'umidità relativa; ottenere l’espressione del
titolo in funzione dell’umidità relativa; introdurre l’entalpia della miscela.
TEST – Termodinamica applicata e trasmissione del calore

Sezione esercizi (8 pt ad esercizio, 20 min ad esercizio, totale 40 min)


[1] Un cilindro adiabatico forma un volume chiuso con un pistone mobile. Inizialmente il volume
della camera interna è pari a V1 = 100 litri e il gas in esso contenuto si trova alla pressione p1 = 8
bar. Il gas si espande irreversibilmente fino alla pressione p2 = 100 kPa, occupando un volume
triplo di quello di partenza (V2 = 3V1). La trasformazione è approssimata da una retta nel
diagramma p-V. Sapendo che la variazione di energia interna è ΔU = - 50 kJ, calcolare:

 il lavoro fatto sull’esterno (2pt)


 il lavoro delle forze attrito (3pt)
 il lavoro delle forze interne (3pt)

Sistema con EC = Ep = 0.


Primo principio

Q-Lse = U+Ec

Lse = -U = +50 kJ


Lse = Li
Li = Li,rev – Lai
V2=3V1
Dall’equazione di una retta si scrive:
(p-p1)/(p2-p1)=(V-V1)/(V2-V1)
p=(p2-p1)/(V2-V1)*(V-V1)+p1
V2 V2
p 2− p 1
Li,rev = ∫ pdV =∫ ∗( V −V 1 ) + p 1dV …= 90 kJ
V1 V1 V 2−V 1
Lai=Li,rev-Li=Li,rev-Lse=90-50=40 kJ
TEST – Termodinamica applicata e trasmissione del calore

[2] Una parete di laterizio di spessore s = 30 cm, divide un ambiente interno a temperatura Ti = 21
°C dall'esterno a temperatura Te = 1 °C. Sapendo che il laterizio ha una conducibilità termica λ =
0.4 W/m/K, e che i coefficienti liminari valgono rispettivamente αi = 12 W/m2/K per l’interno, e αe =
24 W/m2/K per l’esterno, calcolare:

 la resistenza termica (specifica) equivalente tra i due ambienti (3pt)


 il flusso termico specifico attraverso la parete (2pt)
 le temperature superficiali (T1 e T2) ai lati della parete (3pt)

Rtot=R1+R2+R3
R1 = 1/alfa_i = 0.083 Km2/W
R2 = s/lambda = 0.75 Km2/W
R3 = 1/alfa_e = 0.042 Km2/W
Rtot = 0.875 Km2/W

fi = (Ti – Te) /Rtot = 22.8 W/m2

T1 = Ti – R1*fi = 19.1 °C

T2 = fi*R3 + Te = 1.95 °C

Potrebbero piacerti anche