Sei sulla pagina 1di 1

Il Verismo

Il Verismo è un movimento letterario che si afferma dagli anni Sessanta del 1800 da
Milano e Firenze e riceve il diretto influsso del Naturalismo di Zola.
I due massimi rappresentanti del verismo sono due siciliani: Capuana e Verga.
Entrambi ricevono dal Naturalismo francese l'interesse per la descrizione della realtà
dei ceti bassi, ma non sentendo propria la realtà del sottoproletariato urbano,
analizzano piuttosto quella contadina.
Rifoiutano inoltre l'idea del romanzo sperimentale come romanzo in grado di
analizzare scientificamente la realtà sociale e trasformano la “scientificità estrema”
dei naturalisti francesi in volonta di rappresentazione senza filtri della relatà.
L'obiettivo primo dei naturalisti italiani è l'impersonalità (canone
dell'impersonalità), ovvero l'indagine realistica di una dimensione sociale (contadini,
pescatori, minatori) senza che vi sia il filtro del narratore.
Da una parte il narratore non deve mai intervenire nella vicenda con giudizi e
commenti (narratore esterno/focalizzazione esterna) dall'altra deve lasciar
sembrare che l'opera “si sia fatta da sè” ; cioè il narratore deve raccontare calandosi al
livello dei suoi personaggi (non osservandoli cioè dall'alto come un uomo di cultura
superiore) deve “vedere le cose con i loro occhi ed esprimersi con le loro parole”
perciò il linguaggio deve adattarsi al livello sociale dei personaggi. (Mimesi del
linguaggio= adattamento dello stile linguistico all'ambiente sociale descritto) (vedi p.
736 vol.2)

Elenchiamo di seguito i caratteri principali del Verismo:

 Analisi della realtà contadina non industriale


 Canone dell'impersonalità: porsi al livello dei personaggi ed astenersi da
qualsiasi commento o giudizio ( cfr con Manzoni – che giudicava i propri
personaggi- o con Zola che mantiene la distanza dello scienziato senza calarsi
nei panni delle proprie “cavie”)
 Rifiuto dell'idea di romanzo sperimentale: i personaggi non sono percepiti
come cavie da laboratorio
 Adattamento del linguaggio (mimesi) utilizzo di forme gergali e del dialetto,
uso dei modi di dire e dei proverbi della tradizione.
 Sia Capuana che Verga lasciano trasparire la “delusione risorgimentale” per il
fatto che lo stato italiano non riesce a risolvere la questione meridionale.